architettura federale funzionante principio ogni imposta deve avere uno scopo definito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "architettura federale funzionante principio ogni imposta deve avere uno scopo definito"

Transcript

1 IMPOSTE Attualmente il fisco italiano si basa su un sistema piuttosto comune fra gli stati centralisti: tutte le risorse affluiscono ad una cassa centrale da cui il governo attinge per ridistribuire le (scarse) risorse dove servono. O, meglio, dove il governo e il Parlamento con la Legge di Stabilità - decidono che debbano andare. Se questo a qualcuno ricorda i Piani Quinquennali di stampo sovietico, tranquilli: è proprio così Appare chiaro come questo sistema lasci gli enti locali e i Cittadini (ma non solo) in balìa di tagli lineari, meccanismi opachi di assegnazione, capacità di questo o quel gruppo di pressione di dare l assalto alla diligenza, per tacere dell enorme apparato burocratico di controllo che ha il compito di verificare versamenti, flussi, destinazioni ed eventuali appropriazioni indebite nel corso di questi passaggi. La prima azione necessaria per avere una architettura federale funzionante è lasciare che gli enti locali (le Province e le Aree Metropolitane, nella nostra ipotesi di riforma) abbiano una capacità di imposizione fiscale e di spesa pubblica autonome rispetto al governo centrale. Il primo passo per giungere a questa autonomia è quindi stabilire quali tasse vadano versate allo Stato (imposte federali) e quali alle Province (imposte locali). Abbiamo previsto che allo Stato vengano versate le imposte sulle persone fisiche (IRPEF), l IVA, le tasse sui carburanti e quelle su tabacchi e alcolici. Alle Province andrebbero versate le imposte sulle attività produttive (IRES) e, qualora decidessero di mantenerle, tutte una serie di altre imposte che vedremo in dettaglio. Prima di affrontare nel dettaglio le varie imposte, ci preme ribadire un principio che per noi deve essere alla base del concetto stesso di tassazione: ogni imposta deve avere uno scopo definito. Questo significa che ogni imposta non può e non deve finire in un calderone che serve a turare falle dove capita, con il risultato che non si capisce più dove vadano a finire i soldi dei Cittadini, ma che di ogni imposta sarà necessario indicare a quali finalità è destinata. In questo modo, secondo noi, sarà possibile per i Cittadini controllare come e dove vengono spesi i loro soldi. IMPOSTE FEDERALI Il gettito fiscale derivante dalle imposte federali dovrà servire a coprire i costi di funzionamento della macchina pubblica federale. In termini generali, l autonomia impositiva e di spesa locale dovrebbe portare ad una notevole riduzione dei trasferimenti dal centro alla periferia e quindi ad una notevole riduzione delle imposte dirette e indirette che gravano sui Cittadini. Non crediamo, tuttavia, che sia possibile abolire del tutto questi trasferimenti, sia perché uno stato federale non è uno stato in cui le Province ricche ignorano i bisogni di quelle più povere o con minore base imponibile (meno popolazione e meno imprese) e quindi deve continuare ad esistere un fondo perequativo, sia perché in taluni casi specifici è necessario che sia lo Stato a farsi carico di alcune spese locali. Un esempio di questa necessità è dato dai costi in farmaci e terapie dei malati cronici: se da un lato è vero

2 che le spese sanitarie saranno di competenza delle Province (come ora lo sono delle Regioni) è altresì vero che lo Stato non può permettere che i suoi Cittadini ricevano cure e terapie differenti a causa di differenti disponibilità economiche dell ente locale. Queste spese dovrebbero quindi essere coperte dallo Stato, possibilmente con i fondi derivanti dalla tassazione su tabacchi e alcolici. Relativamente all IRPEF abbiamo previsto un sistema differente da quello attualmente in vigore; trattandosi di un argomento lungo e complesso, vi rimandiamo all apposita pagina per i dettagli. In questa stessa pagina troverete anche un simulatore che vi permetterà di calcolare il maggior reddito a disposizione delle famiglie - e delle imprese - a seguito di questa riforma. Maggior reddito che, a nostro avviso, avrebbe l effetto di rilanciare in breve tempo i consumi e anche il gettito fiscale, facendo ripartire l economia e quindi anche l occupazione. Relativamente all IVA, proponiamo due misure. In primo luogo, l aliquota ordinaria andrebbe ridotta dal 22 al 20%. Infatti, il solo aumento dell aliquota dal 20 al 21% ha prodotto una riduzione del gettito pari a 3724 milioni nei primi otto mesi del Una riduzione, non un aumento. Un analogo se non maggiore effetto di riduzione del gettito è atteso dall aumento dal 21 al 22%. Non ci appare una mossa geniale L andamento del gettito IVA è una chiara, per quanto empirica, dimostrazione della validità della controversa Curva di Laffer 2 laddove afferma che oltre una certa soglia l aumento di imposizione fiscale genera meno gettito e non di più; è logico quindi attendersi che una riduzione dell aliquota IVA provochi una riduzione dei prezzi di beni e servizi che dovrebbe, per quanto marginalmente, sortire il doppio effetto positivo di fare aumentare le vendite e fare aumentare il gettito IVA. La seconda misura che proponiamo in campo IVA è l introduzione di una quarta aliquota (oltre a quella minima al 4%, quella ridotta al 10%, e quella ordinaria attualmente al 22%) pari allo 0%. Questa aliquota, cioè in pratica l esenzione dall IVA, dovrebbe essere applicata ad un paniere ristretto di beni di prima necessità, fra i quali vediamo ad esempio le medicine e il cibo per i neonati. La ragione di questa proposta è per noi piuttosto semplice: è immorale che lo Stato lucri su questi beni, che sono richiesti principalmente dalle categorie sociali con minor reddito disponibile, cioè giovani coppie ed anziani. Il gettito IVA, che nel 2012 ha superato i 117 miliardi di Euro 3, dovrebbe essere destinato integralmente al pagamento degli interessi sul debito pubblico e alla sua riduzione. Relativamente alle tasse sui carburanti, accise e IVA, proponiamo l accorpamento di queste voci in una unica imposta, dal valore fisso per ogni litro di carburante. Attualmente, la tassazione sui carburanti (accise + IVA) incide per 1,03 euro al litro per la benzina e per 0,90 euro al litro per il gasolio 4. Inutile, crediamo, sottolineare come si tratti dei prezzi più alti praticati in Europa e quindi, praticamente, al mondo Riducendo questo valore a 50 centesimi al litro, come unica imposizione senza distinzione fra accise e IVA, si otterrebbero due effetti positivi: 1. da un lato la diminuzione del prezzo alla pompa (del 25% nel caso del gasolio e del 30% nel caso della benzina) dovrebbe riflettersi in una diminuzione del prezzo dei beni di consumo che in Italia viaggiano per l 80% su gomma, cioè su camion e furgoni; 2. dall altro renderebbe immediatamente visibile ogni variazione di prezzo dovuta ad una eventuale speculazione da parte delle compagnie petrolifere, perché l importo che andrebbe allo Stato non cambierebbe. Come già per l IVA, anche in questo caso per noi la ragione della proposta è piuttosto semplice: poiché ogni aumento del prezzo dei carburanti si traduce in un aumento dei prezzi dei beni acquistati, è immorale che lo Stato abbia interesse a creare un danno ai Cittadini. Un introito fisso per litro è il

3 modo per evitare questo conflitto di interessi. IMPOSTE LOCALI Il gettito fiscale derivante dalle imposte locali dovrà servire a coprire i costi di funzionamento della macchina pubblica delle Province e delle Aree Metropolitane, fra i quali i costi relativi alla sanità (ora di competenza delle Regioni) e all istruzione (ora di competenza suddivisa fra enti di ogni livello). In linea di principio, dovrebbero essere gli enti locali a determinare nei loro Statuti (costituzioni locali analoghe a quelle cantonali della Svizzera o statali degli USA) quali imposte vadano pagate nel territorio, con quali aliquote e quale sia la ripartizione del gettito fra Provincia e Comuni. Ricordiamo brevemente che, nella nostra proposta, il gettito derivante da imposte locali resta nel territorio, senza transitare per una cassa centrale. Appare ovvio, forse perfino scontato, che ad aliquote più basse corrisponda una maggiore capacità di attrarre investimenti sul territorio, ad aliquote più alte una maggiore capacità di fornire beni e servizi ai Cittadini e alle imprese. A nostro avviso, il corretto equilibrio fra queste due esigenze può essere trovato solo localmente, perché ogni territorio ha bisogni, storia e capacità peculiari che un governo nazionale anche uno animato dalle migliori intenzioni può facilmente non vedere. Inoltre, ed è un aspetto altrettanto importante, spostare la capacità impositiva ad un livello più vicino ai Cittadini permette loro di valutarne meglio e più rapidamente gli effetti sul territorio, spingendo gli amministratori locali verso una maggiore responsabilità nei confronti dei loro elettori. La prima e più importante fonte di finanziamento per gli enti locali dovrebbe, a nostro avviso, essere l IRES (Imposta sul REddito delle Società). Attualmente le società pagano in Italia una flat tax (aliquota unica sul territorio nazionale ) del 27,5%. Il primo aspetto che risulta evidente dall attuale formulazione di questa imposta è che la tassazione è la stessa da Nord a Sud, da zone con forti infrastrutture e bassa disoccupazione a zone con parametri opposti. Secondo noi, permettere ad ogni Provincia di stabilire una propria aliquota permetterebbe una politica di attrazione degli investimenti, anche esteri, che si tradurrebbe in maggiore occupazione, innescando un circolo virtuoso: maggiore occupazione maggior reddito alle famiglie maggiori acquisti maggior reddito ad imprese (produzione) e negozi (commercio) maggior gettito IVA e IRPEF (allo Stato) e IRES (alle Province). Non abbiamo inventato nulla: si tratta di rendere possibile ad ogni Provincia o Area Metropolitana di strutturarsi come una ZES (Zona Economica Speciale) come ne esistono in Cina, India, Corea e, all interno dell Unione Europea, in Polonia. A differenza di una ZES classica non si toccherebbero i diritti dei lavoratori ma solo il livello di tassazione delle imprese, però non vediamo ragione per cui il sistema non debba funzionare. Il secondo aspetto è che l attuale livello di tassazione (a cui per correttezza andrebbe aggiunta l IRAP, Imposte Regionale sulle Attività Produttive, pari al 4% del fatturato) è fra i più alti in Europa, attestandosi complessivamente al 31,4%. I nostri concorrenti hanno in generale valori inferiori: Spagna 30%, Germania 29,5%, Inghilterra 22%, Svizzera 21,7%, Irlanda 12,5%. Solo la Francia ha una tassazione media superiore, pari al 33% 5. Nel quadro di questa riforma in chiave federale della tassazione sulle imprese l IRAP andrebbe abolita o, più correttamente, andrebbe fatta confluire all interno di una unica imposta locale sulle imprese che assorba IRES e IRAP. Una seconda importante fonte di reddito potrebbe derivare agli enti locali da una differente normazione del gioco d azzardo. Attualmente quasi ogni bar o locale ha a disposizione slot-machine elettroniche che si affiancano ad altri

4 sistemi di gioco, quali i tradizionali Lotto e Superenalotto e i classici gratta e vinci. I proventi di questi giochi confluiscono ora nelle casse dello Stato. La diffusione capillare dei sistemi di gioco elettronico ha prodotto alcuni effetti negativi: da un lato l enorme aumento delle ludopatie, malattie legate alla dipendenza dal gioco, dall altro l accesso incontrollato ai giochi stessi, specialmente da parte di minori. Inoltre, per quanto la legge preveda che ogni apparecchio sia collegato in rete ad un sistema centrale di elaborazione, la microdiffusione sul territorio lascia spazio all intrusione della criminalità organizzata e rende difficili i controlli alle autorità. A nostro avviso, creando in ogni Provincia una casa da gioco (più nota come Casinò; attualmente ne esistono solo 4 in Italia, tutti al Nord: Sanremo, Venezia, Campione d Italia e Saint-Vincent) si potrebbero avere una serie di ricadute positive: 1. miglior controllo degli accessi ai giochi; 2. miglior controllo sui giocatori abituali, con possibilità di intervenire sulle ludopatie; 3. miglior controllo sulla correttezza e legalità dei sistemi utilizzati; 4. miglior contrasto all intrusione della criminalità organizzata. Lasciando alle Stato le entrate derivanti dai giochi di carta (Lotto, SuperEnalotto, Gratta e Vinci) e le grandi lotterie nazionali e lasciando alle Province gli introiti derivanti dagli altri giochi di azzardo, si avrebbe il doppio effetto positivo di migliorare i controlli sui giochi stessi e di aumentare le entrate locali, con benefici in termini di beni e servizi proprio ai Cittadini di quella Provincia. Una terza fonte di reddito potrebbe derivare alle Province dalle cosiddette Addizionali, da applicare localmente su imposte federali: IRPEF, IVA, Tassa sui Carburanti e tasse su alcolici e tabacchi. Parlando in termini generali noi non siamo favorevoli a questa soluzione, perché queste addizionali inciderebbero sul reddito disponibile ai Cittadini e ogni aumento di questo tipo di imposizione rischia di generare un effetto negativo sull economia, con riduzione delle spese e conseguente diminuzione del gettito IVA, IRPEF e IRES e aumento della disoccupazione. Non di meno, riteniamo che il corretto equilibrio fra esigenze e risorse necessarie vada trovato localmente e che quindi una legge che riformi il sistema fiscale debba lasciare aperta anche questa possibilità, fermo restando il principio secondo cui ogni tassa deve avere uno scopo definito. Inoltre, in base alla nostra proposta sui diritti dei Cittadini (vedere Diritti, Settima Garanzia, punto 4) questi aumenti di tassazione locale richiederebbero l approvazione degli elettori di una Provincia, il che dovrebbe indurre gli amministratori locali a valutare ogni possibile alternativa prima di ricorre a questa soluzione. L ultima delle imposte locali è l IMU (ora TASI/TARI o chissà quale altra sigla fantasiosa ). Vale giusto la pena di ricordare che IMU è la sigla di Imposta Municipale Unica, e che pertanto in questo importo dovrebbe già essere compresa ogni tassa che i Comuni decideranno di applicare e non solo quella sulla casa. A nostro avviso questo tipo di imposta non dovrebbe essere abolito come politica generale, ma dovrebbe essere ogni Comune a decidere se applicarla, su quali parametri calcolarla e con quali aliquote. Come già nel caso dell IRES, una aliquota maggiore permetterebbe di offrire ai Cittadini più servizi, una aliquota minore attirerebbe persone e attività nel Comune. Solo le realtà locali sono in grado di trovare il giusto punto di compromesso. IMPOSTE DA ABOLIRE Esiste, secondo noi, tutta una serie di imposte che andrebbero abolite, o perché inique o perché di difficile riscossione a fronte di un gettito indeterminato o decisamente basso. La prima di queste imposte da abolire sarebbe il canone RAI, anacronistico retaggio di un tempo remoto ora che l accesso a informazioni e trasmissioni è possibile con una enorme quantità di sistemi tecnologici e

5 per lo più in forma gratuita. A poco vale dire che ora, formalmente, questa imposta sia basata sulla detenzione di apparecchi atti o adattabili alla ricezione di radioaudizioni televisive nel territorio italiano, visto che il 100% di questa tassa finanzia una e una sola azienda radiotelevisiva, la RAI appunto, violando tra le altre cose il principio della concorrenza ai danni di chi (Mediaset, La7 ed altri) non ha accesso a questa forma di finanziamento. Non siamo d accordo con chi sostiene che la RAI andrebbe privatizzata, perché reputiamo che sia necessario continuare ad avere un servizio pubblico di informazione, ma riteniamo che le risorse per operare vadano ricercate sul mercato e non nelle tasche dei Cittadini. La liberalizzazione di altri enti, quali le Poste e le Ferrovie, in cui lo Stato ha mantenuto il controllo dell ente stesso ma lo ha obbligato a concorrere sul mercato ha prodotto, a nostro avviso, risultati positivi che potrebbero e dovrebbero essere replicati nel caso della RAI. Collegata alla abolizione del canone RAI dovrebbe a nostro avviso venire cancellata ogni forma di finanziamento pubblico a giornali, riviste e spettacoli in genere. Si tratta, di nuovo, di un retaggio del passato in cui lo Stato si occupava di garantire che ogni idea od opinione potesse essere espressa e che ogni Cittadino avesse accesso a queste idee ed opinioni e a forme di svago. L utilizzo sempre più diffuso di forme di pubblicazione tecnologiche e l ormai universale accesso ad ogni forma di intrattenimento rendono a nostro avviso inutile l accanimento terapeutico con cui si mantengono in vita a spese di tutti i Cittadini forme di informazione e intrattenimento che non hanno più seguito. Un altro gruppo di imposte da abolire dovrebbe essere, secondo noi, quello composto dai vari bolli : IPT (Imposta Provinciale di Trascrizione) che si paga quando si iscrivono o si variano i dati di un veicolo; imposta catastale, che si paga quando si variano i dati al catasto; imposta ipotecaria, che si paga quando si variano i dati nei registri immobiliari; imposta di registro, che si paga quando si registrano atti giuridici presso l Agenzia delle Entrate; imposta di bollo, che si paga quando si richiedono o si presentano documenti. Bollo auto (e relativo superbollo ) che grava ulteriormente su un mercato già appesantito da prezzi dei carburanti stratosferici, multe utilizzate per fare cassa e non per sanzionare comportamenti scorretti e costi d acquisto e manutenzione per molti oramai insostenibili. Inoltre, in base a quale logica si deve continuare a pagare per il diritto di possedere un bene che è già stato pagato, tasse comprese, quando è stato acquistato? Il settore auto in Italia è l unico in cui si paghino sia l acquisto che l affitto Il gettito generato da queste imposte è in generale molto basso (ad eccezione di quelle legate al mondo dell auto) e certamente non giustifica né i costi richiesti per il controllo dei corretti pagamenti né il disagio che provocano ai Cittadini. Soprattutto, l informatizzazione della Pubblica Amministrazione e l utilizzo obbligatorio della Posta Elettronica Certificata nella trasmissione di atti assolverebbero il compito di invio e ricezione di documenti senza problemi di gestione e archiviazione, eliminando il relativo costo. In ogni caso, riteniamo sbagliato che debbano essere i Cittadini a pagare i costi dell inefficienza e della arretratezza della Pubblica Amministrazione. FONTI 1 Il Sole 24 ore 2 Wikipedia 3 La Repubblica Economia & Finanza 4 Il Sole 24 ore 5 PMI.it

6

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Per federalismo fiscale si intende l attribuzione della titolarità

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità 1 Introduzione La riscossione delle imposte è un attività che risale ai tempi antichi. Richiami al pagamento delle imposte si trovano anche nell Antico Testamento.

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Tendenze dell autonomia tributaria degli enti territoriali di Alberto Zanardi Consigliere dell Ufficio

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita?

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Mauro Caselli 1 Paolo Falco 2 1 School of Economics Australian School of Business The University of New South Wales m.caselli@unsw.edu.au

Dettagli

28/04/2014 CAPITOLO 10. Mercati concorrenziali: applicazioni

28/04/2014 CAPITOLO 10. Mercati concorrenziali: applicazioni CAPITOLO 10 Mercati concorrenziali: applicazioni 1 1 L efficienza economica in un mercato concorrenziale 2 2 L efficienza economica in un mercato concorrenziale In corrispondenza dell equilibrio perfettamente

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CONTRATTO CON GLI ITALIANI

CONTRATTO CON GLI ITALIANI CONTRATTO CON GLI ITALIANI tra Silvio Berlusconi, nato a Milano il 29 settembre 1936, leader di Forza Italia e della Casa delle Libertà, che agisce in pieno accordo con tutti gli alleati della coalizione,

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Audizione sulle problematiche concernenti l attuazione degli statuti delle Regioni ad autonomia speciale

Audizione sulle problematiche concernenti l attuazione degli statuti delle Regioni ad autonomia speciale Audizione sulle problematiche concernenti l attuazione degli statuti delle Regioni ad autonomia speciale 2015 Commissione Parlamentare per le questioni regionali 23/04/2015 SEZIONE DELLE AUTONOMIE Audizione

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Adesso una Italia nuova. Si può fare. www.partitodemocratico.it

Adesso una Italia nuova. Si può fare. www.partitodemocratico.it L ITALIA NEL MONDO CHE CAMBIA 1. L Italia del PD sceglie il multilateralismo: per le missioni internazionali di pace, contro il riarmo convenzionale e nucleare; per i diritti umani, contro il riscaldamento

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune IV/ MINISTERO DEL LAVORO, DELLA FAMIGLIA E DEGLI AFFARI SOCIALI Centro di assistenza sociale I dati vanno scritti con lettere maiuscole. Prima di compilare il modulo leggere attentamente le istruzioni

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli