Commissione del Farmaco dell Area Vasta Emilia Nord

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Commissione del Farmaco dell Area Vasta Emilia Nord"

Transcript

1 Alla c.a. Componenti della Commissione del farmaco dell Area Vasta Emilia Nord Loro Sedi Modena, 03 ottobre 2013 OGGETTO: Verbale riunione 24/09/2013 della Commissione del Farmaco dell Area Vasta Emilia Nord Presenti: Claudio Andreoli, Maria Barbagallo, Lina Bianconi, Giovanni Bologna, Corrado Busani, Carlo Cagnoni, Marilena Castellana, Luigi Cavanna, Giovanni Maria Centenaro, Silvia Chiesa, Giorgio Cioni, Sergio Maccari, Anna Maria Marata, Mauro Miselli, Carlo Missorini, Alessandro Navazio, Giovanni Pedretti, Italo Portioli, Daniela Riccò, Daria Sacchini, Saverio Santachiara, Nilla Viani, Anna Zuccheri. Assenti: Diego Ardissino, Angelo Benedetti, Carlo Coscelli, Anna Maria Gazzola, Federica Gradellini, Giuseppe Grandi, Giuseppe Longo, Nicola Magrini, Enrico Montanari, Giovanni Pinelli. Alla riunione è intervenuto il Dr. Cesare Manotti (Centro Anticoagulazione Nuovo Ospedale Fidenza AUSL di Parma). Erano, inoltre, presenti per la Segreteria Scientifica della CF AVEN: Silvia Borghesi, Lisa Daya, Lidia Fares, Roberta Giroldini, Bettina Marconi, Maria Cristina Pastorelli e Wania Tantone. La riunione si è tenuta il 24 settembre 2013 alle ore presso la Sala della Quercia del Padiglione Ziccardi della AUSL di Reggio Emilia con il seguente ordine del giorno: I. Approvazione del verbale della riunione del 04 luglio 2013 II. Nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: presentazione del Documento di indirizzo sul ruolo dei nuovi anticoagulanti orali (NAO) nella prevenzione del cardioembolismo nel paziente con fibrillazione atriale non valvolare a cura di un Gruppo di lavoro multidisciplinare della CRF. Criticità relative all introduzione in PT AVEN e presentazione di un modello di PERCORSO CLINICO ORGANIZZATIVO per la GESTIONE individuato dalla AUSL di Parma III. Rilpivirina monocomponente ed in associazione fissa con tenofovir + emtricitabina nel trattamento dell infezione da virus dell immunodeficienza umana di Tipo 1 (HIV 1): recepimento dell esito della valutazione congiunta effettuata dalla CRF in collaborazione con le CF AV IV. Recepimento dei pareri di Gruppi di Lavoro multidisciplinari regionali: 1. Vemurafenib nel trattamento di pazienti adulti con melanoma inoperabile o metastatico positivo alla mutazione del BRAF V600: inserimento in PT AVEN secondo le raccomandazioni d uso prodotte dal GReFO 2. Belimumab come Terapia aggiuntiva nei pazienti adulti con lupus eritematoso sistemico (LES) attivo, autoanticorpi positivo, con un alto grado di attività della malattia nonostante la terapia standard: presentazione della Scheda regionale V. Sativex nella spasticità da sclerosi multipla: presentazione della Scheda di valutazione regionale e criticità relative alla erogazione VI. Varie ed eventuali 1

2 I. Approvazione del verbale della riunione del 04 luglio 2013 Il verbale della riunione della CF AVEN del 04 luglio 2013 viene approvato all unanimità dai presenti. Si decide di procedere alla valutazione dei punti III e IV, che prevedono la ratifica di decisioni derivanti da valutazioni congiunte con la CRF / di raccomandazioni prodotte da Gruppi di Lavoro regionali. III. Rilpivirina monocomponente ed in associazione fissa con tenofovir + emtricitabina nel trattamento dell infezione da virus dell immunodeficienza umana di Tipo 1 (HIV 1): recepimento dell esito della valutazione congiunta effettuata dalla CRF in collaborazione con le CF AV APPROVATO CON LIMITAZIONI Edurant, 30 compresse rivestite contenenti 25 mg di rilpivirina, classe SSN H RNRL (infettivologo), J05AG05 Eviplera, 30 compresse rivestite contenenti 25 mg di rilpivirina mg di emtricitabina mg di tenofovir disoproxil, classe SSN H RNRL (infettivologo), J05AR08 Rilpivirina è stata valutata nella riunione della CF AVEN del 28 maggio 2013 (vedi verbale), durante la quale è stata formulata una proposta relativamente all inserimento in PTR del farmaco che è stata portata all attenzione della Commissione regionale del Farmaco. La proposta formulata è stata la seguente: la CF AVEN ha sottolineato che, qualora si intenda iniziare la terapia antiretrovirale con un NNRTI in un paziente naïve, sulla base delle evidenze disponibili, efavirenz rimane l NNRTI di prima scelta. Rilpivirina può rappresentare una alternativa in quei pazienti adulti, con carica virale copie/ml in cui gli eventi avversi di efavirenz possono comportare particolari rischi (es. pazienti con diagnosi di disturbi psichiatrici, pazienti che svolgono professioni in cui gli eventi avversi sul SNC associati all uso di efavirenz possono comportare rischi per il paziente stesso o per altre persone). Pertanto, se ne è proposto l inserimento in PTR limitatamente al trattamento di tali pazienti. Tale proposta è stata accolta dalla CRF che ha inserito rilpivirina in PTR a luglio 2013, sia come monocomponente che come associazione fissa con tenofovir + emtricitabina, con le seguenti limitazioni, riportate nella relativa scheda di valutazione (Documento PTR n. 181) a : efavirenz rimane il farmaco di riferimento per la classe degli NNRTI, ma considerata la migliore tollerabilità di rilpivirina rispetto ad efavirenz,.. l utilizzo della rilpivirina dovrebbe essere limitato a pazienti adulti naïve alla terapia antiretrovirale, che presentino entrambe le seguenti caratteristiche: - carica virale copie/ml e possibilmente con conta di CD4+ > 50 cellule/microlitro; - intolleranza all efavirenz o eventi avversi ad efavirenz che possano comportare particolari rischi (es. diagnosi di disturbi neuropsichichiatrici). Pertanto, la decisione della CF AVEN è la seguente: La CF AVEN ha ribadito che, qualora si intenda iniziare la terapia antiretrovirale con un NNRTI in un paziente naïve, sulla base delle evidenze disponibili, efavirenz rimane l NNRTI di prima scelta ed ha espresso PARERE FAVOREVOLE all inserimento in PT AVEN di rilpivirina monocomponente ed in associazione fissa con emtricitabina + tenofovir limitatamente al trattamento di pazienti adulti naïve alla terapia antiretrovirale, che presentino entrambe le seguenti caratteristiche: 1. carica virale copie/ml e possibilmente con conta di CD4+ > 50 cellule/microlitro; 2. intolleranza ad efavirenz o presenza di condizioni per cui gli eventi avversi di efavirenz possono comportare particolari rischi (es. pazienti con diagnosi di disturbi psichiatrici) Per quanto riguarda il punto 2, viene precisato che poiché i sintomi/segni di intolleranza ad efavirenz si presentano precocemente dopo l inizio del trattamento con il farmaco, tale utilizzo di rilpivirina si configura di fatto come un utilizzo in pazienti naïve al trattamento antiretrovirale e non come switch da un NNRTI ad un altro. a Rilpivirina monocomponente e in associazione a emtricitabina + tenofovir disoproxil. Doc PTR n

3 IV. Recepimento dei pareri di Gruppi di Lavoro multidisciplinari regionali: 1. Vemurafenib nel trattamento di pazienti adulti con melanoma inoperabile o metastatico positivo alla mutazione del BRAF V600: inserimento in PT AVEN secondo le raccomandazioni d uso prodotte dal GReFO APPROVATO L uso dei farmaci ipilimumab e vemurafenib nel trattamento in 1 o 2 linea del melanoma maligno localmente avanzato o metastatico è stato valutato dal GReFO. Le raccomandazioni prodotte sono state recepite dalla CF AVEN nella riunione del 28 maggio us. Tuttavia, mentre ipilimumab era già disponibile in commercio a tale data, vemurafenib è stato commercializzato solo successivamente (fine di giugno 2013). Si tratta, pertanto, di formalizzarne l inserimento in PT AVEN, secondo le raccomandazioni prodotte dal GReFO e già recepite nella riunione di maggio Per le considerazioni sopra riportate, la decisione della CF AVEN è, perciò, stata la seguente: La CF AVEN ha espresso PARERE FAVOREVOLE ad includere vemurafenib in PT AVEN secondo le raccomandazioni d uso prodotte dal GReFO e riportate nel documento PTR n. 177 Ipilimumab e vemurafenib nel melanoma maligno localmente avanzato o metastatico (1-2 linea), b ovvero: - nei pazienti con melanoma maligno localmente avanzato o metastatico con mutazione di BRAF e PS 0-1, vemurafenib, in prima linea, dovrebbe essere utilizzato (nella maggior parte dei pazienti) (Raccomandazione positiva forte formulata sulla base di evidenze considerate di qualità moderata ed un rapporto benefici/rischi: favorevole) - nei pazienti con melanoma maligno localmente avanzato o metastatico con mutazione di BRAF e PS 0-1, vemurafenib, in seconda linea, può essere utilizzato (in pazienti selezionati, ben informati e motivati) (Raccomandazione positiva debole formulata sulla base di evidenze considerate di qualità: bassa ed un rapporto benefici/rischi incerto) 2. Belimumab come Terapia aggiuntiva nei pazienti adulti con lupus eritematoso sistemico (LES) attivo, autoanticorpi positivo, con un alto grado di attività della malattia nonostante la terapia standard: presentazione della Scheda regionale APPROVATO Benlysta flaconcino di polvere per concentrato per soluzione per infusione e.v. contenete 120 mg o 400 mg di belimumab, H OSP, L04AA26, monitoraggio AIFA (nuova piattaforma web) Note della Segreteria Scientifica: Belimumab è un anticorpo monoclonale IgG1λ completamente umano da DNA ricombinante specifico per la proteina solubile umana BLyS che stimola i linfociti B; i livelli di tale proteina risultano elevati nei pazienti con lupus eritematoso sistemico (LES). Belimumab blocca il legame del BLyS solubile, con i suoi recettori sulle cellule B, incluse le cellule B autoreattive, condizionandone la sopravvivenza e riducendo la differenziazione delle cellule B a plasmacellule. 1 Il farmaco è stato registrato mediante procedura centralizzata EMA per la seguente indicazione terapia aggiuntiva nei pazienti adulti con lupus eritematoso sistemico (LES) attivo, autoanticorpi-positivo, con un alto grado di attività della malattia (ad esempio anti-dsdna positivi e basso complemento) nonostante la terapia standard. E in commercio in Italia da marzo 2013 ed è soggetto a monitoraggio AIFA secondo quanto riportato nel relativo registro attivo sulla nuova piattaforma web dell Agenzia del farmaco. Non sono pervenute richieste di inserimento di belimumab in PT AVEN, tuttavia il farmaco è stato valutato dalla CRF con il supporto del Gruppo di lavoro multidisciplinare regionale sui farmaci biologici in reumatologia, a cui la Commissione regionale ha dato mandato, in particolare, di definire: - i criteri di eleggibilità al trattamento con il farmaco; - i criteri da considerare ai fini della prosecuzione/interruzione del trattamento In seguito a tale valutazione a luglio 2013 la CRF ha inserito in PTR belimumab, con le seguenti limitazioni, riportate nella scheda di valutazione del farmaco (Documento PTR n. 185) 2 : l uso del belimumab è da riservare a pazienti con LES che dopo un trattamento con antimalarico (quando tollerato e non controindicato) e nonostante una terapia stabile con steroidi ( 7,5 mg/die eq. di prednisone PDN ) e immunosoppressori da almeno 3 mesi presentano: a. uno score SELENA SLEDAI 10 e b Gruppo regionale farmaci oncologici (GReFO). Ipilimumab e vemurafenib, nel melanoma maligno localmente avanzato o metastatico (1-2 linea). Direzione Generale alla Sanità e alle Politiche Sociali, aprile Documento PTR n

4 b. tutte le seguenti caratteristiche sierologiche: positività di Ac. anti ANA anticorpi anti-dna positivi ridotti livelli di C3 o C4 nel rispetto dei criteri di esclusione degli studi registrativi (nefrite lupica grave, presenza di manifestazioni gravi a livello del SNC, gravidanza). Rispetto ai criteri sopra esposti l uso del belimumab può essere considerato anche in caso di: a. LES con attività elevata (SELENA SLEDAI 10): - nonostante una terapia stabile con steroidi ( 7,5 mg/die eq. PDN per almeno 3 mesi o necessità di utilizzare dosi minori per comorbilità/ea da terapia cortisonica cronica (diabete mellito, fratture da osteoporosi, miopatia da steroidi, osteonecrosi asettica), - nonostante l uso di antimalarici di sintesi a dosaggio pieno (6 mg/kg/die di idrossiclorochina) quando un immunosoppressore convenzionale è controindicato (comorbilità o altra limitazione d uso) o non tollerato. b. LES con attività moderata (SELENA SLEDAI > 6): - nonostante una terapia stabile con steroide ( 7,5 mg/die eq. PDN) o necessità di utilizzare dosi minori per comorbilità/ea da terapia cortisonica cronica (diabete mellito, fratture da osteoporosi, miopatia da steroidi, osteonecrosi asettica), quando sia un immunosoppressore convenzionale sia un antimalarico sono controindicati (comorbilità o altra limitazione d uso) o non tollerati. La prescrizione dovrà avvenire da parte dei centri autorizzati dalla Regione ed è vincolata alla compilazione della scheda informatizzata AIFA. Sono, inoltre, stati definiti i seguenti criteri di interruzione del trattamento: Dopo 6 mesi di trattamento la terapia con belimumab dovrà essere sospesa nei seguenti casi: - peggioramento dell indice SELENA SLEDAI - indice SELENA SLEDAI invariato, ma formulazione da parte del Clinico di un giudizio di inefficacia del trattamento basato su dati obiettivi quali la mancata riduzione della dose di corticosteroide/immunosoppressore, il mancato miglioramento della qualità della vita, numero invariato o aumentato di flare ed un indicatore ai fini del monitoraggio delle prescrizioni: Numeratore: pazienti con LES che aggiungono al trattamento standard ottimale il belimumab Denominatore: pazienti con LES (calcolati come numero di esenzioni per tale patologia). Il risultato atteso: - per il 2013: il trattamento con belimumab dovrebbe riguardare una quota di pazienti pari al 10% dei soggetti con LES; - per il 2014: il trattamento con belimumab dovrebbe assestarsi attorno al 15% dei soggetti con LES. Per quanto riguarda la designazione dei Centri autorizzati alla prescrizione del farmaco, il Servizio Politica del Farmaco ha con propria nota individuato le Reumatologie delle Aziende Sanitarie. Trattandosi di un principio attivo nuovo, si è deciso di prendere in esame in modo sintetico in Commissione AVEN le principali evidenze a supporto dell efficacia di belimumab nel trattamento del LES. Di seguito si riportano le caratteristiche ed i risultati degli studi che hanno valutato l uso di belimumab. Analisi delle evidenze L efficacia di belimumab è stata valutata principalmente nell ambito dei 2 RCT registrativi di fase III (studi BLYSS 52 e BLYSS 76). 3,4 4

5 BLISS-52 Trial 3 RCT doppio cieco, 90 centri 13 paesi (America latina, Asia, est Europa) n= 867 pz adulti con LES BLISS-76 Trial 4 RCT doppio cieco, 136 centri in 19 paesi (America del nord e centrale ed Europa) n=819 pz adulti con LES Diagnosi secondo i criteri ACR e malattia attiva allo screening (SELENA-SLEDAI > 6); ANA o anti-dsdna positivi, in terapia stabile da almeno 30 giorni prima della prima dose di farmaco in studio con: prednisone (0-40mg/die) o FANS, antimalarici o immunosoppressori. Esclusi: pz con nefrite lupica attiva e con Lupus attivo grave del SNC. Stratificati per: etnia, score SELENA-SLEDAI (6-9 vs >10), proteinuria (<2g/24h vs >2g/24h) P F: 95% Età (media): 35,5 aa. Razza: 48,6% ispanici; 38% asiatici; 32,3% nativi americani; 26,34% caucasici; neri 3,6% Durata LES: 5,3 aa SELENA-SLEDAI score >10: 52,6% 1 BILAG A o 2BILAG B: 58,3% F: 93,3% Età (media): 40 aa Razza: 69,4% caucasici 21,1% ispanici; 12,6% nativi americani; 14,4% neri; 3,4% asiatici Durata LES: 7,5 aa SELENA-SLEDAI score >10: 51,2% 1 BILAG A o 2BILAG B: 63,4% I n= 288 belimumab 1mg/kg n= 290 belimumab 10mg/kg Infusione ev 1h al giorno 0,14,28 poi ogni 28 gg n= 271 belimumab 1mg/kg n= 273 belimumab 10mg/kg Infusione ev 1h al giorno 0,14,28 poi ogni 28 gg C n= 287 placebo n= 275 placebo O 1rio: % pz con riduzione SRI alla 52 sett. (definita come <4 punti del SELENA-SLEDAI); nessun nuovo BILAG A, non più di 1 nuovo BILAG B; nessun peggioramento PGA (<0.3) 2rio: : % pz con riduzione SRI alla 76 sett. (solo per il BLISS 76) T Trattamento: 48 sett. Trattamento: 72 sett. Gli RCT hanno confrontato, in cieco, due dosaggi diversi di belimumab (1mg/kg e 10 mg/kg) rispetto al placebo, in associazione alla terapia standard, su un totale di pazienti con LES provenienti da 13 paesi, prevalentemente Sud America, Est Europa ed Asia (BLYSS-52) 3 e 19 paesi prevalentemente Europa e America del nord (BLYSS-76) 4. I pazienti eleggibili erano adulti (età > 18 anni) con diagnosi di LES secondo i criteri ACR, malattia attiva definita come punteggio SELENA-SLEDAI c 6, ANA-positivi ed in un regime di trattamento stabile da almeno 30 giorni. Sono stati esclusi i pazienti con nefrite lupica attiva e con Lupus attivo grave del SNC. L esito primario di efficacia era rappresentato dalla percentuale di pazienti con riduzione SRI d alla 52 sett. (definita come riduzione del punteggio SELENA SLEDAI di almeno 4 punti); nessun nuovo BILAG A non più di 1 BILAG B; nessun peggioramento del PGA (variazione del punteggio <0,3). In entrambe gli studi alla 52 settimana la dose di 10 mg/kg si è dimostrata superiore a placebo, in termini di percentuale di pazienti che hanno raggiunto l esito primario (riduzione di 4 punti dell indice SRI), mentre tale risultato è stato ottenuto dalla dose di 1 mg/kg solo nello studio BLYSS 52. Lo stesso esito alla 76 settimana, valutato come end point secondario nel BLYSS 76, non ha mostrato differenze statisticamente significative tra il trattamento attivo e il placebo su un campione più ridotto di pazienti. Per la dose di 1 mg/kg la variazione assoluta del punteggio SRI è stata rispettivamente del 7,8% e 6,8% in BLYSS 52 e in BLYSS 76; per la dose di 10 mg/kg era rispettivamente 14,0% e 9,4%. L analisi combinata dei due studi (pooled analysis) ha di fatto confermato i risultati dei singoli studi, suggerendo tassi di risposta diversi in base al paese di provenienza ed all attività di malattia al baseline (maggiore risposta nella malattia più grave). Per confermare i risultati ed indagare possibili fattori predittivi di risposta a belimumab è stata eseguita un analisi post hoc dei due studi in cui sono stati selezionati sottogruppi di pazienti ad alta attività di malattia (SELENA SLEDAI 10), basso complemento ed anti-dsdna positivi. In base all analisi, in entrambi i sottogruppi la risposta in termini di SRI rispetto al placebo era circa doppia rispetto all intera c SELENA-SLEDAI = Misura validata per monitorare l attività complessiva della malattia (riduzione 4 punti, attenuazione clinicamente rilevante), non è in grado però di distinguere fra stabilità, miglioramento o peggioramento della malattia. d SRI = Indice riconosciuto da FDA che misura l efficacia del trattamento utilizzando i punteggi SELENA SLEDAI <4; BILAG e PGA. Il BILAG definisce l entità/esistenza di un danno d organo, il PGA consente una valutazione globale della malattia fatta dal medico. 5

6 popolazione studiata, rispettivamente 18,9%, 19,8% e 11,8% per SELENA SLEDAI 10, basso complemento e anti-dsdna positivi e intero gruppo. Tale differenza sull SRI si manteneva statisticamente significativa anche alla settimana 76. Sulla base di questa valutazione post hoc per sottogruppi l EMA, a differenza di FDA, ha autorizzato l uso di belimumab solo in pazienti con un alto grado di attività della malattia, basso complemento e anti-dsdna positivi. Dalla analisi complessiva dei dati dei 2 studi registrativi, gli eventi avversi più frequenti con entrambi di dosaggi di belimumab e col placebo sono stati: cefalea (21% circa dei pazienti in tutti e 3 i bracci), infezioni delle vie respiratorie (17-19% dei pazienti), artralgie (15-17% dei pazienti), nausea (12-14%), infezioni delle vie urinarie (12-14%), astenia (10%), diarrea (9-12%) e febbre (9-10%). Le reazioni da infusione e di ipersensibilità sono state segnalate con bassa frequenza (<1%). 3,4 La maggior parte delle reazioni correlate all infusione si sono verificate nel corso della 1-2 somministrazione e l'incidenza si è ridotta nel corso delle infusioni successive. Gravi reazioni da infusione o di ipersensibilità si sono verificate nello 0,9% e 0,4% dei pazienti trattati, rispettivamente, con belimumab e con placebo. La frequenza d interruzione o sospensione del trattamento per eventi avversi è stata simile per tutti i 3 gruppi di trattamento. La valutazione del rischio infettivo, così come della comparsa di eventi psichiatrici (depressione e suicidio) sono stati inclusi nel Risk Management Plan del farmaco (previsto uno studio di sicurezza post marketing a 5 anni). Discussione: Sono emerse le seguenti considerazioni: - belimumab è stato autorizza sulla base di 2 studi di confronto con placebo in add on ad una terapia a dosi stabili con prednisone (0-40 mg/die) o FANS, antimalarici o immunosoppressori. Entrambi i dosaggi di belimumab hanno dimostrato di essere superiori al placebo in termini di percentuale di risposta SRI, un indicatore costruito specificamente per valutare l efficacia di questo farmaco e che è composto dai punteggi SELENA-SLEDAI, BILAG e PGA; - rispetto alla trasferibilità di tali risultati, la rilevanza clinica dell effetto appare comunque modesta, considerato che alla posologia registrata la differenza tra belimumab e placebo è di circa 1,5 punti (BLISS-52) / 1,8 punti (BLISS-76); - dagli studi registrativi sono stati esclusi i pazienti con le forme maggiormente gravi di LES, ovvero i pazienti con nefrite lupica attiva o con lupus attivo grave del sistema nervoso centrale. Tali pazienti rappresentano circa il 5% della casistica dei pazienti con diagnosi di LES seguiti neklle Strutture sanitarie della RER; - pur con le premesse sopra riportate, si riconosce che belimumab rappresenta l unica opzione attualmente autorizzata per il trattamento dei pazienti con LES che hanno mantenuto una elevata attività di malattia nonostante la terapia standard; - le limitazioni concordate e l indicatore di monitoraggio definito con il Gruppo di lavoro dei reumatologi vogliono rappresentare uno strumento per governare l uso di questo farmaco nella Regione. In recepimento del pronunciamento del Gruppo di Lavoro regionale, la decisione della CF AVEN è stata la seguente: La CF AVEN ha espresso PARERE FAVOREVOLE ad includere belimumab in PT AVEN secondo le indicazioni d uso sopra riportate e contenute nella Scheda di valutazione CRF del farmaco (Documento PTR n. 185) 2. Bibliografia 1. Benlysta. Riassunto delle caratteristiche del prodotto. [accesso: settembre 2013] 2. Scheda di valutazione del medicinale Belimumab (luglio 2013). Documento PTR n Navarra SV et al. Efficacy and safety of belimumab in patients with active systemic lupus erythematosus: a randomised, placebo controlled, phase 3 trial. Lancet 2011;377: Furie R et al. A Phase III, Randomized, Placebo Controlled Study of Belimumab, a Monoclonal Antibody That Inhibits B Lymphocyte Stimulator, in Patients With Systemic Lupus Erythematosus. Arthritis Rheum 2011;63:

7 Si affronta, quindi, il secondo punto all ordine del giorno: II. Nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: presentazione del Documento di indirizzo sul ruolo dei nuovi anticoagulanti orali (NAO) nella prevenzione del cardioembolismo nel paziente con fibrillazione atriale non valvolare a cura di un Gruppo di lavoro multidisciplinare della CRF. Criticità relative all introduzione in PT AVEN e presentazione di un modello di PERCORSO CLINICO ORGANIZZATIVO per la GESTIONE individuato dalla AUSL di Parma - Dabigatran (Pradaxa ) capsule da 110 mg, capsule da 150 mg, classe A, RRL (medicinali soggetti a prescrizione medica limitativa, vendibili al pubblico su prescrizione di centri ospedalieri o di specialisti cardiologo, internista, neurologo, geriatra, ematologi che lavorano nei centri di trombosi ed emostasi), B01AE07, Piano terapeutico, PHT, monitoraggio AIFA (nuova piattaforma web) APPROVATO LIMITATAMENTE ALL INDICAZIONE NELLA PROFILASSI DEL CARDIOEMBOLISMO NEI PAZIENTI CON FIBRILLAZIONE ATRIALE NON VALVOLARE - Rivaroxaban (Xarelto ) compresse rivestite da 15 mg e compresse rivestite da 20 mg, A, RR, B01AF01,Piano Terapeutico, PHT, monitoraggio AIFA (nuova piattaforma web) APPROVATO LIMITATAMENTE ALL INDICAZIONE NELLA PROFILASSI DEL CARDIOEMBOLISMO NEI PAZIENTI CON FIBRILLAZIONE ATRIALE NON VALVOLARE Sia per dabigatran che per rivaroxaban è stata recentemente autorizzata in Italia l indicazione nella profilassi del cardioembolismo in pazienti con fibrillazione atriale non valvolare (FANV). Più precisamente si riportano di seguito in modo letterale le indicazioni registrate per i due farmaci in questo setting di pazienti ed i relativi dosaggi: a. dabigatran (Pradaxa ). Indicazione registrata nella FANV: Prevenzione di ictus e embolia sistemica in pazienti adulti con fibrillazione atriale non valvolare con uno o più dei seguenti fattori di rischio: - precedente ictus, attacco ischemico transitorio o embolia sistemica (ES) - frazione di eiezione del ventricolo sinistro < 40% - insufficienza cardiaca sintomatica, Classe 2 della classificazione della New York Heart Association (NYHA) - età 75 anni - età 65 anni associata con una delle seguenti condizioni: diabete mellito, coronaropatia o ipertensione. L indicazione è autorizzata per i seguenti dosaggi: 110 mg e 150 mg. b. rivaroxaban (Xarelto ). Indicazione registrata nella FANV: Prevenzione dell'ictus e dell'embolia sistemica nei pazienti adulti affetti da fibrillazione atriale non valvolare con uno o più fattori di rischio, come insufficienza cardiaca congestizia, ipertensione, età 75 anni, diabete mellito, pregresso ictus o attacco ischemico transitorio. L indicazione è autorizzata per i seguenti dosaggi: 15 mg e 20 mg. Relativamente a questa indicazione, è pervenuta una richiesta di inserimento in PT AVEN per dabigatran dal Dr. Giovanni Quinto Villani U.O. Cardiologia AUSL di Piacenza (giugno 2013). Note della Segreteria Scientifica La CRF nella riunione di luglio 2013 ha recepito le raccomandazioni prodotte dal Gruppo di lavoro multidisciplinare della CRF relativamente all uso dei nuovi anticoagulanti orali (dabigatran, rivaroxaban ed apixaban) nella FANV, contenute nel Documento regionale di indirizzo sul ruolo dei nuovi anticoagulanti orali (NAO) nella prevenzione del cardioembolismo nel paziente con fibrillazione atriale non valvolare (Documento PTR n. 182) e. Di conseguenza sia dabigatran che rivaroxaban risultano attualmente inclusi in PTR anche per questa indicazione, oltre che per la profilassi del TEV in chirurgia ortopedica. Per apixaban è in corso l iter di approvazione per questa indicazione presso AIFA e pertanto attualmente non risulta rimborsato per la profilassi del cardioembolismo in pazienti con FANV. e Gruppo di lavoro multidisciplinare. Documento di indirizzo sul ruolo dei nuovi anticoagulanti orali (NAO) nella prevenzione del cardioembolismo nel paziente con fibrillazione atriale non valvolare. Assessorato alla Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna, luglio

8 Il Piano Terapeutico Regionale per la prescrizione di dabigatran e rivaroxaban nella fibrillazione atriale non valvolare (Doc. PTR n. 183, a breve disponibile nella versione aggiornata) che accompagna, integrandolo, il Piano Terapeutico previsto da AIFA nella nuova piattaforma web di monitoraggio, dovrà essere impiegato dai centri individuati e autorizzati con provvedimento regionale alla prescrizione a carico SSN dei nuovi anticoagulanti orali. Al fine di agevolare la prescrizione, la Regione Emilia Romagna sta provvedendo ad implementare con la collaborazione di CUP2000 un gestionale informatico che consenta con una unica prescrizione informatizzata di assolvere al debito informativo sia nei confronti della Regione stessa che di AIFA. Obiettivi del monitoraggio regionale dell uso dei nuovi anticoagulanti orali (NAO) nella fibrillazione atriale non valvolare (FANV) sono di: - consentire un monitoraggio puntuale ed accurato dell'impiego clinico dei NAO nella RER e degli eventuali problemi ad esso connessi; - monitorare l appropriatezza prescrittiva dei NAO nella RER mediante la valutazione del grado di adesione dei Centri prescrittori al documento di indirizzo regionale sull'uso dei NAO; - acquisire i dati relativi agli eventi avversi derivanti dall uso nella pratica clinica reale dei NAO. Le Aziende Sanitarie stanno organizzando, ciascuna nell ambito della propria Provincia, percorsi integrati per la gestione dei pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a terapia anticoagulante orale che prevedono il coinvolgimento di tutti i sanitari che parteciperanno alla gestione dei pazienti e tengono conto delle peculiarità territoriali di ciascuna Provincia. A questo proposito, l intervento del Dr. Manotti ha avuto lo scopo di illustrare alla Commissione quanto fatto a Parma, dove la proposta di percorso elaborata da una rappresentanza dei clinici dei Centri che si occupano di terapia anticoagulante e dei Servizi di Farmacia delle Aziende Ospedaliero-Universitaria ed USL viene proprio in questo periodo presentata a tutti gli attori coinvolti nella presa in carico del paziente in modo da favorirne la condivisione e la attuazione. In particolare, obiettivo del lavoro svolto è stato di: - giungere all uso di un unico database provinciale dei pazienti in TAO; - uniformare l approccio clinico [utilizzo di una check list per la prescrizione dei NAO (dati del paziente, indicazione all uso della terapia anticoagulante, punteggio CHADS 2, punteggio HAS-BLED, ragioni per la prescrizione di un NAO/AVK); organizzazione di un percorso che per ogni paziente preveda una prima visita di valutazione e, successivamente, visite di follow up ad intervalli di tempo che il gruppo di lavoro ha concordato ai fini della rivalutazione della terapia; educazione del paziente, anche attraverso il materiale cartaceo predisposto ed informazione sui riferimenti a cui rivolgersi in caso di problemi clinici intercorrenti durante la terapia] - uniformare le procedure di follow up [attraverso la definizione di tempistiche e modalità condivise tra i Centri] Discussione: Durante la discussione seguita alla presentazione del percorso di gestione dei NAO predisposto a Parma sono emerse le seguenti considerazioni: - gli obiettivi del percorso organizzativo individuato a Parma sono condivisibili e hanno rappresentato anche per le altre Province il cardine sui cui sono stati predisposti i percorsi gestionali che verranno attuati. Le differenze di approccio nascono essenzialmente dalla diversa distribuzione sul territorio dei Servizi coinvolti nella gestione dei pazienti di cui le Aziende hanno dovuto tenere conto; - viene sottolineata l importanza di garantire una adeguata formazione/informazione ai medici di medicina generale, della Continuità assistenziale e di Pronto Soccorso in modo che vi sia la preparazione necessaria a gestire eventuali problemi clinici emergenti durante il trattamento con i NAO (es. errori di somministrazione; comparsa di sanguinamenti); - la Area valutazione del farmaco dell ASSR sta predisponendo un pacchetto informativo destinato a medici e farmacisti sull uso dei NAO nella fibrillazione atriale non valvolare e sta concordando con il Servizio Politica del farmaco ed i Servizi della medicina territoriale ed ospedaliera un programma di incontri di formazione rivolti ai sanitari (MMG, farmacisti) da tenersi tra fine ottobre e prima metà di novembre al fine di garantire proprio questo obiettivo; - l Area valutazione del farmaco sta, inoltre, predisponendo un documento di informazione per i pazienti da rendere disponibile attraverso: i Centri prescrittori / le farmacie coinvolte nella distribuzione degli anticoagulanti (farmacie AUSL, farmacie aperte al pubblico) 8

9 La decisione della CF AVEN è, quindi, stata la seguente: La CF AVEN ha espresso PARERE FAVOREVOLE ad inserire dabigatran e rivaroxaban in PT AVEN per l indicazione nella prevenzione del cardioembolismo nei pazienti con fibrillazione atriale non valvolare, secondo le raccomandazioni contenute nel Documento PTR n e Per quanto riguarda l organizzazione del percorso di gestione dei pazienti con fibrillazione atriale in trattamento con anticoagulanti, essa è in corso di definizione in tutte le Province AVEN. - Sativex nella spasticità da sclerosi multipla: presentazione della Scheda di valutazione regionale e criticità relative alla erogazione APPROVATO Sativex [estratto di Cannabis sativa ( -9-tetraidrocannabinolo + cannabidiolo) in spray per mucosa orale], 3 flaconi di spray per mucosa orale, nebul. c/pompa dosatrice 10 ml 90 erogazioni, H RNRL (medicinale dispensabile al pubblico con ricetta medica da rinnovare di volta in volta rilasciata da centri ospedalieri o da specialista neurologo), Tabella IIB Legge 49/2006, N02BG10, monitoraggio AIFA (nuova piattaforma web) Non sono pervenute richieste formali di inserimento in PT AVEN del farmaco, tuttavia i Servizi farmaceutici segnalano che vi sono state richieste da parte dei neurologi che seguono i pazienti con sclerosi multipla di conoscere la tempistica di inserimento in PT AVEN e i percorsi attraverso cui avverrà l erogazione di questo farmaco, trattandosi di uno stupefacente con obbligo di registro. Note della Segreteria Scientifica: Sativex è uno spray per mucosa orale a base di estratti molli di foglie e fiori di Cannabis sativa L.; 100 microlitri di spray contengono 2,7 mg di delta-9-tetraidrocannabinolo (THC) e 2,5 mg di cannabidiolo (CBD). E disponibile in confezione da 3 flaconi da 10 ml con pompa dosatrice; un flacone consente 90 erogazioni. L indicazione autorizzata è la seguente: trattamento per alleviare i sintomi in pazienti adulti affetti da spasticità da moderata a grave dovuta alla sclerosi multipla (SM) che non hanno manifestato una risposta adeguata ad altri medicinali antispastici e che hanno mostrato un miglioramento clinicamente significativo dei sintomi associati alla spasticità nel corso di un periodo di prova iniziale della terapia. 1 In base a quanto riportato in scheda tecnica, le nebulizzazioni vanno aumentate gradualmente durante il periodo iniziale di titolazione secondo lo schema predefinito, in modo da raggiungere il dosaggio che permette il controllo ottimale della sintomatologia dolorosa; è comunque previsto che non vengano superate le 12 nebulizzazioni/die. La sede va cambiata e devono trascorrere almeno 15 minuti tra una nebulizzazione e la successiva. Le somministrazioni mattutine vanno esaurite entro le ore mentre quelle serali sono consentite dalle ore in avanti. 1 Il prodotto va conservato in frigorifero (da +2 C a +8 C) fino alla prima apertura; poi durante l uso va tenuto a temperature non superiori a 25 C. Alla posologia massima di 12 applicazioni/die da 100 microlitri il costo annuale di un trattamento con il farmaco è di 7.039, calcolato sul prezzo ex-factory. Sativex è stato registrato con procedura di mutuo riconoscimento ed è disponibile da luglio E uno stupefacente collocato nella tabella II B della Legge 49/2006 e, pertanto, richiede il rispetto delle norme previste per la prescrizione e la dispensazione. La prescrizione è riservata ai neurologi e deve avvenire compilando la scheda di arruolamento che riporta i requisiti di eleggibilità e la scheda di follow up che fanno parte del relativo Registro AIFA web-based e nel rispetto delle condizioni negoziali relative al rimborso: - ai fini dell eleggibilità occorre che il paziente presenti un punteggio relativo alla spasticità, misurato mediante la scala Numeric Rating Scale f tra 4 e 10, nonostante il trattamento con altri antispastici; - è prevista una prima rivalutazione dopo 4 settimane di trattamento. Proseguono la terapia solo i pazienti che durante tale periodo hanno avuto un miglioramento del punteggio NRS di almeno il 20%; - è prevista una seconda visita di controllo a 14 settimane, quelle successive avranno cadenza semestrale; - le condizioni negoziali prevedono il payment by result (rimborso al 100%) per i pazienti che non hanno avuto un miglioramento di almeno il 20% del punteggio NRS a 4 settimane + un cost sharing al 50% a 6 settimane o 3 settimane gratuite per tutti i pazienti eleggibili. f Numeric Rating Scale (NRS): scala di valutazione numerica con cui i pazienti indicano il grado medio dei sintomi correlati alla spasticità provati nelle ultime 24 ore (con 0=assenza di spasticità, 10=peggiore spasticità possibile). 9

10 Sativex è stato valutato dalla CRF a luglio 2013 ed è stato inserito in PTR con la relativa scheda di valutazione (Documento PTR n. 184) 2, a cui si rimanda per la descrizione delle evidenze a supporto dell utilizzo nella spasticità da sclerosi multipla. La scheda riporta le seguenti conclusioni: I dati a supporto dell associazione delta-9-tetraidrocannabinolo + cannabidiolo provengono da studi per lo più a breve termine nei quali il farmaco è stato confrontato verso placebo in aggiunta ai farmaci di uso consolidato, in una casistica numericamente limitata e non chiaramente definita rispetto alle caratteristiche dei pazienti. Inoltre, i risultati degli studi rispetto all esito primario non sono coerenti. Considerando, tuttavia, che tale farmaco, pur non dimostrando globalmente una marcata efficacia, sembra determinare un beneficio non trascurabile in un numero ristretto di pazienti al termine delle prime 4 settimane di terapia, e in considerazione della sintomatologia dolorosa invalidante, la CRF esprime parere favorevole all inserimento in PTR di delta-9-tetraidrocannabinolo + cannabidiolo in spray per la mucosa orale limitandone l impiego ai pazienti che rispondono a tutti i seguenti criteri di eleggibilità e di risposta clinica: a. Eleggibilità (corrispondenti a quelli utilizzati nelle casistiche degli studi): - sclerosi multipla (SM) da almeno 6 mesi; - spasticità da SM da almeno 3 mesi; - spasticità in almeno due gruppi muscolari nonostante una terapia convenzionale già in atto; - entità della spasticità residua dopo terapia convenzionale valutata mediante la scala NRS (valore rilevato in 6 misurazioni effettuate in un periodo di 7 giorni) >5. b. risposta clinica - mantenimento di una riduzione del 30% del punteggio NRS relativo alla spasticità. Tale parametro dovrà essere valutato ogni 6 mesi e inserito in una scheda di follow-up regionale che vincolerà l erogazione diretta del farmaco. La prescrizione dovrà avvenire da parte delle Neurologie già autorizzate all utilizzo dei farmaci della nota AIFA 65 ed è vincolata alla compilazione della scheda informatizzata AIFA (nella scheda di eleggibilità il valore di NRS, come stabilito dai criteri regionali sopra definiti dovrà essere >5). Poiché Sativex è inserito nella Tabella II B (legge 49/2006) delle sostanze stupefacenti, il Servizio Politica del Farmaco ha stabilito che dovrà essere erogato attraverso la Distribuzione diretta delle Farmacie Ospedaliere in quanto dotate di Registro stupefacenti. 2 Discussione: Durante la discussione seguita alla presentazione del farmaco sono emerse le seguenti considerazioni: - rispetto ai criteri di eleggibilità previsti dal Registro web-based AIFA, la CRF ne ha proposto l allineamento con le caratteristiche dei pazienti arruolati negli studi clinici che hanno valutato l efficacia di Sativex. In particolare, per quanto riguarda l entità della spasticità residua dopo terapia convenzionale, si prevede che il relativo punteggio, valutato mendiante la Numeric Rating Scale sia superiore a 5; - la CF AVEN ritiene, dopo averne a lungo discusso, di non definire ulteriori criteri ai fini dell eleggibilità al trattamento, quali ad esempio la presenza di forme di sclerosi multipla secondariamente progressive o con ricadute che presentano reliquati, in quanto: o si tratta di criteri diagnostici, che devono essere oggettivati mediante indagini strumentali e non clinici, a differenza di quelli già definiti dagli enti regolatori e o ulteriormente circostanziati dalla CRF; la spasticità accompagnata da dolore può comparire anche precocemente nei pazienti con sclerosi multipla, indipendentemente dal grado di progressione della malattia; - la scheda di follow up prevista dalla CRF ai fini del monitoraggio dell uso di Sativex va compilata a partire dalla terza visita di follow up e ad ogni successiva rivalutazione che, secondo quanto previsto dal Registro web del farmaco, dovrà avere cadenza semestrale. Prevede, come condizione necessaria ai fini della prosecuzione del trattamento che il paziente mantenga una risposta clinica, ovvero una riduzione del 30% del punteggio NRS. Questa scelta appare condivisibile, tenendo conto anche del fatto che, negli studi registrativi, venivano definiti responder i pazienti che avevano avuto un miglioramento di almeno il 30% del punteggio NRS relativo alla spasticità 2 - per quanto riguarda gli aspetti relativi alla erogazione, che dovrà avvenire nel rispetto della normativa inerente la prescrizione e dispensazione dei farmaci stupefacenti, la CF AVEN demanda ai Responsabili dei Servizi di Farmacia la definizione di un percorso di gestione condiviso del farmaco. 10

11 Pertanto, la CF AVEN ha: espresso PARERE FAVOREVOLE ad includere Sativex in PT AVEN secondo le conclusioni riportate nel documento PTR n e sopra riportate. Viene sottolineata la necessità di ottemperare a quanto previsto dalla normativa che regola la prescrizione e la erogazione degli stupefacenti, in quanto Sativex è inserito nella tabella II B delle sostanze stupefacenti. Tale tematica verrà approfondita dai Responsabili dei Servizi di Farmacia delle Aziende Sanitarie AVEN nella prima riunione utile, che si terrà a breve, durante la quale verrà concordata una modalità condivisa di gestione del farmaco. Bibliografia 1. Sativex. Riassunto delle caratteristiche del prodotto. Fonte: FarmaDati [accesso: settembre Estratto di cannabis sativa in spray per mucosa orale. Documento PTR n Luglio La riunione è terminata alle ore

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013 N Nuum meerroo 11 22001144 IIN NFFO OR RM MA AZ ZIIO ON NEE IIN ND DIIP PEEN ND DEEN NTTEE EE A AG GG GIIO OR RN NA AM MEEN NTTO O SSA AN NIITTA AR RIIO O EDITORIALE. Missing, proprio missing FORUM CLINICO

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3 Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale - Area Valutazione del farmaco I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI nella fibrillazione atriale non valvolare L impiego delle terapie anticoagulanti è molto diffuso: dai dati

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina 2014 Next MMG Semplicità per il mondo della medicina Documento che illustra le principali caratteristiche di Next MMG EvoluS Srl Corso Unione Sovietica 612/15B 10135 Torino tel: 011.1966 5793/4 info@evolu-s.it

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E Dr.ssa La Seta Concetta INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Nazionalità Indirizzo Telefono La Seta Concetta 10 Febbraio 1963 Palermo Italiana

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Roberto CARUSO Corso Mazzini, 11-87100 Cosenza, Italia Telefono(i) Tel. + 39 0984681824 Fax+ 39 0984681322 E-mail Cittadinanza

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) Indirizzo(i) LO CONTE Maurizio Viale Tigli, 20, I, 83031, Ariano Irpino - (AV) Telefono(i) +390825871118 / +390825824605 Mobile +39335415735

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli