MALARIA IN ITALIA FINE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MALARIA IN ITALIA FINE"

Transcript

1 MALARIA NEL MONDO La malaria è una parassitosi trasmessa all uomo da zanzare E una delle principali cause di morte nel mondo Attualmente circa il 46% della popolazione mondiale vive in aree dove la malattia è presente in forma endemica La mortalità è elevata nelle zone tropicali e subtropicali dove il plasmodio predominante è P. Falciparum

2

3

4

5 MALARIA IN ITALIA FINE 800: la prevalenza della malaria in Italia raggiungeva il 70% la mortalità era elevata soprattutto 1 metà 900: drastica riduzione della malattia grazie al chinino di stato e alla bonifica delle grandi aree palustri Dopoguerra: campagna antianofelica con il DDT 1970: l OMS include l Italia tra le nazioni libere da malaria ATTUALMENTE: il problema della diffusione della malaria in Italia è legato a 2 fattori: -IMMIGRAZIONE -VIAGGI degli italiani in paesi tropicali

6

7

8

9

10

11 PLASMODIUM FALCIPARUM ZONE TROPICALI E SUBTROPICALI MALARIA TERZANA MALIGNA CICLO ERITROCITARIO DI 48h PLASMODIUM VIVAX ZONE TROPICALI, SUBTROPICALI E TEMPERATE MALARIA TERZANA BENIGNA CICLO ERITROCITARIO DI 48h RECIDIVE DA IPNOZOITI PLASMODIUM OVALE AFRICA TROPICALE MALARIA TERZANA BENIGNA CICLO ERITROCITARIO DI 48h RECIDIVE DA IPNOZOITI PLASMODIUM MALARIAE ZONE TROPICALI E SUBTROPICALI MALARIA QUARTANA CICLO ERITROCITARIO DI 72h

12

13

14 CLINICA MALARIA TERZANA MALIGNA Incubazione 7-14 giorni Esordio brusco con febbre elevata, cefalea, brividi, artralgie Defervescenza febbrile con sodurazione profusa Febbre inizialmente irregolare che acquisisce nei giorni successivi una periodicità a giorni alterni (48h) Possibilità di ATTACCO PERNICIOSO con stato stuporoso, coma, emorragie cerebrali puntiformi ed eventualmente morte MALARIA TERZANA BENIGNA Incubazione giorni Periodicità degli accessi 48h Sintomi meno gravi rispetto alla terzana maligna, non si verificano forme perniciose Possibilità di RECIDIVE anche a lunga distanza di tempo (5-10 anni) per riattivazione degli ipnozoiti MALARIA QUARTANA Incubazione da giorni a 6-8 mesi Periodicità degli accessi 72h Non si verificano recidive Sono state descritte forme croniche latenti a bassa parassitemia

15 DIAGNOSI DI MALARIA Viene comunemente effettuata con metodo diretto su preparati microscopici di sangue periferico: -GOCCIA SPESSA: permette la determinazione della positività di un vetrino -STRISCIO SOTTILE: permette la diagnosi di specie I vetrini vengono colorati con il metodo GIEMSA ed osservati al microscopio con obiettivo 100X METODI DIRETTI Test immunocromatografici Test molecolari METODI INDIRETTI Test immunologici

16

17

18 PROFILASSI COMPORTAMENTALE -INDOSSARE INDUMENTI DI COLORE CHIARO, CON MANICHE LUNGHE E CALZE SPESSE -ZANZARIERE ALLE FINESTRE -ZANZARIERE DA LETTO -DISINFESTAZIONE DELLE STANZE CON NEBULIZZAZIONE DI INSETTICIDI MEZZI MECCANICI E CHIMICI -ZANZARIERE -SPIRALI FUMIGENE -ELETTROEMANATORI A PIASTRINA -ELETTROEMANATORI A CARICA LIQUIDA -REPELLENTI

19 FARMACI ANTIMALARICI SCHIZONTICIDI TISSUTALI: PRIMACHINA efficaci contro la forma esoeritrocitaria primaria di P. Falciparum e P. Vivax e contro gli ipnozoiti di P. Vivax e P. Ovale. UTILIZZO: PROFILASSI CAUSALE TERAPIA DELLE RECIDIVE SCHIZONTICIDI EMATICI: CLOROCHINA, CHININA, MEFLOCHINA; sono anche dotati di azione schizonticida PIRIMETAMINA, PROGUANIL, SULFAMIDICI e, in basso grado, PRIMACHINA attivi contro la fase eritrocitaria del ciclo UTILIZZO: PROFILASSI TERAPIA SOPPRESSIVA DEGLI ATTACCHI ACUTI GAMETOCIDI: PRIMACHINA distruggono le forme sessuate di tutti e quattro i plasmodi nel sangue UTILIZZO: LIMITAZIONE DELL INFEZIONE NELLE AREE ENDEMICHE SPORONTOCIDI: PIRIMETAMINA, CLOROGUANIDE Inibiscono la formazione delle oocisti e degli sporozoiti del parassita nelle zanzare UTILIZZO: LIMITAZIONE DELL INFEZIONE NELLE AREE ENDEMICHE

20

21

22 CLOROCHINA, IDROSSICLOROCHINA, AMODIACHINA Derivati 4-aminochinolinici SPETTRO D AZIONE: schizonticidi ematici efficaci negli stadi eritrocitari della malattia MECCANISMO D AZIONE: -entrano nei globuli rossi e bloccano la trascrizione e la sintesi proteica protozoarie - si accumulano nei vacuoli alimentari degli schizonti ematici ed inibiscono la emepolimerasi che interviene nella detossificazione della ferroprotoporfirina IX (metabolita tossico dell emoglobina), con conseguente tossicità per il parassita Utilizzo clinico: - non più consigliata nel trattamento attacchi acuti da P. Falciparum, né nel trattamento delle forme in cui la specie non sia nota o delle forme miste -trattamento attacchi acuti da P. Malariae - trattamento attacchi acuti da P. Vivax e P. Ovale in associazione con primachina - profilassi contro P. Vivax, P. Ovale e P. Falciparum clorochina sensibile -trattamento artrite reumatoide e lupus eritematoso sistemico -trattamento amebiasi

23 FARMACOCINETICA: Somministrazione per os e via parenterale Per os ben assorbito Piccco di assorbimento max 3h Vd (l) T1/2 3-5 gg Escrezione urinaria Parenterale: endovenosa lenta a piccole dosi crescenti, IM EFFETTI COLLATERALI: Lievi (a basse dosi): vertigini, cefalea, disturbi dell accomodazione visiva, vomito, prurito, rush cutaneo Gravi (sovradosaggio): retinopatia progressiva, ototossicità, miopatia, lesioni cutanee, scompenso e arresto cardiaco CONTROINDICAZIONI: Alterazioni della retina e del campo visivo; psoriasi e porfiria RESISTENZA: Ceppi di P. Falciparum resistenti in Asia e in America Centrale e Meridionale Alcuni ceppi clorochina-resistenti sono sensibili all AMODIACHINA

24 MEFLOCHINA derivato 4- chinolinmetanolico MECCANISMO D AZIONE: - possibile induzione di un danno a livello della membrana del parassita SPETTRO D AZIONE: schizonticida ematico efficace negli stadi eritrocitari della malattia indotta da P. Falciparum (anche ceppi clorochina-resistenti) e P. Vivax. Non attivo contro i gametociti di P. Falciparum e la fase epatica di P. Vivax Utilizzo clinico: -trattamento degli attacchi acuti da P. Falciparum nei ceppi resistenti alla clorochina - profilassi dell infezione da P. Falciparum clorochina-resistenti e da P. Malariae - profilassi dell infezione da P. Vivax e P. Ovale in associazione con primachina (che combatte la fase epatica)

25 FARMACOCINETICA: Somministrazione per os Picco di assorbimento max 7-24h Estesa distribuzione tissutale (anche SNC) T ½ 13-33gg Inattivato nel fegato Escrezione fecale EFFETTI COLLATERALI: Disturbi gastrointestinali, prurito Extrasistoli (effetto chinidino-simile sul cuore) Cefalea, vertigini, capogiri, disorientamento fino ad allucinazioni e depressione CONTROINDICAZIONI: Gravidanza Storia di epilessia e malattie psichiatriche Aritmie e disturbi della conduzione cardiaca INTERAZIONE CON ALTRI FARMACI: No in associazione con chinina, chinidina e alofantrina Interferisce con gli anticonvulsivanti

26 PRIMACHINA Derivato 8-aminochinolinico MECCANISMO D AZIONE: interferisce con il metabolismo energetico mitocondriale del plasmodio SPETTRO D AZIONE: schizonticida tissutale efficace negli stadi esoeritrocitari della malattia; gametocida Usi clinici: - profilassi terminale della malaria da P. Vivax e P. Ovale (primachina + clorochina) - cura radicale della malaria acuta da P. Vivax e P. Ovale (primachina + clorochina) - recidive date da ipnozoiti di P. Vivax e P. Ovale - limitazione della diffusione della malattia

27 FARMACOCINETICA: Somministrazione per os Ben assorbito Picco di assorbimento max 1-2 h T ½ 3-8h Biotrasformazione tramite ossidazione in composti con attività schizonticida e gametocida Escrezione urinaria e fecale EFFETTI COLLATERALI: Lievi: nausea, crampi addominali, cefalea Gravi (rari): leucopenia, agranulocitosi, emolisi; anemia emolitica in soggetti con carenza di glucoso 6 fosfato deidrogenasi CONTROINDICAZIONI: Primo trimestre di gravidanza Allattamento Carenza di glucoso 6 fosfato deidrogenasi Non va somministrata per via parenterale (provoca ipotensione)

28

29 PROGUANIL 2-4 diaminopirimidina MECCANISMO D AZIONE: - inibitore della diidrofolatoreduttasi SPETTRO D AZIONE: schizonticida ematico e sporontocida; Utilizzato per: - profilassi dell infezione sostenuta da tutti i ceppi FARMACOCINETICA: Somministrazione per os Picco di assorbimento max 5h T ½ 16 h Metabolismo epatico (profarmaco; metabolita attivo; cicloguanil) Escrezione urinaria

30 PIRIMETAMINA 2-4 diaminopirimidina In associazione con sulfodossina (Fansidar) In associazione con dapsone (Maloprim) MECCANISMO D AZIONE: - pirimetamina: inibitore della diidrofolatoreduttasi - sulfodossina, dapsone: inibitori della diidropteroato sintetasi SPETTRO D AZIONE: schizonticida ematico e sporontocida; Utilizzato per: - profilassi dell infezione sostenuta da tutti i ceppi - trattamento degli attacchi acuti da P. Falciparum nei ceppi resistenti alla clorochina (Fansidar trattamento in singola dose) - trattamento della toxoplasmosi (in combinazione con un sulfamidico)

31 FARMACOCINETICA: somministrazione per os Picco di assorbimento max 2-6h T1/2 3gg Metabolismo epatico Escrezione urinaria EFFETTI COLLATERALI: Dosi elevate: dovuti all interferenza con il metabolismo dell acido folico; anoressia, vomito, anemia, leucopenia, trombocitopenia e glossite atrofica. Sovradosaggio acuto: interessamento del SNC con comparsa di convulsioni

32 CHININA Alcaloide, derivato dalla corteccia di varie specie di cincona MECCANISMO D AZIONE: - possibile azione tossica nei confronti dei meccanismi nutrizionali del parassita -possibile legame al DNA a doppio filamento con conseguente inibizione della separazione delle eliche, inibizione della trascrizione e della sintesi proteica SPETTRO D AZIONE: schizonticida ematico efficace negli stadi eritrocitari della malattia. Uso clinico: - trattamento degli attacchi acuti da P. Falciparum nei ceppi resistenti alla clorochina - trattamento parenterale della malaria grave da P. Falciparum sia in ceppi resistenti sia in ceppi sensibili

33 FARMACOCINETICA: Somministrazione per os Picco di assorbimento max 1-3h T ½ 7-12 h, 8-21h nei soggetti infetti Metabolizzato nel fegato Escrezione urinaria Somministrazione parenterale (infusione lenta o IM) EFFETTI COLLATERALI: Irritazione della mucosa gastrointestinale Ipoglicemia Leucopenia, agranulocitosi, porpora trombocitopenica (rare) Emolisi (carenza di G6PD) Sovradosaggio: cinconismo ( tinniti, cefalea, nausea, alterazioni del visus) Depressione cardiaca Febbre ittero-emoglobinurica

34 CONTROINDICAZIONI: Gravidanza Neurite ottica, miastenia grave Carenza di G6PD INTERAZIONE CON ALTRI FARMACI: No in associazione con meflochina Aumento delle concentrazioni sieriche di digossina Aumento dell azione degli anticogulanti Gli antiacidi che contengono alluminio ritardano l assorbimento della chinina

35 CHNIDINA stereoisomero della chinina USO CLINICO: terapia parenterale della malaria grave EFFETTI COLLATERALI: cardiotossicità

36

37 FARMACI ALTERNATIVI Tetracilclina DOXICICLINA Attiva contro l infezione da P. Falciparum poliresistente Non attiva contro la fase epatica SPETTRO D AZIONE: - profilassi in Thailandia e nei paesi adiacenti - attacco acuto in associazione con chinina EFFETTI COLLATERALI: -disturbi gastrointestinali, fotosensibilizzazione, -vaginiti da candida

38 ALOFANTRINA Composto fenatren-metanolico SPERTTRO D AZIONE: attivo per os verso tutti e quattro i composti malarici USO CLINICO: -trattamento dell infezine da P. Falciparum poliresistente EFFETI COLLATERALI: Prolungamento dell intervallo QT e PR CONTROINDICAZIONI: Gravidanza, difetti della conduzione cardiaca INTERAZIONI FARMACOLOGICHE: in associazione con meflochina viene potenziata l azione aritmica

39 CHEMIOPROFILASSI DELLA MALARIA Gli schemi profilattici vanno valutati caso per caso tenendo conto dei seguenti punti: 1) Entità del rischio malarico, dipende dalle diverse zone di endemia e dalla durata dell esposizione al rischio malarico 2) Scelta del farmaco, che deve essere appropriato per la zona in cui il viaggiatore si reca. L OMS ha suddiviso le zone di endemia in 3 fasce: A) Messico e Centramerica, Turchia, Paesi Transcaucasici della ex Unione Sovietica, Medio Oriente e parte della penisola arabica; ceppo predominante: P. Vivax; farmaco di scelta: clorochina B) Sub continente Indiano e paesi insulari dell Oceano Indiano; farmaco di scelta: clorochina e proguanil C) Africa, Sud America, Sud-Est Asiatico e Nuova Guinea; farmaco di scelta: meflochina (area di confine Cambogia, Thailandia, Myanmar:dossiciclina)

40 3) Durata della profilassi, l assunzione di farmaci antimalarici a dose singola settimanale deve essere iniziata almeno una settimana prima del viaggio, proseguire durante tutto il periodo del soggiorno e per quattro settimane dopo la fine del viaggio La profilassi con farmaci a cadenza giornaliera va iniziata un giorno prima 4) Possibili effetti collaterali e controindicazioni dei farmaci, La profilasi con meflochina dovrebbe essere iniziata due o tre settimane prima della partenza per evidenziare eventuali effetti collaterali e poter considerare possibili alternative A donne in gravidanza e bambini vanno prescritti farmaci e posologie specifiche

41

42

Distribuzione geografica

Distribuzione geografica Aree di endemia malarica 1 3 milioni di morti all anno Fattori favorenti: clima (piogge-caldo); densità zanzare; mobilità delle popolazioni Distribuzione geografica Aree tropicali e subtropicali: Africa

Dettagli

Plasmodium, di cui le 4 specie principali patogene per l uomo sono P. falciparum, P.

Plasmodium, di cui le 4 specie principali patogene per l uomo sono P. falciparum, P. Malaria Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus Eziologia La malaria è una malattia parassitaria causata da protozoi appartenenti al genere Plasmodium, di cui le 4 specie principali patogene per l uomo

Dettagli

Malaria: stato dell arte e prospettive future

Malaria: stato dell arte e prospettive future Malaria: stato dell arte e prospettive future Chemioprofilassi antimalarica nel bambino Vania Giacomet Struttura di Infettivologia Pediatrica Dipartimento di Pediatrica AO L Sacco Direttore Prof Zuccotti

Dettagli

La malaria: profilassi ed epidemiologia dott.fulvio Zorzut Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste

La malaria: profilassi ed epidemiologia dott.fulvio Zorzut Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste La malaria: profilassi ed epidemiologia dott.fulvio Zorzut Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste La malaria è una malattia che è trasmessa da un uomo malato

Dettagli

7.- MALARIA. Cos'è. Cosa la provoca. Come si trasmette. Periodo di incubazione

7.- MALARIA. Cos'è. Cosa la provoca. Come si trasmette. Periodo di incubazione 7.- MALARIA (Questo materiale è stato elaborato a scopo informativo/didattico e non è sostitutivo delle consulenze mediche. Per necessità specifiche fare riferimento al proprio medico o al sistema sanitario

Dettagli

FARMACI ANTIPROTOZOARI

FARMACI ANTIPROTOZOARI FARMACI ATIPRTZARI I PRTZI sono microrganismi unicellulari animali Si differenziano dai batteri per: ucleo cromosomico Citoplasma differenziato Strutture specializzate per il movimento e per l alimentazione

Dettagli

Viaggiare sicuri: prevenzione e trattamento della malaria

Viaggiare sicuri: prevenzione e trattamento della malaria Viaggiare sicuri: prevenzione e trattamento della malaria Merqurio 5 Ago 2014 a cura di: Ivan Gentile, Medico Virologo Revisione e adattamento: Maria De Chiaro, Laureata in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche

Dettagli

FARMACI PER PROFILASSI MALARIA: Lariam, Malarone o altro?

FARMACI PER PROFILASSI MALARIA: Lariam, Malarone o altro? FARMACI PER PROFILASSI MALARIA: Lariam, Malarone o altro? Ci sono diversi aspetti da tenere in considerazione quando si sceglie un farmaco come profilassi per la malaria: I farmaci consigliati per la prevenzione

Dettagli

Plasmodium spp. G Di Bonaventura, PhD Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Plasmodium spp. G Di Bonaventura, PhD Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara Plasmodium spp G Di Bonaventura, PhD Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara Phylum: Apicomplexa Classe: Sporozoea Presenza di un complesso apicale (attività lisosomiale di rhoptries e micronemi) e

Dettagli

CHEMIOTERAPICI ANTIVIRALI

CHEMIOTERAPICI ANTIVIRALI CHEMIOTERAPICI ANTIVIRALI Farmaci contro i virus erpetici (analoghi nucleosidici = ANTIMETABOLITI) ACICLOVIR (herpes simplex e herpes zoster) VALACICLOVIR (profarmaco dell aciclovir) PENCICLOVIR (herpes

Dettagli

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze B. B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa

Dettagli

Corso di Chemioterapia

Corso di Chemioterapia Corso di Chemioterapia Università di Chieti-Pescara Facoltà di Farmacia Dipartimento di Farmacia Prof. Giustino Orlando ANNO ACCADEMICO 2012-13 Parassiti Organismi che si accrescono a spese di un altro

Dettagli

Corso di Chemioterapia

Corso di Chemioterapia Corso di Chemioterapia Università di Chieti-Pescara Facoltà di Farmacia Dipartimento di Farmacia Prof. Giustino Orlando ANNO ACCADEMICO 2012-13 Localizzazione patologie Parassiti Organismi che si accrescono

Dettagli

In entrambe le sezioni vi sono domande a scelta multipla e domande aperte.

In entrambe le sezioni vi sono domande a scelta multipla e domande aperte. Facoltà di Agraria UNIPD Precorso Biologia 2011 Verifica le tue competenze Leggi attentamente il testo e rispondi alle domande che seguono. Le domande sono divise in due sezioni: le domande di competenza

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali Ufficio III ex DGRUERI MALARIA Malaria Informativa n. 94 Dicembre

Dettagli

Informazioni per i pazienti. Cosa dovete sapere sulla malaria

Informazioni per i pazienti. Cosa dovete sapere sulla malaria Informazioni per i pazienti Cosa dovete sapere sulla malaria In breve gli aspetti importanti sollevare questa pagina. Patienteninformation Informazioni per i pazienti Importante Poiché la malaria è una

Dettagli

Contro. Speciale viaggi. facciamoci in in. Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare

Contro. Speciale viaggi. facciamoci in in. Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare Contro la la zanzara tigre tigre Speciale viaggi 4 facciamoci in in 4 Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare conosciamo meglio le malattie

Dettagli

Plasmodium spp: la malaria

Plasmodium spp: la malaria Plasmodium spp: la malaria causata da protozoi appartenenti al phylum Apicomplexa, ordine Haemosporida i protozoi vivono intracellularmente (globuli rossi) dove in modo caratteristico producono un pigmento,

Dettagli

Il globe trotter non si esima dalla necessaria cautela anti malaria

Il globe trotter non si esima dalla necessaria cautela anti malaria Malattie infettive Il globe trotter non si esima dalla necessaria cautela anti malaria Renato Rossi Medicina generale Verona LA STORIA Anopheles included? L aumentata propensione delle persone a recarsi

Dettagli

Profilassi dell infezione malarica

Profilassi dell infezione malarica Focus on Profilassi dell infezione malarica Francesco Castelli, Fabio Buelli Clinica di Malattie Infettive e Tropicali, Università di Brescia Introduzione e note di epidemiologia La malaria (nome internazionale

Dettagli

OSSERVATORIO. Il punto sulla terapia antimalarica

OSSERVATORIO. Il punto sulla terapia antimalarica 65 Il punto sulla terapia antimalarica di Giampietro Pellizzer* A metà del cammino del Mdg (Millennium Development Goal), la segreteria del Roll Back Malaria Partnership ha ritenuto utile ricordare che

Dettagli

INTERFERONE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

INTERFERONE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI INTERFERONE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2013-2014. malaria

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2013-2014. malaria UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2013-2014 malaria Protozoi ematici e tissutali Plasmodium spp Babesia spp Toxoplasma gondii

Dettagli

Teofillina: meccanismo d azione 1

Teofillina: meccanismo d azione 1 Teofillinici Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze Bernard B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa Maria Del Zompo 1 Teofillina 3 HC N

Dettagli

Evoluzione delle malattie legate alla povertà. Dipartimento di Biologia, Università di Roma Tor Vergata

Evoluzione delle malattie legate alla povertà. Dipartimento di Biologia, Università di Roma Tor Vergata Evoluzione delle malattie legate alla povertà M. Fraziano, M. Fuciarelli Dipartimento di Biologia, Università di Roma Tor Vergata La triade epidemiologica: l intersezione tra vettore-ospite/patogeno/ambiente

Dettagli

La malaria tra passato e presente

La malaria tra passato e presente La malaria tra passato e presente Che cose è la malaria? La malaria è una malattia causata da un protozoo parassita, il plasmodio, che vive e si riproduce alternativamente nel sangue umano e in diverse

Dettagli

Zika virus: domande a risposte

Zika virus: domande a risposte Zika virus: domande a risposte 1. LA MALATTIA Che cos è la malattia da Zika virus? Zika è una malattia causata dal virus Zika che appartiene alla famiglia dei Flaviviridae. Non è un nuovo virus. E stato

Dettagli

13.4. Gli effetti dell'etanolo comprendono a. aumento del sonno REM b. aumento della secrezione gastrica c. (a e b) d. (nessuna delle precedenti)

13.4. Gli effetti dell'etanolo comprendono a. aumento del sonno REM b. aumento della secrezione gastrica c. (a e b) d. (nessuna delle precedenti) 56 13. Alcol etilico - Proprietà farmacologiche, effetti collaterali, usi clinici. - Farmacocinetica. - Intossicazione acuta e cronica e loro trattamento. - Dipendenza e sindrome da astinenza, loro trattamento.

Dettagli

Febbre al rientro da Malindi, Kenya

Febbre al rientro da Malindi, Kenya Febbre al rientro da Malindi, Kenya Una giovane coppia di fidanzati (26 anni lui, 23 anni lei) sono rientrati da una settimana da un viaggio a Malindi, Kenya, durato quindici gg. Non hanno effettuato alcuna

Dettagli

retina macula La macula è la parte centrale della retina. Essa consente la visione dei colori ed il riconoscimento di dettagli come ad es. la lettura.

retina macula La macula è la parte centrale della retina. Essa consente la visione dei colori ed il riconoscimento di dettagli come ad es. la lettura. retina macula La macula è la parte centrale della retina. Essa consente la visione dei colori ed il riconoscimento di dettagli come ad es. la lettura. 2 Questa è l immagine schematica della macula sana.

Dettagli

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali Chiara Liera Centro di Riferimento Regionale per i Viaggiatori Internazionali S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Caratteristiche

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

LA MALARIA. Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino Università di Firenze

LA MALARIA. Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino Università di Firenze LA MALARIA Esther, 11 mesi nata in Italia da genitori nigeriani seguita presso l Unità di Malattie Infettive perché nata da madre HIV+: 2 PCR per HIV-RNA negative Western blot à quasi completamente negativizzata

Dettagli

CHEMIOTERAPIA ANTIPROTOZOARIA TRATTAMENTO DELLA MALARIA

CHEMIOTERAPIA ANTIPROTOZOARIA TRATTAMENTO DELLA MALARIA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CHEMIOTERAPIA ANTIPROTOZOARIA TRATTAMENTO DELLA MALARIA Prof.ssa Maura Palmery EPIDEMIOLOGIA E LA PIU IMPORTANTE PARASSITOSI CON 500 MILIONI DI NUOVI CASI CLINICI L ANNO (90%

Dettagli

IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Malaria nella Regione Veneto Dati al 31 dicembre 2009

Malaria nella Regione Veneto Dati al 31 dicembre 2009 Malaria nella Regione Veneto Dati al 31 dicembre 2009 STRUTTURE COMPETENTI Direzione Prevenzione Servizio Sanità Pubblica e Screening REDAZIONE A CURA DI Dr. Francesca Pozza Dr. Cinzia Piovesan Dr. Francesca

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

Giornata informativa per acconciatori, estetisti, tatuatori Sanremo 30 Novembre 2015. Introduzione. Dr. Marco Mela

Giornata informativa per acconciatori, estetisti, tatuatori Sanremo 30 Novembre 2015. Introduzione. Dr. Marco Mela Giornata informativa per acconciatori, estetisti, tatuatori Sanremo 30 Novembre 2015 Introduzione Dr. Marco Mela Obiettivo Sanità Pubblica Prevenzione primaria: Ridurre la frequenza di nuovi casi di malattia

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLA MALARIA

EPIDEMIOLOGIA DELLA MALARIA Assessorato politiche per la salute EPIDEMIOLOGIA DELLA MALARIA IN EMILIA-ROMAGNA 1999-2010 Servizio Sanità Pubblica - Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali - Regione Emilia-Romagna Il rapporto

Dettagli

Alcol, gravidanza e allattamento

Alcol, gravidanza e allattamento Alcol 0 Giornata di studio 1 aprile 2015 Azienda Ospedaliero-Universitaria careggi-firenze Dr Maurizio Fontanarosa - Maternità di Careggi Alcol, gravidanza e allattamento Spettro dei disordini feto-alcolici

Dettagli

Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza

Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza FARMACOVIGILANZA QUETIAPINA ZENTIVA 25 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM QUETIAPINA ZENTIVA 100 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM QUETIAPINA ZENTIVA 200 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM QUETIAPINA ZENTIVA 300

Dettagli

Modello mono-compartimentale

Modello mono-compartimentale Modello mono-compartimentale Cinetica di invasione (cinetica di I ordine): [1] C ( t) D V D (1 e C (t) = concentrazione plasmatica al tempo t D=dose assorbibile K V D =volume di distribuzione all equilibrio

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

Chemioprofilassi anti-malarica

Chemioprofilassi anti-malarica Chemioprofilassi anti-malarica Il ricorso alla chemioprofilassi antimalarica si pone allorché, in relazione ad una valutazione del rischio ambientale e occupazionale per le aree di presumibile impiego,

Dettagli

INTRODUZIONE E BIBLIOGRAFIA

INTRODUZIONE E BIBLIOGRAFIA INTRODUZIONE E BIBLIOGRAFIA 2.400.000.000 persone (il 40% della popolazione mondiale) vivono in paesi a rischio malaria. Si stima che nel mondo colpisca ogni anno dai 300 ai 500 milioni di persone. Il

Dettagli

8. Parte IV: Sviluppo di un sistema multi-cinetico e sito specifico per

8. Parte IV: Sviluppo di un sistema multi-cinetico e sito specifico per 8. Parte IV: Sviluppo di un sistema multi-cinetico e sito specifico per la terapia combinata della malaria 8.1 Patogenesi della malaria La malaria è una tra le malattie più diffuse al mondo. Nelle aree

Dettagli

EPATITI ACUTE E CRONICHE IL CONCETTO DI EPATITE

EPATITI ACUTE E CRONICHE IL CONCETTO DI EPATITE EPATITI ACUTE E CRONICHE IL CONCETTO DI EPATITE Epatite = epatocitonecrosi + flogosi in tutto il fegato EPATITE ACUTA CRONICA da varie cause EPATITI ACUTE: EZIOLOGIA NON INFETTIVA ALCOOL TOSSICI - funghi

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

DETERMINAZIONE V&A n. 970 del 10 luglio 2012

DETERMINAZIONE V&A n. 970 del 10 luglio 2012 ALLEGATO 2 GLICINA DETERMINAZIONE V&A n. 970 del 10 luglio 2012 RIASSUNTODELLECARATTERISTICHEDELPRODOTTO 1.DENOMINAZIONEDELMEDICINALE Glicina1,5%soluzioneperirrigazione 2.COMPOSIZIONEQUALITATIVAEQUANTITATIVA

Dettagli

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché

Dettagli

Epidemiologia della malaria di importazione in Italia e nel Veneto negli ultimi anni: un quadro in mutamento

Epidemiologia della malaria di importazione in Italia e nel Veneto negli ultimi anni: un quadro in mutamento AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Aggiornamenti in tema di medicina dei viaggi Epidemiologia della malaria di importazione in Italia e nel Veneto negli ultimi anni: un quadro in mutamento

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevenzione e controllo della malaria d importazione in Italia. Roberto Romi, Daniela Boccolini, Giancarlo Majori

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevenzione e controllo della malaria d importazione in Italia. Roberto Romi, Daniela Boccolini, Giancarlo Majori ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevenzione e controllo della malaria d importazione in Italia Roberto Romi, Daniela Boccolini, Giancarlo Majori Laboratorio di Parassitologia ISSN 1123-3117 Rapporti ISTISAN

Dettagli

FARMACI ANTIMALARICI. Facoltà di Farmacia e Medicina Corso di Laurea in Farmacia Anno Accademico 2014/2015

FARMACI ANTIMALARICI. Facoltà di Farmacia e Medicina Corso di Laurea in Farmacia Anno Accademico 2014/2015 Facoltà di Farmacia e Medicina Corso di Laurea in Farmacia Anno Accademico 2014/2015 Corso di Chimica Farmaceutica e Tossicologia I (A-L) Prof. Romano Silvestri FARMACI ANTIMALARICI Sara Passacantilli

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ACICLOVIR ABC 800 mg COMPRESSE ACICLOVIR ABC 400 mg/5 ml SOSPENSIONE ORALE 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Aciclovir

Dettagli

Allegato III. Modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo

Allegato III. Modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo Allegato III Modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo Nota: Queste modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche

Dettagli

Utilizzano fenomeni di

Utilizzano fenomeni di Risposte attuate dalla popolazione Cambiamenti della struttura del genoma ADATTAMENTI GENETICI (a lungo termine) La risposta adattativa consiste nel cambiamento del tipo di geni disponibili, accumulatisi

Dettagli

I protozoi. lamblia, Entamoeba histolytica) - penetrazione diretta o per puntura di artropodi (Plasmodium

I protozoi. lamblia, Entamoeba histolytica) - penetrazione diretta o per puntura di artropodi (Plasmodium I protozoi Microrganismi unicellulari ad organizzazione eucariotica,, con dimensioni variabili tra 2 e 100 m. Alcuni protozoi richiedono due o più specie ospiti nel loro ciclo vitale: ospite definitivo

Dettagli

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON L Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) IMPORTANTI INFORMAZIONI DI SICUREZZA BUFLOMEDIL

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON L Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) IMPORTANTI INFORMAZIONI DI SICUREZZA BUFLOMEDIL NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON L Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) Febbraio 2010 IMPORTANTI INFORMAZIONI DI SICUREZZA BUFLOMEDIL Nuove informazioni di sicurezza relative ai medicinali contenenti

Dettagli

45. Appendice 4: malaria

45. Appendice 4: malaria 1 45. Appendice 4: malaria I edizione (vale per tutto il capitolo) 45. Appendice 4: malaria...1 45.1. EZIOLOGIA DELLA MALARIA... 3 45.1.1. Agente eziologico: sono quattro le specie di Plasmodium che infettano

Dettagli

Ferro funzionale: mioglobina, enzimi i respiratori Ferro di deposito: ferritina, emosiderina Ferro di trasporto: transferrina

Ferro funzionale: mioglobina, enzimi i respiratori Ferro di deposito: ferritina, emosiderina Ferro di trasporto: transferrina L anemia sideropenica (cause ed effetti) FERRO (Fe) TIPOLOGIE NELL ORGANISMO Ferro funzionale: emoglobina, mioglobina, enzimi i respiratori i Ferro di deposito: ferritina, emosiderina Ferro di trasporto:

Dettagli

LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO (LES)

LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO (LES) Una malattia quasi rara, che richiede tre anni per una risposta: il lupus LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO (LES) ROLANDO PORCASI Responsabile Medico Area Immunologia GSK Verona Una malattia quasi rara, che

Dettagli

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ;

Dettagli

Università degli studi di Bologna

Università degli studi di Bologna Università degli studi di Bologna Master in tossicologia forense Giugno 2013 Franco Cantagalli USI ALTERNATIVI DELLE BENZODIAZEPINE Lormetazepam in gocce 1 Analisi chimica benzodiazepina composto insaturo

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

La terapia antiepilettica è esclusivamente sintomatica:

La terapia antiepilettica è esclusivamente sintomatica: ANTIEPILETTICI La terapia antiepilettica è esclusivamente sintomatica: i farmaci antiepilettici riducono la frequenza e la severità delle crisi convulsive in pazienti affetti da epilessia. DEFINIZIONI

Dettagli

Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012

Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012 Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012 DIFESA DELL ORGANISMO IMMUNITA INNATA IMMUNITA ACQUISITA Immunità innata IMMUNITA ACQUISITA IMMUNITA CELLULO-MEDIATA IMMUNITA UMORALE

Dettagli

L integrazione in gravidanza

L integrazione in gravidanza L integrazione in gravidanza Dr. Italo Guido Ricagni Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari in gravidanza

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Quali sono i segni e i sintomi del Lupus?

Quali sono i segni e i sintomi del Lupus? Dott. Lorenzo Bettoni Sito web: www.lorenzobettoni.it E-mail: info@lorenzobettoni.it Quali sono i segni e i sintomi del Lupus? Il lupus è una malattia che può coinvolgere tutti i distretti corporei e,

Dettagli

Ministero della Sanità

Ministero della Sanità Ministero della Sanità Circolare n. 14 del 11 novembre 1997 LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLA MALARIA INTRODUZIONE La malaria è una malattia infettiva causata da protozoi del genere

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

ASI DELL AZIONE DI UN FARMACO

ASI DELL AZIONE DI UN FARMACO ASI DELL AZIONE DI UN FARMACO Fase farmaceutica: caratterizzata dalla disponibilità farmaceutica, cioè dalla capacità della forma farmaceutica (capsule, compresse, supposte, soluzioni, aerosoli ) a cedere

Dettagli

RICHIESTA DI INSERIMENTO DI UN NUOVO FARMACO NEL PRONTUARIO TERAPEUTICO REGIONALE

RICHIESTA DI INSERIMENTO DI UN NUOVO FARMACO NEL PRONTUARIO TERAPEUTICO REGIONALE 1 FARMACO PROPOSTO: RICHIESTA DI INSERIMENTO DI UN NUOVO FARMACO NEL PRONTUARIO TERAPEUTICO REGIONALE Denominazione e principio attivo: Eurartesim (diidroartemisinina + piperachina tetrafosfato) Diidroartemisinina

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza FARMACOVIGILANZA FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza Le modifiche agli stampati sono conseguenti alla Determinazione

Dettagli

Una corretta nutrizione é estremamente importante in gravidanza: bambini nato sottopeso (<2-2.4 kg) malattie gravi durante l infanzia.

Una corretta nutrizione é estremamente importante in gravidanza: bambini nato sottopeso (<2-2.4 kg) malattie gravi durante l infanzia. Fabbisogno energetico in gravidanza Una corretta nutrizione é estremamente importante in gravidanza: bambini nato sottopeso (

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

Malaria nella Regione Veneto Dati al 31 dicembre 2013

Malaria nella Regione Veneto Dati al 31 dicembre 2013 Malaria nella Regione Veneto Dati al 31 dicembre 2013 STRUTTURE COMPETENTI Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria Settore Promozione e Sviluppo Igiene e Sanità Pubblica REDAZIONE A CURA DI Dr. Filippo

Dettagli

ETANOLO. Tuttavia influenza sia positivamente che negativamente diverse funzioni fisiologiche.

ETANOLO. Tuttavia influenza sia positivamente che negativamente diverse funzioni fisiologiche. L etanolo, nonostante l elevato valore energetico, non può essere considerato un nutriente poiché: non svolge una funzione plastica non è essenziale. Tuttavia influenza sia positivamente che negativamente

Dettagli

ModiÞ cazione dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale per uso umano «Pentasa»

ModiÞ cazione dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale per uso umano «Pentasa» ModiÞ cazione dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale per uso umano «Pentasa» Estratto determinazione UVA/N/V n. 902 del 16 aprile 2010 Titolare AIC: FERRING S.P.A. (codice fiscale

Dettagli

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI CISPLATINO POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI SSD Terapia del Dolore e Cure Palliative USO DEGLI ANALGESICI Scegliere e e via somministrazione s o più semplice Seguire la scala degli analgesici dell OMS Somministrare

Dettagli

Farmaci antiepilettici

Farmaci antiepilettici Farmaci antiepilettici Epilessia Diffusione dell epilessia per 100.000 less than 50 50-72.5 72.5-95 95-117.5 117.5-140 140-162.5 162.5-185 185-207.5 207.5-230 230-252.5 252.5-275 more than 275 EPILESSIA

Dettagli

Farmaci antiepilettici

Farmaci antiepilettici Farmaci antiepilettici EPILESSIA EZIOLOGIA DELL EPILESSIA EPILESSIA 1. Idiopatiche: non riconducibili a cause evidenti 2. Sintomatiche: esistenza di una causa primaria Danni Vascolari Traumi Malformazioni

Dettagli

Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice PATOLOGIA INFETTIVA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012

Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice PATOLOGIA INFETTIVA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012 Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice 1 PATOLOGIA INFETTIVA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012 2 PREVALENZA HIV L assunzione di droga per via venosa è responsabile del 30% delle infezioni al

Dettagli

VINCRISTINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VINCRISTINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VINCRISTINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

Allegato III. Emendamenti ai relativi paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e al foglio illustrativo

Allegato III. Emendamenti ai relativi paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e al foglio illustrativo Allegato III Emendamenti ai relativi paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e al foglio illustrativo 39 A. Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto 4.1 Indicazioni terapeutiche

Dettagli

ll consumo di bevande alcoliche durante la gravidanza e l allattamento può avere effetti dannosi sulla salute del bambino.

ll consumo di bevande alcoliche durante la gravidanza e l allattamento può avere effetti dannosi sulla salute del bambino. NON BERE BEVANDE ALCOLICHE IN GRAVIDANZA ED IN ALLATTAMENTO U.O. Consultorio Familiare Distretto n 1 e n 2 Ostetrica t CRISTINA FILIPPI Ostetrica BIANCA PIVA 1 Non bere bevande alcoliche in gravidanza

Dettagli

Effetti degli steroidi topici. Corticosteroidi topici. Attività antinfiammatoria non specifica. Attività antimitotica 14.1.2009

Effetti degli steroidi topici. Corticosteroidi topici. Attività antinfiammatoria non specifica. Attività antimitotica 14.1.2009 Corticosteroidi topici 14.1.2009 Effetti degli steroidi topici! Si tratta dei farmaci più frequentemente prescritti e usati in ambito dermatologico.! Attività antinfiammatoria! Attività antimitotica! Attività

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Numa Pedrazzetti Farmacista F.P.H. Spec. F.P.H. Istituti di cura Contesto generale Invecchiamento della popolazione over 65 il 6% nel 1900 16% nel 2000

Dettagli

FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE

FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE ACIDO = molecola contenente atomi di idrogeno capaci di rilasciare in soluzione ioni idrogeno (H( + ) BASE = ione o molecola che può accettare uno ione idrogeno

Dettagli

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA Documento approvato nella seduta della Commissione PTR del 18.04.07 assorbimento L assorbimento di alcuni farmaci può La ridotta acidità intragastrica Alterazioni

Dettagli

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITE B Il virus dell epatite B (Hbv) è un virus a Dna Resiste nell ambiente, ma è sensibile ai disinfettanti comuni (ipoclorito di sodio) EPATITE

Dettagli

Psicofarmacologia -2 TIZIANA SCIARMA

Psicofarmacologia -2 TIZIANA SCIARMA Psicofarmacologia -2 TIZIANA SCIARMA Disturbi dell Umore Depressione Ipomania Mania Disturbi dell Umore Disturbo Bipolare Tipo I Tipo II Misto A cicli rapidi Mania = >>>> flusso ionico attraverso i canali

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

Profilassi antimalarica in Asia e America Latina: linee guida vs. stato dell arte

Profilassi antimalarica in Asia e America Latina: linee guida vs. stato dell arte Corso Prevenzione della malaria e della febbre gialla: l evoluzione delle linee guida Torino, 23.05.2011 Profilassi antimalarica in Asia e America Latina: linee guida vs. stato dell arte Franco Giovanetti

Dettagli

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

CHEMIO- IMMUNOTERAPIA DEI TUMORI SUPERFICIALI DELLA VESCICA

CHEMIO- IMMUNOTERAPIA DEI TUMORI SUPERFICIALI DELLA VESCICA CHEMIO- IMMUNOTERAPIA DEI TUMORI SUPERFICIALI DELLA VESCICA Circa il 70% dei carcinomi vescicali di prima diagnosi sono confinati alla mucosa o alla lamina propria e vengono definiti carcinomi superficiali.

Dettagli