CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA"

Transcript

1 CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA ESTRATTO del Processo verbale dell adunanza del 29 maggio 2012 Seduta pubblica Sessione II ordinaria Intervenuti Consiglieri N. 28 Presidente Rosario Monteleone Consigliere Segretario Francesco Bruzzone O.d.g. n. 262 Deliberazione n. 11 OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE DI SVILUPPO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE (LEGGE REGIONALE 18 DICEMBRE 2006, N. 42 (ISTITUZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE INTEGRATO PER LO SVILUPPO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE IN LIGURIA) E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI). IL CONSIGLIO REGIONALE Vista la legge regionale 18 dicembre 2006, n. 42 (Istituzione del sistema informativo regionale integrato per lo sviluppo della Società dell Informazione in Liguria) e successive modificazioni ed integrazioni e, in particolare, l articolo 9 ai sensi del quale la Regione adotta le linee di indirizzo e di programmazione per lo sviluppo coordinato ed omogeneo sul territorio regionale della Società dell Informazione, nonché per lo sviluppo del Sistema Informativo Regionale Integrato (SIIR), attraverso l'approvazione, a cadenza triennale, da parte del Consiglio regionale - Assemblea legislativa della Liguria, su proposta della Giunta regionale, del Programma Triennale di sviluppo della Società dell'informazione; Dato atto che nella stesura del Programma Triennale di sviluppo della Società dell Informazione è stato coinvolto l insieme degli enti appartenenti al SIIR di cui all articolo 3 della l.r. 42/2006 e successive modificazioni ed integrazioni, nell ambito di una istruttoria del Gruppo di Lavoro n. 1 Supporto 1

2 all attuazione della l.r. 42/2006 del Comitato di Indirizzo del SIIR di cui all articolo 8 della citata legge regionale; Dato atto, altresì, che il Comitato di Indirizzo di cui sopra ha analizzato lo schema di Programma in oggetto durante la riunione del 1 dicembre 2011 e, in considerazione dell istruttoria effettuata e della rispondenza alle esigenze degli enti appartenenti al SIIR e di alcune specificazioni richieste da inserire nel testo da presentare alla Giunta regionale, ha espresso parere favorevole in merito alla sua approvazione; Esaminato il Programma Triennale di sviluppo della Società dell Informazione di cui al documento allegato, parte integrante e necessaria della presente deliberazione; Dato atto che detto Programma corrisponde alle linee programmatiche economico-finanziarie della Regione Liguria; Considerato che lo stesso contiene una serie di direttive vincolanti per le direzioni e i dipartimenti regionali e per gli enti appartenenti al SIIR, che si assume debbano essere attuate nel triennio, in quanto ritenute indispensabili per dare attuazione all impianto programmatico regionale, e che devono essere adottate per la realizzazione dei relativi interventi e tradotte anche in specifici obiettivi annuali per i direttori generali e i dirigenti responsabili; Considerato, altresì, che, sulla base della decisione della Giunta regionale 6 marzo 2012, n. 16 (Strategia regionale sulle attività informatiche - indirizzi a Datasiel per la relazione previsionale 2012), si rende necessario rivedere la struttura del Programma Triennale della Società dell Informazione che dovrà assumere la valenza di programma strategico di sintesi degli obiettivi, con l indicazione delle priorità triennali e delle previsioni di budget annuali da allocare per ciascun Ente appartenente al SIIR, e che servirà da Quadro di riferimento per il Piano Operativo Annuale; Ritenuto che, in attesa dell adozione della strategia sopra indicata, occorra approvare il Programma, già condiviso dal Comitato di Indirizzo del SIIR, specificando espressamente che lo stesso sarà rivisto nel termine di un anno per adeguarlo a quanto sopra esposto; Ritenuto, altresì, che il Programma Triennale di sviluppo della Società dell Informazione risulti meritevole di approvazione in merito allo sviluppo dell insieme del SIIR e del progetto istituzionale Liguria in Rete in relazione a quanto prescritto dalla stessa l.r. 42/2006 e successive modificazioni ed integrazioni; Vista la proposta di deliberazione della Giunta regionale 30 marzo 2012, n. 6, preventivamente esaminata dalla I Commissione consiliare, competente per materia, ai sensi degli articoli 26 dello Statuto e 83, comma 1, del Regolamento interno, nella seduta del 28 maggio 2012; 2

3 D E L I B E R A di approvare il Programma Triennale di sviluppo della Società dell Informazione , allegato alla presente deliberazione quale parte integrante e necessaria. TCB - O M I S S I S - Nessun altro Consigliere chiedendo la parola il Presidente pone in votazione il provvedimento di cui trattasi. Procedutosi a regolare votazione, palese nominale, ai sensi dell'articolo 96, comma 2, del Regolamento interno, fatta con l'ausilio del sistema elettronico e l'assistenza del Segretario, si ha il seguente risultato (come da elenco agli atti): - presenti... n votanti... n voti favorevoli... n astenuti... n. 10 Il Presidente proclama l'esito della votazione e dichiara pertanto approvato il provvedimento. IL PRESIDENTE (Rosario Monteleone) IL CONSIGLIERE SEGRETARIO (Francesco Bruzzone) TCB 3

4 PROGRAMMA TRIENNALE DI SVILUPPO DELLA SOCIETA DELL INFORMAZIONE IN LIGURIA

5 Indice 1. PREMESSA: NATURA E CONTENUTI DEL PROGRAMMA TRIENNALE 2. ANALISI SINTETICA DEGLI ESITI DELLA PIANIFICAZIONE TRIENNALE LA PROGRAMMAZIONE STRATEGICA PER IL TRIENNIO LE LINEE STRATEGICHE DELLA PROGRAMMAZIONE : ESIGENZE E STRUMENTI 3.2. IL PROCESSO DI PROGRAMMAZIONE STRATEGICA 3.3. GLI OBIETTIVI STRATEGICI DELLA PROGRAMMAZIONE ED I RELATIVI CONTENUTI PROGETTUALI GENERALI 3.4. DIRETTIVE E LINEE DI INTERVENTO STRATEGICHE REGIONALI PER IL TRIENNIO 3.5. CRITERI DI IDENTIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI DI ATTUAZIONE 3.6. ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI DI REALIZZAZIONE: IL RUOLO DELLA SOCIETÀ IN HOUSE DATASIEL S.P.A MONITORAGGIO DEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI PROGRAMMAZIONE 4. GLI ASPETTI DI PREVISIONE FINANZIARIA ED ECONOMICA DELLA PROGRAMMAZIONE TRIENNALE CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA PREVISIONE DI FABBISOGNO FINANZIARIO TRIENNALE LA PREVISIONE DI FABBISOGNO FINANZIARIO TRIENNALE E LE FONTI FINANZIARIE DI INVESTIMENTO 5. ARCHITETTURA DEL SISTEMA INFORMATIVO E TELEMATICO REGIONALE INTEGRATO 5.1. INFRASTRUTTURE ABILITANTI Infrastrutture di rete Infrastrutture di erogazione dei servizi Infrastrutture di sicurezza Infrastrutture di cooperazione 5.2. MODALITA DI FRUIZIONE DEI SERVIZI Accesso Profilazione Multicanalità Disponibilità e gestibilità dei servizi 5

6 6

7 1. PREMESSA: NATURA E CONTENUTI DEL PROGRAMMA TRIENNALE L articolo 9 della legge regionale 18 dicembre 2006 n. 42 definisce il Programma Triennale di sviluppo della Società dell Informazione che è attualmente riferito al triennio di pianificazione (PTSil ). Il presente documento di programmazione settoriale, che fa seguito all analogo Programma riferito al triennio approvato dal Consiglio Regionale con Deliberazione n. 1 del 28 gennaio 2009, consente a Regione Liguria di adottare per il triennio di riferimento le linee di indirizzo e di programmazione per lo sviluppo coordinato ed omogeneo sul territorio regionale della Società dell Informazione, nonché per lo sviluppo del Sistema Informativo Regionale Integrato (SIIR) e del progetto istituzionale Liguria in Rete. Il presente Programma costituisce il documento programmatico di riferimento regionale per lo sviluppo della società dell informazione in Liguria. In analogia al Programma riferito al precedente triennio recepisce gli indirizzi regionali contenuti nella programmazione generale e di settore e viene adottato in coerenza con la programmazione economico-finanziaria regionale. Sono contenuti del Programma: - Le linee di indirizzo della programmazione regionale di settore con l identificazione degli obiettivi strategici per il rafforzamento della Società dell Informazione in Liguria e gli indirizzi programmatici di sviluppo del SIIR e del progetto istituzionale Liguria in Rete - l identificazione dell architettura del sistema informativo e telematico regionale integrato - i contenuti e le linee di sviluppo delle aree di automazione ed i risultati attesi nel triennio - l'analisi del monitoraggio dello sviluppo delle ICT nel triennio precedente, l analisi critica dei risultati ottenuti nel precedente triennio nello sviluppo del sistema informativo interno all Amministrazione regionale e di cooperazione in ambito regionale e del SIIR, effettuata in maniera strutturata attraverso la quantificazione ex post degli indicatori di monitoraggio compresi, per ogni ambito settoriale, nel Piano Triennale Conseguentemente il Programma, nel rispetto dei contenuti prescritti dalla l.r. 42/2006, riporta: - Capitolo 2: l analisi sintetica degli esiti del periodo di programmazione precedente Capitolo 3: La programmazione strategica per il triennio: l identificazione degli obiettivi strategici, le direttive e le linee di intervento strategiche, ruoli e governance - Capitolo 4: gli aspetti finanziari di previsione della programmazione Capitolo 5: l architettura del sistema informativo e telematico regionale integrato Il programma è inoltre corredato da alcuni Allegati di dettaglio che ne costituiscono parte integrante: 7

8 Allegato 1 - Inquadramento: lo scenario di riferimento per la programmazione Allegato 2 - I contenuti programmatici riferiti agli ambiti settoriali per il triennio Allegato 3 Indicatori di risultato per il periodo di programmazione

9 2. ANALISI SINTETICA DEGLI ESITI DELLA PIANIFICAZIONE TRIENNALE Il Piano triennale riferito al periodo di programmazione contiene per ogni ambito settoriale di intervento una serie di indicatori di risultato. Per la verifica degli esiti della programmazione precedente il presente Programma analizza in maniera organica e sintetica i risultati ascrivibili ai singoli indicatori e fornisce un riferimento ad eventuali risultati non direttamente ad essi ascrivibili. I risultati dell analisi e la compilazione degli indicatori di risultato definiti ex ante nel Piano è riportata in Allegato 3. In alcune tabelle di analisi gli indicatori di risultato non sono stati valorizzati quando le corrispondenti iniziative non sono state realizzate in fase attuativa per una successiva ridefinizione degli obiettivi con conseguente rimodulazione delle attività su base annuale o per mancanza di risorse finanziarie sufficienti; quando tali obiettivi sono considerati da riproporre questi vengono ricompresi nelle attività programmatorie del presente Programma triennale Pur rimandando all analisi delle singole tabelle di dettaglio riportate in allegato si evidenzia come un analisi sintetica delle stesse identifichi un adeguato grado di raggiungimento degli obiettivi di tendenza complessiva identificati nel Programma Triennale Si evidenzia in particolare una buona vitalità delle azioni di cooperazione operativa ed istituzionale sia a livello intra-regionale che interregionale oltre ad una presenza a livello nazionale delle azioni svolte da Regione Liguria di primo livello. Il continuo processo di rafforzamento delle funzioni settoriali di servizio agli enti locali, attuate attraverso il CST Liguria ed il CRC Liguria, rappresenta il raggiungimento degli obiettivi di supporto al territorio previsti per il triennio. A tali azioni si affianca il costante dispiegamento delle infrastrutture abilitanti sul territorio a favore delle amministrazioni locali: oltre alla diffusione della banda larga nelle aree a fallimento di mercato su tutto il territorio regionale si ricordano le piattaforme di interoperabilità e cooperazione applicativa, la sicurezza e il supporto al passaggio al canale televisivo digitale terrestre. Analoga performance può essere verificata in merito al supporto alle funzionalità interne dell Amministrazione conseguente soprattutto per quanto riguarda il potenziamento dei servizi dell ufficio digitale e la dematerializzazione dei flussi documentali. Interoperabilità e dematerializzazione hanno rappresentato due obiettivi strutturanti che hanno interessato tutto il triennio mettendo le basi, in termini di piattaforme, ad una maggior sviluppo durante il prossimo periodo di programmazione. 9

10 Rilevanti sono stati anche i processi di adozione delle piattaforme e dei criteri operativi di livello interregionale e nazionale, tra questi gli indicatori evidenziano l importanza della piattaforma ICAR per i processi cooperativi e l avvio delle attività connesse al coinvolgimento della Regione nei flussi costitutivi e di fruizione dell INA SAIA. In generale anche per il triennio si osserva una costante crescita dei sistemi tecnico-amministrativi settoriali per le funzioni di istituto svolte da Dipartimenti regionali e dagli Enti SIIR. A ciò si affianca un buon livello di incremento dei servizi digitali per i cittadini (con particolare attenzione alle categorie deboli) e i soggetti economici disponibili. In ultimo si conferma il livello elevato di azioni coordinate per la comunicazione telematica istituzionale basata su Web. 10

11 3. LA PROGRAMMAZIONE STRATEGICA PER IL TRIENNIO LE LINEE STRATEGICHE DELLA PROGRAMMAZIONE : ESIGENZE E STRUMENTI Come nella programmazione riferita al precedente triennio le linee strategiche che vengono assunte come riferimento per l identificazione delle priorità operative si rifanno alla centralità dell utenza (privata o istituzionale) e delle sue esigenze reali rispetto ai sistemi e alle tecnologie che devono essere strettamente dimensionate alle reali esigenze operative: si tratta quindi di considerare la qualità del servizio erogato come obiettivo fondamentale e unificante dell azione attuativa. Si tratta di porre quindi massima attenzione alla valutazione preventiva delle reali esigenze della domanda che devono prevalere sulla logica amministrativo-procedurale per cui il rafforzamento del back office degli Enti SIIR deve essere sempre finalizzato alla capacità di fornire servizi telematici per cittadini ed imprese e per la cooperazione con altre Amministrazioni. In termini gestionali oltre al contenimento della spesa e alla qualità e misurabilità dei risultati, deve essere verificata in fase progettuale la disponibilità delle risorse organizzative e finanziarie per il mantenimento in esercizio del servizio valutandone il rapporto costi / benefici in relazione alla frequenza di utilizzo, alla dimensione del bacino di utenza attuale e potenziale, ai benefici organizzativi e finanziari che l adozione del servizio comporta. Inoltre l orientamento in ambito regionale ligure è di procedere verso processi di coordinamento, integrazione o unificazione dei sistemi e dei servizi degli Enti appartenenti al SIIR estendendone la fattibilità anche agli enti locali liguri attraverso il progetto istituzionale Liguria in rete. In Allegato 1 è dettagliatamente descritto lo scenario di riferimento adottato per le scelte programmatiche e la rete di strumenti coordinati con cui Regione Liguria attua il rafforzamento della società dell informazione nella nostra regione. Tali strumenti coordinati costituiscono nell insieme un sistema di attuazione unitario come deinito dalle Linee di intervento di eliguria approvate con DGR 108 del 29/01/2010: - il riferimento normativo e strategico (la legge regionale 42/2006 ed il PtSil) - gli strumenti di attuazione (SIIR, Liguria in Rete, CST Liguria, CRC Liguria, l Osservatorio della S.I. in Liguria, infrastrutture abilitanti di comunicazione, interoperabilità, cooperazione applicativa, il sito e Liguria) - le azioni della Regione Liguria svolte a livello regionale ed interregionale, degli enti SIIR e degli enti locali. 3.2 IL PROCESSO DI PROGRAMMAZIONE STRATEGICA Analogamente all assetto di programmazione settoriale riferito ai trienni precedenti questo si riferisce ad un numero limitato di obiettivi strategici di natura programmatoria che contribuiscono alla definizione della strategia per lo sviluppo della 11

12 Società dell informazione nella nostra regione e che vengono ridefiniti su base triennale in ragione: - dell analisi critica dei risultati ottenuti nel precedente triennio nell ambito dello specifico settore - dello stato dell arte raggiunto in Liguria - del quadro normativo e programmatico mutato su base regionale, nazionale ed europeo - dell assetto tecnologico ed infrastrutturale di riferimento. Da ogni obiettivo strategico discendono dei contenuti generali e riferiti al singolo ambito settoriale, il cui dettaglio è riportato in Allegato 2, e quindi i singoli interventi di attuazione che verranno sviluppati specificamente nel periodo

13 Obiettivo strategico Linee di intervento e contenuti (generali / per ambito settoriale) Intervento di attuazione strategia programmazione Realizzazione Attori / ruoli Costi / cofinanziamento Monitoraggio/ benchmarking ambito del Programma triennale ambito dell attuazione L attuazione della strategia regionale nella costituzione della Società dell informazione passa quindi attraverso: - la definizione del presente programma che contiene: - l identificazione strategica dei grandi obiettivi da raggiungere identificati per il triennio; - la conseguente definizione dei contenuti (generali / per ambito settoriale) che delineano gli ambiti di applicazione delle tecnologie ICT nel raggiungimento degli obiettivi; - la fase attuativa che comprende: - l attuazione dei contenuti progettuali attraverso gli interventi attuativi che verranno implementati nel triennio da Regione, Enti SIIR ed Enti locali sulla base di progetti che dettaglino gli obiettivi, i costi, i tempi di realizzazione, i soggetti coinvolti e i criteri di eventuale cofinanziamento. I contenuti riferiti agli ambiti settoriali nella programmazione triennale sono riportati nell Allegato 2 distinguendo tra: - sviluppi trasversali, che presentano carattere di trasversalità tecnologica o funzionale; 13

14 - sviluppi settoriali, che interessano uno specifico ambito di azione amministrativo o tecnico. 14

15 3.3 GLI OBIETTIVI STRATEGICI DELLA PROGRAMMAZIONE ED I RELATIVI CONTENUTI PROGETTUALI GENERALI Si identificano 4 obiettivi strategici che si intendono perseguire nel triennio : Obiettivo 1: infrastrutturazione del territorio Attuare il dispiegamento delle tecnologie di base per l eliminazione del digitale divide territoriale regionale Regione Liguria identifica come obiettivo strategico del prossimo triennio il rafforzamento della rete di infrastrutture abilitanti dispiegate sul territorio (connettività a larga banda, infrastrutture abilitanti di accesso, riconoscimento identificazione, elaborazione, cooperazione applicativa e interoperabilità, multicanalità) per assicurare a tutte le aree del territorio regionale un adeguato livello di connettività, accesso, riconoscimento, elaborazione, cooperazione applicativa e interoperabilità a tutti i sistemi degli enti SIIR e per facilitare e supportare l evoluzione in forma cooperativa dei servizi erogati dagli enti locali liguri nell ambito di Liguria in Rete. Obiettivo 2: dematerializzazione dei processi amministrativi Attuare la completa dematerializzazione dei processi amministrativi degli Enti SIIR e degli Enti locali liguri Regione Liguria identifica come obiettivo strategico del prossimo triennio la dematerializzazione complessiva delle funzioni amministrative e tecnico-operative degli enti SIIR e degli enti locali liguri attraverso Liguria in Rete assicurando il massimo livello di dematerializzazione dei flussi documentali di varia natura interni alle Amministrazioni e scambiati tra di loro e con l utenza esterna Obiettivo 3: rafforzamento del canale digitale per l erogazione dei servizi Attuare l inclusione nella società dell informazione della nostra regione rafforzando e strutturando il canale digitale Web per erogare i servizi a cittadini e ai soggetti economici Regione Liguria identifica come obiettivo strategico del prossimo triennio il rafforzamento della rete di servizi Web informativi, interattivi e transazionali per i cittadini e i soggetti economici a favore della semplificazione e la qualità di vita dei cittadini residenti permanenti e temporanei e per la competitività dei sistemi economici regionali assicurando il massimo livello di dematerializzazione dei flussi documentali di varia natura tra le Amministrazioni e l utenza esterna. Obiettivo 4: inclusione digitale dei soggetti regionali Attuare l inclusione nella società dell informazione della nostra regione diffondendo tra cittadini e soggetti economici la conoscenza digitale Regione Liguria identifica come obiettivo strategico del prossimo triennio la diffusione 15

16 culturale tra i cittadini ed i soggetti economici liguri degli strumenti della Società dell informazione favorendo l alfabetizzazione digitale e l accesso ai dati pubblici. 16

17 Obiettivo 1: infrastrutturazione del territorio Attuare il dispiegamento delle tecnologie di base per l eliminazione del digitale divide territoriale regionale Sono contenuti progettuali generali di questo obiettivo: - Il dispiegamento territoriale omogeneo della connettività a banda larga multivettore sicura assicurando un livello funzionale alle esigenze di superamento del digitale divide - Promuovere la diffusione delle reti di nuova generazione, valutare e avviare iniziative a supporto della diffusione della connettività a banda ultra larga di nuova generazione - La diffusione delle funzioni abilitanti all utilizzo sicuro e profilato dei servizi di accesso, riconoscimento identificazione - Il potenziamento delle infrastrutture abilitanti alla cooperazione applicativa e all interoperabilità tra sistemi e sottosistemi degli enti SIIR e degli enti locali liguri e con soggetti esterni anche per consentire di unificare i punti di accessi ai servizi complessi da parte dell utenza e l espletamento degli iter amministrativi completamente per via telematica - Il potenziamento delle infrastrutture di elaborazione in forma congiunta tra enti SIIR (data center) - Attuare una politica di alto livello in materia di sicurezza delle reti e delle informazioni - il massimo dispiegamento regionale dell SPC ed SPCCoop. - Il rafforzamento delle funzioni di utilità digitale generale (Internet, posta elettronica, accesso a banche dati, ecc.) e delle modalità di comunicazione integrata e fruizione dei servizi multicanale (dati, fonia, video, ), e learning - L analisi e la sperimentazione di soluzioni di cloud computing interne al SIIR e alla comunità degli enti liguri nell ambito di Liguria in Rete nella logica della cooperazione e dell abbattimento dei costi. - L adozione di misure finalizzate ad assicurare per i sistemi la continuità operativa e le funzioni di disaster recovery. L adozione di misure finalizzate a consentire alle autonomie locali la riorganizzazione dei servizi di back e front end in forma aggregata, così come previsto dalla normativa e richiesto dalla indispensabilità di contenere i costi operativi che gravano sulle Amministrazioni stesse. 17

18 Obiettivo 2: dematerializzazione dei processi amministrativi Attuare la completa dematerializzazione dei processi amministrativi degli Enti SIIR e degli Enti locali liguri Sono contenuti progettuali generali di questo obiettivo: - Lo sviluppo di ogni soluzione idonea a supportare la dematerializzazione dei flussi documentali d diversa natura e l automazione dei processi amministrativi / gestionali degli enti appartenenti al SIIR integrati anche con i servizi erogati in rete. - L incremento della capacità di comunicazione interna in ambiente Intranet ed Extranet dei soggetti SIIR. - Il rafforzamento dei sistemi trasversali di gestione digitale dematerializzata dei processi interni agli enti SIIR integrati anche con i servizi erogati in rete (contabilità e controllo di gestione programmazione, pianificazione, controllo strategico, risorse umane e gestione degli obiettivi delle Strutture, Amministrazione generale Provveditorato - strumenti di e Procurement, Monitoraggio degli investimenti, ) in una logica di coordinamento, integrazione ed unificazione negli enti SIIR e della comunità degli enti liguri nell ambito di Liguria in Rete. - Il rafforzamento dei sistemi settoriali di automazione delle funzioni amministrative e tecniche degli enti SIIR integrati anche con i servizi erogati in rete in una logica di coordinamento, integrazione e unificazione interna agli enti SIIR e della comunità degli enti liguri nell ambito di Liguria in Rete per specifici ambiti omogenei di funzioni. - La diffusione del domicilio digitale e dell utilizzo della PEC come strumenti abilitanti l interscambio documentale digitale secondo la norma CAD. - Favorire l implementazione di basi dati strutturanti (anagrafi di persone, enti, soggetti economici, oggetti territoriali, ) condivise aggiornate ed affidabili e georiferibili. - Favorire l attuazione della democrazia digitale attivando procedure che consentano la trasparenza dell azione amministrativa e la partecipazione dei soggetti della società civile. - Lo sviluppo trasversale dei centri servizio (CRC Liguria, CST Liguria, assistenza utenti, SITAR / cartografia digitale, produzione e redazione media e Web, ecc.) in una logica di coordinamento / integrazione / unificazione interna agli enti SIIR e della comunità degli enti liguri nell ambito di Liguria in Rete. 18

19 Obiettivo 3: rafforzamento del canale digitale per l erogazione dei servizi Attuare l inclusione nella società dell informazione della nostra regione rafforzando e strutturando il canale digitale Web per erogare i servizi a cittadini e ai soggetti economici Sono contenuti progettuali generali di questo obiettivo: - Operare strutturalmente per ottenere vantaggi socioeconomici sostenibili grazie a un mercato digitale basato su internet veloce e superveloce e su applicazioni interoperabili come prescritto dall Agenda Digitale europea. - Incrementare la rete dei servizi informativi Web destinata ai cittadini e ai soggetti economici favorendo la qualificazione e la profilazione dell utenza e la multicanalità integrata e coordinata in ambiente sicuro e con la produzione di ambiti documentali con valore legale. - Incrementare l offerta di servizi Web interattivi e transattivi destinati ai cittadini e ai soggetti economici favorendo l introduzione di strumenti di identificazione certificata dell utenza, completamento del ciclo amministrativo contabile per via digitale sicura, unificazione del punto di accesso digitale ai servizi anche quando coinvolgono più enti, pagamento elettronico e monitoraggio dello stato di avanzamento del servizio richiesto. - Strutturare l identità digitale personale in maniera generalizzata. - Attuare la massima semplificazione dei servizi on line per favorirne l utilizzo e ridurre il costo dell interazione con la Pubblica Amministrazione; - Favorire l accesso ai dati (Open data) e alle procedure del mercato pubblico. - Strutturare flussi di scambio di dati tra enti e la costituzione di banche dati di riferimento (anagrafi). - Rafforzare la formazione a distanza, con particolare attenzione al coinvolgimento delle categorie deboli e delle aree marginali, sperimentare ed introdurre strumenti di telelavoro. - Favorire ogni intervento di diffusione delle dotazioni informatiche e l accesso a Internet nelle famiglie e nelle imprese liguri. - Operare per il mantenimento in esercizio della rete dei servizi Web già implementati e disponibili per l utenza assicurando adeguati livelli di servizio. - Assicurare la funzionalità ed il dispiegamento dei servizi telematici attualmente in fase avanzata di realizzazione. - Favorire l'uso regolare di internet da parte delle categorie svantaggiate. - Favorire l applicazione delle ICT che consentano di abbattere gli impatti sull'ambiente. - Sperimentare servizi di e-government transfrontalieri senza soluzione di continuità nel mercato unico in applicazione della Agenda digitale europea. 19

20 Obiettivo 4: inclusione digitale dei soggetti regionali Attuare l inclusione nella società dell informazione della nostra regione diffondendo tra cittadini e soggetti economici la conoscenza digitale Sono contenuti progettuali generali di questo obiettivo: - Dare attuazione da parte dell Amministrazione regionale ai compiti ad essa attribuiti dall articolo 2 della l.r. 42/ Dare attuazione alle azioni di governance previste dalla l.r. 42/2006 in particolare per la conduzione e sviluppo del SIIR e il supporto alle attività del Comitato di Indirizzo del SIIR anche attraverso i relativi Gruppi di lavoro. - Emanare le Direttive tecniche operative in ambito regionale (articolo 13 l.r. 42/2006). - Dare attuazione alle funzioni del CRC Liguria e del CST Liguria e dei centri servizi settoriali integrati nell erogazione dei servizi telematici favorendone l unificazione a livello regionale. - Operare ogni intervento idoneo a favorire la massima inclusione di ogni componente della società e del mondo economico regionali nella società dell informazione e della conoscenza attuando l alfabetizzazione digitale ad ogni livello. - Rafforzare e standardizzare le iniziative di monitoraggio e valutazione dello sviluppo della Società dell informazione in Liguria. - Assicurare l applicazione sistematica degli standard tecnologici per favorire la riusabilità, l economia d impianto e di gestione, la manutenzione economica, la valorizzazione degli investimenti pregressi e dei Centri servizi di livello regionale e degli altri Enti SIIR. - Favorire i rapporti con l Università ed i soggetti di ricerca attivi nel campo dell ICT e della Società dell informazione anche realizzando progetti comuni e favorendo la sperimentazione operativa di prototipi e sistemi innovativi nell ambito del SIIR. - Dare attuazione ad iniziative di comunicazione e diffusione della Società dell informazione regionale orientate alla società civile ed imprenditoriale. - Attivare iniziative di contrasto della criminalità e pirateria informatica. - Attivare nel rispetto della normativa vigente partnership con soggetti economici con cui avviare o consolidare rapporti di collaborazione nello sviluppo di specifiche iniziative tra cui la condivisione di infrastrutture ICT di base. - Favorire ogni intervento di diffusione e formazione connesso all applicazione delle tecnologie IC favorendo la conoscenza dell ICT al largo pubblico orientato all abbattimento della sfiducia dell utenza potenziale verso i servizi Web ed in particolare verso i pagamenti on line - Favorire l adozione delle tecnologie IC da parte dei sistemi produttivi liguri ed in generale dei soggetti economici. - Progettare ed avviare progetti basati sul project financing e favorire la partnership pubblico / privato. - Sviluppare un quadro normativo regionale coerente con le strategie definite. - Avviare i processi di attuazione dell Open Government adottando progressivamente strumenti open source adeguatamente maturi e stabili. 20

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 \ Premessa L obiettivo generale I settori chiave di intervento La cittadinanza digitale Il welfare e la salute Il fisco L edilizia L impresa Gli strumenti

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Ministro per l innovazione e le tecnologie. Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell Informazione nella legislatura

Ministro per l innovazione e le tecnologie. Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell Informazione nella legislatura Ministro per l innovazione e le tecnologie Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell Informazione nella legislatura Roma, giugno 2002 1 2 Presentazione La modernizzazione del Paese attraverso

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE OBIETTIVO OPERATIVO DESCRIZIONE ATTIVITA' SOGGETTI RESPONSABILI INDICATORI TARGET 2.1.1 2.1.2 Ottimizzazione della Struttura Organizzativa Adozione di un nuovo Organigramma e Funzionigramma della Direzione

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Logo pagopa per il sistema dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi. Premessa L Agenzia per l Italia Digitale

Dettagli

Linee. guida. per i siti web della PA DIGITAL AGENDA ITALIA

Linee. guida. per i siti web della PA DIGITAL AGENDA ITALIA DIGITAL AGENDA ITALIA Linee guida per i siti web della PA 2011 Dipartimento per la Digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e l Innovazione Tecnologica DIGITAL AGENDA ITALIA Linee guida per i siti

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli