Guest Speaker: Lt. Governor Patrick Quinn. Will address the international role and interest of Illinois at. Trattoria Gianni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guest Speaker: Lt. Governor Patrick Quinn. Will address the international role and interest of Illinois at. Trattoria Gianni"


1 Founded in 1907 Officially recognized by the Italian Government July 2008 NEWS ANNOUNCEMENT V olume 3, I ssue 7 SAVE THE DATE RSVP is required $55 for Members $65 for Non Members Guest Speaker: Lt. Governor Patrick Quinn Will address the international role and interest of Illinois at Trattoria Gianni 1711 N. Halsted Chicago, IL August 14, :00pm Program & Dinner For more information please contact the Chamber at WELCOME NEW MEMBERS Sustaining Members Austin Battaglia Battaglia Distributing Co., Inc S. Ashland Ave Chicago, IL Tel: Fax: Individual Members SAVE THE DATE Italian Style 2008 Gala and Awards Dinner Saturday, September 20, :30 pm HONORING Fiat AirOne Rosemarie Andolino, Director O Hare Modernization Program Grand Ballroom at Navy Pier 600 East Grand Avenue Chicago, Illinois, Marco Marcellan RSM McGladrey 191 N. Wacker Dr. Chicago, IL Tel: Fax: Pietro Viola Studio Viola Via Claudio Monteverdi n. 43 Palermo, Italy Tel: Fax: Ric Frantz LR International 343 N. Wood Dale Rd. S-200 Wood Dale, IL Tel: Fax: Page 1

2 FOCUS ON MEMBER: GIANNI DELISI Since its doors opened in 1988, Gianni Delisi's family-run Italian trattoria called Trattoria Gianni has flourished as a mainstay on the Chicago restaurant scene. Now celebrating its 20 th anniversary, Trattoria Gianni's menu features a diverse selection of regional Italian dishes, augmented with superb daily specials and a delicious dessert menu. Gianni's boasts an extensive wine list, a full bar and a great selection of grappas. The restaurant has been awarded 3 stars from the Chicago Tribune, 3 1/2 stars from the Chicago Sun Times and has consistently received excellent ratings from Zagat. Located in the heart of the Lincoln Park Theatre District -- directly across the street from the Steppenwolf Theatre and around the corner from the Royal George Theatre -- Trattoria Gianni's has long been a destination of theatregoers before and after the shows. For those interested in the Chicago Blues scene, Trattoria Gianni's is an easy walk from Kingston Mines and Blues Chicago. Given its proximity to the theatres, a visit to Gianni's may include rubbing elbows with the stars, as some of Gianni's regulars include John Malkovich, Nicole Kidman, Gary Senise, John Cusak and Mayor Daley. The exposed brick walls, white tablecloths, wood trim and floors provide a rustic yet elegant atmosphere in which to enjoy Gianni's fabulous Italian cuisine. The restaurant itself offers a private dining room for up to 50 guests, and al fresco dining (weather permitting). Trattoria Gianni's can accommodate private parties of up to 100 by reserving the entire restaurant. If you would like to reserve the private dining area or the entire restaurant please call REAL ESTATE DEVELOPMENT & FINANCE SEMINAR Overview Whether you are a developer, industrial property owner, attorney, municipal consultant, land use planner, government official or financial advisor, your success in the fields of land use development and finance depends on an up-to-date knowledge of land use law, government policies, administrative decisions and all the various financing options. This seminar distinguishes itself not only by including recognized experts in the field, but also key government officials responsible for approving and managing real estate development and finance in the Midwest. Want to promote your company by becoming a sponsor of this seminar? Call The Seminar Group at (800) Who Should Attend Attorneys & Legal Staff Developers & Construction Companies Lenders Industrial Property Owners REIT s Real Estate Professionals Government Officials and Employees City Officials Tax Officials and Consultants Accountants Seminar Takes Place Thursday, August 7, 2008 Tremont Hotel 100 East Chesnut Chicago, IL Phone: (866) Please call Chantel Carnes at (312) for reservations and mention THE SEMINAR GROUP. Page 2

3 AND THE PIANO KEEPS PLAYING... By Adolfo Laurenti The first time I heard of Fannie Mae I didn t think of mortgages or finance. To my ear the name evoked images of a Wild West girl, the type of saloon gal who gulps down her whiskey unperturbed by cowboys brawling all around while the piano keeps playing. Funny how first impressions sometimes come close to reality. In recent weeks our financial markets have resembled a frantic day at the O.K. Corral indeed, with most of the action revolving around Fannie Mae and Freddie Mac. Stocks of Fannie and Freddie suffered heavy losses amid widespread concerns that the two giants of mortgage finance may lack adequate capital to support their operations. Fannie lost 75% of its value since the spring and 35% during the second week of July alone. As the financial situation of Fannie and Freddie worsened, Congress and the Treasury stepped up their efforts to offer a political response to the crisis. In order to shore up confidence, the Federal Reserve joined the rescue operations by opening its lending channels to both companies. Why so much concern? Fannie and Freddie are key players in the U.S. mortgage market, and they are very much at the center of the fabric of the U.S. economy. The two companies buy mortgages from commercial and mortgage banks, re-arrange these mortgages in debt pools and sell the repackaged mortgage-backed securities to investors all around the world. Therefore, they perform the key function of providing liquidity to the mortgage market and taking mortgages off the balance sheets of the banking system, thus making room for the extension of further loans to new homebuyers. What makes Fannie and Freddie special is their hybrid nature of governmentsponsored enterprises (GSEs): they are public companies, but they were chartered by the Federal government and enjoy an implicit backing by Congress. Because of such a special nature, their debt is considered of higher credit quality than any other private debt; in fact, the implicit guarantee by the government makes Fannie and Freddie paper as good as Treasury debt. As a result, Fannie and Freddie have been exceptionally profitable thanks to rate spreads between their liability (i.e. cheaper borrowings because of the GSE status) and their assets (that earn market yield.) But because of their capacity to borrow cheaply, they are also extremely leveraged institutions and completely vulnerable to a loss of confidence. And a loss of confidence is exactly what Fannie and Freddie are currently suffering. As losses in their mortgage portfolio mounted, markets lost their trust in the ability of the GSEs to operate without an infusion of capital by the government. To many, the idea of private profits and public risks is an outrage: unfortunately, Fannie and Freddie are just too big and too important to fail. Even to their harshest critics, some form of government rescue appears to be the only option. Hence the dilemma for the Federal Reserve, the Department of the Treasury and Congress: how to manage the bail-out of Fannie and Freddie? On one hand, authorities never dispelled the notion that a guarantee for Fannie and Freddie does indeed exist; their bills are finally due and it is simply impossible to renege on the commitment. On the other hand, any bailout creates a dangerous precedent, what economists call moral hazard : if managers and investors know that government will help them no matter how irresponsibly they behaved, they will continue to behave irresponsibly in the future, banking on the expectation that public help will come again and again. How to proceed then? It seems likely that the Treasury and Congress will strike a compromise that will punish shareholders but preserve the expectation of bondholders. On this principle there seems to be agreement; in practice, it is not clear yet how much taxpayers money will be committed. But there is little doubt that the cost will not be negligible. Once again, the logic of too big to fail and the crucial economic role of Fannie and Freddie will result in a loss for a few, a bailout of the many, and a hit to the pockets of everybody. No wonder that Fannie, as the brawl goes on, can lounge at the bar. And the piano keeps playing. Page 3

4 WHY INVEST IN BOLOGNA 6. Industry at the highest levels of Excellence. Among all the leading manufacturing sectors, the one that stands out is packaging machines export, which in 2006 exported 80% of their own 2 billion Euro production. Others include: Motor design and manufacturing, including some of the most famous Italian brands such as Ducati, Malaguti and Lamborghini. PromoBologna, a local marketing development agency in Bologna, has created a short film to promote Bologna all over the world. The short film, Spring in Bologna: 8 reasons to invest in Bologna, was created by Jack Blutharsky with Fabio Bonifacci s screenplay. In the last two years over 200 international companies have chosen to invest in Bologna. Here are 8 reasons why: 1. Place where people live well. The city center is one of the biggest and best preserved in all of Europe. Health care is excellent. Social services are advanced. Their school system is used a model all around Europe. 2. Economic excellence. In Bologna there is the highest density of companies in Italy: 1 for every 10 inhabitants. Their unemployment rate is the lowest in Italy (2,7%). The per capita income is 32,600 euro. The city has a long tradition in international trade. This area exports goods to more than 200 countries for a total of almost 10 billion euro. The trade show district is the 5 th largest in Europe and the second in Italy. 3. Location and Transportation. Here northern Europe meets the Mediterranean Sea and Eastern Europe. Over 75% of the goods travelling from the North to the South of Italy pass through Bologna. Its railway station is the busiest in Italy. From its airport you can reach 100 destinations and its freight platform is one the largest in Europe: 2 million square meters. 4. Knowledge. Modern culture has its roots in Bologna. The first free university in Europe was born in Bologna in 1088 and is a tank of knowledge that flows into the city. Bologna is called the Scholar. It has 69 museums, 16 theatres, 60 cinemas, more than 200 libraries and it has been appointed a Unesco Creative City of Music. 5. Innovation. Bologna has the highest number of patents per company in Italy. In the city there are many important research centers such as ENEA (Italian National Agency for New Technology, Energy and Environment), the CNR (National Research Council) and CINECA, the largest Italian computer research center. The fashion industry has over 1,685 companies and 9,600 employees. The food processing industry counts 1550 companies including some of the most important brands of Italian food processing, such as Granarolo and Conserva Italia. the electronics industry which exports more than 1 billion euro and includes companies such as Datalogic and Marposs. The service industry which employs 68% of the workforce and offers innovative services. 7. Infrastructure and urban projects. 51 new projects will be started within 2010 for a total investment of 21 billion euro. 8. Bologna s two springs. Tradition and Innovation are the two springs that lead Bologna toward the future. For further information on Bologna s economic and productive system, visit the website or contact To watch the video click video/ Page 4

5 FIAT AND BMW JOIN FORCES Alfa Romeo and Mini to share platform and components (ANSA) - Milan, July 8 - Fiat and BMW signed a memorandum of understanding on Tuesday to develop a common platform for future models of their respective Alfa Romeo and Mini marques. The agreement was announced in a joint statement issued in Italy and Germany. Earlier in the day, Fiat CEO Sergio Marchionne said the Turin automaker had struck a new strategic alliance which would be officially announced on Wednesday. However, the two carmakers anticipated their joint press release after news of the deal was leaked to the press. ''This is an important step in our strategy of targeted alliances. We are glad to work with such an esteemed and respected partner with a clear goal of boosting the competitiveness of both partners,'' Marchionne said. According to sources at Fiat, the alliance between the Italian and German automakers will center on developing common platforms and components for Alfa Romeo and Mini models. The agreement also provides for BMW offering Alfa Romeo support for the return of the Italian sports car to the North American market. Last month, Marchionne said Fiat wanted to put Alfa Romeo, as well as the new Fiat 500, on the American market ''as soon as possible''. He added that this implied producing the cars in America because ''it is impossible to build a (standard) car in Europe and then sell it in the US at a profit''. BMW has a plant in the southern state of South Carolina. The German carmaker said in its statement that the development of common platforms and components would allow both carmakers to cut costs. Automotive News Europe magazine named Marchionne their Industry Leader of the Year There are unconfirmed reports that the collaboration will involve the latest evolution of BMW's Mini and Alfa Romeo's new subcompact MiTo, named after the acronym for Milano (Milan) and Torino (Turin) which also means legend. Since dissolving its alliance with General Motors of the United States three years ago, Fiat has sealed over 30 targeted accords around the world with various motor vehicle and component producers. The agreements focus on specific aspects which, aside from platforms and components, also include motors and transmissions as well as market niches. Among Fiat partners are Ford Motor Company of the US, France's PSA (Peugeot- Citroen), Daimler of Germany, Japan's Suzuki, Indian carmaker Tata, Severstal of Russia and Chery Automobile of China. Marchionne's strategy of targeted alliances helped turn Fiat around from a group which was losing $3.7 million a day, when he joined in 2004, to one which now returns a profit and continues to increase its market share. This success was recognized by Automotive News Europe magazine which this week named him their Industry Leader of the Year VITTORIO GRIGOLO AT VENETIAN NIGHT, CHICAGO The Italian tenor Vittorio Grigolo entertained a crowd estimated at 1 million people on the shores of Lake Michigan in Chicago's Millennium Park for Venetian Night on Saturday, July 26, in a tribute to Luciano Pavarotti. Members of the Italian Chamber of Commerce-Midwest met with Grigolo backstage afterwards. The performance, part of the Grant Park Music Festival, was the Chicago debut for the 31 year old operatic star. Page 5

6 ITALIAN STYLE 2008 Italian Style 2008 is a three day Expo showcasing all things Italian. It is organized by the Italian American Chamber of Commerce- Midwest (IACC) with the help of our presenting sponsors CNH Case New Holland, a Fiat Group company and AirOne. The event will take place at Navy Pier in Chicago from Friday, September 19 through Sunday, September 21, The Expo celebrates the excellence of Italian Style and is aimed to promote Italian business, industry and culture. Three of the largest food distributors will be present (Battaglia Distribuiting Co.,Inc., Isola Imports Inc., and Rubinelli-Dell Alpe Inc.), importers and buyers from all over the Midwest, and the best Italian restaurants in Chicago. About 60,000 visitors are expected to come and more than 100 exhibitors have already confirmed their attendance. Among American cities, Chicago evokes the most Italian spirit with a number of Italian restaurants and the manifold fashion boutiques. This city is also the headquarters of a number of Italian multinational companies such as Barilla America, AirOne, CNH Case New Holland and Fiat PowerTrain Technologies. Chicago has the largest trade show space and every year hosts a great deal of exhibitions and conventions. On June 4, 2008, Chicago was named one of four finalists for the 2016 Olympic Games and was declared North America's "City of the Future" 2007/2008 for the best prospects for in- ft. in which to show 16 versions of CNH s Fiat group will have more than 35,000 sq. ward investment, economic development and agricultural and construction equipment, 4 business expansion in the NAFTA region (USA, Ferrari s, 4 Maserati s, various Fiat Power- Canada and Mexico). The city, public institutions Train Technologies engines, a Formula1 and business people are very interested in the simulator and for the first time in North event and are helping to organize it. America the new Alfa Romeo 8C. However Italian Style 2008 presents many In addition, Italian Style 2008 is linked with changes compared to last year s event. For a philanthropic program called Cook Italy. example, the new location at Navy Pier, Festival This program was born to help instill gastronomic education into the minds of young Hall A, has more than 110,000 sq feet of exhibition space and will allow for more viewers to people and give back to the community. For attend the Expo. one whole year, Italian chefs will periodically prepare traditional Italian dishes for Also, there will be 9 meeting rooms in which to the children of the Mercy Home for Boys make presentations, hold business meetings and Girls of Chicago. Nutritionists from and promote commercial trade. Loyola University of Chicago will explain the benefits of the Italian cuisine. To best evoke the Italian spirit, Italian Style 2008 will feature five different categories: Fashion, Furthermore, Cook Italy s program includes Design, Tourism, Food & Wine, and Entertainment. There will be many different activities at Italy, thanks to the contribution of AirOne the initiative of sending 20 people to Rome, the Expo, such as: fashion shows, food and the airline that has just launched a new wine tastings, concerts, seminars, family events direct route Milan-Malpensa to Chicago and much more. The area dedicated to Italian and Loyola University of Chicago for the food and wine is named Piazza Italia. The area use of their campus in Italy, the John Felice dedicated to tourism will be organized with the Rome Center. Italian Government Tourist Board (ENIT) and the International Travel Promotion Council For further information on Italian Style 2008 contact the (ITPC) a tour operator organization that promotes trips to Italy. Italian American Chamber of Commerce-Midwest (IACC) (312) The excellence of Italian style will also be celebrated in the auto and construction or visit industries. Page 6

7 GLI ITALIANI PROMUOVONO L MBA NEGLI STATI UNITI Da Il sole 24 ore. Milano, 9 luglio 2008 Massimiliano Del Barba relazioni esterne di Nova, il network che raggruppa tutti gli italiani (circa 800) che Un investimento che cambia la hanno completato un master negli Stati Uniti vita. consente di raggiungere una serie di obiettivi Frequentare un Mba negli Stati Uniti, cioè un che possono risultare determinanti nell ambito prestigioso Master in Business Administration, del proprio sviluppo professionale e umano. può infatti contribuire in maniera decisiva a Gli Mba vengono organizzati dalle più porre una solida ipoteca sul proprio futuro prestigiose università del mondo. Ciò professionale. garantisce alle Business School docenti esperti e preparati. L organizzazione in classi di piccola dimensione, il costante tutoring effettuato da professori e assistenti e il continuo scambio tra gli studenti consente un apprendimento estremamente rapido e focalizzato sulle implicazioni pratiche dei concetti e degli strumenti di lavoro insegnati. Una strada intrapresa in passato da manager La continua osmosi tra scuole e aziende del calibro di Paolo Scaroni, amministratore prosegue Casertano permette non solo di delegato di Eni, Corrado Passera, Chief applicare alla realtà pratica di business ciò Executive Officer di Intesa San Paolo, e che si è appreso, ma anche di assistere da un Fulvio Conti, amministratore delegato e osservatorio privilegiato ai principali direttore generale di Enel. Strada che cambiamenti, innovazioni e tendenze che si quest anno è stata imboccata da 114 studenti verificano nel mondo economico e politico italiani, tutti under 30, suddivisi fra i migliori internazionale. La vicinanza tra le scuole e gli atenei Usa come Wharton, in Pennsylvania, ambienti di business e la levatura dei Kellogg, nel Northwestern, Harvard, la professori consente agli studenti di acquisire Columbia di New York e il MIT, il un knowledge di frontiera sulle più recenti Massachusetts Institute of Technology di Cambridge. Chi sono? E qual è il loro profilo? Si tratta di innovazioni tecniche, economiche e di pratica laureati in Economia e Ingegneria anche se di business. Chi frequenta un MBA, già nei fra loro c è anche chi ha seguito un percorso primi anni di inserimento in azienda, può di studi umanistico o addirittura la carriera arrivare a ricevere uno stipendio annuo lordo militare che hanno deciso di spendere due che oscilla fra gli 80 e i 120 mila dollari, il che anni all estero con l obiettivo, però, di rientrare permette di ammortizzare in breve tempo i in Italia il prima possibile per mettere a frutto il costi sostenuti durante i due anni di master. bagaglio acquisito in aziende e società, per fare alcuni esempi, come Eni, Enel, Luxottica L iscrizione al biennio di specializzazione in e Piaggio. La partecipazione a un Mba un università americana costa circa 100 mila spiega Stefano Casertano, responsabile dollari, ma esistono almeno tre soluzioni per sostenere la spesa: una borsa di studio finanziata da un azienda che come controparte chiede poi allo studente, una volta concluso il master, di rimanere a disposizione del gruppo per un tempo minimo di almeno due anni; un finanziamento accordato da una banca italiana (Banca Sella, Intesa San Paolo e Banca Marche hanno attivato prodotti specifici per chi desidera frequentare un MBA) ripagabile anche grazie agli stage retribuiti che le scuole garantiscono agli studenti durante i mesi estivi (12 mila dollari lo stipendio mensile lordo medio); un finanziamento offerto da una banca americana, in genere legata da stretti rapporti con l ateneo che si sta frequentando. Chi si iscrive a un master di questo tipo aggiunge Casertano in genere non ha alcun problema a lavorare all estero e a spostarsi. Lo confermano i dati raccolti da Nova: il 70% dei 114 studenti italiani attualmente iscritto a un MBA lavorerà fuori dall Italia. La meta preferita (40% del totale) rimangono gli Stati Uniti, anche se negli ultimi anni si sono inserite nuove mete, come Cina e Brasile, a dimostrazione di quanto le economie emergenti stiano diventando mercati sempre più interessati all acquisizione di nuovi talenti. Le due principali aree settoriali dove i corsisti vengono inseriti sono la consulenza e le banche d affari che, da sole, si dividono equamente il 96% dell offerta. Il rimanente 4% è invece ad appannaggio dell industria. (Continua a pagina 12 ) Page 7

8 PERCHÉ INVESTIRE IN GEORGIA: INCENTIVI E BENEFICI Perché investire in Georgia Manifestare la propria presenza commerciale negli Stati Uniti è fonte di vantaggio competitivo per le aziende che vogliono espandere il proprio business nel Nord America. Lo Stato della Georgia offre alcuni incentivi, previsti dalla legge, e negoziati, che aiutano le imprese a raggiungere i propri obiettivi. La Georgia collabora con le aziende fornendo i pacchetti di incentivi più interessanti commisurati ai diversi progetti. Esenzioni fiscali Macchinari e impianti usati per produzione, controllo dell inquinamento e lavorazione di materiali sono esenti dal pagamento dell imposta sulle vendite, così come le materie prime e i beni immobili. La maggior parte delle contee della Georgia esonera dal pagamento dell imposta locale sulla proprietà dal 20% al 100% delle merci immagazzinate. Finanziamenti L IRB (Industrial Revenue Bond) è una forma di finanziamento a basso tasso di interesse che viene emessa dalle autorità locali per importi da 1 a 10 milioni di dollari per la costruzione di attrezzature industriali. Un altra valida forma di finanziamento, soggetta a tasse, è costituita dall Industrial Development Bond che offre un basso tasso di interesse e un importo massimo di 40 milioni di dollari. Crediti di imposta Le aziende che operano nei settori di produzione, warehousing e distribuzione, telecomunicazioni o ricerca e sviluppo (R&D) possono usufruire di crediti di imposta che vanno dai 750 ai dollari per ciascun nuovo posto di lavoro. L importo del credito dipende dalla condizione economica della contea in cui vengono creati i posti di lavoro. Molte contee collaborano per attirare investimenti mettendo a disposizione ulteriori 500 dollari per ogni credito di imposta erogato. Le aziende che incrementano i traffici commerciali presso i porti della Georgia in modo continuativo per un periodo di 12 mesi hanno diritto ad ulteriori dollari per ciascun credito di imposta. Alle aziende che operano da almeno tre anni nei settori produzione, warehousing e distribuzione, telecomunicazioni o ricerca e sviluppo (R&D) viene concesso un credito di imposta dall 1% al 5% dell importo di investimenti industriali pari o superiori a 5 milioni di dollari. Se invece gli investimenti superano i 5 milioni di dollari, il credito di imposta concesso varia dal 6% al 10%. Manodopera Il programma Quick Start, amministrato dal GDTAE Dipartimento della Georgia per la Formazione Tecnica e Adulta fornisce training flessibili personalizzati grazie a una rete di istituti tecnici, diversi campus satelliti e quattro università associate. Il programma ICAPP Intellectual Capital Partnership Program offre invece assistenza per trovare personale in grado di soddisfare le esigenze degli imprenditori, istituendo corsi accelerati su misura in università pubbliche e private. Altre informazioni Talvolta le comunità locali possono ridurre i costi di avviamento migliorando sostanzialmente l infrastruttura e installando servizi. In alcuni casi offrono anche edifici e aree industriali a prezzi vantaggiosi. Inoltre, in Georgia vi sono tre zone extradoganali (Atlanta, Savannah e Brunswick) in cui le merci possono essere immagazzinate, lavorate o assemblate senza formali controlli doganali, dazi o accise; tali beni sono anche esenti dall imposta di proprietà. Infine il programma Facilitech sviluppato da Georgia Tech, una delle più prestigiose università di ingegneria della nazione, offre consulenze gratuite e supporto per attrezzature industriali, progettazione di pavimentazioni e ingegneria. Per maggiori informazioni visita il sito internet Page 8

9 PASSERÀ. DAVVERO! In questi giorni, spesso accade che diverse aziende italiane e professionisti italiani richiedano le previsioni della nostra Camera sull'andamento dell'economia statunitense. Per rispondere a queste domande, abbiamo cominciato a includere nel nostro bollettino osservazioni del Dott. Adolfo Laurenti, Senior Economist presso Mesirow Financial di Chicago. Inoltre abbiamo ritenuto utile inserire in questo bollettino due "editorials" del Chicago Tribune, che offrono una prospettiva importante e di attualità. Chicago Tribune July 21, 2008 In un periodo di siccità, talvolta, è difficile credere che prima o poi ricomincierà a piovere. Due persone che si innamorano non possono mai immaginare che si stancheranno l una dell altro. Gli esseri umani talvolta fanno fatica a tenere a mente che molte cose nella vita sono effimere. Tale tendenza non è mai tanto vera come in economia. Nel 1999, Starbucks aveva circa punti vendita negli Stati Uniti. Cinque anni dopo, ne aveva più di I dirigenti dell azienda potevano pensare che anche il cavallo più veloce alla fine non avrebbe più galoppato? No. Nel 2004 l azienda ha pianificato di raddoppiare il numero dei nuovi punti vendita. Oggi Starbucks sta riducendo i propri progetti di espansione e chiudendo 600 punti vendita molti dei quali inaugurati solo nell ultimo biennio. I produttori di automobili, mietendo grossi profitti grazie ai grandi autocarri e ai Suv, hanno continuato ad aumentare la produzione credendo che il basso costo del carburante fosse permanente come la Gibilterra. Quando il petrolio ha superato la soglia di 100 dollari al barile ed è continuato a salire, essi si sono ricreduti. Anche la Toyota, un tempo considerata infallibile, ha annunciato che cesserà temporaneamente la propria capacità produttiva in due stabilimenti di produzione e ne modificherà un altro per assemblare le auto Prius Hybrid a motore elettrico e a basso impatto ambientale. Il trend espansivo è finito, sia per tali aziende sia altrove vittime della perdita dei valori domestici, dell innalzamento dei prezzi e dell instabilità economica. Ma gli Americani non hanno apparentemente appreso la lezione che i trend non durano per sempre. Hanno, invece, bruscamente dedotto che quando siamo in un periodo di ribasso, lo saremo per sempre. Magari non proprio in eterno, ma almeno per un futuro immediato, se non oltre. Dall ultimo sondaggio della Reuters e dell Università del Michigan sulle opinioni dei consumatori è risultato che due terzi di tutti i consumatori si aspettano una depressione economica che durerà per molti anni a venire. Molti anni? Ciò equivale a confondere un eclisse di sole con l inizio della notte. Sin dalla Seconda Guerra Mondiale, l espansione economica media è durata 57 mesi. La contrazione media si è conclusa in 10. Sin dalla Grande Depressione non vi è stata una crisi che durasse più di due anni. Negli ultimi decenni i politici hanno appreso molto per ciò che concerne l economia. Neppure le piccole mode possono essere eterne. È opinione diffusa che il caropetrolio si manterrà e le piccole auto saranno il futuro. Ma si era giunti alla medesima conclusione anche nei primi anni Ottanta, quando il petrolio ha raggiunto il record di allora di 40 dollari al barile. Alcuni anni dopo, il prezzo era sotto gli 11 dollari, e l era della Chevrolet Suburban era alle porte. Impossibile pensare a cosa possa accadere in futuro. Le economie attraversano continuamente cicli e i mercati si evolvono di giorno in giorno. Questo è un buon motivo per i cittadini per non esaltarsi nei periodi rosei e non deprimersi nei periodi neri. Meglio tenere a mente la storia dell uomo saggio il quale, dopo che gli fu chiesto di sintetizzare tutta la saggezza umana in quattro parole, rispose: This, too, shall pass ( Anche questo passerà ). Page 9

10 IL FALSO ALLARME DELL INFLAZIONE Chicago Tribune July 21, 2008 dollari venerdì scorso. Il prezzo della benzina si è abbassato di quasi un cent per gallone. Il È passato tanto tempo da quando dollaro è stabile sin da marzo. La Federal gli Reserve ha comunicato che dopo mesi in cui ha Americani hanno avuto motivo di cercato di evitare una recessione, può ora preoccuparsi per l inflazione, ma ciò sta alzare i tassi di interesse. L altro giorno il avvenendo anche adesso, e non c è da Presidente Ben Bernanke ha annunciato al un aumento dell inflazione generale. E ciò stupirsi. Nell ultimo anno il prezzo del petrolio Congresso: l inflazione è troppo alta ed è di sarebbe immediatamente evidente nel è raddoppiato, il prezzo del grano ha quasi massima priorità per la Federal Reserve tasso di inflazione sottostante. raggiunto un record storico e il dollaro è adottare una politica che condurrà l inflazione ad Ciò non è provato. Attualmente, il tasso di debole in Europa. La scorsa settimana si è un livello accettabile, coerentemente con la inflazione sottostante è più alto del 2% verificato un altro evento sconcertante: a stabilità dei prezzi. giugno l indice dei prezzi al consumo (CPI) è rispetto al limite massimo stabilito dalla Fed, ma non così tanto più alto da salito dell 1,1%, il secondo maggiore Ciò non dovrebbe essere troppo difficile. Il procurare una maggiore preoccupazione. incremento dal Complessivamente, il prezzo dell energia, dal momento che è Questo piccolo rialzo è semplicemente il CPI è il 5% più alto rispetto a un anno fa. notoriamente volatile, può falsare fortemente le prezzo che paghiamo per gli sforzi di percezioni sull inflazione. Due terzi dell aumento Bernanke di preservare le agitazioni nei di giugno è, infatti, da attribuire ai costi della mercati del credito dallo spingere benzina. l economia oltre i limiti. Gli Americani che hanno vissuto negli anni Il tasso di inflazione sottostante, che esclude Settanta ricordano l aumento esponenziale cibo ed energia perché molto variabili di mese in dei prezzi che ha indebolito il potere Presidente Ben Bernanke mese, è rimasto modesto. A giugno è salito d acquisto dei propri stipendi. dello 0,3%, stabilendosi al 2,4% in più rispetto al Fortunatamente, anche Bernanke ha Questa è la cattiva notizia. E la buona? livello dello stesso periodo dell anno precedente. vissuto in quegli anni e mostra una L inflazione non è così negativa come le determinazione a non essere ricordato testate giornalistiche fanno credere e, Nel lungo termine, l inflazione sottostante è una come il Presidente della Fed che non ha scongiurando gli anni Settanta, non c è guida per il futuro più realistica di quanto lo sia saputo tenere sotto controllo l inflazione. ragione di temere che si verifichi la stessa l indice dei prezzi al consumo. Le condizioni Può non sembrare così ma, finora, sta situazione. instabili di taluni mercati possono contribuire ad avendo successo. Una ragione sta nel fatto che la maggior parte innalzare alle stelle il costo del petrolio o del degli indicatori più preoccupanti non sono i grano anche quando la moneta è forte. Ma solo più allarmanti. Il petrolio, che ha raggiunto i una crescita monetaria eccessiva può produrre 147 dollari al barile, ha chiuso sotto i 129 TENNIS CAMP LIZZANO IN BELVEDERE PER GIOVANI AMERICANI E ITALIANI Il Tennis Club Lizzano propone un'avventura nello sport e nella natura avvalendosi di uno staff tecnico e di animazione di grande professionalità. Le attività praticate durante la settimana sono tennis, nuoto, basket, pallavolo, pesca, mountain bike, atletica, calcetto, ping pong, passeggiate a cavallo, beach tennis, badminton. Gli allievi sono ospitati presso l'hotel Everest, situato in Via Madonna Dell'Acero 91, La Cà Lizzano in Belvedere (BO). Per maggiori informazioni visita il sito internet Page 10

11 ITALIAN STYLE 2008 Italian Style 2008 è il salone espositivo di tre giorni che celebra il Made in Italy a Chicago. Organizzato dall'italian American Chamber of Commerce Midwest (IACC), l'evento avrà luogo nella struttura fieristica Navy Pier di Chicago dal 19 al 21 settembre Italian Style è sponsorizzato da CNH - Case New Holland, una compagnia del Gruppo Fiat - e AirOne. Il festival dell'eccellenza dello stile italiano è rivolto ad un pubblico di alto profilo interessato ai prodotti italiani e ospiterà i maggiori distributori, importatori e buyers del Midwest, i migliori ristoranti italiani e gli acquirenti delle più importanti catene della grande distribuzione e delle piccole catene di delicatessen statunitensi. I visitatori stimati per questa edizione sono circa e gli espositori confermati sono oltre 100 e rappresentano l'essenza della cultura e dello stile di vita italiano. Gli scopi dell'expo sono, infatti, l educazione del popolo americano alla cultura italiana e l implementazione del networking commerciale tra Italia e Usa. Tra le città americane, Chicago è quella che evoca maggiormente l'italianità, con i suoi numerosi ristoranti italiani e le molteplici boutique di alta moda delle maggiori firme. La città è, inoltre, la sede di numerose multinazionali italiane quali Barilla America, AirOne, CNH Case New Holland e Fiat PowerTrain Technologies, e possiede la più ampia superficie fieristica degli Stati Uniti, ospitando ogni anno il maggior numero di fiere e convegni al mondo. Scelta dal Comitato Olimpico come unica città degli USA candidata ad ospitare le Olimpiadi del 2016 e dichiarata dal Financial Times Città del futuro del Nord America per il suo potenziale economico e di sviluppo, Chicago si dichiara pronta ad accogliere la sfida di Italian Style Il Comune, le istituzioni pubbliche e il mondo imprenditoriale locale hanno dimostrato grande interesse e garantito la piena disponibilità per un evento di successo. Molte sono le novità di Italian Style 2008 rispetto alla precedente edizione, a cominciare dalla nuova sala al Navy Pier, la Festival Hall A, che offre oltre m² di spazio espositivo. Saranno inoltre disponibili 9 sale private in cui condurre presentazioni e meeting d'affari e favorire scambi commerciali B2B con i produttori italiani. L'evocazione dello stile di vita italiano viene declinata attraverso quattro principali aspetti Moda, Design, Turismo, Enogastronomia ai quali si affiancano numerose iniziative culturali realizzate ad hoc: sfilate di moda, degustazioni, spettacoli, concerti, seminari e altro ancora. Una peculiarità di Italian Style 2008 è rappresentata da Piazza Italia, area della mostra dedicata all'enogastronomia italiana che si rivolge al mondo agroalimentare come punto di incontro tra imprese italiane e buyers americani. Il padiglione del turismo sarà organizzato in collaborazione con l Ente Nazionale Italiano del Turismo (ENIT) e l'italian Travel Promotion Council (ITPC) un'associazione di tour operator che organizzano viaggi in Italia. Il gruppo FIAT avrà a disposizione un'area di circa m² in cui verranno esposte 16 macchine agricole di CNH, 4 Ferrari, 4 Maserati, vari motori di Fiat Power Train Technologies, un simulatore di Formula 1 e per la prima volta nel mercato nord americano la nuova Alfa Romeo 8C. Italian Style 2008 è abbinato ad un programma filantropico denominato Cook Italy. Tale programma si propone di diffondere l'educazione alimentare a ragazzi disagiati. Chef italiani prepareranno periodicamente nell arco di un anno delle pietanze tipiche per i ragazzi del Mercy Home for Boys and Girls di Chicago e nutrizionisti della Loyola University spiegheranno i benefici della cucina italiana. Il programma dell'iniziativa prevede inoltre di offrire un viaggio a Roma a 20 ragazzi della Mercy Home, grazie alla collaborazione di AirOne che ha da poco inaugurato la tratta Milano Malpensa-Chicago e della Loyola University of Chicago. Per maggiori informazioni su Italian Style 2008 contatta IACC al numero (312) o visita il sito internet Page 11

12 PER BREMBO USA SEDE IN MICHIGAN Giovanni Vegezzi Milano Il Michigan conquista Brembo. All insegna dello shopping fiscale, lo stato Americano si è aggiudicato, dopo una gara che ha coinvolto anche North Carolina e Messico, la nuova sede delle attività di Brembo North America. Ieri l impresa e il governatore Jennifer M. Granholm hanno annunciato che l azienda riunirà in un quartier generale a Homer (Michigan), le direzioni tecniche e commerciali che prima erano distribuite in vari Stati americani. In questa competizione per aggiudicarsi la sede dell azienda, il Michigan ha vinto con l offerta migliore: lo Stato ha concesso a Brembo un credito fiscale, valutato 3,5 milioni di dollari in circa 10 anni. Hanno dato inoltre il loro contributo i comuni sul cui territorio è previsto l ampliamento produttivo degli stabilimenti Brembo. Le città di Albion e Novi hanno previsto un abbattimento fiscale da 1,8 milioni di dollari, oltre a promettere 18 milla dollari in detrazioni sui costi di costruzione e a concedere un iter di approvazione rapido per i nuovi impianti da realizzare. Un aiuto importante arriverà anche dalla Michigan Economic Growth Authority: l agenzia per lo sviluppo economico fornirà assistenza per la formazione professionale ai dipendenti dell azienda, offrendo corsi per un valore di 500 mila dollari, all interno del programma Economic Development Job Training. La riunificazione delle sedi e l ampliamento degli stabilimenti produttivi continuano il processo di espansione dell impresa di impianti frenanti nel mercato statunitense. Brembo ha acquistato nel novembre dello scorso anno la divisione freni di Hayes Lemmerz, un azienda che produce dischi freno e tamburi per il mercato nord americano. L azienda italiana ha rilevato così il controllo di due stabilimenti produttivi, uno a Homer (Michigan), dove adesso sorgerà anche il nuovo quartier generale di Brembo North America, e l altro a Apodaca, nello stato messicano del Nuevo León. Proprio il Messico era stato considerato come possibile sede per riunire tutte le attività di Brembo nell America settentrionale, ma alla fine l azienda ha preferito il Michigan. Nella scelta, oltre ai vantaggi fiscali offerti, è stata valutata positivamente anche la vicinanza della capitale americana dell auto, Detroit. In qualità di azienda del Michigan, Brembo avrà facoltà di accedere a fornitori, clienti e forza lavoro tecnologicamente preparata, ha dichiarato l amministratore delegato e presidente della Michigan Economic Growth Authority James C. Epolito. Brembo, il cui titolo in Piazza Affari ha chiuso ieri in calo dell 1,37% a 6,87 euro, incrementa così la sua presenza sui mercati del Nafta, l area di libero scambio che include Canada, Stati Uniti e Messico. Un area importante, dove il gruppo realizza il 12,3% del suo fatturato, e dove l anno scorso il gruppo italiano ha fatto registrare vendite per 113 milioni di euro. (Continua da pagina 7) Rispetto al 2007 si nota un calo di studenti che decidono di tornare in Italia, la cui percentuale è appunto passata dal 44% al 30%: Si viene addestrati per comandare grandi strutture spiegano da Nova e di solito si viene iscritti come quadri avanzati nella gestione di una divisione aziendale o di un singolo progetto. Il problema è che l Italia è la patria delle piccole e medie imprese, strutture dove, evidentemente, i nostri profili faticano a essere impiegati. Tuttavia, guardando al futuro, le prospettive di impiego in Italia si stanno allargando. Se è ancora carente la domanda di profili da inserire nell ambito finanziario e del private equity, territorio di dominio incontrastato di Usa e Gran Bretagna, la ricerca di Nova indica come la tendenza stia rapidamente cambiando, segno della ritrovata concorrenzialità del nostro Paese: Si lavora all estero per cinque, dieci anni, per poi tornare in Italia dove si accede senza particolari difficoltà a un impiego ben retribuito, con buone possibilità di mobilità e, soprattutto, a tempo indeterminato. Page 12

13 'CERVELLI IN FUGA' Davide Bonicelli: Un giovane reggiano fra i grattacieli di Chicago Da Il Resto del Carlino. 15 luglio 2008 Reggio Emilia, 15 luglio Chicago, la più grande città dell entroterra statunitense, la terza metropoli del Paese a stelle e strisce. Sulle rive del lago Michigan, Chicago è entrata prepotentemente nell immaginario collettivo per i tanti film e telefilm, E.R. su tutti, che Hollywood ha ambientato all ombra dei suoi grattacieli. Sotto e dentro i quali, fra milioni di anime, vive e lavora anche un ragazzo reggiano. Davide Bonicelli, 27 anni, famiglia abitante in città, fa l ingegnere informatico per una società di consulenza locale e ci ha raccontato la sua storia. «Lavoro ci spiega il giovane professionista per la RedMane Technology, una società di consulenza informatica composta da una cinquantina di consulenti. E stata fondata nel 2001 da un gruppo di manager esperti nella consulenza aziendale». Di cosa si occupa la sua società esattamente? «La RedMane progetta e sviluppa sistemi informatici per società ed enti privati e pubblici, oltre a offrire servizi di problem solving. Personalmente mi occupo del design tecnico e dello sviluppo dei sistemi che realizziamo per i nostri clienti nel settore privato. In sostanza, insieme ad altri colleghi analizzo i requisiti e le specifiche dei sistemi da realizzare, progetto soluzioni software e ne seguo lo sviluppo». Come si trova lì a Chicago? Che ambiente di lavoro le offre quella metropoli? «Qui c è un ambiente di lavoro davvero piacevole, un ambiente in cui le persone vengono davvero valorizzate in base alle loro capacità, e questo non è un luogo comune. La filosofia aziendale è basata su un estrema attenzione per la persona e sul desiderio di creare un atmosfera che sia la più familiare possibile. Un clima così attento alla persona, poi, si riflette positivamente anche sul rapporto con i colleghi, che provengono da ogni parte del mondo e con molti dei quali ho già stretto rapporti d'amicizia che si estendono anche al di fuori dell'ufficio». Un atmosfera molto rilassata, mi pare di capire «Si lo è, cosa che personalmente apprezzo molto. C è in RedMane un estrema informalità tra i colleghi. Questo, unitamente alla ridotte dimensioni della società, mi permette di essere in stretto contatto con i vertici aziendali e con professionisti dalla grande esperienza, senza filtri burocratici o di tipo organizzativo. Posso così imparare sempre cose nuove e presentare le mie idee con estrema libertà. Certo, capita a volte di dover lavorare fino a tardi, ma qui è chiaro a tutti, e ad ogni livello aziendale, che il lavoro non deve mai prevaricare sulla vita privata delle persone». Davide, che studi ha intrapreso prima di questa avventura americana? «Mi sono diplomato al liceo scientifico Moro, seguendo il piano nazionale per l'informatica. Poi l università: mi sono iscritto al Politecnico di Milano alla Facoltà di Ingegneria Informatica. Lì ho ottenuto la laurea di primo livello e poi la laurea specialistica nel 2006». E a Chicago come ci è arrivato? Che tipo di percorso ha seguito? «Durante gli studi della laurea specialistica ho preso parte a un programma di doppia laurea con la University of Illinois at Chicago (UIC), dove ho trascorso un intero anno studiando e lavorando come assistente di ricerca. In questo modo nel 2006 ho anche ottenuto un master in Computer Science». Che differenze ha trovato fra i due sistemi educativi, il nostro e quello d oltreoceano? «Una grande differenza è quella a livello di risorse per ogni studente. Mentre in Italia si frequentano spesso corsi affollati da centinaia di studenti, negli Stati Uniti capita invece di trovarsi in classi composte da dieci-venti persone. Questo favorisce moltissimo il rapporto personale con il docente che, a sua volta, è facilitato nell'insegnamento. Poi qui in America, anche a livello di master, allo studente sono spesso assegnati compiti a casa, come alle superiori, o progetti settimanali. Lo studente è quindi forzato a seguire tutte le lezioni e deve stare al passo con il programma svolto, ma fa solitamente più fatica a maturare un proprio metodo di studio. Non posso invece fare un paragone tra il mondo del lavoro italiano e quello americano, poiché il mio primo e attuale impiego è stato negli Usa». (Continua a pagina seguente) Page 13

14 (segue) E il lavoro stabile come è arrivato? «Dopo la laurea in Italia, nell aprile del 2006, sono tornato per tre mesi alla UIC per discutere la tesi di master. Prima di partire per gli Stati Uniti avevo già deciso di cercare lavoro a Chicago, sia per la positiva esperienza fatta a livello umano nell'anno che avevo passato lì a studiare, sia per la bellezza e il fascino della città. Ho utilizzato quindi i servizi di collocamento offerti dalla UIC, e anche internet, per mandare il mio curriculum alle società che operano nell'ambito della consulenza informatica». Si è dato molto da fare, insomma... «Si, molto. Questo mi ha offerto la possibilità di fare diversi colloqui di lavoro con alcune società di Chicago e, telefonicamente anche con aziende di altre città degli Stati Uniti. Alla fine di questo iter, prima di rientrare in Italia, ho deciso di accettare la proposta di lavoro che mi è stata fatta da RedMane». C è un aspetto della società americana che non le piace, e che si sente di criticare? «Un aspetto che ritengo negativo dell Università americana, e più in generale di un po tutta la società statunitense, è quella spinta fortissima all'individualismo e alla competizione che qui si ritrova in ogni contesto. Tra le cause di questa mentalità c è sicuramente il metodo usato nella valutazione degli alunni. Ho trovato sempre molto difficoltoso studiare con altri studenti durante il mio master alla University of Illinois, mentre in Italia, al Politecnico, ho sempre avuto un gruppo di amici con cui condividere la fatica dello studio». E cosa invece abbiamo da imparare noi italiani dagli Usa? «Una cosa che noi italiani dovremmo proprio imparare dal sistema americano è dare vita a una relazione forte tra mondo universitario e quello dell impresa. Negli Stati Uniti, quasi tutti i progetti di ricerca sono finanziati da aziende private, che usano poi i risultati di questi studi per creare innovazione e di conseguenza realizzare anche del profitto. In Italia, come sappiamo, c è ancora troppo poca interazione tra università e imprese. Anzi, chi prosegue gli studi fino a ottenere un dottorato di ricerca, in Italia rischia addirittura di essere penalizzato nel momento dell ingresso in un azienda. Questo è assurdo e controproducente». VESPA RADDOPPIA NEGLI USA E PIAGGIO VOLA A PIAZZA AFFARI Dal Corriere della sera. 18 luglio 2008 Ferrari Giacomo Dopo una seduta tutta al rialzo, alla fine ha chiuso con un progresso del 13,53%. Con questo exploit la Piaggio si allontana dai minimi, anche se rispetto all'inizio dell'anno la quotazione risulta ancora in calo di oltre il 50%. A far volare ieri il titolo della società guidata da Roberto Colaninno sono stati i dati di vendita negli Usa del suo prodotto di punta, la Vespa. Nello scorso mese di maggio, infatti, sono stati venduti oltre scooter, il doppio rispetto allo stesso periodo del Non solo: i venditori dicono di non riuscire a stare al passo con le richieste dei clienti. A causa dell'impennata dei prezzi del carburante, la società italiana ha incrementato del 146% le vendite a giugno negli Usa e chiuderà il 2008 con un fatturato record, anche se il trend non potrà proseguire a questi ritmi con l'arrivo della cattiva stagione. L'impennata del prezzo della benzina ha spinto gli americani a lasciare le auto in garage e a spostarsi, specialmente in città, con lo scooter. Preferendo la mitica Vespa. Page 14

15 CAPITALE? MILANO BATTE ROMA CHICAGO si posiziona al 5 posto, MILANO al 20 e ROMA al 47 Dal Corriere della sera. 21 luglio 2008 Corinna De Cesare È ventesima nella classifica mondiale delle metropoli. Supera l'avversaria (47mo posto) anche per vivibilità Il 2008 non sembra proprio essere l'anno di Roma capitale. E non c'entra niente l'allarme lanciato dal sindaco Gianni Alemanno e dalla nuova giunta di centrodestra sul «buco» e l'emergenza bilancio, né la norma salva-capitale o i debiti in essere. A sottolineare i problemi di Roma è il Worldwide Centers of Commerce Index 2008, la ricerca che ogni anno MasterCard svolge per identificare gli hub dell'economia globale. Secondo lo studio, che ha esaminato 75 capitali nel mondo, Londra rimane la città più importante dell'economia e Roma si posiziona al 47esimo posto, perdendo quattro posizioni rispetto al 2007 e piazzandosi dietro Lisbona, Tel Aviv, Dubai, Barcellona. Fa molto meglio Milano che sale al ventesimo gradino davanti a importanti centri come Boston, Berlino, Shangai e San Francisco. Flussi finanziari, facilità d'impresa, vivibilità e contesto politico legale, alcuni degli indicatori presi in considerazione per l'analisi sviluppata da un gruppo di economisti, sociologi ed esperti di discipline legate ai contesti urbani e diretto da Michael Goldberg, consulente per l'economia e il governo in Canada, Stati Uniti e professore in 50 diverse università. Tra il panel di studiosi anche il direttore del National Economic Research Institute Fan Gang, Peter Taylor e Maurice D.Levi. La classifica, che ha utilizzato 43 indici e 74 sottoindici per arrivare alla definizione di un punteggio complessivo per ogni città, dimostra che il 40% delle prime 25 città identificate come poli commerciali globali sono europee. Tra queste però non figura la Roma «caput mundi». Va ancora peggio se ci si sofferma all'analisi relativa solo al Vecchio Continente: la capitale è ferma al 21esimo posto su 28 città europee. E la situazione non migliora se si confrontano i risultati dello studio del 2007: se Milano quest'anno ha guadagnato cinque posizioni realizzando una delle performance più rilevanti insieme a Madrid, Roma è scesa di quattro gradini. «Il capoluogo lombardo batte la capitale su flussi finanziari, qualità dei servizi bancari e facilità d'impresa spiega Paolo Battiston, direttore generale MasterCard Italia e Grecia ma anche per le attività economiche supportate dal sistema di trasporti e per la qualità della vita». Solo su un indicatore Roma ha la meglio: quello legato alla conoscenza e al flusso di informazioni che si basa sull'alta concentrazione di università, scuole di business administration e istituzioni di ricerca. «Sono classifiche opinabili commenta Stefano Manzocchi, ordinario di economia internazionale alla Luiss ma sono studi che vanno tenuti in grande considerazione perché ci dicono molto della percezione delle nostre città all'estero». «Certo spiega il professore Milano ha un vantaggio storico, è la nostra piazza finanziaria e l'unica Banca di Roma, per fare un esempio, è appena entrata in un gruppo europeo come Unicredit. Ma sono diversi i fattori che purtroppo penalizzano la capitale: manca un sistema di infrastrutture adeguato, c'è una scarsa capacità di progettazione e poi più in generale si ha la cattiva abitudine di investire solo in occasione di grandi eventi, come il Giubileo». Con il rischio che alla fine tutto si sgonfi come una bolla di sapone. Le complicazioni della macchina burocratica, poi, provocano frizioni che allontanano le imprese estere che decidono di investire altrove. «Non tutte le capitali hanno un ruolo di supremazia spiega però Lanfranco Senn, professore di economia regionale e urbana alla Bocconi guardiamo lo stato di New York ad esempio, la capitale, Albany, è una città che molti di noi non hanno mai sentito nemmeno nominare. Stessa cosa per Berna che nonostante tutto non è né Zurigo né Ginevra». Non c'è da preoccuparsi insomma, secondo Senn, se Roma si piazza dietro Vienna (26esima), Amburgo (33esima) o Dubai (44esima). Fa un certo effetto invece vedere sia la capitale che Milano fanalino di coda nella formazione universitaria. «Solo Budapest, Atene, Lisbona e Praga sono dietro di noi per la creazione di cervelli» puntualizza Paolo Battiston. Nell'analisi, dopo la pole position di Londra, seguono New York e Tokyo come principali centri di business. «Un podio» uguale a quello del In Europa invece a parte Londra (1a posizione) e Madrid (5a) che sale anche a livello globale all'undicesimo posto grazie alla stabilità del Pil, il tasso di cambio e l'elevato standard di vita, mostrano un certo dinamismo Parigi, Francoforte e Amsterdam. Ruolo crescente per i Paesi dell'est: «Praga, Budapest, Mosca, ogni variazione positiva è molto significativa spiega Lanfranco Senn. Ma anche quello di Milano è un gran bel risultato, senza considerare che l'expo sarà un potenziale di miglioramento molto forte». Se infatti l'anno prossimo il capoluogo lombardo potrebbe retrocedere nella classifica a causa del ridimensionamento di Malpensa, il bilanciamento potrebbe arrivare grazie all'expo. Si prevede un afflusso di circa 29 milioni di visitatori, 70 mila nuovi posti di lavoro e un investimento che, compreso l'indotto, viene valutato in 20 miliardi di euro con una forte prevalenza nel settore immobiliare. Top Ten Centers of Commerce in the World Page 15

16 ALFA: 300 MILA AUTO Alfa MiTo in vendita da luglio a partire da euro di Andrea Malan Quando l'alfa Romeo tornerà a fare utili? «Quando arriverà a 300 mila vetture». E come ci arriverà? «Con un contributo importante dalle mila MiTo che contiamo di vendere a regime». L'importanza del lancio della nuova piccola Alfa Romeo, presentata ieri a Milano nella cornice del Castello Sforzesco, è anche in questo scambio tra i giornalisti e Sergio Marchionne, amministratore delegato del gruppo Fiat, e Luca De Meo, responsabile della marca del Biscione. Ottantamila Mito per riportare l'alfa Romeo ai fasti di un tempo. La nuova piccola Alfa rappresenta ha sottolineato De Meo «la prima e più importante tappa verso il rilancio del marchio, con lo sbarco in una fascia il cosiddetto segmento B in cui non siamo mai stati presenti». Ma è anche un modo per «tornare a interpretare fedelmente un copione che viene da grandi scrittori del passato». Il tutto, come ha detto il Presidente Fiat Luca Cordero di Montezemolo, si inquadra nella strategia del gruppo Fiat che «punta ad un ritorno alle origini, con una focalizzazione sui vari marchi sulla loro identità e il loro posizionamento su segmenti diversi». Per quanto riguarda la MiTo, l'obiettivo è di far sì che l'alfa torni a piacere agli "alfisti". De Meo e il direttore tecnico Harald Wester (in video) si sono soffermati sui principali contenuti tecnici del nuovo modello dai nuovi ammortizzatori per garantire una maggiore rigidità, alla parte elettronica, ai motori che daranno alla MiTo una personalità distinta dalla grande Punto, con cui condivide la piattaforma. La presentazione a Milano luogo di nascita dell'alfa alla presenza dei vertici del gruppo al gran completo (compresi Gianluigi Gabetti e John Elkann) è un modo, secondo De Meo per «ricomporre idealmente lo strappo di qualche anno fa». Tra qualche mese verrà presentato il nuovo polo di Arese, che comprenderà un punto vendita simile al Mirafiori Motor Village, il Museo rinnovato e il Centro stile. Nessuna intenzione, però, di riportare la produzione ad Arese; la MiTo, che ha visto un investimento di 350 milioni di euro, verrà prodotta a Mirafiori. De Meo ha indicato che delle mila vetture previste, l'obiettivo è di collocarne il 50% in Italia e il resto all'estero. L'avvio delle vendite è previsto sul nostro mercato a fine giugno, in Europa a fine luglio, con il decollo in termini di volumi a settembre. Due versioni di motorizzazione: un diesel 1.6 da 120CV, un turbo benzina 1.4 da 155CV e un benzina 1.4 "depotenziato" a 78CV per la Junior, destinata ai neopatentati. Prezzi a partire da euro per la Junior e da per la Progression a benzina. «Un'auto perfetta anche per il mercato americano» ha detto ieri sera Montezemolo. Marchionne ha confermato ieri che proseguono i contatti per vendere e produrre le Alfa negli Usa. Una mossa di cui però non è ancora stata decisa la data; in ogni caso, tenuto conto anche del ritorno negli Usa, l'amministratore delegato ha detto che «quello di trecentomila vetture l'anno per Alfa Romeo non è un numero eccezionale, considerando la sfilza di prodotti che abbiamo in cantiere». De Meo ha confermato ieri l'erede della 147 per fine 2009, e per il resto ha detto che «nei prossimi tre anni avremo più modelli nuovi che negli ultimi dieci». Per quanto riguarda l'italia, la Mito arriva sul mercato in un momento che si conferma difficilissimo: «Il mercato a giugno è stato disastroso così come nel mese di maggio, anche a causa dell'impatto negativo dello sciopero dell'autotrasporto» ha affermato Marchionne. Quest'ultimo ha però confermato: «per quello che so oggi» i target «sia per il secondo trimestre che per l'intero 2008 sono stabili». C'è il rischio di chiusura stabilimenti? «Speriamo di evitarlo, anche se - ha precisato Marchionne - di fronte a un nuovo sciopero degli autotrasportatori non abbiamo scelta. Non possiamo farci niente, perché non abbiamo lo spazio per portare via le vetture prodotte». Page 16

17 ITALIAN AMERICAN CHAMBER OF COMMERCE - MIDWEST BECOME A MEMBER OF THE CHAMBER IN THIS EXCITING YEAR One hundred years of service to the Italian and Italian American communities Networking opportunities with top managers of Italian companies and U.S. companies doing business with and within Italy Close collaboration with all Italian Government agencies Partnership and collaboration with Midwest states, local governments and Italian organizations Official representatives for U.S. of Unioncamere del Veneto and the Chamber of Commerce of Siena Trade missions, trade shows, seminars, partner research, business opportunities OUR PARTNERS Assocamerestero Unioncamere del Veneto Camera di Commercio di Genova State of Illinois Camera di Commercio di Siena Camera di Commercio di Padova International Trade Club of Chicago World Business Chicago Iowa Department of Economic Development Regione Sicilia SPONSORED BY Italian American Chamber of Commerce-Midwest Part of Assocamerestero, the Association of Italian Chambers of Commerce in the World 500 N. Michigan Ave. Suite 506 Chicago, IL Phone: (312) Fax: (312) Page 17

Le vie sicure dell Export

Le vie sicure dell Export la RIVISTA Euler Hermes Italia Editoriale/Editorial Le vie sicure dell Export A safe way to export Michele Pignotti Per chi opera dentro l economia reale è sempre più difficile non provare un senso di



2007 / 12 # 02 NUMERO SPECIALE BY INNOVATION DAY SPECIAL ISSUE BY INNOVATION DAY Registrazione del Tribunale di Milano n 375 del 12/06/2007 2007 / 12 # 02 Enrico Rainero & Partners Editore NUMERO SPECIALE BY INNOVATION DAY SPECIAL ISSUE BY INNOVATION DAY PROFESSIONE PROFESSION La competitività



LAVIOSA MINERALS _AR 2013 ANNUAL REPORT 2013 ANNUAL REPORT 2013 LAVIOSA MINERALS _AR 2013 ANNUAL REPORT 2013 LAVIOSA MINERALS _AR 2013 3 5 Intervista al Presidente - Interview with the Chairman 14 Visione, Missione e Valori - Vision, Mission and


Oltre i confini nazionali

Oltre i confini nazionali Rivista di Pelliconi & C. SpA - Copia gratuita Magazine by Pelliconi & C. SpA - Complimentary copy FOCUS Oltre i confini nazionali Beyond Our National Borders 1 PERSONE Una partnership Made in Italy A



EUROPA: FEMMINILE PLURALE EUROPA: FEMMINILE PLURALE Women on Board in Italia e in Europa 9.12.2014 Parlamento europeo Evento organizzato da Alessia Mosca, MEP - coautrice della legge italiana n. 120/2011 -


Anno XVII - novembre 2012 la RIVISTA SPECIALE

Anno XVII - novembre 2012 la RIVISTA SPECIALE Anno XVII - novembre 2012 la RIVISTA 55 SPECIALE Editoriale/Editorial Un numero speciale per raccontare l Italia che cresce Da anni diamo voce alle imprese che investono sul futuro.


Global. Nel 2009, dopo oltre tre. Capitali coraggiosi Courageous Capitals

Global. Nel 2009, dopo oltre tre. Capitali coraggiosi Courageous Capitals 4 Global Grandi aziende familiari. Un antico modello di organizzazione per il nuovo capitalismo del futuro. Coincidenza di interessi di proprietari, dirigenti e dipendenti, maggiori opportunità di creatività


Dossier Unione Europea Studi e Ricerche

Dossier Unione Europea Studi e Ricerche Dossier Unione Europea Studi e Ricerche Rassegna di Economia e Finanza Territoriale Pubblicazione di SRM Reg. Trib. Napoli n. 84 del 16 settembre 2003 IL DOSSIER UE è una rivista icritta all USPI (Unione


Business World Food Magazine

Business World Food Magazine Business World Food Magazine ISTITUZIONALI MULTIPRODOTTO LATTIERO CASEARIO CARNI E SALUMI HO.RE.CA. SURGELATI DOLCIARIO BTOBIO Supplemento a Mixer Luglio-Agosto 2012 n. 247-248 >> 02 Luglio / July 2012


ingegneri, non gli unici, che nel mondo accademico e nell industria,

ingegneri, non gli unici, che nel mondo accademico e nell industria, Notiziario dell Associazione ex allievi della Facoltà di Ingegneria dell Università di Pisa Supplemento de Il rintocco del Campano, rassegna periodica dell Associazione Laureati Ateneo Pisano sommario


Desidero iniziare questo

Desidero iniziare questo 4 La nuova era dellaglobal globalizzazione, ovvero l appiattimento e l allargamento dell arena mondiale: il terreno di gioco è stato pareggiato e il nuovo atout competitivo è rappresentato dal capitale


Prof. Andrea Sironi Rettore dell Università Bocconi

Prof. Andrea Sironi Rettore dell Università Bocconi Autorità, Signor Presidente, Vicepresidente e signori Consiglieri dell Università Bocconi, Magnifici Rettori, Colleghi, Dirigenti, Personale amministrativo, Studenti e Laureati Bocconi, Signore e Signori,


EIB group. Strong response to crisis

EIB group. Strong response to crisis ...dal 1986 SETTIMANALE g 1,00 - ESTERO g 2,00 ANNO XXVIII - N. 8-2014 LUNEDI 24 FEBBRAIO 2014 RICICLaggIO di denaro Le misure Ue per una migliore tracciabilità Il mercato della droga,


a.a. 2011-2012, 19^ edizione DESTINAZIONI, IMPRESE E PROFESSIONI. L evoluzione vista dal Master

a.a. 2011-2012, 19^ edizione DESTINAZIONI, IMPRESE E PROFESSIONI. L evoluzione vista dal Master a.a. 2011-2012, 19^ edizione DESTINAZIONI, IMPRESE E PROFESSIONI. L evoluzione vista dal Master QUADERNI di Economia e Gestione del Turismo Registrazione Tribunale di Treviso n. 2638/2009 v.g., 129 R.S.



YEARBOOK OF ITALIAN REAL ESTATE 5th Ed. YEARBOOK OF ITALIAN REAL ESTATE Funds, Siiq, Companies and Law Firms 2014 monitorimmobiliare I T A L I A N R E A L E S T AT E N E W S.IT ANNUARIO 2014 Giornalisti Associati Srl


Carriere in Banca e Finanza

Carriere in Banca e Finanza Carriere in Banca e Finanza Il migliore strumento per la ricerca del lavoro in banca, finanza e amministrazione 2007-08 One choice we won't put on your career path. Ernst & Young è leader mondiale nei


magazine Focus Alta Formazione mercurius

magazine Focus Alta Formazione mercurius Anno 7 / N 1 Marzo 2012 magazine mercurius Mercurius Magazine Testata registrata al Tribunale di Torino il 16/09/05 al n 5906. 1 a copia Direttore Responsabile Franco De Rosa Mensile per laureati


WEBZINE UN AUGURIO SPECIALE. Knowledge Community House. Anno 2 numero 14 Novembre 2010

WEBZINE UN AUGURIO SPECIALE. Knowledge Community House. Anno 2 numero 14 Novembre 2010 Knowledge Community House Anno 2 numero 14 Novembre 2010 WEBZINE UN AUGURIO SPECIALE Carissimi, ci stiamo lasciando alle spalle il 2010. Si è trattato, forse, di un anno importante e difficile. Sicuramente,


GIA. Italian and English FREE

GIA. Italian and English FREE Giornale Italo Americano June ( 6 ) Giugno GIA Italian and English FREE Italian American Journal Edition XXIII 2013 Servicing: New York, New Jersey, Pennsylvania, Connecticut, Long Island, Florida, California,



POSITIVITÀ, PROFESSIONALITÀ, PASSIONE WWW.SNEWSONLINE.COM Gennaio - Febbraio 2013 3 4 Gennaio - Febbraio 2013 WWW.SNEWSONLINE.COM Editoriale POSITIVITÀ, PROFESSIONALITÀ, PASSIONE I niziare il nuovo anno con in copertina il trentennale di un


Dicembre December 2013. Anno Year I. Blue. Welcome on board. Business Units 6 for one. Cavagna Group and Siraga. Reca Type 46

Dicembre December 2013. Anno Year I. Blue. Welcome on board. Business Units 6 for one. Cavagna Group and Siraga. Reca Type 46 01 Anno Year I Dicembre December 2013 C A V A G N A G R O U P M A G A Z I N E Welcome on board Business Units 6 for one Cavagna Group and Siraga Reca Type 46 4 In primo piano Front page 6 forone: Cavagna


magazine mercurius Enti di formazione presenti nel Focus:

magazine mercurius Enti di formazione presenti nel Focus: Anno 6 / N 1 Marzo 2011 magazine mercurius Mercurius Magazine Testata registrata al Tribunale di Torino il 16/09/05 al n 5906. 1 a copia Direttore Responsabile Franco De Rosa Mensile per laureati


USI Career Service USI& CARRIERE 2013. 7-8 March 13

USI Career Service USI& CARRIERE 2013. 7-8 March 13 USI Career Service USI& CARRIERE 2013 7-8 March 13 USI&Carriere Il progetto USI&Carriere, giunto alla sua 7 a edizione, nasce nell ottica di sviluppare e consolidare la collaborazione tra l università


Global. La New Economy. La guerra dei talenti The War for Talent Intervista a Roger Abravanel* Interview with Roger Abravanel*

Global. La New Economy. La guerra dei talenti The War for Talent Intervista a Roger Abravanel* Interview with Roger Abravanel* 4 Global La New Economy ha rappresentato una vera e propria rivoluzione nelle strategie e nei valori delle imprese. Cambia il business, cambiano mercati e consumatori e cambiano i modelli di governo dell


.it MIAMI DESIGN DISTRICT INTERVIEW ITALY-FLORIDA MISSION MISSION NANOTECH. italian trade. Culture and Italian Style in the Heart of Miami

.it MIAMI DESIGN DISTRICT INTERVIEW ITALY-FLORIDA MISSION MISSION NANOTECH. italian trade. Culture and Italian Style in the Heart of Miami .it March 2005 - Vol.2 No. 1 A periodic publication from the Italy-America Chamber of Commerce, Southeast in cooperation with MIAMI DESIGN DISTRICT Culture and Italian Style in the Heart of Miami INTERVIEW


di risoluzione e agli strumenti di risoluzione, compreso il bailin

di risoluzione e agli strumenti di risoluzione, compreso il bailin In occasione del Semestre di Presidenza italiana Tribuna Economica pubblicherà il "Rapporto Italia". Tutte le informazioni sul "Rapporto" nel nostro sito 1986 SETTIMANALE


Gli incubatori universitari University Incubators

Gli incubatori universitari University Incubators Giuseppe Serazzi Gli incubatori universitari University Incubators Storia Già nei primi anni 60 erano sorte strutture, dette incubatori, tese a facilitare la nascita e lo sviluppo di nuove imprese che


luglio - settembre 2005 - anno undicesimo july-september 2005 eleventh year

luglio - settembre 2005 - anno undicesimo july-september 2005 eleventh year Trimestrale di informazioni del settore delle pietre naturali edito dall Associazione Costruttori Italiani Macchine Marmo ed Affini Information Quarterly about the natural stones industry published by



magazine BAGNO E ACCESSORI APRILE MAGGIO 2009 IL SOLE 24 ORE BUSINESS MEDIA SRL - ISSN 0392-2723 Contiene I.P. e I.R. 235 BAGNO E ACCESSORI Il Sole 24 ORE Business Media Srl Sede operativa Via Granarolo 175/3 48018 Faenza (Ra) Anno XXXV 235 Aprile - Maggio 2009 Bimestrale 6.20 ISSN 0392-2723 APRILE MAGGIO 2009 IL SOLE

Dettagli big data il futuro è intelligente Newsletter del Anno 10 n 27 - dicembre 2014 big data il futuro è intelligente Newsletter del Anno 10 n 27 - dicembre 2014 Newsletter del Anno 10 n 27 - dicembre 2014 big data il futuro è intelligente sommario/summary 3 7 13 19 25 31 conoscenza 2.0, una straordinaria oppurtunità knowledge of 2.0, an extraordinary