CAMPIONAMENTO DEL SUOLO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAMPIONAMENTO DEL SUOLO"

Transcript

1 CAMPINAMENT DEL SUL Metodo Nei tre anni di durata del progetto è stato effettuato un solo campionamento del suolo da tutte le 6 AdS di Livello IIA-B, esattamente tra la fine di Maggio e Giugno Il campionamento è stato effettuato mediante l apertura di 4 buche nella zona tampone attorno all area stessa; in ciascuna AdS è stata effettuata la descrizione di un profilo, mentre i campioni sono stati prelevati da tutte le quattro buche e successivamente mischiati, orizzonte per orizzonte e profondità per profondità, al fine di costituire un campione omogeneo (Fig. 1). punti di campionamento suolo cm cm Area di Saggio cm cm 2-20 m 0-25 m cm campione omogeneo profilo esaminato Fig. 1 Rappresentazione schematica della procedura di campionamento attuata per ciascuna AdS. A destra la sequenza di strati da cui sono stati prelevati i campioni. Descrizione dei profili La Fig.2 riporta una descrizione schematica dei profili esaminati descritti in dettaglio di seguito. Con l eccezione del Teso e di Cala Violina, i suoli presentano scarsa differenziazione: agli orizzonti ed segue generalmente un orizzonte A indifferenziato. 20 cm A1 A2.1 A2.2 Teso Vallombrosa Colognole Cala Violina Ulignano Amiata Fig. 2 - Rappresentazione schematica dei profili esaminati nelle sei AdS. 105

2 Foresta del Teso, AdS 01 rizzonti organici rizzonti minerali 1: limite inferiore cm 4; lineare; stato poco umido. Materiali: foglie, rametti, imsetti. Alterazione: moderata 2: limite inferiore cm 8; lineare; stato umido. Radici piccole, humus. Alterazione: notevole. Attività biologica: discreta. A1: limite inferiore cm 15; chiaro, ondulato. Stato umido. Colore terreno umido: 7.5YR3/2, bruno nerastro; colore terreno secco 7.5YR5/2, bruno grigiastro. Sostanza organica abbondante, intimamente associata alla frazione minerale. di campagna: 4. Carbonati assenti. A2.1: limite inferiore cm 40, limite chiaro, lineare. Stato umido. Colore del suolo umido 7.5YR3/4, bruno scuro; colore del terreno secco 7.5YR5/4, bruno smorto. Screziature assenti, scheletro presente; tessitura sciolta; struttura granulare fine, debolmente sviluppata. di campagna: radici fino a 5 cm di diametro abbastanza comuni. A2.2: limite inferiore > 80 cm. Stato poco umido. colore suolo umido 10YR3/4, bruno; colore del suolo secco 10YR6/4, giallo arancio spento. Tessitura sciolta; struttura debolmente sviluppata. di campagna: Foresta di Vallombrosa, AdS 02 rizzonti organici rizzonti minerali Colognole, AdS 03 rizzonti organici rizzonti minerali 1: limite inferiore cm 3. Costituito da foglie cadute, più o meno recenti, più o meno decolorate e rametti di piccole dimensioni. Alterazione biologica debole. Stato poco umido. 2: limite inferiore cm 5. Limite chiaro e lineare. sostanza organica costituita da humus. A: limite inferiore >80 cm. Colore del suolo umido 7.5YR4/6 bruno; colore del suolo secco 7.5YR4/6 bruno. Stato poco umido. Screziature assenti. Scheletro assente. Tessitura sciolta, friabile. Struttura grumosa, fine, debolmente sviluppata. radici abbondanti, fini e medie. di campagna: : limite inferiore 2 cm, lineare abrupto. Stato poco umido. Alterazione scarsa o assente. materiali: foglie e parti legnose indecomposte. 2: limite inferiore 4 cm, lineare e chiaro. Stato poco umido. Alterazione notevole. Materiali: humus A: limite inferiore 70 cm, interrotto da pietre (rocce verdi) di diversa dimensione. Stato poco umido. Colore del suolo umido 7.5YR3/3 bruno scuro; colore del suolo secco 7.5YR4/4 bruno. Scheletro abbondante, tessitura da 106

3 franco argillosa a franco sabbiosa. Struttura poliedrica subangolare media. Aggregazione sviluppata. Radici comuni, piccole e medie. di campagna: Ulignano, AdS 04 rizzonti organici rizzonti minerali 1: limite inferiore cm 2, abrupto, lineare. Stato molto poco umido. Materiale organico costituito da foglie e rametti. Alterazione moderata. Attività biologica moderata. 2: limite inferiore cm 4, abrupto, lineare. Stato molto poco umido. Materiale costituito da humus. Attività biologica discreta, alterazione notevole. A: limite inferiore tra 60 ed 80 cm. Stato molto poco umido. Colore del suolo umido 10YR5/4, bruno giallastro; colore del suolo secco 10YR6/4 giallo arancio smorto. Screziature poco frequenti, oblique, brune. Tessitura argillosa, compatta. Struttura prismatica media-forte. Radici fino a 2 mm poco abbondanti. di campagna Molto scarsamente calcareo. Amiata, AdS 05 rizzonti organici rizzonti minerali Cala Violina, AdS 06 1: limite inferiore cm 2, chiaro, ondulato. Stato poco umido. Materiali costituiti da foglie e rametti indecomposti; alterazione assente o moderata. 2: limite inferiore cm 4, chiaro, ondulato. Materiale organico di decomposizione; alterazione moderata. Stato umido. A: limite inferiore > 80 cm. Stato umido. Colore del suolo umido da 10YR6/4 giallo arancio smorto a 10 YR5/4 giallo bruno; colore del suolo secco da 10YR8/3 giallo arancio chiaro a 10YR7/4 gialloarancio smorto. Screziature comuni, ben distinte, di circa 15 mm grigiastre. Scheletro assente, tessitura mediamente compatta, franco argillosa. Struttura media, poliedrica subangolare. Aggregazione moderata forte. radici abbondanti su tutto il profilo. di campagna: Carbonati: da non calcareo a moto scarsamente calcareo. rizzonto organici 1: limite inferiore cm 2, chiaro abrupto. Alterazione della sostanza organica da assente a moderata; stato poco umido. Materiali costituiti da foglie indecomposte, parti legnose, amenti. 2: limite inferiore cm 3, chiaro abrupto. Alterazione della sostanza organica moderata. Stato poco umido. Materiali: humus. rizzonti minerali A: limite inferiore cm 20-25, diffuso, irregolare. Stato poco umido. Colore del suolo umido 7.5YR3/2 nero brunastro; colore del suolo secco 7.5YR4/3 bruno. 107

4 Screziatura assente. Scheletro assente. Tessitura sciolta, struttura media, grumosa. sggregazione debolmente sviluppata. di campagna: carbonati assenti. Caratterizzazione chimica dei suoli Nelle Figg e nella Tab. 1 sono riportati i parametri chimici comuni alle 6 AdS di Livello IIA. Le faggete e leccete sono piuttosto omogenee tra loro, mentre esiste una considerevole diversità tra le cerrete. Le faggete hanno i nettamente più bassi plot, no. Min-Max 25%-75% Median value Fig. 3 - Valori di ai vari siti. 01: Teso; 02: Vallombrosa; 03: Colognole; 04: Ulignano; 05: Amiata; 06: Cala Violina. In un analisi più dettagliata dell andamento del con la profondità del profilo si registrano però delle leggere differenziazioni tra le diverse aree. AdS 01 e 02, faggio Il dei suoli delle faggete del Teso e Vallombrosa è simile e, con l esclusione dell orizzonte organico, decisamente acido (Fig. 4). Il degli orizzonti minerali diminuisce leggermente spostandosi dalla superficie agli 80 cm. I valori registrati sono decisamente bassi e compresi tra il 3.5 ed

5 Foresta Teso Vallombrosa Fig. 4 - (2) dei suoli nelle faggete del Teso (AdS 01) e di Vallombrosa (AdS 02) prelecati a varie profondità (in cm sull asse Y. AdS 04 e 05, cerro I valori di dei suoli delle cerrete mostrano considerevoli diversità, con l esclusione dell orizzonte (Fig. 5). Ad Ulignano il si mantiene tra 5.5 e 6.5, con un tendenziale aumento all aumentare della profondità del suolo. In Amiata i valori sono nettamente più bassi, compresi tra 3.5 e 4.5, con uuna diminuzione all aumentare della profondità. Ulignano Amiata Fig. 5 - (2) dei suoli nelle cerrete di Ulignano (AdS 04) e dell Amiata (AdS 05) prelevati a varie profondità (in cm sull asse Y). AdS 03 e 06, leccio I valori di registrati nei suoli delle due leccete sono generalmente subacidi, compresi tra 5.5 e 6.0 a Colognole (AdS 03) e tra 5.0 e 5.6 a Cala Violina (AdS 06) (Fig. 6). Il degli orizzonti organici è simile; nei confronti degli orizzonti minerali, si assiste ad una sostanziale stabilità del a Colognole ed a una progressiva diminuzione con l aumentare della profondità a Cala Violina. 109

6 Colognole Cala Violina Fig. 6 - (2) dei suoli nelle leccete di Colognole (AdS 03) e di Cala Violina (AdS 02) prelevati a varie profondità in cm sull asse Y. Principali elementi L azoto totale negli orizzonti organici è simile in tutte le aree (Fig. 7), anche se i valori al Teso appaiono lievemente superiori. I valori mediani di N negli orizzonti minerali sono superiori al Teso (Fig. 8) Norg, g/kg plot, no. Min-Max Median value Fig. 7- Azoto totale negli orizzonti organici. 01: Teso; 02: Vallombrosa; 03: Colognole; 04: Ulignano; 05: Amiata; 06: Cala Violina. 110

7 Ntot, g/kg Min-Max 25%-75% Median value plot, no. Fig. 8 - Azoto totale negli orizzonti minerali. 01: Teso; 02: Vallombrosa; 03: Colognole; 04: Ulignano; 05: Amiata; 06: Cala Violina. Scarse differenze sono rilevabili tra le varie AdS nei confronti del carbonio, sia negli orizzonti minerali che organici (Figg. 9 e 10) Corg, g/kg plot, no. Min-Max Median value Fig Carbonio negli orizzonti organici. 01: Teso; 02: Vallombrosa; 03: Colognole; 04: Ulignano; 05: Amiata; 06: Cala Violina. 111

8 Cmin, g/kg plot, no. Min-Max 25%-75% Median value Fig Carbonio negli orizzonti minerali. 01: Teso; 02: Vallombrosa; 03: Colognole; 04: Ulignano; 05: Amiata; 06: Cala Violina. Per quanto riguarda fosforo, potassio, calcio e magnesio, i dati in Tab. 1 evidenziano che: per le faggete, a Vallombrosa i livelli di potassio e calcio sono inferiori rispetto al Teso, mentre il magnesio appare più elevato; per le cerrete, in Amiata i livelli di potassio, calcio e magnesio sono inferiori rispetto ad Ulignano, per le leccete, a Colognole i livelli di fosforo, potassio e soprattutto calcio sono inferiori rispetto a Cala Violina, mentre il magnesio è nettamente superiore. Dai dati della Tab. 2 inoltre è evidente che: nei confronti dei metalli, l area di Colognole presenta i valori mediani più elevati di ferro, nichel, rame, cromo e alluminio e valori più bassi di manganese cadmio. Scarse differenze sono evidenti tra le AdS nei confronti del piombo; nei confronti della capacità di scambio cationico e degli elementi scambiabili, Vallombrosa presenta i valori superiori di acidità, ed i valori inferiori di potassio, calcio, e magnesio (sempre più elevati a Colognole). I valori di fosforo sono superiori a Vallombrosa, mentre cloruri e solfati non evidenziano differenze sostanziali tra le aree. 112

9 Tab. 1 - Analisi chimiche del suolo nelle 6 AdS di Livello II.A. Area strato Ntot Corg P 2 5 K 2 0 Ca Mg unit g/kg g/kg mg/kg g/kg g/kg g/kg Teso mediana Vallombrosa mediana Ulignano mediana Amiata mediana Ntot Corg P 2 5 K 2 0 Ca Mg Cala Violina mediana Colognole mediana

10 114

11 Tab.2 - Concentrazioni dei vari analiti a diverse profondità nei suoli delle tre AdS di Livello IIB. Area strato Na Fe Ni Mn Cu Cr Zn Cd Pb Al CEC AcExch Kexch Na.exch Caexch Mgexch S4 Cl P25 g/kg g/kg g/kg g/kg mg/kg mg/kg mg/kg mg/kg mg/kg mg/kg meq/100g meq/100g meq/100g meq/100g meq/100g meq/100g g/kg g/kg mg/kg Vallombrosa media n Na Fe Ni Mn Cu Cr Zn Cd Pb Al CEC AcExch Kexch Na.exch Caexch Mgexch S4 Cl P25 Amiata media n Na Fe Ni Mn Cu Cr Zn Cd Pb Al CEC AcExch Kexch Na.exch Caexch Mgexch S4 Cl P25 CaMg.exc Colognole media n 114.

IPLA spa - Settore Suolo 2 Sistema Informativo Pedologico

IPLA spa - Settore Suolo 2 Sistema Informativo Pedologico ARGENTERA franco-fine, fase tipica ARG1 Distribuzione geografica e pedoambiente I suoli Argentera si rinvengono su un vasto areale che spazia,da San Ponzo Canavese a San Benigno(tra Malone e Orco);tra

Dettagli

ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1

ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1 ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1 Distribuzione geografica e pedoambiente Aree poste all'interno di fondivalle collinari nelle immediate vicinanze dei rii o piccoli torrenti che li solcano. Si tratta

Dettagli

Verbale di campionamento del suolo

Verbale di campionamento del suolo V. Allegati Regione Campania Assessorato all Agricoltura Verbale di campionamento del suolo Comune codice ISTAT Coordinate geografiche: UTM-Est Sigla identificazione del campione codice rilevatore codice

Dettagli

La valutazione della fertilità del terreno attraverso l osservazione: utilità della Prova della Vanga. Luca Conte - Agroecologo

La valutazione della fertilità del terreno attraverso l osservazione: utilità della Prova della Vanga. Luca Conte - Agroecologo La valutazione della fertilità del terreno attraverso l osservazione: utilità della Prova della Vanga Luca Conte - Agroecologo La valutazione della fertilità del terreno attraverso l osservazione: la Prova

Dettagli

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, PROTEZIONE CIVILE E TURISMO Settore Servizi alle Imprese Agricole GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO Laboratorio Regionale Analisi Terreni e Produzioni

Dettagli

Le analisi chimiche del suolo: uno strumento indispensabile per un agricoltura di qualità

Le analisi chimiche del suolo: uno strumento indispensabile per un agricoltura di qualità Le analisi chimiche del suolo: uno strumento indispensabile per un agricoltura di qualità Emanuela Tarabbia Le analisi agrochimiche del suolo hanno acquisito, in particolare negli ultimi anni, un valore

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

Caratterizzazione chimico fisica delle biomasse legnose

Caratterizzazione chimico fisica delle biomasse legnose Caratterizzazione chimico fisica delle biomasse legnose Rossana Cerioni SIBE Srl Spin-Off dell Università Politecnica delle Marche BIOENERGY - Verona, 4 febbraio 2010 COMPONENTI DELLA BIOMASSA SOLIDA Aspetti

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura 1 Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi

Dettagli

La determinazione del ph

La determinazione del ph La determinazione del ph Claudio Marzadori, Claudio Ciavatta Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali (DiSTA) Università di Bologna Bologna 31/03/2011 La revisione dei metodi ufficiali di analisi

Dettagli

Correttivi. 1.1. Classificazione granulometrica: per i correttivi calcio-solfo-magnesiaci è adottata la seguente classificazione granulometrica.

Correttivi. 1.1. Classificazione granulometrica: per i correttivi calcio-solfo-magnesiaci è adottata la seguente classificazione granulometrica. ALLEGATO 3 (previsto dall articolo 1, comma 1, lettera b) Correttivi 1. PREMESSA 1.1. : per i correttivi calcio-solfo-magnesiaci è adottata la seguente classificazione. 1.1.1. Prodotto polverulento: almeno

Dettagli

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Paolo Giandon ARPAV - Servizio Suoli Riferimenti normativi Relazione fra pratiche agricole, in particolare fertilizzazione,

Dettagli

LA TERRA E LA CHIMICA: LA TAVOLA PERIODICA DEGLI ELEMENTI ELEMENTI E COMPOSTI

LA TERRA E LA CHIMICA: LA TAVOLA PERIODICA DEGLI ELEMENTI ELEMENTI E COMPOSTI I.I.S. A. PACINOTTI IST. TECNICO STATALE INDUSTRIALE Antonio PACINOTTI IST. TECNICO STATALE per GEOMETRI "Giorgio MASSARI" http://www.iispacinottive.it/ Via Caneve, n. 93 30173 - Mestre (VE) tel. 041 5350355

Dettagli

Regione Friuli Venezia Giulia azienda dimostrativa EUROAGRICOLA di Denis Paron. Localizzazione

Regione Friuli Venezia Giulia azienda dimostrativa EUROAGRICOLA di Denis Paron. Localizzazione Localizzazione Legenda: azienda agricola dimostrativa Euroagricola di Denis Paron area di progetto (soil region di Italia: 18.7-18.8) I SUOLI DELL AZIENDA L azienda gestisce terreni in ambienti di bassa

Dettagli

Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze

Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze A. Migliori a,b, P. Bonanni a, L. Carraresi a, N. Grassi a, P.A. Mandò a a Dipartimento di Fisica dell

Dettagli

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO METALLI FERROSI I metalli ferrosi sono i metalli e le leghe metalliche che contengono ferro. Le leghe ferrose più importanti sono l acciaio e la ghisa. ACCIAIO: lega metallica costituita da ferro e carbonio,

Dettagli

Un nuovo studio sullo stato del Serio: le preoccupazioni aumentano Di Alvaro Dellera - ottobre 2005

Un nuovo studio sullo stato del Serio: le preoccupazioni aumentano Di Alvaro Dellera - ottobre 2005 Un nuovo studio sullo stato del Serio: le preoccupazioni aumentano Di Alvaro Dellera - ottobre 2005 Introduzione Dopo lo studio commissionato da diversi enti e già commentato a http://www.verdicrema.org/archivio/dib_anal/serio.htm

Dettagli

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento:

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (PH) E' la misura della quantità di ioni idrogeno presenti nell'acqua, e ne fornisce di conseguenza

Dettagli

Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile

Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile 1 passo:inquadriamo l argomento: ma cos è la terra? Definizione e caratteristiche del suolo Il suolo è lo strato più superficiale della crosta terrestre

Dettagli

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO FOGNARIO DI DEPURAZIONE E DEGLI SCARICHI MAGGIO 2001. TITOLO I...4 FINALITA DEL REGOLAMENTO...4 ART.1 Oggetto del regolamento...4 ART. 2 Ambito

Dettagli

Prove di combustione

Prove di combustione Giornata Dimostrativa del Progetto BioTec Analisi delle tecniche di combustione e ricerca sui processi di produzione di biocombustibili da biomasse agro-forestali Prove di combustione Andrea Cristoforetti

Dettagli

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi 1 - Analisi per la caratterizzazione energetica e chimico-fisica dei materiali 1.1 - Biomasse solide * 1 Umidità CEN/TS 14774 Ceneri a 550 C CEN/TS 14775 Potere

Dettagli

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A 1. Calcolare il ph di una soluzione ottenuta mescolando 12.0 ml di una soluzione 1.00 M di nitrato di calcio, 150 ml di una soluzione 1.00 M di acido cloridrico,

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Validazione della Caratterizzazione Ambientale dei Cantieri Navali Michelini s.r.l. V.le S. Bartolomeo S.I.N. Pitelli La Spezia 1 Indice INDICE...2 1 PREMESSA...3 2 RISULTATI DELLA CARATTERIZZAZIONE...5

Dettagli

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico corpo idrico sotterraneo: del Siracusano meridionale b) Caratteristiche geografiche, geologiche, idrogeologiche Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico Localizzazione geografica L acquifero

Dettagli

Perché è importante l analisi del terreno?

Perché è importante l analisi del terreno? Perché è importante l analisi del terreno? Indice 1. Terreno e piante, uniti per la vita 2. Le proprietà fisiche del terreno 3. La composizione chimica del terreno 4. L analisi del terreno 1. Terreno e

Dettagli

Analisi di Controllo di un Acqua Minerale Naturale

Analisi di Controllo di un Acqua Minerale Naturale Analisi di Controllo di un Acqua Minerale aturale ITODUZIOE Le acque potabili possono essere in diverse tipologie: si definiscono acque destinate al consumo umano, quelle acque rese potabili dopo aver

Dettagli

Qualità dell'acqua nel tuo comune

Qualità dell'acqua nel tuo comune Qualità dell'acqua nel tuo comune Qui di seguito trovate il glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (ph) E' la misura della quantità di

Dettagli

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi.

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi. R&C Lab S.r.l. La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: rintracciabilità come garanzia di affidabilità dei risultati d analisi. Dr. Dino Celadon Responsabile Ricerca & Sviluppo Ambientale

Dettagli

Esperienza n 6: Determinazione della DUREZZA dell acqua di rubinetto

Esperienza n 6: Determinazione della DUREZZA dell acqua di rubinetto Obiettivo: Determinare la durezza dell acqua di rubinetto tramite titolazione complessometrica con EDTA. Durezza dell acqua: Quantità di ioni polivalenti disciolti nell acqua (principalmente Ca e Mg, ma

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS Direzione generale PIANO DI MONITORAGGIO AMBIENTALE DELLA LAGUNA DI SANTA GILLA E DELLO STAGNO DI CAPOTERRA FASE I CAMPIONATURA ED

Dettagli

4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati

4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati 4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati DBC 2009 19 Preparazione dei campioni Parametro da analizzare (elemento nutritivo o caratteristica del suolo) Mezzo / metodo d estrazione Rapporto tra

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI - si sfrutta una proprietà chimico-fisica o fisica che varia nel corso della titolazione - tale proprietà è in genere proporzionale

Dettagli

4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea

4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea 121 4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea Le esigenze di studio unitario della sostanza organica nel suolo sono state perseguite attraverso l introduzione del concetto di forma di humus

Dettagli

CEREALI E DERIVATI. Cereali in granella Tecniche di analisi d immagine 30. Cereali e derivati. Grano duro, semola e sfarinato integrale UNI 10277

CEREALI E DERIVATI. Cereali in granella Tecniche di analisi d immagine 30. Cereali e derivati. Grano duro, semola e sfarinato integrale UNI 10277 N 01 16 sett. 13 N 0 DATA ANALISI SINGOLE ED ANALISI COMPLETE MATRICE METODI PAG. 1 di 8 PREZZO IVA esclusa. Bianconatura, striminzimento, volpatura e stima della resa in semola CEREALI E DERIVATI Cereali

Dettagli

S.M.M. Srl Galleria Strasburgo, 3-20122 Milano (MI)

S.M.M. Srl Galleria Strasburgo, 3-20122 Milano (MI) MINERAL PET S.M.M. Srl Galleria Strasburgo, 3-20122 Milano (MI) Esame elaborato per: F. G. Via XX,11 - Mil Tipo Animale Età Peso Gatto - Europeo Nome Jingle 1 Sesso Maschio 4.3 Altezza 0 Informazioni Generali

Dettagli

Analisi del suolo, quando farle e come interpretarle

Analisi del suolo, quando farle e come interpretarle AGRONOMIA INDICAZIONI PRATICHE E GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEI REFERTI Analisi del suolo, quando farle e come interpretarle Il suolo agrario è il primo fattore di produzione e conoscerne il livello di fertilità

Dettagli

La fertilità chimica

La fertilità chimica La fertilità chimica La fertilità chimica di un suolo è la capacità continuata nel tempo di fornire gli elementi della nutrizione minerale delle piante in forma disponibile ed in quantità bilanciate Indicatori

Dettagli

Analisi delle acque dell isola di Favignana

Analisi delle acque dell isola di Favignana Analisi delle acque dell isola di Favignana Durante le attività svolte al campo scuola nell ambito del progetto Un mare di.. risorse, il nostro gruppo si è occupato di analizzare le acque del mare in diversi

Dettagli

MARTINI SABBIE. PER CAMPI DA GOLF PRODUTTORI TAPPETO ERBOSO COSTRUTTORI E MANUTENTORI Professional Green

MARTINI SABBIE. PER CAMPI DA GOLF PRODUTTORI TAPPETO ERBOSO COSTRUTTORI E MANUTENTORI Professional Green 1 MARTINI SABBIE PER CAMPI DA GOLF PRODUTTORI TAPPETO ERBOSO COSTRUTTORI E MANUTENTORI Professional Green Catalogo 2008 2 Dott. Gian Maria BERCELLI La MARTINI SABBIE SPA ha la disponibilità di una ampia

Dettagli

Total P Total S Ammonio NH 4

Total P Total S Ammonio NH 4 2- - - LIMS Code Conductivity Calcio Magnesio Mg Sodio Na Potassio K Ione cloruro Cl- Solfati SO 4 Nitrati NO 3 Cation Total Anion Total Bromo Br Nitriti NO 2 µs cm -1 mg l -1 mg l -1 mg l -1 mg l -1 mg

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

23/03/2016. Signature Not Verified. Firma Digitale. a cura del servizio prelevatore. Dati Anagrafici. Accettazione a cura dello Sportello di: BOLOGNA

23/03/2016. Signature Not Verified. Firma Digitale. a cura del servizio prelevatore. Dati Anagrafici. Accettazione a cura dello Sportello di: BOLOGNA Sezione Provinciale di Bologna Laboratorio Integrato Resp.: Dott.ssa Maria Antonietta Bucci Sabattini via F.Rocchi,19 40138 Bologna tel. 051.396211 fax. 051.342642 e-mail aoobo@cert.arpa.emr.it Signature

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Reperto 2 Foglia secca con polveri depositate (STD 519 B) Tab. II. Analisi EDXS del reperto 2.

Reperto 2 Foglia secca con polveri depositate (STD 519 B) Tab. II. Analisi EDXS del reperto 2. E-mail: info@nanodiagnostics.it Pag 1 di 9 Reperto 2 Foglia secca con polveri depositate (STD 519 B) Tab. II. Analisi EDXS del reperto 2. N Analisi Descrizione Elementi presenti 1 foglia, lato superiore

Dettagli

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

Esperienze di caratterizzazione delle componenti inorganiche in deposizioni umide e secche nei pressi di un impianto di incenerimento

Esperienze di caratterizzazione delle componenti inorganiche in deposizioni umide e secche nei pressi di un impianto di incenerimento Esperienze di caratterizzazione delle componenti inorganiche in deposizioni umide e secche nei pressi di un impianto di incenerimento Brescia, Auditorium del Museo Civico di Scienze Naturali 5 giugno 2014

Dettagli

FERTIRRIGAZIONE: FANGHI E LIQUAMI

FERTIRRIGAZIONE: FANGHI E LIQUAMI FERTIRRIGAZIONE: FANGHI E LIQUAMI UTILITA O INUTILE RISCHIO? Ferdinando de Rosa Direttore Tecnico Scientifico ARPAM Presidente Ordine dei Chimici delle Marche S. Ippolito (PU) 23 aprile 2004-03-18 I terreni

Dettagli

Come ottenere valori costanti di ph nelle coltivazioni

Come ottenere valori costanti di ph nelle coltivazioni Come ottenere valori costanti di ph nelle coltivazioni Esistono numerose prove ed informazioni sulla calcitazione dei terricci a base di torba, che danno i consigli per la risoluzione di numerosi problemi

Dettagli

Codice archivio : AND00008i Rapporto di Prova: 14.00839. L'Analista

Codice archivio : AND00008i Rapporto di Prova: 14.00839. L'Analista INFORMAZIONI CLIENTE Azienda ZUCCARO GIORGIO AZ. AG Indirizzo C.da Laccata, snc C.A.P 87010 Località Lauropoli Provincia COSENZA ACQUA IRRIGAZIONE Campione Campione 2 Coltura Non specificato Substrato

Dettagli

La caratterizzazione dei sedimenti

La caratterizzazione dei sedimenti Sessione 1 / CONTRIBUTI CONOSCITIVI Risultati del Progetto Osservatorio Trasimeno La caratterizzazione dei sedimenti Nicola Morgantini - Luca Peruzzi ARPA Umbria - Dipartimento Provinciale di Perugia Lo

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Regione Friuli Venezia Giulia azienda dimostrativa MAURO ZANONE. Localizzazione. azienda agricola dimostrativa Mauro Zanone

Regione Friuli Venezia Giulia azienda dimostrativa MAURO ZANONE. Localizzazione. azienda agricola dimostrativa Mauro Zanone Localizzazione Legenda: azienda agricola dimostrativa Mauro Zanone area di progetto (soil region di Italia: 18.7-18.8) I SUOLI DELL AZIENDA L azienda gestisce terreni in ambienti tra loro diversi per situazione

Dettagli

Tecnologie di trattamento del percolato

Tecnologie di trattamento del percolato Tecnologie di trattamento del percolato Corso di Gestione dei Rifiuti Solidi Dipartimento IMAGE dott. ing. Luca Alibardi a.a.2004-2005 INTRODUZIONE Il percolato proveniente dalle discariche controllate

Dettagli

Biologia. Organismi: faa di materia, cosctuita di elemen%, che si combinano in compos%. La chimica della vita. I legami chimici. L acqua.

Biologia. Organismi: faa di materia, cosctuita di elemen%, che si combinano in compos%. La chimica della vita. I legami chimici. L acqua. Biologia Chimica Fisica Organismi: faa di materia, cosctuita di elemen%, che si combinano in compos%. ElemenC naturali nel corpo umano Simbolo Elemento % in peso Il 96% é fako di O Ossigeno 65.0 C Carbonio

Dettagli

L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE

L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE Dr.Agr. Paolo Bortolami ARPAV Settore per la Prevenzione e la Comunicazione Ambientale Servizio valutazioni ambientali e degli

Dettagli

FISIOLOGIA VEGETALE. Il suolo e la nutrizione minerale

FISIOLOGIA VEGETALE. Il suolo e la nutrizione minerale FISIOLOGIA VEGETALE Il suolo e la nutrizione minerale Il suolo è costituito da una frazione inorganica e da una frazione organica frazione inorganica è preponderante e deriva dalla frammentazione della

Dettagli

Problematiche analitiche per la classificazione dei suoli vulcanici

Problematiche analitiche per la classificazione dei suoli vulcanici Scelta e interpretazione dei metodi di analisi dei suoli al fine della classificazione pedologica Problematiche analitiche per la classificazione dei suoli vulcanici Claudio Massimo Colombo Università

Dettagli

ITIS Castelli - Dipartimento di Chimica - a.s. 2010/11

ITIS Castelli - Dipartimento di Chimica - a.s. 2010/11 1 Nei laboratori di Chimica dell I.T.I.S. Castelli di Brescia sono stati eseguiti dei test miranti a determinare il residuo di calcinazione (cenere) sui campioni di lolla di riso puri o addizionati con

Dettagli

Laboratorio CONSUL AB S.r.l. analisi chimiche e consulenze ambientali RAPPORTO DI PROVA N. : 586/14/M DEL: 26/03/2014

Laboratorio CONSUL AB S.r.l. analisi chimiche e consulenze ambientali RAPPORTO DI PROVA N. : 586/14/M DEL: 26/03/2014 Spett.le AUTOSERVIZI DE ZEN MICHELE s.a.s. Via del Capitello, 5 31011 Asolo (TV) RAPPORTO DI PROVA N. : 586/14/M DEL: 26/03/2014 DATI IDENTIFICATIVI DEL CAMPIONE N richiesta Prove : 2014 0586 Del : 17/03/2014

Dettagli

17 Tabella 1 Principali processi di degradazione del suolo e possibili conseguenze estreme. N. Processo* Danno grave o catastrofico

17 Tabella 1 Principali processi di degradazione del suolo e possibili conseguenze estreme. N. Processo* Danno grave o catastrofico 17 Tabella 1 Principali processi di degradazione del suolo e possibili conseguenze estreme N. Processo* Danno grave o catastrofico 1 Erosione 2 Alterazione da scorrimento superficiale delle acque Frane,

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE DI PRODOTTI TIPICI PER ORIGINE GEOGRAFICA

CARATTERIZZAZIONE DI PRODOTTI TIPICI PER ORIGINE GEOGRAFICA CARATTERIZZAZIONE DI PRODOTTI TIPICI PER ORIGINE GEOGRAFICA Lisetta GHISELLI, Sigfrido ROMAGNOLI, Vittorio MARZI, Giovanni MAUROMICALE Dip. di Scienze Agronomiche e Gestione del Territorio Agroforestale

Dettagli

La rappresentazione degli orbitali Orbitali s ( l = 0 )

La rappresentazione degli orbitali Orbitali s ( l = 0 ) Rappresentazione degli orbitali s dell atomo di idrogeno 2 4 r 2 1s r = a 0 (raggio 1 orbita di Bohr) presenza di (n-1) NODI ( 2 =0) r 0 dp /dr 0 r dp /dr 0 massimi in accordo con Bohr r 4a 0 (raggio 2

Dettagli

Le caratteristiche dei suoli delle tartufaie naturali oggetto di sperimentazione nel progetto MAGNATUM

Le caratteristiche dei suoli delle tartufaie naturali oggetto di sperimentazione nel progetto MAGNATUM Sei in: http://dipsa.unibo.it/umiweb/magnatum/home.htm >Risultati > Analisi pedologiche > Emilia Romagna e Toscana Introduzione Le caratteristiche dei suoli delle tartufaie naturali oggetto di sperimentazione

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. Guida alla Disciplina tecnica per l utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide dei frantoi oleari

REGIONE CAMPANIA. Guida alla Disciplina tecnica per l utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide dei frantoi oleari REGIONE CAMPANIA AGC Sviluppo Attività Settore Primario Settore SIRCA AGC Ecologia, Tutela dell Ambiente, Ciclo Integrato delle Acque, Protezione Civile Settore Tutela dell Ambiente Guida alla Disciplina

Dettagli

Gli elementi di transizione

Gli elementi di transizione Gli elementi di transizione A partire dal quarto periodo del Sistema Periodico, nella costruzione della configurazione elettronica degli elementi, dopo il riempimento degli orbitali s del guscio di valenza

Dettagli

Equilibri di precipitazione

Equilibri di precipitazione Equilibri di precipitazione Molte sostanze solide sono caratterizzate da una scarsa solubilità in acqua (ad es. tutti i carbonati e gli idrossidi degli elementi del II gruppo) AgCl (a differenza di NaCl)

Dettagli

Come proteggere il dispersore dalla corrosione

Come proteggere il dispersore dalla corrosione Come proteggere il dispersore dalla corrosione Pubblicato il: 15/12/2003 Aggiornato al: 15/12/2003 di Gianluigi Saveri Dal punto di vista chimico fisico i metalli e le leghe, nelle normali condizioni ambientali,

Dettagli

Servizio CheckVeloce Qualitycheck. Richiesta di Preventivo Personalizzato

Servizio CheckVeloce Qualitycheck. Richiesta di Preventivo Personalizzato Servizio CheckVeloce Qualitycheck Richiesta di Preventivo Personalizzato. Sei libero di personalizzare il tuo Servizio CheckVeloce, scegliendo: i misurandi da valutare le matrici di tuo interesse. Istruzioni

Dettagli

ESPERIENZE DI COMPOSTAGGIO DI PROSSIMITA : MONITORAGGIO QUALITATIVO E LINEE GUIDA

ESPERIENZE DI COMPOSTAGGIO DI PROSSIMITA : MONITORAGGIO QUALITATIVO E LINEE GUIDA ESPERIENZE DI COMPOSTAGGIO DI PROSSIMITA : MONITORAGGIO QUALITATIVO E LINEE GUIDA Claudia Bianco, Enrico Accotto Regione Piemonte - Direzione Ambiente, Governo e Tutela del territorio Torino, 11 marzo

Dettagli

La sostanza organica

La sostanza organica La sostanza organica La frazione solida di un suolo comprende anche la componente organica. Il contenuto di sostanza organica in un suolo è molto variabile, in genere nell intervallo 0.5-10 %, (5% in media).

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE AMBIENTALI STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO Prof. Rampazzo Giancarlo CHE COS E LA GEOCHIMICA 1.La geochimica studia la composizione chimica

Dettagli

I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano. Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE. Modulo N. 1 _ MATERIALI DA COSTRUZIONE

I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano. Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE. Modulo N. 1 _ MATERIALI DA COSTRUZIONE I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE Modulo N. 1 _ MATERIALI DA COSTRUZIONE Questionario N. 1C - Materiali Metallici per la classe 2^ C.A.T. Questo questionario

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

ALLEGATO A BANDO DI GARA

ALLEGATO A BANDO DI GARA ALLEGATO A BANDO DI GARA SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO E CONTROLLO ANALITICO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE, DEPURAZIONE, NONCHÉ TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI LIQUIDI

GESTIONE RIFIUTI LIQUIDI Pg. 1 di 5 IDENTIFICAZIONE DEL PRODUTTORE DEL RIFIUTO Denominazione e Ragione sociale della ditta: I P.IVA.: CODICE FISCALE: CODICE ISTAT/ATECO: Ubicazione ed indirizzo dell insediamento produttivo: CARATTERISTICHE

Dettagli

Allegato D1. Descrizione dei suoli

Allegato D1. Descrizione dei suoli Allegato D1 Descrizione dei suoli 2 Profili pedologici descritti ex novo (2010) vedi Cap.2, paragrafo 2.4 P1 Località: Civiglio, a monte di San Nicola Coordinate: 1509351, 5073592 Quota: 730 m s. l. m.

Dettagli

FERTILITA CHIMICA. Disponibilità ottimale dei nutrienti. Fattori atmosferici favorevoli. Fattori pedologici. Pratiche agricole

FERTILITA CHIMICA. Disponibilità ottimale dei nutrienti. Fattori atmosferici favorevoli. Fattori pedologici. Pratiche agricole ANALISI DEL SUOLO - Conoscere i valori di alcuni parametri chimico-fisici allo scopo di giudicarne l idoneità ai fini di una normale e redditizia crescita dei vegetali - Individuare il tipo e l intensità

Dettagli

Metodi di campionamento per l'analisi del terreno già investito a vigneto

Metodi di campionamento per l'analisi del terreno già investito a vigneto LA CONCIMAZIONE DI PRODUZIONE Per quanto riguarda i vigneti che sono già impiantati, è importante che il viticoltore proceda ad una razionalizzazione degli interventi fertilizzanti. Di norma, infatti,

Dettagli

Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c)

Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c) Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c) Paola Santopadre, Pierluigi Bianchetti, Giancarlo Sidoti La composizione e la tessitura

Dettagli

LISTINO ANALISI CHIMICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013

LISTINO ANALISI CHIMICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013 LISTINO ANALISI CHIMICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013 All.MQ_4.4_02 rev.00 del 30.03.2013 Pagina 1 di 23 MATRICE: ACQUE PARAMETRO METODO PREZZO ph APAT CNR IRSA 2060 Man 5,00 Conducibilità elettrolitica

Dettagli

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione.

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. ROCCE METAMORFICHE Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. Protolite = la roccia pre-esistente. Metamorfismo è un processo

Dettagli

Caratteristiche fisico - chimiche e chimiche di siti idonei alla coltivazione del tartufo

Caratteristiche fisico - chimiche e chimiche di siti idonei alla coltivazione del tartufo Caratteristiche fisico - chimiche e chimiche di siti idonei alla coltivazione del tartufo Dr. Giuseppe Stoppelli, Dr. Stefano Pini Laboratorio Regionale Analisi Terreni e Produzioni Vegetali di Sarzana

Dettagli

I suoli idonei alle varie specie di tartufi neri

I suoli idonei alle varie specie di tartufi neri I suoli idonei alle varie specie di tartufi neri Relazione del Prof. Marcello Raglione 1 ricercatore C.R.A. (Consiglio Nazionale Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura) Ormai da molti anni sono stati

Dettagli

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A.

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. ALLEGATO E al capitolato d'oneri ELENCO PREZZI LOTTO 1 Matrice Parametro

Dettagli

STRUTTURA DELLE ROSETTE INDICE. Pagina Contenuto. Perno stabile. 04 Struttura delle rosette. Superficie stabile. 06 Gamma dei prodotti

STRUTTURA DELLE ROSETTE INDICE. Pagina Contenuto. Perno stabile. 04 Struttura delle rosette. Superficie stabile. 06 Gamma dei prodotti by STRUTTURA DELLE ROSETTE INDICE Pagina Contenuto Superficie stabile Perno stabile 04 Struttura delle rosette Ponticelli orizzontali e verticali Diversi diametri del foro 06 Gamma dei prodotti 08 Rosette

Dettagli

DINAMICHE DI RIPARTIZIONE E DESTINO DEI METALLI IN UN CICLO DI DEPURAZIONE REFLUI CIVILI

DINAMICHE DI RIPARTIZIONE E DESTINO DEI METALLI IN UN CICLO DI DEPURAZIONE REFLUI CIVILI DINAMICHE DI RIPARTIZIONE E DESTINO DEI METALLI IN UN CICLO DI DEPURAZIONE REFLUI CIVILI Laboratori S.p.A. Giancarlo Cecchini, Paolo Cirello, Biagio Eramo Rimini 7 novembre 2014 Soluzioni e prospettive

Dettagli

C.S.R. Restauro Beni Culturali

C.S.R. Restauro Beni Culturali Punto: Sil.01 Colore: Verde Ca Mn Fe Sr Sb Pb Cont. 157 243 538 478 457 40 Perc. 8.207 12.70 28.12 24.98 23.88 2.090 per evitare l'opacizzazione superficiale della tessera. La colorazione verde è ottenuta

Dettagli

Smistamento e riconoscimento di una generica miscela inorganica

Smistamento e riconoscimento di una generica miscela inorganica Smistamento e riconoscimento di una generica miscela inorganica Soluzione acquosa HCl+BaCl 2 AgNO 3 Saggi Specifici Solfati Carbonati, Bicarbonati, Alogenuri, Fosfati, Borace, Nitriti, Tiosolfati, Idrossidi

Dettagli

COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI

COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI REGIONE VENETO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI VICENZA COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI IN COMUNE DI VICENZA.

Dettagli

I risultati del PT2013: metalli pesanti e additivi nei mangimi

I risultati del PT2013: metalli pesanti e additivi nei mangimi I risultati del PT2013: metalli pesanti e additivi nei mangimi Francesco Ingravalle Introduzione Nel corso del 2013, il NRLFA e il NRLPTHM, hanno organizzato un Proficiency test (PT) per monitorare i laboratori

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

Scritto da erredomani Martedì 21 Maggio 2013 17:11 - Ultimo aggiornamento Sabato 25 Maggio 2013 15:05

Scritto da erredomani Martedì 21 Maggio 2013 17:11 - Ultimo aggiornamento Sabato 25 Maggio 2013 15:05 I tipi di fibre [1] riscontrabili in atmosfera si dividono in due grandi categorie quelle Naturali e quelle Sintetiche (artificiali). Entrambe queste categorie sono a loro volte distinguibili in organiche

Dettagli

* * *TESTPC* * *

* * *TESTPC* * * Pagina 1 di 5 Dati Anagrafici Campione di: Prelevatore: Richiesta/Verbale n : Data Prelievo: Campione Formale: Punto Prelievo: Ditta/Struttura prelievo Comune di Prelievo: Cliente: Indirizzo cliente: Quesito:

Dettagli

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Tecnologie di Chimica Applicata LA CORROSIONE Nei terreni

Dettagli

Il bilancio minerale nella bovina ad alta produzione: nuove tecnologie per l ottimizzazione della qualità del latte e la salute animale

Il bilancio minerale nella bovina ad alta produzione: nuove tecnologie per l ottimizzazione della qualità del latte e la salute animale Il bilancio minerale nella bovina ad alta produzione: nuove tecnologie per l ottimizzazione della qualità del latte e la salute animale Prof. Paolo Berzaghi Dipartimento di Medicina Animale Produzioni

Dettagli

Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse

Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse Indice 1 / A1.1 Particolato fine (PM 10) 7 / A1.2 Particolato fine (PM 2.5) 11 / A1.3 Biossido di azoto (NO 2) 14 / A1.4 Monossido di carbonio (CO) 17

Dettagli