Le strategie del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per la sicurezza stradale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le strategie del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per la sicurezza stradale"

Transcript

1 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Sergio Dondolini Le strategie del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per la sicurezza stradale [2003] Pubblicato in Aspetti sanitari della sicurezza stradale, a cura di Franco Taggi, Istituto Superiore di Sanità, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Roma, 2003, pp Il contenuto di questa pubblicazione può essere utilizzato citando la fonte nel modo seguente: Sergio Dondolini, "Le strategie del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per la sicurezza stradale", in Aspetti sanitari della sicurezza stradale, a cura di Franco Taggi, Istituto Superiore di Sanità, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Roma, 2003, pp

2 Le strategie del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per la sicurezza stradale* Sergio Dondolini Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, Dipartimento dei trasporti terrestri e dei sistemi informativi e statistici, Direzione Generale della motorizzazione e della sicurezza del trasporto terrestre Premessa La circolazione stradale nel nostro Paese registra annualmente circa morti, più di un milione di feriti, invalidi con un costo sociale di circa 20 miliardi di Euro. Questo tragico bilancio corrisponde ad un trend che da molti anni a questa parte è rimasto sostanzialmente stabile: il che sta ad evidenziare che le iniziative che fino ad oggi si è cercato di attivare non hanno conseguito i risultati auspicati. Si tratta dunque di vedere nell ambito di un contesto caratterizzato dalla presenza di circa 45 milioni di veicoli (un veicolo ogni 1,7 abitanti: stessa densità degli Stati Uniti) e oltre 35 milioni di abilitati alla guida quali azioni si debbano perseguire per centrare quell obiettivo che l attuale Governo sente come un dovere prioritario e cioè una decisa riduzione della incidentalità. Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale (PNSS) La piena consapevolezza della centralità del tema della sicurezza stradale e della necessità di affrontarlo in modo sistematico e strutturale è maturata solo negli ultimi anni. La legge 144 istitutiva del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale promulgata nel 1999 è la testimonianza evidente del ritardo con cui è stata presa piena coscienza del problema e della necessità di predisporre uno strumento pianificatorio per affrontarlo. * Estratto dal documento predisposto dal Dipartimento dei trasporti terrestri per l audizione del 27 febbraio 2003 del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti sulle questioni concernenti la sicurezza stradale presso la IX Commissione della Camera dei Deputati. 19

3 La definizione del documento ha seguito un complesso iter procedurale che ha fatto ampiamente ricorso a procedimenti di concertazione e verifica con i numerosi soggetti competenti sulla materia. In particolare, a tal fine è stato necessario istituire due organismi i cui lavori hanno avuto una fase di avvio più lenta, dovendo tenere conto dell intervenuta riforma del titolo V della Costituzione e del conseguente passaggio di numerose competenze alle Regioni: la Consulta Nazionale per la Sicurezza Stradale, alla quale partecipano le rappresentanze delle imprese e delle parti sociali, costituita tramite un accordo con il CNEL; il Comitato Nazionale per la Sicurezza Stradale, al quale partecipano tutte le istituzioni interessate (Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (MIT), Ministero dell interno, Ministero della salute, Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca, Ministero dell ambiente e della tutela del territorio, ANCI, UPI, Conferenza delle Regioni); Al termine del complesso iter procedurale, nel mese di novembre del 2002 si raggiunge una piena intesa tra Governo centrale e rappresentanti dei Governi regionali, delle Province e dei Comuni, sui termini della attuazione del Piano. Il 29 novembre 2002 il CIPE approva contestualmente il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale e il primo programma di attuazione. Obiettivi e contenuti del piano Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale ha l obiettivo di ridurre il numero delle vittime degli incidenti stradali del 40% in un decennio. Tale obiettivo, sulla base delle indicazioni della Commissione europea, è stato adottato da tutti i Paesi dell UE, con poche eccezioni che hanno adottato un più impegnativo obiettivo di ridurre il numero di morti del 50%. La strategia fondamentale del Piano può essere riassunta in tre punti: a) sviluppo di un azione immediata sulle situazioni a maggior rischio e dove sussistono le condizioni tecniche e organizzative per poter avviare subito gli interventi, a tale proposito il Piano individua le strade a massimo rischio, le tipologie di utenti della strada che risultano più vulnerabili (giovani e anziani), i tipi di mobilità che determinano le più elevate quote di vittime (i tragitti casa lavoro) e propone di intervenire prioritariamente in tali situazioni; b) rafforzamento delle strutture tecniche e della strumentazione necessaria per governare efficacemente la sicurezza stradale, a tale proposito il Piano evidenzia come sia necessario un notevole impegno sul piano conoscitivo e, soprattutto, sul piano degli strumenti tecnico-amministrativi per recuperare un ritardo che sta diventando sempre più ampio (negli ultimi dieci anni l Italia ha ridotto il numero di vittime dell 8%, il tasso più basso tra tutti i Paesi sviluppati, nell UE il tasso medio di riduzione è di poco infe- 20

4 riore al 30%, alcuni Paesi hanno ampiamente superato il 40%, in sostanza il nostro Paese deve passare da una velocità di riduzione dello 0,8% ad una velocità cinque volte superiore, 4,0% annuo, e tale cambiamento non appare raggiungibile senza un adeguata riorganizzazione e un efficace sviluppo delle strutture tecniche, dei processi decisionali, della strumentazione); c) coinvolgimento delle imprese e delle parti sociali nella attuazione del Piano e nella verifica dei risultati delle azioni intraprese (la sicurezza stradale da un lato è questione che riguarda tutto il Paese nel suo complesso, imprese, famiglie e istituzioni, e dall altro rappresenta un problema che può essere risolto solo con la piena adesione e collaborazione di tutte le componenti sociali; per realizzare tale coinvolgimento in modo efficace e proficuo il Piano individua le necessità di creare una nuova cultura della sicurezza stradale e cioè una maggior consapevolezza del problema e soprattutto una nuova consapevolezza su come ciascuna componente sociale, ciascun settore produttivo, ciascuna istituzione possa concretamente concorrere al miglioramento della sicurezza stradale). Per concretizzare tale strategia il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale definisce: a) cinque linee di azione di primo livello 1) messa in sicurezza delle strade extraurbane a massimo rischio (individuate attraverso opportune analisi ed elencate nell Allegato Tecnico del Piano) 2) miglioramento della sicurezza nelle zone urbane ad elevata incidentalità (si ricorda che il 42% dei morti e il 72% dei feriti si determina su strade urbane); 3) provvedimenti a difesa degli utenti a rischio (giovani, anziani, pedoni, ciclisti, conducenti di motocicli); 4) rafforzamento e intensificazione dell azione di contrasto e repressione dei comportamenti di guida ad elevato rischio (tale azione, per essere sviluppata con piena efficacia, richiede anche una modificazione dell attuale normativa); 5) gestione dei limiti di velocità; b) dodici linee di azione di secondo livello 1) riorganizzazione e sviluppo di strutture tecniche e strumenti a supporto dell azione di governo della sicurezza stradale, ivi compresa la costruzione di una rete di monitoraggio nazionale, regionale e locale); 2) costruzione di una nuova cultura della sicurezza stradale (riferita alla popolazione in età scolare, agli adulti, ai tecnici delle amministrazioni competenti in materia, ai responsabili delle imprese che operano nel campo delle reti e dei servizi di trasporto e, anche, ai decisori delle politiche di sicurezza stradale); 3) rafforzamento dell azione generale di prevenzione, controllo e repressione (con particolare riferimento ad un maggior coordinamento tra le forze di polizia e ad una maggiore finalizzazione dell azione verso la sicurezza 21

5 stradale); 4) miglioramento e riorganizzazione dell azione del sistema sanitario nazionale; 5) messa in sicurezza di sistemi stradali e sistemi di mobilità (interventi integrati a livello comunale e provinciale); 6) miglioramento della qualità della rete e sviluppo della manutenzione programmata (analisi del rischio, individuazione dei cicli di obsolescenza e delle soglie critiche, programmazione degli interventi con ottimizzazione del rapporto tra spesa e risultati in termini di riduzione dei livelli di rischio, etc.); 7) sviluppo del sistema assicurativo affinché possa contribuire al miglioramento della sicurezza stradale; 8) miglioramento della sicurezza del parco veicoli; 9) rafforzamento dei livelli di sicurezza per il guidatori professionali e, più in generale, per tutti coloro che guidano per motivi di lavoro e creazione di condizioni di maggiore sicurezza per la mobilità casa-lavoro; 10) riorganizzazione del trasporto collettivo al fine di rafforzarne il contribuito al miglioramento della sicurezza stradale; 11) creazione di condizioni di maggiore sicurezza per il settore del trasporto e distribuzione merci su gomma; 12) elaborazione di un Piano di aree di sosta e servizio per l autotrasporto. Ogni linea di azione viene articolata in diverse attività o campi di intervento specifici che descrivono in concreto gli interventi da realizzare. Costi e benefici del piano Per realizzare le azioni sopra indicate nell arco di un decennio e per raggiungere l obiettivo della riduzione delle vittime degli incidenti stradali del 40% il Piano stima un fabbisogno finanziario complessivo di circa milioni di euro, in linea con il volume di investimenti in sicurezza stradale realizzato dalla maggior parte dei Paesi dell UE. L ipotesi di copertura del fabbisogno potrà essere soddisfatto in parte attraverso investimenti aggiuntivi ( milioni di Euro) e in parte attraverso la rifinalizzazione verso interventi di miglioramento della sicurezza stradale della spesa in reti e servizi di trasporto (7.500 milioni di Euro). Gli investimenti aggiuntivi, nello scenario delineato dal Piano, si ripartiscono tra Governo centrale (7.150 milioni di Euro, sempre in dieci anni), Regioni, Province e Comuni (3.250 milioni di Euro), Società concessionarie dei servizi autostradali (1.200 milioni di Euro), investimenti del settore privato derivanti da accordi di partenariato (400 milioni di Euro). Nell arco del decennio, l investimento annuale evolve da meno di 300 milioni di Euro nel primo anno di attuazione a oltre milioni di Euro nell ultima fase, in relazione al progressivo sviluppo delle capacità tecniche e di spesa di tutti i soggetti coinvolti nell attuazione del Piano. 22

6 A fronte di tale spesa si stima un beneficio economico (derivante dalla riduzione dei costi sociali determinati dagli incidenti stradali) di oltre milioni di Euro. Si evidenzia dunque che migliorare la sicurezza stradale non costituisce solo un impegno (un obbligo) etico e sociale ma anche un azione economicamente vantaggiosa per tutto il Paese e, in particolare, per le Amministrazioni pubbliche, per le imprese (che subiscono notevoli danni economici a causa degli incidenti stradali) e per le famiglie. Il primo programma annuale di attuazione Il primo Programma Annuale di Attuazione seleziona 15 azioni specifiche che vengono considerate particolarmente urgenti e la cui attuazione può essere avviata subito. Tali azioni sono: 1) messa in sicurezza delle strade extraurbane a massimo rischio; 2) messa in sicurezza delle zone urbane ad alta incidentalità; 3) manutenzione programmata della rete extraurbana al fine di migliorare i livelli di sicurezza; 4) moderazione del traffico e riqualificazione urbana per migliorare la sicurezza stradale, con particolare riferimento agli utenti più vulnerabili (anziani, pedoni, ciclisti, giovani, etc.); 5) rafforzamento dell azione di informazione e delle campagne di sensibilizzazione ai valori della sicurezza stradale; 6) rafforzamento e miglioramento dell azione di educazione stradale nelle scuole; 7) miglioramento della sicurezza stradale nei tragitti casa-lavoro; 8) riorganizzazione del trasporto collettivo per rafforzarne il contributo alla sicurezza stradale; 9) miglioramento del contributo del sistema assicurativo alla sicurezza stradale; 10) creazione di centri di pianificazione, programmazione e monitoraggio della sicurezza stradale a livello comunale e provinciale; 11) creazione di uffici di polizia locale dedicati esclusivamente al miglioramento della sicurezza stradale e collegata formazione professionale; 12) interventi integrati su rete, mobilità, regolamentazione del traffico, coordinamento e sviluppo dell azione di controllo, prevenzione e repressione, etc.; 13) progetti pilota per la redazione e attuazione di Piani o programmi integrati a livello comunale o intercomunale o provinciale; 14) elaborazione di intese e convenzioni tipo per incentivare forme di partenariato pubblico-privato; 15) definizione dell architettura della rete di monitoraggio sulla sicurezza stradale, sull attuazione del Piano e sui risultati da questo conseguiti. Tutte queste azioni potranno essere realizzate da Comuni, Province e 23

7 Regioni (se proprietarie di strade) in relazione a indirizzi, criteri e parametri fissati dal Programma. Principi di riferimento del programma Regioni, Province e Comuni, nell allocazione delle risorse e nell attuazione degli interventi, dovranno uniformarsi ai seguenti principi di riferimento: 1. premialità dei finanziamenti sulla base di criteri di merito (efficacia, tempestività, etc.); 2. proporzionalità dell impegno finanziario al danno sociale e cioè, intervenire con maggiori risorse laddove il numero delle vittime degli incidenti stradali è più elevato); 3. specificità e aggiuntività e cioè, finanziare interventi dedicati in modo esclusivo al miglioramento della sicurezza stradale e impiegare le risorse del Programma in modo aggiuntivo al fine di aumentare il monte complessivo di risorse che afferiscono al settore della sicurezza stradale; 4. priorità e cioè, intervenire in via prioritaria nelle situazioni con i più gravi fattori di rischio; 5. intersettorialità e completezza e cioè, favorire, a parità di altre condizioni, gli interventi che: a. intervengono su tutti i fattori di rischio; b. coinvolgono tutti i soggetti (pubblici e privati) che possono contribuire al miglioramento della sicurezza stradale. Le risorse del primo programma e i meccanismi di allocazione Le risorse finanziarie per l attuazione del primo Programma Annuale sono quelle rese disponibili dalla legge n 488/99 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato), art. 56, pari, per l anno 2002, a circa 130 milioni di Euro, sotto forma di cofinanziamento agli enti proprietari delle strade - ad eccezione della rete stradale statale per la quale il meccanismo di finanziamento è indicato dall art. 32 della legge n.144/99 e dall ultima finanziaria - e dalle risorse proprie di Comuni e Province, valutabili in circa 150 milioni di Euro. Nel complesso, dunque, il primo Programma Annuale di Attuazione del Piano dovrebbe attivare circa 280 milioni di Euro. Il meccanismo di base di allocazione delle risorse indicato dal programma è il seguente: a) Il Governo nazionale, tramite il Programma Annuale di Attuazione, fissa i principi di riferimento, gli indirizzi, i parametri e i criteri per la selezione delle proposte di miglioramento della sicurezza stradale che rientrino in uno dei campi di intervento sopra elencati. b) Sempre il Governo nazionale ripartisce le risorse di cui alla legge n.488/99 (130 milioni di Euro) tra le Regioni in modo proporzionale al danno sociale determinato dagli incidenti stradali (costo sociale dei morti e dei feriti da incidenti stradali). La ripartizione è già indicata nel programma. 24

8 c) Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Regioni, Province e Comuni concordano criteri e parametri per la selezione delle proposte da finanziare e per la concreta attuazione del Piano. d) Le Regioni, sulla base degli indirizzi del Programma e in conformità ai criteri e parametri sopra indicati, emanano bandi regionali (o altri meccanismi di scelta delle proposte) e attribuiscono le risorse alle proposte che offrono maggiori garanzie di efficacia e tempestività. Regioni, Province e Comuni costituiscono le Commissioni regionali per la scelta delle proposte da finanziare. Si segnala infine che il programma definisce anche i massimali di cofinanziamento sia in valore assoluto (somma massima erogabile come finanziamento dello Stato), sia in valore percentuale (quota massima di partecipazione delle risorse statali ai costi dell intervento) attraverso un attenta graduazione che tiene conto della effettiva capacità di investimento delle diverse tipologie di Province e Comuni e tende a trovare un soddisfacente equilibrio tra l esigenza della massima diffusione degli incentivi (in modo da innescare il più ampio processo di rafforzamento della sicurezza stradale) e l esigenza di dimensionare gli incentivi in modo che questi determinino una reale innovazione nei processi di miglioramento della sicurezza stradale (dimensionando quindi gli incentivi in modo da superare una soglia minima al di sotto della quale non si innescherebbero degli efficaci processi di riorganizzazione, sviluppo e innovazione). Tali massimali potranno essere modificati dalle Regioni in relazione a particolari e specifiche caratteristiche dell incidentalità regionale. Allo stato attuale i massimali indicati dal Programma dovrebbero consentire il cofinanziamento di interventi, a seconda della composizione e delle caratteristiche delle proposte. Studi e ricerche sui fattori umani e infrastrutturali E allo studio un progetto, da completare nel breve-medio periodo, che si fonda sulla realizzazione e interazione di due banche di dati, una volta all analisi dei fattori di rischio derivanti dalle condizioni socio-sanitarie, epidemiologiche e biomeccaniche (quest ultime in particolare sugli utenti deboli quali anziani, portatori di disabilità) associate ai comportamenti del guidatore negli incidenti stradali, l altra che verrà popolata da una messe di dati sugli incidenti stradali la quale, georeferenziandosi attraverso un ulteriore interrelazione con un dettagliato archivio delle strade a rilevanza nazionale e locale, consentirà la realizzazione di una puntuale mappa di rischio infrastrutturale. L interazione tra le banche dati permetterà il continuo costante monitoraggio del fenomeno dell incidentalità e sulle cause da cui lo stesso origina, sia di tipo comportamentale che di natura infrastrutturale, consentendo inoltre: un miglioramento nel governo degli interventi di primo e di pronto soc- 25

9 corso; uno sviluppo mirato di metodiche di riabilitazione; una mappatura dei punti cosiddetti critici della rete viaria; una programmazione mirata di interventi sulle infrastrutture a rischio; una campagna formativa e di educazione stradale più mirata rivolta sia agli utenti che agli addetti istituzionali e non; lo sviluppo di un processo di scambio di informazioni e raccomandazioni tecniche con l industria dell auto; la proposta di nuove normative di natura tecnica o sanzionatoria da avanzare presso le sedi istituzionali che si rendessero necessarie a fronte degli sviluppi delle nuove conoscenze; una verifica in termini di benefici economici diretti ed indiretti per la collettività dati dai nuovi approcci. Lo studio prende le mosse dagli obiettivi indicati dal PNSS (Piano Nazionale Sicurezza Stradale). L esigenza nasce dalla consapevolezza che manca un panorama italiano in merito all analisi dei fattori umani per la sicurezza stradale ed un confronto con lo stato dell arte in Europa In questo senso il Dipartimento dei Trasporti Terrestri del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (MIT) sta analizzando l opportunità di realizzare un Centro Studi e Ricerche sui Fattori Umani ed Infrastrutturali nella Sicurezza Il progetto vede la presenza di promotori istituzionali tra i quali, oltre il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, quelli degli Interni, della Salute, dell Istruzione, la partecipazione delle autonomie locali, la presenza di partner quali l Istituto Superiore di Sanità, l ISTAT, l ACI, Associazioni di costruttori, di operatori di settore e vari Istituti di cura e riabilitazione. Di seguito si offre un maggior dettaglio, rispetto alla premesse, delle ipotesi di sviluppo. Obiettivi specifici: 1. Miglioramento della conoscenza, attraverso una raccolta di dati tempestiva, qualitativa e completa sull incidentalità; 2. Identificazione e quantificazione dei fattori di rischio della sicurezza stradale da un punto di vista causale, epidemiologico e biomeccanico; 3. Sviluppo di supporti tecnico-modellistici alle attività di prevenzione messe in atto e sviluppo prototipale di nuove strategie, con particolare riferimento agli aspetti sanitari ed alla disabilità; 4. Valutazione dell impatto socio-sanitario delle azioni di prevenzione promosse sul territorio e quantificazione delle corrispondenti ricadute economiche; 5. Istituzione di corsi di formazione e aggiornamento per il personale del MIT, del Ministero della salute, del Servizio Sanitario Nazionale (diparti- 26

10 menti prevenzione delle ASL) e di altre Istituzioni sul problema della sicurezza stradale. Per ogni obiettivo specifico corrisponde una linea di attività di studio e ricerca. Linee di attività di studio e ricerca 1. Raccolta di dati dalle Autorità di vigilanza (polizia stradale, carabinieri, vigili urbani, ecc.) e mediante accesso diretto ai Centri ospedalieri e di Pronto Soccorso. I primi sono gli stessi dati che andranno a popolare anche la Banca Dati su gli incidenti stradali in realizzazione presso il CED del Dipartimento dei Trasporti Terrestri del MIT. I dati relativi alle caratteristiche geometriche e di traffico della infrastruttura stradale nel luogo dell incidente andranno ad alimentare l apposita banca dati curata dall ACI attraverso l Osservatorio per la sinistrosità stradale. Tali dati dovranno essere opportunamente georeferenziati, attraverso ad esempio l incrocio degli stessi con la Banca Dati costituita dall Archivio Nazionale delle Strade in corso di realizzazione da parte del Dipartimento delle Opere Pubbliche e dell Edilizia del MIT. Altre fonti di dati potranno essere costituite dalle Commissioni Medicolocali per le patenti, nonché da quelle provenienti dagli Istituti Assicurativi. Con i vari dati si andranno ad analizzare la gravità, in termini di mortalità, invalidità, traumi secondari degli incidenti stradali. 2. Elaborazione dei dati (infrastrutturali e umani) Dati infrastrutturali Attraverso l elaborazione dei dati infrastrutturali si potrà migliorare la conoscenza della localizzazione degli incidenti mediante ampliamento e manutenzione della Tabella strade ed implementazione della Tabella Strade Provinciali. Dalla georeferenziazione degli incidenti sarà possibile produrre mappe tematiche dell incidentalità stradale. Dati umani Attraverso l elaborazione dei dati potranno essere analizzati la tipologia e gli aspetti biomeccanici degli incidenti, le caratteristiche e l efficacia biomeccanica dei dispositivi di sicurezza offrendo in tal modo un forte contributo nella ricerca costruttiva dei veicoli ed allo sviluppo di una conseguente mirata evoluzione normativa. Ancora l elaborazione dei dati condurrà ad offrire un quadro sistemico sui comportamenti a rischio, sulle caratteristiche psicofisiche dell utenza anche con riferimento ai soggetti portatori di disabilità (anche mediante utilizzo di metodiche neuro-psicologiche e di simulatori di guida), sulla distribuzione nella popolazione di patologie e situazioni invalidanti di interesse per la guida, sui comportamenti a rischio con particolare riguardo ai giovani ed alle 27

11 altre fasce d utenti deboli (guida aggressiva, disturbi dell attenzione, mancato utilizzo del casco e delle cinture, uso del cellulare, sonnolenza, stanchezza, influsso dell alcol e di sostanze stupefacenti e di farmaci, rischi associati all età ed a particolari condizioni patologiche). Tutto ciò permetterà anche un affinamento delle azioni di prevenzione e della normativa di sostegno alle stesse. 3. Sviluppo di un supporto tecnico-modellistico Lo sviluppo di un supporto tecnico-modellistico, consentirà azioni tese al miglioramento della gestione del Primo Soccorso e del Pronto Soccorso con conseguente positiva ricaduta sulla riduzione delle conseguenze dell incidente stradale e sul miglioramento della tempestività delle procedure di riabilitazione. Azione sinergica con quelle appena dette potrà svilupparsi avviando un processo di riabilitazione alla guida anche per utenti definitivamente portatori di disabilità da effettuarsi con prove reali su apposito circuito di prova e su simulatori. 4. Impatto socio-sanitario I modelli matematici di cui al punto 3, permetteranno inoltre un costante e continuo controllo di dati osservazionali e di indicatori mediante i quali potrà essere apprezzata l efficacia dei nuovi approcci sanitari, delle mirate azioni preventive accompagnate dalla necessaria normativa come detto al punto 2, valutando l incidenza che questi avranno sui costi associati agli incidenti stradali in termini di benefici economici diretti ed indiretti sulla collettività. 5. Formazione e aggiornamento I corsi di formazione e di aggiornamento costituiranno per il Centro, un momento fondamentale per la diffusione e la divulgazione a tutte le istituzioni ed enti a vario titolo interessati, delle nuove metodiche, dei nuovi approcci, delle azioni di prevenzione. Tali corsi dovranno essere accompagnati dall indizione di convegni, dalla produzione di materiale formativo-informativo, dalla produzione di libri, di rapporti ecc.. Va a questo punto detto che esistono già numerose realtà organizzate che per singole tematiche hanno già conseguito notevoli risultati, ancorché parziali rispetto al tema di più ampio respiro illustrato in queste pagine. Tali progetti già in corso potrebbero confluire nell attività del Centro ed in questo senso sono stati avviati contatti con le realtà Istituzionali e non, titolari dei detti progetti, registrando un ampio consenso al riguardo. Se ne illustra a seguire un campione rappresentativo. 28

12 Progetti a carattere permanente OGGETTO Valutazione in tempo reale della mortalità per incidente stradale Valutazione in tempo reale dei ricoveri per incidente stradale Valutazione in tempo reale degli accessi al Pronto Soccorso per incidente stradale Valutazione in tempo reale dell incidenza di traumi particolarmente invalidanti secondari a incidente stradale Valutazione in tempo reale della tipologia dei soggetti presenti negli istituti di riabilitazione per traumi cranici e spinali secondari a incidente stradale Sorveglianza in tempo reale su scala nazionale dell uso casco e cinture (sistema nazionale ULISSE) Indagine annuale multirischio per studenti delle scuole superiori italiane (Progetto AMR/Scuole) Monitoraggio e miglioramento delle attività commissioni medico-legali (progetto COMPATT) Sito web Riabilitazione alla guida del traumatizzato cranioencefalico Alcol, droghe ed incidenti stradali (entro il 2003 sono previsti più di 5000 test sulla saliva in conducenti infortunati in incidenti stradali) Analisi e valutazione dei dati raccolti nei centri di mobilità FIAT AUTO su soggetti disabili in prove su simulatore METODOLOGIA Progetto DATIS (ISS) e ISTAT Progetto DATIS (ISS) Progetto DATIS e collegamento con il Sistema SINIACA (ISS e Regioni) Progetto DATIS (ISS) e Società di Medicina Progetto DATIS e progetto COMASS (ISS) e dall IRCCS Fondazione Santa Lucia e dalle Società di medicina della riabilitazione Progetto DATIS (ISS) e dal MIT attualmente funzionante a cadenza mensile Progetto DATIS (ISS) e Progetto EPIV (ISS) Gruppo di lavoro V Mobilità, Ministero della Salute Realizzato da MIT e ISS nel progetto DATIS Progetto COMASS in coll. tra MIT, ISS, IRCCS Fondazione Santa Lucia, Fiat Auto Programma Autonomy Ramo del progetto EPIV (Epidemiologia e prevenzione degli incidenti e della violenza) dell ISS Progetto CMFIAT Centri di Mobilità Fiat 29

13 Esempi di attività e di progetti che potrebbero essere attivati nel medio-termine: Studi mirati alla misurazione della Capacità di guida, valutate attraverso simulatori (VCR) e prove di guida secondo specifici parametri, i cui risultati potranno essere recepiti ai fini del miglioramento degli standard di una soglia minima di accesso alla patente di guida; Realizzazione nell ambito del Centro di una Pista che permetta le attività di guida di una vettura standard o modificata appositamente per disabili. La pista potrà essere usata nell ambito delle valutazioni di efficacia di metodologie per l educazione stradale e per le prove di guida e potrà essere punto di riferimento nazionale per tutti gli enti pubblici che intendono sostenere ed incentivare tale attività; Corsi di Formazione e Aggiornamento. Si riassumono infine i prodotti conseguibili con l attività del Centro: Prodotti del Centro destinati ad una molteplicità di enti ed istituzioni Banca dati su: - mortalità, ricoveri, accessi al Pronto Soccorso, incidenza di traumi particolarmente invalidanti, dati descrittivi per determinare cause degli incidenti stradali; - localizzazione incidenti stradali; Mappe tematiche sull incidentalità stradale; Report periodici sull attività di studio e ricerca condotta; Raccomandazioni tecniche da avanzare presso l industria dell auto; Raccomandazioni tecniche e proposte di normativa da avanzare presso le sedi istituzionali competenti; Sviluppo di nuove strategie per aspetti sanitari e utenze deboli. Prodotti del Centro di specifico interesse per il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti Banca dati descrittiva delle cause degli incidenti stradali (interconnessione tra la Banca dati degli incidenti del CED del Dipartimento dei Trasporti Terrestri del MIT, la banca dati dell ACI per la localizzazione e caratteristiche infrastrutturali del luogo dell incidente e la Banca Dati Archivio Nazionale delle Strade del Dipartimento delle Opere Pubbliche e dell Edilizia del MIT); Raccomandazioni tecniche da avanzare presso l industria dell auto; Raccomandazioni tecniche e proposte di normativa da avanzare presso le diverse sedi istituzionali competenti; Report sul monitoraggio dei risultati conseguiti per il raggiungimento degli obiettivi. 30

Ministero dei lavori pubblici

Ministero dei lavori pubblici Ministero dei lavori pubblici ISPETTORATO GENERALE PER LA CIRCOLAZIONE E LA SICUREZZA STRADALE Prot. n. 3698 Alle Amministrazioni Comunali Loro Sedi Oggetto: Linee guida per la redazione dei piani urbani

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali Convegno PREVENZIONE E SALUTE UN BINOMIO INSCINDIBILE SANIT Roma, 25 giugno 2009 Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali I Ciaramella SISP - ASL RM B In collaborazione con D D

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO INDICE PREMESSA 4 1. IL MECCANISMO DI INCENTIVAZIONE LEGATO AGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO DEL QSN 2007-2013

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive Parte I N. 19 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 19-6-2012 4849 Contenzioso n. 160 - Tribunale di Potenza - Procedimento penale n. 3608/08 - R.G.N.R. n. 485/09 R.G.GIP - Costituzione in

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ANALISI DEGLI EFFETTI SULL OCCUPAZIONE DEGLI INTERVENTI (*)

LINEE GUIDA PER L ANALISI DEGLI EFFETTI SULL OCCUPAZIONE DEGLI INTERVENTI (*) LINEE GUIDA PER L ANALISI DEGLI EFFETTI SULL OCCUPAZIONE DEGLI INTERVENTI (*) settembre 2001 INDICE 1 Contenuti generali e finalità del criterio Qualità del sistema di valutazione degli effetti sull occupazione

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Premessa: obiettivi del documento

Premessa: obiettivi del documento Proposte della Commissione consultiva permanente per una strategia nazionale di prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali Premessa: obiettivi del documento Il presente documento

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli