ALIMENTAZIONE E ATTIVITÀ MOTORIA NELLA SCUOLA PRIMARIA.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALIMENTAZIONE E ATTIVITÀ MOTORIA NELLA SCUOLA PRIMARIA."

Transcript

1 Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute ALIMENTAZIONE E ATTIVITÀ MOTORIA NELLA SCUOLA PRIMARIA. ATTIVITÀ E METODI PER PROGETTARE INTERVENTI EFFICACI Dicembre 2007

2

3 REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute Collana Promozione della Salute ALIMENTAZIONE E ATTIVITÀ MOTORIA NELLA SCUOLA PRIMARIA. ATTIVITÀ E METODI PER PROGETTARE INTERVENTI EFFICACI a cura di A. Suglia 1 Si ringrazia il Gruppo di Lavoro Regionale: Sviluppare per bambini e adolescenti attività educative su nutrizione, educazione al gusto e attività fisica e promuovere interventi per l aumento del tempo dedicato all attività motoria, come parti integranti di programmi di promozione della salute - Progetto della Regione Piemonte: Sorveglianza e Prevenzione dell obesità - per la revisione critica del documento. 1 DoRS Regione Piemonte

4 REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute (DoRS) Regione Piemonte Alimentazione e attività motoria nella scuola. Attività e metodi per progettare interventi efficaci Il documento è stato realizzato nell ambito del Progetto della Regione Piemonte: Sorveglianza e prevenzione dell obesità dal Gruppo di Lavoro Regionale: Sviluppare per bambini e adolescenti attività educative su nutrizione, educazione al gusto e attività fisica e promuovere interventi per l aumento del tempo dedicato all attività motoria, come parti integranti di programmi di promozione della salute. Il Gruppo di Lavoro Regionale è composto da: BELLAN Giorgio, Medico Veterinario ASL Ciriè BERRUTI Renza, Medico ASL Asti BRUSA Mauro, Medico e RePES ASL Casale Monferrato GOTTIN Maurizio, Medico dello Sport ASL Chivasso LINGUA Simonetta, Formatore DoRS Regione Piemonte MUSCOLO Germana, Esperta di metodologie formative e orientamento USP Cuneo PALTRINIERI Giovanna, Medico Asl Pinerolo SACCHI Elena, Dietista ASL Savigliano A cura di Alessandra Suglia - DoRS Regione Piemonte Si ringrazia Maurizio Gottin per la stesura dell Allegato n. 1 e la revisione critica del documento. Si ringrazia Giovanna Paltrinieri per la stesura dell Allegato n. 2 e per la revisione critica del Capitolo n. 1. Si ringraziano i docenti e gli operatori partecipanti al LABORATORIO DI PROGETTAZIONE INSIEME PER LA SALUTE organizzato dal Dipartimento di prevenzione della ASL Ciriè per il supporto e la revisione critica del documento. Si ringraziano Simonetta Lingua e tutto il Gruppo di Lavoro Regionale per la revisione critica del documento. SI AUTORIZZA LA RIPRODUZIONE PARZIALE O TOTALE DEL CONTENUTO DEL PRESENTE VOLUME CON LA CITAZIONE DELLA FONTE Copia del documento è scaricabile dal sito Area FOCUS OBESITÀ oppure rivolgersi a Centro di Documentazione per la promozione della Salute (DoRS) Regione Piemonte, Via Sabaudia Grugliasco (TO), tel fax ,

5 INDICE INTRODUZIONE SOVRAPPESO E OBESITÀ NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA: LE DIMENSIONI E LE CAUSE DEL PROBLEMA Le strategie di intervento promosse in Europa, in Italia e nella Regione Piemonte Il gruppo di lavoro regionale Scuola Struttura del report Bibliografia PREVENZIONE DELL OBESITÀ NELLA SCUOLA: QUALE DIREZIONE SCEGLIERE? Bibliografia DALLE STRATEGIE ALLA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI EFFICACI Interventi per promuovere scelte alimentari corrette Aumento del consumo di frutta e verdura Gestione dei pasti Interventi per promuovere una corretta attività motoria Nuove occasioni per fare movimento durante l orario scolastico Aumento e valorizzazione delle ore di educazione fisica Predisposizione e utilizzo di percorsi sicuri per il tragitto casa-scuola Bibliografia DALLA PROGETTAZIONE ALLA REALTÀ: DOMANDE APERTE ALLEGATI Allegato n. 1: Definizione di attività fisica Allegato n. 2: Classificazione dell intensità fisica basata su attività fisica fino a 60 minuti Allegato n. 3: Strategie di ricerca bibliografica Allegato n. 4: Criteri per la scelta di buone pratiche Allegato n. 5: Limiti della dietetica tradizionale e nuove strategie di educazione al paziente : la dietetica per volumi e il counselling... 43

6

7 Introduzione L Italia è attualmente al terzo posto in Europa per l alta prevalenza di bambini in sovrappeso, di entrambi i sessi, d età compresa tra i 6 e gli 11 anni. I dati della Regione Piemonte non sono meno preoccupanti visto che, nei primi anni del 2000, i ragazzi in sovrappeso e/o obesi rappresentavano poco meno del 25% del campione di ricerca regionale HBSC (Health Behavior in School-aged Children). La prevenzione del sovrappeso e dell obesità in età infantile ed adolescenziale rappresenta, pertanto, un obiettivo prioritario di salute pubblica anche nella nostra Regione. Gli interventi, rivolti in particolare ai bambini e agli adolescenti, sono da realizzarsi in sinergia con tutte le agenzie che si occupano di infanzia e di adolescenza, prime tra tutte la famiglia e la scuola, insieme a coloro che, a vario titolo, si occupano di salute, alimentazione, attività motoria e comunicazione. Genitori, insegnanti e, in generale, quanti sono responsabili della crescita e della salute dei bambini, rappresentano, infatti, un modello di apprendimento di comportamenti alimentari corretti e di uno stile di vita attivo. La letteratura scientifica raccomanda interventi multicomponenti da realizzarsi nel contesto scuola, fondati su whole school approach 2 ; l efficacia di queste azioni è provata nel modificare positivamente - anche nel lungo termine - le scelte alimentari dei più piccoli (ad esempio promuovendo un maggior consumo di frutta piuttosto che di verdura) e, nello specifico, delle bambine. Questo report vuole essere una risorsa utile alla progettazione di interventi di prevenzione del sovrappeso e dell obesità nella scuola primaria. Le attività educative illustrate sono da realizzarsi in sinergia tra operatori sanitari, insegnanti e con quanti sono attivi (o potrebbero offrire un contributo significativo) nel promuovere comportamenti di salute corretti. 2 L espressione whole school approach verrà spiegata meglio in seguito illustrando obiettivi e attività della Rete delle Scuole che Promuovono Salute. 1

8 1. Sovrappeso e obesità nell infanzia e nell adolescenza: le dimensioni e le cause del problema Nella maggior parte dei Paesi della Regione Europea il sovrappeso interessa oggi dal 32% al 79% della popolazione adulta maschile e dal 28% al 78% della popolazione adulta femminile; la prevalenza di obesità varia dal 5% al 23% degli uomini e tra il 7% e il 36% delle donne [1]. L aumento dell obesità è, tuttavia, particolarmente allarmante nei bambini e negli adolescenti. L International Task Force of Obesity (IOTF) conclude che in Europa, nelle ultime due decadi, l incidenza dell obesità in età pediatrica sia passata dal 10% al 25% circa, interessando in maniera omogenea tutte le nazioni. Sempre secondo IOTF, nel 2010, circa il 38% dei bambini europei in età scolare sarà in sovrappeso e più di un quarto di essi sarà obeso. Più del 60% dei bambini è oggigiorno in sovrappeso già prima della pubertà e continuerà ad esserlo, verosimilmente, anche in età adulta; questa condizione innalza fortemente il rischio di sviluppare, nel tempo, malattie tipicamente associate all obesità, quali il diabete mellito di tipo adulto, malattie croniche (ad esempio ipertensione) e alterazioni del metabolismo. Non sono poi da sottovalutare le ricadute sociali: bambini e ragazzi in sovrappeso o obesi sono, spesso, derisi dai compagni, esclusi dal gruppo dei pari e questi atteggiamenti possono nuocere la loro autostima [2]. L Italia, dopo Portogallo e Spagna, è attualmente al terzo posto in Europa per l alta prevalenza di bambini in sovrappeso, di entrambi i sessi, d età compresa tra i 6 e gli 11 anni. A livello nazionale, un aumento significativo di sovrappeso e obesità è evidente già a fine degli anni novanta, nella fascia d età tra i 6 e i 17 anni [3]. L aggiornamento dello studio nazionale HBSC, condotto nel 2006, indica che, pur registrando miglioramenti nel consumo di frutta e verdura e nei livelli di attività motoria, nella fascia d età 11, 13, 15 anni, i maschi undicenni continuano ad essere in sovrappeso e/o obesi, in particolare, nelle regioni centro-meridionali [4]. Uno studio realizzato, inoltre, nella Regione Piemonte, nel 2000, sottolinea che il 23% di bambini in età scolare (10-11 anni) di un campione di 1420 soggetti era in sovrappeso/obeso [3]. I dati locali si confermano preoccupanti per la popolazione preadolescente (11, 13 e 15 anni) anche negli anni successivi; nei primi anni del 2000, i ragazzi in sovrappeso e/o obesi rappresentavano, infatti, poco meno del 25% del campione di ricerca regionale HBSC [5]. La prevenzione del sovrappeso e dell obesità in età infantile ed adolescenziale rappresenta, pertanto, un obiettivo prioritario di salute pubblica anche nella nostra Regione. 2

9 L OMS ha proposto due semplici parametri - già ampiamente utilizzati - per dimensionare il grado di obesità: l indice di massa corporea e la circonferenza dell addome. Il calcolo dell indice di massa corporea (BMI, Body Mass Index, secondo la definizione americana) avviene secondo la formula: peso espresso in kg/quadrato dell altezza espresso in metri. La misura (in centimetri) della circonferenza dell addome rileva, in modo più specifico del BMI, la tendenza del tessuto adiposo a localizzarsi in regione addominale ed è un buon indice di rischio per la comparsa di alterazioni metaboliche e cardio-vascolari. La definizione di sovrappeso e obesità per i soggetti in età evolutiva è più complessa rispetto a quella degli adulti. Durante l infanzia e l adolescenza, infatti, il corpo crescendo sviluppa una proporzione di massa grassa superiore a quella che si registra fra gli adulti ed è particolarmente difficile la distinzione tra un adiposità normale ed un adiposità eccessiva. Il calcolo del BMI resta tuttavia il metodo di stima più diffuso, vista la facilità di calcolo e la sua elevata accettabilità internazionale. I valori soglia di sovrappeso e obesità, proposti da Cole T. J. et al. e peraltro adottati dall IOTF, coincidono con i centili corrispondenti ai valori di BMI di 25 e 30 kg/m 2 all età di 18 anni [6]. Perché si assiste ad un aumento crescente del sovrappeso e dell obesità nell infanzia e nell adolescenza? Le ragioni, secondo un approccio socio-ecologico, sono da ricercarsi nell ambito dei fattori sia individuali sia socio-ambientali. Lo sviluppo del sovrappeso e dell obesità nell infanzia e nell adolescenza è chiaramente attribuito, oltre che a fattori genetici, al cambiamento dello stile di vita nella società odierna; la popolazione è sempre più sedentaria e tende a consumare cibi ad alto contenuto energetico, ricchi di zuccheri oppure con un eccessiva quantità di sale. Questi comportamenti scorretti sono, spesso, favoriti dalle caratteristiche fisiche e organizzative dei principali contesti di vita del singolo e della collettività (ad esempio la scuola). La piramide illustrata nella Figura n. 1 mostra come le scelte individuali sono il risultato di condizioni di vita e di scelte politiche e/o organizzative dettagliate nella Tabella n. 1 [7, 8]. 3

10 Figura n. 1. Le cause del sovrappeso e dell obesità nell infanzia e nell adolescenza secondo il modello adottato da IOTF. INDIVIDUO FAMIGLIA SCUOLA COMUNITÀ LOCALE FATTORI NAZIONALI FATTORI INTERNAZIONALI 4

11 Tabella n. 1. Dettaglio delle cause del sovrappeso e dell obesità nell infanzia e nell adolescenza secondo il modello adottato da IOTF. Fattori internazionali Fattori nazionali Comunità locale Scuola Famiglia Individuo 1. marketing globale di 1. politica dei trasporti 1. servizio di scuolabus 1. funzione riconosciuta al 1. abitudini alimentari 1. abitudini prodotti alimentari a e della struttura 2. sicurezza per l infanzia gioco attivo : spazi e tempo 2. numero di televisioni alimentari e livelli basso costo e di forme urbana 3. consapevolezza/atteggiamenti dedicati all educazione fisica, presenti in casa di attività motoria di svago sedentarie. 2. politica sanitaria della comunità locale cura e utilizzo degli spazi 3. livelli di attività del bambino a 2. marketing di prodotti 3. politica 4. prevalenza dell obesità in età esterni dell edificio scolastico motoria quotidiana scuola destinati ai bambini, dell istruzione adulta 2. presenza/realizzazione di della famiglia 2. presenza della pubblicizzati in modo accattivante per 4. politiche di contrasto del lavoro minorile 5. presenza di associazioni sportive sul territorio percorsi sicuri pedonali e/o di piste ciclabili casa-scuola 4. stato socioeconomico televisione nella camera del questa fascia d età 5. gestione dei prodotti 6. associazioni dei genitori e/o 3. conoscenze e atteggiamento della famiglia bambino 3. attenzione e studio del offerti dai distributori degli insegnanti dell insegnante 5. sensibilità alla 3. abitudini potere d acquisto dei automatici 7. servizio pediatrico di base 4. gestione dei pasti a scuola promozione del alimentari e livelli bambini da parte delle 6. cultura e mezzi di 8. cura degli spazi verdi 5. presenza di spacci/bar interni benessere dei di attività motoria agenzie di comunicazione di 9. marketing dei prodotti locali all edificio scolastico bambini del bambino fuori comunicazione massa 10. presenza di parchi e spazi 6. le attività educative riservate 6. conoscenze e dall ambiente pubblicitaria 7. economia gioco all aperto 11. livello di istruzione medio all educazione alimentare e alla promozione dell attività atteggiamenti dei genitori scolastico della comunità 12. stato socio-economico medio della comunità motoria 7. conoscenze atteggiamento del pediatra di famiglia 5

12 Percorrendo la piramide (Figura n. 1) nella direzione: Individuo Fattori internazionali e fermandosi al gradino Scuola, è necessario approfondire gli aspetti che seguono. Le abitudini alimentari e di attività fisica assunte durante l infanzia e l adolescenza (colonna: Individuo della Tabella n. 1) hanno un impatto sulla salute del futuro adulto sia in modo diretto (costruzione della massa ossea, crescita e sviluppo adeguati, sviluppo di patologie metaboliche compreso il diabete di tipo II, ) sia in modo indiretto (costruzione e consolidamento di abitudini alimentari e di attività motoria più o meno salutari). Le principali raccomandazioni condivise in campo nutrizionale riguardano: il consumo di frutta e verdura (almeno 5 porzioni/die in totale 3 di frutta e 2 di verdura secondo le indicazioni dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione) il consumo di dolci e bibite zuccherate (per i quali però non è ancora stato stabilito un cut-off condiviso, anche perché la quantità permessa, trattandosi di calorie discrezionali, è strettamente dipendente dalla quantità di attività fisica effettuata 3 ) la necessità di consumare la colazione del mattino. Per quello che riguarda l attività fisica 4 le raccomandazioni internazionali suggeriscono almeno 1 ora di attività fisica da moderata ad intensa 5 almeno 5 giorni la settimana, possibilmente 7. La valutazione delle abitudini alimentari e di attività fisica non è semplice in nessuna età, come dimostrato dalla grande massa di letteratura specializzata dedicata a questi argomenti, ma, attualmente, sono stati sviluppati degli strumenti validati a livello sia nazionale sia internazionale che consentono, oltre alla rilevazione delle abitudini a fini statistici, il confronto fra diverse realtà 6, come i questionari dello studio HBSC. Questo studio è stato condotto in Italia nel 2001 e, come già anticipato, aggiornato nel 2006 e fornisce delle interessanti indicazioni sulle abitudini dei ragazzi italiani riguardo ad alcuni determinanti dell obesità (alimentazione e attività motoria). 3 American heart association, Dietary recommendation for children and adolescents: a guide for practitioners: consensus statement from the American heart association. In Circulation 2005; 112: Per la definizione di attività fisica si veda l Allegato n. 1 5 Per le definizioni di attività fisica moderata e intensa si veda l Allegato n. 2. Per una classificazione delle varie attività fisiche, si veda: 6 Strumenti validati per gli adulti possono essere: il Global Physical Activity Questionnaire (GPAQ) del World Health Organization, si veda: e l International Physical Activity Questionnaire di cui esiste la traduzione italiana; in: 6

13 L aggiornamento del 2006 sottolinea i seguenti cambiamenti positivi rispetto al 2001: in tutte le fasce d età intervistate si registrano aumenti nell ordine di tre punti percentuali per la frutta e di due punti per la verdura, consumate più di una volta al giorno la percentuale complessiva di coloro che fanno, per più di cinque giorni a settimana, almeno un ora di attività fisica è aumentata sia negli undicenni (da 32,76% a 36,01%) sia nei tredicenni (da 31,31% a 36.01%) mentre solo nei quindicenni si è verificata una diminuzione (da 33,28% a 29,75%). Questi dati sono incoraggianti anche se, considerando una fascia di popolazione più ampia, l indagine Multiscopo del 2006 sottolinea che la percentuale di coloro che dichiarano di non praticare sport e di evitare ogni tipo di attività motoria, nel tempo libero, è pari al 41% della popolazione di tre anni in su. Questo dato registra, negli ultimi undici anni, un aumento di 3,4 punti percentuali dei sedentari, in particolare, nella fascia di popolazione anni e anni, in quanto diminuiscono, in queste fasce d età, le persone che praticano qualche attività motoria nel tempo libero (ad esempio passeggiare per almeno 2 km, andare in bicicletta, ) [9]. La presenza in famiglia di genitori obesi o in sovrappeso determina, inoltre, un aumento della prevalenza dell eccesso ponderale in età evolutiva (colonna: Famiglia della Tabella n. 1). I valori più elevati di BMI sono registrati per i bambini (maschi, d età compresa tra i 5 e i 10 anni, con valori di BMI a rischio già alla nascita) con entrambi i genitori obesi, di famiglie a basso reddito e laddove la madre sia obesa e abbia un basso titolo di studio. Nello specifico, il basso titolo di studio materno può promuovere comportamenti alimentari scorretti e uno stile di vita sedentario sin da piccoli [3]. Le scelte educative e politiche della scuola [10] in merito alla promozione della salute degli allievi (ad esempio la possibilità di svolgere attività motoria a scuola, la qualità dei pasti serviti in mensa..) rafforzano, infine, abitudini alimentari e livelli di attività fisica corretti alla base della prevenzione del sovrappeso e di obesità (colonna: Scuola della Tabella 1). 7

14 1.1 Le strategie di intervento promosse in Europa, in Italia e nella Regione Piemonte Vista la complessità dei fattori che favoriscono il sovrappeso e l obesità nell infanzia e nell adolescenza, IOTF propone un modello di prevenzione: fondato su un approccio socio-ecologico rivolto alla popolazione, che contrasti i fattori considerati modificabili, come lo stile di vita del singolo e le caratteristiche dei principali ambienti di vita (ad esempio la scuola) orientato a integrare azioni macro (di natura politica e sociale a livello sia nazionale sia internazionale) con interventi educativi orientati al micro-mondo del singolo (si pensi a percorsi mirati da realizzarsi in contesti privilegiati come l ambiente scolastico). Il programma Guadagnare Salute per l Italia accoglie queste direzioni nello slogan: Rendere facili le scelte salutari e fa leva sull informazione, sulla comunicazione e su specifiche iniziative di prevenzione: si vogliono creare le condizioni più favorevoli per compiere scelte di salute. L iniziativa si articola su quattro progetti specifici, tra cui: Guadagnare salute rendendo più facile una dieta più salubre e Guadagnare salute rendendo più facile muoversi e fare attività fisica. Il programma prevede una fattiva collaborazione interistituzionale tra mondo delle scuola e sanità per la promozione di stili di vita corretti, attraverso la realizzazione e la valutazione di interventi educativi, informativi e organizzativo-ambientali di provata efficacia [12]. Questa è anche la finalità del Piano Nazionale triennale: Ben essere dello studente , coordinato in sinergia dal Ministero dell Istruzione e della Salute e da altri ancora. Il Piano vuole rendere le scuole italiane luoghi di apprendimento per un alimentazione sana e per una moderata e costante attività motoria, per la promozione di comportamenti sociali e culturali corretti. L impegno della Regione Piemonte - Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità per la promozione della salute nella scuola è evidente da tempo in quanto: nel 2004 la Regione Piemonte ha firmato la convenzione con la Direzione Regionale Scolastica (rinnovandola nel 2007) per favorire e sostenere lo svolgimento a livello scolastico di attività, iniziative e progetti di qualità nel campo della promozione ed educazione alla salute. Questa collaborazione interistituzionale si è concretizzata, nello specifico, nel progetto Salutiamoci: un iniziativa multidisciplinare di educazione e promozione della salute, il cui scopo è coinvolgere attivamente i ragazzi tra i 6 e i 18 anni di età nell'apprendimento di stili di vita sani. La forza innovativa di Salutiamoci risiede nell'utilizzo di un portale Internet come vero e proprio punto di riferimento per i 8

15 diversi attori del progetto: ragazzi, insegnanti, genitori, operatori sanitari e di altri settori, già coinvolti in interventi educativi nelle scuole. Il portale Internet (http://www.salutiamoci.it) fornirà gli strumenti educativi per i ragazzi di scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado, raccogliendo le iniziative di ciascun Istituto e, allo stesso tempo, permettendo il contatto e il coordinamento tra le diverse realtà presenti sul territorio regionale (Figura n. 2). Figura n. 2: Homepage del Portale Salutiamoci In Salutiamoci i ragazzi troveranno molti giochi e test interattivi mentre gli insegnanti e gli operatori legati al mondo della Scuola potranno utilizzarlo come un insostituibile risorsa per reperire documenti e strumenti formativi, e ancor più per entrare in contatto con altri operatori piemontesi con i quali collaborare o semplicemente condividere esperienze e suggerimenti. La promozione dell alimentazione e dell attività fisica è stato il tema che ha inaugurato questo progetto. Il portale è organizzato per aree di documentazione e di comunicazione, quali: - parco: news dal mondo della scuola; newsletter on line attraverso la quale mantenere viva l attenzione sulle novità inserite; chat e bacheca per i contatti 9

16 - scuolabus: dove sarà possibile dare visibilità ai propri progetti e conoscere quali sono le buone pratiche piemontesi rispetto all educazione alla salute - fiera: dove si possono trovare tutte le iniziative in tema di promozione della salute - municipio: luogo istituzionale dove sono archiviati i testi e gli accordi di programma tra le istituzioni coinvolte a vario titolo - stazione: da dove si parte per l esplorazione di materiale grafico interessante presente in altri siti - luna park: giochi interattivi sui temi della salute - cinema: video e cartoni animati - scuola: i molteplici aspetti dell'educazione alla salute trovano spazio in modo particolare nella sezione scuola dove è possibile scegliere tra i diversi progetti educativi che riguardano: l'alimentazione e l attività fisica, il fumo e le dipendenze, gli affetti e le relazioni, una scuola sicura e promotrice di salute e la prevenzione degli incidenti (stradali e domestici). La sezione scuola è inoltre suddivisa in: - parte pubblica dedicata ai ragazzi dove sono presenti giochi e test didattici certificati che possono essere utilizzati in classe come un divertente spunto di riflessione - parte riservata dedicata agli insegnanti e gli operatori che attraverso un iscrizione potranno inserire e visionare i materiali e le unità didattiche relative ai diversi temi trattati. nel biennio la Regione Piemonte ha finanziato 24 progetti sul tema dell alimentazione e dell attività fisica presentati dalle Aziende Sanitarie Locali nel Bando Regionale Progetti di Promozione della Salute Nella seconda edizione del Bando regionale sono stati finanziati altri 19 progetti sulle stesse tematiche e di buona qualità progettuale. Questi dati sono il frutto di gruppi di lavoro nati con il Laboratorio di Alimentazione ed Attività Fisica e il corso di formazione Progetto Nutrizione Piemonte nel 2000 è stato avviato il Laboratorio di Alimentazione ed Attività Fisica, un percorso di progettazione e di valutazione tra pari richiesto dagli stessi operatori sanitari. Il laboratorio, coordinato da DoRS, ha attivato nel corso degli anni dei sottogruppi di lavoro, tra i quali: Gruppo scuola: formazione dei formatori e Gruppo mense scolastiche. Il primo gruppo si è dedicato a rimodulare gli interventi educativi e formativi, in atto sul territorio, e rivolti a studenti, insegnanti e genitori, sulla base delle prove di efficacia e delle buone pratiche disponibili in 10

17 letteratura. Il Gruppo mense scolastiche ha elaborato le linee guida su requisiti nutrizionali e ambientali delle mense da adottare a livello regionale, progettando un percorso di disseminazione assistita delle stesse nel la Regione Piemonte, sempre con la coordinazione degli operatori DoRS, ha promosso il corso di formazione: Progetto Nutrizione Piemonte. L obiettivo del corso è stato potenziare le competenze formative, comunicative e organizzative degli operatori dei Servizi di Igiene degli Alimenti e Nutrizione (SIAN) al ruolo di promotori dell avvio, del perfezionamento e del mantenimento nel tempo, sul territorio, di progetti di educazione alimentare/nutrizionale, in primo luogo, con le scuole. 1.2 Il gruppo di lavoro regionale Scuola Il Piano Regionale di Prevenzione: Sorveglianza e prevenzione dell obesità [13], nell ottica di valorizzare i percorsi finora compiuti, ha attivato, tra i diversi gruppi di lavoro, il Gruppo Regionale: Sviluppare per bambini e adolescenti attività educative su nutrizione, educazione al gusto e attività fisica e promuovere interventi per l aumento del tempo dedicato all attività motoria, come parti integranti di programmi di promozione della salute ; il gruppo è formato da operatori sanitari attivi in progetti di promozione della salute e da un rappresentante della scuola. Il gruppo vuole essere, in particolare, un luogo di progettazione e sperimentazione di azioni rivolte agli insegnanti per renderli educatori autonomi sui temi dell alimentazione e dell attività motoria. Il gruppo è, pertanto, impegnato nella gestione, nella realizzazione e nella valorizzazione delle seguenti azioni: 1. un percorso di formazione rivolto ai docenti delle scuole di ogni ordine e grado rispetto a Progettare, valutare e documentare esperienze educativo-didattiche efficaci e trasferibili. Questo progetto di formazione nasce dal bisogno di poter disporre di strumenti più adatti per misurare l efficacia, documentare e rendere fruibili esperienze educativodidattiche che sperimentano metodologie innovative per favorire l apprendimento di tutti gli alunni e l integrazione di quelli in difficoltà. Molte scuole, infatti, sono ricche di buone pratiche, ma spesso non sono documentate e divulgate; molti insegnanti, inoltre, non sanno utilizzare le banche dati di documenti e progetti e perdono così un patrimonio di esperienze efficaci. Questo corso di formazione vuole proprio essere una risposta concreta a queste problematiche, nell ottica di un rilancio dell investimento (in termini di risorse umane e 11

18 finanziarie) nel successo scolastico di tutti gli alunni che, in quanto persone, esprimono modalità di apprendimento diversificate che non possono mai prescindere da aspetti relazionali. Attualmente il corso è stato avviato in via sperimentale. I risultati della sperimentazione sono in via di elaborazione e costituiranno materiale per una formazione più ampia da offrire a tutto il contesto regionale 2. sperimentazione nel territorio della ASL Ciriè di un percorso di Laboratorio di valutazione in cui raccontare gli interventi esistenti, analizzandoli alla luce di prove di efficacia e di esempi di buona pratica Il progetto: Laboratorio di progettazione insieme per la salute nasce per la necessità di razionalizzare e rendere più efficace il proprio impegno nell ambito della promozione della salute nel contesto scuola; l iniziativa prevede la realizzazione ed il sostegno di interventi di educazione alla salute attraverso il lavoro in gruppi tra pari con insegnanti di differenti Istituti Scolastici. Per sopperire alle poche risorse di tempo e personale disponibile, si è scelto di riorganizzare in un laboratorio (in appropriata sede dell ASL Ciriè) dove concentrare le iniziative per gli operatori già attivi e dove attirare coloro che siano interessati, a vario titolo, a svilupparne di nuove. Dati i buoni riscontri fino ad ora ottenuti dai partecipanti ai lavori ed alla possibilità di ottimizzazione delle risorse, si sta pensando di proporre la formula come modalità organizzativa di lavoro tra scuola e ASL su tutto il territorio 3. costruzione dell intervento multicentrico di prevenzione di sovrappeso e obesità nella scuola L intervento multicentrico dovrà prendere avvio nel prossimo anno scolastico a partire dal documento rielaborato a cura del Gruppo di Lavoro Regionale: La corretta alimentazione e attività fisica dei ragazzi in Europa. Una guida sull educazione alimentare e l attività fisica a scuola 7. Il documento costituirà la base di partenza per costruire progetti integrati e con una continuità di saperi per i bambini a partire dai 4 anni fino ai 16, sulla base di un curriculum con obiettivi dettagliati e risultati di apprendimento. La costruzione del progetto multicentrico avverrà, nello specifico, sulla base delle azioni efficaci, indicate dalla letteratura, per la promozione nel contesto scuola di scelte alimentari corrette e di uno stile di vita attivo. 7 La guida è disponibile e scaricabile dall Area focus Obesità del sito DoRS. In: 12

19 1.3 Struttura del report Il report raccoglie prove di efficacia ed esempi di buona pratica indicate dalla letteratura (Allegato n. 3), utili per: la realizzazione dei percorsi formativi sopradescritti progettare, in sinergia con gli insegnanti, attività di promozione di stili di vita sani. Nelle pagine che seguono si illustrano, nel dettaglio, le tipologie di intervento efficaci per la scuola primaria, esplicitandone metodi e risorse utili per la realizzazione e la valutazione delle attività. Le informazioni qui contenute non sono, tuttavia, da considerarsi esaustive; ulteriori aggiornamenti saranno disponibili nell Area Focus Obesità del sito Il focus Obesità è un archivio di documentazione in costante aggiornamento e vuole essere una risorsa informativa per quanti sono impegnati sul fronte della prevenzione dell obesità, non solo in ambito scolastico. Si invita pertanto il lettore a considerare questo report: strumento di aggiornamento dei dati disponibili in letteratura in merito alla prevenzione del sovrappeso e dell obesità strumento di diffusione di esempi di buona pratica regionali, nazionali e internazionali fondati, integralmente o per alcune parti, su di una solida struttura metodologica e sulle prove di efficacia disponibili 8 (Allegato n. 4). Il report è pertanto rivolto a operatori sanitari, insegnanti della scuola primaria e a quanti sono attivi (o potrebbero offrire un contributo significativo) nell ambito delle prevenzione del sovrappeso e dell obesità nell infanzia e nell adolescenza nel contesto scuola. 1.4 Bibliografia [1] WHO Europe, The challenge of obesity in the WHO European Region and the strategies for response. Summary, In: [2] Ministero del lavoro e delle politiche sociali, L eccezionale quotidiano. Rapporto sulla condizione dell infanzia e dell adolescenza, In: [3] Gargiulo L., et al., Eccesso di peso nell infanzia e nell adolescenza. Istat Conference DoRS ha formulato, alla luce della letteratura di riferimento, alcuni criteri fondamentali per guidare la scelta di buone pratiche da segnalare nelle Aree Focus attive sul sito del Centro di Documentazione, in: La lista dei criteri è disponibile in formato pdf sul sito di DoRS, in: e come Allegato n. 4, in formato cartaceo, al presente documento. 13

20 [4] Cavallo F., et al. (a cura di, 2006), Stili di vita e salute dei giovani italiani tra anni. II Rapporto sui dati italiani dello studio internazionale HBSC. In: [5] Cavallo F., et al., (a cura di, 2005) Tra infanzia e adolescenza in Piemonte: sane e malsane abitudini. HBSC indagine regionale sui comportamenti di salute tra gli 11 e i 15 anni. Edizioni Minerva Medica. In: [6] Cole T. J., et al., Establishing a standard definition for child overweight and obesity worldwide: international survey. In BMJ, 2000; 320;1240 [7] Canadian Institute for Health Information, Overweight and obesity in Canada. A population health perspective, 2004 [8] Finkelstein E., et al., Pros and cons of proposed intervention to promote healthy eating. In Am J Prev Med 2004; 27 (3S); [9] Istat. La pratica sportiva in Italia, In: [10] Ministero Pubblica Istruzione, Linee guida per lo sport a scuola, 2007 [11] Ministero della Salute, Guadagnare salute. Rendere facili le scelte salutari, In: [12] Regione Piemonte, Piano Regionale di Prevenzione Attiva In: 14

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Guadagnare salute Rendere facili le scelte salutari Ministero della Salute Premessa Il programma Guadagnare Salute nasce dallʼesigenza di rendere più facili le scelte salutari e

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli