A V V I S O I M P O R T A N T E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A V V I S O I M P O R T A N T E"

Transcript

1

2

3 A V V I S O I M P O R T A N T E IN SEGUITO A NUMEROSE TELEFONATE PERVENUTE A QUEST ORDINE ED AL SOTTOSCRITTO RELATIVAMENTE AL PAGAMENTO DEL TRIBUTO 540 (TASSA DOVUTA DAGLI ISCRITTI ALL ALBO PROFESSIONALE DI QUESTA PROVINCIA) CHE QUEST ANNO, PER UN MERO ERRORE MATERIALE, E STATO RICHIESTO CON UN AGGRAVIO DI EURO 5,88 PER DIRITTI DI NOTIFICA DELLA CARTELLA ESATTORIALE, SI COMUNICA CHE: 1) TALE MAGGIORE AGGRAVIO E SCATURITO DA NUOVE PROCEDURE PER L INOLTRO ALL AGENZIA DI RISCOSSIONE EQUITALIA DELLE MINUTE DEI PREDETTI RUOLI; 2) SI RASSICURA CHE PER IL PROSSIMO ANNO L ORDINE SI STA GIA ATTIVANDO PER EVITARE IL PREDETTO AGGRAVIO. NEL COMUNICARE QUANTO INNANZI SI INFORMANO GLI ISCRITTI CHE, QUANTO PRIMA, RICEVERANNO INDICAZIONI PER OTTENERE GRATUITA- MENTE LA PEC, CASELLA DI POSTA ELETTRONICA (OBBLIGATORIA PER LEGGE), PER 3 ANNI. LECCE 04 LUGLIO 2014 db/ IL PRESIDENTE (ON.LE DOTT. LUIGI PEPE)

4 Maurizio Muratore Lecce Capitale europea della cultura 2019: il coraggio di partecipare ad un cambiamento L ecce Capitale europea della cultura 2019 è lo strumento per portare al cambiamento, una palestra per il futuro, la possibilità di diventare ciò che siamo davvero. Il progetto dell Unione Europea, nato nel 1985 da un idea di Melina Mercouri per avvicinare tra loro i cittadini europei, vuole sottolineare differenze ed aspetti comuni nelle varie culture sparse sul Continente, per favorire il senso di appartenenza ad una comunità unita nella diversità, come recita per l appunto il motto dell Unione. Rompendo gli schemi, i nostri amministratori insieme a uno staff formato da professionisti e volontari hanno avuto il coraggio di mettersi in gioco con un salto verso il cambiamento, uno stimolo a spostare i punti di vista, rompere la routine, lasciar cadere le zavorre d idee precostituite e la rigidità del pensiero per andare incontro all inatteso, e tutto questo scendendo in strada per accorciare le distanze con i cittadini, creare momenti di dialogo e confronto mettendo così in luce punti di forza, fragilità e bisogni inespressi. Una capitale europea non viene designata per il suo patrimonio storico, artistico o ambientale ma per la sua capacità di creare nuovo senso intorno a questa eredità, tenendo conto del tessuto urbano e dei contesti produttivi in cui si va ad agire, dimensione europea ed il rapporto tra città e cittadini sono i criteri perché una città possa essere candidata, ecco perché non è pensabile dare la 4

5 responsabilità, il fardello così impegnativo, così grande solo ai nostri amministratori. Dobbiamo noi cittadini avere un ruolo attivo e duraturo nello sviluppo culturale della città. Sono convinto che solo in questo modo, iniziando da noi stessi, potremo aprire il territorio ad una conoscenza vera ma soprattutto ad un riconoscimento delle proprie capacità. La città e i suoi cittadini devono prendersi la responsabilità di valorizzare le proprie peculiarità e a dare dimostrazione della propria creatività. Non possiamo perdere quest occasione: ottenere il titolo di Capitale europea della cultura è uno strumento che può portare ad un cambiamento solo se il territorio intero decide di darsi una possibilità. E un occasione di crescita per le amministrazioni pubbliche e le comunità che devono camminare e agire di concerto per raggiungere a medio e a lungo termine l obiettivo. La candidatura dunque non è altro che l inizio di un percorso, una palestra per il futuro, un sogno, un laboratorio di esperienze in atto e in potenza, la possibilità di diventare ciò che siamo, se lo vogliamo davvero. Soltanto partecipando attivamente potremmo dimostrare che siamo crocevia di culture, il punto d incontro con il sud del mondo, Lecce e Brindisi sono il tacco su cui regge il futuro d Europa. Per Lecce2019 reinventarsi vuol dire non accomodarsi sul valore del proprio patrimonio architettonico e artistico ma piuttosto riconoscersi, cogliere potenzialità, mettere in connessione, saltare la barriera dell isolamento per attivare tra i cittadini un ciclo continuo di conoscenze, possibilità e modelli di crescita innovativi. Rompere gli schemi, avere il coraggio di mettersi in gioco per cambiare il punto di vista. Questo il nostro giornale lo fa da anni: portiamo avanti da anni una sistematica promozione delle arti figurative, facendo di ogni numero una vera e propria monografia, alternando l approfondimento delle opere di artisti che hanno fatto la Storia dell Arte, con quelli che, originari del Salento, si sono distinti a livello internazionale. Per questo accogliamo e sosteniamo con entusiasmo la candidatura di Lecce a Capitale europea della Cultura 2019: perché ci sentiamo parte integrante di un offerta culturale sistemica, che, in maniera omogenea ed unitaria propone un identità ben caratterizzata della nostra Storia e della nostra cultura. È questo lo spirito con cui dobbiamo lavorare per Lecce2019 Capitale europea. L Ordine dei medici e la stessa classe medica non può sottrarsi a questa responsabilità di partecipare attivamente a sensibilizzare la popolazione a non perdere questa occasione, questa grande opportunità, che consentirebbe di entrare in un indotto di una potenzialità straordinaria. Qualora venissimo dichiarati Capitale Europea della Cultura sarà certamente una vittoria, ma rappresenterà il primo ed il più piccolo dei traguardi di un cammino che impegnerà Lecce, Brindisi e le rispettive province per moltissimi anni. Parafrasando Massimo D Azelio potremmo dire abbiamo fatto Lecce capitale europea della cultura ora dobbiamo fare i leccesi! Forse un espressione troppo dura, ma un evento di questa portata deve necessariamente farci modificare alcune abitudini comportamentali, dobbiamo sprovincializzarci, diventare cittadini dell Europa, anzi del mondo. 5

6

7

8 di Gino Peccarisi Pochi specializzandi: collasso del SSN all orizzonte IL PARADOSSO: I PENSIONATI MEDICI SARANNO IN NUMERO SUPERIORE ALLE NUOVE LEVE. ALL ESTERO CONTRATTI PIÙ ALLETTANTI. URGENTE PORRE RIMEDIO P rima della sua istituzione l assistenza sanitaria in Italia era assicurata dagli enti mutualistici, o casse mutue, competenti ognuna per una determinata categoria di salariati, che erano assistiti insieme con i loro familiari. Gli enti erano finanziati dai contributi versati direttamente dai datori di lavoro e dai loro dipendenti. È evidente come l assistenza fosse in relazione non all essere cittadino italiano ma lavoratore. Tale differenza di trattamento cessò con l istituzione del Sistema sanitario nazionale che soppiantò il sistema mutualistico; gli ospedali divennero enti pubblici e fu data attuazione all articolo 32 della Costituzione italiana che sancisce il diritto alla salute per tutti gli individui. Secondo l OMS per accesso alle cure ed efficienza di spesa eravamo secondi solo alla Francia. Ora lo Stato garantisce livelli essenziali di assistenza per ogni cittadino; le Regioni realizzano gli intendimenti del Governo e gestiscono la spesa nei limiti del raggiungimento degli obiettivi fissati. Il distretto socio sanitario eroga le cure primarie attraverso medici di medicina generale e pediatri di libera scelta e soddisfa la richiesta di prestazioni diagnostiche, specialistiche e ospedaliere in regime di ricovero o ambulatoriale. Un ingranaggio ben concepito che continua a fare del nostro uno dei Paesi più virtuosi in campo sanitario. Tuttavia da più parti si levano allarmi perché, per 8

9 un incongrua programmazione, il sistema potrebbe incepparsi. Il numero programmato ha già creato per i prossimi anni una carenza di medici nella medicina di base dato che i colleghi che andranno in pensione supereranno di gran lunga quelli impegnati nel triennio di formazione professionale che abilita alla medicina territoriale. Saremo costretti a chiedere aiuto ai sanitari provenienti dall estero. Fra i tanti problemi quello che preoccupa maggiormente è il paradosso fra una pletora, si fa per dire, di laureati in medicina, disoccupati e la carenza sempre più pressante di specialisti. Gli ospedali sono già al collasso e i reali bisogni della popolazione non soddisfatti. Il rischio di un collasso è dietro l angolo e, se non si interviene con urgenza, il sistema rischia di impazzire. In Puglia la Asl di Foggia, per ricercare anestesisti e specialisti in medicina d urgenza, ha chiesto aiuto a Grecia e Spagna. Un campanello d allarme per denunciare il taglio della spesa per la formazione post laurea e la ridotta preparazione di professionisti rispetto alle reali esigenze del Paese. Tutto ciò mentre la laurea in medicina diventa sempre più ambita; solo in questo anno in numero dei partecipanti ai test di accesso alla facoltà ha subito un decremento rispetto alla crescita esponenziale degli anni passati. Frutto, probabilmente, della crisi economica e dei test programmati durante l anno scolastico, quando i ragazzi dovrebbero studiare esclusivamente per la maturità. Che ci sia uno scollegamento fra i licei e l università e che la scuola debba essere cambiata non ci sono più dubbi, anche se le riforme dovrebbero comprendere molti settori di questa nostra Italia disastrata. Il sistema sanitario nazionale nel prossimo futuro potrebbe non soddisfare più la domanda di salute; nei prossimi dieci anni mancheranno circa quindicimila medici. A fronte dei 58mila pensionamenti previsti per medici dipendenti pubblici, specialisti ambulatoriali e universitari, i contratti di formazione ammonteranno a circa 42mila. Da non sottovalutare, infine, l aumento della popolazione femminile in campo sanitario che al di sotto dei 35 anni supera di gran lunga quella maschile. Tutto ciò comporta una carenza di specialisti in alcune branche come quelle chirurgiche notoriamente non preferite dalle colleghe. Al momento i medici specializzati in Italia trovano migliori opportunità di lavoro all estero; molti colleghi già popolano gli ospedali fuori dai confini nazionali così l Italia regala i nostri talenti alle Nazioni oltre confine, dopo aver speso centinaia di euro per la loro formazione. Sul web e sui siti ufficiali le offerte di lavoro con retribuzioni allettanti non mancano e se continuerà la politica miope dei nostri amministratori, quello sanitario sarà presto un problema destinato ad aggravare la già compromessa crisi sociale. Gran Bretagna, Francia, Germania, Svezia, Danimarca e Australia sembrano le destinazioni preferite perché garantiscono stabilità contrattuale che il nostro Paese non è in grado di dare. Il blocco del turn over, sbarrando l accesso ai 9

10 concorsi nelle aziende sanitarie locali, non contrasta lo stato d insoddisfazione e d incertezza che alimenta l emigrazione intellettuale. Infatti, su iscritti alla facoltà di medicina solo potranno accedere alle scuole di specializzazione, cui si aggiungono le 900 borse di studio in Medicina Generale, lasciando la maggior parte in un precariato senza speranza. Così da un lato la fuga dei cervelli, stanchi di aspettare una riforma strutturale che non arriva, lasciano la terra natia e dall altro siamo costretti ad importare professionisti dall estero per colmare le carenze. In Puglia la situazione rispecchia quella generale. La nuova programmazione sanitaria è costretta a richiedere lo sblocco dei concorsi per coprire i posti rimasti vacanti; esiste tuttavia il pericolo che non si riescano a trovare i medici. Sarà necessario ricercarli da altre Regioni, se non dall estero. Colpa di una politica di tagli per mera ragione di bilancio che negli anni precedenti ha provocato disastri e che ora impone una seria pianificazione. La formazione specialistica potrebbe essere una risorsa se, dopo i primi due o tre anni, l assunzione nel sistema regionale potesse far continuare l iter formativo presso gli ospedali dove esiste la richiesta più pressante di manodopera. A dare una svolta, a sorpresa, è intervenuto il premier Renzi che ha promesso, a margine di una conferenza stampa, un aumento del numero di specializzandi da a per venire incontro alle associazioni studentesche, protagoniste di vibrate proteste e manifestazioni di piazza. Il proposito di ricercare le risorse per risolvere il problema fa ben sperare per un futuro al momento pervaso da tinte fosche. L Italia non può abbandonarsi rassegnata a un periodo di crisi economica e di valori che ha coinvolto tutti i Paesi a livello mondiale. Molte Nazioni già vedono una via di uscita mentre in Italia si cercano ancora le soluzioni. Ma noi siamo tenaci, disposti a rimboccarci le maniche se c è la prospettiva di un prospero futuro che avvantaggi l intera collettività. Senza l impegno e le risorse finanziarie non c è crescita, né tantomeno speranza. 10

11

12 Le megaprotesi in chirurgia ortopedica LO SVILUPPO DELLE PROTESI PER GRANDI RESEZIONI OFFRE ALLA CHIRURGICA ORTOPEDICA ONCOLOGICA E DEGENERATIVA OPPORTUNITÀ TERAPEUTICHE UN TEMPO SOLO SPERATE di Walter Mega, Vinicio Perrone, Francesco De Caro * Introduzione Lo sviluppo delle protesi per grandi resezioni offre alla chirurgica ortopedica oncologica e degenerativa opportunità terapeutiche un tempo solo sperate. In particolare, le cosiddette megaprotesi trovano indicazione nelle gravi perdite di sostanza ossea secondarie alla patologia neoplastica, nella chirurgia di revisione protesica ripetuta, nelle fratture periprotesiche complicate o come soluzione di gravi sconquassi articolari postraumatici. Trattasi di una chirurgia complessa e non scevra da rischi, da riservare a casi clinici selezionati che, diversamente, sarebbero destinati alla perdita della funzione articolare o alla completa perdita dell arto. Ogni caso necessita di accurata valutazione, in tutte le sue accezioni, al fine di poter interpretare al meglio le richieste funzionali del paziente stesso. La nostra esperienza nel trattamento delle pseudoartrosi e delle gravi perdite di tessuto osseo nella chirurgia di revisione protesica di anca e ginocchio, nonché la necessità di dover trattare casi di sempre maggiore complessità, ci hanno portato a considerare fra le soluzioni estreme anche quella delle megaprotesi. Nelle gravi fratture periarticolari caratterizzate da pluriframmentarietà e nella revisione protesica complessa, le megaprotesi (MP) possono quindi essere considerate, in casi selezionati, come una soluzione utile a disposizione del chirurgo ortopedico più esperto. In chirurgia oncologica, le MP danno l opportunità di restituire al paziente una funzione, anche se non ad integrum, migliorandone la qualità di vita, pur non 12

13 modificandone l aspettativa di vita nei casi di localizzazione secondaria. Nel complesso, le MP rappresentano una preziosa opportunità per ripristinare la funzionalità in quei pazienti che sono, loro malgrado, costretti ad affrontare malattie altamente invalidanti. Negli ultimi due anni abbiamo impiantato 5 megaprostesi con tecnica one step: cioè alla rimozione del segmento osseo patologico è seguito l immediato inserimento della MP. In 2 pazienti è stato sostituito il femore prossimale, in 3 casi sia il femore distale sia la tibia prossimale. Nonostante il follow-up medio non sia molto lungo, i risultati clinici sono incoraggianti senza complicanze, buona articolarità senza deficit sensitivi e motori e discreto recupero funzionale. Megaprotesi La megaprotesi (MP) nasce principalmente per rispondere alle necessità delle ricostruzioni scheletriche dopo resezione per tumore osseo. Trattasi di un sistema protesico modulare, messo a punto dal Prof. Dr. Rodolfo Capanna del Centro Traumatologico Ortopedico di Firenze, al fine di sostituire l uso di innesti ossei massivi provenienti dalle Banche dell Osso o i trapianti freschi osteoarticolari. In particolare dopo la resezione per sarcomi ad alto grado, la MP si sta imponendo come il metodo ricostruttivo di elezione. Questi sistemi protesici consentono risultati funzionali mediamente buoni e tempi di recupero rapidi, ma comportano possibili complicazioni meccaniche ed infettive di cui bisogna tenere conto nella pianificazione dell intervento chirurgico. Trattasi di protesi che riproducono l anatomia del femore o della tibia; il sistema modulare rende l impianto versatile per la ricostruzione dei diversi segmenti scheletrici dell arto inferiore, rispondendo alle esigenze ricostruttive e consentendo il ripristino di segmenti ossei variabili da 10 cm a 48 cm di lunghezza. La componente femorale si comporta come una normale protesi di anca di primo impianto perché dotata di testina che si articola con il cotile protesico. A livello del ginocchio, le componenti femorale e tibiale sono fra loro vincolate garantendo una stabilità articolare ed una buona cinematica articolare. I risultati clinici nel medio-lungo termine hanno permesso di estendere le indicazioni di questo sistema modulare protesico anche al paziente affetto da patologia degenerativa articolare. Le pseudoartrosi già sottoposte a trattamenti di rigenerazione ossea o infette, le fratture su articolazioni già protesizzate o le mobilizzazioni di protesi di revisione con grave perdita di bone stock, oggi possono trovare adeguate soluzioni proprio attraverso l utilizzo della MP. Sono trattamenti chirurgici che restituiscono al paziente una propria autonomia garantendo un completo recupero funzionale degli arti. 13

14 Materiali e metodi Presso l Unità Operativa di Ortopedia e Traumatologia dell Ospedale di Gallipoli, negli ultimi due anni, sono stati effettuati 5 impianti di megaprotesi. Trattasi di 3 femmine e 2 maschi con età media 66 anni (min. 55 max 82). In 2 casi è stato sostituito il femore prossimale: in un paziente perché presentava una neoplasia primitiva ad alto grado di malignità che coinvolgeva una ampia porzione di osso (Fig. 1); una paziente, invece, presentava una frattura su protesi di revisione con esteso riassorbimento osseo. In 3 casi è stato protesizzato il femore distale e la tibia prossimale: due pazienti presentavano gli esiti di una frattura mal consolidata dei due versanti articolari sottoposti precedentemente a sintesi e revisione della stessa (Fig. 2); una paziente presentava una frattura al di sopra della protesi di ginocchio precedentemente impiantata (Fig. 3). Abbiamo fatto uso del modello MEGASYSTEM-C della Waldemar Link Germany. Trattasi di una classica protesi di anca caratterizzata da uno stelo protesico con elevata modularità che permette al chirurgo la ricostruzione centimetrica del femore prossimale sino alla sua completa sostituzione. Allorquando l impianto è esteso anche alla tibia prossimale, le componenti (femorale e tibiale) vengono assemblate fra loro, a livello del ginocchio, attraverso un giunto che conferisce ampia stabilità ed articolarità. Gli steli consentono un ancoraggio o diretto all osso o attraverso uno strato di cemento osseo; le superfici protesiche microporose favoriscono la ricrescita ossea ed offrono la possibilità di utilizzo di allograft ossei. Infine, le superfici della protesi possono essere trattate con particolari rivestimenti in modo da consentirne l uso anche nel caso di pseudoartrosi infette. Nei casi di aggressione del femore prossimale, la via chirurgica utilizzata è stata quella postero-laterale con prolungamento dell incisione distalmente verso il ginocchio. Nel caso del ginocchio, la via era longitudinale pararotulea mediale ampiamente estesa. La procedura chirurgica è stata effettuata sempre in anestesia generale. In tutti i pazienti abbiamo sempre cementato gli steli. La ricostruzione muscolare ed in 14

15 particolare la reinserzione dei gluteti, nel caso dell anca e dell apparato estensore, nel caso del ginocchio, rappresentano un momento fondamentale dell intervento chirurgico al quale abbiamo dedicato grande importanza. In tutti i pazienti sono stati eseguiti i controlli clinici e radiografici nei tempi consueti. Altri elementi presi in esame sono state le complicanze intra e post-operatorie, il tempo operatorio, la stabilità dell impianto alle manovre lussanti, il dolore, la soddisfazione globale del paziente. Risultati Non sono state registrate complicanze di alcun genere intraoperatorie. Nell ultimo caso della serie, trattasi di una donna di 82 anni, nella fase del risveglio, si è verificata un embolia polmonare che tuttavia è stata adeguatamente trattata dal rianimatore al punto che la stessa paziente non ha riportato danni maggiori. Il tempo operatorio è andato progressivamente scendendo (3,5 ore nel primo impianto) assestandosi intorno alle 2 ore. In tutti i casi il sanguinamento intraoperatorio è stato lievemente al di sopra rispetto a quello consueto di un impianto di protesi totale di ginocchio. Il paziente affetto da tumore ha, invece, sanguinato maggiormente per la maggiore vascolarizzazione secondaria all angiogenesi tumorale. Nessun caso di lussazione articolare o paresi nervose, nonché deficit sensitivi. Nell uomo affetto da neoplasia dell anca, nelle prime due settimane era presente un edema di tutto l arto inferiore trattato positivamente con calza antitrombo. Il grado di flessione raggiunto dalle ginocchia è stato di 90. Tutti i pazienti hanno ripreso a deambulare dal quarto giorno dopo l intervento chirurgico ed alla dimissione facevano uso di due canadesi: presentavano tutti una discreta capacità deambulatoria e soprattutto avevano recuperato la capacità di alzarsi dal letto e dalla sedia in piena autonomia. I controlli radiografici al follow-up non hanno dimostrato segni di scollamento o riassorbimento osseo. Discussione I massivi riassorbimenti ossei periprotesici o la necessità di dovere pensare ad ampie resezione di porzioni di osso diventano evenienze sempre più frequenti anche nei centri ortopedici di provincia. Il progressivo invecchiamento della popolazione congiunto alle sempre maggiori richieste funzionali, le quali trovano adeguate soluzioni negli impianti protesici di anca e ginocchio, comporta un sensibile aumento di osservazioni di casi clinici cosiddetti complessi. Di conseguenza assume fondamentale importanza il problema delle revisioni protesiche. Dopo aver impiantato una protesi, sostituita da un altra protesi e talvolta da un altra ancora, alla fine si avrà una perdita di una grande quantità di osso al punto che, talvolta, si può rendere necessaria la sostituzione dell intero femore o di parte del bacino. Questi pazienti sarebbero destinati a subire interventi molto demolitivi che spesso portano all amputazione dell arto stesso. In altri casi ci si trova di fronte a pazienti che hanno subito gravi traumatismi e sono stati sottoposti a numerosi tentativi di osteosintesi, spesse volte con risultati negativi. Lo sviluppo delle megaprotesi nei gravi difetti ossei segmentali è avvenuto grazie alle applicazioni della ingegneria metallurgica nel campo dell oncologia 15

16 chirurgica 1. Lo sviluppo delle protesi per grandi resezioni offre importanti opportunità per i chirurghi ortopedici apportando una innovazione terapeutica reale per questi pazienti cosiddetti difficili, che possono così sperare in una buona ripresa funzionale ed un discreto o elevato livello di attività. Il sistema protesico modulare ha dimostrato un ottima versatilità nella ricostruzione dei diversi segmenti scheletrici dell arto inferiore, rispondendo alle esigenze ricostruttive e consentendo il ripristino di segmenti variabili da 10 cm a 48 cm di lunghezza. La modularità lascia al chirurgo ampia scelta sull altezza di resezione ossea non pregiudicando il recupero della corretta altezza del piano articolare e non inficiando la sopravvivenza dell impianto stesso. Diversamente, quanto più si preserva la resezione della massa muscolare, più si ottimizza la possibilità di controllo e di equilibrio dell arto nelle fasi del passo e della statica, con la conseguenza di ridurre i rischi di complicazioni meccaniche dell impianto. I risultati clinici e funzionali delle megaprotesi nelle grandi resezioni della tibia prossimale sono sicuramente meno validi rispetto a quelli delle megaprotesi utilizzate per la ricostruzione del femore prossimale o del femore distale. Il dato consegue alle difficoltà di reinserzione dell apparato estensore sullo stelo metallico della protesi e alla scarsa copertura di tessuti molli della porzione metadiafisaria prossimale della tibia con maggiore probabilità di incidenza di infezioni. Per cercare di ovviare alla difficoltà di reinserzione dell apparato estensore si ricorre a disegni che permettono un sicuro e duraturo ancoraggio del tendine alla protesi. Nella figura 2A è visibile la protesi con accanto la placchetta metallica utilizzata per la reinserzione del tendine rotuleo: la placchetta viene avvitata a dei fori appositamente predisposti sullo stelo protesico (Fig. 2B). La mobilizzazione asettica dell impianto è considerata la causa più frequente di fallimento dell impianto di MP, con percentuali che oscillano fra il 6 ed il 9%. Studi clinici dimostrano che l uso di steli endomidollari è particolarmente utile a garantire una lunga sopravvivenza dell impianto ed in particolare gli steli modulari permettono un ampio contatto dello stesso con la superficie endostale dell osso 2-3. La rottura dello stelo protesico è la seconda grave 16

17 complicazione meccanica delle megaprotesi, causa di fallimento dell impianto: le percentuali oscillano fra il 4 ed il 9% L infezione è in assoluto la complicazione più grave soprattutto nel paziente oncologico, perché comporta il rischio di compromettere la chemioterapia e perché costringe ad una o più revisioni chirurgiche dall esito non sempre prevedibile. L incidenza di infezione viene stimata intorno al 10% 3. L analisi statistica dei casi trattati presso l Istituto Rizzoli dimostra una sopravvivenza degli impianti a complicazioni maggiori (rotture, mobilizzazione asettica, infezione) a 10 anni superiore all 80% 8. Questi dati confermano la complessità dell intervento chirurgico e l accuratezza dell indicazione la quale comporta un attenta selezione dei pazienti ed un accurata valutazione delle motivazioni degli stessi, considerando che l alternativa all impianto sarebbe il più delle volte l amputazione o o la perdita dell articolarità con conseguenti gravi inabilità. La meticolosa attenzione nell attuazione della procedura chirurgica, aggiunta all elevato livello raggiunto nel disegno protesico e nell utilizzo di nuovi materiali, consente, tuttavia, il continuo miglioramento dei risultati soprattutto nel lungo periodo, allorquando l indicazione venga posta in un paziente non oncologico. Il modello di protesi da noi usata si dimostra particolarmente performante perché studiata e sviluppata proprio per questa chirurgia cosiddetta di salvataggio. La moduarità, il design ed i materiali la rendono adatta ai casi difficili. La nostra esperienza è limitata a pochi casi, pur tuttavia si dimostra incoraggiante per i risultati fin qui raggiunti a fronte di complicanze ritenute accettabili in proporzione alla complessità dei casi trattati. Conclusioni Le megaprotesi modulari per l arto inferiore usate nella ricostruzione dopo ampia resezione per tumore osseo, o gravi fratture su protesi e non o per esiti di frattura dove l osteosintesi è fallita, offrono buoni risultati funzionali ed una soddisfacente sopravvivenza a lungo termine. L accuratezza della procedura chirurgica ed il progresso tribologico hanno consentito di ridurre l incidenza di complicazioni meccaniche e biologiche registrate in passato. Il paziente candidato ad un amputazione dell arto può trovare oggi adeguato ristoro attraverso l uso delle magaprotesi che possono andare a sostituire ampi difetti ossei. Bibliografia 1. Capanna R, Campanacci DA. The treatment of metastases in the appendicular skeleton. J Bone Joint Surg Br. 2001; 83(4): Bugbee WD, Ammeen DJ, Engh GA. Does implant selection affect outcome of revision knee arthroplasty? J Arthroplasty,2001;16: Mittermayer et al. Mittermayer F, Krepler P, Kotz 17

18 R, et al. Long-term followup of uncemented tumor endoprostheses for the lower extremity. Clin Orthop 2001;388: Shin DS, Weber KL, Sim FH, et al. Reoperation for failed prosthetic replacement used for limb salvage. Clin Orthop 1999;358: Mittermayer F, Windhager R, Kotz R, et al. Revision of the Kotz type of tumor endoprostheses for the lower limb. J Bone Join Surg 2002;84B: Chandrasekar CR, Grimer RJ, Carter SR, Tillman RM, Abudu AT. Modular endoprosthetic replacement for metastatic tumours of the proximal femur. J Orthop Surg Res. 2008; 3: Hattori H1, Mibe J, Yamamoto K. Modular megaprosthesis in metastatic bone disease of the femur. Orthopedics Dec 6;34(12):e Ruggieri P, Bosco G, Colangeli S, Pasini E, Campanacci L, Mercuri M. Prosthetic reconstruction of the lower limb for bone tumors: experience of the Rizzoli Institute. 18th Annual Meeting of the European Muscolo-skeletal Oncology Society (EMSOS), Trieste, May 25-27, *UO Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Cuore di Gesù, Gallipoli (Le) Corrispondenza: 18

19

20 I test di biologia molecolare sui campioni cito-istologici di neoplasie per la terapia personalizzata UN CRESCENTE NUMERO DI BIOMARCATORI È IN GRADO DI PREDIRE LA RISPOSTA O LA RESISTENZA DI DIFFERENTI TIPI DI NEOPLASIE AL TRATTAMENTO O L INSORGENZA DI TOSSICITÀ SEVERA O DI EFFETTI AVVERSI, SPECIALMENTE CON I NUOVI FARMACI BIOLOGICI; QUESTI MARCATORI, PERTANTO, SONO INDICATI PER UN APPROCCIO PIÙ PERSONALIZZATO AL TRATTAMENTO DEI TUMORI. Giambattista Lobreglio***, Maria Maddalena Galante*, Enrico D Ambrosio** Abstract La valutazione dello stato mutazionale di alcuni geni e dell espressione di proteine coinvolti nella regolazione della proliferazione cellulare e della crescita neoplastica consente di predire la risposta o la resistenza dei tumori a trattamenti specifici. La determinazione di questi test può essere eseguita con varie metodiche molecolari su pezzo operatorio, prelievo bioptico o citologico del tumore primitivo e/o metastasi e si rende necessaria per la scelta della migliore strategia terapeutica in pazienti selezionati con carcinoma del colon-retto, carcinoma polmonare non a piccole cellule, tumore della mammella, melanoma ed altre neoplasie. Introduzione Molti pazienti affetti da neoplasie attualmente vengono trattati con una variabile combinazione di citostatici, ormoni, farmaci biologici, radiosisotopi e/o radiazioni ionizzanti, sulla base dell origine anatomica del tumore, dell istotipo, del grado istologico, dello stadio clinico, dell età e performance status. A questi criteri di selezione del trattamento più appropriato per il paziente affetto da tumore, si stanno continuamente aggiungendo nuovi marcatori in grado di predire la risposta o la resistenza a specifici farmaci o di selezionare la dose del farmaco con maggiore efficacia terapeutica e più bassa tossicità. In questo articolo verranno trattati alcuni biomarcatori (specifici geni o proteine mutate) che hanno superato 20

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Approccio multidisciplinare e medicina personalizzata Roberto Labianca Direttore Cancer Center AO Papa Giovanni XXIII Direttore DIPO Bergamo

Dettagli

Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni

Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni dei geni predittivi di risposta alla terapia oncologica Carmelo Lupo Casa di Cura La Maddalena Palermo Test molecolari PREDITTIVI di

Dettagli

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto Carmelo Lupo RAS-RAF signaling Activation of the RAS-RAF signaling cascade occurs via the following sequential steps 1 : Activation

Dettagli

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Università di Pisa Dipartimento di Farmacia Corso di laurea in CTF Corso: Basi biochimiche dell azione dei farmaci Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Pisa, 27/03/2014 Samuela Fabiani

Dettagli

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche la storia di HER2 V. Martin 28 giugno 2011 HER2: Human Epidermal Receptor HER2 e carcinoma mammario alias c-erb, ERBB2, HER-

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH (Silver Enhanced In Situ Hybridization) CON LA METODICA MANUALE FISH (Fluorescence In Situ Hybridization) PER LA VALUTAZIONE DELLO STATO DEL GENE HER2 (neu)

Dettagli

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights 16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights RISULTATI PRELIMINARI STUDIO ITACA Lo studio Itaca è uno studio multicentrico italiano di Fase III che confronta un trattamento chemioterapico tailored

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Complessità Sistema Sanitario e Sociosanitario Natura delle patologie stadio ed evoluzione necessità assistenziali Domanda popolazione che esprime

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO Documento redatto da: Dott.ssa T.Venesio, Dr.ssa A. Balsamo - Laboratorio di Patologia

Dettagli

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò Anticorpi monoclonali Anti-EGFR -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri Valentina Anrò Ruolo Biologico Epidermal Growth Factor Receptor Extracellular Domain Transmembrane Domain

Dettagli

REPORT FINALE DEL PROGETTO III Controllo di qualità nazionale per la valutazione delle mutazioni di RAS nel carcinoma del colon-retto -2014

REPORT FINALE DEL PROGETTO III Controllo di qualità nazionale per la valutazione delle mutazioni di RAS nel carcinoma del colon-retto -2014 REPORT FINALE DEL PROGETTO III Controllo di qualità nazionale per la valutazione delle mutazioni di RAS nel carcinoma del colon-retto -2014 Il Comitato Scientifico AIOM e SIAPEC-IAP ha organizzato per

Dettagli

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Negli ultimi anni c è stato un notevole cambiamento nella gestione diagnosticoterapeutica dei soggetti affetti da neoplasia

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

La Rete Oncologica Veneta e i numeri del tumore del polmone nel Veneto

La Rete Oncologica Veneta e i numeri del tumore del polmone nel Veneto La Rete Oncologica Veneta e i numeri del tumore del polmone nel Veneto Padova, 29 ottobre 2015 PierFranco Conte Giulia Pasello, Mario Saugo Dipartimento di Scienze Chirurgiche Oncologiche e Gastroenterologiche

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica

Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica 17 corso nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica Dott.ssa Maura Pandolfi Istituto di Anatomia

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO

INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO Accesso chirurgico al ginocchio Protesi posizionata 2 La protesizzazione del ginocchio consiste nel ricostruire chirurgicamente l articolazione formata dai condili

Dettagli

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco Gravedona 22 ottobre 2010 Ruolo dei farmaci anti HER 2 Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco LONG SURVIVORS IN MBC FARMACI ANTI HER2 TUMORE MAMMELLA 1950 Diagnosi Operabile

Dettagli

Years since Randomization No. at Risk 513 489

Years since Randomization No. at Risk 513 489 HER2Club in gastric cancer Obiettivi della terapia nel carcinoma gastrico metastatico e standard terapeutici. Carcinoma gastrico metastatico HER2-positivo: il ruolo di trastuzumab. Mario Scartozzi L ampliamento

Dettagli

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO Cetuximab può ridurre la massa tumorale per permettere la resezione delle metastasi, anche, in pazienti inizialmente non resecabili,

Dettagli

Le fratture del collo femorale del grande anziano:trattamento con cotile ritentivo.

Le fratture del collo femorale del grande anziano:trattamento con cotile ritentivo. Le fratture del collo femorale del grande anziano:trattamento con cotile ritentivo. R. Serracchioli U. Scarlato T. Truong P. Ghiggio A. Devecchi S.O.C ORTOPEDIA TRAUMATOLOGIA IVREA Direttore: Paolo Ghiggio

Dettagli

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA sanitaria Descrizione L obiettivo fondamentale è fornire diagnosi corrette, complete, tempestive e clinicamente rilevanti. Gli esami istologici e citologici

Dettagli

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Il Consiglio Direttivo Nazionale LILT, nella seduta del 19 marzo 2015, ha formalmente approvato la documentazione relativa ai lavori della Commissione tecnico-scientifica

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

Le applicazioni pratiche delle scoperte in biologia molecolare Luca Mazzucchelli Istituto cantonale di patologia Locarno

Le applicazioni pratiche delle scoperte in biologia molecolare Luca Mazzucchelli Istituto cantonale di patologia Locarno Le applicazioni pratiche delle scoperte in biologia molecolare Luca Mazzucchelli Istituto cantonale di patologia Locarno Oncologia Lago Maggiore Locarno 25 settembre 2008 Farmaco Target Indicazione Rituximab

Dettagli

IL RUOLO DELLE SOCIETA SCIENTIFICHE SIAPeC IAP

IL RUOLO DELLE SOCIETA SCIENTIFICHE SIAPeC IAP Roma 25-26 ottobre 2011 Camera dei Deputati Palazzo Marini Sala della Mercede IL RUOLO DELLE SOCIETA SCIENTIFICHE SIAPeC IAP (Società di Anatomia Patologica e Citopatologia diagnostica Divisione Italiana

Dettagli

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione Il ruolo del chirurgo generale in chirurgia oncologica dell'adolescente

Dettagli

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA sanitaria Descrizione L obiettivo fondamentale è fornire diagnosi corrette, complete, tempestive e clinicamente rilevanti. Gli esami istologici e citologici

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

Verso la terapia personalizzata

Verso la terapia personalizzata Verso la terapia personalizzata M.G.Tibiletti Genetista Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese Soroptimist Club Varese Varese 20 aprile 2013 Test genetici DIAGNOSTICI PRESINTOMATICI PREDITTIVI,

Dettagli

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

Dettagli

Istituto cantonale di patologia Locarno # " $%& # " $0 !%% ' (!")!"* 1(!")."/ ((($!"* +,"-.&$ (( 1 (."/ (((!"*!") !" # $ %

Istituto cantonale di patologia Locarno #  $%& #  $0 !%% ' (!)!* 1(!)./ ((($!* +,-.&$ (( 1 (./ (((!*!) ! # $ % ? Istituto cantonale di patologia Locarno!"!."/ # " $%!%% ' (!")!"* +,".$ (( # " $0 (!")."/ ((($!"* (."/ (((!"*!") 2%3" 2%3."/ # " $%0 %( *)2%3 (( # $ (! ((*)2%3 # " $ %(."/ ((( *)2%3 %(."/ ((( *)2%3 %(.!

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone I A Cura di: Simona Carnio Divisione di Oncologia Toracica - A.O.U. San Luigi - Orbassano (TO) Silvia Novello Dipartimento di Oncologia - Università

Dettagli

KRAS. Facilità d uso senza confronto. Idylla consente risultati rapidissimi con tempi di intervento minimi da parte dell operatore

KRAS. Facilità d uso senza confronto. Idylla consente risultati rapidissimi con tempi di intervento minimi da parte dell operatore KRAS Facilità d uso senza confronto Circa il 45% di tutti i tumori colorettali metastatici presentano mutazioni degli esoni 2, 3 e 4 dell oncogene KRAS 1. Idylla, il sistema di Biocartis completamente

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Nucleare

Unità Operativa di Medicina Nucleare Parte Seconda (per il Medico di Famiglia) INDICAZIONI "APPROPRIATE" Nonostante la documentata efficacia diagnostica, la diffusione dei tomografi PET/CT sul territorio nazionale e regionale è ancora limitata

Dettagli

Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi

Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi IV Congresso Regionale I Congresso del Middle Management di Area Tecnica Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi Dott.ssa

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Evento Formativo accreditato ECM

Evento Formativo accreditato ECM Evento Formativo accreditato ECM INCONTRI CON L ESPERTO 2015 Aula Polo Oncologico, 6 ottobre, 10 novembre, 24 novembre 2015 ID ECM 1252-132524 ED. 1 Responsabili Scientifici: Dott. A. Fontana, Dott. A.

Dettagli

METASTASI OSSEE: STRATEGIE CHIRURGICHE Dott.ssa Serena Puccini Ortopedia e Traumatologia S. Jacopo PT

METASTASI OSSEE: STRATEGIE CHIRURGICHE Dott.ssa Serena Puccini Ortopedia e Traumatologia S. Jacopo PT : STRATEGIE CHIRURGICHE Dott.ssa Serena Puccini Ortopedia e Traumatologia S. Jacopo PT IMPATTO SOCIALE IMPATTO SOCIALE EPIDEMIOLOGIA PATOLOGIA LARGAMENTE DIFFUSA 1.2 million new cancer cases in 1999 in

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE MESSINA UFFICIO STAMPA tel 090-3992859 Oncologia Medica AOOR Papardo-Piemonte. Il COEP, Centro Oncologico di

Dettagli

Mutazioni di EGFR nel carcinoma polmonare: epidemiologia e metodi di valutazione

Mutazioni di EGFR nel carcinoma polmonare: epidemiologia e metodi di valutazione Mutazioni di EGFR nel carcinoma polmonare: epidemiologia e metodi di valutazione Ludovini Vienna Laboratorio di biologia molecolare SC Oncologia Medica Azienda Ospedaliera-Universitaria Perugia Il tumore

Dettagli

CANCRO DEL COLON - Tab.1

CANCRO DEL COLON - Tab.1 CANCRO DEL COLON - Tab.1 Presentazione clinica Workup Soluzioni Polipo sessile o peduncolato con cancro invasivo Polipectomia Esame istologico Colonscopia Marcatura sede Campione integro, completamente

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

TERAPIA ORMONALE DEL CARCINOMA MAMMARIO: STATO DELL ARTE 28 APRILE 2009 SEDE

TERAPIA ORMONALE DEL CARCINOMA MAMMARIO: STATO DELL ARTE 28 APRILE 2009 SEDE 28 APRILE 2009 SEDE Hotel Palazzo Carpegna Via Aurelia 481 - Roma Direzione e Segreteria Scientifica Prof. Giuseppe Naso Professore Associato in Oncologia Medica, Università La Sapienza, Policlinico Umberto

Dettagli

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Milena Sinigaglia Quality Systems Management & Health S.r.l. Meetjob Oristano 23/24 Aprile 2013

Dettagli

Lynch TJ, Patel T, Dreisbach L, McCleod M, Heim WJ, Hermann RC, Paschold E, Iannotti NO, Dakhil S, Gorton S, Pautret V, Weber MR, Woytowitz D.

Lynch TJ, Patel T, Dreisbach L, McCleod M, Heim WJ, Hermann RC, Paschold E, Iannotti NO, Dakhil S, Gorton S, Pautret V, Weber MR, Woytowitz D. Lynch TJ, Patel T, Dreisbach L, McCleod M, Heim WJ, Hermann RC, Paschold E, Iannotti NO, Dakhil S, Gorton S, Pautret V, Weber MR, Woytowitz D. Cetuximab and First-Line Taxane/Carboplatin Chemotherapy in

Dettagli

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Inspired to innovate Dott.ssa Annamaria Passarelli Direttore di U.O.C. di Medicina di Laboratorio A USL RM G Tivoli Indicazioni per l impiego

Dettagli

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag.

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag. Rif. P 01 Pag. 1 Sommario 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso REVISIONI N REV. DATA STESURA DESCRIZIONE Rif. PARAGR. Rif. PAGINA 00 20/10/2009 Prima emissione

Dettagli

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica Milano, 20 novembre 2015 Dott. Massimo Castoldi Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Medicina di precisione La transizione verso l'era della

Dettagli

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006 ALLEGATO A Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing Principio attivo ERLOTINIB (Tarceva ) SUNITINIB (Sutent ) SORAFENIB (Nexavar

Dettagli

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova 8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova I programmi di screening per la prevenzione dei tumori della mammella, del colon retto e della cervice uterina

Dettagli

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI )

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) 1/7 MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) Nome Commerciale XALKORI Principio Attivo Crizotinib Ditta Produttrice Pfizer Italia Srl ATC L01XE16 Formulazione Capsule rigide Dosaggio 200 mg 250 mg Altri antineoplastici

Dettagli

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione Autori Prefazione alla prima edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla terza edizione XV XIX XXI XXIII 1. Epidemiologia e prevenzione oncologica (M. De Laurentiis, R. Bianco, S. De Placido)

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Indice 1. Introduzione 2. Cosa sono le targeted therapies? 3. Come funzionano le targeted therapies? 4. Perché utilizzare le targeted therapies nel

Dettagli

REGIONE LIGURIA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 4 Chiavarese Via G.B. Ghio, 9-16043 Chiavari (Ge) Codice Fiscale e P. Iva 01038700991

REGIONE LIGURIA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 4 Chiavarese Via G.B. Ghio, 9-16043 Chiavari (Ge) Codice Fiscale e P. Iva 01038700991 REGIONE LIGURIA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 4 Chiavarese Via G.B. Ghio, 9-16043 Chiavari (Ge) Codice Fiscale e P. Iva 01038700991. Profilo oggettivo DESCRIZIONE DEL FABBISOGNO Contesto organizzativo in

Dettagli

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Marcatori molecolari prognostici Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Legnano 24.03.2009 Cancro colorettale - Epidemiologia Il cancro colorettale è la seconda causa di morte per malattie

Dettagli

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr. Roberto Benelli TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr.ssa Maria Nincheri Kunz Terapie a bersaglio molecolare

Dettagli

Cap 2 - Principali tipi di cancro

Cap 2 - Principali tipi di cancro Cap 2 - Principali tipi di cancro PRINCIPALI TIPI DI CANCRO Ogni cellula presente nell organismo può potenzialmente andare incontro a mutazioni e diventare cancerosa, dando origine a moltissime varianti

Dettagli

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Test Metodo utilizzato Osservazioni, indicazioni Amplificazione genica Her2/neu nei carcinoma mammari e gastrici L amplificazione genica di Her2/neu

Dettagli

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale LINEE GUIDA ROL - COLON segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale Sostituisce carcinoma in situ o adenoma intramucoso. Stadio

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR Presentata da Dott. S. Ortu ASL 2 RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI PANITUMAB ATC L01XC08 (VECTIBIX ) In data febbraio 2010 Per le seguenti motivazioni (sintesi): Monoterapia per il trattamento di pazienti

Dettagli

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante RETTO TRATTAMENTO MEDICO 01 Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti che effettuano una terapia medica oncologica e radioterapia post-intervento

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Biologia molecolare nella diagnosi citologica

Biologia molecolare nella diagnosi citologica Carcinoma differenziato della tiroide: dalla diagnosi al follow up 21 Marzo 2009 Biologia molecolare nella diagnosi citologica Giovanni Tallini Universita di Bologna Anatomia Patologica Osp. Bellaria Patogenesi

Dettagli

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Dott.ssa Maria Luana Poeta Cos è un Tumore Omeostasi Tissutale

Dettagli

Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon

Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon Carmelo Lupo Coordinatore Tecnico U.O. Anatomia Patologica e Patologia Molecolare

Dettagli

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA Luigi Salvagno U.O. di Oncologia ANATOMIA DELLA GHIANDOLA MAMMARIA PROGRESSIONE TUMORALE La progressione neoplastica richiede

Dettagli

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente diagnosi differenziale: carcinoma della mammella sono elementi di sospetto: monolateralità, rapido sviluppo Primitiva: puberale,

Dettagli

Dipartimento di Oncologia direttore dr. Gianpiero Fasola

Dipartimento di Oncologia direttore dr. Gianpiero Fasola Dipartimento di Oncologia direttore dr. Gianpiero Fasola Misurare la qualità e la sicurezza dei pazienti adottando i percorsi clinici: l'esperienza dell'azienda Ospedaliero- Universitaria S. Maria della

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia)

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) Raccomandazioni evidence-based Panitumumab Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 36 Ottobre 2014 Direzione

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome E-mail Lucia Stocchi Cittadinanza Italiana Data di nascita 05-03-1978 Il/La sottoscritta, consapevole delle sanzioni penali e leggi speciali

Dettagli

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica AlphaReal BREAST Scheda Tecnica A3 DS RT 607 ARBreast_01_2015.doc Pag. 1 di 5 Rev. 01 del Gennaio 2015 Prodotto: AlphaReal BREAST Codice prodotto: RT-607.05.20 / RT-607.10.20 N Tests: 5/10 tests Destinazione

Dettagli

Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni

Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni http://salute24.ilsole24ore.com/articles/17936-un-paziente-su-cinque-con-cancro-al-polmone-sopravvive-dopo-3-anni Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni Un paziente su cinque,

Dettagli

Neoplasie della mammella - 1

Neoplasie della mammella - 1 Neoplasie della mammella - 1 Patologia mammaria FIBROADENOMA CISTI ASCESSO ALTERAZIONI FIBROCISTICHE NEOPLASIA NEOPLASIA RETRAZIONE CUTANEA Carcinoma mammario Incidenza per 100.000 donne Western Europe

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere In sintesi In passato: la cura del cancro era decisa sulla base della sede di origine della neoplasia (seno, intestino,

Dettagli

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto?

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Florence è il nome con cui abbiamo battezzato questo studio clinico internazionale

Dettagli

La Cura del malato oncologico

La Cura del malato oncologico La Cura del malato oncologico Salvagno Luigi U.O. Oncologia Amb onco-ematologia ULSS 7 Conegliano 23 aprile 2016 Mortalità per neoplasia negli USA anni 1975-2012 Questo dipinto rivela il mio stato d'animo

Dettagli

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

FATTORI PROGNOSTICI. Dr.ssa Rossana Tiberio. Dr.ssa Benedetta Miglino

FATTORI PROGNOSTICI. Dr.ssa Rossana Tiberio. Dr.ssa Benedetta Miglino FATTORI PROGNOSTICI MELANOMA Dr.ssa Rossana Tiberio Dr.ssa Benedetta Miglino UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE "A. AVOGADRO" FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - NOVARA CLINICA DERMATOLOGICA

Dettagli

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial H TAILR AIFA TArceva Italian Lung ptimization trial ttimizzazione dell erlotinib per il trattamento di pazienti con tumore del polmone avanzato non a piccole cellule: uno studio italiano randomizzato SISSI

Dettagli

Ruolo della biologia molecolare nel carcinoma ovarico

Ruolo della biologia molecolare nel carcinoma ovarico Carcinoma ovarico avanzato: quali novità per il 2015? Ruolo della biologia molecolare nel carcinoma ovarico Anna Pesci Ospedale SC Don Calabria, Negrar anna.pesci@sacrocuore.it TIPO I TIPO II Basso stadio

Dettagli

Il Punto Senologico. Dott.ssa Elda Longhitano. 25 settembre 2009. Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena

Il Punto Senologico. Dott.ssa Elda Longhitano. 25 settembre 2009. Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena Il Punto Senologico Dott.ssa Elda Longhitano Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena 25 settembre 2009 XIII Conferenza Nazionale della Rete HPH Ospedali e Servizi

Dettagli

PATOLOGIA MOLECOLARE

PATOLOGIA MOLECOLARE Diagnosi rischio individuale diagnosi precoce PATOLOGIA MOLECOLARE prognosi therapia singolo paziente Example of an approximately 40,000 probe spotted oligo microarray with enlarged inset to show detail.

Dettagli

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE Linee Guida ITT Istituto Toscano Tumori ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI e degli ODONTOIATRI della PROVINCIA di AREZZO 3 gennaio 2007 Ivano Archinucci UO di Pneumologia ASL 8 STADI DEL CARCINOMA POMONARE STADIO

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Le cellule cancerose

Le cellule cancerose Le cellule cancerose Cosa è il cancro? Malattia che insorge in conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare E la Seconda causa di morte si possono sviluppare in quasi tutti gli organi Le diverse

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2001

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2001 PROGETTO ESECUTIVO PROGRAMMA CCM 2001 DATI GENERALI DEL PROGETTO (MAX 1 PAGINA) TITOLO: Personalizzazione della terapia nelle neoplasie del colonretto mediante l'identificazione di fattori predittivi di

Dettagli

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia?

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia? Dott.ssa Paola Coco Struttura Semplice Trattamento Medico Sarcomi Adulto, Dott. Daniele Morelli, Responsabile Medicina di Laboratorio Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Sintesi della

Dettagli

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Corso di Immunologia Molecolare Anno Accademico 2007/08 Elisa Migliore Her2 nelle

Dettagli