Air Traffic Management Professional Project

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Air Traffic Management Professional Project"

Transcript

1 MILANO ACC ATMPP.MI/2008/003/rr Air Traffic Management Professional Project Sezione Locale Milano ACC Milano ACC Analisi

2 INDICE 2 INDICE 3 PREMESSA CAPITOLO 1 MILANO ACC Dati di traffico Aeroporti serviti Il futuro CAPITOLO 2 RISORSE UMANE 2.1 Layout e fabbisogno della sala operativa 2.2 Ingressi e uscite 2002/ Età anagrafica del personale 2.4 Età operativa del personale 2.5 Necessità inderogabili e politica futura CAPITOLO 3 IL CENTRO DI CONTROLLO 3.1 Un edificio non più all'altezza 3.2 Software e hardware 3.3 Un nuovo Centro di Controllo 2

3 PREMESSA Redigere un'analisi storica sulle cause degli attuali problemi di Milano ACC potrebbe sembrare un esercizio relativamente semplice seguendo la logica, errata a nostro avviso, di sommare tutte le scelte, e non scelte, che man mano sono state compiute nel corso degli anni. Nello sviluppo di questo percorso ci troviamo a dover esaminare tante e tali implicazioni che di fatto hanno portato alla attuale situazione: dal 2002, anno che segna il passo dal punto di vista del traffico aereo, in seguito agli attentati del settembre 2001, Milano ACC ha, in un crescendo di impegni ed attività, supportato la crescita impetuosa di alcuni aeroporti siti all interno della sua area di giurisdizione, implementato due nuovi settori, approntato e collaudato la nuova sala operativa e collaborato appieno nel sostegno e l interconnessione con gli ACC limitrofi, garantendo in ogni occasione un servizio di controllo del traffico aereo efficace e sempre più puntuale. Tutto questo, purtroppo, non sempre ha visto una politica gestionale lineare e coerente con gli scopi che si volevano raggiungere; preme qui sottolineare alcuni degli elementi che hanno portato alle criticità che rendono il sistema eccessivamente vulnerabile perché sottoposto a variabili che, nel breve periodo, saranno difficilmente controllabili: una dissennata politica delle assunzioni e della mobilità geografica, che ha provocato una progressiva erosione delle risorse umane e delle 3

4 esperienze del Centro, basata su criteri difficili da valutare o comunque, almeno ai nostri occhi, difficili da interpretare e che continua tuttora ad alimentarsi con assegnazione di personale non stanziale. Blocco delle abilitazioni per l apertura della nuova sala operativa, che ha provocato, dal 2001 al 2003, una frattura nel ricambio naturale tra vecchi e nuovi CTA dal punto di vista di esperienza e maturità operativa. Errate scelte aziendali (ad esempio l'accesso alle abilitazioni EXE2 basato sulla sola anzianità di servizio). Mancato riconoscimento delle competenze presenti nel Centro e, di conseguenza, insufficiente sviluppo della Struttura, sia in termini qualitativi che quantitativi. Mancato adeguamento di una geografia ATS vecchia di decenni (minime di vettoramento mai aggiornate, zone militari sempre meno gestibili, CTR non più coerenti con le reali esigenze operative, ecc.) che non permette un utilizzo razionale dello spazio aereo, cosa indispensabile per affrontare l aumento continuo del traffico aereo. Nell analizzare in dettaglio i singoli elementi esposti, abbiamo cercato di raccogliere e correlare tra loro quanti più dati disponibili, senza cadere in facili strumentalizzazioni ed inutili accuse, consci del fatto che riuscire a presentare una fotografia della realtà operativa di Milano ACC quanto più veritiera possibile avrebbe costituito per l'azienda e le OOSS un punto di inizio serio e concreto da cui partire per costruire il nostro futuro. 4

5 CAPITOLO 1 MILANO ACC Dati di traffico Considereremo nella nostra analisi il periodo , un arco temporale sufficiente a dare un'idea significativa e non più influenzata dalle flessioni del traffico dovute agli attentati dell'11 settembre I dati sono ricavati dalla Statistica del traffico nello spazio aereo italiano , pubblicazione annuale di Enav SpA liberamente consultabile e scaricabile dalla intranet aziendale. Fig Dati di Traffico gestito da Milano ACC dal 2002 al Portando i dati su una serie di istogrammi, l'incremento è ben visibile; l'aumento del traffico gestito da Milano ACC nell'ultimo anno (+6.7%), accoppiato allo stupefacente dato dell'abbattimento dei ritardi ( 95%), se ci 1 Per l'anno 2007 è stata fatta una proiezione dei dati al 31 agosto. 5

6 riempie d'orgoglio da un lato, dall'altro non può che rendere ancora più amari i riscontri che seguiranno. Fig Istogrammi del traffico gestito da Milano ACC dal 2002 al Aeroporti serviti La Statistica del traffico nello spazio aereo italiano redige una classifica riservata agli aeroporti gestiti da Enav SpA che l'anno precedente abbiano totalizzato almeno 25 mila movimenti e una riservata ai 20 aeroporti più trafficati del Paese, comprendendo in quest'ultima anche gli aeroporti militari aperti al traffico aereo civile. Fig Movimenti degli aapp italiani Enav con più di movimenti annui. 6

7 Nella classifica riservata agli aeroporti Enav con almeno 25 mila movimenti gli scali serviti direttamente ed esclusivamente da Milano ACC spiccano chiaramente: Malpensa e Linate insieme superano Fiumicino di 65 mila movimenti annui e il loro incremento percentuale medio supera quello dello scalo romano di quasi 5 punti percentuali. Malpensa e Orio al Serio registrano (con +8,3% e +8,4%) i più alti 2 incrementi di traffico del Paese. Tutti gli aeroporti presenti nella TMA di Milano compaiono nella classifica e quattro su cinque sono addirittura nei primi dieci. Figura Movimenti dei 20 aapp italiani più trafficati. Analizzando la classifica dei 20 aeroporti più trafficati del Paese (includendo questa volta anche quelli gestiti dall'aeronautica Militare) la situazione non cambia, semmai invece viene confermata: 2 Escluso Bari/Palese, il cui +12,2% è il risultato di numeri nemmeno lontanamente paragonabili agli scali lombardi. 7

8 I tre aeroporti che servono il capoluogo lombardo superano i due scali romani con uno scarto di 53 mila movimenti (421 mila contro 368 mila). L'incremento medio degli scali milanesi è stato di +8,3% contro il +6% di quelli romani. Considerando anche gli aeroporti che Milano ACC serve in modo non esclusivo 3 il dato è illuminante: con la superficie al suolo più piccola tra tutti gli ACC italiani e uno spazio aereo di giurisdizione limitato a FL295, Milano ACC gestisce il 41% di tutto il traffico in arrivo e partenza dagli scali italiani. Figura Traffico dep/arr gestito da Milano ACC rispetto al totale nazionale. Il diagramma qui sopra riassume chiaramente ed immediatamente quanto pesantemente Milano ACC incida nella fornitura dei servizi alla navigazione aerea nello spazio aereo italiano. Non possiamo certo essere accusati di esagerazione se affermiamo che, in 3 Firenze e Bologna computati per 1/3. Pisa, Firenze, Verona e Brescia computati per metà. 8

9 rapporto al proprio volume di spazio aereo, Milano ACC è senza ombra di dubbio l'ente italiano, e certo non solo, a più alta densità di traffico. 1.3 Il futuro Non è nostra intenzione affidarci alla cartomanzia nell'ipotizzare una previsione attendibile di quello che sarà lo sviluppo futuro a breve e medio termine nello spazio aereo del nord ovest d'italia. Già confrontando il traffico autunnale di quest'anno con quello degli anni passati, la forte sensazione è che il trend di crescita avviatosi non si ridurrà. Se inoltre la città di Milano dovesse essere scelta come sede della Esposizione Universale del 2015 (lo sapremo già il prossimo marzo), dovremo aspettarci altri, ulteriori, incrementi di traffico con rari precedenti. Non possiamo fare altro che pianificare immediatamente, ed agire quanto prima, per predisporre misure tanto strutturali quanto organiche che facciano fronte in maniera soddisfacente a quelli che saranno i nostri futuri impegni. 9

10 CAPITOLO 2 RISORSE UMANE 2.1 Layout e fabbisogno della Sala Operativa LAYOUT ESTATE 2008 (SETTORIZZAZIONE 2007) ARR EXE PLN APP SET ORE SET ORE SET ORE SET ORE ADE 24 SEN 24 SEN 24 FIC1 14 ANE 24 SWN 24 SWN 24 FIC2 14 ASW 24 SWS 24 x 2 EAN 16 AFIC 9 MAR 24 CEN 16 x 2 WAN 16 REL 16 ANW 16 SES 16 x 2 TES 16 DCP 16 EAN 16 TWS 16 LAR 16 WAN 16 TWN 14 MAP 14 TES 16 3 REL 16 x 3 4 REL 16 x 4 TWS 16 TWN 14 7 REL 16 x 7 TOT 222 TOT 350 TOT 174 TOT % 277,5 +25% 437,5 +25% 217,5 +25% 66,25 CTA NECESSARI CON TURNAZIONE A 134 ORE / 30 GIORNI

11 2.2 Ingressi e uscite « Al fine di favorire la piena applicazione sull intero territorio del nuovo assetto dell organizzazione degli impieghi operativi come sopra definiti per tutto il personale turnante e di evitare eventuali superamenti del limite massimo di impiego in posizione operativa, la Società si impegna: A) ad effettuare una mirata politica di formazione e sviluppo professionale verso tutte le categorie del personale ENAV, con particolare riferimento ai processi di qualificazione del personale operativo verso i CTA, che ne abbia i requisiti e le attitudini; B) ad effettuare opportuni interventi di mobilità territoriale e mirate assunzioni su base locale, al fine di un adeguata implementazione degli organici e dello sviluppo dell occupazione, in relazione anche al turn over.» Quanti di questi capoversi dell'accordo Quadro del 10/04/2004 sono stati puntualmente disattesi da Enav? A fronte di un aumento di traffico, che in alcuni aeroporti dell area milanese raggiunge nell arco di un lustro percentuali a tre cifre, assistiamo impotenti a una politica aziendale per il personale che definire inadeguata non dà in pieno il senso della gravità della situazione. Fig Ingressi e uscite Milano ACC dal 2002 al

12 I numeri del turn over di Milano ACC nell arco degli ultimi 5 anni, ma potremmo andare ancor più indietro, parlano da soli: 125 sono i CTA usciti dal 2002 a fine 2007; 107 gli ingressi. Di questi, la stragrande maggioranza è giunta a Milano senza nemmeno la qualifica Radar d'area, mentre il personale che Milano cede è sempre abilitato almeno EXE1. Ciononostante, il layout operativo della Sala ha visto l'implementazione di due nuovi settori, CEN (h16, doppio EXE) e TWN (h14). 12 EAV e 12 OA sono usciti dall'organico di Milano ACC dal 2002; nessuno ha mai preso il loro posto, e nel caso degli OA la loro partenza ha inficiato in maniera particolare proprio quei compiti della Struttura che più di prima avrebbero dovuto fornire il supporto necessario alle attività del Centro. Ci troviamo, in ultima analisi, ad un vero e proprio depauperamento delle migliori risorse del Centro, cui seguono iniezioni, nemmeno costanti, di personale spesso neoassunto che impiegherà almeno altri 5 anni per raggiungere un livello di preparazione paragonabile a quello di coloro i quali sono chiamati a sostituire. Oltre al danno di vedere il nostro organico ogni anno un po' rosicchiato, dobbiamo subire poi la beffa di venire a conoscenza di neoassunti milanesi che chiedono di venire a Milano per restare e vengono invece spediti altrove, certo nel pieno rispetto delle graduatorie dei corsi basici, ma in barba 12

13 agli accordi sottoscritti con i lavoratori già in servizio e in palese contrasto con la più semplice regola di buonsenso. Posizioni di grande responsabilità nella Struttura Amministrativa e nella Sala Operativa restano vacanti nonostante gli accordi sottoscritti, e comunque le nomine, quando arriveranno, andranno a intaccare ancora una volta l'organico della Sala. A fronte di tutto ciò, e non avendo ancora visto da parte di Enav un progetto concreto che porti ad eliminare le attuali sofferenze, l'azienda, in previsione di un'estate 2008 ancor più rovente di quella appena trascorsa, ventilato l'ipotesi di aprire un nuovo settore Upper, frutto dell'innalzamento a FL315 dello spazio aereo milanese; settore che, nella migliore ipotesi di un h14, necessiterebbe da solo di almeno 12 nuovi CTA. In aggiunta a ciò, è stato completato recentemente uno studio per la ristrutturazione della isola arrivi e partenze; tale studio, basato su una rivisitazione della attuale settorizzazione e dei flussi di tfc, porterà alla necessità di apertura di uno o più settori, per i quali saranno richieste ulteriori risorse di personale EXE2. E, tornando al discorso della dispersione delle energie, è doveroso ricordare che buona parte del personale trasferito da Milano verso altri centri (principalmente Roma ACC) risulta abilitato EXE2, una qualifica che richiede una precedente esperienza RDR ed uno specifico addestramento per conseguirla. Inoltre, normalmente le posizioni di supervisore di sala e di capo sala operativa vengono ricoperte da personale 13

14 proveniente dalla linea arrivi, abilitato quindi EXE2; ne consegue che, se l emorragia di personale EXE1 risulta altamente dannosa per la linea RDR AWY, in perenne sofferenza, la continua fuoriuscita di personale EXE2 (per trasferimento e destinato ad altri incarichi), risulta letale per la linea arrivi. I numeri a disposizione risultano ai limiti del collasso, costringendo la locale direzione ad alchimie di vario genere, al fine di assicurare la fornitura del servizio, ed il personale a ritmi di lavoro fuori del comune. Risulta pertanto evidente, se ancora ce ne fosse bisogno, che i risultati conseguiti in questo ultimo anno e negli anni precedenti, sono stati possibili solamente grazie all'abnegazione e al senso di responsabilità del personale, nonostante una palesemente disastrosa pianificazione aziendale. 2.3 Età anagrafica del personale Con una età anagrafica media compresa, in base alle abilitazioni, tra i 30 e i 35 anni, Milano si distingue con tutta probabilità come il Centro di Controllo più giovane di Enav. Questo ha certamente alcuni aspetti positivi, ma altrettanto certamente pone non poche problematiche congenite ad una età media così bassa: Giovane è quasi sempre sinonimo di poco esperto, e l'esperienza per il controllore del traffico aereo costituisce una buona metà del bagaglio professionale. La giovane età media del personale è sicuramente un elemento positivo in relazione all entusiasmo con cui si affronta il lavoro, 14

15 fattore che contribuisce ad alleviare l handicap della poca esperienza; il CTA di Milano ACC è però costretto a diventare esperto, ed anche in fretta, nel più breve tempo possibile, per una questione di pura sopravvivenza! Tale inesperienza, espone sicuramente il CTA a rischi notevoli che, se possono risultare evidenti nell impiego in linea EXE1, sicuramente appaiono e si manifestano in maniera prepotente espletando funzioni di EXE2 Giovane è spesso sinonimo di genitore con figli piccoli, condizione certo di grande gioia ma anche di grande empasse per la Sala, che si trova a dover assorbire un numero di congedi parentali sempre troppo oneroso. A conferma di ciò, basti consultare i dati seguenti: GIORNI DI CONGEDO PARENTALE GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC TOT Come espresso dai dati dell'ultimo biennio, anche se in termini strettamente numerici l'incremento percentuale non è stato particolarmente rilevante, si può notare come il picco registrato nel periodo estivo sia stato particolarmente incisivo. Tutto ciò contribuisce ancor di più a rendere la situazione dell'organico di Milano estremamente pesante, poiché nel momento di maggiore necessità di risorse umane, per fronteggiare l'aumento di traffico, si assiste impotenti ad 15

16 un numero di assenze legittime sempre più oneroso. Per dare un'interpretazione immediata ai dati sopra riportati, basti considerare che un numero di giorni di congedo parentale prossimo a 750 equivale in termini pratici alla decurtazione di 3 4 unità dall'organico totale. Considerando l'andamento mensile invece, a luglio le unità mancanti diventano 6 e ad agosto addirittura 9. Ha Enav la minima idea di cosa possa significare togliere dall'organico di Milano 6 CTA a luglio e 9 ad agosto? Nel 2007, per la prima volta a memoria d'uomo, i log operativi di Milano ACC hanno visto delle caselle vuote per mancanza di personale da inserirvi! 2.4 Età operativa del personale L'età operativa di un CTA costituisce la sua esperienza, il suo bagaglio professionale, il livello di sicurezza, tranquillità e serenità al quale lavora ogni giorno. Riteniamo che il mestiere del controllore del traffico aereo necessiti di essere assorbito completamente per diventare cosa propria; e nessun simulatore, nessun programma di addestramento, nessun istruttore OJTI potrà mai sostituirsi all'esperienza sul campo. La cronica situazione emorragica di Milano ACC ha costretto il locale Reparto Addestramento a prestazioni incredibili, certo al limite del collasso, per cercare di garantire al Centro la semplice sopravvivenza in termini di 16

17 abilitazioni. I numeri seguenti parlano da soli: NUMERO ABILITAZIONI CONSEGUITE ANNO APP PLN EXE1 EXE2 TOTALE Basta osservare la tabella sopra riportata per accorgersi dell'enorme sforzo che il locale Ufficio Addestramento ha dovuto, e deve, sostenere per supportare la domanda di professionalizzazione generata dalla inadeguata politica aziendale nella gestione delle risorse umane. Partendo dal 2002 ci si rende conto che il numero di abilitazioni segue un crescendo impetuoso, arrivando nel 2007 a sfiorare l'incredibile numero di 100 abilitazioni totali, praticamente due alla settimana! Un numero così elevato di abilitazioni, associato a un organico così risicato, significa una sola cosa: le successive abilitazioni del singolo CTA si susseguono ad una velocità fino a qualche tempo fa impensabile, per non dire sconsigliabile. E, tornando al discorso della inesperienza già affrontato, bisogna veramente 17

18 ribadire che il CTA è costretto a fare esperienza sulla pelle propria e su quella di quelli che stanno dall altra parte del tubo! Appare evidente la corsa ai numeri, a scapito della qualità dell addestramento e quindi della formazione; i ns CTA, in confronto ai CTA di altri paesi che hanno modalità e tempi di formazione nettamente diversi; appaiono dei fenomeni, ma è davvero così? I colleghi appena abilitati EXE1 lavorano in Enav da meno di 3 anni; è vero che i tempi sono cambiati ma, escludendo i mesi in cui hanno frequentato il corso radar d'area e quelli di addestramento, senza mettere in dubbio la preparazione dei nostri giovani colleghi, hanno lavorato nella loro posizione operativa meno di 2 anni prima di diventare CTA EXE in uno dei centri più complessi d'europa. E, come se ancora tutto ciò non bastasse, questo straordinario sforzo viene chiesto a giovani il cui salario è, e ancor più sarà nelle successive abilitazioni, decurtato rispetto a quello dei colleghi più anziani di pari abilitazione. Cinque anni fa per completare lo stesso percorso ci volevano da 4 a 5 anni. Nuovi metodi addestrativi, giovani particolarmente brillanti, o semplice questione di necessità? I numeri ci fanno propendere più per la terza ipotesi, visto che ci risulta che gli eventi segnalati all'ufficio Sicurezza Volo nel 2007 abbiano visto un incremento di circa il 30% rispetto all'anno precedente. Tutto questo, assume una luce ancora più incredibile se si considera che il 18

19 locale Ufficio Addestramento, oltre al Quadro Responsabile, può contare solo su un assistente e una segretaria. 2.5 Necessità inderogabili e politica futura Nonostante sia stata più volte segnalata la situazione di estrema emergenza in cui ci troviamo costretti ad operare, l azienda pare sorda e incapace di imparare dal passato. Non neghiamo certo che la selezione e formazione di nuovi CTA stia procedendo a ritmo pressante e continuo, ma non possiamo fare a meno di notare gli stessi vizi che qui ci hanno condotto e che invece potrebbero essere questa volta evitati: Nonostante il successo innegabile del 2003, Enav non ha più ripetuto l'esperienza delle Selezioni Regionali riservate ai cittadini del nord Italia; vediamo neoassunti del centro sud scegliere Milano ACC come destinazione semplicemente perché il capoluogo lombardo è meglio collegato con la città di origine e ci chiediamo quanti mesi dopo l'abilitazione EXE saranno trasferiti. Veniamo a conoscenza di neoassunti milanesi e lombardi che chiedono di venire a Milano per restare a Milano ma vengono invece destinati altrove; non siamo più disposti a tollerarlo; le esigenze di Milano ACC sono ben più importanti della graduatoria di un corso basico. I milanesi a Milano! 19

20 Siamo a conoscenza del fatto che diversi CTA dell'aeronautica Militare con abilitazione radar d'area abbiano espresso il desiderio di lavorare negli ACC di Enav; chiediamo l'istituzione di un tavolo tecnico con l'ami per l immediato passaggio di 20 CTA per i centri di Milano, Brindisi e Padova, il tutto nei tempi tecnici strettamente necessari, onde consentire al suddetto personale di poter essere disponibile in linea operativa agli inizi dell estate Abbiamo 12 nuovi CTA che stanno per conseguire l'abilitazione al FIC e non hanno la qualifica radar d'area; nonostante le promesse fatteci nei mesi scorsi, sembra che il primo corso RAD disponibile per loro debba essere dopo l'estate; non abbiamo parole... Sappiamo che è stato finalmente avviato il tanto atteso concorso interno degli EAV, ma abbiamo appreso che tale selezione è volta a destinare personale verso enti minori; questo non è tollerabile; non si comprende quale logica assurda possa esserci davanti a questa scelta: ma come, Enav intende forse trattare meglio degli ipotetici futuri borsisti, rispetto ai propri attuali dipendenti, alle proprie donne e ai propri uomini, a coloro i quali già ora, già oggi, stanno portando avanti la baracca? Chiediamo con grande forza che agli attuali EAV che diventeranno CTA venga concessa l'occasione di scegliere gli enti più professionalizzanti, come gli ACC, in maniera tale da permettere a quelle persone già all interno di Milano ACC di sviluppare al meglio il 20

21 loro percorso professionale e contribuire con le conoscenze già maturate ad aumentare il serbatoio disponibile di futuri controllori che potrebbero essere impiegati nel centro di Milano; Chiediamo che nei corsi radar d'area in partenza nei prossimi mesi vengano inseriti quanti più colleghi di TWR possibili con destinazione Milano ACC, in modo da averli a Milano quanto prima. Reclamiamo l'immediato ripianamento delle carenze organiche nella Struttura Amministrativa, che in diversi uffici riporta una situazione al limite del collasso. Anche se questo punto sarà probabilmente posto all attenzione delle rispettive controparti durante le trattative del rinnovo contrattuale, si chiede, l immediata revisione dell indennità di funzione che permetta ai migliori elementi, dal punto di vista della preparazione, competenza ed esperienza, di considerare in maniera positiva l abbandono delle cuffie per assumere posizioni importanti nella struttura senza doversi sacrificare dal punto di vista del riconoscimento economico, e che permetterebbe in tempi medi di predisporre un adeguata classe dirigente atta a sostenere le numerose complessità legate a un attività particolare quale la nostra. 21

22 CAPITOLO 3 IL CENTRO DI CONTROLLO 3.1 L'edificio Il Centro di Controllo Radar di Milano ha visto quattro anni fa la costruzione, con procedure straordinarie, di una nuova sala operativa temporanea che avrebbe dovuto garantire l operatività per il tempo strettamente necessario alla costruzione ed attivazione di un centro di controllo completamente nuovo e tale da rispondere ad esigenze di fornitura di servizi così pressanti come quelle già ricordate; nel frattempo ciò che era provvisorio è diventato definitivo e del nuovo centro si sono completamente perse le tracce. L attuale struttura, penalizzata da ricorrenti problemi strutturali (es. gravi infiltrazioni d acqua dai tetti con conseguenti avarie degli apparati, guasti ripetuti a locali igienici ampiamente sottodimensionati, ecc. ecc.), è afflitta da una cronica mancanza di spazi tanto per le esigenze dei dipendenti, quanto per l implementazione delle sempre più sofisticate apparecchiature che sono necessarie alle funzioni di controllo del traffico aereo. In questo scenario si inserisce l inspiegabile immobilismo di Enav sia in termini di progettualità degli interventi, sia in termini di garanzia dei necessari investimenti utili a superare una situazione critica come quella appena descritta. Tale immobilismo diviene ancora più ingiustificato se si pensa che l area 22

23 lombarda più in particolare quella del Nord Ovest italiano costituisce una delle maggiori fonti di reddito per il bilancio della stessa Enav, la quale con un contrasto davvero luciferino, sembra abbia recentemente destinato ben 10 MLN di alla costruzione di non meglio precisate strutture presso un aeroporto minore, con tutti i dubbi che un confronto tra le diverse realtà dovrebbe lecitamente generare. Viceversa, gli investimenti per il nuovo Centro Radar di Regione, non sono neanche stati posti in preventivo! Risulta siano stati ulteriormente rinviati al 2009; ma se tanto ci da tanto, non possiamo che aspettarci altri indeterminabili rinvii. Ciò che ci preme non è comunque discutere su investimenti economici e tecnologici presso altre zone del paese per quanto riteniamo che gli investimenti debbano essere sempre misurati sulle reali esigenze delle aree destinatarie piuttosto mettere in evidenza come le zone più produttive d Italia soffrano un pesante problema di indifferenza da parte di chi dovrebbe garantire le iniziative e gli investimenti necessari a sostenerne l economia, l attività produttiva ed il tessuto sociale. 3.2 Software e hardware È stato effettuato tra i CTA di Milano ACC un sondaggio per la raccolta di suggerimenti volti al miglioramento dell'interfaccia uomo macchina del sistema operativo delle CWP. 23

24 Chiediamo che venga fatto tutto il possibile per l'implementazione di tali modifiche nei tempi tecnici strettamente necessari. A livello hardware, la sensazione è che le capacità di calcolo del sistema CDS2000 open stia rapidamente avvicinandosi alle sue potenzialità massime. Inoltre, il processo di sostituzione dei vecchi schermi con gli equivalenti LCD Barco procede a rilento e tuttora non ci è dato sapere con matematica certezza quando terminerà. 3.3 Un nuovo Centro di Controllo Consapevoli di non potere sindacare in questo contesto la politica di investimenti dell'azienda e consci dello sforzo economico necessario alla realizzazione di un tale progetto, ci preme sottolineare quanto la costruzione di un nuovo Centro di Controllo sia una necessità ormai non più derogabile; sebbene sia in corso una totale ristrutturazione degli attuali locali, proprio perché dall'input iniziale all'operatività definitiva intercorreranno necessariamente diversi anni, è assolutamente indispensabile mettersi subito al lavoro nella concezione, progettazione e realizzazione di un nuovo Centro, degno finalmente di un ente di assoluta eccellenza quale Milano ACC ha ampiamente dimostrato di essere. Crediamo che sia giunto il momento, dopo anni di scarsa considerazione a livello centrale, di percorrere un cammino che porti l'azienda all'effettivo riconoscimento del lavoro che i CTA di Milano svolgono all'interno del 24

25 complesso mondo dei trasporti ed, in particolare, la sua estrema valenza per il sistema Paese e affinché venga riconosciuta in maniera unanime, anche attraverso lo sviluppo di un progetto concreto, l'importanza del nostro luogo di lavoro. I lavoratori di Milano ACC, tutti indistintamente, auspicano, anche a fronte dei sacrifici finora sostenuti, di poter essere parte integrante di un progetto che li porti, nei tempi tecnici necessari, al veder realizzato un Centro di Controllo finalmente degno di questo nome, paragonabile agli omologhi nazionali ed internazionali, e di cui essere orgogliosi insieme all'azienda. 25

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Il controllo del traffico Aereo

Il controllo del traffico Aereo Il controllo del traffico Aereo Dispensa a cura di Giulio Di Pinto (MED107) Rev. 03 - Mar/11 1 Il controllo del traffico aereo (ATC - Air Traffic Control) è quell'insieme di regole ed organismi che contribuiscono

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA INTERO CONTRATTO Le presenti Condizioni Generali di vendita ed i termini e le obbligazioni in esse contenute sono le uniche e sole obbligazioni vincolanti

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

CONDIVIDE E PARTECIPA

CONDIVIDE E PARTECIPA il 13 OTTOBRE 2007 - inform@ su: Delibera della Direzione Nazionale il S.I.A.P. privilegia il confronto interno Dal Governo Consiglio dei Ministri nr. 69 Decreto di razionalizzazione dell assetto organizzativo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Attività 9. La città fangosa Minimal Spanning Trees

Attività 9. La città fangosa Minimal Spanning Trees Attività 9 La città fangosa Minimal Spanning Trees Sommario la nostra società ha molti collegamenti in rete: la rete telefonica, la rete energetica, la rete stradale. Per una rete in particolare, ci sono

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA Al comando prov.le VV.F.La Spezia Ai funzionari responsabili Ai responsabili gestione tecnica E p.c. alle altre OO.SS. Oggetto: problematiche

Dettagli

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane)

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane) ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA Sistema di Gestione per la Sicurezza TITOLO DELLA SOLUZIONE Pianificazione della Manutenzione, Utilizzo di Software dedicato e Formazione per Addetti Manutenzione AZIENDA/ORGANIZZAZIONE

Dettagli