AutomationView. LabVIEW 6.1 consente misure su Web. ni.com. Inserto all interno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AutomationView. LabVIEW 6.1 consente misure su Web. ni.com. Inserto all interno"

Transcript

1 Notiziario tecnico di National Instruments Primo trimestre 2002 AutomationView TM Inserto all interno Il software per l automazione dei test Questo articolo, primo di una serie dedicata alle tecnologie in costante evoluzione nel campo della strumentazione virtuale, presenta le sfide di integrazione e di prestazioni dei sistemi di collaudo e descrive l'architettura software con la quale National Instruments intende affrontarle. Come saranno i sistemi di collaudo e misura del futuro? Molti di noi immaginano un mondo nel quale i dispositivi di misura si integreranno continua a pag. 6 Trasferite le misure in Internet con LabVIEW LabVIEW 6.1 consente misure su Web Grazie a Internet, le aziende possono comunicare con i propri clienti, vendere i prodotti e presentare le informazioni in modo innovativo e con grande rapidità. Con LabVIEW 6i National Instruments ha già dimostrato che Internet è un ottimo strumento per rendere più efficaci la progettazione, la produzione e il collaudo dei prodotti. Ora, con LabVIEW 6.1, offre uno degli strumenti di progettazione più semplici per creare applicazioni che possono essere controllate in remoto attraverso browser Web standard, oltre a tool per formattare i dati in XML (extensible Markup Language) e per le comunicazioni wireless. Le nuove funzioni di LabVIEW 6.1 di National Instruments semplificano lo sviluppo delle applicazioni di misura e automazione in rete, consentendo di sfruttare tutti i vantaggi offerti dalle recenti tecnologie Web e di rete. La versione 6.1 permette inoltre di sviluppare interfacce utente sofisticate e di effettuare analisi delle misure più avanzate. Con LabVIEW 6.1 sono fornite le nuove versioni dei moduli Real-Time e continua a pag. 4 ni.com LabVIEW consente di sviluppare e implementare in tempi brevi complesse applicazioni basate su Web. Qual è per voi il modo migliore per inserire questa tecnologia nelle vostre applicazioni? Il seguente articolo è tratto da un nuovo white paper che contiene un approfondimento sull argomento. Così come l evoluzione della tecnologia dei PC ha trasformato l automatizzazione delle misure, continua a pag. 8

2 Prospettiva Ecco che cosa vi siete persi Realizzare sistemi intelligenti in rete con FieldPoint e LabVIEW Real-Time Sfruttare la potenza dei PC in applicazioni di misura e automazione con Windows XP NI punta su PCI per soddisfare esigenze attuali e future se non avete letto l ultimo numero. Per ulteriori informazioni contrassegnate sulla cartolina di risposta il numero arretrato della newsletter che desiderate ricevere. ni.com/newsletter Volume 14, numero 1 Primo trimestre 2002 Instrumentation Newsletter è una pubblicazione trimestrale di National Instruments Corporation, MoPac Expwy, Austin, TX USA. L abbonamento è gratuito e viene conferito a discrezione dell editore. Si prega di inviare richieste, domande di abbonamento e autorizzazioni alla duplicazione al Managing Editor. L indirizzo di riferimento è National Instruments si riserva il diritto di pubblicare e/o modificare i contributi ricevuti. STAFF Executive Editor: John Graff Editor-in-Chief: Lee Chapman Managing Editor: Sarah Nalini Mammen Consulting Editors: Lisa Block, Tiffany Craft Creative Manager: Lara Farwell-Griffith Design Managers: Jeff Pavlat, Tamara Waite Designers: Robin Liles, Laura Lee Box, Justin Owens Photography Coordinator: Sarah Korthals Production Specialist: Vern Harris Editorial Intern: Sarah Copyright 2002 National Instruments Corporation. Tutti i diritti riservati. I nomi dei prodotti e delle aziende citati sono marchi registrati delle rispettive aziende. Telefono: Fax: ni.com Restate al passo con la tecnologia Poiché la tecnologia si evolve sempre più rapidamente, il successo della vostra azienda dipende dall informazione, che deve essere quindi accurata, puntuale e attinente alla vostra realtà: infatti, se le informazioni che trovate nei motori di ricerca di Internet, che ricevete via o che leggete nella documentazione cartacea risultano non pertinenti oppure obsolete, le decisioni tecniche che prenderete per la vostra azienda potrebbero subire ritardi o essere falsate. Per National Instruments, aiutarvi a capire come applicare le tecnologie general-purpose ai sistemi di misura e automazione è un obiettivo fondamentale: nella nostra Instrumentation Newsletter trattiamo i sistemi operativi, le architetture dei bus e le tecnologie di rete, oltre ai più recenti sviluppi software e hardware, cercando di far giungere fino a voi le informazioni dalle quali potete trarre i maggiori benefici. La decisione di unificare le nostre due pubblicazioni, Instrumentation Newsletter e AutomationView, ha lo scopo di semplificare la ricerca delle informazioni a voi utili, sia che siate un tecnico di produzione sia che vi occupiate dei collaudi. Ma Instrumentation Newsletter è qualcosa di più di una semplice newsletter trimestrale poiché vi fornisce un accesso diretto a ni.com, la nostra risorsa Web più completa. Molti degli articoli di Instrumentation Newsletter esistono infatti anche su ni.com in una forma più approfondita, arricchita da codice d'esempio e da informazioni tecniche dettagliate; alcuni di questi articoli si trovano all interno di Developer Insights, il nostro mensile tecnico online che tratta argomenti legati a LabVIEW, software di misura, sistemi di acquisizione dati (DAQ) e sviluppo di sistemi di collaudo. Oltre a semplificare la nostra pubblicazione cartacea, stiamo creando un insieme di funzioni su ni.com per permettervi di trovare più facilmente tutte le informazioni che desiderate. NI vi offre inoltre due newsletter elettroniche che potete ricevere mensilmente via , NI News e esupport News. NI News contiene annunci di nuovi prodotti, di innovazioni tecnologiche o di eventi importanti e può essere personalizzata in modo da ricevere solamente le informazioni relative agli argomenti specificati nel vostro profilo. esupport News offre invece supporto tecnico agli utenti dei nostri prodotti, attraverso l invio di patch e notizie relative ai servizi di supporto. Numerose informazioni tecniche sono inoltre disponibili in NI Developer Zone, una ricca risorsa online che contiene note tecniche sui settori della misura e dell automazione, programmi di esempio e presentazioni. Al suo interno, l area Developer Exchange è un forum che permette agli utenti di inviare domande ad altri sviluppatori di strumenti virtuali, in qualunque parte del mondo si trovino. Inviando un quesito, riceverete automaticamente le precedenti interazioni domanda-risposta inerenti all argomento e, poiché è possibile assegnare un voto alle risposte, potrete ordinarle per grado di pertinenza e di importanza. A partire da questo trimestre Instrumentation Newsletter cambia per rispondere in modo più La nuova Instrumentation Newsletter unisce il meglio delle due newsletter cartacee di National Instruments. mirato alle vostre esigenze e fornirvi le informazioni tecniche necessarie per risolvere rapidamente i problemi posti dalle vostre applicazioni. Spero che Instrumentation Newsletter continui a essere di vostro gradimento, anche grazie ai numerosi link di approfondimento su ni.com che vi consentiranno di ampliare sempre più le vostre conoscenze. John Graff Vice Direttore Marketing Per maggiori informazioni, visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2105. ni.com 2

3 Analisi delle immagini Elaborazione automatizzata di immagini al microscopio Le misure automatizzate ottenute con PC, fotocamera digitale, dispositivi e software di acquisizione immagini possono consentire ispezioni ottiche quasi perfette a un costo nettamente inferiore a quello che si avrebbe con un'ispezione effettuata da personale specializzato. In molti laboratori e strutture produttive l'ispezione e la verifica dei campioni viene effettuata da operatori al microscopio, ma con un elevato margine di errore e con misure spesso poco coerenti e affidabili. Molte aziende effettuano ben tre controlli con operatore per individuare il 99,2 % dei difetti, una soluzione molto costosa per qualsiasi imprenditore che deve impiegare 3-4 operatori ogni volta che un nuovo articolo entra in produzione. Con pochi componenti hardware per l acquisizione delle immagini di National Instruments potete invece automatizzare l acquisizione e l elaborazione delle immagini con un ampia gamma di microscopi. Le applicazioni principali vanno dal controllo delle colture cellulari alle misure di componenti in ambito industriale, sino all ispezione di componenti per fibre ottiche. Collegare le fotocamere ai microscopi Molti microscopi standard hanno interfacce video incorporate. È possibile montare un normale sensore CCD (Charge Coupled Device) al microscopio tramite l attacco C, un tipo di attacco standard per le lenti in ambiente industriale che si trova in genere alla base degli oculari. Invece di montare la lente sulla fotocamera, potete montare la fotocamera Con IMAQ Vision Builder, che dispone di una procedura guidata con molte applicazioni preconfigurate per il conteggio delle cellule e il controllo di componenti elettronici, è possibile realizzare prototipi e sviluppare applicazioni in modo semplice. sull attacco C del microscopio. Se questo attacco non è disponibile, potete montare una lente sull oculare del microscopio e trasferire l immagine alla fotocamera. Fotocamere e hardware di acquisizione immagini per microscopi Scegliere la fotocamera appropriata da interfacciare al microscopio è fondamentale per molte applicazioni, perché da essa dipendono la risoluzione e la profondità di colore. Produttori quali Dalsa, Roper Scientific e Hamamatsu offrono fotocamere da 8, 12 e 16 bit. Per interfacciare queste fotocamere a un PC è necessario un dispositivo di interfaccia che possa prelevare le immagini dalla macchina e visualizzarle sullo schermo. I dispositivi digitali di acquisizione immagini di National Instruments, come NI 1422 e NI 1424, forniscono velocità d acquisizione fino a 200 MB/s e profondità di colore fino a 16 bit. Una volta acquisita l immagine, il software di elaborazione delle immagini di NI può analizzare e misurare i dati d'interesse: ad esempio, per le applicazioni in campo biologico potrebbe essere necessario rilevare un cambiamento di colore dei batteri causato dalla fluorescenza o acquisire le immagini a intervalli di tempo predefiniti per misurare la crescita delle colonie batteriche in una sostanza. Nella produzione di componenti elettronici i microscopi vengono normalmente impiegati per fabbricare piccoli dispositivi come i componenti optoelettronici o per il controllo dei circuiti stampati. IMAQ Vision Builder di NI è un programma interattivo, gestito tramite menu, con il quale potete elaborare e analizzare le immagini attraverso più di 200 funzioni per la visione artificiale e l analisi delle immagini. Con IMAQ Vision Builder, che dispone di una procedura guidata con molte applicazioni preconfigurate per il conteggio delle cellule e il controllo di componenti elettronici, è possibile realizzare prototipi e sviluppare applicazioni in modo semplice. IMAQ Vision Builder consente di migrare verso ambienti di programmazione come LabVIEW, Visual Basic, C, C++ e Measurement Studio, e mette quindi a disposizione un percorso scalabile da un ambiente completamente configurabile a un ambiente di programmazione. Automazione e misure Molte applicazioni che richiedono l uso di un microscopio potrebbero trarre significativi vantaggi dall abbinamento con un sistema automatico di controllo assi che può attuare, ad esempio, lo Con IMAQ Vision Builder è possibile realizzare prototipi e sviluppare applicazioni in modo semplice. spostamento del piano di osservazione x-y per posizionare gli oggetti da ispezionare nel campo visivo del microscopio oppure la messa a fuoco automatica quando si osservano immagini su diversi piani focali. Tra le applicazioni possibili vi sono il posizionamento automatico di campioni sotto il microscopio e lo spostamento del piano di osservazione per ispezionare le diverse parti di un circuito stampato durante l esecuzione di vari controlli. Interfacciando una fotocamera standard con un microscopio e usando un sistema di collaudo basato su PC con software e hardware NI potete creare un ambiente di collaudo completamente automatizzato. Questo approccio, decisamente più economico dei controlli umani, riduce i costi e migliora la qualità. Jason Mulliner Vision Product Manager Per trovare una fotocamera che soddisfi le vostre esigenze di risoluzione, velocità e costi, visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2106. Per scaricare un application note sul conteggio delle cellule, visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2107. Per maggiori informazioni sui microscopi dotati di lenti con attacco C e lenti "relay" offerte da Edmund Industrial Optics 2001, visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2108. ni.com/vision 3

4 LabVIEW 6.1 LabVIEW 6.1 consente misure su Web continua da pag. 1 Datalogging and Supervisory Control, dando così origine a una completa famiglia di prodotti software integrati per applicazioni di misura, monitoraggio e controllo. Misure in rete wireless Il collegamento di computer via Ethernet richiede numerosi dispositivi hardware. Per superare tale limitazione, le porte IrDA (Infrared Data Association) si sono affermate come nuovo standard per gestire la comunicazione wireless dei computer portatili e dei palmari. LabVIEW 6.1 dispone di nuove funzionalità che consentono di integrare la porta IrDA nelle applicazioni di misura e automazione; la porta IrDA è uno dei tipi di bus con cui possono comunicare le applicazioni e ciò consente di creare sistemi di misura in rete in cui sono integrate anche le comunicazioni wireless. Modalità standard di condivisione dei dati Il protocollo XML sta rapidamente diventando lo standard più diffuso per la condivisione dei dati attraverso Internet poiché utilizza tag simili a quelli dell HTML (Hypertext Markup Language) e quindi genera dati semplici da formattare che qualsiasi editor di testi è in grado di leggere. La formattazione facilita la lettura e agevola la traduzione in diverse Gestione semplice e professionale delle interfacce utente grazie alla struttura a eventi. lingue. Grazie a questi vantaggi, XML sta incontrando sempre più il favore delle aziende che Controllo remoto senza lo stanno adottando come metodo standard per programmazione formattare i dati delle applicazioni di misura. Per LabVIEW 6.1 dispone di nuovi strumenti di consentirvi di sfruttare i vantaggi offerti da questo sviluppo per realizzare applicazioni distribuite protocollo, LabVIEW dispone di strumenti per leggere controllate remotamente. Per attivare il controllo e scrivere dati in XML, strumenti che potete integrare remoto è sufficiente eseguire le semplici operazioni nelle applicazioni di misura esistenti per formattare elencate qui di seguito: i dati in XML e per leggerli da file XML ricevuti 1. Avviare un programma (VI) in LabVIEW dai vostri colleghi. Grazie alla 2. Attivare da menu gli strumenti per il server Web pluriennale esperienza di 3. Configurare le opzioni dei pannelli remoti National Instruments nella gestione di LabVIEW 6.1 in modo da pubblicare i dati dei dati attraverso LabVIEW, le su Internet senza programmare funzioni di XML risulteranno Con due soli clic del mouse potrete controllare a semplici da utilizzare e facilmente distanza qualsiasi applicazione creata con LabVIEW, integrabili nella vostra applicazione. attraverso Internet. Architettura a eventi per interfacce utente professionali Poiché LabVIEW 6.1 permette di realizzare applicazioni che si possono controllare remotamente da qualsiasi browser, la progettazione dell interfaccia utente risulta ancora più importante. La nuova struttura a eventi di LabVIEW 6.1 consente di gestire facilmente tutte le interazioni con l interfaccia utente dell applicazione. Oltre a reagire alle informazioni provenienti dal sistema operativo, tale struttura controlla anche tutti i comandi del pannello frontale e risponde a eventi quali la pressione dei tasti sulla tastiera, i clic del mouse e le selezioni effettuate da menu. Aiuta inoltre a organizzare il flusso degli eventi, ponendoli in una coda e gestendoli in base all ordine in cui si sono verificati. LabVIEW 6.1 unisce i vantaggi che un architettura a eventi offre nella progettazione dell interfaccia utente al ben noto incremento della produttività garantito dalla programmazione grafica di LabVIEW basata sul flusso dei dati. Analisi delle misure ancora più potenti LabVIEW 6.1 dispone di numerose nuove funzioni per applicazioni di analisi delle misure. Ad esempio, è possibile analizzare i dati un punto alla volta grazie a una nuova libreria punto-punto, funzione che sfrutta il tempo intercorrente fra punti consecutivi per svolgere l analisi dei dati relativi ai punti già acquisiti e che, grazie ad algoritmi deterministici e all esecuzione punto-punto, produce un risultato per ciascun dato in ingresso. La nuova versione di LabVIEW offre inoltre nuove funzioni di misura per caratterizzare le forme d onda che hanno transizioni di stato distinte; una misura consiste ad esempio nel caratterizzare il tempo di transizione di una forma d onda digitale o il suo overshoot e undershoot nel passaggio da uno stato all altro. LabVIEW 6.1 permette di svolgere questo tipo di analisi su oltre 100 misure. LabVIEW 6.1 offre prestazioni migliorate del 150% rispetto a LabVIEW 6i e di oltre il 650% rispetto a LabVIEW 5.1. LabVIEW 6.1 presenta infine una funzione per il calcolo della trasformata di Fourier veloce (FFT) che comprende numerose funzioni di analisi oltre a quella dell'fft e che garantisce un aumento delle prestazioni. LabVIEW 6.1 offre prestazioni migliorate del 150% rispetto a LabVIEW 6i e di oltre il 650% rispetto a LabVIEW 5.1. Se svolgete già analisi FFT o se state lavorando a un progetto che potrebbe beneficiarne, questa è l occasione 4

5 LabVIEW 6.1 giusta per aggiornare il vostro ambiente di sviluppo LabVIEW. La famiglia LabVIEW Insieme a LabVIEW sono stati rilasciati anche i moduli LabVIEW Real-Time 6.1 e LabVIEW Datalogging and Supervisory Control 6.1, che non solo consentono una maggiore produttività nella realizzazione di applicazioni di controllo e monitoraggio, ma sfruttano appieno tutte le nuove funzionalità di LabVIEW 6.1. Il modulo LabVIEW Real-Time espande l ambiente di sviluppo LabVIEW con strumenti specifici per il controllo deterministico real-time e dispone di funzioni che permettono di aumentare significativamente la velocità delle applicazioni di controllo. Per ulteriori informazioni su LabVIEW Real-Time 6.1, si veda l articolo a pagina 19. Il modulo LabVIEW Datalogging and Supervisory Control 6.1 potenzia invece l ambiente di sviluppo LabVIEW rendendolo più adatto alla creazione di applicazioni di monitoraggio con un elevato numero di canali, attraverso tool per la gestione degli allarmi e degli eventi, il controllo aziendali. Per maggiori dettagli sul modulo Datalogging and Supervisory Control 6.1, si veda l articolo a pagina 19. La potenza di Internet Sia che siate utenti di LabVIEW da molti anni o che stiate iniziando a utilizzarlo soltanto ora, la versione 6.1 vi aiuterà a sfruttare al meglio tutte le potenzialità di Internet: con le nuove tecnologie della famiglia LabVIEW 6.1 potrete creare facilmente applicazioni di misura e automazione Internet-ready. NI Developer Suite fornisce upgrade trimestrali di LabVIEW e di altri software NI, ed è lo strumento migliore per rimanere sempre aggiornati sulle più recenti versioni di LabVIEW. Eric Reffett Product Manager LabVIEW Per effettuare l aggiornamento a LabVIEW 6.1 visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2101. LabVIEW 6.1 ora disponibile in NI Developer Suite NI Developer Suite offre l intera piattaforma di sviluppo LabVIEW 6.1 in un solo pacchetto facile da ordinare e da aggiornare. Con NI Developer Suite Professional Control Edition avrete a disposizione l intero set di strumenti LabVIEW per lo sviluppo di applicazioni di monitoraggio e controllo, compresi LabVIEW Professional Development System, il modulo LabVIEW Datalogging and Supervisory Control e il modulo LabVIEW Real-Time. Professional Control Edition comprende anche il PID Control Toolset, gli strumenti Fuzzy Logic Control Design e i toolset System Simulation and Control per rendere ancora più rapido lo sviluppo e in particolare la progettazione e l implementazione di sistemi di controllo. Inoltre, Developer Suite Professional Edition comprende i toolset NI più diffusi, come Application Builder, Report Generation for Microsoft Office, Internet Developer Toolset, Database Connectivity Toolset e Advanced Signal Processing Toolset. Queste librerie permettono di risparmiare tempo perché contengono la soluzione a problemi specifici delle applicazioni di misura e automazione. Con NI Developer Suite riceverete ogni tre mesi l'ultima versione dei software in vostro possesso, i più recenti driver software e la documentazione online aggiornata su prodotti hardware e software. In base alle vostre esigenze sono disponibili anche altre versioni di NI Developer Suite: TestStand, il test executive per i collaudi in produzione completamente personalizzabile, viene fornito con la Test Edition, mentre altre versioni comprendono i tool di Measurement Studio per lo sviluppo in Visual Basic e Visual C++ oltre agli strumenti di sviluppo ANSI C di LabWindows /CVI. Grazie ai nuovi VI di LabVIEW 6.1 per la misura dell ampiezza degli impulsi e i transitori è possibile caratterizzare in modo semplice le forme d onda digitali. Per ulteriori informazioni su NI Developer Suite, visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2102. della sicurezza e l analisi dei trend di dati. Grazie a queste nuove caratteristiche, LabVIEW Datalogging and Supervisory Control 6.1 è in grado di integrare più efficacemente le applicazioni di monitoraggio e controllo con gli altri sistemi ni.com/labview 5

6 Architettura software Il software per l automazione dei test continua da pag. 1 senza problemi tra loro e con il PC, in cui lo sviluppo si focalizzerà sulla progettazione dei test e non sulla programmazione degli strumenti e in cui il tempo di esecuzione dei collaudi non porrà più limiti alla produttività delle aziende; un mondo nel quale il reparto collaudi ridurrà i costi, abbrevierà i tempi di sviluppo e disporrà di sistemi altamente integrati e ad alte prestazioni che consentiranno di trasferire automaticamente i dati al sistema informativo dell azienda. Questa è la promessa della strumentazione virtuale, un approccio basato su PC per sviluppare sistemi di collaudo fondati su software standardizzato e su hardware modulare. Questo traguardo è ora più che mai vicino, ma per raggiungerlo occorrono software e hardware flessibili. La maggior parte degli attuali sistemi di misura e automazione utilizza ancora l approccio rack-andstack basato su GPIB inventato negli anni Settanta. Tale approccio prevede sistemi di collaudo costituiti Gli strumenti altamente integrati necessitano di un architettura software adeguata per sfruttare i vantaggi offerti dall hardware modulare e ridurre i tempi di sviluppo. da strumenti ottimizzati per il funzionamento standalone collegati tra loro con dei cavi, una soluzione tutt altro che ottimale per i sistemi di collaudo automatizzati poiché agli strumenti stand-alone manca una modalità standard di temporizzazione e di trigger. In più, ciascuno di questi strumenti ha il un proprio apparato software costituito da firmware, sintassi di comandi ASCII e instrument driver, tra loro poco integrati: ne derivano diversi formati dei dati e diverse modalità di temporizzazione e trigger. Integrare più strumenti di questo tipo in un sistema di collaudo costringe spesso a riconciliare queste differenze usando codice che agisce da collante a livello del software applicativo. Benché GPIB abbia rappresentato una grande innovazione nella comunicazione tra singoli strumenti e computer, la sua architettura hardware e il suo modello di programmazione software non consentono di risolvere il problema dell integrazione posto dallo sviluppo dei sistemi di collaudo automatizzati. VXI è una piattaforma modulare per la strumentazione, in cui i modelli di temporizzazione e di trigger dell hardware sono integrati; sebbene rappresenti un notevole passo avanti rispetto a GPIB, questa piattaforma non è riuscita a migliorare significativamente il modello del software, la cui struttura a strati sovrapposti si ritrova ancora in quasi tutti gli strumenti VXI. Neanche la sostituzione, operata da alcune case produttrici, della sintassi dei comandi ASCII con interfacce di programmazione basate su registri risolve il problema degli strati software isolati: l integrazione di più strumenti VXI richiede ancora una quantità rilevante di codice a livello del software applicativo. In sintesi, con VXI il settore dei collaudi ha riconosciuto l importanza di un architettura hardware modulare basata su computer, con temporizzazione e trigger incorporati, ma la sola modularità dell hardware non basta a risolvere la sfida dell integrazione. Sebbene gli standard GPIB e VXI per il controllo degli strumenti abbiano introdotto sistemi di collaudo più piccoli e modulari, il problema fondamentale, ovvero la riduzione del tempo necessario per integrare più moduli di misura in un solo sistema, non è stato ancora risolto. Una strumentazione fortemente integrata necessita di qualcosa di più di un'architettura hardware standard: richiede infatti un architettura software integrata, specificamente orientata a sfruttare i vantaggi dell hardware modulare e a ridurre i tempi di sviluppo. Come rispondere alla sfida dell integrazione Nel 1997, NI ha introdotto lo standard PXI, che è rapidamente diventato una delle tecnologie più diffuse nel campo dei collaudi. Rispetto a VXI, la piattaforma PXI è più piccola, più veloce e pienamente compatibile con l architettura dei PC standard. PXI rappresenta la migliore opportunità per il settore dei collaudi di raggiungere il traguardo della strumentazione virtuale, ma necessita di un architettura software che risolva il problema dell integrazione e sia ottimizzata per il bus PXI ad alta velocità. La base di questa architettura software, chiamata Measurement and Control Services, rimane per lo più nascosta agli sviluppatori, ma gioca un ruolo chiave nell integrazione dell hardware di misura con i tool di sviluppo quali LabVIEW, LabWindows/CVI e Visual Basic. L industria del software per PC ha già dimostrato i vantaggi derivanti dall'uso di uno strato software comune a più applicazioni per migliorare la produttività e l integrazione tra gli strumenti. Le componenti del pacchetto Microsoft Office, che comprende prodotti come Word, Excel e PowerPoint, presentano un interfaccia molto simile tra loro; per esempio, il correttore grammaticale di Word è identico a quello usato in PowerPoint e una volta appreso l uno si è in grado di utilizzare anche l altro. Grazie a questo strato software comune, Office si comporta come un insieme di strumenti integrati che consentono a chiunque di inserire facilmente un grafico di Excel in un file Word per creare documenti complessi che in passato avrebbero richiesto l esperienza e gli strumenti di lavoro di un impaginatore. Gli stessi miglioramenti in termini di produttività e integrazione sono ora possibili con l hardware modulare per le misure: un interfaccia di programmazione comune a digitalizzatori, generatori, strumenti digitali e multimetri digitali (DMM) semplifica moltissimo la creazione dei sistemi di collaudo. Ad esempio, con un'interfaccia di programmazione unificata, la configurazione di un trigger su un digitalizzatore avviene esattamente nello stesso modo che su un generatore di forme d onda arbitrarie; una volta appreso il metodo che vale per uno strumento, lo si applica all altro. L'utilizzo di formati comuni 6

7 Architettura software La piattaforma Measurement and Control Services di dati e di comuni funzionalità di trigger, temporizzazione e trasferimento di dati permette agli sviluppatori di creare sistemi complessi in grado di competere con le costose apparecchiature ATE. Con una base software ben concepita, un insieme di strumenti scelti opportunamente si comporta come un unico sistema integrato e consente di creare soluzioni personalizzate a costo contenuto. Superare i limiti prestazionali Quando lo standard IEEE-488 fu adottato nel 1975, la massima velocità di trasmissione dei dati GPIB di 1 MB/s era puramente teorica. La velocità massima reale a cui i computer e le apparecchiature di controllo degli strumenti potevano trasmettere dati alla memoria era al massimo di qualche centinaio di kilobyte al secondo, e andava di pari passo con quella delle memorie di allora. Inoltre, i data set restituiti dagli strumenti erano molto più piccoli, di solito valori di 8 bit, e anch essi riflettevano le dimensioni della memoria di quel tempo. Da allora però le velocità dei bus sono aumentate di oltre 100 volte, la memoria dei computer è cresciuta da decine di kilobyte a centinaia di megabyte e misure sempre più sofisticate richiedono data set composti da lunghi record di 12, 14 o 16 bit. Tecnologie migliori, memoria a basso costo e misure sempre più complesse hanno evidenziato i limiti prestazionali dell interfaccia GPIB. A 133 MB/s, le prestazioni del bus PXI sono adeguate alla velocità dei moderni sistemi di collaudo che gestiscono enormi quantità di dati, ma i miglioramenti della sola interfaccia hardware non sono purtroppo sufficienti. Per esempio, il bus VXI trasmette dati a 40 MB/s, ma il fatto che la maggior parte degli strumenti usi ancora comandi basati su testo impedisce di sfruttare gran parte della larghezza di banda; anche altre tecnologie, come USB (Universal Serial Bus) e IEEE 1394 hanno le stesse limitazioni. PXI consente di ottimizzare le prestazioni dell'intera struttura software, eliminando i messaggi di testo, il parsing e le funzioni software isolate nel firmware. La piattaforma Measurement and Control Services necessita delle tecnologie PC più evolute, come l accesso diretto in memoria (DMA) e i data stream software, per trasmettere Un tale livello di integrazione software e hardware può ridurre i tempi di esecuzione dei collaudi di ben 100 volte. direttamente, ad alta velocità, i dati grezzi digitalizzati dai moduli di misura alla memoria del computer. Lo standard PXI dispone anche di un altro mezzo per migliorare le prestazioni, rappresentato dall uso di trigger e temporizzatori hardware a livello di sistema. Senza questa tecnologia è necessario sviluppare del codice per sincronizzare la strumentazione a livello del software applicativo, vincolando la velocità di trasmissione dei dati alla velocità di esecuzione dei cicli del PC, che varia di volta in volta. In PXI invece è possibile configurare i dispositivi di misura perché rispondano a trigger e temporizzatori condivisi, sostituendo quindi la sincronizzazione software con quella hardware: un livello di integrazione software e hardware che può ridurre i tempi di esecuzione dei collaudi di ben 100 volte. La sincronizzazione software e hardware a livello di sistema richiede tuttavia programmi per la gestione, la configurazione e l instradamento dei segnali di temporizzatori e trigger. Per poter trarre il massimo vantaggio dalla riduzione dei tempi di collaudo consentita dalla sincronizzazione hardware è necessario che la piattaforma Measurement and Control Services metta a disposizione anche una componente di sincronizzazione software. La piattaforma software di test del futuro Prestazioni, dimensioni, modularità e architettura allineata con quella dei PC fanno di PXI una soluzione impareggiabile per il futuro dei collaudi. La chiave per coglierne il potenziale è un architettura software specifica per la piattaforma PXI. National Instruments sta dunque sviluppando il software per integrare i dispositivi modulari di misura del futuro che consentirà di sfruttare appieno le potenzialità della piattaforma PXI e permetterà di sviluppare facilmente sistemi altamente integrati e dalle elevate prestazioni. Nel prossimo numero della newsletter il secondo articolo di questa serie mostrerà come la piattaforma Measurement and Control Services sia il fondamento delle innovazioni in ambito software; ad esempio, aumentando la potenza della programmazione grafica e la facilità di configurazione si apre la strada a miglioramenti ancora più significativi in termini di produttività nello sviluppo. Keith Winkeler Measurement Studio Senior Group Product Manager Per effettuare il tour virtuale Software That Powers visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2103. ni.com/revolution 7

8 Web Trasferite le misure in Internet con LabVIEW continua da pag. 1 allo stesso modo le reti stanno rivoluzionando l architettura delle soluzioni di misura basate su PC. Alcuni sostengono che le tecnologie di rete ci stiano portando verso una era post-pc. Tuttavia le reti non stanno tanto rendendo obsoleto il PC, quanto rivoluzionando la sua piattaforma. Le componenti base, quali I/O, processori, memoria e dispositivi di visualizzazione, continuano a essere le fondamenta della piattaforma PC, ma non vi è più la necessità di riunirle in un unità a se stante. Grazie alle tecnologie di rete è possibile distribuire le componenti nella locazione più adatta alla propria applicazione. La piattaforma resta fondamentalmente la stessa, ma le potenzialità sono notevolmente migliorate. Utilizzando le tecnologie di rete nelle soluzioni di misura, è possibile eseguire operazioni di I/O in produzione, aggiungere potenza di elaborazione per analisi dettagliate nei centri di controllo, registrare informazioni post-analisi in un database aziendale e rendere visibili i dati in qualsiasi parte del mondo attraverso un browser Web. L elemento in grado di collegare tutte queste componenti è il software. Da oggi, con LabVIEW 6.1, è possibile trasformare qualsiasi applicazione LabVIEW, senza ulteriore programmazione, in un applicazione remota accessibile attraverso un browser Web. Funzioni di alto livello consentono di generare report Web attraverso Microsoft Excel o Word, evitando all utente di progettare e sviluppare interfacce di basso livello. Attraverso le pagine delle proprietà, è inoltre possibile attivare la condivisione dei dati live sull interfaccia utente. Queste tecnologie non solo riducono i tempi di sviluppo, ma consentono di sfruttare i vantaggi di Internet. Concetti base Esistono diverse tecnologie per la condivisione di dati e informazioni sul Web ed è utile conoscerne le caratteristiche prima di sviluppare l applicazione. Per comodità e chiarezza, abbiamo suddiviso le applicazioni in quattro categorie principali: pubblicazione di dati, condivisione di dati, controllo remoto ed esecuzione distribuita. La pubblicazione dei dati consiste nella generazione di report Web statici contenenti i risultati dei test che possono poi essere Da oggi, con LabVIEW 6.1, è possibile trasformare qualsiasi applicazione LabVIEW, senza ulteriore programmazione, in un applicazione remota accessibile attraverso un browser Web. condivisi con altri. Questo tipo di report è la versione elettronica del tradizionale report stampato, ma offre in più il vantaggio di essere facilmente consultabile attraverso un browser Web standard. La condivisione dei dati potenzia la pubblicazione consentendo di trasferire i dati tra computer in modo da eseguire diversi tipi di analisi, a seconda delle proprie esigenze. In alcune applicazioni potrebbe essere necessario effettuare lo streaming dei dati per disporre di capacità aggiuntive di elaborazione, memorizzazione e monitoraggio. Ad esempio è possibile aggiornare parametri fuori range durante l esecuzione di un test. Il controllo remoto potenzia invece la condivisione dei dati poiché consente di attivare un altro computer a cui collegarsi e da cui controllare un esperimento in remoto. Alcuni test vengono infatti eseguiti in un ambiente critico oppure durante le ore notturne, il che rende problematica la costante presenza di un operatore al terminale. L esecuzione distribuita riunisce molti dei concetti sopra esposti in un architettura di sistema in grado di condividere l acquisizione e l analisi dei test su più computer. I sistemi del futuro saranno dotati di nodi di misura che trasferiscono i dati tra computer, per cui sarà possibile eseguire diverse porzioni di test in luoghi differenti, continuando tuttavia a correlare i dati e a utilizzarli per controllare altri dispositivi hardware. Pubblicazione dei dati Uno dei modi più semplici per condividere le informazioni attraverso una rete o Internet è pubblicando un report o un riepilogo. I report consentono di trasferire informazioni di fondamentale importanza in tempi brevi a diversi gruppi aziendali in un formato facilmente accessibile attraverso un browser Web. Per rendere possibile l accesso ai dati, LabVIEW offre apposite funzioni per la generazione e la pubblicazione di report in formato HTML sul Web. Queste funzioni permettono di presentare in modo professionale i risultati di un applicazione aggiungendo elementi grafici, pannelli, elenchi puntati e tabelle che consentono una migliore integrazione delle applicazioni nel Web. LabVIEW consente di generare report in Microsoft Word, creare pagine HTML e visualizzare i dati su Web. 8

9 Web con pochi clic del mouse. Senza alcuna programmazione aggiuntiva, qualsiasi applicazione LabVIEW può essere configurata per il controllo remoto attravero un normale browser Web. Grazie a LabVIEW e a Internet è possibile integrare sistemi in rete diversi tra loro. accessibili, è possibile scaricare qualsiasi Condivisione dei dati documento XML ed eseguire analisi personalizzate Un report offre una visualizzazione statica delle dei dati. LabVIEW da oggi offre funzioni informazioni compilate. Benché la consultazione incorporate che consentono di creare e leggere dei dati relativi a un test completato risulti documenti in formato XML. facilitata, il report non offre un semplice accesso alle informazioni. In molte applicazioni è infatti necessario poter accedere in tempo reale ai dati LabVIEW consente di generare report acquisiti in modo da controllare o monitorare un in Microsoft Word, creare pagine processo oppure effettuare un test in rete. Il formato XML sta rapidamente diventando HTML e visualizzare i dati su Web. uno standard per la conversione dei dati in testo leggibile e facilmente visualizzabile all interno di Controllo remoto pagine Web. Lo standard universale XML permette Grazie al controllo remoto è possibile controllare di generare report Web con un set definito di dati l esecuzione di un sistema da un altro computer che possono essere trasferiti ad altre applicazioni. in remoto. Questa caratteristica può essere utile Poiché i dati in questo formato sono facilmente in numerose applicazioni, tra cui il contollo di un sistema posizionato in un ambiente critico, la modifica o il riavvio di un test da remoto oppure l esecuzione di operazioni di monitoraggio, controllo e diagnostica in remoto durante l acquisizione. Con LabVIEW è possibile attivare Questo VI può essere eseguito in LabVIEW o direttamente all interno di un browser Web. questa funzionalità Esecuzione distribuita Il networking può essere utilizzato per distribuire l esecuzione, dedicando alcune macchine all acquisizione e al controllo e trasferendo l analisi e la presentazione ad altri sistemi. È possibile ottimizzare il sistema per eseguire funzioni specifiche e quindi condividere i dati tra i componenti distribuiti in modo che ognuno esegua un unico task. Grazie all accesso a vari nodi di misura è possibile sviluppare un software che utilizza ogni computer per completare una porzione dell applicazione. Un test può disporre di diversi nodi di acquisizione, ciascuno dei quali reinvia i dati a un computer principale o a un cluster di computer che effettuano l analisi e generano report per il Web. Kris Fuller LabVIEW Product Manager Per scaricare il white paper completo e avere maggiori informazioni su LabVIEW 6.1 visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2104. ni.com/labview 9

10 Acquisizione dati Measurement Ready: un requisito essenziale per i vostri sistemi DAQ La scelta del sistema di acquisizione dati (DAQ) da acquistare è più importante che mai nel contesto economico attuale: il numero delle alternative possibili continua a crescere, ma ciò che conta è che i vostri sistemi siano Measurement Ready. Questo termine riassume tutto ciò che un fornitore di sistemi DAQ dovrebbe garantire per consentirvi di effettuare misure accurate, con tempi di sviluppo ridotti e costi contenuti. Scegliendo un sistema DAQ Measurement Ready avrete: Soluzioni software di alto livello Tecnologie di misura di ottima qualità Integrazione tra dispositivi e tra piattaforme Servizi completi di supporto e di assistenza Assicuratevi che il vostro fornitore disponga di driver con canali configurabili via software che permettono di convertire automaticamente le misure in unità ingegneristiche; cercate inoltre di acquistare dallo stesso fornitore anche gli ambienti di programmazione e i driver in modo da ridurre la possibilità di errore e abbreviare i tempi di sviluppo. Per proteggere il vostro investimento iniziale, verificate che i driver siano in grado di operare con GPIB, accertatevi che vi sia la possibilità di aggiornarli via Internet e che siano compatibili con LabVIEW, Visual Basic e Visual C++. Il fornitore deve anche garantire la compatibilità del sistema con diversi bus e la compatibilità dei driver con piattaforme differenti. La funzione di autocalibrazione tramite sorgenti di tensione a bordo contribuisce ad assicurare l accuratezza, che deve essere garantita dal fornitore attraverso certificati di calibrazione con tracciabilità NIST. Cercate di disporre di un elevato throughput senza però sacrificare le prestazioni di acquisizione su punto singolo, in modo da ottimizzare sia il controllo che il logging dei dati. Il fornitore dovrebbe inoltre offrire tecnologie di condizionamento dei segnali flessibili e prodotti DAQ per PCI a 3.3 V. L integrazione tra piattaforme e dispositivi diversi è un'altra caratteristica importante di un sistema DAQ: cercate contatori e temporizzatori generalpurpose per creare e controllare i vostri segnali di temporizzazione, e linee di I/O configurabili mediante software per i segnali di temporizzazione onboard. Insistete anche per avere un bus di sincronizzazione configurabile via software per PXI/PCI, in modo da poter integrare più prodotti in un unico strumento personalizzato. I servizi e l assistenza sono infine un componente spesso trascurato ma fondamentale dell offerta di un fornitore di sistemi DAQ. È necessario poter contare su un sito Web in grado di offrire supporto sotto tutti gli aspetti, su tecnici esperti, venditori e una rete di partner che vi aiutino a sviluppare la soluzione più idonea alla vostra applicazione. Accertatevi anche di poter disporre di servizi di riparazione, estensione della garanzia e una vasta gamma di soluzioni di calibrazione. Per scaricare un white paper interattivo su sistemi DAQ Measurement Ready, visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2109. ni.com/measurements Tecnologie per sistemi DAQ portatili I prodotti e le tecnologie offerti da National Instruments consentono di creare sistemi di acquisizione dati puliti, compatti e portatili, in grado di effettuare misure con una vasta gamma di sensori e di segnali. I sistemi DAQ DAQPad IEEE 1394 garantiscono quattro caratteristiche principali: dispositivi portatili della serie E, condizionamento dei segnali modulare per canale singolo, connessione configurabile e diretta ai segnali, possibilità di alimentazione portatile. Dispositivi DAQ portatili NI offre diversi prodotti DAQ della serie E ideati per accrescere le prestazioni dei sistemi portatili. Tra questi vi sono DAQPad IEEE 1394, una scheda a basso costo esterna che rappresenta il prodotto della serie E con le migliori prestazioni oggi disponibile su una piattaforma portatile, e una nuova scheda DAQ PCMCIA ancora più veloce e con opzioni di collegamento potenziate. Inoltre, tutti i dispositivi DAQ portatili utilizzano NI-DAQ, lo stesso driver ad alte prestazioni che è alla base dei nostri prodotti PCI e PXI. Condizionamento modulare dei segnali Con il sistema di condizionamento dei segnali modulare SCC potete scegliere il condizionamento dei segnali canale per canale. Grazie alle sue dimensioni, la piattaforma SCC può essere impilata sopra un dispositivo DAQPad USB o IEEE 1394 oppure posizionata sotto un computer portatile. Con il sistema SCC, potete connettervi a: Termocoppie RTD Estensimetri Accelerometri Segnali di frequenza Ingressi di corrente Segnali ad alta tensione (fino a ±100 V) Connessioni configurabili Nei sistemi portatili è essenziale che la connessione dei sensori risulti rapida e sicura. Il sistema di connettività configurabile di NI mette a disposizione varie opzioni: BNC, mini connettori a spina per termocoppie, spinotti a banana, SMB e LEMO. Modalità di alimentazione I sistemi di acquisizione dati di NI consentono tre modalità di alimentazione: 1. Qualsiasi alimentazione da 9 a 25 V di corrente continua, prelevata ad esempio dal sistema elettrico di un autoveicolo 2. Qualsiasi presa di corrente alternata standard 3. Batterie ricaricabili Grazie all approccio modulare di National Instruments, potete creare in modo semplice sistemi di acquisizione dati portatili e personalizzati. Per saperne di più sui sistemi di acquisizione dati di National Instruments, visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2110. ni.com/portable 10

11 Acquisizione dati DAQ multifunzione per il campionamento simultaneo Negli ultimi decenni, tecnici e ricercatori hanno trovato sempre più utile analizzare i dati relativi non solo al dominio del tempo, ma anche a quello della frequenza ed è per questa ragione che è per loro importante conservare le relazioni di fase durante l acquisizione dati. Architettura SSH Nell acquisizione dati con dispositivi plug-in, il campionamento simultaneo si può effettuare attraverso due diverse architetture: la prima, l architettura SSH (simultaneous sample Architetture a campionamento simultaneo and hold) è molto simile al multiplexing tradizionale, al quale si aggiunge soltanto un insieme di circuiti track and hold che, posizionati davanti al multiplexer e dopo i dispositivi per il settaggio del guadagno, offrono un tempo di mantenimento dei livelli di segnale abbastanza lungo, preservando le relazioni di fase nonostante la necessità di effettuare il campionamento in più intervalli di tempo. Il vantaggio di questo metodo è la possibilità di condividere un solo convertitore analogico-digitale (ADC), in modo da disporre di un elevato numero di canali a costo contenuto. Lo svantaggio, oltre alla complicazione dell architettura multiplexata, è che la velocità di campionamento totale dell ADC deve essere condivisa da diversi canali in ingresso, e questo limita la larghezza di banda. Architettura SMIO La seconda architettura si differenzia dal multiplexing in quanto prevede un ADC per ciascun canale in ingresso; questa soluzione è nota anche come architettura SMIO (sampling multifunction I/O). In tale configurazione, tutti gli ADC campionano simultaneamente per mantenere le relazioni di fase dei segnali in arrivo: ne conseguono minori limitazioni alla larghezza di banda, perché ciascun canale ha il proprio ADC, e minore distorsione del segnale dovuta alla ridotta quantità di circuiti prima dell ADC stesso. Lo svantaggio di questo sistema è rappresentato dall'onere di avere un ADC per canale, ma, via via che dispositivi commerciali come i telefoni cellulari fanno scendere i prezzi dell ADC, i vantaggi in termini di prestazioni controbilanciano la differenza di costo. Entrambe le architetture di campionamento simultaneo rappresentano una buona soluzione nelle misure nel dominio della frequenza e devono perciò essere prese in attenta considerazione prima di procedere all acquisto dell hardware di campionamento. Per scaricare il documento FFT Online Tutorial, visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2111. ni.com/measurements Misure rapide e accurate con PCI/PXI Nella scelta di un dispositivo di misura occorre prendere in considerazione il rumore elettrico, la larghezza di banda, o velocità di campionamento, e la qualità generale delle misure. Il costo degli strumenti stand-alone è elevato perché comprende il monitor e l hardware di elaborazione dei segnali. Questi componenti sono già presenti nel vostro PC e quindi conviene valutare se le misure possono essere effettuate utilizzando dispositivi plug-in da inserire nel PC. Con pochi clic del mouse potete personalizzare un programma LabVIEW in modo da trasformare il PC e la scheda DAQ inserita in esso nello strumento o nel sistema di collaudo di cui avete bisogno. Ridurre il rumore La maggior parte delle misure di corrente continua potevano essere eseguite senza alcun problema anche dieci anni fa, quando le schede plug-in avevano appena fatto la loro comparsa: utilizzando le opportune tecniche di sovracampionamento e di calcolo della media dei valori era possibile superare i difetti di progettazione delle vecchie schede e ridurre gli effetti del disturbo ambientale. Tuttavia per effettuare misure più veloci è necessario un hardware moderno, con schermature, componenti di elevata qualità, nuove tecnologie di digitalizzazione e un piano di massa molto ben progettato, che consente ai dispositivi plug-in di fornire misure accurate idonee a effettuare calcoli nel dominio della frequenza. Le perplessità sull'insufficiente larghezza di banda del bus PCI o sulle interferenze del PC sulle misure sono legittime, ma affidandovi a chi dispone di una vasta esperienza potrete trovare la soluzione più adeguata. Una scheda di I/O ad alta precisione La densità del rumore in ingresso, per esempio, indica la quantità di rumore casuale su un determinato spettro di frequenze; la figura qui sopra mostra il livello raggiunto nell intera larghezza di banda del dispositivo NI Dato che questa scheda di I/O con campionamento Densità di rumore in ingresso della scheda DAQ multifunzione NI simultaneo offre una risoluzione di 12 bit anche con una velocità di campionamento di 10 MS/s, le misure di correnti continue e alternate sono affidabili anche su un ampio spettro di frequenze. Per consultare le statistiche sul rumore in assenza di hardware, visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2112. ni.com/pxi 11

12 Acquisizione dati I nuovi moduli SCC aumentano le capacità di controllo del vostro sistema di acquisizione dati Front-end di condizionamento dei segnali della serie SCC. Con i due nuovi moduli SCC di NI potete arricchire il vostro sistema di acquisizione dati con funzionalità di controllo: un sistema di acquisizione dati flessibile non richiede infatti solo il condizionamento per molti tipi di segnali e sensori, ma anche e soprattutto funzioni di controllo, ad esempio sull alimentazione o sulle valvole. Il setup di una procedura di collaudo infatti richiede spesso il controllo di dispositivi quali valvole o attuatori. Il nuovo modulo di output a corrente isolata SCC-CO20 è un modulo a singolo canale che può fornire fino a 20 A ed è quindi l ideale per controllare dispositivi con interfaccia di corrente da 0 a 20 ma; fornisce inoltre isolamento di sicurezza sino a 300 V. Per le applicazioni di switching generalpurpose si possono utilizzare i relè, che permettono di commutare facilmente tensioni elevate o correnti intense; normalmente, si usano per collegare un ingresso a una uscita e per accendere o spegnere dispositivi quali motori, ventole e luci. SCC-RLY01 è un modulo a relè a canale singolo per dispositivi esterni, che contiene un relè SPDT (single-pole double throw) che può commutare sino a 5 A a 30 V c.c. o 250 V c.a. Se avete bisogno di un sistema di acquisizione dati portatile con ridotto numero di canali, i front-end di condizionamento dei segnali della serie SCC offrono la flessibilità e le funzioni evolute che fanno al caso vostro. I prodotti della serie SCC sono facili da usare e idonei per applicazioni che richiedono più tipi di segnali/sensori e opzioni di connettività selezionabili canale per canale, insieme al tipo di misura da acquisire. Per scaricare il data sheet sui nuovi moduli SCC di NI, visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2113. ni.com/scxi Schede DAQ della serie E: costi contenuti e prestazioni elevate Con tutte le caratteristiche offerte dalle attuali schede di acquisizione dati multifunzione risulta difficile capire quali siano quelle che influiscono sul prezzo e se queste hanno anche un'incidenza sulla qualità del prodotto. Per capire che cosa determina le variazioni di prezzo nei prodotti della serie E è necessario comprendere la differenza tra i dispositivi DAQ a basso costo e quelli ad alte prestazioni. Prodotti a basso costo e prodotti ad alte prestazioni I prodotti della serie E a basso costo presentano poche differenze rispetto a quelli ad alte prestazioni, ad esempio range di valori analogici in ingresso più ridotti, ingressi analogici bipolari, nessun trigger sui segnali analogici e un minor numero di canali DMA. Ciascuna di queste caratteristiche può avere un impatto più o meno incisivo sul sistema di acquisizione dati a seconda delle esigenze di misura. Per esempio, la vasta scelta di range di valori in ingresso e le due polarità degli ingressi analogici Polarità ingressi analogici Ingressi analogici Canali DMA Trigger DAQ serie E alte prestazioni mono e bipolari otto tre analogico e digitale DAQ serie E basso costo bipolari quattro uno digitale Prodotti della serie E ad alte prestazioni e prodotti della serie E a basso costo a confronto permettono di regolare la risoluzione del dispositivo entro la gamma di valori consentita dal dispositivo stesso. Le capacità di trigger multiplo sugli ingressi analogici garantiscono la flessibilità richiesta da collaudi attuali e futuri. Un maggior numero di canali DMA consente il flusso di dati da più sottosistemi, a velocità di acquisizione ottimali, senza dovere attendere gli interrupt di sistema: per trovare la combinazione più adatta alle vostre esigenze, confrontate la flessibilità delle misure e le prestazioni con il prezzo. Accuratezza ed efficienza della serie E Tutte le schede della serie E garantiscono alcune caratteristiche, tra cui accuratezza elevata, minore tempo di sviluppo e tempi di collaudo ridotti: accuratezza e ripetibilità delle misure, in particolare, sono i capisaldi della serie E, garantiti dal certificato di calibrazione con tracciabilità NIST che accompagna ogni scheda DAQ della serie E. Il minor tempo di sviluppo e di collaudo riflette non solo l impiego di alcune delle tecnologie hardware dalle più elevate prestazioni disponibili sul mercato, ma anche la possibilità di integrare strettamente l'hardware con il software di misura. L uso di LabVIEW con il driver software altamente integrato NI-DAQ permette di risparmiare tempo e denaro. Se non intendete espandere il sistema di misura e non vi occorrono tutte le caratteristiche della serie E ad alte prestazioni, la scelta ottimale è una scheda a basso costo, a dimostrazione del fatto che un prezzo contenuto non implica affatto prestazioni di basso livello. Per consultare Understanding Accuracy Specifications and Computer-Based Instruments Parts I-III, visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2114. ni.com/measurements 12

13 AutomationViewTM La newsletter de l'automatisation industrielle de National Instruments Volume 14, n Nouvelles options de mesure dans FieldPoint temps réel La technologie d entrées/sorties déportées temps réel FieldPoint de National Instruments continue son incroyable expansion dans des domaines d application exigeant une grande fiabilité : le contrôle embarqué, la simulation, l analyse et l enregistrement de données. Doté d une large gamme de modules d entrées/sorties, FieldPoint permet de répondre aux besoins de nombreuses applications incorporant des mesures de températures, de tension et courant, AC ou DC, le contrôle de relais, la génération d impulsions mais aussi les mesures des caractéristiques temporelles des signaux. Nos nouveaux modules FieldPoint utilisés avec notre logiciel de programmation graphique LabVIEW Real-Time, permettent d étendre les possibilités des applications suite page A3 Lookout 5.0 améliore la gestion de données historiques page A2 ni.com/automation

14 LOOKOUT Lookout 5.0 améliore la gestion de données historiques LLe logiciel Lookout 5.0 de National Instruments est un logiciel IHM/SCADA facile d emploi qui présente des fonctionnalités avancées de gestion et de visualisation de données historiques, garantissant ainsi des présentation, archivage et organisation améliorés des données historiques et temps réel. Lookout 5.0 présente un nouvel outil de visualisation des données historiques qui permet de mieux contrôler les données de processus. Étant donné que ce nouveau visualisateur intègre des données, des alarmes, et des événements dans le même utilitaire, vous pouvez accroître votre productivité en définissant plusieurs aperçus pour les événements, les alarmes et les données historiques. En plus, Lookout 5.0 présente de nouvelles fonctionnalités de gestion de données historiques pour améliorer la flexibilité et le contrôle. La gestion de vos données historiques s en trouve considérablement améliorée. Vous pouvez facilement exporter vos données historiques vers un fichier texte ou vers DIAdem, le logiciel de gestion de données différée, pour ensuite les archiver et les fusionner. Vous pouvez aussi renommer, effacer et compacter vos relevés. En outre, vous pouvez désormais archiver les données sur un serveur ou une base de données déporté(e) aussi souvent que nécessaire, protégeant ainsi les données contre une corruption éventuelle sur le disque local sur lequel vous êtes en train d enregistrer. Vous pouvez également fusionner les données pour procéder à une analyse réciproque. Par exemple, vous pouvez enregistrer deux lots de données en provenance de deux réacteurs chimiques, et ensuite les combiner pour procéder à une analyse comparative. Enfin, vous pouvez Le logiciel Lookout 5.0 de National Instruments est un logiciel IHM/SCADA facile d emploi qui présente des fonctionnalités avancées de gestion et de visualisation de données historiques, garantissant ainsi des présentation, archivage et organisation améliorés des données historiques et temps réel. désormais mieux organiser les fichiers en les compactant pour gagner de l espace disque, en effaçant les informations superflues ou en renommant les fichiers. Les nouvelles fonctionnalités de gestion de données historiques Vous pouvez organiser et présenter des données historiques plus facilement avec Lookout 5.0. de Lookout 5.0 vous octroient un plus grand contrôle de votre application au profit de résultats plus précis. Stefano Zanetti, Responsable de produits de fabrication et de contrôle de processus Pour télécharger la version d évaluation du logiciel Lookout, visitez le site ni.com/info et entrez nsa2101 dans le champ info-code. ni.com/lookout Lookout optimise l efficacité de la production manufacturée par John Dunlop, Directeur technique, Bytronic Automation Ltd, Grande-Bretagne ; Brendon Welsh, Ingénieur développement, Bytronic Automation Ltd, Grande-Bretagne ; Ian Rowledge, Directeur Général, OptimumFX, Grande-Bretagne L objectif : développer un système de contrôle en ligne de la production, capable d analyser les données industrielles afin de viser des domaines essentiels pour le personnel en production, dans une entreprise de biens de consommation à grand volume et à tirage rapide (FMCG). La solution : créer un système de contrôle en ligne, en utilisant le logiciel d IHM/SCADA Lookout et des E/S distribuées FieldPoint, pour optimiser l efficacité de la production sur toute une variété de lignes de production FMCG. Rentabilité de la production améliorée La production FMCG est une activité dynamique, réglée avec précision, qui a besoin que tous les aspects d une ligne de production fonctionnent correctement pour un maximum de productivité. Les sociétés Bytronic, membre du Programme Alliance de NI, et OptimumFX ont mis au point et installé de concert un système de contrôle en ligne qui permet d optimiser l efficacité de la production manufacturée sur un grand nombre de lignes de production FMCG à grand volume en Grande-Bretagne. Ce système de contrôle en ligne utilise le logiciel IHM/SCADA Lookout et du matériel d E/S distribuées FieldPoint pour garantir une interface conviviale capable d afficher une analyse des statistiques dynamiques et des données temps réel, et d enregistrer des historiques sur toute la ligne de production. Savoir ce qui se passe sur chaque machine à un moment donné est important, mais connaître les effets d une interruption particulière sur la production toute entière est tout à fait essentiel. Le système emploie des techniques de fabrication théoriques basées sur l analyse de perte pour identifier les endroits critiques de rupture, et signaler ses résultats à l opérateur. Les décisionnaires peuvent ensuite utiliser l analyse de perte pour assister les décisions de la maintenance et obtenir une amélioration continue, conduisant à une meilleure utilisation de l équipement et à une rentabilité de production accrue. Pour télécharger la version complète de cette solution utilisateur, visitez le site ni.com/info et entrez nsa2102 dans le champ info-code. ni.com/lookout A2 Pour contacter les filiales francophones de National Instruments, consultez la dernière page.

15 FIELDPOINT Nouvelles options de mesure dans FieldPoint temps réel suite de la page de couverture d entrées/sorties déportées. En effet, deux nouveaux modules FieldPoint fournissent une solution idéale pour la mesure de contraintes, de signaux haute tension dans des applications aussi diverses que le contrôle de process, d infrastructures, et la construction de matériaux thermoplastiques. Les Entrées/Sorties déportées temps réel La famille FieldPoint 2000 associe la puissance et la rapidité de développement de LabVIEW, la performance d un système d exploitation temps réel RTOS et l aspect modulaire de la famille FieldPoint. Le nouveau module Ethernet FP-2000 permet la programmation de systèmes d entrées/sorties déportées afin de réaliser de puissantes applications embarquées totalement indépendantes du PC hôte, ou bien en tant que sous-système d un réseau. Vous pouvez publier les informations via une page Web ou partager des données avec d autres sous-systèmes du réseau. Comme il est possible de télécharger directement l application LabVIEW au sein du module FP-2000, vous pouvez développer des applications d entrées/sorties totalement fiables bénéficiant du concept temps réel. De plus, associé à nos différents modules, le FP-2000 permet de créer un système qui répond exactement à vos besoins. Mesure de contraintes et de hautes tensions avec FieldPoint Bénéficiant de huit voies et d une résolution de 16 bits, le module jauge de contrainte FP-SG-140 est totalement conçu pour la mesure précise de contraintes dans des applications aussi diverses que le contrôle de machines tournantes ou de structures. Ce module peut s interfacer avec de nombreux capteurs comme des capteurs de pression, des capteurs de force mais aussi des jauges de contrainte en quart de pont, demi-pont ou pont complet. Le nouveau module d entrée analogique haute tension FP-AI-102, permet désormais de mesurer avec une résolution de 12 bits des hautes tensions dans une gamme de ±120 V. Le FP-AI-102 revêt toute son utilité dans des environnements fortement industriels incluant l alimentation des batteries. Le contrôle de vieillissement des structures est d une importance capitale notamment pour les stades, les barrages hydrauliques, les ponts d autoroutes et aussi dans de nombreux autres cas. Désormais, aux États-Unis, certaines structures sont testées afin de prolonger leur cycle de vie, initialement prévu pour 50 ans. Cette nouvelle tendance offre donc d importants besoins dans le contrôle et l analyse en continu des effets du Deux nouveaux modules FieldPoint fournissent une solution idéale pour la mesure de contraintes, de signaux haute tension dans des applications aussi diverses que le contrôle de process, d'infrastructures, et la construction de matériaux plastiques. Les applications de contrôle de processus exigeantes, qui combinent le contrôle en lots et régulatoire (PID), conviennent tout à fait à la série FP-2000 des contrôleurs embarqués LabVIEW Real-Time. vieillissement, de l environnement et de l utilisation intensive. Récemment, des ingénieurs et des scientifiques ont développé un système de contrôle qui permet d interpréter les effets de l usure naturelle ainsi que les contraintes sur ces structures. Le nouveau module jauge de contrainte FP-SG-140 offre aux ingénieurs en résistance des structures une solution temps réel pour le contrôle, l enregistrement de données et l analyse transitoire nécessaire pour identifier les problèmes mais aussi pour spécifier les réparations adéquates. Chaque module FP-SG-140 peut contrôler jusqu à huit jauges de contrainte configurables de manière logicielle en demi-pont ou pont complet. De même, le FP-SG-140, de résolution 16 bits, peut configurer chaque voie en excitation ou en filtrage. Un système typique de contrôle de résistance de structure serait composé d un contrôleur temps réel FP-2010, d un module thermocouple FP-TC-120 pour mesurer la température ambiante, de plusieurs modules jauges de contrainte afin de mesurer les contraintes en différents points stratégiques. LabVIEW Real-Time 6.1, fonctionnant sur le processeur embarqué du module FP-2010, enregistre les données provenant des mesures, les analyse et les stocke dans la mémoire non volatile du module, et ensuite les transfère sur le PC hôte via un modem cellulaire quotidiennement ou continuellement (modem spectre étendu SRM6000). Bénéficiant d une portée de 32 Km (20 miles), le modem SRM6000 convertit un système d entrées/sorties FieldPoint en un système d acquisition de données sans fil. L université de Tennessee projette de créer un système intelligent de contrôle de batterie, en utilisant le module d entrée analogique haute Pour contacter les filiales francophones de National Instruments, consultez la dernière page. A3

16 FIELDPOINT tension FP-AI-102 pour le concours automobile de FutureTruck. Ce projet se compose d un module de contrôle temps réel FP-2010, de modules haute tension FP-AI-102 et de modules basse tension pour les signaux provenant des capteurs de température et de courant. Ce système de contrôle fonctionnant avec LabVIEW Real-Time, repose sur un modèle de simulation, contrôlé en entrée par les modules FP et permettant d estimer l évolution interne de la batterie. Il s interface aussi avec un système d égalisation de charges qui permet le transfert de courant entre différentes cellules de la batterie afin que toutes soient également chargées. Alex Bobreck, Responsable de l équipe des contrôles à l Université de Tennessee pour l équipe FutureTruck, confirme que "la compacité et la robustesse de FieldPoint, associées à la facilité de programmation de LabVIEW, étaient très importantes pour respecter les brefs délais impartis en termes de développement." Moulage de plastique par injection, à haut rendement Les fabricants utilisent les thermoplastiques pour créer une large gamme de produits allant de l industrie automobile et télécom jusqu à l emballage alimentaire et les jouets. Dans ce processus de fabrication, les opérateurs mélangent les particules de thermoplastique et les chauffent ensuite jusqu à une certaine température afin qu il soit malléable. Ils donnent alors forme à ce mélange liquide de plastique en utilisant un moule ou alors en le pressant et en le refroidissant pour former le produit fini. Ce processus exige un contrôle minutieux de la température afin d obtenir le meilleur conséquent, l association de la puissance du FieldPoint 20xx et les caractéristiques du FP-RTD-122 créent un système totalement dédié à l industrie thermoplastique. Un exemple de système existant utilise un contrôleur temps réel FP-2010, un module FP-RTD-122 pour mesurer la température ainsi qu un module relais FP-RLY-420 pour contrôler l ouverture ou la fermeture des vannes d injection. Enfin, un module de génération d'impulsions FP-PWM-520 contrôle le moteur ainsi que les différents fourneaux. Le contrôleur embarqué mélange les particules thermoplastiques et les dépose ensuite dans les fourneaux. Durant le processus de chauffage, le FP-2010 allume ou éteint les fourneaux afin d obtenir un écoulement optimal ; dès lors le mélange thermoplastique est injecté dans les modules. Le processus peut fonctionner de manière totalement indépendante en utilisant un contrôleur temps réel FP-2010 ou alors avec l intervention d opérateurs, notamment pour l ajustement de paramètres sur des PC hôtes reliés au réseau. Si la demande d accroissement de la rentabilité oblige la création d un algorithme de contrôle plus évolué, le contrôleur temps réel FP-2000 utilise toute la puissance de la bibliothèque de traitement de signaux de LabVIEW. De nouvelles fonctionnalités telle que la bibliothèque d analyse point à point vous permet d incorporer avec une aisance de plus en plus déconcertante, dans votre contrôleur temps réel, les techniques d analyse et de contrôle avancés. Le toolset de contrôle PID de LabVIEW offre aussi des possibilités de contrôle de processus non linéaires, notamment la régulation par logique Rendement énergétique amélioré dans les véhicules électriques hybrides Les véhicules électriques hybrides (HEV) combinent le moteur à combustion interne d un véhicule traditionnel avec le moteur électrique d un véhicule électrique. Il en résulte une amélioration du rendement énergétique et une réduction des émissions comparées aux véhicules traditionnels. Au cœur même d un véhicule hybride se trouve le système de stockage de l énergie, qui stocke l énergie issue du moteur et provenant du frein régénératif dans un bloc-batteries haute tension. Ce blocbatteries se compose d un grand nombre d accumulateurs basse tension câblés les uns aux autres en série. Parmi les indicateurs essentiels de l état général de la batterie, citons la tension, le courant et la température. Vu les légères différences observées entre accumulateurs adjacents dans un même bloc, il se peut qu un accumulateur se charge ou se décharge complètement avant le reste du bloc. Pour cette raison, vous devez contrôler avec attention le chargement et le déchargement de ces accumulateurs pour éviter de quelconques dégâts causés par une mauvaise charge des cellules. Todd Walter et Brian MacCleery, Responsables produits E/S distribuées Si la demande d accroissement de la rentabilité oblige la création d un algorithme de contrôle plus évolué, le contrôleur temps réel FP-2000 utilise toute la puissance de la bibliothèque de traitement de signaux de LabVIEW. Pour contrôler le processus de moulure d injection plastique simulé FP-2010, visitez le site ni.com/info et entrez nsa2103 dans le champ info-code. rendement possible. Les ingénieurs utilisent généralement des RTD pour mesurer la température puisqu elles fournissent un niveau de précision inégalée. De plus, les RTD peuvent être utilisées sur de longues distances sans risques de perturbations. Le module FP-RTD-122 est idéal pour ces applications grâce, notamment, à son excitation interne, son filtrage et sa résolution de 16 bits qui lui garantissent une grande précision. Par floue et aussi de nombreux outils de simulation linéaire ou non. LabVIEW Real-Time 6.1 inclut tous ces outils. En conclusion, avec le nouveau module jauge de contrainte FP-SG-140 et le module haute tension FP-AI-102, vous pouvez étendre vos applications selon vos besoins. En outre, vous ajoutez les avantages du temps réel pour un contrôle extrêmement fiable. Pour télécharger la solution utilisateur intitulée Automating a Canning Line Using LabVIEW and FieldPoint, visitez le site ni.com/info et entrez nsa2104 dans le champ info-code. Pour télécharger la solution utilisateur intitulée Real-Time Furnace Monitoring System, visitez le site ni.com/info et entrez nsa2105 dans le champ info-code. ni.com/fieldpoint A4 Pour contacter les filiales francophones de National Instruments, consultez la dernière page.

17 Boundary-Scan Integrazione dell architettura boundary-scan nella piattaforma NI IEEE , lo standard per il test della porta di scansione e l architettura boundary-scan, sta rapidamente sostituendo i sistemi di test tradizionali in-circuit (ICT) man mano che i prodotti diventano più complessi e il posizionamento delle sonde sull unità sottoposta a collaudo (UUT) più difficoltoso. National Instruments, fornitore di sistemi aperti, sta collaborando con numerose aziende che offrono l architettura boundary-scan per creare piattaforme flessibili in grado di riconoscere e integrare controllori e software boundary-scan nella piattaforma PXI. Questa integrazione garantisce soluzioni complesse che combinano l ispezione ottica automatica (AOI) e i test boundary-scan in una piattaforma di test universale e che operano con il software per la gestione dei test TestStand e l ambiente di programmazione grafica LabVIEW di National Instruments. JTAG Technologies e altri Alliance Member di National Instruments dispongono di controllori boundary-scan in formato PXI e PCI. JTAG Technologies offre inoltre l integrazione di sistemi di test avanzati con i nuovi step di TestStand, che riducono l implementazione dei test a semplici finestre di configurazione. Molti circuiti integrati hanno il boundary-scan incorporato che consente una migliore copertura di test rispetto ai sistemi ICT. Unificazione della piattaforma di test L unificazione della piattaforma di test garantisce numerosi vantaggi rispetto all implementazione di componenti separati. Poiché si tratta di una soluzione modulare, è possibile modificare ed espandere con facilità le capacità di test di ciascuna cella, sia che si desideri aggiungere test funzionali oppure integrare il boundary-scan in un sistema esistente. La modularità del sistema consente inoltre di ridurre al minino l investimento iniziale, il che è l ideale in fase di preproduzione. È quindi possibile aggiungere dei componenti prima di avviare la produzione vera e propria. L implementazione di questa architettura di test riduce inoltre sostanzialmente i costi del sistema, poiché l unificazione delle connessioni e la riduzione delle parti di ricambio incide direttamente sulle spese di gestione. Che cos è l architettura boundary-scan? Joint Test Action Group (JTAG) è un gruppo di oltre 200 aziende operanti nel settore dei semiconduttori, dei test e dell integrazione di sistemi, nato intorno alla metà degli anni Ottanta. Le specifiche promosse da questo gruppo sono state formalmente riconosciute come standard industriale nel 1990 con il nome di IEEE Molte di queste aziende avevano da tempo previsto che i dispositivi elettronici sarebbero diventati sempre più complessi e che, di conseguenza, i test avrebbero subito delle limitazioni. Queste limitazioni potevano essere di tre diversi tipi. Innanzitutto la maggiore complessità dei chip avrebbe portato a un aumento del numero di connessioni e a una diminuzione dello spazio tra i pin. Questa tendenza è stata accelerata dall introduzione di un BGA (ball gate array) che sposta la connessione nella parte inferiore del chip. In secondo luogo, al diminuire delle dimensioni di alcuni dispositivi, come ad esempio i telefoni cellulari, lo spazio disponibile per i test pad si sarebbe ridotto, comportando un numero sempre più basso di connessioni a dispositivi complessi. La terza limitazione era di tipo elettrico più che fisico. Mentre le aziende sviluppavano dispositivi in grado di portare le informazioni a larghezze di banda sempre maggiori, i test pad si trasformavano in minitrasmettitori e ricevitori di energia RF, rivoluzionando i dispositivi e divenendo ancor più problematici per gli sviluppatori di prodotti. La soluzione consisteva nello spostare all interno dei chip l implementazione dei tradizionali test ICT, quali i test di circuito aperto e di cortocircuito, e nell offrire una via d'accesso o un boundary per temporizzare ed effettuare la scansione delle informazioni digitali. Il risultato di questa operazione è il boundary-scan. L architettura boundary-scan è un ottima alternativa ai test in-circuit per il test delle connessioni elettriche. Test con l architettura boundary-scan Per effettuare dei test con l architettura boundaryscan sono necessari due requisiti. Alcuni circuiti integrati della scheda devono essere compatibili con il boundary-scan. Per testare una scheda si utilizza un set di vettori di test che comandano il registro individuale in modo che esegua il test richiesto. Inoltre chi progetta il prodotto deve includere un path di scansione tra i circuiti integrati (IC) che passa dalla porta di accesso di test attraverso i circuiti integrati e poi torna indietro alla porta per estrarre i dati. L architettura boundary-scan è un ottima alternativa ai test in-circuit per il test delle connessioni elettriche. Man mano che i dispositivi diventeranno più integrati e miniaturizzati, questa architettura, che garantisce costi di test contenuti, si affermerà in modo definitivo. Oltre al test delle schede, il boundary-scan è anche un metodo molto efficace per la programmazione in-system di memoria Flash e PLD. Queste funzioni possono inoltre essere inserite nell ambiente dei test funzionali. L integrazione tra test funzionali, AOI e boundary-scan consente infine di realizzare singoli sistemi di test in grado di verificare qualsiasi attributo del prodotto, riducendo i costi di sistema. Per maggiori informazioni sull architettura boundary-scan visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2115. ni.com/alliance 13

18 Strumenti Controllo remoto degli strumenti con il software NI-VISA Man mano che la tecnologia informatica standard si diffonde nel mondo dei collaudi e delle misure, i sistemi hardware arrivano a comprendere dispositivi che si collegano a bus GPIB, seriali, Internet, USB e FireWire (IEEE 1394). Il software di I/O per la strumentazione è la tecnologia che fornisce l architettura necessaria per integrare in modo semplice questi bus in un solo sistema. Adottando standard industriali come l architettura VISA (Virtual Instrument Software Architecture) è possibile integrare questi strumenti senza difficoltà all interno di un sistema. Recentemente è stata introdotta sul mercato l ultima versione del software NI-VISA, la 2.6, che offre una funzionalità di remotizzazione costituita da un componente server e un componente client. Con il client VISA installato sulla vostra macchina potete controllare remotamente gli strumenti collegati a un'altra macchina su cui è in esecuzione la componente server VISA. In questo modo è possibile controllare gli strumenti collegati a uno qualsiasi dei bus standard compatibili con NI-VISA, come GPIB, seriali, VXI e PXI. La nuova versione aumenta anche la compatibilità tra l interfaccia di programmazione del software VISA e la specifica recentemente Il software NI-VISA consente di controllare gli strumenti in remoto. approvata per le interfacce COM (Component Object Model) di Microsoft, favorendo L'associazione è rappresentata da una gli utenti dell'ambiente di sviluppo Visual Basic, sottocommissione all interno della IVI Foundation. nel quale COM è il metodo standard per l'utilizzo I suoi attivi gruppi di lavoro continueranno a dei componenti. impegnarsi per promuovere e perfezionare le specifiche esistenti. Un passo avanti nella standardizzazione Oltre alla specifica VISA COM, la VXIplug&play Systems Alliance, l'associazione che definisce e aggiorna gli standard VISA, ha anche approvato una proposta di fusione con la IVI Foundation. Per ulteriori informazioni su NI-VISA, visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2116. ni.com/visa Migliorare la qualità con TestStand e il software Quality Analyst Unendo le migliori caratteristiche dei software per la gestione dei test e di quelli per l analisi statistica della qualità, è possibile avere un quadro completo dei dati di processo e realizzare sistemi flessibili per la gestione della produzione che massimizzano i risultati dei test e il throughput riducendo i costi. TestStand, un ambiente pronto all uso TestStand è un ambiente per la gestione dei test pronto all uso che permette di organizzare, TestStand consente la condivisione dei dati con il software di Northwest Analytical. controllare ed eseguire sistemi automatici per la generazione di prototipi, la validazione o i test in produzione. Il software per la gestione dei test è il cuore della moderna piattaforma di test: definisce le sequenze di test, controlla in modo efficiente gli strumenti e supporta i processi decisionali, offrendo un prodotto finale che garantisce un alto livello di affidabilità. SQC per la misura e il tracking Statistical Quality Control (SQC) è un set di metodologie standard di analisi statistica per la misura e il tracking delle caratteristiche dei processi di produzione. Con SQC è possibile analizzare i difetti dei prodotti e rilevare possibili errori di processo in modo da migliorarne la qualità. I programmi SQC, come il software Quality Analyst di Northwest Analytical, consentono di monitorare i dati parametrici e gli attributi (pass/fail) su base temporale da qualsiasi database compatibile ODBC o file ASCII. Miglioramento dell efficienza e della qualità La combinazione di questi due pacchetti software commerciali e pronti all uso di NI e di Northwest Analytical garantisce un miglioramento dell efficienza e della qualità. Grazie a queste soluzioni integrate, è possibile realizzare sistemi intelligenti in grado di effettuare test personalizzabili per verificare le condizioni della linea di produzione. Per tutto il ciclo di test il sistema crea uno storico di ciascun prodotto e ne individua le parti che sono più soggette a errori e che quindi hanno bisogno di essere testate ogni volta. Integrando la gestione dei test e l analisi statistica nel sistema di produzione, è possibile affrontare e risolvere i problemi legati ai componenti e ai processi in minor tempo e con maggiore precisione, riducendo i costi di produzione. Per consultare il white paper su come migliorare la qualità dei prodotti e ridurre i costi di test visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2117. ni.com/alliance 14

19 Comunicazione GPIB-ENET/100 trasforma il sistema di strumentazione in un sistema wireless La scheda GPIB-ENET/100 di National Instruments offre nuove caratteristiche di dimensioni, distanza, condizioni ambientali, integrazione di sistemi di test e collocazione della strumentazione nelle applicazioni di test controllate da PC. La comunicazione con i sistemi di strumentazione attraverso una connessione wireless offre maggiore versatilità al vostro sistema GPIB e la possibilità di renderlo portatile. GPIB-ENET/100 di NI converte in modo semplice il vostro sistema di strumentazione in un sistema di test wireless con router e punti d accesso pronti all uso. Utilizzo di GPIB-ENET/100 per il controllo di strumenti wireless La scheda GPIB-ENET/100 è progettata per comunicare su qualsiasi rete TCP/IP via Ethernet. Combinando GPIB-ENET/100 con un qualsiasi router wireless disponibile in commercio, il sistema di controllo Ethernet si trasforma istantaneamente in un sistema di controllo degli strumenti wireless. La maggior parte dei router wireless sono facili da installare e impostare. Generalmente possono essere installati collegandoli a un computer o a una rete LAN Ethernet esistente. Utilizzando un indirizzo IP specifico, si configurano quindi le impostazioni del router: tipo di rete (ad hoc o infrastruttura), metodo di crittografia, password, numero di utenti, ecc. A seconda della configurazione della rete e del computer, potrebbe essere necessario ricorrere all aiuto di un amministratore di rete per configurare la rete wireless. Per completare le connessioni di un sistema di test wireless, è necessario collegare il router wireless a GPIB-ENET/100 con un cavo Ethernet standard a doppino intrecciato. La scheda GPIB-ENET/100 si collega invece al sistema di strumentazione a mezzo di un cavo GPIB standard e può essere configurata da un computer abilitato per comunicazioni wireless attraverso le utility incluse nel software NI Tra le applicazioni per il controllo di strumenti wireless vi sono: Controllo di rack di strumentazione portatili da un computer abilitato per comunicazioni wireless Controllo di strumentazione in un ambiente critico Controllo di strumentazione senza connessione Ethernet o fisica Condivisione dell accesso a strumenti e sistemi GPIB su una rete wireless in modo che più utenti possano scaricare i dati di test o eseguire dei test da diversi computer abilitati per comunicazioni wireless Utilizzando router wireless pronti all uso e GPIB-ENET/100, è possibile trasformare istantaneamente il sistema di test in un sistema portatile e wireless. La configurazione e il setup della rete wireless sono generalmente privi di errori. Per consultare l application note relativa all impostazione di un sistema di test wireless con GPIB-ENET/100, visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2118. Per maggiori informazioni su GPIB-ENET/100 visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2119. ni.com/serial Uno strumento ancora più potente per sviluppare il firmware degli strumenti Con il software NI-Device potete programmare firmware indipendente dal bus per dispositivi standard ANSI/IEEE 488.2: NI-Device è infatti uno dei primi tool industriali a permettere la creazione di strumenti IEEE grazie all isolamento del codice dello strumento dalle specifiche di comunicazione del bus. Utilizzando questo software, potete programmare facilmente il firmware del vostro strumento perché gestisca la comunicazione attraverso i bus GPIB e TCP/IP, oltre che potenziarlo in vista di una futura comunicazione tramite altri bus. Funzionalità avanzate e più potenti Il software NI-Device soddisfa la maggior parte delle specifiche del protocollo IEEE relative alle code di I/O, al trigger e al reset dei dispositivi e alla generazione di report sullo stato. L'ultima versione del software, la 1.3, rende possibile l implementazione del Message Exchange Protocol (MPP) IEEE In precedenza questa implementazione era effettuata dai progettisti degli strumenti attraverso una procedura molto lenta, mentre ora può essere svolta all interno della propria azienda, con rapidità e facilità di scrittura e di sviluppo. Questa versione di NI-Device presenta anche una migliore compatibilità con un secondo bus di I/O attraverso la gestione della comunicazione TCP/IP tramite protocollo XVI-11. Utilizzando NI-Device potete programmare il firmware per il vostro strumento GPIB e aggiungere ad esso un interfaccia Ethernet con uno sforzo minimo. NI-Device 1.3 è ora disponibile per i sistemi operativi Windows 2000/NT/XP/Me; con questa versione del prodotto è possibile programmare firmware per tutti gli strumenti che operano con questi sistemi operativi e che usano un interfaccia GPIB di National Instruments con bus PCI (PCI-GPIB, PXI-GPIB o PMC-GPIB) o un'interfaccia Ethernet. La compatibilità con quest ultima può essere ottenuta con i controllori PCI-8212 o Con NI-Device potete programmare firmware indipendente dal tipo di bus. PXI-8212 di NI per GPIB/Ethernet, o con qualsiasi interfaccia Ethernet incorporata nell hardware del vostro dispositivo. Per ulteriori informazioni su NI-Device, visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2120. ni.com/measurements 15

20 Controllori Il controllore ad alta velocità PXI-8176 RT Il nuovo controllore PXI-8176 RT migliora le prestazioni delle applicazioni real-time, offrendo un elaborazione dei segnali più rapida e un aumento fino al 300% delle velocità di ciclo. Simile a PXI-8156B RT e a PXI-8170 RT, il controllore PXI-8176 RT è dotato di un sistema operativo real-time su un processore dedicato e si integra facilmente con il software e l hardware di NI. Basato sulle specifiche PXI/CompactPCI, PXI-8176 RT dispone di un processore Pentium III a 1.2 GHz, un disco rigido da 15 GB, un unità floppy, una porta Ethernet e una porta seriale. Con il processore Pentium III a 1.2 GHz potete creare applicazioni real-time ed eseguire cicli di controllo in real-time a più di 40 khz per singolo loop PID. In rapporto alle prestazioni del PXI-8156B, il PXI-8176 RT ha una velocità di ciclo quattro volte maggiore. Soluzioni real-time complete Il controllore PXI-8176 RT è un dispositivo realtime pronto all uso che garantisce rapidità di sviluppo, implementazione e manutenzione per sistemi real-time ad alte prestazioni. Il controllore viene fornito con il software NI-DAQ embedded e con LabVIEW Real-Time preinstallato. Potete utilizzare l ambiente di sviluppo LabVIEW 6.1 con i prodotti PXI esistenti al fine di creare una soluzione integrata per applicazioni real-time. Una volta collegato il controllore al computer tramite la porta Ethernet incorporata e dopo aver configurato un indirizzo IP appropriato, potete procedere allo sviluppo dell'applicazione real-time. Il programma può essere scritto con LabVIEW su un computer in ambiente Windows e poi trasferito su un sistema NI 8176 RT semplicemente attraverso un comando di menu. Il controllore PXI real-time può operare con una vasta gamma di moduli plug-in PXI per creare soluzioni real-time integrate con compatibilità di I/O illimitata. PXI-8176 RT e LabVIEW Real-Time 6.1 sono in grado di gestire moduli di acquisizione dati, moduli SCXI e moduli per l acquisizione di segnali dinamici e si collegano a controllori FlexMotion, dispositivi seriali e apparecchiature CAN. Per ulteriori informazioni sul controllore PXI-8176 RT, visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2121. ni.com/pxi Trasformate il vostro strumento da GPIB a Ethernet o USB Anche se GPIB rimane il bus più diffuso per il controllo della strumentazione, sono ampiamente utilizzati anche altri bus, quali USB, Ethernet e IEEE 1394, che si possono collegare a GPIB tramite prodotti specifici detti bridge; in questo modo è possibile utilizzare al meglio bus a vasta diffusione, come USB e Ethernet, senza vanificare i propri investimenti software e hardware. I prodotti bridge esterni GPIB o seriali aumentano le opzioni di connettività dei bus. L uso dei prodotti bridge permette di convertire in modo trasparente un tipo di bus in un altro, avvalendosi delle più recenti tecnologie senza perdere la compatibilità con i prodotti precedenti. Per esempio, un bridge potrebbe connettersi con una estremità a una porta Ethernet, USB o IEEE 1394, e con l altra agli strumenti tradizionali attraverso porte GPIB o seriali. I nuovi bus consentono di sfruttare la tecnologia Plug and Play, sono facili da usare e molto diffusi. Inoltre, mantenendo la compatibilità con il software di controllo della strumentazione, permettono di preservare gli investimenti effettuati nel software e nello sviluppo. Un avvio rapido National Instruments offre soluzioni a costo contenuto dalle elevate prestazioni per un'ampia gamma di controllori esterni GPIB, consentendovi di diventare operativi in tempi brevi. Con il controllore GPIB-ENET/100 si possono controllare e condividere strumenti situati in qualsiasi parte del mondo attraverso una rete TCP/IP e si può riutilizzare il codice scritto per qualsiasi altra interfaccia GPIB di NI. Il controllore compatto GPIB-USB-A trasforma qualsiasi computer con porta USB in un controllore IEEE Plug and Play completo, in grado di gestire fino a 14 strumenti GPIB programmabili. Le dimensioni contenute e il peso ridotto lo rendono ideale per applicazioni basate su computer portatili o per altre applicazioni in cui il computer non ha slot di I/O interni disponibili. I controllori ENET-232 e ENET-485 di NI si installano come normali porte seriali, ma permettono il controllo remoto degli strumenti seriali attraverso le reti Ethernet 100BaseTX (100 Mb/s) o 10BaseT (10 Mb/s). La chiave del successo Indipendentemente dal bus che si utilizza con GPIB, la compatibilità e l integrazione del software sono la chiave del vostro successo. La disponibilità di un software che mantiene la compatibilità con le versioni precedenti e che nel contempo si integra senza problemi con i nuovi bus riduce drasticamente i tempi necessari per rendere disponibile online uno strumento. Invece che passare mesi interi a riscrivere l'applicazione saranno infatti sufficienti poche ore di lavoro. Per maggiori informazioni sull uso dei bridge GPIB o seriali esterni visitate ni.com/italian e digitate il codice nsi2122. ni.com/gpib 16

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

The Future Starts Now. Termometri portatili

The Future Starts Now. Termometri portatili Termometri portatili Temp 70 RTD Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD 0,01 C da -99,99 a +99,99 C 0,1 C da -200,0 a +999,9 C Temp 7 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD 0,1 C da -99,9 a +199,9 C 1 C da

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft

Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft Informazione Navigare in Internet in siti di social network oppure in siti web che consentono la condivisione di video è una delle forme più accattivanti

Dettagli

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS Integrazione Ecad Mcad Ecad - MENTOR GRAPHICS MENTOR GRAPHICS - PADS La crescente complessità del mercato della progettazione elettronica impone l esigenza di realizzare prodotti di dimensioni sempre più

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi Analisi per tutti Considerazioni principali Soddisfare le esigenze di una vasta gamma di utenti con analisi semplici e avanzate Coinvolgere le persone giuste nei processi decisionali Consentire l'analisi

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE INTRODUZIONE BENVENUTO Benvenuto in SPARK XL l applicazione TC WORKS dedicata al processamento, all editing e alla masterizzazione di segnali audio digitali. Il design di nuova

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet

Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet OUCH! Ottobre 2012 IN QUESTO NUMERO Introduzione Le precauzioni da prendere Cosa fare in caso di smarrimento o furto Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet L AUTORE DI QUESTO NUMERO Heather

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale IMMS 3.0 TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO Sistema di controllo centrale Aprite la finestra sul vostro mondo Il software di monitoraggio e gestione dell

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione E-VISION Tempo Timer luci a microprocessore Manuale d uso e installazione ELOS E-VISION - Tempo Controllo Luci Acquario a Microprocessore. 1. Semplice da programmare 2. Gestisce sia lampade a led sia lampade

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli