Piano di E-Government 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di E-Government 2012"

Transcript

1 Piano di E-Government 2012 Sommario Introduzione 3 Obiettivo 1: Scuola Progetto Scuola in rete Progetto Didattica digitale Progetto Servizi scuola-famiglia via Web Progetto Anagrafe scolastica nazionale 9 Obiettivo 2: Università Progetto Servizi on line e WiFi 10 Obiettivo 3: Giustizia Progetto Certificati giudiziari Progetto Applicazione per i Giudizi di Pace 12 Obiettivo 5: Imprese Progetto Impresa in un giorno 13 Obiettivo 6: Sicurezza e libertà civili Progetto Documenti di identità 14 Obiettivo 7: Affari Esteri 15 Progetto Servizi consolari on.line 15 Obiettivo 8: Ambiente 16 Progetto Efficienza energetica 16 Obiettivo 9: Turismo Progetto Poli turistici locali 17 Obiettivo 10: Beni Culturali Progetto CulturAmica Portale della Cultura Progetto CulturAmica Musei d Italia Cultura per tutti 19 Obiettivo 12: Mobilità mezzi e persone Progetto Dati per l infomobilità 20 Obiettivo 15: Anagrafi Progetto Completamento della automazione dell anagrafe comunale e del sistema di circolarità anagrafica 21 pag. 1

2 15.2 Sistemazione degli archivi del Comune di Roma Servizi anagrafici on-line Progetto Gestione automatica degli archivi anagrafici di basso utilizzo Progetto Automazione Servizi Elettorali 25 Obiettivo 16: Dati Territoriali Progetto Anagrafe comunale degli immobili 26 Obiettivo 18: Servizi Banda Larga Progetto Roma Digitale 27 Obiettivo 19: Trasparenza ed efficacia della PA Progetto Creazione Osservatorio Prezzi ICT presso il Comune di Roma integrato con CONSIP e CNIPA Progetto Rilevazione e pubblicazione annuale degli asset ICT del Comune di Roma Progetto Integrazione dei dati amministrativi per le statistiche del lavoro Progetto Banca dati delle professionalità dell Ente e sistema di valutazione delle competenze Progetto Sistema di formazione continua del portale MarcoAurelio del Comune di Roma Progetto Sistema informativo per la gestione della formazione 33 Obiettivo 20: Dematerializzazione Progetto Posta elettronica certificata Progetto Pagamenti on.line verso la PA Progetto DURC on-line Progetto Gestione documentale Progetto Attuazione del CAD Progetto Attuazione CAD attivazione estesa VoIP e Unified Communication 39 Obiettivo 22: Rapporto cittadini-pa Progetto Reti amiche Progetto Emoticons 41 Obiettivo 24: Sicurezza dei Sistemi informativi e Reti Progetto La sicurezza delle reti e dei servizi su rete Progetto Stabilizzazione e potenziamento dell Unità di prevenzione degli incidenti (CERT-SPC) 43 ndr.: nelle schede di cui al presente documento sono espresse in carattere corsivo le formulazioni che riprendono integralmente i contenuti del Piano di e-government 2012 rilasciato dal Ministero per la Pubblica Amministrazione e l Innovazione nel gennaio 2009 pag. 2

3 INTRODUZIONE L intesa tra il Comune di Roma ed il Ministero per la Pubblica Amministrazione e l Innovazione sul Piano di e-government 2012 è un potente acceleratore del processo di buona modernizzazione della città e del Paese. Roma, infatti, sposa in modo convinto l azione di e-government intrapresa dal Governo e, grazie alle sue caratteristiche, si pone come un partner privilegiato e strategico per il successo della stessa. Occorre infatti sottolineare come la capitale sia sostenuta, sotto il profilo dell innovazione dell azione amministrativa, da una robusta infrastruttura tecnologica, un laboratorio e una vetrina. Infatti: Roma, come città capitale, è il luogo dove l azione amministrativa ha una dimensione e una criticità non paragonabili ad alcuna altra situazione italiana. La concentrazione di funzioni di alto valore strategico e l intreccio tra amministrazione locale, regionale, nazionale e internazionale sono insieme la condizione per il varo di un laboratorio di e-government di valore assoluto e la base per sviluppare soluzioni utili per l intero Paese, Roma, quale metropoli ad economia mista caratterizzata da una forte presenza industriale e nel contempo da una significativa specializzazione nelle funzioni terziarie più avanzate (nella ricerca, nell alta formazione, nel terziario direzionale), è un terreno fertile per lo sviluppo di servizi di alta qualità che hanno nelle infrastrutture e nelle tecnologie ICT un fattore abilitante indispensabile, Roma, come grande città metropolitana, è il terreno più sfidante per connettere attraverso i servizi l azione amministrativa con la qualità della vita quotidiana dei suoi cittadini, Roma, come città internazionale, è una città vetrina unica per il Paese; le soluzioni in termini di qualità e di ampiezza dei servizi destinati ad un pubblico internazionale (dagli scambi derivanti dall azione del Governo, all attività delle Istituzioni culturali, alla internazionalizzazione produttiva) saranno sotto i riflettori della comunità internazionale e testimonieranno la capacità delle città e del Paese di affrontare un percorso di modernizzazione insieme necessario e promettente, Roma, come città giovane e colta ( studenti, ADSL già attive) può contare sulla spinta delle generazioni che utilizzano l ICT come uno strumento naturale per la costruzione del proprio futuro, Roma, come potenziale città cablata, può adottare con il concorso pubblico e privato le nuove tecnologie di comunicazione attraverso l impiego di capillare di fibre ottiche, e arrivare dunque ad eliminare dai tetti le antenne televisive riportando il suo centro storico ad una immagine più vicina al suo meraviglioso passato. pag. 3

4 Il Comune di Roma esercita perciò un ruolo che si qualifica insieme come supporto strategico all azione politico amministrativa nazionale nonché come laboratorio evoluto di servizi innovativi. L e-government rappresenta in questo senso un capitolo fondamentale di riordino del processo di governo nel senso alto del termine. Riconnettere l azione amministrativa con l efficienza significa concorrere al bene comune. Questo documento, frutto di una sintesi strutturata delle buone pratiche già presenti nell azione amministrativa della capitale, porta all attenzione generale la molteplicità e la qualità dei progetti di e-government in cui l amministrazione comunale è già impegnata. L ampiezza del panorama progettuale, che trova concretezza nelle schede qui presentate, si connette in modo pressoché completo al quadro previsto dal Piano Nazionale di e-government, che ha costituito il costante riferimento per l attività di progettazione. Roma è oggi un potente complesso amministrativo. Molti servizi assumono la valenza di porta d ingresso del Paese ben oltre i livelli di utenza riservati ai soli residenti. Non è dunque casuale che i progetti che ad oggi compongono il Piano di e-government del Comune tocchino in modo pervasivo le declinazioni riconosciute nel Piano del governo: a) obiettivi di robusta infrastrutturazione tecnologica (in particolare nella dotazione di reti a banda larga) come fattore indispensabile per lo sviluppo di moderni servizi on line, b) obiettivi settoriali, c) obiettivi territoriali; d) obiettivi di sistema. Lo sforzo profuso nei temi oggetto delle schede è stato quello di mettere a sistema le linee operative della progettualità comunale per ottimizzare la loro corrispondenza con le indicazioni di Piano Nazionale. La logica seguita è quella di un arricchimento dal basso dei processi correnti di e-government cittadino che guarda all integrazione con le corrispondenti logiche dall alto. Accanto a un attenzione focalizzata sugli obiettivi specifici di ciascuna scheda, particolare cura è stata prestata nell identificazione e nella rappresentazione di due aspetti essenziali per le prospettive di sviluppo delle iniziative: l esame preliminare attuato con attenti riscontri delle esperienze locali delle funzionalità di e-governnment operanti nelle situazioni in cui il Comune partecipa già alla configurazione o all utilizzazione di soluzioni innovative; la rassegna delle dotazioni e delle risorse tecnologiche e organizzative già disponibili in ambito comunale che possono costituire un modello operativo e un supporto all attuazione dei programmi. In questo contesto le schede offrono in modo diretto e sintetico un collegamento vitale con la pianificazione strategica dell e-government nazionale. La lettura dei titoli e dei temi mostra quanto Roma sia oggi connessa con i trend fondamentali pag. 4

5 di innovazione amministrativa attraverso progetti che spaziano dal sistema formativo (Scuola e Università), all amministrazione della giustizia e dei servizi anagrafici per il cittadino, al turismo e alla compatibilità ambientale nonché alle applicazioni abilitanti dell ICT (Banda Larga e sicurezza). La connessione, che qui diventa programmatica, tra Piano comunale e Piano nazionale di e-government evidenzia in modo esemplare, in questa direzione, come da una solida visione possano derivare strumentalità innovative in grado di dare attuazione concreta al buon federalismo italiano. pag. 5

6 Obiettivo 1: Scuola 1.1 Progetto Scuole in rete Rendere disponibile Internet in banda larga e in sicurezza anche in modalità mobile a tutte le sedi e classi di ogni ordine e grado utilizzando il contratto quadro SPC Predisporre, ove possibile un unico collegamento a larga banda che supporti tutte le applicazioni del Comune, del MIUR e delle altre amministrazioni interessate. Tale realizzazione sarà resa possibile dall impiego del SPC/convenzioni Consip sia per la connettività sia per la cooperazione applicativa in linea con le regole tecniche pubblicate su GU n.144 del 26 giugno 2008 Razionalizzare/ottimizzare i collegamenti multipli esistenti, riducendo quindi la spesa complessiva della PA e del CdR e rendere la scuola accessibile a tutte le applicazioni di interesse sviluppate dalla PA DIT, MIUR, Provincia di Roma, Regione Lazio Stato dell Arte Sono collegate in banda larga tutte le scuole gestite dal Comune di Roma e le scuole che sono sedi di seggi elettorali. Le realtà scolastiche romane sono circa pag. 6

7 1.2 Progetto Didattica digitale" Assicurare alle scuole la possibilità di adottare metodologie didattiche innovative rendendo disponibile una piattaforma tecnologica per la fruizione di testi scolastici e di materiali didattici digitali [...] Si potrà migliorare In tal modo la dotazione tecnologica delle classi ed estendere la disponibilità di contenuti informativi Favorire, attraverso i collegamenti predisposti con il progetto Scuole in rete l utilizzo della piattaforma tecnologica InnovaScuola e DiGi Scuola MIUR,DIT Stato dell Arte Parte dell infrastruttura di rete già disponibile nelle scuole comunali pag. 7

8 1.3 Progetto Servizi scuola-famiglia via Web Digitalizzazione dei servizi amministrativi e semplificazione delle comunicazioni scuola-famiglia (pagella e registro elettronico, domande di iscrizione, accesso ai fascicoli personali degli utenti di ogni ordine di scuola e prenotazione colloqui online, etc.), anche in modalità multicanale (web, , sms) Il progetto mette a disposizione una piattaforma unificata cui tutte le istituzioni scolastiche comunali possono fare riferimento per inserire i contenuti delle comunicazioni scuola-famiglia MIUR Stato dell Arte Disponibilità di un Sistema Informativo Scolastico Comunale pag. 8

9 1.4 Progetto Anagrafe scolastica nazionale" Realizzare condizioni di cooperazione applicativa tra il sistema scolastico comunale e i sistemi degli Enti che, a vario titolo, operano nel settore scolastico (MIUR, Regione, Enti Locali, Scuole). La realizzazione, in particolare, renderà possibile l integrazione dell anagrafe nazionale con l anagrafe scolastica Comunale, al fine di combattere la dispersione scolastica e di contribuire ad un osservatorio nazionale per attuazione e monitoraggio delle politiche scolastiche Attraverso la connessione con SPC si estendono le funzionalità del Sistema Informativo Scolastico Comunale con i servizi di cooperazione applicativa necessari per la collaborazione tra MIUR, Regione ed Enti Locali MIUR, Provincia di Roma, Regione Lazio Stato dell Arte Disponibilità di un Sistema Informativo Scolastico Comunale pag. 9

10 Obiettivo 2: Università 2.1 Progetto "Servizi on line e WiFi" Accelerare l adozione da parte delle Università e degli Istituti di alta formazione artistica e musicale di servizi didattici e amministrativi online, anche su reti WiFi, superando, nell arco di 18 mesi, la frammentazione in termini di servizi e infrastrutture attualmente esistente sul territorio Integrazione delle soluzioni adottate nei Campus universitari con il progetto banda larga del CdR (cfr. scheda successiva) MIUR, CRUI, Università, Stato dell Arte Sono stati firmati tre protocolli di intesa tra il MIT e le Università Romane (Sapienza 20/10/2008, Tor Vergata 23/07/2008, Roma Tre 23/02/2009) e fra il Comune e le stesse Università con gli obiettivi specifici di: Completare e potenziare la copertura Internet dell'intera area dell'ateneo e del territorio limitrofo, anche attraverso l'adozione di tecnologie wireless di nuova generazione; Introdurre la tecnologia VoIP, sia per telefonia fissa che mobile, a favore del personale amministrativo, del personale docente e degli studenti; Semplificare e digitalizzare i rapporti studenti-famiglie e università; Reingegnerizzare e automatizzare i processi interni ad elevato costo di risorse umane e strumentali; Razionalizzare, standardizzare e automatizzare i flussi informativi tra le università e tra l'università e le amministrazioni centrali, periferiche e locali pag. 10

11 Obiettivo 3: Giustizia 3.1 Progetto Certificati giudiziari Consentire il rilascio telematico dei certificati giudiziari presso gli sportelli del Comune di Roma (certificati interessati: quelli del Casellario, quelli locali, di competenza delle singole procure o tribunali, il certificato relativo ai carichi pendenti ) Possibilità di emettere certificati giudiziari nelle sedi dei Municipi Ministero della Giustizia Stato dell Arte Connessione al SPC da parte del CdR pag. 11

12 3.2 Progetto Applicazione per i Giudici di Pace Integrazione del lavoro dei Giudici di Pace in relazione alle sanzioni amministrativo-pecuniarie elevate dal Comune di Roma con il lavoro degli altri soggetti interessati Efficientamento della filiera delle sanzioni amministrativo-pecuniarie elevate dal CdR con eliminazione degli aggravi recati ai cittadini dalle problematiche legate all accesso Ministero della Giustizia, Equitalia, Ministero dell Interno Stato dell Arte È in via di stipula un protocollo di intesa tra le parti interessate (Ministero della Giustizia, Ufficio del Giudice di Pace di Roma, Comune di Roma, Equitalia) per risolvere il problema della mole di opposizioni alle sanzioni amministrative pecuniarie, nonché a ordinanze ingiuntive e a cartelle emesse per la riscossione coattiva-esecutiva. La soluzione concordata include l automazione dell Ufficio del Giudice di Pace di Roma con un insieme di funzionalità aggiuntive rispetto al sistema standard (SIGP) nell ottica di interscambio automatico tra i sistemi delle parti impegnate tramite cooperazione applicativa pag. 12

13 Obiettivo 5: Imprese 5.1 Progetto Impresa in un giorno Incrementare la gamma di servizi dedicati alle attività produttive e allo sviluppo economico suscettibili di venire erogati in modalità multicanale e non soltanto attraverso gli sportelli fisici degli uffici. Realizzare un sistema con una gamma ampia di servizi, capace di coprire uno spazio consistente del ciclo di vita delle imprese di tutti i settori produttivi Realizzazione di un SUAP avanzato, con front-office unico ad accesso multicanale, scambi di dati dei back-office coinvolti (soggetti erogatori a matrice pubblica: PAC, PAL, Enti) attraverso infrastrutture di interoperabilità e cooperazione (basate su SPC), procedimenti flessibili in funzione dei vari modelli di azienda MISE, Camera di Commercio di Roma, Associazionismo di categoria Stato dell Arte Strutture di connettività e cooperazione basate su SPC ed applicazioni specifiche già disponibili presso il CdR pag. 13

14 Obiettivo 6: Sicurezza e libertà civili 6.1 Progetto Documenti di identità Entro il 2012 ogni cittadino sarà in possesso di un documento di identità che permetterà una verifica forte dell identità indipendentemente dal supporto fisico utilizzato. Tali documenti saranno svincolati dalle carte di accesso ai servizi, le quali non hanno necessità di una banca dati unificata e centralizzata quale quella del Ministero dell Interno che rimane l interlocutore principale in tema di documenti di identità Diffusione di strumenti di identificazione sicura Ministero dell Interno Stato dell Arte Utilizzo del documento di identità a verifica forte (CIE) da parte del Municipio IX; infrastrutture disponibili per estendere la soluzione all intera area metropolitana a seguito delle direttive del Ministero dell Interno pag. 14

15 Obiettivo 7: Affari Esteri 7.1 Progetto Servizi consolari on-line - creazione di uno Sportello al cittadino presso gli Uffici esteri per la comunicazione, l interscambio elettronico dei dati anagrafici dei connazionali residenti all estero con il MI (Ministero dell Interno) e il relativo invio automatico ai Comuni, nonché per la fruizione di servizi on-line; - riduzione dei tempi di trattazione delle pratiche e allineamento automatico degli schedari anagrafici delle sedi consolari con l AIRE (Anagrafe della popolazione italiana residente all estero) del MAI; - creazione di un unica banca dati tra le Amministrazioni interessate. - Interoperabilità fra gli uffici esteri e l anagrafe del Comune di Roma Predisposizione di servizi in cooperazione applicativa e connessione al SPC RIPA per la trattazione automatica dei dati AIRE L AIRE del Comune di Roma ha le dimensioni maggiori tra tutti i comuni italiani. L attività anagrafica è manuale con lunghi tempi di lavorazione Ministero dell Interno, Ministero degli Affari Esteri Stato dell Arte Sistemi anagrafici del comune informatizzati e disponibilità di sistemi SPC di connessione e cooperazione pag. 15

16 Obiettivo 8: Ambiente 8.1 Progetto Efficienza energetica Identificare e validare una soluzione che, attuata su larga scala, permetta al Comune di contribuire al risparmio energetico, contenendo la spesa pubblica e dando attuazione delle disposizioni della Commissione Europea che chiede agli Stati membri di giungere ad una riduzione del 20% del consumo di energia entro il 2020 Sperimentare un sistema di monitoraggio dei consumi e dei dati ambientali di almeno 3 sedi significative del Comune di Roma; - il sistema deve monitorare, in modo dettagliato, i consumi di tutta l impiantistica tecnica (riscaldamento, raffreddamento, luce, ascensori, ecc.) in ottica di consistenza con la realtà logistica e tecnologica del Comune di Roma (soluzioni di Building Automation integrate sulla Rete IP) - deve essere ricercata una soluzione multi Dominio, multi Protocollo e multi Vendor a garanzia degli investimenti a lungo termine a fronte di attuazione su larga scala estesa agli edifici di futura realizzazione e/o acquisizione Le sedi devono coprire le 3 tipologie di uffici di riferimento: uffici di Erogazione di servizi (Municipio o Ufficio sul territorio con forte accesso di pubblico), Uffici più energivori (Centri di elaborazione o meccanizzazione con grosse infrastrutture tecnologiche), Uffici Direzionali (es. Dipartimento XIII). Validare una soluzione che permetta di realizzare risparmi superiori al 10%, mantenendo inalterata la produttività e l efficienza energetica e riducendo gli sprechi per almeno il 40% Aziende Gruppo Roma e Ministero dell Ambiente Stato dell Arte Studio di fattibilità in corso pag. 16

17 Obiettivo 9: Turismo 9.1 Progetto Poli turistici locali Potenziamento dei servizi di promozione e di accoglienza on line implementati in logica multicanale Miglioramento dell accessibilità e della conoscenza dei servizi del Comune di Roma e della offerta della città Regione Lazio, Dipartimento del Turismo Stato dell Arte Studio di fattibilità in corso con l obiettivo di incrementare l interattività delle applicazioni dal portale del Comune, l integrazione con l offerta dell ecosistema dei portali cittadini (ATAC, Musei, Auditorium, etc) l estensione in ottica multicanale con priorità verso mobile per la fornitura di servizi turistici avanzati pag. 17

18 Obiettivo 10: Beni culturali 10.1 Progetto CulturAmica Portale della Cultura Rendere accessibile il vasto patrimonio di risorse e documenti, provenienti da archivi, musei, biblioteche, fondazioni, regioni, enti locali, altri enti pubblici e privati dei vari settori della cultura italiana, descrivendone le informazioni secondo una classificazione comune e condivisa Connessione in cooperazione applicativa con il portale nazionale del Sistema Informativo Biblioteche Ministero dei Beni Culturali Stato dell Arte Studio di fattibilità in corso pag. 18

19 10.2 Progetto CulturAmica Musei d Italia Cultura per tutti Potenziare i modelli cooperativi (per dati ed applicazioni) dedicati alla gestione integrata di Beni e attività culturali, entrambi contestualizzati rispetto al territorio nel quale sono o erano inseriti. Particolarmente importante è la creazione di relazioni tra i differenti livelli informativi inerenti i beni, le attività culturali ed il territorio. Favorire l apertura della conoscenza e dei servizi relativi alla gestione dei beni e delle attività culturali al fine di rendere pubblici, condividere e riutilizzare i processi e i modelli utilizzati dalle singole istituzioni, centrali e locali. Integrare le informazioni multimediali tradizionali con spazi espositivi virtuali facilmente popolabili con i dati già presenti nelle banche dati. Lo spazio virtuale diventa non il fine, ma il mezzo per accedere ad un patrimonio informativo su opere minori o difficilmente accessibili. Fornire strumenti di Business Intelligence per la gestione, la valorizzazione e la divulgazione dei beni e delle attività culturali. Fornire strumenti di e-commerce evoluti atti a favorire la messa a reddito dei beni culturali Inserire il sistema museale comunale nel sistema museale nazionale garantendo servizi di cooperazione applicativa e di interscambio dati e servizi con le altre amministrazioni. Integrare le conoscenze e i servizi relativi ai beni ed alle attività culturali fornendo servizi evoluti di gestione e fruizione Ministero BB.AA.CC, Regione Lazio, Provincia di Roma Stato dell Arte Il sistema realizzato dalla Sovraintendenza del Comune di Roma per la catalogazione e gestione dei beni culturali, monumentali e territoriali di pertinenza comunale costituisce in ambito nazionale una delle soluzioni più avanzate e innovative per la gestione del Patrimonio Culturale ; il sistema raccoglie e unifica in una base integrata dati 21 archivi la cui consistenza supera ad oggi schede, oltre 700 vocabolari e Authority File in numero superiore alle unità pag. 19

20 Obiettivo 12: Mobilità mezzi e persone 12.1 Progetto Dati per l infomobilità Definire linee guida e regole tecniche per standardizzare e integrare i dati di diversa natura e provenienza necessari nei sistemi di infomobilità - Adeguamento delle modalità di lavoro e di gestione dei dati, da parte dell Ufficio Speciale Emergenza Traffico e Mobilità, ad uno standard nazionale - Integrazione e interoperabilità con sistemi informativi locali e regionali Aziende Gruppo Roma, Regione Lazio, Università romane Stato dell Arte Studio di fattibilità in corso con la finalità di disegnare ed implementare una piattaforma centralizzata (Infomobility Platform) finalizzata all erogazione multicanale dei servizi di Infomobilità a soggetti privati, aziende e pubbliche amministrazioni che operano all interno del Comune di Roma ed in grado di costituire il fattore abilitante di base per la realizzazione di un Intelligent Traffic System cittadino pag. 20

21 Obiettivo 15: Anagrafi 15.1 Progetto Completamento della automazione dell anagrafe comunale e del sistema di circolarità anagrafica Completare la gestione informatizzata delle anagrafi di tutti i comuni italiani e assicurare la disponibilità del contenuto delle connesse basi dati, nel pieno rispetto della normativa per la tutela dei dati personali, per semplificare la vita dei cittadini e per assicurare una fonte unitaria, attendibile e istituzionale in grado di alimentare le altre amministrazioni e gli altri enti pubblici che erogano servizi ad alto impatto socio economico (sanità, assistenza e previdenza, fiscalità, lavoro, istruzione, motorizzazione, ecc) L attività consentirà la realizzazione della comunicazione unica in materia anagrafica permettendo al cittadino di dichiarare una sola volta al Comune le variazioni concernenti la residenza e la famiglia. Spetterà al Comune trasmettere tali dati in via telematica tramite il sistema Ina-Saia del Ministero dell Interno alle altre Amministrazioni ed Enti interessati Il Comune di Roma, di intesa con il Ministero dell Interno, attiverà progressivamente negli sportelli presso i Municipi e dall Anagrafe Centrale procedure per la comunicazione degli eventi alle Amministrazioni e agli Enti esterni interessati Ministero dell Interno, Inps, Inail, MEF, Sanità Stato dell Arte Adesione del sistema anagrafico del CdR all evoluzione del sistema Ina- Saia verso il SPC e cooperazione applicativa pag. 21

22 15.2 Sistemazione degli archivi anagrafici del Comune di Roma Operare per consentire la sistemazione definitiva degli archivi anagrafici del Comune attraverso: - bonifica dei dati nazionali e di quelli relativi all Aire - sistemazione degli archivi elettronici - creazione di un sistema di disaster recovery per la banca dati Attendibilità e sicurezza dei dati Ministero dell Interno Stato dell Arte Il Comune ha quasi 3 milioni di posizioni anagrafiche attive e 6 milioni di posizioni legate a movimentazioni; dispone inoltre di 300mila posizioni Aire pag. 22

23 15.3 Servizi anagrafici on line Servizi anagrafici on-line garantendo la resa di certificati attraverso l uso del portale comunale. Si potrà avviare una sperimentazione con il Ministero dell Interno per l autenticazione delle certificazioni di anagrafe e stato civile rilasciate in modalità automatica attraverso soluzioni di timbro digitale. La richiesta della certificazione avverrà attraverso sistemi di autenticazione messi a disposizione dal Comune - Riduzione dei tempi e dei costi di svolgimento di una pratica; - Riduzione di errori potenziali nei dati; - Minore disagio ai cittadini Ministero dell Interno Stato dell Arte Il processo lavorativo di una pratica anagrafica muove, nella quasi totalità dei casi, a partire dalla compilazione di uno specifico modulo cartaceo prefincato ideato per acquisire tutte le informazioni necessarie all avviamento della pratica stessa. I dati così forniti spesso debbono essere digitati nuovamente dall operatore di sportello per consentire l acquisizione nel sistema e per effettuare le opportune verifiche. Il cittadino deve inoltre recarsi presso sportelli fisici nella propria città di residenza pag. 23

24 15.4 Progetto Gestione automatica degli archivi anagrafici di basso utilizzo Archiviare, con l ausilio di RFID, i dati relativi alla conservazione fisica degli atti anagrafici presenti in archivi di basso utilizzo per il tracciamento fisico e la gestione automatizzata degli stessi Facilità di accesso agli atti attraverso postazioni di lavoro informatizzate. Riduzione dei tempi di gestione di una pratica amministrativa complessa. Possibile spostamento degli archivi di basso utilizzo presso locali adeguatamente attrezzati recuperando spazi nelle sedi centrali del Comune di Roma Ministero dell Interno Stato dell Arte Studio di fattibilità in corso pag. 24

25 15.5 Progetto Automazione Servizi Elettorali Rendere completamente automatica la rilevazione della prima fase di elaborazione dei dati elettorali che segue la chiusura dei seggi, ferme restando le successive fasi demandate alla Corte d Appello e al Ministero dell Interno Riduzione dei costi e tempestività dell informazione Ministero dell Interno Stato dell Arte Il Comune di Roma dispone di una rete dati che collega 500 plessi scolastici sedi di 2600 sezioni elettorali. Tale rete viene impiegata per le rilevazioni di affluenze, voti di lista etc. L automazione può essere completata prevedendo la sua estensione anche ai voti di preferenza. Tale attività si svolge attualmente attraverso una digitazione centralizzata previo recupero di tutti i verbali originali dalle sezioni pag. 25

26 Obiettivo 16: Dati territoriali 16.1 Progetto Anagrafe comunale degli immobili Realizzare una anagrafe immobiliare unitaria attraverso l integrazione dei dati di origine comunale con i dati catastali ed il data base topografico regionale a grande scala e gestire il Modello unico per l edilizia; diffondere sull intero territorio nazionale i servizi per l utilizzo del Sistema Informativo Nazionale Catastale e la gestione dei procedimenti connessi alle trasformazioni edilizie, nel contesto tecnologico della cooperazione applicativa su SPC (es. variazioni edilizie note al Comune e difformi dalla situazione catastale, gestione delle segnalazioni di atti di aggiornamento catastale difformi dall'intervento edilizio autorizzato dal Comune, Modello Unico Digitale per l'edilizia) Alimentazione continua del Sistema Nazionale del Catasto con dati di origine comunale comprese variazioni edilizie note solo al Comune Costituzione di una Anagrafe Immobiliare Comunale Regione Lazio, Agenzia del Territorio Stato dell Arte Adesione del CdR al sistema informativo nazionale catastale pag. 26

27 Obiettivo 18: Servizi Banda Larga 18.1 Progetto Roma Digitale Facilitare lo sviluppo delle infrastrutture in fibra ottica da parte degli operatori del settore riducendo la complessità e gli oneri per le opere infrastrutturali. A fronte di tale incentivazione ottenere un impegno degli operatori ad attuare investimenti che contribuiscano alla totale copertura dell area metropolitana con reti a Banda Larga promuovendo lo sviluppo della rete di nuova generazione (Next Generation Network) Rendere più agevole e coordinata la posa di fibre ottiche a basso impatto ambientale attraendo su Roma gli investimenti disponibili ma ridotti degli operatori di mercato. Creare un indotto in termini di occupazione e di innovazione per l ICT a Roma coinvolgendo imprese, atenei e ricerca attorno ad un progetto di Roma Digitale. Realizzare una sinergia tra fondi pubblici impegnati ed investimenti privati per la realizzazione di una città digitale. Sviluppare un infrastruttura e servizi di avanguardia indispensabili per la competitività della città. Ministero dell Innovazione, MiSE. Agcom Stato dell Arte Esame preliminare del nuovo regolamento degli scavi pag. 27

Presidenza del Consiglio dei ministri. Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA

Presidenza del Consiglio dei ministri. Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA Presidenza del Consiglio dei ministri Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA 1 Agenda digitale italiana - Innovazione digitale nella PA - Infrastrutture abilitanti per la digitalizzazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Un nuovo Codice dell amministrazione digitale per una nuova PA Il nuovo Codice dell amministrazione digitale (CAD) stabilisce le regole per la digitalizzazione

Dettagli

Agenda digitale italiana Sanità digitale

Agenda digitale italiana Sanità digitale Agenda digitale italiana Sanità digitale Paolo Donzelli Ufficio Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione tecnologica Presidenza del

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI per la realizzazione di un programma di innovazione per il patrimonio

Dettagli

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa?

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Paolo Donzelli DG Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione

Dettagli

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Al servizio di gente unica STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Trieste 11 febbraio 2015 La crescita digitale in

Dettagli

La Digitalizzazione in Regione Lombardia

La Digitalizzazione in Regione Lombardia La Digitalizzazione in Regione Lombardia Il progetto EDMA: il percorso di innovazione di Regione Lombardia nell'ambito della dematerializzazione Milano, Risorse Comuni, 19 Novembre 2009 A cura di Ilario

Dettagli

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia Tabella 6: della Società dell Informazione, Asse I - Infrastruttura a banda larga 1. Completamento della copertura a banda larga degli Enti pubblici e dei siti strategici per l erogazione di servizi di

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014 50888 50889 50890 Sezione 1 - Offerta Formativa Trasversale e di Base Sezione Percorso Il sistema e le procedure degli Uffici Giudiziari Formativo Obiettivi del modulo Livello Durata (in ore) Prerequisiti

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi CNIPA massella@cnipa.it Workshop per dirigenti responsabili dei servizi di protocollo e flussi documentali CNIPA 9 novembre 2007 1 Alcuni numeri

Dettagli

Il Consolato Digitale Il nuovo sistema delle funzioni consolari. Forum PA 08 - Roma, 14 maggio 2008

Il Consolato Digitale Il nuovo sistema delle funzioni consolari. Forum PA 08 - Roma, 14 maggio 2008 Il Consolato Digitale Il nuovo sistema delle funzioni consolari Forum PA 08 - Roma, 14 maggio 2008 L obiettivo strategico dell e-government: una PA al servizio dei cittadini Gestire le informazioni Essere

Dettagli

Scuola e Università in rete Un iniziativa dei Ministri Gelmini e Brunetta

Scuola e Università in rete Un iniziativa dei Ministri Gelmini e Brunetta Scuola e Università in rete Un iniziativa dei Ministri Gelmini e Brunetta Roma, 2 ottobre 2008 1 Scuola e Università in rete Quattro iniziative per la scuola: Innova scuola Scuola-famiglia via web Anagrafe

Dettagli

IL NUOVO CODICE DELLA

IL NUOVO CODICE DELLA IL NUOVO CODICE DELLA AMMINISTRAZIONE DIGITALE Il nuovo CAD in pillole Collana di Minigrafie Tecnologia dei Processi Documentali fondazione siav academy Il Nuovo Codice dell amministrazione digitale in

Dettagli

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Agenda Digitale Toscana I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Laura Castellani ICT e crescita Nell Agenda Digitale Europea la Commissione ha indicato ai Paesi membri obiettivi per il 2020

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

La dematerializzazione della documentazione amministrativa: situazione e prospettive

La dematerializzazione della documentazione amministrativa: situazione e prospettive La dematerializzazione della documentazione amministrativa: situazione e prospettive Prof. Pierluigi Ridolfi Componente CNIPA Roma - 12 ottobre 2006 1 Cosa è stato fatto Gruppo di lavoro interministeriale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FORMAZIONE AVANZATA e-government 1. Premessa Oggi l innovazione nella pubblica amministrazione (PA) e, in particolare,

Dettagli

ForumPA 2011 Il piano egov 2012: obiettivo Università 9 Maggio 2011

ForumPA 2011 Il piano egov 2012: obiettivo Università 9 Maggio 2011 ForumPA 2011 Il piano egov 2012: obiettivo Università 9 Maggio 2011 Ing. Paolo Donzelli Direttore Generale Ufficio Studi e progetti per l innovazione digitale Dipartimento per la digitalizzazione della

Dettagli

Alessandro Musumeci. Consigliere del Ministro per le politiche di innovazione tecnologica. Roma, 9 maggio 2002 Forum della Pubblica Amministrazione

Alessandro Musumeci. Consigliere del Ministro per le politiche di innovazione tecnologica. Roma, 9 maggio 2002 Forum della Pubblica Amministrazione Alessandro Musumeci Consigliere del Ministro per le politiche di innovazione tecnologica Roma, 9 maggio 2002 Forum della Pubblica Amministrazione Agenda Alcuni dati di comparazione fra mondo della scuola

Dettagli

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it La timeline del quadro normativo (1) 1998 2000 2004 2005 Protocollo informatico Regole tecniche per il protocollo informatico di cui al decreto del Presidente

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo operativo del 18 settembre 2012, tra il Ministero

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A.

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Seminario sulle Convenzioni CONSIP in ambito ICT 28 Novembre 2003 Palazzo del Consiglio Regionale Sala Sinni Agenda 1. Apertura

Dettagli

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda Digitale Italiana Agostino Ragosa Forum PA 2013 Palazzo dei Congressi - Roma, 28 Maggio 2013 Il contesto L economia digitale italiana Ha registrato un

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Regione Marche Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo operativo del 18 settembre 2012, tra

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo ai sensi dell art. 9 del decreto legislativo 28 agosto

Dettagli

IL VERO GESTIONALE 2.0 PER LE SCUOLE

IL VERO GESTIONALE 2.0 PER LE SCUOLE IL VERO GESTIONALE 2.0 PER LE SCUOLE PROTOMAIL REGISTRO ELETTRONICO VIAGGI E-LEARNING DOCUMENTI WEB PROTOCOLLO ACQUISTI QUESTIONARI PAGELLINE UN GESTIONALE INTEGRATO PER TUTTE LE ESIGENZE DELLA SCUOLA

Dettagli

Relazione Banche Confidi: rafforzare il rapporto di garanzia e andare oltre. Servizio Gateway Confidi. Claudio Mauro. Direttore Centrale

Relazione Banche Confidi: rafforzare il rapporto di garanzia e andare oltre. Servizio Gateway Confidi. Claudio Mauro. Direttore Centrale Relazione Banche Confidi: rafforzare il rapporto di garanzia e andare oltre Servizio Gateway Confidi Claudio Mauro Direttore Centrale RA Computer Roma, 29 Novembre 2013 RA Computer In cifre Più di 300

Dettagli

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014 L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA Il Percorso intrapreso dalla Regione Emilia-Romagna Grazia Cesari Evento organizzato in collaborazione con

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

Poste Italiane e i Comuni Lombardi. Semplicemente dalla parte dei cittadini

Poste Italiane e i Comuni Lombardi. Semplicemente dalla parte dei cittadini Poste Italiane e i Comuni Lombardi Semplicemente dalla parte dei cittadini 2 Poste Italiane al servizio dei cittadini e delle PAL Scenario complessivo Servizi di Gestione Elettronica Documentale Sportello

Dettagli

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P.

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P. Provincia Regionale di Catania denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 Carta dei servizi Ufficio U.R.P. Palazzo Minoriti Via Etnea, 67 95124 Catania Come si accede ai servizi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

Il nuovo CAD in pillole

Il nuovo CAD in pillole Di 14 gennaio 2001 Il 10 gennaio 2011 è stato pubblicato il G.U. il d.lsg. 235/2010 Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Ecco cosa cambia 2 Il Nuovo CAD: Sancisce nuovi diritti 1. Diritto all uso

Dettagli

SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO

SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO CHI SIAMO Sogei è la società di ICT, a capitale interamente pubblico, partner tecnologico del Ministero dell Economia e delle Finanze italiano. Progettiamo, realizziamo,

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

Mercoledì, 26 novembre 2014. slide 1 di 23

Mercoledì, 26 novembre 2014. slide 1 di 23 La transizione al digitale per gli enti pubblici locali opportunità e criticità operative sala Zodiaco Sede della Provincia di Bologna Mercoledì, 26 novembre 2014 slide 1 di 23 Gli argomenti Saluti e introduzione

Dettagli

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Adozione del Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni on line. IL SEGRETARIO COMUNALE Visto

Dettagli

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO.

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO. Scheda rilevazione sistemi e strumenti sistemi ICT e strumenti ICT Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO Allegato Sommario 1 Dotazioni informatiche

Dettagli

sanfaustino the solution network PSFGED

sanfaustino the solution network PSFGED GRUPPO sanfaustino the solution network PSFGED Privacy, sicurezza e controllo dell intero ciclo produttivo, sono le garanzie offerte d a u n I m p r e s a c h e amministra ogni aspetto al proprio interno

Dettagli

REGIONE SICILIANA - Dipartimento Bilancio e Tesoro Ragioneria Generale della Regione

REGIONE SICILIANA - Dipartimento Bilancio e Tesoro Ragioneria Generale della Regione Repubblica Italiana Regione Siciliana ASSESSORATO BILANCIO E FINANZE Dipartimento Bilancio e Tesoro- Ragioneria Generale della Regione Catania 18 Marzo 2008 REGIONE SICILIANA - Dipartimento Bilancio e

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE per il Triennio 2015-2017

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE per il Triennio 2015-2017 COMUNE D CASTGLON FORENTNO Provincia di Arezzo PANO D NFORMATZZAZONE per il Triennio - (Art. 24 DL 90/2014 convertito con Legge 11 agosto 2014 n. 114) Premessa n ottemperanza alle disposizioni di cui all

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Protocollo d Intesa tra Le Scuole Nazionali di formazione della Pubblica Amministrazione su Diffusione, impiego e qualità dei sistemi di formazione a distanza e di

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av)

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av) Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av) Circolare DigitPA 1 dicembre 2011 n. 58 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 30 del

Dettagli

Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini

Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini Roma, 13 Novembre 2013 Ing. Carolina Cirillo Direttore Servizi Informatici e Telematici Agenda Perché l Open

Dettagli

Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Pierpaolo Agostini, Responsabile Gestione e Monitoraggio Servizi Milano, 21 novembre 2013 consip profilo aziendale e missione Consip è una

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO E. SCALFARO Piazza Matteotti, 1 88100 CATANZARO Codice Fiscale 97028930796 0961-745155 FAX 0961-744438 E-Mail: cztf010008@istruzione.it - PEC:cztf010008@pec.istruzione.it

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Contributi per evento dell 8 maggio 2015 c/o UNiVda

Contributi per evento dell 8 maggio 2015 c/o UNiVda Région Autonome Vallée d Aoste Regione Autonoma Valle d Aosta Présidence de la Région Secrétaire Général de la Région Presidenza della Regione Segretario Generale della Regione Piano Pluriennale 2014-201

Dettagli

Fattura elettronica e conservazione

Fattura elettronica e conservazione Fattura elettronica e conservazione Maria Pia Giovannini Responsabile Area Regole, standard e guide tecniche Agenzia per l Italia Digitale Torino, 22 novembre 2013 1 Il contesto di riferimento Agenda digitale

Dettagli

IL RUOLO DEL TESORIERE NEL SUPPORTO ALLA P.A.

IL RUOLO DEL TESORIERE NEL SUPPORTO ALLA P.A. IL RUOLO DEL TESORIERE NEL SUPPORTO ALLA P.A. Claudio Mauro Direttore Centrale Business Genova, 11 Novembre 2010 1 Agenda Scenario Pubblica Amministrazione Locale Ordinativo Informatico Locale Gestione

Dettagli

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE Lucia Picardi Responsabile Marketing Servizi Digitali Chi siamo 2 Poste Italiane: da un insieme di asset/infrastrutture

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE Rete telematica e servizi di supporto ICT La rete telematica regionale LEPIDA ed il SISTEMA a rete degli SUAP come esempi di collaborazione fra Enti della PA per

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

I VANTAGGI. Flessibilità

I VANTAGGI. Flessibilità E-LEARNING E-LEARNING La proposta E-Learning della suite Agorà di Dedagroup A CHI SI RIVOLGE L OFFERTA fornisce al cliente un sistema complementare di formazione a distanza sui prodotti della suite Agorà

Dettagli

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra soci effettivi e soci aggregati) 62 Sezioni Territoriali (presso le Unioni Provinciali di Confindustria) Oltre 1 milione

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE (PD) * * * Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni 1 CONTESTO La realizzazione del Piano di informatizzazione

Dettagli

I Modulo: Generale 11 12 13 giugno 2013 orario: 9.00 13.00 e 14.00 17.30

I Modulo: Generale 11 12 13 giugno 2013 orario: 9.00 13.00 e 14.00 17.30 I Modulo: Generale 11 12 13 giugno 2013 orario: 9.00 13.00 e 14.00 17.30 Martedì, 11 giugno Avv. Luigi Foglia Ing. Andrea Caccia Il documento informatico e la sua conservazione Il Documento informatico:

Dettagli

DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA PRADAC INFORMATICA. L azienda pag. 1. Gli asset strategici pag. 2. L offerta pag. 3

DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA PRADAC INFORMATICA. L azienda pag. 1. Gli asset strategici pag. 2. L offerta pag. 3 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA L azienda pag. 1 Gli asset strategici pag. 2 L offerta pag. 3 Il management Pradac Informatica pag. 5 Scheda di sintesi pag. 6 Contact: Pradac Informatica Via delle

Dettagli

La Trasparenza nei procedimenti amministrativi Il punto di vista di INPS

La Trasparenza nei procedimenti amministrativi Il punto di vista di INPS La Trasparenza nei procedimenti amministrativi Il punto di vista di INPS Dionigi Spadaccia : Roma 29 Ottobre 2002 Il contesto La P.A. sta vivendo un momento di forte evoluzione, supportato dagli interventi

Dettagli

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli

INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A.

INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A. INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A. La gestione associata di corbetta e gaggiano: l esperienza del progetto s.i.g.i.t.

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

I servizi on line di prevenzione incendi

I servizi on line di prevenzione incendi I servizi on line di prevenzione incendi Stefano Marsella Il CAD - codice dell Amministrazione digitale (decreto legislativo n. 82 del 2005) prevede che: i servizi erogati dalle PA siano progressivamente

Dettagli

PROGRAMMA per la Trasparenza e l Integrità AA.SS. 2013-2016

PROGRAMMA per la Trasparenza e l Integrità AA.SS. 2013-2016 PROGRAMMA per la Trasparenza e l Integrità AA.SS. 2013-2016 Il Consiglio d Istituto, in data 10 febbraio 2015 VISTO l articolo 97 della Costituzione; VISTA la Legge 241 del 90 e successive modifiche/integrazioni;

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018

Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018 Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018 IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO IL D.L.vo 150/2009 VISTO L ART. 32 della L.69/2009 VISTA LA L. 190/2012 VISTO IL D.L.vo n.33/2013 VISTA la circolare

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità:

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità: Il Portale Integrato Il Portale per i servizi alle imprese (www.impresa-gov.it), realizzato dall INPS, è nato con l obiettivo di mettere a disposizione delle imprese un unico front end per utilizzare i

Dettagli

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Francesco Tortorelli Il quadro normativo e regolatorio di riferimento 2 Il codice dell amministrazione digitale (CAD) CAD Servizi Access di services

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI SIE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E CAPACITA ISTITUZIONALE FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 Il PON Governance e capacità istituzionale

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. 30 settembre 2009

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. 30 settembre 2009 Istituto Nazionale Previdenza Sociale 30 settembre 2009 Indice Executive summary Riferimenti normativi e organizzativi I vantaggi della PEC La situazione attuale: dati di utilizzo Una PEC per tutti i cittadini:

Dettagli

IL CAF DELLA CISL. Il posto giusto

IL CAF DELLA CISL. Il posto giusto Carta dei Servizi IL CAF DELLA CISL Il Caf Cisl opera per fornire ad iscritti, lavoratori e pensionati assistenza e consulenza completa e qualificata nel campo fiscale e delle agevolazioni sociali. Nato

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE EGIDIO PICERNO POTENZA 9 LUGLIO 2010 Interoperabiltà è la capacità di due o più sistemi informativi di scambiarsi informazioni e di attivare, a suddetto

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO DELL ISTRUZIONE CONTRIBUTO ALLA TRASPARENZA

IL SISTEMA INFORMATIVO DELL ISTRUZIONE CONTRIBUTO ALLA TRASPARENZA IL SISTEMA INFORMATIVO DELL ISTRUZIONE CONTRIBUTO ALLA TRASPARENZA Dott.ssa Maria Letizia Melina Direttore Generale per gli Studi, la Statistica, ed i Sistemi Informativi Panoramica del sistema informativo

Dettagli

Roma, 08/04/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 71

Roma, 08/04/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 71 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Comunicazione Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione

Dettagli

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità:

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità: Sanità digitale Il completamento dell informatizzazione dell area clinico-sanitaria, la dematerializzazione della documentazione clinica e l accessibilità alle informazioni ed ai servizi da qualsiasi punto

Dettagli

PROGETTO DI DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DEL PERSONALE MILITARE

PROGETTO DI DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DEL PERSONALE MILITARE PROGETTO DI DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DEL PERSONALE MILITARE Roma, 28 aprile 2016 Brig. Gen. Roberto SERNICOLA Direzione Generale per il Personale Militare - D.P.R. 28 dicembre 2000, n.

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi I sistemi operazionali complementari Copyright 2011 Pearson Italia Sistemi di supporto primario all ERP Le aree tradizionalmente coperte dai sistemi ERP

Dettagli

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE COMUNE DI LUCERA PROVINCIA DI FOGGIA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE (Art. 24, comma 3-bis del D.L. 24 giugno 2014 n. 90,

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA CITTA DI ORBASSANO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 Indice Premessa pag. 3 1. Riferimenti normativi pag. 3 2. Finalità del Programma pag. 3 3 Il sito istituzionale del

Dettagli

SISTEMA ISTEMA INFORMATIVO PRATICHE EDILIZIEDILIZIE E MONITORAGGIO

SISTEMA ISTEMA INFORMATIVO PRATICHE EDILIZIEDILIZIE E MONITORAGGIO SISTEMA ISTEMA INFORMATIVO PRATICHE EDILIZIEDILIZIE E MONITORAGGIO SIPEM è il servizio telematico promosso da ANCI, CNGeGL e CIPAG, frutto della stretta collaborazione in sede progettuale tra ANCITEL S.p.A.

Dettagli

Sistema di protocollo informatico e gestione documentale

Sistema di protocollo informatico e gestione documentale Sistema di protocollo informatico e gestione documentale Roma, 8 aprile 2002 Roberto Bettacchi Direttore Business Unit P.A. r.bettacchi@agora.it Scenario di riferimento I DIECI OBIETTIVI DEL GOVERNO PER

Dettagli

Premio Innovazione ICT Smau business Bari 2011

Premio Innovazione ICT Smau business Bari 2011 Premio Innovazione ICT Smau business Bari 2011 0 La metodologia Rilevanza per l impresal Innovatività Benefici di business Candidature 81 Imprese e PA finaliste 16 Imprese e PA vincitrici 6 1 Le categorie

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli