TLC SOURCING: Le strategie perseguite e il vendor management

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TLC SOURCING: Le strategie perseguite e il vendor management"

Transcript

1 TLC SOURCING: Le strategie perseguite e il vendor management 10/07/2009

2 Sommario Verbale... 3 Presentation: TLC SOURCING: Le strategie perseguite e il vendor management... 7 Gli IT Service Internazionalizzazione e prossimi passi

3 Verbale Oggetto BTO - ICT Procurement Dashboard Incontro plenario n.04 Data 10/07/2009 Inizio Fine Luogo Palazzo Bovara - Milano Partecipante Presente Partecipante Presente Federico Pigni BTO Guido Giorgetti MPS Carlo Codazzi BTO Riccardo Previtali UBISS Silvio Mostacci BTO Cristina Massabò INTESA Silvia Calcagnile BTO Marco Gariboldi INTESA Davide Pignone BTO Manuela Telesca INTESA Giuseppe Nuccio BNL-BNP Raffaella Mastrofilippo INTESA Simone Barezzani UGIS Luciano De Bellis INTESA Paolo Sammataro UGIS Pierluigi Devoti Cariparma-Crédit Agricole Luigi Zanardi UNIPOL Gennaro De Luca SEC A. Obiettivi/Argomenti previsti 1. Introduzione del progetto e sintesi delle attività svolte 2. Presentazione dei nuovi partecipanti al gruppo di lavoro 3. Presentazione degli scenari e delle rilevazioni in ambito TLC 4. Presentazione delle rilevazioni sugli IT Services 5. Presentazione del tema trasversale 6. Raccolta indicazioni e suggerimenti da parte degli istituti coinvolti 7. Definizione dei prossimi passi B. Argomenti trattati 1. Introduzione del progetto ICT Procurement Dashboard e sintesi delle attività svolte 2. Presentazione degli articoli scientifici inerenti al tema oggetto dell incontro 3. Presentazione dei nuovi istituti coinvolti e dei nuovi interlocutori al gruppo di lavoro 4. Presentazione degli scenari e delle rilevazioni in ambito TLC 5. Presentazione delle rilevazioni sugli IT Services 6. Presentazione del tema trasversale 7. Raccolta delle indicazioni e dei suggerimenti da parte degli istituti coinvolti 8. Definizione dei prossimi passi 3

4 Autore principale Data ultima revisione Silvio Mostacci 24/07/2009 C. Dettaglio degli argomenti trattati 1. Introduzione del progetto ICT Procurement Dashboard a. Il progetto ICT Procurement Dashboard, partito ufficialmente nell anno 2008, vuole colmare la scarsa disponibilità di metodologie per il Procurement IT. b. Lo scopo è istituire un osservatorio prezzi esclusivo in ambito Acquisti IT nel settore Bancario ed Assicurativo in modo da creare una banca dati informativa che consenta di monitorare e di confrontare nel tempo le informazioni in tema di prezzi e condizioni di acquisto di beni e servizi. 2. Sintesi delle attività svolte e della metodologia adottata a. Durante il primo incontro plenario, svolto il 20 febbraio 2009, sono stati presentati agli istituti coinvolti i primi risultati sulle rilevazioni delle figure AD e AM, sono state concordate le modalità di rilevazione e sono state poste le prime basi per la rilevazione delle figure FM, si è deciso di definire un catalogo di ICT Items finalizzato alla determinazione del perimetro delle spese e sono stati identificati i successivi item sui quali effettuare le rilevazioni. b. Al secondo incontro plenario sono seguiti incontri one to one tra i singoli istituti coinvolti ed i ricercatori BTO in cui sono state effettuate le rilevazioni sugli item concordati e sono state raccolte le prime indicazioni sui prossimi passi del progetto. 3. Presentazione dei nuovi istituti coinvolti e dei nuovi interlocutori al gruppo di lavoro a. Sono entrati a far parte del gruppo di lavoro due nuovi Istituti ovvero SEC Servizi, rappresentato dal Dott. Gennaro De Luca Responsabile Acquisti IT e Cariparma-Crédit Agricole rappresentata dal Dott. Paolo Zacco Responsabile Costi ICT. b. Gli interlocutori appartenenti ai due nuovi Istituti coinvolti hanno presentato al gruppo di lavoro la propria struttura della funzione Acquisti ed Acquisti IT. c. Rispetto al primo incontro plenario sono cambiati alcuni interlocutori. In Deutsche Bank il Dott. Corrado Pelloli Vendor Manager ha sostituito il Dott. Davide Barbavara, per Generali il Dott. Davide Casagrande Responsabile degli acquisti ICT Italia ha sostituito per questo incontro l Ing. Dario Scrosoppi. 4. Presentazione delle prime rilevazioni e del tema trasversale a. Sono stati presentati al gruppo di lavoro i risultati conseguenti le prime rilevazioni sulla suddivisione della spesa IT nei singoli istituti b. E stata evidenziata la diversa granularità di dati in possesso per quanto riguarda gli IT Service tra gli istituti coinvolti e i fornitori c. E stata esplicata la metodologia che porterà alla rappresentazione degli IT Service nella modalità ad albero d. E stato concordato un dizionario condiviso per le categorie relative alle figure FM e. E stato posto in evidenza il tema del Green IT supportato da considerazioni strategiche 5. Raccolta delle indicazioni e dei suggerimenti da parte degli istituti coinvolti a. Rilevazione esclusiva dei dati medi per le figure FM e loro distribuzione nel campione 4

5 b. Rilevazione di dati già parzialmente elaborati da parte degli istituti coinvolti c. Scambiarsi informazioni all interno del gruppo di lavoro sui modelli di acquisto TLC d. Valutare l estensione del catalogo alle componenti Hardware e. Software e vendor management 6. Definizione dei prossimi passi a. Rilevare i dati medi degli IT Services b. Approfondimento con i singoli istituti delle politiche di acquisto delle TLC D. Piano attività Team di ricerca BTO Scadenza 1. Composizione della spesa a. Proseguimento dell attività di raccolta e sintesi delle rilevazioni sulle Categorie e Sottocategorie di spesa 2. IT Services a. Rilevazione dei dati medi b. Sintesi dei dati 3. TLC a. Rilevazione sui modelli di acquisto delle TLC b. Raccolta degli insight da parte degli istituti coinvolti c. Sintesi dei dati 4. Workshop a. Esposizione dei risultati b. Raccolta dei feedback c. Prossimi passi 29/05/ /06/ /06/ /07/2009 E. Piano attività Istituti partecipanti Scadenza 1. Composizione della spesa 29/05/2009 a. Valorizzazione delle principali Categorie e Sottocategorie (composizione della spesa) 2. IT Services 05/06/2009 a. Condivisione dei dati medi con il team di ricerca BTO 3. TLC 12/06/2009 a. Condivisione delle modalità di acquisto delle TLC con il team di ricerca BTO b. Insight relativi alla modalità di acquisto delle TLC 4. Workshop 10/07/2009 a. Incontro con gruppo di lavoro ICT Procurement Dashboard I n F. Prossimi Workshop Data t e r n a z i o n a l i z z a T e m a d i d IV Workshop Composizione della spesa IT Service o n e i s c u s s i 10/07/2009 5

6 TLC e modelli di pricing delle TLC Confronto su trend di mercato e best practice Fisso VoIP Fisso Mobile V Workshop Definizione degli SLA sui clienti interni KPI savings per il cliente interno Confronto e trend di mercato sulla gestione del cliente interno VI Workshop Software e vendor management Soluzioni e fornitori Ottobre 2009 Novembre 2009 Le tematiche identificate sono da intendersi quali linee guida per i prossimi incontri. Le discussioni e le tematiche emergenti nei diversi workshop possono mutare argomenti e temi di discussione. 6

7 Presentation: TLC SOURCING: Le strategie perseguite e il vendor management Il contenimento della spesa TLC si scontra con un portafoglio limitato di strategie Il contenimento della spesa TLC si scontra con un portafoglio limitato di strategie Strategie Alcuni esempi di strategie Riduzione degli utilizzi Outsourcing della gestione TLC (non per tutti) Ricerca di fornitori più competitivi Ristrutturazione/ricontrattazione con il fornitore attuale (e sua frequenza) Monitoraggio e correzione degli errori di attribuzione (da parte del carrier) Utilizzo di tecnologie/soluzioni più efficienti e meno costose Efficientamento dei processi interni Maggiore sicurezza (es., prevenendo perdite date da utilizzi inappropriati o fraudolenti) 12 In ogni caso, per giungere all analisi delle strategie TLC si richiede una comprensione di diversi aspetti strutturali In ogni caso, per giungere all analisi delle strategie TLC si richiede una comprensione di diversi aspetti strutturali Aspetti strutturali Elementi organizzativi Alcuni interventi possibili Strategia Tecnologia, copertura geografica, allineamento, ecc. Identificazione delle caratteristiche architetturali della rete Data, voice, hardware, attestazioni, punti, ecc. Monitoraggio Visione (dipendente dalla cultura dell organizzazione) Propensione e possibilità di cambiamento Auditing contingente Rinegoziazioni Outsourcing 13 7

8 Le Unified communications e dei suoi sviluppi futuri, considerando l opportunità delle architetture disponibili e gli effetti della convergenza e dei suoi sviluppi futuri, considerando l opportunità delle architetture disponibili e gli effetti della convergenza Le Unified Communications Le Unified communications sono il risultato della convergenza nelle infrastrutture TLC e nelle applicazioni. Comprendono le seguenti aree: Comunicazioni live : interazioni in real time (chiamate e video-chiamate) Conferenze: audio, video e online Messaggistica: , voice mail Client e device: interfacce utente e dispositivi (es. client per desktop e smartphone) Related markets: sono complementari e quindi rilevanti per fornire servizi di UC Gli approcci più frequenti sono di cinque tipi: Telephony-centric: IP-PBX (private branch exchange) e UM (unified messaging) Unified communication-collaboration in bundle : set predefinito di funzioni E-mai and collaboration-centric Best-of-breed Servizi integrati on premise 14 Le soluzioni integrate di telefonia, conferenza, messaging e collaborazione possono portare una serie di benefici per il business I driver di business I driver di business Le soluzioni integrate di telefonia, conferenza, messaging e collaborazione possono portare una serie di benefici per il business I benefici Le soluzioni 1 Risparmi di costi Riduzione costi PBX Gestione centralizzata Velocizzazione processi M&A (integrazione IT e TLC) Minori costi telefonia Minori costi viaggi/trasferte Unified IP LAN e LAN VOIP Conferenze (audio, video, online) e instant messaging 2 Produttività Estensione dei confini dell impresa (nuove opportunità potenziali e miglior servizio al cliente) Unified Messaging, mobility, presence 3 Green governance Minori emissioni di Co2 riducendo viaggi/trasferte Necessità di installare hardware efficiente per determinati servizi (es. video) Conferenze (audio, video, online) e instant messaging 4 Business continuity I sistemi di telefonia indipendenti dal luogo fisico forniscono un valido supporto in caso di criticità Sistemi a contatto singolo, servizi di mobilità, telelavoro 15 8

9 Quattro errori comuni e relative risposte riguardanti le UC: il ruolo dei VoIP, la necessità di acquistare una soluzione all-in-one, la formazione del business case e il numero ottimale di vendor Quattro errori comuni e relative risposte riguardanti le UC: il ruolo dei VoIP, la necessità di acquistare una soluzione all-in-one, la formazione del business case e il numero ottimale di vendor Errori comuni e risposte Errori comuni e risposte Il VoIP La completezza funzionale L errore più comune è ritenere che le UC siano sinonimo di VoIP. Alcuni vendor affermano che comprare IP-PBX è il primo passo verso le UC. Ma è possibile pianificare l approccio senza acquistarlo. Passare al VoIP può essere importante per consolidare i costi della telefonia, ma nell ambito di un approccio UC complessivo Non è sempre necessario l acquisto di una soluzione UC completa. Le aziende hanno bisogni differenti e in evoluzione, anche in uno stesso gruppo. Le tecnologie si evolvono rapidamente, con differenti modi di integrazione Le soluzioni UC non sono del tipo acquista e installa. Occorre tenere conto degli investimenti già esistenti Il business case Il numero di vendor Due le concezioni errate riguardo al business case: che non esista o che sia sempre di grande valore. I business case variano molto da un azienda all altra. La situazione più comune è la presenza di un forte business case per alcuni utenti in una delle aree delle UC e meno per altri Chi esegue la pianificazione deve individuare le aree forti e le funzioni in cui focalizzare gli investimenti Non occorre passare al singolo vendor per avere successo. Può essere attraente per gestire complessità e integrazione, ma nel lungo periodo il valore si affievolisce, limitando le scelte e la capacità di negoziare condizioni migliori Non c è un criterio unico. Il numero di vendor dipende da vari fattori: l unica guida è definire prima gli obiettivi di business 16 Dalla quale ricaviamo una serie di linee guida utili nell approccio alla gestione organizzativa e dei vendor per le unified communication Linee guida del vendor management Dalla quale ricaviamo una serie di linee guida utili nell approccio alla gestione organizzativa e dei vendor per le unified communications Linee guida del vendor management A Occorre sempre fare una review dei processi e dei sistemi di comunicazione e collaborazione esistenti, prima di avviare un progetto pilota con l obiettivo di migliorarli D Non esiste un metodo per definire il numero di vendor ottimale: l unico approccio possibile è definire in anticipo gli obiettivi di business da coprire B Nel campo delle UC i vantaggi di avere molti vendor, a parità di efficienza, sono di norma maggiori funzionalità, costi minori e maggiore controllo a livello aziendale E Valutare i vendor (anche quelli più affermati) sulla base del servizio di supporto e di eventuali conflitti con le installazioni precedenti C F Gestire con equilibrio i vendor: se sono pochi dettano le condizioni, se sono molti potrebbero offrire meno supporto (e crescono i costi di integrazione, un aspetto da valutare) Capire i punti di forza specifici di ciascun vendor e fare domande sul piano strategico del fornitore per i prossimi anni e come verrà messo in pratica 17 9

10 Linee per filiale TLC SOURCING: Le strategie perseguite e il vendor management 10/07/2009 Abbiamo quindi reputato che prima di un confronto sulle tariffe, sia opportuno confrontarsi sulla struttura che le determina Abbiamo quindi reputato che prima di un confronto sulle tariffe, sia opportuno confrontarsi sulla struttura che le determina Le dimensioni rilevate Le dimensioni rilevate 18 Una prima indicazione può essere tratta semplicemente analizzando le caratteristiche Caratteristiche della rete stesse della rete, come la sua capillarità, il numero di linee Una prima indicazione può essere tratta semplicemente analizzando le caratteristiche stesse della rete, come la sua capillarità, il numero di linee Caratteristiche della rete Istituto 2 Istituto 3 Istituto Istituto 4 Istituto Numero di punti rete 19 10

11 Volumi intragruppo / Volumi totali TLC SOURCING: Le strategie perseguite e il vendor management 10/07/2009 Apparati di rete e la proprietà degli apparati di rete. e la proprietà degli apparati di rete Apparati di rete Istituto 1 Apparati di proprietà Istituto 2 La rete un servizio in outsourcing Modem e router del carrier Switch a noleggio Istituto 3 Fino a switch e voice gateway Istituto 4 Fino a switch Istituto 5 Parzialmente Istituto 6 Infrastuttura a carico del carrier 20 É interessante notare, inoltre, la quantità di traffico voce e la parte generata dalla fonia mobile Caratterizzazione del traffico É interessanto notare, inoltre, la quantità di traffico voce e la parte generata dalla fonia mobile A Caratterizzazione del traffico Istituto 2 Istituto 4 Istituto 3 Istituto 5 Istituto 1 B B Volume voce fisso outbound (minuti) A 21 11

12 In termini di fonia mobile è interessante notare la sua diffusione all interno dei diversi istituti In termini di fonia mobile è interessante notare la sua diffusione all interno dei diversi istituti Dipendenti e SIM Dipendenti / SIM ND ND Istituto 1 Istituto 2 Istituto 3 Istituto 4 Istituto 5 22 L adozione di soluzioni VoIP appare ancora disomogenea nel gruppo. Quali sono i fattori limitanti? QoS? La capacità della rete o della infrastruttura? Text Pages L adozione di soluzioni VoIP appare ancora disomogenea nel gruppo. Quali sono i fattori limitanti? QoS? La capacità della rete o della infrastruttura? Il VoIP Istituto 1 Istituto 2 Istituto 3 Adottato 100% entro fine anno 12% del volume voce Adottato 9% del volume voce In rilevazione Istituto 4 Investimento limitato Istituto 5 Copertura di circa il 50% In fase di estensione Istituto 6 In rilevazione 23 12

13 La frequenza della contrattazione è suggerita come una delle strategie di controllo del vendor nel settore TLC La frequenza della contrattazione è suggerita come una delle strategie di controllo del vendor nel settore TLC Negoziazione Ultimo negoziazione del contratto Istituto Istituto 2 TLC 2007 Fonia Fissa 2008 Fonia Mobile 2008 Istituto Istituto Istituto Istituto La rilevazione sulle TLC potrebbe ora considerare alcuni aspetti della dimensione tariffaria, oppure approfondire alcuni aspetti specifici della problematica TLC La rilevazione sulle TLC potrebbe ora considerare alcuni aspetti della dimensione tariffaria, oppure approfondire alcuni aspetti specifici della problematica TLC Rilevazione TLC Rilevazione TLC Osservazione Specificare le caratteristiche della rete Categorizzare i nodi della rete Caratterizzare il VoIP Quantitativamente Azione Raccolta dei feedback sulla prima rilevazione Eventuale correzione/ridefinizione del modello Inizio rilevazione e benchmarking Qualitativamente Driver di costo Costo filiale? Dipendente? SLA Strategia multivendor? 25 13

14 Gli IT Service TLC SOURCING: Le strategie perseguite e il vendor management 10/07/2009 Si è ora provveduto alla prima rilevazione delle figure FM sui valori medi e si è proposta la rilevazione AD/AM agli istituti che non avevano partecipato alla precedente rilevazione Si è ora provveduto alla prima rilevazione delle figure FM sui valori medi e si è proposta la rilevazione AD/AM agli istituti che non avevano partecipato alla precedente rilevazione Rilevazione degli IT Services Catalogo IT Services La nuova rilevazione è stata più snella La varianza del campione è stata contenuta limitando l influenza degli outliner La valutazione sul valore medio fa perde visibilità sulla varianza a livello di Istituto Si potrebbe valutare di considerare alcune piramidi per attività specifiche 27 Rilevazione FM Modalità di rappresentazione per valori massimi e minimi Valori Campione Project Manager FM Distribuzione Campione Project Manager FM Principali considerazioni Forbice notevolmente aperta tra valori massimi e minimi del campione. Media al centro della distribuzione Architetto di sistema Variabilità decisamente bassa dei valori d acquisto e media allineata con i valori centrali del campione Architetto di Sistema 28 14

15 Rilevazione FM Modalità di rappresentazione per valori massimi e minimi Valori Campione Distribuzione Campione Principali considerazioni Sistemista Senior 478 Scostamenti elevati tra i valori di massimo e minimo. Tendente ai valori minimi della distribuzione la media Sistemista Senior Sistemista Variabilità nella norma tra i valori del campione. Netta la differenza di costo pagata per la differente esperienza del sistemista. Positiva la tendenza della media verso valori bassi Sistemista 29 Figure Professionali ICT PROCUREMENT FM: DASHBOARD Valori del Una visione campione comune della spesa e bontà ICT di acquisto Rilevazione FM Modalità di rappresentazione per valori massimi e minimi Valori Campione Operatore Sistemi IT Distribuzione Campione Operatore Sistemi IT Principali considerazioni La variabilità nel campione sui tre valori è elevata, mentre tende verso valori centrali della distribuzione la media dei compensi Security Manager Variabilità estremamente contenuta per quanto riguarda la figura del security manager. Tendenza della media verso valori elevati Security Manager 30 15

16 Rilevazione FM Modalità di rappresentazione per valori massimi e minimi Valori Campione Security Analyst Distribuzione Campione 542 Principali considerazioni Forte variabilità tra i valori del campione. Media spostata verso valori bassi della distribuzione Security Analyst Junior Security Analyst Variabilità elevata anche per la corrispondente figura di livello inferiore per la quale però i compensi medi si discostano di poco verso la parte superiore della distribuzione Junior Security Analyst 31 Rilevazione FM Figure Professionali AD e AM: Valori del campione e bontà di acquisto Modalità di rappresentazione per valori massimi e minimi Valori Campione Distribuzione Campione Principali considerazioni Analista Funzionale Senior Analista Funzionale Analista Funzionale Senior 378 Forbice accettabile tra i valori di massimo e minimo per quanto riguarda la figura dell analista funzionale. Su tale professione rileviamo però una certa difficoltà nel rilevare le differenze tra Senior e Junior da parte di alcuni istituti Analista Funzionale 32 16

17 Rilevazione FM Figure Professionali AD e AM: Valori del campione e bontà di acquisto Modalità di rappresentazione per valori massimi e minimi Valori Campione Analista Programmatore Distribuzione Campione 274 Principali considerazioni La variabilità nel campione sui tre valori è ridotta, ma tende a crescere al limite superiore Analista Programmatore Programmatore Dipartimentale 320 Variabilità nella norma tra i valori rilevati. Media che si avvicina al valore più basso Programmatore Dipartimentale 33 Rilevazione FM Figure Professionali AD e AM: Valori del campione e bontà di acquisto Modalità di rappresentazione per valori massimi e minimi Valori Campione Programmatore Distribuzione Campione 269 Principali considerazioni Forbice contenuta tra i valori rilevati dei diversi istituti. La media d acquisto si avvicina però al limitare più elevato Programmatore Web Designer Anche in questo caso la varianza risulta ridotta tra i compensi, i quali di media risultano tendere verso i valori più bassi del campione rilevato Web Designer 34 17

18 Rilevazione FM Figure Professionali AD e AM: Valori del campione e bontà di acquisto Modalità di rappresentazione per valori massimi e minimi Valori Campione Distribuzione Campione Principali considerazioni Architetto di Progetto Architetto di Progetto Per quanto riguarda questa figura la tendenza generale è quella ad acquistare a prezzo conveniente in un range di valori che si spostano nella norma Rilevazione FM Figure Professionali AD e AM: Valori del campione e bontà di acquisto 35 Modalità di rappresentazione per valori massimi e minimi Valori Campione Specialista di Soluzione Funzionale Distribuzione Campione Specialista di Soluzione Funzionale Principali considerazioni La variabilità nel campione sui tre valori è nella norma, come, d altra parte, anche la stessa media d acquisto. Specialista di Soluzione Tecnico Variabilità decisamente elevata tra i valori delle rilevazioni. La media, però, è positivamente spostata verso i valori minimi Specialista di Soluzione Tecnico 36 18

19 Internazionalizzazione e prossimi passi Internazionalizzazione Si era proposta l internazionalizzazione come tema trasversale proprio perché gli acquisti sono una funzione strategica a elevato impatto sulla profittabilità di lungo termine dell impresa e la loro dimensione globale è sovente trascurata. Si era proposta l internazionalizzazione come tema trasversale proprio perché gli acquisti sono una funzione strategica a elevato impatto sulla profittabilità di lungo termine dell impresa e la loro dimensione globale è sovente trascurata. Criticità Strategie attuate I fornitori applicano strategie globali ed è quindi opportuno migliorare il coordinamento e la centralizzazione degli acquisti Sono evidenti i vantaggi di strategie d acquisto locali Standardizzazione e coordinamento Strategie di volume potrebbero essere impraticabili o sub-ottimali Spinte verso la decentralizzazione Adattamento del processo di acquisizione e/o del portfolio di acquisto alla realtà locale Centralizzazione VS Decentralizzazione Standardizzazione VS Adattamento Caratteristiche proprie del prodotto 38 Strategie Una strategia Una strategia per la gestione per la gestione globale globale degli acquisti degli acquisti deve deve tener tener conto conto delle delle caratteristiche proprie caratteristiche di tale processo proprie poiché di è tale fonte processo di vantaggio poiché è competitivo fonte di vantaggio competitivo Caratteristiche Richiede il coordinamento con le altre attività strategiche Richiede l integrazione di una dimensione: imprenditoriale, innovativa e di apprendimento organizzativo Una strategia globale richiede conoscenze e competenze specifiche (ad esempio dei mercati esteri, dei fornitori, della cultura, delle pratiche e delle conseuetudini ) Una strategia globale ha dei suoi antecedenti nella storia dell organizzazione La strategia di acquisto si riflette tipicamente: 1. Nel livello di centralizzazione/decentralizzazione del processo 2. Nel livello di standardizzazione processo 39 19

20 Strategie Alcuni studi hanno evidenziato delle linee guida con implicazioni manageriali per il perseguimento di tale strategia Alcuni studi hanno evidenziato delle linee guida con implicazioni manageriali per il perseguimento di tale strategia Linee guida Allineamento tra il processo e altri aspetti organizzativi legati, ad esempio, alle caratteristiche del prodotto/servizio La selezione internazionale dei fornitori, la valutazione delle opportunità, le negoziazioni, la misurazione delle performance devono evolvere in senso dinamico Sistemi di Supporto agli Acquisti e di Knowledge Management dedicati possono agevolare e migliorare la funzione stessa In questi studi si auspicano Maggiore centralizzazione degli acquisti Maggiore coordinamento a livello internazionale e tra le diverse unità organizzative Maggiore efficienza nella diffusione di informazioni e di conoscenza Per quanto concerne le TLC si è pensato di individuare opportuni item da rilevare e Estensione Items obiettivi a cui tendere Per quanto concerne le TLC si è pensato di individuare opportuni item da rilevare e obiettivi a cui tendere 40 Estensione degli item ai modelli TLC TLC Prospettive Rilevare le principali voci TLC Costi contratto telefoni fissi Costi contratto telefoni mobili Caratterizzazione dell inbound Caratterizzare i nodi della rete Identificare i driver di costo Costo del punto rete Condividere la rilevazione delle componenti principali Identificare le principali politiche negoziali 41 20

21 Prossimi passi Saranno comunque continuate le attività di rilevazione delle voci di spesa in vista del prossimo rapporto. Saranno comunque continuate le attività di rilevazione delle voci di spesa in vista del prossimo rapporto. Attività di rilevazione del dashboard Composizione della Spesa IT Services Presentazione e conclusione delle rilevazioni Rilascio della nuova rilevazione a chiusura Rilevazione I semestre 2009 Software di base Microsoft ATM HW Infoprovider Rilevazione e confronto rispetto rilevazione 2008 e I sem Server Rack server 4CPU da 4core sola fornitura in opera Rilevazione e confronto rispetto rilevazione 2008 e I sem

Dall ICT Procurement allo Strategic Sourcing

Dall ICT Procurement allo Strategic Sourcing Dall ICT Procurement allo Strategic Sourcing 20/02/2009 Sommario Verbale... 3 Presentation: Dall ICT Procurement allo Strategic Sourcing... 6 Fasi dell iniziativa e stato d avanzamento... 6 Metodologia...

Dettagli

UNA VISIONE COMUNE DELLA SPESA ICT: dalla rilevazione alle strategie di sourcing

UNA VISIONE COMUNE DELLA SPESA ICT: dalla rilevazione alle strategie di sourcing UNA VISIONE COMUNE DELLA SPESA ICT: dalla rilevazione alle strategie di sourcing 08/05/2009 Sommario Verbale... 3 Presentazione: UNA VISIONE COMUNE DELLA SPESA ICT: dalla rilevazione alle strategie di

Dettagli

Sommario. Verbale... 2 Presentazione: I KPI della funzione acquisti IT e la gestione del cliente interno... 6 Gli IT service... 12

Sommario. Verbale... 2 Presentazione: I KPI della funzione acquisti IT e la gestione del cliente interno... 6 Gli IT service... 12 Sommario Verbale... 2 Presentazione: I KPI della funzione acquisti IT e la gestione del cliente interno... 6 Gli IT service... 12 Verbale Oggetto BTO - ICT Procurement Dashboard Incontro plenario n. 05

Dettagli

IT SOURCING CONTRACTS: le metodologie di analisi dei contratti di sourcing 17/12/2010

IT SOURCING CONTRACTS: le metodologie di analisi dei contratti di sourcing 17/12/2010 Sommario Verbale... 2 Presentation: IT SOURCING CONTRACTS: le metodologie di analisi dei contratti di sourcing... 5 1 Verbale Oggetto BTO - ICT Procurement Dashboard Incontro plenario n. 04 Data 17/12/2010

Dettagli

IT PURCHASING BUSINESS PRACTICES: un analisi delle prassi correnti, con un occhio al lungo periodo

IT PURCHASING BUSINESS PRACTICES: un analisi delle prassi correnti, con un occhio al lungo periodo IT PURCHASING BUSINESS PRACTICES: un analisi delle prassi correnti, con un occhio al lungo periodo 07/07/2011 Sommario Verbale... 3 Presentation: IT PURCHASING BUSINESS PRACTICES : un analisi delle prassi

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

quando la comunicazione libera valore

quando la comunicazione libera valore Unified Communication & Collaboration: quando la comunicazione libera valore Alessandro Piva School of Management Politecnico di Milano Mail: alessandro.piva@polimi.it it 0 Il contesto Una definizione

Dettagli

NUMERO 1O l esperienza migliora il business

NUMERO 1O l esperienza migliora il business NUMERO 1O l esperienza migliora il business Dal 1986 al vostro fianco NUMERO 1O, a più di vent anni dalla sua nascita, rappresenta il polo di riferimento nell esperienza informatica legata al business.

Dettagli

IT PURCHAISING ORGANIZATION: l organizzazione e i processi della funzione acquisti IT

IT PURCHAISING ORGANIZATION: l organizzazione e i processi della funzione acquisti IT IT PURCHAISING ORGANIZATION: l organizzazione e i processi della funzione acquisti IT 26/03/2011 IT PURCHAISING ORGANIZATION: l organizzazione e i processi della funzione acquisti IT 26/03/2010 Sommario

Dettagli

SOFTWARE MAINTENANCE CONTRACTS: uno studio dei contratti di manutenzione del software

SOFTWARE MAINTENANCE CONTRACTS: uno studio dei contratti di manutenzione del software SOFTWARE MAINTENANCE CONTRACTS: uno studio dei contratti di manutenzione del software 25/11/2011 Sommario Verbale... 3 Presentation: SOFTWARE MAINTENANCE CONTRACTS: uno studio dei contratti di manutenzione

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Milano, 7 Giugno 2012 Cloud Computing: una naturale evoluzione delle ICT Trend n. 1 - ICT Industrialization

Dettagli

Enterprise UCC con SAMubycom Comunicare semplicemente, non semplicemente comunicare Luca Andreani

Enterprise UCC con SAMubycom Comunicare semplicemente, non semplicemente comunicare Luca Andreani Enterprise UCC con SAMubycom Comunicare semplicemente, non semplicemente comunicare Luca Andreani 0 UC&C per il mondo Enterprise: perché? Per competere sul mercato l adozione di sistemi adeguati di Comunicazione

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi Concetti generali sull informatica aziendale Copyright 2011 Pearson Italia Prime definizioni Informatica Scienza che studia i principi di rappresentazione

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

Progetto CHEOPE (IP Telephony) Enterprise Business Communication

Progetto CHEOPE (IP Telephony) Enterprise Business Communication Progetto CHEOPE (IP Telephony) Enterprise Business Communication ICT/OST Ingegneria e Servizi di Rete Milano, marzo 2009 Piano strategico Tlc Enel Modello di convergenza Unica infrastruttura convergente

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Wind Unified Communication

Wind Unified Communication Wind Unified Communication UNIFIED COMMUNICATION È un trend di mercato per semplificareed unire tutte le forme di comunicazione aziendale Èbasato su una combinazione di tecnologie che consentono la gestione

Dettagli

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A.

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Seminario sulle Convenzioni CONSIP in ambito ICT 28 Novembre 2003 Palazzo del Consiglio Regionale Sala Sinni Agenda 1. Apertura

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Grazie a Ipanema, Coopservice assicura le prestazioni delle applicazioni SAP & HR, aumentando la produttivita del 12%

Grazie a Ipanema, Coopservice assicura le prestazioni delle applicazioni SAP & HR, aumentando la produttivita del 12% Grazie a Ipanema, Coopservice assicura le prestazioni delle applicazioni SAP & HR, aumentando la produttivita del 12% CASE STUDY TM ( Re ) discover Simplicity to Guarantee Application Performance 1 Gli

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

Zerouno IBM IT Maintenance

Zerouno IBM IT Maintenance Zerouno IBM IT Maintenance Affidabilità e flessibilità dei servizi per supportare l innovazione d impresa Riccardo Zanchi Partner NetConsulting Roma, 30 novembre 2010 Il mercato dell ICT in Italia (2008-2010P)

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Più Borsa più Impresa: un alleanza per crescere

Più Borsa più Impresa: un alleanza per crescere Più Borsa più Impresa: un alleanza per crescere Luca Peyrano Head of Continental Europe, Primary Markets Borsa Italiana London Stock Exchange Group Milano, Assolombarda 11 Febbraio 2010 Più Borsa Più Impresa:

Dettagli

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture TRASFORMARE LE COMPAGNIE ASSICURATIVE Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture Costruire la compagnia digitale? L approccio DDway alla trasformazione dell IT Un percorso

Dettagli

Master Bancario in Area Commerciale

Master Bancario in Area Commerciale Master Bancario in Area Commerciale Premessa Il mondo del credito è in costante evoluzione e le innovazioni si susseguono con sempre maggior frequenza nel campo legislativo, gestionale, organizzativo e

Dettagli

Percorsi Manageriali

Percorsi Manageriali Percorsi Manageriali La finanza per le piccole medie imprese Presentazione dell iniziativa Biella, 4 marzo 2009 Obiettivi dell iniziativa L Unione Industriale Biellese intende offrire ai propri Associati

Dettagli

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales L outsourcing nei processi di Marketing & Sales Eventi & Congressi Milano 18 novembre 2010 Copyright 2010 CWT CWT nel settore Healthcare Con un esperienza più che trentennale, CWT affianca alle attività

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze

SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze Caso di successo Microsoft Integration SACE BT SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze Informazioni generali Settore Istituzioni finanziarie Il Cliente Il Gruppo

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

Stati Generali della Green Economy

Stati Generali della Green Economy Stati Generali della Green Economy Le misure e le riforme economiche e fiscali necessarie per attivare un green new deal Romano Stasi Segretario Generale, ABI Lab r.stasi@abilab.it www.abilab.it ABI Energia

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1 IL PROFILO DELL AZIENDA 1 Chi siamo e la nostra missione Chi siamo: un gruppo di manager che hanno maturato esperienze nella consulenza, nel marketing, nella progettazione, nella vendita di soluzioni e

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

L EVOLUZIONE DELLO SCENARIO DEI P.O.S. L EVOLUZIONE DELLO SCENARIO DEI P.O.S.

L EVOLUZIONE DELLO SCENARIO DEI P.O.S. L EVOLUZIONE DELLO SCENARIO DEI P.O.S. L EVOLUZIONE DELLO SCENARIO DEI P.O.S. Convegno ABI Carte 2004 Roma 15-16 novembre 2004 Ing. Giuseppe Lo Sinno Amministratore Delegato Siteba S.p.A. LA CONCORRENZA E LA TECNOLOGIA DRIVER DEL CAMBIAMENTO

Dettagli

Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1

Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1 Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A5_1 V1.0 Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1 Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations CUSTOMER SUCCESS STORY LUGLIO 2015 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Azienda: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment General Risk Assessment Conduzione di un General Risk Assessment in coerenza con i requisiti ISO 9001:2015. nel 2015 verrà pubblicata la nuova UNI EN ISO 9001 che avrà sempre più un orientamento alla gestione

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance CUSTOMER SUCCESS STORY Febbraio 2014 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Società: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Engineering Agenda Scenario nel quale matura la necessità di esternalizzare Modalità conrattuali, ambito, livelli di servizio Modalità di governo del contratto e di erogazione dei servizi Metodologia

Dettagli

Alcune delle caratteristiche dell architettura VoIP che permettono il raggiungimento di tali benefici possono essere riconducibili a:

Alcune delle caratteristiche dell architettura VoIP che permettono il raggiungimento di tali benefici possono essere riconducibili a: SOLUZIONE ICT: TELEFONIA VIA INTERNET (VOICE OVER IP) INTRODUZIONE Una soluzione di telefonia via internet [Voice Over IP (VoIP)] permette di sfruttare le potenzialità del protocollo internet (IP) per

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE L approccio al processo di manutenzione Per Sistema Integrato di Produzione e Manutenzione si intende un approccio operativo finalizzato al cambiamento

Dettagli

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Raffaello Balocco School of Management Politecnico di Milano 26 Giugno 2012 Il mercato del cloud mondiale: una crescita inarrestabile According to IDC Public

Dettagli

UComm CONNECT TO THE CLOUD

UComm CONNECT TO THE CLOUD CONNECT TO THE CLOUD CHI È TWT TWT S.p.A., operatore di telecomunicazioni dal 1995, offre ai propri clienti e partner una gamma completa di soluzioni ICT integrate e innovative, personalizzate in base

Dettagli

Colt VoIP Access. Presentazione ai clienti. Nome del relatore. 2010 Colt Technology Services Group Limited. Tutti i diritti riservati.

Colt VoIP Access. Presentazione ai clienti. Nome del relatore. 2010 Colt Technology Services Group Limited. Tutti i diritti riservati. Colt VoIP Access Presentazione ai clienti Nome del relatore 2010 Colt Technology Services Group Limited. Tutti i diritti riservati. Esigenze aziendali Siete alla ricerca di metodi che vi consentano di

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

AGENDA. Dip. Scienze aziendali ed economico giuridiche Univ. Roma Tre. GdR ISMS II RM LUIGI CARROZZI Il Percorso di Ricerca 15.40 16.

AGENDA. Dip. Scienze aziendali ed economico giuridiche Univ. Roma Tre. GdR ISMS II RM LUIGI CARROZZI Il Percorso di Ricerca 15.40 16. AGENDA 14.15 14.30 DONATELLA ROSA Apertura e saluto del CD AIEA 14.30 14.50 LUIGI CARROZZI Presentazione del GdR ISMS 14.50 15.20 Prof. CARLO REGOLIOSI Dip. Scienze aziendali ed economico giuridiche Univ.

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Intelligent Communications

Intelligent Communications PANORAMICA Intelligent Communications Non semplici soluzioni per le comunicazioni, ma strumenti per migliorare la competitività 2 Avaya è il fornitore leader nel mondo di applicazioni, sistemi e servizi

Dettagli

Telex telecomunicazioni. Soluzioni per le telecomunicazioni e le infrastrutture tecnologiche aziendali

Telex telecomunicazioni. Soluzioni per le telecomunicazioni e le infrastrutture tecnologiche aziendali Telex telecomunicazioni Soluzioni per le telecomunicazioni e le infrastrutture tecnologiche aziendali Agenda 1 azienda 2 organizzazione 3 offerta 4 partner 5 referenze Storia Azienda Nasce 30 anni fa Specializzata

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

Digitalizzazione e Trasformazione delle PMI. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 25 ottobre 2012 Bergamo

Digitalizzazione e Trasformazione delle PMI. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 25 ottobre 2012 Bergamo Digitalizzazione e Trasformazione delle PMI Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 25 ottobre 2012 Bergamo I trend tecnologici che influenzano le nostre imprese? Collaboration Sentiment

Dettagli

Il percorso delle aziende italiane verso l IT Governance. Rossella Macinante Practice Leader

Il percorso delle aziende italiane verso l IT Governance. Rossella Macinante Practice Leader Il percorso delle aziende italiane verso l IT Governance Rossella Macinante Practice Leader 11 Marzo 2009 Previsioni sull andamento dell economia nei principali Paesi nel 2009 Dati in % 3,4% 0,5% 1,1%

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

Accenture Innovation Center for Broadband

Accenture Innovation Center for Broadband Accenture Innovation Center for Broadband Il nostro centro - dedicato alla convergenza e alla multicanalità nelle telecomunicazioni - ti aiuta a sfruttare al meglio il potenziale delle tecnologie broadband.

Dettagli

Business Process Management e Near shoring come elementi strategici per l efficientamento dei processi operativi

Business Process Management e Near shoring come elementi strategici per l efficientamento dei processi operativi Business Process Management e Near shoring come elementi strategici per l efficientamento dei processi operativi Giorgio Guerreschi, Direttore Generale C-Global, Gruppo Cedacri ABI Costi & Business 2010

Dettagli

Una roadmap evolutiva verso le infrastrutture convergenti

Una roadmap evolutiva verso le infrastrutture convergenti Una roadmap evolutiva verso le infrastrutture convergenti Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Modena, 9 Ottobre 2013 Le tendenze emergenti Quattro grandi forze che stanno contemporaneamente determinando

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI IN AZIENDA: LA FUNZIONE SISTEMI INFORMATIVI 173 7/001.0

LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI IN AZIENDA: LA FUNZIONE SISTEMI INFORMATIVI 173 7/001.0 LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI IN AZIENDA: LA FUNZIONE SISTEMI INFORMATIVI 173 7/001.0 LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI IN AZIENDA: LA FUNZIONE SISTEMI INFORMATIVI PIANIFICAZIONE STRATEGICA NELL ELABORAZIONE

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Il Facility Management nel Settore Bancario

Il Facility Management nel Settore Bancario Il Facility Management nel Settore Bancario Roma, 14 marzo 2013 MARCO IACONIS Coordinatore Competence Center ABI sul Facility Management Agenda Banche e FM: scenario di riferimento Il Report di analisi

Dettagli

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private.

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private. Chi siamo Nata nel 1999, Energy Consulting si è affermata sul territorio nazionale fra i protagonisti della consulenza strategica integrata nel settore delle energie con servizi di Strategic Energy Management

Dettagli

Insight. Gli scettici della qualità.

Insight. Gli scettici della qualità. Insight N. 30 Febbraio 2010 Gli scettici della qualità. Una fotografia della Quality Assurance Review in Italia: una pratica ancora poco diffusa, spesso a causa di preconcetti su costi e tempi di realizzazione,

Dettagli

Edizione 2010. www.sovedi.it

Edizione 2010. www.sovedi.it Edizione 2010 www.sovedi.it SOVEDI s.r.l. Via Antica, 3-25080 Padenghe sul Garda (BS) email: info@sovedi.it tel: +39 0302076341 CAP.SOC. 51.480,00 - C.F. p.iva 00632180246 SOVEDI nasce nel 1978 a Vicenza.

Dettagli

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche.

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche. soluzioni di business intelligence Revorg Business Intelligence Utilizza al meglio i dati aziendali per le tue decisioni di business Business Intelligence Revorg Roadmap Definizione degli obiettivi di

Dettagli

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Alessandro Musumeci Direttore Centrale Sistemi Informativi Roma, 18 aprile 2013 Ora esiste il Web 2.0: le persone al centro. Interconnesse Informate Disintermediate

Dettagli

ABI Energia Competence Center ABI Lab su energia e ambiente. Gli ambiti di ricerca in ABI Energia

ABI Energia Competence Center ABI Lab su energia e ambiente. Gli ambiti di ricerca in ABI Energia ABI Energia Competence Center ABI Lab su energia e ambiente Gli ambiti di ricerca in ABI Energia Gli ambiti di ricerca su energia e ambiente in ABI Lab ABI Energia, Competence Center sull energia e l ambiente

Dettagli

Mobile & wireless. Fatturazione Elettronica

Mobile & wireless. Fatturazione Elettronica Mobile & wireless Con applicazioni Mobile & Wireless si intendono le applicazioni a supporto dei processi aziendali che si basano su: rete cellulare, qualsiasi sia il terminale utilizzato (telefono cellulare,

Dettagli

Gli indicatori per la misurazione e la valutazione. Stato dell arte della rilevazione avviata nelle grandi città: primi confronti Maggio 2014

Gli indicatori per la misurazione e la valutazione. Stato dell arte della rilevazione avviata nelle grandi città: primi confronti Maggio 2014 Gli indicatori per la misurazione e la valutazione della performance dei servizi nelle Grandi Città Stato dell arte della rilevazione avviata nelle grandi città: primi confronti Maggio 2014 Struttura 1.

Dettagli

M U L T I F A M I L Y O F F I C E

M U L T I F A M I L Y O F F I C E MULTI FAMILY OFFICE Un obiettivo senza pianificazione è solamente un desiderio (Antoine de Saint-Exupéry) CHI SIAMO MVC & Partners è una società che offre servizi di Multi Family Office a Clienti dalle

Dettagli

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane Associazione Italiana Corporate & Investment Banking 02.36531506 www.aicib.it aicib@unicatt.it Presentazione Ricerca Il risk management nelle imprese italiane AICIB Associazione Italiana Corporate & Investment

Dettagli

Spunti ed Elementi da Intel Cloud Forum

Spunti ed Elementi da Intel Cloud Forum Spunti ed Elementi da Intel Cloud Forum Intel incontra il canale sul tema del Cloud Computing, Milano, 8 Settembre 2011 L Information e Communication Technology per oltre vent anni si è sviluppata attorno

Dettagli

Il modello di ottimizzazione SAM

Il modello di ottimizzazione SAM Il modello di ottimizzazione control, optimize, grow Il modello di ottimizzazione Il modello di ottimizzazione è allineato con il modello di ottimizzazione dell infrastruttura e fornisce un framework per

Dettagli

Ferrovie dello Stato Italiane Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight

Ferrovie dello Stato Italiane Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight CUSTOMER SUCCESS STORY April 2014 Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight PROFILO DEL CLIENTE: Azienda: S.p.A. Settore: logistica e trasporti Fatturato: 8,2

Dettagli

TXT e-solutions. Passion for Quality. Marzo 2014

TXT e-solutions. Passion for Quality. Marzo 2014 TXT e-solutions Passion for Quality Marzo 2014 TXT e-solutions S.p.A. Fornitore Internazionale di prodotti e soluzioni software dedicati a Grandi Clienti Un azienda solida, con budget raggiunti e bilanci

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Protocollo d Intesa tra Le Scuole Nazionali di formazione della Pubblica Amministrazione su Diffusione, impiego e qualità dei sistemi di formazione a distanza e di

Dettagli

MOBILE AND CLOUD OPPORTUNITY

MOBILE AND CLOUD OPPORTUNITY UCC ANY HERE ANYTIME MOBILE AND CLOUD OPPORTUNITY ROMA, 6 Gennaio 01 Business Unit Corporate WIND ITALIA E IL GRUPPO VIMPELCOM RISULTATI VIMPELCOM 3Q011 HIGHLIGTHS 1 CLIENTI Clienti Mobili Globali : 00

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

GESTIONE DEI SISTEMI INFORMATIVI IN AZIENDA. La funzione sistemi informativi

GESTIONE DEI SISTEMI INFORMATIVI IN AZIENDA. La funzione sistemi informativi GESTIONE DEI SISTEMI INFORMATIVI IN AZIENDA La funzione sistemi informativi Le persone come componente del sistema informativo aziendale Gli addetti allo sviluppo, alla gestione, alla manutenzione del

Dettagli

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo GREEN ENERGY PLUS S.R.L. Via della Ricerca Scientifica snc c/o Parco Scientifico Romano

Dettagli

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CENTRALINO IN CLOUD E LA PIATTAFORMA CHE INTEGRA TUTTI I PROCESSI DI COMUNICAZIONE AZIENDALE

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CENTRALINO IN CLOUD E LA PIATTAFORMA CHE INTEGRA TUTTI I PROCESSI DI COMUNICAZIONE AZIENDALE LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CENTRALINO IN CLOUD E LA PIATTAFORMA CHE INTEGRA TUTTI I PROCESSI DI COMUNICAZIONE AZIENDALE In un momento di importante trasformazione economica, il Voice Management

Dettagli

Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE"

Convegno LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE" Alcune riflessioni sul tema della diffusione dell'ict nelle imprese Guido Mario Rey Facoltà di Economia

Dettagli