PROGETTO SALUTE E ALIMENTAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO SALUTE E ALIMENTAZIONE"

Transcript

1 LICEO CLASSICO J.STELLINI PROGETTO SALUTE E ALIMENTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2005/2006

2 PRESENTAZIONE PRESUPPOSTI DIDATTICI PARTE TEORICO-SCIENTIFICA PARTE SPERIMENTALE CONCLUSIONI

3 PRESUPPOSTI DIDATTICI FASE DELLA RICERCA FASE DELLE CONOSCENZE FASE DELL ELABORAZIONE DATI FASE DELLE CONCLUSIONI

4 FASE DELLA RICERCA Indagine sulle abitudini di vita degli allievi Progettazione e realizzazione di un questionario Progettazione e realizzazione di una griglia di rilevamento per la raccolta dei dati registrazione e raccolta dati

5 FASE DELLE CONOSCENZE Principi alimentari Ricerca sui principali fattori di rischio delle cardiopatie n più comuni Effetti dell alcool sull organismo umano Effetti del fumo sugli apparati Effetti della sedentarietà nell età evolutiva

6 FASE DELL ELABORAZIONE DATI Elementi di statistica Elaborazione dei dati con l utilizzo di foglio elettronico Interpretazione dei dati Studio dei modelli di rappresentazione grafica Discussione e valutazione dei risultati

7 FASE DELLE CONCLUSIONI Stesura di una relazione scientifica Creazione di una presentazione in Power Point Comunicazione dei risultati della ricerca Dibattito con esperti

8 PARTE TEORICO-SCIENTIFICA PRINCIPI ALIMENTARI STILI DI VITA

9 PRINCIPI ALIMENTARI Prima classe Seconda classe Terza classe Quarta classe Quinta classe Sesta classe Settima classe Carni, pesci, uova Latte e derivati Cereali, patate Legumi secchi Grassi da condimento Verdure e frutta Dolci e bevande

10 PRINCIPI ALIMENTARI CONSUMI SUGGERITI regolarmente moderatamente raramente (ogni giorno) (2-3 volte a settimana) (1 volta a settimana o meno) Pollo e tacchino bolliti o arrosto Carne di manzo o vitello magro ai ferri, arrosto o bollita Pesce magro (dentice sogliola, spigola, tonno: al forno, lessato o al cartoccio) Carne di ale Fegato e frattaglie Uova alla coque, sode o omelette (senza grassi di condimento) Crostacei, molluschi Carne bovina grassa Pesce grasso (sarda, sgombro, anguilla, aringa) Salumi Trippa Carne o pesce fritto Frittate in olio Bastoncini di pesce o carne fritti in olio

11 PRINCIPI ALIMENTARI CONSUMI SUGGERITI regolarmente moderatamente raramente (ogni giorno) (2-3 volte a settimana) (1 volta a settimana o meno) Latte parzialmente scremato o scremato Yogurt magro o semigrasso Formaggi freschi e magri (fiordilatte, mozzarella, scamorza, caciottina) Formaggi fusi non grassi Yogurt alla frutta Formaggi a pasta dura (groviera, provolone ) Formaggi tipo gorgonzola Formaggi fusi e grassi (< 40%) Ricotta Robiola Latte e yogurt interi Burrini Mascarpone Gelati e creme industriali Panna Dessert e budini industriali a base di latte

12 PRINCIPI ALIMENTARI CONSUMI SUGGERITI regolarmente moderatamente raramente (ogni giorno) (2-3 volte a settimana) (1 volta a settimana o meno) Pane bianco o integrale Pasta con pomodoro fresco Cereali (integrali) per colazione Fette biscottate Patate bollite, al forno o in purè o minestre Riso Pasta con sugo o al burro Crackers Pizza Pasta all uovo Biscotti Patate fritte Prodotti di pasticceria Castagne Chips (molto raramente perché contengono il 40% di grassi)

13 PRINCIPI ALIMENTARI CONSUMI SUGGERITI regolarmente moderatamente raramente (ogni giorno) (2-3 volte a settimana) (1 volta a settimana o meno) Olio di oliva Olio di girasole Olio di s Olio di vinaccioli Olio di soia Burro Margarina Maionese Grassi fritti Lardo Pancetta Strutto

14 PRINCIPI ALIMENTARI CONTENUTO IN GRASSI DEI PRINCIPALI ALIMENTI A- più del 40%: lardo mandorle salumi grassi panna fresca arachidi B- dal 20 al 40 %: cioccolato altri salumi formaggi a basso contenuto d acqua rosso d uovo pollame grasso carne di ale e d agnello carne grassa di pecora e di manzo formaggi ad alto contenuto d acqua budini C- dal 10 al 20%: carni varie pollame frattaglie biscotti pesci grassi D- dal 2 al 10%: carne equina, selvaggina, pollo pesce magro latte intero yogurt e formaggi freschi interi pane condito frutti di mare e crostacei E- meno del 2% di grassi frutta e verdura fresche pasta, pane, cereali, marmellata, miele carne di struzzo

15 STILI DI VITA NUTRIZIONE FUMO ALCOOL

16 NUTRIZIONE I consumi alimentari in Italia si sono notevolmente ridotti;nel si è registrato un abbassamento di circa il 15-20% rispetto al periodo Questo dato è da attribuirsi sia alla maggiore presenza di anziani sia la ridotta attività fisica dovuta al lavoro e al poco tempo libero E in calo il consumo di vino,formaggi,grassi da condimento,carni e latte In aumento,invece,i consumi di pesce,pizza e dolci Vi è un adeguata consapevolezza del cibo come fattore di promozione della salute,ma nonostante i consumi alimentari si siano ridotti la percentuale di obesità è ancora alta

17 FUMO La percentuale di fumatori totale(maggiore ai 14 anni) è pari al 24,9%;per gli uomini del 32,2% mentre per le donne è del 18,2% I giovani tra i 14 e i 24 anni,che dichiarano di fumare,sono il 22,2%;con una maggiore concentrazione nel Nord e nel Centro Italia La quota dei ragazzi fumatori è superiore a quella delle ragazze fumatrici:27,5% contro il 16,6% Le persone non fumatrici,che convivono con almeno un fumatore sono in Italia 12milioni e 500 mila(21,9%)

18 ALCOOL In Italia si è registrato un calo del consumo medio annuo di alcool dagli inizi degli anni 80 fino al 2000 Questo calo è da attribuirsi per buona parte al minor consumo di vino,e in parte di super alcolici,mentre appaiono in aumento i consumi di birra Le donne consumatrici sono passate dal 61,1% del 1994 al 73,2% del 2000,e consumano sempre più bevande alcoliche fuori pasto I giovani consumatori di bevande alcoliche fra i 15 e 24 anni sono passati dal 74% del 1991 al 77% del 2000

19 PARTE SPERIMENTALE SCOPO DELLA RICERCA SOGGETTI MATERIALI E METODI RISULTATI DISCUSSIONE

20 SCOPO DELLA RICERCA VERIFICARE GLI STILI DI VITA DEGLI STUDENTI FORNIRE INDICAZIONI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE VERIFICARE LE CONSEGUENZE DI COMPORTAMENTI INADEGUATI SULL EFFICIENZA FISICA

21 SOGGETTI STUDENTI 30% MASCHI FEMMINE 70%

22 SOGGETTI DISTRIBUZIONE DEGLI STUDENTI PER CLASSE STUDENTI PRIME 35 SECONDE 30 TERZE MASCHI FEMMINE

23 MATERIALI E METODI STRUMENTI: PLICOMETRO COMPUTER E STAMPANTE PROGRAMMI APPLICATIVI VIDEOPROIETTORI MULTIMEDIALI RIVISTE SPECIALIZZATE TESTI SCIENTIFICI METRO E BILANCIA

24 MATERIALI E METODI ANTROPOMETRIA:GLI STUDENTI SONO STATI SOTTOPOSTI ALLE SEGUENTI MISURAZIONI ANTROPOMETRICHE: ALTEZZA PESO CORPOREO PLICOMETRIA PERCENUALE DI GRASSO CORPOREO(%FAT) L INDICE DI MASSA CORPOREA(BMI)

25 MASCHI FUMATORI RISULTATI MAI IN PASSATO RARAMENTE CON FREQUENZA REGOLARMENTE PRIME SECONDE TERZE FEMMINE FUMATRICI MAI IN PASSATO RARAMENTE CON FREQUENZA REGOLARMENTE PRIME SECONDE TERZE

26 RISULTATI ALTEZZA Altezza (m 1,78 1,76 1,74 1,72 1,7 1,68 1,66 1,64 1,62 CLASSI PRIME CLASSI SECONDE CLASSI TERZE MASCHI FEMMINE Grafico n.2: Altezze medie maschi e femmine tra i 15 e i 19 anni. PESO STUDENTI Peso o (Kg 80,0 70,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 CLASSI PRIME CLASSI SECONDE CLASSI TERZE Grafico n.3: Peso medio maschi e femmine fra i 15 e i 19 anni.

27 RISULTATI BMI 23,00 BMI (m/kg 2 ) 22,00 21,00 20,00 19,00 18,00 MASCHI FEMMINE 17,00 CLASSI PRIME CLASSI SECONDE CLASSI TERZE Grafico n.4: Percentuale body mass index maschi e femmine PERCENTUALE GRASSO CORPOREO 25,00 20,00 15,00 10,00 MASCHI FEMMINE 5,00 0,00 CLASSI PRIME CLASSI SECONDE CLASSI TERZE Grafico n.5: percentuale grasso corporeo maschi e femmine

28 RISULTATI DISTRIBUZIONE GRASSO MASCHI DISTRIBUZIONE GRASSO FEMMINE cm cm 30,00 30,00 34,00 34,00 28,00 28,32 28,00 32,00 32,00 26,00 26,00 30,00 30,2 7 30,00 24,00 2 4, ,89 24,00 28,00 28,00 22,00 22,00 26,00 24,00 26,54 24,95 26,00 24,00 20,00 20,00 22,00 22,00 18, , ,95 14,9 1 14, , , ,00 18,00 20,39 19, , ,00 18,00 14, , ,00 16,00 12, , ,00 14,00 10, 0 0 9, 48 10, ,00 12, , ,00 8,00 8, 3 2 8,0 0 10,00 10, ,00 6,00 6,64 6,0 0 8,00 8,00 Classi pr ime Classi seconde C lassi ter z e Classi pr ime Clas si seconde Classi t er ze Grafico n.6: distribuzione della percentuale di grasso corporeo negli studenti nelle classi

29 RISULTATI STUDENTI CHE PRATICANO SPORT 38% SI NO 62% Grafico n.7 Percentuali di maschi e femmine che praticano sport M ASCHI FEMMINE SI NO SI NO PRIME SECONDE TERZE Grafico n.8 Maschi che praticano attività sportiva 0 PRIME SECONDE TERZE Grafico n.9 Femmine che praticano attività sportiva

30 RISULTATI FREQUENZA SETTIMANALE ATTIVITA' SPORTIVA MASCHI FREQ UENZA SETTIMANALE ATTIVITA' SPORTIVA FEMMINE 13% 25% 13% 4% 10% 19% ogni giorno 2/3 volte s ogni giorno 2/3 vo lte s una v ol ta s una volta s raramente raramente 43% 73% Grafico n.10: Frequenza dell attività sportiva settimanale nei maschi dai 15 ai 19 anni. Grafico n.11: Frequenza dell attività sportiva settimanale nelle femmine dai 15 ai 19 anni.

31 RISULTATI ATTIVITA' MOTORIE SVOLTE NEL TEMPO LIBERO M ASCHI passeggiate bici piscina pales tra raramente 1 o più volte al mese 1 volta per settimana più volte per settimana tutti i giorni raramente 1 o più volte al mese 1 volta per settimana più volte per settimana tutti i giorni raramente 1 o più volte al mese 1 volta per settimana più volte per settimana tutti i giorni raramente 1 o più volte al mese 1 volta per settimana più volte per settimana tutti i giorni classe rafico III n.12: C Attività motorie svolte nel tempo libero da studenti maschi dai 15 ai 19 anni. G

32 RISULTATI ATTIVITA' MOTORIE SVOLTE NEL TEMPO LIBERO FEMMINE raramente 1 volta per settimana tutti i giorni 1 o più volte per mese più volte per settimana piscina raramente 1 volta per settimana tutti i giorni 1 o più volte per mese più volte per settimana passeggiate Grafico n.13: Attività motorie svolte nel tempo libero da studentesse dai 15 ai 19 anni.

33 RISULTATI 19% MASCHI FUMATORI 13% 8% FEMMINE FUMATRICI 6% MAI MA I 5% 6% 64% IN PASSATO RARAMENTE CON FREQUENZA REGOLARMENTE 13% 12% 54% IN PASSATO RA RA MENTE CON FREQUENZA REGOLARMENTE Grafico n.14 e 15: valori percentuali degli studenti sull abitudine al fumo MASCHI FUMATORI FEMMINE FUMATRICI MAI IN PASSATO RARAMENTE CON FREQUENZA REGOLARMENTE MAI IN PASSATO RARAM ENTE CON FREQUENZA REGOLARM ENTE 0 PRIM E SECONDE TERZE 0 PRIM E SECONDE TERZE Grafico n.16-17: dati relativi al numero di fumatori in base al sesso ed all età dei ragazzi tra i 15 e i 19 anni.

34 RISULTATI PERCHE' FUMI (MASCHI) PER CHE' FUM I (FEM M IN E) 14 % 13% 23% 5% 58% MI PIACE MI CALMA PER EMULAZIONE PER A BITUDINE 5% 42% MI PIACE MI CALMA PER EMULAZIONE PER ABITUDINE 40% Grafico n.18 e 19: motivazioni che spingono gli studenti maschi e femmine a fumare

35 RISULTATI ETA' DI INIZIO AL FUMO DI SIGARETTE 15,262 14, maschi femmine Grafico n. 20: età degli studenti di inizio al fumo

36 RISULTATI CONSUMO GIORNALIERO DI SIGARETTE femmine maschi 5 5,1 5,2 5,3 5,4 5,5 5,6 5,7 Grafico n. 21: consumo medio giornaliero di sigarette degli studenti

37 RISULTATI 22% 20% AB USO DI ALC OOL NEI MASCHI 20% 38% MAI QUALCHE VOLTA 2-3 VOLTE SPESSO 23% 27% ABUSO DI ALCO OL NELLE FEMMINE 3% 47% MAI QUALCHE VOLTA 2-3 VOLTE SPESSO Grafici n.22-23: valori percentuali dei maschi e delle femmine sulla tendenza ad ubriacarsi. ALCOOL NEI MASCHI ALCOOL NELLE FEMMINE MAI QUALCHE VOLTA 2-3 VOLTE SPESSO MAI QUALCHE VOLTA 2-3 VOLTE SPESSO PRIME SECONDE TERZE 0 PRIME SECONDE TERZE Grafici n.24-25: dati relativi alla frequenza con la quale gli studenti tendono ad abusare del consumo di alcool in base al sesso ed all età.

38 RISULTATI O PINIO NE SUL CO NSUMO DI ALCO LICI FEMMINE O PINIO NE SUL CO NSUMO DI ALCO LICI MASCHI 2% 28% molto dannos o 8% 28% molto dannos o 49% 21% abb. Dannos o dannoso ma si esagera tr oppo 41% 23% abb. Dannos o dannoso ma si esagera tr oppo Grafici n : opinioni di studenti di anni sul consumo di alcolici

39 RISULTATI CON CHE FREQUENZA BEVI? 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% ogni giorno una volta s più volte s fine s ett ogni giorno una volta s più v olte s fin e sett ogni giorno una volta s più volte s fine s ett ogni giorno una volta s più v olte s fin e sett ogni giorno una volta s più volte s fine s ett ogni giorno una volta s più v olte s fine sett ogni giorno una volta s più volte s fine sett vino birr a aperitiv i digestivi cocktail an. cocktail alc. superalcolici Grafico n.28: tipi di bevande e percentuali di consumo nella giornata

40 RISULTATI ALIMENTI PER SPUNTINO 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% mattina pomeriggio sera mattina pom eriggio sera mattina pomeriggio sera m attina pom eriggio sera mattina pomeriggio sera m attina pom eriggio sera mattina pomeriggio sera m attina pomeriggio sera mattina pomeriggio sera m attina pomeriggio sera mattina pomeriggio sera m attina pomeriggio sera pizz a meren dine dolc i patatine yogurt f rutta caff è the cioc colata s ucco bibite gasate no spuntino Grafico n. 29 tipi di alimenti e percentuale di consumo utilizzati per lo spuntino durante la giornata

41 RISULTATI ALIM ENTI DI MAGGIOR CONSUM O 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 2/3 volte sett 1 volta aliorno g più volte al giorno 2/3 volte s ett 1 v olta a liorno g più volte al giorno 2/3 volte sett 1 v olta aliorno g più volte al giorno 2/3 volte sett 1 volta aliorno g più volte al giorno 2/3 volte s ett 1 v olta alior no g più v olte al giorno 2/3 v olte sett 1 v olta aliorno g più volte al giorno 2/3 volte sett 1 volta aliorno g più volte al giorno 2/3 volte sett 1 volta aliorno g più v olte al giorno 2/3 v olte sett 1 volta aliorno g più volte al giorno 2/3 volte sett 1 volta aliorno g più volte al giorno 0% pasta riso pane c arne magra carne di ma iale pollo e tacchino salumi pesce formaggi uova pizza Grafico n. 30: consumi percentuali dei principali alimenti in studenti di anni

42 RISULTATI ALIMENTI DI MAGGIOR CONSUMO 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più prodotti salati frutta dolci ciocc olata verdura cruda verdura cotta latte intero latte scremato Grafico n. 31: consumi percentuali dei principali alimenti in studenti di anni yogurt

43 RISULTATI COME GIUDICHI IL TUO MODO DI ALIMENTARTI 20% 3% 9% molto sano ed equilibrato abbastanza sano ed equilibrato non molto sano ed equilibrato non so valutare 68% Grafico n. 32: Giudizio sul proprio modo di alimentarsi in studenti di anni. VALUTAZIO NE SULLA P RO PRIA FO RMA FISICA (MASCHI) VALUTAZIO NE SULLA P RO PRIA FO RMA FISICA (FEMMINE) 16% 2% 18% MOLTO SODDISFACENTE ABBAS TANZA SODDIS FACENTE POCO S ODDISFA CENTE 27% 5% 6% MOLTO SODDISFACENTE ABBAS TANZA SODDIS FACENTE POCO S ODDISFA CENTE PER NULLA SODDIS FACENTE 62% PER NULLA SODDIS FACENTE 64% Grafico n. 33 valutazione personale sulla proprio stato di forma fisica in studenti di anni

44 RISULTATI C O ME C O NS IDERI I L TUO PES O CORPOREO (MASCHI) CO ME CONSIDERI IL TUO PESO CORPOREO (FEMMINE) 14% 2% 2% 4% 26% mol to s ovr appeso mol to s ovr appeso un po s ovr appeso soddi s f atto 50% 44% un po s ovr appeso soddisf atto sottopeso sottopeso 58% Grafico n.34: considerazioni sul proprio peso corporeo di studenti di anni CONSIDERAZIONI SULLA SALUTE 13% 3% 20% LA COSA PIU' IMPORTANTE IMPORTANTE, MA NON SONO MOLTO ATTENTO NON CI PENSO 64% Grafico n.35: giudizio espresso da studenti di anni sulla salute

45 RISULTATI FONTI DI INFORMAZIONE SULLA SALUTE 11% 6% 0% 16% giornali riviste specializzate scuola 6% oratorio 12% 6% Internet televisione/radio 1% 5% famiglia amici medico 18% 19% da altri medici altro Grafico n.36: fonti di informazione sugli aspetti della salute

46 CONCLUSIONI L attività motoria tende a diminuire con l età 25% dei maschi privilegia la pratica di una disciplina sportiva agonistica 73% delle ragazze si impegna maggiormente in attività fisica non agonistica frequentano la palestra privilegiano le passeggiate praticano con maggior frequenza il nuoto libero rispetto ai maschi I maschi preferiscono la bicicletta

47 CONCLUSIONI L attività nel tempo libero è particolarmente differenziata fra i due sessi Maschi: Guardano regolarmente la televisione (42%) Leggono (43%) Utilizzano il computer (43%) Femmine: Leggono (53%) Frequentano amici (57%) Ascoltano la radio (38%) Entrambi i sessi: Vanno abbastanza spesso al cinema (44%) Dimostrano uno scarso interesse per: Studio di uno strumento musicale (59%) Volontariato (60%),lavoro occasionale (70% femmine; 48% maschi.)

48 CONCLUSIONI Rispetto all età: L altezza media dei maschi e delle femmine rimane pressochè invariata. Entrambi i valori risultano superiori alla media nazionale (175cm maschi; 163cm femmine) Nei maschi si registra un notevole aumento nel BMI,dovuto ai tempi di sviluppo ponderale successivi rispetto alle femmine Nelle femmine si presenta una notevole diminuzione nel BMI,dovuta ad una maggiore attenzione al controllo del peso corporeo Tutti gli studenti risultano nella categoria dei normopeso e ( tra 18 e 24)

49 CONCLUSIONI Il 58% dei maschi è soddisfatto del proprio peso corporeo,il 26% si ritiene sovrappeso Il 46% delle femmine si considera sovrappeso anche se i valori di BMI e la percentuale di massa grassa rientrano nei parametri di riferimento dell età Un numero significativo di maschi(14%)ritiene di essere sottopeso,trascurabile invece è quello delle femmine(2%)

50 CONCLUSIONI Gli studenti fumatori rappresentano complessivamente il 23,5% della popolazione scolastica,in linea con la media nazionale;entrambi i sessi dichiarano di fumare per piacere,mentre una parte rilevante di femmine(40%)fuma per avere una sensazione calma I fumatori aumentano linearmente con l età in modo analogo sia nei maschi che nell femmine Il consumo medio giornaliero è di 5,7 sigarette per i maschi,leggermente inferiore pe le femmine(5,2) Le ragazze cominciano a fumare a 14,5 anni,i maschi a 15

51 CONCLUSIONI La maggior parte degli studenti(38%maschi e 48%femmine)non ha abusato di alcool;i maschi tendono ad ubriacarsi più spesso delle femmine(20% contro 3%) Entrambi(23%)consumano bevande alcoliche nei fine settimana Le preferenze cadono su:superalcolici (38%),aperitivi(28%) e birra (25%) Anche se il 50% degli studenti ha la consapevolezza che l uso di bevande alcoliche dannoso per la salute,solo il 28% ne riconosce i rischi

52 CONCLUSIONI Dal puto di vista alimentare le abitudini degli studenti,nei pasti principali,sono abbastanza corrette,i consumi di carne,pizza,pesce,formaggio e uova sono costanti nell arco della settimana. Il pane e la pasta sono consumati almeno una volta al giorno da tutti gli studenti,cos come la frutta(40%) e la verdura(60%) In tutti gli spuntini(sia della mattina che pomeridiani)sono presenti le bibite gasate(46%) e i prodotti confezionati(52%)

53 CONCLUSIONI Lo stato di forma è percepito in modo positivo dalla maggior parte degli studenti di entrambi i sessi(64%),anche se è considerevole il numero di ragazze(27%) che lo ritiene poco soddisfacente Solo il 20% degli studenti considera la salute una delle cose più importanti,ma il 56% degli studenti presi in esame dice di volerne sapere di più La maggior parte delle informazioni sulla salute proviene dalla famiglia seguita da giornali,televisione e medico Solo l 8% degli studenti segnala di ricevere informazioni dalla scuola

54 PROPOSTE Adeguare l assunzione energetica degli alimenti in base alla propria attività fisica Cercare di variare gli alimenti,facendo riferimento alle sette classi,per apportare all organismo tutti i nutrimenti di cui necessita Mantenere il consumo quotidiano medio di proteine fra i 60 e gli 80 grammi a person di grassi inferiore ai 60 grammi nei maschi ed ai 45 nelle femmine e di carboidrati complessi intorno al 50% delle calorie totali Assicurare che sia garantito l apporto quotidiano di fibre,vitamine e minerali derivant soprattutto dalla frutta e dalla verdura

55 PROPOSTE Limitare il consumo di bevande alcoliche,in quante rappresentano una notevole font calorica Non abusare nell uso del sale,in quanto spesso è già presente di natura in alcuni prodotti Cercare di distribuire l alimentazione quotidiana in più pasti di modesta dimensione,invece di concentrarla in una o due occasioni.importante non trascurare prima colazione che dovrebbe principalmente essere a base di latte,derivati e cereal Praticare regolarmente attività sportiva,per mantenere il corpo in una costante efficienza fisica e prevenire alcuni disturbi legati ad una vita sedentaria e sregolata Rivolgersi ad un medico per ricevere dei consigli utili o pareri riguardo al proprio sta di salute

56 PROPOSTE

57 PROPOSTE Stare poco seduti 2-3 VOLTE ALLA SETTIMANA: Praticare uno sport: tennis arti marziali; basket volley; calcio rugby; 3-4 VOLTE ALLA SETTIMANA: Svolgere attività aerobiche: lunghe camminate trekking; corsa nuoto; ciclismo fitness; TUTTI I GIORNI: Ricercare ogni occasione che permetta di fare, seppur in modo blando, dell attività fisica: muoversi di più e sedersi meno; utilizzare le scale anziché l ascensore; parcheggiare la macchina lontano e camminare; sbrigare piccole commissioni con mezzi alternativi alla macchina come la bici o a piedi.

58 GRAZIE PER L ATTENZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

Progetto Expo 2015. Questionario on-line

Progetto Expo 2015. Questionario on-line a.s. 2014.15 Progetto Expo 2015 Questionario on-line Questionario di indagine sul livello di informazione e consapevolezza in merito all alimentazione Indice Introduzione Prima sezione: Conosci le tue

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di INFORMARSI È SEMPLICE, RECLAMARE È FACILE CONOSCERE I PROPRI DIRITTI È IL PRIMO PASSO PER FARLI VALERE Iniziativa organizzata con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico QUESTIONARIO SUGLI

Dettagli

Presentazione. [Digitare il testo]

Presentazione. [Digitare il testo] Presentazione Il Menù scolastico rappresenta il frutto di un lavoro svolto nel corso degli ultimi mesi con l obiettivo di rimodulare la varietà delle pietanze nell ottica di una dieta bilanciata. Tiene

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008 Dimmi come mangi Codice 1 2 3 1. Inserisci qui l iniziale del nome di tua mamma 2. Inserisci qui le ultime tre cifre del

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO L.A.R.N. (livelli di assunzione giornalieri raccomandati di energia) da tener presenti nella definizione delle grammature. ETA MASCHI

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Città Metropolitana di Genova All. A CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEI MENU Il menù è soggetto a validazione da parte del competente

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Consigliere Nazionale SINSeB Docente Università di Camerino Stato nutrizionale Bilancio energetico

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

2. Caratteristiche di una alimentazione equilibrata

2. Caratteristiche di una alimentazione equilibrata Dipartimento delle Professioni Sanitarie Guida al percorso di assistenza nutrizionale in riabilitazione cardiologica Servizio Dietetico Responsabile: Dr.ssa Maria Luisa Masini 2. Caratteristiche di una

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n.

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n. CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI marzo 2015 TABELLA DELLE

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

Come aumentare l apporto calorico alla dieta

Come aumentare l apporto calorico alla dieta Come aumentare l apporto calorico alla dieta Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA Regione PIEMONTE- ASL2-Torino Ambulatorio di Cardiologia OSPEDALE S. Giovanni Bosco Tel.011-2402310 Progetto GIOTTO Responsabile Drssa Bianca BIANCHINI DIETA Ovvero MANGIARE PER LA VITA Questo piccolo

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali.

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Prima di affrontare un'attività sportiva, viene da chiedersi cosa e quanto è meglio mangiare. Ma quello che si può consumare

Dettagli

Le buone abitudini. alleggeriscono la vita. Soluzioni pratiche per il sovrappeso e l obesità

Le buone abitudini. alleggeriscono la vita. Soluzioni pratiche per il sovrappeso e l obesità Le buone abitudini alleggeriscono la vita Soluzioni pratiche per il sovrappeso e l obesità In caso di sovrappeso o di obesità, una corretta alimentazione, associata alla pratica regolare di attività fisica,

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE In qualità di Presidente del mi sento in dovere di portarvi a conoscenza di alcune interessanti e basilari concetti per una corretta alimentazione dei nostri figli.

Dettagli

Menù espresso per 14 giorni GF 1

Menù espresso per 14 giorni GF 1 Menù espresso per 14 giorni GF 1 Introduzione La tabella di pasti per 14 giorni è un ottimo punto di partenza che può aiutarti a capire rapidamente i cibi sani e gustosi che il programma dietetico ti propone

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Lega Friulana per il Cuore CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

La dieta della gravidanza

La dieta della gravidanza La dieta della gravidanza La gravidanza è un evento fondamentale nella vita degli individui e, grazie alle nuove acquisizioni nel campo della nutrizione, oggi possiamo con la corretta alimentazione evitare

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

IL PROGETTO PREMESSA

IL PROGETTO PREMESSA IL PROGETTO PREMESSA Poche materie presentano contenuti così controversi come l alimentazione, a causa delle profonde e complesse implicazioni culturali, sociali, economiche e sanitarie che motivano le

Dettagli

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Al fine di comporre correttamente la propria dieta è bene conoscere le qualità dei principali alimenti che in base alle loro principali caratteristiche nutrizionali

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

COLONSCOPIA VIRTUALE

COLONSCOPIA VIRTUALE COLONSCOPIA VIRTUALE La colonscopia virtuale è una simulazione al computer di una colonscopia vera. Consiste in una TAC dell addome eseguita sia in posizione supina che prona, dopo aver inserito aria dal

Dettagli

Grassa o secca, quando la tosse ti prende, Lisomucil ti aiuta.

Grassa o secca, quando la tosse ti prende, Lisomucil ti aiuta. Guida150x210Adolescenza 20-03-2007 14:59 Pagina 1 Grassa o secca, quando la tosse ti prende, Lisomucil ti aiuta. Cod. 60514621 www.automedicazione.it Sono medicinali. Leggere attentamente il foglio illustrativo.

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

Azienda Unità Sanitaria Locale Umbria n.1

Azienda Unità Sanitaria Locale Umbria n.1 Azienda Unità Sanitaria Locale Umbria n.1 UOC Nefrologia e Dialisi - Direttore Dottor Antonio Selvi Introduzione alla dieta Una parte essenziale di ogni terapia, medica e nutrizionale, sono i controlli.

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO DETOX 7 7 GIORNI PER STARE MEGLIO Buongiorno!!! complimenti per aver scelto il nostro programma nutrizionale DETOX-7! Per dieta DETOX s intende un programma alimentare che ha lo scopo di eliminare le tossine

Dettagli

grissini 100 8,5 12,3 13,9 68,4 3,5 431 1802 mais 100 12,5 9,2 3,8 75,1 2,0 353 1475 cetrioli 77 96,5 0,7 0,5 1,8 0,8 14 59

grissini 100 8,5 12,3 13,9 68,4 3,5 431 1802 mais 100 12,5 9,2 3,8 75,1 2,0 353 1475 cetrioli 77 96,5 0,7 0,5 1,8 0,8 14 59 media book T A 06 Composizione chimica e valore energetico degli alimenti (solo macronutrienti ed energia) I richiami di nota si riferiscono alla legenda di pag. 6. Le tabelle complete sono reperibili

Dettagli

Alimentazione equilibrata e lavoro d ufficio

Alimentazione equilibrata e lavoro d ufficio Il benessere comincia dall ufficio 4 ottobre 2008 Alimentazione equilibrata e lavoro d ufficio Dott.ssa Cristina Angeloni Università di Bologna Dipartimento di Biochimica G.Moruzzi Centro Ricerche sulla

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO IN ETA SCOLARE

L ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO IN ETA SCOLARE L ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO IN ETA SCOLARE A cura della dott.ssa Teresa Canali In età scolare si impostano e consolidano le abitudini alimentari del bambino, pertanto è in questa fase della vita che la

Dettagli

Allegato 3. TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Cereali, derivati e tuberi

Allegato 3. TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Cereali, derivati e tuberi Allegato 3 Cereali, derivati e tuberi TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Pasta o riso asciutti 50-60 Pasta, riso, orzo o simili in brodo 20-30 Gnocchi di patate

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung pag. 1 / 5 Società Svizzera di Nutrizione SSN, Ufficio federale della sanità pubblica UFSP / 2o11 Dolci, snack salati e alcolici In piccole quantità. Oli,

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione)

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Comune di Bologna Settore Istruzione (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Anno 2012 a cura di: Alves Carpigiani Nutrizionista Responsabile della U.O. Igiene Nutrizione Controllo pasti nidi

Dettagli

Alimentazione del nuotatore. Daniela Stehrenberger Dietista diplomata

Alimentazione del nuotatore. Daniela Stehrenberger Dietista diplomata Alimentazione del nuotatore Daniela Stehrenberger Dietista diplomata Programma 1. Alimentazione di base composizione equilibrata dei pasti assunzione di liquidi 2. Particolarità dell alimentazione del

Dettagli

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18)

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18) D I E T E DIETA COSIDETTA COMUNE DIETA A Latte parzialmente scremato gr. 250 n. 4 fette biscottate zucchero gr. 10 marmellata o miele gr. 25 in alternativa al latte: un vasetto di yogurt da gr. 125 alla

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID CONVEGNO REGIONALE AMD-SID NEFROPATIA DIABETICA, IPERTENSIONE E MALATTIA CARDIOVASCOLARE SESSIONE PARALLELA PER DIETISTI E INFERMIERI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CON

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

LA DIETA SENZA GLUTINE E UNA ALTERNATIVA POSSIBILE E GUSTOSA, NON UNA RINUNCIA.

LA DIETA SENZA GLUTINE E UNA ALTERNATIVA POSSIBILE E GUSTOSA, NON UNA RINUNCIA. La terapia della intolleranza al glutine consiste solo nella dieta che NON deve contenere alimenti preparati con le farine dei cereali tossici per il paziente celiaco: FRUMENTO, ORZO, SEGALE (e analoghi

Dettagli

La magia del cibo, scopriamo quanto l alimentazione è importante per il benessere.

La magia del cibo, scopriamo quanto l alimentazione è importante per il benessere. Le sane abitudini alimentari Bologna 10 marzo 2014 La magia del cibo, scopriamo quanto l alimentazione è importante per il benessere. Emilia Guberti UO Igiene Alimenti e Nutrizione Az. USL Bologna Sicurezza

Dettagli

L'alimentazione in escursione

L'alimentazione in escursione CopyrightDeposit.com No. 0030877 L'alimentazione in escursione L'alimentazione in escursione Il tipo di alimentazione in montagna è di grande importanza, anche quando stiamo affrontando una breve gita,

Dettagli

Il primo punto del decalogo è: CONTROLLA IL PESO CORPOREO E MANTIENITI SEMPRE ATTIVO.

Il primo punto del decalogo è: CONTROLLA IL PESO CORPOREO E MANTIENITI SEMPRE ATTIVO. STRUTTURA COMPLESSA IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE IL DECALOGO Il primo punto del decalogo è: CONTROLLA IL PESO CORPOREO E MANTIENITI SEMPRE ATTIVO. Il mantenimento del peso corporeo in un range

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100 Riso 1.064 Pane 13.504 Pasta 5.808 Cereali e farine 590 Pasticceria 4.905 Biscotti dolci 2.742 Biscotti salati 1.709 Alimenti dietetici 374 Altri cereali e piatti pronti 2.505 Carne bovina fresca 18.572

Dettagli

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 96 Servizio Epidemiologico e Prevenzione - Tel. 0824.308286-9 Fax 0824.308302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Okkio alla salute Un indagine tra i bambini della

Dettagli

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali

Dettagli

Alimentiamoci di BUONE REGOLE: partecipiamo ad una CORRETTA ALIMENTAZIONE

Alimentiamoci di BUONE REGOLE: partecipiamo ad una CORRETTA ALIMENTAZIONE con il patrocinio di Alimentiamoci di BUONE REGOLE: partecipiamo ad una CORRETTA ALIMENTAZIONE Un progetto realizzato da Cittadinanzattiva Lazio, Confconsumatori Federazione Regionale Lazio e Movimento

Dettagli

COLAZIONE & BENESSERE.

COLAZIONE & BENESSERE. COLAZIONE & BENESSERE. IL BUONGIORNO SI VEDE DALLA PRIMA COLAZIONE. ORE 7, SUONA LA SVEGLIA: TI ALZI, FAI LA DOCCIA, PRENDI UN CAFFÈ AL VOLO, TI VESTI ED ESCI DI CASA DI CORSA. FORSE NON LO SAI, MA STAI

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Aspetti pratici dell alimentazione del calciatore dilettante

Aspetti pratici dell alimentazione del calciatore dilettante AIAC Associazione Italiana Allenatori Calciatori Grosseto Aspetti pratici dell alimentazione del calciatore dilettante Dott. Marco Buccianti Dietista consulente settore giovanile FC Grosseto calcio 2006/2007

Dettagli

COLAZIONE & BENESSERE.

COLAZIONE & BENESSERE. COLAZIONE & BENESSERE. IL BUONGIORNO SI VEDE DALLA PRIMA COLAZIONE. ORE 7, SUONA LA SVEGLIA: TI ALZI, FAI LA DOCCIA, PRENDI UN CAFFÈ AL VOLO, TI VESTI ED ESCI DI CASA DI CORSA. FORSE NON LO SAI, MA STAI

Dettagli

Corso Informativo di Nutrizione e di Preparazione degli Alimenti secondo i principi della Bioterapia Nutrizionale

Corso Informativo di Nutrizione e di Preparazione degli Alimenti secondo i principi della Bioterapia Nutrizionale Corso Informativo di Nutrizione e di Preparazione degli Alimenti secondo i principi della Bioterapia Nutrizionale Direttore dott. Fausto Aufiero Chef, Naturopata Michele Pentassuglia PROGRAMMA Prima giornata

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

UNITà 8 la dieta equilibrata

UNITà 8 la dieta equilibrata unità La dieta equilibrata I termini e i concetti fondamentali 1 dieta equilibrata e peso corporeo Una dieta equilibrata è data da comportamenti alimentari e da uno stile di vita tali da mantenere un buono

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura

Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura Progetto Pilota Oikos e Téchne 2011/2012 Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura Considerazioni sui risultati del sondaggio Abitudini alimentari e convivialità (campione di 662 studenti tra 14 e 19 anni)

Dettagli

Una corretta alimentazione è uno degli elementi dell'educazione per la cura del diabete

Una corretta alimentazione è uno degli elementi dell'educazione per la cura del diabete CONSIIGLII PER LA PERSONA DIIABETIICA Gentile signore/a questo opuscolo può esserle di aiuto per la convivenza con il diabete. Una corretta alimentazione è uno degli elementi dell'educazione per la cura

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

LA PREPARAZIONE ATLETICA PER IL MOTOCICLISMO AGONISTICO

LA PREPARAZIONE ATLETICA PER IL MOTOCICLISMO AGONISTICO LA PREPARAZIONE ATLETICA PER IL MOTOCICLISMO AGONISTICO indicazioni alimentari esercizi di stretching esercizi per potenziamento muscolare esercizi per resistenza all affaticamento preparazione invernale

Dettagli

Per aiutare i figli a crescere bene, A volte lontanissimo. E' nella seconda parte della vita, infatti,

Per aiutare i figli a crescere bene, A volte lontanissimo. E' nella seconda parte della vita, infatti, Per aiutare i figli a crescere bene, i genitori devono guardare lontano. A volte lontanissimo. E' nella seconda parte della vita, infatti, che la salute può presentare il conto. I bambini hanno bisogno

Dettagli

MODULO NORME GENERALI PER DIETE IPOCALORICA E IPOGLUCIDICA. Latte e derivati: latte parzialmente scremato, yogurt da latte scremato anche con frutta.

MODULO NORME GENERALI PER DIETE IPOCALORICA E IPOGLUCIDICA. Latte e derivati: latte parzialmente scremato, yogurt da latte scremato anche con frutta. MODULO Norme generali diete (DM.MO.0397.00).doc pag1/8 NORME GENERALI PER DIETE IPOCALORICA E IPOGLUCIDICA ALIMENTI CONSIGLIATI Latte e derivati: latte parzialmente scremato, yogurt da latte scremato anche

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli