STUDIO CONOSCITIVO L industria delle donne

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO CONOSCITIVO L industria delle donne"

Transcript

1 STUDIO CONOSCITIVO L industria delle donne Sintesi dei risultati di ricerca Milano, 13 aprile 2011 SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA All interno dei propri progetti di sensibilizzazione del mondo della cultura, della politica e del lavoro rispetto ai temi legati alla salute delle donne, O.N.Da. ha condotto in collaborazione con Bosch, l indagine conoscitiva L industria delle donne. In una prima fase di ricerca l obiettivo è stato quello di valutare il livello di consapevolezza e di conoscenza che le dipendenti Bosch hanno in merito alle principali tematiche riguardanti la loro salute in termini di prevenzione e stile di vita, nonché di comprendere quali siano le loro esigenze conoscitive e i temi di maggiore interesse. In una seconda fase si è indagato se e come le aziende in Italia si occupino e si preoccupino della prevenzione e del miglioramento della salute dei propri dipendenti ed in particolare se adottino un approccio di diversity management rispetto a questo tema. METODOLOGIA E CAMPIONE DELLA RICERCA In entrambe le fasi di ricerca è stata adottata una metodologia di ricerca quantitativa di tipo estensivo. Per il raggiungimento degli obiettivi della fase 1 è stato distribuito alle dipendenti Bosch un questionario auto-somministrato allegato alla busta paga. E stato intervistato un campione di 674 dipendenti donne di diverse età, ma soprattutto appartenenti alla fascia dei anni. Per la seconda fase, con la collaborazione di HRCommunity Academy, sono stati intervistati i responsabili o i collaboratori del dipartimento delle risorse umane di 130 aziende italiane, dislocate su tutto il territorio nazionale con un numero minimo di 50 dipendenti SINTESI DEI RISULTATI DELLA FASE 1: IL PUNTO DI VISTA DELLE DONNE La ricerca condotta presso le dipendenti Bosch ha restituito un quadro ben rappresentativo della popolazione femminile italiana, sia da un punto di vista complessivo, sia dall analisi specifica dei due cluster socio-economici presenti nel mondo Bosch tanto quanto nell universo femminile.

2 L informazione Le donne intervistate hanno un livello di informazione differente rispetto ai diversi temi riguardanti la salute: si sentono ben informate sui temi vicini, che le riguardano direttamente/quotidianamente e sui quali si fa molta comunicazione, come ad esempio l alimentazione e la contraccezione; si sentono invece poco informate su temi percepiti lontani/non rilevanti per sé o sui quali si fa scarsa informazione: menopausa, patologie cardiovascolari e osteo-articolari, tra cui l osteoporosi. Ma le patologie su cui maggiormente le donne gradirebbero ricevere informazioni sono i tumori e l ansia/depressione, temi verso cui nutrono un elevato interesse e rispetto ai quali si sentono poco informate. Lo stile di vita: fumo e attività fisica Lo stile di vita delle donne intervistate è mediamente salutare: in positivo 3 donne su 4 sono non fumatrici, ma poco più di una fumatrice su 3 ha parlato con un medico per smettere di fumare. In negativo 3 donne su 5 non svolgono nessuna attività fisica e 1 donna su 4 la svolge per meno di due ore settimanali. Quasi la totalità delle donne vorrebbe migliorare il proprio stile di vita avendo più tempo per il proprio benessere da dedicare principalmente all attività fisica. L alimentazione L alimentazione è uno dei temi di maggiore interesse per le donne, verso cui esse prestano grande attenzione. Si sentono informate su questo tema, ma vorrebbero che ci fosse ancor più comunicazione e sensibilizzazione, in quanto l alimentazione rappresenta il fondamento della salute e del benessere per oltre 3 donne su 5. Data l importanza di questo argomento, la maggior parte della donne (2 su 3) ne ha parlato con un medico, principalmente per problematiche legate alla dieta e al sovrappeso, secondariamente per problematiche specifiche, come le intolleranze alimentari o i disturbi gastro-intestinali. I disturbi pregressi: disturbi dell umore e disturbi vaginali I disturbi dell umore e le infezioni vaginali sono due problematiche di grande impatto nella popolazione femminile: 9 donne su 10 hanno sofferto di almeno un disturbo dell umore, primi fra tutti di ansia e di sindrome pre-mestruale, ma anche di irritabilità/eccessiva tendenza al pianto e di insonnia. Di fronte a queste problematiche le donne si rivolgono alla famiglia e alle amiche piuttosto che ad una figura medica (che, se c è, generalmente è il medico di base). Oltre 6 donne su 10 hanno sofferto di almeno un disturbo/infezione vaginale. I più diffusi sono cistite e candida, seguiti da generici pruriti e bruciori ricorrenti. Le donne che hanno avuto esperienza di queste problematiche mettono in atto molti comportamenti preventivi di natura igienica, come curare l igiene intima, fare attenzione all uso dei servizi igienici o di asciugamani, scegliere accuratamente il detergente.

3 I tumori Le donne temono in particolare i tumori femminili, in primis il tumore alla mammella, poi quello all utero e quello all ovaio, in quanto li percepiscono come più vicini a sé. Metà delle donne effettua regolarmente, su consiglio del ginecologo o del medico di famiglia, esami di screening. Gli esami eseguiti sono prevalentemente il pap test, ma anche l ecografia ginecologica e la palpazione del seno. Un dato preoccupante è che 1 donna su 4 dichiara di non avere mai eseguito un test di screening per la diagnosi precoce dei tumori. La menopausa La menopausa è vissuta come una fase della vita che comporta dei cambiamenti, a cui le donne ritengono ci si debba preparare. Questo periodo della vita è temuto da buona parte delle donne più da un punto di vista psicologico emotivo che da un punto di vista fisico. Su questo tema le donne si sentono scarsamente informate. La menopausa è un tema che non coinvolge direttamente il campione, data la giovane età delle intervistate (solo il 5% è in menopausa e il 6% in pre-menopausa). La percezione della salute Da quanto emerso dalla ricerca, le donne pensano che la loro salute non sia condizionata in negativo da un fattore specifico isolabile dagli altri, ma è l assenza di tempo a disposizione da dedicare a se stesse, a causa di un insieme di impegni e di una vita stressante, ad impattare negativamente sul benessere e sulla salute delle donne. Le differenze fra impiegate ed operaie Sono molte le differenze tra impiegate e operaie. Le prime sono più giovani (36 anni), senza figli, con un più elevato culturale; sono più interessate al tema dei tumori, dell alimentazione e alle problematiche ginecologiche (gravidanza, fertilità, contraccezione). Le seconde sono più mature (39 anni), hanno figli, si percepiscono più informate sulle tematiche riguardanti la salute. Mostrano maggiore interesse per le problematiche legate all area osteoarticolare (dolori reumatici, osteoporosi, fratture). Hanno uno stile di vita meno salutare, infatti sono più fumatrici, svolgono meno attività fisica, si sottopongono meno frequentemente ad esami di screening. SINTESI DEI RISULTATI DELLA FASE 2: IL PUNTO DI VISTA DELLE AZIENDE La seconda fase di ricerca si propone di osservare tale realtà dal punto di vista delle aziende, per comprendere che ruolo esse abbiano e cosa effettivamente facciano per promuovere la salute e il benessere dei propri dipendenti. Di grande interesse è osservare cosa accomuni e cosa allontani la prospettiva delle dipendenti da quella delle aziende.

4 Le iniziative organizzate dalle aziende per la salute dei propri dipendenti La ricerca condotta ha restituito un immagine delle aziende italiane come attente alla promozione di iniziative per la salute dei propri dipendenti, uomini e donne, e per il loro benessere. Infatti 2 aziende italiane su 3 dichiarano di aver sviluppato nell ultimo anno almeno una iniziativa specifica per la promozione della salute dei loro dipendenti, oltre a quelle obbligatorie per legge. Le iniziative organizzate sono sia teoriche, volte ad informare e formare i dipendenti su temi legati alla salute, sia concrete, di prevenzione e cura attiva della salute e del benessere. Nell attivazione in questa direzione esiste una forte differenza tra grandi e piccole aziende: come prevedibile sono le aziende più grandi (n.d.r. nella nostra analisi sopra i 500 dipendenti) a dimostrarsi più proattive in tutte le iniziative per la promozione della salute e del benessere dei dipendenti, infatti le aziende medio-piccole, seppure si dichiarino convinte che la salute e il benessere dei dipendenti ne influenzi la produttività lavorativa, sentono meno il senso di responsabilità rispetto a queste tematiche. Tale percezione è indubbiamente condizionata dalle maggiori difficoltà pratiche che le realtà medio-piccole incontrano nell attuazione di iniziative di questo genere, in particolare la mancanza di tempo da dedicarvi, oltre alla barriera economica che, soprattutto in questo periodo storico, viene riconosciuta come principale ostacolo da parte di tutte le aziende. Le iniziative formative ed informative Di cosa trattano? Di fatto le tematiche affrontate rispecchiano i temi di interesse emersi nella prima fase di ricerca presso le dipendenti Bosch. Trattano infatti di alimentazione sana, di sovrappeso ed obesità (l 11% delle aziende ha organizzato iniziative di informazione su questo tema), di problemi osteomuscolari e posturali (9%), di fumo e di strategie per smettere di fumare (9%). Oltre a queste molto trattato è anche il tema dell alcolismo e della droga (8%). Di cosa non trattano? Un tema di salute su cui si è poco investito verso cui invece è stato espresso forte interesse da parte delle dipendenti coinvolte nella prima fase di ricerca, è quello dell ansia e della depressione (solo il 3% delle aziende intervistate ha organizzato iniziative di informazione su questo tema). Le iniziative concrete di prevenzione e cura della salute Di cosa trattano? La principale attività svolta, realizzata dal 25% delle aziende intervistate, consiste nell offrire ai dipendenti convenzioni con palestre (solo il 5% delle aziende ha la palestra interna). Tale aspetto è di grande importanza, considerato che nella prima fase di ricerca, quasi la totalità delle dipendenti Bosch esprimeva la volontà di migliorare il proprio stile di vita dedicando più tempo all attività fisica, svolta solo da una minoranza delle intervistate. Altra iniziativa che risponde ad un gap presente presso le dipendenti è lo svolgimento di campagne di screening (13%), molto utili se si pensa al fatto che 1 donna su 4 dichiarava di non avere mai eseguito un test per la diagnosi precoce dei tumori. Oltre a questo servizio molte aziende offrono visite specialistiche gratuite o convenzionate fuori sede (23%) o in sede (12%) ed iniziative di sostegno per i figli (16%), come visite convenzionate o convenzioni con asili nido.

5 Le iniziative per le dipendenti donne Per quanto riguarda le iniziative pensate e sviluppate specificatamente per le donne, le aziende italiane si mostrano decisamente poco proattive. Infatti meno di 1 azienda su 5 (per lo più di grandi dimensioni) ha realizzato nel 2010 iniziative specifiche per le dipendenti donne. Cosa c è? Le iniziative realizzate per le donne sono essenzialmente quelle di attenzione e sostegno alla gravidanza e alla maternità, con iniziative che vanno dalla flessibilità dell orario lavorativo e dall home working alle convenzioni con asili o baby sitter. Altro tema affrontato è quello dei tumori femminili, che dall indagine precedente si rivelavano molto temuti poiché percepiti come vicini a sé e rispetto ai quali le donne si sentivano poco informate. A ciò si aggiunge la promozione di visite ginecologiche, anch esse molto gradite alle dipendenti precedentemente intervistate. Chi ha scelto di proporre questo tipo di iniziative lo ha fatto mosso dalla consapevolezza dell importanza che queste particolari tematiche hanno per l universo femminile. Cosa manca? Mancano innanzitutto le iniziative: L assenza di proattività verso le dipendenti donne deriva da una scarsa sensibilità delle aziende al tema del diversity management nell ambito specifico della salute: l eventualità di sviluppare delle iniziative rosa ci sembra non sia neppure presa in considerazione. Tale barriera viene amplificata in un periodo storico-economico che rende difficile sviluppare qualsiasi progetto che vada oltre a quanto sia strettamente indispensabile. Manca dunque una cultura aziendale che si faccia promotrice di iniziative di promozione del benessere delle lavoratrici donne partendo magari proprio da ciò che più incide secondo le donne stesse sulla loro salute e sul loro benessere: l assenza di tempo a disposizione da dedicare a se stesse, a causa dell eccessivo carico di impegni. Sono infatti del tutto sporadiche e principalmente circoscritte al periodo della gravidanzamaternità le iniziative che la ricerca ha rilevato in termini di servizi, di incontri di formazione o di qualsiasi altra modalità di supporto alle dipendenti donne volta a favorire una gestione meno faticosa del carico di impegni e una più serena gestione del proprio tempo. Inoltre, in una cultura che non prende in considerazione la possibilità di rivolgersi specificatamente alle dipendenti donne con progetti pensati apposta per loro e che si rivolge indifferentemente ad entrambi i generi, non possono trovare spazio temi tipicamente femminili, come ad esempio quello dell ansia e della depressione, per il quale le donne gradirebbero invece maggiore supporto. Quale è la consapevolezza e come prevengono la propria salute le Dipendenti: IL CASO BOSCH All interno dei propri progetti di sensibilizzazione del mondo della cultura, della politica e del lavoro rispetto ai temi legati alla salute delle donne, O.N.Da ha espresso interesse a condurre un indagine conoscitiva per valutare all interno di un azienda italiana qual è il livello di consapevolezza e di conoscenza che le sue dipendenti hanno in merito alle principali tematiche riguardanti la loro salute in termini di prevenzione e stile di vita: 1. Stili di vita: alimentazione, sovrappeso e fumo 2. Disturbi dell umore

6 3. Tumori e controlli oncologici 4. Infezioni e disturbi vaginali 5. Climaterio e menopausa Metodologia e campione Per il raggiungimento dei suddetti obiettivi, è stata effettuata una ricerca di tipo quantitativo, condotta attraverso un questionario auto-somministrato distribuito alle dipendenti allegato alla busta paga. E stato intervistato un campione di 674 donne di diverse età, ma soprattutto appartenenti alla fascia dei anni. L analisi è stata effettuata considerando: il totale naturale le differenze significative tra cluster identificati nel corso di analisi: o Le impiegate o Le operaie Risultati La ricerca condotta presso le dipendenti Bosch ha di fatto restituito un quadro ben rappresentativo della popolazione femminile Italiana, sia da un punto di vista complessivo, sia dall analisi specifica dei due cluster socio-economici presenti nel mondo Bosch tanto quanto nell universo femminile. L impiegata e l operaia ben rappresentano due profili di donne molto diverse per stili di vita, vissuti e attese rispetto alla propria salute. L informazione Le donne intervistate hanno un livello di informazione differente rispetto ai diversi temi riguardanti la salute: Si sentono ben informate sui temi vicini, che le riguardano direttamente/quotidianamente e riguardo ai quali si fa molta comunicazione, come l alimentazione e la contraccezione. Si sentono poco informate su temi percepiti lontani/non rilevanti per sé o o sui quali si fa scarsa informazione: menopausa, patologie cardio-vascolari e osteo-articolari, tra cui l osteoporosi. Ma le patologie su cui maggiormente le donne gradirebbero ricevere informazioni sono i tumori e l ansia/depressione, temi verso cui nutrono un elevato interesse e rispetto ai quali si sentono poco informate. Lo stile di vita Lo stile di vita delle donne intervistate è mediamente salutare. Infatti 3 donne su 4 non sono fumatrici, ma poco più di una fumatrice su 3 ha parlato con un medico per smettere di fumare.

7 3 donne su 5 non svolgono nessuna attività fisica e 1 donna su 4 la svolge per meno di due ore settimanali. Quasi la totalità delle donne vorrebbe migliorare il proprio stile di vita avendo più tempo per il proprio benessere da dedicare principalmente all attività fisica. L alimentazione L alimentazione è uno dei temi di maggiore interesse per le donne, verso cui esse prestano grande attenzione. Si sentono informate su questo tema, ma vorrebbero che ci fosse ancor più informazione e sensibilizzazione. In quanto L alimentazione rappresenta il fondamento della salute e del benessere per oltre 3 donne su 5. Quindi Data l importanza dell alimentazione, la maggior parte della donne (2 su 3) ha parlato di questo argomento con un medico. Principalmente per problematiche legate alla dieta e al di sovrappeso; secondariamente per problematiche specifiche, come le intolleranze alimentari o i disturbi gastro-intestinali. I disturbi pregressi I disturbi dell umore e le infezioni vaginali sono due problematiche di grande impatto nella popolazione femminile: - 9 donne su 10 hanno sofferto di almeno un disturbo dell umore, primi fra tutti di ansia e di sindrome pre-mestruale, ma anche di irritabilità/eccessiva tendenza al pianto e di insonnia. Di fronte a queste problematiche le donne si rivolgono alla famiglia e alle amiche piuttosto che ad una figura medica (che, se c è, generalmente è il medico di base). - Oltre 6 donne su 10 hanno sofferto di almeno un disturbo/infezione vaginale. I più diffusi sono cistite e candida, seguiti da generici pruriti e bruciori ricorrenti. Le donne che hanno avuto esperienza di queste problematiche mettono in atto molti comportamenti preventivi di natura igienica, come curare l igiene intima, fare attenzione all uso dei servizi igienici o di asciugamani, scegliere accuratamente il detergente. I tumori Le donne temono in particolare i tumori femminili, in primis il tumore alla mammella, poi quello all utero e quello all ovaio, in quanto li percepiscono come più vicini a sé. Quindi Metà delle donne effettua regolarmente, su consiglio del ginecologo o del medico di famiglia, esami di screening. Gli esami eseguiti sono prevalentemente il pap test, ma anche l ecografia ginecologica e la palpazione del seno. Un dato preoccupante è che 1 donna su 4 dichiara di non avere mai eseguito un test di screening per la diagnosi precoce dei tumori

8 La menopausa La menopausa è vissuta come una fase della vita che comporta dei cambiamenti, a cui le donne ritengono ci si debba preparare. Questo periodo della vita è temuto da buona parte delle donne più da un punto di vista psicologico emotivo che da un punto di vista fisico. Su questo tema le donne si sentono scarsamente informate. La menopausa è un tema che non coinvolge direttamente il campione, data la giovane età delle intervistate (solo il 5% è in menopausa e il 6% in pre-menopausa). La percezione della salute Da quanto emerso dalla ricerca, le donne pensano che la loro salute non sia condizionata in negativo da un fattore specifico isolabile dagli altri. Ma è l assenza di tempo a disposizione da dedicare a se stesse, a causa di un insieme di impegni e da una vita stressante, ad impattare negativamente sul benessere e sulla salute delle donne. I cluster Dall analisi dei risultati della ricerca sono emersi due diversi profili di donna rispetto alla consapevolezza della propria salute e all adesione al concetto di prevenzione: le impiegate e le operaie. I due profili si caratterizzano come segue: D1. Rispetto a questo elenco di temi legati alla salute delle donne, indichi quelli che sono personalmente di suo maggiore interesse?

9 D22. Quali sono secondo lei i fattori che influenzano maggiormente la condizione di benessere e salute delle donne?

10 STUDIO CONOSCITIVO Le Aziende in Italia: iniziative di prevenzione e promozione della salute dei dipendenti Presentazione dei risultati di ricerca Milano, 26 marzo 2011 A cura di

11 ONDa Salute dipendenti OBIETTIVI DI RICERCA All interno dei propri progetti di sensibilizzazione del mondo della cultura, della politica e del lavoro rispetto ai temi legati alla salute delle donne, O.N.Da. ha condotto un indagine conoscitiva per valutare se e come le aziende in Italia si occupano e si preoccupano della prevenzione e del miglioramento della salute dei propri dipendenti ed in particolare se adottino un approccio di diversity management rispetto a questo tema. Per il raggiungimento dei suddetti obiettivi, è stata effettuata una ricerca di tipo quantitativo, con la collaborazione di HRCommunity Academy. Sono stati intervistati i responsabili o collaboratori del dipartimento delle risorse umane di 130 aziende italiane, dislocate su tutto il territorio nazionale con un numero minimo di 50 dipendenti L analisi è stata effettuata considerando: il totale naturale le differenze significative tra aziende con: o Fino a 500 dipendenti; o Oltre 500 dipendenti.

12 ONDa Salute dipendenti INDICE TEMATICO Guida alla lettura dei risultati: EXECUTIVE SUMMARY Premessa: INFORMAZIONI SULLE AZIENDE INTERVISTATE SEZIONE 1: overview sul tema aziende e iniziative per la salute dei dipendenti SEZIONE 2: le iniziative per i dipendenti uomini e donne SEZIONE 3: le iniziative per le dipendenti donne

13 Guida alla lettura dei risultati: EXECUTIVE SUMMARY ONDa Salute dipendenti

14 ONDa Salute dipendenti Elma Research 2010 EXECUTIVE SUMMARY Questa ricerca nasce come fase conclusiva di un progetto conoscitivo più ampio, volto ad approfondire il tema: aziende italiane e salute dei dipendenti. La prima fase di ricerca ha indagato il livello di consapevolezza e di conoscenza che dipendenti di Bosch hanno in merito alle principali tematiche riguardanti la loro salute in termini di prevenzione e stile di vita, nonché le aree su cui gradirebbero ricevere maggiori informazioni. Questa seconda fase, invece, si propone di osservare tale realtà dal punto di vista delle aziende, per comprendere che ruolo esse abbiano e cosa effettivamente facciano per promuovere la salute e il benessere dei propri dipendenti. Di grande interesse è osservare cosa accomuni e cosa allontani la prospettiva delle dipendenti da quella delle aziende.

15 ONDa Salute dipendenti EXECUTIVE SUMMARY La ricerca condotta ha restituito un immagine delle aziende italiane come abbastanza attente alla promozione di iniziative per la salute dei propri dipendenti, uomini e donne, e per il loro benessere. Infatti 2 aziende italiane su 3 dichiarano di aver sviluppato nell ultimo anno almeno una iniziativa specifica per la promozione della salute dei loro dipendenti, oltre a quelle obbligatorie per legge. Quali iniziative? Le iniziative organizzate sono sia teoriche, volte ad informare e formare i dipendenti su temi legati alla salute, sia concrete, di prevenzione e cura attiva della salute e del benessere.

16 ONDa Salute dipendenti Elma Research 2010 EXECUTIVE SUMMARY Tuttavia, esiste una forte differenza tra grandi e piccole aziende: come prevedibile sono le aziende più grandi (n.d.r. nella nostra analisi sopra i 500 dipendenti) a dimostrarsi più proattive in tutte le iniziative per la promozione della salute e del benessere dei dipendenti. Infatti Le aziende medio-piccole, seppure si dichirino convinte che la salute e il benessere dei dipendenti ne influenzi la produttività lavorativa, sentono meno il senso di responsabilità rispetto a queste tematiche. Tale percezione è indubbiamente condizionata dalle maggiori difficoltà pratiche che le realtà medio-piccole incontrano nell attuazione di iniziative di questo genere, in particolare la mancanza di tempo da dedicarvi, oltre alla barriera economica che, soprattutto in questo periodo storico, viene riconosciuta come principale ostacolo da parte dei tutte le aziende.

17 ONDa Salute dipendenti EXECUTIVE SUMMARY Le iniziative formative ed informative Di cosa trattano? Di fatto le tematiche affrontate rispecchiano i temi di interesse emersi nella prima fase di ricerca (presso le dipendenti Bosch). Trattano infatti di alimentazione sana, di sovrappeso ed obesità (l 11% delle aziende ha organizzato iniziative di informazione su questo tema), di problemi osteomuscolari e posturali (9%), di fumo e di strategie per smettere di fumare (9%). Oltre a queste molto trattato è anche il tema dell alcolismo e della droga (8%). Cosa non trattano? Un tema di salute su cui si è poco investito in termini di iniziative d informazione e formazione, ma anche in termini di servizi, verso cui invece è stato espresso forte interesse da parte delle dipendenti coinvolte nella prima fase di ricerca, è quello dell ansia e della depressione. (solamente il 3% delle aziende intervistate ha organizzato iniziative di informazione su questo tema).

18 ONDa Salute dipendenti EXECUTIVE SUMMARY Le iniziative concrete di prevenzione e cura della salute Di cosa trattano? La principale attività svolta, realizzata dal 25% delle aziende intervistate, consiste nell offrire ai dipendenti convenzioni con palestre (solo il 5% delle aziende ha la palestra interna). Tale aspetto è di grande importanza, considerato che nella prima fase di ricerca, quasi la totalità delle dipendenti Bosch esprimeva la volontà di migliorare il proprio stile di vita dedicando più tempo all attività fisica, svolta solo da una minoranza delle intervistate. Altra iniziativa che risponde ad un gap presente presso le dipendenti è lo svolgimento di campagne di screening (13%), molto utili se si pensa al fatto che 1 donna su 4 dichiarava di non avere mai eseguito un test per la diagnosi precoce dei tumori. Oltre a questo servizio molte aziende offrono visite specialistiche gratuite o convenzionate fuori sede (23%) o in sede (12%) ed iniziative di sostegno per i figli (16%), come visite convenzionate o convenzioni con asili nido.

19 ONDa Salute dipendenti EXECUTIVE SUMMARY Per quanto riguarda le iniziative pensate e sviluppate specificatamente per le donne, le aziende italiane si mostrano decisamente poco proattive. Infatti Meno di 1 azienda su 5 (per lo più di grandi dimensioni) ha realizzato nel 2010 iniziative specifiche per le dipendenti donne.

20 ONDa Salute dipendenti EXECUTIVE SUMMARY Cosa c è? Le iniziative realizzate per le donne sono essenzialmente quelle di attenzione e sostegno alla gravidanza e alla maternità, con iniziative che vanno dalla flessibilità dell orario lavorativo e dall home working alle convenzioni con asili o baby sitter. Altro tema affrontato è quello dei tumori femminili, che dall indagine precedente si rivelavano molto temuti poiché percepiti come vicini a sé e rispetto ai quali le donne si sentivano poco informate. A ciò si aggiunge la promozione di visite ginecologiche, anch esse molto gradite alle dipendenti precedentemente intervistate. Chi ha scelto di proporre questo tipo di iniziative lo ha fatto mosso dalla consapevolezza dell importanza che queste particolari tematiche hanno per l universo femminile.

21 ONDa Salute dipendenti EXECUTIVE SUMMARY Cosa manca? Mancano innanzitutto le iniziative: L assenza di proattività verso le dipendenti donne deriva da una scarsa sensibilità delle aziende al tema del diversity management nell ambito specifico della salute: l eventualità di sviluppare delle iniziative rosa ci sembra non sia neppure presa in considerazione. Tale barriera viene amplificata in un periodo storico-economico che rende difficile sviluppare qualsiasi progetto che vada oltre a quanto sia strettamente indispensabile. Manca dunque una cultura aziendale che si faccia promotrice di iniziative di promozione del benessere delle lavoratrici donne partendo magari proprio da ciò che più incide secondo le donne stesse sulla loro salute e sul loro benessere: l assenza di tempo a disposizione da dedicare a se stesse, a causa dell eccessivo carico di impegni. Sono infatti del tutto sporadiche e principalmente circoscritte al periodo della gravidanzamaternità le iniziative che la ricerca ha rilevato in termini di servizi, di incontri di formazione o di qualsiasi altra modalità di supporto alle dipendenti donne volta a favorire una gestione meno faticosa del carico di impegni e una più serena gestione del proprio tempo.

22 Premessa: CARATTERISTICHE DELLE AZIENDE CAMPIONE ONDa Salute dipendenti

23 IL CAMPIONE SETTORE IN CUI OPERA L AZIENDA TOTALE Fino a 500 dipendenti Oltre 500 dipendenti Meccanico/metalmeccanico 23% 16% 31% Tessile / abbigliamento 13% 19% 8% Alimentare 10% 13% 8% Metallurgico, siderurgico 8% 13% 3% Manifatturiero 7% 3% 11% Chimico 7% 13% 2% Farmaceutico 5% 5% 5% Elettrico, elettronico 4% 2% 5% Assicurazioni, banche, finanziarie 4% 3% 5% Commercio 4% 5% 3% (non sono riportati i valori < 3) Differenza Statisticamente Significativa ONDa Salute dipendenti Base: 130 aziende

24 IL CAMPIONE AZIENDA TOTALE Fino a 500 dipendenti Oltre 500 dipendenti Locale 32% 45% 20% Multinazionale 68% 55% 80% Numero medio di sedi in Italia Numero medio di dipendenti Di cui % di dipendenti donne 39% 40% 37% % di dipendenti uomini 61% 60% 63% Numero medio di persone che lavorano nelle risorse umane Differenza Statisticamente Significativa ONDa Salute dipendenti Base: 130 aziende

25 IL CAMPIONE Servizi presenti all interno dell azienda: TOTALE Fino a 500 dipendenti Oltre 500 dipendenti Mensa 65% 52% 79% Palestra 5% - 9% Asilo Nido 5% - 9% Nessuno dei precedenti 34% 48% 20% Differenza Statisticamente Significativa ONDa Salute dipendenti Base: 130 aziende

26 SEZIONE 1: Overview sul tema aziende e iniziative per la salute dei dipendenti ONDa Salute dipendenti

27 ANALISI DEI RISULTATI Introduzione del tema D1 Quanto è d accordo con ciascuna delle le seguenti affermazioni? Esprima il suo grado di accordo su una scala da 1 a 5, dove 1 è per nulla d accordo e 5 è assolutamente d accordo. MOLTISSIMO D ACCORDO 5 VALORI MEDI Totale Fino a 500 dipendenti Oltre 500 dipendenti 4,4 4,4 4,3 4,2 MOLTO D ACCORDO 4 4,1 3,9 MEDIAMENTE D ACCORDO 3 Il benessere psichico e fisico dei dipendenti influenza la loro produttività lavorativa Ritengo che le aziende abbiano il compito di occuparsi della salute e del benessere dei propri dipendenti Differenza Statisticamente Significativa ONDa Salute dipendenti Base: 130 aziende

28 ANALISI DEI RISULTATI Budget per la salute in azienda D2 Nella vostra azienda esiste un budget specifico destinato alle attività di prevenzione/informazione/cura della salute e del benessere dei dipendenti? (ESCLUSE LE INIZIATIVE OBBLIGATORIE PER LEGGE) Si 45% No 55% Aziende fino a 500 dipendenti Si 25% No 75% Si 65% No 35% Aziende con oltre 500 dipendenti Differenza Statisticamente Significativa ONDa Salute dipendenti Base: 130 aziende

29 ONDa Salute dipendenti ANALISI DEI RISULTATI Le iniziative svolte dalle aziende nel 2010 Nel 2010 hanno svolto iniziative per la salute dei dipendenti (uomini e donne) Sì 68% No 32% Solo iniziative informative/formative 22% Solo iniziative concrete di prevenzione/cura 34% Sia iniziative informative, sia iniziative concrete 44%

30 ANALISI DEI RISULTATI Le iniziative svolte nel 2010 Le aziende italiane intervistate hanno svolto iniziative nel 2010? No 32% Aziende fino a 500 dipendenti Si 53% No 47% Si 68% No 17% Aziende con oltre 500 dipendenti Si 83% Differenza Statisticamente Significativa ONDa Salute dipendenti Base: 130 aziende

31 ONDa Salute dipendenti Base: 130 aziende ANALISI DEI RISULTATI L adesione alle iniziative svolte dalle aziende nel 2010 Alle iniziative svolte nel 2010 dalle aziende per la salute dei dipendenti ha aderito/partecipato: Iniziative informative/formative 63% dei dipendenti uomini e donne Iniziative concrete di prevenzione/cura 40% dei dipendenti uomini e donne Iniziative rivolte alle donne 38% delle dipendenti donne

32 SEZIONE 2: Le iniziative per i dipendenti uomini e donne ONDa Salute dipendenti

33 ANALISI DEI RISULTATI Iniziative di informazione/formazione D5 Nella vostra azienda nell ultimo anno (2010) si sono svolte iniziative di informazione/formazione sulla salute e il benessere dei dipendenti? (ESCLUSE LE INIZIATIVE OBBLIGATORIE PER LEGGE) - (POSSIBILE MULTIPLA) Si 45% No 55% Aziende fino a 500 dipendenti Si 33% No 67% Si 57% No 43% Aziende con oltre 500 dipendenti Differenza Statisticamente Significativa ONDa Salute dipendenti Base: 130 aziende

34 ANALISI DEI RISULTATI Iniziative di informazione/formazione Si 45% D5 Nella vostra azienda nell ultimo anno (2010) si sono svolte iniziative di informazione/formazione sulla salute e il benessere dei dipendenti? Se sì, su quali temi? (ESCLUSE LE INIZIATIVE OBBLIGATORIE PER LEGGE) - (POSSIBILE MULTIPLA) Alimentazione sana / sovrappeso e obesità Problemiosteo-muscolari / posturali Fumo / smettere di fumare Alcol e droga Igiene e sicurezza Cuore e ipertensione Prevenzione infortuni / valutazione dei rischi Vaccino antinfluenzale Tumori Ansia e depressione Corsi comportamentali Non sono riportati i valori <3 5% 7% 5% 8% 5% 5% 5% 7% 10% 10% 10% 11% 9% 10% 8% 11% 12% 12% 14% 20% 19% 19% 17% 14% 19% 19% Totale 24% 24% 24% 24% 30% Fino a 500 dipendenti Oltre 500 dipendenti A queste iniziative partecipa il 63% dei dipendenti Differenza Statisticamente Significativa ONDa Salute dipendenti Base: 130 aziende

35 ANALISI DEI RISULTATI Iniziative di concrete di prevenzione e cura D8 Sempre nell ultimo anno (2010) si sono svolte iniziative concrete di prevenzione/cura della salute e del benessere dei dipendenti? Se sì su quali temi? (ESCLUSE LE INIZIATIVE OBBLIGATORIE PER LEGGE) - (POSSIBILE MULTIPLA) Si 53% No 47% Aziende fino a 500 dipendenti Si 36% No 64% Si 69% No 31% Aziende con oltre 500 dipendenti Differenza Statisticamente Significativa ONDa Salute dipendenti Base: 130 aziende

36 ANALISI DEI RISULTATI Iniziative di concrete di prevenzione e cura Si 53% D8 Sempre nell ultimo anno (2010) si sono svolte iniziative concrete di prevenzione/cura della salute e del benessere dei dipendenti? Se sì su quali temi? (ESCLUSE LE INIZIATIVE OBBLIGATORIE PER LEGGE) - (POSSIBILE MULTIPLA) Convenzioni con palestre esterne/terme Visite gratuite/convenzionate fuori sede Iniziative di sostegno per i figli Campagne di screening Visite gratuite/convenzionate in sede Sportello d'ascolto psicologico/nutrizionale Vaccino antinfluenzale Iniziative di supporto per smettere di fumare Assicurazione sanitaria/fondo rimborso Aumento part-time/cambio turni/settori lavorativi Non sono riportati i valori <3 6% 9% 4% 3% 4% 10% 13% 9% 7% 9% 7% 22% 25% 22% 24% 22% 17% 22% 17% 27% 30% Totale 36% 46% 44% 44% 39% 47% Fino a 500 dipendenti Oltre 500 dipendenti 52% A queste iniziative partecipa il 40% dei dipendenti Differenza Statisticamente Significativa ONDa Salute dipendenti Base: 130 aziende

37 ONDa Salute dipendenti Base: 91 aziende che svolgono almeno un iniziativa ANALISI DEI RISULTATI L organizzazione di iniziative D3 Una volta decisa un iniziativa di prevenzione/informazione/cura della salute e del benessere dei dipendenti, chi ne segue l organizzazione? (POSSIBILE MULTIPLA) TOTALE Il dipartimento delle risorse umane 70% Il dipartimento ambiente, qualità e sicurezza 32% La direzione aziendale 9% Esiste un organo/dipartimento/figura con questa funzione specifica Il dipartimento di comunicazione 6% Altro 1% Non indica 4%

38 ONDa Salute dipendenti Base: 91 aziende che svolgono almeno un iniziativa ANALISI DEI RISULTATI L organizzazione di iniziative D4 Con chi collabora l azienda per la realizzazione di iniziative di questo tipo? (POSSIBILE MULTIPLA) TOTALE Con associazioni/consulenti specializzati negli interventi presso le aziende 65% Con medici consulenti presso l azienda 60% Con associazioni / enti istituzionali 35% Con centri diagnostici / laboratori analisi 29% Con ospedali della zona 9% Con nessuno in particolare 4% Altro 1%

39 ANALISI DEI RISULTATI Le barriere allo sviluppo di iniziative D10 Nella vostra esperienza, quali sono le principali barriere alla messa in atto di queste iniziative di formazione e di cura della salute e del benessere dei dipendenti? (POSSIBILE MULTIPLA) Costi elevati Poco tempo a disposizione Difficoltà logistico / organizzative Assenza degli spazi idonei Assenza di personale dedicato Poca partecipazione da parte delle dipendenti Mancanza di interesse Cultura/Politica aziendale Altro Non indica Non sono riportati i valori <3 18% 20% 15% 15% 16% 15% 15% 17% 14% 7% 11% 3% 5% 3% 6% 3% 3% 3% 12% 8% 15% 38% 41% 35% 27% 36% 17% 27% 23% 29% Totale Fino a 500 dipendenti Oltre 500 dipendenti Differenza Statisticamente Significativa ONDa Salute dipendenti Base: 130 aziende

40 SEZIONE 3: Le iniziative per le dipendenti donne ONDa Salute dipendenti

41 ANALISI DEI RISULTATI Iniziative per le donne D11 Nella vostra azienda nell ultimo anno (2010) si sono svolte iniziative concrete di prevenzione per la tutela della salute e del benessere rivolte specificatamente alle dipendenti donne? (ESCLUSE LE INIZIATIVE OBBLIGATORIE PER LEGGE) - (POSSIBILE MULTIPLA) Si 18% Aziende fino a 500 dipendenti Si 9% No 91% No 82% Si 28% No 72% Aziende con oltre 500 dipendenti Differenza Statisticamente Significativa ONDa Salute dipendenti Base: 130 aziende

42 ANALISI DEI RISULTATI Iniziative per le donne Si 18% D12 Quali iniziative sono state realizzate nella vostra azienda in particolare per la prevenzione della salute e del benessere delle donne? Potrebbe descriverle brevemente? APERTA Iniziative di supporto alla gravidanza 29% Visita ginecologica 21% Campagne informative sul tumore al seno 17% Home working/flessibilità orario 17% Convenzioni con asilo/baby sitter/campus 13% Non sono riportati i valori < 1 citazione cambio di turno o di reparto per le dipendenti incinte parcheggio auto riservato alle dipendenti in gravidanza facciamo informazione sul lavoro durante la gravidanza ONDa Salute dipendenti Base: 24 aziende che hanno svolto iniziative per le donne

43 ANALISI DEI RISULTATI Iniziative per le donne Si 18% D13 Nello specifico, quali temi sono stati trattati in queste iniziative pensate specificatamente per le donne? (POSSIBILE MULTIPLA) TOTALE 1 Tumori femminili 8 citazioni 2 Gravidanza e maternità 6 citazioni 3 4 Vaccinazione HPV Fumo / smettere di fumare Alimentazione e nutrizione Osteoporosi e fratture Sovrappeso e obesità Agevolazione sull orario di lavoro Altro 2 citazioni 1 citazioni 5 Non indica 6 citazioni ONDa Salute dipendenti Base: 24 aziende che hanno svolto iniziative per le donne

44 ANALISI DEI RISULTATI Iniziative per le donne Si 18% D15 Quali sono le motivazioni che hanno portato l azienda ad organizzare iniziative specifiche per le dipendenti donne? (POSSIBILE MULTIPLA) TOTALE 1 L importanza che queste tematiche hanno per la donna 17 citazioni 2 Il numero elevato/l importanza delle dipendenti donne in azienda 6 citazioni 3 L interesse per il tema del diversity management 5 citazioni 4 Per motivare le dipendenti (presenza ed efficienza sul lavoro) Per il benessere delle dipendenti 3 citazioni ONDa Salute dipendenti Base: 24 aziende che hanno svolto iniziative per le donne

45 ANALISI DEI RISULTATI Progetti per iniziative future per le donne D16 La vostra azienda ha progetti per il 2011 riguardo alla realizzazione di iniziative di prevenzione per la tutela della salute e del benessere rivolte specificatamente alle donne? Si 18% 2010 Si 24% 2011 No 82% No 76% ONDa Salute dipendenti Base: 130 aziende

46

STUDIO CONOSCITIVO L industria delle donne

STUDIO CONOSCITIVO L industria delle donne STUDIO CONOSCITIVO L industria delle donne Sintesi dei risultati di ricerca Milano, 13 aprile 2011 SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA All interno dei propri progetti di sensibilizzazione del mondo della

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Sintesi dei risultati di ricerca Preparata per O.N.Da Milano, 20 gennaio 2011 SCENARIO E OBIETTIVI

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

Un riconoscimento che dal 2007 viene conferito agli ospedali italiani per l attenzione alle specifiche esigenze dell utenza femminile

Un riconoscimento che dal 2007 viene conferito agli ospedali italiani per l attenzione alle specifiche esigenze dell utenza femminile Un riconoscimento che dal 2007 viene conferito agli ospedali italiani per l attenzione alle specifiche esigenze dell utenza femminile Obiettivo: individuare, collegare e premiare le strutture ospedaliere

Dettagli

PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA LA DEPRESSIONE POST PARTUM IN LOMBARDIA

PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA LA DEPRESSIONE POST PARTUM IN LOMBARDIA PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA LA DEPRESSIONE POST PARTUM IN LOMBARDIA Progetto di ricerca indipendente in ambito materno-infantile, proposto dall'azienda Ospedaliera Fatebenefratelli

Dettagli

Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA

Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa Milano, 29 ottobre 2013 A cura di Metodologia e campione di ricerca Campione: Sono state intervistate 1.000

Dettagli

Lo screening organizzato per ridurre le disuguaglianze di accesso alla prevenzione.

Lo screening organizzato per ridurre le disuguaglianze di accesso alla prevenzione. XXXIX Convegno AIE Alimentazione e salute nell era della globalizzazione Lo screening organizzato per ridurre le disuguaglianze di accesso alla prevenzione. Il caso dello screening della cervice uterina.

Dettagli

Le iniziative di Promozione Salute in eni

Le iniziative di Promozione Salute in eni Convegno Progetto Ricerca Stargate People Care: dalle malattie critiche alle prassi relazionali aziendali Le iniziative di Promozione Salute in eni www.eni.it Milano 26 ottobre 2011 Auditorium Assolombarda

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO Le donne e l alimentazione come strumento di salute per sé e i propri cari. Sintesi dei risultati di ricerca

STUDIO CONOSCITIVO Le donne e l alimentazione come strumento di salute per sé e i propri cari. Sintesi dei risultati di ricerca STUDIO CONOSCITIVO Le donne e l alimentazione come strumento di salute per sé e i propri cari Sintesi dei risultati di ricerca SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA L Osservatorio Nazionale sulla salute della

Dettagli

Salute e stili di vita in Toscana nel 2008

Salute e stili di vita in Toscana nel 2008 Salute e stili di vita in Toscana nel 2008 PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema di sorveglianza italiano sui fattori di rischio comportamentali per la salute della

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

Il Radar dei distretti Il profilo socio-demografico

Il Radar dei distretti Il profilo socio-demografico Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia A cura di: Nascetti Simona, Zenesini Corrado, Collina Natalina, Pandolfi Paolo Dopo alcuni anni dall attivazione del sistema di sorveglianza PASSI

Dettagli

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Relazione conclusiva AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA in collaborazione con SEZIONE PR OVINCIALE DI NOVARA ONLUS L ASL NO, in quanto parte del SSN, ha tra i propri compiti

Dettagli

Indagine conoscitiva DONNE ITALIANE E DOLORE FISICO. Seasonique. Consumer portrait & Price Sensitivity Test

Indagine conoscitiva DONNE ITALIANE E DOLORE FISICO. Seasonique. Consumer portrait & Price Sensitivity Test Indagine conoscitiva Progetto N. 14-041 Seasonique DONNE ITALIANE E DOLORE FISICO Consumer portrait & Price Sensitivity Test Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa Milano, 13 novembre 2014

Dettagli

Numero 49 /2014 Istat: i dati dell indagine sui problemi di salute lavoro-correlati

Numero 49 /2014 Istat: i dati dell indagine sui problemi di salute lavoro-correlati Numero 49 /2014 Istat: i dati dell indagine sui problemi di salute lavoro-correlati Nelle scorse settimane l ISTAT ha presentato, nell ambito dell Indagine Forze di lavoro, l approfondimento Salute e Sicurezza

Dettagli

FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI

FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI L atteggiamento delle donne verso il generico visto attraverso gli occhi del farmacista Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa Milano, 16 ottobre

Dettagli

Notizie al femminile MEDICINA DI GENERE

Notizie al femminile MEDICINA DI GENERE M MEDICINA DI GENERE Notizie al femminile Uomini e donne rispondono ai farmaci in maniera differente, hanno un sistema immunitario che non reagisce nel medesimo modo agli stimoli esterni e sono soggetti

Dettagli

Disuguaglianze e fattori comportamentali delle donne che non eseguono gli screening di prevenzione oncologica

Disuguaglianze e fattori comportamentali delle donne che non eseguono gli screening di prevenzione oncologica Disuguaglianze e fattori comportamentali delle donne che non eseguono gli screening di prevenzione oncologica Giuliano Carrozzi, Letizia Sampaolo, Nicoletta Bertozzi 3, Lara Bolognesi, Marco Zappa 4, Paolo

Dettagli

L.I.L.T. Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Bologna

L.I.L.T. Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Bologna L.I.L.T. Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Bologna un po di storia la sezione di Bologna 1922 il 25 febbraio nasce a Bologna la Federazione Italiana per la lotta contro

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO A CURA DEL Centro studi SIC Sanità in Cifre Anno 2013 Nota metodologica Metodologia: Questionario strutturato, somministrato a diverse

Dettagli

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE Esperienza e vissuto dei medici italiani Sintesi dei principali risultati Ottobre 2014 Eures Ricerche Economiche e Sociali IPASVI METODOLOGIA Indagine

Dettagli

FUMO PASSIVO SUL POSTO DI LAVORO

FUMO PASSIVO SUL POSTO DI LAVORO FUMO PASSIVO SUL POSTO DI LAVORO IN PILLOLE La percentuale di fumatori nelle imprese considerate è del 25%. Scende al 18% se si considerano solo i dirigenti e gli impiegati a livello amministrativo; raggiunge

Dettagli

OSSERVATORIO ASSIDIM 2014 GLI ITALIANI E L ATTENZIONE ALLA SALUTE

OSSERVATORIO ASSIDIM 2014 GLI ITALIANI E L ATTENZIONE ALLA SALUTE OSSERVATORIO ASSIDIM 2014 GLI ITALIANI E L ATTENZIONE ALLA SALUTE GfK Eurisko Milano, 16 Ottobre 2014 STUDIO SULLA POPOLAZIONE ITALIANA LAVORATRICE Salute e prevenzione 2 Obiettivi delle studio Esplorare

Dettagli

Prevenzione e stili di vita al femminile: sviluppi ed impatti a lungo termine

Prevenzione e stili di vita al femminile: sviluppi ed impatti a lungo termine Sanità 2040: progetti per innovare LUISS BUSINESS SCHOOL 27 Marzo 2015 Prevenzione e stili di vita al femminile: sviluppi ed impatti a lungo termine Riccardo Masetti Professore Ordinario di Chirurgia Generale

Dettagli

Salute percepita nella ASL 8 di Cagliari

Salute percepita nella ASL 8 di Cagliari Salute percepita nella ASL 8 di Cagliari Servizio Igiene e Sanità Pubblica Direttore Dott. Giorgio Carlo Steri Database PASSI 2010 2013 % (IC95%) Percezione del proprio stato di salute: Buono Discreto

Dettagli

Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche

Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche Ancona, 14 aprile 2012 L esperienza della Medicina di Genere nell Azienda Ospedali Riuniti di Ancona. Dall organizzazione alla clinica Perdita di salute nella

Dettagli

QUESTIONARIO CONOSCITIVO. SULLA SALUTE DEI LAVORATORI e DELLE LAVORATRICI

QUESTIONARIO CONOSCITIVO. SULLA SALUTE DEI LAVORATORI e DELLE LAVORATRICI Consulta Femminile nel Comune d Padova QUESTIONARIO CONOSCITIVO SULLA SALUTE DEI LAVORATORI e DELLE LAVORATRICI Breve presentazione Gentilissimo/a, si chiede la Sua collaborazione nella compilazione del

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

Madre adolescente: due minori a rischio. Scheda di sintesi del progetto

Madre adolescente: due minori a rischio. Scheda di sintesi del progetto Madre adolescente: due minori a rischio Scheda di sintesi del progetto 1 Il progetto Madre adolescente: due minori a rischio. Sostegno alla genitorialità in adolescenza per la tutela dei minori è promosso

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

Pediatri, allattamento al seno e mamme straniere. Rapporto di ricerca quali-quantitativo

Pediatri, allattamento al seno e mamme straniere. Rapporto di ricerca quali-quantitativo Pediatri, allattamento al seno e mamme straniere Rapporto di ricerca quali-quantitativo Padova, 27 Novembre 2009 Obiettivi e metodologia della ricerca 2 La ricerca qui presentata, realizzata da ISPO in

Dettagli

OICE of OMEN 2. Women Against Cervical Cancer International Foundation. www.wacc-network.org

OICE of OMEN 2. Women Against Cervical Cancer International Foundation. www.wacc-network.org OICE of OMEN 2 Q U E S T I O N A R I O Women Against Cervical Cancer International Foundation www.wacc-network.org Valutazione dell informazione, degli atteggiamenti e delle opinioni riguardo allo screening

Dettagli

01 Il sistema nervoso centrale 2

01 Il sistema nervoso centrale 2 VI Sommario Parte prima La mente e le sue funzioni nel ciclo di vita Pensare, imparare, conoscere se stessi e gli altri, farsi un idea dell ambiente che ci circonda, reagire agli stimoli che continuamente

Dettagli

Dedicato agli studenti delle scuole medie superiori

Dedicato agli studenti delle scuole medie superiori Un progetto di O.N.Da Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna patrocinato dal M.I.U.R Ministero dell Istruzione, dell Universitaria e della Ricerca Dedicato agli studenti delle scuole medie superiori

Dettagli

LE BIOTECNOLOGIE APPLICATE ALLA RICERCA FARMACEUTICA LE CONOSCENZE E GLI ORIENTAMENTI DEGLI ITALIANI E DEI GIOVANI

LE BIOTECNOLOGIE APPLICATE ALLA RICERCA FARMACEUTICA LE CONOSCENZE E GLI ORIENTAMENTI DEGLI ITALIANI E DEI GIOVANI GfK Group e gli orientamenti degli italiani e dei giovani LE BIOTECNOLOGIE APPLICATE ALLA RICERCA FARMACEUTICA LE CONOSCENZE E GLI ORIENTAMENTI DEGLI ITALIANI E DEI GIOVANI Roma, Isabella Cecchini Direttore

Dettagli

L impatto del cambiamento del farmaco generico sull aderenza terapeutica

L impatto del cambiamento del farmaco generico sull aderenza terapeutica L impatto del cambiamento del farmaco generico sull aderenza terapeutica Presentazione dei risultati di ricerca Milano, 17 febbraio 2015 A cura di Disegno di ricerca Obiettivo: Indagare l impatto dello

Dettagli

LE CONOSCENZE E LA PREVENZIONE IN GRAVIDANZA

LE CONOSCENZE E LA PREVENZIONE IN GRAVIDANZA LE CONOSCENZE E LA PREVENZIONE IN GRAVIDANZA Obiettivi Verificare sulle donne dai 20/40 anni che hanno avuto un figlio negli ultimi 3 anni o sono attualmente in gravidanza l awareness sulla prevenzione

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Prenatale 9.1 Allegato 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE, OFTALMOLOGIA E GENETICA CLINICA PSICHIATRICA UNIVERSITARIA Direttore. Prof. Amore REGIONE LIGURIA AZIENDA SANITARIA

Dettagli

N O W L G E F O R E D. Waste Watcher - Knowledge for Expo. Expo Milano Ottobre 2014

N O W L G E F O R E D. Waste Watcher - Knowledge for Expo. Expo Milano Ottobre 2014 K N O W L E D G E F O R Waste Watcher - Knowledge for Expo Expo Milano Ottobre 2014 Waste Watcher 2014 / Knowledge for Expo L osservatorio sullo spreco domestico Waste Watcher è promosso da Last Minute

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

CAMPAGNA NAZIONALE PER LA SALUTE DELLA DONNA IN MENOPAUSA

CAMPAGNA NAZIONALE PER LA SALUTE DELLA DONNA IN MENOPAUSA CAMPAGNA NAZIONALE PER LA SALUTE DELLA DONNA IN MENOPAUSA CAMPAGNA RIVOLTA ALLA CLASSE MEDICA CAMPAGNA RIVOLTA AL PUBBLICO Sintesi delle Attività Svolte 1995-1999 CAMPAGNA NAZIONALE SULLA SALUTE DELLA

Dettagli

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012 Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione Ricerca quantitativa settembre 2012 Questa ricerca COMMISSIONATA AD ASTRARICERCHE DA LILT NEL SETTEMBRE 2012 REALIZZATA TRA L'11 E

Dettagli

RISULTATI DELLE ATTIVITA DI PREVENZIONE COLLETTIVA E DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Anno 2009

RISULTATI DELLE ATTIVITA DI PREVENZIONE COLLETTIVA E DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Anno 2009 RISULTATI DELLE ATTIVITA DI PREVENZIONE COLLETTIVA E DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Anno 2009 IL DIRETTORE GENERALE DELL ASL DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Dott. Luigi Gianola Convegno del 14 Luglio 2010 Sala

Dettagli

IL TRAM DELLA PREVENZIONE CON SOSTE A RICHIESTA

IL TRAM DELLA PREVENZIONE CON SOSTE A RICHIESTA IL TRAM DELLA PREVENZIONE CON SOSTE A RICHIESTA 1 scheda CONFERENZE DI INFORMAZIONE SANITARIA La Sezione Provinciale di Milano della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori è da anni impegnata in azioni

Dettagli

STATO di SALUTE e FATTORI COMPORTAMENTALI tra 18 e 69 ANNI

STATO di SALUTE e FATTORI COMPORTAMENTALI tra 18 e 69 ANNI STATO di SALUTE e FATTORI COMPORTAMENTALI tra 18 e 69 ANNI ANNO 09 ULSS VERONA Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

igiene Scienza della salute che si propone il compito di promuovere, conservare e potenziare lo stato di salute di una comunità

igiene Scienza della salute che si propone il compito di promuovere, conservare e potenziare lo stato di salute di una comunità igiene Scienza della salute che si propone il compito di promuovere, conservare e potenziare lo stato di salute di una comunità salute Art. 32 della Costituzione Italiana: la Repubblica tutela la salute

Dettagli

Promozione della Salute, del Benessere e della Serenità della Donna Progetto SBS 1 Donna Obiettivo Pensiamoci Prima Versione 10 febbraio 2011

Promozione della Salute, del Benessere e della Serenità della Donna Progetto SBS 1 Donna Obiettivo Pensiamoci Prima Versione 10 febbraio 2011 Promozione della Salute, del Benessere e della Serenità della Donna Progetto SBS 1 Donna Obiettivo Pensiamoci Prima Versione 10 febbraio 2011 Premessa Questo progetto ha come obiettivo la promozione della

Dettagli

METROPOLI DOC EXPO 2015: Le donne nutrono il pianeta

METROPOLI DOC EXPO 2015: Le donne nutrono il pianeta METROPOLI DOC EXPO 2015: Le donne nutrono il pianeta Progetto per valorizzare le risorse femminili che operano nella catena dell alimentazione e per rendere sostenibile la qualità della vita del territorio

Dettagli

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale ! " " #$%&''& (% % )*+ %&,-...''/ Nota Metodologica %0"1'.0"1 2 &34,3 $!"# " $!% &' ( )* + ),-+ +.. +! ++ +./0112" "*0".. -*3*4/ 4141"051012"-*3*4/6.0(

Dettagli

Consultori familiari

Consultori familiari Consultori familiari Le prestazioni del consultorio corsi di accompagnamento alla nascita rivolti ad entrambi i genitori assistenza a domicilio a mamma e neonato dopo il parto (Servizio di Dimissione protetta):

Dettagli

LA CORRETTA ALIMENTAZIONE ÈDONNA

LA CORRETTA ALIMENTAZIONE ÈDONNA LA CORRETTA ALIMENTAZIONE ÈDONNA Ente Promotore: Assessorato alle politiche della Salute del Comune di Bologna Oggetto: Piano di Comunicazione per una Cultura della Corretta Alimentazione 1 DEFINIZIONE

Dettagli

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino LA PROMOZIONE DELLA SALUTE IN TRENTINO numeri, attività, prospettive Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino Laura Battisti

Dettagli

QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA

QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA Azioni a sostegno di persone, famiglie, comunità locali e promozione della domiciliarità degli anziani Biennio 2012-2013 PREMESSA Mani di Scorta è un Consultorio

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

Mammografia nella ASL 8 di Cagliari

Mammografia nella ASL 8 di Cagliari Mammografia nella ASL 8 di Cagliari Servizio Igiene e Sanità Pubblica Direttore Dott. Giorgio Carlo Steri Database PASSI 2010 2013" % (IC95%) Donne che hanno eseguito la mammografia in accordo con le linee

Dettagli

Che cos è la fibrosi cistica

Che cos è la fibrosi cistica La scoperta del gene responsabile della fibrosi cistica ha permesso la messa a punto di un test genetico per identificare il portatore sano del gene della malattia. Si è aperto quindi un importante dibattito

Dettagli

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni Come si misura la qualità della vita in relazione alla salute La definizione di salute dell Oms indica uno stato ideale, con un concetto

Dettagli

prevenzione per la donna Investi in salute con una corretta prevenzione

prevenzione per la donna Investi in salute con una corretta prevenzione prevenzione per la donna Investi in salute con una corretta prevenzione La prevenzione. Non ci sono più dubbi: adottando alcune semplici abitudini di vita e seguendo i programmi di diagnosi precoce, si

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

RE-INGEGNERIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE INDIVIDUALE E PROGRAMMI DI SCREENING: EFFICACIA, QUALITÀ E SOSTENIBILITÀ

RE-INGEGNERIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE INDIVIDUALE E PROGRAMMI DI SCREENING: EFFICACIA, QUALITÀ E SOSTENIBILITÀ Workshop ONS Venezia, 26 maggio 2010 RE-INGEGNERIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE INDIVIDUALE E PROGRAMMI DI SCREENING: EFFICACIA, QUALITÀ E SOSTENIBILITÀ Tavola rotonda con le Regioni Gianni Amunni Istituto

Dettagli

HPV. proteggiti davvero. Campagna di informazione sulle patologie da Papillomavirus umano (hpv)

HPV. proteggiti davvero. Campagna di informazione sulle patologie da Papillomavirus umano (hpv) HPV proteggiti davvero Campagna di informazione sulle patologie da Papillomavirus umano (hpv) Che cos è il Papillomavirus (hpv)? L hpv è un virus molto diffuso, che si trasmette in particolare attraverso

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE CURE PRIMARIE U.O. Assistenza Consultoriale N.O. M.P.C.E.E.

DIPARTIMENTO DELLE CURE PRIMARIE U.O. Assistenza Consultoriale N.O. M.P.C.E.E. 1 DIPARTIMENTO DELLE CURE PRIMARIE U.O. Assistenza Consultoriale N.O. M.P.C.E.E. TITOLO DEL PROGETTO PREMESSA Grandi e piccoli per crescere insieme ( programma di educazione affettivarelazionale e sessuale

Dettagli

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP Ing Antonio Giorgi Ing. Antonio Giorgi RSPP Il Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei

Dettagli

Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA

Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA OBIETTIVI DELLO STUDIO Analizzare la percezione del rischio di incidente stradale di un campione di giovani prima

Dettagli

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Oltre 90 anni di Prevenzione

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Oltre 90 anni di Prevenzione LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Oltre 90 anni di Prevenzione La Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT), medaglia d oro al merito della Sanità Pubblica è un Ente Pubblico di notevole

Dettagli

Comunicazione del rischio Sentiero docenti

Comunicazione del rischio Sentiero docenti Convegno Gli allergeni negli alimenti Roma 25 settembre 2013 Comunicazione del rischio Sentiero docenti Giulia Mascarello WP8 Strategie di comunicazione sui fattori di rischio di allergie alimentari U.O.

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 2 del 20 maggio 2009. Ambulatorio ostetrico-ginecologico Albero di Gaia

Carta dei Servizi rev. 2 del 20 maggio 2009. Ambulatorio ostetrico-ginecologico Albero di Gaia Carta dei Servizi rev. 2 del 20 maggio 2009 Ambulatorio Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento Materno Infantile Ospedale di Villafranca Monoblocco - Primo piano Direttore: dott. Alberto Ottaviani

Dettagli

TICINO. Palermo 11.05.2011 2. Palermo 11.05.2011. 2

TICINO. Palermo 11.05.2011 2. Palermo 11.05.2011. 2 IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO CONSAPEVOLE ALLE CURE Palermo 11.05.2011 1 TICINO Palermo 11.05.2011 2 Palermo 11.05.2011. 2 Richiesta parlamentare di un programma di screening mammografico in

Dettagli

Il test dell HPV nello screening citologico: impatto psicologico e sociale

Il test dell HPV nello screening citologico: impatto psicologico e sociale Progetto Donna e Salute Screening Citologico Azienda Ospedaliera e Ulss 16 di Padova Il test dell HPV nello screening citologico: impatto psicologico e sociale V.Savoca F.Sinigaglia M.Matteucci A.Del Mistro

Dettagli

Che cosa è Cam più. A chi si rivolge. Quali benefici apporta. Cam più

Che cosa è Cam più. A chi si rivolge. Quali benefici apporta. Cam più Che cosa è Cam più CAM PIU è un servizio sanitario polispecialistico finalizzato all incremento della qualità di vita in soggetti sani: di chi cioè sta bene, ma vorrebbe stare meglio e ritardare gli effetti

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

La ricerca il rapporto degli Italiani con il risparmio investimento 1.000 interviste campione nazionale rappresentativo 4 focus group ISPO

La ricerca il rapporto degli Italiani con il risparmio investimento 1.000 interviste campione nazionale rappresentativo 4 focus group ISPO La ricerca La presente indagine, svoltasi nel mese di giugno 2006, aveva l obiettivo di indagare il rapporto degli Italiani con il risparmio e con le attività di investimento. Sono state raccolte 1.000

Dettagli

AUDIMOVIE: fase periodica. Maggio e Dicembre 2008

AUDIMOVIE: fase periodica. Maggio e Dicembre 2008 Maggio e Dicembre 00 AUDIMOVIE: fase periodica Maggio e Dicembre 00 Maggio e Dicembre 00 Obiettivi La ricerca estensiva periodica sul cinema svoltasi nei mesi di Maggio e di Dicembre 00 ha inteso esplorare

Dettagli

Dr. Francesco Rastrelli. 19 gennaio 2015. Reti per promuovere gli screening: il ruolo dei Farmacisti

Dr. Francesco Rastrelli. 19 gennaio 2015. Reti per promuovere gli screening: il ruolo dei Farmacisti Dr. Francesco Rastrelli 19 gennaio 2015 Reti per promuovere gli screening: il ruolo dei Farmacisti Riassetto organizzativo Farmacisti territoriali Medici specialisti MEDICINA GENERALE Infermieri Medici

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

Familiarità per il tumore della mammella

Familiarità per il tumore della mammella Familiarità per il tumore della mammella Informazioni sul percorso di valutazione del rischio familiare o ereditario e su eventuali interventi di diagnosi e cura Familiarità Per il tumore Della mammella:

Dettagli

Indagine sulla salute in Svizzera 2012

Indagine sulla salute in Svizzera 2012 14 Salute 213-1203 Indagine sulla salute in Svizzera 2012 Panoramica Neuchâtel, 2013 Indice Introduzione 4 Stato generale di salute 6 Sovrappeso 8 Ipertensione e colesterolo 10 Diabete 12 Disturbi fisici

Dettagli

Dove sono andati i ragazzi? Campagna per l attività motoria degli adolescenti.

Dove sono andati i ragazzi? Campagna per l attività motoria degli adolescenti. Dove sono andati i ragazzi? Campagna per l attività motoria degli adolescenti. Perché l attività motoria? IL SOVRAPPESO IN ITALIA 4-5 abitanti su 10 soffrono di sovrappeso o obesità. Circa il 4% di bambini

Dettagli

Conoscerla per viverla in salute

Conoscerla per viverla in salute PAGANOTTI, Claudio MENOPAUSA Conoscerla per viverla in salute La Compagnia della Stampa Massetti Rodella Editori Roccafranca - Brescia 136 p.; 21 cm ISBN: 978-88-8486-245-7 Claudio Paganotti MENOPAUSA

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Testata Data Titolo Pag. Rubrica Sicob Vogliadisalute.it 07/06/2015 OBESIT: UN PERICOLO SOTTOVALUTATO 2 Rubrica Alimentazione e salute 115 Sette (Corriere della Sera) 05/06/2015

Dettagli

Benessere e lavoro nel Comune di Modena

Benessere e lavoro nel Comune di Modena Benessere e lavoro nel Comune di Modena Dott. Giuseppe Dieci Direttore generale 1 Il Comune di Modena: alcuni dati (al 31.10.2010) Numero dipendenti a tempo indeterminato: 1916 Numero dirigenti a tempo

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

O.N.Da - Roche sul tumore all ovaio

O.N.Da - Roche sul tumore all ovaio Progetto sponsorizzato da Roche S.p.A. Borsa di Studio O.N.Da - Roche sul tumore all ovaio (anno 2011-2012) Bando PREMESSA Il cancro ovarico è dovuto alla proliferazione incontrollata delle cellule dell

Dettagli

SI PUO' FARE! Sondrio, 21 novembre 2011

SI PUO' FARE! Sondrio, 21 novembre 2011 SI PUO' FARE! Sondrio, 21 novembre 2011 LA RICERCA È la prima indagine finalizzata alla raccolta di esperienze e percezioni sul rapporto complesso fra società, lavoro e malattia mentale, condotta in provincia

Dettagli

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI COSA SI PUO E COSA SI DEVE FARE? CHE COS E? La menopausa non

Dettagli

- POP 94/ 99- REGIONE SICILIA Questionari

- POP 94/ 99- REGIONE SICILIA Questionari - POP 94/ 99- REGIONE SICILIA Questionari INDICE QUESTIONARIO PER I CITTADINI... pag. 2 QUESTIONARIO PER GLI IMPRENDITORI... pag. 3 QUESTIONARIO PER GLI OPINION LEADER... pag. 4 QUESTIONARIO PER I PUBBLICI

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

Programmazione territoriale per il benessere e la salute: quale ruolo per il consultorio

Programmazione territoriale per il benessere e la salute: quale ruolo per il consultorio Programmazione territoriale per il benessere e la salute: quale ruolo per il consultorio Dott.ssa Simona Arletti Assessore alla Salute e Pari Opportunità Comune di Modena Funzione dei consultori familiari

Dettagli

Convegno Salute e Genere ipotesi di lavoro per le Marche

Convegno Salute e Genere ipotesi di lavoro per le Marche Convegno Salute e Genere ipotesi di lavoro per le Marche IL PERCORSO ASSISTENZIALE DELLA GRAVIDANZA A BASSO RISCHIO L integrazione Ospedale-Territorio. L esperienza del Consultorio familiare di Loreto

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

GENITORI, FIGLI E ALCOOL

GENITORI, FIGLI E ALCOOL GENITORI, FIGLI E ALCOOL Un sondaggio Osservatorio - Doxa SINTESI E GRAFICI Roma, 4 dicembre 2008 I GIOVANI E LA COMUNICAZIONE SULL ALCOOL I GENITORI SONO INFORMATI DI COSA FANNO I FIGLI NEL TEMPO LIBERO?

Dettagli

01 L adolescenza 2. 02 L età adulta 28

01 L adolescenza 2. 02 L età adulta 28 VI Sommario Parte prima Da bambina a donna La storia dei piccoli e grandi cambiamenti che avvengono nel passaggio dall infanzia all adolescenza per arrivare alla maturità. La prima parte del volume si

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

PASSI e l adesione ai programmi di prevenzione:

PASSI e l adesione ai programmi di prevenzione: PASSI e l adesione ai programmi di prevenzione: vaccinazioni e screening oncologici salute percepita e consigli dei sanitari Franca Mazzoli Marradi Coordinamento Regionale PASSI Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE Cardiologia Il servizio di Cardiologia si rivolge ai pazienti che presentano le principali forme di patologia cardiologica e cardiovascolare, attraverso

Dettagli