967 scippi ogni 100 mila abitanti nel 1985 a 138 nel 2006), ma di considerevoli proporzioni anche nella Capitale (da 269 reati ogni 100 mila abitanti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "967 scippi ogni 100 mila abitanti nel 1985 a 138 nel 2006), ma di considerevoli proporzioni anche nella Capitale (da 269 reati ogni 100 mila abitanti"

Transcript

1 17. Criminalità L analisi dei dati sulla criminalità relativi al 2006 evidenzia una diffusione di reati nella provincia di Roma significativamente più elevata di quella rilevata complessivamente nel territorio nazionale: nella provincia capitolina si contano infatti 67,2 reati ogni 1000 abitanti a fronte di valori inferiori di circa 10 punti nel Lazio (58,2) e di oltre 20 punti in Italia (46,9) (Fig. 17.1). Tuttavia, analizzando l andamento della criminalità negli ultimi 7 anni, si osserva una crescita del fenomeno significativamente più elevata in Italia (+25,6%, passando da reati denunciati nel 2000 a nel 2006), rispetto alla provincia di Roma (+18,3%, passando da reati nel 2000 a nel 2006) (Tab. 17.2). Anche analizzando la diffusione dei reati per abitanti a Roma e nelle altre grandi Capitali europee, la provincia capitolina rileva una situazione positiva, in particolare per quanto riguarda i delitti contro la persona, che presentano un indice pari a 70,6 ogni residenti (anno 2005), a fronte di un valore pari a a Londra e a 965 a Parigi (Tab. 17.1, Fig. 17.3). In particolare il confronto dell incidenza degli omicidi volontari evidenzia come anche in questo caso sia Londra a registrare il valore più elevato (con 170 omicidi nel 2005, pari a 2,3 ogni abitanti), seguita da Berlino (1,8) e Parigi (1,6), mentre Roma risulta la Capitale con la più bassa incidenza (con 36 omicidi volontari, pari a 0,9 ogni 100 mila abitanti) (Tab. 17.1). Decisamente più diffusi in tutte le Capitali europee sono i crimini contro il patrimonio. Ancora una volta la città più colpita è Londra dove i furti/rapine/scippi raggiungono un indice pari a delitti ogni abitanti, seguita da Parigi (7.169), Berlino (6.383), Madrid (2.156) e, ancora una volta in ultima posizione, Roma (1.536). Tornando all analisi della situazione italiana, un primo approfondimento riguarda i delitti di criminalità violenta, all interno dei quali confluiscono quei reati che ledono la vita, l incolumità e la libertà individuale (Codice Penale titolo XII Dei delitti contro la persona), quali gli omicidi, i tentati omicidi, le lesioni dolose e le violenze sessuali. In questo caso la provincia di Roma registra nel 2006 un incidenza di reati contro la persona pari a 81,7 ogni abitanti, a fronte di 90,8 complessivamente registrati nella regione e a 111,9 in Italia. Più in particolare si contano 38 omicidi volontari (con una incidenza pari a 1,0 eventi su abitanti contro gli 1,1 in Italia), 116 tentati omicidi (pari a 2,9, a fronte di 2,5 in Italia), lesioni dolose (pari a 70,4 ogni 100 mila abitanti contro 100,7 in Italia) e 279 violenze sessuali (con un indice pari a 7 a fronte di 7,6 in Italia) (Tabb ). Per quanto riguarda invece i reati contro il patrimonio (furti e rapine), la loro diffusione risulta nella provincia di Roma decisamente più elevata rispetto al resto del territorio, registrando 52 reati ogni abitanti a fronte di 42 nel Lazio e 27,8 in Italia e presentando un incremento di dimensioni più elevate rispetto alla media nazionale (+6,2 punti, passando da 45,8 reati ogni abitanti nel 2002 a 52 nel 2006, a fronte di +4,2 in Italia, passando da 23,6 a 27,8) (Fig. 17.4). Più in particolare nella provincia di Roma le rapine salgono nel 2006 a 4.411, con un incremento del 18,5% rispetto alle del 2005, a fronte di un aumento più contenuto in Italia, pari a +9,4%; coerentemente l incidenza sugli abitanti risulta significativamente più elevata nella provincia capitolina (11 rapine per residenti a fronte di 8,5 in Italia) (Tab. 17.7). Analogamente anche i furti ( nel 2006) registrano una diffusione (48,6 ogni abitanti) e un incremento (+10,1%) superiori rispetto ai dati medi nazionali (rispettivamente pari a 26,8 furti ogni abitanti e a un aumento del 5,4%) (Tab. 17.8). Analizzando più in dettaglio alcune tipologie di reato contro la proprietà, si rilevano nell ultimo anno incrementi decisamente elevati in particolare per quanto riguarda i furti in esercizi commerciali (9.458 nel 2006, pari a +69,5% rispetto al 2005), gli scippi (2.480, pari a +44,5%) e i borseggi (26.720, pari a +43,5%) (Tab. 17.9). All interno dei reati predatori particolarmente interessante risulta infine l approfondimento su alcune fattispecie di reato nelle grandi città metropolitane. Per quanto riguarda gli scippi il comune di Roma, con 91 scippi denunciati ogni 100 mila abitanti, registra l incidenza più bassa dopo Venezia (27), Torino (79) e Genova (89). Un indice leggermente superiore a quello della Capitale si osserva nel comune di Firenze (92) e di Milano (95), mentre valori significativamente più elevati si riscontrano a Bologna (124), Bari (138) e soprattutto a Napoli (246). Confrontando inoltre l andamento degli scippi nell ultimo ventennio, si rileva in linea generale una diminuzione della loro incidenza, che registra la flessione più elevata a Bari (passata da 1

2 967 scippi ogni 100 mila abitanti nel 1985 a 138 nel 2006), ma di considerevoli proporzioni anche nella Capitale (da 269 reati ogni 100 mila abitanti nel 1985 a 91 nel 2006) (Tab ). Diametralmente opposto risulta invece l andamento dei borseggi, che negli ultimi 20 anni hanno registrato ovunque (ad eccezione di Bari) significativi incrementi; sono in questo caso le città del Centro Nord ad essere le più colpite, con l incidenza più elevata nel comune di Bologna (1.814 borseggi ogni 100 mila abitanti nel 2006 e ben nel 2003), seguita da Milano (1.764), Genova (1.561), Torino (1.550) e Firenze (1.401). Significativamente inferiore risulta l incidenza dei borseggi nella Capitale (992), che peraltro ha registrato una rilevante flessione rispetto al 2003 (1.186). Ancora inferiori i valori relativi a Venezia (774) e soprattutto alle grandi città del Sud, Napoli (500) e Bari (306) (Tab ). Anche relativamente alla diffusione dei furti in appartamento la città di Roma occupa le ultime posizioni tra i grandi comuni metropolitani, con il valore più basso (321 furti in appartamento ogni 100 mila abitanti) dopo quello di Napoli (129). Sul fronte opposto l incidenza più elevata si osserva a Firenze (691) e a Milano (576) (Tab ). Infine, per quanto riguarda l incidenza dei furti di autoveicoli e di motoveicoli la Capitale risulta una delle aree più colpite: nel 2006 si contano infatti furti d auto (pari a 10,2 ogni 1000 autovetture circolanti), con un valore inferiore soltanto a quello di Bari (12,2) e Napoli (14,5), e furti di motoveicoli (pari a 29,7 ogni motoveicoli) registrando il valore in assoluto più elevato, seguito da quello di Genova (24,6) e Napoli (24) (Tabb , 17.17). 2

3 delle figure e delle tabelle 17.1 La criminalità a Roma: il confronto nazionale e internazionale Tab Alcune tipologie di delitti registrati nelle principali capitali d Europa. Anno Valori assoluti e indici ogni abitanti Fig Totale reati denunciati in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni Indici per abitanti Tab Reati denunciati in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni Valori assoluti, var. % e indici per abitanti Fig Reati denunciati in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Variazioni % anni I reati contro la persona Fig Reati contro la persona (omicidi, tentati omicidi, lesioni dolose e violenze sessuali) denunciati in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni Indici per abitanti Tab Omicidi volontari denunciati in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni Valori assoluti, var % e indici ogni abitanti Tab Tentati omicidi volontari denunciati in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni Valori assoluti, var % e indici ogni abitanti Tab Lesioni dolose denunciate in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni Valori assoluti, var % e indici ogni abitanti Tab Violenze sessuali denunciate in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni Valori assoluti, var % e indici ogni abitanti 17.3 I reati contro il patrimonio Fig Reati contro il patrimonio (rapine e furti) in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni Indici per abitanti Tab Rapine denunciate in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni Valori assoluti, var % e indici ogni abitanti Tab Furti denunciati in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni Valori assoluti, var % e indici ogni abitanti Tab Alcune fattispecie di furto denunciate in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anno Valori assoluti, var % sul Le estorsioni e i reati in associazione Tab Estorsioni denunciate in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni Valori assoluti, var % e indici ogni abitanti Tab Delitti di Associazione per delinquere (art.416 C.P.), di tipo mafioso (art.416bis C.P.) e truffe e frodi informatiche in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni Valori assoluti e var % 3

4 17.5 I reati predatori nelle grandi aree metropolitane Tab Scippi denunciati all A.G. dalle Forze di polizia, nelle 9 aree metropolitane. Anni 1985, 1990, 1995, , Valori assoluti Fig Scippi denunciati all A.G. dalle Forze di polizia, nelle 9 aree metropolitane. Anni 1985, 1990, 1995, , 2006 Tab Borseggi denunciati all A.G. dalle Forze di polizia, nelle 9 aree metropolitane. Anni 1985, 1990, 1995, , 2006 Tab Furti in appartamento denunciati all A.G. dalle Forze di polizia, nelle 9 aree metropolitane. Anni 1985, 1990, 1995, , 2006 (v.a.) Figura Borseggi denunciati all A.G. dalle Forze di polizia, nelle 9 città metropolitane. Anni 1985, 1990, 1995, 2000, (indice per abitanti Fig Furti in appartamento denunciati all A.G. dalle Forze di polizia, nelle 9 aree metropolitane. Anni 1985, 1990, 1995, 2000, 2006 Tab Furti di autovetture. Valori assoluti e tassi per autovetture circolanti. Anni Fig Furti di autovetture. Tassi per autovetture circolanti. Anni Tab Furti di camion. Valori assoluti e tassi per camion circolanti. Anni Figura 17.9 Furti di camion. Tassi per camion circolanti. Anni Tab Furti di motoveicoli. Valori assoluti e tassi per motoveicoli circolanti. Anni Fig Furti di motoveicoli. Tassi per motoveicoli circolanti. Anni

5 17.1 La criminalità a Roma: il confronto nazionale e internazionale Tab Alcune tipologie di delitti registrati nelle principali capitali d Europa Anno 2005 Valori assoluti e indici ogni abitanti VALORI ASSOLUTI Berlino Londra Madrid Provincia Madrid Parigi Roma Delitti contro la persona n.d n.d Omicidi volontari Violenze sessuali n.d Stupro n.d n.d. Delitti contro il patrimonio n.d n.d n.d n.d Furti/Rapine/Scippi n.d Furti in appartamento Reati per droga n.d n.d * Spaccio di droga n.d n.d Detenzione/uso/possesso droga n.d n.d n.d Altri reati droga n.d 220 n.d n.d - Totale delitti denunciati INDICI PER ABITANTI Berlino Londra Madrid Provincia Madrid Parigi Roma Delitti contro la persona n.d 2.729,2 n.d 167,4 965,3 70,6 Omicidi volontari 1,8 2,3 1,0 2,1 1,6 0,9 Violenze sessuali 51,7 145,5 n.d 20,1 63,6 7,5 stupro 18,0 35,1 n.d 5,5 26,0 - Delitti contro patrimonio n.d n.d n.d 0, , ,1 Furti/Rapine/Scippi 6.383, ,7 n.d 2.156, , ,2 Furti in appartamento 178,9 857,2 922,9 866,3 819,4 224,3 Reati per droga 369,1 518,0 n.d n.d 394,3 73,9 Spaccio di droga n.d 67,9 n.d 30,7 94,2 - Detenzione/uso droga n.d 447,1 n.d n.d 269,0 - Altri reati droga n.d 2,9 n.d n.d n.d - Totale delitti denunciati , , , , , ,0 Fonte: Elaborazioni su dati Istituti di statistica nazionali e locali dei Paesi considerati *Il dato si riferisce all anno 2004 BERLINO: Gli omicidi (murder) corrispondono agli omicidi volontari (non comprendono gli infanticidi, né gli omicidi preterintenzionali).le violenze sessuali comprendono "Sexual crimes under use of force or utlization of a subordinate position" e "Other sexual abuse". Nei Reati per droga sono compresi tutti i reati per droga previsti dal diritto tedesco. LONDRA: i delitti contro la persona comprendono omicidi tentati e consumati (volontari, preterintenzionali, infanticidi e colposi), istigazione all omicidio, lesioni aggravate o semplici e percosse, Aggressione comune, aborto volontario da parte della madre, Ingiuria, Molestie, possesso di armi, aggressione e assalto ad un rappresentante delle forze dell ordine durante il servizio, maltrattamenti, abbandono, abuso di bambini. Gli omicidi (murder) corrispondono agli omicidi volontari (non comprendono gli infanticidi, né gli omicidi preterintenzionali).le violenze sessuali comprendono gli stupri e gli altri reati sessuali ("Rape" e "Other sexual") furti/rapine/scippi comprendono Rubbery (Rapine), Burglary (Furti in appartamento o in altri edifici), Furti vari (di veicoli, nei negozi, scippi). Nei Reati per droga sono compresi il Traffico di droga, il possesso e altri reati per droga (cioè tutti reati per droga previsti dall ordinamento inglese). PROVINCIA DI MADRID: le violenze sessuali comprendono stupri, aggressioni e molestie sessuali; PARIGI: i delitti contro la persona comprendono gli omicidi (tentati e consumati), le lesioni, le violenze sessuali, le violenze, l abbondono e maltrattamenti di minori; gli omicidi (murder) corrispondono agli omicidi volontari (non comprendono gli omicidi preterintenzionali); le violenze sessuali comprendono gli stupri e altre aggressioni sessuali ("Viols" e "Aggressions sexuelles y compris harcelements"). Nei Reati per droga sono compresi tutti i reati per droga previsti dal diritto francese Fig Totale reati denunciati in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni (Indici per abitanti) 58,6 63,1 62,9 57,1 63,2 67,2 58,2 50,7 54,8 53,9 49,3 54,3 46,9 37,4 39,2 42,4 41,8 44, Roma Lazio Italia 5

6 Tab Reati denunciati in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni (v.a., var % e indici per abitanti) Totale Reati denunciati Var.% /2000 Roma ,3 Lazio ,7 Italia ,6 Indici per abitanti Roma 58,6 63,1 62,9 57,1 63,2 67,2 Lazio 50,7 54,8 53,9 49,3 54,3 58,2 Italia 37,4 39,2 42,4 41,8 44,1 46,9 Fig Reati denunciati in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Variazioni % anni ,0 10,1 10,0 3,1 5,0 6,7-1,6 0,0-1,9-5,0 7,5-10,0-15,0 2001/ / / / / /2005 Roma Lazio Italia 17.2 I reati contro la persona Fig Reati contro la persona (omicidi, tentati omicidi, lesioni dolose e violenze sessuali) denunciati in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni (Indici per abitanti) 99,7 107,3 111,9 75,0 82,3 90,8 81,7 59,5 62,1 54,7 63,0 70, Roma Lazio Italia 6

7 Tab Omicidi volontari denunciati in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni (v.a., var % e indici per abitanti) Omicidi volontari Valori assoluti Variazioni percentuali /02 04/03 05/04 06/05 Roma ,7-11,1 12,5 5,6 Lazio ,2-4,4 7,0 0,0 Italia ,4 0,3-15,8 3,3 Indici per abitanti Roma 1,0 1,0 0,8 0,9 1,0 Lazio 1,0 0,9 0,8 0,9 0,9 Italia 1,1 1,2 1,2 1,0 1,1 Tab Tentati omicidi volontari denunciati in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni (v.a., var % e indici per abitanti) Tentati omicidi Valori assoluti Variazione % /02 04/03 05/04 06/05 Roma ,8-19,5 0,0 22,1 Lazio ,5-13,6 8,3 13,0 Italia ,5-3,1 4,4-1,3 Indici per abitanti Roma 2,7 3,1 2,5 2,5 2,9 Lazio 2,6 2,7 2,3 2,5 2,7 Italia 2,7 2,5 2,5 2,5 2,5 Tab Lesioni dolose denunciate in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni (v.a., var % e indici per abitanti) Lesioni dolose Valori assoluti Variazione % /03 05/04 06/05 Roma ,3 12,2 18,8 Lazio ,0 9,8 12,7 Italia ,1 9,3 4,4 Indici per abitanti Roma 42,7 53,9 59,6 70,4 Lazio 48,9 66,1 71,7 80,3 Italia 53,5 89,5 96,9 100,7 7

8 Tab Violenze sessuali denunciate in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni (v.a., var % e indici per abitanti) Violenze sessuali Valori assoluti Roma Lazio Italia Indici per abitanti 1996* Roma 1,5 2,8 4,4 5,1 5,7 5,7 6,5 7,9 5,8 7,5 7,0 Lazio 1,8 2,9 4,2 4,9 5,2 5,7 5,9 7,1 5,7 7,2 6,6 Italia 2,0 2,8 3,2 3,3 4,0 4,2 4,5 4,8 6,5 6,9 7,6 Variazioni percentuali Var. 06/'96 Var. 06/'00 Var. 06/'05 Roma 407,3 28,6-2,4 Lazio 292,4 31,3-4,7 Italia 292,1 93,2 12, I reati contro il patrimonio Fig Reati contro il patrimonio (rapine e furti) in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni (Indici per abitanti) 45,8 44,2 44,1 47,5 52,0 42,0 37,3 38,4 35,9 35,7 23,6 26,1 26,5 23,9 27, Roma Lazio Italia Tab Rapine denunciate in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni (v.a., var % e indici per abitanti) Rapine denunciate Valori assoluti Variazione % /02 04/03 05/04 06/05 Roma ,6-15,3 12,6 18,5 Lazio ,1-12,7 11,9 17,1 Italia ,4 10,8-0,7 9,4 Indici per abitanti Roma 10,3 10,9 11,7 10,5 8,8 9,8 11,0 Lazio 8,4 8,6 9,1 8,1 7,0 7,7 8,7 Italia 6,5 6,6 7,0 7,3 8,0 7,9 8,5 8

9 Tab Furti denunciati in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni (v.a., var % e indici per abitanti) Furti denunciati Valori assoluti Roma Lazio Italia Variazioni % 02/01 03/02 04/03 05/04 06/05 Roma 2,3-2,8 1,0 9,1 10,1 Lazio 1,3-3,0 0,7 9,0 10,0 Italia 0,1 1,8 10,4 2,5 5,4 Indici per abitanti Roma 42,0 44,7 43,2 43,2 46,5 48,6 Lazio 34,7 36,4 35,1 35,0 37,6 39,7 Italia 22,5 22,9 23,2 25,3 25,7 26,8 Tabella 17.9 Alcune fattispecie di furto denunciate in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anno (v.a e var % sul 2005) Furti in appartamento Var. '06/'05 Roma ,0 Lazio ,3 Italia ,4 Furti in esercizi commerciali Var. '06/'05 Roma ,5 Lazio ,6 Italia ,4 Furti di autovetture Var. '06/'05 Roma ,0 Lazio ,7 Italia ,8 Scippi Var. '06/'05 Roma ,5 Lazio ,7 Italia ,6 Borseggi Var. '06/'05 Roma ,5 Lazio ,3 Italia , Le estorsioni e i reati in associazione Tab Estorsioni denunciate in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni (v.a, var % e indice per abitanti) Estorsioni Valori assoluti Variazioni % /04 06/05 Roma ,0-7,2 Lazio ,8-6,7 Italia ,7-2,9 per abitanti Roma 7,0 6,7 5,3 7,2 6,6 5,8 Lazio 7,0 7,1 5,5 7,9 7,1 6,4 Italia 6,5 6,4 6,5 9,4 9,5 9,1 9

10 Tab Delitti di Associazione per delinquere (art.416 C.P.), di tipo mafioso (art.416bis C.P.) e truffe e frodi informatiche in provincia di Roma, nel Lazio e in Italia. Anni (v.a. e var. %) Delitti di Associazione per delinquere (art.416 C.P.) Valori assoluti Variazioni % /04 06/05 Roma ,4-17,9 Lazio ,0-7,4 Italia ,9-14,2 Delitti di Associazione di tipo mafioso (art.416 bis C.P.) Valori assoluti Variazioni % /04 06/05 Roma ,0 50,0 Lazio ,0 0,0 Italia ,9-16,3 Truffe e frodi informatiche Valori assoluti Variazioni % /04 06/05 Roma ,5 32,3 Lazio ,3 34,6 Italia ,5 20, I reati predatori nelle grandi aree metropolitane Tab Scippi denunciati all A.G. dalle Forze di polizia, nelle 9 città metropolitane. Anni 1985, 1990, 1995, , 2006 (indice per abitanti) Torino Milano Venezia Genova Bologna Firenze Roma Napoli Bari Fonte: Ministero dell Interno Tab Borseggi denunciati all A.G. dalle Forze di polizia, nelle 9 città metropolitane. Anni 1985, 1990, 1995, , (indice per abitanti) Torino Milano Venezia Genova Bologna Firenze Roma Napoli Bari Fonte: Ministero dell Interno 10

11 Fig Scippi denunciati all A.G. dalle Forze di polizia, nelle 9 città metropolitane. Anni 1985, 1990, 1995, , 2006 (indice per abitanti) Torino M ilano Venezia Genova Bologna Firenze Roma Napoli Bari Fonte: Ministero dell Interno Figura Borseggi denunciati all A.G. dalle Forze di polizia, nelle 9 città metropolitane. Anni 1985, 1990, 1995, 2000, (indice per abitanti) Torino M ilano Venezia Genova Bologna Firenze Roma Napoli Bari Fonte: Ministero dell Interno Fig Furti in appartamento denunciati all A.G. dalle Forze di polizia, nelle 9 aree metropolitane. Anni 1985, 1990, 1995, 2000, (indice per abitanti) Torino M ilano Venezia Bologna Genova Firenze Roma Napoli Bari Fonte: Ministero dell Interno

12 Tab Furti in appartamento denunciati all A.G. dalle Forze di polizia, nelle 9 aree metropolitane. Anni 1985, 1990, 1995, , (indice per abitanti) Torino Milano Venezia Genova Bologna Firenze Roma Napoli Bari Fonte: Ministero dell Interno Tab Furti di autovetture. Valori assoluti e tassi per autovetture circolanti. Anni auto auto auto auto auto auto auto Torino , , , , , ,3 Milano , , , , , ,5 Venezia 900 2, , , , , ,4 Genova , , , , , , ,4 Bologna , , , , , , ,7 Firenze , , , , , ,8 Roma , , , , , , ,2 Napoli , , , , , ,5 Bari , , , , , , ,2 Fonte: Ministero dell Interno e ACI Tab Furti di camion. Valori assoluti e tassi per camion circolanti. Anni camion camion camion camion camion camion camion Torino 236 1, , , , , , ,2 Milano , , , , ,6 Venezia 52 1,5 47 1, ,8 35 0,9 26 0,6 27 0,7 Genova 29 0,7 51 1, , ,1 63 1,4 Bologna 83 1, , ,7 88 1,4 91 1, Firenze 206 3,5 97 1,5 34 0,5 37 0,5 49 0,6 50 0,6 24 0,3 Roma 263 1, , , , , ,1 Napoli 430 3, , , , , , ,9 Bari 278 3, , , , , , ,5 Fonte: Ministero dell Interno e ACI Tab Furti di motoveicoli. Valori assoluti e tassi per automezzi pesanti circolanti. Anni motoveicoli motoveicoli motoveicoli motoveicoli motoveicoli motoveicoli motoveicoli Torino 615 5, , , , , , ,6 Milano , , , , , , ,2 Venezia , ,6 73 1, , , ,5 Genova , , , , , , ,6 Bologna 396 5, , , , , , ,2 Firenze 277 3, , , , , ,3 Roma , , , , , , ,7 Napoli , , , , , Bari , , , , , ,2 Fonte: Ministero dell Interno e ACI 12

13 Fig Furti di autovetture. Tassi per autovetture circolanti. Anni Torino Milano Venezia Genova Bologna Firenze Roma Napoli Fonte: Ministero dell Interno e ACI Bari Fig Furti di camion. Tassi per camion circolanti. Anni ,5 4 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0, Torino Milano Venezia Genova Bologna Firenze Roma Napoli Fonte: Ministero dell Interno e ACI Fig Furti di motoveicoli. Tassi per motoveicoli circolanti. Anni Torino Milano Venezia Genova Bologna Firenze Roma Napoli Bari Fonte: Ministero dell Interno e ACI 13

14 14

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono 13. Turismo Il turismo nel comune di Roma si conferma uno dei principali assi di sviluppo del territorio, costituendo, all interno del sistema economico e sociale, un elemento centrale di crescita, che

Dettagli

Profilo della sicurezza nella Comunità di Primiero. A cura di Marco Bettega COMUNITÀ DI PRIMIERO

Profilo della sicurezza nella Comunità di Primiero. A cura di Marco Bettega COMUNITÀ DI PRIMIERO Profilo della sicurezza nella Comunità di Primiero A cura di Marco Bettega COMUNITÀ DI PRIMIERO OTTOBRE 2011 Profilo di sicurezza della Comunità di Primiero nel 2010 1) CRIMINALITÀ, INCIVILTÀ, ORDINE PUBBLICO

Dettagli

8. Dati finanziari e bancari

8. Dati finanziari e bancari 8. Dati finanziari e bancari Roma rappresenta dopo Milano il principale Centro finanziario del Paese con 46 Istituti creditizi, 1.988 sportelli bancari, 91 miliardi di euro depositati in banca (pari al

Dettagli

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti 17. Criminalità: le sostanze stupefacenti Nel 2004 Roma è risultata tra le prime città italiane per sequestri di droghe tradizionali, soprattutto di cocaina (487,4 Kg, pari al 15,2% dei sequestri complessivi

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2012

Informazioni Statistiche N 3/2012 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2011 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2012 NOVEMBRE 2012 Sindaco: Assessore alla Statistica: Segretario

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Trasporti Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Incidenti stradali Nel 2012, come comunicato dall'istat, si sono registrati in Italia 186.726

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.214 Settembre 215 Capo Area Programmazione Controlli e Statistica: Gianluigi Bovini Dirigente U.I. Ufficio Comunale di Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura

Dettagli

L omicidio volontario in Italia. Rapporto EURES 2013 SINTESI L ITALIA E IL CONTESTO INTERNAZIONALE

L omicidio volontario in Italia. Rapporto EURES 2013 SINTESI L ITALIA E IL CONTESTO INTERNAZIONALE L omicidio volontario in Italia. Rapporto EURES 2013 SINTESI Meno omicidi in Italia. Ma non al Sud Il rischio più alto nei grandi centri urbani Gli uomini principali vittime degli omicidi, ma in famiglia

Dettagli

ANIA. focus rcauto. Executive Summary. Statistica Trimestrale - Dati al 30/06/2005. Andamento degli indicatori tecnici

ANIA. focus rcauto. Executive Summary. Statistica Trimestrale - Dati al 30/06/2005. Andamento degli indicatori tecnici Executive Summary Andamento degli indicatori tecnici Nella prima metà dell anno, la frequenza dei sinistri denunciati al settore assicurativo per il complesso dei veicoli analizzati (pari al 9,00%), risulta

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2008. Settembre 2009

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2008. Settembre 2009 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2008 Settembre 2009 Direttore: Gianluigi Bovini Redazione a cura di Marisa Corazza Parco veicolare in diminuzione a Bologna negli ultimi 5 anni Secondo i dati forniti

Dettagli

Censimento industria e servizi

Censimento industria e servizi Censimento industria e servizi Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Censimento Industria e Servizi Il Censimento generale dell industria

Dettagli

Criminalità e insicurezza

Criminalità e insicurezza di Laura Sartori Criminalità e insicurezza Un confronto fra Lombardia e Italia MISURE / MATERIALI DI RICERCA DELL ISTITUTO CATTANEO MISURE / MATERIALI DI RICERCA DELL ISTITUTO CATTANEO 27 Isbn 978-88-904357-20

Dettagli

INDAGINE SUI PREZZI R.C.A. AL 1 APRILE 2014

INDAGINE SUI PREZZI R.C.A. AL 1 APRILE 2014 INDAGINE SUI PREZZI R.C.A. AL 1 APRILE 2014 L IVASS esegue un monitoraggio trimestrale dell andamento dei prezzi dell assicurazione r.c.a. praticati in 21 provincie italiane, di cui, 18 capoluoghi di regione,

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2009. Settembre 2010

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2009. Settembre 2010 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2009 Settembre 2010 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza e Tiziana

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.213 Ottobre 214 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza 1 Nel 213 parco

Dettagli

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO «FOCUS» ANIA: R.C. AUTO Numero 0 Ottobre 2003 STATISTICA TRIMESTRALE R.C. AUTO (Dati al 30 giugno 2003) EXECUTIVE SUMMARY. Con questo numero zero, il Servizio Statistiche e Studi Attuariali dell ANIA avvia

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012 Ottobre 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2012 parco

Dettagli

Compravendite immobiliari e mutui II trimestre 2010

Compravendite immobiliari e mutui II trimestre 2010 16 novembre 2010 Compravendite immobiliari e mutui II trimestre 2010 L Istat diffonde i dati, relativi al secondo trimestre 2010, delle convenzioni contenute negli atti notarili inerenti sia la compravendita

Dettagli

Informazioni Statistiche N 8/2014

Informazioni Statistiche N 8/2014 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2013 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 8/2014 SETTEMBRE 2014 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2009

Informazioni Statistiche N 3/2009 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2008 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2009 AGOSTO 2009 Sindaco: Assessore alle Società ed Enti controllati

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2013

Informazioni Statistiche N 3/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2013 NOVEMBRE 2013 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO

ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO 1 Rapporto 2007 sulla occupazione nelle imprese ricettive, di viaggi e di ristorazione della Provincia

Dettagli

Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME. Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane

Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME. Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane feneal - uil Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane ANTEPRIMA Roma 11 Marzo 2008 Il boom del settore edile (12 aree metropolitane) e l effetto emersione

Dettagli

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO «FOCUS» ANIA: R.C. AUTO -- Numero 2 -- Marzo 2004 STATISTICA TRIMESTRALE R.C. AUTO () EXECUTIVE SUMMARY Con la disponibilità dei dati per l intero 2003 relativi ad un campione di imprese esercitanti il

Dettagli

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE Nel primo trimestre del 2015 il mercato della compravendita degli immobili residenziali non dà segni di ripresa.

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011. Ottobre 2012

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011. Ottobre 2012 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011 Ottobre 2012 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2011 parco

Dettagli

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione L'Istat calcola che al 31 dicembre 2012 risiedono in Italia 59.685.227 persone.

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare Continua la rivalutazione del settore immobiliare romano iniziata nel 1999 e proseguita, con velocità diverse ma sempre crescenti, fino ad oggi. Tornando indietro nel tempo, sino

Dettagli

L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE

L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE SUNIA Ufficio Studi L'indagine effettuata fa parte di un monitoraggio

Dettagli

Sicurezza. Per non sentirsi vulnerabili

Sicurezza. Per non sentirsi vulnerabili CAPITOLO 7 Sicurezza Per non sentirsi vulnerabili Una percezione soggettiva di serenità e un vissuto di sicurezza oggettiva nella propria vita quotidiana sono dimensioni cardine nella costruzione del benessere

Dettagli

Il mercato del credito

Il mercato del credito Il mercato del credito 1 Gli sportelli bancari In riferimento alla distribuzione del numero di istituti bancari per sede amministrativa e del numero di sportelli per localizzazione geografica, i dati statistici

Dettagli

A cura di: Giovanni Azzone, Politecnico di Milano Tommaso Palermo, Politecnico di Milano. Focus: area casa. Aprile 2010

A cura di: Giovanni Azzone, Politecnico di Milano Tommaso Palermo, Politecnico di Milano. Focus: area casa. Aprile 2010 A cura di: Giovanni Azzone, Politecnico di Milano Tommaso Palermo, Politecnico di Milano Focus: area casa Aprile 2010 Indice Introduzione pag. 3 Gli indicatori pag. 7 Policy pag. 7 Offerta pag. 14 Utilizzo

Dettagli

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA Dal 31/12/2007 al 30/6/20 QUADERNI DI APPROFONDIMENTO N. 8/20 Ottobre 20 Fonte dati Banca d'italia Elaborazioni Ufficio Studi ed Informazione Statistica

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il mercato immobiliare si avvia verso la ripresa. Conversano, 25 Maggio 2015

COMUNICATO STAMPA. Il mercato immobiliare si avvia verso la ripresa. Conversano, 25 Maggio 2015 Dott. Pietro D Onghia Ufficio Stampa Master m. 328 4259547 t 080 4959823 f 080 4959030 www.masteritaly.com ufficiostampa@masteritaly.com Master s.r.l. Master s.r.l. progetta, produce e commercializza accessori

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

I5 LA FORMAZIONE PROFESSIONALE REGIONALE TRA CONFERME E DISCONTINUITA

I5 LA FORMAZIONE PROFESSIONALE REGIONALE TRA CONFERME E DISCONTINUITA I5 LA FORMAZIONE PROFESSIONALE REGIONALE TRA CONFERME E DISCONTINUITA Sempre più rapidi e articolati sono i mutamenti che in questi anni coinvolgono il sistema della formazione professionale regionale.

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2010

Informazioni Statistiche N 3/2010 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2009 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2010 NOVEMBRE 2010 Sindaco: Assessore ai Tributi e alla Statistica:

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

15. Consumi energetici

15. Consumi energetici 15. Consumi energetici Nel 2006 i consumi energetici del Comune di Roma hanno registrato un aumento rispetto al 2005 (+2,8%), un dato, questo, in linea con l incremento provinciale (+2,7%), regionale (+2,2%)

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

Caso Studio: Criminalità e Sicurezza. Corso di Statistica Sociale Anno Accademico 2012-2013 Anna Freni Sterrantino

Caso Studio: Criminalità e Sicurezza. Corso di Statistica Sociale Anno Accademico 2012-2013 Anna Freni Sterrantino Caso Studio: Criminalità e Sicurezza Corso di Statistica Sociale Anno Accademico 2012-2013 Anna Freni Sterrantino Sommario Dimensioni dello studio della criminalità Omicidi volontari Rapine Furti Persone

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE DEI GIOVANI AL SISTEMA UNIVERSITARIO ROMANO

LA PARTECIPAZIONE DEI GIOVANI AL SISTEMA UNIVERSITARIO ROMANO LA PARTECIPAZIONE DEI GIOVANI AL SISTEMA UNIVERSITARIO ROMANO Anno accademico 2013-2014 Indice Gli iscritti alle università romane... 3 L offerta formativa... 7 Gli immatricolati per corso di laurea...

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2010

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2010 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2010 Il volume di erogazioni per l acquisto di abitazioni da parte delle famiglie italiane (pari a 12.343 milioni di euro) registra, nel terzo trimestre

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Uno degli strumenti innovativi introdotti dalla legge n. 269/98 riguarda l attività di investigazione rivolta alla prevenzione

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare Continua la rivalutazione del settore immobiliare romano iniziata nel 1999 e proseguita, con velocità diverse ma sempre crescenti, fino ad oggi. Tornando indietro nel tempo, sino

Dettagli

Alternanza scuola lavoro: a che punto siamo?

Alternanza scuola lavoro: a che punto siamo? Alternanza scuola lavoro: a che punto siamo? Esiti monitoraggio nazionale a.s. 2012/2013 1 Dati in sintesi e trend L alternanza scuola lavoro è una metodologia didattica innovativa del sistema dell istruzione

Dettagli

COMPRAVENDITE IMMOBILIARI E MUTUI

COMPRAVENDITE IMMOBILIARI E MUTUI 2 dicembre 2011 II trimestre 2011 COMPRAVENDITE IMMOBILIARI E MUTUI Nel secondo trimestre 2011 le compravendite di unità immobiliari (219.905 in totale) sono diminuite del 3,2% rispetto allo stesso periodo

Dettagli

13. Consumi di energia elettrica

13. Consumi di energia elettrica 13. Consumi di energia elettrica Nell ambito dei Paesi industrializzati, e della loro tendenza a promuovere stili di sempre più orientati a comportamenti di consumo energivori, l Italia e ovviamente Roma

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

Eures Ricerche Economiche e Sociali Osservatorio tecnico-scientifico per la sicurezza e la legalità Regione Lazio

Eures Ricerche Economiche e Sociali Osservatorio tecnico-scientifico per la sicurezza e la legalità Regione Lazio Cresce nel Lazio nel 2013 la criminalità predatoria, ma diminuiscono i reati violenti Buoni segnali dal 2014: a Roma nei primi 9 mesi i reati calano dell 8,1% Reati predatori: il Lazio tra le migliori

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Milano Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese Nel corso degli ultimi anni diversi studiosi e responsabili di importanti istituzioni hanno sostenuto che le cooperative hanno reagito alla crisi in corso meglio delle altre forme di impresa. La maggior

Dettagli

Relazione sulla sicurezza nel Trentino La criminalità dal 1995 al 2009

Relazione sulla sicurezza nel Trentino La criminalità dal 1995 al 2009 Relazione sulla sicurezza nel Trentino La criminalità dal 1995 al 2009 A cura di Stefano Caneppele Marco Dugato Con il coordinamento scientifico di Ernesto U. Savona infosicurezza 7 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE. II trimestre 2015

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE. II trimestre 2015 MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE II trimestre 2015 Nel II trimestre 2015 le convenzioni notarili di compravendita per unità immobiliari complessivamente considerate (161.357)

Dettagli

Il disagio economico delle famiglie

Il disagio economico delle famiglie delle famiglie Cristina Freguja Dirigente Servizio Condizioni economiche delle famiglie Cagliari, 17 settembre 2010 Gli indicatori di deprivazione materiale L indagine reddito e condizioni di vita EU-SILC

Dettagli

2. GLI INTERNATIONAL STUDENT A MILANO: QUANTI SONO

2. GLI INTERNATIONAL STUDENT A MILANO: QUANTI SONO CAPITOLO 2 indagine QuAntitAtivA Maria Teresa Morana 1. INTRODUZIONE Gli studenti stranieri che decidono di studiare nel Comune di per un breve o lungo periodo possono scegliere tra i corsi di istruzione

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 2 trimestre 2015 a cura del NETWORK SECO Settembre 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

Pendolari in Lombardia

Pendolari in Lombardia NOTIZIESTATISTICHE Statistica e Osservatori Anno 8 Numero 7 Aprile 2004 Pendolari in Lombardia Censimento 2001 In occasione del 14 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni, oltre alle informazioni

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche EUROPA Il mercato delle autovetture Aprile 2012 Nell Europa27+EFTA 1 sono state registrate complessivamente 1,06 milioni di vetture nel mese di aprile 2012, con una flessione del 6,5 % rispetto allo stesso

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE:COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE

MERCATO IMMOBILIARE:COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE 30 Ottobre 2013 I e II trimestre 2013 MERCATO IMMOBILIARE:COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE Nel corso del primo semestre del 2013 rallenta il calo delle convenzioni notarili rogate per trasferimenti

Dettagli

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento 26 marzo 2013 IL SETTORE DELLE COSTRUZIONI in provincia di Trento il contesto economico Nel 2012 l area dell euro è nuovamente in recessione, con una riduzione del Pil pari allo 0,6%; si stima che permanga

Dettagli

Sul fronte dei volumi, i primi dati positivi rilevati nell ultimo trimestre del 2009 si sono riconfermati anche nei primi tre mesi del 2010.

Sul fronte dei volumi, i primi dati positivi rilevati nell ultimo trimestre del 2009 si sono riconfermati anche nei primi tre mesi del 2010. COMUNICATO STAMPA Ufficio studi UBH: nel primo trimestre del 2010 i prezzi di vendita delle abitazioni calano del 6,8% rispetto allo stesso periodo del 2009. In particolare, Torino registra un -10,5%,

Dettagli

APPALTI e CONCESSIONI

APPALTI e CONCESSIONI DOTAZIONE INFRASTRUTTURE: DATI UE E NAZIONALI L ISPO (Istituto per gli studi sulla Pubblica opinione) ha reso noti i dati di una ricerca comparata sulle infrastrutture, sia a livello comunitazio che nazionnale.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 23 APRILE 2013

COMUNICATO STAMPA DEL 23 APRILE 2013 COMUNICATO STAMPA DEL 23 APRILE 2013 Sul sito internet dell IVASS (www.ivass.it) è stata pubblicata la nuova indagine sulle tariffe r.c. auto praticate in Italia al 1 gennaio 2013. L indagine, che ha riguardato

Dettagli

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003 NOTA METODOLOGICA I dati elaborati per la presente pubblicazione sono quelli riportati nell allegato D ed F al rendiconto finanziario, rilevati dall Istat non più con un suo proprio modello ma a partire

Dettagli

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA CRESME IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA Sintesi dello studio generale 2006 a cura di Federico Della Puppa I RISULTATI PRINCIPALI I risultati principali Prosegue

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica. Indagine sui prezzi R.C.A. al 1 luglio 2012

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica. Indagine sui prezzi R.C.A. al 1 luglio 2012 Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Indagine sui R.C.A. al 1 luglio 2012 Roma, 12 novembre 2012 INDAGINE SUI PREZZI R.C.A. AL 1 LUGLIO 2012 L ISVAP esegue un monitoraggio

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili OSSERVATORIO SUL DISAGIO GIOVANILE Ser.T. e Associazioni Aggiornamento dei dati - Anno 2007 Si ringraziano per i dati forniti e la cortese collaborazione:

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

Analisi periodica dell accessibilità aerea degli aeroporti milanesi nel mercato globale - Indicatore di pressione competitiva, estate 2008 -

Analisi periodica dell accessibilità aerea degli aeroporti milanesi nel mercato globale - Indicatore di pressione competitiva, estate 2008 - CERTET Centro di Economia regionale, dei trasporti e del turismo Unioncamere Lombardia Analisi periodica dell accessibilità aerea degli aeroporti milanesi nel mercato globale - Indicatore di pressione

Dettagli

Indice. Introduzione. Gli indicatori. Fonti. Policy Estensione. Qualità

Indice. Introduzione. Gli indicatori. Fonti. Policy Estensione. Qualità 7 Indice Introduzione Gli indicatori Policy Estensione Qualità Fonti Policy Spese correnti Quanto viene speso nell area ambiente? Si considerano le spese correnti presenti nel rendiconto 2008 alle voci

Dettagli

SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE

SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE Rapporto sui dati delle Zone sociosanitarie/società della salute della Regione Toscana Anni 2007-2009 GENNAIO 2011 INDICE Nota metodologica

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

TASSE COMUNALI AL TOP A BOLOGNA, ROMA E BARI

TASSE COMUNALI AL TOP A BOLOGNA, ROMA E BARI TASSE COMUNALI AL TOP A BOLOGNA, ROMA E BARI Sindaci costretti ad aumentare il prelievo fiscale: in 5 anni i tagli ai trasferimenti in queste 3 città sono stati del 48 per cento. A Milano del 63 per cento

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 Indici territoriali di ricorso per Cassazione anno - 2013 SOMMARIO Introduzione 1. Indici di ricorso per

Dettagli

Tasse e imposte fra Governo e Governi Sintesi dell analisi Cisl e Caf Cisl sulle dichiarazioni dei redditi di lavoratori dipendenti e pensionati

Tasse e imposte fra Governo e Governi Sintesi dell analisi Cisl e Caf Cisl sulle dichiarazioni dei redditi di lavoratori dipendenti e pensionati Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco, Previdenza e Riforme Istituzionali Tasse e imposte fra Governo e Governi Sintesi dell analisi Cisl

Dettagli

REGISTRO IMPRESE: 50indicatori. si rafforza la struttura imprenditoriale. I dati della movimentazione a fine settembre 2013 in provincia di Modena

REGISTRO IMPRESE: 50indicatori. si rafforza la struttura imprenditoriale. I dati della movimentazione a fine settembre 2013 in provincia di Modena 5indicatori REGISTRO IMPRESE: si rafforza la struttura imprenditoriale I dati della movimentazione a fine settembre 213 in provincia di SALDO TRA ISCRIZIONI E CESSAZIONI Nel 3 trimestre del 213 il tessuto

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

IL TURISMO IN CIFRE negli esercizi alberghieri di Roma e Provincia Rapporto annuale 2012

IL TURISMO IN CIFRE negli esercizi alberghieri di Roma e Provincia Rapporto annuale 2012 A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A A N N O 2 0 1 2 R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 2 1. L andamento

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE 24 Luglio 2015 I trimestre 2015 MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE Nel I trimestre 2015 le convenzioni notarili di compravendita per unità immobiliari tornano a registrare variazioni

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

17. Criminalità: i reati denunciati

17. Criminalità: i reati denunciati 17. Criminalità: i reati denunciati Le denunce pervenute all Autorità Giudiziaria dalla Polizia, dall Arma dei Carabinieri e dalla Guardia di Finanza nel corso del 2002 nella provincia di Roma sono relative

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE

BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE Negli ultimi 10 anni l incremento è stato del 165,5 per cento. Purtroppo, nel 77 per cento dei casi i responsabili non vengono assicurati alla giustizia

Dettagli

Executive Summary Rapporto 2013/2014

Executive Summary Rapporto 2013/2014 Executive Summary Rapporto 2013/2014 In collaborazione con Anticipazione dei risultati Il settore del management consulting presenta Un mercato molto frammentato, dove sono presenti 18.450 imprese di cui

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO UBH MARKET REPORT IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO Primo Trimestre 2010 Aprile 2010 Sembra rallentare la tendenza alla discesa dei comuni non capoluogo, si rianima il mercato dei capoluoghi.

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Movimento turistico Stagione invernale 2012/13

Movimento turistico Stagione invernale 2012/13 luglio 2013 Movimento turistico Stagione invernale 2012/13 Il Servizio Statistica della Provincia autonoma di Trento presenta i dati definitivi relativi agli arrivi e alle presenze turistiche registrati

Dettagli

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Salvio CAPASSO Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e del Territorio Napoli, 12 maggio 2015 Agenda

Dettagli

CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI

CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI Mariano Bella Direttore Ufficio Studi Confcommercio Roma, 26 novembre 2014 Elaborazioni Ufficio Studi Confcommercio su dati Istat, Gfk, Censis,

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: Siamo sicuri che si può lavorare sicuri Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i: Prevenzione degli eventi infortunistici

Dettagli

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO risorsa economica e sociale del VCO TERZO SETTORE: risorsa economica e sociale per il territorio Il censimento 2011, a 10 anni di distanza dal precedente, ci restituisce informazioni che mettono in luce

Dettagli

Dossier 7 Il possesso e l acquisto di beni durevoli (1997-2004)

Dossier 7 Il possesso e l acquisto di beni durevoli (1997-2004) Dossier 7 Il possesso e l acquisto di beni durevoli (1997-2004) Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni congiunte V del Senato della Repubblica

Dettagli

Informazioni Statistiche N 2/2013

Informazioni Statistiche N 2/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Osservatorio Ambientale Istat sulle città: i risultati di Palermo e delle grandi città Anno 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 2/2013 SETTEMBRE 2013 Sindaco:

Dettagli