PROGETTO SALUTE E ALIMENTAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO SALUTE E ALIMENTAZIONE"

Transcript

1 LICEO CLASSICO J.STELLINI PROGETTO SALUTE E ALIMENTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2005/2006

2 PRESENTAZIONE PRESUPPOSTI DIDATTICI PARTE TEORICO-SCIENTIFICA PARTE SPERIMENTALE CONCLUSIONI

3 PRESUPPOSTI DIDATTICI FASE DELLA RICERCA FASE DELLE CONOSCENZE FASE DELL ELABORAZIONE DATI FASE DELLE CONCLUSIONI

4 FASE DELLA RICERCA Indagine sulle abitudini di vita degli allievi Progettazione e realizzazione di un questionario Progettazione e realizzazione di una griglia di rilevamento per la raccolta dei dati registrazione e raccolta dati

5 FASE DELLE CONOSCENZE Principi alimentari Ricerca sui principali fattori di rischio delle cardiopatie n più comuni Effetti dell alcool sull organismo umano Effetti del fumo sugli apparati Effetti della sedentarietà nell età evolutiva

6 FASE DELL ELABORAZIONE DATI Elementi di statistica Elaborazione dei dati con l utilizzo di foglio elettronico Interpretazione dei dati Studio dei modelli di rappresentazione grafica Discussione e valutazione dei risultati

7 FASE DELLE CONCLUSIONI Stesura di una relazione scientifica Creazione di una presentazione in Power Point Comunicazione dei risultati della ricerca Dibattito con esperti

8 PARTE TEORICO-SCIENTIFICA PRINCIPI ALIMENTARI STILI DI VITA

9 PRINCIPI ALIMENTARI Prima classe Seconda classe Terza classe Quarta classe Quinta classe Sesta classe Settima classe Carni, pesci, uova Latte e derivati Cereali, patate Legumi secchi Grassi da condimento Verdure e frutta Dolci e bevande

10 PRINCIPI ALIMENTARI CONSUMI SUGGERITI regolarmente moderatamente raramente (ogni giorno) (2-3 volte a settimana) (1 volta a settimana o meno) Pollo e tacchino bolliti o arrosto Carne di manzo o vitello magro ai ferri, arrosto o bollita Pesce magro (dentice sogliola, spigola, tonno: al forno, lessato o al cartoccio) Carne di ale Fegato e frattaglie Uova alla coque, sode o omelette (senza grassi di condimento) Crostacei, molluschi Carne bovina grassa Pesce grasso (sarda, sgombro, anguilla, aringa) Salumi Trippa Carne o pesce fritto Frittate in olio Bastoncini di pesce o carne fritti in olio

11 PRINCIPI ALIMENTARI CONSUMI SUGGERITI regolarmente moderatamente raramente (ogni giorno) (2-3 volte a settimana) (1 volta a settimana o meno) Latte parzialmente scremato o scremato Yogurt magro o semigrasso Formaggi freschi e magri (fiordilatte, mozzarella, scamorza, caciottina) Formaggi fusi non grassi Yogurt alla frutta Formaggi a pasta dura (groviera, provolone ) Formaggi tipo gorgonzola Formaggi fusi e grassi (< 40%) Ricotta Robiola Latte e yogurt interi Burrini Mascarpone Gelati e creme industriali Panna Dessert e budini industriali a base di latte

12 PRINCIPI ALIMENTARI CONSUMI SUGGERITI regolarmente moderatamente raramente (ogni giorno) (2-3 volte a settimana) (1 volta a settimana o meno) Pane bianco o integrale Pasta con pomodoro fresco Cereali (integrali) per colazione Fette biscottate Patate bollite, al forno o in purè o minestre Riso Pasta con sugo o al burro Crackers Pizza Pasta all uovo Biscotti Patate fritte Prodotti di pasticceria Castagne Chips (molto raramente perché contengono il 40% di grassi)

13 PRINCIPI ALIMENTARI CONSUMI SUGGERITI regolarmente moderatamente raramente (ogni giorno) (2-3 volte a settimana) (1 volta a settimana o meno) Olio di oliva Olio di girasole Olio di s Olio di vinaccioli Olio di soia Burro Margarina Maionese Grassi fritti Lardo Pancetta Strutto

14 PRINCIPI ALIMENTARI CONTENUTO IN GRASSI DEI PRINCIPALI ALIMENTI A- più del 40%: lardo mandorle salumi grassi panna fresca arachidi B- dal 20 al 40 %: cioccolato altri salumi formaggi a basso contenuto d acqua rosso d uovo pollame grasso carne di ale e d agnello carne grassa di pecora e di manzo formaggi ad alto contenuto d acqua budini C- dal 10 al 20%: carni varie pollame frattaglie biscotti pesci grassi D- dal 2 al 10%: carne equina, selvaggina, pollo pesce magro latte intero yogurt e formaggi freschi interi pane condito frutti di mare e crostacei E- meno del 2% di grassi frutta e verdura fresche pasta, pane, cereali, marmellata, miele carne di struzzo

15 STILI DI VITA NUTRIZIONE FUMO ALCOOL

16 NUTRIZIONE I consumi alimentari in Italia si sono notevolmente ridotti;nel si è registrato un abbassamento di circa il 15-20% rispetto al periodo Questo dato è da attribuirsi sia alla maggiore presenza di anziani sia la ridotta attività fisica dovuta al lavoro e al poco tempo libero E in calo il consumo di vino,formaggi,grassi da condimento,carni e latte In aumento,invece,i consumi di pesce,pizza e dolci Vi è un adeguata consapevolezza del cibo come fattore di promozione della salute,ma nonostante i consumi alimentari si siano ridotti la percentuale di obesità è ancora alta

17 FUMO La percentuale di fumatori totale(maggiore ai 14 anni) è pari al 24,9%;per gli uomini del 32,2% mentre per le donne è del 18,2% I giovani tra i 14 e i 24 anni,che dichiarano di fumare,sono il 22,2%;con una maggiore concentrazione nel Nord e nel Centro Italia La quota dei ragazzi fumatori è superiore a quella delle ragazze fumatrici:27,5% contro il 16,6% Le persone non fumatrici,che convivono con almeno un fumatore sono in Italia 12milioni e 500 mila(21,9%)

18 ALCOOL In Italia si è registrato un calo del consumo medio annuo di alcool dagli inizi degli anni 80 fino al 2000 Questo calo è da attribuirsi per buona parte al minor consumo di vino,e in parte di super alcolici,mentre appaiono in aumento i consumi di birra Le donne consumatrici sono passate dal 61,1% del 1994 al 73,2% del 2000,e consumano sempre più bevande alcoliche fuori pasto I giovani consumatori di bevande alcoliche fra i 15 e 24 anni sono passati dal 74% del 1991 al 77% del 2000

19 PARTE SPERIMENTALE SCOPO DELLA RICERCA SOGGETTI MATERIALI E METODI RISULTATI DISCUSSIONE

20 SCOPO DELLA RICERCA VERIFICARE GLI STILI DI VITA DEGLI STUDENTI FORNIRE INDICAZIONI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE VERIFICARE LE CONSEGUENZE DI COMPORTAMENTI INADEGUATI SULL EFFICIENZA FISICA

21 SOGGETTI STUDENTI 30% MASCHI FEMMINE 70%

22 SOGGETTI DISTRIBUZIONE DEGLI STUDENTI PER CLASSE STUDENTI PRIME 35 SECONDE 30 TERZE MASCHI FEMMINE

23 MATERIALI E METODI STRUMENTI: PLICOMETRO COMPUTER E STAMPANTE PROGRAMMI APPLICATIVI VIDEOPROIETTORI MULTIMEDIALI RIVISTE SPECIALIZZATE TESTI SCIENTIFICI METRO E BILANCIA

24 MATERIALI E METODI ANTROPOMETRIA:GLI STUDENTI SONO STATI SOTTOPOSTI ALLE SEGUENTI MISURAZIONI ANTROPOMETRICHE: ALTEZZA PESO CORPOREO PLICOMETRIA PERCENUALE DI GRASSO CORPOREO(%FAT) L INDICE DI MASSA CORPOREA(BMI)

25 MASCHI FUMATORI RISULTATI MAI IN PASSATO RARAMENTE CON FREQUENZA REGOLARMENTE PRIME SECONDE TERZE FEMMINE FUMATRICI MAI IN PASSATO RARAMENTE CON FREQUENZA REGOLARMENTE PRIME SECONDE TERZE

26 RISULTATI ALTEZZA Altezza (m 1,78 1,76 1,74 1,72 1,7 1,68 1,66 1,64 1,62 CLASSI PRIME CLASSI SECONDE CLASSI TERZE MASCHI FEMMINE Grafico n.2: Altezze medie maschi e femmine tra i 15 e i 19 anni. PESO STUDENTI Peso o (Kg 80,0 70,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 CLASSI PRIME CLASSI SECONDE CLASSI TERZE Grafico n.3: Peso medio maschi e femmine fra i 15 e i 19 anni.

27 RISULTATI BMI 23,00 BMI (m/kg 2 ) 22,00 21,00 20,00 19,00 18,00 MASCHI FEMMINE 17,00 CLASSI PRIME CLASSI SECONDE CLASSI TERZE Grafico n.4: Percentuale body mass index maschi e femmine PERCENTUALE GRASSO CORPOREO 25,00 20,00 15,00 10,00 MASCHI FEMMINE 5,00 0,00 CLASSI PRIME CLASSI SECONDE CLASSI TERZE Grafico n.5: percentuale grasso corporeo maschi e femmine

28 RISULTATI DISTRIBUZIONE GRASSO MASCHI DISTRIBUZIONE GRASSO FEMMINE cm cm 30,00 30,00 34,00 34,00 28,00 28,32 28,00 32,00 32,00 26,00 26,00 30,00 30,2 7 30,00 24,00 2 4, ,89 24,00 28,00 28,00 22,00 22,00 26,00 24,00 26,54 24,95 26,00 24,00 20,00 20,00 22,00 22,00 18, , ,95 14,9 1 14, , , ,00 18,00 20,39 19, , ,00 18,00 14, , ,00 16,00 12, , ,00 14,00 10, 0 0 9, 48 10, ,00 12, , ,00 8,00 8, 3 2 8,0 0 10,00 10, ,00 6,00 6,64 6,0 0 8,00 8,00 Classi pr ime Classi seconde C lassi ter z e Classi pr ime Clas si seconde Classi t er ze Grafico n.6: distribuzione della percentuale di grasso corporeo negli studenti nelle classi

29 RISULTATI STUDENTI CHE PRATICANO SPORT 38% SI NO 62% Grafico n.7 Percentuali di maschi e femmine che praticano sport M ASCHI FEMMINE SI NO SI NO PRIME SECONDE TERZE Grafico n.8 Maschi che praticano attività sportiva 0 PRIME SECONDE TERZE Grafico n.9 Femmine che praticano attività sportiva

30 RISULTATI FREQUENZA SETTIMANALE ATTIVITA' SPORTIVA MASCHI FREQ UENZA SETTIMANALE ATTIVITA' SPORTIVA FEMMINE 13% 25% 13% 4% 10% 19% ogni giorno 2/3 volte s ogni giorno 2/3 vo lte s una v ol ta s una volta s raramente raramente 43% 73% Grafico n.10: Frequenza dell attività sportiva settimanale nei maschi dai 15 ai 19 anni. Grafico n.11: Frequenza dell attività sportiva settimanale nelle femmine dai 15 ai 19 anni.

31 RISULTATI ATTIVITA' MOTORIE SVOLTE NEL TEMPO LIBERO M ASCHI passeggiate bici piscina pales tra raramente 1 o più volte al mese 1 volta per settimana più volte per settimana tutti i giorni raramente 1 o più volte al mese 1 volta per settimana più volte per settimana tutti i giorni raramente 1 o più volte al mese 1 volta per settimana più volte per settimana tutti i giorni raramente 1 o più volte al mese 1 volta per settimana più volte per settimana tutti i giorni classe rafico III n.12: C Attività motorie svolte nel tempo libero da studenti maschi dai 15 ai 19 anni. G

32 RISULTATI ATTIVITA' MOTORIE SVOLTE NEL TEMPO LIBERO FEMMINE raramente 1 volta per settimana tutti i giorni 1 o più volte per mese più volte per settimana piscina raramente 1 volta per settimana tutti i giorni 1 o più volte per mese più volte per settimana passeggiate Grafico n.13: Attività motorie svolte nel tempo libero da studentesse dai 15 ai 19 anni.

33 RISULTATI 19% MASCHI FUMATORI 13% 8% FEMMINE FUMATRICI 6% MAI MA I 5% 6% 64% IN PASSATO RARAMENTE CON FREQUENZA REGOLARMENTE 13% 12% 54% IN PASSATO RA RA MENTE CON FREQUENZA REGOLARMENTE Grafico n.14 e 15: valori percentuali degli studenti sull abitudine al fumo MASCHI FUMATORI FEMMINE FUMATRICI MAI IN PASSATO RARAMENTE CON FREQUENZA REGOLARMENTE MAI IN PASSATO RARAM ENTE CON FREQUENZA REGOLARM ENTE 0 PRIM E SECONDE TERZE 0 PRIM E SECONDE TERZE Grafico n.16-17: dati relativi al numero di fumatori in base al sesso ed all età dei ragazzi tra i 15 e i 19 anni.

34 RISULTATI PERCHE' FUMI (MASCHI) PER CHE' FUM I (FEM M IN E) 14 % 13% 23% 5% 58% MI PIACE MI CALMA PER EMULAZIONE PER A BITUDINE 5% 42% MI PIACE MI CALMA PER EMULAZIONE PER ABITUDINE 40% Grafico n.18 e 19: motivazioni che spingono gli studenti maschi e femmine a fumare

35 RISULTATI ETA' DI INIZIO AL FUMO DI SIGARETTE 15,262 14, maschi femmine Grafico n. 20: età degli studenti di inizio al fumo

36 RISULTATI CONSUMO GIORNALIERO DI SIGARETTE femmine maschi 5 5,1 5,2 5,3 5,4 5,5 5,6 5,7 Grafico n. 21: consumo medio giornaliero di sigarette degli studenti

37 RISULTATI 22% 20% AB USO DI ALC OOL NEI MASCHI 20% 38% MAI QUALCHE VOLTA 2-3 VOLTE SPESSO 23% 27% ABUSO DI ALCO OL NELLE FEMMINE 3% 47% MAI QUALCHE VOLTA 2-3 VOLTE SPESSO Grafici n.22-23: valori percentuali dei maschi e delle femmine sulla tendenza ad ubriacarsi. ALCOOL NEI MASCHI ALCOOL NELLE FEMMINE MAI QUALCHE VOLTA 2-3 VOLTE SPESSO MAI QUALCHE VOLTA 2-3 VOLTE SPESSO PRIME SECONDE TERZE 0 PRIME SECONDE TERZE Grafici n.24-25: dati relativi alla frequenza con la quale gli studenti tendono ad abusare del consumo di alcool in base al sesso ed all età.

38 RISULTATI O PINIO NE SUL CO NSUMO DI ALCO LICI FEMMINE O PINIO NE SUL CO NSUMO DI ALCO LICI MASCHI 2% 28% molto dannos o 8% 28% molto dannos o 49% 21% abb. Dannos o dannoso ma si esagera tr oppo 41% 23% abb. Dannos o dannoso ma si esagera tr oppo Grafici n : opinioni di studenti di anni sul consumo di alcolici

39 RISULTATI CON CHE FREQUENZA BEVI? 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% ogni giorno una volta s più volte s fine s ett ogni giorno una volta s più v olte s fin e sett ogni giorno una volta s più volte s fine s ett ogni giorno una volta s più v olte s fin e sett ogni giorno una volta s più volte s fine s ett ogni giorno una volta s più v olte s fine sett ogni giorno una volta s più volte s fine sett vino birr a aperitiv i digestivi cocktail an. cocktail alc. superalcolici Grafico n.28: tipi di bevande e percentuali di consumo nella giornata

40 RISULTATI ALIMENTI PER SPUNTINO 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% mattina pomeriggio sera mattina pom eriggio sera mattina pomeriggio sera m attina pom eriggio sera mattina pomeriggio sera m attina pom eriggio sera mattina pomeriggio sera m attina pomeriggio sera mattina pomeriggio sera m attina pomeriggio sera mattina pomeriggio sera m attina pomeriggio sera pizz a meren dine dolc i patatine yogurt f rutta caff è the cioc colata s ucco bibite gasate no spuntino Grafico n. 29 tipi di alimenti e percentuale di consumo utilizzati per lo spuntino durante la giornata

41 RISULTATI ALIM ENTI DI MAGGIOR CONSUM O 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 2/3 volte sett 1 volta aliorno g più volte al giorno 2/3 volte s ett 1 v olta a liorno g più volte al giorno 2/3 volte sett 1 v olta aliorno g più volte al giorno 2/3 volte sett 1 volta aliorno g più volte al giorno 2/3 volte s ett 1 v olta alior no g più v olte al giorno 2/3 v olte sett 1 v olta aliorno g più volte al giorno 2/3 volte sett 1 volta aliorno g più volte al giorno 2/3 volte sett 1 volta aliorno g più v olte al giorno 2/3 v olte sett 1 volta aliorno g più volte al giorno 2/3 volte sett 1 volta aliorno g più volte al giorno 0% pasta riso pane c arne magra carne di ma iale pollo e tacchino salumi pesce formaggi uova pizza Grafico n. 30: consumi percentuali dei principali alimenti in studenti di anni

42 RISULTATI ALIMENTI DI MAGGIOR CONSUMO 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più prodotti salati frutta dolci ciocc olata verdura cruda verdura cotta latte intero latte scremato Grafico n. 31: consumi percentuali dei principali alimenti in studenti di anni yogurt

43 RISULTATI COME GIUDICHI IL TUO MODO DI ALIMENTARTI 20% 3% 9% molto sano ed equilibrato abbastanza sano ed equilibrato non molto sano ed equilibrato non so valutare 68% Grafico n. 32: Giudizio sul proprio modo di alimentarsi in studenti di anni. VALUTAZIO NE SULLA P RO PRIA FO RMA FISICA (MASCHI) VALUTAZIO NE SULLA P RO PRIA FO RMA FISICA (FEMMINE) 16% 2% 18% MOLTO SODDISFACENTE ABBAS TANZA SODDIS FACENTE POCO S ODDISFA CENTE 27% 5% 6% MOLTO SODDISFACENTE ABBAS TANZA SODDIS FACENTE POCO S ODDISFA CENTE PER NULLA SODDIS FACENTE 62% PER NULLA SODDIS FACENTE 64% Grafico n. 33 valutazione personale sulla proprio stato di forma fisica in studenti di anni

44 RISULTATI C O ME C O NS IDERI I L TUO PES O CORPOREO (MASCHI) CO ME CONSIDERI IL TUO PESO CORPOREO (FEMMINE) 14% 2% 2% 4% 26% mol to s ovr appeso mol to s ovr appeso un po s ovr appeso soddi s f atto 50% 44% un po s ovr appeso soddisf atto sottopeso sottopeso 58% Grafico n.34: considerazioni sul proprio peso corporeo di studenti di anni CONSIDERAZIONI SULLA SALUTE 13% 3% 20% LA COSA PIU' IMPORTANTE IMPORTANTE, MA NON SONO MOLTO ATTENTO NON CI PENSO 64% Grafico n.35: giudizio espresso da studenti di anni sulla salute

45 RISULTATI FONTI DI INFORMAZIONE SULLA SALUTE 11% 6% 0% 16% giornali riviste specializzate scuola 6% oratorio 12% 6% Internet televisione/radio 1% 5% famiglia amici medico 18% 19% da altri medici altro Grafico n.36: fonti di informazione sugli aspetti della salute

46 CONCLUSIONI L attività motoria tende a diminuire con l età 25% dei maschi privilegia la pratica di una disciplina sportiva agonistica 73% delle ragazze si impegna maggiormente in attività fisica non agonistica frequentano la palestra privilegiano le passeggiate praticano con maggior frequenza il nuoto libero rispetto ai maschi I maschi preferiscono la bicicletta

47 CONCLUSIONI L attività nel tempo libero è particolarmente differenziata fra i due sessi Maschi: Guardano regolarmente la televisione (42%) Leggono (43%) Utilizzano il computer (43%) Femmine: Leggono (53%) Frequentano amici (57%) Ascoltano la radio (38%) Entrambi i sessi: Vanno abbastanza spesso al cinema (44%) Dimostrano uno scarso interesse per: Studio di uno strumento musicale (59%) Volontariato (60%),lavoro occasionale (70% femmine; 48% maschi.)

48 CONCLUSIONI Rispetto all età: L altezza media dei maschi e delle femmine rimane pressochè invariata. Entrambi i valori risultano superiori alla media nazionale (175cm maschi; 163cm femmine) Nei maschi si registra un notevole aumento nel BMI,dovuto ai tempi di sviluppo ponderale successivi rispetto alle femmine Nelle femmine si presenta una notevole diminuzione nel BMI,dovuta ad una maggiore attenzione al controllo del peso corporeo Tutti gli studenti risultano nella categoria dei normopeso e ( tra 18 e 24)

49 CONCLUSIONI Il 58% dei maschi è soddisfatto del proprio peso corporeo,il 26% si ritiene sovrappeso Il 46% delle femmine si considera sovrappeso anche se i valori di BMI e la percentuale di massa grassa rientrano nei parametri di riferimento dell età Un numero significativo di maschi(14%)ritiene di essere sottopeso,trascurabile invece è quello delle femmine(2%)

50 CONCLUSIONI Gli studenti fumatori rappresentano complessivamente il 23,5% della popolazione scolastica,in linea con la media nazionale;entrambi i sessi dichiarano di fumare per piacere,mentre una parte rilevante di femmine(40%)fuma per avere una sensazione calma I fumatori aumentano linearmente con l età in modo analogo sia nei maschi che nell femmine Il consumo medio giornaliero è di 5,7 sigarette per i maschi,leggermente inferiore pe le femmine(5,2) Le ragazze cominciano a fumare a 14,5 anni,i maschi a 15

51 CONCLUSIONI La maggior parte degli studenti(38%maschi e 48%femmine)non ha abusato di alcool;i maschi tendono ad ubriacarsi più spesso delle femmine(20% contro 3%) Entrambi(23%)consumano bevande alcoliche nei fine settimana Le preferenze cadono su:superalcolici (38%),aperitivi(28%) e birra (25%) Anche se il 50% degli studenti ha la consapevolezza che l uso di bevande alcoliche dannoso per la salute,solo il 28% ne riconosce i rischi

52 CONCLUSIONI Dal puto di vista alimentare le abitudini degli studenti,nei pasti principali,sono abbastanza corrette,i consumi di carne,pizza,pesce,formaggio e uova sono costanti nell arco della settimana. Il pane e la pasta sono consumati almeno una volta al giorno da tutti gli studenti,cos come la frutta(40%) e la verdura(60%) In tutti gli spuntini(sia della mattina che pomeridiani)sono presenti le bibite gasate(46%) e i prodotti confezionati(52%)

53 CONCLUSIONI Lo stato di forma è percepito in modo positivo dalla maggior parte degli studenti di entrambi i sessi(64%),anche se è considerevole il numero di ragazze(27%) che lo ritiene poco soddisfacente Solo il 20% degli studenti considera la salute una delle cose più importanti,ma il 56% degli studenti presi in esame dice di volerne sapere di più La maggior parte delle informazioni sulla salute proviene dalla famiglia seguita da giornali,televisione e medico Solo l 8% degli studenti segnala di ricevere informazioni dalla scuola

54 PROPOSTE Adeguare l assunzione energetica degli alimenti in base alla propria attività fisica Cercare di variare gli alimenti,facendo riferimento alle sette classi,per apportare all organismo tutti i nutrimenti di cui necessita Mantenere il consumo quotidiano medio di proteine fra i 60 e gli 80 grammi a person di grassi inferiore ai 60 grammi nei maschi ed ai 45 nelle femmine e di carboidrati complessi intorno al 50% delle calorie totali Assicurare che sia garantito l apporto quotidiano di fibre,vitamine e minerali derivant soprattutto dalla frutta e dalla verdura

55 PROPOSTE Limitare il consumo di bevande alcoliche,in quante rappresentano una notevole font calorica Non abusare nell uso del sale,in quanto spesso è già presente di natura in alcuni prodotti Cercare di distribuire l alimentazione quotidiana in più pasti di modesta dimensione,invece di concentrarla in una o due occasioni.importante non trascurare prima colazione che dovrebbe principalmente essere a base di latte,derivati e cereal Praticare regolarmente attività sportiva,per mantenere il corpo in una costante efficienza fisica e prevenire alcuni disturbi legati ad una vita sedentaria e sregolata Rivolgersi ad un medico per ricevere dei consigli utili o pareri riguardo al proprio sta di salute

56 PROPOSTE

57 PROPOSTE Stare poco seduti 2-3 VOLTE ALLA SETTIMANA: Praticare uno sport: tennis arti marziali; basket volley; calcio rugby; 3-4 VOLTE ALLA SETTIMANA: Svolgere attività aerobiche: lunghe camminate trekking; corsa nuoto; ciclismo fitness; TUTTI I GIORNI: Ricercare ogni occasione che permetta di fare, seppur in modo blando, dell attività fisica: muoversi di più e sedersi meno; utilizzare le scale anziché l ascensore; parcheggiare la macchina lontano e camminare; sbrigare piccole commissioni con mezzi alternativi alla macchina come la bici o a piedi.

58 GRAZIE PER L ATTENZIONE

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice pag. 1 / 20 Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione Indice Versione lunga / Novembre 2011 2 Piramide alimentare svizzera

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~ Dr Schàr Foodservice ri Chi è affetto da celiachia non deve assolutamente rinunciare a mangiare al ristorante; attenendosi ad alcune regole e suggerimenti è possibile consumare i propri pasti al ristorante,

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Al Roccolo. Fattoria Piolanti. A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà.

Al Roccolo. Fattoria Piolanti. A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà. Al Roccolo Fattoria Piolanti A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà. Ragiungèl, l è facil tè po minga sbaglià. Ocio, sculta che tè spieghi mi Ciapa la strada che la và de là.

Dettagli

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott.

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott. L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA a cura del Dott. Samorindo Peci Appunti dell autore Ho fatto in modo di realizzare questo

Dettagli

CONTENUTO DI FERRO (100 g.di ALIMENTO

CONTENUTO DI FERRO (100 g.di ALIMENTO CONTENUTO DI FERRO (100 g.di ALIMENTO parte edibile) Milza, bovino 42.0000 Fegato, suino 18.0000 Tè, in foglie 15.2000 Cacao, amaro in polvere 14.3000 Crusca di frumento 12.9000 Fegato, ovino 12.6000 Storione,

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Come ridurre il rischio di cancro Un informazione della Lega contro il cancro Un alimentazione equilibrata rafforza la salute 1 Indice Editoriale 5 Una sana

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Utenti: 3,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione

Utenti: 3,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione Utenti: 3,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione SELEX ACETI AROMATIZZATI - BALSAMICI - CONDIMENTI Crema Classica all'aceto Balsamico

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

La salute vien mangiando!

La salute vien mangiando! La salute vien mangiando! Sede Legale: Monza 20052 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it - C.F. / P. IVA Sede Legale: Monza 20052 02734330968 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it

Dettagli

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno 2014 Hai chiesto qual è il piatto del giorno? { } (Il maresciallo Carotenuto Vittorio De Sica Che

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

Vincenzo Antonina e tutto lo Staff

Vincenzo Antonina e tutto lo Staff Tutti i prodotti che potete assaporare, pane, pasta fresca,dolci e quant'altro sono tutti confezionati dalla nostra cucina. Poniamo particolare attenzione ai prodotti tipici locali e alle materie prime

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Sara Grioni Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre"

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile 90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium Essere uno chef non è mai stato così facile Congratulazioni per aver acquistato il forno a microonde con tecnologia 6 SENSO Whirlpool Jet Chef Premium! Da oggi

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA On. Ministro Gianni Alemanno Presidente, Prof. Ferdinando Romano Gruppo di esperti costituito presso l Istituto

Dettagli

Il ristorante. Marco Mazzanti

Il ristorante. Marco Mazzanti Il ristorante I colori del mare, i sapori della tradizione la calda accoglienza e la cantina generosa sono le note caratteristiche della Tartana. Benvenuti nel nostro ristorante. Marco Mazzanti Il mare

Dettagli

NUTRIZIONE E STILE DI VITA NELL IPEROMOCISTEINEMIA

NUTRIZIONE E STILE DI VITA NELL IPEROMOCISTEINEMIA DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA MEDICINA SPERIMENTALE E FORENSE SEZIONE DI SCIENZA DELL ALIMENTAZIONE CORSO DI LAUREA IN DIETISTICA Direttore: Chiar.ma Prof.ssa Carla Roggi NUTRIZIONE E STILE DI VITA NELL

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

12/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 47. Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

12/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 47. Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 12 maggio 2014, n. G06917 "Deliberazione della Giunta Regionale del 14 gennaio 2011 n. 3". Procedura

Dettagli

Linee guida per un corretto stile di vita

Linee guida per un corretto stile di vita Linee guida per un corretto stile di vita 1 Hanno collaborato alla redazione delle Linee guida : Rosanna Barbieri Angela Bardi Antonio Dispenza Maria Naldini Marina Pacetti Maria Rosa Silvestro Corrado

Dettagli

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI Visto che il 20% di un numero è uguale a frazionario per calcolare le percentuali. 20 100 n allora possiamo utilizzare il calcolo DATI n= numero intero p= frazione (percentuale) r= numeratore (tasso di

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 Dott. Giuseppe Pandolfo 30 Settembre 2013 Popolazione statistica: insieme degli elementi oggetto dell indagine statistica. Unità statistica: ogni elemento della popolazione

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

> MANGIARE E BERE IN ITALIA

> MANGIARE E BERE IN ITALIA Percorso 3 > MANGIARE E BERE IN ITALIA Guarda questi piatti della cucina italiana. Secondo te, di quali parti d Italia sono tipici? Ogni regione d Italia ha i suoi piatti tipici. Spesso quando pensiamo

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

La nutrizione nel malato oncologico

La nutrizione nel malato oncologico La Collana del Girasole n. 13 La nutrizione nel malato oncologico Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici La Collana del Girasole La nutrizione nel malato oncologico 13 Legenda Per praticità

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba Introduzione La crisi ha alleggerito di 7 miliardi di euro la borsa della spesa delle famiglie

Dettagli

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta con il leone Guida all uso del conteggio dei carboidrati, e non solo! Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta

Dettagli

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti.

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Nel calcolo del costo delle merci relative ad un singolo piatto non si possono ignorare le percentuali di scarto degli ingredienti. Se

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli