MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI"

Transcript

1 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona 4 NOVEMBRE 2011 Direttore Dott. Ing. Massimiliano RUSSO 1

2 INDICE IL D.P.R. 151/2011 LA NUOVA MODULISTICA DI PREVENZIONE INCENDI LA GESTIONE DEL TRANSITORIO IL S.U.A.P CONCLUSIONI 2

3 INDICE IL D.P.R. 151/2011 LA NUOVA MODULISTICA DI PREVENZIONE INCENDI LA GESTIONE DEL TRANSITORIO IL S.U.A.P CONCLUSIONI 3

4 DAL D.M AL D.P.R. 151/2011 D.M MODIFICAZIONI DEL DM 27 SETTEMBRE 1965, CONCERNENTE LA DETERMINAZIONE DELLE ATTIVITÀ SOGGETTE ALLE VISITE DI PREVENZIONE INCENDI Allegato con 97 attività soggette al controllo dei VV.F. (d.m.) D.P.R. n. 151 del (G.U. 221 del ) REGOLAMENTO RECANTE SEMPLIFICAZIONE DELLA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE DEGLI INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFI CAZIONI, DALLA LEGGE 30 LUGLIO 2010, N Allegato I - Elenco attività soggette al controllo dei VV.F. (A.I) Allegato II - Tabella Equiparazione attività soggette (A.II) (IN VIGORE DAL ) (d.p.r.) 4

5 IL D.P.R. 151/2011 OBIETTIVI DEL NUOVO DECRETO: Snellire l attività della P.A. semplificando i procedimenti di Prevenzione Incendi, nel caso di nuove attività o modifiche delle esistenti; Tutelare la pubblica incolumità concentrando i controlli dei VV.F. sulle attività a rischio incendio elevato (v. principio di proporzionalità). 5

6 IL D.P.R. 151/2011 attività soggette al controllo dei vigili del fuoco: D.P.R. N. 689/1959 D.M D.P.R. N. 151/2011 IERI 54+7 attività; 97 attività. OGGI 80 attività. DOMANI D.M. di cui all art.2 co. 7 ( nuovo D.M ) Aggiornamento dell All. I al DPR 151/2011 con nuove attività. 6

7 IL D.P.R. 151/2011 DISPOSIZIONI EMANATE: D.P.R. N. 151 del 1 agosto 2011 (G. U. n. 221 del ); L.C. DCPREV PROT DEL Primi indirizzi applicativi; L.C. DCPREV PROT DEL Precisazioni. 7

8 IL D.P.R. 151/2011 Art. 2 Finalità ed ambito di applicazione Individua le attività soggette al controllo dei vigili del fuoco e disciplina la verifica delle condizioni di sicurezza antincendio attraverso: Esame dei progetti; Visite tecniche Deroghe Nuovi Procedimenti: N.O.F. (progetti complessi); Visite in corso d opera (rispondenza disposizioni P.I. anche durante la realizzazione dell opera). 8

9 IL D.P.R. 151/2011 Art. 2 Finalità ed ambito di applicazione Suddivide le attività soggette in 3 categorie in relazione a: Dimensione dell impresa; Settore di attività; Esistenza di regole tecniche (norme verticali); Esigenze di tutela della pubblica incolumità. 9

10 IL D.P.R. 151/2011 Soggette alla redazione del rapporto di sicurezza 10

11 IL D.P.R. 151/

12 IL D.P.R. 151/

13 IL D.P.R. 151/2011 Art. 12 Abrogazioni D.P.R. n. 689 del ; D.P.R. n. 37 del ; D.P.R. n. 214 del (g.p.l.); D.M ; Art. 6 co. 8 D.P.R. n. 380 del ; (5) Aggiornamento art. 16 D.Lgs. N. 139 del (6) 13

14 CAT.A: IL D.P.R. 151/2011 E stato introdotto il principio di proporzionalità: Attività con regola tecnica e limitato livello di complessità (consistenza attività, affollamento, quantitativo materiali presente). CAT. B: Attività della stessa tipologia della cat. A ma con maggior livello di complessità; Attività sprovviste di regola tecnica. CAT. C: Attività con elevato livello di complessità indipendentemente dalla presenza di una regola tecnica. 14

15 IL D.P.R. 151/2011 E stato introdotto il principio di proporzionalità di derivazione comunitaria secondo il quale si può valutare la legittimità di un atto che imponga un obbligo o una sanzione in relazione alla sua idoneità al raggiungimento degli scopi voluti. Meglio: la misura adottata dalla P.A. deve essere proporzionata agli obiettivi da raggiungere 15

16 CAT.A: IL D.P.R. 151/2011 Quindi, secondo il principio di proporzionalità: Attività con regola tecnica e limitato livello di complessità (consistenza attività, affollamento, quantitativo materiali presente). CAT. B: Attività della stessa tipologia della cat. A ma con maggior livello di complessità; Attività sprovviste di regola tecnica. CAT. C: Attività con elevato livello di complessità indipendentemente dalla presenza di una regola tecnica. 16

17 IL D.P.R. 151/

18 Suddivisione in categorie 18

19 IL D.P.R. 151/2011 Categoria A: No approvazione del progetto; Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.); Controlli di Prevenzione Incendi a campione o con programmi settoriali. 19

20 IL D.P.R. 151/2011 Categoria B: Valutazione del progetto entro 60 gg; Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.); Controlli di Prevenzione Incendi a campione o con programmi settoriali. 20

21 IL D.P.R. 151/2011 Categoria C: Valutazione del progetto entro 60 gg; Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.); Visita di P.I. per il Rilascio del C.P.I. 21

22 Categoria A 4b depositi di gpl in serbatoi < 5 m 3 ; D.M : (4b) depositi di gpl in serbatoi > 0,3 m 3 ; 12 depositi/rivendite di liquidi con p.i. >65 C e < 9 m 3 ; depositi liquidi inf./comb. - (15) uso ind.le: >0,5 m 3 ; - (16) uso comm.le: >0,2 m 3 ; (17) depositi oli lubrif. diat. > 1 m 3 ; 13 distributori carburanti p.i. >65 C < 9 m 3 (18) distributori carburanti 49 gruppi elettrogeni < 350 kw benzina gasolio miscele 22 (64) gruppi elettrogeni > 25 kw

23 Categoria A 66 alberghi < 50 posti letto 67 scuole e asili nido < 150 persone 68 strutture sanitarie < 50 posti letto o 1000 m 2 69 locali esposizione o vendita < 600 m 2 71 aziende ed uffici < 500 persone 74 centrali termiche < 350 kw 75 autorimesse < 1000 m 2 77 edifici altezza antincendio < 32 m 80 gallerie stradali > 500 m e ferroviarie >2000m D.M (84) alberghi > 25 posti letto; (85) scuole > 100 persone; (86) strutture sanitarie > 25 posti letto; (87) locali esposizione o vendita > 400 m 2 (89) aziende ed uffici > 500 persone (91) centrali termiche > 116 kw (92) autorimesse > 9 autoveicoli (94) edifici altezza antincendio > 24 m

24 Categoria B 65 Loc. Pubb. Spett < 200 persone 66 Alberghi < 100 p. l. campeggi 67 Scuole >150 e < 300 persone 68 strutture sanitarie < 100 posti letto o > 1000 m 2 69 locali esposizione o vendita < 1500 m 2 71 aziende ed uffici > 500 e < 800 persone 74 centrali termiche > 350 e > 700 kw 75 autorimesse >1000 e < 3000 m 2 77 edifici altezza antincendio > 32 e < 54 m D.M (83) loc. pubb. Spett. >100 ps. (84) alberghi > 25 posti letto; (85) scuole > 100 persone; (86) strutture sanitarie > 25 posti letto; (87) locali esposizione o vendita > 400 m 2 (89) aziende ed uffici > 500 persone (91) centrali termiche > 116 kw (92) autorimesse > 9 autoveicoli (94) edifici altezza antincendio > 24 m 24

25 IL D.P.R. 151/2011 NUOVE ATTIVITÀ: 55 attività di demolizioni di veicoli e simili con relativi depositi di Sup. superiore a 3000 m 2 (catt. B, C). 73 Edifici e/o complessi edilizi a uso terziario e/o industriale caratterizzati da promiscuità strutturale e/o dei sistemi delle vie di esodo e/o impiantistica con presenza di persone superiore a 300 unità, ovvero di superficie complessiva superiore a m 2, indipendentemente dal numero di attività costituenti e dalla relativa diversa titolarità. (Complessi gestiti da più soggetti che necessitano del coordinamento delle misure di prev, prot, e gestione antincendio) (catt. B, C). 25

26 IL D.P.R. 151/2011 NUOVE ATTIVITÀ: 78 Aerostazioni, stazioni ferroviarie, stazioni marittime, con superficie coperta accessibile al pubblico superiore a m 2 ; metropolitane in tutto o in parte (le grandi stazioni tendono ad assumere i caratteri di centri polifunzionali) (cat. C) 79 Interporti con superficie superiore a m 2 (cat. C) 80 Gallerie stradali di lunghezza superiore a 500 m e ferroviarie superiori a 2000 m (cat. A) 26

27 IL D.P.R. 151/2011 NUOVE ATTIVITÀ: Devono assolvere agli obblighi di cui al D.P.R. 151/2011 entro un anno dalla data di entrata in vigore del decreto: 7 OTTOBRE

28 IL D.P.R. 151/2011 MODIFICHE ALLE ATTIVITÀ: Obbligo del titolare dell attività di riavviare le procedure di P.I. quando: Aggravio delle preesistenti condizioni di sicurezza antincendio; Modifiche di lavorazione o strutture; Nuove destinazioni dei locali; Variazioni quali/quantitative delle sostanze pericolose; Modifica delle condizioni di sicurezza accertate. 28

29 IL D.P.R. 151/

30 IL D.P.R. 151/2011 ESITO DEI CONTROLLI: rispetto prescrizioni previste dalla normativa P.I. + sussistenza requisiti antincendio. Att. All. I Cat. A, B ESITO POSITIVO ESITO NEGATIVO controlli a campione o settoriali entro 60 gg dalla SCIA rilascio copia del verbale di visita tecnica su richiesta dell interessato; adozione provvedimenti divieto prosecuzione attività a meno di adeguamento entro 45 gg previa rimozione effetti dannosi. Att. All. I Cat. C controlli entro 60 gg dalla SCIA e rilascio CPI 30

31 INDICE IL D.P.R. 151/2011 LA NUOVA MODULISTICA DI PREVENZIONE INCENDI LA GESTIONE DEL TRANSITORIO IL S.U.A.P CONCLUSIONI 31

32 MODULISTICA DI P.I mod. PIN 1 richiesta parere di conformità 2- mod. PIN 2 richiesta di deroga 3- mod. PIN 3 richiesta di rilascio CPI 4- mod. PIN 3_GPL richiesta di rilascio CPI per depositi GPL 5- mod. PIN 4 dichiarazione inizio attività (D.I.A.) 6- mod. PIN 5 rinnovo C.P.I. 7- mod. PIN 6 dichiarazione nulla mutato 8- mod. PIN 7 perizia giurata 32

33 MODULISTICA DI P.I mod. CERT. REI. certificazione di resistenza fuoco 10- mod. REL. REI. relazione valutativa resistenza fuoco 11- mod. DICH.RIV.PROT. dichiarazione rivestimenti protettivi 12- mod. DICH. CORRISP. dichiarazione corrispondenza in opera: eliminato 13- mod. DICH. POSA OPERA - dichiarazione posa opera porte e reazione al fuoco 14- mod. DICH. IMP. dichiarazione impianti con progetto antecedente alla Legge n. 46/ mod. CERT. IMP. certificazione impianti 16- mod. DICH.CONF. - dichiarazione di conformità nel settore della reazione al fuoco 33

34 MODULISTICA DI P.I

35 MODULISTICA DI P.I

36 MODULISTICA DI P.I L.C.P.515/4101 sott.72/e.6 del ) mod. CERT. REI certificazione di resistenza fuoco di prodotti/elementi costruttivi in opera 2) mod. DICH.PROD dichiarazione inerente i prodotti impiegati ai fini della reazione e della resistenza al fuoco e dispositivi di apertura delle porte - mod. DICH.RIV.PROT dichiarazione rivestimenti protettivi non al Comando VF ma tenuto presso l attività - mod. DICH. POSA OPERA - dichiarazione posa opera porte e reazione al fuoco non al Comando VF ma tenuto presso l attività 36

37 MODULISTICA DI P.I L.C.P.515/4101 sott.72/e.6 del ) mod. DICH. IMP dichiarazione di corretta installazione e funzionamento dell impianto 4) mod. CERT. IMP certificazione di corretta installazione e funzionamento dell impianto 37

38 MODULISTICA DI P.I L.C. DCPREV PROT DEL (Nelle more del D.M. dell art. 2 co. 7) 1- mod. PIN 1 VALUTAZIONE PROGETTO; titolare attività/profess 2- mod. PIN 2 SCIA; titolare attività 3- mod. PIN 2.1 ASSEVERAZIONE; professionista 4- mod. PIN 3 RINNOVO PERIODICO titolare attività 5- mod. PIN 3.1 ASSEVERAZIONE PER RINNOVO professionista mod. PIN 4 DEROGA titolare attività 7- mod. PIN 1 bis N.O.F. titolare attività 8- mod. PIN 2 bis VERIFICA IN CORSO D OPERA L.C. DCPREV PROT DEL mod. PIN 2_gpl SCIA GPL; titolare attività 2- mod. PIN 2.1_gpl DICHIARAZIONE DI CONFORMITA profes. o resp. tecnico 3- mod. PIN 3_gpl RINNOVO PERIODICO titolare attività 4- mod. PIN 3.1_gpl DICHIARAZ. PER RINNOVO professionista 38

39 MODULISTICA DI P.I Un occhiata alla modulistica 39

40 MODULISTICA DI P.I Le responsabilità del Titolare dell attività Dal 7 Ottobre 2011, data di entrata in vigore del DPR 151/2011, ai sensi dell art. 20 co. 1 DLgs. 139/2006, l omissione di richiesta o di rinnovo del CPI è punita penalmente con arresto sino a un anno o con ammenda da 258,00 a 2.582,00. 40

41 MODULISTICA DI P.I Le responsabilità del Titolare dell attività Se luogo di lavoro, soggetto al DLgs. 81/2008 e s.m.i., l omissione di valutazione progetto o richiesta del CPI è punita penalmente con arresto da due a quattro mesi o con ammenda da 1.000,00 a 4.800,00 per il datore di lavoro e il dirigente. (art.63 co. 1 - requisiti di salute e sicurezza dei luoghi di lavoro) 41

42 MODULISTICA DI P.I Le responsabilità del Titolare dell attività Il titolare dell attività, sotto la propria responsabilità, SEGNALA con la SCIA (dichiarazione di atto notorio) l inizio dell attività o il rinnovo periodico di conformità. 1) art. 75 e 76 DPR 445/2000; (****) 2) art. 19 co. 6 L.241/1990 mod. PIN SCIA mod. PIN RINNOVO PERIODICO 42

43 MODULISTICA DI P.I Le responsabilità del Tecnico abilitato Il tecnico abilitato, sotto la propria responsabilità, ASSEVERA, con apposita modulistica, la conformità dell opera alle pertinenti regole tecniche di prevenzione incendi nonché al progetto approvato dal Comando Provinciale VVF. 1) art. 359 c.p.; 2) art. 481 c.p. ; 3) art. 19 co. 6 L. 241/1990; 4) art. 20 co. 2 D.Lgs. 139/2006. mod. PIN ASSEVERAZIONE 43

44 MODULISTICA DI P.I Le responsabilità del Tecnico abilitato e iscritto negli elenchi M.I. di cui al D.Lgs. 139/2006 Il tecnico abilitato e iscritto, sotto la propria responsabilità, CERTIFICA, con apposita modulistica, la sussistenza dei requisiti antincendio di cui alla apposita modulistica. 1)art. 359 c.p.; 2) art. 481 c.p. 3) art. 19 co. 6 L. 241/1990 4) art. 20 co. 2 D.Lgs. 139/2006 mod. PIN ASSEVERAZIONE PER RINNOVO 44

45 INDICE IL D.P.R. 151/2011 LA NUOVA MODULISTICA DI PREVENZIONE INCENDI LA GESTIONE DEL TRANSITORIO IL S.U.A.P CONCLUSIONI 45

46 LA GESTIONE DEL TRANSITORIO: ALCUNI CASI L.C. DCPREV PROT DEL )Attività che hanno chiesto il PARERE prima del 7 ottobre 2011: Il Comando si esprime con il rilascio del parere (anche per attività di cat. A); 2) Attività che hanno ottenuto il PARERE prima del 7 ottobre 2011: devono completare il procedimento con il DPR 151 consegnando la SCIA; 3) Attività che hanno CPI che scade dopo il 7 ottobre 2011: devono effettuare il rinnovo periodico con le periodicità dell art. 5 del DPR 151 (u.t. 10 anni); 46

47 LA GESTIONE DEL TRANSITORIO: ALCUNI CASI L.C. DCPREV PROT DEL )Attività che hanno chiesto il CPI prima del 7 ottobre 2011 e non hanno terminato il procedimento al : a) attività che hanno presentato la DIA: il Comando ricataloga la pratica e in caso di cat. C effettua il sopralluogo per il rilascio del CPI; b) attività che non hanno presentato la DIA: il Comando ricataloga la pratica e richiede al titolare la SCIA, in caso di esito negativo effettua dopo 30 gg il sopralluogo. 47

48 INDICE IL D.P.R. 151/2011 LA NUOVA MODULISTICA DI PREVENZIONE INCENDI LA GESTIONE DEL TRANSITORIO IL S.U.A.P CONCLUSIONI 48

49 IL S.U.A.P. SPORTELLO UNICO attività produttive: Il DPR 160/2010 ha introdotto il Regolamento per la Semplificazione e il riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive. Tra le novità: Il SUAP è soggetto unico territoriale per le Attività produttive al quale presentare in via telematica tutta la documentazione; Il SUAP la inoltra, sempre via telematica, agli altri Enti competenti l istanza; Il portale impresainungiorno.it è il raccordo tra le Amministrazioni interessate; 49

50 SUAP: LA NORMATIVA 1) Art. 19 della legge 241/90 così come modificato dal D.L. 78/10 (L. 122/10); 2) art. 49 quarter L.122/10; 3)D.P.R.160/2010; 3)DPR 151/

51 IL S.U.A.P. SPORTELLO UNICO attività produttive: Tra i procedimenti del SUAP: 1.PROC. AUTOMATIZZATO (SCIA) ATT. ALL I, Cat. A 2.PROC. UNICO (ORDINARIO) (NO SCIA) ATT. ALL I, Catt. B, C 51

52 IL S.U.A.P. PROCEDIMENTO AUTOMATIZZATO: Presentazione SCIA verifica completezza formale rilascio ricevuta in modo automatico (titolo autorizzatorio) La SCIA non è applicabile: 1.Attività prive di regole tecniche specifiche; 2.Ingegneria della sicurezza antincendio D.M ; 3.Deroghe. Applico la SCIA alle attività di cui all All I cat. A. 52

53 Attività dell allegato 1 del D.P.R. n.151\2011per le quali si può applicare la SCIA QUINDI Fra tutte le attività soggette al controllo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco di cui all allegato 1 del D.P.R. n.151 del 2011, ricadono nel procedimento automatizzato (SCIA) solo quelle comprese nella categoria A.

54 Attività del DPR n.151 allegato 1 per le quali non si può applicare la SCIA 1) attività che non sono oggetto di specifiche regole tecniche di prevenzione incendi; 2) attività che, pur essendo oggetto di specifiche regole tecniche, presentino una particolare complessità dal punto di vista tecnico gestionale; in questi casi si può ritenere che la valutazione diretta dei fattori di rischio, posta alla base delle valutazioni ai fini della prevenzione incendi, risulti prevalente rispetto alla mera verifica della rispondenza dell attività alla normativa; 3) procedure che fanno riferimento ai contenuti del D.M. 9 maggio 2007 e delle successive direttive attuative (ingegneria della sicurezza antincendio); 4) procedura di deroga (art. 6 del DPR 12 gennaio 1998, n. 37).

55 IL PROCEDIMENTO AUTOMATIZZATO PROCEDURE DI PREVENZIONE INCENDI. E LE 1. il SUAP, al momento della presentazione della SCIA, dovrà verificare, con modalità informatica, la completezza formale della segnalazione e dei relativi allegati e, in caso di verifica positiva, rilasciare automaticamente la ricevuta. 2. Il rilascio contestuale ed automatico della ricevuta, al momento della presentazione per via telematica, abilita l impresa senza necessità di ulteriori adempimenti, costituendo titolo autorizzatorio per inizio dell attività. 3. Il SUAP dovrà poi trasmettere, sempre per via telematica, la segnalazione ed i relativi allegati alle Amministrazioni e agli Uffici competenti, quindi anche ai Comandi Provinciali, in conformità all'allegato tecnico di cui all'articolo 12, commi 5 e 6 del DPR 160/2010.

56 IL D.P.R. 151/2011 SPORTELLO UNICO attività produttive: L art. 10 del DPR 151/2011 disciplina il raccordo tra il regolamento in materia di prevenzione incendi e le disposizioni dei SUAP di cui al DPR 160/2010 che si applicano alle attività di cui all allegato I di competenza del SUAP. In particolare, il co. 2 stabilisce che l istanza presentata tramite SCIA di cui all articolo 4, integra la trasmissione prevista all art. 10 del d.p.r. 7 settembre 2010, n Il comma 3 stabilisce che le attività di cui alla categoria A ricadono nell ambito del procedimento automatizzato (SCIA), di cui al Capo III del DPR suddetto, salvo i casi in cui si applica il Capo IV del medesimo decreto. 56

57 Il SUAP

58 IL S.U.A.P. PROCEDIMENTO AUTOMATIZZATO: Procedimento automatizzato e procedure di prevenzione incendi: L.C. prot del (****) 58

59

60 DPR 160/10 i collegamenti tra amministrazione procedente ed amministrazioni competenti imprenditore SUAP Altri ENTI - ASL - Vigili del fuoco -Arpa -Soprintendenza. NON E PERMESSO

61 TRASMISSIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Gli standard relativi ai formati dei file, allegati alle domande di prevenzione incendi prodotte digitalmente, sono pubblicati nel sito internet istituzionale nella sezione prevenzione incendi online ; (rif. Decreto del Ministro dell interno 12 luglio 2007) Le domande di prevenzione incendi redatte in forma digitale devono pervenire ai Comandi:

62 attraverso il portale impresainungiorno.gov.it attraverso la PEC: obbligo del rispetto del d.lgs. 82/2005 di accettare solamente documentazione conforme agli standard citati che rechi la firma digitale anche quando si tratti di scansione di documenti cartacei (rif. nota n. 190/ del 21/03/11 Area VIII DCRISLOG)

63 Requisiti informatici della documentazione Nota DCRLS Area VIII prot del

64 TRASMISSIONE DELLA DOCUMENTAZIONE L.C. prot del In una prima fase di avviamento delle diverse procedure potranno emergere eventuali problematiche relative alla trasmissione per via telematica della documentazione. Al fine quindi di non penalizzare i procedimenti in corso, dovranno essere concordate in sede locale modalità alternative che facciano riferimento ai sistemi tradizionali già consolidati.

65 INTESE A LIVELLO LOCALE Fermo restando il quadro generale appena delineato, i Comandi potranno promuovere ogni possibile intesa con i SUAP anche con appositi protocolli nei quali possono essere definiti gli aspetti procedurali di dettaglio. (under construction )

66 INDICE IL D.P.R. 151/2011 LA NUOVA MODULISTICA DI PREVENZIONE INCENDI LA GESTIONE DEL TRANSITORIO IL S.U.A.P CONCLUSIONI 66

67 CONSIGLI PROGETTI Completezza formale della documentazione da consegnare al Comando. PROTEZIONE PASSIVA: compartimentazione dei locali a rischio specifico; Percorsi di esodo; PROTEZIONE ATTIVA: Presidi antincendio: copertura delle aree; Protezione interna ed esterna; Dispositivi di sicurezza (comando di emergenza pulsanti allarme, sirene, segnalaz. Ottica-acustica); 67

68 CONSIGLI PROGETTI Indicazione su particolari caratteristiche (es. affollamento, aerazione, accessibilità a mezzi di soccorso): quando possibile tutti i dettagli su una sola tavola (senza sovraccaricare i disegni esigenze di soccorso ); Dinamica antincendio progettazione in funzione dell incendio, della sua eventuale propagazione, e dell esodo degli occupanti. 68

69 CONSIGLI SCIA/RILASCI Completezza formale della documentazione da consegnare al Comando Sopralluogo preliminare del professionista (verifiche): Carico incendio (sostanze stoccate e/o utilizzate) protezione passiva impianti di protezione attiva corretta installazione e funzionamento dei dispositivi di sicurezza (comando di emergenza pulsanti allarme, sirene, segnalaz. ottica-acustica, rivelatori); Presidi antincendio e relativa segnaletica; Particolarità dell insediamento. 69

70 CONCLUSIONI Periodo di transizione Completezza formale della documentazione da consegnare al Comando. Ruolo del Professionista e responsabilità. Il futuro 70

71 Grazie per l attenzione Ai prossimi incontri. (To be continued.) dott. ing. Massimiliano RUSSO Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Cremona Ufficio Prevenzione Incendi Tel: ; Fax: PEC: 71

Giampietro BOSCAINO Direzione Centrale Prevenzione e Sicurezza Tecnica

Giampietro BOSCAINO Direzione Centrale Prevenzione e Sicurezza Tecnica Sportello Unico per le Attività Produttive (D.P.R. del 7 settembre 2010, n. 160) - Indirizzi applicativi di armonizzazione tra le procedure di prevenzione incendi ed il procedimento automatizzato di cui

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Gli adempimenti di Prevenzione Incendi con l entrata in vigore del d.p.r. 151/2011

Gli adempimenti di Prevenzione Incendi con l entrata in vigore del d.p.r. 151/2011 Gli adempimenti di Prevenzione Incendi con l entrata in vigore del d.p.r. 151/2011 Ing. Roberta Lala Direttore Antincendi Comando Provinciale VV.F. Lecce Contesto normativo di riferimento Nuove regole

Dettagli

DPR 151 del 01.08.2011. Novità e varianti introdotti rispetto alla normativa previgente

DPR 151 del 01.08.2011. Novità e varianti introdotti rispetto alla normativa previgente DPR 151 del 01.08.2011 Novità e varianti introdotti rispetto alla normativa previgente Ridefinizione delle attività soggette al controllo dei Vigili del Fuoco Allegato I del DPR 151/2011 Art. 2 comma 2

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI CAMBIA

LA PREVENZIONE INCENDI CAMBIA LA PREVENZIONE INCENDI CAMBIA D.P.R. 01 agosto 2011, n. 151 NORMATIVA E PROCEDURE La nuova normativa e le procedure per la prevenzione incendi e in particolare l arrivo della cosi detta Scia, segnano un

Dettagli

CIRCOLARE DIPARTIMENTO dei VIGILI del FUOCO, del SOCCORSO PUBBLICO e DELLA DIFESA CIVILE, n 3791 del 24 marzo 2011

CIRCOLARE DIPARTIMENTO dei VIGILI del FUOCO, del SOCCORSO PUBBLICO e DELLA DIFESA CIVILE, n 3791 del 24 marzo 2011 CIRCOLARE DIPARTIMENTO dei VIGILI del FUOCO, del SOCCORSO PUBBLICO e DELLA DIFESA CIVILE, n 3791 del 24 marzo 2011 Alle Direzioni Regionali ad Interregionali VV.F. Ai Comandi Provinciali W.F. LORO SEDI

Dettagli

I nuovi decreti applicativi

I nuovi decreti applicativi GIORNATA DI STUDIO: I NUOVI ADEMPIMENTI SULLA PREVENZIONE INCENDI Dalla semplificazione amministrativa alla gestione delle procedure I nuovi decreti applicativi Ing. Francesco Notaro, Nucleo Investigativo

Dettagli

DPR 151 del 01.08.2011 Nuovo regolamento di prevenzione incendi Emanazione il 22.09.2011 GU 221 Entrata in vigore 7.10.2011

DPR 151 del 01.08.2011 Nuovo regolamento di prevenzione incendi Emanazione il 22.09.2011 GU 221 Entrata in vigore 7.10.2011 DPR 151 del 01.08.2011 Nuovo regolamento di prevenzione incendi Emanazione il 22.09.2011 GU 221 Entrata in vigore 7.10.2011 Atti di successiva emanazione a) LCMI 4865 del 05.10.2011 a firma del Capo Dipartimento

Dettagli

La prevenzione incendi e la SCIA

La prevenzione incendi e la SCIA La prevenzione incendi e la SCIA Indice 1. D. Lgs 78/10: Introduzione della Segnalazione Certificata di Inizio attività (SCIA ) 2. Primo provvedimento: Il SUAP e il procedimento automatizzato 2.1 Nuovo

Dettagli

Studio Legale Salvemini. Corso di aggiornamento in prevenzione incendi art. 7 del D.M. 5 agosto 2011

Studio Legale Salvemini. Corso di aggiornamento in prevenzione incendi art. 7 del D.M. 5 agosto 2011 Studio Legale Salvemini Corso di aggiornamento in prevenzione incendi art. 7 del D.M. 5 agosto 2011 La nuova normativa antincendio prevista dal D.P.R. 1 agosto 2011 n. 151 Collegio dei Periti Industriali

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151. Meno carte Più sicurezza

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151. Meno carte Più sicurezza DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151 Meno carte Più sicurezza Ambito di riferimento DPR 151/2011 Prevenzione Incendi Legge 122/10 SCIA DPR 160/2010 Regolamento SUAP La novità Le

Dettagli

IL REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI DPR 1 AGOSTO 2011, N.151

IL REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI DPR 1 AGOSTO 2011, N.151 1 IL REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI DPR 1 AGOSTO 2011, N.151 2 IL PERCORSO LOGICO DELLA DISCUSSIONE L INQUADRAMENTO NORMATIVO IL DPR VERO E PROPRIO I DETTAGLI CONSIDERAZIONI 3 L INQUADRAMENTO esterno

Dettagli

Analisi degli articoli del nuovo regolamento. Cosa cambia rispetto a prima?

Analisi degli articoli del nuovo regolamento. Cosa cambia rispetto a prima? FONDAMENTI DELLA PREVENZIONE INCENDI Analisi degli articoli del nuovo regolamento. Cosa cambia rispetto a prima? Giuseppe Romano giuseppe.romano@vigilfuoco.it Ministero dell'interno Corpo Nazionale dei

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Le Attività Scolastiche rientrano nelle attività soggette ai controlli

Dettagli

Nuove procedure di prevenzione incendi

Nuove procedure di prevenzione incendi ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE Consulta INTERPROFESSIONALE Nuove procedure di prevenzione incendi Procedimenti nella presentazione di istanze concernenti i procedimenti

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

L esposizione viene articolata in tre sezioni:

L esposizione viene articolata in tre sezioni: L esposizione viene articolata in tre sezioni: 1-Approccio generale all innovazione 2-Approccio operativo 3- Comparazione 1 Approccio Generale all innovazione La prevenzione incendi in un paese che cambia..cambia?

Dettagli

Antincendio: resistenza e reazione al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi Verifiche e controlli del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco

Antincendio: resistenza e reazione al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi Verifiche e controlli del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco Antincendio: resistenza e reazione al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi Verifiche e controlli del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco Torino 23.10.2013 SCIA antincendio: adempimenti e verifiche

Dettagli

COMANDO VIGILI DEL FUOCO TREVISO

COMANDO VIGILI DEL FUOCO TREVISO INDIRIZZI APPLICATIVI DI ARMONIZZAZIONE TRA LE PROCEDURE DI PREVENZIONE INCENDI ED IL PROCEDIMENTO AUTOMATIZZATO DI CUI AI CAPI I, II, III, V, VI DEL REGOLAMENTO Relatore: Arch. Giuseppe COSTA COMANDO

Dettagli

La prevenzione incendi in un paese che cambia..cambia? La prevenzione cambia, forse..

La prevenzione incendi in un paese che cambia..cambia? La prevenzione cambia, forse.. La prevenzione incendi in un paese che cambia..cambia? La prevenzione cambia, forse.. Cagliari 26 gennaio 2012 Fabio Dattilo, Direttore Centrale Prevenzione e Sicurezza Tecnica, Cosa è la SCIA Come funziona

Dettagli

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI PARMA IL D.M. 7/8/2012 E LA NUOVA MODULISTICA

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI PARMA IL D.M. 7/8/2012 E LA NUOVA MODULISTICA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI PARMA IL D.M. 7/8/2012 E LA NUOVA MODULISTICA Parma, 10 dicembre 2012 DVD ing. Annalicia Vitullo MODULISTICA STANDARDIZZATA

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA 00187 Roma Via di San Basilio, 72 Tel. +39 06.42.00.84 Fax +39 06.42.00.84.44/5 www.cnpi.it

Dettagli

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito Prevenzione incendi: il Ministero dell Interno ha emanato chiarimenti in merito all applicazione del regolamento di semplificazione antincendio (lettera circolare del 18 aprile 2012 prot. n. 0005555) Canale:

Dettagli

La nuova modulistica per i procedimenti di Prevenzione Incendi

La nuova modulistica per i procedimenti di Prevenzione Incendi La nuova modulistica per i procedimenti di Prevenzione Incendi ing. Giampietro BOSCAINO Comando Provinciale VVF Taranto D.M.07/08/2012 - Con decreto del Direttore centrale per la prevenzione e sicurezza

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Procedure di prevenzione incendi relative ad attività a rischio di incidente rilevante. IL MINISTRO DELL INTERNO

Procedure di prevenzione incendi relative ad attività a rischio di incidente rilevante. IL MINISTRO DELL INTERNO DECRETO 19 marzo 2001 Procedure di prevenzione incendi relative ad attività a rischio di incidente rilevante. IL MINISTRO DELL INTERNO Visto il decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334, concernente «Attuazione

Dettagli

I Procedimenti di Prevenzione Incendi ed il SUAP (SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE) ing. Francesco CITRIGNO

I Procedimenti di Prevenzione Incendi ed il SUAP (SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE) ing. Francesco CITRIGNO I Procedimenti di Prevenzione Incendi ed il SUAP (SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE) ing. Francesco CITRIGNO COSENZA 7 novembre 2014 DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E

Dettagli

OGGETTO: Osservazioni D.P.R. 151 e lettera circolare 6.10.2011.

OGGETTO: Osservazioni D.P.R. 151 e lettera circolare 6.10.2011. 20121 MILANO - CORSO VENEZIA, 16 - TEL (02) 76004789 Spett. MINISTERO DELL INTERNO Milano, 8 novembre 2011 rif. 820038.285 K:\Ufficio\07 Documenti\Cipi\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

IL RACCORDO DELLE PROCEDURE ANTINCENDIO ASTI, 23 FEBBRAIO 2012

IL RACCORDO DELLE PROCEDURE ANTINCENDIO ASTI, 23 FEBBRAIO 2012 IL RACCORDO DELLE PROCEDURE ANTINCENDIO CON LE PROCEDURE SUAP ASTI, 23 FEBBRAIO 2012 Ing. Marco Cavriani Dirigente AREA I Coordinamento e Sicurezza D.P.R. 151 DEL 1.8.2011 art. 1 Definizioni LIMITATAMENTE

Dettagli

MINISTERO DELL' INTERNO

MINISTERO DELL' INTERNO MINISTERO DELL' INTERNO DECRETO 1 luglio 2014 Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio delle attivita' di demolizioni di veicoli e simili, con relativi depositi,

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

Corso base di prevenzione incendi

Corso base di prevenzione incendi Corso base di prevenzione incendi art. 16 comma 4 del DLgs 139/06 Presentazione a cura di Arch. Salvatore Longobardo Direttore Vice Dirigente Vigili del fuoco di Caserta specializzazione in prevenzione

Dettagli

Dipartimento dei Vigili del Fuoco Del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile

Dipartimento dei Vigili del Fuoco Del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Dipartimento dei Vigili del Fuoco Del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Vicenza Corso di aggiornamento su Evoluzione della Normativa di Prevenzione Incendi

Dettagli

IL NUOVO APPROCCIO AI PROCEDIMENTI DI PREVENZIONE INCENDI INCENDI

IL NUOVO APPROCCIO AI PROCEDIMENTI DI PREVENZIONE INCENDI INCENDI IL NUOVO APPROCCIO AI PROCEDIMENTI DI PREVENZIONE 05/12/2012 INCONTRO PREVENZIONE DVD Arch. Paolo CICIONE 1 Il nuovo elenco delle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi Allegato I DPR 151/

Dettagli

Procedimenti di prevenzione incendi più semplici e rapidi grazie allo Sportello Unico

Procedimenti di prevenzione incendi più semplici e rapidi grazie allo Sportello Unico SICUREZZA. Procedimenti di prevenzione incendi più semplici e rapidi grazie allo Sportello Unico GLI EFFETTI DELLA COLLABORAZIONE TRA REGIONE SARDEGNA E VIGILI DEL FUOCO Il regolamento per la semplificazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA approvato con D.C.C. n. 15 del 10/03/2014 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2 Abilitazione professionale e requisiti Art. 3 Luogo di svolgimento dell attività Art. 4

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Società di servizi aziendali professionali qualificati Pagina 1 di 2

Società di servizi aziendali professionali qualificati Pagina 1 di 2 UNI EN ISO 9001:2008 Reg. No:7766-A Società di servizi aziendali professionali qualificati Pagina 1 di 2 Centro Regionale AIESiL Associazione Italiana Imprese Esperte in Sicurezza sul Lavoro Alle Aziende

Dettagli

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato A TUTTI I R.S.P.P. LORO SEDI Casale Monf.to, 6 novembre 2000 Ns/rif. Doc. n. 04/00/02/01/082 Oggetto: Circolare informativa. Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato Responsabilità

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CROTONE Corso di specializzazione in Prevenzione Incendi PROGRAMMA CONFORME AL DM 05.08.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CROTONE Corso di specializzazione in Prevenzione Incendi PROGRAMMA CONFORME AL DM 05.08. a ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CROTONE Corso di specializzazione in Prevenzione Incendi PROGRAMMA CONFORME AL DM 05.0.011 ARGOMENTO ORE Obiettivi e fondamenti di prevenzione incendi DOCENTE

Dettagli

Corso base di prevenzione incendi. Arch. Salvatore Longobardo Direttore Vice Dirigente Vigili del fuoco

Corso base di prevenzione incendi. Arch. Salvatore Longobardo Direttore Vice Dirigente Vigili del fuoco Corso base di prevenzione incendi 1 specializzazione in prevenzione incendi NO Perché? ECESSITÀ Obiettivi e finalità PPORTUNITÀ 2 necessità iscrizione, a domanda, in appositi elenchi del Ministero dell

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Il dm 7 agosto 2012 e la gestione delle modifiche del rischio incendio nelle attività soggette al DPR 151/11.

Il dm 7 agosto 2012 e la gestione delle modifiche del rischio incendio nelle attività soggette al DPR 151/11. FORUM di PREVENZIONE INCENDI Il dm 7 agosto 2012 e la gestione delle modifiche del rischio incendio nelle attività soggette al DPR 151/11. Francesco Notaro Nucleo Investigativo Antincendi Milano 27 Settembre

Dettagli

La prevenzione incendi

La prevenzione incendi Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Direzione Regionale Emilia-Romagna Stabilimenti a rischio di incidente rilevante Nuova scheda tecnica (D.G.R. 392/2009: Direttiva per l applicazionel dell art. 2 della

Dettagli

Prevenzione Antincendio ed Evacuazione. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Prevenzione Antincendio ed Evacuazione. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Prevenzione Antincendio ed Evacuazione Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE LE PROCEDURE DI PREVENZIONE INCENDI. LE NOVITA DEL NUOVO REGOLAMENTO 10 CATEGORIA A Attività

Dettagli

D.P.R. 12/01/98, n 37 Gazzetta Ufficiale Italiana n 57 del 10/03/1998

D.P.R. 12/01/98, n 37 Gazzetta Ufficiale Italiana n 57 del 10/03/1998 D.P.R. 12/01/98, n 37 Gazzetta Ufficiale Italiana n 57 del 10/03/1998 IL NUOVO REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI SOMMARIO TESTO Art. 1. Oggetto del regolamento. Art. 2. Parere di conformità. Art. 3. Rilascio

Dettagli

Il Ministero dell Interno, con decreto 7 agosto 2012, «Disposizioni relative alle

Il Ministero dell Interno, con decreto 7 agosto 2012, «Disposizioni relative alle l Suddivise in sottoclassi le attività soggette ai controlli Semplificata la disciplina sulla prevenzione incendi Il Ministero dell Interno, con decreto 7 agosto 2012, «Disposizioni relative alle modalità

Dettagli

OBBLIGHI A CARICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI

OBBLIGHI A CARICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI OBBLIGHI A CARICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI dott. ing. Marco Di Felice Il 07/10/2011 è entrato in vigore il DPR 151/2011: Regolamento sulla semplificazione dei procedimenti

Dettagli

Lavori di: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DEL PROFESSIONISTA ABILITATO

Lavori di: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DEL PROFESSIONISTA ABILITATO Allegato alla Domanda di Agibilità DIA o PdiC. N del Lavori di: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DEL PROFESSIONISTA ABILITATO Io sottoscritto Comune di nascita Prov. Data di nascita Codice fiscale Partita IVA

Dettagli

uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità in fase di progettazione e di controllo

uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità in fase di progettazione e di controllo L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio e le procedure di deroga Ing. Gianfranco Tripi 06/09/2013 1 APPROCCIO PRESCRITTIVO VANTAGGI: uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità

Dettagli

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI dott. ing. Emilio Milano pagina 1 COS E LA PREVENZIONE INCENDI Decreto Legislativo 8 marzo 2006, n. 139 - Capo III - Art. 13 (S.O.G.U. Serie

Dettagli

SU@P. Comune di AFRAGOLA Servizio S.U.A.P. Attivazione del S.U.A.P. Telematico Informazioni sulle procedure telematiche

SU@P. Comune di AFRAGOLA Servizio S.U.A.P. Attivazione del S.U.A.P. Telematico Informazioni sulle procedure telematiche SU@P Comune di AFRAGOLA Servizio S.U.A.P. Attivazione del S.U.A.P. Telematico Informazioni sulle procedure telematiche Modalità di presentazione telematica delle istanze e delle SCIA La S.C.I.A. (Segnalazione

Dettagli

Autorimesse. Un progetto di prevenzione incendi per garantire la sicurezza degli utenti

Autorimesse. Un progetto di prevenzione incendi per garantire la sicurezza degli utenti Autorimesse Un progetto di prevenzione incendi per garantire la sicurezza degli utenti TABELLA 1 CLASSIFICAZIONE DELLE AUTORIMESSE N. attività secondo D.P.R. n. 151/2011 Descrizione attività 59 Autorimesse

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI

LA NUOVA NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVICIA DI ROMA Via Vittorio Emanuele Orlando, 83-00185 Roma LA NUOVA NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI 1 DECRETO 5 agosto 2011 G. U.: Giovedì 26 agosto 2011 D.P.R. 1 agosto

Dettagli

La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi

La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi Relatore: dott. ing. Mauro Piazza Softability srl Genova, 20 febbraio 2014 ANACI Associazione

Dettagli

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_01

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_01 N. identificativo marca da bollo La marca da bollo deve essere annullata e conservata in originale dal soggetto interessato AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso

Dettagli

Competenze del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco

Competenze del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco Competenze del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco Ing. Claudio Giacalone Comandante provinciale Vigili del fuoco di Belluno Nuove norme per l'organizzazione dei servizi antincendi Legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO

MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 3 agosto 2015 Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell'articolo 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139. (Gazzetta Ufficiale n. 192 del

Dettagli

Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP)

Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Provincia di Forlì-Cesena Comune di Forlì Comune di Cesena Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Normativa di riferimento D.P.R. 20 ottobre

Dettagli

Iter autorizzatorio Impianto di distribuzione carburanti

Iter autorizzatorio Impianto di distribuzione carburanti Categoria: Commercio Descrizione: Per impianto di distribuzione carburanti si intende un unico complesso commerciale costituito da uno o più apparecchi di erogazione per uso di autotrazione con le annesse

Dettagli

I servizi on line di prevenzione incendi

I servizi on line di prevenzione incendi I servizi on line di prevenzione incendi Stefano Marsella Il CAD - codice dell Amministrazione digitale (decreto legislativo n. 82 del 2005) prevede che: i servizi erogati dalle PA siano progressivamente

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI INCENDIO NEI CONDOMINI FILMATO ANACI ROMA TRIANGOLO DEL FUOCO PRIMA DOMANDA... L incendio scoppia nei condomini moderni... o anche nei condomini antichi? L incendio non ha età! ANACI ROMA Dove può scoppiare

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

FUTURE NOVITÀ SULLA SCIA IN EDILIZIA APPROVATE DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI IL 20 GENNAIO 2016 (NON ANCORA IN VIGORE) di Antonella Mafrica

FUTURE NOVITÀ SULLA SCIA IN EDILIZIA APPROVATE DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI IL 20 GENNAIO 2016 (NON ANCORA IN VIGORE) di Antonella Mafrica FUTURE NOVITÀ SULLA SCIA IN EDILIZIA APPROVATE DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI IL 20 GENNAIO 2016 (NON ANCORA IN VIGORE) di Antonella Mafrica Lo scorso 20 gennaio 2016 il Consiglio dei Ministri ha approvato

Dettagli

DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE

DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE 5512 25/06/2014 Identificativo Atto n. 497 DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE APPROVAZIONE DEL MODELLO UNICO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE,

Dettagli

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_02

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_02 N. identificativo marca da bollo La marca da bollo deve essere annullata e conservata in originale dal soggetto interessato AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso

Dettagli

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Confederazione italiana agricoltori DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Elenco non esaustivo, ma esemplificativo delle principali

Dettagli

FOCUS NORMATIVO LA PROTEZIONE AL FUOCO

FOCUS NORMATIVO LA PROTEZIONE AL FUOCO 18 FOCUS NORMATIVO FOCUS NORMATIVO FOCUS NORMATIVO FOCUS NORMATIVO FOCUS NORMATIVO LA PROTEZIONE AL FUOCO LA NUOVA NORMATIVA ANTINCENDIO D.M. 16.02.2007 Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE: SVILUPPI E PROSPETTIVE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE: SVILUPPI E PROSPETTIVE LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE: SVILUPPI E PROSPETTIVE DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE - DIREZIONE CENTRALE PER LA

Dettagli

O rdine degli Ingegneri della Provincia di Teramo

O rdine degli Ingegneri della Provincia di Teramo 9.00 13.00 Giorno Periodo Argomento Docente 20.03 23.03 24.03 27.03 30.03 Introduzione alla Prevenzione Incendi. Allegato I del D.M. 10 marzo 1998 (valutazione dei rischi di incendio nei luoghi di lavoro).

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA Gestione del rischio incendio e delle misure mitigative negli istituti scolastici

Dettagli

Ora un unico decreto: DPR 151/2011

Ora un unico decreto: DPR 151/2011 PREVENZIONE INCENDI DPR 151/2011 PREVENZIONE INCENDI Prima vi erano il DPR 37/98 e il DM 16.2.1982 Ora un unico decreto: DPR 151/2011 CHI E COMPETENTE? Al Corpo Nazionale dei VVF che è un organo del Ministero

Dettagli

Venezia 16 maggio 2012 Direzione per la Prevenzione Regione Veneto

Venezia 16 maggio 2012 Direzione per la Prevenzione Regione Veneto La normativa regionale finalizzata alla sicurezza delle manutenzioni in quota e alla definizione dei requisiti di salute e sicurezza degli insediamenti produttivi. Venezia 16 maggio 2012 Direzione per

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO approvato con D.C.C. n 17 del 10/03/2014 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2 Abilitazione professionale e requisiti Art. 3 Luogo di svolgimento dell attività Art. 4

Dettagli

requisiti di prevenzione incendi, senza pertanto attivare alcuna procedura di deroga/

requisiti di prevenzione incendi, senza pertanto attivare alcuna procedura di deroga/ dipvvf.dcprev.registro UFFICIALE.U.0017223.20-12-2013 DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE

Dettagli

C O M U N E D I G U B B I O

C O M U N E D I G U B B I O C O M U N E D I G U B B I O URBANISTICA, PIANIFICAZIONE AMBIENTALE E PATRIMONIO SERVIZIO URBANISTICA DICHIARAZIONE ASSEVERATA ALLEGATA ALLA RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA ai sensi dell art. 30 della

Dettagli

Direttore Vicedirigente ing. Mario De Bona DIREZIONE REGIONALE VV.F. - BASILICATA

Direttore Vicedirigente ing. Mario De Bona DIREZIONE REGIONALE VV.F. - BASILICATA Direttore Vicedirigente ing. Mario De Bona DIREZIONE REGIONALE VV.F. - BASILICATA Le Attività Scolastiche rientrano nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi da parte dei Vigili del Fuoco

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza.

Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza. Modena - 11 ottobre 2012 Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza. Il punto sugli obblighi e le scadenze Dott.Ing. Michele

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive - Corso Sangallo, 38 52048 (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del Comune - SUAP ONLINE

Dettagli

Le Leggi Regionali per la prevenzione delle cadute dall alto durante gli interventi sulle coperture degli edifici Roma 4 Aprile 2012

Le Leggi Regionali per la prevenzione delle cadute dall alto durante gli interventi sulle coperture degli edifici Roma 4 Aprile 2012 Le Leggi Regionali per la prevenzione delle cadute dall alto durante gli interventi sulle coperture degli edifici Roma 4 Aprile 2012 Ing. Irene Chirizzi REGIONE TOSCANA Direzione Generale Diritti di cittadinanza

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE DI PROCEDIMENTO UNICO (art.5 e 7 D.P.R. 07/09/2010 n.160, art.19 L. 241/1990 e s.m.i.).

RICHIESTA ATTIVAZIONE DI PROCEDIMENTO UNICO (art.5 e 7 D.P.R. 07/09/2010 n.160, art.19 L. 241/1990 e s.m.i.). Al Comune di n. Pratica SUAP Sportello Unico Attività Produttive del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica RICHIESTA ATTIVAZIONE DI PROCEDIMENTO UNICO (art.5 e 7 D.P.R. 07/09/2010 n.160, art.19

Dettagli

ENTRATA IN VIGORE DELLE NORME IN MATERIA DI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI NEGLI EDIFICI (D.M.22/01/2008 N.37).

ENTRATA IN VIGORE DELLE NORME IN MATERIA DI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI NEGLI EDIFICI (D.M.22/01/2008 N.37). Comune di Modena Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia Via Santi 60 - Tel. 059/203.2224 - Fax 059/203.2164 E-mail giovanni.villanti@comune.modena.it Il Dirigente Responsabile del Settore Modena,

Dettagli

La normativa vigente e le nuove sfide che Il Professionista Antincendio è chiamato ad affrontare Dalla legge 818 alla Prevenzione Incendi 2014

La normativa vigente e le nuove sfide che Il Professionista Antincendio è chiamato ad affrontare Dalla legge 818 alla Prevenzione Incendi 2014 La normativa vigente e le nuove sfide che Il Professionista Antincendio è chiamato ad affrontare Dalla legge 818 alla Prevenzione Incendi 2014 Luciano Nigro Roma, 18 giugno 2014 IL PROFESSIONISTA ANTINCENDIO.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Qualità dell' Aria

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Qualità dell' Aria REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA Qualità dell' Aria Proposta nr. 53 del 12/10/2015 - Determinazione nr. 2409 del 14/10/2015 OGGETTO: D.Lgs n. 152/06 e s.m.i. e DPR 59/2013 Autorizzazione

Dettagli

Prevenzione Incendi. Perché scegliere AntiFuocus. Elaborati prodotti da AntiFuocus

Prevenzione Incendi. Perché scegliere AntiFuocus. Elaborati prodotti da AntiFuocus Il vantaggio di una soluzione unica, integrata ed omogenea. Unica interfaccia per tutte le attività: più semplice l integrazione delle diverse attività, più veloci l input dei dati e la lettura dei risultati.

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO ITE Bassi in collaborazione con Federamministratori Corso per amministratori condominiali SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO Relatore: Dott. Ing. Donati Bassano PRINCIPALI LEGGI E NORMATIVE Legge 220/12:

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998 CPI

D.M. 10 marzo 1998 CPI D.M. 10 marzo 1998 CPI La prevenzione incendi: Norme di riferimento Il D.lgs 81/08 prevede che, fermo restando quanto previsto dal D.lgs 139/2006, dovranno essere adottati uno o più decreti in cui siano

Dettagli

IL MOMENTO LEGALE DI AVVIO DELLE ATTIVITA SOGGETTE A S.C.I.A. La prestazione di un servizio anche di natura intellettuale e/o professionale dietro

IL MOMENTO LEGALE DI AVVIO DELLE ATTIVITA SOGGETTE A S.C.I.A. La prestazione di un servizio anche di natura intellettuale e/o professionale dietro IL MOMENTO LEGALE DI AVVIO DELLE ATTIVITA SOGGETTE A S.C.I.A. La prestazione di un servizio anche di natura intellettuale e/o professionale dietro corrispettivo o remunerazione è disciplinata dalla c.d.

Dettagli

l PROCEDIMENTI DELL'EDILIZIA PRODUTTIVA

l PROCEDIMENTI DELL'EDILIZIA PRODUTTIVA l PROCEDIMENTI DELL'EDILIZIA PRODUTTIVA Verona, 27 novembre 2012 Marina Coin Quadro normativo generale LEGGE 241/1990 D.P.R. 380/2001 Legge 73/2010 (art. 6 DPR 380/01) D.P.R. 160/2010 Legge 122/2010 (art.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri IL CONSIGLIO DEI MINISTRI NELLA RIUNIONE DEL 10 APRILE 2015 VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

G e o rice rch e S.a.s. Gestione ambiente

G e o rice rch e S.a.s. Gestione ambiente G e o rice rch e S.a.s. Gestione ambiente REVAMPING CON UNIFICAZIONE IN UN UNICO POLO IMPIANTISTICO DEGLI IMPIANTI STENA TECHNOWORLD SITI IN COMUNE DI ANGIARI (VR) PER OTTIMIZZAZIONE / IMPLEMENTAZIONE

Dettagli

Testo unico sicurezza, le modifiche introdotte D.L. 151/2015 Tecnici&Professione Associazione Nazionale Donne Geometra

Testo unico sicurezza, le modifiche introdotte D.L. 151/2015 Tecnici&Professione Associazione Nazionale Donne Geometra Razionalizzazione e Semplificazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro Testo unico sicurezza, le modifiche introdotte D.L. 151/2015 Tecnici&Professione Associazione Nazionale Donne Geometra Il

Dettagli

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Lecce COMUNE DI Progetto per la semplificazione amministrativa C O N V E N Z I O N E T R A - la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

nato/a a Prov. il / / residente in: Comune Prov. C.A.P. indirizzo n. tel. @mail/pec Comune Prov. C.A.P. Indirizzo n. tel. codice fiscale/partita IVA

nato/a a Prov. il / / residente in: Comune Prov. C.A.P. indirizzo n. tel. @mail/pec Comune Prov. C.A.P. Indirizzo n. tel. codice fiscale/partita IVA Mod. A -1 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 Legge 241/90 e ss.mm.ii. e del D.L. 22.06.12, n. 83, convertito con modificazioni dalla L. n. 134/2012) DATI ANAGRAFICI

Dettagli