OPERE VERTICALI O A PARETE O A MURO. Prof. Ing. Paolo De Girolamo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OPERE VERTICALI O A PARETE O A MURO. Prof. Ing. Paolo De Girolamo"

Transcript

1 OPERE VERTICALI O A PARETE O A MURO Prof. Ing. Paolo De Girolamo

2 GENERALITA Verticale pura Verticale con sovrastruttura inclinata Verticale su imbasamento a gettata detta di tipo composto

3 Caratteristiche generali: - Carichi in fondazione pulsanti, di entità maggiore rispetto a quelli delle opere a gettata - Minore capacità di adattarsi a cedimenti, specialmente se differenziali, rispetto alle opere a gettata Migliori caratteristiche meccaniche dei terreni di fondazione rispetto a quelli necessari per le opere a gettata

4 Caratteristiche generali: - Comportamento a rottura di tipo fragile; - Elevati valori delle pressioni istantanee nel caso di onde frangenti Questi aspetto hanno storicamente portato a porre come condizione che queste opere dovessero essere soggetta solo a moto ondoso stazionario non frangente. Oggi questa limitazione è stata superata. Inoltre hanno portato, ad accettare una probabilità di superamento, Pf, dell Hs di progetto durante la vita economica dell opera Tv, inferiore rispetto a quella accettata per le opere a gettata. Sostanzialmente a parità di Tv si aumenta il Tempo di ritorno Trp della mareggiata di progetto per ridurre Pf. Pf = 1 [ 1-1/T rp ] Tv

5 Cella di pressione p (t) Segnale di pressione periodo uguale a quello dell onda gh t (s) T T Moto ondoso stazionario

6 Cella di pressione p (t) p (t) Pmax = pressione di impatto molto elevata ma di durata t di decimi/centesimi di secondo Segnale di pressione periodo uguale a quello dell onda gh t (s) gh t t (s) T T T T Moto ondoso stazionario Moto ondoso frangente

7 H = altezza d onda significativa di proggetto correlata a un Tr maggiore rispetto a quello delle opere a gettata dell ordine dei 100 anni Condizioni di non frangimento di Larras: D >2,5 3H d > 2H Le verifiche vanno effettuate con altezze d onda maggiori di Hs H max = 1,6 ~ 2,0 H s H 1/100 = 1,67 H s H 1/20 = 1,4 H s ; H 1/10 = 1,27 H s

8 - I sormonti non sono pericolosi per la stabilità dell opera - Muro paraonde: a/b = 1/1 4/1 si cerca di far lavorare il muro a gravità per contenere le armature ovviamente se non lavora a gravità va garantita la continuità strutturale del muro nel coronamento sia eseguendo un unico getto sia con le armature a b

9 a b Civitavecchia Antemurale Cristoforo Colombo

10 Protezione al piede masso guardiano

11 Protezione al piede masso guardiano

12 Protezione al piede masso guardiano

13 Protezione al piede con tetrapodi

14 Tipologie costruttive della parete verticale Opere costituite da massi artificiali di piccole dimensioni Pesi dell ordine delle t raramente si superavano le t I giunti sfalsati garantiscono maggiore compattezza

15 Vantaggi: - deformabilità; - possibilità di graduare le sollecitazioni trasmesse alla scogliera; - possibilità di regolarizzare l opera prima del getto del coronamento; - usare massi come sovraccarico temporaneo per accelerare cedimenti. Svantaggi: - mancanza di moniliticità; - tempi di realizzazione

16

17 La disposizione a colonna garantisce una maggiore deformabilità

18 Tecniche per migliorare il collegamento tra i massi

19 Opere costituite da massi cellulari riempiti di calcestruzzo Non appena furono disponibili gru in grado di mettere in opera pesi dell ordine delle t, si sviluppò la tecnica dei massi cellulari. Massi cellulari = strutture scatolari, di calcestruzzo generalmente non armato, con larghezze pari a quella del muro riempite di calcestruzzo in opera.

20 Inconvenienti principali nella fase costruttiva dovuta al getto in presenza di moto ondoso anche all interno dei massi. Per queste ragioni le strutture cellulari sono state abbandonate. Oggi si impiegano solo per le opere interne portuali.

21 Opere costituite da massi di grandi dimensioni ( ciclopici ) Il passo successivo fu l adozione dei massi ciclopici, cioè massi di calcestruzzo praticamente pieni, di larghezza pari a quella del muro e di altezza compatibile alle capacità di sollevamento dei mezzi d opera e tali da evitarne un compèortamento fragile durante la fase di trasporto e posa in opera. Dimensioni usuali: m di lunghezza, da 3 a 5 m di altezza, peso compreso tra 350 e 1000 t circa. Il peso è tale che il sollevamento viene effettuato con dispositivi agenti in appositi fori che poi vengono utilizzati, previo inserimento di barre di acciaio come profilati e cementazione, per solidarizzare in opera I massi.

22 Il collegamento longitudinale può essere effettuato con giunti maschio femmina anche se questi giunti portano a qualche problema dovuto ad una eccentricità del baricentro rispetto al centro di figura. Per i getti di calcestruzzo all interno dei pozzetti sono sorte le stesse perplessità enunciate per I massi cellulari. Per ovviare a questi problemi si sono utilizzati tubi di piombo interposti tra masso e masso in corrispondenza dei bordi. In alcuni casi I pozzetti non attraversano l intero masso di base per evitare di perdere il calcestruzzo nella scogliera. La posa in opera avviene: - tramite pontoni gru di grandi dimensioni, oppure - con gru a portale sostenute da due pontoni che si spostano lungo i lati del muro. Il primo è più rapido ma meno preciso. Il secondo è molto preciso ma più costoso e offre qualche problema per i massi superiori.

23 Opere costituite da cassoni prefabbricati galleggianti (o fottanti) Si tratta di cassoni in cemento armato prefabbricati, trasportati in galleggiamento, affondati e infine zavorrati con materiale inerte o calcestruzzo. Sono una tipologia strutturale tipica delle costruzioni marittime utilizzata non solo per le opere esterne di difesa dei porto ma anche per le opere interne e nelle strutture offshore.

24 Opere costituite da cassoni prefabbricati galleggianti (o flottanti) Si tratta di cassoni in cemento armato prefabbricati, trasportati in galleggiamento, affondati e infine zavorrati con materiale inerte o calcestruzzo. Sono una tipologia strutturale tipica delle costruzioni marittime utilizzata non solo per le opere esterne di difesa dei porto ma anche per le opere interne e nelle strutture offshore. Cassoni rettangolari

25

26 Getto di malta plastica in opera per sigillare il collegamento

27 Cassoni circolari

28 Dimensioni tipiche dei cassoni: - fino a 40 m di lunghezza; m di larghezza - oltre 20 m di altezza Le limitazioni sulla lunghezza sono dovute oltre che dalle dimensioni delle piattaforme di prefabbricazione, dalla necessità di limitare coazioni dovute a cedimenti differenziali delle fondazioni. L altezza è limitata da ragioni costruttive essendo limitata dalla profondità di specchi d acqua protetti. La percentuale di armatura è mediamente di kg/m 3 potendo arrivare a kg/m 3. La soletta e gli sbalzi di base sono fortemente armati con Spessori da 50 a 100 cm. Glispessori delle pareti esterne vanno dai 30 ai 50 cm mentre quelli delle pareti interne da 15 a 20 cm. Le dimensioni delle celle di solito non superano i 3,0 a 4,0 m in nessuna delle dimensioni principali.

29 Ekofisk (mare del nord) ha richiesto cassoni alti 70 m che sono stati eseguiti con metodi tradizionali fino a 20 m di altezza, quindi terminati in fase di galleggiamento all interno di un fiordo norvegese.

30 La suddivisione in celle è necessaria per diversi motivi: - motivi di economia, a causa del riempimento che può essere di inerte per tutte le celle o solo per quelle interne quando le esterne si devono riempire di calcestruzzo; - motivi statici. Le pareti interne riducono le sollecitazioni in tutte le fasi di costruzione; - motivi di stabilità al galleggiamento; - possibilità di esecuzione di eventuali getti di calcestruzzo all asciutto, vuotando di volta in volta le singole celle.

31 La forma delle celle interne è di solito rettangolare. Più raramente per ridurre le sollecitazioni a flessione possono avere forma subcircolare

32 Il materiale di riempimento può essere costituito da calcestruzzo o da inerte. Secondo alcuni l impiego di inerte nelle celle esterne è pericoloso nel caso di rottura di una parete esterna che può causare perdida di stabilità del cassone a causa della fuoriuscita del materiale. Generalmente è difficile che si rompa una parete esterna e comunque la perdita di stabilità per svuotamento di una cella è trascurabile. E stato suggerito l utilizzo di inerti con granulometria appositamente assortita così da poter intervenire nel caso di rottura di una parete con iniezioni di malta di cemento ottenendo calcestruzzo del tipo prepakt o colgrate. Il riempimento delle celle con calcestruzzo può avvenire: - all asciutto con l aggravio delle condizioni statiche delle pareti interne; - in presenza d acqua facendo attenzione al dilavamento del calcestruzzo e al distacco delle parerti interne.

33 Stabilità nautica al galleggiamento. La stabilità nautica di un galleggiante consiste nella sua attitudine ad opporsi a cause sbandanti come il moto ondoso. G = baricentro C = centro di carena Coppia sbandante C G Se G è posto sotto a C il natante è sempre in condizioni di stabilità

34 Stabilità nautica al galleggiamento. La stabilità nautica di un cassone consiste nella sua attitudine ad opporsi a cause sbandanti come il moto ondoso. G = baricentro C = centro di carena Coppia sbandante C G Coppia stabilizzante Se G è posto sotto a C il natante è sempre in condizioni di stabilità. Questa situazione non accade mai per i cassoni

35 Stabilità nautica al galleggiamento. Se G è posto sopra a C il natante può essere o non essere in condizioni di stabilità G = baricentro C = centro di carena M = metacentro trasversale Coppia sbandante Coppia sbandante M G M G C C Coppia stabilizzante Se M è sopra G si è sempre in condizioni di stabilità C e G formano una coppia sbandante Se M è sotto G si è sempre in condizioni di instabilità

36 Stabilità nautica al galleggiamento. In generale affinchè il cassone galleggi in condizioni di stabilità nautica e in posizione verticale deve accadere: 1- il baricentro G e il centro di carena C o devono trovarsi sulla verticale passante per il baricentro e normale al piano di galleggiamento; 2- la spinta di galleggiamento e il dislocamento si devono equivalere; 3 il cassone non deve essere totalmente immerso G = baricentro C o = centro di carena G C o

37 Stabilità nautica al galleggiamento. La posizione del centro di carena C varia al variare dell angolo di sbandamento. Per piccole oscillazioni intorno alla posizione di equilibrio, si può assumere che descriva una circonferenza di raggio r. M r =C o M=raggio metacentrico trasversale r G C o C

38 Stabilità nautica al galleggiamento. La posizione del centro di carena C varia al variare dell angolo di sbandamento. Per piccole oscillazioni intorno alla posizione di equilibrio, si può assumere che descriva una circonferenza di raggio r. M r =C o M=raggio metacentrico trasversale La coppia stabilizzante M S vale: M s = P (r-a) sen α =Pwsenα r w G Dove P è il dislocamento del cassone. w = (r-a) altezza metacentrica a (r-a) sen α Affinchè Ms sia stabilizzante deve risultare: C o C w = (r-a) >0 Coppia stabilizzante M s

39 Stabilità nautica al galleggiamento. r =C o M=raggio metacentrico trasversale w = (r-a) = altezza metacentrica M Si può dimostrare che r è pari a: r= I V r w I = momento di inerzia baricentrico minimo della sezione di galleggiamento; V = volume della parte immersa ovvero volume di carena nella posizione verticale a G (r-a) sen α Pertanto affinchè la coppia sia stabilizzante deve risultare: w = (r-a) >0 e quindi: C o C w= >C o G I V Coppia stabilizzante M s

40 Stabilità nautica al galleggiamento. w = altezza metacentrica I = momento di inerzia baricentrico minimo della sezione di galleggiamento; V = volume della parte immersa ovvero volume di carena nella posizione verticale w= I >C o G V Se il cassone è vuoto (non c è acqua) si ha per I: I = 1/12 b h 3 Per ragioni di sicurezza si fa in modo che risulti: - w>0,5min fase di trasporto - w>0,3min fase di varo (uscita impianto) e affondamento V G = baricentro C o = centro di carena M = metacentro trasversale M G w C o b Se il cassone non è stabile al galleggiamento, per il trasporto si ricorre a zavorre solide disposte sul fondo del cassone h

41 Stabilità nautica durante l affondamento Per ragioni di velocità, per affondare il cassone si ricorre al suo riempimento con acqua. Se il cassone non fosse diviso in celle, il riempimento con acqua ridurrebbe fortemente la stabilità in quanto si ridurrebbe molto l altezza metacentrica a causa della diminuzione di I. Ciò si tradurrebbe nell impossibilità di affondare il cassone con acqua. M La riduzione del momento d inerzia sarebbe pari a: I I = 1/12 b h 3-1/12 b h 3 il che provocherebbe una elevata riduzione di w: w= I >C o G V V G w C o Sostanzialmente al momento d inerzia minimo della sezione di galleggiamento andrebbe sottratto il momento d inerzia dello specchio liquido posto all interno del cassone. Poichèi due momenti sono quasi uguali, il numeratore di w, e quindi w, tenderebbero a zero rendendo instabile il cassone. h b b h

42 Stabilità nautica durante l affondamento La presenza delle celle riduce enormemente il termine da sotrarre ad I, facilitando la stabilità del cassone. Infatti indicando con I i il momento di inerzia di ogni specchio liquido relativo ad ogni cella si ottiene: V M G w C o I Σ w= i I i >C o G V b i h i dove: I i = 1/12 b i h i 3 b Assi di rotazione dei singoli specchi liquidi Per facilitare l uniformità del riempimento tra le varie celle, esse sono collegate idraulicamente a gruppi. Ovviamente il collegamento può essere anche chiuso. h

43 Riempimento dei cassoni Il riempimento dei cassoni con inerti o calcestruzzo è una operazione lunga a causa: - dei volumi in gioco; - di consentire un graduale aumento dei carichi in fondazione; - di evitare sollecitazioni eccessive sulle pareti delle celle. A tal proposito è consigliabile non gettare il calcestruzzo per altezze notevoli In quanto il calcestruzzo esercita una spinta idrostatica, ma occorre attendere la presa.

44 Modalità realizzative dei cassoni La costruzione dei cassoni viene effettuata in diversi modi: - costruzione in scalo di alaggio; - costruzione in bacino, che può essere o un bacino di carenaggio o appositamente costruito; - costruzioni su piattaforme mobili collegate a strutture fisse o galleggianti

45 Costruzione in scalo di alaggio Il metodo è quasi del tutto abbandonato a causa di: - getto delle pareti non in verticale; - sollecitazioni notevoli nella platea durante il varo

46 Costruzione in bacino appositamente costruito (tura)

47 Costruzione in bacino appositamente costruito (tura) Chioggia Porto Rifugio - Condotte d Acqua Costruzione dei cassoni di spalla e di fondazione delle paratoie in tura.

48 Costruzione in bacino di carenaggio Bacini di carenaggio galleggianti ad Augusta

49 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti

50 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti

51 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti Struttura galleggiante a catamarano

52 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti

53 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti

54 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti

55 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti

56 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti

57 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti

58 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti

59 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti

60 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti

61 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti

62 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti

63 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti Svuotamento torri ed emersione bacino

64 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti Trasporto del cassone

65 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti Una volta giunto nel luogo di posizionamento, il cassone viene preparato per la posa in opera, vengono montati dei gruppi elettrogeni e delle pompe idrauliche che servono a pompare acqua all interno del cassone per l affondamento. Pompa idraulica Immissione acqua nelle celle

66 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti Il cassone mediante rimorchiatori e tiranti posti sulla struttura gia esistente viene posizionato sull imbasamento nella posizione esatta per essere affondato. Fasi di avvicinamento al punto di affondamento

67 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti Una volta posizionato esattamente in linea con i cassoni precedentemente posati, si inizia la fase di affondamento del monolite. Inizio affondamento

68 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti Tramite le pompe precedentemente montate si inserisce acqua di mare nelle celle fino a quando il cassone non poggia sull imbasamento preparato. Fase di affondamento quasi terminata

69 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti Ultimata la posa del cassone, nel più breve tempo possibile si versa del materiale inerte nelle celle.

70 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti Completato il riempimento del cassone con materiale inerte si attendono circa 7 giorni per farlo assestare sull imbasamento. Dopo l assestamento si procede ad una gettata di cemento di copertura lasciando i ferri di ripresa per la banchina calpestabile e il muro paraonde.

71 Costruzione su piattaforme mobili galleggianti Costruzione del muro paraonde

72 Costruzione ultimata del muro paraonde

73 Costruzione su piattaforme mobili fisse

74 Castellamare di Stabia

75 Nuova diga a cassone flottante a Montecarlo

76 OPERE DI TIPO VERTICALE PURO

77 Cofferdams

78

79 OPERE DI TIPO COMPOSTO PARTICOLARI

80

81 Palafitte imbottite di scogliera utilizzate una volta per i moli guardiani dei porti-canale

82 OPERE A PARETI VERTICALI FORATE O A PARETE SPEZZATA O DISCONTINUA Sono state studiate una serie di varianti ai cassoni tradizionali per ridurre gli inconvenienti tipici delle pareti verticali tradizionali e precisamente: - la riflessione del moto ondoso (quasi totale); - possibilità di frangimento di singole onde a ridosso della parete; - possibilità di erosioni al piede; - tracimazioni del moto ondoso. I cassoni forati, introdotti da G.E. JARLAN, consentono di ridurre i problemi sopra richiamati

83 CASSONI FORATI Cassoni forati del Porto Industriale di Porto Torres

84 Cassoni forati Porto Torres

85 Cassone forato Sorrento

86 Cassone Jarlan Dieppe

87 Dighe giapponesi con cassoni di geometrie particolari

88 - Cassone forato per ridurre tracimazioni; - Tettoia di protezione per tracimazioni; -- Massi guardiani in tetrapodi Diga foranea di Favignana

89 Le pareti spezzate riducono le spinte e la riflessione ma aumentano la tracimazione

90 Coronamento arretrato per ridurre le spinte complessive sull opera. Aumenta la portata di tracimazione Antemurale Cristororo Colombo di Civitavecchia

91

92 CONFRONTO TRA OPERE A GETTATA E A PARETE VERTICALE Prescindendo da problemi particolari di fondazioni ed in assenza di rilevanti oscillazioni di marea, la convenienza della soluzione a parete verticale rispetto a quella a gettata inizia a manifestarsi per profondità di imbasamento superiori a m. Al di sopra dei 20 m di fondale è certamente conveniente la soluzione a parete verticale. In tutto il campo m di fondale è necessario un confronto tecnico economico molto accurato per decidere la convenienza dell uno o dell altro tipo di opera. Si tratta proprio del campo in cui normalmente in Mediterraneo non si può raggiungere la sicurezza che si verifichi il moto stazionario e nel quale, contemporaneamente, le azioni del moto ondoso sono molto rilevanti ai fini del dimensionamento di ambedue i tipi di strutture.

93 OPERE DI TIPO SPECIALE

Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare

Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare Esercitazione 6 Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare Si esegua la verifica di stabilità allo scorrimento nella sola fase di cresta dell

Dettagli

COMUNE DI FAVIGNANA PROVINCIA DI TRAPANI

COMUNE DI FAVIGNANA PROVINCIA DI TRAPANI -17-15 Molo Salvatore Gentivo -16-15 -14 PROVINCIA DI TRAPANI LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DEL PORTO DI FAVIGNANA PROGETTO DEFINITIVO Titolo elaborato : ELENCO DEI PREZZI UNITARI ED ANALISI NUOVI PREZZI

Dettagli

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE PROF. ING. BRUNO PALAZZO Prof. Bruno Palazzo - TIPOLOGIE: PALIFICATE Le fondazioni indirette sono un opzione quando:

Dettagli

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE PORTUALI E MARITTIME FRANCESCO GRANATA 1 Le banchine Sono quelle strutture che separano il bacino liquido dalla terraferma. Si distinguono

Dettagli

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO Il calcestruzzo e le strutture armate Messa in opera INDICE 5 MESSA IN OPERA 5.1 5.3 CASSEFORME GETTO 5.2 PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE 5.4 COMPATTAZIONE DEL GETTO MESSA IN OPERA 5.5 INTERRUZIONI,

Dettagli

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON La muratura armata rappresenta un sistema costruttivo relativamente nuovo ed ancora non molto conosciuto e le richieste di chiarimenti sulle modalità di

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I C A T A N I A F A C O L T À D I I N G E G N E R I A C o r s o d i I D R A U L I C A M A R I T T I M A EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA Prof. Ing. Enrico FOTI&

Dettagli

APPENDICE A: Tipologia delle opere

APPENDICE A: Tipologia delle opere APPENDICE A: Tipologia delle opere Le opere di difesa dall azione del mare possono suddividersi in due tipologie: opere di difesa passiva e attiva. Le prime assicurano la protezione dall impatto diretto

Dettagli

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche FONDAMENTI DI TECNOLOGIE CHIMICHE PER L'INDUSTRIA E PER L'AMBIENTE (modulo

Dettagli

Tecnologia made in Italy

Tecnologia made in Italy cemento & calcestruzzo Zoom su un progetto internazionale Tecnologia made in Italy Marco Costa L impresa Pizzarotti partecipa alla realizzazione, a Marsiglia, di un importante terminal per la ricezione

Dettagli

631-06 HUNNEBECK RASTO CAT 16-10-2006 12:29 Pagina 8

631-06 HUNNEBECK RASTO CAT 16-10-2006 12:29 Pagina 8 631-06 HUNNEBECK RASTO CAT 16-10-2006 12:29 Pagina 8 Le fotografie pubblicate si riferiscono a immagini istantanee di situazioni reali in cantiere che non sono da considerare come esempi di impiego. I

Dettagli

1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO

1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO 1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO Il Comune di Rimini con finanziamento della Giunta Regionale dell Emilia Romagna (delibere G.R. n. 2552/2003 del 09/12/2003 e n. 2334/2005 del 29/12/2005)

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Fondazioni con grande eccentricità (al di fuori del terzo medio)

Fondazioni con grande eccentricità (al di fuori del terzo medio) Fondazioni con grande eccentricità (al di fuori del terzo medio) Generalità Poco si trova in letteratura (eccezion fatta per Bowles, Fondazioni, ed. McGraw-Hill) riguardo le fondazioni con carico fortemente

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

PALI TRIVELLATI CLASSICI 15

PALI TRIVELLATI CLASSICI 15 QUADERNO I Sistemi di fondazione PALI E MICROPALI Scheda N : PALI TRIVELLATI CLASSICI 15 1 Pali trivellati semplici La trivellazione è eseguita senza tubazione di sostegno delle pareti o con tubazione

Dettagli

Università di Cagliari Dipartimento di Ingegneria del Territorio Corso di Regime e Protezione dei Litorali. Corso di REGIME E PROTEZIONE DEI LITORALI

Università di Cagliari Dipartimento di Ingegneria del Territorio Corso di Regime e Protezione dei Litorali. Corso di REGIME E PROTEZIONE DEI LITORALI Corso di REGIME E PROTEZIONE DEI LITORALI (A. A. 009 010) ESERCITAZIONE N Trasferimento delle onde estreme alla costa Nella costa sud-orientale della Sardegna si deve realizzare un opera di difesa mediante

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZION PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì OPERE DI SOSTEGNO I

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZION PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì OPERE DI SOSTEGNO I Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZION PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì OPERE DI SOSTEGNO I AGGIORNAMENTO 24/01/2015 OPERE DI SOSTEGNO Conoscenze Programma Abilità

Dettagli

PALI Si distinguono: Nel caso 1 il palo non modifica il moto ondoso, mentre nel caso 2 il moto ondoso è modificato dal palo.

PALI Si distinguono: Nel caso 1 il palo non modifica il moto ondoso, mentre nel caso 2 il moto ondoso è modificato dal palo. PALI Si distinguono: 1. pali di piccolo diametro se D/L0,05 Nel caso 1 il palo non modifica il moto ondoso, mentre nel caso 2 il moto ondoso è modificato dal palo.

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO:

DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO: DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO: Il lavoro consiste nella realizzazione di due cupole geodetiche. Ogni cupola presenta 5 assi principali che la delimitano in altrettanti settori uguali. Le travi principali

Dettagli

R.03 PORTO DI MARINA DI CARRARA AUTORITA' PORTUALE DI MARINA DI CARRARA

R.03 PORTO DI MARINA DI CARRARA AUTORITA' PORTUALE DI MARINA DI CARRARA Autorità Portuale AUTORITA' PORTUALE DI PORTO DI LAVORI DI STABILIZZAZIONE AL PIEDE DEI CONOIDI DI TESTATA C.U.P. D86J13000160001 PROGETTISTA E COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE: GRUPPO DI PROGETTAZIONE

Dettagli

Corso di Tecnologia degli elementi costruttivi + Organizzazione del cantiere - a.a. 2002/2003 - 9 e 10 gennaio 2003 - il calcestruzzo - Alcuni avvisi

Corso di Tecnologia degli elementi costruttivi + Organizzazione del cantiere - a.a. 2002/2003 - 9 e 10 gennaio 2003 - il calcestruzzo - Alcuni avvisi Corso di Tecnologia degli elementi costruttivi + Organizzazione del cantiere - a.a. 2002/2003 - ghiaia sabbia cemento acqua Il calcestruzzo: casseratura getto e maturazione 1 Alcuni avvisi lezione breve

Dettagli

Le piastre Precompresse

Le piastre Precompresse Corso di Progetto di Strutture POTENZA, a.a. 2012 2013 Le piastre Precompresse Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/ PIASTRE

Dettagli

Prof. Stefano Lonati 23/09/2013. Tipologie. Prof. Stefano Lonati. Prof. Stefano Lonati LE FONDAZIONI

Prof. Stefano Lonati 23/09/2013. Tipologie. Prof. Stefano Lonati. Prof. Stefano Lonati LE FONDAZIONI 23/09/2013 Tipologie LE FONDAZIONI? 1 23/09/2013 FUNZIONE DELLE FONDAZIONI Le strutture portanti di fondazione costituiscono l elemento di trasmissione al terreno dei carichi agenti sull edificio. Il sedime

Dettagli

NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI

NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI ARCHITETTONICO NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI STRUTTURALE Pagina 1 di 9 Sommario SOLUZIONE TIPO :... 3 VANTAGGI RISPETTO AL SISTEMA USUALE DI CAPANNONI PREFABBRICATI :... 6 SCELTA TIPOLOGIA

Dettagli

Esecuzione dei. cantiere di

Esecuzione dei. cantiere di Esecuzione dei lavori presso il cantiere di Civitavecchia dell Impresa Pietro Cidonio S.p.A. Tirocinante: Ivan Lupinetti (matr. 454872) Corso di laurea: Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali

Dettagli

NUOVA PIATTAFORMA MULTIFUNZIONALE DI VADO LIGURE

NUOVA PIATTAFORMA MULTIFUNZIONALE DI VADO LIGURE CONVEGNO AIOM GENOVA 16 Ottobre 2015 Autorità Portuale di Savona Porto di Vado Ligure Ing. Susanna Pelizza Ing. Guido Fiorini SCOPO DEL PROGETTO UN TERMINAL CONTAINER DI CAPACITA 720,000 TEUs ALL ANNO.

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI Il punto materiale e il corpo rigido Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Si intende, per punto materiale, un oggetto così piccolo

Dettagli

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 1 PREMESSA pag. 2 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 4 ANALISI DEL MOVIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE pag. 3 5 CALCOLO STATICO pag. 4 6 VERIFICA IDRAULICA

Dettagli

SETTI O PARETI IN C.A.

SETTI O PARETI IN C.A. SETTI O PARETI IN C.A. Parete Pareti accoppiate SETTI O PARETI IN C.A. Na 20% Fh i i h i Na/M tot >=0.2 SETTI O PARETI IN C.A. IL FATTORE DI STRUTTURA VERIFICHE SETTI O PARETI IN C.A. SOLLECITAZIONI -FLESSIONE

Dettagli

3.7 LA SOLIDIFICAZIONE DELL ACQUA NEI MICRO-PORI DELLE COSTRUZIONI IN ASSENZA DI PIOGGIA O DI ACQUA AMBIENTALE

3.7 LA SOLIDIFICAZIONE DELL ACQUA NEI MICRO-PORI DELLE COSTRUZIONI IN ASSENZA DI PIOGGIA O DI ACQUA AMBIENTALE μm), è estremamente benefica nel buon comportamento del materiale nei confronti della formazione del ghiaccio: infatti queste micro-bolle fungono da vasi di espansione capaci di ospitare l acqua liquida

Dettagli

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio prof. Renato Giannini LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio (arch. Lorena Sguerri) PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO Norme per il predimensionamento

Dettagli

- Manuale d uso, contenente le indicazioni per il corretto uso e la conservazione del bene in oggetto;

- Manuale d uso, contenente le indicazioni per il corretto uso e la conservazione del bene in oggetto; piano di manutenzione Committente: COMUNE DI CASALE MONFERRATO (AL) Oggetto: LAVORI DI AMPLIAMENTO DEL PALAZZETTO DELLO SPORT (adeguamento alle norme vigenti in materia di sicurezza ed igiene ai fini dell

Dettagli

Il piano di manutenzione è costituito dai seguenti documenti operativi: il manuale di manutenzione comprensivo del programma di manutenzione.

Il piano di manutenzione è costituito dai seguenti documenti operativi: il manuale di manutenzione comprensivo del programma di manutenzione. PREMESSA: Il piano di manutenzione è il documento complementare al progetto esecutivo che prevede, pianifica e programma, tenendo conto degli elaborati progettuali esecutivi effettivamente realizzati,

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Prof. Giacomo Sacco LEZIONI SUL CEMENTO ARMATO Sforzo normale, Flessione e taglio CONCETTI FONDAMENTALI Il calcestruzzo ha una bassa resistenza

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

MANUALE SCALE ELICOIDALI

MANUALE SCALE ELICOIDALI MANUALE SCALE ELICOIDALI INTRODUZIONE MANUALE SCALE ELICOIDALI Caratteristiche della scala ELICOIDALE in Cemento Armato BREVETTO DEPOSITATO Si tratta di una scala elicoidale autoportante, formata dalla

Dettagli

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo PALO tipo SP Il Soil Displacement (SP) è una metodologia di esecuzione del palo di fondazione eseguita senza asportazione di terreno, quindi alternativa ai pali battuti, vibroinfissi e trivellati. La tecnologia

Dettagli

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

Fondazioni a platea e su cordolo

Fondazioni a platea e su cordolo Fondazioni a platea e su cordolo Fondazione a platea massiccia Una volta normalmente impiegata per svariate tipologie di edifici, oggi la fondazione a platea massiccia viene quasi esclusivamente adottata

Dettagli

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio LABORATORIO DI COSTRUZIONE DELL ARCHITETTURA 2A prof. Renato Giannini Relazione ed elaborati di progetto per il solaio (arch. Lorena Sguerri) Relazione di calcolo Predimensionamento e analisi dei carichi

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

COMUNE DI MARZABOTTO

COMUNE DI MARZABOTTO COMUNE DI MARZABOTTO RELAZIONE GENERALE La relazione in argomento è relativa ad un intervento di adeguamento viario delle rampe di accesso al cavalcavia carrabile della Linea Ferroviaria Pistoia Bologna

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

La nave passeggeri da crociera della quale in Figura 1 è riportato il profilo longitudinale, ha le dimensioni principali riportate in Tabella 1.

La nave passeggeri da crociera della quale in Figura 1 è riportato il profilo longitudinale, ha le dimensioni principali riportate in Tabella 1. ESAME DI STATO Sessione Giugno 2006 TEMA N. La nave passeggeri da crociera della quale in Figura 1 è riportato il profilo longitudinale, ha le dimensioni principali riportate in Tabella 1. L bp (m) 221.000

Dettagli

Lezione 9 GEOTECNICA

Lezione 9 GEOTECNICA Lezione 9 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it - Lezione 9 A. Fondazioni su pali: requisiti di progetto B. Tecnologie esecutive nella realizzazione dei pali C. Pali

Dettagli

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio 1 Cenni introduttivi ed Analisi dei carichi.... 2 1.1 Descrizione Tipologica...2 1.2 Schematizzazione strutturale...4 1.3 Analisi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE PROVE SPERIMENTALI SU PIGNATTE IN PSE RELAZIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE PROVE SPERIMENTALI SU PIGNATTE IN PSE RELAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE PROVE SPERIMENTALI SU PIGNATTE IN PSE RELAZIONE Il Responsabile Scientifico Dott. Ing. Fausto Mistretta Il

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

Campi d applicazione dei sistemi di controsoffitti autoportanti Rigips

Campi d applicazione dei sistemi di controsoffitti autoportanti Rigips Sistema di controsoffitto autoportante senza requisiti antincendio Il sistema di controsoffitti autoportanti offre all esecutore un alternativa particolarmente interessante ai sistemi di controsoffitti

Dettagli

. Resistenza alle azioni orizzontali delle pareti murarie multipiano. Caratteristiche della parete muraria multipiano

. Resistenza alle azioni orizzontali delle pareti murarie multipiano. Caratteristiche della parete muraria multipiano . Resistenza alle azioni orizzontali delle pareti murarie multipiano Un esempio numerico completo Caratteristiche della parete muraria multipiano La Fig. 64 mostra la pianta di un semplice edificio in

Dettagli

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E)

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E) Progetto ESECUTIVO per la realizzazione di fognature nere nell alveo del Torrente Carrione centro città ( tratto da area ex lavaggio di Vezzala al Ponte Via Cavour) Residui economie Lavori di Risanamento

Dettagli

CILINDRI OLEODINAMICI

CILINDRI OLEODINAMICI CILINDRI OLEODINMICI I cilindri oleodinamici sono degli attuatori lineari che realizzando la conversione dell energia idraulica in energia meccanica producono una forza e lo spostamento lineare del carico.

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO 7 LOTTO DELL AMPLIAMENTO DEL CIMITERO TOMBE DI FAMIGLIA A POZZO (n 5 a 4 e n 2 a 6 posti) PROGETTO ESECUTIVO

COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO 7 LOTTO DELL AMPLIAMENTO DEL CIMITERO TOMBE DI FAMIGLIA A POZZO (n 5 a 4 e n 2 a 6 posti) PROGETTO ESECUTIVO Dott. Ing. FRANCO VALLEGRA 20015 PARABIAGO - Via Mari, 23 Tel. e Fax. 0331-553387 COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO 7 LOTTO DELL AMPLIAMENTO DEL CIMITERO TOMBE DI FAMIGLIA A POZZO (n 5 a 4 e n 2 a 6 posti)

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

ANDREA FARALLI 2 C IL BARICENTRO

ANDREA FARALLI 2 C IL BARICENTRO ANDREA FARALLI 2 C IL BARICENTRO Domenica dieci febbraio siamo andati al laboratorio di fisica della nostra scuola per fare accoglienza ai ragazzi di terza media. Questa accoglienza consisteva nell illustrare

Dettagli

FONDAZIONI DIRETTE prof. Stefano Catasta

FONDAZIONI DIRETTE prof. Stefano Catasta La scelta ed il dimensionamento di una soluzione fondale di tipo diretto superficiale è legata oltre alle caratteristiche del terreno su cui sorgerà la costruzione anche dal tipo di soluzione strutturale

Dettagli

Gli oggetti di plastica. Abilità interessate Conoscenze Nuclei coinvolti Collegamenti esterni Decodificare informazioni di tipo grafico.

Gli oggetti di plastica. Abilità interessate Conoscenze Nuclei coinvolti Collegamenti esterni Decodificare informazioni di tipo grafico. Gli oggetti di plastica Livello scolare: 1 biennio Abilità interessate Conoscenze Nuclei coinvolti Collegamenti esterni Decodificare informazioni di tipo grafico. Funzioni lineari. Pendenza di una retta.

Dettagli

www.ferracingroup.it Toti

www.ferracingroup.it Toti www.ferracingroup.it Toti Toti TOTI è un cassero a perdere in polipropilene riciclato utilizzato come elemento modulare per la realizzazione di platee di fondazione e solai mono/bidirezionali in calcestruzzo

Dettagli

Fasi del progetto geotecnico di una fondazione

Fasi del progetto geotecnico di una fondazione 1 Fasi del progetto geotecnico di una fondazione 1. Indagini per la caratterizzazione geotecnica del sottosuolo. Analisi di entità e distribuzione delle azioni di progetto in esercizio (carichi fissi +

Dettagli

AMPLIAMENTO CIMITERO DI POZZECCO

AMPLIAMENTO CIMITERO DI POZZECCO REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI BERTIOLO AMPLIAMENTO CIMITERO DI POZZECCO PROGETTO ESECUTIVO DELLE STRUTTURE Asseverazione classificazione categoria Relazione sulle caratteristiche

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-CLASSIC 2,00 X 2,00 ml.

CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-CLASSIC 2,00 X 2,00 ml. CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-CLASSIC,00 X,00 ml. SIXTEMA S.r.l. Loc. Mezzano Passone, 11 6846 Corno Giovine (LO) Italy tel-fax +39 0377 69370 r.a. info@sixtema-line.com sixtema-line.com 1) PREMESSE:

Dettagli

GIUNTI STRUTTURALI 91

GIUNTI STRUTTURALI 91 90 GIUNTI STRUTTURALI 91 INTRODUZIONE Gli edifici di grandi dimensioni aventi cubature superiori ai 3000 m 3 sono generalmente costituiti da più corpi di fabbrica l uno accostato all altro, ma appaiono

Dettagli

MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI

MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI NORME GENERALI L imballaggio deve essere sufficientemente ROBUSTO. Il materiale utilizzato per l imballaggio deve essere scelto in base al tipo di merce che deve

Dettagli

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO E LEGNO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi PONTI under construction Sbalzi

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. RICCARDO

Dettagli

La presente relazione ha lo scopo di descrivere la struttura portante dell'edificio oggetto

La presente relazione ha lo scopo di descrivere la struttura portante dell'edificio oggetto 1. Premessa La presente relazione ha lo scopo di descrivere la struttura portante dell'edificio oggetto del Progetto definitivo del Piano Particolareggiato del Porto e variante connessa al P.U.C. Ed alla

Dettagli

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3 INDICE 1. Premesse pag. 2 2. Regime normativo pag. 3 3. Plinto di fondazione torre faro pag. 4 3.1 Sollecitazione massime di calcolo pag. 4 3.2 Determinazione massimi sforzi sui pali pag. 4 3.3 Dimensionamento

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTA PER EVENTI DI TRACIMAZIONE ONDOSA IN AMBITO PORTUALE

SISTEMA DI ALLERTA PER EVENTI DI TRACIMAZIONE ONDOSA IN AMBITO PORTUALE SISTEMA DI ALLERTA PER EVENTI DI TRACIMAZIONE ONDOSA IN AMBITO PORTUALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Candidato : Ilaria Termignoni Relatore: Prof. Ing. Giovanni Besio DI GENOVA Facoltà di Ingegneria

Dettagli

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte prima

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte prima parte prima FONDAZIONI FONDAZIONI A POZZO FONDAZIONE A POZZO GETTO FONDAZIONE A PLATEA SCAVO FONDAZIONI SU PALI IN LEGNO STRUTTURE DI SOTTERRANEO MURATURE IN SOTTERRANEO FINESTRE SOTTERRANEI DRENAGGIO

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

Sistema innovativo per la gestione e la raccolta delle acque meteoriche. www.geoplast.it

Sistema innovativo per la gestione e la raccolta delle acque meteoriche. www.geoplast.it Sistema innovativo per la gestione e la raccolta delle acque meteoriche www.geoplast.it NUOVO ELEVETOR TANK USO E CARATTERISTICHE Base Elevetor / Vantaggi e caratteristiche Cassero Elevetor / Vantaggi

Dettagli

Rischio idrogeologico Uso delle barriere mobili durante le esondazioni.

Rischio idrogeologico Uso delle barriere mobili durante le esondazioni. Rischio idrogeologico Uso delle barriere mobili durante le esondazioni. Premessa Purtroppo, durante gli eventi calamitosi che si verificano durante le emergenze idrogeologiche, succede spesso che le barriere

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 POSIZIONE DEL PROBLEMA... 2 3 SOLUZIONE PROPOSTA... 4 3.1 Tipologia speroni... 5 4 STIMA DEI COSTI... 6 5 ALLEGATI...

1 PREMESSA... 2 2 POSIZIONE DEL PROBLEMA... 2 3 SOLUZIONE PROPOSTA... 4 3.1 Tipologia speroni... 5 4 STIMA DEI COSTI... 6 5 ALLEGATI... Spett.le AOB2 S.r.l. Via XXV Aprile, 18 25038 Rovato (BS) OGGETTO: Stima di massima importo intervento di consolidamento vasche di ossidazione linea 2 impianto di depurazione di Chiari, in previsione di

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Il disegno delle strutture portanti. Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi

Dettagli

LEZIONE N 7 IL CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO Generalità

LEZIONE N 7 IL CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO Generalità LEZIONE N 7 IL CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO Generalità Introduzione al cemento armato precompresso (c.a.p.) Gli stati di coazione e il concetto di pre-sollecitazione Lo stato di precompressione nel c.a.p

Dettagli

Principali tipologie di terreno

Principali tipologie di terreno Principali tipologie di terreno Terreni derivati da rocce sedimentarie (NON COESIVI): Sabbie Ghiaie Terreni derivati da rocce scistose (COESIVI): Argille Limi Terreni di derivazione organica: Torbe Terreno

Dettagli

Progetto di un muro di sostegno in cemento armato

Progetto di un muro di sostegno in cemento armato ITG Cassino Corso di costruzioni prof. Giovanni Di Lillo Per il progetto dei due muri si sceglie la tipologia in cemento armato per il muro con altezza di 5.00 m, mentre il muro con altezza di.50 m sarà

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

CREPE NEI MURI? CON SYSTAB ELIMINO IL PROBLEMA ALLA BASE CONSOLIDANDO TERRENO E FONDAZIONE.

CREPE NEI MURI? CON SYSTAB ELIMINO IL PROBLEMA ALLA BASE CONSOLIDANDO TERRENO E FONDAZIONE. www.systab.it CREPE NEI MURI? CON SYSTAB ELIMINO IL PROBLEMA ALLA BASE CONSOLIDANDO TERRENO E FONDAZIONE. Le crepe nei muri sono un sintomo da non trascurare, spesso legato ad un cedimento del terreno

Dettagli

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m Premessa La scala si sviluppa in una gabbia, di forma rettangolare, formata da quattro pilastri posti agli spigoli e travi lungo i quattro lati. Viene realizzata secondo la tipologia di trave a ginocchio

Dettagli

Piattaforma. HINOWA SPA Via Fontana - 37054 NOGARA - VERONA (ITALY) Tel. +39 0442 539100 Fax +39 0442 88790 mbighellini@hinowa.it - www.hinowa.

Piattaforma. HINOWA SPA Via Fontana - 37054 NOGARA - VERONA (ITALY) Tel. +39 0442 539100 Fax +39 0442 88790 mbighellini@hinowa.it - www.hinowa. HINOWA SPA Via Fontana - 37054 NOGARA - VERONA (ITALY) Tel. +39 044 53900 Fax +39 044 88790 . CARATTERISTICHE PRINCIPALI E UNICHE. PESO La LightLift 47 è la più leggera piattaforma aeree della sua categoria.

Dettagli

Campo elettrico per una carica puntiforme

Campo elettrico per una carica puntiforme Campo elettrico per una carica puntiforme 1 Linee di Campo elettrico A. Pastore Fisica con Elementi di Matematica (O-Z) 2 Esercizio Siano date tre cariche puntiformi positive uguali, fisse nei vertici

Dettagli

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 1 2 3 ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 2010). Per meglio valutare e commentare l esecuzione

Dettagli

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Introduzione Il progetto del tratto autostradale in esame prevede interventi relativi alle seguenti opere strutturali maggiori. Raddoppio

Dettagli

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

SIMBOLI E UNITÀ DI MISURA

SIMBOLI E UNITÀ DI MISURA cm Q P3 = coefficiente di taglia = portata [kg] SIMBOLI E UNITÀ DI MISUR = somma delle masse della cabina, della arcata e delle funi lato cabina se esistenti [kg] Pr = massa dello stelo = Lp q + Pgs (N

Dettagli