TLC SOURCING: Le strategie perseguite e il vendor management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TLC SOURCING: Le strategie perseguite e il vendor management"

Transcript

1 TLC SOURCING: Le strategie perseguite e il vendor management 10/07/2009

2 Sommario Verbale... 3 Presentation: TLC SOURCING: Le strategie perseguite e il vendor management... 7 Gli IT Service Internazionalizzazione e prossimi passi

3 Verbale Oggetto BTO - ICT Procurement Dashboard Incontro plenario n.04 Data 10/07/2009 Inizio Fine Luogo Palazzo Bovara - Milano Partecipante Presente Partecipante Presente Federico Pigni BTO Guido Giorgetti MPS Carlo Codazzi BTO Riccardo Previtali UBISS Silvio Mostacci BTO Cristina Massabò INTESA Silvia Calcagnile BTO Marco Gariboldi INTESA Davide Pignone BTO Manuela Telesca INTESA Giuseppe Nuccio BNL-BNP Raffaella Mastrofilippo INTESA Simone Barezzani UGIS Luciano De Bellis INTESA Paolo Sammataro UGIS Pierluigi Devoti Cariparma-Crédit Agricole Luigi Zanardi UNIPOL Gennaro De Luca SEC A. Obiettivi/Argomenti previsti 1. Introduzione del progetto e sintesi delle attività svolte 2. Presentazione dei nuovi partecipanti al gruppo di lavoro 3. Presentazione degli scenari e delle rilevazioni in ambito TLC 4. Presentazione delle rilevazioni sugli IT Services 5. Presentazione del tema trasversale 6. Raccolta indicazioni e suggerimenti da parte degli istituti coinvolti 7. Definizione dei prossimi passi B. Argomenti trattati 1. Introduzione del progetto ICT Procurement Dashboard e sintesi delle attività svolte 2. Presentazione degli articoli scientifici inerenti al tema oggetto dell incontro 3. Presentazione dei nuovi istituti coinvolti e dei nuovi interlocutori al gruppo di lavoro 4. Presentazione degli scenari e delle rilevazioni in ambito TLC 5. Presentazione delle rilevazioni sugli IT Services 6. Presentazione del tema trasversale 7. Raccolta delle indicazioni e dei suggerimenti da parte degli istituti coinvolti 8. Definizione dei prossimi passi 3

4 Autore principale Data ultima revisione Silvio Mostacci 24/07/2009 C. Dettaglio degli argomenti trattati 1. Introduzione del progetto ICT Procurement Dashboard a. Il progetto ICT Procurement Dashboard, partito ufficialmente nell anno 2008, vuole colmare la scarsa disponibilità di metodologie per il Procurement IT. b. Lo scopo è istituire un osservatorio prezzi esclusivo in ambito Acquisti IT nel settore Bancario ed Assicurativo in modo da creare una banca dati informativa che consenta di monitorare e di confrontare nel tempo le informazioni in tema di prezzi e condizioni di acquisto di beni e servizi. 2. Sintesi delle attività svolte e della metodologia adottata a. Durante il primo incontro plenario, svolto il 20 febbraio 2009, sono stati presentati agli istituti coinvolti i primi risultati sulle rilevazioni delle figure AD e AM, sono state concordate le modalità di rilevazione e sono state poste le prime basi per la rilevazione delle figure FM, si è deciso di definire un catalogo di ICT Items finalizzato alla determinazione del perimetro delle spese e sono stati identificati i successivi item sui quali effettuare le rilevazioni. b. Al secondo incontro plenario sono seguiti incontri one to one tra i singoli istituti coinvolti ed i ricercatori BTO in cui sono state effettuate le rilevazioni sugli item concordati e sono state raccolte le prime indicazioni sui prossimi passi del progetto. 3. Presentazione dei nuovi istituti coinvolti e dei nuovi interlocutori al gruppo di lavoro a. Sono entrati a far parte del gruppo di lavoro due nuovi Istituti ovvero SEC Servizi, rappresentato dal Dott. Gennaro De Luca Responsabile Acquisti IT e Cariparma-Crédit Agricole rappresentata dal Dott. Paolo Zacco Responsabile Costi ICT. b. Gli interlocutori appartenenti ai due nuovi Istituti coinvolti hanno presentato al gruppo di lavoro la propria struttura della funzione Acquisti ed Acquisti IT. c. Rispetto al primo incontro plenario sono cambiati alcuni interlocutori. In Deutsche Bank il Dott. Corrado Pelloli Vendor Manager ha sostituito il Dott. Davide Barbavara, per Generali il Dott. Davide Casagrande Responsabile degli acquisti ICT Italia ha sostituito per questo incontro l Ing. Dario Scrosoppi. 4. Presentazione delle prime rilevazioni e del tema trasversale a. Sono stati presentati al gruppo di lavoro i risultati conseguenti le prime rilevazioni sulla suddivisione della spesa IT nei singoli istituti b. E stata evidenziata la diversa granularità di dati in possesso per quanto riguarda gli IT Service tra gli istituti coinvolti e i fornitori c. E stata esplicata la metodologia che porterà alla rappresentazione degli IT Service nella modalità ad albero d. E stato concordato un dizionario condiviso per le categorie relative alle figure FM e. E stato posto in evidenza il tema del Green IT supportato da considerazioni strategiche 5. Raccolta delle indicazioni e dei suggerimenti da parte degli istituti coinvolti a. Rilevazione esclusiva dei dati medi per le figure FM e loro distribuzione nel campione 4

5 b. Rilevazione di dati già parzialmente elaborati da parte degli istituti coinvolti c. Scambiarsi informazioni all interno del gruppo di lavoro sui modelli di acquisto TLC d. Valutare l estensione del catalogo alle componenti Hardware e. Software e vendor management 6. Definizione dei prossimi passi a. Rilevare i dati medi degli IT Services b. Approfondimento con i singoli istituti delle politiche di acquisto delle TLC D. Piano attività Team di ricerca BTO Scadenza 1. Composizione della spesa a. Proseguimento dell attività di raccolta e sintesi delle rilevazioni sulle Categorie e Sottocategorie di spesa 2. IT Services a. Rilevazione dei dati medi b. Sintesi dei dati 3. TLC a. Rilevazione sui modelli di acquisto delle TLC b. Raccolta degli insight da parte degli istituti coinvolti c. Sintesi dei dati 4. Workshop a. Esposizione dei risultati b. Raccolta dei feedback c. Prossimi passi 29/05/ /06/ /06/ /07/2009 E. Piano attività Istituti partecipanti Scadenza 1. Composizione della spesa 29/05/2009 a. Valorizzazione delle principali Categorie e Sottocategorie (composizione della spesa) 2. IT Services 05/06/2009 a. Condivisione dei dati medi con il team di ricerca BTO 3. TLC 12/06/2009 a. Condivisione delle modalità di acquisto delle TLC con il team di ricerca BTO b. Insight relativi alla modalità di acquisto delle TLC 4. Workshop 10/07/2009 a. Incontro con gruppo di lavoro ICT Procurement Dashboard I n F. Prossimi Workshop Data t e r n a z i o n a l i z z a T e m a d i d IV Workshop Composizione della spesa IT Service o n e i s c u s s i 10/07/2009 5

6 TLC e modelli di pricing delle TLC Confronto su trend di mercato e best practice Fisso VoIP Fisso Mobile V Workshop Definizione degli SLA sui clienti interni KPI savings per il cliente interno Confronto e trend di mercato sulla gestione del cliente interno VI Workshop Software e vendor management Soluzioni e fornitori Ottobre 2009 Novembre 2009 Le tematiche identificate sono da intendersi quali linee guida per i prossimi incontri. Le discussioni e le tematiche emergenti nei diversi workshop possono mutare argomenti e temi di discussione. 6

7 Presentation: TLC SOURCING: Le strategie perseguite e il vendor management Il contenimento della spesa TLC si scontra con un portafoglio limitato di strategie Il contenimento della spesa TLC si scontra con un portafoglio limitato di strategie Strategie Alcuni esempi di strategie Riduzione degli utilizzi Outsourcing della gestione TLC (non per tutti) Ricerca di fornitori più competitivi Ristrutturazione/ricontrattazione con il fornitore attuale (e sua frequenza) Monitoraggio e correzione degli errori di attribuzione (da parte del carrier) Utilizzo di tecnologie/soluzioni più efficienti e meno costose Efficientamento dei processi interni Maggiore sicurezza (es., prevenendo perdite date da utilizzi inappropriati o fraudolenti) 12 In ogni caso, per giungere all analisi delle strategie TLC si richiede una comprensione di diversi aspetti strutturali In ogni caso, per giungere all analisi delle strategie TLC si richiede una comprensione di diversi aspetti strutturali Aspetti strutturali Elementi organizzativi Alcuni interventi possibili Strategia Tecnologia, copertura geografica, allineamento, ecc. Identificazione delle caratteristiche architetturali della rete Data, voice, hardware, attestazioni, punti, ecc. Monitoraggio Visione (dipendente dalla cultura dell organizzazione) Propensione e possibilità di cambiamento Auditing contingente Rinegoziazioni Outsourcing 13 7

8 Le Unified communications e dei suoi sviluppi futuri, considerando l opportunità delle architetture disponibili e gli effetti della convergenza e dei suoi sviluppi futuri, considerando l opportunità delle architetture disponibili e gli effetti della convergenza Le Unified Communications Le Unified communications sono il risultato della convergenza nelle infrastrutture TLC e nelle applicazioni. Comprendono le seguenti aree: Comunicazioni live : interazioni in real time (chiamate e video-chiamate) Conferenze: audio, video e online Messaggistica: , voice mail Client e device: interfacce utente e dispositivi (es. client per desktop e smartphone) Related markets: sono complementari e quindi rilevanti per fornire servizi di UC Gli approcci più frequenti sono di cinque tipi: Telephony-centric: IP-PBX (private branch exchange) e UM (unified messaging) Unified communication-collaboration in bundle : set predefinito di funzioni E-mai and collaboration-centric Best-of-breed Servizi integrati on premise 14 Le soluzioni integrate di telefonia, conferenza, messaging e collaborazione possono portare una serie di benefici per il business I driver di business I driver di business Le soluzioni integrate di telefonia, conferenza, messaging e collaborazione possono portare una serie di benefici per il business I benefici Le soluzioni 1 Risparmi di costi Riduzione costi PBX Gestione centralizzata Velocizzazione processi M&A (integrazione IT e TLC) Minori costi telefonia Minori costi viaggi/trasferte Unified IP LAN e LAN VOIP Conferenze (audio, video, online) e instant messaging 2 Produttività Estensione dei confini dell impresa (nuove opportunità potenziali e miglior servizio al cliente) Unified Messaging, mobility, presence 3 Green governance Minori emissioni di Co2 riducendo viaggi/trasferte Necessità di installare hardware efficiente per determinati servizi (es. video) Conferenze (audio, video, online) e instant messaging 4 Business continuity I sistemi di telefonia indipendenti dal luogo fisico forniscono un valido supporto in caso di criticità Sistemi a contatto singolo, servizi di mobilità, telelavoro 15 8

9 Quattro errori comuni e relative risposte riguardanti le UC: il ruolo dei VoIP, la necessità di acquistare una soluzione all-in-one, la formazione del business case e il numero ottimale di vendor Quattro errori comuni e relative risposte riguardanti le UC: il ruolo dei VoIP, la necessità di acquistare una soluzione all-in-one, la formazione del business case e il numero ottimale di vendor Errori comuni e risposte Errori comuni e risposte Il VoIP La completezza funzionale L errore più comune è ritenere che le UC siano sinonimo di VoIP. Alcuni vendor affermano che comprare IP-PBX è il primo passo verso le UC. Ma è possibile pianificare l approccio senza acquistarlo. Passare al VoIP può essere importante per consolidare i costi della telefonia, ma nell ambito di un approccio UC complessivo Non è sempre necessario l acquisto di una soluzione UC completa. Le aziende hanno bisogni differenti e in evoluzione, anche in uno stesso gruppo. Le tecnologie si evolvono rapidamente, con differenti modi di integrazione Le soluzioni UC non sono del tipo acquista e installa. Occorre tenere conto degli investimenti già esistenti Il business case Il numero di vendor Due le concezioni errate riguardo al business case: che non esista o che sia sempre di grande valore. I business case variano molto da un azienda all altra. La situazione più comune è la presenza di un forte business case per alcuni utenti in una delle aree delle UC e meno per altri Chi esegue la pianificazione deve individuare le aree forti e le funzioni in cui focalizzare gli investimenti Non occorre passare al singolo vendor per avere successo. Può essere attraente per gestire complessità e integrazione, ma nel lungo periodo il valore si affievolisce, limitando le scelte e la capacità di negoziare condizioni migliori Non c è un criterio unico. Il numero di vendor dipende da vari fattori: l unica guida è definire prima gli obiettivi di business 16 Dalla quale ricaviamo una serie di linee guida utili nell approccio alla gestione organizzativa e dei vendor per le unified communication Linee guida del vendor management Dalla quale ricaviamo una serie di linee guida utili nell approccio alla gestione organizzativa e dei vendor per le unified communications Linee guida del vendor management A Occorre sempre fare una review dei processi e dei sistemi di comunicazione e collaborazione esistenti, prima di avviare un progetto pilota con l obiettivo di migliorarli D Non esiste un metodo per definire il numero di vendor ottimale: l unico approccio possibile è definire in anticipo gli obiettivi di business da coprire B Nel campo delle UC i vantaggi di avere molti vendor, a parità di efficienza, sono di norma maggiori funzionalità, costi minori e maggiore controllo a livello aziendale E Valutare i vendor (anche quelli più affermati) sulla base del servizio di supporto e di eventuali conflitti con le installazioni precedenti C F Gestire con equilibrio i vendor: se sono pochi dettano le condizioni, se sono molti potrebbero offrire meno supporto (e crescono i costi di integrazione, un aspetto da valutare) Capire i punti di forza specifici di ciascun vendor e fare domande sul piano strategico del fornitore per i prossimi anni e come verrà messo in pratica 17 9

10 Linee per filiale TLC SOURCING: Le strategie perseguite e il vendor management 10/07/2009 Abbiamo quindi reputato che prima di un confronto sulle tariffe, sia opportuno confrontarsi sulla struttura che le determina Abbiamo quindi reputato che prima di un confronto sulle tariffe, sia opportuno confrontarsi sulla struttura che le determina Le dimensioni rilevate Le dimensioni rilevate 18 Una prima indicazione può essere tratta semplicemente analizzando le caratteristiche Caratteristiche della rete stesse della rete, come la sua capillarità, il numero di linee Una prima indicazione può essere tratta semplicemente analizzando le caratteristiche stesse della rete, come la sua capillarità, il numero di linee Caratteristiche della rete Istituto 2 Istituto 3 Istituto Istituto 4 Istituto Numero di punti rete 19 10

11 Volumi intragruppo / Volumi totali TLC SOURCING: Le strategie perseguite e il vendor management 10/07/2009 Apparati di rete e la proprietà degli apparati di rete. e la proprietà degli apparati di rete Apparati di rete Istituto 1 Apparati di proprietà Istituto 2 La rete un servizio in outsourcing Modem e router del carrier Switch a noleggio Istituto 3 Fino a switch e voice gateway Istituto 4 Fino a switch Istituto 5 Parzialmente Istituto 6 Infrastuttura a carico del carrier 20 É interessante notare, inoltre, la quantità di traffico voce e la parte generata dalla fonia mobile Caratterizzazione del traffico É interessanto notare, inoltre, la quantità di traffico voce e la parte generata dalla fonia mobile A Caratterizzazione del traffico Istituto 2 Istituto 4 Istituto 3 Istituto 5 Istituto 1 B B Volume voce fisso outbound (minuti) A 21 11

12 In termini di fonia mobile è interessante notare la sua diffusione all interno dei diversi istituti In termini di fonia mobile è interessante notare la sua diffusione all interno dei diversi istituti Dipendenti e SIM Dipendenti / SIM ND ND Istituto 1 Istituto 2 Istituto 3 Istituto 4 Istituto 5 22 L adozione di soluzioni VoIP appare ancora disomogenea nel gruppo. Quali sono i fattori limitanti? QoS? La capacità della rete o della infrastruttura? Text Pages L adozione di soluzioni VoIP appare ancora disomogenea nel gruppo. Quali sono i fattori limitanti? QoS? La capacità della rete o della infrastruttura? Il VoIP Istituto 1 Istituto 2 Istituto 3 Adottato 100% entro fine anno 12% del volume voce Adottato 9% del volume voce In rilevazione Istituto 4 Investimento limitato Istituto 5 Copertura di circa il 50% In fase di estensione Istituto 6 In rilevazione 23 12

13 La frequenza della contrattazione è suggerita come una delle strategie di controllo del vendor nel settore TLC La frequenza della contrattazione è suggerita come una delle strategie di controllo del vendor nel settore TLC Negoziazione Ultimo negoziazione del contratto Istituto Istituto 2 TLC 2007 Fonia Fissa 2008 Fonia Mobile 2008 Istituto Istituto Istituto Istituto La rilevazione sulle TLC potrebbe ora considerare alcuni aspetti della dimensione tariffaria, oppure approfondire alcuni aspetti specifici della problematica TLC La rilevazione sulle TLC potrebbe ora considerare alcuni aspetti della dimensione tariffaria, oppure approfondire alcuni aspetti specifici della problematica TLC Rilevazione TLC Rilevazione TLC Osservazione Specificare le caratteristiche della rete Categorizzare i nodi della rete Caratterizzare il VoIP Quantitativamente Azione Raccolta dei feedback sulla prima rilevazione Eventuale correzione/ridefinizione del modello Inizio rilevazione e benchmarking Qualitativamente Driver di costo Costo filiale? Dipendente? SLA Strategia multivendor? 25 13

14 Gli IT Service TLC SOURCING: Le strategie perseguite e il vendor management 10/07/2009 Si è ora provveduto alla prima rilevazione delle figure FM sui valori medi e si è proposta la rilevazione AD/AM agli istituti che non avevano partecipato alla precedente rilevazione Si è ora provveduto alla prima rilevazione delle figure FM sui valori medi e si è proposta la rilevazione AD/AM agli istituti che non avevano partecipato alla precedente rilevazione Rilevazione degli IT Services Catalogo IT Services La nuova rilevazione è stata più snella La varianza del campione è stata contenuta limitando l influenza degli outliner La valutazione sul valore medio fa perde visibilità sulla varianza a livello di Istituto Si potrebbe valutare di considerare alcune piramidi per attività specifiche 27 Rilevazione FM Modalità di rappresentazione per valori massimi e minimi Valori Campione Project Manager FM Distribuzione Campione Project Manager FM Principali considerazioni Forbice notevolmente aperta tra valori massimi e minimi del campione. Media al centro della distribuzione Architetto di sistema Variabilità decisamente bassa dei valori d acquisto e media allineata con i valori centrali del campione Architetto di Sistema 28 14

15 Rilevazione FM Modalità di rappresentazione per valori massimi e minimi Valori Campione Distribuzione Campione Principali considerazioni Sistemista Senior 478 Scostamenti elevati tra i valori di massimo e minimo. Tendente ai valori minimi della distribuzione la media Sistemista Senior Sistemista Variabilità nella norma tra i valori del campione. Netta la differenza di costo pagata per la differente esperienza del sistemista. Positiva la tendenza della media verso valori bassi Sistemista 29 Figure Professionali ICT PROCUREMENT FM: DASHBOARD Valori del Una visione campione comune della spesa e bontà ICT di acquisto Rilevazione FM Modalità di rappresentazione per valori massimi e minimi Valori Campione Operatore Sistemi IT Distribuzione Campione Operatore Sistemi IT Principali considerazioni La variabilità nel campione sui tre valori è elevata, mentre tende verso valori centrali della distribuzione la media dei compensi Security Manager Variabilità estremamente contenuta per quanto riguarda la figura del security manager. Tendenza della media verso valori elevati Security Manager 30 15

16 Rilevazione FM Modalità di rappresentazione per valori massimi e minimi Valori Campione Security Analyst Distribuzione Campione 542 Principali considerazioni Forte variabilità tra i valori del campione. Media spostata verso valori bassi della distribuzione Security Analyst Junior Security Analyst Variabilità elevata anche per la corrispondente figura di livello inferiore per la quale però i compensi medi si discostano di poco verso la parte superiore della distribuzione Junior Security Analyst 31 Rilevazione FM Figure Professionali AD e AM: Valori del campione e bontà di acquisto Modalità di rappresentazione per valori massimi e minimi Valori Campione Distribuzione Campione Principali considerazioni Analista Funzionale Senior Analista Funzionale Analista Funzionale Senior 378 Forbice accettabile tra i valori di massimo e minimo per quanto riguarda la figura dell analista funzionale. Su tale professione rileviamo però una certa difficoltà nel rilevare le differenze tra Senior e Junior da parte di alcuni istituti Analista Funzionale 32 16

17 Rilevazione FM Figure Professionali AD e AM: Valori del campione e bontà di acquisto Modalità di rappresentazione per valori massimi e minimi Valori Campione Analista Programmatore Distribuzione Campione 274 Principali considerazioni La variabilità nel campione sui tre valori è ridotta, ma tende a crescere al limite superiore Analista Programmatore Programmatore Dipartimentale 320 Variabilità nella norma tra i valori rilevati. Media che si avvicina al valore più basso Programmatore Dipartimentale 33 Rilevazione FM Figure Professionali AD e AM: Valori del campione e bontà di acquisto Modalità di rappresentazione per valori massimi e minimi Valori Campione Programmatore Distribuzione Campione 269 Principali considerazioni Forbice contenuta tra i valori rilevati dei diversi istituti. La media d acquisto si avvicina però al limitare più elevato Programmatore Web Designer Anche in questo caso la varianza risulta ridotta tra i compensi, i quali di media risultano tendere verso i valori più bassi del campione rilevato Web Designer 34 17

18 Rilevazione FM Figure Professionali AD e AM: Valori del campione e bontà di acquisto Modalità di rappresentazione per valori massimi e minimi Valori Campione Distribuzione Campione Principali considerazioni Architetto di Progetto Architetto di Progetto Per quanto riguarda questa figura la tendenza generale è quella ad acquistare a prezzo conveniente in un range di valori che si spostano nella norma Rilevazione FM Figure Professionali AD e AM: Valori del campione e bontà di acquisto 35 Modalità di rappresentazione per valori massimi e minimi Valori Campione Specialista di Soluzione Funzionale Distribuzione Campione Specialista di Soluzione Funzionale Principali considerazioni La variabilità nel campione sui tre valori è nella norma, come, d altra parte, anche la stessa media d acquisto. Specialista di Soluzione Tecnico Variabilità decisamente elevata tra i valori delle rilevazioni. La media, però, è positivamente spostata verso i valori minimi Specialista di Soluzione Tecnico 36 18

19 Internazionalizzazione e prossimi passi Internazionalizzazione Si era proposta l internazionalizzazione come tema trasversale proprio perché gli acquisti sono una funzione strategica a elevato impatto sulla profittabilità di lungo termine dell impresa e la loro dimensione globale è sovente trascurata. Si era proposta l internazionalizzazione come tema trasversale proprio perché gli acquisti sono una funzione strategica a elevato impatto sulla profittabilità di lungo termine dell impresa e la loro dimensione globale è sovente trascurata. Criticità Strategie attuate I fornitori applicano strategie globali ed è quindi opportuno migliorare il coordinamento e la centralizzazione degli acquisti Sono evidenti i vantaggi di strategie d acquisto locali Standardizzazione e coordinamento Strategie di volume potrebbero essere impraticabili o sub-ottimali Spinte verso la decentralizzazione Adattamento del processo di acquisizione e/o del portfolio di acquisto alla realtà locale Centralizzazione VS Decentralizzazione Standardizzazione VS Adattamento Caratteristiche proprie del prodotto 38 Strategie Una strategia Una strategia per la gestione per la gestione globale globale degli acquisti degli acquisti deve deve tener tener conto conto delle delle caratteristiche proprie caratteristiche di tale processo proprie poiché di è tale fonte processo di vantaggio poiché è competitivo fonte di vantaggio competitivo Caratteristiche Richiede il coordinamento con le altre attività strategiche Richiede l integrazione di una dimensione: imprenditoriale, innovativa e di apprendimento organizzativo Una strategia globale richiede conoscenze e competenze specifiche (ad esempio dei mercati esteri, dei fornitori, della cultura, delle pratiche e delle conseuetudini ) Una strategia globale ha dei suoi antecedenti nella storia dell organizzazione La strategia di acquisto si riflette tipicamente: 1. Nel livello di centralizzazione/decentralizzazione del processo 2. Nel livello di standardizzazione processo 39 19

20 Strategie Alcuni studi hanno evidenziato delle linee guida con implicazioni manageriali per il perseguimento di tale strategia Alcuni studi hanno evidenziato delle linee guida con implicazioni manageriali per il perseguimento di tale strategia Linee guida Allineamento tra il processo e altri aspetti organizzativi legati, ad esempio, alle caratteristiche del prodotto/servizio La selezione internazionale dei fornitori, la valutazione delle opportunità, le negoziazioni, la misurazione delle performance devono evolvere in senso dinamico Sistemi di Supporto agli Acquisti e di Knowledge Management dedicati possono agevolare e migliorare la funzione stessa In questi studi si auspicano Maggiore centralizzazione degli acquisti Maggiore coordinamento a livello internazionale e tra le diverse unità organizzative Maggiore efficienza nella diffusione di informazioni e di conoscenza Per quanto concerne le TLC si è pensato di individuare opportuni item da rilevare e Estensione Items obiettivi a cui tendere Per quanto concerne le TLC si è pensato di individuare opportuni item da rilevare e obiettivi a cui tendere 40 Estensione degli item ai modelli TLC TLC Prospettive Rilevare le principali voci TLC Costi contratto telefoni fissi Costi contratto telefoni mobili Caratterizzazione dell inbound Caratterizzare i nodi della rete Identificare i driver di costo Costo del punto rete Condividere la rilevazione delle componenti principali Identificare le principali politiche negoziali 41 20

21 Prossimi passi Saranno comunque continuate le attività di rilevazione delle voci di spesa in vista del prossimo rapporto. Saranno comunque continuate le attività di rilevazione delle voci di spesa in vista del prossimo rapporto. Attività di rilevazione del dashboard Composizione della Spesa IT Services Presentazione e conclusione delle rilevazioni Rilascio della nuova rilevazione a chiusura Rilevazione I semestre 2009 Software di base Microsoft ATM HW Infoprovider Rilevazione e confronto rispetto rilevazione 2008 e I sem Server Rack server 4CPU da 4core sola fornitura in opera Rilevazione e confronto rispetto rilevazione 2008 e I sem

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione L Impresa Estesa come motore dell Innovazione VOIP e RFID Andrea Costa Responsabile Marketing Clienti Enterprise 0 1. Innovazione: un circolo virtuoso per l Impresa Profondità e latitudine (l azienda approfondisce

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 NethSecurity Firewall UTM 3 NethService Unified Communication & Collaboration 6 NethVoice Centralino VoIP e CTI 9 NethMonitor ICT Proactive Monitoring 11 NethAccessRecorder

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

La comunicazione digitale al servizio della Spending Review

La comunicazione digitale al servizio della Spending Review La comunicazione digitale al servizio Libro Bianco Febbraio 2013 In collaborazione con Indice 1. Executive Summary... 3 2. Obiettivo: spendere meno e meglio... 5 3. La PA italiana: alcuni numeri significativi,

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

COLLABOR@ ORGANIZZA RIUNIONI ON-LINE DA QUALUNQUE PC RECUPERA IL TUO TEMPO TAGLIA I COSTI DEI TUOI SPOSTAMENTI RISPETTA L AMBIENTE

COLLABOR@ ORGANIZZA RIUNIONI ON-LINE DA QUALUNQUE PC RECUPERA IL TUO TEMPO TAGLIA I COSTI DEI TUOI SPOSTAMENTI RISPETTA L AMBIENTE COLLABOR@ ORGANIZZA RIUNIONI ON-LINE DA QUALUNQUE PC RECUPERA IL TUO TEMPO TAGLIA I COSTI DEI TUOI SPOSTAMENTI RISPETTA L AMBIENTE COSA E QUANDO SERVE PERCHE USARLO E un servizio di Cloud Computing dedicato

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 NetConsulting 2014 1 INDICE 1 Gli obiettivi della Survey...

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Proteggere le informazioni in tempo di crisi: si può essere sicuri con investimenti contenuti? Lino Fornaro Net1 sas Giovanni Giovannelli - Sophos

Proteggere le informazioni in tempo di crisi: si può essere sicuri con investimenti contenuti? Lino Fornaro Net1 sas Giovanni Giovannelli - Sophos Proteggere le informazioni in tempo di crisi: si può essere sicuri con investimenti contenuti? Lino Fornaro Net1 sas Giovanni Giovannelli - Sophos L Autore Lino Fornaro, Security Consultant Amministratore

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Comunicazioni video Avaya

Comunicazioni video Avaya Comunicazioni video Avaya Video ad alta definizione per singoli e gruppi a livello aziendale. Facile utilizzo. Ampiezza di banda ridotta. Scelta di endpoint e funzionalità. Le soluzioni video Avaya sfatano

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli