ADDETTO AL SETTORE ALIMENTARE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ADDETTO AL SETTORE ALIMENTARE"

Transcript

1 2011 ADDETTO AL SETTORE ALIMENTARE Dispensa corso ADDETTO SETTORE ALIMENTARE Rev. 01/14

2 Ringraziamenti: Proserin Srl società autrice della presente pubblicazione ringrazia tutti i sui collaboratori per il costante impegno nel lavoro e nella redazione delle pubblicazioni inerenti la sicurezza. Un particolare ringraziamento anche a tutti i professionisti che permettono la gestione dei servizi erogati e la continuità del lavoro. Dispensa corso di aggiornamento per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Rev. 01/2014 Finito di stampare nel gennaio 14 Pagina 1

3 La presente dispensa non ha la pretesa di essere un trattato esaustivo ed esauriente sulla materia oggetto della lezione. Vuole semplicemente essere una traccia, uno strumento, a disposizione del discente per consentirgli, anche in un momento futuro rispetto alla lezione: di individuare agevolmente la normativa di riferimento ed eventuali linee guida (valide alla data della presente dispensa), di reperire con facilità le nozioni principali e basilari rispetto all argomento in esame, di ottenere alcuni cenni sulle tecniche valutative e/o eventuali metodi di calcolo, di consultare esempi di tecniche di miglioramento delle condizioni di sicurezza. Nel ringraziarvi dell attenzione, Vi auguriamo buona lettura. Pagina 2

4 SOMMARIO DESCRIZIONE DEL CORSO... 4 PROGRAMMA DEI TEMI TRATTATI... 4 PREMESSA... 5 OBBLIGHI DELL OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE... 5 LA SALUTE DELLA COLLETTIVITA' PASSA ANCHE ATTRAVERSO LA SALUBRITA' DEGLI ALIMENTI... 6 ALIMENTI: "BUONI. e... CATTiVI"... 6 COME AVVIENE LA CONTAMINAZIONE DEGLI ALIMENTI... 7 CONTAMINANTI E CATEGORIE DI ALIMENTI... 8 QUALI CONSEGUENZE PUÒ PROVOCARE LA CONTAMINAZIONE DEGLI ALIMENTI... 9 COME EVITARE LA CONTAMINAZIONE DEI CIBI IGIENE DELLA PERSONA E DEL VESTIARIO IGIENE DEI LOCALI CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI CONSERVAZIONE DI ALIMENTI NON DEPERIBILI CONSERVAZIONE DI ALIMENTI DEPERIBILI CONSERVAZIONE DI ALIMENTI DEPERIBILI TRAMITE LA SURGELAZIONE RAFFREDDAMENTO/SCONGELAMENTO CONSERVAZIONE DURANTE IL TRASPORTO PROTEZIONE DEGLI ALIMENTI CUOCERE TECNICHE DI COTTURA DECALOGO DEL BUON ALIMENTARISTA FATTORI DI RISCHIO DELLE MALATTIE TRASMESSE DA ALIMENTI E LORO PREVENZIONE CONTAMINAZIONE DEGLI ALIMENTI:NON DATEGLI UN PASSAGGIO MOLTIPLICAZIONE BATTERICA: SE SI MOLTIPLICANO SONO GUAI SOPRAVVIVENZA:I CATTIVI UCCIDIAMOLI TUTTI IN SINTESI 24 ETICHETTATURA OBBLIGATORIA PER I PRODOTTI ALIMENTARI TRACCIABILITÀ E RINTRACCIABILITÀ DEGLI ALIMENTI BIBLIOGRAFIA Pagina 3

5 DESCRIZIONE DEL CORSO La Legge Regionale N.33 del 30/12/2009 Testo unico delle leggi regionali in materia di sanità prevede all articolo 126 la formazione, l aggiornamento e l addestramento degli addetti al settore alimentare: 1. gli operatori del settore alimentare provvedono alla formazione, addestramento e aggiornamento del proprio personale addetto ad una o più fasi di produzione, trasformazione e distribuzione di prodotti alimentari, secondo quanto stabilito dal regolamento (CE) 852/2004; 2. i dipartimenti di prevenzione delle ASL, nell'ambito delle proprie competenze in materia di vigilanza e controllo, verificano, anche sulla base di direttive regionali, l'adeguatezza delle procedure formative, con particolare riferimento ai comportamenti operativi degli addetti al settore. La stesse abroga La Legge Regionale n.12 del 4 agosto 2003 che prevedeva la sostituzione del libretto sanitario con l obbligo formativo ogni due anni per almeno 4 ore. Pertanto tutti gli operatori del settore alimentare addetti alla produzione, preparazione, somministrazione e distribuzione di alimenti sono tenuti a ricevere adeguata preparazione igienico sanitaria prima dell inizio dello svolgimento dell attività lavorativa e ad essere aggiornati con periodicità da definirsi. Il corso prevede una verifica in fase iniziale e finale ed il rilascio dell attestato necessario in caso di controllo da parte delle autorità. PROGRAMMA DEI TEMI TRATTATI - Conoscenza dei principali rischi sanitari connessi con la filiera alimentare quali quelli di natura biologica, chimica e fisica. - Cenni e richiami sulla normativa alimentare generale con particolare riferimento al significato e alla corretta interpretazione dei principi del metodo HACCP/CODEX ALIMENTARIUS. - Cenni di igiene alimentare alla luce del REGOLAMENTO EUROPEO N.852/2004 e sulle corrette modalità di buona prassi igienica di sanificazione dei locali, impianti e attrezzature, del buon comportamento igienico del personale e del rispetto delle condizioni igieniche degli alimenti. - Conoscenza delle corrette procedure atte a ridurre o minimizzare la probabilità dell insorgenza di intossicazioni/tossinfezioni/infezioni alimentari. Igiene del personale, delle attrezzature ed ambienti di lavoro. Pagina 4

6 PREMESSA La sicurezza degli alimenti prodotti, commercializzati o somministrati non può prescindere dal seguire una serie di norme igieniche perché un cibo mal conservato, trattato con manipolazioni scorrette o esposto ad inquinamenti di vario tipo potrà essere causa di danno per chi lo consuma. Le pagine che seguono propongono informazioni di carattere tecnico scientifico e norme di comportamento che possono contribuire a rafforzare negli addetti alla preparazione ed alla vendita dei prodotti alimentari la coscienza di quanto sia delicato ed importante il loro lavoro. Essi devono essere "operatori della prevenzione" nel senso che operando al meglio possono contribuire a migliorare la qualità della vita di tutti i cittadini. OBBLIGHI DELL OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE L operatore del settore alimentare è la persona fisica o giuridica responsabile di garantire il rispetto delle disposizioni della legislazione alimentare nell impresa alimentare posta sotto al suo controllo. Il responsabile del settore alimentare, quindi, deve individuare nella propria attività, e/o in ogni fase o punto del ciclo produttivo, i pericoli che potrebbero rivelarsi critici per la sicurezza degli alimenti e garantire che siano individuate, applicate, mantenute ed aggiornate le adeguate procedure di sicurezza avvalendosi dei principi su cui è basato il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici del metodo Hazard Analysis Critical Control Point (HACCP). La procedura HACCP garantisce un metodo sistematico di autocontrollo che si basa sui seguenti sette principi: 1. Analisi dei Rischi 6. Verifica dell efficacia del sistema 7. Definizione ed aggiornamento della documentazione di supporto. 2. Identificazione dei punti critici 5. Definizione dell azione preventive e correttive 3. Definizione del sistema di Controllo 4. Definizione dei Limiti/Valori critici Pagina 5

7 Pertanto dovrà, a seguito dell analisi dei potenziali rischi per gli alimenti, procedere con l individuazione dei punti in cui possono verificarsi dei rischi e prendere le giuste decisioni al fine di adottare le azioni preventive e/o correttive per il raggiungimento dell eliminazione del rischio e, ove non possibile, alla sua riduzione fino ai limiti di accettabilità per la sicurezza degli stessi alimenti. A tale scopo saranno anche individuate ed applicate le procedure di controllo e di sorveglianza dei punti critici. Ciò è possibile tramite un sistema basato sul monitoraggio continuo costituito da sequenze pianificate di osservazioni e/o misurazioni per verificare se il punto critico in esame è sotto il controllo. Infine sarà adottato il riesame periodico della documentazione e delle procedure operative in occasione di variazione di ogni processo o della tipologia d attività, dell analisi dei rischi, dei punti critici e delle procedure di controllo e di sorveglianza. Quindi con il sistema HACCP, in ogni azienda si devono individuare i pericoli, intesi come agente biologico chimico o fisico nell alimento, o condizione dello stesso potenziale in grado di avere effetti negativi sulla salute. Di ogni pericolo si deve : stimare la gravità,intesa come misurazione del danno sul consumatore; valutare la probabilità che si possa verificare (rischio). Il manuale di autocontrollo, oltre alle procedure HACCP, deve essere completato con altre procedure riguardanti le buone pratiche di lavorazione che servono per creare e controllare le condizioni operative all interno dei locali e consentono che un ambiente sia favorevole alla produzione di alimenti sicuri. Tra gli obiettivi del manuale vi è : - la verifica delle condizioni igienico sanitarie al fine di evitare una indesiderata ed inaccettabile contaminazione o crescita o sopravvivenza di microrganismi patogeni o produzione di tossine in grado di provocare le malattie; - l adozione di sistemi e procedure finalizzate alla rintracciabilità degli alimenti per l attivazione delle procedure di ritiro/richiamo in caso di prodotti non conformi. LA SALUTE DELLA COLLETTIVITA' PASSA ANCHE ATTRAVERSO LA SALUBRITA' DEGLI ALIMENTI ALIMENTI: "BUONI. E... CATTIVI" Nessun alimento, in natura, è sterile, cioè privo di microbi. Lasciato a sé qualsiasi alimento, dopo un certo tempo, si altera e questo avviene tanto più in fretta quanto più l'alimento è ricco di microrganismi i quali agiscono sulle sostanze che lo compongono (esempio proteine, grassi e zuccheri). I microbi quindi possono modificare nell alimento le caratteristiche dell alimento stesso come l'aspetto o il sapore. Pensiamo al latte pastorizzato e a quello a "lunga conservazione". Il primo si mantiene solo pochi giorni, perché è stato privato solo di alcuni suoi germi, il secondo si mantiene a lungo proprio perché "sterile", cioè privo di germi. Alcuni alimenti si prestano più di altri a trasmettere infezioni, cioè in alcuni alimenti i batteri si moltiplicano più facilmente che in altri; una volta contaminati permettono ai batteri di raggiungere concentrazioni Pagina 6

8 enormi in poco tempo. Questi alimenti sono il latte, i formaggi, le carni tritate, le creme e paste all'uovo,. ecc.. Ancora, sulla contaminazione batterica è bene sapere che la presenza di microrganismi patogeni, anche in grande quantità, può non provocare alcuna modificazione delle caratteristiche dell alimento (sapore, consistenza, odore). Ciò rende più difficile il riconoscimento di quegli alimenti da scartare perché contaminati. E' il caso, ad esempio, della tossina dello stafilococco la cui presenza non è sospettabile ad un esame sommario dell'alimento. Si ricorda che la tossina è presente anche dopo la cottura dell'alimento in quanto resistente al calore. Durante la produzione, la lavorazione, il trasporto, la preparazione, la conservazione e la somministrazione, qualsiasi alimento o bevanda può andare soggetto a contaminazione con sostanze tossiche o con batteri patogeni, virus e macroparassiti. Se si consuma un prodotto contaminato, contenente sufficienti quantità di sostanze tossiche o microorganismi patogeni, si avrà come risultato una intossicazione o una tossinfezione alimentare. COME AVVIENE LA CONTAMINAZIONE DEGLI ALIMENTI L'uomo può contaminare gli alimenti con microorganismi che provengono da lesioni cutanee (es. foruncoli), da infezioni del cavo orale o dell'apparato respiratorio (tonsilliti, bronchiti), con batteri eliminati con le feci (salmonellosi,.). Le cosiddette malattie a trasmissione orofecale come la salmonellosi, il tifo, dissenterie, sono infatti provocate dalla ingestione di microbi che a loro volta provengono dalle feci di uomini e/ o animali. Non è necessario essere malati per immettere nell'ambiente batteri patogeni. La salmonella può essere presente nelle feci di una persona che non accusa alcun disturbo. Lo stafilococco può trovarsi nella gola di una persona sana" e, per un colpo di tosse, può contaminare un alimento, moltiplicarvisi e provocare malattia in chi consuma quell alimento. I batteri sono diffusi ovunque: in ambiente (acqua, aria, suolo, strutture ed attrezzature), in animali e vegetali, uomo, e la contaminazione degli alimenti può avvenire in qualsiasi momento e in qualsiasi punto della filiera di produzione. Pagina 7

9 ACQUA Dispensa corso ADDETTO SETTORE ALIMENTARE Rev. 01/14 È impiegata sia come ingrediente nelle preparazioni alimentari sia per lavare le attrezzature e gli ambienti,deve essere potabile, cioè priva di batteri e di sostanze chimiche dannose. ARIA E POLVERE Con il pulviscolo presente nell aria sono trasportati vari tipi di batteri, muffe, e più raramente lieviti. Essendo l aria un mezzo di contaminazione, la sua circolazione deve essere tenuta sotto controllo: occorre evitare correnti e vortici e, quando necessario, creare percorsi forzati d aria dalle zone più pulite a quelle più sporche. AMBIENTE DI LAVORO Il materiale organico che si accumula durante le lavorazioni, se non è rimosso regolarmente, è un terreno ideale per la crescita di vari microrganismi che possono contaminare gli alimenti in lavorazione, ecco perché le attrezzature e le strutture devono essere sottoposte a regolari processi di pulizia, in modo che sia presente il minor numero possibile di microorganismi. ANIMALI E VEGETALI La pelle e i visceri degli animali, i rivestimenti di frutta e verdura, il guscio delle uova, costituiscono delle barriere naturali all penetrazione dei microorganismi normalmente presenti nell ambiente. Tali barriere però in vari circostanze quali la macellazione, la mungitura, la raccolta meccanica di frutta e verdura e il lavaggio delle uova, vengono danneggiate permettendo ai microorganismi di penetrare e di contaminare gli alimenti. ADDETTI ALLE LAVORAZIONI Le persone che manipolano gli alimenti sono un importante causa di malattie di origine alimentare. Numerosi microorganismi sono normalmente presenti sulla pelle, sui capelli, nel naso, nella gola e nell interno e alcuni di questi possono essere patogeni, es, salmonella, stafilococco aureo, listeria monocytogenes, escherichia coli, shigella, campylobacter jejuni, yersinia enterocolitica, virus epatite A, ecc. Molti di questi microorganismi provengono da lesioni cutanee, es. foruncoli, da infezioni del cavo orale o dell apparato respiratorio (tonsilliti, bronchiti, ecc) e da malattie gastrointestinali. Va ricordato che tali microorganismi, l uomo può essere portatore senza avere sintomi. Inoltre frequentemente chi manipola gli alimenti li può contaminare in modo passivo trasportando i batteri da un alimento all altro, ad esempio manipolando un alimento cotto dopo aver lavorato un alimento crudo senza aver seguito le corrette pratiche igiene personale, quali il lavaggio delle mani. CONTAMINANTI E CATEGORIE DI ALIMENTI La contaminazione microbica danneggia gli alimenti, dapprima degradandone le caratteristiche organolettiche, poi rappresentando un rischio per la salute del consumatore, più o meno grave a seconda della specie contaminante. Il rischio che si verifichi una contaminazione microbica, e di quale tipo, dipende in primo luogo dall ambiente di provenienza dell alimento, e quindi dalle modalità di lavorazione e di conservazione. Gli alimenti più facilmente aggredibili da parte dei microrganismi, e che permettono lo sviluppo delle specie patogene, sono quelli Pagina 8

10 detti deperibili, che comprendono: carne, pesce, molluschi, latte, uova ed ortaggi, sia freschi che cotti. La deperibilità di questi alimenti dipende dalla ricchezza in principi nutritivi, (proteine, carboidrati, grassi, vitamine e sali minerali) che li rende un ottimo terreno di crescita per i microrganismi, dal valore di ph vicino alla neutralità e dall elevato contenuto di acqua (più un alimento è ricco in acqua e più è deperibile e viceversa). Per questo motivo è fondamentale ridurre al minimo la possibilità di contaminazione derivante sia dagli ambienti di origine degli alimenti, sia da quelli di lavorazione, e dalle contaminazioni crociate (da alimento ad alimento o tra parti diverse dello stesso prodotto) che si verificano al momento in cui vengono lavorati e conservati in maniera non corretta. Può accadere, infatti, che i microrganismi passino dalla superficie all interno dell alimento con il taglio (come negli arrosti), oppure da un alimento all altro se si utilizzano gli stessi utensili, senza prima averli lavati, per alimenti diversi. Altri alimenti quali frutta molto acida (ananas, ciliegie, lamponi, mirtilli, pompelmi, limoni, ecc.), salumi, formaggi a pasta dura o semidura, yogurt, latte e creme pastorizzate, vino ed aceto, presentano una conservabilità maggiore rispetto a quella dei prodotti deperibili, dovuta alle caratteristiche chimico fisiche, naturali o acquisite per effetto di un trattamento tecnologico, anche se necessitano di analoghe forme di condizionamento. Questi prodotti sono attaccati prevalentemente da batteri alterativi, mentre il rischio di sviluppo di patogeni è abbastanza basso. Nel caso dei salumi, ad esempio, la sottrazione di acqua libera dovuta alla presenza di sale, il ph relativamente acido (circa 5,5) e la presenza di nitrati e nitriti, rendono questi di prodotti difficili da aggredire dalle forme patogene, con l'eccezione di Staphilococcus aureus. Anche il latte sottoposto a pastorizzazione ed i prodotti da esso derivati sono difficilmente soggetti allo sviluppo di patogeni, eliminati dal trattamento termico. Questi prodotti tuttavia devono essere manipolati correttamente e conservati alla temperatura corretta, perché costituiscono comunque, anche dopo il trattamento termico, un ottimo terreno di crescita per i microrganismi. I formaggi stagionati, invece, sono notevolmente più stabili, a causa del basso contenuto di acqua libera e della presenza dei lattobacilli, necessari per il processo di caseificazione, che rendono l ambiente poco favorevole allo sviluppo di specie patogene. Prodotti come le conserve, i cereali (farina, pasta, riso), lo zucchero, il cacao, il caffè, le spezie, ecc., infine, sono stabili anche a temperatura ambiente, poiché presentano una ridotta quantità di acqua libera, che impedisce la proliferazione microbica. Il pericolo maggiore in questa categoria di alimenti è rappresentato dalle spore di Bacillus cereus e da muffe che possono svilupparsi anche in condizioni di scarsa presenza di acqua, tra cui le più pericolose sono quelle del genere Aspergillus in grado di produrre aflatossine. Gli inscatolati, se non ben manipolati e trattati termicamente, possono diventare un ottimo terreno di crescita per il Clostridium botulinum, che causa una grave intossicazione, il botulismo. La frutta secca se conservata in ambiente umido può consentire la crescita di muffe del genere Aspergillus. Ecco quindi che alimenti abbastanza stabili, perché a basso contenuto di acqua, possono diventare molto più pericolosi rispetto a un pesce fresco proveniente da un mare pulito e conservato nel modo corretto. QUALI CONSEGUENZE PUÒ PROVOCARE LA CONTAMINAZIONE DEGLI ALIMENTI La contaminazione degli alimenti può provocare in chi li assume delle malattie che vanno sotto il nome di Malattie Trasmesse da Alimenti (M.T.A.) Le M.T.A. possono essere definite come: Pagina 9

11 INTOSSICAZIONI: quando sono causate da un alimento che contiene sostanze chimiche velenose o tossine prodotte da microrganismi (ad es. intossicazioni da funghi velenosi, intossicazione da tossina botulinica che può essere presente in alimenti conservati preparati senza le necessarie precauzioni); INFEZIONI: quando la causa de1la malattia è da imputare alla presenza di microrganismi nell'alimento (es. tifo, epatite virale, brucellosi); TOSSINFEZIONI: quando la malattia è provocata da microrganismi che si moltiplicano nel nostro corpo producendo tossine. Le tossinfezioni alimentari sono eventi spiacevoli non solo per gli sfortunati consumatori di cibi inquinati, ma anche per i titolari di laboratori e degli esercizi da cui proviene l alimento incriminato, i quali vanno incontro a gravi conseguenze di ordine amministrativo (es. sospensione dell autorizzazione), civile (risarcimento danni) e anche penale. I microbi che possono procurare tossinfezioni alimentari sono molti, quelli più frequentemente chiamati in causa sono: salmonella, stafilococco aureus, clostridium perfrigens, clostridium botulinum. I microbi che possono procurare tossinfezioni sono molti. Quelli più frequentemente chiamati in causa sono i seguenti: salmonella, stafilococco enterotossico, clostridium perfrigens e clostridium botulinum. Prendiamo in esame sommariamente ognuno di questi microbi e le conseguenze che può provocare la loro presenza nei cibi. SALMONELLE - LOCALIZZAZIONE: intestino di persone ammalate o infette, uova, intestino e carni di animali, frutti di mare, ortaggi inquinati da liquami di fogne. - CONTAMINAZIONE DEGLI ALIMENTI DA PARTE DELL UOMO: tramite mani sporche di feci. - PERICOLOSITA : si moltiplicano determinando tossinfezioni dopo ore dall ingestione dell alimento con dolori addominali, diarrea, vomito, malessere generale, febbre e cefalea. - ALIMENTI PERICOLOSI: uova, cibi crudi a base di carne, soprattutto suino e pollame,, frutti di mare, latte, latticini. Cibi cotti contaminati dopo la cottura. - TEMPERATURA INADATTA PER LA MOLTIPLICAZIONE DELLE SALMONELLE: al di sotto di + 4 C, al di sopra di + 60 C. - PREVENZIONE: lavarsi accuratamente le mani dopo l uso dei servizi igienici; conservare gli alimenti da consumarsi crudi e quelli già cotti a temperature idonee; dividere gli spazi in cui vengono manipolati i prodotti crudi dagli spazi adibiti al cibo già cotto per impedire la contaminazione di quest ultimo; mantenere una netta distinzione fra piani di lavoro, zone di lavaggio dei prodotti e sedi di conservazione per evitare che i prodotti contaminati all origine (es gusci di uova imbrattate di escrementi, carni di pollo) possano contaminare gli altri alimenti. Pagina 10

12 STAFILOCOCCUS AUREUS - LOCALIZZAZIONE: mucose del naso, della gola, dell intestino, foruncoli, pustole del viso, avambracci, mani e dita. - CONTAMINAZIONE DEGLI ALIMENTI DA PARTE DELL UOMO: tramite starnuti, colpi di tosse, manipolazione ( mani affette da lesioni pustolose). - PERICOLOSITA : si moltiplicano negli alimenti e produce una tossina (resistente al calore) che, una volta ingerita con l alimento, scatena una sindrome acuta di tipo gastrointestinale nel breve tempo di 1 7 ore. - ALIMENTI PERICOLOSI: quelli a base di carne, pesce, latte, creme di uova (sia crudi che cotti). - TEMPERATURA INADATTA PER LA MOLTIPLICAZIONE DELLE SALMONELLE: al di sotto di + 4 C, al di sopra di + 60 C. - PREVENZIONE: scrupolosa igiene personale degli alimentaristi; conservare gli alimenti sia crudi che cotti a temperature idonee cioè inadatte alla moltiplicazione dei microbi; astenersi dalla manipolazione diretta dei cibi quando si è affetti da infiammazione del naso o della gola, foruncoli, giraditi alle mani. In caso di assoluta necessità di lavorare, occorre proteggere naso e gola con mascherine e le mani con guanti a perdere. CLOSTRIDIUM BOTULINUM - LOCALIZZAZIONE: suolo e acque, intestino umano e degli animali, vegetali. - CONTAMINAZIONE DEGLI ALIMENTI DA PARTE DELL UOMO: presenza di spore in origine o per cattiva manipolazione. - PERICOLOSITA : in mancanza di ossigeno, specialmente nei cibi a bassa acidità, si ha la germinazione delle spore con moltiplicazione batterica e la produzione di tossine. Il periodo di incubazione dall ingestione al manifestarsi dei sintomi è di ore (qualche giorno nel caso in cui le tossine ingerita sia scarsa). - ALIMENTI PERICOLOSI: conserve, insaccati, prosciutti, formaggi, pesci affumicati preparati in casa o, comunque, con modalità non idonee. - TEMPERATURA INADATTA PER LA MOLTIPLICAZIONE DELLE SALMONELLE: al di sotto di + 4 C, al di sopra di + 60 C. - PREVENZIONE: preservare gli alimenti da possibili contaminazione; applicare le tecniche e i metodi di conservazione idonei a distruggere le spore o ad impedire la produzione di tossina; distruggere le conserve che si presentano in qualsiasi modo alterate, le scatole rigonfiate e i barattoli con coperchi sollevati; l ebollizione per 15 minuti distrugge la tossina ma non la spora. Pagina 11

13 CLOSTRIDIUM PERFRINGENS - LOCALIZZAZIONE: intestino umano o animale, suolo. - VIE DI CONTAMINAZIONE: carni contaminate lasciate a temperatura favorevole alla germinazione delle spore. - PATOGENICITÀ: la tossinfezione si manifesta dopo 9 24 ore dall ingestione dell alimento contaminato con sintomi gastroenterici. - ALIMENTI A RISCHIO: il pericolo è rappresentato da carni cotte, soprattutto quelle arrotolate, conservate per alcuni giorni. - PREVENZIONE: lavarsi accuratamente le mani dopo l uso dei servizi igienici; conservare i cibi a temperature idonee (max +4 C quelli freddi, sopra +65 C quelli cotti); fare attenzione soprattutto alle carni arrotolate, tagliandole in pezzi piccoli tali da consentire un rapido raffreddamento. BACILLUS CEREUS - LOCALIZZAZIONE: suolo, polvere e spezie. - VIE DI CONTAMINAZIONE: attraverso i cereali che hanno subito un processo di raffreddamento inadeguato, oppure di raffreddamento non efficace, condizioni favorevoli alla germinazione e successiva moltiplicazione delle spore di questo batterio. - PATOGENICITÀ: i batteri si moltiplicano negli alimenti producendo una tossina in grado di causare intossicazione, con sintomi gastroenterici che insorgono a distanza di poche ore dall ingestione di cibo contaminato, in maniera molto simile a quanto descritto per i sintomi da intossicazione dovuta a tossina stafilococcica. - ALIMENTI A RISCHIO: piatti a base di riso e prodotti da esso derivati come le creme. Il problema è diffuso nei ristoranti cinesi. - PREVENZIONE: cottura e raffreddamento adeguato dei cereali; conservazione dei cibi a temperature idonee (max +4 C quelli freddi, sopra +65 C quelli cotti). LISTERIA MONOCYTOGENES - LOCALIZZAZIONE: terreno, fango, piante. - VIE DI CONTAMINAZIONE: gli animali possono venir contagiati da questo batterio a seguito di ingestione di insilati non ben essiccati. In fase di macellazione è possibile la contaminazione delle carni con il contenuto Pagina 12

14 intestinale; mentre nell animale vivo il passaggio si può realizzare durante la fase della mungitura, attraverso il latte. - PATOGENICITÀ: dato il carattere molto ubiquitario di Listeria, nelle industrie di lavorazione i punti critici possono essere pavimenti sconnessi e umidi, pozzetti di scarico, le superfici dei tavoli e dei nastri trasportatori, fino addirittura ai liquidi di refrigerazione. E un batterio molto resistente, in grado di sopravvivere alla disidratazione e alla mancanza o carenza di ossigeno (anaerobio aerobio facoltativo). Può causare aborto e meningiti mortali nel 30% dei casi, in soggetti debilitati o bambini piccoli. E tuttavia sensibile ai comuni disinfettanti. - ALIMENTI A RISCHIO: il latte crudo, i formaggi (anche prodotti con latte pastorizzato), i prodotti ittici, le carni e i derivati di animali contaminate con il contenuto intestinale, persone infette, insetti, animali, ecc. Sono a rischio anche alimenti conservati a temperatura di frigorifero, poiché Listeria è in grado di replicarsi anche alle normali temperature di refrigerazione. - PREVENZIONE: protezione degli animali dalle infezioni ed adozione di corrette procedure di lavorazione. COME EVITARE LA CONTAMINAZIONE DEI CIBI Sarebbe facile ridurre il problema della contaminazione degli alimenti, da parte dell'uomo, astenendosi dal manipolarli quando si è malati o infetti. Purtroppo non e sufficiente. I batteri non si vedono ad occhio nudo, però si conoscono le vie, i percorsi obbligati che compiono per diffondersi. E' in questi percorsi che possiamo agire. ALCUNI ESEMPI ORIGINE PERCORSO SALMONELLA feci di uomo apparentemente sano mani non lavate dopo l'uso del W.C alimento uomo feci di gallina gusci di uova imbrattate alimento uomo feci di uomo con diarrea da salmonella mani non lavate alimento uomo In questo caso agire sull'uomo sano e sulle galline è praticamente impossibile. Agiremo, invece, sulle mani degli operatori, sui gusci delle uova, sui piani di lavoro attraverso l igiene personale, il lavaggio delle mani, la pulizia dei piani di lavoro, la corretta gestione delle uova. STAFILOCOCCO cavo orale di uomo sano colpo di tosse alimento uomo ascesso cutaneo contatto diretto mani alimento uomo cavo orale di uomo malato di faringite colpo di tosse alimento uomo In questo caso potremo, per interrompere la catena, agire sui colpi di tosse", sugli ascessi cutanei e anche sugli operatori malati mediante l astensione dal lavoro, l uso di mascherine protettive, la cura delle lesioni cutanee, la protezione con fasciature e guanti, l igiene delle mani. IGIENE DELLA PERSONA E DEL VESTIARIO Gli alimentaristi devono avere una igiene personale e del vestiario molto scrupolosa. Chi è addetto alla produzione e vendita di generi alimentari deve indossare idonea sopraveste di colore chiaro e tenere in testa un Pagina 13

15 copricapo, indumenti che devono essere utilizzati esclusivamente sul posto di lavoro e riposti in appositi armadietti individuali. La sopraveste è bene accettata, essendo un indumento abbastanza tradizionale, ma è anche utile perché evita di sporcare i vestiti; il copricapo, invece, ha suscitato molte resistenze. In base alle conoscenze scientifiche non risulta che i capelli siano sede di microbi patogeni che possono, una volta caduti sugli alimenti, provocare tossinfezioni alimentari, tuttavia trovare un capello nella minestra o in una pasta è un evenienza alquanto fastidiosa che può far perdere un cliente, per cui in definitiva, la norma del copricapo è a favore degli operatori alimentaristi oltre che dei consumatori, ed è, perciò, conveniente rispettarla non solo per evitare qualche sanzione. Naturalmente il copricapo deve contenere la capigliatura! Gli alimentaristi devono evitare di contaminare direttamente gli alimenti con le mani affette da lesioni cutanee di natura microbica o tramite goccioline emesse con starnuti o colpi di tosse. Devono astenersi dal lavoro se affetti da malattie trasmissibili (diarrea, bronchiti, faringiti, ascessi cutanei etc.). I titolari hanno l'obbligo di segnalare casi sospetti di malattie infettive. In tali casi si rende necessaria una visita medica, eventualmente, completata da esami di laboratorio per accertare che la persona non sia affetta da sintomi o lesioni indotte da microrganismi infettivi che possono essere trasmessi agli alimenti e, tramite questi, determinare un rischio per consumatori dei cibi preparati. HACCP In sostituzione del libretto sanitario gli appartenenti alle categorie di alimentaristi che svolgono mansioni più a rischio (individuati con apposito Atto Regionale) sono tenuti a frequentare periodici corsi di aggiornamento. Gli attestati relativi ai corsi di aggiornamento devono essere conservati nel posto di lavoro a cura del titolare conduttore dell esercizio. Ogni esercizio deve essere dotato di servizio igienico riservato ai personale tenuto in perfetta pulizia, non comunicante direttamente con i locali adibiti a lavorazione o vendita di alimenti. I lavandini, con erogatore non manuale, devono essere collocati in posizione tali che possa diventare automatico, per l operatore, lavarsi le mani spesso e volentieri (dopo aver usato il servizio, dopo uno starnuto, dopo aver toccato certi alimenti etc..). Devono essere a disposizione anche erogatori di sapone e salviette a perdere. A questo punto soffermiamoci un attimo sui problema del maneggio del denaro. Il denaro è piuttosto sporco e quando in un negozio si vede l'esercente passare con indifferenza dal conteggio del denaro alla manipolazione degli alimenti, senza il lavaggio delle mani, si è infastiditi. D'altra parte non è sempre possibile che in ogni negozio ci sia una persona addetta esclusivamente alla riscossione dei soldi. Quindi la vera soluzione è evitare il contatto diretto delle mani con gli alimenti e questo si può fare utilizzando cucchiai, spatole, coltelli, pinze, tovaglioli di carta eccetera. IGIENE DEI LOCALI I locali addetti alla produzione e vendita di sostanze alimentari devono essere costantemente tenuti in ordine ed in accurato stato di pulizia, avere le strutture murarie, l'arredamento, le attrezzature, gli utensili e le suppellettili sempre in buono stato di manutenzione, pulizia e funzionalità. I locali devono essere ben aerati e illuminati. Pagina 14

16 Nelle cucine, in particolare, devono essere presenti idonee cappe aspiranti. Pavimenti, pareti, piani di lavoro e di cottura devono essere in materia resistente al deterioramento,liscia, lavabile e disinfettabile. Occorre evitare che vi siano zone od angoli difficilmente raggiungibili o pulibili. Di acciaio inossidabile o altro materiale facilmente lavabile e sanificabile dovranno essere le pentole, i tegami, i coltelli e le attrezzature in genere. Occorre evitare che gli alimenti possano contaminarsi tramite i banchi, i piani di lavoro, gli utensili, le macchine operatrici. Tutte queste attrezzature al termine di ogni turno di lavoro vanno accuratamente lavate e disinfettate per eliminare residui di prodotti alimentari che possono diventare terreni di coltura e di moltiplicazione di microbi eventualmente presenti. Dopo l'impiego di soluzioni detergenti e disinfettanti e prima dell'utilizzo le attrezzature devono essere lavate abbondantemente con acqua potabile per assicurare l'eliminazione di ogni residuo. I bar, i ristoranti, le mense devono essere dotati di lavastoviglie automatiche che garantiscano una buona pulizia e disinfezione delle stoviglie. CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI Le merci devono essere tenute in reparti o settori distinti per ciascun genere o gruppi di settore omogenei. I reparti o settori destinati a prodotti non alimentari debbono essere tenuti distanti e separati dai reparti alimentari. Gli stessi criteri devono osservarsi per la sistemazione nelle celle o armadi frigoriferi. Le celle frigorifere e i congelatori devono essere sempre tenuti in perfetta efficienza, periodicamente puliti e disinfettati ed attrezzati in modo da evitare promiscuità fra alimenti incompatibili (verdure, carni, pollame, latticini ecc. separati tra di loro). Occorre dividere gli spazi in cui vengono manipolati i prodotti crudi dagli spazi adibiti al cibo già cotto. I piani di lavoro e le zone di lavaggio dei prodotti devono essere separate onde evitare che alimenti contaminati all origine (gusci di uova imbrattati da escrementi, verdura, frutta da terriccio e antiparassitari) contaminino i cibi già puliti. Si deve rispettare una netta separazione fra circuito sporco e circuito pulito. Occorre tenere presente che la catena del freddo deve essere mantenuta costante fino a che il prodotto non viene consumato. Le materie prime in attesa di lavorazione e i cibi già preparati devono essere conservati a temperature non adatte alla moltiplicazione dei batteri. Pagina 15

17 TEMPERATURE DI CONSERVAZIONE DI ALCUNI ALIMENTI D.P.R. 327/80 ALIMENTO T C Deperibili con copertura e farcitura con derivati di latte e uova (creme) C Prodotti cotti (creme) C Burro C Latte fresco pastorizzato C Uova fresche C Salumi C Verdure fresche + 6 C + 8 C Vegetali surgelati < 18 C Scatolame Zucchero Farina Luogo fresco Prodotti surgelati < 18 C Prodotti congelati < 15 C Ovoprodotti surgelati < 18 C Ovoprodotti congelati < 12 C Ovoprodotti refrigerati C Gelati semifreddi < 18 C CONSERVAZIONE DI ALIMENTI NON DEPERIBILI Possono essere riposti a temperature ambiente, sollevati da terra e comunque sempre separati dai reparti o settori destinati a prodotti come i detersivi. Questi ultimi vanno riposti in appositi armadi chiusi. CONSERVAZIONE DI ALIMENTI DEPERIBILI Gli alimenti deperibili devono essere conservati mediante refrigerazione o congelazione per evitare la moltiplicazione di microrganismi. Tutti gli alimenti deperibili devono essere mantenuti costantemente in apposite attrezzature (frigoriferi o celle), da cui debbono essere estratti solo per il tempo necessario per la lavorazione. Il controllo delle temperature va eseguito frequentemente. Di norma il controllo è quotidiano e consiste in una semplice lettura del valore di temperatura tramite il termometro. All interno dei frigoriferi e celle deve essere rigorosamente evitata la commistione di generi alimentari diversi 1. Gli alimenti deperibili con copertura o farciti con panna e crema a base di uova e latte (crema pasticciera), yogurt nei vari tipi, bibite a base di latte non sterilizzato, prodotti di gastronomia con copertura di gelatina alimentare, gli alimenti deperibili cotti da consumarsi "freddi" (quali arrosti, roast beef, etc.) e le paste alimentari fresche con ripieno, devono essere conservati a temperatura non superiore a + 4 C. 1 (*) Criteri per la dotazione ideale di attrezzature frigorifere è ad esempio: - Una per i prodotti cotti temp.indicata da 0 C a 4 C - Una per le carni temp.indicata da 0 C a 4 C - Una per le verdure temp.indicata da 5 C a 10 C - Una per salumi e latticini temp.indicata da 0 C a 4 C Pagina 16

18 In caso che la dotazione sia inferiore deve essere assolutamente rispettata la separazione dei generi alimentari all interno di uno stesso frigorifero. Ove vengano detenuti generi alimentari appartenenti a più di una delle quattro categorie sopra riportate, la temperatura deve essere mantenuta al livello indicato per la categoria che richiede la temperatura più bassa, avendo cura di valutare eventuali differenze di temperatura fra i diversi ripiani. Separare almeno: i cibi cotti ( da riporre nel ripiano più alto, protetti da adeguate coperture, anche film o pellicola per alimenti, ma evitare ogni accastatamento cioè contatto di un alimento col fondo di un recipiente soprastante, ecc); le verdure ( da riporre nel ripiano più basso, solitamente protette nel cassetto delle verdure). I congelatori debbono essere mantenuti in costante efficienza ed assicurae la temperatura richiesta di 18 C. Valgono gli stessi criteri descritti per i frigoriferi o celle. Ciò detto, non è necessaria, se non per esigenze di stoccaggio di quantità di merce, la dotazione di più di 1 congelatore, appare opportuno disporre di un unità di riserva. CONSERVAZIONE DI ALIMENTI DEPERIBILI TRAMITE LA SURGELAZIONE Un cenno particolare meritano i surgelati che offrono prodotti validi sia dal punto di vista nutrizionale che igienico purché l alimento di partenza sia di buona qualità, surgelato con tecniche adeguate e la sua conservazione (dal luogo di produzione a quello di consumo) sia effettuata in modo corretto. Per quanto riguarda il processo di surgelazione, questo può essere effettuato esclusivamente presso laboratori di produzione autorizzati. Una caratteristica igienico sanitaria da tenere presente per i locali in cui si depositano gli alimenti surgelati, peraltro prevista dalla normativa, è che le attrezzature frigorifere, anche al piano di massimo carico dell'apparecchio, mantengano costante la temperatura. Gli apparecchi "a pozzo" devono portare all'interno, una chiara indicazione della linea di massimo carico che non deve essere superata dagli alimenti surgelati in essi contenuti. Le celle di conservazione devono essere munite di termometri tarati e posizionati in massima visibilità. Si dovrà avere cura di porre le celle in un punto del deposito tale da non essere sottoposte ad irraggiamento solare o ad altre fonti di calore. RAFFREDDAMENTO/SCONGELAMENTO Il raffreddamento dei cibi cotti deve essere effettuato nel minor tempo possibile; i parametri da rispettare sono il raggiungimento di una temperatura a cuore inferiore a +10 C (da 65 C a + 10 C) in un tempo massimo di 2 ore. La procedura di raffreddamento si può effettuare correttamente disponendo di un abbattitore termico. Per quanto concerne lo scongelamento, quando non è possibile procedere alla cottura dell'alimento ancora congelato, è preferibile che il processo avvenga a temperatura di frigorifero, anche se questo richiede più tempo. Occorre, infatti, ricordare che l esposizione dell alimento a temperatura ambientale, anche per tempi relativamente brevi, rende possibile la rapida ripresa della moltiplicazione dei batteri che il processo di surgelazione aveva bloccato ma non Pagina 17

19 eliminato. CONSERVAZIONE DURANTE IL TRASPORTO E' molto importante che il trasporto degli alimenti surgelati sia effettuato in condizioni tali che la temperatura in ogni punto del prodotto, non sia mai superiore ai 18 C. E' opportuno all'atto del ricevimento delle merci controllare la consistenza e la forma del prodotto. PROTEZIONE DEGLI ALIMENTI Il nostro discorso sulla protezione degli alimenti dalla contaminazione microbica sarebbe incompleto se non accennassimo a due tipi di ospiti che frequentano le rivendite e i luoghi di produzione. Ci riferiamo alle mosche, ospiti indesiderati e sempre inopportuni, ed anche ad un ospite, invece, sempre gradito e ben accetto: il cliente. Tutte le malattie a trasmissione oro fecale cui abbiamo già accennato possono esser trasmesse anche dalle mosche che si posano ovunque e trasportano nelle zampe ogni genere di microbi. Reticelle e protezioni alle finestre sono utili e in molti tipi di esercizi obbligatori. Naturalmente è indispensabile ridurre al massimo le tentazioni per questi insetti mantenendo i rifiuti in contenitori chiusi e disinfettati periodicamente, pavimenti e superfici ineccepibili, alimenti sfusi coperti o al chiuso. Fortunatamente le stesse misure che allontanano questi scomodi ospiti, invogliano all'ingresso (e all'acquisto) coloro che tutti gli alimentaristi vorrebbero ricevere in gran numero; i clienti. Ma, attenzione! Anche i clienti, che frequentano bar e negozi, possono essere fonte di contaminazione degli alimenti. Il servizio igienico a disposizione del pubblico non deve essere mai lo stesso riservato al personale. I cibi sfusi e deperibili vanno protetti mediante vetrinette, banchi o espositori refrigerati o riscaldati, a seconda dei cibi che devono essere conservati. Non possono essere lasciati alla mercé dei colpi di tosse, starnuti e ditate degli indecisi che potrebbero optare per il bombolone dopo aver afferrato il cornetto. Ricordiamo che gli alimenti prodotti, messi in vendita e somministrati non devono essere in cattivo stato di conservazione, privati dei loro elementi nutritivi con trattamenti non idonei, non devono contenere coloranti artificiali o additivi chimici che non siano stati autorizzati, non devono contenere eccesso di residui di prodotti usati in agricoltura per la protezione delle piante e a difesa delle sostanze alimentari immagazzinate tossici per l'uomo. CUOCERE La sicurezza sanitaria è garantita quando l alimento raggiunge i +75 C a cuore per 10 minuti e cioè nel punto che è più sfavorevole, poiché più difficile da raggiungere con il calore. Pagina 18

20 TECNICHE DI COTTURA Frittura, bollitura,c ottura in umido, cottura alla griglia. Tali metodi garantiscono automaticamente il raggiungimento delle temperature ma è consigliato sottoporre a cottura spessori/pezzature di alimenti non eccessivi. Cottura al forno In questo caso è necessario individuare i programmi di cottura, in base alle ricette e all esperienza degli operatori. Per questo rispettare le condizioni dei tempi e delle temperature di cottura in funzione del peso dell alimento. Meglio verificare con il termometro la cottura a cuore o nel punto termicamente più sfavorevole. Bollitura Per quanto riguarda la bollitura della pasta ripiena occorre prestare attenzione ai tempi di permanenza nell acqua che ha ripreso a bollire dopo l immissione dell alimento, soprattutto quando questi è congelato; in quest ultimo caso è necessario controllare la temperatura a cuore a fine cottura e quindi standardizzare i tempi di cottura. Per gli altri alimenti, esempio ragù, salse, ecc, il tempo di cottura, mai inferiore alle due ore, è valutato osservando il tempo di ebollizione, la temperatura che deve comunque raggiungere il limite di sicurezza in tutta la massa dell alimento sottoposta a cottura. Il rinvenimento, cioè il riscaldamento di un alimento in forno o sulla fiamma, deve garantire gli stessi parametri previsti per la cottura e cioè +75 C al cuore dell alimento. Per i piatti pronti da consumare caldi, la temperatura deve essere mantenuta ad almeno C. Pagina 19

21 DECALOGO DEL BUON ALIMENTARISTA 1. Curare l'igiene della persona e del vestiario. 2. Lavarsi e disinfettarsi le mani spesso e volentieri (dopo l'uso dei servizi igienici, dopo essersi soffiato il naso) e usare sapone erogato da un distributore e asciugamani a perdere. 3. Astenersi dalla manipolazione dei cibi se si è affetti da raffreddore, mal di gola, da lesioni pustolose alle mani. In caso di necessita, proteggersi il naso e la bocca con mascherina e le mani con guanti a perdere. 4. Tenere i locali di lavoro, di deposito e di vendita in condizioni di perfetta e costante pulizia e ben aerati. 5. Lavare con soluzioni detergenti e disinfettanti i piani di lavoro, gli utensili, i macchinari, almeno alla fine di ogni turno di lavoro. 6. Tenere i cibi a temperature inadatte alla moltiplicazione dei microbi. 7. Ricordare che gli alimenti più a rischio di provocare tossinfezioni sono: carni tritate, carni da consumare crude, minestre e pietanze a base di carne o in brodo di carne, pesci e frutti di mare, uova e cibi a base di uova, latte, latticini e cibi contenenti gli stessi. 8. Proteggere gli alimenti mediante vetrinette, espositori, banchi, per impedire qualunque contaminazione anche da parte dei clienti. 9. Evitare di toccare i cibi con le mani, usando, invece, forchette, cucchiai, spatole, tovaglioli, carta ed altri oggetti idonei allo scopo. 10. Tenere lontano mosche, topi e insetti (rifiuti in contenitori chiusi, reticelle alle finestre). FATTORI DI RISCHIO DELLE MALATTIE TRASMESSE DA ALIMENTI E LORO PREVENZIONE La sicurezza alimentare è ancora oggi un problema di salute per il cittadino consumatore, ad esempio in Emilia Romagna nel periodo sono state colpite da una malattia trasmessa da alimenti persone delle quali il 64% aveva consumato alimenti preparati in ristoranti, pasticcerie, rosticcerie, mense collettive, sagre e altri esercizi di preparazione e vendita di alimenti. Tra gli alimenti responsabili di malattie trasmesse da alimenti sono in percentuale preponderante quelli contenenti uova. Pagina 20

22 I fattori di rischio sono legati a: CONTAMINAZIONE SOPRAVVIVENZA MOLTIPLICAZIONE Delle materie prime, delle attrezzature, contaminazioni di cibi già cotti con cibi crudi, cattiva igiene dell alimentarista e cibo ottenuto da fonti incerte. Dei microrganismi patogeni per utilizzo di cibo crudo o non adeguatamente cotto (tempo e temperatura di cottura non adeguati). Dei microrganismi patogeni per utilizzo di cibo crudo o non adeguatamente cotto (tempo e temperatura di cottura non adeguati). - cibi già cotti con cibi crudi - cattiva igiene dell alimentarista - cibo ottenuto da fonti incerte - attrezzatura non pulita - cottura inadeguata (temperature e tempi) - cibo crudo - scorretto mantenimento della temperatura - più giorni tra preparazione e consumo - scorretta preparazione CONTAMINAZIONE DEGLI ALIMENTI:NON DATEGLI UN PASSAGGIO ALL ORIGINE Alcuni alimenti, per loro natura (come la verdura, le uova..) o perché provenienti da fonti incerte (come molluschi privi di etichettatura), possono contenere microrganismi che, se non vengono uccisi con la cottura e hanno la possibilità di moltiplicarsi, possono causare malattie in chi li consuma. Acquista le materie prime da rivenditori autorizzati: non è solo un obbligo di legge ma di garanzia di maggiori controlli all origine. Gli alimenti da consumarsi crudi devono essere freschissimi puliti e lavati accuratamente. Pagina 21

23 La cottura a temperatura adeguata e per un tempo sufficiente è il migliore metodo di bonifica da microrganismi patogeni e non. CRUDO/COTTO Un alimento già cotto, pronto per essere consumato, se viene in contatto con un altro alimento ancora sporco (verdura non lavata, uova crude, carne cruda ) può contaminarsi con microrganismi che possono moltiplicarsi e diventare pericolosi per il consumatore. Non permettere mai il contatto fra alimenti cotti o pronti al consumo e alimenti che possono contenere microrganismi. Tieni ben protetti e separati fra loro gli alimenti anche in frigorifero. AMBIENTE E ATTREZZATURE Anche l ambiente di lavoro e le attrezzature possono provocare la contaminazione degli alimenti. I piani di lavoro, i contenitori e gli utensili, se non sono sempre puliti, possono trasferire microrganismi negli alimenti; anche gli insetti o altri animali possono portare microrganismi in cucina e quindi anche negli alimenti. Non trascurare mai le operazioni di sanificazione della cucina e delle sue attrezzature. Usa piani di lavoro e strumenti diversi per diversi alimenti. Usa tutte le precauzioni necessarie per non far entrare in cucina animali grandi e piccoli. CATTIVA IGIENE DELL ALIMENTARISTA Chi manipola gli alimenti rischia anche di condirli con microrganismi presenti sulle mani sporche o provenienti dalla bocca e dal naso. Lavati spesso le mani e comunque sempre prima di iniziare a lavorare dopo l uso dei servizi igienici passando da una lavorazione all altra dopo esserti soffiato il naso aver tossito o starnutito dopo qualunque interruzione del lavoro dopo aver toccato qualcosa di sporco. Indossa sempre abiti puliti e riservati al lavoro. Se hai il raffreddore, mal di gola o hai lesioni alle mani astieniti dalla manipolazione del cibo oppure utilizza mascherine e guanti. Ricorda di usare guanti sempre puliti e comunque l uso dei guanti non esclude la necessità di lavarsi spesso le mani. Evita di manipolare direttamente con le mani il cibo pronto per il consumo: utilizza cucchiai, spatole, pinze ecc. MOLTIPLICAZIONE BATTERICA: SE SI MOLTIPLICANO SONO GUAI La carica batterica è un fattore molto importante perché ad un maggior numero di batteri che vengono a contatto con l organismo umano corrisponde un maggior rischio di contrarre la malattia infettiva. Fattori di crescita dei microrganismi, ovvero fattori che condizionano la crescita e la moltiplicazione dei microrganismi negli alimenti, sono: ossigeno; nutrimento; umidità; grado di acidità; temperatura; Pagina 22

Le malattie trasmesse da alimenti. Alimentando > Le malattie trasmesse ingerendo alimenti infetti [ 1 ]

Le malattie trasmesse da alimenti. Alimentando > Le malattie trasmesse ingerendo alimenti infetti [ 1 ] Le malattie trasmesse da alimenti [ 1 ] Le malattie trasmesse Gli alimenti sono la fonte di nutrimento necessaria per la vita dell uomo, ma possono diventare un pericolo per la salute del consumatore quando

Dettagli

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare:

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: Aspetti generali Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: la progettazione dei locali e delle strutture l organizzazione

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi La sicurezza degli alimenti intesa sia come sicurezza igienica che come sicurezza nutrizionale è una responsabilità che non riguarda soltanto l'industria alimentare, ma tutti gli attori della catena di

Dettagli

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso PESCE CRUDO Istruzioni per l uso I RISCHI MICROBIOLOGICI nei prodotti della pesca Gestione del PRODOTTO FRESCO e PUNTI CRITICI Dr.ssa Priscilla D Amico Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa

Dettagli

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza.

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza. COME SI PRESENTA IL PRODOTTO: Fare attenzione alle alterazioni visibili: il prodotto alterato può cambiare colore, odore, sapore, aspetto può cambiare consistenza o presentare tracce di muffe la confezione

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE Coordinamento editoriale: Marta Fin, Alba Carola Finarelli, Laura Vicinelli, Claudio Visani Redazione: Alessandro Brunozzi,

Dettagli

IL BUON ALIMENTARISTA... si rinnova Piccola guida per chi produce e vende alimenti

IL BUON ALIMENTARISTA... si rinnova Piccola guida per chi produce e vende alimenti IL BUON ALIMENTARISTA... si rinnova Piccola guida per chi produce e vende alimenti SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Testo a cura di: Brunozzi Alessandro,

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

I PATOGENI ALIMENTARI

I PATOGENI ALIMENTARI I PATOGENI ALIMENTARI LA CONTAMINAZIONE MICROBIOLOGICA Le tossinfezioni alimentari rappresentano un crescente problema per la salute pubblica a livello internazionale. Sono conosciute attualmente oltre

Dettagli

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Intervento a cura di: Dario Signorelli -Dipartimento di Prevenzione Medica SC Alimenti e Nutrizione ASL Milano Milano, 3 maggio 2012 1 servizio

Dettagli

H.A.C.C.P. 1998 D.Lgs 155/97. 2006 pachetto igiene (regolamenti europei) HAZARD ANALISIS AND CRITICAL CONTROL POINT

H.A.C.C.P. 1998 D.Lgs 155/97. 2006 pachetto igiene (regolamenti europei) HAZARD ANALISIS AND CRITICAL CONTROL POINT H.A.C.C.P. HAZARD ANALISIS AND CRITICAL CONTROL POINT 1998 D.Lgs 155/97 2006 pachetto igiene (regolamenti europei) A CHI E RIVOLTO Aziende di trasformazione degli alimenti (confetture latte verdure in

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 3 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. Che cosa è necessario

Dettagli

Le malattie trasmesse da alimenti

Le malattie trasmesse da alimenti Le malattie trasmesse da alimenti [ 1 ] Le malattie trasmesse Gli alimenti sono la fonte di nutrimento necessaria per la vita dell uomo, ma possono diventare un pericolo per la salute del consumatore quando

Dettagli

Tossinfezioni alimentari e HACCP

Tossinfezioni alimentari e HACCP Tossinfezioni alimentari e HACCP INTOSSICAZIONI ALIMENTARI Cosa sono? Le intossicazioni alimentari sono manifestazioni patologiche che si determinano in seguito al consumo di alimenti contenenti tossine

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Istituto Comprensivo Castelverde ROMA Anno scolastico 2013/2014 DI UNA SANA E corretta ALIMENTAZIONE Anno scolastico 2013/2014 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni Elisabetta Delibato elisabetta.delibato@iss.it Istituto Superiore di Sanità DSPVSA Microrganismi negli alimenti Ogni alimento

Dettagli

LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE

LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE ASL CITTA DI MILANO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Via Statuto n 5-MILANO LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE da: Linee Guida per una sana Alimentazione degli

Dettagli

Dalla Spesa alla Tavola

Dalla Spesa alla Tavola Dalla Spesa alla Tavola L Igiene e la Salute in Cucina Dott.ssa M. Stella 1 L Acquisto attento dei Prodotti Alimentari Dott.ssa M. Stella 2 L Etichetta di un Prodotto Alimentare 1) denominazione di vendita

Dettagli

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE Regione Piemonte - Direzione Sanità Pubblica L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE 1 E fondamentale imparare a gestire correttamente le diverse temperature Tenere sempre conto della pezzatura dell alimento Evitare

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA MANIPOLAZIONE DEGLI ALIMENTI

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA MANIPOLAZIONE DEGLI ALIMENTI CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA MANIPOLAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura del gruppo regionale formazione alimentaristi Realizzato Realizzato da da Fridel Fridel Marina Marina -- Venturelli Venturelli Claudio

Dettagli

batteri in cucina: lavarsene le mani non basta!

batteri in cucina: lavarsene le mani non basta! batteri in cucina: lavarsene le mani non basta! 2 sai davvero difenderti da germi e batteri? Non pensare alla mozzarella blu o al pollo alla diossina: i pericoli di intossicazioni e tossinfezioni derivano

Dettagli

La sicurezza alimentare in gravidanza: consigli e precauzioni. La prevenzione in ambiente domestico

La sicurezza alimentare in gravidanza: consigli e precauzioni. La prevenzione in ambiente domestico La sicurezza alimentare in gravidanza: consigli e precauzioni La prevenzione in ambiente domestico NOVARA, 29 settembre 2012 BORGOMANERO, 13 ottobre 2012 Dott.ssa Silvana Pitrolo SIAN ASL NO Ricadute sulla

Dettagli

Aspetti igienici nella preparazione e presentazione degli alimenti nell ambito delle manifestazioni temporanee

Aspetti igienici nella preparazione e presentazione degli alimenti nell ambito delle manifestazioni temporanee Motta di Livenza,, 13 marzo 2010 Aspetti igienici nella preparazione e presentazione degli alimenti nell ambito delle manifestazioni temporanee Luigi Tonellato Articolo 18 Rintracciabilità 1. È disposta

Dettagli

REGOLE PER LA LAVORAZIONE

REGOLE PER LA LAVORAZIONE REGOLE PER LA LAVORAZIONE La manipolazione degli alimenti deve essere ridotta al minimo indispensabile Usare piani di lavoro ed utensili differenti per carni rosse e pollame carni e verdure crude prodotti

Dettagli

La sicurezza alimentare.

La sicurezza alimentare. La sicurezza alimentare. Un alimento può considerarsi sicuro, quando è accertata la sua buona qualità sotto il profilo igienico e sanitario. La qualità igienico-sanitaria di un prodotto alimentare, riguarda

Dettagli

Corsi di formazione Haccp

Corsi di formazione Haccp Corsi di formazione Haccp La Normativa HACCP o Autocontrollo alimentare disciplina le regole di igiene nei luoghi di lavoro ove si preparano, si immagazzinano o si distribuiscono alimenti o bevande. Il

Dettagli

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA Modena 16 e 24 marzo 2010 IL PACCHETTO IGIENE Comprende

Dettagli

Come Proteggere i tuoi Prodotti Seguendo Metodi Sicuri di Trattamento degli Alimenti

Come Proteggere i tuoi Prodotti Seguendo Metodi Sicuri di Trattamento degli Alimenti Come Proteggere i tuoi Prodotti Seguendo Metodi Sicuri di Trattamento degli Alimenti 4 C (39 F) -21 C (-5 F) -21 C (-5 F) 4 C (39 F) 4 C (39 F) -21 C (-5 F) 4 C (39 F) -21 C (-5 F) Quando il pesce entra

Dettagli

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007 Il mantenimento della catena del freddo - Requisiti di legge riguardanti la temperatura durante la produzione, la conservazione, il trasporto e la vendita di derrate alimentari D estate, con l aumento

Dettagli

PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA

PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA 1 Introduzione Il protocollo definisce, sulla base dell esperienza

Dettagli

Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP

Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP UOC di Riabilitazione Metabolico Nutrizionale Direttore Tecnico-Scientifico: LM Donini Dietisti: E. Castellaneta, C. Civale, P. Ceccarelli, S. Passaretti,

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 11 CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI INDICE DI REVISIONE 1 Copia conforme all originale SCOPO Definire

Dettagli

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST ALLEGATO N. 1.6 al Capitolato Speciale d oneri Azienda pubblica di Servizi alla Persona Cordenonese Arcobaleno FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST VERIFICA EFFETTUATA IL GIORNO / / DALLE ORE ALLE ORE TUTTI

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

La filiera del latte

La filiera del latte La filiera del latte 1 Reg. 178/2002 Responsabilità spetta AGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE garantire che nelle imprese da essi controllate gli alimenti soddisfino le disposizioni della legislazione

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

per la sicurezza alimentare in ambito domestico a cura delle Aziende USL della Toscana

per la sicurezza alimentare in ambito domestico a cura delle Aziende USL della Toscana Campagna per la sicurezza alimentare in ambito domestico a cura delle Aziende USL della Toscana 2 Salute e sicurezza Negli ultimi anni, nei Paesi dell Unione Europea gli episodi di Tossinfezioni alimentari,

Dettagli

Cibo sicuro in famiglia

Cibo sicuro in famiglia DOSSIER 18 DOSSIER Cibo sicuro in famiglia Per tutti coloro che pensano, preparano e consumano il cibo a casa di Maria Rita Fontana, Giuseppe Valluzzi, Carla Alessi, Sabrina Severi Ogni anno sono numerosi

Dettagli

IL CONSULENTE IN IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE L IMPLEMENTAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NELLE IMPRESE ALIMENTARI

IL CONSULENTE IN IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE L IMPLEMENTAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NELLE IMPRESE ALIMENTARI IL CONSULENTE IN IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE L IMPLEMENTAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NELLE IMPRESE ALIMENTARI OBIETTIVI DELL AUTOCONTROLLO ALIMENTARE Applicando quanto previsto dal Reg. CE 852/04

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute La sicurezza degli alimenti Luigi Cazzola Dip. Prevenzione ULSS 2 LINEE GUIDA PER MANIFESTAZIONI POPOLARI SICURE Feltre, 11 giugno 2014 LINEE GUIDA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI

LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI Tecnico della Prevenzione Azienda Ulss7 Dott.ssa Carola Lanzilotti Il sistema

Dettagli

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 Autocontrollo e Sicurezza Alimentare Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 SOMMARIO Lo scenario attuale della legislazione alimentare igienico sanitaria DL 155/97: Autocontrollo e sicurezza alimentare

Dettagli

L applicazione nella pratica delle nuove direttive ha presentato, soprattutto per le aziende di piccole dimensioni, notevoli difficoltá.

L applicazione nella pratica delle nuove direttive ha presentato, soprattutto per le aziende di piccole dimensioni, notevoli difficoltá. Il Piano HACCP GUIDA PER LA REDAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NEL SETTORE DELLA RISTORAZIONE (ai sensi dell art. 3, del D.P.P. n. 18 del 12-5-2003) 02 Premessa Chi addenta una mela non desidera solo

Dettagli

Tecnico della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro Dr. Mario Esposito Azienda Sanitaria Locale di Lecce

Tecnico della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro Dr. Mario Esposito Azienda Sanitaria Locale di Lecce nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro Azienda Sanitaria Locale di Lecce Corso di Formazione ALIMENTARISTI (previsto dall art. 4 della Legge Regionale 24.7.2007, n. 22) a seguito della soppressione dell

Dettagli

MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP

MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP Per richiedere un preventivo per la stesura del manuale di corretta prassi igienica è necessario inserire le informazioni richieste nel

Dettagli

I Microrganismi. Associazione di Promozione Sociale Cucinaverarte No profit Organization Area Educational. Relatore: Nicola Bruno prof.

I Microrganismi. Associazione di Promozione Sociale Cucinaverarte No profit Organization Area Educational. Relatore: Nicola Bruno prof. Associazione di Promozione Sociale Cucinaverarte No profit Organization Area Educational I Microrganismi Relatore: Nicola Bruno prof. Casadei mail: nicola.casadei@cucinaverarte.eu Per uso personale e di

Dettagli

SCHEDA 11 FATTORI FISICI CHE INFLUENSANO LA CONTAMINAZIONE BATTERICA

SCHEDA 11 FATTORI FISICI CHE INFLUENSANO LA CONTAMINAZIONE BATTERICA SCHEDA 11 FATTORI FISICI CHE INFLUENSANO LA CONTAMINAZIONE BATTERICA OSSIGENO In base alla loro dipendenza dall'ossigeno, i microrganismi possono essere classificati in: aerobi obbligati, se per vivere

Dettagli

ricevimento prodotti. Lo smistamento dei prodotti alimentari deperibili, viene effettuato in modo da ridurre al minimo i tempi di stazionamento.

ricevimento prodotti. Lo smistamento dei prodotti alimentari deperibili, viene effettuato in modo da ridurre al minimo i tempi di stazionamento. ricevimento prodotti. Lo smistamento dei prodotti alimentari deperibili, viene effettuato in modo da ridurre al minimo i tempi di stazionamento. Inoltre, durante lo smistamento delle derrate, il personale

Dettagli

Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno

Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno conoscenze capacità UF n. Denominazione UF Durata UF (h) Contenuti formativi Discipline comuni e di indirizzo UC 1707 CURA DEGLI

Dettagli

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI E GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE Dr. Maurizio Mangelli Responsabile Sicurezza PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO ALLEGATO F MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO Allegato F Modalità operative per la gestione del servizio 1 1 Indicazioni relative all approvvigionamento e alla preparazione dei pasti 1.1 Approvvigionamento

Dettagli

NOTIZIE E CONSIGLI CONSIGLI L'ALIMENTAZIONE VALORI CALORICI E NUTRIZIONALI LA LA COTTURA RICETTARIO GRAMMATURE DELLE RICETTE RICETTE PROPOSTE

NOTIZIE E CONSIGLI CONSIGLI L'ALIMENTAZIONE VALORI CALORICI E NUTRIZIONALI LA LA COTTURA RICETTARIO GRAMMATURE DELLE RICETTE RICETTE PROPOSTE IL RICETTARIO PREMESSA Strumento utile per chi si occupa di alimentazione all'interno di strutture residenziali per anziani. Contiene ricette proposte ed elaborate da cuochi che lavorano in alcune case

Dettagli

MANUALE H.A.C.C.P. 1. PREMESSA...2. 2. passi preliminari...2

MANUALE H.A.C.C.P. 1. PREMESSA...2. 2. passi preliminari...2 MANUALE H.A.C.C.P. 1. PREMESSA...2 2. passi preliminari...2 2.1 DEFINIZIONE DEI TERMINI DI RIFERIMENTO...3 2.2 COSTITUZIONE DEL GRUPPO HA...3 2.3 DESCRIZIONE DEL PRODOTTO...3 2.4 IDENTIFICAZIONE DELLA

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI

SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI 1 FINALITÀ DELL INTERVENTO: NUOVA ATTIVITÀ RISTRUTTURAZIONE ATTIVITÀ ESISTENTE RICONVERSIONE O AGGIUNTA TIPOLOGIA ATTIVITÀ ESISTENTE Trattasi

Dettagli

Unità 3. La Conservazione degli Alimenti. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello B1 Assistenza Familiare CHIAVI

Unità 3. La Conservazione degli Alimenti. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello B1 Assistenza Familiare CHIAVI Unità 3 La Conservazione degli Alimenti CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sul modo di conservare gli alimenti nuove parole relative ai prodotti alimentari a usare

Dettagli

Il Rischio Biologico Relatore Dr. Mattia Gargano Cosa è il Rischio Biologico? E la possibilità di contrarre durante l espletamento della propria attività lavorativa: INFEZIONI (penetrazione e la moltiplicazione

Dettagli

ASL 7 CARBONIA Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione REQUISITI STRUTTURALI E FUNZIONALI NELLE IMPRESE ALIMENTARI

ASL 7 CARBONIA Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione REQUISITI STRUTTURALI E FUNZIONALI NELLE IMPRESE ALIMENTARI ASL 7 CARBONIA Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione REQUISITI STRUTTURALI E FUNZIONALI NELLE IMPRESE ALIMENTARI Ai sensi della L. 180/2011 art.11, e ad integrazione di quanto

Dettagli

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com INFORMAZIONI GENERALI Ragione Sociale *: Partita IVA* : Indirizzo *: Codice Fiscale* : CAP*: Città* : Prov*: Nome Commerciale (es. nome presente sull insegna) Legale rappresentante*: Responsabile HACCP*:

Dettagli

TRASFORMAZIONE DEGLI ORTAGGI. Prodotti freschi pronti al consumo (quarta gamma) Prodotti freschi ed elaborati congelati (terza e quarta gamma)

TRASFORMAZIONE DEGLI ORTAGGI. Prodotti freschi pronti al consumo (quarta gamma) Prodotti freschi ed elaborati congelati (terza e quarta gamma) TRASFORMAZIONE DEGLI ORTAGGI Prodotti freschi pronti al consumo (quarta gamma) Prodotti freschi ed elaborati congelati (terza e quarta gamma) Prodotti in scatola o in vasetto (quarta gamma) CONSERVE PRODOTTI

Dettagli

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso)

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) Allegato 2 PAG. 1 ALLEGATO alla domanda di autorizzazione

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE Dir. DB2000 Sett. DB2017 Allegato n. 3 di 3 Pag. 1 ALLEGATO 3 SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE All ASL. e p.c. Al Comune di. _l_ sottoscritt in qualità di Nat a

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA

DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA Linee guida per la vigilanza sulle imprese alimentari che preparano e/o somministrano alimenti preparati con

Dettagli

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria ALLEGATO 4 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE MODALITA OPERATIVE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SOMMARIO 1 - Stoccaggio delle derrate 2 - Tecnologie di manipolazione e di cottura 3 - Operazioni

Dettagli

BRUNCH DEL 1 AGOSTO: UN SEMPLICE AIUTO ALL AUTOCONTROLLO

BRUNCH DEL 1 AGOSTO: UN SEMPLICE AIUTO ALL AUTOCONTROLLO Schweizerischer Bauernverband Union Suisse des Paysans Unione Svizzera dei Contadini Uniun purila Svizra Laurstrasse 10 5201 Brugg AGORA Association des groupements et organisations romands de l'agriculture

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

SCHEDA CONTROLLO TEMPERATURE frequenza del rilevamento: GIORNALIERA (*)

SCHEDA CONTROLLO TEMPERATURE frequenza del rilevamento: GIORNALIERA (*) MESE ANNO G I O R N O 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 REGIONE SCHEDA CONTROLLO TEMPERATURE frequenza del rilevamento: GIORNALIERA (*) T C 1 T C 2 T C

Dettagli

B. Documentazione generale del sistema di autocontrollo e definizione delle responsabilità aziendale

B. Documentazione generale del sistema di autocontrollo e definizione delle responsabilità aziendale Dipartimento federale dell'economia DFE Ufficio federale di veterinaria UFV Allegato 3 - Guida per la valutazione uniforme dell autocontrollo INDICE I Introduzione... 1 A.... 1 B. La documentazione generale

Dettagli

Tirocinio formativo in Azienda per Alternanza Scuola Lavoro dal 28/04/12 al 17/06/12 (fine settimana fino al 03 giugno e dal 09 al 17 Giugno)

Tirocinio formativo in Azienda per Alternanza Scuola Lavoro dal 28/04/12 al 17/06/12 (fine settimana fino al 03 giugno e dal 09 al 17 Giugno) I,P.P.S.A.R "L. Carnacina" 37011 - BARDOLINO (VR) via Europa Unita 045/6213311 Fax 045/7210132 Sezione Associata: 37067 Valeggio sul Mincio (VR) Via Centro, 1 0456370592 r.a. - 0456379919 Tirocinio formativo

Dettagli

TEL: +390108311595 MOBILE: +393393117702 EMAIL: tuttobargenova@gmail.com - info@tuttobargenova.it

TEL: +390108311595 MOBILE: +393393117702 EMAIL: tuttobargenova@gmail.com - info@tuttobargenova.it A TUTTO IL PERSONALE E COLLABORATORI VOUCHER DELL AZIENDA Genova, 1 aprile 2016 Norme di comportamento da tenere sul posto di lavoro per una corretta applicazione delle norme HACCP, per l igiene degli

Dettagli

REQUISITI IGIENICO SANITARI PER L ATTIVITÀ DI VENDITA E LAVORAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI

REQUISITI IGIENICO SANITARI PER L ATTIVITÀ DI VENDITA E LAVORAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI Dipartimento di Prevenzione S.S. Tutela Igienico Sanitaria Alimenti di Origine Animale REQUISITI IGIENICO SANITARI PER L ATTIVITÀ DI VENDITA E LAVORAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI REQUISITI IGIENICO SANITARI

Dettagli

I termini e i concetti fondamentali

I termini e i concetti fondamentali unità La prevenzione delle contaminazioni I termini e i concetti fondamentali 1 l igiene degli ambienti Gli esercizi di lavorazione e somministrazione di cibi e bevande, soggetti ad accertamenti dei requisiti

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA

DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA Allegato alla deliberazione C.C. n. 29 del 30/11/2002 La Commissione Mensa, viene istituita per esercitare, nell interesse dell utenza e di concerto con l Amministrazione

Dettagli

OSPEDALE DI CARITA Corso G. Marconi n. 30 12030 Sanfront CN

OSPEDALE DI CARITA Corso G. Marconi n. 30 12030 Sanfront CN PROVA SCRITTA CONCORSO PUBBLICO PER N. 1 POSTO DI ADDETTO ALLA CUCINA PROVA N. 2 (Crocettare la risposta esatta delle domande dalla n. 1 alla n. 20 e fornire una risposta sintetica ed esauriente alle domande

Dettagli

Corso Base Formazione/Informazione. Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato

Corso Base Formazione/Informazione. Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato Corso Base Formazione/Informazione Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato Provincia di Bologna Via Zamboni, 13 Bologna 30 Novembre

Dettagli

4.5 REDAZIONE DELLE MATRICI HACCP PROCEDURE DI CONTROLLO DI PROCESSO

4.5 REDAZIONE DELLE MATRICI HACCP PROCEDURE DI CONTROLLO DI PROCESSO 4.5 REDAZIONE DELLE MATRICI HACCP E PROCEDURE DI CONTROLLO DI PROCESSO PIANO DI AUTOCONTROLLO Pag. 19 MPE / SL / PF deteriorati Adeguata Fornitori Annuale, Controllo Documentale MPE / SL / PF contaminati

Dettagli

ALLEGATO N. 5 LIMITI DI CARICHE MICROBICHE NEGLI ALIMENTI DESTINATI ALLA RISTORAZIONE COLLETTIVA

ALLEGATO N. 5 LIMITI DI CARICHE MICROBICHE NEGLI ALIMENTI DESTINATI ALLA RISTORAZIONE COLLETTIVA PROCEDURA NEGOZIATA PER L ALLESTIMENTO E LA GESTIONE TEMPORANEA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE DELLE MENSE UNIVERSITARIE DELL ERDISU DI TRIESTE (CIG N. 3218525AD7). ALLEGATO N. 5 LIMITI DI CARICHE MICROBICHE

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento ALLEGATO F 6 Ulteriori Locali - Notifica Igienico- Sanitaria per alimenti (Reg. CE n 852/2004) 1. Dati generali dell intervento 1.1 Ubicazione intervento (Indicare il Comune e l indirizzo inseriti nel

Dettagli

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Famiglia Campylobacteraceae tre generi: Campylobacter, Arcobacter,

Dettagli

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP Modena, 28 Settembre 2011 La valutazione del 1 e 2 principio Codex Gli strumenti e i metodi a disposizione per il Controllo Ufficiale Paolo Daminelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia

Dettagli

CONOSCERE LA CELIACHIA

CONOSCERE LA CELIACHIA CONOSCERE LA CELIACHIA Igiene e sicurezza alimentare in cucina: procedure e punti chiave per produrre pasti senza glutine Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione DSP - Azienda USL di Modena 24

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

COGNOME: NOME: cittadinanza: nato a ( ) il / / residente nel comune di ( ) CAP via/piazza n codice fiscale tel. fax e-mail

COGNOME: NOME: cittadinanza: nato a ( ) il / / residente nel comune di ( ) CAP via/piazza n codice fiscale tel. fax e-mail Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per l Assistenza Sanitaria n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE per conoscenza al Comune di. triplice copia Oggetto: comunicazione manifestazione

Dettagli

NORME PER L UTILIZZO DELLA CUCINA MOBILE PROVINCIALE E DI COMPORTAMENTO NELLA MANIPOLAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE PREMESSA:

NORME PER L UTILIZZO DELLA CUCINA MOBILE PROVINCIALE E DI COMPORTAMENTO NELLA MANIPOLAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE PREMESSA: NORME PER L UTILIZZO DELLA CUCINA MOBILE PROVINCIALE E DI COMPORTAMENTO NELLA MANIPOLAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE PREMESSA: Le Norme di seguito elencate dettano le regole basilari che

Dettagli

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA Gli orari delle attività commerciali e il turno di riposo settimanale 1.1 Le nuove disposizioni europee:

Dettagli

Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per i Servizi Sanitari n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE

Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per i Servizi Sanitari n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per i Servizi Sanitari n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE per conoscenza al Comune di. Oggetto: comunicazione manifestazione temporanea

Dettagli

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA Controllo ufficiale e sistema HACCP 30.04.2010 INI Grottaferrata Dr. Mariano SIGISMONDI Alcuni dati Nel 2001 gli esercizi di commercio ambulante

Dettagli

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Che cos è l Autocontrollo? L Autocontrollo è un obbligo di legge.. per tutte le Aziende alimentari di realizzarlo; per le Autorità Sanitarie competenti

Dettagli

IL SISTEMA HACCP L innovazione del sistema HACCP I rischi potenziali di un processo alimentare

IL SISTEMA HACCP L innovazione del sistema HACCP I rischi potenziali di un processo alimentare IL SISTEMA HACCP La sigla HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point) identifica un nuovo strumento operativo che tutte le aziende alimentari (anche i ristoranti) devono possedere per legge, avente

Dettagli

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Regolamenti Linee guida europee Linee guida nazionali Documenti SANCO Linee guida regionali Vecchia normativa

Dettagli

ci informano su eventi di interesse globale, come mucca pazza, influenza aviaria, mozzarella blu,

ci informano su eventi di interesse globale, come mucca pazza, influenza aviaria, mozzarella blu, 2 Spesso la TV e i giornali ci informano su eventi di interesse globale, come mucca pazza, influenza aviaria, mozzarella blu, ma abbiamo mai pensato che anche la preparazione domestica dei cibi, dall acquisto

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA MANIPOLAZIONE ALIMENTARE

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA MANIPOLAZIONE ALIMENTARE Reg. 852-853/04; Reg. 178/02; DGRL 825/09 Pagina 1 di 22 INDICE LA NORMATIVA Pag. 2 - la legislazione alimentare - la responsabilità di tutti gli operatori - il controllo ufficiale - la rintracciabilità

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE

CORSO DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE MODELLO_1 R E G I O N E P U G L I A ASSESSORATO ALLE POLITICHE DELLA SALUTE Settore Assistenza Territoriale e Prevenzione CORSO DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE A cura di A. Carenza, R.Carlà,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A. differita) PER FESTE TEMPORANEE

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A. differita) PER FESTE TEMPORANEE Da presentare in triplice copia al Comune dove si effettua la manifestazione. Copia della presente dovrà essere trattenuta dal richiedente con timbro e data del ricevimento. DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA

Dettagli

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Allegato 2 Al Comune di NOTIFICA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R.

Dettagli

Di seguito rassiumiamo le principale regolamentazioni:

Di seguito rassiumiamo le principale regolamentazioni: La normati di riferimento in materia del COMMERCIO ITINERANTE (commercio dei prodotti alimentari sulle aree pubbliche) è l' ORDINANZA 3 aprile 2002 "Requisiti igienico-sanitari per il commercio dei prodotti

Dettagli

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 2. FASE DI LAVORAZIONE: Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 3. CODICE INAIL: 4. FATTORE DI RISCHIO:

Dettagli

Le nuove linee guida dalla teoria alla pratica

Le nuove linee guida dalla teoria alla pratica Mille menùper una grande città Le nuove linee guida dalla teoria alla pratica Paola Boni SIAN AUSL di RE CHE COSA E LA CELIACHIA? La celiachia è una intolleranza permanente al glutine in soggetti geneticamente

Dettagli