ATTUAZIONE DELLE NORME EUROPEE SULL IGIENE PER LE IMPRESE DELL ALIMENTAZIONE E SALVAGUARDIA DELLE CONDIZIONI DI COMPETITIVITA DELLE PMI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATTUAZIONE DELLE NORME EUROPEE SULL IGIENE PER LE IMPRESE DELL ALIMENTAZIONE E SALVAGUARDIA DELLE CONDIZIONI DI COMPETITIVITA DELLE PMI"

Transcript

1 RICERCA ATTUAZIONE DELLE NORME EUROPEE SULL IGIENE PER LE IMPRESE DELL ALIMENTAZIONE E SALVAGUARDIA DELLE CONDIZIONI DI COMPETITIVITA DELLE PMI Promotrice: CNA Alimentare Organismo di Ricerca: Accademia Avignon dell Artigianato e delle PMI, Bruxelles Ricercatore Senior: Blando Palmieri Ricercatore Junior: Diego Rigato ESTRATTO Bruxelles, 16 settembre

2 ABSTRACT Il presente Abstract riassume le problematiche evidenziate nell attuazione dei diversi punti dei Regolamenti europei 852 e 853/2004, le iniziative adottate nei 10 Stati membri, sui quali si è concentrata la ricerca, per permettere l adozione della nuova regolamentazione nelle imprese alimentari ed i suggerimenti dei partecipanti alla ricerca per migliorare la legislazione europea in modo che essa possa non compromettere la competitività delle PMI alimentari. Sia l individuazione delle problematiche e l indicazione delle esperienze positive danno il quadro delle condizioni di competitività delle PMI alimentari. Un quadro ancora lontano dall obiettivo del pacchetto igiene di costruire il level playing field, cioè un ambiente in cui tutte le imprese in un dato mercato, in particolare quelle artigiane e le piccole imprese, seguono le stesse regole e possono avere le stesse condizioni per competere. Tuttavia, le esperienze positive realizzate in alcuni paesi per rendere attuabile i Regolamenti nelle PMI e le indicazioni fornite dalla ricerca possono suggerire quali scelte adottare non solo per costruire il level playing field ma anche per renderlo adatto alle PMI per giocare la loro partita per la competitività. 1. Attuazione dei principi HACCP La ricerca ha evidenziato, nei paesi della ricerca, l esistenza di alcune problematiche riferite all attuazione delle diverse parti dei Regolamenti. Riguardo all attuazione dei principi HACCP i risultati evidenziano l esistenza di una difficoltà per le piccole imprese ad attuare i principi del modello HACCP. Le ragioni di questa difficoltà vengono indicate in alcuni casi: 1) nelle difficoltà ad attuare l autocontrollo (Austria, Italia, Regno Unito); 2) nelle eccessive prescrizioni documentali richieste (Germania, Spagna); 3) nel diverso atteggiamento delle Autorità (più realistico o più flessibile) verso l applicazione dei principi (Italia, Svezia); 4) nella difficoltà degli operatori di essere formati o di pagare per le consulenze (Commissione). In Italia, l introduzione delle nuova normativa ha creato, soprattutto inizialmente, difficoltà alle piccole e medie imprese. Una difficoltà dovuta alla complessità della normativa e alla mancanza di linee guide per attuare le nuove norme. Ciò inizialmente ha spinto le aziende, per il timore di incorre in sanzioni, a curare gli adempimenti formali più che concentrarsi sui piani di autocontrollo. Secondo le PMI italiane, c è una relazione tra sistema produttivo e sistema di controllo nella consapevolezza che questi processi possano elevare il livello di qualità complessivo 2

3 e pertanto è necessaria una collaborazione tra Autorità ed imprese. Occorre inoltre puntare sulla semplificazione della normativa perché spesso richiedono un interpretazione che espone l impresa a dei rischi. L autorità competente italiana afferma che si è impegnata ad attuare i principi HACCP con le necessarie deroghe, anche se le imprese italiane seguivano le norme già prima dell entrata in vigore del regolamento 852 e quindi hanno avuto meno problemi di adeguamento. Le norme HACCP attenuano la normativa precedente trasferendo la responsabilità della sicurezza dei prodotti dalle autorità alle imprese. Anche la Commissione, nel suo rapporto al Parlamento Europeo, pubblicato alla fine di Luglio scorso, ha menzionato che sono state lamentate eccessive prescrizioni documentali che vengono richieste alle piccole imprese per dimostrare la conformità ai principi HACCP e che persistono ancora problemi rispetto alle capacità delle AC di valutare adeguatamente le procedure basate sul sistema HACCP. La ricerca ha anche individuato iniziative condotte in alcuni Stati membri per rendere più facilmente attuabili i principi HACCP nelle PMI. Tra queste figurano le iniziative assunte nel Regno Unito che prevedono che le autorità locali aiutino le imprese producendo guide specifiche per settore nel processo di adeguamento alla normativa. Sempre nel Regno Unito la Food Standard Agency (FSA) produce guide e organizza la formazione per aiutare gli ispettori a verificare l efficacia delle procedure HACCP. In Ungheria è in preparazione un insieme di linee guida che permetterà l applicazione semplificata dei requisiti igienici nelle PMI. Il Lussemburgo ha adottato una certa flessibilità per le PMI nell attuazione delle procedure basate sul sistema HACCP. Sul tema della semplificazione delle procedure previste dai Regolamenti la ricerca presenta l esperienza del Belgio dove: 1) l applicazione del sistema HACCP è semplificata nel senso che l analisi dei rischi può basarsi su una guida di corretta prassi o su un documento di riferimento per il settore. I primi tre principi HACCP possono quindi non essere effettuati direttamente dall operatore; 2) il processo di registrazione è meno restrittivo e la documentazione è ridotta al minimo; 3

4 3) il sistema di autocontrollo è basato sul monitoraggio dei punti critici; 4) la registrazione delle osservazioni è limitata ai valori non conformi, e, quando necessario, all attuazione di opportune azioni correttive; 5) in alcuni casi si può supporre che tutti i rischi alimentari possano essere controllati applicando i requisiti igienici di base. Sulla valutazione dei documenti per la dimostrazione dei principi basati sul modello HACCP, la nostra indagine nei 10 paesi dell UE segnala un 45% delle riposte che definiscono difficile la documentazione (questo dato include l Austria, la Germania, il Lussemburgo, la Slovenia e l Ungheria); l 11% delle risposte definiscono lunga la documentazione da elaborare (questo dato include la Slovenia). Nel Regno Unito e in Spagna la documentazione è considerata accettabile. La collaborazione tra autorità pubbliche per la produzione e la diffusione delle guide, la semplificazione delle procedure e della documentazione per l adozione dei principi HACCP per le piccole imprese, una nuova pratica dei sistemi di controllo che fa perno anche sulla formazione degli ispettori, sembrano essere le risposte che, in base all esperienza di alcuni Stati membri, si dimostrano efficaci per facilitare l attuazione dei principi HACCP. 2. Elaborazione, diffusione ed uso dei Manuali Analizzando la questione dell elaborazione, della diffusione e dell uso dei Manuali, emerge una situazione di forte disparità non solo tra i paesi dell UE ma anche tra i settori del comparto alimentare, nella messa a disposizione alle piccole imprese di strumenti come i Manuali, che le possono aiutare a produrre i piani di autocontrollo per l attuazione dei principi di igiene e del sistema HACCP. Se si escludono l Italia e la Spagna, il numero di Manuali prodotti nella maggior parte degli Stati, non risulta essere elevato, anche se la Commissione nel suo rapporto afferma che la maggioranza delle organizzazioni di operatori privati ha mostrato un atteggiamento positivo verso i Manuali nazionali di corretta prassi e verso l'incoraggiamento delle Autorità Competenti. L Italia ha prodotto il maggior numero numero di Manuali nazionali, più del triplo di quanti ne hanno prodotto Francia, Spagna e Germania. La Spagna complessivamente si avvicina all Italia nella produzione di Manuali, considerando l alto numero di Manuali prodotti a 4

5 livello regionale. L Ungheria, pur essendo un paese di nuova adesione ha prodotto un buon numero di Manuali; la Slovenia e la Svezia hanno prodotto il numero più basso di Manuali tra i paesi considerati. Il problema per le PMI italiane non è tanto la redazione e la produzione dei Manuali. E necessario invece sviluppare una verticalizzazione dei Manuali e quindi una loro maggiore specializzazione e una minore standardizzazione. È auspicabile, inoltre, l aiuto delle autorità a produrre i Manuali per le microimprese perché queste non sono in grado di avere il team necessario. Si corre il rischio, altrimenti, di render sterile l autocontrollo. Quanto alla diffusione dei Manuali, la ricerca ha registrato una situazione differenziata tra i paesi. Infatti la Francia ha risposto che c è stata una sufficiente diffusione dei Manuali anche se ha specificato che ad essere molto utilizzati dagli operatori del settore della distribuzione sono i Manuali della distribuzione diretta redatti prima del pacchetto igiene, che devono tuttavia essere attualizzati per quanto riguarda il sistema HACCP. La Slovenia e la Germania hanno affermato che la diffusione dei Manuali è sufficiente, mentre il Regno Unito ha sostenuto che non c è stata una sufficiente diffusione dei Manuali. Altri paesi come l Austria, il Lussemburgo, la Svezia e la Spagna non hanno fornito risposte, segno questo che non esistono dati a riguardo. In Italia si ritiene che la distribuzione dei Manuali non sempre è stata sufficiente. Per facilitare la diffusione i Manuali non dovrebbero essere venduti, ma occorre l aiuto delle autorità alle imprese perché possano migliorare e non solo evitare di prendere le sanzioni. Tuttavia la loro produzione resta affidata all iniziativa delle Associazioni dei settori delle imprese alimentari, ma il Ministero non rifiuta la collaborazione con gli operatori del settore che intendono proporre la redazione di Manuali. Anche la Commissione, nel suo rapporto afferma che non è possibile fornire cifre sull'estensione dell'utilizzo di tali documenti. Manuali semplificati per le PMI, secondo i risultati della ricerca, sono stati prodotti nel Regno Unito e in Slovenia. I restanti paesi non hanno fornito dati a riguardo o, come la Germania, hanno dato una risposta negativa. Iniziative per incoraggiare la produzione e l uso dei Manuali sono state riscontrate dalla ricerca. Infatti, oltre alle esperienze di cooperazione nel Regno Unito tra autorità pubbliche e operatori del settore per produrre Manuali, alcuni paesi (Belgio e Svezia) hanno 5

6 comunque adottato iniziative interessanti per incoraggiare l uso dei Manuali da parte delle imprese attraverso: a) una diminuzione della frequenza dei controlli; b) una diminuzione del livello di tasse applicate dalle AC per i controlli ufficiali; c) una facilitazione delle ispezioni, che si limitano a comprovare il corretto utilizzo del Manuale; d) la non richiesta alle imprese di dimostrare l'adeguatezza delle proprie misure di controllo. 3. Registrazione e tenuta della documentazione Dalle informazioni raccolte emerge che nei paesi della ricerca, visto l interesse delle autorità pubbliche a promuovere la registrazione delle imprese, è stata facilitata la procedura di registrazione mantenendo la documentazione esistente prima dell entrata in vigore del Regolamento, utilizzando le informazioni esistenti, utilizzando ed armonizzando le informazioni contenute nei vari database (Austria, Francia, Germania, Regno Unito, Svezia), oppure adottando un modello unico di registrazione (Slovenia). In Belgio il processo di registrazione è meno restrittivo e la documentazione è ridotta al minimo. La Svezia ha segnalato il problema di conoscere l esistenza di piccoli stabilimenti e la difficoltà a promuovere la registrazione delle imprese alimentari che operano in via elettronica. In Italia, com è noto, la procedura di registrazione è la Dichiarazione di Inizio Attività (DIA) che può essere semplice o differita. È previsto che questa procedura venga modificata, nel nuovo testo dell accordo Stato-Regioni, nel senso che ci sarà una DIA semplice per tutte le imprese. Ogni Regione produrrà una apposita modulistica per disporre di una dichiarazione circostanziata, non equivocabile ed omogenea sul proprio territorio. Anche la Commissione europea nel suo rapporto al Parlamento ha confermato l atteggiamento delle autorità a ridurre il carico amministrativo, uniformando e minimizzando le informazioni richieste. 4. Controlli Il tema dei controlli naturalmente è di rilevante importanza per le PMI e pertanto la ricerca ha voluto indagare il tipo di controlli che i paesi attuano per verificare l adozione e 6

7 l osservanza delle procedure basate sul modello HACCP, la loro durata, la frequenza ed i costi. La ricerca evidenzia innanzitutto che, anche se il criterio prevalente nell esecuzione dei controlli da parte delle Autorità pubbliche è quello basato sul rischio, criterio che è alla base della nuova legislazione del Regolamento, tuttavia i controlli sono troppi e prevale l aspetto formale. In secondo luogo la frequenza prevalente delle ispezioni (in Italia, Slovenia, Ungheria, Spagna e Regno Unito) si attesta su una o due volte l anno anche se una frequenza maggiore è tuttavia ancora praticata. Permangono casi in cui la frequenza delle ispezioni dipende non dal criterio del rischio ma dalla Regione, una pratica che certamente penalizza le imprese che vi risiedono. Emerge dalla ricerca che c è un iniziativa in alcuni Stati per ottimizzare se non per ridurre i controlli: è il caso della Francia, dove è in atto una programmazione dei controlli secondo un analisi dei rischi per categorie di imprese e un coordinamento dei servizi di controllo tra i ministeri ; del Regno Unito, che programma le ispezioni secondo il rischio effettivo, o della Svezia, che riduce le ispezioni per quelle imprese che usano correttamente il Manuale. Tuttavia, anche se ci sono iniziative da parte degli Stati sopra citati per ridurre le ispezioni, in questi stessi Stati non ci sono state pratiche per semplificare le procedure, che fanno sì che la durata delle ispezioni risulti ancora elevata per la maggior parte delle imprese, da 3 a 6 ore e solo per una piccola parte si situa su una durata di 2 ore. Le iniziative registrate per migliorare il sistema dei controlli sono state. 1) una programmazione dei controlli secondo un analisi dei rischi per categorie di imprese in Francia e in Slovenia; 2) un coordinamento dei servizi di controllo tra i ministeri in Francia; 3) l adozione del criterio dell analisi dei rischi per stabilire la frequenza delle ispezioni, nel Regno Unito; Iniziative per la formazione degli ispettori sono state registrate nel Regno Unito e in Italia, mentre vale anche ricordare le iniziative di alcuni paesi per ridurre le ispezioni o ridurre le tasse sui controlli (Svezia) per quelle imprese che dimostrano di adottare i Manuali. 7

8 In Italia si registra una sovrapposizione di competenze tra le autorità addette ai controlli e una mancanza di coordinamento dei servizi di controllo. Per migliorare i controlli si ritiene necessario: 1) applicare una flessibilità adeguata e una dinamicità nella relazione tra autorità e imprese per fare dei controlli un occasione di verifica dello stato dell impresa e di miglioramento delle condizioni produttive e non solo un operazione rituale. 2) premiare la virtuosità. Il Manuale deve poter essere implementato, ma quando le azioni correttive danno risultati stabili si può abbassare il livello di controllo, non abbassando la guardia, ma non facendo cose inutili e focalizzando il pericolo dove esiste. La virtuosità avvicina le parti ma non biogna entare in un regime sanzionatorio poichè l HACCP richiede consapevolezza. 3) utilizzare le informazioni disponibili per i controlli, per ridurre i tempi delle ispezioni e focalizzare gli aspetti di criticità. Al contrario, secondo il Ministero, l Italia ha un sistema di controllo messo in pratica da personale specializzato con formazione universitaria, garantita da 2 ore settimanali di aggiornamento professionale. 5. Costi Quanto ai costi, l attuazione dei Regolamenti avrà implicazioni finanziarie per molti settori della catena delle imprese alimentari. Questi costi per le imprese sono riferiti: a) all assimilazione delle norme e alla messa in atto delle procedure di gestione (il cui tempo è stato stimato 10 ore nel regno Unito); b) alla verifica e alla documentazione delle procedure adottate, alla tenuta della documentazione che dimostra che le procedure sono messe in atto. Tuttavia il Regno Unito, che la ricerca presenta come caso nazionale, ha compiuto sia una quantificazione dei costi sia un analisi costi-benefici dell attuazione dei Regolamenti. Il Governo inglese ha stimato i fattori di costo che intervengono nella conformità alla normativa per tutti i settori diversi da quelli della produzione primaria, nel modo seguente: - 10 ore per assimilare le norme e definire le procedure di gestione, - il costo del testo in hard copy, - il costo di tenuta del diario per tutto l anno, - 1 minuto al giorno per la tenuta della documentazione per le imprese che usano il Diario per 350 giorni l anno, 8

9 - 15 minuti al giorno per la tenuta della documentazione per le imprese della produzione per 350 giorno l anno, I benefici monetari, considerando la riduzione delle malattie di origine alimentare, è stato stimato essere da 15 milioni a 75 milioni di sterline, assumendo che le nuove norme possano ridurre da 1% al 5% gli incidenti alimentari. In 10 anni si stima che i benefici superino i costi del 75%. L Ungheria ha invece quantificato i costi per l applicazione della nuova legislazione nel seguente modo: euro per la consulenza di esperti, al fine di meglio applicare il sistema HACCP alla pratica aziendale; euro per la tenuta della documentazione; euro per la dichiarazione di inizio attività; - il mancato ricavo dovuto al fatto che durante l ispezione non può continuare l attività dell impresa. In Italia i costi comprendono: la messa in atto del piano di autocontrollo, l attuazione del piano, l aggiornamento, la formazione. Le micro imprese per queste competenze devono far ricorso alla consulenza esterna. E importante finalizzare questi costi non alle esigenze di conformità ma al miglioramento dell impresa, infatti quando questi costi sono sopportati per questioni di conformità diventano costi impropri. 6. Flessibilità Le indicazioni della ricerca forniscono elementi che mostrano una tendenza negli Stati presi in esame verso l adozione di pratiche che permettano di introdurre una certa flessibilità nell applicazione dei principi del modello HACCP. In Austria è stato introdotto nel 2006 il Regolamento sull adeguamento di alcuni requisiti in materia di igiene alimentare e sono state prese misure a favore delle PMI attraverso l analisi dei rischi e la produzione di Manuali. Il Lussemburgo ha adottato una certa flessibilità per le PMI nell attuazione delle procedure basate sul sistema HACCP. 9

10 La Francia intende permettere di derogare a certi requisiti in materia di locali, attrezzature (principalmente per i macelli, qualsiasi sia la loro dimensione) e consentire una maggiore flessibilità per i piccoli macelli di pollame. La Slovenia, tramite la consultazione con i rappresentanti ha adottato linee guida per i settori di commercio, ristorazione, macellazione e apicoltura, in cui è stata introdotta una flessibilità per le PMI. Il Regno Unito si è proposto di rispondere ad alcune preoccupazioni delle imprese attraverso una interpretazione appropriata dei concetti di piccolo e locale contenuti nel Regolamento. In Italia la flessibilità si è riferita soprattutto alle concessioni di deroghe al fine di consentire l utilizzo dei metodi tradizionali. Le deroghe si sono quindi riferite ai requisiti ambientali dei locali e ai materiali che costituiscono gli strumenti di lavoro. Il Ministero ha realizzato una serie di Intese con le Regioni per la concessione di tali deroghe, oltre che per altre deroghe rivolte alla macellazione e alle piccole quantità. La flessibilità tuttavia deve essere maggiormente promossa per rendere possibile l applicazione del pacchetto igiene nelle piccole imprese secondo le loro caratteristiche e la loro produzione. L approccio verticale all attuazione delle procedure HACCP è un modo per rendere operativa la flessibilità e permettere di adottare le misure adatte per quanto riguarda l identificazione dei punti critici di controllo, i metodi di sorveglianza, il modo di conservare i documenti per evitare oneri inutili sulle PMI. La Spagna ha detto che non c è stata nessuna flessibilità nell attuazione delle nuove procedure. L Ungheria ha affermato che non sono stati ancora emanati degli atti riguardanti la flessibilità ma le autorità sono intenzionate a legiferare in materia. I dati tuttavia non permettono di cogliere con la dovuta trasparenza le situazioni di flessibilità attuate nei vari paesi. Come esempio di buona pratica si propone un caso nazionale, quello del Belgio, dove si può identificare chiaramente come la flessibilità è interpretata per salvaguardare la competitività delle PMI. La Commissione tuttavia ritiene che gli Stati membri potrebbero non essersi avvalsi di tutto il margine di flessibilità offerto dalla legislazione. Questo in base al fatto che essa ha ricevuto poche notifiche delle misure nazionali al riguardo e alle critiche provenienti da 10

11 alcune imprese alimentari, riguardo il riconoscimento degli stabilimenti di piccole dimensioni, le difficoltà di registrazione e i carichi amministrativi. La Commissione invita a far ricorso al principio di sussidiarietà, perché gli Stati membri sono i più adatti a trovare soluzioni appropriate che tengano conto delle situazioni locali e dei livelli di igiene adeguati nelle imprese senza compromettere, tuttavia, l'obiettivo della sicurezza alimentare. 7. Competitività L impatto dei Regolamenti sulla competitività delle imprese è stato il filo conduttore della ricerca. Per la competitività il questionario della ricerca si era limitato a verificare se l attuazione dei Regolamenti aveva causato la produzione di una nuova legislazione e un maggior carico amministrativo. È però evidente che tutti i temi affrontati nella ricerca erano stati selezionati per le loro implicazioni sulla competitività delle Piccole imprese. Pertanto un analisi dell impatto dei Regolamenti sulla competitività delle imprese deve prender in esame quanto è emerso per ogni singolo aspetto dell indagine. Quindi, sul versante delle problematiche: le difficoltà registrate nell attuazione dei principi HACCP, soprattutto nelle PMI; la scarsa e differenziata produzione dei Manuali per paesei e settori e le problematiche relative alla loro produzione; la mancanza di dati sulla diffusione dei Manuali; la mancanza della trasparenza sulle misure relative alla flessibilità; la complessità e la difficoltà del sistema dei controlli; i costi di adeguamento; i carichi amministrativi, l insufficiente informazione; tutti aspetti che hanno un impatto negativo sulla competitività delle PMI. Il quadro che emerge è dunque un quadro in cui le difficoltà riscontrate nell attuazione del pacchetto igiene presentano un tratto comune a tutti i paesi della ricerca. In tutti questi paesi le PMI hanno avuto difficoltà ad attuare i principi HACCP e non è stato ancora messo in campo un sistema coordinato dei controlli. Infatti la stessa Commissione raccoglie la richiesta pervenuta dagli Stati di fare alcuni aggiustamenti all attuale normativa. Il quadro che emerge quanto alla misure messe in campo per attuare il pacchetto igiene appare tuttavia molto differenziato per paesi e per settori, con la conseguenza che le condizioni di competitività sono diverse tra i paesi e tra i settori. 11

12 Tuttavia le esperienze positive raccolte dalla ricerca sulle diverse iniziative che sono state attuate negli Stati membri per ridurre o eliminare i problemi individuati, oltre a disegnare una geografia tra i paesi della ricerca in cui è possibile individuare quelli più o meno sensibili a risolvere le questioni aperte, servono anche a confrontare le decisioni che ciascun paese ha assunto a riguardo e a realizzare un positivo scambio di esperienze. Conclusioni La ricerca ha permesso di individuare le problematiche e le difficoltà che ancora si riscontrano nell attuazione dei diversi aspetti del pacchetto igiene nei paesi della ricerca (Austria, Belgio, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo, Regno Unito, Slovenia, Spagna, Svezia). Nello stesso tempo la ricerca ha registrato e presentato le esperienze positive, attuate in alcuni paesi, su ognuno dei capitoli del Regolamento per favorire la loro attuazione nelle piccole e medie imprese e nell artigianato. Queste esperienze sono registrate nel rapporto alla fine di ogni capitolo e nel Quadro sinottico allegato. Oltre a queste esperienze, che già presentano soluzioni interessanti per superare le difficoltà individuate, la ricerca ha anche riassunto i punti in cui, secondo i partecipanti alla ricerca, sono necessari i miglioramenti nell attuazione del pacchetto igiene per non compromettere la competitività delle PMI e dell artigianato. Le indicazioni complessive della ricerca, sono pertanto così riassumibili: 1) l attuazione dei principi HACCP: 1) migliorare il sistema HACCP per renderlo attuabile nelle PMI, evitando di produrre un gran numero di documenti e di carichi amministrativi; 2) accrescere la possibilità di formazione sull HACCP per gli operatori, specialmente nelle microimprese; 3) promuovere il trasferimento delle buone pratiche sull attuazione dei principi HACCP nelle PMI; 2) i controlli: 1) promuovere da parte delle autorità competenti una migliore formazione degli agenti ispettivi sui controlli; 2) attuare un'armonizzazione dei protocolli comuni per gli ispettori ed un coordinamento effettivo tra tutte le autorità preposte ai controlli; 12

13 3) premiare la virtuosità attraverso un programma di stimoli per le PMI che dimostrano di attuare i principi del modello HACCP attraverso la riduzione delle ispezioni o la concessione di uno sgravio fiscale; 3) l elaborazione, la diffusione e l uso dei Manuali: 1) promuovere una maggiore collaborazione delle autorità competenti con gli operatori del settore per la produzione e la diffusione di Manuali semplificati per favorire l elaborazione dei piani di autocontrollo da parte delle PMI, puntando ad una loro maggiore specializzazione e ad una minore standardizzazione (verticalizzazione dei Manuali). 4) le registrazioni e la tenuta della documentazione: 1) uniformare e minimizzare le procedure di registrazione da parte delle Autorità pubbliche, sia utilizzando le informazioni disponibili, sia riducendo il carico amministrativo. Per l Italia è necessario introdurre un unica Dichiarazione Inizio Attività, uniformare e migliorare le procedure attuali. 5) la flessibilità 1) Promuovere maggiormente, da parte delle autorità competenti, la flessibilità, per quanto riguarda l identificazione dei punti critici di controllo, i metodi di sorveglianza, il modo di conservare i documenti per evitare oneri inutili sulle PMI e rendere possibile l applicazione del pacchetto igiene nelle piccole imprese secondo le loro caratteristiche e la loro produzione. 6) la formazione: 1) garantire, con iniziative a livello locale, una migliore possibilità ed opportunità di formazione sull HACCP per gli operatori delle microimprese. 7) la competitività: 1) sollecitare le Autorità competenti ad avvalersi di tutto il margine di flessibilità offerto dalla legislazione per non compromettere la competitività delle PMI; 2) promuovere, attraverso nuovi strumenti (Scoreboard periodici, Osservatorio europeo) una pratica efficace dell informazione agli operatori del settore alimentare e alle imprese e una trasparenza sulla diversità delle situazioni che ancora persistono negli Stati dell UE sull attuazione dei regolamenti. 3) incentivare, a livello nazionale, l adozione di buone pratiche che sono state verificate essere di grande vantaggio per le PMI nel garantire l igiene e la sicurezza alimentare per capitalizzarle a vantaggio di tutti e permettere così un miglioramento 13

14 complessivo del processo di attuazione dei regolamenti del pacchetto igiene in Europa; Sia l individuazione delle problematiche sia l indicazione delle esperienze positive danno il quadro delle condizioni di competitività delle PMI alimentari. Un quadro ancora lontano dall obiettivo del pacchetto igiene di costituire il level playing field, un ambiente in cui tutte le imprese in un dato mercato, in particolare quelle artigiane e le piccole imprese, seguono le stesse regole e possono avere le stesse condizioni per competere. Tuttavia, le esperienze positive realizzate in alcuni paesi per rendere attuabili i Regolamenti nelle PMI, le indicazioni emerse dalla ricerca possono suggerire quali scelte possono essere più idonee non solo per costruire il level playing field ma anche per renderlo adatto alle PMI per giocare la loro partita per la competitività. 14

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo Il Pacchetto igiene : la normativa europea cogente in materia di sicurezza alimentare Maria

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Alberto Mancuso POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Modena, 30 settembre 2004 Alberto Mancuso Le possibilità di semplificazione nell applicazione del

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

HACCP (Reg CE 852\04 )

HACCP (Reg CE 852\04 ) L'HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points) è un sistema di autocontrollo che ogni operatore nel settore della produzione di alimenti deve mettere in atto al fine di valutare e stimare pericoli

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

1 La politica aziendale

1 La politica aziendale 1 La Direzione Aziendale dell Impresa Pizzarotti & C. S.p.A. al livello più elevato promuove la cultura della Qualità, poiché crede che la qualità delle realizzazioni dell Impresa sia raggiungibile solo

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare

La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA REGOLAMENTAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DEGLI OBBLIGHI EMAS TRIESTE 10 DICEMBRE 2014 DOTT. ROBERTO CARIANI Presentazione

Dettagli

Decreto Interministeriale del 30.11.2012 Attuazione di quanto previsto dall art. 29 comma 5 del D.L.vo 81/08

Decreto Interministeriale del 30.11.2012 Attuazione di quanto previsto dall art. 29 comma 5 del D.L.vo 81/08 LE PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI NELLE PICCOLE IMPRESE Decreto Interministeriale del 30.11.2012 Attuazione di quanto previsto dall art. 29 comma 5 del D.L.vo 81/08 (Ma anche dall

Dettagli

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Energia, bolletta molto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

FORMAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI (D.LGS. 81/2008)

FORMAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI (D.LGS. 81/2008) FORMAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI (D.LGS. 81/2008) La normativa La società e i servizi di formazione Qualsiasi attività (aziende, studi professionali, negozi ecc.) che abbia almeno un

Dettagli

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004.

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004. PACCHETTO IGIENE L Unione Europea ha da sempre attribuito molta importanza all attività legislativa diretta a regolamentare la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, con l obiettivo primario di tutelare

Dettagli

ADEGUAMENTI NORMATIVI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

ADEGUAMENTI NORMATIVI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ADEGUAMENTI NORMATIVI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Con il Decreto Interministeriale del 30 Novembre 2012 sono state recepite le PROCEDURE STANDARDIZZATE per l effettuazione della valutazione dei rischi (art.

Dettagli

MOGS per le piccole e medie imprese: le novità introdotte dal D.M. 13 febbraio 2014. Dott.ssa Fabiana Maria Pepe

MOGS per le piccole e medie imprese: le novità introdotte dal D.M. 13 febbraio 2014. Dott.ssa Fabiana Maria Pepe MOGS per le piccole e medie imprese: le novità introdotte dal D.M. 13 febbraio 2014. Dott.ssa Fabiana Maria Pepe Con il decreto ministeriale 13 febbraio 2014 trovano attuazione le procedure semplificate

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

Modalità di controllo ufficiale nelle microimprese - 8 novembre 2013

Modalità di controllo ufficiale nelle microimprese - 8 novembre 2013 MODALITÀ DI CONTROLLO UFFICIALE NELLE MICROIMPRESE EMILIA ROMAGNA LIGURIA VALLE D AOSTA Procedure semplificate HACCP A. non svolgono alcuna attivitàdi preparazione, produzione o trasformazione di prodotti

Dettagli

CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT

CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT Introduzione Avvertenza preliminare: Il documento che segue è stato redatto dai servizi della direzione

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Giorgio Colato LA RIFORMA DELL AUTOTRASPORTO. IL FILO ROSSO CHE LEGA LA RESPONSABILITA, CONTRATTI E QUALITA

Giorgio Colato LA RIFORMA DELL AUTOTRASPORTO. IL FILO ROSSO CHE LEGA LA RESPONSABILITA, CONTRATTI E QUALITA LA RIFORMA DELL AUTOTRASPORTO. IL FILO ROSSO CHE LEGA LA RESPONSABILITA, CONTRATTI E QUALITA 1 Il Comitato Centrale cui obbligatoriamente devono iscriversi tutte le Aziende di autotrasporto, anche alla

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Valutazione dei rischi

Valutazione dei rischi Valutazione dei rischi Prossima scadenza il 31 maggio L adempimento che interessa le aziende con meno di 10 dipendenti Argomento Novità Riferimenti Il D. Lgs. n. 81/2008, Testo Unico della salute e sicurezza

Dettagli

Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino

Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino Introduzione La lotta a organismi infestanti quali roditori o insetti, viene spesso eseguita

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 REG. 854 /04 CE stabilisce norme specifiche per l'organizzazione

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO

SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO Artt. 28, 29, 34 e 37 del D.Lgs n. 81/2008 Accordi 21 dicembre 2011 in Conferenza Permanente tra Stato e Regioni e

Dettagli

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Maria Chiara Ferrarese Responsabile Divisione agro, food & packaging e Responsabile Progettazione e Innovazione,

Dettagli

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011 Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Linea di Intervento B Azione B2 Studi di Fattibilità Area Pianvallico Data: Giugno 2011 File rif.:.doc Tecnico: David Giraldi INDICE PREMESSA... 1 1. GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

Verifiche apparecchiature: problemi da risolvere o gestioni efficaci?

Verifiche apparecchiature: problemi da risolvere o gestioni efficaci? Verifiche apparecchiature: problemi da risolvere o gestioni efficaci? STUDIO TECNICO PROF. NERI s.r.l. Via Borghi Mamo N. 15-40137 Bologna - TEL. 051.441065 - FAX 051.443045 WWW.STUDIONERI.COM EMAIL:STUDIONERI@STUDIONERI.COM

Dettagli

Servizio di prevenzione e protezione dai rischi

Servizio di prevenzione e protezione dai rischi Servizio di prevenzione e protezione dai rischi Il DATORE di lavoro DESIGNA (oppure) INCARICA NOMINA Servizio INTERNO di prevenzione e protezione Servizio ESTERNO di consulenza alla sicurezza MEDICO competente

Dettagli

GLI INDICATORI AMBIENTALI

GLI INDICATORI AMBIENTALI GLI INDICATORI AMBIENTALI L identificazione e l utilizzo di adeguati indicatori ambientali si dimostra indispensabile per misurare e tenere sotto controllo il miglioramento delle prestazioni ambientali

Dettagli

Questionario sul Manuale per la sostenibilità

Questionario sul Manuale per la sostenibilità Questionario sul Manuale per la sostenibilità Deliverable 4.1 Deliverable Progetto I.M.A.G.I.N.E. MAde Green IN Europe Il progetto IMAGINE Il progetto IMAGINE è finalizzato alla sperimentazione e diffusione

Dettagli

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL ADOZIONE DEI PRINCIPI DI REVISIONE INTERNAZIONALI Settembre

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

METODOLOGIA PER L INDAGINE E LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO

METODOLOGIA PER L INDAGINE E LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L articolo 28 del Decreto Legislativo n 81/2008 introduce l obbligo per il Datore di Lavoro di valutare, insieme agli altri rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori,

Dettagli

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI MERCATI DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 giugno

Dettagli

ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE

ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE ALLEGATO 1 ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 marzo 2002, n. 282. Modalità di vigilanza in caso di autocontrollo. Formazione del personale alimentarista. Valutazione delle

Dettagli

POSIZIONE DEL COPA E DELLA COGECA SUI SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ NELL AMBITO DELLA CATENA ALIMENTARE

POSIZIONE DEL COPA E DELLA COGECA SUI SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ NELL AMBITO DELLA CATENA ALIMENTARE Comitato delle Organizzazioni Professionali Agricole dell'ue Confederazione Generale delle Cooperative Agricole dell UE PR(06)249F1 6 dicembre 2006 P(06)222F1 POSIZIONE DEL COPA E DELLA COGECA SUI SISTEMI

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI

normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI L esperienza ABI nell analisi di impatto economico della normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI Convegno Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO Supplemento n. 1 al periodico l Ar tigianato Anno LIX - N. 8 - Luglio 2008 Lavoratori autonomi e impresa familiare TAB. B - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv.

Dettagli

Informazioni sulla FSMA. (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Proposta di legge sull accreditamento di auditor terzi

Informazioni sulla FSMA. (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Proposta di legge sull accreditamento di auditor terzi Informazioni sulla FSMA (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Proposta di legge sull accreditamento di auditor terzi Riepilogo/sommario Il 26 luglio 2013 la FDA ha pubblicato una proposta

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare

Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare Job Area: I master di Alta Specializzazione Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare IL MASTER TI PREPARA A RIVESTIRE IL RUOLO DI ESPERTO NELLA PROGETTAZIONE,

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO SALUTE E SICUREZZA COSA FARE PRIMA DI INIZIARE L ATTIVITÀ A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO SALUTE E SICUREZZA COSA FARE PRIMA DI INIZIARE L ATTIVITÀ A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO SALUTE E SICUREZZA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORGANIZZA IL TUO LUOGO DI LAVORO... 3 SCOPRI A QUALE CLASSE DI RISCHIO APPARTIENE

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA COMPLETIAMO IL TUO PROCESSO POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA Rifra Masterbatches S.p.A. Via T. Tasso, 8 25080 Molinetto di Mazzano (BS) Tel. +39 030 212171 Fax +39 030 2629757 R.I. 01006560179

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di piccole che di medie e grandi dimensioni, una qualificata assistenza tecnica ed amministrativa, in ordine ai più diversi profili concernenti

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

Obiettivi e Strumenti

Obiettivi e Strumenti Libro verde sul quadro al 2030 per le politiche energetiche e climatiche Consultazione pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico Risposte Confindustria Confindustria considera il tema affrontato

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

Le linee guida ABI sull adeguatezza

Le linee guida ABI sull adeguatezza Le linee guida ABI sull adeguatezza La profilatura della clientela ai fini MiFID è il tema centrale delle Linee Guida ABI recentemente validate dalla Consob sull implementazione degli Orientamenti Esma

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

Corsi di formazione Haccp

Corsi di formazione Haccp Corsi di formazione Haccp La Normativa HACCP o Autocontrollo alimentare disciplina le regole di igiene nei luoghi di lavoro ove si preparano, si immagazzinano o si distribuiscono alimenti o bevande. Il

Dettagli

Management e Certificazione della Qualità

Management e Certificazione della Qualità Management e Certificazione della Qualità Prof. Alessandro Ruggieri A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Certificazione: normazione e accreditamento terminologia e concetti ISO 9001:2008 Introduzione e

Dettagli

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 07 maggio 2014 Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o MESSAGGIO MUNICIPALE No. 04/2014 Chiedente lo stanziamento di un credito d investimento di 50 000 Chf (iva esclusa)

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11

Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11 Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11 Regime di perequazione specifica aziendale per le imprese di distribuzione elettrica con meno di 5.000 punti di prelievo, ai sensi dell articolo 38, comma

Dettagli

GUIDA SICUREZZA IN AZIENDA. Febbraio 2013 Luglio 2013

GUIDA SICUREZZA IN AZIENDA. Febbraio 2013 Luglio 2013 GUIDA SICUREZZA IN AZIENDA Febbraio 2013 Luglio 2013 Tutte le Aziende italiane, nessuna esclusa, sono tenute ad ottemperare agli obblighi previsti dal D. Lgs. 81/2008 e dal successivo Accordo Stato-Regioni

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

Gestione del rischio. Ridurre la probabilità che si generi un danno per la salute

Gestione del rischio. Ridurre la probabilità che si generi un danno per la salute Gestione del rischio Ridurre la probabilità che si generi un danno per la salute AUTOCONTROLLO - DECRETO LEGISLATIVO 155/ 97 I principi su cui si basa l elaborazione di un piano HACCP sono 7: Identificare

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI

ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI REGOLAMENTO COMMISSIONE NAZIONALE FORMAZIONE SICUREZZA LAVORO VISTO lo Statuto

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art.

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. 87) CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO N 5 articoli (da art. 69

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH55 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA BS OHSAS 18001 E LA CERTIFICAZIONE

LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA BS OHSAS 18001 E LA CERTIFICAZIONE G E S T I R E LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA E LA CERTIFICAZIONE Premessa La sicurezza sui luoghi di lavoro è un argomento che da molto tempo è all attenzione del nostro Paese. Gli incidenti sui luoghi

Dettagli

Fig.1 - n Verifiche Ispettive completate nella Provincia di Ravenna presso gli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99

Fig.1 - n Verifiche Ispettive completate nella Provincia di Ravenna presso gli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99 Legge Regionale 17 dicembre 23 n.26: Verifiche Ispettive sui Sistemi di Gestione della Sicurezza degli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99 della Provincia di Ravenna Risultanze e commenti

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale. Veterinaria - Settore LA GIUNTA REGIONALE

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale. Veterinaria - Settore LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Piano Regionale dei Controlli integrati in materia di sicurezza alimentare 2007-2010. N. 547 IN 23/05/2008 LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA Visto il Regolamento (CE) n. 178/2002

Dettagli

Settembre 2015. MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP

Settembre 2015. MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP Settembre 2015 MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP Francesca Scacchi e Giuseppe Zaghini, Vigilanza su mercati e Servizi di Investimento, Federcasse La Direttiva 2014/65/UE (di seguito

Dettagli

Sicurezza sul Lavoro

Sicurezza sul Lavoro Sicurezza sul Lavoro Azzerare i rischi potenziali e coprire i bug di sistema, questi e non solo i principali vantaggi di una consulenza esterna in materia di sicurezza sul lavoro. Per ottenere performance

Dettagli

Misurazione degli oneri amministrativi per le piccole e medie imprese (5-249 addetti)

Misurazione degli oneri amministrativi per le piccole e medie imprese (5-249 addetti) Misurazione degli oneri amministrativi per le piccole e medie imprese (5-249 addetti) La regolamentazione è lo strumento più importante adottato da una nazione per tutelare gli interessi collettivi e realizzare

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo misura investimenti. Regolamento (CE) n. 1308/2013 articolo 50. Bando annualità 2016. DGR/CR n. 96 del 19/11/2015. NOTA PER LA TRASPARENZA:

Dettagli

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Informazioni sulla FSMA (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Riepilogo/sommario

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 23 LUGLIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 23 LUGLIO 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 15 giugno 2007 - Deliberazione N. 1006 - Area Generale di Coordinamento N. 11 - Sviluppo Attività Settore Primario - "Istituzione dell'albo delle strutture

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI

RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE Anno 2014 (Art. 7, comma 3, legge 11 novembre

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA Al Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Al Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Al Ministro dell Economia e delle Finanze Per

Dettagli

INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE Azioni correttive e preventive 1 10/01/08 1 9 INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 4.

Dettagli