I servizi IMQ per la prevenzione incendi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I servizi IMQ per la prevenzione incendi"

Transcript

1 I servizi IMQ per la prevenzione incendi

2 I servizi IMQ per la prevenzione incendi Quello della prevenzione incendi è un settore regolamentato da precise normative che prevede, per gli ambienti e le attività a maggior rischio di incendio, l'obbligatorietà di un Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco a seguito di un preciso iter di progetto e di certificazione. A tutte le realtà soggette al controllo dei Vigili del Fuoco, IMQ offre un servizio di supporto volto all'individuazione degli interventi necessari per la messa a norma delle attività e all'assistenza nelle procedure per l'ottenimento del Certificato di Prevenzione Incendi.

3 I servizi IMQ SUPPORTO PER L'OTTENIMENTO DEL PARERE DI CONFORMITÀ ANTINCENDIO Redazione del progetto antincendio, della relazione tecnica e degli elaborati progettuali - ad opera di tecnici abilitati Istruzione dell'istanza da presentare al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco SUPPORTO PER L'OTTENIMENTO DEL CERTIFICATO DI PREVENZIONE INCENDI (CPI) Coordinamento ed assistenza durante la fase di verifica, da parte del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, della rispondenza delle attività alla normativa di prevenzione incendi ai fini del rilascio del CPI Preparazione (se richiesta) della certificazione di resistenza al fuoco delle strutture portanti e della certificazione della funzionalità ed efficienza degli impianti antincendio (a cura e firma di tecnici abilitati) SUPPORTO AL DATORE DI LAVORO PER LE ATTIVITÀ DI CONTROL- LO E VERIFICA DEGLI IMPIANTI E NELL'ATTIVITÀ DI FORMAZIONE DEL PERSONALE, PREVISTE DAL DPR N 37. Il Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) Il Certificato di Prevenzione Incendi, obbligatorio per tutti i locali, le attività, i depositi, gli impianti e le industrie indicati nel D.M. del 16/02/1982, attesta che l'attività sottoposta a controllo è conforme alle disposizioni di sicurezza vigenti in materia antincendio. Il Certificato è rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del fuoco competente per territorio, in base a un preciso iter che prevede due fasi:

4 1) Richiesta del parere di conformità antincendio su specifico progetto, comprensivo di esauriente documentazione tecnica sia grafica sia descrittiva dei luoghi, delle lavorazioni effettuate, dei materiali depositati e delle misure di prevenzione e protezione previste. 2) Richiesta di sopralluogo dei Vigili del Fuoco per il rilascio del CPI da effettuare, accompagnata dalle necessarie certificazioni attestanti particolari requisiti per impianti, materiali, strutture, ecc. rilasciate da figure abilitate (es. IMQ), a seguito del rilascio del parere di conformità antincendio e della realizzazione di quanto in esso previsto. La legge stabilisce, altresì, l'obbligo di richiedere le visite ed i controlli di prevenzione incendi ogni qualvolta vi siano modifiche che incidono sulle misure di prevenzione e protezione approvate. Cosa dice la legge D.M. del 16/02/1982 Indica quali sono i locali, le attività, i depositi, gli impianti e le industrie i cui progetti sono soggetti all'esame e parere preventivo dei comandi provinciali dei vigili del fuoco ed il cui esercizio è vincolato dal rilascio del "Certificato di prevenzione incendi". D.P.R. del 12/01/1998, n. 37 Disciplina il procedimento per il rilascio del certificato di prevenzione incendi. D.M. del 04/05/1998 Disciplina le modalità tecniche di presentazione delle richieste e della documentazione.

5 I servizi IMQ per la prevenzione incendi Si riporta a titolo di esempio alcune categorie soggette a visite e controlli di prevenzione incendi (Art. 4 Legge 26 Luglio 1965, N. 966) e/o impiegano gas combustibili, gas comburenti (compressi, disciolti, liquefatti) con quantità globali in ciclo o in deposito superiori a 50 Nmc/h - Impianti di compressione o di decompressione dei gas combustibili e comburenti con potenzialità superiore a 50 Nmc/h. depositi e rivendite di gas combustibili e comburenti - Reti di trasporto e distribuzione di gas combustibili, compresi quelli di origine petrolifera o chimica, con esclusione delle reti di distribuzione cittadina e dei relativi impianti con pressione di esercizio non superiore a 5 bar - Impianti di distribuzione di gas combustibili per autotrazione ad uso pubblico e privato con o senza stazione di servizio e/o impiegano e/o rivendono liquidi infiammabili e/o combustibili, impiegano o detengono vernici, inchiostri e lacche infiammabili e/o combustibili. Depositi e/o rivendite. - Mulini per cereali ed altre macinazioni con potenzialità giornaliera superiore a 200 q.li e relativi depositi - Impianti per l'essiccazione dei cereali e di vegetali in genere con depositi di capacità superiore a 500 q.li di prodotto essiccato - Zuccherifici e raffinerie dello zucchero - Pastifici con produzione giornaliera superiore a 500 q.li - Riserie con potenzialità giornaliera superiore a 100 q.li - Stabilimenti ed impianti per la produzione della carta e dei cartoni e di allestimento di prodotti cartotecnici in genere con oltre 25 addetti e/o con materiale in deposito o lavorazione superiore a 500 q.li - Depositi di carta, cartoni e prodotti cartotecnici nonché depositi per la cernita della carta usata, di stracci di cascami e di fibre tessili per l'industria della carta con quantitativi superiori a 50 q.li - Depositi di legnami da costruzione e da lavorazione, di legna da ardere, di paglia, di fieno, di canne, di fascine, di carbone vegetale e minerale, di carbonella, di sughero e di altri prodotti affini, esclusi i depositi all aperto con distanze di sicurezza esterne non inferiori a 100m - Stabilimenti e laboratori per la lavorazione del legno, lavorano e detengono fibre tessili e tessuti naturali e artificiali, tele cerate, linoleum e altri prodotti affini. - Industrie dell'arredamento, dell'abbigliamento e della lavorazione della pelle; calzaturifici. - Teatri di posa per le riprese cinematografiche e televisive - Stabilimenti ed impianti per la produzione e lavorazione di materie plastiche con quantitativi superiori a 50 q.li - Depositi di manufatti in plastica con oltre 50 q.li e lavorano resine sintetiche e naturali, fitofarmaci, coloranti, organici e intermedi e prodotti farmaceutici con l'impiego di solventi ed altri prodotti infiammabili - Stabilimenti ed impianti per la fabbricazione di cavi e conduttori elettrici isolati - Depositi e rivendite di cavi elettrici isolati con quantitativi superiori a 100 q.li - Centrali termoelettriche - Gruppi per la produzione di energia elettrica sussidiaria con motori endotermici di potenza complessiva superiore a 25 kw lampade elettriche, lampade a tubi luminescenti, pile ed accumulatori elettrici, valvole elettriche, ecc. - Stabilimenti siderurgici e stabilimenti per la produzione di altri metalli - Stabilimenti per la costruzione di aeromobili, automobili e motocicli - Officine per la riparazione di autoveicoli con capienza superiore a 9 autoveicoli; officine meccaniche per lavorazioni a freddo con oltre venticinque addetti laterizi, maioliche, porcellane e simili con oltre 25 addetti - Cementifici - Centrali elettroniche per l'archiviazione e l'elaborazione di dati con oltre venticinque addetti - Locali di spettacolo e di trattenimento in genere con capienza superiore a 100 posti - Alberghi, pensioni, motels, dormitori, ospedali, case di cura e simili con oltre 25 posti-letto - Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie e simili per oltre 100 persone presenti - Locali adibiti ad esposizione e/o vendita all'ingrosso o al dettaglio con superficie lorda superiore a 400 mq comprensiva dei servizi e depositi - Locali adibiti a depositi di merci e materiali vari con superficie lorda superiore a mq - Aziende ed uffici nei quali siano occupati oltre 500 addetti - Edifici pregevoli per arte o storia e quelli destinati a contenere biblioteche, archivi, musei, gallerie, collezioni o comunque oggetti di interesse culturale sottoposti alla vigilanza dello Stato di cui al regio decreto 7 novembre 1942, n Impianti per la produzione del calore alimentati a combustibile solido, liquido o gassoso con potenzialità superiore a Kcal/h - Autorimesse private con più di 9 autoveicoli, autorimesse pubbliche, ricovero natanti, ricovero aeromobili - Edifici destinati a civile abitazione con altezza in gronda superiore a 24 metri - Vani di ascensori e montacarichi in servizio privato, aventi corsa sopra il piano terreno maggiore di 20 metri, installati in edifici civili aventi altezza in gronda maggiore di 24 metri e quelli installati in edifici industriali di cui all'art. 9 del decreto del Presidente della Repubblica 29 maggio 1963, n Piattaforme fisse e strutture fisse assimilabili di perforazione e/o produzione di idrocarburi di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 24 maggio 1979, n. 88

6 IMQ, LA CITTÀ DELLA QUALITÀ Il Gruppo IMQ Il Gruppo IMQ rappresenta la più importante realtà italiana nel settore della valutazione della conformità (certificazione, prove, verifiche, ispezioni). Forte della sinergia tra le società che lo compongono, dell'autorevolezza acquisita in oltre 50 anni di esperienza, della completezza dei servizi offerti, il Gruppo IMQ si pone infatti come punto di riferimento e partner delle aziende che hanno come obiettivo la sicurezza e la qualità. I settori di riferimento sono molteplici spaziando dall'elettrotecnica all'elettronica, dalle telecomunicazioni all'automotive, dal gas all'impiantistica, dai prodotti da costruzione all'agroalimentare e così via. Per ogni categoria merceologica, il Gruppo IMQ è in grado di offrire, a seconda dei casi, servizi di tipo orizzontale o mirato: certificazione di prodotto, certificazione secondo le direttive CE, certificazione di sistemi di gestione aziendale, verifiche su impianti ed immobili, prove di laboratorio e per l'ottenimento di omologazioni internazionali, supporto all'esportazione, sorveglianza di produzioni all'estero, assistenza tecnico-normativa e formazione. La completezza dei servizi erogati è assicurata grazie alla competenza maturata in molteplici aree merceologiche dalle società del Gruppo IMQ che è composto da: - IMQ S.p.A. - CSI S.p.A. - IMQ Primacontrol S.r.l. - IMQ Clima S.p.A. - ICILA S.r.l. - IMQ Iberica SL - IMQ Shanghai R.O. (Ufficio di rappresentanza in Cina) Il Gruppo IMQ vanta inoltre una partecipazione nell'istituto Giordano S.p.A., in CISQCERT S.p.A. e in Icube S.A. (Argentina). Mod. 937/0 2006/ Med. Per maggiori informazioni Milano - Sede centrale Via Quintiliano Milano - Tel Fax Roma - Ufficio Via Riccardo Gigante Roma - Italia - Tel Fax MILANO - BARCELLONA - SHANGHAI - BUENOS AIRES

TABELLA COMPLETA TARIFFE PER ATTIVITA SOGGETTE

TABELLA COMPLETA TARIFFE PER ATTIVITA SOGGETTE TABELLA COMPLETA TARIFFE PER ATTIVITA SOGGETTE N. ATTIVITÀ 1 Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano gas combustibili, gas comburenti (compressi, disciolti, liquefatti) con 246,00 360,00

Dettagli

11) Aziende per la seconda lavorazione del vetro con l'impiego di oltre 15 becchi a gas.

11) Aziende per la seconda lavorazione del vetro con l'impiego di oltre 15 becchi a gas. Allegato al D.M. 16/2/1982 1) Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano gas combustibili, gas comburenti (compressi, disciolti, liquefatti) con quantità globali in ciclo o in deposito superiori

Dettagli

Tariffario di Prevenzione Incendi (agg. D.M. 03/02/2006) TIPO ATTIVITA

Tariffario di Prevenzione Incendi (agg. D.M. 03/02/2006) TIPO ATTIVITA 1 2 3 4 5 6 Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano gas combustibili, gas comburenti (compressi, disciolti, liquefatti) con quantità globali in ciclo o in deposito superiori a 50 Nm 3 /h.

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI: DM 16.2.1982 U.O. Igiene e Salute nei Luoghi di Lavoro. INFORMAZIONI TECNICHE: Elementi di prevenzione incendi

PREVENZIONE INCENDI: DM 16.2.1982 U.O. Igiene e Salute nei Luoghi di Lavoro. INFORMAZIONI TECNICHE: Elementi di prevenzione incendi PREVENZIONE INCENDI: DM 16.2.1982 U.O. Igiene e Salute nei Luoghi di Lavoro INFORMAZIONI TECNICHE: Elementi di prevenzione incendi Decreto Ministeriale 16 febbraio 1982 Modificazioni del D.M. 27 settembre

Dettagli

IL MINISTRO DELL'INTERNO di concerto con IL MINISTRO DELL'INDUSTRIA, DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO

IL MINISTRO DELL'INTERNO di concerto con IL MINISTRO DELL'INDUSTRIA, DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 1/02/1982 Gazzetta Ufficiale N. 98 del 09/04/1982 Modificazioni del D.M. 27 settembre 195, concernente la determinazione delle attività soggette alle visite

Dettagli

ATTIVITA IN DICHIARAZIONE AUTOCERTIFICATIVA ATTIVITA IN CONFERENZA DI SERVIZI

ATTIVITA IN DICHIARAZIONE AUTOCERTIFICATIVA ATTIVITA IN CONFERENZA DI SERVIZI TTIVIT IN DIHIRZIONE UTOERTIFITIV TTIVIT IN ONFERENZ DI SERVIZI Elenco delle attività soggette ai pareri preventivi ed al rilascio del PI ai sensi del DPR 37/98 Legenda = possibile procedere con autocertificazione

Dettagli

DECRETO DEL MINISTERO DELL INTERNO 16 febbraio 1982

DECRETO DEL MINISTERO DELL INTERNO 16 febbraio 1982 DECRETO DEL MINISTERO DELL INTERNO 16 febbraio 1982 MODIFICAZIONI DEL DECRETO MINISTERIALE 27 SETTEMBRE 1965, CONCERNENTE LA DETERMINAZIONE DELLE ATTIVITÀ SOGGETTE ALLE VISITE DI PREVENZIONE INCENDI. (G.U.

Dettagli

Security Network. Certificazione dei. istituti di vigilanza. Certificazione delle centrali operative e di telesorveglianza

Security Network. Certificazione dei. istituti di vigilanza. Certificazione delle centrali operative e di telesorveglianza Certificazione degli istituti di vigilanza Security Network Certificazione dei professionisti della security Certificazione delle centrali operative e di telesorveglianza IMQ Security Network Con l entrata

Dettagli

TABELLA DI EQUIPARAZIONE RELATIVA ALLA DURATA DEL SERVIZIO DELLE ATTIVITÁ SOGGETTE ALLE VISITE E AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

TABELLA DI EQUIPARAZIONE RELATIVA ALLA DURATA DEL SERVIZIO DELLE ATTIVITÁ SOGGETTE ALLE VISITE E AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI ALLEGATO II (di cui all'articolo 11, comma 3) TABELLA DI EQUIPARAZIONE RELATIVA ALLA DURATA DEL SERVIZIO DELLE ATTIVITÁ SOGGETTE ALLE VISITE E AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI N. 1 2 3 4 5 6 Attività

Dettagli

ALLEGATO I (di cui all articolo 2, comma 2) ELENCO DELLE ATTIVITA SOGGETTE ALLE VISITE E AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI CATEGORIA N.

ALLEGATO I (di cui all articolo 2, comma 2) ELENCO DELLE ATTIVITA SOGGETTE ALLE VISITE E AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI CATEGORIA N. ALLEGATO I (di cui all articolo 2, comma 2) ELENCO DELLE ATTIVITA SOGGETTE ALLE VISITE E AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI N. ATTIVITA CATEGORIA A B C 1 2 Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o

Dettagli

ALLEGATO I al D.P.R. n. 151/2011 (di cui all'articolo 2, comma 2) ELENCO DELLE ATTIVITÀ SOGGETTE ALLE VISITE E AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

ALLEGATO I al D.P.R. n. 151/2011 (di cui all'articolo 2, comma 2) ELENCO DELLE ATTIVITÀ SOGGETTE ALLE VISITE E AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI ALLEGATO I al D.P.R. n. 151/2011 (di cui all'articolo 2, comma 2) ELENCO DELLE ATTIVITÀ SOGGETTE ALLE VISITE E AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI N. [*] ATTIVITÀ 1 1 9 10 11 2 2 3 3 4 4 5 5 6 6 Stabilimenti

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA X LEGISLATURA N. 201 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Ministro dell'interno (GAVA) di concerto col Ministro di Grazia e Giustizia (V ASSALLI) (V. Stampato Camera n. 505) approvato

Dettagli

Istituto Italiano del Marchio di Qualità

Istituto Italiano del Marchio di Qualità GRANDE SICUREZZA PER PICCOLI MOSTRI Secondo gli ultimi dati presentati a Bruxelles dall European Transport Safety Council (www.etsc.be), negli ultimi dieci anni, ben 18.500 bambini hanno perso la vita

Dettagli

attività da loro intraprese.

attività da loro intraprese. IMQ Green Network IMQ Green Network Sempre più il green sembra andare di pari passo con la redditività. Lo ha dimostrato anche l edizione 2011 del Carbon Disclosure Project Global 500. Il Rapporto annuale

Dettagli

Servizi per la sostenibilità

Servizi per la sostenibilità Servizi per la sostenibilità Servizi per la sostenibilità Analisi del ciclo di vita o LCA (Life Cycle Assessment) Carbon Footprint di prodotto o impronta di carbonio Water Footprint Inventario delle emissioni

Dettagli

Ing. Mauro Malizia Prevenzione Incendi Attività soggette - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia Prevenzione Incendi Attività soggette - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno D.M. 1 febbraio 1982 Modificazioni del decreto ministeriale 27 settembre 195, concernente la determinazione delle attività soggette alle visite di prevenzione incendi. (Gazzetta Ufficiale 9 aprile 1982,

Dettagli

(Ministro dell Interno di concerto con il Ministro della Funzione Pubblica)

(Ministro dell Interno di concerto con il Ministro della Funzione Pubblica) D.M..5.99 "DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE ED AL CONTENUTO DELLE DOMANDE PER L AVVIO DEI PROCEDIMENTI DI PREVENZIONE INCENDI, NONCHE ALL UNIFORMITÀ DEI CONNESSI SERVIZI RESI DAI COMANDI

Dettagli

Centro di Taratura accreditato Accredia (LAT n. 21)

Centro di Taratura accreditato Accredia (LAT n. 21) Centro di Taratura accreditato Accredia (LAT n. 21) IL CENTRO DI TARATURA IMQ È ACCREDITATO ISO/IEC17025 DA ACCREDIA (CENTRO LAT N- 021) PER LE GRANDEZZE ELETTRICHE SOTTO ELENCATE ED È QUINDI IN GRADO

Dettagli

Modificazioni del D. M. 27 settembre 1965, concernente la determinazione delle attività soggette alle visite di prevenzione incendi.

Modificazioni del D. M. 27 settembre 1965, concernente la determinazione delle attività soggette alle visite di prevenzione incendi. Decreto Ministeriale del 16/02/1982 Modificazioni del D. M. 27 settembre 1965, concernente la determinazione delle attività soggette alle visite di prevenzione incendi. SOMMARIO NOTE TESTO NOTE - - Per

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151. Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi,

Dettagli

Incontro informativo. Prevenzione incendi Punto sulla normativa vigente e sulle procedure per il rilascio della documentazione antincendio

Incontro informativo. Prevenzione incendi Punto sulla normativa vigente e sulle procedure per il rilascio della documentazione antincendio ISO 900 : 000 Certificato n. 9709 Settore Territorio Area Ambiente e Sicurezza Incontro informativo Prevenzione incendi Punto sulla normativa vigente e sulle procedure per il rilascio della documentazione

Dettagli

COMUNE DI GRUARO. Assessorato alla Protezione Civile. Data aggiornamento 31.07.2014

COMUNE DI GRUARO. Assessorato alla Protezione Civile. Data aggiornamento 31.07.2014 4 COMUNE DI GRUARO Assessorato alla Protezione Civile Data aggiornamento 31.07.2014 INDICE 1 RISCHIO INDUSTRIALE...3 2 RISCHIO DA TRASPORTO MERCI PERICOLOSE...7 3 PROCEDURE PER I RISCHI NON PREVEDIBILI...9

Dettagli

ELENCO DELLE ATTIVITÀ SOGGETTE ALLE VISITE E AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

ELENCO DELLE ATTIVITÀ SOGGETTE ALLE VISITE E AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI ALLEGATO I ( cui all'articolo 2, comma 2) ELENCO DELLE ATTIVITÀ SOGGETTE ALLE VISITE E AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI N. ATTIVITÀ CATEGORIA 1 2 3 4 Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2016 METODOLOGIA DIDATTICA L'APPROCCIO DIDATTICO OFFERTO DA IMQ FORMAZIONE INTEGRA DIFFERENTI INFORMAZIONI E ISCRIZIONI PAG.

CATALOGO FORMAZIONE 2016 METODOLOGIA DIDATTICA L'APPROCCIO DIDATTICO OFFERTO DA IMQ FORMAZIONE INTEGRA DIFFERENTI INFORMAZIONI E ISCRIZIONI PAG. CATALOGO FORMAZIONE 2016 L'ESPERIENZA MATURATA DA IMQ IN OLTRE 60 ANNI DI ATTIVITÀ NEL MONDO DELLA CERTIFICAZIONE, DELLA SICUREZZA E DELLA QUALITÀ DI PRODOTTI E DI SISTEMI E LA COMPETENZA DI DOCENTI DI

Dettagli

Il Consiglio di quest Ordine, nella seduta del 31 marzo 2009, ha deliberato la nuova tariffa INGEGNERIA ANTINCENDIO Prestazioni e Compensi

Il Consiglio di quest Ordine, nella seduta del 31 marzo 2009, ha deliberato la nuova tariffa INGEGNERIA ANTINCENDIO Prestazioni e Compensi Ancona 0/0/009 db Prot. n. 73 Circ. n. 01 A TUTTI GLI ISCRITTI L O R O S E D I OGGETTO: INGEGNERIA ANTINCENDIO - Prestazioni e Compensi Il Consiglio di quest Ordine, nella seduta del 31 marzo 009, ha deliberato

Dettagli

Certificazione Sistemi di Gestione della Sicurezza delle Informazioni. Norma ISO 27001

Certificazione Sistemi di Gestione della Sicurezza delle Informazioni. Norma ISO 27001 Certificazione Sistemi di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Norma ISO 27001 Certificazione Sistemi di Gestione della Sicurezza Il CSQ, grazie alla vasta esperienza maturata nei maggiori contesti

Dettagli

Ora un unico decreto: DPR 151/2011

Ora un unico decreto: DPR 151/2011 PREVENZIONE INCENDI DPR 151/2011 PREVENZIONE INCENDI Prima vi erano il DPR 37/98 e il DM 16.2.1982 Ora un unico decreto: DPR 151/2011 CHI E COMPETENTE? Al Corpo Nazionale dei VVF che è un organo del Ministero

Dettagli

legislazionetecnica.it FAST FIND NW N. ATTIVITÀ CATEGORIA A B C fino a 10 addetti alla mansione specifica di saldatura o taglio.

legislazionetecnica.it FAST FIND NW N. ATTIVITÀ CATEGORIA A B C fino a 10 addetti alla mansione specifica di saldatura o taglio. D. P.R. 01/08/2011, n. 151 Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi, a norma dell'articolo 49, comma 4 quater, del decreto legge 31

Dettagli

CIRCOLARE DIPARTIMENTO dei VIGILI del FUOCO, del SOCCORSO PUBBLICO e DELLA DIFESA CIVILE, n 3791 del 24 marzo 2011

CIRCOLARE DIPARTIMENTO dei VIGILI del FUOCO, del SOCCORSO PUBBLICO e DELLA DIFESA CIVILE, n 3791 del 24 marzo 2011 CIRCOLARE DIPARTIMENTO dei VIGILI del FUOCO, del SOCCORSO PUBBLICO e DELLA DIFESA CIVILE, n 3791 del 24 marzo 2011 Alle Direzioni Regionali ad Interregionali VV.F. Ai Comandi Provinciali W.F. LORO SEDI

Dettagli

il ruolo di IMQ Fulvio Giorgi - IMQ SICUREZZA 2010 Fieramilano Milano, 18 novembre 2010 Workshop A.I.PRO.S. La certificazione dei Sistemi di Sicurezza

il ruolo di IMQ Fulvio Giorgi - IMQ SICUREZZA 2010 Fieramilano Milano, 18 novembre 2010 Workshop A.I.PRO.S. La certificazione dei Sistemi di Sicurezza La certificazione dei Sistemi di Sicurezza: il ruolo di IMQ Fulvio Giorgi - IMQ SICUREZZA 2010 Fieramilano Milano, 18 novembre 2010 Contenuti Profilo Gruppo IMQ La certificazione dei Sistemi di Sicurezza:

Dettagli

Collegio geometri della provincia di Milano

Collegio geometri della provincia di Milano 15/0/011 Collegio geometri della provincia di Milano Corso di Specializzazione in prevenzione incendi ex legge 818/8 Giorni Orario Ore Moduli Docenti Presentazione Corso LEGISLAZIONE GENERALE (F.1-F.)

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI MILANO THE MILAN ORDER OF ENGINEERS

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI MILANO THE MILAN ORDER OF ENGINEERS ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI MILANO THE MILAN ORDER OF ENGINEERS TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO rev. 01 Aggiornamento di gennaio 2004 con modifiche in verde. Approvata dalla

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VVF ROMA UFFICIO FORMAZIONE AZIENDALE D.L. 81/2008

COMANDO PROVINCIALE VVF ROMA UFFICIO FORMAZIONE AZIENDALE D.L. 81/2008 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Roma In tutto il territorio Nazionale presso i Comandi Provinciali

Dettagli

L'esigenza di sicurezza informatica

L'esigenza di sicurezza informatica ICT Security ICT Security L'esigenza di sicurezza informatica Il laboratorio IMQ LPS è accreditato negli schemi nazionali per la valutazione e certificazione della sicurezza dei sistemi e prodotti ICT.

Dettagli

INGEGNERIA ANTINCENDIO

INGEGNERIA ANTINCENDIO INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa quantifica i compensi relativi alle prestazioni finalizzate a: A) richiesta del parere di conformità; B) rilascio del certificato di prevenzione incendi e della

Dettagli

Sportello Imprese Modena. Manuale Oneri e Diritti Istruttori dello Sportello Unico per le Attività Produttive dei Comuni della provincia di Modena

Sportello Imprese Modena. Manuale Oneri e Diritti Istruttori dello Sportello Unico per le Attività Produttive dei Comuni della provincia di Modena Manuale Oneri e Diritti Istruttori dello Sportello Unico per le Attività Produttive dei Comuni della provincia di Modena Versione 1.0 aggiornata al 22/11/2005 ARPA Sezione provinciale di Modena...3 NOTE:...3

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Le Attività Scolastiche rientrano nelle attività soggette ai controlli

Dettagli

D.P.R. 1 1 agosto 2011 n n 151

D.P.R. 1 1 agosto 2011 n n 151 D.P.R. 1 1 agosto 2011 n n 151 I NUOVI DEMPIMENTI di PREVENZIONE INENDI Seminario IL NUOVO ELENO DELLE TTIVITÀ SOGGETTE I ONTROLLI DI PREVENZIONE INENDI STI, 23 febbraio 2012 Ing. Francesco ORRU l ELENO

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE DELL'ARCHITETTO E DELL'INGEGNERE

TARIFFA PROFESSIONALE DELL'ARCHITETTO E DELL'INGEGNERE ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI, PAESAGGISTI e CONSERVATORI della Provincia di VERCELLI oappc.vercelli@archiworldpec.it TARIFFA PROFESSIONALE DELL'ARCHITETTO E DELL'INGEGNERE PRONTUARIO C) PREVENZIONE

Dettagli

Certificazione Sistemi di Gestione per la Continuità Operativa. (BCM - Business Continuity Management) - Norma BS 25999-2

Certificazione Sistemi di Gestione per la Continuità Operativa. (BCM - Business Continuity Management) - Norma BS 25999-2 Garantire la continuità operativa in caso di interruzioni, siano esse dovute a incidenti gravi o inconvenienti minori, rappresenta oggi un requisito fondamentale per qualsiasi organizzazione che opera

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998 CPI

D.M. 10 marzo 1998 CPI D.M. 10 marzo 1998 CPI La prevenzione incendi: Norme di riferimento Il D.lgs 81/08 prevede che, fermo restando quanto previsto dal D.lgs 139/2006, dovranno essere adottati uno o più decreti in cui siano

Dettagli

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI dott. ing. Emilio Milano pagina 1 COS E LA PREVENZIONE INCENDI Decreto Legislativo 8 marzo 2006, n. 139 - Capo III - Art. 13 (S.O.G.U. Serie

Dettagli

Prevenzione Antincendio ed Evacuazione. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Prevenzione Antincendio ed Evacuazione. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Prevenzione Antincendio ed Evacuazione Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE LE PROCEDURE DI PREVENZIONE INCENDI. LE NOVITA DEL NUOVO REGOLAMENTO 10 CATEGORIA A Attività

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Nuovo regolamento di Prevenzione Incendi v4.6 - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Nuovo regolamento di Prevenzione Incendi v4.6 - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno NUOVO REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 "Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma dell articolo 49

Dettagli

Corso base di specializzazione in Prevenzione Incendi

Corso base di specializzazione in Prevenzione Incendi Corso base di specializzazione in Prevenzione Incendi Modulo Argomento Ore Data Orario 1 Obiettivi, direttive, legislazione e regole tecniche di prevenzione incendi 1.1 Obiettivi e fondamenti di prevenzione

Dettagli

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI 1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI Con riferimento al DPR 151/2011 "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma

Dettagli

MINIME PER L' ASSOGGETT ABILITA' TIPO QUANTIT A'

MINIME PER L' ASSOGGETT ABILITA' TIPO QUANTIT A' CONDIZIONI MINIME PER L' ASSOGGETT ABILITA' l abbigliamento (industria) I produzione >25 48 accademie > 100 85 accumulatori elettrici I. oroduzione 65 aceti lene deposito bombole > 75 kg 3b aceti lene

Dettagli

Proposte per ONORARI A DISCREZIONE

Proposte per ONORARI A DISCREZIONE Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati presso il Ministero della Giustizia Proposte per ONORARI A DISCREZIONE (AI SENSI DEGLI ARTICOLI 40 E 41 DELLA LEGGE 12.03.1957,

Dettagli

SICUREZZA NELL USO DEI GAS COMPRESSI E LIQUEFATTI 6 luglio 2010

SICUREZZA NELL USO DEI GAS COMPRESSI E LIQUEFATTI 6 luglio 2010 SICUREZZA NELL USO DEI GAS COMPRESSI E LIQUEFATTI 6 luglio 2010 Comando Provinciale Vigili del Fuoco di PARMA Dott.ing. Francesco Martino 1 LEGISLAZIONE ANTINCENDIO IN MATERIA DI SICUREZZA NELL USO DEI

Dettagli

LINEE GUIDA PROCEDIMENTI SUAP

LINEE GUIDA PROCEDIMENTI SUAP LINEE GUIDA PROCEDIMENTI SUAP 1 aggiornato al 31 luglio 2013 Lo Sportello Unico per le Attività Produttive rappresenta uno dei principali strumenti attraverso i quali il legislatore ha inteso perseguire

Dettagli

D.P.R. 26 MAGGIO 1959, n. 689

D.P.R. 26 MAGGIO 1959, n. 689 D.P.R. 26 MAGGIO 1959, n. 689 Preambolo Il Presidente della Repubblica: Visto l'art. 87, comma quinto, della Costituzione; Visto l'art. 36 del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1955, n.

Dettagli

4 ore (unico modulo didattico)

4 ore (unico modulo didattico) Viale Luca Gaurico 257-00143 ROMA P. IVA e C.F. 05580001005 RI. 188796/1998 REA C.C.I.A.A. n 904271 Capitale Sociale 10.328,00 i.v. Tel. 06.51962114 Fax 06.51965686 commerciale@gruppo-quasar.it amministrazione@gruppo-quasar.it

Dettagli

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI INCENDIO NEI CONDOMINI FILMATO ANACI ROMA TRIANGOLO DEL FUOCO PRIMA DOMANDA... L incendio scoppia nei condomini moderni... o anche nei condomini antichi? L incendio non ha età! ANACI ROMA Dove può scoppiare

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CROTONE Corso di specializzazione in Prevenzione Incendi PROGRAMMA CONFORME AL DM 05.08.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CROTONE Corso di specializzazione in Prevenzione Incendi PROGRAMMA CONFORME AL DM 05.08. a ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CROTONE Corso di specializzazione in Prevenzione Incendi PROGRAMMA CONFORME AL DM 05.0.011 ARGOMENTO ORE Obiettivi e fondamenti di prevenzione incendi DOCENTE

Dettagli

Il Software sicuramente più completo nel settore della Prevenzione Incendi!

Il Software sicuramente più completo nel settore della Prevenzione Incendi! CPI win ATTIVITA è il software leader nella progettazione antincendio delle attività soggette al controllo dei Vigili del Fuoco, sia a normativa specifica che non, comprendendo la maggior parte delle attività

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP G.QUATTRO SERVIZI S.R.L. via San Rocco, 7 35028 Piove di Sacco (PD) C.F e P.IVA 0348078 02 81 N R.E.A. PD 315121 www.gquattroservizi.it Tel. 049970 127 3 Fax 049 97 117 28 E-mail: info@gquattroservizi.it

Dettagli

La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi

La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi Relatore: dott. ing. Mauro Piazza Softability srl Genova, 20 febbraio 2014 ANACI Associazione

Dettagli

8 Aziende per la seconda lavorazione del vetro con l'impiego di oltre 15 becchi a gas

8 Aziende per la seconda lavorazione del vetro con l'impiego di oltre 15 becchi a gas ALLEGATO A ALLEGATO A ELENCO DELLE ATTIVITA' A MAGGIOR RISCHIO DI INCENDIO 1 Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano gas combustibili, gas comburenti (compressi, disciolti, liquefatti)

Dettagli

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA'

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Aggiornamento 2014 PRATICA EDILIZIA N. / ORIGINALE/COPIA Al Comune di Opera (Provincia di Milano) PROTOCOLLO GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE DEL TERRITORIO, via Dante Alighieri, 12 20090 Opera

Dettagli

ITER AUTORIZZATIVO E GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE PICCOLO MANUALE PRATICO CONSULENTE: MAURO CANAL STUDIO SINTHESI

ITER AUTORIZZATIVO E GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE PICCOLO MANUALE PRATICO CONSULENTE: MAURO CANAL STUDIO SINTHESI ITER AUTORIZZATIVO E GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE PICCOLO MANUALE PRATICO CONSULENTE: MAURO CANAL STUDIO SINTHESI 1 Domanda Cumulativa ITER AUTORIZZATIVO La domanda di autorizzazione

Dettagli

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Rischio BASSO (Datore di lavoro R.S.P.P. 16 ore - Formazione per i Dipendenti 4 ore modulo generale + 4 ore modulo

Dettagli

DURATA DEL SERVIZIO PER LE ATTIVITA SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI (D.M ) conformità del progetto

DURATA DEL SERVIZIO PER LE ATTIVITA SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI (D.M ) conformità del progetto (D.M...) Parere di Deroga Sopralluogo Rinnovo del progetto del Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano gas combustibili, gas comburenti (compressi, disciolti, liquefatti) con quantità globali

Dettagli

COMUNE DI ROSATE PROVINCIA DI MILANO SETTORE EDILIZIA PRIVATA

COMUNE DI ROSATE PROVINCIA DI MILANO SETTORE EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI ROSATE PROVINCIA DI MILANO SETTORE EDILIZIA PRIVATA Allo Sportello Unico per l Edilizia del Comune di Rosate. Marca da Bollo 14,62 Protocollo generale Pratica edilizia DOMANDA PER CERTIFICATO

Dettagli

NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI (Adempimenti ai sensi dell art. 6, L. 05.03.1990 n. 46, e dell art. 4, D.P.R. 06.12.1991 n.

NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI (Adempimenti ai sensi dell art. 6, L. 05.03.1990 n. 46, e dell art. 4, D.P.R. 06.12.1991 n. ALLEGATO 7 BIS ALLA RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE O DENUNCIA INIZIO ATTIVITA DICHIARAZIONE PER ADEMPIMENTI LEGGE N. 46/90 ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI SAN MARTI DI VENEZZE (RO)

Dettagli

R.E.I. R = Stabilità meccanica E = Tenuta I = Isolamento termico

R.E.I. R = Stabilità meccanica E = Tenuta I = Isolamento termico R.E.I. R = Stabilità meccanica E = Tenuta I = Isolamento termico R.E.I. espresso in minuti è il tempo al disotto del quale la protezione è in grado di mantenere la tenuta e l isolamento. 2 opera da anni

Dettagli

DOCUMENTINEWS GRAZIE A:

DOCUMENTINEWS GRAZIE A: DOCUMENTINEWS Approfondimenti schematici e monotematici di tipo tecnico-giuridico su Normative, Regole, Giurisprudenza, Tecnologie, Tecniche, Prodotti e Materiali da costruzione e per lo studio professionale.

Dettagli

ESTRATTO Catalogo sicurezza 2012

ESTRATTO Catalogo sicurezza 2012 ESTRATTO Catalogo sicurezza 2012 1 REBIS LA SICUREZZA REBIS si pone al fianco delle Aziende, con due obiettivi fondamentali: Incrementare la cultura della sicurezza sui luoghi di lavoro per la prevenzione

Dettagli

Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig.

Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig. Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig. 1 La/Il sottoscritta/o codice fiscale in qualità di progettista dell'intervento di, relativo all immobile sito in Taurisano, indirizzo, di proprietà del/dei

Dettagli

LEGGE 5.3.1990 n 46. D.P.R. 6.12.1991 n 447

LEGGE 5.3.1990 n 46. D.P.R. 6.12.1991 n 447 LEGGE 5.3.1990 n 46 RME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D.P.R. 6.12.1991 n 447 REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 1 Che cosa regolamenta la Legge 46/90? 2 In quale modo la Legge 46/90 garantisce la

Dettagli

COMANDO VIGILI DEL FUOCO TREVISO

COMANDO VIGILI DEL FUOCO TREVISO INDIRIZZI APPLICATIVI DI ARMONIZZAZIONE TRA LE PROCEDURE DI PREVENZIONE INCENDI ED IL PROCEDIMENTO AUTOMATIZZATO DI CUI AI CAPI I, II, III, V, VI DEL REGOLAMENTO Relatore: Arch. Giuseppe COSTA COMANDO

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL'ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL'INTERNO

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL'ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL'INTERNO CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL'ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL'INTERNO CODICE CORSO: -PE-VVF (0 h)-0 (D.M. 05 Agosto 0 - Art. ) OGGETTO:

Dettagli

Attività 39 : Stabilimenti per la produzione di arredi, di abbigliamento, della lavorazione della pelle e calzaturifici, con oltre 25 addetti

Attività 39 : Stabilimenti per la produzione di arredi, di abbigliamento, della lavorazione della pelle e calzaturifici, con oltre 25 addetti Attività 39 : Stabilimenti per la produzione di arredi, di abbigliamento, della lavorazione della pelle e calzaturifici, con oltre 25 addetti Attività 40 : Stabilimenti ed impianti per la preparazione

Dettagli

PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE)

PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE) PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO ( 4 ORE) 1) INCENDIO 1 ora principi della combustione prodotti della combustione sostanze estinguenti

Dettagli

Manuale pratico ad uso delle Aziende. D.P.R. 151 del 1 agosto 2011. Camera di Commercio Cuneo. Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Cuneo

Manuale pratico ad uso delle Aziende. D.P.R. 151 del 1 agosto 2011. Camera di Commercio Cuneo. Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Cuneo Camera di Commercio Cuneo Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Cuneo D.P.R. 151 del 1 agosto 2011 Manuale pratico ad uso delle Aziende Associazione Albergatori Esercenti Operatori Turistici della Provincia

Dettagli

Fotovoltaico. 13 Ottobre 2009

Fotovoltaico. 13 Ottobre 2009 Fotovoltaico 13 Ottobre 2009 Profilo del Gruppo IMQ Istituto Italiano del Marchio di Qualità - Membri AEI Associazione Elettrotecnica ed Elettronica Italiana Federazione ANIE Federazione Nazionale Imprese

Dettagli

RISPOSTE A QUESITI DI PREVENZIONE INCENDI

RISPOSTE A QUESITI DI PREVENZIONE INCENDI L I B R I RISPOSTE A QUESITI DI PREVENZIONE INCENDI P. R. Pais Pier Roberto Pais RISPOSTE A QUESITI DI PREVENZIONE INCENDI Indicazioni progettuali e procedurali per i professionisti, normativa e circolari

Dettagli

programma aggiornato al 05/02/14

programma aggiornato al 05/02/14 programma aggiornato al 05/02/14 Modulo 1: Obiettivi, direttive, Legislazione e regole tecniche di prevenzione incendi Presentazione del corso Presidenti degli Ordini e Collegi 0.15 15.30 15.45 mercoledì

Dettagli

Elenco attività soggette - D.M

Elenco attività soggette - D.M Elenco attività soggette - D.M. 16.2.82 1) Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano gas combustibili, gas comburenti (compressi, disciolti, liquefatti) con quantità globali in ciclo o in

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh).

PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh). PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh). AGRICOLTURA 16,3 17,4 17,0 17,5 18,2 20,2 20,8 22,9 23,2 22,8 23,4

Dettagli

IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DELL'INTERNO Ministero dell'interno D.M. 8-3-1985 Direttive sulle misure piä urgenti ed essenziali di prevenzione incendi ai fini del rilascio del nullaosta provvisorio di cui alla legge 7 dicembre 1984, n. 818. Pubblicato

Dettagli

n. Attività Periodicità della visita (anni)

n. Attività Periodicità della visita (anni) Decreto ministeriale Interno 1 febbraio 1982 Modificazioni del D.M. 27 settembre 195, concernente la determinazione delle attività soggette alle visite di prevenzione incendi (G.U. n. 98 del 9 aprile 1982)

Dettagli

Direzione regionale VV.F. Lombardia

Direzione regionale VV.F. Lombardia Direzione regionale VV.F. Lombardia Corsi di formazione Prevenzione incendi Gli impianti di ascensori Ing. G. Sola 1 File: ascensori Creato il 26 novembre 2005 Aggiornto: il 28 novembre 2005 Attività specifica

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1680-28 APRILE 2004 - DEL CONSIGLIO DELL ORDINE ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

- Settori ammissibili per Linea di Intervento

- Settori ammissibili per Linea di Intervento Allegato C - Settori ammissibili per Linea di Intervento Settori ammissibili (CODICI ATECO 2007) Linee di intervento Codice Sezione C: ATTIVITA MANIFATTURIERE Limitatamente ai seguenti codici: Classe 10.52:

Dettagli

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI 51 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Dettagli

Una scelta etica ad alto valore

Una scelta etica ad alto valore Una scelta etica ad alto valore Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro secondo la norma BS OHSAS 18001 Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Salute

Dettagli

IL MINISTRO DELL'INTERNO di concerto con IL MINISTRO DELL'INDUSTRIA

IL MINISTRO DELL'INTERNO di concerto con IL MINISTRO DELL'INDUSTRIA DECRETO MINISTERIALE DEL 16/02/1982 Modificazioni al decreto ministeriale 27 settembre 1965, concernente la determinazione delle attività soggette alle visite di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

D.M Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO

D.M Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO D.M. 1-02-1982 Modificazioni del decreto ministeriale 27 settembre 195, concernente la determinazione delle attività soggette alle visite di prevenzione incendi [1] (G.U. 09-04-1982, n. 98, Serie Generale)

Dettagli

CIRCOLARE N. 16S: MESSA A NORMA DELL IMPIANTO ELETTRICO

CIRCOLARE N. 16S: MESSA A NORMA DELL IMPIANTO ELETTRICO CIRCOLARE N. 16S: MESSA A NORMA DELL IMPIANTO ELETTRICO Gentile cliente, l energia elettrica rappresenta anche un pericolo per gli uomini, per gli animali e per beni di vario tipo. In particolare: contatti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA DI ALIMENTI E BEVANDE - allestimenti temporanei - CAPES10C.rtf - (06/2012) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA TIPO DI MANIFESTAZIONE ED UBICAZIONE Descrizione sommaria: Gli spazi

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI. Della PROVINCIA DI TRAPANI. In collaborazione con Fiarcom. Corso di formazione PREVENZIONE INCENDI

ORDINE DEGLI ARCHITETTI. Della PROVINCIA DI TRAPANI. In collaborazione con Fiarcom. Corso di formazione PREVENZIONE INCENDI ORDINE DEGLI ARCHITETTI Della PROVINCIA DI TRAPANI In collaborazione con Fiarcom Corso di formazione PREVENZIONE INCENDI Legge 7 dicembre 1984 n.818, DM 5 marzo 1985 e se0gg 12 GIUGNO- 26 SETTEMBRE 2015

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI LAZIO Tavole statistiche Risultati del II trimestre 2015 e previsioni per il III trimestre 2015 Indice delle tavole Tavola 1 Tavola 2 Tavola 3 Tavola 4

Dettagli

DPR 151 del 01.08.2011. Novità e varianti introdotti rispetto alla normativa previgente

DPR 151 del 01.08.2011. Novità e varianti introdotti rispetto alla normativa previgente DPR 151 del 01.08.2011 Novità e varianti introdotti rispetto alla normativa previgente Ridefinizione delle attività soggette al controllo dei Vigili del Fuoco Allegato I del DPR 151/2011 Art. 2 comma 2

Dettagli

Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati della Provincia di Pescara

Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati della Provincia di Pescara D.M. 05 Agosto 0 - OBBIETTIVI E DESTINATARI DEL CORSO Il corso, rivolto ai soggetti in possesso dei requisiti previsti dall Art.3 del D.M. 5 Agosto 0, ha l obbiettivo di formare le figure professionali

Dettagli

Autorimesse. Un progetto di prevenzione incendi per garantire la sicurezza degli utenti

Autorimesse. Un progetto di prevenzione incendi per garantire la sicurezza degli utenti Autorimesse Un progetto di prevenzione incendi per garantire la sicurezza degli utenti TABELLA 1 CLASSIFICAZIONE DELLE AUTORIMESSE N. attività secondo D.P.R. n. 151/2011 Descrizione attività 59 Autorimesse

Dettagli

COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA:

COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA: COMUNE di CHIOGGIA Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DATI IDENTIFICATIVI DELL INTERVENTO: DITTA: PRATICA EDILIZIA: DESCRIZIONE

Dettagli

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO:

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: Dal progetto alla gestione Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: elementi tecnici e aspetti procedurali alla luce della Nuova Regola Tecnica di Prevenzione incendi per i Centri Commerciali di Mario

Dettagli

La prevenzione incendi e la SCIA

La prevenzione incendi e la SCIA La prevenzione incendi e la SCIA Indice 1. D. Lgs 78/10: Introduzione della Segnalazione Certificata di Inizio attività (SCIA ) 2. Primo provvedimento: Il SUAP e il procedimento automatizzato 2.1 Nuovo

Dettagli

3.7 Consumi energetici

3.7 Consumi energetici 3.7 Consumi energetici L impiego principale dell energia da parte dei cittadini nel territorio provinciale avviene: 1) per usi domestici e produttivi (agricoltura, industria, terziario) - Energia elettrica

Dettagli

ABITAZIONI - CONDOMINI

ABITAZIONI - CONDOMINI ABITAZIONI - CONDOMINI Decreto del Ministero dell'interno, n.246 del 16 maggio 1987 (Gazzetta Ufficiale del 27 giugno 1987 n.148) Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. ALBERGHI

Dettagli