PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE /2013 (Rif. L. 244/2007, art. 2 commi 594 e ss.)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE - 2011/2013 (Rif. L. 244/2007, art. 2 commi 594 e ss.)"

Transcript

1 DIPARTIMENTO II GOVERNANCE PROGETTI E FINANZA SETTORE I Bilancio, Società partecipate, Politiche comunitarie, Economato e Patrimonio mobiliare Area Economato Patrimonio mobiliare Servizi scolastici PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE /2013 (Rif. L. 244/2007, art. 2 commi 594 e ss.) ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 126 DEL 17/04/ di 41

2 INDICE PARTE I: PREMESSA RIFERIMENTI NORMATIVI FINALITA' DEL PIANO... 4 PARTE II: DOTAZIONI STRUMENTALI ED INFORMATICHE ANALISI QUALI-QUANTITATIVA E ORGANIZZATIVA DELLA DOTAZIONE ATTUALE Apparecchiature fax Macchine fotocopiatrici Postazioni informatiche: Personal computer Postazioni informatiche: Stampanti PROGRAMMAZIONE INTERVENTI DI RAZIONALIZZAZIONE Apparecchiature fax Macchine fotocopiatrici Personal computer Stampanti PARTE III: SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE ANALISI DELLA SITUAZIONE ATTUALE INTERVENTI DI RAZIONALIZZAZIONE PROGRAMMATI PARTE IV: AUTOVETTURE DI SERVIZIO ANALISI QUALI-QUANTITATIVA E ORGANIZZATIVA DELLA DOTAZIONE ATTUALE PROGRAMMAZIONE INTERVENTI RAZIONALIZZAZIONE PARTE V: BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO O DI SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA UTILIZZO IN ORARIO EXTRASCOLASTICO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI DI COMPETENZA PROVINCIALE EDILIZIA ISTITUZIONALE LOCAZIONI ATTIVE LOCAZIONI PASSIVE PIANO DELLE ALIENAZIONI di 41

3 PARTE I: PREMESSA 1.1 RIFERIMENTI NORMATIVI Il triennale 2011/2013 di razionalizzazione delle spese di funzionamento integra l adempimento di alcune delle norme introdotte dalla Legge Finanziaria 2008, che hanno lo scopo di concorrere a ridurre la spesa pubblica, con particolare riferimento ai consumi intermedi degli enti. Le disposizioni contenute nei commi dell articolo 2 della legge 24 dicembre 2007, n mirano, infatti, a contenere le spese di funzionamento delle amministrazioni pubbliche attraverso interventi di razionalizzazione dell utilizzo di alcune specifiche categorie di beni, come di seguito elencate: a) dotazioni strumentali, comprese quelle informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione d ufficio (PC, stampanti, fax, macchine fotocopiatrici, scanner, etc); b) telefonia mobile; c) autovetture di servizio; d) beni immobili ad uso abitativo o di servizio, con esclusione dei beni infrastrutturali. L individuazione delle misure finalizzate alla razionalizzazione dell impiego di tali beni avviene mediante l adozione di piani triennali, la cui attuazione è verificata annualmente attraverso apposite relazioni, sottoposte agli organi di controllo interno e alla sezione regionale della Corte dei Conti. 1 Legge del 24 dicembre 2007, n. 244, articolo 2: - comma 594 Ai fini del contenimento delle spese di funzionamento delle proprie strutture, le amministrazioni pubbliche di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, adottano piani triennali per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo: a) delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione d ufficio; b) delle autovetture di servizio, attraverso il ricorso, previa verifica di fattibilità, a mezzi alternativi di trasporto, anche cumulativo; c) dei beni immobili ad uso abitativo o di servizio, con esclusione dei beni infrastrutturali ; - comma 595 Nei piani di cui alla lettera a) del comma 594 sono altresì indicate le misure dirette a circoscrivere l assegnazione di apparecchiature di telefonia mobile ai soli casi in cui il personale debba assicurare, per esigenze di servizio, pronta e costante reperibilità e limitatamente al periodo necessario allo svolgimento delle particolari attività che ne richiedono l uso, individuando, nel rispetto della normativa sulla tutela della riservatezza dei dati personali, forme di verifica, anche a campione, circa il corretto utilizzo delle relative utenze ; - comma 596 Qualora gli interventi di cui al comma 594 implichino la dismissione di dotazioni strumentali, il piano è corredato della documentazione necessaria a dimostrare la congruenza dell operazione in termini di costi e benefici ; - comma 597 A consuntivo annuale, le amministrazioni trasmettono una relazione agli organi di controllo interno e alla sezione regionale della Corte dei conti competente ; - comma 598 I piani triennali di cui al comma 594 sono resi pubblici con le modalità previste dall articolo 11 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e dall articolo 54 del codice dell amministrazione digitale, di cui al citato decreto legislativo n. 82 del 2005 ; - comma 599 Le amministrazioni di cui al comma 594, sulla base di criteri e modalità definiti con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri da adottare, sentita l Agenzia del demanio, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, all esito della ricognizione propedeutica alla adozione dei piani triennali di cui alla lettera c) del comma 594 provvedono a comunicare al Ministero dell economia e delle finanze i dati relativi a: a) i beni immobili ad uso abitativo o di servizio, con esclusione dei beni infrastrutturali, sui quali vantino a qualunque titolo diritti reali, distinguendoli in base al relativo titolo, determinandone la consistenza complessiva ed indicando gli eventuali proventi annualmente ritratti dalla cessione in locazione o in ogni caso dalla costituzione in relazione agli stessi di diritti in favore di terzi; b) i beni immobili ad uso abitativo o di servizio, con esclusione dei beni infrastrutturali, dei quali abbiano a qualunque titolo la disponibilità, distinguendoli in base al relativo titolo e determinandone la consistenza complessiva, nonché quantificando gli oneri annui complessivamente sostenuti a qualunque titolo per assicurarne la disponibilità. 3 di 41

4 L'Amministrazione provinciale di Ancona ha attuato in prima istanza le disposizioni di cui alla L. 244/2007 con l'approvazione, con deliberazione di Giunta n. 545 del 25/11/2008, del triennale di razionalizzazione delle spese di funzionamento 2008/2010. Il presente triennale segue l'attuazione del 2008/2010, dei cui risultati si da' conto brevemente nei paragrafi che seguono. Il presente interessa il triennio 2011/13. L'annualità 2011, in particolare, è stata caratterizzata da numerosi interventi legislativi che hanno fortemente investito i vari campi in cui si articola il presente e non solo. Tali cambiamenti hanno richiesto un'attenta riflessione e un rinnovato impegno da parte dell'amministrazione provinciale. Nel corso del 2011, peraltro, le azioni di razionalizzazione della spesa sono proseguite con forza, in un'ottica di immediata applicazione delle novità normative. Nel presente, oltre a dettare le principali linee di intervento per il triennio in questione, si offre pertanto una prima panoramica dei risultati già raggiunti nel corso del Tali risultati saranno peraltro più analiticamente presentati nell'apposita Relazione annuale. 1.2 FINALITA' DEL PIANO La predisposizione del presente triennale si colloca in una fase particolarmente delicata per le Amministrazioni italiane. La crisi economica globale che ormai dal 2008 sconvolge i mercati mondiali, nel 2011 ha colpito più duramente l'europa ed in particolare i paesi mediterranei, tra cui l'italia. In tale contesto è diventato indispensabile per l'italia affrontare con forza i nodi che da anni ne condizionano l'assetto finanziario: l'alto debito pubblico e i deficit dovuti all'alto livello di spesa pubblica. Il triennale costituisce l occasione per l Ente di contribuire al processo di spendig review ormai in atto presso tutte le Amministrazioni italiane. Occorre premettere che l'amministrazione provinciale di Ancona ha da tempo avviato azioni di contenimento e razionalizzazione della spesa, che l'attuazione del 2008/10 ha permesso di consolidare. Tuttavia le mutate e straordinarie circostanze di contesto impongono un impegno ancora maggiore, finalizzato all'individuazione di modalità innovative per abbattere la spesa a parità di servizi resi. La premessa indispensabile è certamente la condivisione di una cultura dell'integrità e della corretta gestione della cosa pubblica, che vede protagonisti in primo luogo tutti i dipendenti e gli operatori dell'ente. Per questo si ritiene che tra le azioni principali ci sia quella di promuovere comportamenti, attenti, informati, consapevoli e responsabili da parte di tutti, compresi gli utenti dei servizi, pur in assenza, data la difficoltà del momento, di specifiche misure incentivanti. Il rappresenta, quindi, uno strumento per porre in essere ulteriori misure di razionalizzazione e consolidare gli interventi di contenimento della spesa già avviate dalla di Ancona, tenendo presenti alcuni principi essenziali, quali: il contenimento della spesa non può essere fine a se stesso, ma deve essere rapportato comunque all efficienza dell azione amministrativa; le misure di razionalizzazione possono in larga parte derivare da misure organizzative, finalizzate a consentire l ottimizzazione nell utilizzo delle risorse strumentali e non. Infine, occorre sottolineare la coerenza del presente triennale con il programma di mandato del Governo dell Ente, che, ancor prima dello scoppio della crisi economica, sottolineava tra gli obiettivi prioritari il rafforzamento dell efficacia e dell efficienza della struttura organizzativa e all ottimizzazione dei servizi resi all utenza, l aumento delle risorse destinate all erogazione di servizi per la collettività a fronte della diminuzione della spesa per il funzionamento dell Ente, ad una ottimale gestione degli edifici sia con riguardo alle sedi istituzionali, sia con riferimento alle sedi scolastiche. 4 di 41

5 PARTE II: DOTAZIONI STRUMENTALI ED INFORMATICHE ANALISI QUALI-QUANTITATIVA E ORGANIZZATIVA DELLA DOTAZIONE ATTUALE Le dotazioni strumentali, che rilevano nel presente contesto, sono quelle che corredano le stazioni di lavoro del personale dell'amministrazione provinciale. Si tratta nello specifico delle seguenti tipologie di attrezzature: apparecchiature fax; macchine fotocopiatrici; personal computer; stampanti. Nei paragrafi che seguono si da conto dell'attuale dotazione strumentale delle varie tipologie di attrezzature e dei principali progressi ottenuti con le misure messe in atto in attuazione del piano triennale 2008/10. Preliminarmente, si ritiene opportuno dar conto anche dell'andamento di alcune spese di consumo, intimamente connesse con la gestione degli apparati sopra richiamati, con particolare riferimento all'approvvigionamento di consumabili e di carta. Il dato relativo all'andamento delle spese per consumabili mostra alcune criticità. Di seguito si riporta un grafico con l'andamento della predetta spesa dal 2006 al I dati riportati sono attinti dal programma di gestione del magazzino economale e fanno riferimento al costo medio ponderato dei prodotti (in relazione ai vari acquisti succedutisi negli anni). Dal 2006 al 2010 la spesa sostenuta è aumentata. Le motivazioni sono principalmente di duplice estrazione. Da un lato, nonostante le misure di razionalizzazione messe in atto, il parco macchine da ufficio della risulta essere ancora molto variegato, anche per il mantenimento in uso, in relazione al contenimento della spesa per investimenti, di apparecchiature ormai datate. La notevole varietà di macchine non consente una razionale programmazione degli acquisti per consumabili e soprattutto non consente di approfittare delle economie di scala che potrebbero derivare dal massiccio acquisto di 5 di 41

6 prodotti uniformi. D'altra parte è necessario sottolineare che negli anni presi in esame il prezzo medio di mercato dei prodotti per stampanti, fax etc, ha subito una decisa impennata, con particolare riferimento ai prodotti tecnologicamente avanzati, come l'inchiostro solido, adottato per le stampanti più moderne della (cfr. par e 2.2.4). Il trend negativo ha comunque subito una decisa inversione di tendenza nel 2011 (le spese sono diminuite di circa il 30% rispetto all'anno precedente), grazie alle azioni messe in campo dall'amministrazione per contrastare il rincaro dei prodotti ed in particolare all'utilizzo di strumenti innovativi per l'acquisto dei prodotti, quali il MEPA (Mercato Elettronico delle Pubbliche Amministrazioni, piattaforma telematica messa a disposizione da Consip spa). Il MEPA si è rivelato uno strumento agevole che ha consentito di ampliare la base dei Fornitori dell'ente. Il MEPA permette infatti di comparare e confrontare in modo trasparente decine di offerte (a volte centinaia) riducendo i tempi ed i costi del processo di acquisto e garantendo una maggiore concorrenza. L utilizzo del nuovo strumento, in sostanza, garantisce al contempo qualità, garanzie contrattuali, tempi celeri e risparmio. La semplificazione procedurale, oltretutto, va a profitto anche delle stesse imprese, che possono contenere i costi amministrativi di partecipazione alle gare. Il maggiore confronto concorrenziale, che non può essere ottenuto con strumenti tradizionali (si pensi ai costi e ai tempi necessari per contattare decine/centinaia di imprese per un preventivo con i tradizionali mezzi di comunicazione), ha consentito l abbattimento dei costi di acquisto dei consumabili (su taluni prodotti il prezzo offerto sul MEPA è più che dimezzato rispetto a quello ottenibile con procedure tradizionali). Si rileva, inoltre, che in applicazione delle vigenti normative ambientali, negli ultimi anni, l'amministrazione provinciale ha sostenuto ulteriori costi per lo smaltimento separato dei rifiuti da stampa, quantificabili in circa 2.000,00 l'anno. Anche su tale fronte la di Ancona ha proceduto a verificare soluzioni alternative e meno onerose. A seguito di lunga indagine di mercato svolta nel corso del 2011, l'amministrazione ha infine individuato un'impresa disponibile ad effettuare il servizio di smaltimento gratuitamente, nel pieno rispetto delle normative applicabili. Si tratta infatti di un'impresa specializzata nella rigenerazione dei consumabili, che pertanto riutilizza il materiale di scarto per produrre materiale rigenerato da mettere nuovamente sul mercato. A partire dal 2012 pertanto i costi di smaltimento dei rifiuti da stampa saranno completamente azzerati. Per quanto riguarda infine il consumo di carta, si riportano di seguito i dati delle ultime due annualità (i dati riportati sono attinti dal programma di gestione del magazzino economale e fanno riferimento al costo medio ponderato dei prodotti, in relazione ai vari acquisti succedutisi negli anni): Anno Consumi Costi A4: risme A3: 126 risme A4 Ricl.: 369 risme A4: risme A3: 178 risme A4 Ricl.: 382 risme , ,32 I dati evidenziano come l'amministrazione sia riuscita a contenere le spese, nonostante nel periodo analizzato i prezzi di mercato della carta abbiano subito un forte aumento. 6 di 41

7 Apparecchiature fax La disponibilità di apparecchiature fax in dotazione agli uffici dell Ente al 31/12/2010 è di 67 macchine di varia produzione e modello; di queste, 28 sono in comodato d'uso gratuito, il resto, 39, sono macchine in proprietà. La tabella, che segue, riporta la distribuzione delle apparecchiature nell Ente: Tabella Distribuzione apparecchi fax ELENCO A - ELENCO FAX ATTUALMENTE PRESENTI C/O UFFICI PROVINCIA DI ANCONA n. modello fax UFFICIO DESTINATARIO 1 SANSUNG SF 650 Presidenza DIPARTIMENTO SETTORE / SERVIZIO Indirizzo (compreso piano) 2 OKIFAX 5680 Segreteria Presidenza VIA RUGGERI N. 5 - Terzo VIA RUGGERI N. 5 - Terzo 3 BROTHER FAX 2825 Segreteria Assessorato 4 CANON L 120 Segreteria Assessorato VIA MENICUCCI N. 1 5 BROTHER FAX 2825 SETT.I - Segreteria Generale VIA RUGGERI N. 5 - Terzo 6 BROTHER MFC 8220 SETT.I - Segreteria Generale 7 BROTHER ROCOH 3310 SETT.I Area Polizia le Flora e Fauna SETT. I Area Informatica e telematica 9 SANSUNG SF 650 SETT. II - Area Contratti 10 BROTHER MFC 9660 SETT. II - Area Contratti HP LASERJET 3050 BROTHER MFC 8220 SETT. II Area Avvocatura SETT. II Area Avvocatura 13 RICOH 3310L SETT.II Risorse Umane 14 SAMSUMG SF 5100 II Area Attività Dipartimentali 15 SAMSUMG SCX 4521F II Area Edilizia 16 SAMSUNG SF 560 R II SETT.I - Politiche Comunitarie 17 CANON L 380S II SETT.I - Bilancio 18 CANON L380S 19 CANON MULTIPASS C70 20 BROTHER MFC 9660 II II II SETT.I - Economato SETT.I - Economato SETT.I Economato - Magazzino VIA RUGGERI N. 5 - Terzo VIA RUGGERI N. 5 Terra VIA RUGGERI N. 5 - Secondo VIA RUGGERI N. 5 - Secondo VIA RUGGERI N. 5 - Secondo VIA RUGGERI N. 5 - Secondo VIA RUGGERI N. 5 - Secondo VIA RUGGERI N. 5 - Primo VIA RUGGERI N. 5 - Primo VIA RUGGERI N. 5 - Secondo VIA RUGGERI N. 5 - Secondo VIA RUGGERI N. 5 - Secondo VIA RUGGERI N. 5 - Secondo 7 di 41

8 21 SAMSUNG SF 560 R II SETT.III - Istr Formaz Prof 22 BROTHER MFC CANON MULTIPASS C70 II II SETT.III - Istr Formaz Prof SETT.III - Istr Formaz Prof 24 SANSUNG SF 650 II SETT.III - Centro Impiego di Jesi SETT.III - Centro Impiego Orient. 25 SANSUNG SF 650 II e Formazione di Jesi 26 BROTHER FAX 2825 II 27 CANON L 100 CIOF DI SENIGALLIA PANASONIC KX - 28 FLM551JT CIOF DI SENIGALLIA 29 SAMSUNG SF 560 R II 30 CANON L 120 II 31 SAMSUNG SF 560 R II 32 SAMSUNG SF 560 R II 33 SAMSUNG SF 565 P II 34 SAMSUNG SF 560 R II 35 SAMSUNG SF 560 R II 36 CANON L 390/SUPER G3 II 37 SANSUNG SF SANSUNG SF SANSUNG SF SAMSUNG LASER MFP SF 565P 41 CANON L BROTHER MFC OKI FAX 4580 II BROTHER MFC 8220 BROTHER MFC 9660 II II II II II II II II II SETT.III - Centro Impiego Orient. e Formazione di Senigallia SETT.III - Centro Impiego Orient. e Formazione di Senigallia SETT.III - Centro Impiego Orient. e Formazione di Senigallia SETT.III - Centro per la Formazione di Ancona SETT.III - Centro per la Formazione di Ancona SETT.III - Centro per la Formazione di Ancona SETT.III - Centro per l'impiego di Fabriano SETT.III - Centro per l'impiego di Fabriano SETT. III - Istruzione Formazione Lavoro SETT. III - Istruzione Formazione Lavoro SETT. III - Istruzione Formazione Lavoro SETT. III - Istruzione Formazione Lavoro SETT. III - Istruzione Formazione Lavoro SETT. III - Istruzione Formazione Lavoro SETT. III - Istruzione Formazione Lavoro Segreteria del dirigente SETT. III - Istruzione Formazione Lavoro Area Lavoro SETT. III - Istruzione Formazione Lavoro Area controlli e serv.isp. SETT. III - Istruzione Formazione Lavoro Area controlli e serv.isp. SETT. III - Istruzione Formazione Lavoro Area controlli e serv.isp. SETT. III - Istruzione Formazione Lavoro Area controlli e serv.isp. 46 SAMSUNG SF 560 R II SETT.IV - Cultura BROTHER MFC 9660 BROTHER MFC BROTHER MFC CX 200 SIP II II II II SETT.IV - Cultura SETT.IV - Cultura SETT.IV - Sociale SETT.IV - Sociale JESI - VIALE DEL LAVORO N. 32 VIALE DEL LAVORO N. 32 Campo Boario Campo Boario Campo Boario VIA CURTATONE N. 9 - Primo VIA RUGGERI N. 3 - terra VIA RUGGERI N. 3 - terra VIA PIETRO NENNI N. 9 VIA PIETRO NENNI N. 9 8 di 41

9 51 SAMSUNG SF 560 II SETT.IV - Sociale 52 CANON MULTIPASS C20 II SETT.IV - Sociale 53 SANSUNG SF 650 II SETT.IV - Ufficio Sport 54 SAMSUNG SF 560 R II Area Edilizia VIA RUGGERI N. 5 - Primo piano 55 SAMSUNG LASERFAX III SF 560 Attività dipartimentali VIA MENICUCCI N SANSUNG SF 650 III SETT.I - Area Tutela Ambiente VIA MENICUCCI N BROTHER MFC 9660 III SETT.I Area Acque Pubbliche VIA MENICUCCI N OKI FAX 5650 OKI FAX 5651 BROTHER MFC 9660 III SETT. II - Agricoltura VIA MENICUCCI N. 1 III SETT. II - Agricoltura VIA MENICUCCI N. 1 III SETT. II - Agricoltura VIA MENICUCCI N RICOH 4430 NF III SERV. I - Urbanistica VIA MENICUCCI N SAMSUNG SF 560 R III SERV. II - Concessioni VIA RUGGERI N. 5 - Terra 63 SAMSUNG SF 560 R III SERV. II - Gestione bilità VIA MENICUCCI N BROTHER 2820 III SERV. II - Unità Operativa di ANCONA Aspio 5/d Offagna 65 SAMSUNG SF 560 R III SERV. II - Unità Operativa di JESI Piandelmedico n. 80 Jesi 66 SAMSUNG LASERFAX III SERV. II - Unità Operativa di L. Da Vinci n.24 Ripe 67 SF560 HP OFFICEJET 6215 ALL ONE III SENIGALLIA SERV. II - Unità Operativa di FABRIANO Fornaci n.8 Sassoferrato Il contratto di comodato d'uso gratuito di fax prevede che le apparecchiature siano messe a disposizione dell'amministrazione gratuitamente, in cambio dell'acquisto, in esclusiva, dei consumabili rigenerati delle apparecchiature in comodato c/o l'impresa comodante. I vantaggi che conseguono all Ente dal ricorso al contratto di comodato d'uso gratuito, previsto sin dal piano triennale 2008/10, sono notevoli: 1) nessun immobilizzo di risorse; 2) apparecchi fax con caratteristiche avanzate - comunque in grado di soddisfare le esigenze del destinatario utilizzatore - con consegna franco ufficio di destinazione ed installazione a carico; 3) utilizzo di materiale di consumo rigenerato, fornito direttamente dal comodante su richiesta dell utilizzatore, quindi a basso impatto economico ed ambientale; 4) servizio di assistenza tecnica e manutenzione incluso nel contratto di comodato (per i fax in proprietà tale servizio attualmente è garantito su chiamata con onere a carico definito di volta in volta secondo la tipologia di intervento necessario). Peraltro la spesa complessiva per il 2011 per l'acquisto dei consumabili delle 28 macchine in comodato d'uso è stata particolarmente contenuta: in tutto 926, Macchine fotocopiatrici La disponibilità di macchine fotocopiatrici presso gli Uffici dell Ente, censita attraverso i dati gestiti dal Settore Economato Patrimonio Mobiliare Rendicontazione, è di 32 macchine di varia produzione, tecnologia e modello; di queste 17 sono in proprietà e la loro distribuzione nei Settori e nelle Aree organizzative è illustrata nel prospetto che segue. 9 di 41

10 Tabella Distribuzione apparecchi fotocopiatori. dip.to sett./serv. area/ufficio fotocopiatrice proprietà/noleggio ubicazione anno di acquisto/noleggio assistenza tecnica DIP. III sala operativa protezione civile INFOTEC 9315 proprietà Ancona N.D. no assistenza DIP. II SETT.III CIOF FABRIANO DIP. II SETT.III CIOF FABRIANO RICOH AFICIO 3030 PS proprietà fabriano 2006 A.T. RICOH AFICIO 1022 proprietà fabriano 2003 A.T. DIP. II SETT.III CIOF FABRIANO LANIER 5622 proprietà fabriano 2002 no assistenza DIP. II SETT.III CIOF JESI DIP. II SETT.III CIOF JESI RICOH AFICIO 3045 proprietà jesi 2006 A.T. RICOH AFICIO 2032 proprietà jesi 2004 A.T. SETT.I ARCHIVIO OFFAGNA/NOE ANCONA DIP. III SERV.II NOE JESI DIP. III SERV.II NOE ANCONA/OFFAGNA OLIVETTI D COPIA 300 proprietà offagna 2005 no assistenza LANIER LD 118 proprietà jesi N.D. no assistenza SHARP AR 163 proprietà offagna N.D. no assistenza DIP. III SERV.II NOE SENIGALLIA E URP TOSHIBA STUDIO 20 noleggio ripe 2010 A.T. DIP. III SERV.II NOE FABRIANO/SASSOFERRATO LANIER 5618 noleggio sassoferrato 2010 A.T. DIP. II SETT.III CIOF SENIGALLIA DIP. II SETT.III CIOF SENIGALLIA DIP. II SETT.III CIOF SENIGALLIA DIP. II SETT. III CIOF SENIGALLIA RICOH AFICIO 3030 PS proprietà senigallia 2006 A.T. CANON GP 335 proprietà senigallia 2005 A.T. OLIVETTI COPIA 8021 proprietà senigallia precedente 2002 no assistenza olivetti d copia 2500 mf noleggio senigallia 2010 A.T. DIP. III DIP. III governo del territorio OLIVETTI D COPIA 400 xerox 5655v_ftn proprietà noleggio Menicucci, A.T. Menicucci 2010 A.T. 1 DIP. III SETT. I area acque pubb. e sist. idrauliche RICOH AFICIO 2045 proprietà Menicucci, 1-2 piano 2004 A.T. DIP. III SETT. I area ecologia DIP. III SERV. II trasporti eccezionali LANIER LD 127 proprietà kyocera mita km4050mf 10 di 41 noleggio Menicucci, 1-2 piano N.D. A.T. Ruggeri A.T.

11 DIP. II SETT.III CENTRO PER LA FORMAZIONE DI ANCONA TOSHIBA E STUDIO 350 proprietà R. Sanzio 2004 A.T. DIP. II SETT.III CENTRO IMPIEGO ANCONA DIP.II SETT. III CIF ANCONA lanier 5622 DIP. II SETT. III infotec is 2175 DIP. II SETT. III nashuatec 645 NASHUATEC 2205 proprietà noleggio noleggio noleggio SETT. I affari istituzionali KONICA 1015 proprietà SETT. I GRUPPI CONSILIARI DIP. II SETT. IV CULTURA olivetti d copia 2500 noleggio xerox 5655v_ftn noleggio Ruggeri, A.T. Ruggeri A.T. Ruggeri A.T. 1^ piano Ruggeri A.T. 1^ piano Ruggeri, 3 - archivio precedente 1998 A.T. Ruggeri 3/i Ruggeri A.T A.T. DIP. II DIP. II DIP. I SETT. II SETT. II SETT.I SETT. I SETT.I SETT.I governance, progetti e finanza area contratti area risorse umane affari istituzionali stampe/fotocopie stampe/fotocopie kyocera mita km4050m-af OLIVETTI D COPIA 45 OLIVETTI D COPIA 400 OLIVETTI D COPIA 400 kyocera mita km4050mf INFOTEC 4182 MF xerox 5675v_ftn ricoh mpc 4000 ad SETT.I stampe/fotocopie ricoh 1107 ex noleggio proprietà proprietà proprietà noleggio proprietà noleggio noleggio noleggio Ruggeri A.T. Ruggeri, 5-2 piano 2003 A.T. Ruggeri, 5-2 piano 2005 A.T. Ruggeri, 5-3 piano 2005 A.T. Ruggeri A.T. Ruggeri, 5-3 piano - corridoio presidenza N.D. no assistenza Ruggeri A.T. piano terra Ruggeri A.T. piano terra Ruggeri A.T. piano terra Occorre rilevare innanzi tutto la notevole diminuzione del numero di macchine (passate da 43 censite nel 2008 alle attuali 32) a seguito dell'applicazione del triennale 2008/10. Le nuove macchine prese a noleggio sono mediamente più potenti delle precedenti e sono pertanto in grado di soddisfare al contempo le esigenze di più uffici. Il Settore Bilancio, Società partecipate, Politiche comunitarie, Economato e Patrimonio mobiliare gestisce l intero parco macchine stampa e copia, provvedendo alla loro fornitura e a garantire l indispensabile supporto manutentivo. L approvvigionamento di tali attrezzature si è evoluto negli anni passando dall acquisizione in proprietà, agganciata a contratti pluriennali di assistenza e manutenzione, al loro noleggio a costo copia inclusivo anche del materiale di consumo, dell'assistenza tecnica e dello smaltimento dei rifiuti di stampa. Il costo complessivo sostenuto nel corso del 2011 per la gestione del predetto parco macchine è di ,74, in lieve diminuzione rispetto ai costi sostenuti prima 11 di 41

12 dell'attuazione del piano triennale 2008/10, a fronte di un generale aumento dei fabbisogni. Occorre considerare infatti che negli ultimi anni è notevolmente aumentato il fabbisogno di copie con particolare riferimento alle copie a colori, notoriamente più costose di quelle in bianco e nero Postazioni informatiche: Personal computer La modalità di gestione dei Personal Computer dell Ente si è ampiamente rinnovata, tramite un lungo percorso di razionalizzazione iniziato a partire dal secondo semestre Ad influire su tale processo sono stati principalmente due fattori. Da un lato l'evoluzione delle competenze dell'amministrazione provinciale, che ha determinato tra l'altro un nuovo assetto logistico degli uffici, dislocati in più sedi separate da distanze relativamente elevate (due sedi centrali, 4 sedi dei CIOF, 4 sedi NOE, 3 sedi IAT); dall'altro la rapida espansione del bisogno di supporto tecnologico e la conseguente crescita delle richieste di servizi informatici, anche evoluti, in relazione ai sempre più numerosi servizi fruiti dai cittadini tramite strumenti telematici, nel rispetto dei principi promossi dal Codice dell'amministrazione Digitale (CAD). In tale contesto, in applicazione del triennale 2008/10, negli ultimi anni sono proseguite le attività per la razionalizzazione e la riduzione dei costi di manutenzione dei desktop della di Ancona che è stata perseguita attraverso l avvio di una ristrutturazione organizzativa e tecnologica dei precedenti processi. In particolare: il passaggio dalla gestione su commessa alla gestione a magazzino dei nuovi acquisti di desktop e di stampanti per semplificare la gestione delle piattaforme; la graduale riduzione del ciclo di vita del desktop ad un massimo di 5 anni per ridurre i costi di adeguamento delle risorse delle macchine ai nuovi software; l utilizzo di stampanti di gruppo di lavoro piuttosto che personali; la riduzione delle piattaforme delle stampanti per ridurre gli sprechi nei materiali di consumo, in particolare nella varietà e nel riciclo delle cartucce di inchiostro; l adozione generalizzata delle tecnologie Landesk Management Suite e AMT- vpro per ridurre i costi di manutenzione conservativa connessi alle operazioni di diagnostica, spostamento e ripristino dei Personal Computer in caso di incidenti; l estensione generalizzata della tecnologia Citrix Metaframe per ridurre i costi operativi di prima implementazione e aggiornamento dei software; la diffusione dell archiviazione dei file nelle cartelle di rete per la riduzione dei costi di ripristino dei dati e di sostituzione dei dispositivi locali di memorizzazione di massa; la graduale diffusione delle best-practices di ITIL perché la qualità non è un costo e l adozione di processi di miglioramento continuo diminuisce gli oneri connessi alle inefficienze di tipo gestionale ed organizzativo. Alla fine del 2011 la situazione del parco PC è visibile con il grafico a torta che segue dove risaltano gli effetti della modifica delle politiche di acquisto e gestione: le prime 5 piattaforme acquisite nell ambito della nuova gestione a magazzino coprono insieme più dell 88% del parco attualmente censito (mancano strutture periferiche e aule CIOF) con una drastica semplificazione della complessità precedente, composta da una eccessiva numerosità delle piattaforme gestite, e un livello più elevato di uniformità tecnica e gestionale. 12 di 41

13 84 DQ965GF (15,64%) 66 DQ57TM (12,29%) 6 EQ35M (1,12%) 13 IBM (2,42%) 179 DQ45CB (33,33%) 43 D945GTP (8,01%) Elaborazione AIT - Area Informatica e Telematica 91 DQ35JO (16,95%) (0,19%) 09AC 1 (0,19%) 0CRH6C 1 (0,19%) 0MG022 1 (0,19%) 0MY171 3 (0,56%) 0XC7MM 5 (0,93%) 309B 1 (0,19%) 440BX Desktop Reference Platform 1 (0,19%) A7V400-MX 1 (0,19%) A7V600-X 1 (0,19%) A7V8X 1 (0,19%) A8V-MX 2 (0,37%) D945GTP 43 (8,01%) D946GZIS 1 (0,19%) DQ35JO 91 (16,95%) DQ45CB 179 (33,33%) DQ57TM 66 (12,29%) DQ965GF 84 (15,64%) DSBV-D 1 (0,19%) E946GZ 1 (0,19%) EQ35M 6 (1,12%) G945MK 1 (0,19%) IBM 13 (2,42%) K8M (0,19%) K8N-E-Deluxe 6 (1,12%) K8V-MX 1 (0,19%) K8V-X 1 (0,19%) K8V-X SE 10 (1,86%) M2V-TVM 1 (0,19%) MPAD-MSAE Customer Reference Boards 1 (0,19%) MS (0,37%) P4PE-X/TE 1 (0,19%) P5V800-MX 3 (0,56%) Virtual Machine 5 (0,93%) Nella figura è rappresentata l attuale distribuzione delle piattaforme diverse in uso sui PC dell Ente. Le piattaforme totali sono 34. Il risultato del passaggio dalla gestione su commessa alla gestione a magazzino dei nuovi acquisti di desktop, visibile sommando il peso percentuale delle 5 piattaforme più numerose (>86%), riduce il numero di piattaforme gestite così determinando rilevanti economie di gestione nelle attività di manutenzione, nella gestione del magazzino delle parti di ricambio e nel knowledge management delle componenti in uso Postazioni informatiche: Stampanti Il precedente piano triennale 2008/10 aveva operato una scelta precisa e rigorosa in relazione al parco stampanti a favore di una specifica tipologia di macchine, dotate di un dispositivo tecnologico prodotto per il momento unicamente dalla ditta Xerox. Tale Ditta usa la tecnologia dell inchiostro solido, un materiale inerte e non tossico. Il cambio degli stick nei quattro colori base (nero, giallo, rosso ed azzurro) avviene in modo semplice, a caldo e senza nessun pericolo per l utente. Tutti i modelli ad inchiostro solido sono a zero emissioni e mantengono un ottima qualità di stampa su ogni tipo di carta. La scelta operata con il piano triennale 2008/10 è chiaramente motivata dall'esigenza di coniugare la qualità della stampa con garanzie di tutela della sicurezza e della salute dei dipendenti e degli utenti dell'amministrazione provinciale. Negli ultimi anni si è infatti molto discusso sui possibili effetti delle polveri di toner, dei composti organici volatili e dell ozono emessi nell aria all interno dei locali, attraverso la manipolazione e l uso di stampanti laser e fotocopiatrici. La scelta operata dalla ha permesso di ottenere il massimo delle garanzie in tal senso, unitamente a numerosi altri vantaggi, quali: 13 di 41

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 OGGETTO: TRAPANI IACP - DETERMINAZIONE FONDO DI POSIZIONE E DI RISULTATO DEI DIRIGENTI ANNO 2011.-

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE IL DIRETTORE CENTRALE Visto l articolo 47 comma 1, del decreto legge 24 aprile 2014, n.

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli