Nei maschi la pubertà ha inizio verso i 9 / 14 anni, nelle femmine tra gli 8 e i 13 anni.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nei maschi la pubertà ha inizio verso i 9 / 14 anni, nelle femmine tra gli 8 e i 13 anni."

Transcript

1 Approfondimento a cura della classe 3 a T 2 a.s

2 ALIMENTAZIONE IN ADOLESCENZA I cambiamenti dell adolescenza L adolescenza è una fase della vita caratterizzata da grandi cambiamenti, che segnano il passaggio all età adulta. il periodo in cui Il processo fisico che segna il passaggio dalla condizione fisiologica del bambino a quella dell adulto è definito pubertà in cui si completa la crescita e lo sviluppo del corpo con la comparsa dei caratteri sessuali secondari. Nei maschi la pubertà ha inizio verso i 9 / 14 anni, nelle femmine tra gli 8 e i 13 anni. In questo periodo l ipotalamo comincia a secernere il fattore di rilascio delle gonadotropine, che a loro volta, stimolano, nella donna la secrezione degli ormoni LH ed FSH (GONADOTROPINE) da parte delle cellule gonadotrope dell ipofisi anteriore (adenoipofisi). Questi ormoni sono quelli che regoleranno le funzioni degli organi riproduttivi. 2

3 Anche le ovaie producono ormoni, gli estrogeni, che svolgono un ruolo fondamentale nella regolazione della fertilità e nel mantenimento delle normali condizioni dell apparato genitale femminile ma risultano importanti anche per il mantenimento delle strutture trofiche e di sostegno. Nelle ragazze la prima manifestazione della pubertà è l accelerazione della velocità di crescita, cui segue la comparsa del menarca. In questo periodo la donna acquista il 15% dell altezza dell adulto ed il 48% della sua massa corporea. 3

4 Alimentazione corretta nell adolescenza Un educazione alimentare corretta nel periodo dell adolescenza assume fondamentale importanza. I ragazzi spesso vengono facilmente influenzati dalle mode alimentari e dai comportamenti alimentari dei coetanei, si preoccupano del peso e iniziano diete ipocaloriche anche senza necessità,consumano pasti irregolari e disordinati con frequenti spuntini,introducono notevoli quantità di bevande gassate. L alimentazione va dunque curata tenendo conto dell aspetto nutritivo ed energetico. Il fabbisogno energetico nell adolescente è diverso nei due sessi. I maschi presentano un aumento di peso più rapido, e lo sviluppo muscolare ed osseo si accompagna con una riduzione del grasso corporeo; per tali motivi essi richiedono un maggiore apporto calorico rispetto alle femmine. Il fabbisogno energetico effettivo dipende anche dalle attività fisiche e sportive e una dieta quantitativamente carente può favorire l anemia carenziale. Riguardo ai nutrienti, bisogna ricordare che l apporto lipidico non deve superare il 30% delle calorie con due terzi di grassi insaturi ed un terzo di grassi saturi. La restante quota calorica deve essere costituita per il 45-55% da glucidi complessi ed il 10 % da glucidi semplici. In questo periodo, a prescindere dal sesso, le richieste di ferro da parte dell organismo sono le maggiori in senso assoluto. Nei casi in cui sia diffuso il consumo di piatti pronti è indispensabile un apporto supplementare in verdure fresche,per consentire la necessaria introduzione di vitamine e sali minerali. 4

5 Influenza dell alimentazione sulla statura della donna Numerosi studi hanno preso in considerazione il rapporto tra nutrizione e aumento dell altezza media nella popolazione femminile, mettendo in evidenza il fatto cheil miglioramento delle condizioni nutrizionali di oggi fanno si che l adolescente di raggiunga una statura più elevata rispetto a quella di 100 anni fa. In questo periodo la donna cresce di circa 8 centimetri all anno e l altezza finale viene raggiunta intorno ai 16/17 anni. L accrescimento corporeo comporta, non solo un incremento nel fabbisogno energetico giornaliero, ma anche la necessità di una introduzione adeguata di nutrienti indispensabili per le modificazioni biochimiche e per le trasformazioni metaboliche che sopraggiungono. La statura e la massa ossea potenziali sono infatti determinate geneticamente ma, trattandosi dicaratteri poligenici quantitativi, subiscono le influenze dell ambiente e quindi possono subire variazioni significative a causa delle condizioni nutrizionali. In questa fase, ad esempio, le ragazze hanno maggiori necessità di calcio, sia rispetto all infanzia che alla giovane età adulta. E quindi necessario soddisfare il suo fabbisogno mediante il consumo di latte e derivati, soprattutto per la prevenzione dell osteoporosi. 5

6 Alimentazione e fertilità Lo stato di nutrizione è in relazione anche con l età in cui comincia la pubertà e con la regolarità dei cicli mestruali. Secondo dati statistici del secolo passato relativi a USA e Europa, risulta nelle ragazze un menarca più anticipato di circa 4 mesi per decade, dovuto essenzialmente ad un migliore apporto proteico e calorico. E stato inoltre rilevato che all anticipo del menarca corrisponde un ritardo nell età di comparsa della menopausa, mentre una pubertà ritardata provoca ipoestrogenismo e osteoporosi. La regolarità dei cicli mestruali è influenzata dal peso corporeo: nei casi di eccessiva magrezza e nei casi di obesità, si evidenziano scompensi neuroendocrini che portano all amenorrea. Solo il recupero del peso ideale e la risoluzione dei fattori causanti obesità e magrezza porta alla ricomparsa della regolarità mestruale. Sono necessari valori minimi di grasso e di peso corporeo per avere la comparsa del menarca. Gli studiosi hanno individuato una soglia di 47/48kg con almeno il 17% di grassi. La regolarità del ciclo è poi assicurata da almeno il 22% di grasso corporeo durante tutta l età fertile. Per lo stimolo ormonale è infatti decisiva la leptina, sostanza secreta dal tessuto adiposo presente soprattutto nel distretto gluteo-femorale. Per questo motivo, poco prima dello sviluppo, le ragazze si arrotondano sui fianchi. Una conferma di quanto un alimentazione adeguata influenzi sulla regolarità dei cicli è data da studi effettuati sulle atlete, sulle ballerine e sulle modelle. Infatti, indagini nutrizionali hanno rilevato che un corretto apporto calorico ed una ripartizione di nutrienti ottimale consentono, anche nel caso di discipline ad alto dispendio energetico, un percentuale di grasso corporeo adeguata. 6

7 Il ruolo delle vitamine Sono state dimostrate interrelazioni tra il ciclo mestruale ed il metabolismo della vitamina C poiché si è constatato che durante le fasi di massima attività del ciclo mestruale (ovulazione) gli organi riproduttivi richiedono maggiore quantità di vitamina C. Le vitamine C, E, B e carotene svolgono inoltre un ruolo protettivo per alcune malattie degenerative che interessano l apparato genitale femminile. 7

8 Vitamine nome funzioni Vitamine del gruppo B Vitamina C Vitamina E Carotene Il gruppo delle vitamine B comprende: vitamine B1: Tiamina B2: Riboflavina (anche vitamina G) B3: Niacinamide (anche vitamina PP) B5: Acido pantotenico (anche vitamina W) B6: Piridossina (anche vitamina Y) B8: Biotina (anche vitamina H o vitamina I) B9: Acido folico (anche vitamina M) B12: Cobalamina non propriamente vitamine B4: Adenina B7: Mioinositolo B10: Acido Paramminobenzoico o PABA (anche vitamina R) B11: Acido pteroil-eptaglutammico (anche vitamina S) Acido Ascorbico Queste vitamine hanno proprietà molto utili all'organismo umano infatti consentono il normale funzionamento del sistema nervoso e il corretto funzionamento del fegato; tuttavia la loro funzione principale consiste nel convertire i carboidrati in glucosio, utilizzato dall'organismo per produrre energia, e sono fondamentali per il metabolismo di lipidi e delle proteine. La vitamina C è importante per il corretto funzionamento del sistema immunitario e la sintesi di collagene nell'organismo. Il collagene rinforza i vasi sanguigni, la pelle, i muscoli e le ossa. L'uomo non può creare collagene senza la vitamina C. Sembra che la vitamina C abbia un ruolo importante, soprattutto in reazioni di ossidoriduzione catalizzate da ossigenasi, e svolga un'azione antistaminica. Tocoferolo La sua funzione è dovuta principalmente alle sue proprietà antiossidanti; infatti essa previene la propagazione dell ossidazione degli acidi grassi poliinsaturi (PUFA). Inoltre, la vitamina E previene l invecchiamento delle cellule e protegge dai danni del fumo e dell inquinamento. Gioca un ruolo anche nel funzionamento del sistema immunitario per le sue proprietà immunostimolanti, in particolare verso le infezioni virali. La vitamina E è stata definita anche vitamina antisterilità perché appare coinvolta nella regolazione del ciclo femminile e antiabortiva Carotene All interno dell organismo umano viene metabolizzata in due molecole di vitamina A 8

9 Anoressia e disturbi metabolici La sindrome di anoressia nervosa,particolarmente frequente nell adolescente si associa a perdita di peso,cambiamenti del comportamento e mestruazioni irregolari, fino alla amenorrea. L amenorrea è collegata all inizio delle restrizioni alimentari in quanto la restrizione calorica ed il basso peso corporeo provocano un cambiamento del profilo degli ormoni riproduttivi. In particolare, la carenza di carboidrati porta a disidratazione e a squilibri elettrolitici. Le adolescenti anoressiche presentano una vera scarsità di acidi grassi essenziali ed un patrimonio deficitario di vitamine A ed E. Alcuni studi riportano anche una deficienza di zinco, dovuta in parte ad un eccessivo consumo di vegetali. 9

10 Bulimia Anche nella bulimia possono verificarsi irregolarità mestruali, ma l incidenza è estremamente variabile. La malnutrizione sotto il profilo delle calorie provoca disordini della funzione riproduttiva. Le anoressiche-bulimiche hanno inoltre notevoli problemi ai denti, a causa dei ripetuti contatti di questi con il succo gastrico acido. Il perdurare di questi stati di malnutrizione può portare a diminuzione del metabolismo basale residuo, bradicardia ed ipotermia. 10

11 MENOPAUSA E SALUTE La menopausa è una fase particolare della vita della donna che subisce una serie di variazioni fisiche e psichiche dovute al declino dell attività ovarica. Per alleviare i disturbi da essa causati, oltre a cure ormonali, vengono effettuati interventi atti a migliorare la qualità di vita e il benessere della donna facendo diminuire il rischio di possibili patologie. Le abitudini alimentari rappresentano i fattori più importanti nella prevenzione di malattie cardiovascolari, tumori e osteoporosi. Nella donna, con l avanzare dell età, si osserva un aumento di peso e una distribuzione del tessuto adiposo in prevalenza nella parte superiore del corpo, dovuta al modificarsi delle abitudini di vita e alla carenza estrogenica. La deposizione di grasso sulla parte superiore dell addome rappresenta un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. 11

12 Un eccessivo apporto di grassi mediante l alimentazione è da considerarsi come il principale fattore di rischio per la malattia aterosclerotica e risultano fondamentali le correzioni apportate al regime alimentare per diminuire i lipidi plasmatici e i rischi di aterosclerosi. Gli interventi metabolici che vengono effettuati nel periodo climaterico hanno poi un ruolo fondamentale nella riduzione dei rischi cardiovascolari. La carenza estrogenica comporta anche un alterazione del quadro lipidico, con aumento di trigliceridi e colesterolo LDL e riduzione delle HDL; inoltre gli scompensi ormonali alterano il metabolismo glucidico facendo sviluppare l insulinoresistenza. La menopausa attiva nella donna un continuo rinnovamento del collagene e in questo processo gioca un ruolo fondamentale la vitamina C: in caso di carenza o difetto di vitamina C si hanno difficoltà nella sintesi del collagene i cui effetti si ripercuotono laddove esiste un aumentato turnover. Per prevenire la carenza di collagene è utile assumere circa 20 mg di vitamina C al giorno. Anche la riduzione del tessuto osseo è strettamente collegata all avanzare dell età; dai 30 anni in poi si ha una progressiva riduzione del tessuto osseo che, se unito agli scompensi dovuti alla menopausa, può accentuarsi e indebolire la massa scheletrica favorendo l insorgere dell osteoporosi. L osteoporosi è una malattia asintomatica e spesso passa inosservata fin quando non si verifica una frattura da fragilità ossea, solitamente a livello delle anche, delle vertebre della spina dorsale o dei polsi. In Europa, circa il 30% di tutte le donne in post menopausa sono affette da osteoporosi e più del 40% di queste presenterà fratture osteoporotiche nella loro vita. La carenza di estrogeni ha due effetti negativi per la massa ossea: uno legato alla resistenza alla vitamina D e quindi a un errato assorbimento del calcio, il secondo alla diminuzione della secrezione di Calcitonina e a un aumento dell ormone paratiroideo che provocano un aumento del riassorbimento osseo: la scomparsa degli estrogeni accelera quindi la riduzione del tessuto osseo. 12

13 Oltre al calo degli steroidi delle gonadi, anche i deficit nutrizionali possono accelerare la perdita di tessuto osseo per mancanza di calcio nell alimentazione. Il Calcio deve essere introdotto nelle giuste quantità fin dai primi anni di vita e, in menopausa, l apporto giornaliero consigliato nell ultima revisione dei L.A.R.N. è di 1200/1500mg in assenza di terapia con estrogeni e di 1000mg ( come negli anziani maschi ) in caso di terapia estrogenica in atto. L osteoporosi precoce è un problema al quale si trovano a far fronte anche atlete e donne anoressiche. Esse seguono infatti regimi alimentari volti ad evitare l aumento di peso e riducono, di conseguenza, gli alimenti ricchi di proteine e carboidrati. Le attività sportive riducono il livello di ai minerali presenti nell organismo che, se non vengono reintegrati con la dieta, incrementano la demineralizzazione delle ossa, che rappresentano una riserva alla quale l organismo attinge in caso di necessità. Anche le donne che per costituzione hanno una densità ossea minore vanno incontro più facilmente al rischio di osteoporosi, al contrario di quelle con una struttura ossea più pesante e di conseguenza più resistente. Le donne di colore, che presentano, rispetto alle donne bianche, una densità ossea maggiore e una maggiore resistenza all effetto del Paratormone e quindi al riassorbimento del tessuto osseo risultano meno colpite dall osteoporosi; inoltre, indipendentemente dai livelli di Paratormone, riescono ad impiegare meglio il calcio dietetico e a preservare lo scheletro. 13

14 LIVELLI DI ASSUNZIONE GIORNALIERI RACCOMANDATI DI NUTRIENTI PER LA POPOLAZIONE ITALIANA (L.A.R.N.) SOCIETÀ ITALIANA DI NUTRIZIONE UMANA, REVISIONE 1996 Catego Pes Acidi grassi Protei essenz Calci Fosfo Potas Ferr Zin Ra Sele Niaci na Iodi Tiami Riboflav(N.E. Vit. Vit.A Vit. Fola (R.E. ria Età o ne iali o ro sio o co me nio o na ina ) Vit.B 6 B 12 C ti ) Vit.D (anni (mg) (m (mg (µg) (mg) ( (mg) ( (m (µg) ( (µg) ( ) (1) (2) (g) (3) (g) (4) (6) (mg) (mg) (mg) g) ) (9) (µg) (mg) (mg) 10) 11) 13) (µg) g) (µg) 15) w 6 w 3 Lattan ti 0, , , ,4 0,4 5 0,4 0, * Bambi ni , , ,6 0,8 9 0,7 0, * , ,7 1,0 11 0, , ,9 1,2 13 1,1 1, Maschi , ,1 1,4 15 1, , ,2 1,6 18 1, , , ,2 1,6 18 1, , , ,2 1,6 18 1, , , ,8 1,6 18 1, * Femmi ne /1 8 (7) 9 0, ,9 1,2 14 1, ,9 1,3 14 1, , , ,9 1,3 14 1, , , ,9 1,3 14 1, ( ,5 1 5)* , ,8 1,3 14 1, * Gestan 400 (1 700 (14 ti 59 5 * (8)* 7 1, ,6 14 1,3 2,2 70 2)* ) 10 * Nutrici 70 5, , ,1 1,7 16 1,4 2,

15 Alimentazione equilibrata in menopausa. L alimentazione in menopausa deve essere soprattutto un alimentazione equilibrata, che tenga conto del fabbisogno energetico della donna e della corretta ripartizione dei nutrienti. Il ridotto metabolismo basale comporta ina riduzione delle calorie giornaliere: per evitare di prendere peso bisognerebbe introdurre circa 2000 kilocalorie, variabili, ovviamente, con l altezza della donna. Viene raccomandato un apporto proteico di 0,75g per kilogrammo al giorno di cui almeno il 30% deve essere di proteine ad elevata qualità biologica. Il 55% delle calorie totali deve provenire dai glucidi mentre l entità dell apporto lipidico dovrebbe essere del 25%. 15

16 Adolescenza È importante un'alimentazione il più possibile variata, per assicurare un apporto adeguato di tutti i principi nutritivi. Bisogna mantenere l orario dei pasti il più possibile regolare e limitare la frequentazione di fast-food ed evitare di alimentarsi solo con determinati tipi di pietanze. Nelle ragazze il consumo di calcio e ferro aumenta rapidamente e carenze possono condurre a ridotta mineralizzazione dello scheletro, osteoporosi precoce, stati di anemia. Bisogna consumare regolarmente carne rossa, legumi secchi e vegetali a foglia verde, per il ferro; latte, yogurt e formaggi per il calcio. Non devono mai mancare sulla tavola quotidiana frutta e verdura (bisognerebbe consumarne 5 porzioni al giorno): sono la principale fonte di vitamine, sali minerali e fibre, sostanze indispensabili per il buon funzionamento dell'intestino. Le bibite gasate dovrebbero essere consumate solo occasionalmente, in quanto molto ricche di zuccheri semplici. La prima colazione non deve mai mancare perché fornisce energia per tutta la mattinata. Deve essere varia e rappresentare almeno il 15% delle calorie giornaliere. COLAZIONE: pane, fette biscottate, biscotti, confettura, miele, latte, frutta. PRANZO E CENA: carboidrati (in pane, pasta, riso e altri cereali), proteine (in carne, pesce, uova, latticini) e grassi (in formaggi, oli vegetali). I grassi devono essere scelti con attenzione: devono essere tenuti sotto controllo quelli saturi, presenti principalmente in carne e latticini. 16

17 Menopausa Ridurre l apporto calorico. Per prevenire l osteoporosi dare la precedenza ad alimenti ricchi di calcio come latte, yogurt, formaggi stagionati che dovrebbero essere assunti almeno una volta al giorno. Consumare pane, pasta, riso e derivati di tipo integrale che sono più ricchi in fibra. Variare molto la dieta, in modo particolare la frequenza settimanale dei secondi piatti, ad esempio: consumare almeno 2-3 volte la settimana il pesce fresco o surgelato; non più di 2 volte la settimana i formaggi dando la preferenza a quelli freschi o di tipo light; non più di 1-2 volte la settimana affettati preferendo prosciutto cotto, crudo, bresaola e speck privati del grasso visibile; 2-3 uova la settimana; carni bianche; almeno 2 porzioni di legumi in alternativa al secondo piatto alla settimana. Ridurre il consumo di zuccheri semplici, in particolare di bevande gassate dolci, e limitare allo stretto indispensabile quello di zucchero, di miele, di marmellate. La frutta può essere consumata fresca, cotta o frullata purché sia senza zucchero. Consumare solo occasionalmente la frutta secca e le castagne. Consumare cinque porzioni al giorno di verdura e frutta. E consigliabile l uso di olio extravergine di oliva da usare preferibilmente a crudo nella quantità di circa 3 cucchiai al giorno tra preparazione e condimento. Evitare o comunque limitare strutto, margarine, lardo, pancetta. Assumere vino in modeste quantità ai pasti (massimo un bicchiere al giorno) e preferibilmente rosso. Evitare le fritture. 17

18 Bibliografia Nelson, Cox I principi di biochimica di Lehninger ed. Zanichelli 2010 Colli, Rossi, Marratico Viaggio negli alimenti ed. Calderini Costantini, Canella, Tomassi Alimentazione e nutrizione umana ed. Il pensiero scientifico. Alimentazione e Nutrizione in Parole Glossario di Alimentazione e Nutrizione Umana - documento a cura della Federazione delle Società Italiane di Nutrizione (FeSIN) Epidemiology. International Osteoporosis Foundation. 18

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU

TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU Per la formulazione delle tabelle dietetiche sono state

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ NUTRIENTI (O PRINCIPI NUTRITIVI): PROTEINE LIPIDI CARBOIDRATI VITAMINE ACQUA MINERALI CON FUNZIONE: PLASTICA ENERGETICA BIOREGOLATRICE PROTEINE LUNGHE CATENE DI

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Al fine di comporre correttamente la propria dieta è bene conoscere le qualità dei principali alimenti che in base alle loro principali caratteristiche nutrizionali

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE È considerato lattante un individuo fra 0 e 1 anno di età. Le esigenze e quindi gli apporti nutrizionali in questa fase della crescita sono correlati a caratteristiche

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE ALIMENTAZIONE NELL ANEMIA DI BAMBINI E ADOLESCENTI

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE ALIMENTAZIONE NELL ANEMIA DI BAMBINI E ADOLESCENTI L anemia: cos è? Il termine anemia indica la diminuzione del numero dei globuli rossi o dell emoglobina, dovuta a perdita o insufficiente produzione di sangue. Questo termine viene usato impropriamente

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli

L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI. Gestazione Allattamento Accrescimento

L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI. Gestazione Allattamento Accrescimento L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI Gestazione Allattamento Accrescimento LARN 1996 GESTAZIONE Il fabbisogno aggiuntivo è in funzione del IMC pre-gravidanza gravidanza. Per un corretto esito della gravidanza,

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.)

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) L attività fisica e l alimentazione sono entrambi comportamenti specifici e reciprocamente

Dettagli

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti L ALFABETO DELLA CORRETTA NUTRIZIONE Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti delle membrane cellulari hanno destato negli ultimi anni maggior interesse. E ormai

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Prova Costume? Niente Paura!

Prova Costume? Niente Paura! Prova Costume? Niente Paura! Che Cos è la Nutraceutica? SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO L alimentazione occupa un ruolo decisivo per il nostro benessere. Spesso però non conosciamo quello che mangiamo e la qualità

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

La nutrizione, tra gusto e salute, nei menu scolastici

La nutrizione, tra gusto e salute, nei menu scolastici Milano, 29 marzo 2012 La nutrizione, tra gusto e salute, nei menu scolastici Andrea Ghiselli INRAN La corretta alimentazione del bambino Alimento 3-10 anni Porzioni Linee Guida Frutta+succhi 216 1.4 3

Dettagli

I NUTRIENTI E L ENERGIA

I NUTRIENTI E L ENERGIA I NUTRIENTI E L ENERGIA Carboidrati, proteine, lipidi, vitamine, minerali ma cosa sono? E, soprattutto, quanti ce ne servono? Vediamo un po nel dettaglio. Gli alimenti sono sostanze assunte dagli organismi

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Consigliere Nazionale SINSeB Docente Università di Camerino Stato nutrizionale Bilancio energetico

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Grassa o secca, quando la tosse ti prende, Lisomucil ti aiuta.

Grassa o secca, quando la tosse ti prende, Lisomucil ti aiuta. Guida150x210Adolescenza 20-03-2007 14:59 Pagina 1 Grassa o secca, quando la tosse ti prende, Lisomucil ti aiuta. Cod. 60514621 www.automedicazione.it Sono medicinali. Leggere attentamente il foglio illustrativo.

Dettagli

L'alimentazione nel giovane sportivo

L'alimentazione nel giovane sportivo L'alimentazione nel giovane sportivo Dr.ssa Sara Perrotta Biologa Nutrizionista Le abitudini alimentari sono in grado di influenzare in maniera significativa la capacità individuale di realizzare una determinata

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

PRANZO o CENA (30-40%apporto calorico giornaliero) COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero)

PRANZO o CENA (30-40%apporto calorico giornaliero) COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero) Consigli COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero) E un momento alimentare troppo spesso trascurato. E importante consumare un adeguata colazione. E dimostrato, peraltro, che l assenza di questo pasto

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra

Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra Modello alimentare italiano e Stili di Vita Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra Dott.ssa Carla Favaro Specialista in scienza dell alimentazione Dottore di ricerca in Nutrizione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH L evoluzione della nutrizione negli ultimi decenni accompagna effetti nutrizionali positivi ma anche negativi! Gli scienziati hanno constatato una diminuzione della DENSITÁ delle vitamine e i minerali

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE In qualità di Presidente del mi sento in dovere di portarvi a conoscenza di alcune interessanti e basilari concetti per una corretta alimentazione dei nostri figli.

Dettagli

IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche,

IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche, IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche, delle conoscenze, delle abilità, dei saperi e delle tradizioni

Dettagli

ALLEGATO C L ALIMENTAZIONE COLLETTIVA PER PERSONE ANZIANE

ALLEGATO C L ALIMENTAZIONE COLLETTIVA PER PERSONE ANZIANE ALLEGATO C L ALIMENTAZIONE COLLETTIVA PER PERSONE ANZIANE Invecchiare rappresenta una fase della vita stessa e un alimentazione corretta per l'anziano permette di utilizzare appieno le potenzialità inscritte

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

ISTRUZIONI PER MANGIAR SANO PER GRANDI E PICCOLI

ISTRUZIONI PER MANGIAR SANO PER GRANDI E PICCOLI EDUCAZIONE ALIMENTARE PER TUTTA LA FAMIGLIA PRIMA PARTE ISTRUZIONI PER MANGIAR SANO PER GRANDI E PICCOLI PRIMA PARTE IL PERCORSO DEGLI ALIMENTI Gli alimenti, dopo essere stati ingeriti, arrivano al tubo

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione)

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Comune di Bologna Settore Istruzione (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Anno 2012 a cura di: Alves Carpigiani Nutrizionista Responsabile della U.O. Igiene Nutrizione Controllo pasti nidi

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano COMPOSIZIONE CORPOREA Maschi Femmine Acqua 35% Grasso 15% Muscoli 50% 35% 22% 43% Riserve energetiche

Dettagli

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Mercoledì 30 novembre 2011 Bolzano Via Cesare Battisti, 27 Il cibo influenza: La salute La composizione corporea La velocità

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

Come scegliere gli alimenti per una alimentazione sana ed equilibrata?

Come scegliere gli alimenti per una alimentazione sana ed equilibrata? Come scegliere gli alimenti per una alimentazione sana ed equilibrata? Gli alimenti di cui disponiamo sono tantissimi e molti sono anche i modi per realizzare una dieta salutare. Ognuno di noi ha quindi

Dettagli

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ABITUDINI NUTRIZIONALI IN ITALIA ETÀ PRESCOLARE E SCOLARE ABITUDINI NUTRIZIONALI 3-53

Dettagli

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 Organizzazione non lucrativa di utilità sociale- Onlus sita in Demonte (CN) via Colle dell Ortica n 21-12014 Cod. Fisc. 96081720045 Tel.017195218 RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 OBIETTIVO Migliorare

Dettagli

7 Minutes Project Manager

7 Minutes Project Manager 7 Minutes Project Manager Alimentazione 7 regole d oro per un alimentazione corretta Un alimentazione corretta è la base per far si che tutta l attività motoria svolta da un soggetto si traduca in reali

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

La nutrizione nello sport

La nutrizione nello sport La nutrizione nello sport Una corretta alimentazione deve coprire in modo ottimale il fabbisogno energetico e plastico di un individuo, tenendo conto della fase di accrescimento, dell attività muscolare

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SPORT IN ETÀ EVOLUTIVA

ALIMENTAZIONE E SPORT IN ETÀ EVOLUTIVA ALIMENTAZIONE E SPORT IN ETÀ EVOLUTIVA L attività fisica e sportiva sono parte integrante della vita dei bambini e degli adolescenti e hanno implicazioni importanti di ordine fisico, educativo e psicologico.

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia Nell elaborazione del piano dietetico proposto alle scuole della Provincia di Pavia, l U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell A.S.L. tiene conto delle indicazioni riportate da: L.A.R.N. (1996)

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung pag. 1 / 5 Società Svizzera di Nutrizione SSN, Ufficio federale della sanità pubblica UFSP / 2o11 Dolci, snack salati e alcolici In piccole quantità. Oli,

Dettagli

1 settimana Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì

1 settimana Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì I menù proposti da EURORISTORAZIONE per la ristorazione scolastica sono strutturati in 4 settimane, che si ripetono ciclicamente e stagionalmente (menù estivo/menù autunnale/menù invernale) per le scuole

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

Grassi: Grassi. 3. scegli la qualità e limita la quantità

Grassi: Grassi. 3. scegli la qualità e limita la quantità 3. Grassi: Grassi 3. scegli la qualità e limita la quantità 3. Grassi: scegli la qualità e limita la quantità 30 Per stare bene è necessario introdurre con l'alimentazione una certa quantità di grassi,

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

OVAIO POLICISTICO, INSULINO-RESISTENZA E ALIMENTAZIONE

OVAIO POLICISTICO, INSULINO-RESISTENZA E ALIMENTAZIONE OVAIO POLICISTICO, INSULINO-RESISTENZA E ALIMENTAZIONE L ovaio policistico (PCO) è una condizione molto eterogenea caratterizzata da disfunzione ovarica e disordini mestruali associati spesso a segni clinici

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO

OPUSCOLO INFORMATIVO OPUSCOLO INFORMATIVO Mangiare sano...a scuola e a casa Anno scolastico 2012-2013 Comune di Rovello Porro C are Mamme, Papà e giovani rovellesi, questo opuscolo vuole essere un aiuto alle famiglie, non

Dettagli

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI Le esigenze della incessante attività del corpo umano fanno si che le numerose sostanze che lo formano (le quali sono soggette ad usura e a perdite e vanno quindi via via ricostituite e/o sostituite) e

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione ALIMENTAZIONE Appunti di lezione CORRETTA ALIMENTAZIONE Un adolescente (13-15 anni) Ha bisogno per crescere di: Energia e Nutrienti Ossia di alimentarsi, ma con misura nè troppo, ne troppo poco. Il termine

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI La prima colazione A tavola: La prima colazione permette di migliorare l attenzione e la concentrazione, quindi il rendimento scolastico. Inizia la tua giornata

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

Dieta = Salute? Dieta = Progetto diretto da Prof. Rita Leone Docente di Scienze Naturali

Dieta = Salute? Dieta = Progetto diretto da Prof. Rita Leone Docente di Scienze Naturali Pier Paolo Pasolini Istituto Tecnico Statale Sperimentale ad indirizzi linguistico e turistico Via Bistolfi, 15 20134 Milano, tel.022104001 www.itspasolini.eu Vivere bene con sé e con gli altri 7 maggio

Dettagli

RIDUZIONE DEL PESO NEGLI ATLETI: DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E ASPETTI NUTRIZIONALI

RIDUZIONE DEL PESO NEGLI ATLETI: DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E ASPETTI NUTRIZIONALI RIDUZIONE DEL PESO NEGLI ATLETI: DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E ASPETTI NUTRIZIONALI INTRODUZIONE L alimentazione dello sportivo deve: Assicurare un apporto di calorie sufficienti a coprire i dispendi energetici.

Dettagli

Note esplicative per la corretta applicazione delle tabelle dietetiche ed il corretto utilizzo delle materie prime

Note esplicative per la corretta applicazione delle tabelle dietetiche ed il corretto utilizzo delle materie prime DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione LECCE viale Don Minzoni, 8 73100 Lecce / tel. 0832.215398 Fax 0832.215398 e-mail: sian@ausl.le.it Direttore Dott. Roberto Carlà

Dettagli