ALIMENTAZIONE E TUMORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALIMENTAZIONE E TUMORI"

Transcript

1 ALIMENTAZIONE E TUMORI All'inizio del Novecento soltanto una persona su trenta si ammalava di tumore nel corso della vita. Attualmente una persona su tre. I motivi di un simile drammatico aumento sono diversi e difficilmente valutabili singolarmente. Hanno avuto certamente certamente un peso il prolungamento della vita media (i tumori si manifestano più frequentemente fra le persone anziane), la netta riduzione della mortalità per le malattie infettive grazie agli antibiotici e ai vaccini, il miglioramento delle capacità diagnostiche. Tuttavia i fattori di gran lunga più importanti sono il deteriorarsi dell'ambiente esterno e le modificazioni del proprio stile di vita. Si ritiene, infatti, che oltre l'80% dei tumori deve la sua insorgenza o il suo sviluppo a fattori ambientali. E fra questi un ruolo preminente (almeno il 30% dei casi) lo svolge l alimentazione: il tipo di cibo, i metodi di preparazione, la quantità, la varietà, la conservazione, la cottura. Si stima che un azione incisiva sulla popolazione per il miglioramento della dieta quotidiana potrebbe evitare fino a 4 milioni di nuovi casi di tumori all anno, su scala mondiale. La correlazione fra alimentazione e tumori è emersa in modo chiaro dai grandi studi epidemiologici che hanno evidenziato come uno stesso tumore avesse un'incidenza drammaticamente diversa in popolazioni con abitudini alimentari differenti. Per la peculiarità della sua alimentazione è la popolazione giapponese a proporre gli esempi più significativi, nel bene e nel male. Le donne giapponesi, per esempio, hanno una frequenza di tumori della mammella cinque volte inferiore alle donne statunitensi. Tale prerogativa è stata attribuita al loro basso consumo di grassi. A conferma di questa ipotesi, si è visto un significativo aumento di tale tumore in quelle Giapponesi che, emigrate negli Stati Uniti, hanno adottato le abitudini alimentari di quel paese. Per contro, i Giapponesi hanno la più alta incidenza mondiale di tumori dello stomaco, fenomeno correlato alla loro alimentazione ricca di cibi proteici (carne e pesce), salati e affumicati, e povera di frutta e verdura. Anche in questo caso la conferma di tale supposta correlazione è venuta dalla netta riduzione di una simile forma tumorale in quei Giapponesi che, emigrati nelle Hawaii, hanno adottatto un'alimentazione ricca di vegetali. Alla vitamina C è infatti riconosciuta la capacità di inibire la formazione delle nitrosamine, considerate sostanze cancerogene, che si formano nello stomaco dall'unione della amine (contenute negli alimenti proteici) con i nitrati (aggiunti per la conservazione degli alimenti).

2 La salatura, il più antico procedimento di conservazione dei cibi, è stata sospettata di essere di per sé un promotore dei tumori gastrici. Da quando in Giappone si è diffusa la tecnica della surgelazione, che ha permesso la limitazione dell'uso del sale, si è assistito ad una netta riduzione dei tumori dello stomaco. Altra chiara evidenza del rapporto alimentazione-tumore è la maggiore frequenza di tumori intestinali nelle popolazioni europee rispetto a quelle africane e asiatiche. La cosa è attribuita a due caratteristiche negative dell'alimentazione europea: l'eccesso di grassi animali e la scarsità di fibre alimentari. I grassi animali aumentano produzione di acidi biliari, fra cui l acido desossicolico che può essere convertito a metilcolantrene, un potente agente oncogeno, in grado di alterare il DNA delle cellule della mucosa intestinale. La scarsità di fibre alimentari, determinando un rallentamento del transito intestinale delle feci, permette un maggior tempo di contatto di eventuali sostanze cancerogene con la mucosa intestinale; in più le fibre, legando notevoli quantità di acqua, assorbono eventuali oncogeni. Ad un eccessivo consumo di alcol è attribuita una maggiore incidenza di tumori del cavo orale, dell'esofago e della laringe. Quando il bevitore è anche forte fumatore il fattore di rischio per il carcinoma dell esofago aumenta di 8 volte. Neanche l'eccessivo consumo di caffè è esente da sospetti, essendogli attribuita una correlazione con i tumori della vescica, del pancreas e del colon. La correlazione fra eccesso ponderale e rischio neoplastico, per anni soltanto ipotizzata, ha ricevuto di recente conferma in quanto gli alti livelli di insulina e di estrogeni che si hanno in questa condizione (in entrambi sessi) sono ritenuti induttori di crescita tumorale. Sembra, secondo recentissime ricerche, che anche alti livelli di leptina, una proteina prodotta dalle cellule adipose, stimola la crescita tumorale. Il grasso corporeo è associato con un aumentato rischio di adenocarcinoma dell esofago e con i tumori del pancreas, del colon-retto, dell utero, della mammella ( in età postmenopausale), nonché dell endometrio e del rene, mentre per il tumore alla cistifellea l associazione è solo probabile. Un elevato livello di insulina circolante è una situazione piuttosto frequente nelle popolazioni occidentali, data la loro propensione verso un regime alimentare ricco di carboidrati raffinati ad alto indice glicemico, cioè che hanno la proprietà di provocare alti valori glicemici post-prandiali, a causa del rapido assorbimento intestinale. L insulina è considerata un vero e proprio fattore di crescita tumorale poiché favorisce la bioisponibilità degli ormoni sessuali (androgeni ed estrogeni), la cui relazione rispettivamente con il tumore mammario e prostatico è risaputa. Nel rapporto alimentazione-tumori ha la sua importanza anche la modalità di conservazione dei cibi destinati a essere consumati a distanza di tempo dalla loro produzione. Se non attentamente conservati alcuni prodotti, in particolare quelli a elevato contenuto oleoso e zuccherino (arachidi, piselli, pistacchi, pere, vino, patate,

3 riso, mais, grano, pane) possono essere contaminati da aflatossine (metaboliti tossici del fungo Aspergillus flavus e parassiticus), messi in relazione all insorgenza di tumori epatici. Le proprietà cancerogene delle aflatossine furono scoperte per caso nel 1962, in seguito all inspiegabile morte di centomila tacchini in Gran Bretagna alimentati con arachidi brasiliane.frequente è anche la contaminazione di spezie come pepe, peperoncino, chiodi di garofano, ginepro e altre ancora. Le aflatossine possono passare nel latte (e da questo nei latticini) attraverso il mangime contaminato. Così come insetticidi, diserbanti, maturanti e conservanti, se non utilizzati secondo rigide regole, possono rendere insidiosi prodotti della terra <<troppo belli>>. Un ruolo non secondario nel rapporto alimentazione-tumori è svolto anche dalle modalità di cottura dei cibi: un uso frequente di carni cucinate alla brace, alla griglia e nel barbecue, aumenta il rischio di tumori all'apparato digerente e alla vescica, per lo sviluppo di idrocarburi aromatici policiclici durante il processo di arrostimento. L uso di cuocere le carni a fuoco vivo e le tecniche di affumicazione dei cibi producono benzopirene e composti analoghi, dovuti principalmente alla pirolisi di grassi e proteine. I pirolisati di aminoacidi possiedono un forte potere mutageno. Le donne che mangiano eccessive quantità di patatine e fritture aumentano significativamente il rischio di ammalarsi di tumore all utero o alle ovaie: l indice è stato puntato contro l acrilamide, una sostanza prodotta dalla frittura di alimenti ricchi di amido, potenzialmente cancerogena. Recente ricerche circa l influenza dell alimentazione della dieta sull immunità e su alcune situazioni da essa dipendente, fra cui i tumori (oltre a malattie autoimmuni, infezioni e invecchiamento), hanno dimostrato alterazioni sia nelle condizioni di denutrizioni sia di eccessivo apporto alimentare. LA CHEMIO-PREVENZIONE ONCOLOGICA Poichè le campagne di prevenzione basate sulla limitazione delle sostanze potenzialmente nocive hanno dato finora scarsi risultati, si sta puntando con sempre maggiore convinzione su programmi di assunzione di alimenti ritenuti protettivi, in grado cioè di invertire l'evoluzione delle cellule pre-maligne (prima cioè che diventino invasive e metastatiche), durante il lunghissimo intervallo di latenza che caratterizza la maggior parte dei tumori umani. Oggi il 35% di tutti i tumori si può prevenire con una sana alimentazione: almeno il 45% di quelli alla prostata e ben il 70% delle neoplasie del colon. La ricerca moderna sta, infatti, sempre più dimostrando che il ruolo della carenza di alcuni elementi determinata da un insufficiente introduzione di frutta e verdura, è più importante nel promuovere l'insorgenza di malattie neoplastiche, del ruolo negativo svolto da alcune sostanze identificate come cancerogene.

4 Questra strategia mira a proteggere per tutto il giorno l'organismo dalla deleteria azione dei radicali liberi (alterazioni ossidative a livello dei lipidi di membrana e del DNA) attraverso l apporto di sostanze antiossidanti; vitamine (betacarotene,vitamina C, E, acido folico) polifenoli, indoli, oligoelementi (selenio), in dosi e combinazioni non riproducibili in laboratorio nelle pillole, di cui sono ricchi i vegetali. I meccanismi protettivi dei vegetali sono vari. la vitamina C, come già detto, impedisce la formazione di nitrosamine, sostanze mutagene e cancerogene; la vitamina E protegge le strutture cellulari dai pericolosi radicali liberi; il beta-carotene, precursore della vitamina A, contribuisce a prevenire la trasformazione metaplasica delle cellule epiteliali (stadio precoce del passaggio dal tessuto normale a quello neoplastico); il licopene, contenuto in larga misura nei pomodori dandogli il caratteristico colore rosso, è un potente antiossidante, assorbito più facilmente dal pomodoro cotto, essendo in quello crudo in forma cristallina, poco solubile. In uno studio su 48 mila uomini, ricercatori di Harvard, hanno rilevato che 10 porzioni alla settimana di cibi ricchi di pomodori (sugni, pizza, ketchup) dimezzavano il rischio di cancro alla prostata; le fibre, che oltre a svolgere la già citata azione protettrice sul colon accelerando il transito intestinale, ne svolgono altre più complesse. E stato osservato che nel colon le fibre subiscono da parte della flora batterica saprofitica un processo di fermentazione, che ne modifica la strutture nutrendosene, e che durante tale processo si formano sostanze che inducono l apoptosi (cioè la morte programmata) delle cellule intestinali anomale, quelle potenzialmente progenitrici di un tumore, mentre non hanno alcun effetto sulle cellule sane. Inoltre, sempre attraverso la fermentazione, viene modificato il ph (cioè il tasso di acidità) intestinale, che contrasta la formazione di sostanze induttrici di tumori derivanti dalla digestione di altri alimenti (carni rosse ricche di grassi).gli alimenti ricchi di fibre sono, inoltre, anche ricchi di fitoestrogeni, ormoni vegetali che svolgono un'azione protettiva nei confronti di alcuni tumori estrogeno-dipendenti (in particolere la mammella) con vari meccanismi: legandosi ai recettori per gli estrogeni umani presenti in sede mammaria, inibiscono l azione induttrice tumorale degli ormoni naturali; aumentando la produzione epatica delle proteine di trasporto degli estrogeni, diminuiscono la loro quota libera (la più attiva); inibendo l'aromatasi (l'enzima che converte nel tessuto adiposo gli androgeni in estrogeni), diminuiscono ulteriormente il livello di estrogeni circolanti; rallentando l assorbimento degli zuccheri a livello intestinale, diminuiscono la secrezione di insulina da parte del pancreas e quindi la bio-disponibilità degli ormoni sessuali e di IGF-1, potenziali induttori

5 di tumori mammari e prostatici. Uno studio su 470 mila persone ha evidenziato che le persone più protette sono quelle che consumano da 5 a 7 porzioni di frutta e verdura al giorno. Oltre alle vitamine, ai minerali e alle fibre, sono presenti nella frutta e nella verdura numerose sostanze antiossidanti (alcune già individuate come i bioflavoni, altre in via di definizione), motivo per cui non è la stessa cosa ingoiare pillole di vitamine, sali minerali, fibre e consumare alimenti ricchi di questi principi nutritivi. E l intero cocktail di frutta e verdura ad avere un effetto positivo, e attraverso gli alimenti è impossibile arrivare ad un sovradosaggio degli elementi suddetti. anche un buon apporto di omega-3 (accanto alla già riferita e riconosciuta azione cardio-protettiva) sembra esplicare un effetto di prevenzione antitumorale, rendendo ragione della bassa incidenza di tumori tra gli Eschimesi della Groenlandia. Se si riuscisse ad invertire la tendenza fra consumo di carne rossa e di pesce si ridurrebbero di molto i tumori intestinali. Sulla base di queste osservazioni i Comitati di Ricerca che indagano sulla relazione fra alimentazione e cancro hanno formulato alcune raccomandazioni generali seguendo le quali si potrebbe ridurre in modo significativo l'incidenza di alcuni tumori. Queste sono: evitare il sovrappeso; limitare il consumo dei grassi a non piu' del 30% delle calorie totali, con un giusto rapporto fra acidi grassi saturi, monoinsaturi e polinsaturi; limitare i prodotti trattati con sale, in salamoia e affumicati e l'aggiunta del sale nella preparazione dei piatti; limitare l'assunzione di sostanze alcoliche, soprattutto superalcoliche, specie in associazione col fumo; limitare l'uso di carne cotta su fuoco vivo, potendosi formare per pirolisi prodotti cancerogeni (benzopirene); avere molta cura nel conservare prodotti come cereali, legumi, noci, facilmente inquinabili da muffe produttrici di aflotossine; consumare cereali integrali, con elevato contenuto in fibre e a basso indice glicemico. includere nel menu giornaliero cinque porzioni di verdure (verdi e gialle) e frutta (evitando quella troppo bella e troppo lucida, in sospetto di fitocosmesi), per assicurare un adeguato apporto di vitamine; privilegiare l'uso di cibi non conservati, preferendo, comunque, i surgelati; evitare cibi cotti ad alte temperatura. Giova ricordare che la dieta mediterranea (e più propriamente la sua versione suditaliana) rappresenta un buon modello di alimentazione in una prospettiva di chemioprevenzione tumorale.

6

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore I TUMORI Il Rapporto Mondiale dell Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, dell Organizzazione Mondiale della Sanità, evidenzia come il cancro sia divenuto uno dei maggiori problemi per la sanità

Dettagli

Percentuali di tumori attribuibili a diversi fattori ambientali nel Regno Unito (R.Doll, 1999)

Percentuali di tumori attribuibili a diversi fattori ambientali nel Regno Unito (R.Doll, 1999) Percentuali di tumori attribuibili a diversi fattori ambientali nel Regno Unito (R.Doll, 1999) Fattore % fumo di tabacco (attivo) 29-31 alcol 4-6 dieta 20-50 infezioni (parassiti, batteri, virus) 10-20

Dettagli

ALIMENTAZIONE, STILE DI VITA E CANCRO Valverde (CT), 9 Maggio 2009

ALIMENTAZIONE, STILE DI VITA E CANCRO Valverde (CT), 9 Maggio 2009 ALIMENTAZIONE, STILE DI VITA E CANCRO Valverde (CT), 9 Maggio 2009 Relatori: Dott. Massimiliano Berretta Oncologo, Dir. I livello, Istituto Nazionale Tumori CRO (Aviano) Prof. Salvatore Berretta Ordinario

Dettagli

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno A PESCARA NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno LILT La LILT è l unico ente pubblico su base associativa impegnato nella lotta contro i tumori dal 1922 e operante sul territorio

Dettagli

.Morire di fatica e di fame

.Morire di fatica e di fame .Morire di fatica e di fame cause di mortalità indigenza malattie infettive ed epidemie morti per parto e guerre Il cancro era raro e si pensava che l origine fosse genetico o virale e si rapportasse poco

Dettagli

L INCIDENZA DEGLI STILI DI VITA NELLA NEOPLASIA DEL COLONRETTO

L INCIDENZA DEGLI STILI DI VITA NELLA NEOPLASIA DEL COLONRETTO P.A.N. Prevenzione Alimentazione Nutrizione Venerdì 9 Novembre 2007 Camera dei Deputati L INCIDENZA DEGLI STILI DI VITA NELLA NEOPLASIA DEL COLONRETTO Dipartimento di Scienze Chirurgiche, San Filippo Neri,

Dettagli

Termini utili. Mutageno: molecole o sostanze in grado di danneggiare il DNA. Teratogeno: sostanze in grado di causare malformazioni al feto.

Termini utili. Mutageno: molecole o sostanze in grado di danneggiare il DNA. Teratogeno: sostanze in grado di causare malformazioni al feto. Cosa sono i tumori I tumori sono delle neoplasie, masse di cellule derivanti da uno sviluppo anormale di una singola cellula che, in seguito a una mutazione del DNA spontanea o causata da sostanze cancerogene,

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Alimentazione e cancro Relatore:dott Emanuela Romagnoli 15 gennaio 2014 Aula Piccolotto Osp S. Maria del Prato FATTORI DI RISCHIO MODIFICABILI NON MODIFICABILI

Dettagli

Made in Italy Agroalimentare

Made in Italy Agroalimentare Made in Italy Agroalimentare Bari 23 Settembre 2011 Salone degli Affreschi Ateneo) Workshop L'alimentazione come prevenzione delle malattie tumorali Prof. Pietro A. Migliaccio Medico Nutrizionista Presidente

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute NUTRIZIONE E CANCRO Davide Pastorelli Direttore UOC Oncologia 24 febbraio 2016 Ospedale di Feltre Sala Piccolotto NUTRIZIONE E CANCRO La stretta correlazione tra

Dettagli

Consapevoli e sani. 1. Mantenete il peso corporeo entro valori normali. 2. Fate almeno 30 minuti di movimento al giorno.

Consapevoli e sani. 1. Mantenete il peso corporeo entro valori normali. 2. Fate almeno 30 minuti di movimento al giorno. Dieci suggerimenti della Lega svizzera contro il cancro Consapevoli e sani Un'alimentazione sana e movimento sufficiente possono ridurre il rischio di ammalarsi di cancro. Non è mai troppo tardi per iniziare

Dettagli

Alimentazione e Cancro: origini, cause e prevenzione

Alimentazione e Cancro: origini, cause e prevenzione Alimentazione e Cancro: origini, cause e prevenzione 4 dicembre 2014 Palazzo Reale, Milano Dottor Claudio Verusio - Dottor Maurizio Tomirotti CD CIPOMO Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Ornella Gottardi - U.O. Oncologia I.R.C.C.S. Multimedica Sesto S. Giovanni Epidemiologia dei tumori Disciplina

Dettagli

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole ALIMENTAZIONE BENESSERE BELLESSERE Le proprietà farmacologiche, salutistiche, estetiche del cibo La mancanza di equilibrio tipica dell alimentazione moderna è spesso correlata al determinismo di molte

Dettagli

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA ANZIANI E TUMORI L invecchiamento è un fattore determinante nello sviluppo del cancro. Con l avanzare dell età, infatti, viene meno la capacità di riparazione cellulare dell organismo. Nell anziano (over

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

Nella dieta due tipi di componenti:

Nella dieta due tipi di componenti: Nella dieta due tipi di componenti: 1) componenti in grado di favorire lo sviluppo e l insorgenza del tumore 2) componenti in grado di inibire o rallentare i meccanismi di trasformazione neoplastica. 1

Dettagli

Nella dieta due tipi di componenti:

Nella dieta due tipi di componenti: Nella dieta due tipi di componenti: 1) componenti in grado di favorire lo sviluppo e l insorgenza del tumore 2) componenti in grado di inibire o rallentare i meccanismi di trasformazione neoplastica. 1)

Dettagli

Biologo Nutrizionista Ricercatrice Dipartimento oncologia sperimentale IEO Milano XXXII. Giornata Mondiale dell Alimentazione Formia, 16 ottobre 2013

Biologo Nutrizionista Ricercatrice Dipartimento oncologia sperimentale IEO Milano XXXII. Giornata Mondiale dell Alimentazione Formia, 16 ottobre 2013 XXXII Giornata Mondiale dell Alimentazione Formia, 16 ottobre 2013 Biologo Nutrizionista Ricercatrice Dipartimento oncologia sperimentale IEO Milano SmartFood: progetto di ricerca e divulgazione scientifica

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

SIAMO CIO CHE MANGIAMO Come l alimentazione può aiutarci a mantenerci in salute. Chiara Segré, PhD Giornata Nazionale della Previdenza 14 Maggio 2014

SIAMO CIO CHE MANGIAMO Come l alimentazione può aiutarci a mantenerci in salute. Chiara Segré, PhD Giornata Nazionale della Previdenza 14 Maggio 2014 SIAMO CIO CHE MANGIAMO Come l alimentazione può aiutarci a mantenerci in salute Chiara Segré, PhD Giornata Nazionale della Previdenza 14 Maggio 2014 L alimentazione è il più importante fattore ambientale

Dettagli

la lotta al cancro non ha colore Alimentazione la salute passa dalla tavola insieme contro il cancro

la lotta al cancro non ha colore Alimentazione la salute passa dalla tavola insieme contro il cancro la lotta al cancro non ha colore la lotta al cancro non ha colore Alimentazione la salute passa dalla tavola insieme contro il cancro Perché questo opuscolo? Il numero di adulti in sovrappeso e obesi nei

Dettagli

PREVENZIONE. Il rischio cardio-oncologico: ecco le armi per contrastarlo

PREVENZIONE. Il rischio cardio-oncologico: ecco le armi per contrastarlo PREVENZIONE Il rischio cardio-oncologico: ecco le armi per contrastarlo Uno stile di vita salutare, prevenendo le malattie cardiovascolari e oncologiche, abbassa il rischio cardio-oncologico e realizza

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Epidemiologia tumori Distretto Socio-Sanitario Valle Seriana. A cura della Direzione Distrettuale

Epidemiologia tumori Distretto Socio-Sanitario Valle Seriana. A cura della Direzione Distrettuale Epidemiologia tumori Distretto Socio-Sanitario Valle Seriana A cura della Direzione Distrettuale Rapporto Standardizzato Mortalità (SMR) Tumori - Maschi Distretto smr LI_smr LS_smr D01-Bergamo 0,90

Dettagli

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia Sergio Fava Oncologia medica Legnano Oncologia Medica E'una disciplina che derivata dalla Medicina Interna e dalla Oncologia

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi:

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi: Legumi I legumi sono considerati la carne dei poveri per il loro contenuto proteico. Sono utilissimi ai vegetariani e ai vegani (questi, a differenza dei vegetariani, non utilizzano neanche i latticini

Dettagli

PRESIDIO OSPEDALIERO DI CONEGLIANO PIASTRA AMBULATORIALE DIREZIONE MEDICA AMBULATORIO SENOLOGICO EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E SCREENING

PRESIDIO OSPEDALIERO DI CONEGLIANO PIASTRA AMBULATORIALE DIREZIONE MEDICA AMBULATORIO SENOLOGICO EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E SCREENING PRESIDIO OSPEDALIERO DI CONEGLIANO PIASTRA AMBULATORIALE DIREZIONE MEDICA AMBULATORIO SENOLOGICO EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E SCREENING INCIDENZA DI TUMORI NELLA DONNA 35000 30000 25000 20000 15000 10000

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti L ALFABETO DELLA CORRETTA NUTRIZIONE Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti delle membrane cellulari hanno destato negli ultimi anni maggior interesse. E ormai

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Al fine di comporre correttamente la propria dieta è bene conoscere le qualità dei principali alimenti che in base alle loro principali caratteristiche nutrizionali

Dettagli

Aumento REALE di incidenza dei tumori

Aumento REALE di incidenza dei tumori Aumento REALE di incidenza dei tumori ANCHE SE: MAGGIORI POSSIBILITA DIAGNOSTICHE DIMINUZIONE MORTALITA PER MALATTIE INFETTIVE AUMENTO DELLA VITA MEDIA (MALATTIA NEOPLASTICA AUMENTA CON L ETA ) INCIDENZA

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE

ALIMENTAZIONE E SALUTE Istituto Arrigo Serpieri BOLOGNA Franco Minardi ALIMENTAZIONE E SALUTE 27 aprile 2013 BOLOGNA Definizione di tumore Cos è il tumore: proliferazione a partire da una cellula Tipi di proliferazione: controllata

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE 1-2 e 8-9 maggio 2010 GUIDA PER UNO stile di vita SALUTARE ATTIVITÁ FISICA QUOTIDIANA Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di PASSEGGIATA Per migliorare lo stile di vita: parcheggiare più

Dettagli

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano LATTE E DERIVATI E TUMORE Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano MEDIE (g/die) DI CONSUMO DI LATTICINI IN ITALIA: INDAGINE INRAN-SCAI 2005

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

CONSUMO ALIMENTARE DI CARNI E RISCHIO DI CANCRO A cura di Angela Maria Vittoria GRIZZANTI

CONSUMO ALIMENTARE DI CARNI E RISCHIO DI CANCRO A cura di Angela Maria Vittoria GRIZZANTI CONSUMO ALIMENTARE DI CARNI E RISCHIO DI CANCRO A cura di Angela Maria Vittoria GRIZZANTI A.A. 2012-2013 Il consumo di carne è aumentato dalla seconda guerra mondiale. Anche se questo aumento è stato a

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ NUTRIENTI (O PRINCIPI NUTRITIVI): PROTEINE LIPIDI CARBOIDRATI VITAMINE ACQUA MINERALI CON FUNZIONE: PLASTICA ENERGETICA BIOREGOLATRICE PROTEINE LUNGHE CATENE DI

Dettagli

L alimentazione equilibrata

L alimentazione equilibrata L alimentazione equilibrata ( R. Pellati, 2005) Macronutrienti Percentuale % Quantità Calorie Proteine 12-15 80-90 g/die Grassi 25-30 75-85 g/die Carboidrati Fibra 55-60 --- 360-390 g/die 20-30 g/die 1

Dettagli

Meglio informati sul colesterolo e sugli altri lipidi nel sangue

Meglio informati sul colesterolo e sugli altri lipidi nel sangue Informazioni per i pazienti Meglio informati sul colesterolo e sugli altri lipidi nel sangue Quelli con l arcobaleno Tutte le guide Mepha sono disponibili al sito www.mepha.ch Per scandire il «QR-Code»

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL ADOLESCENZ A

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL ADOLESCENZ A IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL ADOLESCENZ A ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Più. Più cereali, legumi, ortaggi e frutta

Più. Più cereali, legumi, ortaggi e frutta 2. Più Più cereali, legumi, ortaggi e frutta 2. Più cereali, legumi, ortaggi e frutta Questi alimenti sono importanti perché apportano carboidrati (soprattutto amido e fibra), ma anche vitamine, minerali

Dettagli

A TUTTO CAMPO ALIMENTAZIONE E NEOPLASIE: QUALE INTERAZIONE?

A TUTTO CAMPO ALIMENTAZIONE E NEOPLASIE: QUALE INTERAZIONE? ALIMENTAZIONE E NEOPLASIE: QUALE INTERAZIONE? Giorgio Pitzalis A TUTTO CAMPO 17 Nei Paesi occidentali, una percentuale intorno al 20-30% dei tumori potrebbe essere "evitata" grazie a una dieta corretta:

Dettagli

Rassegna Stampa Parametri di Ricerca impostati:

Rassegna Stampa Parametri di Ricerca impostati: Rassegna Stampa Parametri di Ricerca impostati: Intervallo di tempo: dal 29/05/2015 al 03/06/2015 Argomento : Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20123 Milano

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

L OLIO DIOLIVA EXTRAVERGINE UNA GARANZIA PER LA SALUTE. Presidente Sezione Medico Nutrizionale Accademia Nazionale dell Olivo e dell Olio Spoleto

L OLIO DIOLIVA EXTRAVERGINE UNA GARANZIA PER LA SALUTE. Presidente Sezione Medico Nutrizionale Accademia Nazionale dell Olivo e dell Olio Spoleto L OLIO DIOLIVA EXTRAVERGINE UNA GARANZIA PER LA SALUTE Prof. Publio Viola Presidente Sezione Medico Nutrizionale Accademia Nazionale dell Olivo e dell Olio Spoleto I grassi sono indispensabili per il nostro

Dettagli

I CIBI DELLA SALUTE. parliamo di... Perché la prevenzione si fa anche a tavola, ogni giorno, come spiega il nostro esperto

I CIBI DELLA SALUTE. parliamo di... Perché la prevenzione si fa anche a tavola, ogni giorno, come spiega il nostro esperto parliamo di... I CIBI DELLA SALUTE Ci sono frutti, ortaggi e altri alimenti che possono diventare preziosi alleati per combattere i tumori. Eccoli allora protagonisti nei piatti buoni e sani di queste

Dettagli

Caffè tumore del pancreas e altri tumori: dai risultati epidemiologici alla divulgazione. Alessandra Tavani

Caffè tumore del pancreas e altri tumori: dai risultati epidemiologici alla divulgazione. Alessandra Tavani Caffè tumore del pancreas e altri tumori: dai risultati epidemiologici alla divulgazione Alessandra Tavani Scopo della epidemiologia Principali tipi di studi per epidemiologia analitica Tipi di analisi

Dettagli

Dieta mediterranea e cancro

Dieta mediterranea e cancro Dieta mediterranea e cancro Cristina Bosetti Dipartimento Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche "Mario Negri", Milano Corso di aggiornamento X-Files in Nutrizione Clinica ed Artificiale Oncologica

Dettagli

IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche,

IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche, IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche, delle conoscenze, delle abilità, dei saperi e delle tradizioni

Dettagli

OSSERVATORIO ONCOLOGICO [D.G.M. n. 317 del 4/5/2012 ]

OSSERVATORIO ONCOLOGICO [D.G.M. n. 317 del 4/5/2012 ] OSSERVATORIO ONCOLOGICO [D.G.M. n. 317 del 4/5/2012 ] Divulgazione risultati e prevenzione oncologica nelle Municipalità e nelle Scuole Superiori Con il sostegno del Comune di Napoli 1 Associazione Napoletana

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO Dott. Francesco Braccioni LE DIMENSIONI DEL PROBLEMA E il tumore più frequente nelle donne e quello che provoca più decessi Solo in alcuni paesi

Dettagli

Metti in tavola cibo e salute: i principi per una sana alimentazione

Metti in tavola cibo e salute: i principi per una sana alimentazione Metti in tavola cibo e salute: i principi per una sana alimentazione Giornata Nazionale della Previdenza Milano 18 maggio 2013 Lucilla Titta Ricercatrice e nutrizionista IEO per Fondazione Umberto Veronesi

Dettagli

I 10 migliori alimenti per un bodybuilder

I 10 migliori alimenti per un bodybuilder I 10 migliori alimenti per un bodybuilder Inviato da Mirko Carta Bodybuildingitalia La nutrizione è una scienza esatta. E lo è ancora di più la nutrizione nello sport. In questo ambito scegliere gli alimenti

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO una corretta informazione per un benessere psicofisico Mangiare o nutrirsi? Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico Nutrirsi

Dettagli

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 Data: 10/01/2011 Paziente: ROSSI MARIO ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA Glicemia Insulinemia Indice HOMA ANALITA DESCRIZIONE

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

Prevenzione e Stili di vita. Genetic nursing. Giovanna Iula

Prevenzione e Stili di vita. Genetic nursing. Giovanna Iula Prevenzione e Stili di vita Genetic nursing Giovanna Iula Carcinomi eredo familiari mammari ed ovarici. Sorveglianza. Farmacoprevenzione. Profilassi chirurgica.stili di vita Stili di vita coinvolti nella

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

La frittura fa bene o male? Tutte le risposte.

La frittura fa bene o male? Tutte le risposte. La frittura fa bene o male? Tutte le risposte. CuDriEc 8 maggio, 2016 La frittura fa bene o male? Questo l amletico dubbio. Abbiamo cercato opinioni in merito, cercando di raccogliere più documentazione

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

Mangiare sano, informazioni su alcuni alimenti

Mangiare sano, informazioni su alcuni alimenti Mangiare sano, informazioni su alcuni alimenti Aglio: ha effetto antibiotico, antivirale, antiossidante, abbassa il colesterolo nel sangue e previene i trombi AAA Agnello: anche nelle parti magre contiene

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE Dott.ssa Luce Ghigo Medico Chirurgo Convenzionato S.S.N. Medicina di Gruppo - Medico di R.S.A. Piani Alimentari e Terapia del Sovrappeso 1 Se è vero che le esigenze nutrizionali

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

PATOLOGIE DA SCORRETTA ALIMENTAZIONE

PATOLOGIE DA SCORRETTA ALIMENTAZIONE PATOLOGIE DA SCORRETTA ALIMENTAZIONE G. GASPARINI P. Bonginelli Roma, 29.10.2009 Introduzione ALIMENTI: quei prodotti in grado di fornire sostanze essenziali alla vita e in particolare di: Produrre energia

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

La prevenzione nutrizionale del cancro: le azioni del Sian sulla popolazione. Patrizia Pasanisi, MD, MSc

La prevenzione nutrizionale del cancro: le azioni del Sian sulla popolazione. Patrizia Pasanisi, MD, MSc La prevenzione nutrizionale del cancro: le azioni del Sian sulla popolazione Patrizia Pasanisi, MD, MSc 'Il tumore come malattia genetica' oncogeni antioncogeni geni dell'apoptosi del riparo del DNA del

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

TECNOLOGIE E MODELLI ORGANIZZATIVI OTTIMALI NEI SERVIZI DI RISTORAZIONE

TECNOLOGIE E MODELLI ORGANIZZATIVI OTTIMALI NEI SERVIZI DI RISTORAZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione TECNOLOGIE E MODELLI ORGANIZZATIVI OTTIMALI NEI SERVIZI DI RISTORAZIONE RISTORAZIONE Ristorazione 2004 Milano, 23-24 settembre 2004 Dr.

Dettagli

Viaggio delle sostanze nutritive

Viaggio delle sostanze nutritive Viaggio delle sostanze nutritive Il cibo che assumiamo contiene sostanze nutritive per la produzione di nuove cellule Gli alimenti però devono essere ridotti in molecole Esistono 4 fasi fondamentali 1)

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

False credenze e nuove certezze Reggio Emilia 22.11.2014

False credenze e nuove certezze Reggio Emilia 22.11.2014 I consumi di proteine 1861-2007 Come sono fatte le proteine? Le proteine sono uno dei tre macronutrienti (gli altri sono carboidrati e grassi), su cui si basa principalmente la nostra alimentazione.

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

Ruolo dell alimentazione nella prevenzione dei tumori Sabina Sieri

Ruolo dell alimentazione nella prevenzione dei tumori Sabina Sieri Ruolo dell alimentazione nella prevenzione dei tumori Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Una fonte autorevole di informazioni epidemiologiche

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE. Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A.

ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE. Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A. ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A. Nutraceutica Nome dato a quella branca della ricerca scientifica, svolta in numerosi laboratori, sugli alimenti

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

La chimica a tavola alimentarsi con gusto per guadagnare salute

La chimica a tavola alimentarsi con gusto per guadagnare salute 2011 Anno Internazionale della Chimica La chimica a tavola alimentarsi con gusto per guadagnare salute Emilia Guberti Bologna 25 gennaio 2012 Uno straordinario laboratorio Macronutrienti Carbodrati Grassi

Dettagli

ANTIAGING PROFILE. Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST

ANTIAGING PROFILE. Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST Cod. ID: Data: Paziente: ANTIAGING PROFILE Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST LO STRESS OSSIDATIVO NOME COGNOME Cod. ID 215xxxxx

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione)

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Comune di Bologna Settore Istruzione (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Anno 2012 a cura di: Alves Carpigiani Nutrizionista Responsabile della U.O. Igiene Nutrizione Controllo pasti nidi

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli