Anno 3 Numero

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno 3 Numero 02-01.02.2011"

Transcript

1 Anno 3 Numero Un ragionamento elementare Editoriale di Gian Maria Tosatti I giovani salveranno questo paese. Abbiamo dunque bisogno di molti giovani nella politica. Il dato anagrafico è essenziale, perché un trentenne, ad esempio, si è licenziato dalle scuole elementari solo da vent anni. Un sessantenne, da cinquanta (sono una vita intera!). E via dicendo. Perché dico questo? Il motivo è semplice. Alle scuole elementari si imparano dati elementari. E minore è il tempo che ci separa da quegli apprendimenti, maggiore è la possibilità che abbiamo di ricordarli correttamente ed usarli. Prendiamo la geografia, ad esempio. Quando, in grembiule, studiavamo i paesi e i continenti dovevamo ricordarci con esattezza anche le risorse di cui quei paesi erano ricchi. L allevamento in Argentina, l agricoltura negli Stati Uniti, le coltivazioni di canna da zucchero in diversi paesi sudamericani, i giacimenti auriferi e diamantiferi in certi paesei africani, il petrolio nei paesi del Medio Oriente e il gas in Russia. L Italia, invece non ha niente. Niente. Nessuna risorsa di cui il nostro territorio è ricco e benedetto dal creatore. Senonché sul piccolo suolo italiano, pari ad un cinquecentesimo delle terre emerse, è presente l 88% del patrimonio archelogico mondiale. E solo un dato, ma ecco qui una risorsa. Una di quelle che stanno scritte sui libri di geografia delle elementari e sulle quali ci viene insegnato che gli altri paesi strutturano il loro indotto. Magari quando abbiamo dieci anni quei dati per noi sono solo parole sulla carta da imparare noiosamente a memoria (ed è per questo che non possiamo farci governare da bambini di quinta), però già a vent anni ci accorgiamo quanto i diversi paesi siano capaci di imporre quei loro prodotti sul mercato mondiale producendo ricchezza ed, a volte, anche potere. I paesi arabi sanno valorizzare il loro petrolio determinando spesso dei rallentamenti strategici nello sviluppo di fonti di energia pulita che si traducono nel fatto che continuiamo ad ammalarci di cancro con una certa disinvoltura. La Russia col suo gas tiene in scacco un pezzo intero d Europa. Difetta solo l Africa che con l oro e i diamanti ci fa poco e niente. Il motivo è politico, ça va sans dire. Dove non ci sono governi capaci di saper valorizzare le proprie risorse la ricchezza svanisce e passa nelle mani di altri. E così è in Italia, dove non c è un problema di risorse, ma c è un problema politico. Un ministro dell economia che dice che la cultura non si mangia equivale ad un emiro che dice che il petrolio non si beve. Solo che un emiro questa cosa non la direbbe. E col petrolio ci mangia e ci beve su, champagne di marca. Ora forse sarà vero il luogo comune che gli emiri sono degli ignoranti, che avranno fatto giusto le elementari. Ma allora forse hanno ragione loro. Perché le loro deduzioni elementari, sembra diano risultati assai più sofisticati delle speculazioni filosofico-economiche dei professori universitari che spiegano all aula di Montecitorio e di Palazzo Madama le nuove finanziarie stagione dopo stagione. Quest anno ad esempio possiamo calcolare che la cultura avrà una riduzione di circa l 80% delle sue risorse. I risultati sono stati già diramati da inquietanti trailers, come al cinema, a cominciare dal crollo di Pompei. Ma quello che non abbiamo ancora visto coi nostri occhi è il numero di famiglie che finiranno a far la fame, perché con la cultura ci mangiano. Certo, in tempi in cui non si piange nemmeno sulle famiglie degli operai della Fiat, figuriamoci se verseremo una lacrima per tecnici teatrali, registi, attori, attrici, sceneggiatori, artisti e frikkettoni di questo genere. Certo che no. E gente con la testa per aria e camperà anche d aria. Però c è un altro fatto da tenere in conto. Che l Italia ha i migliori artisti del mondo. Sul serio. Nel teatro ad esempio, parlo per esperienza, per aver girato il mondo dieci anni come critico teatrale e non aver mai incontrato un paese con il peggior sistema di finanziamenti al proprio teatro e con un numero

2 così impressionanti di artisti di livello altissimo che incantano sempre le platee straniere quando lasciano i nostri strettissimi confini. E poi ci sono giovani direttori italiani di importantissimi musei internazionali. E ancora il cibo che siamo riusciti a far diventare cultura. E il nostro cinema che appena alza un attimo la testa in una congiuntura positiva fa asso piglia tutto a Cannes (parlo del cinema di oggi, ma non ci dimentichiamo che un paese piccolo come l Italia nei soli anni 60 è riuscita a scrivere la Bibbia dei cineasti di ogni dove). Per non parlare poi della bellezza naturale del nostro territorio visto come meta romantica dal cinema e che dobbiamo costantemente difendere dalla cementificazione. Ma dico delle banalità. Insomma tutta roba che io scrivo così, per puro esercizio di compilazione. Roba che non richiede nemmeno un pensiero complesso. Dati elementari appunto. Che però nessuno capisce più. Ma perché dico questo? E semplice. Per ribadire ancora una volta che il problema è politico. Le elementari le abbiamo fatte tutti, però, come diceva il buon Eduardo, gli esami non finoscono mai. E allora facciamo un altra volta l esame di licenza elementare a tutta la nostra classe politica e vediamo chi promuovere e chi bocciare. Il rischio è che le bocciature possano ridurre davvero la classe politica ad un numero estremamente esiguo e a quel punto che faremo? Dovremo assumerci la responsabilità di fare da soli. Di fare politica. Lo scrivo per dirlo ai ragazzi che vanno in piazza a manifestare per la scuola, agli attori che occupano a Roma il cinema Metropolitan, ai nuovi operai che scioperano perché gli viene tolta la possibilità e la dignità del lavoro e del futuro. A loro dico che bisogna invadere la politica. Questa è la democrazia. Bisogna invadere i partiti politici. Costituire gruppi, scalare le maggioranze. Ve lo ricordate D Alema quando dichiarava che bisognava abolire le primarie perché permettevano agli elettori di invadere il partito? Ecco, bisogna fare esattamente quello che D Alema temeva. Con gli strumenti della democrazia. Capisco che gli attori vogliano fare gli attori, gli studenti vogliano fare i ricercatori e gli operai vogliano fare gli operai (non per vocazione certo, ma per necessità di lavorare). Però lo stato non è dei politici di professione e allora i cittadini in questo vuoto politico devono assumersi le proprie responsabilità per far sì che la nostra Repubblica diventi finalmente davvero una Res Publica. Questo paese va rimesso in piedi. Le risorse ci sono. Ora sta ad ognuno di noi capire se vogliamo far valere la bellezza almeno tanto quanto l Arabia Saudita e la Russia fanno valere i loro veleni o se ci piace fare come l Africa e morir di fame in una terra di «cenere e diamanti». Energie rinnovabili nel mondo della cultura Reload, prototipo di intervento urbano per ricaricare l enegia e la produttività di Giovanni Arnólfi Tagli lineari all arte. Crisi economica. Arretratezza strutturale e culturale. Deficit di interlocuzione istituzionale. Tutti questi elementi, che costituiscono una istantanea piuttosto fedele della situazione italiana del 2010 possono mutare il loro segno nel 2011 e, da elementi di debolezza, diventare elementi di forza? La risposta non può ancora essere data, ma le premesse per poter sperare in una soluzione non scontata di questo quesito ci sono tutte e si sintetizzano in una parola: Reload, che in inglese vuol dire ricarica. Vocabolo quanto mai appropriato viste le premesse, questo nome è titolo ad un progetto che nelle settimane in corso sta avendo un impatto decisamente trainante a Roma. In un locale di 3000mq che fino a pochi mesi fa ospitava delle officine automobilistiche si è stabilita una iniziativa temporanea che sta facendo il punto sulle forze in campo nella capitale per quanto riguarda il mondo delle arti visive. Ma in realtà Reload è qualcosa di più ambizioso, la sua natura è quella del prototipo, della struttura modello che possa servire da esempio per iniziare una pratica che in Europa è un patrimonio della società da decenni e che negli Stati Uniti post-crisi economica ha avuto una netta impennata. Si parla di uso temporaneo di spazi improduttivi, e con ciò s intende tutti quei luoghi che per un periodo non particolarmente lungo, restano vuoti e non utilizzati. Sono proprietà immobiliari acquistate da società che si occupamo di real estate e che attendono di essere ristrutturate per alcuni mesi in funzione del piano aziendale di quella particolare società, sono spazi delle istituzioni che attendono di essere assegnati ad una certa attività, ma che per mancanza di liquidità restano in attesa dei necessari lavori, oppure, come nel caso presente, sono spazi di privati che per via della crisi economica non riescono ad essere facilmente affittati e che restano inutilizzati fintanto che non si riesce a chiudere un accordo o a trovare un nuovo imprenditore interessato. Queste circostanze creano dei punti ciechi all interno dei piani urbani della città e dei gap nell ottimizzazione delle risorse economiche di un territorio. Reload nasce per riempire questi vuoti e non solo, ma anche per accorciarne la durata. Negli Stati Uniti, infatti, i grandi megastore di Manhattan, rimasti sfitti a causa della crisi e che hanno ospitato temporaneamente al loro interno l attività di gruppi di curatori e di artisti che ne hanno ricaricato il vuoto dandogli visibilità hanno avuto la capacità di trovare più rapidamente di altri una destinazione stabile. Si viene dunque a creare una dinamica di interconnessione e di reciprocità di vantaggi, in cui l investimento di una parte ricade sull altra dimostrando concretamente come la cultura non sia solo la grande questuante ma sia effettivamente un investimento. Di contro per gli operatori della del

3 settore artistico questi progetti superano la concezione (purtroppo inattuale) degli interventi dovuti e calano il loro operato in una dimensione di mercato che per quel che concerne l arte contemporanea non è poi tanto estranea (ed è forse la cosa che in Italia è riuscita a preservare questo settore in modo migliore rispetto agli altri comparti - teatro, danza, cinema, ecc...). Tutto questo, dunque, ha due punti d osservazione, il primo è quello del business, che ci dimostra come visibilità e sostenibilità delle iniziative culturali a livello di opinione pubblica abbiano una ricaduta diretta sulla valorizzazione immobiliare degli spazi. Il secondo punto d osservazione è quello della cultura e sintetizza le motivazioni per le quali un tipo di operazone del genere possa essere vantaggiosa per il tessuto artistico di un determinato territorio. Qui la risposta è più scontata: in un momento in cui le istituzioni non hanno le risorse per riuscire a soddisfare in ambito culturale domanda (dei cittadini) ed offerta (potenziale degli operatori), la nascita di nuove pratiche e nuovi spazi può andare a riempire quei vuoti d intervento che anche le realtà private fanno sempre più fatica a coprire in tempi di magra. mondo istituzionale o culturale, inoltre ha avuto come finalità quella di presentare il progetto come una sorta di software open-source da installare nel sistema operativo della città e che poi potesse essere sviluppato da chiunque senza diritti intellettuali, una vera pratica di condivisione, una operazione in totale copyleft. L interesse da parte di privati e istituzioni, testimoni invitati dall organizzazione ad osservare per poi, in caso, ripetere, sembra essere attualmente assai incoraggiante e partecipe e in questo senso la scommessa sembra essere sulla buona strada per esser vinta. Ma a parte una contestualizzazione generica vediamo come questo modello si è andato traducendo e strutturando a Roma. Reload, è nato da una proposta arrivata direttamente dalla proprietà degli spazi, il gruppo Rosati, a Gian Maria Tosatti, artista romano che in questi anni fa la spola fra la capitale e New York. Proprio nella Grande Mela e dall incontro con realtà quali No Longer Empty, Tosatti ha mutuato l idea di un dispositivo simile da innestare nel tessuto romano. Tre mesi di attività, nessuno sponsor, nessun patrocinio, nessuna media-partnership (escluse collaborazioni strategiche come quella con la proprietà e con l agenzia di comunicazione Sup3rstudio). Una scelta precisa per dimostrare - in questa fase prototipo della durata di due mesi (dal 10 gennaio al 5 marzo)- che anche senza sponsor, anche con nessun sostegno l operazione potesse essere possibile. Effettivamente Reload è riuscito a macinare un progetto che si è basato su investimenti indiretti (ossia sotto forma di servizi) per un totale di circa euro senza che gli organizzatori abbiano dovuto spendere un solo centesimo. L idea di non avere partnership nel Questo per quel che riguarda il contenitore. Per quel che riguarda i contenuti, invece, Reload ha cercato di intevenire su quattro dei problemi centrali nel mondo dell arte a Roma (e non solo) dedicando ad ognuno di essi un progetto specifico. Share è un progetto di co-gestione di una grande sala dell officina da parte di quattro spazi noprofit della città, in un momento in cui alcuni di essi sono stati messi fuori gioco dalla crisi economica e costretti a chiudere. L idea è stata dunque quella di costruire una sorta di simulatore di quello che potrebbe essere il futuro di questi spazi se si riconvertissero da realtà stanziali (in cui pagano affitti sempre più alti) a realtà nomadi (ospitate temporaneamente da luoghi come quello in cui si sta svolgendo Reload, creando partnership specifiche con i proprietari di turno, siano essi privati o istituzionali). Tunnel è una galleria di 50x5m all interno della quale è stata realizzata una project-room per giovani curatori. In una città che ha molti musei e nessuna project-room l ipotesi di crearne una è stata determinata anche per stimolare un dialogo e un confronto (cose che attualmente difettano alquanto) fra curatori e artisti dell ultima generazione. Perform, programma di performance nei molti spazi delle officine è invece un incrocio forzato fra percorsi paralleli che attualmente si stanno sviluppando fra performers che lavorano nel mondo delle arti visive e quelli che lavorano nel mondo del teatro e della danza contemporanea. Windows, ultimo dei quattro progetti, è invece un programma di tavole rotonde tecniche mirate a creare i collegamenti fra tutti i soggetti che potrebbero unire le energie per migliorare il sistema dell arte in un momento di difficoltà

4 strutturale ed economica attraverso azioni sinergiche. Attualmente si è svolto solo uno dei tre incontri previsti, ma ha già dato risultati estremamente incoraggianti, fotografando per la prima volta una situazione di reciproco interesse fra realtà indipendenti, istituzioni e mondo del collezionismo privato, che negli altri paesi è una risorsa determinante per la galassia no-profit e che invece in Italia non ha mai avuto un ruolo da protagonista in questo senso. Informazioni specifiche sul programma artistico (che non era oggetto principale di questo articolo, ma che inanella alcuni fra i più interessanti eventi di questo periodo), possono essere reperite sul sito che, nella sezione Windows, permette anche di scaricare i report degli incontri svolti e di cui consigliamo attenta lettura. venivano esportati nel mondo per i valori spettacolari superiori a quelli francesi o tedeschi: oggi facciamo molta fatica nel mercato internazionale e ai festival, dovendo accontentarci di budget inferiori allo standard». Il motivo? Nel mirino del regista de La scuola è finita, è «il monopolio, che oggi si chiama Sky: non paga adeguatamente i film italiani, a parità di successo privilegia gli americani, grazie a output deal con le major». Ma il successo della commedia nostrana? Niente di nuovo: «In tutti paesi europei questo genere nazionale va bene, perché gli americani non concorrono«, osserva Jalongo, che sta attualmente scrivendo con Linda Ferri «un film di fantascienza, ma senza astronavi, per parlare con linguaggi e generi diversi del nostro immaginario». 30 milioni di spettatori lasciati sul campo Esce il documentario Di me cosa ne sai in cui Valerio Jalongo racconta la disfatta del grande cinema italiano di Federico Pontiggia «Il prelievo di scopo è la strada più giusta. Da più di 30 anni il nostro cinema è sotto una cappa assistenziale che ha falsato la vita artistica di autori e produttori, dipendenti dall andamento della politica: governi di sinistra più sensibili o la destra che ci guarda con odio, perché ci considera tutti comunisti». Così il regista Valerio Jalongo, di cui sta per uscire in homevideo (CH) Di me cosa ne sai, docu-drama che ritorna agli anni Settanta quando il cinema italiano dominava la scena internazionale, arrivando perfino a fare concorrenza a Hollywood. Poi, nel volgere di pochi anni, la fuga dei nostri maggiori produttori, la crisi dei registi-autori: ma quali le cause e le circostanze di questo declino, che ha lasciato sul campo 30 milioni di spettatori? Alternando testimonianze dei protagonisti di allora e di oggi, Jalongo racconta l Italia da nord a sud, attraverso s a l e c i n e m a t o g r a f i c h e e r a g a z z i n i teledipendenti, Berlusconi e Fellini, centri commerciali e direttori di telegiornale, storie di esercenti appassionati e registi che lottano per i propri film, testimonianze di proiezionisti girovaghi e filmaker europei. «Il 1975 fu l ultimo anno magico del nostro cinema: c erano Ponti, De Laurentiis, Grimaldi, uscì Novecento e purtroppo morì Pasolini», dice Jalongo, che auspica «il ritorno a condizioni mercato trasparenti e stabili: oggi c è il problema dei trust, le risorse vanno e vengono, le società sono sottodimensionate e pure i film. Fino al 75, Ritornando al sistema cinema, la salvezza secondo il regista può venire solo dal prelievo di scopo: «Noi dei 100autori siamo tutti d accordo: è l unica via per sottrarci alla politica. Il nostro movimento non è allineato a un partito, come lo erano le associazioni precedenti, e l idea di un intervento statale volto a egemonizzare la cultura ci è altrettanto estranea. Viceversa, crediamo che lo Stato debba garantire un espressione artistica e culturale florida, il mercato, i film indipendenti e i giovani registi. La diversificazione dell espressione è un presupposto fondamentale della democrazia, soprattutto una fondata sull audiovisivo come

5 la nostra, e il prelievo di scopo riteniamo svincoli da un certo modo di concepire l intervento culturale: da destra o da sinistra, comunque sia, è vecchio». Ma dell attuale situazione politica cosa ne sappiamo? Alla luce dei sondaggi che non crollano nonostante gli scandali, Berlusconi dimostra per Jalongo «la trasformazione di cittadini in sudditi attuata dalla televisione e, secondariamente, il credito, anzi l enorme prestigio, che gode ancora per essere stato importatore della tv privata all americana, nonostante la palese inettitudine nelle vesti di Presidente del Consiglio». Già in anteprima alle Giornate degli Autori veneziane e in sala con Cinecittà Luce, Di me cosa ne sai arriva in homevideo ve lo consigliamo - 30 anni dopo La macchina cinema di Agosti-Bellocchio-Petraglia-Rulli, ultimo tentativo di panoramica sul cinema in Italia: "Un film dalla parte degli spettatori, piuttosto che dell'elite dei registi", dice Jalongo, che non omette l'autocritica: «La colpa di questo declino va suddivisa. Forse, noi registi non abbiamo saputo più raccontare come faceva un Elio Petri il Paese, quell'italia in cui i multiplex sono sbarcati come astronavi sulla Luna». «Mi dai dei soldi?» Gli «Esercizi di rianimazione» di Andrea Cosentino ovvero la lucidità del lastrico di Attilio Scarpellini Il faut imaginer Sisyphe heureux. (Albert Camus) Mi riesce difficile credere che la parola nichilismo possa essere applicata ad Andrea Cosentino, e ancor di più mi riesce difficile credere a un nichilismo vitale come quello che Chiara Pirri (in una recensione su Teatro e Critica) attribuisce ad Esercizi di rianimazione, l ultimo studio dell autore-performer di Angelica e di Primi Passi sulla luna. Ma poi ripenso a una singolare affermazione di Jean Baudrillard, pronunciata in una delle ultime stazioni del suo pensiero: Essere nichilisti significa negare le cose al loro più alto grado di intensità, non nella versione più bassa Se di nichilismo si tratta, non è quindi un nichilismo del valore, ma un nichilismo della forma. E soprattutto rivedo il malinconico pupazzo di Antonin Artaud che, seduto tra le braccia di un falso mendicante (e falso ventriloquo nonché pseudo-mutilato con quella sua gamba di plastica reduce di altri spettacoli: Francesco Picciotti) nel foyer di un teatro Argot incredibilmente gremito, previene le domande del pubblico, le domande di tutti( sul teatro e sul senso e sul destino dell arte, sulla sua miseria e su quella del mondo) con una petulanza esilarante che dopo ogni scarica verbale ripete in controtempo sempre la stessa solfa: Mi dai dei s o l d i? C r e d i c h e l a r t e d e b b a e s s e r e provocazione? Mi dai dei soldi perché ti provoco? Pagheresti qualcuno per farti provocare? Ma se vieni qui già con l intento di farti provocare, come posso provocarti ( ) Il teatro fa domande, ma non dà risposte. Pagheresti qualcuno per farti delle domande? ( ) E una voce registrata (quella distorta, travestita dello stesso Cosentino) e il suo segreto comico, che poi si rivelerà essere il segreto di tutto lo spettacolo una volta entrati in teatro, è la velocità: la velocità di illusione, l accelerazione delirante che fagocita la risposta nella domanda senza lasciare allo spettatore, come nel gioco delle tre carte, il tempo di reagire, di scegliere, di fissare. Può soltanto ridere, e quanto stia ridendo di se stesso, del patto di seduzione che ha stretto con il performer (e con qualunque altro teatro) e con la continua distruzione di ogni patto, di ogni credibile finzione, lo dice, suonando, il bicchiere di ferro che l uomo-pupazzo smuove con

6 la compiacenza di qualunque mendicante che fa tintinnare il prezzo del suo inganno, il fulgore del suo ricatto. Lo vedi il mio braccio? Vedi la mia gamba? Lo vedi anche lui come è ridotto tale padre quale figlio? Sai che è successo in una guerra lontana che non puoi conoscere? Pensi che sia una guerra che non ti riguarda? Lo sai che le mine antiuomo le fabbricano in Italia? Ora ti riguarda? Ti senti in colpa? Ora mi dai dei soldi? Per volontà o per caso, Cosentino e Picciotti, nel loro introibo, finiscono col riunire due figure in una: il mendicante ingrato di Léon Bloy (dimenticato autore di un Dizionario dei luoghi comuni, ultrà cattolico caro a Kafka e Benjamin per la sua profetica capacità di bestemmiare) e l irrealizzato teatrante di Pour en finir avec le jugement de Dieu che alla fine della vita invocava l a p i a z z a c o m e e s t r e m a r i s o r s a d e l l a scena. Datemi soltanto una casa, del cibo e qualcuno che cucia i vestiti, come si legge su un cartello sistemato accanto al suo corpo, finalmente senza organi, anch esso rianimato, come i pezzi di bambola, i peluche, le gommapiume, tutta l attrezzeria di bibelots lunaires del repertorio cosentiniano ammassata sul palco dell Argot in un immagine apocalittica a metà strada tra la stanza dei giochi e la discarica (la discarica di Toy Story 3 ). Ma il simulacro emaciato di Telemomo (che con la sua sciarpa ricorda anche certe immagini di Ceronetti) non è lo sciamanico fantasma vocale che, a suo tempo, raschiò il solco del disco in Genesi from the museum of sleep della Socìetas Raffaello Sanzio: è l indizio di una poesia frugale che recupera tutta la sua forza dissipata da un abdicazione della potenza ideologica di un tempo, con quello slittamento nel referente ( mi dai dei soldi? : quel che resta di tutte le avanguardie) che è la quintessenza dell umorismo cosentiniano. Bisogna immaginare Sisifo felice, diceva Albert Camus. In Esercizi di rianimazione bisogna immaginare Artaud che raggiunge il suo posto sulla strada accanto al mimo anchilosato del faraone, o al fantasma incipriato del Commendatore, che quando sente la moneta cadere nel bicchiere si inchina con servile ironia davanti ai passanti. E difatti, primo effetto reale del loro accattonaggio fittizio, il ventriloquo e il suo pupazzo sono stati sgomberati dalla corte del palazzo della romana Via Natale del Grande (nel cuore di Trastevere) dove ha sede l Argot e respinti nel foyer dalle proteste dei condomini: se la borghesia non esistesse, il teatro la dovrebbe reinventare. L arte è accattonaggio? L accattonaggio è una forma di arte? ( )Non pensi che se togliessero tutte le sovvenzioni l'arte tornerebbe sulle strade? Che si potrebbe reinventare l'arte e ricrearsi un popolo? Non pensi che possa essere una strategia culturale illuminata? Lo capisci che di questo processo noi siamo l'avanguardia? Lo hai capito? Ti piace l'avanguardia? Mi dai dei soldi perché siamo l'avanguardia? (Piccola ritorsione del passato recente sul palcoscenico del presente: ci fu un epoca in cui gli artisti non ortodossi della Russia sovietica, come l indimenticabile Vendikt Erofeev, il glossolalico cantore di Mosca sulla Vodka, venivano arrestati, appunto, per accattonaggio. Sempre più spesso il capitalismo iperrealista e il socialismo reale giungono alle stesse conclusioni ) Poi si entra in teatro, dove Andrea Cosentino in persona attende di rianimare uno per uno i suoi oggetti, i relitti della sua arte, dai più figurativi e metonimici (le gambe di plastica delle bambole) ai più informi e astratti. Ma è una lanterna magica laconica e quasi senza piacere, il rewind di un antico montaggio delle attrazioni che entra ed esce, veste e sveste la voce delle cose con una fregola secca, sotto la luce morente della sua stessa leggenda. E il nichilismo delle forme (direbbe Baudrillard) che nella trasparenza di una metamorfosi veloce fa affiorare il segreto drammatico non tanto di questo studio, quanto di tutti gli spettacoli che l hanno preceduto: le cose vivono per un secondo nell illusione dell arte e poi tornano ad ammassarsi nell inerzia del mondo che le circonda. La risata che prima era tonante, ora si fa più breve, più meccanica, più fredda. Maestro della disillusione, clown che si dispone ogni volta a fallire, e a fallire meglio, per dirla con Beckett, Cosentino scopre il lato mortale di ogni rianimazione e, come già in Angelica, la c r u d e l e a n a t o m i a d i o g n i s p e t t a c o l o, l irrisoluzione in cui ogni montaggio è destinato a naufragare. Ma è proprio questa emorragia del senso che, alla fine dei suoi Esercizi, condensa l aria da baraccone ottocentesco in una voce sottile e impossibile: quella di Giuseppina la cantante, la sibilante diva kafkiana che affascinò un popolo di topi con un arte inspiegabile perché, più che la capacità mimetica di variazione di una voce, incarnava il potere stesso del canto ( Chi non l ha sentita non conosce il potere del canto ). E qui, nel ritorno della voce naturale, con una sobrietà di tono che rasenta l indifferenziato, voce piccola che quasi malvolentieri si stacca dal silenzio, Andrea Cosentino ribalta con un invisibile colpo di mano le relazioni tra l arte e il mondo che sono il vero oggetto del suo studio. La lotta di Giuseppina per essere dispensata da ogni lavoro in considerazione del suo canto è la stessa di Artaud

7 che chiede alla società di assicurargli soltanto le condizioni per sopravvivere nell arte (richiesta scandalosa per una società che ammette solo il troppo o il nulla). Entrambe sono perdenti. Perché, restando al paradosso kafkiano, il mondo non riconosce l arte (Giuseppina potrebbe anche essere dimenticata come tutti i suoi fratelli ), e l arte non serve il mondo, tutt al più lo può salvare. Pensiero agonico e asimmetrico. Ma, appunto, bisogna immaginare Sisifo felice. O come sembra indicare l ultima parabola di Andrea Cosentino, avere il coraggio di continuare a praticare quella che due grandi ammiratori dell opera di Kafka definivano una letteratura minore. Timone d Atene ancora in auge (e l epilogo shakespeariano non tranquillizza), ossessionato e insoddisfatto dal sesso, che si costruisce con l ausilio di servi e ruffiani uno squallido harem, manco fosse il sultano del Brunei (o suo fratello, come ne dà conto Jillian Lauren nella sua biografia Le mie notti nell harem, appena uscita in Italia per Sperling & Kupfer). Siamo tornati indietro di secoli con un dolore grande, solo un poco lenito da sketch comici e commenti internazionali, il più innocuo e ipocrita dei quali ci conduce nel Sudafrica che tollera la poligamia del suo presidente Zuma, certo, per rispetto della tradizione della sua etnia zulu. Ma da noi l inquilino di Palazzo Chigi non è cattolico? L Africa rosa Il ruolo delle donne nella rinascita del continente nero di Mariateresa Surianello Che siano le donne ad alzare la voce e a indignarsi, davanti alla decadenza sociale e culturale in cui è scivolato il nostro paese, è un pensiero rincuorante. E dopo anni di silenzio c è grande speranza di godersi il prossimo 13 febbraio le vie e le piazze italiane piene di donne che, al grido di se non ora quando?, non vogliamo, insieme ai nostri uomini, arretrare di un passo dalle posizioni guadagnate con anni di lotte per una emancipazione evidentemente ancora però troppo fragile. Non bastano una presidente di Confindustria e una segretaria generale della Cgil a rompere il tetto di cristallo. Del resto l occasione per rialzare la testa non è delle più ordinarie, il teatrino messo in piedi dalle comparsate video di Berlusconi che si alternano a squallide intercettazioni telefoniche e alle memorie difensive dei legali dello stesso capo del governo forniscono elementi per una narrazione aberrante della società italiana che rimbalza sui media di tutto il mondo, collocandoci non solo per vicinanza geografica a quell Nord-Africa che in questi stessi giorni si sta liberando degli ottuagenari presidenti. Le partite al ribasso giocate da oltre un quindicennio dal nostrano quasi ottuagenario presidente del consiglio e dalla destra italiana sul fronte esterno (vedi le sentenze di morte per migliaia di immigrati, siglate dall accordo con Gheddafi) e interno, per smantellare lo stato sociale e una a una le regole democratiche, hanno dato i loro frutti. Ne va di conseguenza che le prime a pagare siano le fasce più deboli e tra queste le donne, in guerra come in pace. Con la loro Carta Costituzionale calpestata, le donne italiane escono con le ossa rotte da quei festini di Arcore, dove il modus vivendi di un uomo disperato, con pochi anni ancora davanti a sé, si manifesta impunemente come maître à penser di giovani poco più che adolescenti. Un Spinti sempre più ai margini dell Europa dalle p o l i t i c h e b e r l u s c o n i a n e, n o n s o l o d a comportamenti immorali, ci ritroviamo con tutte e due i piedi nel Maghreb. Qui, intanto in Tunisia, Ben Alì ha mollato il potere e le donne tunisine si inventano provocazioni giocose, ma di particolare impatto sull immaginario collettivo iconoclasta del loro paese. Nei giorni scorsi avevano minacciato su facebook di andare all aeroporto ad accogliere in bikini il leader del partito islamico, Ennhanda (Rinascita), Rachid Gannouchi. E stanno lottando per vedersi riconoscere il ruolo che rivestono nel proprio paese anche all estero (come scrive Franco La Cecla sul Sole 24Ore del 30 gennaio, riportando le parole di Raja El Fani, artista, figlia di uno dei fondatori del Partito Comunista Tunisino). In primis in Italia affetta da manie di grandezza nei confronti di questa regione a noi sempre più vicina. Ma non solo le nordafricane anche nell Africa sub-sahariana, a l m e n o n e l l e i n t e n z i o n i, i p r o c e s s i d i democratizzazione non prescindono dalla condizione della donna e dalla considerazione che il potere ha di essa. Si può partire alla stregua dell Italia dalle quote rosa, previste in diversi paesi che hanno avviato, ovviamente con enormi differenze gli uni dagli altri, cambiamenti dei propri assetti socio economici. In Uganda, Sudan, Sudafrica e finanche in Rwanda le donne in parlamento sono cresciute negli ultimi dieci anni fino a sedere in un quarto dei seggi. In questo modo, anche chi è fuori dalla politica e dalle istituzioni, vedendosi rappresentata può

8 migliorare la consapevolezza di sé, che a sua volta fa crescere la fiducia anche nelle altre donne. Ne è convinta Fari Zhou, economista e membra dello Zapu (Unione del popolo africano dello Zimbabwe), che ci spiega come le donne quando arrivano ai posti di comando danno prove esemplari. «Si pensi alla ex ministra delle finanze nigeriana, Ngozi Okonjo-Iweala ora alla Banca Mondiale rimasta memorabile per la sua lotta contro la corruzione. Bisogna sfatare il mito che vuole poche donne africane qualificate per assumere ruoli chiave nelle loro società. E solo un pregiudizio». Situazione emblematica di una transizione postcoloniale catastrofica, quella dello Zimbabwe, considerato la Svizzera africana all epoca della segregazione razziale e si chiamava Rhodesia, il paese è allo sbaraglio a causa di Robert Mugabe, presidente dal 1987 (altro ottuagenario che fa compagnia all egiziano Mubarak non mollando il potere). Con l inflazione fuori controllo e l emergenza Aids anche, scientificamente alimentata dagli stupri non denunciati di migliaia di donne, spesso tenute schiave dalle milizie delle stesso Mugabe, la vera risorsa per il cambiamento sociale sono le donne. «Una reale differenza conclude Fari Zhou si può avere solo quando le donne smetteranno di stare all ombra degli uomini e inizieranno a camminare al loro fianco» economista oxfordiana, masterizzata a Harvard, qual è. Molto semplicemente, da donna africana, Dambisa si chiede come sia possibile che dopo il 1980, a fronte di una diminuzione della povertà mondiale in termini assoluti e in percentuale, quella degli abitanti dell Africa sub-sahariana sia aumentata del 50 per cento, facendo quasi raddoppiare il numero di africani poveri, tra il 1981 e il Un dato sconcertante che, insieme al crollo dell alfabetizzazione, alle misere condizioni sanitarie e in generale al mancato miglioramento dell aspettativa di vita, crea una dimensione inquietante, se si pensa che in questi ultimi trent anni gli aiuti sistematici cioè i trasferimenti di denaro ai governi dei paesi poveri, attraverso la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale - non si sono mai arrestati, senza servire alla crescita economica. Al contrario, Moyo, che distingue tra questi flussi ordinari e quelli umanitari d emergenza e delle Ong su specifici progetti, non hanno fatto altro che alimentare la corruzione e i regimi dispotici, impedire gli investimenti e l imprenditoria, allontanando i paesi poveri da qualsiasi tentativo di sviluppo. Una visione rivoluzionaria, che se venisse adottata metterebbe a rischio l intero comparto degli aiuti a livello internazionale e migliaia di posti di lavoro nei paesi ricchi salterebbero. Meglio è continuare a far chiudere in un paese povero dell Africa una piccola fabbrica di zanzariere, perché qualcuno in Occidente ha deciso di distribuirle gratis, scrive in uno dei tanti esempi Dambisa Moyo. Ecco di queste donne vogliamo parlare, africane, europee e italiane, e di queste donne che fanno la differenza vogliamo che si parli e si scriva in giro per il mondo. Non delle giovani prostitute alla corte di pseudo imperatori italioti e decadenti. Indigniamoci ogni giorno anche dopo il 13 febbraio per l immagine della donna italiana che viene così brutalmente artefatta. La misura è ormai colma, saremo noi a tirare un bel calcio nel didietro di Berlusconi, ce l abbia flaccido o sodo, fa lo stesso. Le donne italiane hanno delle belle e forti gambe! Lasciatemelo dire, da donna. Certo le donne africane possono attuare il cambiamento all interno, lottando contro tradizioni arcaiche che le mantengono subalterne, ma devono focalizzare il contesto e le complicità internazionali per modificare il sistema economico. Complicità che all apparenza sono benevoli, come quelle rappresentate dagli aiuti umanitari dell Occidente, un business di proporzioni mostruose - lo espone con grande chiarezza e semplicità Dambisa Moyo nel suo libro La carità che uccide, altra donna, questa volta dello Zambia, non allineata sugli equilibri mondiali. Considerata tra le cento persone più influenti al mondo da Time Magazine, Moyo ha avuto il coraggio di spiegare come gli aiuti dell Occidente stanno devastando il Terzo Mondo, ovviamente, con dati alla mano, da Il mondo è un motore inesauribile Uno studio dimostra la possibilità di una riconversione integrale alle energie eco-sostenibili entro il 2030 di Gian Maria Tosatti Lo avevamo scritto con chiarezza già due anni fa nell editoriale al numero 9 dell anno secondo di pubblicazioni: l obiettivo della totale autonomia energetica da fonti non rinnovabili è un traguardo possibile e vicino se la volontà politica è in grado di guidarne il processo. Oggi a dar conferma di quella nostra analisi teorica che azzardammo nella settimana in cui il Governo Italiano presentava al contempo il famigerato «Piano casa» e il «ritorno al nucleare», c è una ricerca scientifica pubblicata dalla rivista Energy Policy. A realizzare

9 lo studio dettagliato sul breve e strategico cammino verso un energia integralmente sostenibile sono stati Mark Delucchi (Università di California Davis) e Mark Jacobson (Stanford University). I due ricercatori hanno valutato che attualmente la riconversione totale dell energia mondiale a fonti rinnovabili dipende solo da scelte d i p o l i t i c a e c o n o m i c a. L a s o l u z i o n e è tecnicamente possibile e passa per una combinazione di tre fattori, l incremento degli impianti, la creazione delle cosiddette «smart grids» (ovvero reti intelligenti ) e la riduzione dei consumi, o meglio degli sprechi. smart-grid basata sull eolico) o il Sahara, dove la società Desertec ha già in cantiere il progetto per un mega impianto ad energia solare cui partecipano in quote proporzionali i giganti dell energia dei diversi paesi dell area mediterranea (con l Italia in primafila grazie a Prysmian, ex Pirelli Cavi). Il primo punto del ragionamento, quello sugli impianti è quantificabile in numeri precisi: andrebbero installati 4 milioni di pale eoliche da 5 megawatt, 90 mila centrali solari da 300 megawatt (sia fotovoltaiche che a concentrazione) e 1,7 miliardi di pannelli solari fotovoltaici da 3 chilowatt (in pratica ogni casa del mondo dovrebbe avere il proprio impiantino sul tetto). Soluzione ambiziosa, certo, ma possibile. Il secondo punto è una prospettiva che oltre ad avere un senso economico ha anche un importante risvolto politico nell orizzonte della cooperazione internazionale. Le «smart grids», infatti, sono reti trans-nazionali di energia che cambiano completamente la prospettiva sia tecnologica che relazionale fra gli Stati. Se oggi infatti le reti energetiche hanno una struttura a raggiera che si irradia dalle grandi centrali ai vari angoli dei territori, la nascita di molti piccoli impianti sostenibili ad immissione discontinua (immettono energia quando soffia il vento o batte il sole), sta dando vita ad una nuova geografia energetica fatta di migliaia di punti di irradiazione che fanno confluire contemporaneamente, ma in modo discontinui (quando c è il sole o quando tira vento) le loro immissioni da territori diversi producendo un bilanciamento di energia su livelli costanti in macro aree. L Unione Europea punta a riconvertire in «smart-grid» l intera rete europea entro il 2050 con un investimento di 120 miliardi di euro (un terzo dei quali dovrebbe arrivare nel nostro paese), dando una netta ottimizzazione alle risorse rinnovabili nell economia generale della produzione energetica. Più in grande chiaramente un azione di questo genere comporta una serie di investimenti nella creazione di impianti in zone particolarmente esposte ai fenomeni naturali utili agli impianti, come il mare del nord (è già una realtà il varo di un consorzio fra i paesi scandinavi per la creazione di una Terzo e ultimo punto è quello che porta ad una politica di riduzione degli sprechi, che chiaramente non passa solo per l iniziativa dei singoli cittadini, ma anche qui si lega alle politiche dei governi nell incentivare l uso di materiali eco-sostenibili in tutti i settori della società, dall edilizia alla tecnologia. Secondo lo studio di Delucchi e Jacobson, nell immediato, una riconversione che pure è praticamente possibile avrebbe costi difficilmente affrontabili dai governi. Tuttavia, calcolando il ritmo di evoliuzione tecnologica, secondo i due scienziati entro il 2030 l intera operazione potrebbe essere realizzata grazie ad un progressivo abbassamento dei costi. Intanto i governi e le società più lungimiranti sono già ampiamente all opera per ridurre il divario. A casa nostra la già citata Prysmian e Terna si muovono secondo i tempi. Meno efficace invece l azione di Governo, che in queste settimane ha deciso di rilanciare per la quarta volta il famigerato «Piano casa» il cui fallimento era stato denunciato dal Presidente del Consiglio non più tardi di due mesi fa. Dunque ancora cemento contro ecosostenibilità e nucleare contro fonti rinnovabili, in Italia si danno le repliche di un dibattito che altrove si è estinto da anni. Per fortuna la ricerca va avanti, magari non in Italia, ma lo sviluppo globale va più veloce della nostra gerontocratica politica. C è speranza. la differenza mensile di cultura on-line su direttore responsabile Gian Maria Tosatti in redazione Attilio Scarpellini, Mariateresa Surianello, Federico Pontiggia, Lorenzo Pavolini

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI Scopri i Segreti della Professione più richiesta in Italia nei prossimi anni. www.tagliabollette.com Complimenti! Se stai leggendo questo

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Roberto Farnè Università di Bologna

Roberto Farnè Università di Bologna Roberto Farnè Università di Bologna Ora l apertura della parte scientifica a questi lavori, per capire innanzitutto il senso di questo appuntamento. Non abbiamo bisogno, nessuno di noi credo abbia bisogno

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Convegno Rapporti dall Europa

Convegno Rapporti dall Europa Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi Premio Grinzane Cavour Convegno Rapporti dall Europa Saluto augurale dell On. Sandro Gozi Giovedì 27 settembre 2007 Torino 1 Nel marzo scorso, l Europa ha festeggiato

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Anno 2004. Recensioni

Anno 2004. Recensioni Anno 2004 Recensioni AI CONSUMATORI PIACE L ENERGIA SOLARE 3 marzo lancio di agenzia I consumatori italiani credono nell energia solare, la considerano la principale fonte di energia pulita. È quanto emerge

Dettagli

"#$"%&' (%&#((%! &#)'!*'"!+'$%(),!

#$%&' (%&#((%! &#)'!*'!+'$%(),! L Archivio liquido dell Identità arriva in Brasile, incontrando la comunità pugliese di San Paolo. Il cuore della città è l Edificio Italia, un altissimo palazzo che domina su l enorme estensione di questa

Dettagli

- 1 reference coded [2,49% Coverage]

<Documents\bo_min_13_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [2,49% Coverage] - 1 reference coded [2,49% Coverage] Reference 1-2,49% Coverage sicuramente è cambiato il mondo. Perché è una cosa che si vede anche nei grandi fabbricati dove vivono

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO MC n 68 I protagonisti LUCA SCOLARI UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO di Simona Calvi Insieme a Fabio e Marco è alla guida della società creata dal padre negli anni Cinquanta, specializzata

Dettagli

Giacomo Bruno RENDITE DA 32.400 AL MESE!

Giacomo Bruno RENDITE DA 32.400 AL MESE! Giacomo Bruno RENDITE DA 32.400 AL MESE! Report collegato a: FARE SOLDI ONLINE CON GOOGLE Il programma per inserire annunci pubblicitari su Google - Mini Ebook Gratuito - INVIALO GRATIS A TUTTI I TUOI

Dettagli

Roma, 16-17 O ttobre 2008

Roma, 16-17 O ttobre 2008 Roma, 16-17 O ttobre 2008 16 0ttobre 2008 ore 830 All Hotel Melià di Roma tutto è pronto per accogliere Brian Tracy, autorità mondiale in tema di personal e professional management Ancora pochi minuti

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

La dura realtà del guadagno online.

La dura realtà del guadagno online. La dura realtà del guadagno online. www.come-fare-soldi-online.info guadagnare con Internet Introduzione base sul guadagno Online 1 Distribuito da: da: Alessandro Cuoghi come-fare-soldi-online.info.info

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840.

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. PENSIERO DI LENIN Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. Articolo datato 6 gennaio 1923 e pubblicato sulla «Pravda» del 27 gennaio 1923. ******

Dettagli

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno?

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? Il solare fotovoltaico Il solare termico Le pompe di calore Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? ENERGIE RINNOVABILI COME FUNZIONANO? QUANTO SI RISPARMIA? A COSA

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

Università, paradossale guerra ai fuori corso "Gli atenei finiranno per regalare gli esami"

Università, paradossale guerra ai fuori corso Gli atenei finiranno per regalare gli esami INCHIESTA Università, paradossale guerra ai fuori corso "Gli atenei finiranno per regalare gli esami" Il ministero, nell'erogare i fondi, adesso penalizza i centri con troppi studenti in ritardo con le

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR Reading del libro a cura dei ragazzi della IIIA della scuola media n. 2 "S. Farina" Con la collaborazione della libreria Il Labirinto di Alghero Un matrimonio combinato,

Dettagli

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria REALIZZA IL TUO FUTURO Di Annamaria Iaria INDICE 1.Presentazione... 2 2.Chi sono... 2 3.Il cuore dell idea... 4 4.Come si svolge... 5 5.Obiettivo... 5 6.Dove si svolge... 6 7. Idee collegate... 6 2013-2014

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

Non riflette la qualità dell insegnamento Ma tornando adesso allora a chi sono i Contadini di adesso

Non riflette la qualità dell insegnamento Ma tornando adesso allora a chi sono i Contadini di adesso Intervistato: Sebastiano Villani, Dirigente Scolastico di Stigliano e Aliano Soggetto: «Luigini» e «Contadini» oggi Luogo e data dell intervista: Stigliano, agosto 2007 Audio file: Villani Il problema

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

Salario minimo: Argomentazioni tascabili

Salario minimo: Argomentazioni tascabili Salario minimo: Argomentazioni tascabili il 18 maggio 2014 Salari giusti: Il lavoro va pagato! Chiunque lavori in Svizzera deve poter vivere in modo decoroso del proprio salario. Perciò, 4000 franchi al

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA Mar iap ia Veladiano parole di scuola indice Albus Silente 9 Ogni parola 13 Da dove cominciare. Integrazione 19 Da dove cominciare. Armonia 21 Tante paure 27 Paura (ancora) 33 Dell identità 35 Nomi di

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Leonardo Becchetti, Angela Schito - 15/04/2009 (BENE COMUNE:NET) Una delle conseguenze della crisi che stiamo vivendo riguarderà senza dubbio le

Dettagli

Calcola la tua Libertà Finanziaria. Guida all utilizzo del software di analisi del conto economico.

Calcola la tua Libertà Finanziaria. Guida all utilizzo del software di analisi del conto economico. Calcola la tua Libertà Finanziaria Guida all utilizzo del software di analisi del conto economico. 1 Prima ci presentiamo. Siamo Antonella Lamanna - Business Coach e Trainer e Amedeo Marinelli Networker

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 TEATRO DEL VENTO SNC Via Valle, 3 24030 Villa d'adda (BG) tel/fax 035/799829 348/3117058 contatto Chiara Magri info@teatrodelvento.it www.teatrodelvento.it A SCUOLA

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel 2010.

Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel 2010. Note sul Piano di Azione Nazionale per le energie rinnovabili (PAN). Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

Strana Italia in rete

Strana Italia in rete Strana Italia in rete Giancarlo Livraghi aprile 2007 Questa è la prima parte del numero 80 della rubrica Il mercante in rete http://gandalf.it/mercante/merca80.htm Tutte le statistiche sono sempre discutibili.

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Chiamiamo macchina un dispositivo che funzioni accettando in ingresso una qualche forma di energia e producendo in uscita un'altra forma di energia.

Chiamiamo macchina un dispositivo che funzioni accettando in ingresso una qualche forma di energia e producendo in uscita un'altra forma di energia. Lezione 17 - pag.1 Lezione 17: le macchine 17.1. Che cosa è una macchina? Il termine macchina, nell uso comune della lingua italiana, sta diventando sinonimo di automobile, cioè, alla lettera, dispositivo

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

informa giugno 15 n. 1 I

informa giugno 15 n. 1 I DUE SGUARDI: UN AFRICA Mostra fotografica - Trento, piazza Fiera - 30 maggio - 2 giugno 2015 informa A febbraio 2012 noi studenti e studentesse trentine abbiamo potuto conoscere la realtà ugandese in un

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Introduzione dell autore

Introduzione dell autore Introduzione dell autore Scrivo questo libro nel gennaio del 1998, in pieno boom della Borsa italiana, sapendo che arriverà il tempo in cui i molti che si sono avvicinati a Piazza degli Affari, allettati

Dettagli

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1 Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ Completa con gli articoli (il, lo, la, l, i, gli, le) TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 30 gennaio

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI Milano Expo Padiglione Italia Giovedì 2 luglio 2015 La città di Roma, con la votazione favorevole dell Assemblea Capitolina il 25 giugno scorso, ha detto sì alla candidatura

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon

Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon Ci sono delle slide che Renzi in occasione dei due anni dall insediamento del suo governo (22 gennaio 2014) non vi farà certamente

Dettagli

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA Accompagnare i nostri figli nel cammino dell amore di Rosangela Carù QUALE EDUCAZIONE IN FAMIGLIA? Adolescenti Genitori- Educatori Educazione 1. CHI E L ADOLESCENTE?

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive S Studi di Settore PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive L analisi dei risultati derivanti dall applicazione degli studi di settore offre molteplici spunti di riflessione in relazione

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli