PROGETTO SALUTE E ALIMENTAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO SALUTE E ALIMENTAZIONE"

Transcript

1 LICEO CLASSICO J.STELLINI PROGETTO SALUTE E ALIMENTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2005/2006

2 PRESENTAZIONE PRESUPPOSTI DIDATTICI PARTE TEORICO-SCIENTIFICA PARTE SPERIMENTALE CONCLUSIONI

3 PRESUPPOSTI DIDATTICI FASE DELLA RICERCA FASE DELLE CONOSCENZE FASE DELL ELABORAZIONE DATI FASE DELLE CONCLUSIONI

4 FASE DELLA RICERCA Indagine sulle abitudini di vita degli allievi Progettazione e realizzazione di un questionario Progettazione e realizzazione di una griglia di rilevamento per la raccolta dei dati registrazione e raccolta dati

5 FASE DELLE CONOSCENZE Principi alimentari Ricerca sui principali fattori di rischio delle cardiopatie n più comuni Effetti dell alcool sull organismo umano Effetti del fumo sugli apparati Effetti della sedentarietà nell età evolutiva

6 FASE DELL ELABORAZIONE DATI Elementi di statistica Elaborazione dei dati con l utilizzo di foglio elettronico Interpretazione dei dati Studio dei modelli di rappresentazione grafica Discussione e valutazione dei risultati

7 FASE DELLE CONCLUSIONI Stesura di una relazione scientifica Creazione di una presentazione in Power Point Comunicazione dei risultati della ricerca Dibattito con esperti

8 PARTE TEORICO-SCIENTIFICA PRINCIPI ALIMENTARI STILI DI VITA

9 PRINCIPI ALIMENTARI Prima classe Seconda classe Terza classe Quarta classe Quinta classe Sesta classe Settima classe Carni, pesci, uova Latte e derivati Cereali, patate Legumi secchi Grassi da condimento Verdure e frutta Dolci e bevande

10 PRINCIPI ALIMENTARI CONSUMI SUGGERITI regolarmente moderatamente raramente (ogni giorno) (2-3 volte a settimana) (1 volta a settimana o meno) Pollo e tacchino bolliti o arrosto Carne di manzo o vitello magro ai ferri, arrosto o bollita Pesce magro (dentice sogliola, spigola, tonno: al forno, lessato o al cartoccio) Carne di ale Fegato e frattaglie Uova alla coque, sode o omelette (senza grassi di condimento) Crostacei, molluschi Carne bovina grassa Pesce grasso (sarda, sgombro, anguilla, aringa) Salumi Trippa Carne o pesce fritto Frittate in olio Bastoncini di pesce o carne fritti in olio

11 PRINCIPI ALIMENTARI CONSUMI SUGGERITI regolarmente moderatamente raramente (ogni giorno) (2-3 volte a settimana) (1 volta a settimana o meno) Latte parzialmente scremato o scremato Yogurt magro o semigrasso Formaggi freschi e magri (fiordilatte, mozzarella, scamorza, caciottina) Formaggi fusi non grassi Yogurt alla frutta Formaggi a pasta dura (groviera, provolone ) Formaggi tipo gorgonzola Formaggi fusi e grassi (< 40%) Ricotta Robiola Latte e yogurt interi Burrini Mascarpone Gelati e creme industriali Panna Dessert e budini industriali a base di latte

12 PRINCIPI ALIMENTARI CONSUMI SUGGERITI regolarmente moderatamente raramente (ogni giorno) (2-3 volte a settimana) (1 volta a settimana o meno) Pane bianco o integrale Pasta con pomodoro fresco Cereali (integrali) per colazione Fette biscottate Patate bollite, al forno o in purè o minestre Riso Pasta con sugo o al burro Crackers Pizza Pasta all uovo Biscotti Patate fritte Prodotti di pasticceria Castagne Chips (molto raramente perché contengono il 40% di grassi)

13 PRINCIPI ALIMENTARI CONSUMI SUGGERITI regolarmente moderatamente raramente (ogni giorno) (2-3 volte a settimana) (1 volta a settimana o meno) Olio di oliva Olio di girasole Olio di s Olio di vinaccioli Olio di soia Burro Margarina Maionese Grassi fritti Lardo Pancetta Strutto

14 PRINCIPI ALIMENTARI CONTENUTO IN GRASSI DEI PRINCIPALI ALIMENTI A- più del 40%: lardo mandorle salumi grassi panna fresca arachidi B- dal 20 al 40 %: cioccolato altri salumi formaggi a basso contenuto d acqua rosso d uovo pollame grasso carne di ale e d agnello carne grassa di pecora e di manzo formaggi ad alto contenuto d acqua budini C- dal 10 al 20%: carni varie pollame frattaglie biscotti pesci grassi D- dal 2 al 10%: carne equina, selvaggina, pollo pesce magro latte intero yogurt e formaggi freschi interi pane condito frutti di mare e crostacei E- meno del 2% di grassi frutta e verdura fresche pasta, pane, cereali, marmellata, miele carne di struzzo

15 STILI DI VITA NUTRIZIONE FUMO ALCOOL

16 NUTRIZIONE I consumi alimentari in Italia si sono notevolmente ridotti;nel si è registrato un abbassamento di circa il 15-20% rispetto al periodo Questo dato è da attribuirsi sia alla maggiore presenza di anziani sia la ridotta attività fisica dovuta al lavoro e al poco tempo libero E in calo il consumo di vino,formaggi,grassi da condimento,carni e latte In aumento,invece,i consumi di pesce,pizza e dolci Vi è un adeguata consapevolezza del cibo come fattore di promozione della salute,ma nonostante i consumi alimentari si siano ridotti la percentuale di obesità è ancora alta

17 FUMO La percentuale di fumatori totale(maggiore ai 14 anni) è pari al 24,9%;per gli uomini del 32,2% mentre per le donne è del 18,2% I giovani tra i 14 e i 24 anni,che dichiarano di fumare,sono il 22,2%;con una maggiore concentrazione nel Nord e nel Centro Italia La quota dei ragazzi fumatori è superiore a quella delle ragazze fumatrici:27,5% contro il 16,6% Le persone non fumatrici,che convivono con almeno un fumatore sono in Italia 12milioni e 500 mila(21,9%)

18 ALCOOL In Italia si è registrato un calo del consumo medio annuo di alcool dagli inizi degli anni 80 fino al 2000 Questo calo è da attribuirsi per buona parte al minor consumo di vino,e in parte di super alcolici,mentre appaiono in aumento i consumi di birra Le donne consumatrici sono passate dal 61,1% del 1994 al 73,2% del 2000,e consumano sempre più bevande alcoliche fuori pasto I giovani consumatori di bevande alcoliche fra i 15 e 24 anni sono passati dal 74% del 1991 al 77% del 2000

19 PARTE SPERIMENTALE SCOPO DELLA RICERCA SOGGETTI MATERIALI E METODI RISULTATI DISCUSSIONE

20 SCOPO DELLA RICERCA VERIFICARE GLI STILI DI VITA DEGLI STUDENTI FORNIRE INDICAZIONI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE VERIFICARE LE CONSEGUENZE DI COMPORTAMENTI INADEGUATI SULL EFFICIENZA FISICA

21 SOGGETTI STUDENTI 30% MASCHI FEMMINE 70%

22 SOGGETTI DISTRIBUZIONE DEGLI STUDENTI PER CLASSE STUDENTI PRIME 35 SECONDE 30 TERZE MASCHI FEMMINE

23 MATERIALI E METODI STRUMENTI: PLICOMETRO COMPUTER E STAMPANTE PROGRAMMI APPLICATIVI VIDEOPROIETTORI MULTIMEDIALI RIVISTE SPECIALIZZATE TESTI SCIENTIFICI METRO E BILANCIA

24 MATERIALI E METODI ANTROPOMETRIA:GLI STUDENTI SONO STATI SOTTOPOSTI ALLE SEGUENTI MISURAZIONI ANTROPOMETRICHE: ALTEZZA PESO CORPOREO PLICOMETRIA PERCENUALE DI GRASSO CORPOREO(%FAT) L INDICE DI MASSA CORPOREA(BMI)

25 MASCHI FUMATORI RISULTATI MAI IN PASSATO RARAMENTE CON FREQUENZA REGOLARMENTE PRIME SECONDE TERZE FEMMINE FUMATRICI MAI IN PASSATO RARAMENTE CON FREQUENZA REGOLARMENTE PRIME SECONDE TERZE

26 RISULTATI ALTEZZA Altezza (m 1,78 1,76 1,74 1,72 1,7 1,68 1,66 1,64 1,62 CLASSI PRIME CLASSI SECONDE CLASSI TERZE MASCHI FEMMINE Grafico n.2: Altezze medie maschi e femmine tra i 15 e i 19 anni. PESO STUDENTI Peso o (Kg 80,0 70,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 CLASSI PRIME CLASSI SECONDE CLASSI TERZE Grafico n.3: Peso medio maschi e femmine fra i 15 e i 19 anni.

27 RISULTATI BMI 23,00 BMI (m/kg 2 ) 22,00 21,00 20,00 19,00 18,00 MASCHI FEMMINE 17,00 CLASSI PRIME CLASSI SECONDE CLASSI TERZE Grafico n.4: Percentuale body mass index maschi e femmine PERCENTUALE GRASSO CORPOREO 25,00 20,00 15,00 10,00 MASCHI FEMMINE 5,00 0,00 CLASSI PRIME CLASSI SECONDE CLASSI TERZE Grafico n.5: percentuale grasso corporeo maschi e femmine

28 RISULTATI DISTRIBUZIONE GRASSO MASCHI DISTRIBUZIONE GRASSO FEMMINE cm cm 30,00 30,00 34,00 34,00 28,00 28,32 28,00 32,00 32,00 26,00 26,00 30,00 30,2 7 30,00 24,00 2 4, ,89 24,00 28,00 28,00 22,00 22,00 26,00 24,00 26,54 24,95 26,00 24,00 20,00 20,00 22,00 22,00 18, , ,95 14,9 1 14, , , ,00 18,00 20,39 19, , ,00 18,00 14, , ,00 16,00 12, , ,00 14,00 10, 0 0 9, 48 10, ,00 12, , ,00 8,00 8, 3 2 8,0 0 10,00 10, ,00 6,00 6,64 6,0 0 8,00 8,00 Classi pr ime Classi seconde C lassi ter z e Classi pr ime Clas si seconde Classi t er ze Grafico n.6: distribuzione della percentuale di grasso corporeo negli studenti nelle classi

29 RISULTATI STUDENTI CHE PRATICANO SPORT 38% SI NO 62% Grafico n.7 Percentuali di maschi e femmine che praticano sport M ASCHI FEMMINE SI NO SI NO PRIME SECONDE TERZE Grafico n.8 Maschi che praticano attività sportiva 0 PRIME SECONDE TERZE Grafico n.9 Femmine che praticano attività sportiva

30 RISULTATI FREQUENZA SETTIMANALE ATTIVITA' SPORTIVA MASCHI FREQ UENZA SETTIMANALE ATTIVITA' SPORTIVA FEMMINE 13% 25% 13% 4% 10% 19% ogni giorno 2/3 volte s ogni giorno 2/3 vo lte s una v ol ta s una volta s raramente raramente 43% 73% Grafico n.10: Frequenza dell attività sportiva settimanale nei maschi dai 15 ai 19 anni. Grafico n.11: Frequenza dell attività sportiva settimanale nelle femmine dai 15 ai 19 anni.

31 RISULTATI ATTIVITA' MOTORIE SVOLTE NEL TEMPO LIBERO M ASCHI passeggiate bici piscina pales tra raramente 1 o più volte al mese 1 volta per settimana più volte per settimana tutti i giorni raramente 1 o più volte al mese 1 volta per settimana più volte per settimana tutti i giorni raramente 1 o più volte al mese 1 volta per settimana più volte per settimana tutti i giorni raramente 1 o più volte al mese 1 volta per settimana più volte per settimana tutti i giorni classe rafico III n.12: C Attività motorie svolte nel tempo libero da studenti maschi dai 15 ai 19 anni. G

32 RISULTATI ATTIVITA' MOTORIE SVOLTE NEL TEMPO LIBERO FEMMINE raramente 1 volta per settimana tutti i giorni 1 o più volte per mese più volte per settimana piscina raramente 1 volta per settimana tutti i giorni 1 o più volte per mese più volte per settimana passeggiate Grafico n.13: Attività motorie svolte nel tempo libero da studentesse dai 15 ai 19 anni.

33 RISULTATI 19% MASCHI FUMATORI 13% 8% FEMMINE FUMATRICI 6% MAI MA I 5% 6% 64% IN PASSATO RARAMENTE CON FREQUENZA REGOLARMENTE 13% 12% 54% IN PASSATO RA RA MENTE CON FREQUENZA REGOLARMENTE Grafico n.14 e 15: valori percentuali degli studenti sull abitudine al fumo MASCHI FUMATORI FEMMINE FUMATRICI MAI IN PASSATO RARAMENTE CON FREQUENZA REGOLARMENTE MAI IN PASSATO RARAM ENTE CON FREQUENZA REGOLARM ENTE 0 PRIM E SECONDE TERZE 0 PRIM E SECONDE TERZE Grafico n.16-17: dati relativi al numero di fumatori in base al sesso ed all età dei ragazzi tra i 15 e i 19 anni.

34 RISULTATI PERCHE' FUMI (MASCHI) PER CHE' FUM I (FEM M IN E) 14 % 13% 23% 5% 58% MI PIACE MI CALMA PER EMULAZIONE PER A BITUDINE 5% 42% MI PIACE MI CALMA PER EMULAZIONE PER ABITUDINE 40% Grafico n.18 e 19: motivazioni che spingono gli studenti maschi e femmine a fumare

35 RISULTATI ETA' DI INIZIO AL FUMO DI SIGARETTE 15,262 14, maschi femmine Grafico n. 20: età degli studenti di inizio al fumo

36 RISULTATI CONSUMO GIORNALIERO DI SIGARETTE femmine maschi 5 5,1 5,2 5,3 5,4 5,5 5,6 5,7 Grafico n. 21: consumo medio giornaliero di sigarette degli studenti

37 RISULTATI 22% 20% AB USO DI ALC OOL NEI MASCHI 20% 38% MAI QUALCHE VOLTA 2-3 VOLTE SPESSO 23% 27% ABUSO DI ALCO OL NELLE FEMMINE 3% 47% MAI QUALCHE VOLTA 2-3 VOLTE SPESSO Grafici n.22-23: valori percentuali dei maschi e delle femmine sulla tendenza ad ubriacarsi. ALCOOL NEI MASCHI ALCOOL NELLE FEMMINE MAI QUALCHE VOLTA 2-3 VOLTE SPESSO MAI QUALCHE VOLTA 2-3 VOLTE SPESSO PRIME SECONDE TERZE 0 PRIME SECONDE TERZE Grafici n.24-25: dati relativi alla frequenza con la quale gli studenti tendono ad abusare del consumo di alcool in base al sesso ed all età.

38 RISULTATI O PINIO NE SUL CO NSUMO DI ALCO LICI FEMMINE O PINIO NE SUL CO NSUMO DI ALCO LICI MASCHI 2% 28% molto dannos o 8% 28% molto dannos o 49% 21% abb. Dannos o dannoso ma si esagera tr oppo 41% 23% abb. Dannos o dannoso ma si esagera tr oppo Grafici n : opinioni di studenti di anni sul consumo di alcolici

39 RISULTATI CON CHE FREQUENZA BEVI? 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% ogni giorno una volta s più volte s fine s ett ogni giorno una volta s più v olte s fin e sett ogni giorno una volta s più volte s fine s ett ogni giorno una volta s più v olte s fin e sett ogni giorno una volta s più volte s fine s ett ogni giorno una volta s più v olte s fine sett ogni giorno una volta s più volte s fine sett vino birr a aperitiv i digestivi cocktail an. cocktail alc. superalcolici Grafico n.28: tipi di bevande e percentuali di consumo nella giornata

40 RISULTATI ALIMENTI PER SPUNTINO 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% mattina pomeriggio sera mattina pom eriggio sera mattina pomeriggio sera m attina pom eriggio sera mattina pomeriggio sera m attina pom eriggio sera mattina pomeriggio sera m attina pomeriggio sera mattina pomeriggio sera m attina pomeriggio sera mattina pomeriggio sera m attina pomeriggio sera pizz a meren dine dolc i patatine yogurt f rutta caff è the cioc colata s ucco bibite gasate no spuntino Grafico n. 29 tipi di alimenti e percentuale di consumo utilizzati per lo spuntino durante la giornata

41 RISULTATI ALIM ENTI DI MAGGIOR CONSUM O 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 2/3 volte sett 1 volta aliorno g più volte al giorno 2/3 volte s ett 1 v olta a liorno g più volte al giorno 2/3 volte sett 1 v olta aliorno g più volte al giorno 2/3 volte sett 1 volta aliorno g più volte al giorno 2/3 volte s ett 1 v olta alior no g più v olte al giorno 2/3 v olte sett 1 v olta aliorno g più volte al giorno 2/3 volte sett 1 volta aliorno g più volte al giorno 2/3 volte sett 1 volta aliorno g più v olte al giorno 2/3 v olte sett 1 volta aliorno g più volte al giorno 2/3 volte sett 1 volta aliorno g più volte al giorno 0% pasta riso pane c arne magra carne di ma iale pollo e tacchino salumi pesce formaggi uova pizza Grafico n. 30: consumi percentuali dei principali alimenti in studenti di anni

42 RISULTATI ALIMENTI DI MAGGIOR CONSUMO 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più 2/3 1 volta più prodotti salati frutta dolci ciocc olata verdura cruda verdura cotta latte intero latte scremato Grafico n. 31: consumi percentuali dei principali alimenti in studenti di anni yogurt

43 RISULTATI COME GIUDICHI IL TUO MODO DI ALIMENTARTI 20% 3% 9% molto sano ed equilibrato abbastanza sano ed equilibrato non molto sano ed equilibrato non so valutare 68% Grafico n. 32: Giudizio sul proprio modo di alimentarsi in studenti di anni. VALUTAZIO NE SULLA P RO PRIA FO RMA FISICA (MASCHI) VALUTAZIO NE SULLA P RO PRIA FO RMA FISICA (FEMMINE) 16% 2% 18% MOLTO SODDISFACENTE ABBAS TANZA SODDIS FACENTE POCO S ODDISFA CENTE 27% 5% 6% MOLTO SODDISFACENTE ABBAS TANZA SODDIS FACENTE POCO S ODDISFA CENTE PER NULLA SODDIS FACENTE 62% PER NULLA SODDIS FACENTE 64% Grafico n. 33 valutazione personale sulla proprio stato di forma fisica in studenti di anni

44 RISULTATI C O ME C O NS IDERI I L TUO PES O CORPOREO (MASCHI) CO ME CONSIDERI IL TUO PESO CORPOREO (FEMMINE) 14% 2% 2% 4% 26% mol to s ovr appeso mol to s ovr appeso un po s ovr appeso soddi s f atto 50% 44% un po s ovr appeso soddisf atto sottopeso sottopeso 58% Grafico n.34: considerazioni sul proprio peso corporeo di studenti di anni CONSIDERAZIONI SULLA SALUTE 13% 3% 20% LA COSA PIU' IMPORTANTE IMPORTANTE, MA NON SONO MOLTO ATTENTO NON CI PENSO 64% Grafico n.35: giudizio espresso da studenti di anni sulla salute

45 RISULTATI FONTI DI INFORMAZIONE SULLA SALUTE 11% 6% 0% 16% giornali riviste specializzate scuola 6% oratorio 12% 6% Internet televisione/radio 1% 5% famiglia amici medico 18% 19% da altri medici altro Grafico n.36: fonti di informazione sugli aspetti della salute

46 CONCLUSIONI L attività motoria tende a diminuire con l età 25% dei maschi privilegia la pratica di una disciplina sportiva agonistica 73% delle ragazze si impegna maggiormente in attività fisica non agonistica frequentano la palestra privilegiano le passeggiate praticano con maggior frequenza il nuoto libero rispetto ai maschi I maschi preferiscono la bicicletta

47 CONCLUSIONI L attività nel tempo libero è particolarmente differenziata fra i due sessi Maschi: Guardano regolarmente la televisione (42%) Leggono (43%) Utilizzano il computer (43%) Femmine: Leggono (53%) Frequentano amici (57%) Ascoltano la radio (38%) Entrambi i sessi: Vanno abbastanza spesso al cinema (44%) Dimostrano uno scarso interesse per: Studio di uno strumento musicale (59%) Volontariato (60%),lavoro occasionale (70% femmine; 48% maschi.)

48 CONCLUSIONI Rispetto all età: L altezza media dei maschi e delle femmine rimane pressochè invariata. Entrambi i valori risultano superiori alla media nazionale (175cm maschi; 163cm femmine) Nei maschi si registra un notevole aumento nel BMI,dovuto ai tempi di sviluppo ponderale successivi rispetto alle femmine Nelle femmine si presenta una notevole diminuzione nel BMI,dovuta ad una maggiore attenzione al controllo del peso corporeo Tutti gli studenti risultano nella categoria dei normopeso e ( tra 18 e 24)

49 CONCLUSIONI Il 58% dei maschi è soddisfatto del proprio peso corporeo,il 26% si ritiene sovrappeso Il 46% delle femmine si considera sovrappeso anche se i valori di BMI e la percentuale di massa grassa rientrano nei parametri di riferimento dell età Un numero significativo di maschi(14%)ritiene di essere sottopeso,trascurabile invece è quello delle femmine(2%)

50 CONCLUSIONI Gli studenti fumatori rappresentano complessivamente il 23,5% della popolazione scolastica,in linea con la media nazionale;entrambi i sessi dichiarano di fumare per piacere,mentre una parte rilevante di femmine(40%)fuma per avere una sensazione calma I fumatori aumentano linearmente con l età in modo analogo sia nei maschi che nell femmine Il consumo medio giornaliero è di 5,7 sigarette per i maschi,leggermente inferiore pe le femmine(5,2) Le ragazze cominciano a fumare a 14,5 anni,i maschi a 15

51 CONCLUSIONI La maggior parte degli studenti(38%maschi e 48%femmine)non ha abusato di alcool;i maschi tendono ad ubriacarsi più spesso delle femmine(20% contro 3%) Entrambi(23%)consumano bevande alcoliche nei fine settimana Le preferenze cadono su:superalcolici (38%),aperitivi(28%) e birra (25%) Anche se il 50% degli studenti ha la consapevolezza che l uso di bevande alcoliche dannoso per la salute,solo il 28% ne riconosce i rischi

52 CONCLUSIONI Dal puto di vista alimentare le abitudini degli studenti,nei pasti principali,sono abbastanza corrette,i consumi di carne,pizza,pesce,formaggio e uova sono costanti nell arco della settimana. Il pane e la pasta sono consumati almeno una volta al giorno da tutti gli studenti,cos come la frutta(40%) e la verdura(60%) In tutti gli spuntini(sia della mattina che pomeridiani)sono presenti le bibite gasate(46%) e i prodotti confezionati(52%)

53 CONCLUSIONI Lo stato di forma è percepito in modo positivo dalla maggior parte degli studenti di entrambi i sessi(64%),anche se è considerevole il numero di ragazze(27%) che lo ritiene poco soddisfacente Solo il 20% degli studenti considera la salute una delle cose più importanti,ma il 56% degli studenti presi in esame dice di volerne sapere di più La maggior parte delle informazioni sulla salute proviene dalla famiglia seguita da giornali,televisione e medico Solo l 8% degli studenti segnala di ricevere informazioni dalla scuola

54 PROPOSTE Adeguare l assunzione energetica degli alimenti in base alla propria attività fisica Cercare di variare gli alimenti,facendo riferimento alle sette classi,per apportare all organismo tutti i nutrimenti di cui necessita Mantenere il consumo quotidiano medio di proteine fra i 60 e gli 80 grammi a person di grassi inferiore ai 60 grammi nei maschi ed ai 45 nelle femmine e di carboidrati complessi intorno al 50% delle calorie totali Assicurare che sia garantito l apporto quotidiano di fibre,vitamine e minerali derivant soprattutto dalla frutta e dalla verdura

55 PROPOSTE Limitare il consumo di bevande alcoliche,in quante rappresentano una notevole font calorica Non abusare nell uso del sale,in quanto spesso è già presente di natura in alcuni prodotti Cercare di distribuire l alimentazione quotidiana in più pasti di modesta dimensione,invece di concentrarla in una o due occasioni.importante non trascurare prima colazione che dovrebbe principalmente essere a base di latte,derivati e cereal Praticare regolarmente attività sportiva,per mantenere il corpo in una costante efficienza fisica e prevenire alcuni disturbi legati ad una vita sedentaria e sregolata Rivolgersi ad un medico per ricevere dei consigli utili o pareri riguardo al proprio sta di salute

56 PROPOSTE

57 PROPOSTE Stare poco seduti 2-3 VOLTE ALLA SETTIMANA: Praticare uno sport: tennis arti marziali; basket volley; calcio rugby; 3-4 VOLTE ALLA SETTIMANA: Svolgere attività aerobiche: lunghe camminate trekking; corsa nuoto; ciclismo fitness; TUTTI I GIORNI: Ricercare ogni occasione che permetta di fare, seppur in modo blando, dell attività fisica: muoversi di più e sedersi meno; utilizzare le scale anziché l ascensore; parcheggiare la macchina lontano e camminare; sbrigare piccole commissioni con mezzi alternativi alla macchina come la bici o a piedi.

58 GRAZIE PER L ATTENZIONE

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

Il controllo del peso e l educazione alimentare nel paziente diabetico tipo II

Il controllo del peso e l educazione alimentare nel paziente diabetico tipo II Il controllo del peso e l educazione alimentare nel paziente diabetico tipo II Alimentazione equilibrata èil primo trattamento della malattia diabetica èparte integrante della terapia per ottenere un compenso

Dettagli

Progetto Expo 2015. Questionario on-line

Progetto Expo 2015. Questionario on-line a.s. 2014.15 Progetto Expo 2015 Questionario on-line Questionario di indagine sul livello di informazione e consapevolezza in merito all alimentazione Indice Introduzione Prima sezione: Conosci le tue

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Subocclusione intestinale e Nutrizione

Subocclusione intestinale e Nutrizione Subocclusione intestinale e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di INFORMARSI È SEMPLICE, RECLAMARE È FACILE CONOSCERE I PROPRI DIRITTI È IL PRIMO PASSO PER FARLI VALERE Iniziativa organizzata con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico QUESTIONARIO SUGLI

Dettagli

Presentazione. [Digitare il testo]

Presentazione. [Digitare il testo] Presentazione Il Menù scolastico rappresenta il frutto di un lavoro svolto nel corso degli ultimi mesi con l obiettivo di rimodulare la varietà delle pietanze nell ottica di una dieta bilanciata. Tiene

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ABITUDINI NUTRIZIONALI IN ITALIA ETÀ PRESCOLARE E SCOLARE ABITUDINI NUTRIZIONALI 3-53

Dettagli

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top Questo E-book è di proprietà di Ivan Ianniello. Questo E-book non può essere copiato, venduto o usato come contenuto proprio in nessun caso, salvo previa concessione dell'autore. L'Autore non si assume

Dettagli

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008 Dimmi come mangi Codice 1 2 3 1. Inserisci qui l iniziale del nome di tua mamma 2. Inserisci qui le ultime tre cifre del

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI La prima colazione A tavola: La prima colazione permette di migliorare l attenzione e la concentrazione, quindi il rendimento scolastico. Inizia la tua giornata

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio

Dettagli

ALIMENTAZIONE E DISLIPIDEMIE

ALIMENTAZIONE E DISLIPIDEMIE ALIMENTAZIONE E DISLIPIDEMIE INTRODUZIONE Per dislipidemia s intende un alterazione del profilo dei grassi (lipidi) nel sangue (colesterolo e trigliceridi). Allo stato attuale il motivo di preoccupazione

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO L.A.R.N. (livelli di assunzione giornalieri raccomandati di energia) da tener presenti nella definizione delle grammature. ETA MASCHI

Dettagli

Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario

Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario Campagna Obesity Day 2014 questionario SCHEDA PAZIENTE 1. Provincia... 2. Data... 3. Sesso... A) M B) F 4. Età...

Dettagli

Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 6-11 anni e dei giovani di 12-17 anni

Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 6-11 anni e dei giovani di 12-17 anni Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 611 anni e dei giovani di 1217 anni Sintesi dei risultati Aprile 2004 S. 0402930 Premessa Nelle pagine seguenti vengono

Dettagli

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010 I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Per avere un alimentazione varia, senza assumere elevati quantitativi

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Città Metropolitana di Genova All. A CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEI MENU Il menù è soggetto a validazione da parte del competente

Dettagli

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete Come costruire una sana alimentazione in famiglia Quando si fa la spesa durante i pasti alcolici consigli ai genitori come ridurre il contenuto in grassi (Società Italiana Nutrizione Umana) 1 Quando si

Dettagli

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO COMUNE DI RAPALLO Allegato n. 2 CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO 1 MENU CARATTERISTICHE DEL MENU 1. Alimenti sempre BIOLOGICI o a LOTTA INTEGRATA

Dettagli

Schema della dieta ipoproteica 1

Schema della dieta ipoproteica 1 Schema della dieta ipoproteica 1 Consigli generali: 1. Consumare settimanalmente come secondi piatti: Carne Pesce (fresco e surgelato) Formaggio fresco Prosciutto cotto al naturale Uova Legumi (freschi

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Consigliere Nazionale SINSeB Docente Università di Camerino Stato nutrizionale Bilancio energetico

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano COMPOSIZIONE CORPOREA Maschi Femmine Acqua 35% Grasso 15% Muscoli 50% 35% 22% 43% Riserve energetiche

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport

PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport La nutrizione nell'attività fisica e nei vari sport

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

Introduzione Pag. 3. Il decalogo dei consigli Pag 4. Ripartizione giornaliera degli alimenti Pag. 5. Esempi di dieta Pag. 6

Introduzione Pag. 3. Il decalogo dei consigli Pag 4. Ripartizione giornaliera degli alimenti Pag. 5. Esempi di dieta Pag. 6 Introduzione Pag. 3 Il decalogo dei consigli Pag 4 Ripartizione giornaliera degli alimenti Pag. 5 Esempi di dieta Pag. 6 Frequenze settimanali Pag. 7 Attività fisica Pag. 8 La piramide della salute Pag.

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE

SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE Colazione 1 tazza di caffè e latte parzialmente scremato: caffè: una tazzina Latte parzialmente scremato: 200 gr. 4 fette biscottate Sostituibili

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

L ALIMENTAZIONE. DANIELA BASOSI Scuola Secondaria inferiore - Classe terza 8 Maggio 2011

L ALIMENTAZIONE. DANIELA BASOSI Scuola Secondaria inferiore - Classe terza 8 Maggio 2011 L ALIMENTAZIONE DANIELA BASOSI Scuola Secondaria inferiore - Classe terza 8 Maggio 2011 Un approccio operativo ai concetti di alimentazione e di nutrizione. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Ricostruire lo scopo

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI ALLEGATO 2 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE) SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI Capitolato di gestione Allegato 2 Pagina 1 di 9 Disposizioni Generali I pasti che l'amministrazione

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI ALLEGATO D CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI 1 INDICE Presentazione del dietetico pag. 3 Vitto comune (esempio di giornata base) pag. 4 Calcolo

Dettagli

QUESTIONARIO SUL CONSUMO DI INTEGRATORI ALIMENTARI E ALIMENTI ARRICCHITI IN ITALIA

QUESTIONARIO SUL CONSUMO DI INTEGRATORI ALIMENTARI E ALIMENTI ARRICCHITI IN ITALIA QUESTIONARIO SUL CONSUMO DI INTEGRATORI ALIMENTARI E ALIMENTI ARRICCHITI IN ITALIA Età anni Sesso M F Peso kg Altezza cm Stato di nascita Titolo di studio: 1. Scuola dell'obbligo 2. Diploma scuola superiore

Dettagli

Alimentazione e reflusso gastrico

Alimentazione e reflusso gastrico Cause Il reflusso gastrico è causato dal reflusso del contenuto acido dello stomaco nell esofago. Questo succede per esempio con una pressione troppo forte sullo stomaco o perché il muscolo superiore di

Dettagli

L'alimentazione nel giovane sportivo

L'alimentazione nel giovane sportivo L'alimentazione nel giovane sportivo Dr.ssa Sara Perrotta Biologa Nutrizionista Le abitudini alimentari sono in grado di influenzare in maniera significativa la capacità individuale di realizzare una determinata

Dettagli

CITTA DI PORTICI ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - TABELLE DIETETICHE E GRAMMATURE DEGLI ALIMENTI -

CITTA DI PORTICI ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - TABELLE DIETETICHE E GRAMMATURE DEGLI ALIMENTI - CITTA DI PORTICI PROCEDURA APERTA - PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO Dl RISTORAZIONE SCOLASTICA COMPRESO I LAVORI Dl ADEGUAMENTO DEL CENTRO Dl COTTURA E DEI REFETTORI DEI PLESSI SCOLASTICI. ALLEGATO 2 AL

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n.

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n. CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI marzo 2015 TABELLA DELLE

Dettagli

SPORT E ALIMENTAZIONE L importanza degli alimenti nella dieta giornaliera dello sportivo

SPORT E ALIMENTAZIONE L importanza degli alimenti nella dieta giornaliera dello sportivo SPORT E ALIMENTAZIONE L importanza degli alimenti nella dieta giornaliera dello sportivo STILE DI VITA Una sana alimentazione è una regola di vita che acquista ancor maggior valore nello sportivo (pallavolista

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

un bambino ( ) a che ora parti da casa per andare a scuola Spesso ( ) ( )

un bambino ( ) a che ora parti da casa per andare a scuola Spesso ( ) ( ) INDOVINA COSA MANGIO Ciao! La Commissione Mensa, composta dai genitori di alcuni ragazzi che frequentano la tua stessa scuola, si occupa di ciò che mangi in mensa. Il suo obiettivo è quello di migliorare

Dettagli

2. Caratteristiche di una alimentazione equilibrata

2. Caratteristiche di una alimentazione equilibrata Dipartimento delle Professioni Sanitarie Guida al percorso di assistenza nutrizionale in riabilitazione cardiologica Servizio Dietetico Responsabile: Dr.ssa Maria Luisa Masini 2. Caratteristiche di una

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra

Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra Modello alimentare italiano e Stili di Vita Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra Dott.ssa Carla Favaro Specialista in scienza dell alimentazione Dottore di ricerca in Nutrizione

Dettagli

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.)

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) L attività fisica e l alimentazione sono entrambi comportamenti specifici e reciprocamente

Dettagli

Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 2010 ASL 9

Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 2010 ASL 9 Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 10 ASL LO STATO PONDERALE DEI BAMBINI Il problema dell obesità e del sovrappeso nei bambini ha acquisito negli ultimi anni un importanza crescente, sia per

Dettagli

UBALDO GARAGIOLA CAPITOLO 1 DALLA TEORIA ALLA PRATICA

UBALDO GARAGIOLA CAPITOLO 1 DALLA TEORIA ALLA PRATICA UBALDO GARAGIOLA CAPITOLO 1 DALLA TEORIA ALLA PRATICA Scopo di questo volumetto è quello di fornire alcuni esempi tratti dall esperienza personale per consentire a tutti di verificare come si possa costruire

Dettagli

Ricette per una sana alimentazione

Ricette per una sana alimentazione Ricette per una sana alimentazione Renza Berruti Cristina Deorsola www.bancacrasti.it Premessa Le attuali conoscenze scientifiche dimostrano che l incidenza di molte patologie croniche è legata alla dieta

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI Grammature dei generi alimentari al netto degli scarti (salvo diversa indicazione) per fasce scolari GENERI ALIMENTARI

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE In qualità di Presidente del mi sento in dovere di portarvi a conoscenza di alcune interessanti e basilari concetti per una corretta alimentazione dei nostri figli.

Dettagli

QUESTIONARIO PER EDUCATORI

QUESTIONARIO PER EDUCATORI www.okkio3a.liguria.org Codice ID questionario _ _ _ _ _ _ _ _ ASL Scuola Classe QUESTIONARIO PER EDUCATORI 1. Elenca alcuni alimenti o bevande che contengono zuccheri: 2. Hai l abitudine di fare la colazione

Dettagli

Come aumentare l apporto calorico alla dieta

Come aumentare l apporto calorico alla dieta Come aumentare l apporto calorico alla dieta Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione

Dettagli

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE 1-2 e 8-9 maggio 2010 GUIDA PER UNO stile di vita SALUTARE ATTIVITÁ FISICA QUOTIDIANA Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di PASSEGGIATA Per migliorare lo stile di vita: parcheggiare più

Dettagli

PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA

PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA NOI E IL CIBO Per crescere servono calorie e principi nutritivi e la nutrizione della prima parte della vita influisce sull

Dettagli

Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione

Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione Il cibo può essere "usato" talvolta per allietare i momenti conviviali o per soddisfare il palato. Ma al di fuori di queste occasioni, è importante

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO Il Menù è stato elaborato tenendo conto dei Livelli raccomandati di Assunzione e di Nutrienti LARN-fissati dall Istituto

Dettagli

Salute e benessere iniziano a mensa!

Salute e benessere iniziano a mensa! Salute e benessere iniziano a mensa! SCUOLA DELL INFANZIA COSSIGNANO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 2 PRESENTAZIONE L accesso e la pratica di una sana e corretta alimentazione è uno dei diritti fondamentali

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

PRANZO o CENA (30-40%apporto calorico giornaliero) COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero)

PRANZO o CENA (30-40%apporto calorico giornaliero) COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero) Consigli COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero) E un momento alimentare troppo spesso trascurato. E importante consumare un adeguata colazione. E dimostrato, peraltro, che l assenza di questo pasto

Dettagli

MANGIO MEGLIO..e..VIVO MEGLIO!

MANGIO MEGLIO..e..VIVO MEGLIO! MANGIO MEGLIO..e..VIVO MEGLIO! perché: - sono consapevole delle mie scelte alimentari - mangio in modo equilibrato - ho uno stile di vita attivo Perché il Gigante ha migliorato le etichette nutrizionali

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Al fine di comporre correttamente la propria dieta è bene conoscere le qualità dei principali alimenti che in base alle loro principali caratteristiche nutrizionali

Dettagli

Perdere peso in modo sano

Perdere peso in modo sano Estate 2010 Pagina 1 / 8 Indice: Perdere peso in modo sano P. 2 Introduzione P. 2 Il peso forma P. 3 Bisogno e consumo di energia P. 3 Perdere peso in modo sano ma come? P. 8 Impressum Estate 2010 Pagina

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli