Il Ministero dell Interno, con decreto 7 agosto 2012, «Disposizioni relative alle

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Ministero dell Interno, con decreto 7 agosto 2012, «Disposizioni relative alle"

Transcript

1 l Suddivise in sottoclassi le attività soggette ai controlli Semplificata la disciplina sulla prevenzione incendi Il Ministero dell Interno, con decreto 7 agosto 2012, «Disposizioni relative alle modalità di presentazione delle istanze concernenti i procedimenti di prevenzione incendi e alla documentazione da allegare», ha fornito le nuove modalità per la presentazione delle pratiche di prevenzione incendi. Tra queste rientrano la valutazione dei progetti, la segnalazione certificata di inizio attività, il rinnovo periodico di conformità antincendio, la deroga, il nulla osta di fattibilità, le verifiche in corso d opera, la voltura. Al fine di agevolare queste attività il D.M. 7 agosto 2012 ha riportato le attività soggette ai controlli suddividendole in sottoclassi. l di Pasquale Labate, esperto in legislazione antincendi Al fine di garantire l uniformità delle procedure, nonché la trasparenza, la speditezza e la semplificazione dell attività amministrativa, ai sensi dell art. 2, comma 7, D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151, il Ministero dell Interno ha finalmente emanato il decreto 7 agosto 2012,«Disposizioni relative alle modalità di presentazione delle istanze concernenti i procedimenti di prevenzione incendi e alla documentazione da allegare» [1], che, oltre ad abrogare le disposizioni di cui al D.M. 4 maggio 1998 [2], ha disciplinato le modalità di presentazione delle istanze e delle segnalazioni, che devono essere eseguite anche attraverso lo Sportello unico delle attività produttive, concernenti i procedimenti di prevenzione incendi, tra i quali rientrano la valutazione dei progetti, la segnalazione certificata di inizio attività, il rinnovo periodico di conformità antincendio, la deroga, il nulla osta di fattibilità, le verifiche in corso d opera, la voltura. Inoltre, proprio per agevolare i previsti adempimenti, all Allegato III, la nuova norma ha riportato le attività soggette ai controlli di prevenzione incendi suddividendole in distinte sottoclassi. Per quanto concerne più specificamente le modalità di presentazione delle varie istanze, segnalazioni, dichiarazioni e certificazioni, è previsto che la relativa modulistica sia fissata con successivo decreto del direttore centrale della prevenzione e della sicurezza tecnica del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, sentito il comitato centrale tecnico scientifico per la prevenzione incendi. Questa modulistica potrà essere soggetta anche a revisione o a integrazione, in relazione al mutamento delle esigenze di aggiornamento di natura tecnica, sempre attraverso l emanazione di successivi decreti da parte del direttore centrale per la prevenzione incendi. Le istanze concernenti questi procedimenti di prevenzione incendi, non rientranti nell ambito del SUAP, sono 1) Nella Gazzetta Ufficiale del 29 agosto 2012, n Il decreto entrerà in vigore il novantesimo giorno successivo alla data della sua pubblicazione. 2) Fino all adozione del decreto previsto dal comma 8, art. 2, D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151, al fine di determinare l importo dei corrispettivi dovuti, devonoessereancoraapplicateledisposizionideicommi2e3,art.7,elatabelladicuiall AllegatoVIalD.M.4maggio1998. ILSOLE24ORE ottobre 2012 N. 18

2 presentate direttamente al Comando competente secondo le modalità previste dal D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, invece, le istanze dei procedimenti rientranti nell ambito del SUAP, sono presentate a quest ultimo il quale deve provvedere a trasmetterle al relativo Comando, secondo le modalità disposte dal D.P.R. n.445/2000edald.p.r.7settembre2010,n.160. Tutte le istanze e le segnalazioni, qualora consentito dalle disposizioni vigenti, possono essere presentate in forma cartacea in duplice copia, con l allegata documentazione tecnico progettuale in singola copia, mentre solo l istanza di deroga può essere presentata in triplice copia, con la relativa documentazione tecnico progettuale in duplice copia. 2ottobre2012 N.18 L istanza di valutazione dei progetti Illustratilefinalitàeilcampodiapplicazione inerenti ai nuovi procedimenti di prevenzione incendi, è possibile procedere attraverso un percorso tecnico amministrativo dal primo atto richiesto per l esercizio dell attività soggetta ai controlli, secondo il quale gli enti e i privati responsabili delle attività soggette dicuiall AllegatoI,categorieBeC, sono tenuti a richiedere al Comando, con apposita istanza, l esame dei progetti di nuovi impianti o costruzioni nonché dei progetti di modifiche che devono essere apportate a quelli esistenti, che comportino un aggravio delle preesistenti condizioni di sicurezza antincendio. L istanza di valutazione dei progetti, finalizzata all accertamento della rispondenza dei medesimi alla normativa di prevenzione incendi, deve contenere: l generalità e domicilio del richiedente o, nel caso di ente o di l specificazione dell attività soggetta principale e delle eventuali attività secondarie, oggetto dell istanza di valutazione dal progetto; l ubicazione prevista per la realizzazione delle opere; l informazioni generali sull attività principale e sulle eventuali attività secondarie soggette a controlli di prevenzione incendi e indicazioni del tipo di intervento in progetto. Alla stessa istanza devono essere allegati: l la documentazione tecnico progettuale, a firma di un tecnico abilitato, conforme a quanto specificato nell Allegato I; dell art. 23, decreto legislativo 8 marzo 2006, n La documentazione tecnica di prevenzione incendi, per le attività soggette ai controlli e regolate da specifiche disposizioni antincendi, attenendo alle caratteristiche di sicurezza antincendio delle medesime attività, deve consentire di accertare la loro rispondenza alle vigenti norme o, in mancanza, ai criteri generali di prevenzione incendi. In particolare, deve comprendere una relazione tecnica, che può limitarsi a dimostrare l osservanza delle specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi, e alcuni elaborati grafici che comprendano i medesimi elementi richiesti per qualsiasi tipologia di attività sia essa normata o meno. La documentazione tecnica per le attività non normate Più specificamente, la documentazione tecnica per le attività non regolate da specifiche disposizioni antincendio deve comprendere la prevista relazione tecnica indicante l osservanza dei criteri generali di sicurezza antincendio, con l individuazione dei pericoli di incendio, la valutazione dei rischi connessi e la descrizione delle misure di prevenzione e di protezione antincendio che devono essere attuate per ridurre i relativi rischi. In particolare, la prima parte della relazione deve contenere l indicazione di elementi che permettano di individuare i pericoli presenti nell attività quali, per esempio: l la destinazione d uso(generale e particolare); l le sostanze pericolose e loro modalità di stoccaggio; l ilcaricodiincendioneivaricompartimenti; l gli impianti di processo; l le lavorazioni; l le macchine, le apparecchiature e gli attrezzi; l le movimentazioni interne; l gli impianti tecnologici di servizio; l le aree a rischio specifico. La seconda parte della relazione deve contenere, invece, la descrizione delle condizioni ambientali nelle quali i pericoli sono inseriti, al fine di consentire la valutazione del rischio connesso ai pericoli individuati quali, per esempio: l le condizioni di accessibilità e di viabilità; l il layout aziendale(distanziamenti, separazioni, isolamento); l le caratteristiche degli edifici(tipologia edilizia, geometria, volumetria, superfici, altezza, piani interrati, articolazione planovolumetrica, compartimentazione ecc.); l l aerazione(ventilazione); l l affollamento degli ambienti, con particolare riferimento alla presenza di persone con ridotte o impedite capacità motorie o sensoriali; l leviediesodo. La terza parte della relazione contiene la valutazione qualitativa del livello di rischio, l indicazione degli obiettivi di sicurezza assunti e l indicazione delle azioni messe in atto per perseguirli. La quarta parte della relazione tecnica contiene la descrizione dei provvedimenti che devono essere 43 ILSOLE24ORE

3 adottate nei confronti dei pericoli, delle condizioni ambientali e la descrizione delle misure preventive e protettive assunte, con particolare riguardo al comportamento al fuocodellestruttureedeimaterialieai presìdi antincendio, avendo riguardo alle norme tecniche di prodotto prese a riferimento, cosiddetta compensazione del rischio d incendio (strategia antincendio). Relativamente agli impianti di protezione attiva, la documentazione deve indicare le norme di progettazione seguite, le prestazioni dell impianto, le sue caratteristiche dimensionali (quali, per esempio, portate specifiche, pressioni operative, caratteristica e durata dell alimentazione dell agente estinguente ecc.) e quelle dei componenti che devono essere impiegati nella sua realizzazione, nonché l idoneità dell impianto in relazione al rischio di incendio presente nell attività. Infine, nella quinta e ultima parte della relazione sono indicati, in via generale, gli elementi strategici della pianificazione dell emergenza che dimostrino la perseguibilità dell obiettivo della mitigazione del rischio residuo attraverso una efficiente organizzazione e gestione aziendale(gestione dell emergenza). Gli elaborati grafici devono comprendere: l una planimetria generale in scala (da 1:2000 a 1:200), a seconda delle dimensioni dell insediamento, dalle quali risultino: l ubicazione delle attività; le condizioni di accessibilità all area e di viabilità al contorno, gli accessi pedonali e carrabili; le distanze di sicurezza esterne; le risorse idriche della zona (idranti esterni, pozzi, corsi d acqua, acquedotti e similari); gli impianti tecnologici esterni (cabine elettriche, elettrodotti, rete gas, impianti di distribuzione gas tecnici); l ubicazione degli organi di manovra degli impianti di protezione antincendio e dei blocchi di emergenza degli impianti tecnologici; quanto altro ritenuto utile per una descrizione complessiva delle attività ai fini antincendio, del contesto territoriale in cui l attività è inserita e ogni altro utile riferimento per le squadre di soccorso in caso di intervento; l le piante in scala da 1:50 a 1:200, a seconda della dimensione dell edificio o locale dell attività, relative a ciascun piano, recanti l indicazione degli elementi caratterizzanti il rischio di incendioelemisuredisicurezzariportate nella relazione tecnica, in particolare: la destinazione d uso ai fini antincendio di ogni locale con indicazione delle sostanze pericolose presenti, dei macchinari e degli impianti esistenti e rilevanti ai fini antincendio; l indicazione delle uscite, con il verso di apertura delle porte, i corridoi, i vani scala, gli ascensori, nonché le relative dimensioni; le attrezzature mobili di estinzione e gli impianti di protezione antincendio, se previsti; l illuminazione di sicurezza; l le sezioni e gli eventuali prospetti degli edifici in scala adeguata. Questa documentazione deve essere sufficientemente dettagliata in modo da evitare la mancata valutazione preventiva di elementi che potrebbero poi rivelarsi importanti per la sicurezza; questo perché aspetti di sicurezza antincendio trattati superficialmente in fase di esame del progetto e, quindi, non sufficientemente chiariti e/o concordati preliminarmente potrebbero essere oggetto di contenzioso in sede di controllo. Pertanto, sarà durante questa fase che il Comando deve curare l aspetto formale del procedimento. In particolare, la relativa documentazione deve essere formalmente completa; l esame della completezza formale è un atto preliminare compiuto dall ufficio, prima dell assegnazione della pratica al responsabile del procedimento. Espletato, quindi, l esame preliminare della domanda, il Comando deve provvedere a comunicare al richiedente il responsabile dell istruttoria del procedimento, ai sensi della legge 7agosto1990,n.241. Se la documentazione tecnico progettuale è incompleta o irregolare ovvero nel caso in cui il Comando ritenga assolutamente indispensabile richiedere al soggetto interessato l integrazione della documentazione presentata, il termine per la valutazione del progetto è interrotto, per una sola volta, e riprende a decorrere dalla data di ricevimento della documentazione integrativa richiesta [3]. L integrazione documentale nell approccio ingegneristico È opportuno rammentare che l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio deve consistere nell applicazione dei principi ingegneristici, nonché di regole e di giudizi esperti basati sulla valutazione scientifica del fenomeno della combustione, degli effetti dell incendio e del comportamento umano, finalizzati alla tutela della vita umana, alla protezione dei beni e dell ambiente, alla quantificazione dei rischi di incendio e dei relativi effetti e alla valutazione analitica delle misure di protezione ottimali, necessarie a limitare, entro livelli, prestabiliti le conseguenze dell incendio. 3) Sivedal art.3,comma3,d.p.r.n.151/2011. ILSOLE24ORE ottobre 2012 N. 18

4 Nel caso in cui, quindi, sia fatto ricorso all approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio per valutare il livello di rischio e progettare le conseguenti misure compensative, la documentazione tecnica deve essere a firma di un professionista antincendio e conforme a quella relativa ad attività non regolate da specifiche disposizioni antincendio, integrata con quanto stabilito dal decreto del Ministro dell Interno 9 maggio 2007 [4], compreso il documento contenente il programma per l attuazione del sistema di gestione della sicurezza antincendio (SGSA), tenuto conto che le scelte e le ipotesi poste a base del progetto costituiscono vincoli e limitazioni imprescindibili per l esercizio dell attività stessa. Certificazioni e dichiarazioni a corredo della SCIA I soggetti responsabili delle attività interessate ai controlli, per poter esercire dal punto di vista della prevenzione incendi, devono presentare, prima di iniziare l esercizio dell attività stessa, l istanza al Comando mediante segnalazione certificata di inizio attività, corredata dalla specifica documentazione richiesta dal D.M. 7 agosto Così, la SCIA deve contenere: l le generalità e il domicilio del richiedente o, nel caso di un ente o di una l la specificazione dell attività soggetta principale e delle eventuali attività secondarie, oggetto della segnalazione; l la dichiarazione di impegno all osservanza degli obblighi connessi con l esercizio dell attività previsti dalla normativa vigente. Alla segnalazione devono essere allegati: l l asseverazione, a firma di un tecnico abilitato, attestante la conformità dell attività ai requisiti di prevenzione incendi e di sicurezza antincendio al quale, a sua volta, sono allegati: le dichiarazioni e le certificazioni necessarie a comprovare che gli elementi costruttivi, i prodotti, i materiali, le attrezzature, i dispositivi e gli impianti, rilevanti ai fini della sicurezza antincendi, sono stati realizzati, installati o posti in opera secondo la regola dell arte, in conformità alla vigente normativa in materia di sicurezza antincendio; per le attività soggette di categoria A, la relazione tecnica e gli elaborati grafici, a firma di tecnico abilitato, conformi a quanto specificato nell Allegato I, lettera b); dell art. 23, decreto legislativo 8 marzo 2006, n Nel caso di utilizzo dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio, la segnalazione dovrà essere integrata da una dichiarazione a firma del responsabile dell attività, in merito all attuazione del sistema di gestione della sicurezza antincendio (SGSA). Per quanto concerne la documentazione a corredo della segnalazione certificata di inizio attività, deve essere costituita da certificazione/i di resistenza al fuoco dei prodotti/elementi costruttivi portanti e/o separanti a firma di professionista antincendio. Questa documentazione, fino a quando non sarà fissata in via amministrativa da un successivo decreto a firma del direttore centrale della prevenzione e sicurezza tecnica, deve essere redatta utilizzando gli appositi modelli definiti dalla stessa Direzione centrale della prevenzione e sicurezza tecnica del Dipartimento dei Vigili del Fuoco [5], in particolare, deve comprendere: l prodotti ed elementi costruttivi portanti e/o separanti classificati ai fini della resistenza al fuoco (con esclusione delle porte e degli elementi di chiusura) la certificazione, predisposta per gruppi di elementi riconducibili a un elemento tipo, deve essere riferita alle effettive caratteristiche riscontrate in opera relative al numero, alla posizione e alla geometria degli elementi, dei materiali costitutivi, delle condizioni di incendio, delle condizioni di carico e di vincolo, delle caratteristiche e delle modalità di posa di eventuali protettivi ecc. Le relazioni di calcolo integrali, sottoscritte da un professionista antincendio, i rapporti di prova e di classificazione emessi dal laboratorio di prova, gli estratti dei fascicoli tecnici resi disponibili dai produttori e quant altro ritenuto necessario a comprovare, in conformità alle previsioni della norma, la resistenza al fuoco dei prodotti/elementi costruttivi indicati nella certificazione, devono far parte di un apposito fascicolo che il titolare è tenuto a rendere disponibile per eventuali controlli del Comando; l prodotti e materiali classificati ai fini della reazione e della resistenza al fuoco e dispositivi di apertura delle porte la documentazione è costituita da una dichiarazione di rispondenza dei materiali e dei prodotti impiegati alle prestazioni richieste, a firma del tecnico abilitato incaricato del coordinamento, della direzione o della sorve 4) D.M. 9 maggio 2007, «Direttive per l attuazione dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio», in Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 2007, n ) I modelli sono stati pubblicati sul sito istituzionale 2ottobre2012 N ILSOLE24ORE

5 glianza dei lavori ovvero, in assenza di queste figure, da un professionista antincendio, dalla quale sia possibile evincere la tipologia, i dati commerciali di identificazione e l ubicazione dei materiali e dei prodotti, inclusa l indicazione del codice di omologazione o del numero del certificato/rapporto di prova o di classificazione, o dei dati connessi alla marcatura CE. Le dichiarazioni di conformità dei prodotti omologati, le copie delle dichiarazioni di conformità CE ovvero delle certificazioni di conformità CE e relative documentazioni di accompagnamento per i prodotti marcati CE, i certificati di prova per i prodotti classificati ai sensi dell art. 10, D.M. 26 giugno 1984, i rapporti di prova e/o i rapporti di classificazione per prodotti non omologatienonmarcatice,leeventuali dichiarazioni di corretta posa in opera redatte dagli installatori e quant altro ritenuto necessario a comprovare la conformità dei materiali e dei prodotti impiegati alle prestazioni richieste devono far parte del fascicolo che il titolare è tenuto a rendere disponibile per eventuali controlli del Comando; l impianti sono considerati rilevanti ai fini della sicurezza antincendi i seguenti impianti: di produzione, di trasformazione, di trasporto, di distribuzione e di utilizzazione dell energia elettrica; di protezione contro le scariche atmosferiche; di deposito, di trasporto, di distribuzione e di utilizzazione, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustioneediventilazioneediaerazionedeilocali,digas,ancheinfor ma liquida, combustibili, infiammabili o comburenti; di deposito, di trasporto, di distribuzione e di utilizzazione, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustioneediventilazioneediaerazionedeilocali,disolidiediliquidi combustibili, infiammabili o comburenti; di riscaldamento, di climatizzazione, di condizionamento e di refrigerazione comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e di ventilazione e di aerazione dei locali; di estinzione o di controllo incendi/esplosioni, di tipo automatico e manuale; dicontrollodelfumoedelcalore; dirivelazionedifumo,dicalore, digasediincendioedisegnalazione allarme. Per gli impianti rilevanti ai fini della sicurezza antincendi e ricadenti nel campo di applicazione del decreto del Ministero delle Sviluppo economico 22 gennaio 2008, n. 37 [6], la documentazione è costituita dalla dichiarazione di conformità o di rispondenza prevista dall art. 7. Il progetto e gli allegati obbligatori devono fare parte del fascicolo che il titolare è tenuto a rendere disponibile per eventuali controlli del Comando. Per gli impianti e i componenti di impianti rilevanti ai fini della sicurezza antincendi e non ricadenti nel campo di applicazione deld.m.22gennaio2008,n.37,la documentazione è costituita da una dichiarazione, a firma dell installatore, di corretta installazione e di corretto funzionamento dell impianto. Questa dichiarazione è corredata di progetto a firma di tecnico abilitato, riferito alle eventuali norme di impianto e/o agli eventuali requisiti prestazionali previsti da disposizioni vigenti, di relazione con le tipologie dei materiali e dei componenti utilizzatiedelmanualed usoemanutenzione dell impianto. In assenza di questo progetto, la documentazione è costituita da una certificazione, a firma di professionista antincendio, di rispondenza e di corretto funzionamento dell impianto. Questa certificazione è corredata dello schema dell impianto come realizzato(comprensivo delle caratteristiche e delle prestazioni dell impianto e dei componenti utilizzati nella sua realizzazione), del rapporto di verifica delle prestazioni e del funzionamento dell impianto, nonché di indicazioni riguardanti le istruzioni per l uso e la manutenzione dello stesso impianto. Gli allegati a corredo della dichiarazione o della certificazione devono fare parte del fascicolo che il titolare è tenuto a rendere disponibile per eventuali controlli del Comando. Per quanto concerne i depositi di gas di petrolio liquefatto in serbatoi fissi di capacità complessiva non superiore a 5 m 3, non a servizio di attività soggette, la relativa segnalazione deve contenere: l le generalità e il domicilio del richiedenteo,nelcasodienteodi l la specificazione dell attività soggetta, oggetto della segnalazione; l la dichiarazione di impegno all osservanza degli obblighi connessi con l esercizio dell attività previsti dalla normativa vigente. Alla segnalazione devono essere allegati: l la dichiarazione di installazione, di cui al D.M. n. 37/2008, rilasciata ai sensi dell art. 10, comma 4, D.Lgs. n. 32/1998; 6) D.M. 22 gennaio 2008, n. 37,«Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11 quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all interno degli edifici», in Gazzetta Ufficiale del 12 marzo 2008, n. 61. ILSOLE24ORE ottobre 2012 N. 18

6 l una attestazione, firmata da un tecnico abilitato o dal responsabile tecnico dell impresa che procede all installazione del deposito o dell azienda distributrice di GPL, della conformità dell attività ai requisiti di prevenzione incendi e di sicurezza antincendio; l una planimetria del deposito, in scala idonea, firmata da un tecnico abilitato o dal responsabile tecnico dell impresa che procede all installazione del deposito; l dichiarazione di conformità dell impianto utilizzatore ai sensi del D.M. n. 37/2008; l attestato del versamento effettuato dell art. 23, D.Lgs. n. 139/2006. Le modifiche ad attività esistenti In caso di modifiche di lavorazione o di strutture, di nuova destinazione dei locali o di variazioni qualitative e quantitative delle sostanze pericolose esistenti o di sopraggiunta modifica delle condizioni di sicurezza precedentemente accertate tali, insomma, da comportare un aggravio delle preesistenti condizioni di sicurezza antincendio, gli enti e i privati, responsabili delle attività di cui alle categorie B e C, Allegato I al D.P.R. n. 151/ 2011, sono obbligati, non solo ad avviare nuovamente le procedure per l esame dei progetti di modifica, ma anche a riproporre una nuova istanza di SCIA, corredata di una nuova asseverazione, a firma di tecnico abilitato, attestante la conformità dell attività ai requisiti di prevenzione incendi e di sicurezza antincendio, e da nuove dichiarazioni e certificazioni, a firma di un professionista antincendio, atte a comprovare che gli elementi costruttivi, i prodotti, i materiali, le attrezzature, i dispositivi e gli impianti rilavanti ai fini antincendi, sono stati realizzati, installa 2ottobre2012 N.18 tiopostiinoperasecondolarego la dell arte, in conformità alla vigente normativa in materia di sicurezza antincendio. Per le attività soggette ai controlli di categoria A, invece, è sufficiente una semplice relazione tecnica, a firma di un tecnico abilitato, e la presentazione di elaborati grafici da allegare alla nuova SCIA. Comunque, per una più esaustiva indicazione dei criteri qualitativi che comportano sostanziali variazioni nelle preesistenti condizioni di sicurezza antincendio, è opportuno fare riferimento all Allegato IV al D.M. 7 agosto 2012 o, in alternativa, alla valutazione dei rischi di incendio dell attività. Qualora fossero apportate alcune modifiche che, invece, non comportino un aggravio delle precedenti condizioni di sicurezza alle attività esistenti, quindi, considerate mutamenti non sostanziali da specifiche norme di prevenzione incendi, il titolare dell attività è tenuto a ripresentare una nuova SCIA, corredata dalla asseverazione, a firma di un tecnico abilitato, attestante la conformità dell attività, limitatamente agli aspetti oggetto di modifica, ai requisiti di prevenzione incendi e di sicurezza antincendio, alla quale sono allegate la relazione tecnica e gli elaborati grafici relativi alla planimetria generale riguardante l intero complesso, una dichiarazione di non aggravio di rischio di incendio, nonché, qualora ritenuto necessario, le certificazioni o le dichiarazioni, a firma di un professionista antincendi, atte a comprovare che gli elementi costruttivi, i prodotti, i materiali, le attrezzature, i dispositivi e gli impianti rilavanti ai fini antincendi, sono stati realizzati, installati o posti in opera secondo la regola dell arte, in conformità alla vigente normativa in materia di sicurezza antincendio. Naturalmente, occorre sempre allegare l attestato del versamento effettuato dell art. 23, D.Lgs. n. 139/ Per le attività soggette ai controlli di categoria A, basta ripresentare una nuova SCIA, con allegate una semplice relazione tecnica, a firma di tecnico abilitato, limitata a dimostrare l osservanza delle specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi e la presentazione di elaborati grafici comprendenti una planimetria generale in scala, a seconda delle dimensioni dell insediamento e le piante relative a ciascun piano, recanti l indicazione degli elementi caratterizzanti il rischio di incendio e le misure di sicurezza e di protezione riportate nella relazione tecnica. Le variazioni significative Per l identificazione degli interventi che comportano variazioni sostanziali alle preesistenti condizioni di sicurezza antincendio potrà essere fatto riferimento alla valutazione dei rischi di incendio dell attività o, in alternativa, ai seguenti criteri: l variazioni delle sostanze o delle miscele pericolose comunque detenute nell attività che comportino significativi incrementi della quantità complessiva in massa di una qualsiasi sostanza o miscela pericolosa; sostituzione di una sostanza o di una miscela pericolosa che comporti aggravio ai fini antincendio; l modifiche dei parametri significativi per la determinazione della classe minima di resistenza al fuoco dei compartimenti tali da determinare un incremento della classe esistente; l modifica di impianti di processo, ausiliari, tecnologici dell attività, significativi ai fini della sicurezza 47 ILSOLE24ORE

7 antincendio, che comportino incremento della potenza o dell energia potenziale; modifica sostanziale della tipologia o del layout di un impianto; l modifiche funzionali significative ai fini della sicurezza antincendio, come la modifica sostanziale della destinazione d uso o del layout di locali dell attività, della tipologia o del layout del sistema produttivo; incremento del volume complessivo degli edifici in cui è svolta l attività, nonché della compartimentazione antincendio, dei sistemi di ventilazione naturale o meccanica, dei sistemi di protezione attiva contro l incendio; modifiche che riducono le caratteristiche di resistenza al fuoco degli elementi portanti e separanti dell edificio o le caratteristiche di reazione al fuoco dei materiali; l modifica delle misure di protezione per le persone che comportino un incremento del numero degli occupanti eccedente il dimensionamento del sistema di vie d uscita; modifica delle tipologie degli occupanti (per esempio, anziani, bambini, diversamente abili ecc.) o loro diversa distribuzione; modifica sostanziale dei sistemi di vie d uscita, dei sistemi di protezione degli occupanti e dei soccorritori, dei sistemi di rivelazione e di segnalazione di allarme incendio, dell accesso all area e accostamento dei mezzi di soccorso, della comunicazione con altre attività. L attestazione di rinnovo periodica di conformità antincendio La richiesta di rinnovo periodico di conformità antincendio che, ogni cinqueanni,odieciperleattivitàdi cui ai numeri 6, 7, 8, 64, 71, 72 e 77, Allegato I al D.P.R. n. 151/ ILSOLE24ORE , il titolare delle attività soggette è tenuto a inviare al Comando, è effettuata tramite una dichiarazione attestante l assenza di variazioni alle condizioni di sicurezza antincendio corredata della relativa documentazione. La richiesta deve contenere: l le generalità e il domicilio del richiedente o, nel caso di ente o l la specificazione dell attività soggetta principale e delle eventuali attività soggette secondarie, oggetto dell attestazione; l la dichiarazione di assenza di variazione delle condizioni di sicurezza antincendio rispetto a quanto segnalato, nonché di corretto adempimento degli obblighi gestionali e di manutenzione connessi con l esercizio dell attività previsti dalla normativa vigente. A questa devono essere anche allegati: l l asseverazione a firma di professionista antincendio, attestante che, per gli impianti finalizzati alla protezione attiva antincendi, con esclusione delle attrezzature mobili di estinzione, sono garantiti i requisiti di efficienza e di funzionalità. La stessa asseverazione deve riferirsi anche ai prodotti e ai sistemi per la protezionedipartiodielementiportanti delle opere di costruzione, qualora installati, finalizzati ad assicurare la caratteristica di resistenza al fuoco; dell art. 23, D.Lgs. n. 139/2006. Per i depositi di gas di petrolio liquefatto in serbatoi fissi di capacità complessiva non superiore a 5 m 3, non al servizio di attività soggette, la richiesta deve contenere: l le generalità e il domicilio del richiedenteo,nelcasodienteodi l la specificazione dell attività soggetta, oggetto dell attestazione; l la dichiarazione di assenza di variazione delle condizioni di sicurezza antincendio rispetto a quanto segnalato, nonché di corretto adempimento degli obblighi gestionali connessi con l esercizio dell attività prevista dalla normativa vigente. Alla richiesta devono essere allegati: l la dichiarazione, a firma di un tecnico abilitato o del responsabile tecnico dell impresa di manutenzione del deposito o dell azienda distributrice di GPL, attestante che i controlli di manutenzione sono stati effettuati in conformità alle normative vigenti; dell art. 23, D.Lgs. n. 139/ Gli altri procedimenti di prevenzione incendi L istanza di deroga al rispetto della normativa antincendi è indirizzataalcomando,ilqualedeveesaminarla e, con proprio motivato parere, trasmetterla alla competente Direzione regionale dei Vigili del Fuoco. La Direzione deve esprimere il proprio parere, dandone contestuale comunicazione al Comando e al richiedente. L istanza di deroga all integrale osservanza delle regole tecniche di prevenzione incendi vigenti deve contenere: l le generalità e il domicilio del richiedente o, nel caso di ente o l la specificazione dell attività soggetta principale e delle eventuali attività soggette secondarie, oggetto dell istanza di deroga; l le disposizioni normative per le 2 ottobre 2012 N. 18

8 quali è richiesta la deroga; l la specificazione delle caratteristiche dell attività o dei vincoli esistenti che comportano l impossilità di ottemperare alle disposizioni normative; l la descrizione delle misure tecniche compensative che devono essere adottate. All istanza devono essere allegati: l la documentazione tecnica, a firma di un professionista antincendio, conforme a quanto previsto per le attività non normate (Allegato I) e integrata da una valutazione sul rischio aggiuntivo conseguente alla mancata osservanza delle normative antincendio cui si intende derogare e dall indicazione delle misure tecniche ritenute idonee a compensare il rischio aggiuntivo; dell art. 23, D.Lgs. n. 139/ Nel caso in cui sia fatto ricorso all approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio, la documentazione tecnica, a firma di un professionista antincendio, deve essere conforme a quanto previsto per le attività non normate (Allegato I), integrata da una valutazione sul rischio aggiuntivo conseguente alla mancata osservanza delle disposizioni alle quali si intende derogare e dall indicazione delle misure tecniche ritenute idonee a compensare il rischio aggiuntivo, determinate utilizzando le metodologie dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio, nonché dal documento contenente il programma per l attuazione del SGSA. A volte, è opportuno che la formale presentazione del progetto sia preceduta da una fase di esame preliminare da parte di un funzionario tecnico dei VVF, in modo da concordare preventivamente quegli 2ottobre2012 N.18 aspetti formali e sostanziali necessari per l espressione di un parere favorevole di conformità. Questa prassi, se da un lato può consentire all operatore di avere quelle indicazioni di base che permettono di elaborare progetti di sistemazione più conformi alle norme di sicurezza antincendi, evitando rifacimenti onerosi di progetti altrimenti approntati in maniera non conforme ai fondamentali principi di sicurezza, dall altro può esimere i Comandi, in presenza di documentazione tecnica incompleta o non esaustiva, di richiedere atti suppletivi con conseguente allungamento dei tempi. Tutto questo è ottenibile proprio mediante colloqui informativi tra gli operatori e i funzionari del Comando, stante il rilevante aspetto che ha assunto, così, la fase preliminare di progettazione ai fini dello snellimento procedurale e della contrazione dei tempi di pronunciamento dei pareri da parte dei Comandi. Pertanto, per tutte le attività soggette delle categorie B e C, l istanza per il rilascio del nulla osta di fattibilità è presentata al Comando e deve contenere: l le generalità e il domicilio del richiedente o, nel caso di ente o di l la specificazione dell attività principale e delle eventuali attività soggette secondarie, oggetto dell istanza di nulla osta di fattibilità; l le indicazioni riguardo gli aspetti di prevenzione incendi oggetto dell istanza di nulla osta di fattibilità. All istanza devono essere allegati: l la documentazione tecnica, a firma di un tecnico abilitato, conforme a quanto specificato nell Allegato I, limitatamente agli aspetti di prevenzione incendi oggetto dell istanza; dell art. 23, D.Lgs. n. 139/ Per quanto concerne l istanza, ai fini dell effettuazione di visite tecniche nel corso della realizzazione dell opera, deve essere presentata al Comando e deve contenere: l le generalità e il domicilio del richiedente o, nel caso di ente o di l i riferimenti dell approvazione dei progetti da parte del Comando, per attività di categoria B e C; l le indicazioni riguardo gli aspetti di prevenzione incendi oggetto della richiesta di verifica in corso d opera. All istanza devono essere allegati: l la documentazione tecnica, a firma di tecnico abilitato, illustrativa dell attività relativa agli aspetti di prevenzione incendi oggetto dell istanza di verifica richiesta; dell art. 23, D.Lgs. n. 139/2006. Infine, nel caso in cui l attività soggetta modifichi la propria ragione sociale, il titolare, che succede nella responsabilità della medesima, dovrà procedere alla sua voltura mediante una dichiarazione resa, secondo le forme di legge, come atto notorio o dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà, in cui, oltre a indicare i riferimenti identificativi della documentazione, nonché l assenza di variazione delle condizioni di sicurezza antincendio rispetto a quanto in precedenza segnalato al Comando, dovrà impegnarsi a osservare anche tutti gli obblighi connessi con l esercizio dell attività, compresi quelli prescritti, in materia di prevenzione incendi, dal D.Lgs. n. 81/2008. l 49 ILSOLE24ORE

I nuovi decreti applicativi

I nuovi decreti applicativi GIORNATA DI STUDIO: I NUOVI ADEMPIMENTI SULLA PREVENZIONE INCENDI Dalla semplificazione amministrativa alla gestione delle procedure I nuovi decreti applicativi Ing. Francesco Notaro, Nucleo Investigativo

Dettagli

Nuove procedure di prevenzione incendi

Nuove procedure di prevenzione incendi ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE Consulta INTERPROFESSIONALE Nuove procedure di prevenzione incendi Procedimenti nella presentazione di istanze concernenti i procedimenti

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Il dm 7 agosto 2012 e la gestione delle modifiche del rischio incendio nelle attività soggette al DPR 151/11.

Il dm 7 agosto 2012 e la gestione delle modifiche del rischio incendio nelle attività soggette al DPR 151/11. FORUM di PREVENZIONE INCENDI Il dm 7 agosto 2012 e la gestione delle modifiche del rischio incendio nelle attività soggette al DPR 151/11. Francesco Notaro Nucleo Investigativo Antincendi Milano 27 Settembre

Dettagli

La nuova modulistica per i procedimenti di Prevenzione Incendi

La nuova modulistica per i procedimenti di Prevenzione Incendi La nuova modulistica per i procedimenti di Prevenzione Incendi ing. Giampietro BOSCAINO Comando Provinciale VVF Taranto D.M.07/08/2012 - Con decreto del Direttore centrale per la prevenzione e sicurezza

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO

MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 7 agosto 2012 Disposizioni relative alle modalita' di presentazione delle istanze concernenti i procedimenti di prevenzione incendi e alla documentazione da allegare, ai

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI CAMBIA

LA PREVENZIONE INCENDI CAMBIA LA PREVENZIONE INCENDI CAMBIA D.P.R. 01 agosto 2011, n. 151 NORMATIVA E PROCEDURE La nuova normativa e le procedure per la prevenzione incendi e in particolare l arrivo della cosi detta Scia, segnano un

Dettagli

Procedure di prevenzione incendi relative ad attività a rischio di incidente rilevante. IL MINISTRO DELL INTERNO

Procedure di prevenzione incendi relative ad attività a rischio di incidente rilevante. IL MINISTRO DELL INTERNO DECRETO 19 marzo 2001 Procedure di prevenzione incendi relative ad attività a rischio di incidente rilevante. IL MINISTRO DELL INTERNO Visto il decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334, concernente «Attuazione

Dettagli

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI PARMA IL D.M. 7/8/2012 E LA NUOVA MODULISTICA

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI PARMA IL D.M. 7/8/2012 E LA NUOVA MODULISTICA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI PARMA IL D.M. 7/8/2012 E LA NUOVA MODULISTICA Parma, 10 dicembre 2012 DVD ing. Annalicia Vitullo MODULISTICA STANDARDIZZATA

Dettagli

Antincendio: resistenza e reazione al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi Verifiche e controlli del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco

Antincendio: resistenza e reazione al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi Verifiche e controlli del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco Antincendio: resistenza e reazione al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi Verifiche e controlli del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco Torino 23.10.2013 SCIA antincendio: adempimenti e verifiche

Dettagli

Gli adempimenti di Prevenzione Incendi con l entrata in vigore del d.p.r. 151/2011

Gli adempimenti di Prevenzione Incendi con l entrata in vigore del d.p.r. 151/2011 Gli adempimenti di Prevenzione Incendi con l entrata in vigore del d.p.r. 151/2011 Ing. Roberta Lala Direttore Antincendi Comando Provinciale VV.F. Lecce Contesto normativo di riferimento Nuove regole

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 6 agosto 2010 n.146 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 49 della Legge 21 dicembre 2009 n.168 e l articolo unico del

Dettagli

D.P.R. 12/01/98, n 37 Gazzetta Ufficiale Italiana n 57 del 10/03/1998

D.P.R. 12/01/98, n 37 Gazzetta Ufficiale Italiana n 57 del 10/03/1998 D.P.R. 12/01/98, n 37 Gazzetta Ufficiale Italiana n 57 del 10/03/1998 IL NUOVO REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI SOMMARIO TESTO Art. 1. Oggetto del regolamento. Art. 2. Parere di conformità. Art. 3. Rilascio

Dettagli

Studio Legale Salvemini. Corso di aggiornamento in prevenzione incendi art. 7 del D.M. 5 agosto 2011

Studio Legale Salvemini. Corso di aggiornamento in prevenzione incendi art. 7 del D.M. 5 agosto 2011 Studio Legale Salvemini Corso di aggiornamento in prevenzione incendi art. 7 del D.M. 5 agosto 2011 La nuova normativa antincendio prevista dal D.P.R. 1 agosto 2011 n. 151 Collegio dei Periti Industriali

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Regolamento di Prevenzione Incendi - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Regolamento di Prevenzione Incendi - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno D.P.R. 12 Gennaio 1998, n. 37 "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi a norma dell articolo 20, comma 8, della legge 15 marzo 1997, n. 59" D.M. 4 Maggio 1998

Dettagli

ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova regola tecnica

ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova regola tecnica GRANDI RISCHI COMMENTO 58 N. 2-29 gennaio 2013 IL SOLE 24 ORE www.ambientesicurezza24.com Dal MinInterno nuove disposizioni con il D.M. 20 dicembre 2012 ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova

Dettagli

I MODELLI DI CERTIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO

I MODELLI DI CERTIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO I MODELLI DI CERTIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO dott. ing. LUCA PONTICELLI C.N.VV.F. (Area V D.C.P.S.T.) Corso di aggiornamento in prevenzione incendi Prato, 24/06/2015 INQUADRAMENTO NORMATIVO DELLA

Dettagli

dipvvf.dcprev.registro UFFICIALE.U.0004849.11-04-2014

dipvvf.dcprev.registro UFFICIALE.U.0004849.11-04-2014 dipvvf.dcprev.registro UFFICIALE.U.0004849.11-04-2014 DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA III

Dettagli

COMUNE DI CURCURIS vedere per le nuove costruzioni e gli ampliamenti per gli interventi sull esistente vedere vedere vedere vedere

COMUNE DI CURCURIS vedere per le nuove costruzioni e gli ampliamenti per gli interventi sull esistente vedere vedere vedere vedere COMUNE DI CURCURIS copia del documento comprovante il requisito per ottenere la concessione o dichiarazione ai sensi dell art. 4 della L. 15/68 modificata dalla L. 191/98; copia del certificato di destinazione

Dettagli

IL MINISTERO DELL INTERNO. della Difesa Civile

IL MINISTERO DELL INTERNO. della Difesa Civile IL MINISTERO DELL INTERNO tramite Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Emana le norme contenenti le misure di Prevenzione e di Protezione contro gli Incendi che

Dettagli

GUIDA COMMENTATA. La nuova prevenzione incendi ANTINCENDIO E SICUREZZA. G. Biggi - L. De Angelis - F. Notaro. Corpo Nazionale Vigili del Fuoco

GUIDA COMMENTATA. La nuova prevenzione incendi ANTINCENDIO E SICUREZZA. G. Biggi - L. De Angelis - F. Notaro. Corpo Nazionale Vigili del Fuoco ANTINCENDIO E SICUREZZA Corpo Nazionale Vigili del Fuoco G. Biggi - L. De Angelis - F. Notaro La nuova prevenzione incendi GUIDA COMMENTATA AL D.M. 7 AGOSTO 2012 a cura di Fabio Dattilo QUESTO EBOOK È

Dettagli

uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità in fase di progettazione e di controllo

uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità in fase di progettazione e di controllo L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio e le procedure di deroga Ing. Gianfranco Tripi 06/09/2013 1 APPROCCIO PRESCRITTIVO VANTAGGI: uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità

Dettagli

Procedure di prevenzione incendi con l approccio. ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007

Procedure di prevenzione incendi con l approccio. ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007 Procedure di prevenzione incendi con l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007 Ing. Gianfranco Tripi Direzione Regionale Vigili del Fuoco Emilia Romagna gianfranco.tripi@vigilfuoco.it

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO

MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 3 agosto 2015 Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell'articolo 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139. (Gazzetta Ufficiale n. 192 del

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Legge Regionale 3 gennaio 2005, n. 1 - articolo 82, comma 16 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 dicembre 2013, n. 75/R Regolamento di attuazione dell articolo

Dettagli

Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15

Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15 Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139. Il Ministro

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c)

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c) TIPO DI LAVORO Installazione, rifacimento, trasformazione, ampliamento di impianto dotato o anche non dotato di canna fumaria collettiva ramificata (Per frigorifero ad adsorbimento alimentato a gas vedere

Dettagli

- per l individuazione delle misure di sicurezza compensative, in caso di deroghe.

- per l individuazione delle misure di sicurezza compensative, in caso di deroghe. CLAUDIO MASTROGIUSEPPE Il gruppo di lavoro, creato un anno fa, si è proposto di tracciare delle Linee guida per l attuazione del Sistema di Gestione della Sicurezza Antincendio (SGSA), previsto dall approccio

Dettagli

Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza.

Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza. Modena - 11 ottobre 2012 Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza. Il punto sugli obblighi e le scadenze Dott.Ing. Michele

Dettagli

Testo unico sicurezza, le modifiche introdotte D.L. 151/2015 Tecnici&Professione Associazione Nazionale Donne Geometra

Testo unico sicurezza, le modifiche introdotte D.L. 151/2015 Tecnici&Professione Associazione Nazionale Donne Geometra Razionalizzazione e Semplificazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro Testo unico sicurezza, le modifiche introdotte D.L. 151/2015 Tecnici&Professione Associazione Nazionale Donne Geometra Il

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE: SVILUPPI E PROSPETTIVE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE: SVILUPPI E PROSPETTIVE LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE: SVILUPPI E PROSPETTIVE DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE - DIREZIONE CENTRALE PER LA

Dettagli

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale PROCEDURA PER IL RILASCIO, DA PARTE DEL SERVIZIO TECNICO CENTRALE, DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ TECNICA ALL IMPIEGO, DI CUI

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

Verifiche Periodiche di Impianti Elettrici. - Linee Guida per gli adempimenti di Legge -

Verifiche Periodiche di Impianti Elettrici. - Linee Guida per gli adempimenti di Legge - SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO Verifiche Periodiche di Impianti Elettrici - Linee Guida per gli adempimenti di Legge - a cura della Direzione Tecnico-Scientifica Direttore dott. Eduardo Patroni

Dettagli

COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA:

COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA: COMUNE di CHIOGGIA Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DATI IDENTIFICATIVI DELL INTERVENTO: DITTA: PRATICA EDILIZIA: DESCRIZIONE

Dettagli

polizia amministrativa agibilità articolo 80 del TULPS modello 6_04_02

polizia amministrativa agibilità articolo 80 del TULPS modello 6_04_02 N. identificativo marca da bollo: (La marca da bollo deve essere annullata e conservata in originale a cura del soggetto interessato) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Il collaudo e la certificazione degli impianti solari termici

DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Il collaudo e la certificazione degli impianti solari termici DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Ing. Enrico Piano Commissione Energia Cagliari, 17 Giugno 2010 Il mercato del solare termico in Italia nel 2009 Nel solo 2009 in Italia sono stati

Dettagli

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 1 D. M. 22/01/2008 n.37 Ministero dello Sviluppo Economico - Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13,

Dettagli

DPR 151 del 01.08.2011 Nuovo regolamento di prevenzione incendi Emanazione il 22.09.2011 GU 221 Entrata in vigore 7.10.2011

DPR 151 del 01.08.2011 Nuovo regolamento di prevenzione incendi Emanazione il 22.09.2011 GU 221 Entrata in vigore 7.10.2011 DPR 151 del 01.08.2011 Nuovo regolamento di prevenzione incendi Emanazione il 22.09.2011 GU 221 Entrata in vigore 7.10.2011 Atti di successiva emanazione a) LCMI 4865 del 05.10.2011 a firma del Capo Dipartimento

Dettagli

Corso base di prevenzione incendi. Arch. Salvatore Longobardo Direttore Vice Dirigente Vigili del fuoco

Corso base di prevenzione incendi. Arch. Salvatore Longobardo Direttore Vice Dirigente Vigili del fuoco Corso base di prevenzione incendi 1 specializzazione in prevenzione incendi NO Perché? ECESSITÀ Obiettivi e finalità PPORTUNITÀ 2 necessità iscrizione, a domanda, in appositi elenchi del Ministero dell

Dettagli

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO - Art. 9.5 del R.E.C. - Art. 79 comma 1, lett c) L.R. 1/05 SCHEDA A6 CLASSIFICAZIONE DELL INTERVENTO R.E.C.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Il Decreto Interministeriale 19 marzo 2015

Il Decreto Interministeriale 19 marzo 2015 Il Decreto Interministeriale 19 marzo 2015 LE PROCEDURE AUTORIZZATIVE NEL REGIME TRANSITORIO Ing. Rosario Caccavo Direttore vice dirigente Comando Provinciale Vigili del fuoco Viterbo rosario.caccavo@vigilfuoco.it

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 Le strutture sanitarie: le criticità

Dettagli

Osservatorio per l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio

Osservatorio per l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Osservatorio per l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Segnaliamo infine che il decreto introduce un organo destinato al monitoraggio dell uso del nuovo approccio a livello nazionale, l

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO ITE Bassi in collaborazione con Federamministratori Corso per amministratori condominiali SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO Relatore: Dott. Ing. Donati Bassano PRINCIPALI LEGGI E NORMATIVE Legge 220/12:

Dettagli

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI dott. ing. Emilio Milano pagina 1 COS E LA PREVENZIONE INCENDI Decreto Legislativo 8 marzo 2006, n. 139 - Capo III - Art. 13 (S.O.G.U. Serie

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 6 FEBBRAIO 2014 40/2014/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ACCERTAMENTI DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO Nella riunione

Dettagli

Direttive per l attuazione dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio

Direttive per l attuazione dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Decreto del Ministro dell interno 9 maggio 2007 (G.U. n. 117 del 22/05/2007) Direttive per l attuazione dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Il Ministro dell interno VISTO il decreto

Dettagli

ITER AUTORIZZATIVO E GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE PICCOLO MANUALE PRATICO CONSULENTE: MAURO CANAL STUDIO SINTHESI

ITER AUTORIZZATIVO E GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE PICCOLO MANUALE PRATICO CONSULENTE: MAURO CANAL STUDIO SINTHESI ITER AUTORIZZATIVO E GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE PICCOLO MANUALE PRATICO CONSULENTE: MAURO CANAL STUDIO SINTHESI 1 Domanda Cumulativa ITER AUTORIZZATIVO La domanda di autorizzazione

Dettagli

Corso base di prevenzione incendi

Corso base di prevenzione incendi Corso base di prevenzione incendi art. 16 comma 4 del DLgs 139/06 Presentazione a cura di Arch. Salvatore Longobardo Direttore Vice Dirigente Vigili del fuoco di Caserta specializzazione in prevenzione

Dettagli

Giampietro BOSCAINO Direzione Centrale Prevenzione e Sicurezza Tecnica

Giampietro BOSCAINO Direzione Centrale Prevenzione e Sicurezza Tecnica Sportello Unico per le Attività Produttive (D.P.R. del 7 settembre 2010, n. 160) - Indirizzi applicativi di armonizzazione tra le procedure di prevenzione incendi ed il procedimento automatizzato di cui

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica

IL DIRETTORE GENERALE per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica DECRETO 19 maggio 2010 Modifica degli allegati al decreto 22 gennaio 2008, n. 37, concernente il regolamento in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici. IL DIRETTORE

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI SQUADRA ANTINCENDIO

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI SQUADRA ANTINCENDIO CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI SQUADRA ANTINCENDIO A CURA DI Ing. SEBASTIANO MARTIGNANO Via G.Boccaccio, n. 4 73100 LECCE Via Cerreto di Spoleto, n. 29 00181 Roma Tel.: +39 (832) 498023 Fax: +39 (832)

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

La sicurezza negli ospedali

La sicurezza negli ospedali SICUREZZA PARTECIPATA IN SANITÀ L ESPERIENZA DEL PROGETTO EUROPEO REFIRE Università Campus Bio-Medico di Roma 7 maggio 2014 La sicurezza negli ospedali Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco Umbria Ospedali,

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998 CPI

D.M. 10 marzo 1998 CPI D.M. 10 marzo 1998 CPI La prevenzione incendi: Norme di riferimento Il D.lgs 81/08 prevede che, fermo restando quanto previsto dal D.lgs 139/2006, dovranno essere adottati uno o più decreti in cui siano

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151. Meno carte Più sicurezza

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151. Meno carte Più sicurezza DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151 Meno carte Più sicurezza Ambito di riferimento DPR 151/2011 Prevenzione Incendi Legge 122/10 SCIA DPR 160/2010 Regolamento SUAP La novità Le

Dettagli

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito Prevenzione incendi: il Ministero dell Interno ha emanato chiarimenti in merito all applicazione del regolamento di semplificazione antincendio (lettera circolare del 18 aprile 2012 prot. n. 0005555) Canale:

Dettagli

La prevenzione incendi

La prevenzione incendi Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Direzione Regionale Emilia-Romagna Stabilimenti a rischio di incidente rilevante Nuova scheda tecnica (D.G.R. 392/2009: Direttiva per l applicazionel dell art. 2 della

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA DI ALIMENTI E BEVANDE - allestimenti temporanei - CAPES10C.rtf - (06/2012) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA TIPO DI MANIFESTAZIONE ED UBICAZIONE Descrizione sommaria: Gli spazi

Dettagli

CIRCOLARE DIPARTIMENTO dei VIGILI del FUOCO, del SOCCORSO PUBBLICO e DELLA DIFESA CIVILE, n 3791 del 24 marzo 2011

CIRCOLARE DIPARTIMENTO dei VIGILI del FUOCO, del SOCCORSO PUBBLICO e DELLA DIFESA CIVILE, n 3791 del 24 marzo 2011 CIRCOLARE DIPARTIMENTO dei VIGILI del FUOCO, del SOCCORSO PUBBLICO e DELLA DIFESA CIVILE, n 3791 del 24 marzo 2011 Alle Direzioni Regionali ad Interregionali VV.F. Ai Comandi Provinciali W.F. LORO SEDI

Dettagli

Prevenzione Antincendio ed Evacuazione. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Prevenzione Antincendio ed Evacuazione. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Prevenzione Antincendio ed Evacuazione Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE LE PROCEDURE DI PREVENZIONE INCENDI. LE NOVITA DEL NUOVO REGOLAMENTO 10 CATEGORIA A Attività

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA GROSSETO, 21 ottobre 2011 Al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche previste dalle norme vigenti, comprese quelle di funzionalità,

Dettagli

Procedimenti di prevenzione incendi più semplici e rapidi grazie allo Sportello Unico

Procedimenti di prevenzione incendi più semplici e rapidi grazie allo Sportello Unico SICUREZZA. Procedimenti di prevenzione incendi più semplici e rapidi grazie allo Sportello Unico GLI EFFETTI DELLA COLLABORAZIONE TRA REGIONE SARDEGNA E VIGILI DEL FUOCO Il regolamento per la semplificazione

Dettagli

Dipartimento dei Vigili del Fuoco Del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile

Dipartimento dei Vigili del Fuoco Del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Dipartimento dei Vigili del Fuoco Del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Vicenza Corso di aggiornamento su Evoluzione della Normativa di Prevenzione Incendi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI TECNICA E GESTIONE DEI SISTEMI INDUSTRIALI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA GESTIONALE AGGIORNAMENTO DEL QUADRO NORMATIVO PER

Dettagli

Del. 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica e per il GAS

Del. 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica e per il GAS Del. 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica e per il GAS Adozione del regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas Compilazione dei documenti previsti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Richiesta idoneità sede didattica temporanea

Richiesta idoneità sede didattica temporanea ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE Richiesta idoneità sede didattica temporanea Allegato 4 al Dispositivo per l Accreditamento degli Organismi di Formazione Professionale REGIONE

Dettagli

Recenti disposizioni del Dipartimento dei Vigili del Fuoco in merito alla possibilità di

Recenti disposizioni del Dipartimento dei Vigili del Fuoco in merito alla possibilità di Commento l Antincendio. Nuove prospettive sull impiego di particolari tipologie di serramenti Le ultime indicazioni dei VVF sulle uscite di emergenza con tornelli o scorrevoli Recenti disposizioni del

Dettagli

Direttore Vicedirigente ing. Mario De Bona DIREZIONE REGIONALE VV.F. - BASILICATA

Direttore Vicedirigente ing. Mario De Bona DIREZIONE REGIONALE VV.F. - BASILICATA Direttore Vicedirigente ing. Mario De Bona DIREZIONE REGIONALE VV.F. - BASILICATA Le Attività Scolastiche rientrano nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi da parte dei Vigili del Fuoco

Dettagli

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) Marca Bollo 16,00 AL S.U.A.P. Sportello Unico delle Attività Produttive del Comune di Fiumicino MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

Dettagli

C O M U N E D I G U B B I O

C O M U N E D I G U B B I O C O M U N E D I G U B B I O URBANISTICA, PIANIFICAZIONE AMBIENTALE E PATRIMONIO SERVIZIO URBANISTICA DICHIARAZIONE ASSEVERATA ALLEGATA ALLA RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA ai sensi dell art. 30 della

Dettagli

O rdine degli Ingegneri della Provincia di Teramo

O rdine degli Ingegneri della Provincia di Teramo 9.00 13.00 Giorno Periodo Argomento Docente 20.03 23.03 24.03 27.03 30.03 Introduzione alla Prevenzione Incendi. Allegato I del D.M. 10 marzo 1998 (valutazione dei rischi di incendio nei luoghi di lavoro).

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

DOMANDA DI AGIBILITÀ (Art. 24 e 25 D.P.R.6/6/2001 n. 380)

DOMANDA DI AGIBILITÀ (Art. 24 e 25 D.P.R.6/6/2001 n. 380) Bollo COMUNE DI PADOVA Settore Edilizia Privata Via Frà Paolo Sarpi, 2 - Padova Tel. 0498204707 - Fax 0498204645 DOMANDA DI AGIBILITÀ (Art. 24 e 25 D.P.R.6/6/200 n. 380) Domanda n / RICHIEDENTE Il sottoscritto

Dettagli

NORME TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI CODICE. Progettazione della sicurezza antincendio

NORME TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI CODICE. Progettazione della sicurezza antincendio NORME TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI CODICE Progettazione della sicurezza antincendio IL CONTESTO DPR 151/2011! semplificazione dei procedimenti di prevenzione incendi DOPO: necessità di ulteriore snellimento

Dettagli

ASSEVERAZIONE IMPIANTI FISSI ANTINCENDIO IN FASE DI RINNOVO PERIODICO DELLA CONFORMITA ANTINCENDIO. Natale Nozzanica

ASSEVERAZIONE IMPIANTI FISSI ANTINCENDIO IN FASE DI RINNOVO PERIODICO DELLA CONFORMITA ANTINCENDIO. Natale Nozzanica ASSEVERAZIONE IMPIANTI FISSI ANTINCENDIO IN FASE DI DELLA CONFORMITA ANTINCENDIO Natale Nozzanica Milano, 17 novembre 2015 NELLA FASE DI DELL AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO, IL PROFESSIONISTA ANTINCENDIO

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA Gestione del rischio incendio e delle misure mitigative negli istituti scolastici

Dettagli

IL RAPPORTO INAIL 2011 SULLA CAMPIONATURA SU MESSA A TERRA E SCARICHE ATMOSFERICHE

IL RAPPORTO INAIL 2011 SULLA CAMPIONATURA SU MESSA A TERRA E SCARICHE ATMOSFERICHE IL RAPPORTO INAIL 2011 SULLA CAMPIONATURA SU MESSA A TERRA E SCARICHE ATMOSFERICHE l di Stefano Baldassarini e Angelo Fortuni INAIL- Settore ricerca, certificazione e verifica-dipartimento di Roma Osservatorio

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

Metti a fuoco la tua professionalità! Il processo tecnico normativo nell ambito dell evacuazione fumi e calore. Le più recenti novità

Metti a fuoco la tua professionalità! Il processo tecnico normativo nell ambito dell evacuazione fumi e calore. Le più recenti novità Metti a fuoco la tua professionalità! Il processo tecnico normativo nell ambito dell evacuazione fumi e calore. Le più recenti novità Ing. GIUSEPPE GIUFFRIDA ZENITAL Associazione italiana sistemi di illuminazione

Dettagli

Venezia 16 maggio 2012 Direzione per la Prevenzione Regione Veneto

Venezia 16 maggio 2012 Direzione per la Prevenzione Regione Veneto La normativa regionale finalizzata alla sicurezza delle manutenzioni in quota e alla definizione dei requisiti di salute e sicurezza degli insediamenti produttivi. Venezia 16 maggio 2012 Direzione per

Dettagli

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DM del 22/01/08 n. 37 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITA DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI Art. 1 - IMPIANTI SOGGETTI ALL APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI BASCIANO S.U.E. P.A.S. PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA

COMUNE DI BASCIANO S.U.E. P.A.S. PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA Riservato al protocollo COMUNE DI BASCIANO S.U.E. P.A.S. PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA (Art. 6, D.Lgs. 03/03/2011, n. 28 D.g.r. n. 294 del 02/05/2011 Articoli 22 e 23 del D.P.R. n. 380 del 2001) Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI Elaborato redatto ai sensi dell art. 123, comma 1, lettera d) del Regolamento Edilizio

Dettagli

S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di

S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di Numero di pratica / Responsabile del Procedimento: S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di Data di avvio del Procedimento Spazio riservato all ufficio

Dettagli

1 Corso base prevenzione incendi 120 ore. c/o Sede Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Brescia P.za C. Battisti 12 Brescia

1 Corso base prevenzione incendi 120 ore. c/o Sede Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Brescia P.za C. Battisti 12 Brescia c/o Sede Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Brescia P.za C. Battisti 12 Brescia LEZ. 1 ARGOMENTO 14/09/2015 Obiettivi, direttive, legislazione e regole tecniche di prevenzione incendi

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA IL MINISTERO

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NORME CEI 0-10 GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI La guida contiene le indicazioni relative alla manutenzione degli impianti elettrici di bassa tensione allo scopo di favorire il mantenimento

Dettagli