Swiss Infant Feeding Study SWIFS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Swiss Infant Feeding Study SWIFS"

Transcript

1 Swiss Infant Feeding Study SWIFS Ricerca nazionale sull'alimentazione della prima infanzia e sulla salute materna e pediatrica nel primo anno di vita Premessa I molteplici benefici per lo sviluppo e la salute del bambino e sulla salute materna esercitati dall'allattamento al seno 1,2 inducono l'oms a raccomandare l'allattamento al seno esclusivo per i primi sei mesi di vita. La Società Svizzera di Pediatria concorda con questa indicazione, pur raccomandando tuttavia l'introduzione di alimenti di proseguimento già a partire dal quinto mese di vita 3. In Svizzera sono stati condotti dei sondaggi sulla frequenza e durata del periodo di allattamento nel corso di due ricerche svolte su scala nazionale: nel 1994 (Conzelmann ) e nel 2003 (Merten , Dratva , Dratva 2006a 7 ). Lo svolgimento di una ricerca su allattamento e alimentazione per lo svezzamento è programmato secondo un intervallo di dieci anni. L'iniziativa lanciata congiuntamente da OMS/UNICEF per gli ospedali rientranti nella tipologia Baby-friendly Hospital (BFH) è stata accolta dalla Svizzera nel 1994 e nelle cliniche con certificazione BFH (BFH Label) a partire dal 1999 è stato effettuato un monitoraggio che documenta l'inizio dell'allattamento al seno, l'evoluzione dell allattamento dopo le dimissioni ospedaliere e i quattro indicatori di promozione dell'allattamento al seno (Merten ). In Svizzera è stato dimostrato che frequenza e durata dell'allattamento sono superiori negli ospedali con certificazione BFH rispetto agli ospedali che ne sono privi (Merten ,10 ). La percentuale dei bambini alimentati esclusivamente con allattamento al seno, ha subito un incremento negli ultimi dieci anni negli ospedali appartenenti alla tipologia BFH (Forrester-Knaus ). 2. Obiettivi La terza ricerca su scala nazionale "Allattamento al seno e alimentazione della prima infanzia" deve perseguire i seguenti obiettivi: 1. Proseguimento del monitoraggio dell'allattamento al seno (a scadenza decennale) ai sensi delle direttive europee / rapporto dell OMS e in comparazione con entrambe le ricerche su scala nazionale del 1994 e del Proseguimento del monitoraggio dell'alimentazione dei lattanti su scala nazionale, con inclusione della frequenza e durata dell'allattamento al seno e del momento di introduzione dell'alimentazione di proseguimento. 3. Individuazione dei fattori determinanti nell'alimentazione dei lattanti. 4. Individuazione delle patologie e dei problemi di salute materni e pediatrici più rilevanti. 1

2 5. Valutazione della qualità dell offerta di consulenza e orientamento sulla base delle opinioni delle madri. 3. Formulazione del questionario della ricerca su allattamento al seno e alimentazione della prima infanzia 3.1. Monitoraggio dell'allattamento al seno Nell'ambito del monitoraggio dell'allattamento al seno, ci si propone innanzitutto di rilevare la frequenza e la durata dell'allattamento al seno in Svizzera in modo da poter anche compiere un analisi comparativa con i sondaggi svolti nel 1994 e nel 2003 e da poter stendere un rapporto internazionale. Gli indicatori-chiave secondo l'oms sono: bambini a suo tempo allattati al seno, allattamento al seno parziale ed esclusivo, durata dell'allattamento Monitoraggio dell'alimentazione nella prima infanzia Vengono rilevati dati sul momento e sul tipo di alimentazione ricevuta dai lattanti, su lattanti che ricevono alimentazione di integrazione dell allattamento al seno e lattanti alimentati esclusivamente con allattamento al seno (raccolta dati con recall di 24 ore), per poter stabilire la corretta tempestività dell introduzione dell alimentazione complementare e per effettuare una comparazione con i dati del Viene inoltre rilevata la somministrazione di latticini per lattanti, integratori alimentari, vitamina D e acido folico. Gli indicatori-chiave sono il momento in cui viene introdotta l'alimentazione di proseguimento, i cibi specifici e la somministrazione di vitamina D Fattori determinanti e contestuali Nei sondaggi del 1994 e del 2003 erano già stati rilevati svariati fattori determinanti. La ripetizione permette di compiere un'analisi delle tendenze dei fattori che influiscono sull'allattamento al seno e sull'alimentazione della prima infanzia. Per la valutazione delle varianti contestuali, si tengono anche in considerazione ulteriori fattori quali stile di vita, rete sociale, assistenza da parte della famiglia e dalla società sotto forma di suddivisione dei compiti con il partner e aiuto prestato da amici e parenti; provenienza (nazionalità); condizioni socio-economiche e professionali (carico di lavoro, indennità di maternità, riconoscimento di agevolazioni familiari e per l'allattamento al seno da parte del datore di lavoro); malattie infantili e materne con complicazioni pre e post-natali (nel primo anno di vita) (vedere anche il punto 3.4), educazione sanitaria e misure mediche / preventive pre e post-natali (vedere anche il punto 3.5) Malattie infantili e materne con relative complicazioni La gravidanza e il primo anno di vita sono le fasi di maggiore vulnerabilità nell'esistenza della famiglia e del bambino. Le complicazioni della gravidanza, le complicazioni post-natali infantili e materne possono comportare già di per se rischi relativamente seri per la salute, 2

3 ma possono anche avere delle ripercussioni sulla cura e alimentazione del lattante. La fase di adattamento da parte dei genitori e del lattante alle nuove condizioni di vita può dare origine a sintomatologie o malattie. Non sono noti dati sugli effetti che tali circostanze esercitano sulla crescita sana del bambino e sulla frequenza con cui esse si verificano Esperienza di assistenza e consulenza Esistono numerose istituzioni di assistenza e consulenza famigliare e materna, in cui sono presenti degli specialisti in materia. La valutazione personale dell'accesso ai servizi offerti, l'esperienza vissuta nel momento del bisogno e nella successiva assistenza e consulenza, è utile per contribuire al miglioramento dell'offerta. 4. Metodologia È previsto lo svolgimento di una ricerca trasversale mediante un sondaggio tra le madri provenienti dalla Svizzera francese, tedesca e italiana da realizzarsi, in termini pratici, con la compilazione di un questionario e che riguarda neonati di età compresa tra gli 0-12 mesi. La ricerca è stata approvata dal Comitato etico di Basilea Città/Basilea Campagna. Il questionario comprende domande sui fattori determinanti dell'allattamento al seno e sugli aspetti contestuali, sulle condizioni di salute della madre e del bambino, nonché sulle eventuali complicazioni verificatesi durante la gravidanza e il parto. È incluso inoltre un questionario retrospettivo sulle ultime 24 ore (recall 24 ore) che permette di rilevare il comportamento nell'allattamento al seno e nell'alimentazione del lattante. Le domande sono state parzialmente ampliate o integrate, in particolare sui temi di consulenza e prevenzione, nonché sul grado di approfondimento della situazione e del contesto di lavoro. Il questionario per parti multipli allegato permette alle madri di gemelli, o con parti multipli, di compilare le informazioni anche degli altri figli. Nella fase pilota il nuovo questionario elaborato è stato nuovamente testato (su 50 madri). Il reclutamento delle madri nelle due ricerche precedenti è avvenuto con l'ausilio dei Consultori Familiari (Mütter- und Väterberatungsstellen, MVB). La rinnovata partecipazione da parte dei consultori familiari è particolarmente auspicabile ai fini della continuità e rappresentatività del sondaggio. Nei cantoni in cui non esiste una rete di consultori familiari, per la selezione ci si rivolgerà a strutture analoghe o a sedi ospedaliere di maggiori dimensioni. Tutto questo verrà dibattuto e spiegato durante la fase preparatoria. La campionatura avverrà in forma totalmente casuale ("random") a cura dei consultori familiari. I consultori familiari infatti ricevono regolarmente dagli uffici di anagrafe civile le liste anagrafiche delle nascite che includono l indirizzo delle madri. I consultori dovranno estrarre, secondo un metodo di assoluta casualità, dalle liste anagrafiche delle nascite avvenute nei 12 mesi precedenti, un determinato numero di nominativi di madri. La spiegazione dettagliata delle procedure della ricerca sarà completata dal team di ricerca SWIFS non appena sarà chiarito in quale forma vengono messi a disposizione dei 3

4 consultori familiari gli indirizzi e con quali intervalli vengono inoltrate le liste anagrafiche delle nascite. Le consulenti familiari hanno il compito di preparare un elenco degli indirizzi estratti, ai quali verrà assegnato un codice di identificazione (ID). Le consulenti invieranno quindi i questionari (provvisti di ID) con una lettera di accompagnamento redatta nella lingua locale, più una busta già affrancata per la restituzione del fascicolo agli indirizzi specificati. Alle madri di gemelli, o che hanno avuto parti multipli, verranno spediti più questionari. Il controllo del rinvio avverrà presso il centro studi di Basilea, facendo riferimento all'id. La consulente familiare provvederà a inviare, 2 settimane dopo, una lettera di richiamo. Per tutelare la riservatezza dei dati personali i fascicoli sono provvisti di un codice di identificazione ID. Per eventuali contatti successivi, verrà preventivamente chiesto alle partecipanti se sono disponibili a essere ricontattate e, se consenzienti, di comunicare un indirizzo di contatto. A tutela della privacy, i dati di contatto delle madri saranno tenuti separati dai dati della ricerca. Il numero di persone sondate dovrebbe corrispondere più o meno a quello dei sondaggi precedenti. Partendo dal presupposto che il tasso di risposta al sondaggio sarà del 60% circa, si dovrebbe programmare la selezione di 4000 indirizzi e una spedizione iniziale di 4000 fascicoli. L'elaborazione e analisi dei dati avverrà nel Centro studi di Basilea. I dati saranno registrati mediante il programma EPIDATA, con impiego di personale ausiliario. L'elaborazione e analisi dei dati sarà effettuata dalle assistenti di ricerca sotto la supervisione di Julia Dratva. 5. Comunicazione dei risultati I risultati della ricerca saranno comunicati sotto varie forme: 1. Un rapporto per l Ufficio Federale della Sanità Pubblica (UFSP) in cui si indicano l'incidenza e durata dell'allattamento al seno, la tempistica di introduzione dell'alimentazione di proseguimento, nonché i fattori che influiscono sull'allattamento al seno. 2. Una newsletter alle partecipanti con i principali risultati. 3. Invio di documentazione riportante i principali risultati alle consulenti familiari (newsletter alle consulenti familiari coinvolte, pubblicazione sulla rivista dell'associazione e presentazione al congresso annuale del 2015). 4. In pubblicazioni scientifiche per la presentazione dei risultati in congressi (ad es. della Società Svizzera di Pediatria) e in riviste specializzate. Bibliografia: 1 Sikorski J, Renfrew MJ, Pindoria S, Wade A Support for breastfeeding mothers. (Cochrane Review). The Cochrane Library, Issue 3. Oxford: Update Software Hoddinott P, Tappin D, Wright C. Breast feeding. Clinical Review. BMJ 2008;336:

5 3 visualizzato il Conzelmann-Auer C, Ackermann-Liebrich U. Frequency and duration of breast-feeding in Switzerland. Soz Präventivmed 1995;40: Merten S, Dratva J, Ackermann-Liebrich U. Säuglingsernährung in den ersten neun Lebensmonaten nationale Studie In: Eichholzer-Helbling M et al (Hrsg.). Fünfter Schweizer Ernährungsbericht. Bundesamt für Gesundheit. Bern 2005, pagg Dratva J, Merten S, Ackermann-Liebrich U. The timing of complementary feeding of infants in Switzerland. Compliance with the Swiss and the WHO guidelines. Acta paediatrica 2006; 7 Dratva J, Merten S, Ackermann-Liebrich U. Vitamin D supplementation in Swiss infants. Swiss Med Weekly 2006;136: Merten S, Declercq C. Monitoring der Stillfreundlichkeit in zertifizierten Geburtsklinken der Schweiz. Bericht Im Auftrag der Schweiz. UNICEF-Arbeitsgruppe zur Förderung des Stillens. Institut für Sozial- und Präventivmedizin der Universität Basel, Basel Merten, S, Ackermann-Liebrich U. Exclusive breastfeeding rates and associated factors in Swiss Baby-Friendly Hospitals. Journal of Human Lactation 2004; 20(1): pagg Merten S, Dratva J, Ackermann-Liebrich U. Do baby-friendly hospitals influence breastfeeding duration on a national level? Pediatrics 2005; 116(5): pagg. E702-E Forrester-Knaus C, Merten S, Weiss C, Ackermann-Liebrich U, Zemp E. The Baby-Friendly Hospital Initiative in Switzerland: Trends over a nine-year period. Journal of Human Lactation,

SWIFS Swiss Infant Feeding Study

SWIFS Swiss Infant Feeding Study SWIFS Swiss Infant Feeding Study Uno studio nazionale sulla salute e l'alimentazione dei neonati nel primo anno di vita Executive Summary A cura di Dr. Julia Dratva, Dr. Karin Gross, Anna Späth, Prof.

Dettagli

RISOLUZIONE DELLA COMMISSIONE PARLAMENTARE PER L INFANZIA

RISOLUZIONE DELLA COMMISSIONE PARLAMENTARE PER L INFANZIA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XXIV-bis n. 2 RISOLUZIONE DELLA COMMISSIONE PARLAMENTARE PER L INFANZIA d iniziativa della senatrice VALPIANA approvata il 2 ottobre 2007

Dettagli

OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno

OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno Informazioni per le strutture interessate al riconoscimento Introduzione... p. 2 I. Proposte... p. 2 II. Prospettive.

Dettagli

Sito UNICEF Italia: www.unicef.it/allattamento

Sito UNICEF Italia: www.unicef.it/allattamento L allattamento al seno esclusivo è il modello di riferimento o normativo rispetto al quale tutti i metodi alternativi di alimentazione devono essere misurati in termini di crescita, salute, sviluppo, e

Dettagli

Sommario: La salute riproduttiva della popolazione migrante in Svizzera e in altri paesi d'immigrazione selezionati

Sommario: La salute riproduttiva della popolazione migrante in Svizzera e in altri paesi d'immigrazione selezionati Sommario: La salute riproduttiva della popolazione migrante in Svizzera e in altri paesi d'immigrazione selezionati Una sintesi della bibliografia 2006 2012 Su incarico del Programma nazionale Migrazione

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 DGR 2705 del 29 dicembre 2014. Istruzioni per la stesura dei programmi regionali

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 DGR 2705 del 29 dicembre 2014. Istruzioni per la stesura dei programmi regionali PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 DGR 2705 del 29 dicembre 2014 Istruzioni per la stesura dei programmi regionali Il documento rappresenta una guida per la stesura dei programmi da parte dei

Dettagli

La Politica aziendale dell A.S.S. n. 1 Triestina per l allattamento al seno e l alimentazione dei bambini

La Politica aziendale dell A.S.S. n. 1 Triestina per l allattamento al seno e l alimentazione dei bambini Ospedali & Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno La Politica aziendale dell A.S.S. n. 1 Triestina per l allattamento al seno e l alimentazione

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 163 del 14 Luglio 2008

Gazzetta Ufficiale N. 163 del 14 Luglio 2008 Gazzetta Ufficiale N. 163 del 14 Luglio 2008 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 15 aprile 2008 Istituzione del Comitato nazionale multisettoriale per l'allattamento materno. IL MINISTRO DELLA SALUTE Premesso

Dettagli

POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI

POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI INTRODUZIONE Questa Azienda sostiene e promuove l allattamento al seno in quanto modalità naturale di alimentazione del neonato,

Dettagli

SEDE: Istituti clinici di perfezionamento Ospedale Vittore Buzzi, Via Castelvetro 32 Milano.

SEDE: Istituti clinici di perfezionamento Ospedale Vittore Buzzi, Via Castelvetro 32 Milano. DAL 18 AL 20 ORE: NOVITÀ IN TEMA DI ALLATTAMENTO MATERNO secondo le indicazioni OMS/UNICEF TIPOLOGIA FORMATIVA: Corso di aggiornamento residenziale per infermieri infermieri pediatrici assistenti sanitari

Dettagli

Il Piano d Azione per l allattamento al seno e l alimentazione dei bambini

Il Piano d Azione per l allattamento al seno e l alimentazione dei bambini uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Il Piano d Azione per l allattamento al seno

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Nella odierna seduta del 20 dicembre 2007: Visti gli articoli 2, comma 1, lettera b) e 4 del

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Luca RIgon neonatologo ULSS15

ALLATTAMENTO AL SENO Luca RIgon neonatologo ULSS15 PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA Programma Regionale GenitoriPiù quali novità? ALLATTAMENTO AL SENO Luca RIgon neonatologo ULSS15 REGIONE VENETO - AZIENDA ULSS 15 Alta Padovana Dipartimento

Dettagli

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno Azienda Usl 7 di Siena Azienda Sanitaria delle zone Senese, Alta Val d'elsa, Amiata Val d'orcia e Valdichiana Senese DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Il libretto è stato elaborato dal gruppo di lavoro multidisciplinare

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Telefono 040 3785236 E-mail claudiaveronica.carletti@burlo.trieste.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento al seno: un Programma d Azione per l Europa

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento al seno: un Programma d Azione per l Europa Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento al seno: un Programma d Azione per l Europa Il Programma d Azione per l allattamento al seno in Europa è un progetto che mira ad aiutare le donne ad avere

Dettagli

LA SETTIMANA MONDIALE DEDICATA ALL'ALLATTAMENTO MATERNO A MODENA

LA SETTIMANA MONDIALE DEDICATA ALL'ALLATTAMENTO MATERNO A MODENA Comune di Modena LA SETTIMANA MONDIALE DEDICATA ALL'ALLATTAMENTO MATERNO A MODENA 1-11 ottobre 2005 Il COMUNE DI MODENA promuove e coordina una serie di iniziative in occasione della settimana mondiale

Dettagli

Alimentazione e accudimento: circuiti emotivi e circostanze

Alimentazione e accudimento: circuiti emotivi e circostanze Alimentazione e accudimento: circuiti emotivi e circostanze Maria Enrica Bettinelli pediatra, neonatologo, consulente professionale allattamento (IBCLC),coordinatore BFCI UNICEF Italia Luisa Scuratti psicologa,

Dettagli

Linee guida per l'allattamento al seno

Linee guida per l'allattamento al seno Politica aziendale relativa all allattamento al seno e all alimentazione dei bambini adottata presso l Ospedale di Lucca Linee guida per l'allattamento al seno Allegato alla deliberazione del Direttore

Dettagli

Quadro di riferimento per promuovere la salute e ridurre le inequità

Quadro di riferimento per promuovere la salute e ridurre le inequità Quadro di riferimento per promuovere la salute e ridurre le inequità http://www.euro.who.int/en/health-topics/health-policy/health-2020-the-europeanpolicy-for-health-and-well-being 2 obiettivi strategici

Dettagli

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Marzo 2014 OrphaNews Italia Questionario di Gradimento www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Indice Introduzione... 3 Metodologia... 3 Conclusioni... 14 Ringraziamenti... 15 Questionario

Dettagli

Delibera Regionale n. 1177 del 23/11/2007 Piano Regionale della Prevenzione Sanitaria 2005-2007

Delibera Regionale n. 1177 del 23/11/2007 Piano Regionale della Prevenzione Sanitaria 2005-2007 Regione Abruzzo Delibera Regionale n. 1177 del 23/11/2007 Piano Regionale della Prevenzione Sanitaria 2005-2007 2007 Attuazione Progetto Obesità Regione Abruzzo Affidamento ASL Chieti Linea Operativa 4

Dettagli

Programma della Formazione A Distanza (FAD) "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute"

Programma della Formazione A Distanza (FAD) Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute Formazione A Distanza "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute" del Istituto Superiore di Sanità e verifica dei contenuti equivalenti nel corso OMS/UNICEF 20 ore. A

Dettagli

L'allattamento in Italia

L'allattamento in Italia XXXIX congresso dell Associazione Italiana di Epidemiologia Alimentazione e salute nell era della globalizzazione SEMINARIO SATELLITE 27 ottobre 2015 Allattamento e alimentazione infantile come strategia

Dettagli

55 ECMReg/B Rev. 0 del 06.02.2006

55 ECMReg/B Rev. 0 del 06.02.2006 1 Titolo dell evento GENITORIPIU Prendiamoci più cura della loro vita Pagina 1 di 7 1. Presentazione GENITORIPIÙ è una Campagna di Comunicazione sociale della Regione Veneto (2006-2007) che nel luglio

Dettagli

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili Informazioni per gli assistiti Indice Sommario... 3 Controllo della qualità 3 La verifica 3 Commenti degli assistiti 3 Esiti 3

Dettagli

Legge Regionale Marche 27/7/1998 n.22. B.U.R. 4/8/1998 n.66 DIRITTI DELLA PARTORIENTE, DEL NUOVO NATO E DEL BAMBINO SPEDALIZZATO.

Legge Regionale Marche 27/7/1998 n.22. B.U.R. 4/8/1998 n.66 DIRITTI DELLA PARTORIENTE, DEL NUOVO NATO E DEL BAMBINO SPEDALIZZATO. Legge Regionale Marche 27/7/1998 n.22 B.U.R. 4/8/1998 n.66 DIRITTI DELLA PARTORIENTE, DEL NUOVO NATO E DEL BAMBINO SPEDALIZZATO. Articolo 1 Fnalità 1. La Regione favorisce il benessere psicofisico della

Dettagli

Strategia della Fondazione svizzera per la promozione dell allattamento al seno

Strategia della Fondazione svizzera per la promozione dell allattamento al seno Strategia della Fondazione svizzera per la promozione dell allattamento al seno Scopo della Fondazione La persegue quale scopo la promozione dell allattamento in Svizzera, in particolare mediante un informazione

Dettagli

"La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale".

La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale. LEGGE REGIONALE 8 maggio 1987, N. 16 "La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale". (BURL n. 19, 1º suppl. ord. del 13 Maggio 1987 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1987-05-08;16 Titolo

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari Ingressi L ingresso al percorso può essere: - Sanità Territoriale: PUA, servizio sociale distrettuale, consultorio famigliare e materno infantile, servizio dipendenze, DSM - Territorio (sociale): Servizi

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 37 del 18 aprile 2012 Regolamento del Servizio di Ristorazione Scolastica Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Modalità

Dettagli

primokiz 1 primokiz Come può essere integrato il sostegno iniziale?

primokiz 1 primokiz Come può essere integrato il sostegno iniziale? primokiz 1 primokiz Come può essere integrato il sostegno iniziale? 2 Primokiz Cosa è Primokiz? Primokiz è un programma della Fondazione Jacobs per lo sviluppo di una concezione integrata della formazione,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 27 luglio 1998, n. 22 Diritti della partoriente, del nuovo nato e del bambino spedalizzato. (B.U.R. 4 agosto 1998, n.

LEGGE REGIONALE 27 luglio 1998, n. 22 Diritti della partoriente, del nuovo nato e del bambino spedalizzato. (B.U.R. 4 agosto 1998, n. LEGGE REGIONALE 27 luglio 1998, n. 22 Diritti della partoriente, del nuovo nato e del bambino spedalizzato. (B.U.R. 4 agosto 1998, n. 66) Art. 1 (Finalità) 1. La Regione favorisce il benessere psicofisico

Dettagli

Iniziativa Ospedale Amico del Bambino Il ruolo della direzione. L esperienza dell Ospedale Alto Vicentino

Iniziativa Ospedale Amico del Bambino Il ruolo della direzione. L esperienza dell Ospedale Alto Vicentino L esperienza dell Ospedale Alto Vicentino 1giovedì, 21/05/2015 Daniela Carraro Direttore Generale Ulss4 23 maggio 2015 Perché aderire all iniziativa Ospedale Amico del Bambino? Obiettivo tutela della salute

Dettagli

In particolare, gli artt. 34 35 36 TITOLO V rimandano all allegato B, che

In particolare, gli artt. 34 35 36 TITOLO V rimandano all allegato B, che Gli adempimenti normativi del d.lgs. 196/03 Le misure minime di sicurezza Edizione 2010 IL CONTESTO Il D. Lgs. 196/03, entrato in vigore il 1 gennaio 2004, aggiorna la disciplina in materia di sicurezza

Dettagli

AGENDA DELLA GRAVIDANZA

AGENDA DELLA GRAVIDANZA AGENDA DELLA GRAVIDANZA CEFFA M. CARMEN DMI ASL NOVARA- 2012 DGR n. 34-8769 del 12/05/2008 Piano socio-sanitario sanitario regionale 2012-2015. 2015. Area materno-infantile infantile: : definizione obiettivi

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale Guida per i genitori introduzione L a nascita di un bambino è vissuta come un evento meraviglioso e felice, anche

Dettagli

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno.

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno. Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno. Beatrice Dalla Barba Formatore Azienda Ospedaliera: Ostetrica E.Righetti PERCHE E COSI IMPORTANTE PROMUOVERE L ALLATTAMENTO AL SENO? L AS nei

Dettagli

Protocollo dello studio

Protocollo dello studio Protocollo dello studio Indagine su disturbi e malattie respiratorie e fattori ad essi correlati nella popolazione infantile residente nell area di S. Polo e nel resto del comune di Brescia Premessa A

Dettagli

Club Impresa Amica del Meyer

Club Impresa Amica del Meyer Modalità di adesione e regolamento del Club Impresa Amica del Meyer REGOLAMENTO (allegato 2) 1. Descrizione delle caratteristiche e finalità del Club La Fondazione dell Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze

Dettagli

Guadagnare Salute fin dall inizio. Il Progetto per la promozione e il sostegno dell allattamento materno nella Regione Veneto

Guadagnare Salute fin dall inizio. Il Progetto per la promozione e il sostegno dell allattamento materno nella Regione Veneto Guadagnare Salute fin dall inizio Il Progetto per la promozione e il sostegno dell allattamento materno nella Regione Veneto Le sfide della promozione della salute dalla sorveglianza agli interventi sul

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

Le determinanti dell allattamento. Alcuni risultati dall Indagine campionaria sulle nascite

Le determinanti dell allattamento. Alcuni risultati dall Indagine campionaria sulle nascite Le determinanti dell allattamento. Alcuni risultati dall Indagine campionaria sulle nascite Cinzia Castagnaro e Sabrina Prati Convegno Gravidanza, parto e allattamento. I dati del territorio Venezia, 3

Dettagli

Tecniche di rilevazione statistica

Tecniche di rilevazione statistica Tecniche di rilevazione statistica Il disegno di ricerca Indagini censuarie e campionarie Indagini campionarie basate su questionario Introduzione al campionamento Il disegno di ricerca Con il termine

Dettagli

Indicazioni per l attività di infermiere/i indipendenti secondo la LAMal 1

Indicazioni per l attività di infermiere/i indipendenti secondo la LAMal 1 07-2011 Cure infermieristiche indipendenti Indicazioni per l attività di infermiere/i indipendenti secondo la LAMal 1 Contratti e prestazioni secondo l asicurazione malattia 2011 l Associazione svizzera

Dettagli

Modulo di domanda d ammissione come membro collettivo della SGfB con certificazione di formazioni in materia di consulenza

Modulo di domanda d ammissione come membro collettivo della SGfB con certificazione di formazioni in materia di consulenza Modulo di domanda d ammissione come membro collettivo della SGfB con certificazione di formazioni in materia di consulenza Osservazioni preliminari La varietà delle formazioni certificate dalla SGfB dimostra

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO ALLATTAMENTO E CARCINOMA DELLA MAMMELLA Relatore: Prof. Biglia Nicoletta Candidata: Spina Federica ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Nei Paesi industrializzati circa il 10% delle

Dettagli

Gli standard UNICEF Amici dell allattamento nella formazione universitaria Margherita Locatelli - Ostetrica Tutor IBCLC, Corso di Laurea in

Gli standard UNICEF Amici dell allattamento nella formazione universitaria Margherita Locatelli - Ostetrica Tutor IBCLC, Corso di Laurea in Gli standard UNICEF Amici dell allattamento nella formazione universitaria Margherita Locatelli - Ostetrica Tutor IBCLC, Corso di Laurea in Ostetricia Amico dell Allattamento Materno Dichiarazione di conflitto

Dettagli

Obesità. Il quadro epidemiologico-organizzativo regionale. Lorenzo Iughetti Viviana Patianna Università di Modena e Reggio Emilia

Obesità. Il quadro epidemiologico-organizzativo regionale. Lorenzo Iughetti Viviana Patianna Università di Modena e Reggio Emilia Tavola rotonda 27 ottobre 2012 Obesità Il quadro epidemiologico-organizzativo regionale Lorenzo Iughetti Viviana Patianna Università di Modena e Reggio Emilia Patterns Of Overweight & Obesity Globally

Dettagli

APPLICATIVO PER LA RILEVAZIONE DEI DATI SUGLI SCREENING NEONATALI

APPLICATIVO PER LA RILEVAZIONE DEI DATI SUGLI SCREENING NEONATALI APPLICATIVO PER LA RILEVAZIONE DEI DATI SUGLI SCREENING NEONATALI MANUALE UTENTE REGISTRAZIONE del NEONATO Dopo essersi autenticati compare questa maschera. Per entrare nel modulo che permette la registrazione

Dettagli

Lavoro e gravidanza. I Suoi diritti sul posto di lavoro. Per ulteriori informazioni: Infoline: 0900 55 55 61 Fr. 3. /min.

Lavoro e gravidanza. I Suoi diritti sul posto di lavoro. Per ulteriori informazioni: Infoline: 0900 55 55 61 Fr. 3. /min. L offerta di Questo opuscolo nelle seguenti lingue: albanese bosniaco croato francese inglese italiano portoghese serbo spagnolo tamil tedesco turco Fr. 3. al pezzo; sconti per grandi quantitativi La Infoline

Dettagli

Convegno Salute e Genere ipotesi di lavoro per le Marche

Convegno Salute e Genere ipotesi di lavoro per le Marche Convegno Salute e Genere ipotesi di lavoro per le Marche IL PERCORSO ASSISTENZIALE DELLA GRAVIDANZA A BASSO RISCHIO L integrazione Ospedale-Territorio. L esperienza del Consultorio familiare di Loreto

Dettagli

FIAS. Indennità di perdita di guadagno (IPG), Indennità di maternità (IPG-mat), Assegni familiari (AF)

FIAS. Indennità di perdita di guadagno (IPG), Indennità di maternità (IPG-mat), Assegni familiari (AF) FIAS Federazione svizzera degli impiegati delle assicurazioni sociali Commissione centrale d esame Esame professionale 203 Indennità di perdita di guadagno (IPG), Numero della/del candidata/o: Durata dell

Dettagli

WORKSHOP FORMATIVO PER PSICOLOGI LO SPORTELLO DI ASCOLTO A SCUOLA Strumenti per lavorare come psicologo nella scuola 10/24 maggio 2013

WORKSHOP FORMATIVO PER PSICOLOGI LO SPORTELLO DI ASCOLTO A SCUOLA Strumenti per lavorare come psicologo nella scuola 10/24 maggio 2013 Centro di psicologia per la Famiglia Il Nido e il Volo Consulenza psicologica infanzia adolescenza e età edulta Via dei Furi, 43 Roma (M Porta Furba) WORKSHOP FORMATIVO PER PSICOLOGI LO SPORTELLO DI ASCOLTO

Dettagli

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it STUDI EPIDEMIOLOGICI Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it EPIDEMIOLOGIA DESCRITTIVA Studi sulla distribuzione di malattie nella popolazione in esame Tempo, luogo, persone affette da malattie

Dettagli

Newsletter n. 4 - Iniziative dall'1 al 15 giugno 2011

Newsletter n. 4 - Iniziative dall'1 al 15 giugno 2011 NEWSLETTER INFANZIA Appuntamenti realizzati sul territorio provinciale rivolti a mamme, papà, bimbi e bimbe, famiglie, operatori della prima infanzia e della famiglia. Newsletter n. 4 - Iniziative dall'1

Dettagli

Convegno APeC 30.1.2004 Ferrara. Posizione nel sonno. Dove si va. Luca Ronfani. Centro per la Salute del Bambino/ONLUS, Trieste

Convegno APeC 30.1.2004 Ferrara. Posizione nel sonno. Dove si va. Luca Ronfani. Centro per la Salute del Bambino/ONLUS, Trieste Convegno APeC 30.1.2004 Ferrara Posizione nel sonno. Dove si va Luca Ronfani. Centro per la Salute del Bambino/ONLUS, Trieste La posizione nel sonno rappresenta il singolo fattore di rischio più forte

Dettagli

Consultori familiari

Consultori familiari Consultori familiari Le prestazioni del consultorio corsi di accompagnamento alla nascita rivolti ad entrambi i genitori assistenza a domicilio a mamma e neonato dopo il parto (Servizio di Dimissione protetta):

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI

ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI REVISIONE MARZO 2014 INTRODUZIONE Questa Azienda sostiene e promuove l allattamento al seno in quanto modalità naturale di alimentazione

Dettagli

Dott.ssa Carmela Sesti

Dott.ssa Carmela Sesti Allegato C U R R I C U L U M V I T A E Dott.ssa Carmela Sesti INFORMAZIONI PERSONALI Nome Sesti Carmela Data di nascita 15/12/1957 Qualifica Dirigente Psicologo Amministrazione ASP Cosenza Responsabile

Dettagli

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Dettagli

Allattamento e posizione nel sonno nei primi 6 mesi di vita: l indagine nei centri vaccinali

Allattamento e posizione nel sonno nei primi 6 mesi di vita: l indagine nei centri vaccinali Allattamento al seno e prevenzione della SIDS: il monitoraggio degli interventi regionali di implementazione Firenze 8 maggio 2012 Allattamento e posizione nel sonno nei primi 6 mesi di vita: l indagine

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

4.1.6 Ridefinizione normativa del danno da vaccino

4.1.6 Ridefinizione normativa del danno da vaccino Camera dei Deputati 33 Senato della Repubblica bambini vaccinati anche per i vaccini non obbligatori incentivando opportunamente il personale addetto alle vaccinazioni ed i pediatri di famiglia. Gli incentivi

Dettagli

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita OSSERVATORIO NINNA HO Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita - OSSERVATORIO NINNA HO Il Progetto ninna ho, voluto dalla

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Approvato con deliberazione di C.C. n. 59 del 24.09.2009 1 ART. 1 - FINALITA La Baby

Dettagli

BANDO FAMIGLIE INSIEME AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

BANDO FAMIGLIE INSIEME AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI BANDO FAMIGLIE INSIEME AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI November 4, 2015 Autore: Centro per le Famiglie (Allegato alla DD n. 2969 del 14/12/2015) SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...2 A. FINALITA...2

Dettagli

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento Giugno 2005 Cari docenti, Vi ringraziamo per aver aderito al progetto ECHO mirante a fornire ai partecipanti al corso di orientamento

Dettagli

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ E istituito in Sarnonico il servizio asilo nido. Il nido di infanzia è un servizio educativo e sociale che concorre con le famiglie alla crescita e alla formazione delle bambine

Dettagli

BOLOGNA, 20 maggio 2011

BOLOGNA, 20 maggio 2011 MODELLI PROFESSIONALI E ORGANIZZATIVI NELLA GESTIONE DELLA SALUTE DI GENERE E NEL PERCORSO NASCITA Presidente: Iolanda Rinaldi (RM) Moderatori: Fabio Facchinetti (Mo), Cristiana Pavesi (PC), Alfredo Patella

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA ART. 1 - NATURA E FINALITA La Scuola comunale dell infanzia concorre, nell ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità

Dettagli

Richiesta assegni familiari per le persone senza attività lucrativa (PSAL)

Richiesta assegni familiari per le persone senza attività lucrativa (PSAL) Casella postale 2121 Via Ghiringhelli 15a 6501 Bellinzona Telefono 091 821 91 11 Fax 091 821 92 99 ias@ias.ti.ch www.iasticino.ch Cassa cantonale per gli assegni familiari Richiesta assegni familiari per

Dettagli

COMMISSIONE NATIONALE NAZIONALE STILLKOMMISSION

COMMISSIONE NATIONALE NAZIONALE STILLKOMMISSION COMMISSIONE NATIONALE NAZIONALE STILLKOMMISSION Stillempfehlungen Informazioni per für die l'allattamento Säuglingszeit materno Commissione nazionale per l'allattamento materno presso l'istituto federale

Dettagli

O.N.DA Milano 17 novembre 2014

O.N.DA Milano 17 novembre 2014 O.N.DA Milano 17 novembre 2014 Miriam Guana Presidente Federazione Nazionale Collegi Ostetriche Caterina Masè - Presidente Collegio Ostetriche Trento PREGRAVIDICO COUNSELLING PRECONCENZIONALE STILI DI

Dettagli

INFORMAZIONI PRELIMINARI PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PAZIENTI CON MALATTIE NEUROMUSCOLARI - ONLUS

INFORMAZIONI PRELIMINARI PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PAZIENTI CON MALATTIE NEUROMUSCOLARI - ONLUS INFORMAZIONI PRELIMINARI PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PAZIENTI CON MALATTIE NEUROMUSCOLARI - ONLUS Prima di iscriversi alla scheda di malattia del presente Registro, è importante capire di cosa si

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 543 29/01/2013 Identificativo Atto n. 36 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE MODALITA DI EROGAZIONE DEL FONDO CRESCO IN ATTUAZIONE

Dettagli

NEWSLETTER Anno 2 Numero 2, Ottobre 1999

NEWSLETTER Anno 2 Numero 2, Ottobre 1999 NEWSLETTER Anno 2 Numero 2, Ottobre 1999 SOMMARIO Premessa... pag. 2 Emendamenti al protocollo ed agli strumenti di rilevazione... pag. 2 Chiarimenti ed esemplificazioni:... pag. 2 60. Utenti che hanno

Dettagli

Le novità degli ultimi 12 mesi

Le novità degli ultimi 12 mesi Farmacovigilanza Le novità degli ultimi 12 mesi Maria Nicotra Il sistema di Farmacovigilanza sta attraversando da qualche tempo in Italia una fase di progressivo sviluppo dovuto probabilmente al cambiamento

Dettagli

Validazione degli apprendimenti acquisiti. Guida per la formazione professionale di base

Validazione degli apprendimenti acquisiti. Guida per la formazione professionale di base 1 Guida per la formazione professionale di base 2 Note editoriali Editore: Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (UFFT), Berna Version: 1 Langues: d / f / i Data di pubblicazione:

Dettagli

PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. 308/2006) Un cibo secondo natura

PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. 308/2006) Un cibo secondo natura PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. 308/2006) Un cibo secondo natura Un cibo secondo natura ASL TO5 CHIERI Data di avvio e conclusione Avvio il 01/07/2007 conclusione 04/06/2008

Dettagli

L effetto degli asili nido sulle disuguaglianze di partenza

L effetto degli asili nido sulle disuguaglianze di partenza Vittoria Dicandia Progetto di ricerca per borsa di studio Roberto Franceschi L effetto degli asili nido sulle disuguaglianze di partenza Il tema degli asili nido è negli ultimi anni entrato con prepotenza

Dettagli

Progetto aziendale anni 2010-2011

Progetto aziendale anni 2010-2011 Rev. 11.02.10 Pag. 1 di 12 Indice 1.0 Premessa Pag. 2 2.0 Introduzione Pag. 3 3.0 Obiettivo generale Pag. 5 4.0 Obiettivi specifici Pag. 5 5.0 Destinatari Pag.6 6.0 Azioni Pag. 6 7.0 Responsabilità e tempi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Allattamento al Seno: prevalenza, esclusività e durata in ASL Milano 1

Allattamento al Seno: prevalenza, esclusività e durata in ASL Milano 1 Allattamento al Seno: prevalenza, esclusività e durata in ASL Milano 1 Premessa Migliorare la salute delle madri e dei loro bambini è uno dei principali obiettivi di salute. Proteggere, promuovere e sostenere

Dettagli

2-3-2 Percorso Neonatale

2-3-2 Percorso Neonatale 2-3-2 Percorso Neonatale Primo accesso percorso Colloquio di informazione e di accoglienza Consegna libretto protocollo esami previsti per la gravidanza Consegna opuscolo informativo tradotto in più lingue

Dettagli

Management Summary Riassunto dello studio Gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri

Management Summary Riassunto dello studio Gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri Management Summary Riassunto dello studio Gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri Questo Management Summary contiene una sintesi dei risultati della prima inchiesta sulla gestione del rischio

Dettagli

Introduzione degli alimenti complementari in una coorte di bambini italiani: i genitori rispettano le raccomandazioni dell OMS?

Introduzione degli alimenti complementari in una coorte di bambini italiani: i genitori rispettano le raccomandazioni dell OMS? XXXIX CONGRESSO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA DI EPIDEMIOLOGIA ALIMENTAZIONE E SALUTE NELL ERA DELLA GLOBALIZZAZIONE MILANO 28-30 OTTOBRE 2015 Introduzione degli alimenti complementari in una coorte di bambini

Dettagli

PICCOLA GUIDA alla privacy

PICCOLA GUIDA alla privacy PICCOLA GUIDA alla privacy Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Materno-Infantile Burlo Garofolo Ospedale di alta specializzazione e di rilievo nazionale per la salute della donna e del

Dettagli

VIVERE MEGLIO A MILANO. La carta dei diritti dei cittadini malati

VIVERE MEGLIO A MILANO. La carta dei diritti dei cittadini malati Le giornate della salute per VIVERE MEGLIO A MILANO La carta dei diritti dei cittadini malati Milano, Sala Alessi - Palazzo Marino 19 maggio 2012, 9.00-12.30 Walter Locatelli Direttore Generale ASL Milano

Dettagli

Seminario Gli obiettivi della nuova programmazione 2014-2020 dei Fondi Strutturali Europei I risultati INVALSI, strumenti per la scuola

Seminario Gli obiettivi della nuova programmazione 2014-2020 dei Fondi Strutturali Europei I risultati INVALSI, strumenti per la scuola Seminario Gli obiettivi della nuova programmazione 2014-2020 dei Fondi Strutturali Europei I risultati INVALSI, strumenti per la scuola Il Questionario insegnante e il Questionario scuola: quadro di riferimento

Dettagli

Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO

Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO q Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO D A T I P E R S O N A L I Nome e cognome Data e luogo di nascita Residenza Nicoletta Scavino 6 settembre 1959, Alba (CN) C.so Francia 103/a 10098 RIVOLI Tel. 011-9572601

Dettagli

Bisogni e necessità delle famiglie con almeno un bambino fra 0 e 4 anni Risultati del sondaggio

Bisogni e necessità delle famiglie con almeno un bambino fra 0 e 4 anni Risultati del sondaggio Bisogni e necessità delle famiglie con almeno un bambino fra 0 e 4 anni Risultati del sondaggio Conferenza stampa Paolo Beltraminelli Direttore DSS 17 marzo 2015 Indice 1. Perché il sondaggio? 2. Questionario

Dettagli

del 31 ottobre 2007 (Stato 1 gennaio 2013)

del 31 ottobre 2007 (Stato 1 gennaio 2013) Ordinanza sugli assegni familiari (OAFami) 836.21 del 31 ottobre 2007 (Stato 1 gennaio 2013) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 capoverso 3, 13 capoverso 4, 21b capoverso 1, 21e e 27

Dettagli

A.ULSS di Padova Struttura A.P. Immigrazione /Area Materno Infantile Responsabile dott.ssa Mariagrazia D Aquino. Home Visiting

A.ULSS di Padova Struttura A.P. Immigrazione /Area Materno Infantile Responsabile dott.ssa Mariagrazia D Aquino. Home Visiting A.ULSS di Padova Struttura A.P. Immigrazione /Area Materno Infantile Responsabile dott.ssa Mariagrazia D Aquino Home Visiting uno strumento di promozione della salute e di contrasto precoce delle disuguaglianze

Dettagli

WORKSHOP FORMATIVO PER PSICOLOGI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ (O-3

WORKSHOP FORMATIVO PER PSICOLOGI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ (O-3 Centro di psicologia per la Famiglia Il Nido e il Volo Consulenza psicologica infanzia adolescenza e età edulta Via dei Furi, 43 Roma (M Porta Furba) WORKSHOP FORMATIVO PER PSICOLOGI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ

Dettagli

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO BANDO SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO ANNO 2009 42 1. I progetti 1. L idea nasce dalla consapevolezza che il Servizio Civile Nazionale rappresenta per molti giovani una significativa opportunità di crescita

Dettagli

Monitoraggio della prevalenza dell allattamento al seno in Emilia Romagna, 1999-2008.

Monitoraggio della prevalenza dell allattamento al seno in Emilia Romagna, 1999-2008. Monitoraggio della prevalenza dell allattamento al seno in Emilia Romagna, 1999-2008. Regione Emilia Romagna Associazione Pediatria di Comunità (APeC) A cura di: Chiara Cuoghi Pediatria di Comunità - Azienda

Dettagli

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio 1. BACKGROUND La mortalità e la morbosità materna grave correlate al travaglio o

Dettagli