Offerta formativa 2009/2010 Corso di laurea Ingegneria Informatica TP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Offerta formativa 2009/2010 Corso di laurea Ingegneria Informatica TP"

Transcript

1 Offerta formativa 2009/2010 Corso di laurea Ingegneria Informatica TP Dipartimento Tecnologie Innovative, Informatica TP (2009/2010), OFFERTE FORMATIVA, v 0,

2 Elenco dei moduli in offerta formativa Ingegneria Informatica TP Codice Anno Titolo ECTS M Progetto semestrale 6 M Progetto di diploma 14 M Analisi e algebra lineare 3 5 M Metodi matematici per l ingegnere 6 M Fisica e modellistica 6 M Matematica di base e analisi 9 M Matematica discreta e algebra lineare 9 M Matematica numerica 6 M Fisica 6 M Fisica 4 M Algoritmi numerici 6 M Algebra lineare, matematica discreta e logica 9 M Basi di dati 5 M Algoritmi e strutture dati 6 M Programmazione a eventi e concorrente 6 M Sistemi e ambienti 4 M Sistemi operativi 4 M Ingegneria del software 4 M Grafica computerizzata 4 M Architetture e sistemi software di rete 1 8 M Architetture e sistemi software di rete 2 6 M Telematica 5 M Fondamenti di informatica 11 M Sviluppo software 7 M Basi di dati e ambienti operativi 7 M Fondamenti di informatica 10 M Architettura dei calcolatori 6 M Programmazione microcontrollori 3 M Tecnica digitale e architetture di calcolo 6 M Elettronica 4 M Meccatronica 1 8 M Meccatronica 2 6 M Inglese B2 6 M Tedesco B2 6 M Comunicazione 2 2 M Comunicazione 3 M Economia aziendale 5 M Programmazione orientata agli oggetti 4 M Algoritmi e ottimizzazione 5 2

3 M Progetto semestrale - Responsabile del modulo: Delegato al corso di laurea - Semestre: Quinto - Crediti ECTS: 6 Corso No. Lezioni Progetto Lavoro autonomo Progetto semestrale C TOTALE Imparare ad affrontare e risolvere problemi di competenza dell'ingegnere nell ambito di un progetto strutturato - Applicare le conoscenze professionali e le tecniche di progettazione - Esercitare le tecniche di documentazione e di presentazione Corsi di laurea Elettronica e Informatica - Aver acquisito un numero minimo di 90 crediti nei moduli riconosciuti per il corso di laurea Corso di laurea Tecnologie delle macchine - Aver acquisito un numero minimo di 90 crediti nei moduli riconosciuti per il corso di laurea Valutazione sufficiente nel modulo - Esercitazioni di costruzione (M09010) (Criterio e Peso) Svolgimento fasi di progetto Comprensione dei compiti, pianificazione 1 Analisi dei requisiti e definizione delle specifiche (funzioni, prestazioni, vincoli) 1 Design, definizione modalità realizzative 2 Realizzazione 2 Integrazione, test e validazione 2 Metodo di lavoro Creatività, iniziativa, autonomia esecutiva 1 Ricerca, analisi, valutazione e scelta solutioni 1 Sistematicità, ordine 1 Comunicazione nel gruppo / con i relatori 1 Risultati Coincidenza prodotto con il quaderno dei compiti 2 Presentazione orale Struttura, chiarezza, essenzialità 2 Documentazione scritta Struttura del documento 1 Completezza e esattezza del contenuto 1 Espressione e stile 1 Riassunto (abstract) 1 Progetto semestrale C Attività pratica di progettazione, sviluppo, documentazione e presentazione 3

4 M Progetto di diploma - Responsabile del modulo: Delegato al corso di laurea - Semestre: Sesto - Crediti ECTS: 14 Corso No. Progetto Esercitazioni Lavoro autonomo Progetto di diploma C TOTALE Esercitare lo sviluppo e la realizzazione di un progetto di competenza dell ingegnere. - Esercitare le attività di documentazione e di esposizione inerenti a un progetto. Osservazioni - L accento principale viene posto sul metodo con cui si affronta un progetto nelle sue fasi caratteristiche. - I temi affrontati fanno riferimento in generale alle opzioni scelte Corsi di laurea Informatica (TP) - Aver acquisito un numero minimo di 120 crediti nei moduli riconosciuti per il corso di laurea Corsi di laurea di Elettronica (TP) - Aver acquisito un numero minimo di 110 crediti nei moduli riconosciuti per il corso di laurea Corso di laurea Tecnologie delle macchine - Avere acquisito un numero minimo di 122 crediti nei moduli riconosciuti per il corso di laurea, lingue escluse. - Avere superato tutti i moduli erogati nei primi quattro semestri del CdL, lingue escluse. - Avere ottenuto una valutazione superiore o uguale a Fx nei moduli terminati al quinto semestre. - Avere ottenuto una valutazione sufficiente nel modulo Progetto di semestre (M00001) Valutazione sufficiente nel modulo - Progetto di semestre (M00001o M00003) (Criterio/Peso) Svolgimento fasi di progetto Comprensione dei compiti, pianificazione 1 Analisi prerequisiti, definizione delle funzioni, delle prestazioni e dei vincoli 1 Design, definizione modalità realizzative 2 Realizzazione 2 Integrazione, test e validazione 2 Metodo di lavoro Creatività, iniziativa, autonomia esecutiva 1 Ricerca, analisi, valutazione e scelta soluzioni 1 Sistematicità, ordine 1 Comunicazione nel gruppo / con i relatori 1 Risultati Coincidenza prodotto con il quaderno dei compiti 2 Presentazione orale Struttura, chiarezza, essenzialità 2 Documentazione scritta Struttura del documento 1 Completezza e esattezza del contenuto 1 Espressione e stile 1 Riassunto (abstract) 1 Progetto di diploma C Contenuti dei corsi - Attività pratica di progettazione assistita 4

5 M Analisi e algebra lineare 2 - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Terzo - Crediti ECTS: 5 Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Analisi 2 C Algebra lineare 2 C TOTALE Trattare in modo approfondito i temi fondamentali del calcolo infinitesimale e le sue applicazioni - Sviluppare la capacitä di affrontare problemi complessi tramite l analisi matematica - Acquisire solide basi del calcolo matriciale e comprendere le possibili applicazioni dell algebra lineare - Affinare l approccio algebrico a problemi geometrici e sviluppare la visione spaziale Specificati nelle direttive DTI per l attribuzioni dei crediti ECTS - Un test scritto in Analisi - Due test scritti in Algebra lineare - Esame scritto in Analisi Analisi 2 C Applicazioni del calcolo integrale - Equazioni differenziali - Funzioni a più variabili Algebra lineare 2 C Autovalori e autovettori - Applicazioni degli autovalori - Norme matriciali - Coordinate omogenee. 5

6 M Metodi matematici per l ingegnere - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Terzo e Quarto - Crediti ECTS: 6 Corso No. Lezioni 3 sem 4 sem Esercitazioni 3 sem 4 sem Lavoro autonomo Analisi dei segnali C Probabilità e statistica C Dinamica e stabilità C TOTALE Apprendere metodi matematici che trovano forte applicazione in determinati rami della tecnica - Studiare i fondamenti di probabilità e statistica necessari per comprendere alcune loro applicazioni nella tecnica - Studiare le trasformate integrali applicandole alla teoria dei segnali - Saper modellare, analizzare e comprendere il comportamento di sistemi dinamici Specificati nelle direttive DTI per l attribuzione dei crediti ECTS - Tre test scritti in Analisi dei segnali - Un test scritto in Probabilità e statistica - Esame scritto in Dinamica e stabilità e Probabilità e statistica Analisi dei segnali C Contenuti dei corsi - Serie di Fourier - Trasformate integrali - Trasformate discrete - Applicazioni delle trasformate all analisi dei segnali Probabilità e statistica C Contenuti dei corsi - Ripetizione teoria insiemi e calcolo combinatorio - Eventi, spazio campionario, probabilità - Probabilità condizionata - Statistica descrittiva: indici di posizione e misure di dispersione - Correlazione - Distribuzioni di probabilità - Applicazioni pratiche. Dinamica e stabilità C Contenuti dei corsi - Sistemi dinamici, stato, linearità e tempo-invarianza, rappresentazioni varie: equazioni differenziali, rappresentazioni di stato, funzioni di trasferimento, soluzioni nel tempo, modi, poli - Equilibrio e traiettoria - Stabilità, stabilità asintotica, instabilità - Controllo ad anello aperto, controllo ad anello chiuso - Controllori polinomiali - Sistemi non lineari, approssimazioni lineari, nonlinearità inverse - Sistemi discreti nel tempo e relative rappresentazioni 6

7 M Fisica e modellistica - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Terzo, Quarto - Crediti ECTS: 6 Corso No. Lezioni 3 sem 4 sem Esercitazioni 3 sem 4 sem Lavoro autonomo Fisica e modellistica C TOTALE Conoscere i fenomeni fisici fondamentali e le loro applicazioni tecniche più importanti - Comprendere i metodi di descrizione matematica della realtà - Approfondire il metodo sperimentale esercitando l osservazione, la misura, la descrizione matematica e la simulazione di fenomeni fisici - Imparare a eseguire misure, acquisire e elaborare dati, valutare gli errori di misura e determinarne l'influenza sui risultati - Esercitare le tecniche di presentazione scritta e orale dell attività svolta e dei risultati raggiunti durante un esercitazione di laboratorio - Specificati nelle direttive DTI per l attribuzione dei crediti - Due test scritti - Valutazione delle esercitazioni di laboratorio - Esame scritto Fisica e modellistica C Contenuti dei corsi - Complementi di elettrostatica - Fenomeni magnetici - Ottica geometrica - Teoria delle onde: interferenza e diffrazione - Polarizzazione Esercitazioni di laboratorio: - Esperimenti nei campi della o Termica o Meccanica o Elettricità o Ottica e onde di laboratorio 7

8 M Matematica discreta e algebra lineare - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Primo e Secondo - Crediti ECTS: 9 Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Matematica discreta C Algebra lineare 1 C TOTALE Conoscere ed essere in grado di applicare i principali concetti di logica, teoria dei grafi, calcolo vettoriale e matriciale - Essere in grado di rappresentare e risolvere problemi geometrici tramite concetti algebrici - Sviluppare il pensiero scientifico tramite la logica e l astrazione - Essere in grado di applicare gli strumenti appresi nella risoluzione di semplici problemi ingegneristici Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza in matematica previsti per la maturità professionale tecnica - Tre test scritti in Matematica discreta - Tre test scritti in Algebra lineare Matematica discreta C Contenuti dei corsi - Insiemi e relazioni - Algebra di Boole - Calcolo combinatorio - Teoria dei grafi e algoritmi - Aritmetica delle congruenze Algebra lineare 1 C Contenuti dei corsi - Calcolo vettoriale - Approfondimenti di trigonometria - Prodotto scalare, vettoriale e misto - Geometria analitica - Matrici - Applicazioni lineari e trasformazioni geometriche - Determinanti. 8

9 M Fisica - Responsabile del modulo: Giorgio Salvadè - Semestre: Primo e Secondo - Crediti ECTS: 6 Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Fisica C TOTALE Conoscere i fenomeni fisici fondamentali e le loro applicazioni tecniche più importanti - Comprendere i metodi di descrizione matematica della realtà Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza in matematica previsti per la maturità professionale tecnica - Quattro test scritti Fisica C Proprietà termiche della materia - Leggi dei gas - Calorimetria - Conduzione e irraggiamento - Passaggi di stato - Cinematica - Principi della dinamica - Moti a più dimensioni - Gravitazione ed elettrostatica - Lavoro ed energia - Quantità di moto. 9

10 M Matematica numerica - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Primo e Secondo - Crediti ECTS: 6 Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Matematica numerica C TOTALE Apprendere il corretto impiego di strumenti di calcolo algebrico e numerico - Conoscere i fondamenti delle moderne tecniche di calcolo numerico Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza in matematica previsti per la maturità professionale tecnica - Quattro test scritti Matematica numerica C Rappresentazioni dei numeri interi e reali nei calcolatori - Operazioni aritmetiche - Metodi di soluzione delle equazioni non lineari - Metodi di risoluzione dei sistemi lineari - Metodi di interpolazione - Metodi di integrazione. 10

11 M Fisica - Responsabile del modulo: Giorgio Salvadé - Semestre: Primo e Secondo - Crediti ECTS: 4 Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Fisica C TOTALE Conoscere i fenomeni fisici fondamentali - Comprendere i metodi di descrizione matematica della realtà Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza in matematica previsti per la maturità professionale tecnica - Quattro test scritti Fisica C Cinematica a una dimensione - Principi della dinamica - Forza d attrito - Moto armonico - Moti a più dimensioni - Lancio e moto circolare - Gravitazione - Lavoro ed energia - Quantità di moto. 11

12 M Algoritmi numerici - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Primo e Secondo - Crediti ECTS: 6 Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Algoritmi numerici C TOTALE Conoscere i fondamenti delle moderne tecniche di calcolo numerico - Conoscere i principali metodi del calcolo numerico ed essere in grado di applicarli a problemi ingegneristici - Apprendere il corretto impiego di strumenti di calcolo numerico - Esercitare la scrittura e il test di algoritmi numerici Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza in matematica previsti per la maturità professionale tecnica - Quattro test scritti Algoritmi numerici C Rappresentazioni dei numeri interi e reali nei calcolatori - Operazioni aritmetiche - Metodi di soluzione delle equazioni non lineari - Metodi di risoluzione dei sistemi lineari - Metodi di interpolazione - Metodi di integrazione. 12

13 M Algebra lineare 1, matematica discreta e logica - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Primo e Secondo - Crediti ECTS: 9 Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Algebra lineare 1 C Matematica discreta e logica C Esercitazioni E TOTALE Conoscere ed essere in grado di applicare i principali concetti di logica, teoria dei grafi, calcolo vettoriale e matriciale - Essere in grado di rappresentare e risolvere problemi geometrici tramite concetti algebrici - Sviluppare il pensiero scientifico tramite la logica e l astrazione - Essere in grado di applicare gli strumenti appresi nella risoluzione di semplici problemi ingegneristici Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza in matematica previsti per la maturità professionale tecnica - Tre test scritti in Matematica discreta - Tre test scritti in Algebra lineare Algebra lineare 1 C Contenuti dei corsi - Calcolo vettoriale - Approfondimenti di trigonometria - Prodotto scalare, vettoriale e misto - Geometria analitica - Matrici - Applicazioni lineari e trasformazioni geometriche - Determinanti. Matematica discreta e logica C Contenuti dei corsi - Insiemi e relazioni - Algebra di Boole - Calcolo combinatorio - Teoria dei grafi e algoritmi - Aritmetica delle congruenze 13

14 M Basi di dati - Responsabile del modulo: Renato Pamini - Semestre: Primo, Secondo - Crediti ECTS: 5 Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Basi di dati C TOTALE Capire i metodi di progettazione di una base di dati - Esercitare lo sviluppo di basi di dati di complessità crescente Frequenza in parallelo o prima del modulo - Fondamenti di informatica (M02026) - Tre test scritti - Valutazione delle esercitazioni Basi di dati C Progettazione di una base di dati - progettazione concettuale: modello entità-relazione - progettazione logica: modello relazionale e normalizzazione - progettazione fisica - Vincoli di integrità - Il linguaggio SQL - definizione dei dati (DDL) - interrogazioni e manipolazioni dei dati (DML) - Indici integrate 14

15 M P Algoritmi e strutture dati - Responsabile del modulo: Carlo Spinedi - Semestre: Terzo - Crediti ECTS: 6 Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Algoritmi e strutture dati C P 2 1 TOTALE Capire gli algoritmi classici e le strutture dati associate usati nei diversi campi dell informatica - Analizzare ed elaborare algoritmi di complessità crescente - Esaminare e valutare algoritmi in base a diversi criteri - Programmare e testare algoritmi Specificati nelle direttive DTI per l attribuzione dei crediti ECTS. Inoltre, frequenza in parallelo o prima del modulo - Sviluppo software (M02027P). - Due test scritti - Valutazione delle esercitazioni svolte - Esame orale Algoritmi e strutture dati C P - Algoritmi di ordinamento e di ricerca - Algoritmi con strutture dati dinamiche: liste e alberi - Algoritmi di compressione - Spline non interpolanti - Metodi di risoluzione numerica per le equazioni differenziali ordinarie - Programmazione e test di algoritmi - Studio individuale con materiale di riferimento 15

16 M Programmazione a eventi parallela e concorrente - Responsabile del modulo: Renato Pamini - Semestre: Quarto - Crediti ECTS: 6 Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Programmazione a eventi, parallela e concorrente C TOTALE Capire i principi su cui si basa la programmazione a eventi, parallela e concorrente - Conoscere le possibilità offerte dai sistemi operativi di applicare le tecniche di programmazione a eventi, parallela e concorrente - Applicare i concetti durante lo sviluppo di programmi applicativi Specificati nelle direttive DTI per l attribuzione dei crediti ECTS. Inoltre, frequenza in parallelo o prima dei moduli - Algoritmi e strutture dati (M02006) - Sviluppo software (M02027) - Un test scritto - Valutazione delle esercitazioni svolte - Esame orale Programmazione a eventi, parallela e concorrente C Concetti di programmazione a eventi sincrona e asincrona, parallela e concorrente - Programmazione a eventi sincrona applicata alle GUI (graphics user interface): ambienti a finestre e oggetti grafici - Programmazione a eventi asincrona - Programmazione parallela e concorrente con thread - Sviluppo di un programma a eventi 16

17 M Sistemi e ambienti - Responsabile del modulo: Renato Pamini - Semestre: Terzo - Crediti ECTS: 4 Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Sistemi di gestione di dati C Ambienti operativi C TOTALE Esercitare l uso di sistemi e di ambienti operativi - Conoscere ed esercitare le tecniche di amministrazione e di ottimizzazione delle banche dati Specificati nelle direttive DTI per l attribuzione dei crediti ECTS. - Un test scritto in Sistemi di gestione dati - Un test scritto in Ambienti operativi - Valutazione delle esercitazioni svolte - Esame scritto Sistemi di gestione di dati C Architettura di un DBMS (Database Management System): componenti e funzionalità interne - Progettazione fisica avanzata - Indici e query processing - Transazioni, concorrenza e consistenza - Sicurezza in un DBMS - Sistemi distribuiti e paralleli - Accesso a un database: embedded SQL, ODBC Ambienti operativi C Introduzione ai linguaggi di scripting (Perl): tipi di variabili, strutture di controllo, subroutines, espressioni regolari - Studio di strumenti inerenti allo sviluppo e al test di programmi in ambiente UNIX: make, debuggers, profilers, cvs, librerie statiche e condivise - Introduzione all uso di UNIX e all ambiente Posix: introduzione all architettura UNIX, tipi di file, link, permissions, file system, comandi principali, shell, variabili d ambiente, shellscripts - Programmazione di sistema: I/O da file 17

18 M Sistemi operativi - Responsabile del modulo: Renato Pamini - Semestre: Quinto - Crediti ECTS: 4 Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Sistemi operativi C TOTALE Conoscere ed esercitare le tecniche di comunicazione fra processi e dispositivi periferici in un sistema operativo - Conoscere ed esercitare le tecniche di controllo, di sincronizzazione e di comunicazione per i processi all interno di un sistema operativo - Conoscere alcune tecniche di comunicazione fra sistemi connessi in rete - Capire la struttura e il funzionamento di alcune componenti del sistema operativo - Approfondire l architettura e i principi di funzionamento del nocciolo di uno dei sistema operativi più diffusi Valutazione superiore o uguale FX nel modulo - Sistemi e ambienti (M02009) - Programmazione a eventi e concorrente (M02008) - Telematica (M06001 o M02021) - Un test scritto - Valutazione delle esercitazioni svolte - Esame orale Sistemi operativi C Programmazione di sistema: tecniche di input/output e di gestione dei processi - Comunicazione fra sistemi: socket e remote procedure call - File system: struttura interna e confronti - Architettura di un sistema operativo e funzionamento di un kernel 18

19 M Ingegneria del software - Responsabile del modulo: Renato Pamini - Semestre: Quinto, Sesto - Crediti ECTS: 4 Corso No. Lezioni 5 sem 6 sem Esercitazioni 5 sem 6 sem Lavoro autonomo Ingegneria del software C TOTALE Sviluppare la capacità di pianificazione e di analisi strutturata e a oggetti - Imparare ad affrontare progetti di complessità crescente con particolare attenzione alla loro gestione in team Valutazione superiore o uguale FX nel modulo - Sviluppo software (M02027) - Un test scritto - Valutazione delle esercitazioni svolte - Esame orale Ingegneria del software C Lo sviluppo del software: linguaggio di specifica e specifiche algebriche - Pianificazione di progetti software - Tecniche di test, collaudo e controllo - Gestione della produzione del software - Strumenti e ambienti di sviluppo - Il progetto (moduli, infomation hiding, notazioni trattamento dei malfunzionamenti, tecniche top-down e bottom-up) 19

20 M Grafica computerizzata - Responsabile del modulo: Carlo Spinedi - Semestre: Sesto - Crediti ECTS: 4 Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Grafica computerizzata C TOTALE Capire i principi su cui si basano le rappresentazioni grafiche a due e a tre dimensioni - Apprendere un linguaggio specifico per la grafica computerizzata - Conoscere i principali tecniche di rappresentazione e di riproduzione dei colori nell informatica - Conoscere le principali tecniche di memorizzazione delle informazioni grafiche - Applicare le conoscerenze acquisite sviluppando programmi Valutazione superiore o uguale FX nei moduli - Analisi e Algebra lineare 2 (M01005) - Algoritmi e strutture dati (M02006) - Sviluppo software (M02027) - Un test scritto - Valutazione delle esercitazioni svolte - Esame orale Grafica computerizzata C Trasformazioni geometriche e prospettiche - Studio di un linguaggio per la programmazione grafica - Spazi colorimetrici e riproduzione dei colori - Formati grafici 20

21 M Architetture e sistemi software di rete 1 - Responsabile del modulo: Roberto Mastropietro - Semestre: Quinto - Tipo di modulo: Opzionale - Crediti ECTS: 8 Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Fondamenti di sicurezza C Architetture orientate al Web C Sistemi informativi C Gestione avanzata dei dati C TOTALE Capire i fondamenti su cui si basano le tecniche di comunicazione sicura - Conoscere i principi su cui si basa la sicurezza dei sistemi - Capire le architetture di sistemi distribuiti nel Web - Capire i principi su cui si basano i sistemi distribuiti - Progettare e realizzare applicazioni in rete - Acquisire conoscenze, concetti, tecniche relative a metodi, strumenti, tecnologie ed architetture relative ai sistemi informativi - Apprendere ad eseguire l analisi e la progettazione di un sistema informativo - Acquisire conoscenze, concetti, tecniche relative a metodi, strumenti, tecnologie ed architetture per la gestione avanzata dei dati - Apprendere ad eseguire l analisi e la progettazione di soluzioni avanzate per la gestione dei dati Valutazione superiore o uguale FX nei moduli - Telematica (M06001 o M02021) - Sviluppo software (M02027) - Programmazione a eventi, parallela e concorrente (M02008) - Un test scritto in ognuno dei quattro corsi - Valutazione dell attività di laboratorio - Esame orale Fondamenti di sicurezza C Unità 1 - Concetti di base: chiavi pubbliche e private, firma digitale, integrità del messaggio, autenticazione, certificati - Basi di crittografia: crittosistemi simmetrici e asimmetrici Unità 2 - Protocolli di comunicazione sicura: IPSEC - Gli standard più diffusi - Permessi di accesso ai sistemi e agli oggetti contenuti - Tecniche di auditing Architetture orientate al Web C Architetture WEB e Application Server - Architetture a più livelli (2-tier, 3-tier ed n-tier) - Linguaggi standard per il WEB: HTML, XHTML, CSS - Tecnologie XML Sistemi informativi C Introduzione ai sistemi informativi: tipologie, processi, architetture - Metodologie di analisi: analisi di aree applicative, analisi dei dati, analisi dei processi, analisi costi e benefici - Architettura di un sistema informativo - Ingegneria dei processi aziendali e sistemi informativi Webbased Gestione avanzata dei dati C Progettazione e realizzazione di Data Warehouse - Database ad oggetti - Database object-relational 21

22 M Architetture e sistemi software di rete 2 - Responsabile del modulo: Roberto Mastropietro - Semestre: Sesto - Tipo di modulo: Opzionale - Crediti ECTS: 6 Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Tecnologie e gestione di comunicazione sicura C Architetture avanzate e ambienti eterogenei C Applicazioni distribuite C Interfacce utenti C TOTALE Conoscere le principali tecniche necessarie per garantire una comunicazione sicura - Imparare ad operare con le tecniche di comunicazione sicura - Conoscere le tecnologie hardware e software disponibili per costruire infrastrutture complesse per i sistemi informativi - Conoscere e comprendere le problematiche inerenti all'integrazione e la gestione di ambienti eterogenei - Imparare ad analizzare ambienti complessi e ad utilizzare le tecnologie opportune per progettare soluzioni efficaci - Conoscere i principi su cui si basa la programmazione a oggetti distribuiti - Apprendere le tecnologie attuali per la progettazione e la realizzazione di applicazioni in rete - Esercitare tecniche di programmazione per applicazioni distribuite - Capire i principi generali che caratterizzano l interazione degli utenti attraverso le interfacce grafiche - Conoscere metodi e tecniche per progettare interfacce utenti caratterizzati da buona usabilità e realizzare esempi pratici Frequenza in parallelo o prima del modulo - Architetture e sistemi software di rete 1 (M02013) - Un test scritto in ognuno dei quattro corsi - Valutazione dell attività di laboratorio - Esame orale Tecnologie e gestione di comunicazione sicura C Architetture avanzate e ambienti eterogenei C I sistemi e i protocolli di autenticazione - Single Sign On - Sistemi e applicazioni multi-server con autenticazione centralizzata - Identity Management - Esercitazioni di laboratorio - Architetture avanzate di storage: SAN, NAS, IP storage - Architetture per high-availability: clustering e disaster recovery - Condivisione di risorse tra sistemi eterogenei: file sharing, single signon - Frameworks per la gestione integrata di ambienti eterogenei - Sistemi di messaging per sistemi informativi distribuiti Applicazioni distribuite C Sistemi distribuiti - Architetture SOA - Web-Services, SOAP, WSDL e altri standard - Cenni su Sistemi Multi Agenti - Sviluppo di un applicazione distribuita Interfacce utenti C Fondamenti delle interfacce grafiche interattive - Relazioni tra interfaccia utente e usabilità dei sistemi - Metodologie e strumenti per il disegno delle interfacce utente - Le componenti di una interfaccia interattiva grafica (semantica) - Strumenti per la realizzazione di una interfaccia utente 22

23 M Telematica - Responsabile del modulo: Renato Pamini - Semestre: Quarto - Crediti ECTS: 5 Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Telematica C TOTALE Capire i principi su cui si basano le reti telematiche - Analizzare problemi tipici inerenti alla realizzazione e al funzionamento di reti telematiche - Acquisire dimestichezza a istallare e configurare apparecchiature di rete e a configurare le componenti di comunicazione dei sistemi Specificati nelle direttive DTI per l attribuzione dei crediti ECTS. : - Un test scritto - Valutazione delle esercitazioni di laboratorio svolte - Esame orale Telematica C Il modello di riferimento OSI (funzioni, servizi e protocolli) - ll livello fisico (mezzi di trasmissione, cablaggio, modulazioni, detezione e correzione errori, standard) - Il livello di data link (servizi e protocolli, standard per LAN e WAN) - Il livello di rete (istradamento, protocolli, caratteristiche del protocollo IP) - Il livello di trasporto (protocolli e servizi) - Reti telefoniche (caratteristiche funzionali, particolarità nazionali) - Studi di caso Esercitazioni di laboratorio - Cablaggi e tecnologie di interconnessione - Misure e analisi di protocolli - Configurazione di sistemi su reti locali - Configurazione di modem analogici e digitali - Servizi e protocolli basati su IPv4 - Segmentazione di reti e istradamento (configurazione e test) - Servizi di rete - Monitoraggio e filtraggio del traffico - Introduzione alle reti wireless di laboratorio 23

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome/i nome/i Castelli Flavio Email flavio.castelli@gmail.com Sito web personale http://www.flavio.castelli.name Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS Integrazione Ecad Mcad Ecad - MENTOR GRAPHICS MENTOR GRAPHICS - PADS La crescente complessità del mercato della progettazione elettronica impone l esigenza di realizzare prodotti di dimensioni sempre più

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI. Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione. Struttura ricorsiva della soluzione.

IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI. Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione. Struttura ricorsiva della soluzione. IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione Cenni storici Filtro di Kalman e filtro di Wiener Formulazione del problema Struttura ricorsiva della soluzione

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Esercizi per il recupero del debito formativo:

Esercizi per il recupero del debito formativo: ANNO SCOLASTICO 2005/2006 CLASSE 3 ISC Esercizi per il recupero del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la matrice delle transizioni di stato degli automi a stati finiti che rappresentano

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli