Piano di E-Government 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di E-Government 2012"

Transcript

1 Piano di E-Government 2012 Sommario Introduzione 3 Obiettivo 1: Scuola Progetto Scuola in rete Progetto Didattica digitale Progetto Servizi scuola-famiglia via Web Progetto Anagrafe scolastica nazionale 9 Obiettivo 2: Università Progetto Servizi on line e WiFi 10 Obiettivo 3: Giustizia Progetto Certificati giudiziari Progetto Applicazione per i Giudizi di Pace 12 Obiettivo 5: Imprese Progetto Impresa in un giorno 13 Obiettivo 6: Sicurezza e libertà civili Progetto Documenti di identità 14 Obiettivo 7: Affari Esteri 15 Progetto Servizi consolari on.line 15 Obiettivo 8: Ambiente 16 Progetto Efficienza energetica 16 Obiettivo 9: Turismo Progetto Poli turistici locali 17 Obiettivo 10: Beni Culturali Progetto CulturAmica Portale della Cultura Progetto CulturAmica Musei d Italia Cultura per tutti 19 Obiettivo 12: Mobilità mezzi e persone Progetto Dati per l infomobilità 20 Obiettivo 15: Anagrafi Progetto Completamento della automazione dell anagrafe comunale e del sistema di circolarità anagrafica 21 pag. 1

2 15.2 Sistemazione degli archivi del Comune di Roma Servizi anagrafici on-line Progetto Gestione automatica degli archivi anagrafici di basso utilizzo Progetto Automazione Servizi Elettorali 25 Obiettivo 16: Dati Territoriali Progetto Anagrafe comunale degli immobili 26 Obiettivo 18: Servizi Banda Larga Progetto Roma Digitale 27 Obiettivo 19: Trasparenza ed efficacia della PA Progetto Creazione Osservatorio Prezzi ICT presso il Comune di Roma integrato con CONSIP e CNIPA Progetto Rilevazione e pubblicazione annuale degli asset ICT del Comune di Roma Progetto Integrazione dei dati amministrativi per le statistiche del lavoro Progetto Banca dati delle professionalità dell Ente e sistema di valutazione delle competenze Progetto Sistema di formazione continua del portale MarcoAurelio del Comune di Roma Progetto Sistema informativo per la gestione della formazione 33 Obiettivo 20: Dematerializzazione Progetto Posta elettronica certificata Progetto Pagamenti on.line verso la PA Progetto DURC on-line Progetto Gestione documentale Progetto Attuazione del CAD Progetto Attuazione CAD attivazione estesa VoIP e Unified Communication 39 Obiettivo 22: Rapporto cittadini-pa Progetto Reti amiche Progetto Emoticons 41 Obiettivo 24: Sicurezza dei Sistemi informativi e Reti Progetto La sicurezza delle reti e dei servizi su rete Progetto Stabilizzazione e potenziamento dell Unità di prevenzione degli incidenti (CERT-SPC) 43 ndr.: nelle schede di cui al presente documento sono espresse in carattere corsivo le formulazioni che riprendono integralmente i contenuti del Piano di e-government 2012 rilasciato dal Ministero per la Pubblica Amministrazione e l Innovazione nel gennaio 2009 pag. 2

3 INTRODUZIONE L intesa tra il Comune di Roma ed il Ministero per la Pubblica Amministrazione e l Innovazione sul Piano di e-government 2012 è un potente acceleratore del processo di buona modernizzazione della città e del Paese. Roma, infatti, sposa in modo convinto l azione di e-government intrapresa dal Governo e, grazie alle sue caratteristiche, si pone come un partner privilegiato e strategico per il successo della stessa. Occorre infatti sottolineare come la capitale sia sostenuta, sotto il profilo dell innovazione dell azione amministrativa, da una robusta infrastruttura tecnologica, un laboratorio e una vetrina. Infatti: Roma, come città capitale, è il luogo dove l azione amministrativa ha una dimensione e una criticità non paragonabili ad alcuna altra situazione italiana. La concentrazione di funzioni di alto valore strategico e l intreccio tra amministrazione locale, regionale, nazionale e internazionale sono insieme la condizione per il varo di un laboratorio di e-government di valore assoluto e la base per sviluppare soluzioni utili per l intero Paese, Roma, quale metropoli ad economia mista caratterizzata da una forte presenza industriale e nel contempo da una significativa specializzazione nelle funzioni terziarie più avanzate (nella ricerca, nell alta formazione, nel terziario direzionale), è un terreno fertile per lo sviluppo di servizi di alta qualità che hanno nelle infrastrutture e nelle tecnologie ICT un fattore abilitante indispensabile, Roma, come grande città metropolitana, è il terreno più sfidante per connettere attraverso i servizi l azione amministrativa con la qualità della vita quotidiana dei suoi cittadini, Roma, come città internazionale, è una città vetrina unica per il Paese; le soluzioni in termini di qualità e di ampiezza dei servizi destinati ad un pubblico internazionale (dagli scambi derivanti dall azione del Governo, all attività delle Istituzioni culturali, alla internazionalizzazione produttiva) saranno sotto i riflettori della comunità internazionale e testimonieranno la capacità delle città e del Paese di affrontare un percorso di modernizzazione insieme necessario e promettente, Roma, come città giovane e colta ( studenti, ADSL già attive) può contare sulla spinta delle generazioni che utilizzano l ICT come uno strumento naturale per la costruzione del proprio futuro, Roma, come potenziale città cablata, può adottare con il concorso pubblico e privato le nuove tecnologie di comunicazione attraverso l impiego di capillare di fibre ottiche, e arrivare dunque ad eliminare dai tetti le antenne televisive riportando il suo centro storico ad una immagine più vicina al suo meraviglioso passato. pag. 3

4 Il Comune di Roma esercita perciò un ruolo che si qualifica insieme come supporto strategico all azione politico amministrativa nazionale nonché come laboratorio evoluto di servizi innovativi. L e-government rappresenta in questo senso un capitolo fondamentale di riordino del processo di governo nel senso alto del termine. Riconnettere l azione amministrativa con l efficienza significa concorrere al bene comune. Questo documento, frutto di una sintesi strutturata delle buone pratiche già presenti nell azione amministrativa della capitale, porta all attenzione generale la molteplicità e la qualità dei progetti di e-government in cui l amministrazione comunale è già impegnata. L ampiezza del panorama progettuale, che trova concretezza nelle schede qui presentate, si connette in modo pressoché completo al quadro previsto dal Piano Nazionale di e-government, che ha costituito il costante riferimento per l attività di progettazione. Roma è oggi un potente complesso amministrativo. Molti servizi assumono la valenza di porta d ingresso del Paese ben oltre i livelli di utenza riservati ai soli residenti. Non è dunque casuale che i progetti che ad oggi compongono il Piano di e-government del Comune tocchino in modo pervasivo le declinazioni riconosciute nel Piano del governo: a) obiettivi di robusta infrastrutturazione tecnologica (in particolare nella dotazione di reti a banda larga) come fattore indispensabile per lo sviluppo di moderni servizi on line, b) obiettivi settoriali, c) obiettivi territoriali; d) obiettivi di sistema. Lo sforzo profuso nei temi oggetto delle schede è stato quello di mettere a sistema le linee operative della progettualità comunale per ottimizzare la loro corrispondenza con le indicazioni di Piano Nazionale. La logica seguita è quella di un arricchimento dal basso dei processi correnti di e-government cittadino che guarda all integrazione con le corrispondenti logiche dall alto. Accanto a un attenzione focalizzata sugli obiettivi specifici di ciascuna scheda, particolare cura è stata prestata nell identificazione e nella rappresentazione di due aspetti essenziali per le prospettive di sviluppo delle iniziative: l esame preliminare attuato con attenti riscontri delle esperienze locali delle funzionalità di e-governnment operanti nelle situazioni in cui il Comune partecipa già alla configurazione o all utilizzazione di soluzioni innovative; la rassegna delle dotazioni e delle risorse tecnologiche e organizzative già disponibili in ambito comunale che possono costituire un modello operativo e un supporto all attuazione dei programmi. In questo contesto le schede offrono in modo diretto e sintetico un collegamento vitale con la pianificazione strategica dell e-government nazionale. La lettura dei titoli e dei temi mostra quanto Roma sia oggi connessa con i trend fondamentali pag. 4

5 di innovazione amministrativa attraverso progetti che spaziano dal sistema formativo (Scuola e Università), all amministrazione della giustizia e dei servizi anagrafici per il cittadino, al turismo e alla compatibilità ambientale nonché alle applicazioni abilitanti dell ICT (Banda Larga e sicurezza). La connessione, che qui diventa programmatica, tra Piano comunale e Piano nazionale di e-government evidenzia in modo esemplare, in questa direzione, come da una solida visione possano derivare strumentalità innovative in grado di dare attuazione concreta al buon federalismo italiano. pag. 5

6 Obiettivo 1: Scuola 1.1 Progetto Scuole in rete Rendere disponibile Internet in banda larga e in sicurezza anche in modalità mobile a tutte le sedi e classi di ogni ordine e grado utilizzando il contratto quadro SPC Predisporre, ove possibile un unico collegamento a larga banda che supporti tutte le applicazioni del Comune, del MIUR e delle altre amministrazioni interessate. Tale realizzazione sarà resa possibile dall impiego del SPC/convenzioni Consip sia per la connettività sia per la cooperazione applicativa in linea con le regole tecniche pubblicate su GU n.144 del 26 giugno 2008 Razionalizzare/ottimizzare i collegamenti multipli esistenti, riducendo quindi la spesa complessiva della PA e del CdR e rendere la scuola accessibile a tutte le applicazioni di interesse sviluppate dalla PA DIT, MIUR, Provincia di Roma, Regione Lazio Stato dell Arte Sono collegate in banda larga tutte le scuole gestite dal Comune di Roma e le scuole che sono sedi di seggi elettorali. Le realtà scolastiche romane sono circa pag. 6

7 1.2 Progetto Didattica digitale" Assicurare alle scuole la possibilità di adottare metodologie didattiche innovative rendendo disponibile una piattaforma tecnologica per la fruizione di testi scolastici e di materiali didattici digitali [...] Si potrà migliorare In tal modo la dotazione tecnologica delle classi ed estendere la disponibilità di contenuti informativi Favorire, attraverso i collegamenti predisposti con il progetto Scuole in rete l utilizzo della piattaforma tecnologica InnovaScuola e DiGi Scuola MIUR,DIT Stato dell Arte Parte dell infrastruttura di rete già disponibile nelle scuole comunali pag. 7

8 1.3 Progetto Servizi scuola-famiglia via Web Digitalizzazione dei servizi amministrativi e semplificazione delle comunicazioni scuola-famiglia (pagella e registro elettronico, domande di iscrizione, accesso ai fascicoli personali degli utenti di ogni ordine di scuola e prenotazione colloqui online, etc.), anche in modalità multicanale (web, , sms) Il progetto mette a disposizione una piattaforma unificata cui tutte le istituzioni scolastiche comunali possono fare riferimento per inserire i contenuti delle comunicazioni scuola-famiglia MIUR Stato dell Arte Disponibilità di un Sistema Informativo Scolastico Comunale pag. 8

9 1.4 Progetto Anagrafe scolastica nazionale" Realizzare condizioni di cooperazione applicativa tra il sistema scolastico comunale e i sistemi degli Enti che, a vario titolo, operano nel settore scolastico (MIUR, Regione, Enti Locali, Scuole). La realizzazione, in particolare, renderà possibile l integrazione dell anagrafe nazionale con l anagrafe scolastica Comunale, al fine di combattere la dispersione scolastica e di contribuire ad un osservatorio nazionale per attuazione e monitoraggio delle politiche scolastiche Attraverso la connessione con SPC si estendono le funzionalità del Sistema Informativo Scolastico Comunale con i servizi di cooperazione applicativa necessari per la collaborazione tra MIUR, Regione ed Enti Locali MIUR, Provincia di Roma, Regione Lazio Stato dell Arte Disponibilità di un Sistema Informativo Scolastico Comunale pag. 9

10 Obiettivo 2: Università 2.1 Progetto "Servizi on line e WiFi" Accelerare l adozione da parte delle Università e degli Istituti di alta formazione artistica e musicale di servizi didattici e amministrativi online, anche su reti WiFi, superando, nell arco di 18 mesi, la frammentazione in termini di servizi e infrastrutture attualmente esistente sul territorio Integrazione delle soluzioni adottate nei Campus universitari con il progetto banda larga del CdR (cfr. scheda successiva) MIUR, CRUI, Università, Stato dell Arte Sono stati firmati tre protocolli di intesa tra il MIT e le Università Romane (Sapienza 20/10/2008, Tor Vergata 23/07/2008, Roma Tre 23/02/2009) e fra il Comune e le stesse Università con gli obiettivi specifici di: Completare e potenziare la copertura Internet dell'intera area dell'ateneo e del territorio limitrofo, anche attraverso l'adozione di tecnologie wireless di nuova generazione; Introdurre la tecnologia VoIP, sia per telefonia fissa che mobile, a favore del personale amministrativo, del personale docente e degli studenti; Semplificare e digitalizzare i rapporti studenti-famiglie e università; Reingegnerizzare e automatizzare i processi interni ad elevato costo di risorse umane e strumentali; Razionalizzare, standardizzare e automatizzare i flussi informativi tra le università e tra l'università e le amministrazioni centrali, periferiche e locali pag. 10

11 Obiettivo 3: Giustizia 3.1 Progetto Certificati giudiziari Consentire il rilascio telematico dei certificati giudiziari presso gli sportelli del Comune di Roma (certificati interessati: quelli del Casellario, quelli locali, di competenza delle singole procure o tribunali, il certificato relativo ai carichi pendenti ) Possibilità di emettere certificati giudiziari nelle sedi dei Municipi Ministero della Giustizia Stato dell Arte Connessione al SPC da parte del CdR pag. 11

12 3.2 Progetto Applicazione per i Giudici di Pace Integrazione del lavoro dei Giudici di Pace in relazione alle sanzioni amministrativo-pecuniarie elevate dal Comune di Roma con il lavoro degli altri soggetti interessati Efficientamento della filiera delle sanzioni amministrativo-pecuniarie elevate dal CdR con eliminazione degli aggravi recati ai cittadini dalle problematiche legate all accesso Ministero della Giustizia, Equitalia, Ministero dell Interno Stato dell Arte È in via di stipula un protocollo di intesa tra le parti interessate (Ministero della Giustizia, Ufficio del Giudice di Pace di Roma, Comune di Roma, Equitalia) per risolvere il problema della mole di opposizioni alle sanzioni amministrative pecuniarie, nonché a ordinanze ingiuntive e a cartelle emesse per la riscossione coattiva-esecutiva. La soluzione concordata include l automazione dell Ufficio del Giudice di Pace di Roma con un insieme di funzionalità aggiuntive rispetto al sistema standard (SIGP) nell ottica di interscambio automatico tra i sistemi delle parti impegnate tramite cooperazione applicativa pag. 12

13 Obiettivo 5: Imprese 5.1 Progetto Impresa in un giorno Incrementare la gamma di servizi dedicati alle attività produttive e allo sviluppo economico suscettibili di venire erogati in modalità multicanale e non soltanto attraverso gli sportelli fisici degli uffici. Realizzare un sistema con una gamma ampia di servizi, capace di coprire uno spazio consistente del ciclo di vita delle imprese di tutti i settori produttivi Realizzazione di un SUAP avanzato, con front-office unico ad accesso multicanale, scambi di dati dei back-office coinvolti (soggetti erogatori a matrice pubblica: PAC, PAL, Enti) attraverso infrastrutture di interoperabilità e cooperazione (basate su SPC), procedimenti flessibili in funzione dei vari modelli di azienda MISE, Camera di Commercio di Roma, Associazionismo di categoria Stato dell Arte Strutture di connettività e cooperazione basate su SPC ed applicazioni specifiche già disponibili presso il CdR pag. 13

14 Obiettivo 6: Sicurezza e libertà civili 6.1 Progetto Documenti di identità Entro il 2012 ogni cittadino sarà in possesso di un documento di identità che permetterà una verifica forte dell identità indipendentemente dal supporto fisico utilizzato. Tali documenti saranno svincolati dalle carte di accesso ai servizi, le quali non hanno necessità di una banca dati unificata e centralizzata quale quella del Ministero dell Interno che rimane l interlocutore principale in tema di documenti di identità Diffusione di strumenti di identificazione sicura Ministero dell Interno Stato dell Arte Utilizzo del documento di identità a verifica forte (CIE) da parte del Municipio IX; infrastrutture disponibili per estendere la soluzione all intera area metropolitana a seguito delle direttive del Ministero dell Interno pag. 14

15 Obiettivo 7: Affari Esteri 7.1 Progetto Servizi consolari on-line - creazione di uno Sportello al cittadino presso gli Uffici esteri per la comunicazione, l interscambio elettronico dei dati anagrafici dei connazionali residenti all estero con il MI (Ministero dell Interno) e il relativo invio automatico ai Comuni, nonché per la fruizione di servizi on-line; - riduzione dei tempi di trattazione delle pratiche e allineamento automatico degli schedari anagrafici delle sedi consolari con l AIRE (Anagrafe della popolazione italiana residente all estero) del MAI; - creazione di un unica banca dati tra le Amministrazioni interessate. - Interoperabilità fra gli uffici esteri e l anagrafe del Comune di Roma Predisposizione di servizi in cooperazione applicativa e connessione al SPC RIPA per la trattazione automatica dei dati AIRE L AIRE del Comune di Roma ha le dimensioni maggiori tra tutti i comuni italiani. L attività anagrafica è manuale con lunghi tempi di lavorazione Ministero dell Interno, Ministero degli Affari Esteri Stato dell Arte Sistemi anagrafici del comune informatizzati e disponibilità di sistemi SPC di connessione e cooperazione pag. 15

16 Obiettivo 8: Ambiente 8.1 Progetto Efficienza energetica Identificare e validare una soluzione che, attuata su larga scala, permetta al Comune di contribuire al risparmio energetico, contenendo la spesa pubblica e dando attuazione delle disposizioni della Commissione Europea che chiede agli Stati membri di giungere ad una riduzione del 20% del consumo di energia entro il 2020 Sperimentare un sistema di monitoraggio dei consumi e dei dati ambientali di almeno 3 sedi significative del Comune di Roma; - il sistema deve monitorare, in modo dettagliato, i consumi di tutta l impiantistica tecnica (riscaldamento, raffreddamento, luce, ascensori, ecc.) in ottica di consistenza con la realtà logistica e tecnologica del Comune di Roma (soluzioni di Building Automation integrate sulla Rete IP) - deve essere ricercata una soluzione multi Dominio, multi Protocollo e multi Vendor a garanzia degli investimenti a lungo termine a fronte di attuazione su larga scala estesa agli edifici di futura realizzazione e/o acquisizione Le sedi devono coprire le 3 tipologie di uffici di riferimento: uffici di Erogazione di servizi (Municipio o Ufficio sul territorio con forte accesso di pubblico), Uffici più energivori (Centri di elaborazione o meccanizzazione con grosse infrastrutture tecnologiche), Uffici Direzionali (es. Dipartimento XIII). Validare una soluzione che permetta di realizzare risparmi superiori al 10%, mantenendo inalterata la produttività e l efficienza energetica e riducendo gli sprechi per almeno il 40% Aziende Gruppo Roma e Ministero dell Ambiente Stato dell Arte Studio di fattibilità in corso pag. 16

17 Obiettivo 9: Turismo 9.1 Progetto Poli turistici locali Potenziamento dei servizi di promozione e di accoglienza on line implementati in logica multicanale Miglioramento dell accessibilità e della conoscenza dei servizi del Comune di Roma e della offerta della città Regione Lazio, Dipartimento del Turismo Stato dell Arte Studio di fattibilità in corso con l obiettivo di incrementare l interattività delle applicazioni dal portale del Comune, l integrazione con l offerta dell ecosistema dei portali cittadini (ATAC, Musei, Auditorium, etc) l estensione in ottica multicanale con priorità verso mobile per la fornitura di servizi turistici avanzati pag. 17

18 Obiettivo 10: Beni culturali 10.1 Progetto CulturAmica Portale della Cultura Rendere accessibile il vasto patrimonio di risorse e documenti, provenienti da archivi, musei, biblioteche, fondazioni, regioni, enti locali, altri enti pubblici e privati dei vari settori della cultura italiana, descrivendone le informazioni secondo una classificazione comune e condivisa Connessione in cooperazione applicativa con il portale nazionale del Sistema Informativo Biblioteche Ministero dei Beni Culturali Stato dell Arte Studio di fattibilità in corso pag. 18

19 10.2 Progetto CulturAmica Musei d Italia Cultura per tutti Potenziare i modelli cooperativi (per dati ed applicazioni) dedicati alla gestione integrata di Beni e attività culturali, entrambi contestualizzati rispetto al territorio nel quale sono o erano inseriti. Particolarmente importante è la creazione di relazioni tra i differenti livelli informativi inerenti i beni, le attività culturali ed il territorio. Favorire l apertura della conoscenza e dei servizi relativi alla gestione dei beni e delle attività culturali al fine di rendere pubblici, condividere e riutilizzare i processi e i modelli utilizzati dalle singole istituzioni, centrali e locali. Integrare le informazioni multimediali tradizionali con spazi espositivi virtuali facilmente popolabili con i dati già presenti nelle banche dati. Lo spazio virtuale diventa non il fine, ma il mezzo per accedere ad un patrimonio informativo su opere minori o difficilmente accessibili. Fornire strumenti di Business Intelligence per la gestione, la valorizzazione e la divulgazione dei beni e delle attività culturali. Fornire strumenti di e-commerce evoluti atti a favorire la messa a reddito dei beni culturali Inserire il sistema museale comunale nel sistema museale nazionale garantendo servizi di cooperazione applicativa e di interscambio dati e servizi con le altre amministrazioni. Integrare le conoscenze e i servizi relativi ai beni ed alle attività culturali fornendo servizi evoluti di gestione e fruizione Ministero BB.AA.CC, Regione Lazio, Provincia di Roma Stato dell Arte Il sistema realizzato dalla Sovraintendenza del Comune di Roma per la catalogazione e gestione dei beni culturali, monumentali e territoriali di pertinenza comunale costituisce in ambito nazionale una delle soluzioni più avanzate e innovative per la gestione del Patrimonio Culturale ; il sistema raccoglie e unifica in una base integrata dati 21 archivi la cui consistenza supera ad oggi schede, oltre 700 vocabolari e Authority File in numero superiore alle unità pag. 19

20 Obiettivo 12: Mobilità mezzi e persone 12.1 Progetto Dati per l infomobilità Definire linee guida e regole tecniche per standardizzare e integrare i dati di diversa natura e provenienza necessari nei sistemi di infomobilità - Adeguamento delle modalità di lavoro e di gestione dei dati, da parte dell Ufficio Speciale Emergenza Traffico e Mobilità, ad uno standard nazionale - Integrazione e interoperabilità con sistemi informativi locali e regionali Aziende Gruppo Roma, Regione Lazio, Università romane Stato dell Arte Studio di fattibilità in corso con la finalità di disegnare ed implementare una piattaforma centralizzata (Infomobility Platform) finalizzata all erogazione multicanale dei servizi di Infomobilità a soggetti privati, aziende e pubbliche amministrazioni che operano all interno del Comune di Roma ed in grado di costituire il fattore abilitante di base per la realizzazione di un Intelligent Traffic System cittadino pag. 20

21 Obiettivo 15: Anagrafi 15.1 Progetto Completamento della automazione dell anagrafe comunale e del sistema di circolarità anagrafica Completare la gestione informatizzata delle anagrafi di tutti i comuni italiani e assicurare la disponibilità del contenuto delle connesse basi dati, nel pieno rispetto della normativa per la tutela dei dati personali, per semplificare la vita dei cittadini e per assicurare una fonte unitaria, attendibile e istituzionale in grado di alimentare le altre amministrazioni e gli altri enti pubblici che erogano servizi ad alto impatto socio economico (sanità, assistenza e previdenza, fiscalità, lavoro, istruzione, motorizzazione, ecc) L attività consentirà la realizzazione della comunicazione unica in materia anagrafica permettendo al cittadino di dichiarare una sola volta al Comune le variazioni concernenti la residenza e la famiglia. Spetterà al Comune trasmettere tali dati in via telematica tramite il sistema Ina-Saia del Ministero dell Interno alle altre Amministrazioni ed Enti interessati Il Comune di Roma, di intesa con il Ministero dell Interno, attiverà progressivamente negli sportelli presso i Municipi e dall Anagrafe Centrale procedure per la comunicazione degli eventi alle Amministrazioni e agli Enti esterni interessati Ministero dell Interno, Inps, Inail, MEF, Sanità Stato dell Arte Adesione del sistema anagrafico del CdR all evoluzione del sistema Ina- Saia verso il SPC e cooperazione applicativa pag. 21

22 15.2 Sistemazione degli archivi anagrafici del Comune di Roma Operare per consentire la sistemazione definitiva degli archivi anagrafici del Comune attraverso: - bonifica dei dati nazionali e di quelli relativi all Aire - sistemazione degli archivi elettronici - creazione di un sistema di disaster recovery per la banca dati Attendibilità e sicurezza dei dati Ministero dell Interno Stato dell Arte Il Comune ha quasi 3 milioni di posizioni anagrafiche attive e 6 milioni di posizioni legate a movimentazioni; dispone inoltre di 300mila posizioni Aire pag. 22

23 15.3 Servizi anagrafici on line Servizi anagrafici on-line garantendo la resa di certificati attraverso l uso del portale comunale. Si potrà avviare una sperimentazione con il Ministero dell Interno per l autenticazione delle certificazioni di anagrafe e stato civile rilasciate in modalità automatica attraverso soluzioni di timbro digitale. La richiesta della certificazione avverrà attraverso sistemi di autenticazione messi a disposizione dal Comune - Riduzione dei tempi e dei costi di svolgimento di una pratica; - Riduzione di errori potenziali nei dati; - Minore disagio ai cittadini Ministero dell Interno Stato dell Arte Il processo lavorativo di una pratica anagrafica muove, nella quasi totalità dei casi, a partire dalla compilazione di uno specifico modulo cartaceo prefincato ideato per acquisire tutte le informazioni necessarie all avviamento della pratica stessa. I dati così forniti spesso debbono essere digitati nuovamente dall operatore di sportello per consentire l acquisizione nel sistema e per effettuare le opportune verifiche. Il cittadino deve inoltre recarsi presso sportelli fisici nella propria città di residenza pag. 23

24 15.4 Progetto Gestione automatica degli archivi anagrafici di basso utilizzo Archiviare, con l ausilio di RFID, i dati relativi alla conservazione fisica degli atti anagrafici presenti in archivi di basso utilizzo per il tracciamento fisico e la gestione automatizzata degli stessi Facilità di accesso agli atti attraverso postazioni di lavoro informatizzate. Riduzione dei tempi di gestione di una pratica amministrativa complessa. Possibile spostamento degli archivi di basso utilizzo presso locali adeguatamente attrezzati recuperando spazi nelle sedi centrali del Comune di Roma Ministero dell Interno Stato dell Arte Studio di fattibilità in corso pag. 24

25 15.5 Progetto Automazione Servizi Elettorali Rendere completamente automatica la rilevazione della prima fase di elaborazione dei dati elettorali che segue la chiusura dei seggi, ferme restando le successive fasi demandate alla Corte d Appello e al Ministero dell Interno Riduzione dei costi e tempestività dell informazione Ministero dell Interno Stato dell Arte Il Comune di Roma dispone di una rete dati che collega 500 plessi scolastici sedi di 2600 sezioni elettorali. Tale rete viene impiegata per le rilevazioni di affluenze, voti di lista etc. L automazione può essere completata prevedendo la sua estensione anche ai voti di preferenza. Tale attività si svolge attualmente attraverso una digitazione centralizzata previo recupero di tutti i verbali originali dalle sezioni pag. 25

26 Obiettivo 16: Dati territoriali 16.1 Progetto Anagrafe comunale degli immobili Realizzare una anagrafe immobiliare unitaria attraverso l integrazione dei dati di origine comunale con i dati catastali ed il data base topografico regionale a grande scala e gestire il Modello unico per l edilizia; diffondere sull intero territorio nazionale i servizi per l utilizzo del Sistema Informativo Nazionale Catastale e la gestione dei procedimenti connessi alle trasformazioni edilizie, nel contesto tecnologico della cooperazione applicativa su SPC (es. variazioni edilizie note al Comune e difformi dalla situazione catastale, gestione delle segnalazioni di atti di aggiornamento catastale difformi dall'intervento edilizio autorizzato dal Comune, Modello Unico Digitale per l'edilizia) Alimentazione continua del Sistema Nazionale del Catasto con dati di origine comunale comprese variazioni edilizie note solo al Comune Costituzione di una Anagrafe Immobiliare Comunale Regione Lazio, Agenzia del Territorio Stato dell Arte Adesione del CdR al sistema informativo nazionale catastale pag. 26

27 Obiettivo 18: Servizi Banda Larga 18.1 Progetto Roma Digitale Facilitare lo sviluppo delle infrastrutture in fibra ottica da parte degli operatori del settore riducendo la complessità e gli oneri per le opere infrastrutturali. A fronte di tale incentivazione ottenere un impegno degli operatori ad attuare investimenti che contribuiscano alla totale copertura dell area metropolitana con reti a Banda Larga promuovendo lo sviluppo della rete di nuova generazione (Next Generation Network) Rendere più agevole e coordinata la posa di fibre ottiche a basso impatto ambientale attraendo su Roma gli investimenti disponibili ma ridotti degli operatori di mercato. Creare un indotto in termini di occupazione e di innovazione per l ICT a Roma coinvolgendo imprese, atenei e ricerca attorno ad un progetto di Roma Digitale. Realizzare una sinergia tra fondi pubblici impegnati ed investimenti privati per la realizzazione di una città digitale. Sviluppare un infrastruttura e servizi di avanguardia indispensabili per la competitività della città. Ministero dell Innovazione, MiSE. Agcom Stato dell Arte Esame preliminare del nuovo regolamento degli scavi pag. 27

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 \ Premessa L obiettivo generale I settori chiave di intervento La cittadinanza digitale Il welfare e la salute Il fisco L edilizia L impresa Gli strumenti

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

SPC: un internet TCP/IP. Ma l innovazione dov è?

SPC: un internet TCP/IP. Ma l innovazione dov è? SPC: un internet TCP/IP. Ma l innovazione dov è? Mario Terranova Responsabile Ufficio Servizi sicurezza, certificazione e integrazione VoIP e immagini Area Infrastrutture Nazionali Condivise Centro nazionale

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE IL DIRETTORE CENTRALE Visto l articolo 47 comma 1, del decreto legge 24 aprile 2014, n.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Logo pagopa per il sistema dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi. Premessa L Agenzia per l Italia Digitale

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE OBIETTIVO OPERATIVO DESCRIZIONE ATTIVITA' SOGGETTI RESPONSABILI INDICATORI TARGET 2.1.1 2.1.2 Ottimizzazione della Struttura Organizzativa Adozione di un nuovo Organigramma e Funzionigramma della Direzione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli

Il Postino Telematico

Il Postino Telematico 1 Il Postino Telematico Incontro con le Organizzazioni Sincali 17 NOVEMBRE 29 Vincent Nicola Santacroce Servizi Postali Gestione del Fabbisogno Informatico Descrizione del progetto 2 Il progetto postino

Dettagli