INFORMAZIONI SU ALCUNE CONDIZIONI GENETICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFORMAZIONI SU ALCUNE CONDIZIONI GENETICHE"

Transcript

1 INFORMAZIONI SU ALCUNE CONDIZIONI GENETICHE FIBROSI CISTICA (CFTR) La fibrosi cistica è una malattia genetica a trasmissione autosomico-recessiva causata da mutazioni del gene CFTR; nella popolazione i portatori di mutazioni a carico di un solo allele (eterozigoti) sono circa 1/25. Il test molecolare permette l individuazione delle mutazioni più frequenti associate alla malattia. Inoltre la variazione del copy number di uno o più esoni del gene CFTR può rappresentare sino al 10% delle mutazioni nella maggior parte delle popolazioni studiate. La metodica impiegata prevede PCR ed ibridazione inversa. SINDROME X FRAGILE (FMR-1) La Sindrome X fragile (anche detta Sindrome di Martin-Bell; ritardo mentale X-linked) costituisce la più frequente causa genetica di ritardo mentale nel maschio. Il test è indicato per: individui con ritardo mentale, autismo storia familiare di ritardo mentale coppie con rischio riproduttivo per ritardo mentale diagnosi prenatale in feto da madre portatrice tremori/ atassia maschile (FXTAS) menopausa precoce (POF) Il test molecolare individua espansioni CGG al 5 del gene FMR-1. La metodica impiegata prevede PCR ed elettroforesi capillare ed analisi Southern blot con sonda StB12.3 ALZHEIMER (apoe) ApoE è una apolipoproteina implicata nel metabolismo lipidico; nella popolazione umana è presente in tre isoforme, denominate e2-e3-e4, che deteminano sei possibili fenotipi. La presenza della forma allelica apoe-e4 è stata associata all insorgenza del morbo di Alzheimer in età avanzata, sia sporadico che familiare. Sebbene esistano pareri non favorevoli all utilizzo del genotyping di apoe come test predittivo, tale genotyping può risultare molto utile nella diagnosi differenziale di Alzheimer in pazienti con accertati segni clinici di demenza. Il test molecolare individua i 6 possibili genotipi di apoe. La metodica impiegata prevede PCR, digestione enzimatica ed elettroforesi su gel agarosio Nusieve. ALZHEIMER (PS1) PS1 (presenilina 1) è una proteina componente i complessi proteici ad alto peso molecolare nel reticolo endoplasmatico e nell apparato del Golgi. Il gene codificante tale proteina è localizzato sul cromosoma 14; sono state descritte oltre 50 diverse mutazioni di questo gene in pazienti con forme familiari ad esordio precoce. Queste mutazioni rapppresentano la causa più comune di origine genetica della malattia di Alzheimer familiare ad esordio precoce (28-60 anni). Il test molecolare viene eseguito mediante sequenziamento diretto dell esone 5 del gene PS1. STERILITÀ/ANOMALIE DELLA DIFFERENZIAZIONE SESSUALE (SRY- sex determining regiony) La ricerca di SRY viene fatta in pazienti con Sindrome di Turner (Monosomia X). La Sindrome di Turner ha una frequenza alla nascita di circa 1/2500. La monosomia omogenea dell X, (45,X) è presente in molte delle pazienti, mentre in altri casi si riscontrano anomalie

2 strutturali del cromosoma X o mosaicismo cromosomico (non sempre rilevabile citogeneticamente). Poiché in una delle linee cellulari potrebbe essere presente il cromosoma Y, o parti di esso, è opportuno escludere questa eventualità attraverso un test di amplificazione genica di sequenze Y-specifiche. In particolare viene ricercata la sequenza SRY (sex-determining region on Y chromosome), principalmente coinvolta nella differenziazione gonadica maschile. Il test molecolare viene eseguito mediante PCR, ed elettroforesi su gel di agarosio. E disponibile anche il sequenziamento del gene per la ricerca di eventuali mutazioni. ACONDROPLASIA/IPOCODROPLASIA (FGFR3) Costituiscono le più comuni forme ereditarie di malattie che causano bassa statura, dovute ad una delle due possibili mutazioni a carico del gene per il Recettore 3 del Fattore di crescita per i Fibroblasti (FGFR3). Più del 90% dei casi sono sporadici, talora associati ad una avanzata età paterna. Il test viene raccomandato per: confermare la diagnosi in soggetti con fenotipo caratteristico diagnosi prenatale di acondroplasia Il test molecolare per la acondroplasia individua le mutazioni c.1138g>a, p.gly380arg e c.1138g>c, p.gly380arg nel gene FGFR3. Il test molecolare per la ipocondroplasia individua le mutazioni c.1620c>a, p.asn540lys (frequenza 49%), c.1620c>g, p.asn540lys (frequenza 21%) e c.1612a>g, p.ile538val (frequenza <2%) nel gene FGFR3. degli esoni 8 e 11 del gene FGFR3. SINDROMI DA MICRODELEZIONI/RITARDO MENTALE Il 5% (Knight, 1997), il 6% (Biesecker, 2002), il 2.5% (Ravnan, 2006) dei ritardi mentali idiopatici (da moderati a severi) presenta riarrangiamenti a livello delle regioni subtelomeriche e pertanto, in assenza di un quadro clinico che indirizzi verso una sindrome specifica, viene valutata la integrità di tutte le estremità telomeriche. A tutt oggi solo alcuni sbilanciamenti telomerici hanno mostrato di avere un fenotipo distinto e riconoscibile: del 1p, 4p, 5p, 9q, 17p e 22q. Riarrangiamenti criptici di alcune regioni cromosomiche sono responsabili di sindromi che causano ritardo mentale (S. Williams, S. Prader Willi, S. Angelman, S. Miller Dieker, S. Smith Magenis, S. Alagille, Di George/VCF, S. Sotos, S. Saethre-Chotzen) E possibile individuare tali sindromi da delezioni e duplicazioni cromosomiche e valutare la integrità delle estremità telomeriche utilizzando una tecnica di recente introduzione denominata MLPA (Multiplex Ligation Probe Amplification) che permette anche di determinare lo stato di metilazione di specifiche regioni cromosomiche (CpG island). L'analisi dello stato di metilazione di specifiche regioni del cromosoma 15 consente di individuare la quasi totalità dei casi di Sindrome di PraderWilli/Angelman. Il test molecolare viene eseguito mediante tecnica MLPA. SINDROME DI BECKWITH-WIEDEMANN La sindrome di Beckwith-Wiedemann è una patologia poligenica causata da disregolazione dell'espressione dei geni presenti nella regione cromosomica 11p15, che è una regione soggetta a imprinting. Sono stati implicati vari difetti della regione cromosomica 11p15 (alterato numero di copie, disopia uniparentale, mutazioni geniche) e i difetti epigenetici sono responsabili di circa due terzi dei casi. L'incidenza stimata è di 1/ nati vivi. Il test molecolare viene eseguito mediante tecnica MLPA che permette di indagare sia difetti nel numero di copie che lo stato di metilazione della regione cromosomica 11p15.

3 SINDROME DI SILVER-RUSSELL La sindrome di Silver-Russell è una patologia geneticamente eterogenea. Circa il 30% dei casi mostra ipometilazione del gene H19, localizzato sulla regione 11p15 soggetta a imprinting. L'ipometilazione è dovuta in molti casi a un meccanismo epigenetico o a un microriarrangiamento genomico, come la microduplicazione materna L'incidenza è stimata in 1-30/ casi. Il test molecolare viene eseguito mediante tecnica MLPA che permette di indagare sia difetti nel numero di copie che lo stato di metilazione della regione cromosomica 11p15. MALATTIA DI CHARCOT-MARIE TOOTH/NEUROPATIA EREDITARIA CON IPERSENSIBILITÀ ALLA PRESSIONE (HNPP) La malattia di Charcot-Marie-Tooth è una neuropatia periferica ereditaria, la cui prevalenza è stimata 1/2500. Sono note tre forme: demielinizzante (CMT1), dominante legata all'x (CMTX1) e neuronale (CMT2). La forma CMT1 è caratterizzata da duplicazione di una regione di 1.5Mb sul cromosoma 17p11.2. La delezione della medesima regione è responsabile dell'80% dei casi di neuropatia ereditaria con ipersensibilità alla pressione (HNPP). Il test molecolare viene eseguito mediante tecnica MLPA che permette di indagare i difetti nel numero di copie della regione cromosomica 17p11.2. ATROFIE MUSCOLARI SPINALI Le atrofie muscolari spinali (SMA) sono un gruppo di malattie neuromuscolari: ne vengono definiti quattro tipi in base all'età d'esordio e alla gravità della malattia. Il 95% circa delle SMA è causato da delezioni omozigoti del solo esone 7 o degli esoni 7 e 8 del gene SMN1 (cromosoma 5q12.2-q13.3) che codifica per la proteina SMN. È stato inoltre identificato un secondo gene (cromosoma 5q12.2-q13.3) che contribuisce a produrre solo il 10% della proteina SMN a lunghezza completa. Pur con alcune eccezioni, la gravità della SMA correla inversamente con il numero delle copie del gene SMN2. L'incidenza è stimata in circa 1/ Il test molecolare viene eseguito mediante tecnica MLPA che permette di indagare difetti nel numero di copie dei geni SMN1 ed SMN2. SINDROMI MED12-CORRELATE: SINDROME DI OPITZ-KAVEGGIA (FG tipo 1) E SINDROME DI LUJAN-FRYNS Mutazioni del gene MED12 (cromosoma Xq13), che codifica per una delle proteine del complesso di inizio della trascrizione, sono responsabili di due differenti malattie genetiche con trasmissione X-linked recessiva: la sindrome di Opitz-Kaveggia (FG tipo 1) e la sindrome di Lujan-Fryns. Le mutazioni p.g958e e p.r961w nell'esone 21 del gene MED12 causano la sindrome di Opitz-Kaveggia, caratterizzata da deficit cognitivo, ipotonia, macrocefalia, dismorfismi facciali e malformazioni multiple. La mutazione p.n1007s nell'esone 22 del gene MED12 causa la sindrome di Lujan Fryns, caratterizzata da deficit cognitivo, macrocefalia, dismorfismi facciali, habitus marfanoide degli esoni 21, 22 del gene MED12. TEST DI VALUTAZIONE DELLA PREDISPOSIZIONE GENETICA ALLO SVILUPPO DI PATOLOGIE TROMBOEMBOLICHE Circa il 30% dei pazienti affetti da trombosi hanno familiari affetti dalla medesima patologia. Alcuni difetti ereditari contribuiscono ad uno stato di trombofilia: fattore V Leiden, mutazione G20120A del gene della protrombina, mutazione C677T del gene MTHFR, associato ad iperomocisteinemia. La presenza di tali mutazioni incrementa il rischio di malattia tromboembolica. I test molecolari sono suggeriti per: donne in trattamento estroprogestinico anticoncezionale

4 donne in trattamento sostitutivo ormonale individui con familiarità per episodi tromboembolici pazienti con episodi tromboembolici in età giovanile abortività ripetuta I test vengono eseguiti in Real Time PCR. TEST DI VALUTAZIONE DELLA PREDISPOSIZIONE GENETICA ALLO SVILUPPO DEI TUMORI BRCA1 e BRCA2 (Tumore familiare mammella-ovaio) Secondo il National Cancer Institute (NCI) 1 donna su 50 entro i 50 anni di età ed 1 donna su 10 entro gli 80 anni si ammala di cancro alla mammella. Il rapporto maschi/femmine è di 1/125. Se pure molti fattori non genetici sono stati identificati, nel 5-10% dei casi si ritiene che la causa più importante di cancro mammario sia la presenza di geni di suscettibilità. A tutt oggi sono stati identificati i geni maggiori BRCA1 e BRCA2, ereditati secondo modalità autosomica dominante, le cui mutazioni determinano predisposizione allo sviluppo di tumori mammella/ovaio. I figli di individui portatori di mutazioni BRCA 1 e 2 hanno la probabilità del 50% di ereditare la medesima mutazione. La strategia più efficace si è dimostrata l analisi genetica a partire da un individuo malato, seguita dalla identificazione della mutazione e quindi dall estensione dell indagine ai familiari a rischio. La valutazione del rischio viene eseguita secondo Gail (1989) e Claus (1994), mentre la predizione del rischio di mutazione BRCA è valutata in accordo a Shattuck-Eidens (1997) e BRCAPRO (1997, 1998). degli esoni dei geni BRCA1 e BRCA2. Si stima che dal 5 al 15% di casi di cancro alla mammela di origine familiare sia dovuto a variazioni di copy number di uno o più esoni in BRCA1 e BRCA2 ed è stata descritta una ampia varietà di delezioni e duplicazioni. Il test molecolare viene eseguito mediante tecnica MLPA. PALB2 (Partner di localizzazione nucleare di BRCA2) Il gene PALB2, localizzato sul braccio corto del cromosoma 16, codifica per una proteina definita come partner di localizzazione nucleare di BRCA2. PALB2 svolge funzione stabilizzante di BRCA2 in corrispondenza dei foci nucleari, consentendo in tal modo l attivazione del pathway di riparo del DNA: viene pertanto definito in letteratura come gene a bassa suscettibilità per cancro alla mammella. dei 13 esoni del gene PALB2. Le variazioni di copy number uno o più esoni in PALB2 vengono valutate mediante tecnica MLPA. p53 Mutazioni germinali in P53 causano la sindrome di Li-Fraumeni una rara malattia ereditaria caratterizzata dallo sviluppo di neoplasie giovanili (prima dei 45 anni) e pediatriche a carico di diversi organi e tessuti. Tra le neoplasie tipiche di questa malattia in ordine di frequenza: - carcinoma della mammella femminile (età media: 36 anni) - sarcomi dell osso e dei tessuti molli - neoplasie cerebrali ad insorgenza nell infanzia o in età giovane-adulta - carcinoma della corteccia del surrene nell infanzia o in età giovane-adulta - carcinomi a carico di altri organi (tratto digerente e respiratorio), leucemie e linfomi. Le mutazioni a carico di P53 sono molto rare e perciò rendono conto di una piccolissima quota del rischio di tipo familiare. degli esoni del gene p53.

5 CHEK2 La proteina checkpoint kinase 2 (CHEK2), prodotto del gene CHEK2 localizzzato sul cromosoma 22q, rappresenta un elemento di segnale filogeneticamente conservato all interno della rete cellulare che risponde ai danni del DNA e partecipa al mantenimento della integrità genomica. La mutazione c.1100delc p.t367fsx15 nell esone 10 del gene CHEK2 rappresenta un allele di predisposizione al cancro della mammella a bassa penetranza. La frequenza della mutazione c.1100delc è decisamente variabile in popolazioni differenti e comunque tale variante è rara in tutte la popolazioni studiate. Il test molecolare viene eseguito mediante tecnica MLPA. MLH1/MSH2/MSH6 Esistono due modelli distinti nella progressione del cancro gastrointestinale definiti da due tipi di instabilità genomica: instabilità cromosomica (CIN) ed instabilità dei microsatelliti (MSI) associata ad un pathway mutante ; tale fenotipo si trova nel 15% di CCR sporadico ed è caratterizzato da piccole inserzioni e delezioni in sequenze di microsatelliti che ne causano alterazioni nella lunghezza; all MSI pathway sono riconducibili anche tumori (endometrio e meno frequentemente stomaco, vie urinarie, vie biliari, ovaio, piccolo intestino, pancreas ed altri) associati a Sindrome di Lynch (HNPCC: Hereditary Non Poliposic Colorectal Cancer) ed alcuni tumori gastrointestinali ed endometriali. Tale predisposizione ereditaria allo sviluppo di cancro colpisce 1/ individui ed è caratterizzata da precoce età di insorgenza. Il fenotipo riconducibile all MSI pathway è causato da mutazioni germinali nei geni del MisMatch Repair (MMR) MSH2-MSH3-MSH6, MLH1-MLH3 e PMS1- PMS2; mutazioni germinali in MLH1 ed MSH2 ne rappresentano la causa maggiore. degli esoni dei geni MLH1/MSH2/MSH6. Si stima che circa il 13% delle mutazioni germinali che interessano MLH1 ed MSH2 sono rappresentate da delezioni intrageniche. Il test molecolare viene eseguito mediante tecnica MLPA. APC/Poliposi Adenomatosa Familiare (FAP) Il gene oncosoppressore APC, situato sul cromosoma 5q21-q22, è associato sia a sindromi ereditarie ( FAP) che a neoplasie sporadiche colorettali. La forma classica di FAP è dovuta a mutazioni germinali nel gene APC ed inoltre mutazioni somatiche di tale gene rappresentano il primo evento nella evoluzione del carcinoma sporadico del colon. La maggior parte delle mutazioni di APC sono mutazioni che coinvolgono pochi nucleotidi e determinano proteine tronche. Studi recenti hanno però dimostrato che circa il 10% di individui con FAP presentano estese delezioni che interessano APC ed è stato riportato anche qualche caso di estese duplicazioni (variazioni di copy number ). Il test molecolare viene eseguito mediante tecnica MLPA. MUTYH/ Poliposi Adenomatosa Familiare (FAP) e Poliposi Adenomatosa Familiare Attenuata (AFAP) Mutazioni germinali bialleliche nel gene MUTYH, situato sul cromosoma 1p34.1 e codificante per una proteina di escissione di basi coinvolta nella riparazione del DNA, rappresentano un fattore predisponente per FAP e per AFAP. Le mutazioni p.y165c nell esone 7, p.g382d nell esone 13 e p.e466del nell esone 14 presenti in omozigosi o in eterozigosi composta, rappresentano circa l 80% delle mutazioni causative nella popolazione caucasica. degli esoni 7, 13 e 14 del gene MUTYH.

6 HOXB13 La mutazione p.g84e nel gene rappresenta un fattore di rischio significativo per lo sviluppo del cancro alla prostata. La metodica impiegata prevede una analisi mutazionale mediante sequenziamento diretto dell esone 1 del gene HOXB13. CDKN2A Mutazioni germinali nel gene CDKN2A, situato sul cromosoma 9p21 e codificante per un oncosoppressore che regola il ciclo cellulare inducendo arresto del ciclo cellulare, rappresentano un fattore predisponente per cancro al pancreas e melanoma. La metodica impiegata prevede una analisi mutazionale degli esoni codificanti le due isoforme proteiche p16 e p14 mediante sequenziamento diretto degli esoni del gene CDKN2A. DIAGNOSI MOLECOLARE DI OLIGO/AZOOSPERMIA MICRODELEZIONE CROMOSOMA Y L infertilità è un problema che interessa il % di tutte le coppie ed in circa la metà dei casi è di tipo maschile. In molti di questi casi sono identificabili microdelezioni a carico del cromosoma Y, responsabili di oligo/azoospermia. Questo tipo di analisi, associato alla ricerca di anomalie cromosomiche ed allo screening per fibrosi cistica è in grado di individuare sia cause genetiche di infertilità maschile che la loro possibilità di trasmissione in seguito a pratiche di fecondazione assistita. Il test molecolare è indicato per: maschi oligo/azoospermici fecondazione assistita (ICSI) infertilità maschile Il test viene eseguito con multiplex-pcr e successiva elettroforesi su gel di agarosio (sec. Kent-First, 1999). TEST DI FARMACOGENETICA/VALUTAZIONE DI MARCATORI BIOLOGICI MOLECOLARI DIAGNOSTICI E PROGNOSTICI L insorgenza di resistenza/intolleranza ai farmaci (chemioterapici, antiinfiammatori, etc) è uno dei principali ostacoli al successo dei trattamenti. L individuazione di caratteristiche specifiche di un individuo permettono di predire la possibile insorgenza di resistenza/intolleranze a tali trattamenti e rappresenta pertanto una informazione fondamentale per l individuazione della terapia da seguire. Risposta terapeutica a gefitinib/erlotinib (EGFR) Il test molecolare permette di individuare mutazioni a carico degli esoni 18, 19, 21 del gene EGFR. In particolare vengono ricercate le mutazioni associate a risposta terapeutica a Gefitinib (Ref. bibliografiche: NEJM, 2004; 350: / Science, 2004;304: ). degli esoni 18, 19, 21 del gene EGFR. Effetti collaterali da irinotecan (UGT1A1) Il test molecolare permette di individuare il polimorfismo A(TA)6TAA/A(TA)7TAA a carico del promotore del gene UGT1A1. I genotipi A(TA)6/7TAA A(TA)7/7TAA sono associati a tossicità per Irinotecan. della regione del promotore del gene UGT1A1. Risposta terapeutica a cetuximab/panitumumab (Kras-BRAF-PIK3CA) L attivazione del proto-oncogene ras mediante mutazioni puntiformi rappresenta una delle più frequenti alterazioni genetiche associate con lo sviluppo neoplastico.

7 Mutazioni a livello dei geni ras sono state riscontrate in diversi tipi di tumori, quali tumori pancreatici, al colon ed ai polmoni. Inoltre, le mutazioni a carico dei codoni 12 e 13 del gene kras rappresentano un marcatore predittivo della risposta clinica all impiego di anticorpi anti-egfr nel carcinoma metastatico del colon-retto. dell esone 2 del gene kras. Il prodotto del gene BRAF, una delle isoforme di RAF (Raf-1, A-Raf, B-Raf) è un effettore di RAS. Mutazioni somatiche nel gene BRAF, in particolare la mutazione oncogenetica c.1799t>a, p.v600e nell esone 15, sono state identificate nei melanomi (75%), PTC (Papillary Thyroid Carcinoma) (45%), carcinomi ovarici (14%) e del colonretto (10%). Esistono forti evidenze che lo stato mutazionale del gene BRAF rappresenti un marcatore utilizzabile per valutare l efficacia del trattamento anti-egfr all interno di una analisi multipla (K-ras e BRAF). dell esone 15 del gene BRAF. Mutazioni nel gene PIK3CA rappresentano una delle cause nella tumorigenesi di vari tumori ed in particolare sono state individuate nel 10-30% dei casi di cancro colorettale. In questo ultimo caso le mutazioni sono perlopiù localizzate negli esoni 9 e 20. Esistono forti evidenze che lo stato mutazionale del gene PIK3CA rappresenti un marcatore utilizzabile per valutare l efficacia del trattamento anti-egfr all interno di una analisi multipla (Kras-BRAF-PIK3CA). degli esoni 9 e 20 del gene PIK3CA. Risposta terapeutica a farmaci metabolizzati da enzimi del citocromo P450 Nell uomo, il metabolismo epatico del farmaco è suddiviso in due componenti: reazioni di fase I e reazioni di fase II. Ci sono almeno 30 famiglie di enzimi che metabolizzano farmaci e quasi tutti mostrano polimorfismi. Più di tre quarti degli enzimi di fase I fanno parte della famiglia di citocromo P450 e sono indicati con CYP. La superfamiglia di enzimi del citocromo P450 (CYP450) costituisce il principale catalizzatore delle reazioni di biotrasformazione dei farmaci. Nell uomo sono state identificate 18 famiglie e 43 sottofamiglie ognuna comprendente circa 50 isoforme ciascuna delle quali è il prodotto di un singolo gene e possiede uno specifico spettro di substrati. La diversità è dovuta a variazioni genetiche (duplicazioni, delezioni, SNPs) nei geni che codificano per le isoforme del CYP450; in particolare le isoforme CYP2C9, CYP2C19 e CYP2D6 sono coinvolte nel metabolismo della maggior parte dei farmaci attualmente utilizzati. Mutazioni nei geni CYP possono produrre isoforme con attività enzimatica assente, ridotta o aumentata che determinano 4 distinti fenotipi/metabolizzatori: lenti-pm (poor metabolizers) privi di enzimi funzionali intermedi-im (intermediate metabolizers) eterozigoti per la presenza di un gene mutato (enzima non funzionale rapidi-em (extensive metabolizers) omozigoti geni funzionali ultrarapidi-ur (ultrarapid metabolizers) più di due geni funzionali Il CYP2C19 catalizza il metabolismo degli antidepressivi imipramina, amitriptilina, clomipramina, citalopram e moclobemide, così come quello del diazepam, del desmetildiazepam, dell omeprazolo, del proguanil e della mefenitoina. Il CYP2D6 è uno dei più importanti isoenzimi coinvolti nel metabolismo dei farmaci e sebbene sia quantitativamente uno dei meno rappresentati (< 5% del totale), catalizza l ossidazione di più di 30 farmaci: per quanto riguarda i farmaci anticancro, CYP2D6 è coinvolto solamente

8 nella conversione del tamoxifene al 50 volte più potente antiestrogenico 4OH-tamoxifene ed endoxifene. Il test molecolare viene eseguito in Real Time PCR. Resistenza all Aspirina Il test molecolare permette di individuare eventuali sostituzioni aminoacidiche a livello della proteina prodotta dal gene GPIIIa. La metodica impiegata prevede PCR, digestione enzimatica ed elettroforesi su gel di agarosio. Instabilità dei microsatelliti (MSI) come marcatore biologico Esistono due modelli distinti nella progressione del cancro gastrointestinale definiti da due tipi di instabilità genomica: instabilità cromosomica (CIN) ed instabilità dei microsatelliti (MSI) associata ad un pathway mutante ; tale fenotipo si trova nel 15% di CCR sporadico ed è caratterizzato da piccole inserzioni e delezioni in sequenze di microsatelliti che ne causano alterazioni nella lunghezza; all MSI pathway sono riconducibili anche tumori (endometrio e meno frequentemente stomaco, vie urinarie, vie biliari, ovaio, piccolo intestino, pancreas ed altri) associati a Sindrome di Lynch (HNPCC: Hereditary Non Poliposic Colorectal Cancer) ed alcuni tumori gastrointestinali ed endometriali. Tale predisposizione ereditaria allo sviluppo di cancro colpisce 1/ individui ed è caratterizzata da precoce età di insorgenza. La analisi della instabilità dei microsatelliti prevede analisi di frammenti ottenuti per amplificazione contenenti corte sequenze ripetute di mono, di, tetra e pentanucleotidi. Criteri di definizione: MSI-H se instabilità >30% dei loci analizzati (2 o più dei markers utilizzati) MSI-L se instabilità <30% dei loci analizzati (1 dei markers utilizzati) MSS se assenza di instabilità Essa rappresenta un marcatore biologico diagnostico ed inoltre esistono anche forti evidenze di prognosi migliore per pazienti con MSI-H rispetto a MSI-L o MSS. La metodica impiegata prevede PCR e successiva elettroforesi capillare. BRAF come marcatore biologico Il prodotto del gene BRAF, una delle isoforme di RAF (Raf-1, A-Raf, B-Raf) è un effettore di RAS. Mutazioni nel gene BRAF, in particolare la mutazione oncogenetica c.1799t>a, p.v600e nell esone 15, sono state identificate nei melanomi (75%), PTC (Papillary Thyroid Carcinoma) (45%), carcinomi ovarici (14%) e del colonretto (CCR) (10%). Mutazioni nel gene BRAF, vengono più frequentemente identificatea nei CCR con MSI-H (20-30%) rispetto a quelli con MSS (5-10%) ed ancora mutazioni nel gene BRAF non sono mai state identificate nei pazienti con Sindrome di Linch (HNPCC). Lo stato mutazionale del gene BRAF rappresenta quindi un utile marcatore biologico diagnostico. dell esone 15 del gene BRAF. c-kit come marcatore biologico L insorgenza di mutazioni nel proto-oncogene c-kit (codificante per un recettore di membrana tirosin chinasico) determina un attivazione costitutiva del recettore e rappresenta una tappa fondamentale nello sviluppo di vari tumori fra cui i tumori stromali gastrointestinali (GIST). Il 90% dei GIST presenta mutazioni in c-kit ed in particolare esse sono localizzate negli esoni 9, 11, 13 e 17. Lo stato mutazionale del gene c-kit rappresenta quindi un utile marcatore biologico diagnostico.

9 degli esoni 9, 11, 13 e 17 del gene c-kit Marcatori biologici molecolari prognostici nella leucemia mieloide acuta (LAM) (FLT3, NPM1, CBL, WT1) Il 40%-45% dei pazienti affetti da LAM appartengono al sottogruppo NC-LAM (pazienti affetti da LAM con cariotipo normale). Tali pazienti esibiscono usualmente due o più alterazioni di tipo genetico molecolare e la loro identificazione assume un significato prognostico e risulta utile ai fini della scelta terapeutica. Attualmente le indagini molecolari prevedono la ricerca di mutazioni in geni coinvolti nei meccanismi di regolazione della proliferazione, dello sviluppo e del differenziamento delle cellule progenitrici ematopoietiche. Mutazioni nel gene codificante la proteina FLT3, un recettore tirosin kinasico, portano alla sua attivazione costitutiva e conseguentemente a proliferazione incontrollata delle cellule progenitrici ematopoietiche. Due sono le mutazioni presenti con maggiore frequenza nelle NC-LAM: duplicazioni in tandem del dominio juxstamembrana di FLT3 situate in corrispondenza degli esoni 14 e 15 e mutazioni puntiformi nell esone 20 in corrispondenza del codone D835 nel dominio tirosin kinasico di FLT3. Le metodiche impiegate prevedono amplificazione mediante PCR degli esoni 14 e 15 e successiva elettroforesi su gel agarosio Nusieve e una analisi mutazionale mediante sequenziamento diretto dell esone 20 del gene FLT3. La proteina NPM1 è una fosfoproteina nucleolare che lega l RNA ed è coinvolta nel trasporto delle ribonucleoproteine tra nucleo e citoplasma. Mutazioni nell esone 12 del gene NPM1 rappresentano la più frequente alterazione genetica nelle NC-LAM. dell esone 12 del gene NPM1 Il gene CBL codifica per una proteina con attività di ubiquitina ligasi e partecipa alla degradazione dei recettori tirosin kinasici. Le mutazioni a carico del gene sono diverse, ma perlopiù localizzate negli esoni 8 e 9. degli esoni 8 e 9 del gene CBL. Il gene WT1 (Wilms Tumor 1) codifica per un regolatore trascrizionale espresso nelle cellule renali embrionali e nelle cellule staminali ematopoietiche. Sebbene sia noto che WT1 è coinvolto nella proliferazione e differenziazione delle cellule ematopoietiche, il suo preciso ruolo nella ematopoiesi ed il suo contributo nella leucemogenesi rimangono ancora da definire: certamente però le mutazioni nel gene WT1 hanno significato di prognostico avverso. Le mutazioni nel gene WT1 hanno una frequenza del 10% nelle NC-LAM e si verificano in corrispondenza degli esoni 7 e 9. degli esoni 7 e 9 del gene WT1. DEFINIZIONE DEL RISCHIO DI DIFETTI DEL TUBO NEURALE La somministrazione di acido folico a donne in periodo periconcezionale riduce l incidenza di DTN nella prole sino al 70%. L analisi dei polimorfismi dei geni CBS, MTHFR C677T, MTHFR A1298C, MTRR, MTHFD1, RFC1 è importante per definire il rischio di ricorrenza di DTN, la sua tipologia (folato-sensibile o folato-resistente), l approccio terapeutico/profilattico periconcezionale Il test viene suggerito per: individuazione coppie a rischio per DTN

10 genitori con precedenti figli affetti da DTN genitori di precedenti figli con malformazioni congenite Il test viene eseguito con PCR, digestione enzimatica ed elettroforesi su gel di agarosio.

INFORMAZIONI SULLE PRESTAZIONI AMBULATORIALI

INFORMAZIONI SULLE PRESTAZIONI AMBULATORIALI INFORMAZIONI SULLE PRESTAZIONI AMBULATORIALI CONSULENZA GENETICA La consulenza genetica è un processo medico-clinico che ha lo scopo di definire il percorso diagnostico in caso di sospetto di malattia

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Presidio Ospedaliero di Cremona Dipartimento Laboratorio

AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Presidio Ospedaliero di Cremona Dipartimento Laboratorio AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Presidio Ospedaliero di Cremona Dipartimento Laboratorio Unità Operativa di GENETICA DI COSA CI OCCUPIAMO L attività di Genetica Medica presso l ospedale

Dettagli

Il Cancro è una malattia genetica

Il Cancro è una malattia genetica Il Cancro è una malattia genetica PROCESSO MULTIFASICO Il Cancro è sempre genetico Talvolta il cancro è ereditario Ciò che viene ereditato non è la malattia, bensì la PREDISPOSIZIONE In assenza di ulteriori

Dettagli

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Test Metodo utilizzato Osservazioni, indicazioni Amplificazione genica Her2/neu nei carcinoma mammari e gastrici L amplificazione genica di Her2/neu

Dettagli

GENETICA DEL TUMORE DEL COLON-RETTO

GENETICA DEL TUMORE DEL COLON-RETTO GENETICA DEL TUMORE DEL COLON-RETTO EPIDEMIOLOGIA In tutto l'occidente, il cancro del colon-retto occupa, per incidenza, il secondo posto tra i tumori maligni, preceduto dal tumore al polmone nell'uomo

Dettagli

MICRODELEZIONI DEL BRACCIO LUNGO DEL CROMOSOMA Y

MICRODELEZIONI DEL BRACCIO LUNGO DEL CROMOSOMA Y L infertilità è considerata dall Organizzazione Mondiale della Sanità una patologia. Per infertilità si intende l assenza di concepimento dopo 12/24 mesi di rapporti mirati non protetti. Il fenomeno dell

Dettagli

Il test genetico BRCA1/BRCA2

Il test genetico BRCA1/BRCA2 L identificazione Il test genetico BRCA1/BRCA2 M.G.Tibiletti UO Anatomia Patologica Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese IL CARCINOMA MAMMARIO FORME SPORADICHE FORME EREDITARIE FORME FAMIGLIARI

Dettagli

Definire i meccanismi con cui si verifica la correzione naturale delle anomalie cromosomiche

Definire i meccanismi con cui si verifica la correzione naturale delle anomalie cromosomiche Definire i meccanismi con cui si verifica la correzione naturale delle anomalie cromosomiche La patogenesi di aborti dovuti ad anomalie cromosomiche è dovuta a: A) Ipoplasia placentare; B) Malformazioni

Dettagli

Marcatori Genetici Tumorali

Marcatori Genetici Tumorali a scuola di scienze della vita Liceo Scientifico N. Tron Schio (VI), 16 dicembre 2008 Marcatori Genetici Tumorali Tommaso Scarpa Schio (VI) - 16 Dicembre 2008 Il Tumore è una malattia genetica. 1 sola

Dettagli

TARIFFARIO PRESTAZIONI LABORATORIO DI GENETICA MOLECOLARE, SEZIONE DI PSICOLOGIA CLINICA SANITARIA, DELLE ORGANIZZAZIONI E DEL BENESSERE

TARIFFARIO PRESTAZIONI LABORATORIO DI GENETICA MOLECOLARE, SEZIONE DI PSICOLOGIA CLINICA SANITARIA, DELLE ORGANIZZAZIONI E DEL BENESSERE TARIFFARIO PRESTAZIONI LABORATORIO DI GENETICA MOLECOLARE, SEZIONE DI PSICOLOGIA CLINICA SANITARIA, DELLE ORGANIZZAZIONI E DEL BENESSERE PRESTAZIONE IMPONIBILE IVA TOTALE Consulenza genetica 50,00 0,00

Dettagli

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali Tumore Cos è il tumore? Il tumore o neoplasia (dal greco neo,, nuovo, e plasìa,, formazione), o cancro se è maligno, è una classe di malattie caratterizzate da una incontrollata riproduzione di alcune

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Test genetici per evidenziare il rischio di trombolfilia Il Fattore V della coagulazione è un cofattore essenziale per l attivazione della protrombina a trombina. La variante G1691A, definita variante

Dettagli

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Marcatori molecolari prognostici Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Legnano 24.03.2009 Cancro colorettale - Epidemiologia Il cancro colorettale è la seconda causa di morte per malattie

Dettagli

Patologie da mutazioni dinamiche

Patologie da mutazioni dinamiche Patologie da mutazioni dinamiche Mutazioni dinamiche mutazioni progressive, nei tessuti e nelle generazioni, di ripetizioni instabili Alleli normali Pre-mutazioni Mutazioni Le alterazioni fenotipiche (patologia)

Dettagli

La sindrome di Lynch. Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC. G. A. Pablo Cirrone. lunedì 11 marzo 2013

La sindrome di Lynch. Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC. G. A. Pablo Cirrone. lunedì 11 marzo 2013 La sindrome di Lynch Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC G. A. Pablo Cirrone 1 Caratteristiche generali I HNPCC (Hereditary Non-Polyposis Colonrectal Cancer) è caratterizzato dalla comparsa,

Dettagli

Tumore della mammella rischio eredo-familiare

Tumore della mammella rischio eredo-familiare Università di Torino Dipartimento di Genetica Biologia e Biochimica barbara pasini Tumore della mammella rischio eredo-familiare problematiche linee guida ipotesi di progetto regionale Tumore della mammella

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica PRODA Istituto di Diagnostica Clinica SEZIONE DI CITOGENETICA E GENETICA MOLECOLARE DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI MOLECOLARE PRE E POSTNATALE DI MALATTIE GENETICHE DIAGNOSTICA GENETICA DELLA INFERTILITA

Dettagli

CARCINOMA COLON RETTO - EPIDEMIOLOGIA

CARCINOMA COLON RETTO - EPIDEMIOLOGIA CARCINOMA COLON RETTO - EPIDEMIOLOGIA Paesi ad alta incidenza: USA - Canada - Europa - Australia USA 44/100.000 Europa 35/100.000 Causa il 15% di decessi per neoplasie Paesi a bassa incidenza: Asia Africa

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE AA 2015/16. Alberto Turco. Lezioni 43 e 44 Gio 26.11.15 CONSULENZA GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE AA 2015/16. Alberto Turco. Lezioni 43 e 44 Gio 26.11.15 CONSULENZA GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE AA 2015/16 Alberto Turco Lezioni 43 e 44 Gio 26.11.15 CONSULENZA GENETICA Definizione La consulenza genetica è un servizio con il quale i pazienti o i

Dettagli

ANALISI GENETICHE. Biologia molecolare

ANALISI GENETICHE. Biologia molecolare ANALISI GENETICHE Biologia molecolare Via F. Ferrer 25/27-21052 Busto Arsizio (VA) - Italy Tel +39 0331 652911 - Fax +39 0331 652919 - www.tomalab.com TOMA_biologia_molecolare_scheda_CORR03.indd 1 06/04/2012

Dettagli

Gene Mutations and Disease

Gene Mutations and Disease Gene Mutations and Disease Mutazioni somatiche: Nuove mutazioni che insorgono casualmente nelle cellule somatiche o nella linea germinale di singoli individui. Le mutazioni germinali possono essere trasmesse

Dettagli

La predisposizione genetica ai tumori WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

La predisposizione genetica ai tumori WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ La predisposizione genetica ai tumori WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Il Cancro è una malattia genetica Il sillogismo aristotelico nell era del DNA Socrate è un uomo. Gli uomini sono mortali. Socrate è mortale.

Dettagli

EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO. U.O. Genetica Medica

EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO. U.O. Genetica Medica EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO Dott.ssa M.Neri U.O. Genetica Medica Responsabile Consulenza Oncogenetica Prof.ssa A. Ferlini Direttore U.O. Genetica Medica I TUMORI AL SENO EREDITARI : L IMPORTANZA DELLA

Dettagli

CATCH 22 e altre indagini genetiche nel counseling dopo diagnosi di malformazioni fetali

CATCH 22 e altre indagini genetiche nel counseling dopo diagnosi di malformazioni fetali CATCH 22 e altre indagini genetiche nel counseling dopo diagnosi di malformazioni fetali Milano Marittima 05/06/2010 Dr. Francesco Pigliapoco Lab. Citogenetica A.O.U.-Salesi- Ancona Le sindromi DiGeorge

Dettagli

Genetica e cancro della mammella

Genetica e cancro della mammella LEZIONE DI AGGIORNAMENTO Genetica e cancro della mammella Moderatore: P. Grammatico Relatore: M. Guenzi GENETICA E CANCRO DELLA MAMMELLA Rischio specifico ca mammella e ovaio (BRCA1, BRCA2, PALB2,.) Rischio

Dettagli

A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo

A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo 2 Convegno Nazionale Sindrome di Rubinstein Taybi Lodi, 17 19 maggio 2013 A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo Donatella Milani Cristina

Dettagli

5 modulo didattico - Patologia cromosomica.

5 modulo didattico - Patologia cromosomica. 5 modulo didattico - Patologia cromosomica. G0 IL CICLO CELLULARE DI UNA CELLULA DI MAMMIFERO Avviene ogni volta che la cellula si divide Le tappe fondamentali del processo sono: Separazione dei due filamenti

Dettagli

La predisposizione genetica ai tumori

La predisposizione genetica ai tumori La predisposizione genetica ai tumori Il Cancro è una malattia genetica Il sillogismo aristotelico nell era del DNA Socrate è un uomo. Gli uomini sono mortali. Socrate è mortale. Socrate è mortale. Il

Dettagli

SEMINARIO SUL CANCRO COLORETTALE EREDITARIO (Sindrome di Lynch)

SEMINARIO SUL CANCRO COLORETTALE EREDITARIO (Sindrome di Lynch) SEMINARIO SUL CANCRO COLORETTALE EREDITARIO (Sindrome di Lynch) Modena, 19 Dicembre 2007 I TUMORI EREDITARI: UNA VISIONE D INSIEME Maurizio Ponz de Leon PATOGENESI DEI TUMORI TUMORI SPORADICI CANCRO 70-80%

Dettagli

Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi

Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi IV Congresso Regionale I Congresso del Middle Management di Area Tecnica Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi Dott.ssa

Dettagli

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Negli Eucarioti un cromosoma del sesso è un cromosoma presente in forme diverse nei due sessi. Uno è un cromosoma "X", l'altro strutturalmente e funzionalmente

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Sezione di Citogenetica e Genetica molecolare Responsabile: Dott. Guglielmo Sabbadini Specialista in Genetica Medica Informazioni per la diagnosi molecolare di sordita

Dettagli

Normale controllo della crescita cellulare

Normale controllo della crescita cellulare Normale controllo della crescita cellulare STOP STOP Cellula normale STOP Alterato controllo della crescita cellulare X STOP STOP Cellula tumorale STOP X Le cellule tumorali presentano alterazioni cromosomiche

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Caratterizzazione molecolare delle Distrofie Muscolari di Duchenne (DMD) e di Becker (BMD): diagnosi di malattia e studi familari L Proda esegue le indagini molecolari per le Distrofie muscolari di Duchenne

Dettagli

Uso appropriato delle tecnologie genomiche sul territorio. Dott.ssa Paola Iaricci mmg

Uso appropriato delle tecnologie genomiche sul territorio. Dott.ssa Paola Iaricci mmg Uso appropriato delle tecnologie genomiche sul territorio Dott.ssa Paola Iaricci mmg test genetici /test genomici Il principale interrogativo che ciascuno dovrebbe porsi è : che cosa sono, quando farli,

Dettagli

Le cellule cancerose

Le cellule cancerose Le cellule cancerose Cosa è il cancro? Malattia che insorge in conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare E la Seconda causa di morte si possono sviluppare in quasi tutti gli organi Le diverse

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN Il test ColonScreen ColonScreen è un test diagnostico, sviluppato da GENOMA Group, che permette di eseguire un analisi genetica multipla per valutare

Dettagli

6 modulo didattico- Le malattie genetiche non mendeliane,

6 modulo didattico- Le malattie genetiche non mendeliane, 6 modulo didattico- Le malattie genetiche non mendeliane, diagnosi e terapia. CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE GENETICHE Malattie monogeniche ( 1%) Autsomiche dominanti Autosomiche recessive Legate al sesso

Dettagli

Genomica e modelli animali di malattie umane

Genomica e modelli animali di malattie umane I giovedì della cultura scientifica Etica e sperimentazione animale nella ricerca biomedica Genomica e modelli animali di malattie umane Mariateresa Mancuso BIOTEC-MED Mus Musculus : organismo modello

Dettagli

Unità Operativa di GENETICA MEDICA. Azienda Ospedaliera Universitaria S.Anna AOSPFE, Ferrara. Prestazioni richieste

Unità Operativa di GENETICA MEDICA. Azienda Ospedaliera Universitaria S.Anna AOSPFE, Ferrara. Prestazioni richieste Unità Operativa di GENETICA MEDICA Azienda Ospedaliera Universitaria S.Anna AOSPFE, Ferrara Direttore: Prof.ssa Alessandra Ferlini www.ospfe.it/geneticamedica LABORATORIO DI GENETICA MOLECOLARE Responsabile:

Dettagli

PRESIDIO OSPEDALIERO DI CONEGLIANO PIASTRA AMBULATORIALE DIREZIONE MEDICA AMBULATORIO SENOLOGICO EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E SCREENING

PRESIDIO OSPEDALIERO DI CONEGLIANO PIASTRA AMBULATORIALE DIREZIONE MEDICA AMBULATORIO SENOLOGICO EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E SCREENING PRESIDIO OSPEDALIERO DI CONEGLIANO PIASTRA AMBULATORIALE DIREZIONE MEDICA AMBULATORIO SENOLOGICO EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E SCREENING INCIDENZA DI TUMORI NELLA DONNA 35000 30000 25000 20000 15000 10000

Dettagli

Array-CGH(Comparative Genomic Hybridisation) e diagnosi prenatale. Dalla citogenetica convenzionale alla citogenetica molecolare!

Array-CGH(Comparative Genomic Hybridisation) e diagnosi prenatale. Dalla citogenetica convenzionale alla citogenetica molecolare! Array-CGH(Comparative Genomic Hybridisation) e diagnosi prenatale Dalla citogenetica convenzionale alla citogenetica molecolare! CARIOTIPO STANDARD Identifica anomalie strutturali bilanciate e sbilanciate

Dettagli

Crescita e divisione cellulare

Crescita e divisione cellulare 08-04-14 CANCRO Crescita e divisione cellulare ogni cellula deve essere in grado di crescere e riprodursi una cellula che cresce e si divide genera due nuove cellule figlie gene4camente iden4che alla cellula

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO Dott. Francesco Braccioni LE DIMENSIONI DEL PROBLEMA E il tumore più frequente nelle donne e quello che provoca più decessi Solo in alcuni paesi

Dettagli

INFORMATIVA ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI

INFORMATIVA ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI INFORMATIVA ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI A. Finalità L indagine citogenetica fetale (o cariotipo) viene eseguita su cellule

Dettagli

Riparazione del DNA ed insorgenza di tumori. Marco Muzi Falconi Dip. Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università degli Studi di Milano

Riparazione del DNA ed insorgenza di tumori. Marco Muzi Falconi Dip. Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università degli Studi di Milano Riparazione del DNA ed insorgenza di tumori Marco Muzi Falconi Dip. Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università degli Studi di Milano Danni al DNA e cancro Le cellule tumorali L importanza della stabilità

Dettagli

L informazione ottenuta dal test genetico può apportare notevoli benefici, quali:

L informazione ottenuta dal test genetico può apportare notevoli benefici, quali: INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME BREASTSCREEN Il test BreastScreen BreastScreen è un test diagnostico, sviluppato da GENOMA Group, che permette di eseguire un analisi genetica multipla per valutare

Dettagli

Chimica Biochimica Biologia. Biologia Molecolare. Decodificazione Genoma Umano. Post-Genomica Medicina Molecolare. Patogenesi Terapia Diagnosi

Chimica Biochimica Biologia. Biologia Molecolare. Decodificazione Genoma Umano. Post-Genomica Medicina Molecolare. Patogenesi Terapia Diagnosi Patogenesi Terapia Diagnosi Dalla Genomica alla Medicina Molecolare Chimica Biochimica Biologia Biologia Molecolare Decodificazione Genoma Umano Post-Genomica Medicina Molecolare La CELLULA Nasce Si sviluppa

Dettagli

Prevenzione dei tumori del colon-retto

Prevenzione dei tumori del colon-retto Prevenzione dei tumori del colon-retto Il Carcinoma del Colon-Retto (CCR) rappresenta la seconda causa di mortalità neoplastica sia nei maschi, dopo quello del polmone, sia nelle donne dopo quello della

Dettagli

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico Linea di ricerca Via Gattamelata, 64 35128 Padova Linea di ricerca 3 Valutazione del rischio genetico E' noto che la malattia

Dettagli

L eredita legata al sesso

L eredita legata al sesso L eredita legata al sesso La maggior parte delle specie animali e vegetali presenta dimorfismo sessuale Individui maschi Individui femmine Il sesso e determinato da specifici cromosomi sessuali Nell uomo

Dettagli

Genetic testing is the analysis of a specific gene, its product or function, or other DNA and chromosome analysis, to detect or exclude an alteration

Genetic testing is the analysis of a specific gene, its product or function, or other DNA and chromosome analysis, to detect or exclude an alteration Genetic testing is the analysis of a specific gene, its product or function, or other DNA and chromosome analysis, to detect or exclude an alteration likely to be associated with a genetic disorder. P.

Dettagli

Attivazione/repressione trascrizionale a lungo raggio: raggio: Altro meccanismo per reprimere la trascrizione: la metilazione del DNA

Attivazione/repressione trascrizionale a lungo raggio: raggio: Altro meccanismo per reprimere la trascrizione: la metilazione del DNA Attivazione/repressione trascrizionale a lungo raggio:! Le regioni di controllo di un locus (Locus Control Regions LCR)! Le regioni di attacco alla matrice nucleare (MAR)! Gli isolatori Attivazione/repressione

Dettagli

Lezione 2 Capitolo 18 del testo

Lezione 2 Capitolo 18 del testo Test genetico Lezione 2 Capitolo 18 del testo Cos e un test genetico/diagnostico M Il test genetico di per se non e solo utilizzato in diagnostica: sono un insieme di tecniche che vengono utilizzate per

Dettagli

Il counseling genetico

Il counseling genetico Negrar, 16 febbraio 2015 Carcinoma ovarico avanzato: quali novita per il 2015? Il counseling genetico dott.ssa Silvia Mazzola Cos è? Consulenza genetica oncologica È un atto medico che 1. fornisce all

Dettagli

Dr.ssa Gabriella Silvestri Istituto di Neurologia, UCSC, Fondazione Policlinico A. Gemelli Roma Dr.ssa Marcella Masciullo IRCSS Santa Lucia, Roma

Dr.ssa Gabriella Silvestri Istituto di Neurologia, UCSC, Fondazione Policlinico A. Gemelli Roma Dr.ssa Marcella Masciullo IRCSS Santa Lucia, Roma Ereditarietà delle PSE e counselling genetico Dr.ssa Gabriella Silvestri Istituto di Neurologia, UCSC, Fondazione Policlinico A. Gemelli Roma Dr.ssa Marcella Masciullo IRCSS Santa Lucia, Roma Paraparesi

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

CORSO INTEGRATO di Genetica e Biologia Molecolare GENETICA. a.a. 2013-2014. 21/11/2013 Lezioni 43 e 44. Genetica dei tumori

CORSO INTEGRATO di Genetica e Biologia Molecolare GENETICA. a.a. 2013-2014. 21/11/2013 Lezioni 43 e 44. Genetica dei tumori CORSO INTEGRATO di Genetica e Biologia Molecolare GENETICA a.a. 2013-2014 21/11/2013 Lezioni 43 e 44 Genetica dei tumori Dott.ssa Elisabetta Trabetti Cancro: origine genetica? Evidenze: > 50 forme tumore

Dettagli

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece Clinica e terapia delle malattie retiniche Direttore Scientifico Alfredo Pece Genetica LA GENETICA Cosa sta succedendo nell ambito della diagnostica e della terapia farmacologica oggi? Scoperta di geni

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING Il test OncoScreening OncoScreening è un test diagnostico, sviluppato da GENOMA Group, che permette di eseguire un analisi multipla per valutare

Dettagli

La prevenzione delle Malattie Rare e la genetica

La prevenzione delle Malattie Rare e la genetica Centro di Riferimento Regionale per le Malattie Rare II Clinica Pediatrica Ospedale Regionale per le Microcitemie La prevenzione delle Malattie Rare e la genetica Dott.ssa Francesca Meloni Dott.ssa Paola

Dettagli

20 febbraio 2012. Muore Renato Dulbecco

20 febbraio 2012. Muore Renato Dulbecco 20 febbraio 2012 Muore Renato Dulbecco la possibilità di avere una visione completa e globale del nostro DNA ci aiuterà a comprendere le influenze genetiche e non genetiche sul nostro sviluppo, la nostra

Dettagli

La Biopsia Prostatica: where are we going?

La Biopsia Prostatica: where are we going? La Biopsia Prostatica: where are we going? Sabato 28 Novembre 2015, Catania Dott. Michele Salemi Screening genetico correlato a rischio di carcinoma prostatico. BRCA1, BRCA2, TP53, CHEK2, HOXB13 e NBN:

Dettagli

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136)

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) Il gene implicato nella SCA17 è il gene TATA box-binding protein (TBP) che fa parte del complesso della RNA polimerasi II ed è essenziale per dare inizio

Dettagli

POLICLINICO UNIVERSITARIO A GESTIONE DIRETTA

POLICLINICO UNIVERSITARIO A GESTIONE DIRETTA POLICLINICO UNIVERSITARIO A GESTIONE DIRETTA Istituto di Genetica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE Address: Istituto di Genetica - Facoltà di Medicina e Chirurgia PUGD - Università degli Studi di Udine

Dettagli

Mendeliana Autosomica Dominante (AD) Autosomica Recessiva (AR) X-linked Recessiva (X-linked R) X-linked Dominante (X-linked D) Y-linked

Mendeliana Autosomica Dominante (AD) Autosomica Recessiva (AR) X-linked Recessiva (X-linked R) X-linked Dominante (X-linked D) Y-linked Trasmissione ereditaria di un singolo gene (eredità monofattoriale) Mendeliana Autosomica Dominante (AD) Autosomica Recessiva (AR) X-linked Recessiva (X-linked R) X-linked Dominante (X-linked D) Y-linked

Dettagli

Malattie genetiche. Il genoma umano e formato da 23 paia di cromosomi (1 paio di eterocromosomi, 22 paia di autosomi).

Malattie genetiche. Il genoma umano e formato da 23 paia di cromosomi (1 paio di eterocromosomi, 22 paia di autosomi). Malattie genetiche Il patrimonio genetico e contenuto nel DNA. Il genoma umano e formato da 23 paia di cromosomi (1 paio di eterocromosomi, 22 paia di autosomi). La sequenza di tutto il genoma umano e

Dettagli

FINESTRA SUL CORTILE DI SANTA MARIA NUOVA. Genetica Medica. Elisabetta Pelo. SOS Genetica Medica P.O. Santa Maria Nuova

FINESTRA SUL CORTILE DI SANTA MARIA NUOVA. Genetica Medica. Elisabetta Pelo. SOS Genetica Medica P.O. Santa Maria Nuova FINESTRA SUL CORTILE DI SANTA MARIA NUOVA Genetica Medica Elisabetta Pelo SOS Genetica Medica P.O. Santa Maria Nuova Genetica classica: un gene = una malattia Genomica : Sistemi di geni = vie metaboliche

Dettagli

Il cancro è la conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare

Il cancro è la conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare Cellule cancerose Il cancro è la conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare In base al tipo di tessuto colpito, diverse categorie : Carcinomi: cell. epiteliali rivestimenti est e int Sarcomi:

Dettagli

Esistono tre forme di diabete

Esistono tre forme di diabete Il Diabete mellito L insulina regola la captazione del glucosio Incapacità delle cellule di captare il glucosio in circolo iperglicemia e glucosuria Disponendo di meno glucosio le cellule degradano i grassi

Dettagli

Come approcciare le predisposizioni ereditarie in oncologia: la consulenza oncogenetica

Come approcciare le predisposizioni ereditarie in oncologia: la consulenza oncogenetica Come approcciare le predisposizioni ereditarie in oncologia: la consulenza oncogenetica Daniela Turchetti Cattedra e Unità Operativa di Genetica Medica Università di Bologna/Policlinico S.Orsola-Malpighi

Dettagli

Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare

Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica Varese, 3 luglio 2012 Il carcinoma pancreatico Patogenesi Suscettibilità genetica Implicazioni diagnostiche

Dettagli

Alessandra Ferlini Marcella Neri CONSULENZA GENETICA

Alessandra Ferlini Marcella Neri CONSULENZA GENETICA Alessandra Ferlini Marcella Neri CONSULENZA GENETICA Ad integrazione delle lezioni e del testo di studio Genetica Umana e Medica Neri- Genuardi 3a edizione 2014 Masson (www.mediquiz.it) GENETICA MEDICA

Dettagli

Negli eucarioti, per la maggior parte dei geni, entrambe le copie sono espresse dalla cellula, ma una piccola classe di geni è espressa

Negli eucarioti, per la maggior parte dei geni, entrambe le copie sono espresse dalla cellula, ma una piccola classe di geni è espressa Epigenetica ed espressione genica monoallelica Negli eucarioti, per la maggior parte dei geni, entrambe le copie sono espresse dalla cellula, ma una piccola classe di geni è espressa monoallelicamente,

Dettagli

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere?

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Uni-A.T.E.Ne.O. "Ivana Torretta" Sergio Fava Oncologia Medica Legnano 22.10.2013 I nuovi casi di tumore Quali tumori più frequenti? Primi

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE Istituto di Genetica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE Address: Istituto di Genetica DSTB - Università degli Studi di Udine P.le Kolbe,1-33100 Udine - ITALIA

Dettagli

Seconda Parte Specifica di scuola - Genetica medica - 31/07/2015

Seconda Parte Specifica di scuola - Genetica medica - 31/07/2015 Domande relative alla specializzazione in: Genetica medica Domanda #1 (codice domanda: n.311) : Qualora una donna risultasse positiva al test genetico per la ricerca di mutazioni del gene BRCA1, per quale

Dettagli

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA Un metodo di base di analisi genetica negli esseri umani è la costruzione di una storia familiare per seguire la trasmissione ereditaria di un carattere.

Dettagli

Polipi. Sessili. Peduncolati

Polipi. Sessili. Peduncolati Polipi Sessili Peduncolati Polipi Intestinali Polipi iperplastici 25% Polipi amartomatosi

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Sezione di Citogenetica e Genetica Molecolare Responsabile Dott. Guglielmo Sabbadini Specialista in Genetica Medica Informazioni sull analisi genetica per fibrosi

Dettagli

Sindrome Adreno Genitale

Sindrome Adreno Genitale Endocrinologia Sindrome Adreno Genitale Deficit 21 idrossilasi (gene CYP21) Deficit di Aromatasi Sequenziamento diretto del gene: CYP19 Disturbo dello sviluppo sessuale 46,XY da deficit di 5-alfa-reduttasi

Dettagli

Elementi di Patologia Generale Dott.ssa Samantha Messina Lezione: Patologia Genetica

Elementi di Patologia Generale Dott.ssa Samantha Messina Lezione: Patologia Genetica Elementi di Patologia Generale Dott.ssa Samantha Messina Lezione: Patologia Genetica Anno accademico 2009/2010 I anno, II semestre CdL Infermieristica e Fisioterapia PATOLOGIA GENETICA Oggetto di studio

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

Anomalie cromosomiche

Anomalie cromosomiche Anomalie cromosomiche costituzionali acquisite nelle cellule germinali nelle cellule somatiche Le alterazioni che avvengono nelle cellule germinali se compatibili con la vita porteranno alla nascita di

Dettagli

The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias

The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias INTRODUZIONE Il mio progetto di ricerca, finanziato dall Associazione Damiano per l Ematologia, si è inserito in un più ampio studio di caratterizzazione

Dettagli

GENETICA ed EREDITARIETÀ

GENETICA ed EREDITARIETÀ GENETICA ed EREDITARIETÀ 1. Introduzione L Epidermolisi Bollosa (EB) è una malattia di carattere genetico, la cui causa è pertanto da ricercare nei caratteri ereditari di un individuo. I processi che avvengono

Dettagli

Conoscenze, capacità, e comportamenti che ci si ripromette di trasmettere o sviluppare, con riferimento agli obiettivi di apprendimento

Conoscenze, capacità, e comportamenti che ci si ripromette di trasmettere o sviluppare, con riferimento agli obiettivi di apprendimento Docente: HAYEK JOUSSEF Qualifica: DIRIGENTE MEDICO AOUS Insegnamento: NEUROPSICHIATRIA INFANTILE SSD: MED/39 Anno III o Descrivere l approccio clinico-strumentale al bambino con deficit intellettivo isolato

Dettagli

Aggiornamenti in ambito genetico

Aggiornamenti in ambito genetico 10 Congresso Nazionale sulla Sindrome di Cornelia de Lange 1-4 novembre 2012 - Gabicce Aggiornamenti in ambito genetico Cristina Gervasini Genetica Medica Dip. Scienze della Salute Università degli Studi

Dettagli

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Dott.ssa Maria Luana Poeta Cos è un Tumore Omeostasi Tissutale

Dettagli

Diagnosi genetiche molecolari

Diagnosi genetiche molecolari Diagnosi genetiche molecolari INDICAZIONI per la diagnosi genetica Ricorrenza nella famiglia di una malattia genetica - identificazione dei portatori - confermare la diagnosi basata sul quadro clinico

Dettagli

Mutazioni cromosomiche. Le mutazioni cromosomiche sono la causa più frequente di aborto precoce e una importante causa di ritardo mentale nell uomo

Mutazioni cromosomiche. Le mutazioni cromosomiche sono la causa più frequente di aborto precoce e una importante causa di ritardo mentale nell uomo Mutazioni cromosomiche Le mutazioni cromosomiche sono la causa più frequente di aborto precoce e una importante causa di ritardo mentale nell uomo Mutazioni cromosomiche Variazioni della struttura Variazioni

Dettagli

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Associazione Un Vero Sorriso Onlus via Morghen, 5 10143 Torino Torino, 01/10/2010 Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Titolo: Nuovi approcci per l identificazione di mutazioni rare in

Dettagli

Malattie metaboliche e genetiche del Sistema Nervoso. www.fisiokinesiterapia.biz

Malattie metaboliche e genetiche del Sistema Nervoso. www.fisiokinesiterapia.biz Malattie metaboliche e genetiche del Sistema Nervoso www.fisiokinesiterapia.biz Malattie metaboliche del Sistema Nervoso Metabolismo: insieme delle reazioni chimiche alla base dei processi vitali tissuto-cellulari

Dettagli

Ruolo della biologia molecolare nel carcinoma ovarico

Ruolo della biologia molecolare nel carcinoma ovarico Carcinoma ovarico avanzato: quali novità per il 2015? Ruolo della biologia molecolare nel carcinoma ovarico Anna Pesci Ospedale SC Don Calabria, Negrar anna.pesci@sacrocuore.it TIPO I TIPO II Basso stadio

Dettagli

Scala fenotipica. Dominante o recessivo? fenotipo. fenotipo. fenotipo A 1 A 1 A 2 A 2 A 1 A 2

Scala fenotipica. Dominante o recessivo? fenotipo. fenotipo. fenotipo A 1 A 1 A 2 A 2 A 1 A 2 fenotipo Dominante o recessivo? Scala fenotipica fenotipo A 1 A 1 A 2 A 2 fenotipo A 1 A 2 A 1 dominante A 1 e A 2. codominanti A 2 dominante A 1 dominanza incompleta A 2 dominanza incompleta Nei casi

Dettagli

Eredità non mendeliana

Eredità non mendeliana Eredità non mendeliana eredità extranucleare o citoplasmatica effetto materno eredità epigenetica (imprinting) anticipazione Eredità extranucleare eredità materna o paterna geni non nucleari: genomi mitocondriali

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali. Dott.ssa Chiara Targhetta

I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali. Dott.ssa Chiara Targhetta I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali Dott.ssa Chiara Targhetta LOCUS localizzazione genomica unica all interno di un cromosoma; permette di definire la posizione di un gene

Dettagli

Dissezione del fenotipo

Dissezione del fenotipo Clinica molecolare (molecular medicine):come utilizzare le informazioni del genoma per studiare le patologie genetiche Clinica molecolare Nuova branca della medicina che nasce 2.400 anni fa con Democrito

Dettagli

I marcatori molecolari. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene

I marcatori molecolari. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene I marcatori molecolari Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene Marcatori molecolari del DNA I marcatori molecolari sono sequenze di DNA

Dettagli