Air Traffic Management Professional Project

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Air Traffic Management Professional Project"

Transcript

1 MILANO ACC ATMPP.MI/2008/003/rr Air Traffic Management Professional Project Sezione Locale Milano ACC Milano ACC Analisi

2 INDICE 2 INDICE 3 PREMESSA CAPITOLO 1 MILANO ACC Dati di traffico Aeroporti serviti Il futuro CAPITOLO 2 RISORSE UMANE 2.1 Layout e fabbisogno della sala operativa 2.2 Ingressi e uscite 2002/ Età anagrafica del personale 2.4 Età operativa del personale 2.5 Necessità inderogabili e politica futura CAPITOLO 3 IL CENTRO DI CONTROLLO 3.1 Un edificio non più all'altezza 3.2 Software e hardware 3.3 Un nuovo Centro di Controllo 2

3 PREMESSA Redigere un'analisi storica sulle cause degli attuali problemi di Milano ACC potrebbe sembrare un esercizio relativamente semplice seguendo la logica, errata a nostro avviso, di sommare tutte le scelte, e non scelte, che man mano sono state compiute nel corso degli anni. Nello sviluppo di questo percorso ci troviamo a dover esaminare tante e tali implicazioni che di fatto hanno portato alla attuale situazione: dal 2002, anno che segna il passo dal punto di vista del traffico aereo, in seguito agli attentati del settembre 2001, Milano ACC ha, in un crescendo di impegni ed attività, supportato la crescita impetuosa di alcuni aeroporti siti all interno della sua area di giurisdizione, implementato due nuovi settori, approntato e collaudato la nuova sala operativa e collaborato appieno nel sostegno e l interconnessione con gli ACC limitrofi, garantendo in ogni occasione un servizio di controllo del traffico aereo efficace e sempre più puntuale. Tutto questo, purtroppo, non sempre ha visto una politica gestionale lineare e coerente con gli scopi che si volevano raggiungere; preme qui sottolineare alcuni degli elementi che hanno portato alle criticità che rendono il sistema eccessivamente vulnerabile perché sottoposto a variabili che, nel breve periodo, saranno difficilmente controllabili: una dissennata politica delle assunzioni e della mobilità geografica, che ha provocato una progressiva erosione delle risorse umane e delle 3

4 esperienze del Centro, basata su criteri difficili da valutare o comunque, almeno ai nostri occhi, difficili da interpretare e che continua tuttora ad alimentarsi con assegnazione di personale non stanziale. Blocco delle abilitazioni per l apertura della nuova sala operativa, che ha provocato, dal 2001 al 2003, una frattura nel ricambio naturale tra vecchi e nuovi CTA dal punto di vista di esperienza e maturità operativa. Errate scelte aziendali (ad esempio l'accesso alle abilitazioni EXE2 basato sulla sola anzianità di servizio). Mancato riconoscimento delle competenze presenti nel Centro e, di conseguenza, insufficiente sviluppo della Struttura, sia in termini qualitativi che quantitativi. Mancato adeguamento di una geografia ATS vecchia di decenni (minime di vettoramento mai aggiornate, zone militari sempre meno gestibili, CTR non più coerenti con le reali esigenze operative, ecc.) che non permette un utilizzo razionale dello spazio aereo, cosa indispensabile per affrontare l aumento continuo del traffico aereo. Nell analizzare in dettaglio i singoli elementi esposti, abbiamo cercato di raccogliere e correlare tra loro quanti più dati disponibili, senza cadere in facili strumentalizzazioni ed inutili accuse, consci del fatto che riuscire a presentare una fotografia della realtà operativa di Milano ACC quanto più veritiera possibile avrebbe costituito per l'azienda e le OOSS un punto di inizio serio e concreto da cui partire per costruire il nostro futuro. 4

5 CAPITOLO 1 MILANO ACC Dati di traffico Considereremo nella nostra analisi il periodo , un arco temporale sufficiente a dare un'idea significativa e non più influenzata dalle flessioni del traffico dovute agli attentati dell'11 settembre I dati sono ricavati dalla Statistica del traffico nello spazio aereo italiano , pubblicazione annuale di Enav SpA liberamente consultabile e scaricabile dalla intranet aziendale. Fig Dati di Traffico gestito da Milano ACC dal 2002 al Portando i dati su una serie di istogrammi, l'incremento è ben visibile; l'aumento del traffico gestito da Milano ACC nell'ultimo anno (+6.7%), accoppiato allo stupefacente dato dell'abbattimento dei ritardi ( 95%), se ci 1 Per l'anno 2007 è stata fatta una proiezione dei dati al 31 agosto. 5

6 riempie d'orgoglio da un lato, dall'altro non può che rendere ancora più amari i riscontri che seguiranno. Fig Istogrammi del traffico gestito da Milano ACC dal 2002 al Aeroporti serviti La Statistica del traffico nello spazio aereo italiano redige una classifica riservata agli aeroporti gestiti da Enav SpA che l'anno precedente abbiano totalizzato almeno 25 mila movimenti e una riservata ai 20 aeroporti più trafficati del Paese, comprendendo in quest'ultima anche gli aeroporti militari aperti al traffico aereo civile. Fig Movimenti degli aapp italiani Enav con più di movimenti annui. 6

7 Nella classifica riservata agli aeroporti Enav con almeno 25 mila movimenti gli scali serviti direttamente ed esclusivamente da Milano ACC spiccano chiaramente: Malpensa e Linate insieme superano Fiumicino di 65 mila movimenti annui e il loro incremento percentuale medio supera quello dello scalo romano di quasi 5 punti percentuali. Malpensa e Orio al Serio registrano (con +8,3% e +8,4%) i più alti 2 incrementi di traffico del Paese. Tutti gli aeroporti presenti nella TMA di Milano compaiono nella classifica e quattro su cinque sono addirittura nei primi dieci. Figura Movimenti dei 20 aapp italiani più trafficati. Analizzando la classifica dei 20 aeroporti più trafficati del Paese (includendo questa volta anche quelli gestiti dall'aeronautica Militare) la situazione non cambia, semmai invece viene confermata: 2 Escluso Bari/Palese, il cui +12,2% è il risultato di numeri nemmeno lontanamente paragonabili agli scali lombardi. 7

8 I tre aeroporti che servono il capoluogo lombardo superano i due scali romani con uno scarto di 53 mila movimenti (421 mila contro 368 mila). L'incremento medio degli scali milanesi è stato di +8,3% contro il +6% di quelli romani. Considerando anche gli aeroporti che Milano ACC serve in modo non esclusivo 3 il dato è illuminante: con la superficie al suolo più piccola tra tutti gli ACC italiani e uno spazio aereo di giurisdizione limitato a FL295, Milano ACC gestisce il 41% di tutto il traffico in arrivo e partenza dagli scali italiani. Figura Traffico dep/arr gestito da Milano ACC rispetto al totale nazionale. Il diagramma qui sopra riassume chiaramente ed immediatamente quanto pesantemente Milano ACC incida nella fornitura dei servizi alla navigazione aerea nello spazio aereo italiano. Non possiamo certo essere accusati di esagerazione se affermiamo che, in 3 Firenze e Bologna computati per 1/3. Pisa, Firenze, Verona e Brescia computati per metà. 8

9 rapporto al proprio volume di spazio aereo, Milano ACC è senza ombra di dubbio l'ente italiano, e certo non solo, a più alta densità di traffico. 1.3 Il futuro Non è nostra intenzione affidarci alla cartomanzia nell'ipotizzare una previsione attendibile di quello che sarà lo sviluppo futuro a breve e medio termine nello spazio aereo del nord ovest d'italia. Già confrontando il traffico autunnale di quest'anno con quello degli anni passati, la forte sensazione è che il trend di crescita avviatosi non si ridurrà. Se inoltre la città di Milano dovesse essere scelta come sede della Esposizione Universale del 2015 (lo sapremo già il prossimo marzo), dovremo aspettarci altri, ulteriori, incrementi di traffico con rari precedenti. Non possiamo fare altro che pianificare immediatamente, ed agire quanto prima, per predisporre misure tanto strutturali quanto organiche che facciano fronte in maniera soddisfacente a quelli che saranno i nostri futuri impegni. 9

10 CAPITOLO 2 RISORSE UMANE 2.1 Layout e fabbisogno della Sala Operativa LAYOUT ESTATE 2008 (SETTORIZZAZIONE 2007) ARR EXE PLN APP SET ORE SET ORE SET ORE SET ORE ADE 24 SEN 24 SEN 24 FIC1 14 ANE 24 SWN 24 SWN 24 FIC2 14 ASW 24 SWS 24 x 2 EAN 16 AFIC 9 MAR 24 CEN 16 x 2 WAN 16 REL 16 ANW 16 SES 16 x 2 TES 16 DCP 16 EAN 16 TWS 16 LAR 16 WAN 16 TWN 14 MAP 14 TES 16 3 REL 16 x 3 4 REL 16 x 4 TWS 16 TWN 14 7 REL 16 x 7 TOT 222 TOT 350 TOT 174 TOT % 277,5 +25% 437,5 +25% 217,5 +25% 66,25 CTA NECESSARI CON TURNAZIONE A 134 ORE / 30 GIORNI

11 2.2 Ingressi e uscite « Al fine di favorire la piena applicazione sull intero territorio del nuovo assetto dell organizzazione degli impieghi operativi come sopra definiti per tutto il personale turnante e di evitare eventuali superamenti del limite massimo di impiego in posizione operativa, la Società si impegna: A) ad effettuare una mirata politica di formazione e sviluppo professionale verso tutte le categorie del personale ENAV, con particolare riferimento ai processi di qualificazione del personale operativo verso i CTA, che ne abbia i requisiti e le attitudini; B) ad effettuare opportuni interventi di mobilità territoriale e mirate assunzioni su base locale, al fine di un adeguata implementazione degli organici e dello sviluppo dell occupazione, in relazione anche al turn over.» Quanti di questi capoversi dell'accordo Quadro del 10/04/2004 sono stati puntualmente disattesi da Enav? A fronte di un aumento di traffico, che in alcuni aeroporti dell area milanese raggiunge nell arco di un lustro percentuali a tre cifre, assistiamo impotenti a una politica aziendale per il personale che definire inadeguata non dà in pieno il senso della gravità della situazione. Fig Ingressi e uscite Milano ACC dal 2002 al

12 I numeri del turn over di Milano ACC nell arco degli ultimi 5 anni, ma potremmo andare ancor più indietro, parlano da soli: 125 sono i CTA usciti dal 2002 a fine 2007; 107 gli ingressi. Di questi, la stragrande maggioranza è giunta a Milano senza nemmeno la qualifica Radar d'area, mentre il personale che Milano cede è sempre abilitato almeno EXE1. Ciononostante, il layout operativo della Sala ha visto l'implementazione di due nuovi settori, CEN (h16, doppio EXE) e TWN (h14). 12 EAV e 12 OA sono usciti dall'organico di Milano ACC dal 2002; nessuno ha mai preso il loro posto, e nel caso degli OA la loro partenza ha inficiato in maniera particolare proprio quei compiti della Struttura che più di prima avrebbero dovuto fornire il supporto necessario alle attività del Centro. Ci troviamo, in ultima analisi, ad un vero e proprio depauperamento delle migliori risorse del Centro, cui seguono iniezioni, nemmeno costanti, di personale spesso neoassunto che impiegherà almeno altri 5 anni per raggiungere un livello di preparazione paragonabile a quello di coloro i quali sono chiamati a sostituire. Oltre al danno di vedere il nostro organico ogni anno un po' rosicchiato, dobbiamo subire poi la beffa di venire a conoscenza di neoassunti milanesi che chiedono di venire a Milano per restare e vengono invece spediti altrove, certo nel pieno rispetto delle graduatorie dei corsi basici, ma in barba 12

13 agli accordi sottoscritti con i lavoratori già in servizio e in palese contrasto con la più semplice regola di buonsenso. Posizioni di grande responsabilità nella Struttura Amministrativa e nella Sala Operativa restano vacanti nonostante gli accordi sottoscritti, e comunque le nomine, quando arriveranno, andranno a intaccare ancora una volta l'organico della Sala. A fronte di tutto ciò, e non avendo ancora visto da parte di Enav un progetto concreto che porti ad eliminare le attuali sofferenze, l'azienda, in previsione di un'estate 2008 ancor più rovente di quella appena trascorsa, ventilato l'ipotesi di aprire un nuovo settore Upper, frutto dell'innalzamento a FL315 dello spazio aereo milanese; settore che, nella migliore ipotesi di un h14, necessiterebbe da solo di almeno 12 nuovi CTA. In aggiunta a ciò, è stato completato recentemente uno studio per la ristrutturazione della isola arrivi e partenze; tale studio, basato su una rivisitazione della attuale settorizzazione e dei flussi di tfc, porterà alla necessità di apertura di uno o più settori, per i quali saranno richieste ulteriori risorse di personale EXE2. E, tornando al discorso della dispersione delle energie, è doveroso ricordare che buona parte del personale trasferito da Milano verso altri centri (principalmente Roma ACC) risulta abilitato EXE2, una qualifica che richiede una precedente esperienza RDR ed uno specifico addestramento per conseguirla. Inoltre, normalmente le posizioni di supervisore di sala e di capo sala operativa vengono ricoperte da personale 13

14 proveniente dalla linea arrivi, abilitato quindi EXE2; ne consegue che, se l emorragia di personale EXE1 risulta altamente dannosa per la linea RDR AWY, in perenne sofferenza, la continua fuoriuscita di personale EXE2 (per trasferimento e destinato ad altri incarichi), risulta letale per la linea arrivi. I numeri a disposizione risultano ai limiti del collasso, costringendo la locale direzione ad alchimie di vario genere, al fine di assicurare la fornitura del servizio, ed il personale a ritmi di lavoro fuori del comune. Risulta pertanto evidente, se ancora ce ne fosse bisogno, che i risultati conseguiti in questo ultimo anno e negli anni precedenti, sono stati possibili solamente grazie all'abnegazione e al senso di responsabilità del personale, nonostante una palesemente disastrosa pianificazione aziendale. 2.3 Età anagrafica del personale Con una età anagrafica media compresa, in base alle abilitazioni, tra i 30 e i 35 anni, Milano si distingue con tutta probabilità come il Centro di Controllo più giovane di Enav. Questo ha certamente alcuni aspetti positivi, ma altrettanto certamente pone non poche problematiche congenite ad una età media così bassa: Giovane è quasi sempre sinonimo di poco esperto, e l'esperienza per il controllore del traffico aereo costituisce una buona metà del bagaglio professionale. La giovane età media del personale è sicuramente un elemento positivo in relazione all entusiasmo con cui si affronta il lavoro, 14

15 fattore che contribuisce ad alleviare l handicap della poca esperienza; il CTA di Milano ACC è però costretto a diventare esperto, ed anche in fretta, nel più breve tempo possibile, per una questione di pura sopravvivenza! Tale inesperienza, espone sicuramente il CTA a rischi notevoli che, se possono risultare evidenti nell impiego in linea EXE1, sicuramente appaiono e si manifestano in maniera prepotente espletando funzioni di EXE2 Giovane è spesso sinonimo di genitore con figli piccoli, condizione certo di grande gioia ma anche di grande empasse per la Sala, che si trova a dover assorbire un numero di congedi parentali sempre troppo oneroso. A conferma di ciò, basti consultare i dati seguenti: GIORNI DI CONGEDO PARENTALE GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC TOT Come espresso dai dati dell'ultimo biennio, anche se in termini strettamente numerici l'incremento percentuale non è stato particolarmente rilevante, si può notare come il picco registrato nel periodo estivo sia stato particolarmente incisivo. Tutto ciò contribuisce ancor di più a rendere la situazione dell'organico di Milano estremamente pesante, poiché nel momento di maggiore necessità di risorse umane, per fronteggiare l'aumento di traffico, si assiste impotenti ad 15

16 un numero di assenze legittime sempre più oneroso. Per dare un'interpretazione immediata ai dati sopra riportati, basti considerare che un numero di giorni di congedo parentale prossimo a 750 equivale in termini pratici alla decurtazione di 3 4 unità dall'organico totale. Considerando l'andamento mensile invece, a luglio le unità mancanti diventano 6 e ad agosto addirittura 9. Ha Enav la minima idea di cosa possa significare togliere dall'organico di Milano 6 CTA a luglio e 9 ad agosto? Nel 2007, per la prima volta a memoria d'uomo, i log operativi di Milano ACC hanno visto delle caselle vuote per mancanza di personale da inserirvi! 2.4 Età operativa del personale L'età operativa di un CTA costituisce la sua esperienza, il suo bagaglio professionale, il livello di sicurezza, tranquillità e serenità al quale lavora ogni giorno. Riteniamo che il mestiere del controllore del traffico aereo necessiti di essere assorbito completamente per diventare cosa propria; e nessun simulatore, nessun programma di addestramento, nessun istruttore OJTI potrà mai sostituirsi all'esperienza sul campo. La cronica situazione emorragica di Milano ACC ha costretto il locale Reparto Addestramento a prestazioni incredibili, certo al limite del collasso, per cercare di garantire al Centro la semplice sopravvivenza in termini di 16

17 abilitazioni. I numeri seguenti parlano da soli: NUMERO ABILITAZIONI CONSEGUITE ANNO APP PLN EXE1 EXE2 TOTALE Basta osservare la tabella sopra riportata per accorgersi dell'enorme sforzo che il locale Ufficio Addestramento ha dovuto, e deve, sostenere per supportare la domanda di professionalizzazione generata dalla inadeguata politica aziendale nella gestione delle risorse umane. Partendo dal 2002 ci si rende conto che il numero di abilitazioni segue un crescendo impetuoso, arrivando nel 2007 a sfiorare l'incredibile numero di 100 abilitazioni totali, praticamente due alla settimana! Un numero così elevato di abilitazioni, associato a un organico così risicato, significa una sola cosa: le successive abilitazioni del singolo CTA si susseguono ad una velocità fino a qualche tempo fa impensabile, per non dire sconsigliabile. E, tornando al discorso della inesperienza già affrontato, bisogna veramente 17

18 ribadire che il CTA è costretto a fare esperienza sulla pelle propria e su quella di quelli che stanno dall altra parte del tubo! Appare evidente la corsa ai numeri, a scapito della qualità dell addestramento e quindi della formazione; i ns CTA, in confronto ai CTA di altri paesi che hanno modalità e tempi di formazione nettamente diversi; appaiono dei fenomeni, ma è davvero così? I colleghi appena abilitati EXE1 lavorano in Enav da meno di 3 anni; è vero che i tempi sono cambiati ma, escludendo i mesi in cui hanno frequentato il corso radar d'area e quelli di addestramento, senza mettere in dubbio la preparazione dei nostri giovani colleghi, hanno lavorato nella loro posizione operativa meno di 2 anni prima di diventare CTA EXE in uno dei centri più complessi d'europa. E, come se ancora tutto ciò non bastasse, questo straordinario sforzo viene chiesto a giovani il cui salario è, e ancor più sarà nelle successive abilitazioni, decurtato rispetto a quello dei colleghi più anziani di pari abilitazione. Cinque anni fa per completare lo stesso percorso ci volevano da 4 a 5 anni. Nuovi metodi addestrativi, giovani particolarmente brillanti, o semplice questione di necessità? I numeri ci fanno propendere più per la terza ipotesi, visto che ci risulta che gli eventi segnalati all'ufficio Sicurezza Volo nel 2007 abbiano visto un incremento di circa il 30% rispetto all'anno precedente. Tutto questo, assume una luce ancora più incredibile se si considera che il 18

19 locale Ufficio Addestramento, oltre al Quadro Responsabile, può contare solo su un assistente e una segretaria. 2.5 Necessità inderogabili e politica futura Nonostante sia stata più volte segnalata la situazione di estrema emergenza in cui ci troviamo costretti ad operare, l azienda pare sorda e incapace di imparare dal passato. Non neghiamo certo che la selezione e formazione di nuovi CTA stia procedendo a ritmo pressante e continuo, ma non possiamo fare a meno di notare gli stessi vizi che qui ci hanno condotto e che invece potrebbero essere questa volta evitati: Nonostante il successo innegabile del 2003, Enav non ha più ripetuto l'esperienza delle Selezioni Regionali riservate ai cittadini del nord Italia; vediamo neoassunti del centro sud scegliere Milano ACC come destinazione semplicemente perché il capoluogo lombardo è meglio collegato con la città di origine e ci chiediamo quanti mesi dopo l'abilitazione EXE saranno trasferiti. Veniamo a conoscenza di neoassunti milanesi e lombardi che chiedono di venire a Milano per restare a Milano ma vengono invece destinati altrove; non siamo più disposti a tollerarlo; le esigenze di Milano ACC sono ben più importanti della graduatoria di un corso basico. I milanesi a Milano! 19

20 Siamo a conoscenza del fatto che diversi CTA dell'aeronautica Militare con abilitazione radar d'area abbiano espresso il desiderio di lavorare negli ACC di Enav; chiediamo l'istituzione di un tavolo tecnico con l'ami per l immediato passaggio di 20 CTA per i centri di Milano, Brindisi e Padova, il tutto nei tempi tecnici strettamente necessari, onde consentire al suddetto personale di poter essere disponibile in linea operativa agli inizi dell estate Abbiamo 12 nuovi CTA che stanno per conseguire l'abilitazione al FIC e non hanno la qualifica radar d'area; nonostante le promesse fatteci nei mesi scorsi, sembra che il primo corso RAD disponibile per loro debba essere dopo l'estate; non abbiamo parole... Sappiamo che è stato finalmente avviato il tanto atteso concorso interno degli EAV, ma abbiamo appreso che tale selezione è volta a destinare personale verso enti minori; questo non è tollerabile; non si comprende quale logica assurda possa esserci davanti a questa scelta: ma come, Enav intende forse trattare meglio degli ipotetici futuri borsisti, rispetto ai propri attuali dipendenti, alle proprie donne e ai propri uomini, a coloro i quali già ora, già oggi, stanno portando avanti la baracca? Chiediamo con grande forza che agli attuali EAV che diventeranno CTA venga concessa l'occasione di scegliere gli enti più professionalizzanti, come gli ACC, in maniera tale da permettere a quelle persone già all interno di Milano ACC di sviluppare al meglio il 20

21 loro percorso professionale e contribuire con le conoscenze già maturate ad aumentare il serbatoio disponibile di futuri controllori che potrebbero essere impiegati nel centro di Milano; Chiediamo che nei corsi radar d'area in partenza nei prossimi mesi vengano inseriti quanti più colleghi di TWR possibili con destinazione Milano ACC, in modo da averli a Milano quanto prima. Reclamiamo l'immediato ripianamento delle carenze organiche nella Struttura Amministrativa, che in diversi uffici riporta una situazione al limite del collasso. Anche se questo punto sarà probabilmente posto all attenzione delle rispettive controparti durante le trattative del rinnovo contrattuale, si chiede, l immediata revisione dell indennità di funzione che permetta ai migliori elementi, dal punto di vista della preparazione, competenza ed esperienza, di considerare in maniera positiva l abbandono delle cuffie per assumere posizioni importanti nella struttura senza doversi sacrificare dal punto di vista del riconoscimento economico, e che permetterebbe in tempi medi di predisporre un adeguata classe dirigente atta a sostenere le numerose complessità legate a un attività particolare quale la nostra. 21

22 CAPITOLO 3 IL CENTRO DI CONTROLLO 3.1 L'edificio Il Centro di Controllo Radar di Milano ha visto quattro anni fa la costruzione, con procedure straordinarie, di una nuova sala operativa temporanea che avrebbe dovuto garantire l operatività per il tempo strettamente necessario alla costruzione ed attivazione di un centro di controllo completamente nuovo e tale da rispondere ad esigenze di fornitura di servizi così pressanti come quelle già ricordate; nel frattempo ciò che era provvisorio è diventato definitivo e del nuovo centro si sono completamente perse le tracce. L attuale struttura, penalizzata da ricorrenti problemi strutturali (es. gravi infiltrazioni d acqua dai tetti con conseguenti avarie degli apparati, guasti ripetuti a locali igienici ampiamente sottodimensionati, ecc. ecc.), è afflitta da una cronica mancanza di spazi tanto per le esigenze dei dipendenti, quanto per l implementazione delle sempre più sofisticate apparecchiature che sono necessarie alle funzioni di controllo del traffico aereo. In questo scenario si inserisce l inspiegabile immobilismo di Enav sia in termini di progettualità degli interventi, sia in termini di garanzia dei necessari investimenti utili a superare una situazione critica come quella appena descritta. Tale immobilismo diviene ancora più ingiustificato se si pensa che l area 22

23 lombarda più in particolare quella del Nord Ovest italiano costituisce una delle maggiori fonti di reddito per il bilancio della stessa Enav, la quale con un contrasto davvero luciferino, sembra abbia recentemente destinato ben 10 MLN di alla costruzione di non meglio precisate strutture presso un aeroporto minore, con tutti i dubbi che un confronto tra le diverse realtà dovrebbe lecitamente generare. Viceversa, gli investimenti per il nuovo Centro Radar di Regione, non sono neanche stati posti in preventivo! Risulta siano stati ulteriormente rinviati al 2009; ma se tanto ci da tanto, non possiamo che aspettarci altri indeterminabili rinvii. Ciò che ci preme non è comunque discutere su investimenti economici e tecnologici presso altre zone del paese per quanto riteniamo che gli investimenti debbano essere sempre misurati sulle reali esigenze delle aree destinatarie piuttosto mettere in evidenza come le zone più produttive d Italia soffrano un pesante problema di indifferenza da parte di chi dovrebbe garantire le iniziative e gli investimenti necessari a sostenerne l economia, l attività produttiva ed il tessuto sociale. 3.2 Software e hardware È stato effettuato tra i CTA di Milano ACC un sondaggio per la raccolta di suggerimenti volti al miglioramento dell'interfaccia uomo macchina del sistema operativo delle CWP. 23

24 Chiediamo che venga fatto tutto il possibile per l'implementazione di tali modifiche nei tempi tecnici strettamente necessari. A livello hardware, la sensazione è che le capacità di calcolo del sistema CDS2000 open stia rapidamente avvicinandosi alle sue potenzialità massime. Inoltre, il processo di sostituzione dei vecchi schermi con gli equivalenti LCD Barco procede a rilento e tuttora non ci è dato sapere con matematica certezza quando terminerà. 3.3 Un nuovo Centro di Controllo Consapevoli di non potere sindacare in questo contesto la politica di investimenti dell'azienda e consci dello sforzo economico necessario alla realizzazione di un tale progetto, ci preme sottolineare quanto la costruzione di un nuovo Centro di Controllo sia una necessità ormai non più derogabile; sebbene sia in corso una totale ristrutturazione degli attuali locali, proprio perché dall'input iniziale all'operatività definitiva intercorreranno necessariamente diversi anni, è assolutamente indispensabile mettersi subito al lavoro nella concezione, progettazione e realizzazione di un nuovo Centro, degno finalmente di un ente di assoluta eccellenza quale Milano ACC ha ampiamente dimostrato di essere. Crediamo che sia giunto il momento, dopo anni di scarsa considerazione a livello centrale, di percorrere un cammino che porti l'azienda all'effettivo riconoscimento del lavoro che i CTA di Milano svolgono all'interno del 24

25 complesso mondo dei trasporti ed, in particolare, la sua estrema valenza per il sistema Paese e affinché venga riconosciuta in maniera unanime, anche attraverso lo sviluppo di un progetto concreto, l'importanza del nostro luogo di lavoro. I lavoratori di Milano ACC, tutti indistintamente, auspicano, anche a fronte dei sacrifici finora sostenuti, di poter essere parte integrante di un progetto che li porti, nei tempi tecnici necessari, al veder realizzato un Centro di Controllo finalmente degno di questo nome, paragonabile agli omologhi nazionali ed internazionali, e di cui essere orgogliosi insieme all'azienda. 25

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 Odg Fondi contrattuali, varie ed eventuali. Per l'azienda sono presenti: dott.ssa Valori, dott.ssa Biancheri, dott.ssa Battistoni, dott.ssa Pellegrini, dott. Orlando Valori

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

ROMA ACC. Giornata di Studio. Sistemi e tecnologie per il controllo del traffico aereo Giovedì, 22 Gennaio 2015

ROMA ACC. Giornata di Studio. Sistemi e tecnologie per il controllo del traffico aereo Giovedì, 22 Gennaio 2015 ROMA ACC Gruppo Tematico Sistemi di Rilevamento, Monitoraggio e Navigazione Giornata di Studio Sistemi e tecnologie per il controllo del traffico aereo Giovedì, 22 Gennaio 2015 Sede ENAV/ACC di Ciampino

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE

L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE NEL PROSSIMO ANNO SCOLASTICO SARÀ UN BOOMERANG PER LA SCUOLA? LA BUONA SCUOLA E L ASSUNZIONE DELLE GAE Il governo Renzi sta lavorando al decreto che implementa

Dettagli

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT Automotive con approfondimenti e confronti ISTAT Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Indagine marzo 2013 Dati rilevati nel mese di febbraio 2013 Pubblicazione mensile A cura della

Dettagli

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo 6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo L innovazione principale contenuta nel Contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) del personale tecnico-amministrativo sottoscritto il 9 agosto

Dettagli

Il controllo del traffico Aereo

Il controllo del traffico Aereo Il controllo del traffico Aereo Dispensa a cura di Giulio Di Pinto (MED107) Rev. 03 - Mar/11 1 Il controllo del traffico aereo (ATC - Air Traffic Control) è quell'insieme di regole ed organismi che contribuiscono

Dettagli

Febbraio, 2015. Lo scenario energetico 2014

Febbraio, 2015. Lo scenario energetico 2014 Febbraio, 2015 Lo scenario energetico 2014 Il quadro dell energia elettrica in Italia vede persistere due elementi caratteristici: il perdurare della crisi economica con conseguente riduzione della domanda

Dettagli

Il traffico crocieristico in Italia nel 2012

Il traffico crocieristico in Italia nel 2012 1 Il traffico crocieristico in Italia nel 2012 IL TRAFFICO CROCIERISTICO IN ITALIA NEL 2012 Risposte Turismo realizza per il terzo anno uno speciale dedicato al turismo crocieristico, dedicato in particolare

Dettagli

I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra?

I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra? I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra? Il problema Nel particolare momento di elezioni, tutti gli animi si scaldano: i politici promettono tutto a tutti pur di guadagnare qualche punto

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11giugno 2014 Prime luci in fondo al tunnel I dati del mese di aprile mostrano un estensione dei segnali di miglioramento, con una graduale risalita degli impieghi dai valori

Dettagli

MALPENSA: LA TERZA PISTA A cura di Beppe Balzarini

MALPENSA: LA TERZA PISTA A cura di Beppe Balzarini Somma Lombardo, 28 novembre 2009 CONVEGNO: STRUMENTI PER CAPIRE MALPENSA Organizzato da C.U.V. (Comitato Urbanistico Volontario) CONTRIBUTO DI UNI.CO.MAL. LOMBARDIA (Unione Comitati del Comprensorio di

Dettagli

I PRIMI ANNI DELLA MUTUA FIDE BANK. Breve analisi dell attività della MFB in Madagascar e spunti per il futuro

I PRIMI ANNI DELLA MUTUA FIDE BANK. Breve analisi dell attività della MFB in Madagascar e spunti per il futuro I PRIMI ANNI DELLA MUTUA FIDE BANK Breve analisi dell attività della MFB in Madagascar e spunti per il futuro dic-09 gen-10 feb-10 mar-10 apr-10 mag-10 giu-10 lug-10 ago-10 set-10 ott-10 nov-10 dic-10

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA Signore Consigliere e Signori Consiglieri, Mai, dal dopoguerra ad oggi, ci siamo trovati ad affrontare una crisi economica e sociale delle dimensioni e della durata pari a quella che stiamo vivendo. Negli

Dettagli

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE 1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE Il fondo Casino dei Nobili dell Archivio di Stato di Arezzo, ASAR, (1) contiene tutti i documenti rimasti

Dettagli

Il Sole 24 ORE e Tarida Gruppo Delta presentano. La formazione come leva di sviluppo locale: l intervento di Tarida - Gruppo Delta nel territorio

Il Sole 24 ORE e Tarida Gruppo Delta presentano. La formazione come leva di sviluppo locale: l intervento di Tarida - Gruppo Delta nel territorio Il Sole 24 ORE e Tarida Gruppo Delta presentano Managerialità e competenze. Gestione e valorizzazione delle risorse nella realtà territoriale La formazione come leva di sviluppo locale: l intervento di

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione LUGLIO 2015. 27 luglio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione LUGLIO 2015. 27 luglio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione LUGLIO 2015 27 luglio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 20 e il 25 luglio 2015 con metodologia CATI/CAWI

Dettagli

Accordo sul Piano Industriale. 2011-2015 di ATAC SCHEDE ALLEGATE

Accordo sul Piano Industriale. 2011-2015 di ATAC SCHEDE ALLEGATE Accordo sul Piano Industriale 2011-2015 di ATAC SCHEDE ALLEGATE SCHEDA 1 QUADRI DI POSIZIONE Armonizzazione Revisione della normativa relativa ai Quadri di Posizione Quadri di Posizione DECORRENZA Dal

Dettagli

Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane

Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane Regione Lazio Dipartimento di Epidemiologia ASL RME Centro di Competenza Nazionale Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane

Dettagli

Il Sistema di misurazione e valutazione della performance

Il Sistema di misurazione e valutazione della performance Il Sistema di misurazione e valutazione della performance Approvato con delibera di Giunta n. del Premessa. Il presente documento definisce il Sistema di misurazione e valutazione della performance della

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 2595 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori PEDRIZZI, BATTAGLIA, VALENTINO, BUCCIERO e CARUSO Antonino COMUNICATO ALLA

Dettagli

Comune dell'aquila. Assessore al Bilancio. Il Bilancio 2012. Le risorse e le principali iniziative

Comune dell'aquila. Assessore al Bilancio. Il Bilancio 2012. Le risorse e le principali iniziative Il Bilancio 2012 Le risorse e le principali iniziative Lelio De Santis Assessore al Bilancio Massimo Cialente Sindaco I perché di un bilancio quasi alla fine dell anno Il Bilancio di previsione per il

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

BANCA VALSABBINA FIRMATO L ACCORDO PER IL RINNOVO DEL C.I.A

BANCA VALSABBINA FIRMATO L ACCORDO PER IL RINNOVO DEL C.I.A BANCA VALSABBINA FIRMATO L ACCORDO PER IL RINNOVO DEL C.I.A Dopo una lunga ed complessa trattativa, durata parecchi mesi, è stato siglato l accordo fra le OO.SS. e l azienda che aggiorna il vigente contratto

Dettagli

Soluzione Informatica. Gestione Risorse Umane

Soluzione Informatica. Gestione Risorse Umane Soluzione Informatica Gestione Risorse Umane Che cos'è? La soluzione informatica per la Gestione Risorse Umane è un applicativo software di ultima generazione che consente una gestione efficace ed efficiente

Dettagli

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015 REPORT No. 20 del 24 settembre 2015 INDICE DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015 Premessa e definizione degli aggregati creditizi sottoposti a monitoraggio 1. Evoluzione

Dettagli

RELAZIONE introduttiva Atto Governo 91 Versione originale Presidente, colleghi,

RELAZIONE introduttiva Atto Governo 91 Versione originale Presidente, colleghi, RELAZIONE introduttiva Atto Governo 91 Versione originale Presidente, colleghi, lo schema di decreto oggi all esame si inserisce in un articolato percorso di confronto con il governo. Su un tema complesso

Dettagli

Posizione Uil Ricerca Università Afam in merito alla sopravvivenza del sistema delle progressioni economiche orizzontali nella vacanza contrattuale.

Posizione Uil Ricerca Università Afam in merito alla sopravvivenza del sistema delle progressioni economiche orizzontali nella vacanza contrattuale. Posizione Uil Ricerca Università Afam in merito alla sopravvivenza del sistema delle progressioni economiche orizzontali nella vacanza contrattuale. Alcune amministrazioni, in violazione del Contratto

Dettagli

Appendice 1.2. Realizzazione del nuovo Cruscotto Direzionale per il monitoraggio della Gestione Aziendale Quadranti Area Operativa Roma, Giugno 2013

Appendice 1.2. Realizzazione del nuovo Cruscotto Direzionale per il monitoraggio della Gestione Aziendale Quadranti Area Operativa Roma, Giugno 2013 Appendice 1.2 Realizzazione del nuovo Cruscotto Direzionale per il monitoraggio della Gestione Aziendale Quadranti Area Operativa Roma, Giugno 2013 Indice Quadranti di Analisi Quadrante di Qualità del

Dettagli

Recuperare efficienza migliorando il comportamento industriale delle aziende del territorio

Recuperare efficienza migliorando il comportamento industriale delle aziende del territorio Gli strumenti per la competitività Recuperare efficienza migliorando il comportamento industriale delle aziende del territorio Registrazione dei partecipanti ore 19.15 Apertura dei lavori e coordinamento:

Dettagli

30021 CAORLE (VE) Viale Buonarroti 10 - C.F. 04053410272 Tel. 0421-219411 - Fax 0421-210359 REGOLAMENTO DI ASSUNZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

30021 CAORLE (VE) Viale Buonarroti 10 - C.F. 04053410272 Tel. 0421-219411 - Fax 0421-210359 REGOLAMENTO DI ASSUNZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE 30021 CAORLE (VE) Viale Buonarroti 10 - C.F. 04053410272 Tel. 0421-219411 - Fax 0421-210359 REGOLAMENTO DI ASSUNZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato dal CDA con delibera n. 21 del 14/11/2012 Art.1

Dettagli

Le reti Sicurezza in rete

Le reti Sicurezza in rete Le reti Sicurezza in rete Tipi di reti Con il termine rete si intende un insieme di componenti, sistemi o entità interconnessi tra loro. Nell ambito dell informatica, una rete è un complesso sistema di

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

OGGETTO ATTRIBUZIONE DELLA FASCIA SUPERIORE DELL INDENNITÀ DI ESCLUSIVITÀ

OGGETTO ATTRIBUZIONE DELLA FASCIA SUPERIORE DELL INDENNITÀ DI ESCLUSIVITÀ 1 OGGETTO ATTRIBUZIONE DELLA FASCIA SUPERIORE DELL INDENNITÀ DI ESCLUSIVITÀ QUESITO (posto in data 23 luglio 2013) Ho chiesto recentemente all'ufficio del Personale della nostra Azienda l'aggiornamento

Dettagli

LA CASA PRIMA DI TUTTO Superare l emergenza Garantire il diritto alla casa

LA CASA PRIMA DI TUTTO Superare l emergenza Garantire il diritto alla casa LA CASA PRIMA DI TUTTO Superare l emergenza Garantire il diritto alla casa Conferenza Stampa 2 LA DOMANDA ABITATIVA A MILANO L emergenza abitativa, compresi gli sfratti, è sempre stata una componente storica

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

INTERVENTO UGL ALLA VIDEOCONFERENZA DEL 10 MAGGIO 2010

INTERVENTO UGL ALLA VIDEOCONFERENZA DEL 10 MAGGIO 2010 INTERVENTO UGL ALLA VIDEOCONFERENZA DEL 10 MAGGIO 2010 RINGRAZIAMO IL DIRETTORE GENERALE PER AVER ORGANIZZATO QUESTA IMPORTANTE VIDEOCONFERENZA CON LE SEDI CHE STANNO ATTUANDO PER PRIME LA RIORGANIZZAZIONE

Dettagli

Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo

Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Business School Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Dott. FRANCO VASELLI Siena, 22 Novembre 2012 CRISI

Dettagli

Il traffico crocieristico in Italia nel 2013

Il traffico crocieristico in Italia nel 2013 IL TRAFFICO CROCIERISTICO IN ITALIA NEL 2013 Risposte Turismo realizza per il quarto anno lo speciale dedicato al turismo crocieristico, in particolare all analisi dell andamento del settore in Italia

Dettagli

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Indagine febbraio 2014 Dati rilevati nel mese di gennaio 2014 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

È la laurea un buon investimento?

È la laurea un buon investimento? È la laurea un buon investimento? di Alberto Bisin e Andrea Moro Le tasse universitarie sono aumentate considerevolmente negli ultimi anni. Ciononostante, laurearsi rimane ancora un ottimo investimento.

Dettagli

PIANIFICAZIONE TURNI WEB

PIANIFICAZIONE TURNI WEB I N F I N I T Y P R O J E C T PIANIFICAZIONE TURNI WEB Nel corso degli anni i settori di attività nei quali si utilizzano i turni di lavoro sono costantemente aumentati e, nello stesso tempo, sono aumentate

Dettagli

Licenziamento collettivo dei manager

Licenziamento collettivo dei manager Legge europea 2013 bis Licenziamento collettivo dei manager Daniele Colombo - Avvocato Dal 25 novembre 2014 la procedura di licenziamento collettivo di cui alla legge n. 223/1991 interessa anche i dirigenti.

Dettagli

Indagine Settembre 2015

Indagine Settembre 2015 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in collaborazione con IPSOS Indagine Settembre 2015 Dati rilevati nel mese di Agosto 2015 Milano, 1 settembre Comunicato

Dettagli

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Indagine maggio 2013 Dati rilevati nel mese di aprile 2013 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in

Dettagli

Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa

Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa Secondo le stime più attendibili, di 350 mila lavoratori che si trovano a dover

Dettagli

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni.

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI ITALIANI GIOVANNI AMENDOLA Via Nizza n. 35 00198 Roma SINTESI DEGLI INTERVENTI DI RIFORMA ADOTTATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL INPGI NELLA SEDUTA

Dettagli

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software 5 Gestione dei progetti software. Dopo aver completato lo studio del ciclo di vita del software, in questa parte vengono discussi gli aspetti gestionali della produzione del software. Vengono esaminate

Dettagli

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Nota statistica su alcuni aspetti strutturali del sistema economico e produttivo del Comune di Follonica - 2010 Grosseto, Aprile 2011 INDICE INDICE...

Dettagli

I. Introduzione. 1. Qualisonogliobiettividelrisparmioenergeticonellescuoledel50/50?

I. Introduzione. 1. Qualisonogliobiettividelrisparmioenergeticonellescuoledel50/50? Con il supporto di I. Introduzione 1. Qualisonogliobiettividelrisparmioenergeticonellescuoledel50/50? L'idea di questo progetto, basato sull esperienza di Euronet 50/50, è quella di diffonderne la metodologia

Dettagli

Brescia 9 febbraio 2015

Brescia 9 febbraio 2015 PROCESSI ASSOCIATIVI E STRUMENTI PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLE FUNZIONI La gestione del personale nelle gestioni associate Brescia 9 febbraio 2015 - L operatività dei limiti di spesa e di turn over -

Dettagli

GEMACA GEstione e Monitoraggio degli Aiuti ai poveri mediante Carta Acquisti

GEMACA GEstione e Monitoraggio degli Aiuti ai poveri mediante Carta Acquisti 1. Introduzione Il progetto GEMACA nasce in risposta al fabbisogno presentato da CONFCOOPERATIVE BARI-BAT nell ambito del programma Apulian Living Lab della Regione Puglia. Il progetto si è sviluppato

Dettagli

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva VERSIONE PROVVISORIA Disegni di legge 1148, 1670 e 1697 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissione 11 a "Lavoro, previdenza sociale" del Senato della Repubblica

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 3 Project Cycle Management DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 Perché il Project Cycle Management? Esperienze pregresse -Quadro

Dettagli

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA*

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* CTEE06800N CIRCOLO DIDATTICO GIOVANNI XXIII PATERNÒ (CT) (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE MARZO

Dettagli

DVS I TURNI DI LAVORO

DVS I TURNI DI LAVORO I TURNI DI LAVORO Organizzare e gestire i turni di lavoro e le attività connesse è un operazione complessa; è infatti necessario armonizzare le esigenze operative aziendali, le specifiche caratteristiche

Dettagli

Toyota: come riconquistare la fiducia dei clienti

Toyota: come riconquistare la fiducia dei clienti Toyota: come riconquistare la fiducia dei clienti La Toyota è nella bufera. Nelle ultime settimane sono arrivati i richiami di 7 modelli di auto potenzialmente difettose, misure di controllo attivate negli

Dettagli

RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELL AZIENDA ASL ROMA H

RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELL AZIENDA ASL ROMA H RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELL AZIENDA ASL ROMA H Art. 14, comma 4, lettera a) del D.Lgs. n. 150/2009 INDICE 1 PROCESSO DI ATTUAZIONE DEL CICLO DELLA PERFORMANCE...3

Dettagli

web PIANIFICAZIONE TURNI Azienda, Banca, Pubblica Amministrazione. PAGHE E STIPENDI GESTIONE PRESENZE E ASSENZE GESTIONE NOTE SPESE E TRASFERTE

web PIANIFICAZIONE TURNI Azienda, Banca, Pubblica Amministrazione. PAGHE E STIPENDI GESTIONE PRESENZE E ASSENZE GESTIONE NOTE SPESE E TRASFERTE Azienda, Banca, Pubblica Amministrazione. un umane universo di risorse soluzioni le per soluzioni di universo un umane risorse le per soluzioni di un universo un universo di soluzioni PAGHE E STIPENDI

Dettagli

Indagine Novembre 2015

Indagine Novembre 2015 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in collaborazione con IPSOS Indagine Novembre 2015 Dati rilevati nel mese di Ottobre 2015 Milano, 2 novembre Comunicato

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi Roma, 19 settembre 2013 Indice 1. L integrazione familiare dell offerta sanitaria

Dettagli

Documento di sintesi. Report McAfee Labs sulle minacce: terzo trimestre 2013

Documento di sintesi. Report McAfee Labs sulle minacce: terzo trimestre 2013 Documento di sintesi Report McAfee Labs sulle minacce: terzo trimestre Sebbene l'estate possa essere una stagione relativamente calma per l'attività dei criminali informatici (anche i cattivi hanno bisogno

Dettagli

Intervento di Anna Donati Amministrazione comunale di Napoli

Intervento di Anna Donati Amministrazione comunale di Napoli Intervento di Anna Donati Amministrazione comunale di Napoli In Campania e a Napoli il trasporto pubblico sta vivendo una crisi drammatica dovuta, e qui sono d'accordo con quanto sostiene Marco Piuri,

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015 30 Gennaio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 24 e il 28 gennaio 2015 con metodologia

Dettagli

ANALISI DELLE NOVITA INTRODOTTE DALLA LEGGE BIAGI

ANALISI DELLE NOVITA INTRODOTTE DALLA LEGGE BIAGI L evoluzione del mercato del lavoro: un tuo commento sulla Legge Biagi ANALISI DELLE NOVITA INTRODOTTE DALLA LEGGE BIAGI INTRODUZIONE La Legge Biagi,o legge 30, entrata in vigore il 24 ottobre 2003, è

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI. Corso di laurea magistrale in

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI. Corso di laurea magistrale in ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale HR E Marketing. Analisi Dello Sviluppo Marketing

Dettagli

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI ASSEMBLEA PRESIDENTI DEL 7 SETTEMBRE 2010 CONGRESSO NAZIONALE DEGLI ORDINI PROVINCIALI A TORINO GLI INGEGNERI IN ITALIA L evoluzione dell ingegneria negli ultimi decenni,

Dettagli

Nuova formazione iniziale docenti e TFA abilitante

Nuova formazione iniziale docenti e TFA abilitante Nuova formazione iniziale docenti e TFA abilitante Indicazioni generali e risposte a quesiti sulla fase transitoria del tirocinio formativo attivo a fini abilitanti secondo le disposizioni del DECRETO

Dettagli

TEMPO INDETERMINATO - RUOLO

TEMPO INDETERMINATO - RUOLO ACCETTO O NON ACCETTO? Versione aggiornata 2013 2014 a cura di Laura Razzano Reclutamento Docenti graduatorie e concorsi TEMPO INDETERMINATO - RUOLO L assunzione dei docenti in ruolo avviene utilizzando

Dettagli

Riesame SA 8000/08. Responsabilità Sociale SA 8000:2008 M 9.2.1. Rev. 1 del 03.11.2011 Pag. 1 di 16

Riesame SA 8000/08. Responsabilità Sociale SA 8000:2008 M 9.2.1. Rev. 1 del 03.11.2011 Pag. 1 di 16 Pag. 1 di 16 R I E S A M E S A 8 0 0 0 / 0 8 DATA OGGETTO REDATTO VERIFICATO APPROVATO 09/06/2011 Riesame SA 8000 PASTORE G. PASTORE G. I semestre 2011 GALEAZZO F. DA 03/11/2011 PASTORE G. PASTORE G. Riesame

Dettagli

Gli oneri di servizio pubblico nel trasporto aereo: caratteristiche ed esperienze in Sardegna

Gli oneri di servizio pubblico nel trasporto aereo: caratteristiche ed esperienze in Sardegna XVII Riunione Scientifica della Società Italiana di Economia dei Trasporti e della Logistica Nuovi sviluppi dell economia dei trasporti: alla ricerca di un equilibrio tra crescita economica, sostenibilità

Dettagli

Città di SalsomaggioreTerme Ufficio Relazioni con il Pubblico - Anagrafe. Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Città di SalsomaggioreTerme Ufficio Relazioni con il Pubblico - Anagrafe. Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Città di SalsomaggioreTerme Ufficio Relazioni con il Pubblico - Anagrafe Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - - 2 -

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Criteri di scelta, rischi e termini di resa I TRASPORTI DA COSTO A OPPORTUNITA Gestire le attività

Dettagli

Una breve introduzione

Una breve introduzione Una breve introduzione UN SOLO OBIETTIVO Il profitto Margine di commessa = Valore contrattuale della commessa - Costi consuntivi + quota ragionevole di costi indiretti Avremmo stipulato il contratto se

Dettagli

Banche e imprese: le norme nazionali e il quadro europeo, il credito, il superamento della crisi, l internazionalizzazione, le iniziative Abi

Banche e imprese: le norme nazionali e il quadro europeo, il credito, il superamento della crisi, l internazionalizzazione, le iniziative Abi Banche e imprese: le norme nazionali e il quadro europeo, il credito, il superamento della crisi, l internazionalizzazione, le iniziative Abi Andamento dei prestiti, della qualità del credito e le iniziative

Dettagli

Indagine Luglio 2015. Dati rilevati nel mese di Giugno 2015

Indagine Luglio 2015. Dati rilevati nel mese di Giugno 2015 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in collaborazione con IPSOS Indagine Luglio 015 Dati rilevati nel mese di Giugno 015 Milano, 1 luglio Comunicato stampa

Dettagli

Tutela legale & Informazione

Tutela legale & Informazione Tutela legale & Informazione www.sideweb.org www.forzearmate.org UN MARESCIALLO COMANDATO COME SPAZZINO Come comportarsi quando l ordine e illegittimo Il quesito Gentile redazione Sideweb- www.forzearmate.org-,

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p.

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p. Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p.

Dettagli

Pianificare approvvigionamenti e scorte

Pianificare approvvigionamenti e scorte di Andrea Martinelli, Andrea Bacchetti Pianificare approvvigionamenti e scorte In questa e nelle prossime pagine si descrive la progettazione di uno strumento informativo in grado di supportare il processo

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E IL LAVORO PUBBLICO TRA VINCOLI E PROCESSI DI INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E di Francesco Verbaro 1 La

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

Sindacato Padano - SIN. PA.

Sindacato Padano - SIN. PA. Illustrazione ddl iniziativa popolare "Garanzia delle pensioni di anzianità con quaranta anni di contributi e delle pensioni di vecchiaia" Marzo 2012 Voglio illustrare il disegno di legge di iniziativa

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI seconda parte - iscrizioni e funzionamento

MANIFESTO DEGLI STUDI seconda parte - iscrizioni e funzionamento 2 CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA JACOPO TOMADINI UDINE MANIFESTO DEGLI STUDI seconda parte - iscrizioni e funzionamento anno accademico 2013/2014 emanato con decreto del direttore n. 131 del 16/10/2013

Dettagli

FORUM MARCONI RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEL FORUM MARCONI GIUGNO 2011 GIUGNO 2012

FORUM MARCONI RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEL FORUM MARCONI GIUGNO 2011 GIUGNO 2012 Prot. / 2012 Rif.FORUM : R.A.2012/MMP RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEL GIUGNO 2011 GIUGNO 2012 Questa relazione viene redatta, utilizzando alcune parti di quanto scritto nelle precedenti relazioni annuali

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

ALLEGATO 7 RELAZIONE SULL ANALISI DI IMPATTO

ALLEGATO 7 RELAZIONE SULL ANALISI DI IMPATTO ALLEGATO 7 RELAZIONE SULL ANALISI DI IMPATTO MODIFICHE ALLA DISCIPLINA SEGNALETICA DI BANCHE, FONDI DI INVESTIMENTO E INTERMEDIARI FINANZIARI Relazione sull analisi di impatto La Banca d Italia sottopone

Dettagli

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Assistenziale 24 Maggio 2007 1 Premessa Il ruolo del

Dettagli

La misura della Soddisfazione del Cliente per il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria ( RFI)

La misura della Soddisfazione del Cliente per il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria ( RFI) La misura della Soddisfazione del Cliente per il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria ( RFI) Bologna: 09/04/2013 I clienti di RFI q Le Imprese Ferroviarie q I Clienti nelle Stazioni q Le PRM (Persone

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

Prende il via la stretta sulle pensioni

Prende il via la stretta sulle pensioni a cura di Pino Pignatta testi di Paolo Ferri In collaborazione col Patronato Adi si allontana Dal 1 * gennaio la riforma che porta il nome del ministro del Welfare Elsa Fornero inizia a far sentire i suoi

Dettagli

2. Industry component

2. Industry component 1. Executive summary In questo documento verrà spiegato ed analizzato il lavoro svolto per l'azienda Pivato Porte (www.pivatoporte.com) attraverso l'utilizzo degli strumenti resi disponibili da Google

Dettagli

L industria alimentare in Italia. Tendenze congiunturali recenti. Previsioni per il terzo trimestre 2011.

L industria alimentare in Italia. Tendenze congiunturali recenti. Previsioni per il terzo trimestre 2011. Osservatorio Congiunturale Format sul Credito alle imprese L industria alimentare in Italia. Tendenze congiunturali recenti. Previsioni per il terzo trimestre 2011. Brindisi, 17 settembre 2011 rif: 2011-157zv

Dettagli