SEZIONE 3 - ESERCIZIO 2013 PROGRAMMI E PROGETTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEZIONE 3 - ESERCIZIO 2013 PROGRAMMI E PROGETTI"

Transcript

1 3.1 Considerazioni generali e motivata dimostrazione delle variazioni rispetto all'esercizio precedente Non si registrano nell'attività ordinaria particolari variazioni rispetto all'esercizio precedente: si rimanda comunque alla lettura dei programmi e progetti di seguito riportati, specie per verficare i programmi e progetti di nuova istituzione in merito ai lavori pubblici. 3.2 Obiettivi degli organismi gestionali dell'ente Mantenere e migliorare l'efficenza dei servizi verso la cittadinanza e di contribuenti. L'ente si sta adeguando alle richieste ed esigenze innovative da un punto di vista informatico attraverso l'attuazione di progetti specifici volti a migliorare il lavoro dei propri dipendenti e il servizio alla cittadinanza. Da un punto di vista delle entrate: - stiamo lavorando per reperire risorse che ci permettono di valorizzare il patrimonio e ci possano permettere la manutenzione dell' esistente, nello stesso tempo dovremmo riuscire ad abbattere il peso dei mutui accesi al fine di alleggerire la parte spesa del bilancio.tale beneficio lo avremo a partire dal sta andando avanti l'attività di verifica econtrollo in materia di Imposta Comunale sugli Immobili e Tassa sui Rifiuti Solidi Urbana L'ente ha intensificato l'azione di reperimento di contributi sia di fonte statale che privata. Riguardo alle opere si cercherà di portare avanti il programma politico lavorando soprattutto per reperire nuove risorse per evitare di aggravare il bilancio di nuovi mutui. Riguardo all'attività ordinaria non vi sono particolari considerazioni. Rilevanti appaiono gli altri obiettivi specificati nei programmi di seguito riportati per il raggiungimento dei quali tutto il personale dipendente e amministratori si dovrà adoperare. A seguito delle norme che hanno introdotto la separazione tra potere politico di indirizzo e competenze tecniche di gestione, da un lato vi sono le esigenze che gli organismi di governo operino un'attenta programmazione e dall'altro che i responsabili dei servizi raggiungano gli obiettivi prefissati.

2 Spetta infatti a quest'ultimi la gestione finanziaria, tecnica e amministrativa, compresa l'adozione di tutti gli atti che impegnano l'amministrazione verso l'esterno mediante autonomi poteri di spesa, di organizzazione delle risorse umane e strumentali. Sono loro stessi ad essere responsabili dei risultati. In generale gli obiettivi sono illustrati nei rispettivi programmi di riferimento.

3 3.3 - Quadro Generale degli Impieghi per Programma Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Programma n. Spese correnti Spese Spese correnti Spese Spese correnti Spese per Totale per Totale per Totale Consolidate di Sviluppo investimento Consolidate di Sviluppo investimento Consolidate di Sviluppo investimento 1 VERIFICA ENTRATE TRIBUTARIE 5.555,00 0,00 0, , ,00 0,00 0, , ,00 0,00 0, ,00 2 LAVORI PUBBLICI E INVESTIMENTI 0,00 0, , ,00 0,00 0, , ,00 0,00 0, , ,00 3 URBANISTICA 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 5 INFORMATIZZAZI ONE 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 7 GESTIONE ORDINARIA AREA CONTABILE ,45 0,00 0, , ,76 0,00 0, , ,45 0,00 0, ,45 8 GESTIONE ORDINARIA AREA SEGRETERIA ,43 0, , , ,52 0,00 885, , ,52 0,00 0, ,52

4 3.3 - Quadro Generale degli Impieghi per Programma Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Programma n. Spese correnti Spese Spese correnti Spese Spese correnti Spese per Totale per Totale per Totale Consolidate di Sviluppo investimento Consolidate di Sviluppo investimento Consolidate di Sviluppo investimento 9 GESTIONE ORDINARIA AREA TECNICA ,18 0, , , ,57 0,00 0, , ,57 0,00 0, ,57 12 GESTIONE DEL PERSONALE 950,00 0,00 0,00 950, ,00 0,00 0, , ,00 0,00 0, ,00 TOTALI ,06 0, , , ,85 0, , , ,54 0, , ,54

5 3.4 - Programma N. 1 - VERIFICA ENTRATE TRIBUTARIE N. 2 Eventuali Progetti nel Programma Responsabile Sig. BIGAZZI FRANCESCA Descrizione del programma Recupero di entrate tributarie e regolarizzazione posizione contribuenti In particolare: - attività di controllo e verifica Imposta Comunale Immobili - attività di accertamento TARSU - eventuale emissione avvisi di accertamento Tosap a seguito notifica verbali da parte della Polizia Municipale A seguito della costituzione dell'unione dei Comuni Amiata Grossetano di cui fa parte il nostro ente, la funzione "Gestione delle entrate tributarie e servizi fiscali" è gestita in forma associata, al momento in fase di organizzazione. Quantificazione e liquidazione incentivo ICI in base al regolamento per acquisti e per personale Atti relativi al rimborso di Imposte e Tasse richiesto dai contribuenti Motivazioni delle scelte Equa distribuzione del carico fiscale su tutta la popolazione Finalita' da conseguire Equità fiscale Investimento

6 3.4 - Programma N. 1 - VERIFICA ENTRATE TRIBUTARIE N. 2 Eventuali Progetti nel Programma Responsabile Sig. BIGAZZI FRANCESCA Erogazione di servizi di consumo Risorse umane da impiegare Istruttore contabile in servizio presso l'ufficio tributi, in collaborazione con il responsabile d'area e gli altri dipendenti ciascuno per le proprie competenze meglio specificate nei progetti di programma Risorse strumentali da utilizzare Programma informatici specifici di supporto ed archivi cartacei Coerenza con il/i piano/i regionale/i di settore Non vi sono specifici piani regionali e di settore.

7 3.5 - Risorse correnti ed in conto capitale per la realizzazione del programma - ENTRATE Programma N. 1 - VERIFICA ENTRATE TRIBUTARIE Responsabile Sig. BIGAZZI FRANCESCA Entrate Specifiche Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Legge di finanziamento e articolo -STATO 0,00 0,00 0,00 -REGIONE 0,00 0,00 0,00 -PROVINCIA 0,00 0,00 0,00 -UNIONE EUROPEA 0,00 0,00 0,00 -CASSA DD.PP-CREDITO SPORTIVO ISTITUTI DI PREVIDENZA 0,00 0,00 0,00 -ALTRI INDEBITAMENTI (1) 0,00 0,00 0,00 -ALTRE ENTRATE 0,00 0,00 0,00 TOTALE (A) 0,00 0,00 0,00 Proventi dei Servizi Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Quote di Risorse

8 3.5 - Risorse correnti ed in conto capitale per la realizzazione del programma - ENTRATE Programma N. 1 - VERIFICA ENTRATE TRIBUTARIE Responsabile Sig. BIGAZZI FRANCESCA TOTALE (B) 0,00 0,00 0,00 Quote di Risorse Generali Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Quote di Risorse IMPOSTE 5.555, , ,00 TOTALE (C) 5.555, , ,00 TOTALE GENERALE (A + B + C) 5.555, , ,00 (1) Prestiti da istituti privati, ricorso al credito ordinario, prestiti obbligazionari e simili

9 3.6 - Spese previste per la realizzazione del programma - IMPIEGHI Programma N. 1 - VERIFICA ENTRATE TRIBUTARIE Responsabile Sig. BIGAZZI FRANCESCA Anno Spesa corrente Spesa per Consolidate Di sviluppo investimento entita' % su totale entita' % su totale entita' % su totale Totale V. % totale spese finali titoli I e II Anno ,00 100,00% 0,00 0,00% 0,00 0,00% 5.555,00 100,00% Anno ,00 100,00% 0,00 0,00% 0,00 0,00% 5.055,00 100,00% Anno ,00 100,00% 0,00 0,00% 0,00 0,00% 5.055,00 100,00%

10 Progetto N. 1 - RECUPERO ICI del Programma N. 1 Responsabile Sig. BIGAZZI FRANCESCA Finalita' da conseguire L'equa distribuzione del tributo su tutti i contribuenti e la possibilità di applicare aliquote giustificatamente differenziate. Nell'anno corrente dovranno essere verificate le annualità 2011 e precedenti. Si ricorda che per il mantenimento delle somme a bilancio al 31/12 anno corrente gli avvisi devono essere notificati, non contestati ed esecutivi. Viste le difficoltà pratiche ed i tempi impiegati, collegati alla gestione della TARES, si valuterà la possibilità di far notificare gli avvisi a ditta esterna Investimento Erogazione di servizi di consumo Risorse strumentali da utilizzare Programma ICI Catasto Rendicontazioni Agente della Riscossione Sito Equitalia Servizio SIATEL - PUNTOFISCO (accesso agli archivi dell'anagrafica tributaria) Altri strumenti ritenuti necessari per la realizzazione del progetto Risorse umane da impiegare Istruttore contabile Ufficio Tributi, in collaborazione con il responsabile dell'area e gli altri uffici dell'ente che devono fornire dati indispensabili per l'attività in oggetto

11 Progetto N. 1 - RECUPERO ICI del Programma N. 1 Responsabile Sig. BIGAZZI FRANCESCA Motivazioni delle scelte La riduzione dei trasferimenti statali impone ai singoli enti di rendersi maggiormente autonomi dal punto di vista finanziario mell'attesa dell'approvazione del cosiddetto federalismo fiscale.

12 3.8 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO - IMPIEGHI Progetto N. 1 del Programma N. 1 - RECUPERO ICI Responsabile Sig. BIGAZZI FRANCESCA Anno Spesa corrente Spesa per Consolidate Di sviluppo investimento entita' % su totale entita' % su totale entita' % su totale Totale V. % totale spese finali titoli I e II Anno ,00 100,00% 0,00 0,00% 0,00 0,00% 4.055,00 100,00% Anno ,00 100,00% 0,00 0,00% 0,00 0,00% 4.055,00 100,00% Anno ,00 100,00% 0,00 0,00% 0,00 0,00% 4.055,00 100,00%

13 Progetto N. 2 - RECUPERO TARSU del Programma N. 1 Responsabile Sig. BIGAZZI FRANCESCA Finalita' da conseguire Iscrizione a ruolo di tutti i contribuenti: nella misura e nei tempi corretti. Verifiche per attività di recupero anni pregressi Investimento Erogazione di servizi di consumo Risorse strumentali da utilizzare Programmi informatici per la gestione della TARSU-TARES e dell'ici Altri strumenti ritenuti necessari per la realizzazione del progetto Risorse umane da impiegare Istruttore contabile ufficio tributi in collaborazione con gli uffici tecnico, polizia municipale e anagrafe ciascuno per i propri dati in possesso. (SCIA, cessione di fabbricato, variazioni stato di famiglia, iscrizioni anagrafiche...) Motivazioni delle scelte Da un controllo incrociato tra i nominativi e le banche dati dei contribuenti TARSU-TARES e ICI, le cessioni di fabbricari e le concessioni edilizie, l'ufficio Tributi provvederà all'individuazione di quelle posizioni/contribuenti che pur detenendo e probabilmenete occupando l'immobile, eludono il pagamento della Tassa per lo Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani, con successiva emissione degli avvisi nell'anno 2014.

14 Progetto N. 2 - RECUPERO TARSU del Programma N. 1 Responsabile Sig. BIGAZZI FRANCESCA

15 3.8 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO - IMPIEGHI Progetto N. 2 del Programma N. 1 - RECUPERO TARSU Responsabile Sig. BIGAZZI FRANCESCA Anno Spesa corrente Spesa per Consolidate Di sviluppo investimento entita' % su totale entita' % su totale entita' % su totale Totale V. % totale spese finali titoli I e II Anno ,00 100,00% 0,00 0,00% 0,00 0,00% 1.500,00 100,00% Anno ,00 100,00% 0,00 0,00% 0,00 0,00% 1.000,00 100,00% Anno ,00 100,00% 0,00 0,00% 0,00 0,00% 1.000,00 100,00%

16 3.4 - Programma N. 2 - LAVORI PUBBLICI E INVESTIMENTI N. 5 Eventuali Progetti nel Programma Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Descrizione del programma Realizzazione delle opere inserite nel piano triennale dei lavori pubblici e altri investimenti di importi minori; nell'esercizio corrente sono previsti affidamenti specifici per dotare l'ente degli strumenti (progetti defintivi) affinché lo stesso possa partecipare ai bandi di finanziamento Motivazioni delle scelte Programmazione Finalita' da conseguire Realizzazione opere pubbliche sinteticamente descritte nei vari progetti di programma Investimento Erogazione di servizi di consumo Risorse umane da impiegare Personale area tecnica in collaborazione con l'amministrazione e gli altri uffici Risorse strumentali da utilizzare Professionisti incaricati Ditte esecutrici Coerenza con il/i piano/i regionale/i di settore

17 3.5 - Risorse correnti ed in conto capitale per la realizzazione del programma - ENTRATE Programma N. 2 - LAVORI PUBBLICI E INVESTIMENTI Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Entrate Specifiche Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Legge di finanziamento e articolo -STATO 0,00 0,00 0,00 -REGIONE , , ,00 -PROVINCIA ,00 0,00 0,00 -UNIONE EUROPEA 0,00 0,00 0,00 -CASSA DD.PP-CREDITO SPORTIVO ISTITUTI DI PREVIDENZA 0, , ,00 -ALTRI INDEBITAMENTI (1) 0,00 0,00 0,00 -ALTRE ENTRATE , , ,00 TOTALE (A) , , ,00 Proventi dei Servizi Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Quote di Risorse

18 3.5 - Risorse correnti ed in conto capitale per la realizzazione del programma - ENTRATE Programma N. 2 - LAVORI PUBBLICI E INVESTIMENTI Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA NECROSCOPICO CIMITERIALE 0, , ,00 TOTALE (B) 0, , ,00 Quote di Risorse Generali Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Quote di Risorse TOTALE (C) 0,00 0,00 0,00 TOTALE GENERALE (A + B + C) , , ,00 (1) Prestiti da istituti privati, ricorso al credito ordinario, prestiti obbligazionari e simili

19 3.6 - Spese previste per la realizzazione del programma - IMPIEGHI Programma N. 2 - LAVORI PUBBLICI E INVESTIMENTI Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Anno Spesa corrente Spesa per Consolidate Di sviluppo investimento entita' % su totale entita' % su totale entita' % su totale Totale V. % totale spese finali titoli I e II Anno ,00 0,00% 0,00 0,00% ,00 100,00% ,00 100,00% Anno ,00 0,00% 0,00 0,00% ,00 100,00% ,00 100,00% Anno ,00 0,00% 0,00 0,00% ,00 100,00% ,00 100,00%

20 Progetto N. 1 - BENI PATRIMONIALI del Programma N. 2 Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Finalita' da conseguire Manutenzione del patrimonio comunale al fine di garantirne la fruibilità e sicurezza. Con le somme provenienti dall'eredità "Papini Silvano" messa in sicurezza dei locali dallo stesso lasciati a questo Comune SOMME FINANZIATE NEL 2012 Adeguamento sismico edificio comunale e scuole OPERE PREVISTE NEL 2013 Interventi sugli edifici scolastici OPERE PREVISTE NEL 2014 Rifacimento ex-edificio scolastico di Catabbio Investimento Erogazione di servizi di consumo Risorse strumentali da utilizzare Risorse umane da impiegare Personale area tecnica Professionisti esterni

21 Progetto N. 1 - BENI PATRIMONIALI del Programma N. 2 Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Ditta aggiudicataria dei lavori Motivazioni delle scelte Necessità di interventi ordinari e straordinari sul patrimonio

22 3.8 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO - IMPIEGHI Progetto N. 1 del Programma N. 2 - BENI PATRIMONIALI Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Anno Spesa corrente Spesa per Consolidate Di sviluppo investimento entita' % su totale entita' % su totale entita' % su totale Totale V. % totale spese finali titoli I e II Anno ,00 0,00% 0,00 0,00% ,00 100,00% ,00 100,00% Anno ,00 0,00% 0,00 0,00% ,00 100,00% ,00 100,00% Anno ,00 0,00 0,00 0,00

23 Progetto N. 2 - COTRUZIONE LOCULI E RIPRISTINO del Programma N. 2 Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Finalita' da conseguire Creazione di spazi per tumulazioni e ripristino di strutture cimiteriali esistenti: Si tratta di quattro progetti che in sintesi prevedono: 1) Catabbio realizzazione loculi e ossari (opera già finanziata, inizio lavori entro dicembre 2013) 2) Semproniano realizzazione 60 loculi e 48 ossari (conclusione fasi progettuali e finanziamento anno 2014, possibilmente con inizio lavori stesso anno) 3) Cellena realizzazione 4 loculi e 16 ossari, sistemazione portellone metallico ossario comune (conclusione fasi progettuali e finanziamento anno 2014, possibilmente con inizio lavori stesso anno) 4) Petricci - nell'esercizio 2014 verrà redatto il progetto che vedrà la sua realizzazione nel corso del 2015 Parte delle opere trovano copertura finanziaria con somme già incassate a residuo Investimento Erogazione di servizi di consumo Risorse strumentali da utilizzare Risorse umane da impiegare Personale Ufficio Tecnico Professinisti esterni Ditta esecutrice lavori

24 Progetto N. 2 - COTRUZIONE LOCULI E RIPRISTINO del Programma N. 2 Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Motivazioni delle scelte Carenza di spazi per tumulazione e necessità di garantire sepolture privilegiate nei cimiteri comunali per le quali sono state avanzate richieste da parte della cittadinanza.

25 3.8 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO - IMPIEGHI Progetto N. 2 del Programma N. 2 - COTRUZIONE LOCULI E RIPRISTINO Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Anno Spesa corrente Spesa per Consolidate Di sviluppo investimento entita' % su totale entita' % su totale entita' % su totale Totale V. % totale spese finali titoli I e II Anno ,00 0,00 0,00 0,00 Anno ,00 0,00% 0,00 0,00% ,00 100,00% ,00 100,00% Anno ,00 0,00% 0,00 0,00% ,00 100,00% ,00 100,00%

26 Progetto N. 3 - LAVORI IMPIANTI SPORTIVI del Programma N. 2 Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Finalita' da conseguire Reperimento fonte di finanziamento e realizzazione dell'opera nell'esercizio Investimento Erogazione di servizi di consumo Risorse strumentali da utilizzare Risorse umane da impiegare Personale Ufficio Tecnico Professinisti esterni Ditta esecutrice lavori Motivazioni delle scelte Necessità di messa a norma delle gradinate e altre infrastrutture degli impianti Sportivi in Semproniano

27 3.8 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO - IMPIEGHI Progetto N. 3 del Programma N. 2 - LAVORI IMPIANTI SPORTIVI Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Anno Spesa corrente Spesa per Consolidate Di sviluppo investimento entita' % su totale entita' % su totale entita' % su totale Totale V. % totale spese finali titoli I e II Anno ,00 0,00% 0,00 0,00% ,00 100,00% ,00 100,00% Anno ,00 0,00 0,00 0,00 Anno ,00 0,00 0,00 0,00

28 Progetto N. 4 - MANUTENZIONE STRAORDINARIA del Programma N. 2 Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Finalita' da conseguire Manutenzione straordinaria di edifici pubblici esistenti sul territorio comunale al fine di assicurarne l'integrità statica ed eliminare potenziali pericoli per l'incolumità pubblica assicurando, allo stesso tempo, una riqualificazione urbana. Pavimentazione esterna asilo con abbattimento barriere architettoniche Rifacimento tetto locali ambulatorio ed ex-scuole di Petricci Investimento Erogazione di servizi di consumo Risorse strumentali da utilizzare Risorse umane da impiegare Personale Ufficio Tecnico Ragioneria Progettisti Ditta esecutrice lavori

29 Progetto N. 4 - MANUTENZIONE STRAORDINARIA del Programma N. 2 Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Motivazioni delle scelte Lo stato di degrado di alcuni immobili richiede un intervento di manutenzione straordinaria sull'intera struttura

30 3.8 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO - IMPIEGHI Progetto N. 4 del Programma N. 2 - MANUTENZIONE STRAORDINARIA Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Anno Spesa corrente Spesa per Consolidate Di sviluppo investimento entita' % su totale entita' % su totale entita' % su totale Totale V. % totale spese finali titoli I e II Anno ,00 0,00% 0,00 0,00% ,00 100,00% ,00 100,00% Anno ,00 0,00% 0,00 0,00% ,00 100,00% ,00 100,00% Anno ,00 0,00% 0,00 0,00% ,00 100,00% ,00 100,00%

31 Progetto N. 7 - INTERVENTI STRADALI del Programma N. 2 Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Finalita' da conseguire 1 - PROGETTO FRANA STRADA SEMPRONIANO-ROCCHETTE DI FAZIO: Realizzazione anni , opera già finanziata nell'anno 2009 Messa in opera di pali, muri di contenimento, canalette di drenaggio, fossette di guardia 2 - PAVIMENTAZIONE CENTRI STORICI SEMPRONIANO-ROCCHETTE-PETRICCI Recupero e rifacimento della pavimentazione nei centri storici di Semproniano, Rocchette di Fazio e Petricci L intervento dovrà prevedere smontaggio della pavimentazione danneggiata; scavo del piano stradale e messa in opera di lastricato; acquisto di arredi e forniture varie Opera prevista nel MANUTENZIONE STRADE DI INTERESSE PUBBLICO Sistemazione e rifacimento manto strade di interesse pubblico, con aggiudicazione lavori nel corso del 2013 e loro successiva realizzazione 4 - MANUTENZIONE STRADE DI INTERESSE PUBBLICO Sistemazione e rifacimento manto strada vicinale di uso pubblico "Ghiaccaile". Reperimento-conferma risorse nel corrente esercizio e per la realizzazione dell'opera nel corso dell'anno RIPRISTINO STRADE COMUNALI A SEGUITO EVENTO METEOROLOGICO NOVEMBRE 2012 sistemazione e rifacimento tratti di strade comunali interessate dall'evento meteorologico novembre Affidamento lavori e inizio degli stessi nell'esercizio 2013

32 Progetto N. 7 - INTERVENTI STRADALI del Programma N. 2 Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Investimento Erogazione di servizi di consumo Risorse strumentali da utilizzare Risorse umane da impiegare Personale area tecnica Professionisti esterni Ditta aggiudicataria dei lavori Motivazioni delle scelte ANNO PROGETTO FRANA STRADA SEMPRONIANO-ROCCHETTE DI FAZIO: Realizzazione, opera già finanziata nell'anno 2009 Il tratto stradale in questione è stato oggetto di ripetuti interventi di rifacimento del manto asfaltato, il quale tuttavia continua lentamente a deformarsi rappresentando un concreto pericolo alla circolazione dei mezzi. L intervento proposto è mirato alla messa in sicurezza di un tratto stradale interessato da un fenomeno di dissesto attivo per garantire la circolazione degli automezzi lungo la strada comunale Semproniano - Rochette di Fazio

33 Progetto N. 7 - INTERVENTI STRADALI del Programma N. 2 Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA 2 - STRADE VICINALI E DI USO PUBBLICO Necessità di intervenire su strade vicinali e di interesse pubblico 3 - PAVIMENTAZIONE CENTRI STORICI SEMPRONIANO-ROCCHETTE-PETRICCI Dare continuità alle opere già eseguite in vari contesti

34 3.8 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO - IMPIEGHI Progetto N. 7 del Programma N. 2 - INTERVENTI STRADALI Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Anno Spesa corrente Spesa per Consolidate Di sviluppo investimento entita' % su totale entita' % su totale entita' % su totale Totale V. % totale spese finali titoli I e II Anno ,00 0,00 0,00 0,00 Anno ,00 0,00 0,00 0,00 Anno ,00 0,00% 0,00 0,00% ,00 100,00% ,00 100,00%

35 3.4 - Programma N. 3 - URBANISTICA N. 3 Eventuali Progetti nel Programma Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Descrizione del programma Approvazione della variante e varianti normative del Regolamento Urbanistico Informatizzazione del P.R.G Motivazioni delle scelte Sviluppo del territorio e adempimenti normativi Finalita' da conseguire Programmare e promuovere l'attività economica del settore edilizio ed infrastrutturale Investimento Erogazione di servizi di consumo Risorse umane da impiegare Personale Ufficio Tecico Professionisti esterni incaricati Amministrazione per indirizzi programmatici Risorse strumentali da utilizzare Programmi in dotazione Coerenza con il/i piano/i regionale/i di settore Assicurata obbligatoriamente

36 3.6 - Spese previste per la realizzazione del programma - IMPIEGHI Programma N. 3 - URBANISTICA Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Anno Spesa corrente Spesa per Consolidate Di sviluppo investimento entita' % su totale entita' % su totale entita' % su totale Totale V. % totale spese finali titoli I e II Anno ,00 0,00 0,00 0,00 Anno ,00 0,00 0,00 0,00 Anno ,00 0,00 0,00 0,00

37 Progetto N. 1 - VARIANTI del Programma N. 3 Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Finalita' da conseguire Realizzazione di un Centro Termale a basso impatto ambientale. Creare maggiore offerta turistica tramite il cosidetto sistema dell'albergo di campagna. Diversificare e aumentare l'offerta turistica del territorio comunale Investimento Erogazione di servizi di consumo Risorse strumentali da utilizzare Risorse umane da impiegare Personale Ufficio Tecnico Professionisti esterni Motivazioni delle scelte Necesità di adeguare gli strumenti di Governo del territorio: - per la realizzazione di un Centro Termale - alle esigenze attuali per il recupero di molti fabbricati rurali dell'azienda agricola di Cortevecchia

38 Progetto N. 2 - INFORMATIZZAZIONE PRG del Programma N. 3 Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Finalita' da conseguire Migliorare il servizio all'utenza consentendo una consultazione diretta Investimento Erogazione di servizi di consumo Risorse strumentali da utilizzare Risorse umane da impiegare Personale area tecnica Comunità Montana Amiata Grossetano Professionisti incaricati Motivazioni delle scelte Fornire all'utenza l'accessibilità al PRG anche attraverso il successivo inserimento nel sito istituzionale dell'ente. Digitalizzazione del catasto terreni ed individuazione delle aree edificabili per le successive notifiche

39 3.8 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO - IMPIEGHI Progetto N. 2 del Programma N. 3 - INFORMATIZZAZIONE PRG Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Anno Spesa corrente Spesa per Consolidate Di sviluppo investimento entita' % su totale entita' % su totale entita' % su totale Totale V. % totale spese finali titoli I e II Anno ,00 0,00 0,00 0,00 Anno ,00 0,00 0,00 0,00 Anno ,00 0,00 0,00 0,00

40 Progetto N. 3 - VARIANTE NORMATIVA R.U. del Programma N. 3 Responsabile Sig. RESPONSABILE AREA TECNICA Finalita' da conseguire Recuperare territorio destinato al degrado con conseguente dissesto Investimento Erogazione di servizi di consumo Risorse strumentali da utilizzare Risorse umane da impiegare Personale ufficio tecnico Motivazioni delle scelte Garantire la presenza dell'uomo in territori destinati all'abbandono.

41 3.4 - Programma N. 5 - INFORMATIZZAZIONE N. 2 Eventuali Progetti nel Programma Responsabile Sig. FERINI FABRIZIO Descrizione del programma Si vedano i singoli progetti di programma Motivazioni delle scelte Finalita' da conseguire Investimento Erogazione di servizi di consumo Risorse umane da impiegare Il Responsabile dell'area amministrativa dovrà interessarsi per proporre agli organi politici varie alternative operative ed economiche per la realizzazione di uanto previsto Risorse strumentali da utilizzare Coerenza con il/i piano/i regionale/i di settore

42 3.6 - Spese previste per la realizzazione del programma - IMPIEGHI Programma N. 5 - INFORMATIZZAZIONE Responsabile Sig. FERINI FABRIZIO Anno Spesa corrente Spesa per Consolidate Di sviluppo investimento entita' % su totale entita' % su totale entita' % su totale Totale V. % totale spese finali titoli I e II Anno ,00 0,00 0,00 0,00 Anno ,00 0,00 0,00 0,00 Anno ,00 0,00 0,00 0,00

43 Progetto N. 1 - POTENZIAMENTO RETE LOCALE del Programma N. 5 Responsabile Sig. FERINI FABRIZIO Finalita' da conseguire Maggiore sicurezza dei dati in rete attraverso l'impostazione di password per l'accesso alle cartelle di rete e la possibilità di creazione di cartelle per consultazione o scambio tra uffici Necessario anche responsabilizzare ciascun dipendente sull'utilizzo dei computer attraverso ad esempio la consegna "formale" del pc e dei contenuti. Attivazione procedure per invio fax telematici Investimento Erogazione di servizi di consumo Risorse strumentali da utilizzare Rete locale e strumenti connessi Risorse umane da impiegare Personale responsabile del servizio Ditte che gestiscono l'informatizzazione e la sicurezza Personale altri settori per le necessità Motivazioni delle scelte Necessità di potenziamento della sicurezza sulla rete locale

44 Progetto N. 2 - SITO INTERNET del Programma N. 5 Responsabile Sig. FERINI FABRIZIO Finalita' da conseguire Dotare l'ente di un sito web aggiornato e nel rispetto delle specifiche normative di settore; attualmente vi è un sito organizzato dall'ufficio tecnico comunale non aggiornato. Tempistica del nuovo sito era Giugno 2010, da ultimare entro il corrente anno Investimento Erogazione di servizi di consumo Risorse strumentali da utilizzare Risorse necessarie individuate dalla Comunità Montana Amiata Grossetano Risorse umane da impiegare Responsabile della segreteria per seguire. gestire e coordinare il progetto con la Comunità Montana ed il personale dell'ente. Personale dell'ente e amministratori per le informazioni di competenza Motivazioni delle scelte Adeguamento del sito web rispetto alle specifiche di accessibilità e di rispetto della normativa sulla privacy. Necessità di dotarsi di uno strumento semplice ma allo stesso tempo aggiornato e dinamico. Questo ente non essendo in grado di gestire il sito con il proprio personale, ha aderito al progetto

45 Progetto N. 2 - SITO INTERNET del Programma N. 5 Responsabile Sig. FERINI FABRIZIO della ex-comunità Montana con un coofinanziamento della Regione Toscana, Comunità Montana e Comuni.

46 3.8 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO - IMPIEGHI Progetto N. 2 del Programma N. 5 - SITO INTERNET Responsabile Sig. FERINI FABRIZIO Anno Spesa corrente Spesa per Consolidate Di sviluppo investimento entita' % su totale entita' % su totale entita' % su totale Totale V. % totale spese finali titoli I e II Anno ,00 0,00 0,00 0,00 Anno ,00 0,00 0,00 0,00 Anno ,00 0,00 0,00 0,00

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

ISTANZA DI RIMBORSO ANNI:

ISTANZA DI RIMBORSO ANNI: Data / / 2 0 Protocollo n. Comune di SAN VITO AL TAGLIAMENTO DATI DEL CONTRIBUENTE Persone fisiche Cod. Fiscale Il/la sottoscritto/a: Cognome 20 ISTANZA DI RIMBORSO ANNI: 20 20 20 20 Nome Nato/a In data

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP

Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP CHE COS E IL CUP Il CUP (CODICE UNICO DI PROGETTO) è un'etichetta stabile che identifica e accompagna un progetto d'investimento pubblico, sin dalla

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

PARTE SPESA. Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1

PARTE SPESA. Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1 Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1 ASSEGNATARIO 15 50 10 00 U.O. GABINETTO DEL SINDACO Dott. Giuseppe De Leo 1010102 1011.203.01 SPESE PER IL FUNZIONAMENTO

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE COMUNE DI CAVEZZO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE COMUNE DI CAVEZZO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE COMUNE DI CAVEZZO 1 1 Approvato con deliberazione G.C. n 70 del 12.07.2005 modificato con deliberazione G.C. n 98 del 18.11.2006 a seguito della deliberazione G.C. n 113 del

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto 1/ 14 ENOTICES_alessiamag 14/11/2011- ID:2011-157556 Formulario standard 6 - IT Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Luxembourg

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del regolamento

Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A) REGOLAMENTO IN MATERIA DI IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC), COMPRENSIVO DELLE DISPOSIZIONI CHE DISCIPLINANO L IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) E IL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI). Articolo

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI

STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI ALLEGATO A STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI SEGRETARIO GENERALE Individuazione aree/p.o. e ripartizione dei servizi AREA - POSIZIONE ORGANIZZATIVA N.1 1) Servizio affari generali, servizio

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

responsabile procedimento respons abile

responsabile procedimento respons abile Elaborazione indennità mensili amministratori Cedolino mensile per Sindaco e Assessori mensile - no entro il 27 di ogni mese Predisposizione F24EP (per versamento oneri previdenziali e ritenute operate

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

B I L A NC I O DI PR E V I SI ONE 2008

B I L A NC I O DI PR E V I SI ONE 2008 T itolo 1 Spese correnti 01 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo 01. 04 Gestione delle entrate tributarie e servizi fiscali 01. 01. 04. 01 Personale 01. 01. 04. 03 Prestazioni

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli