ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18"

Transcript

1 ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18 Dott. Leonardo Bonafede Medico del distretto Fossano-Savigliano

2 NORME DI RIFERIMENTO NORMATIVA NAZIONALE DECRETO MINISTERIALE n. 332 DEL DAL TITOLO : REGOLAMENTO RECANTE NORME PER LE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA EROGABILI NELL AMBITO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE: MODALITA DI EROGAZIONE E TARIFFE. Il Nomenclatore Tariffario comprende l allegato 1 che è diviso in tre elenchi: L elenco n. 1 contiene i dispositivi (protesi, ortesi e ausili tecnici) costruiti su misura e quelli di serie la cui applicazione richiede modifiche eseguite da un tecnico abilitato su prescrizione di un medico specialista ed un successivo collaudo da parte dello stesso. L elenco n. 1 contiene, altresì, i dispositivi di fabbricazione continua o di serie finiti che, per essere consegnati ad un determinato paziente, necessitano di essere specificamente individuati e allestiti a misura da un tecnico abilitato, su prescrizione del medico specialista. I dispositivi contenuti nell elenco n. 1 sono destinati esclusivamente al paziente a cui sono prescritti ( sono i dispositivi personalizzati )

3 Alcuni esempi : scarpe ortopediche, busti,carrozzine elettriche ecc. L elenco n. 2 contiene i dispositivi (ausili tecnici) di serie la cui applicazione o consegna non richiede l intervento del tecnico abilitato. Alcuni esempi : carrozzine a telaio rigido, seggioloni, ausili per l incontinenza, ausili per stomie ecc. L elenco n. 3 contiene gli apparecchi acquistati direttamente dalle ASL ed assegnati in uso all assistito. Alcuni esempi : apparecchio aspiratore, montascale ecc.

4 DECRETO MINISTERIALE n.321 DEL DAL TITOLO : MODIFICA DEL REGOLAMENTO RECANTE NORME PER LE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA EROGABILI NELL AMBITO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Le modifiche (al DM 332/99 ) dispongono, come indicato all art. 2 comma 1 che non e necessario essere dichiarati invalidi per aver diritto ad alcune prestazioni di assistenza protesica, solo per determinate categorie di assistiti quali :i soggetti laringectomizzati tracheostomizzati, ileo-colostomizzati ed urostomizzati,gli affetti da incontinenza stabilizzata ecc. DPCM DEL HA INSERITO TRA I LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA (L.E.A) le prestazioni di manutenzione, riparazione o sostituzione di parti di componenti esterne dell impianto cocleare.

5 NORMATIVA REGIONALE D.G.R. n DEL DAL TITOLO DECRETO MINISTERIALE DEL n. 332 :LINEE GUIDA. La DGR del approvo il modulo Allegato A che comprende l iter prescrittivo ed autorizzativo.nelle linee guida erano indicati inoltre i prodotti da cedere in comodato d uso di cui all elenco 2. CIRCOLARI esplicative varie inviate dalla pubblicazione del DM n. 332 /99 ad oggi. D.G.R.n del Addendum del piano di rientro. D.G.R. n del Attuazione piano di rientro:assistenza integrativa e protesica.disposizioni. D.G.R.n del dal titolo:attuazione del piano di rientro.assistenza integrativa e protesica Linee di indirizzo.

6 TERMINOLOGIA PROTESI : sono apparecchiature, applicabili al corpo umano, che sostituiscono totalmente o parzialmente parti del corpo mancanti recuperando le funzioni che esse normalmente avrebbero. Alcuni esempi sono : arto artificiale, protesi acustiche ecc. ORTESI : sono apparecchiature che applicate al corpo umano, migliorano o controllano la funzionalita di parti presenti ma compromesse. Alcuni esempi sono : scarpe ortopediche, tutori ecc. Ausilio : strumento che serve in particolare ma non solo ai disabili ed a chi li aiuta per fare cio che altrimenti non possono o per farlo meglio. Serve per prevenire l instaurarsi o l aggravarsi di una disabilita. Alcuni esempi sono :la carrozzina, il letto ortopedico, i deambulatori ecc.

7 AVENTI DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA Hanno diritto all erogazione dei dispositivi contenuti nel nomenclatore gli assistiti di seguito indicati in connessione alle loro menomazioni e disabilità invalidanti: gli invalidi civili, di guerra e per servizio, i privi della vista e i sordomuti indicati rispettivamente dagli articoli 6 e 7 della legge 2 aprile 1968, n. 482, nonché i minori di anni 18 che necessitano di un intervento di prevenzione, cura e riabilitazione di un'invalidità permanente. Pertanto per i minori di anni 18 per aver diritto alla fornitura dei dispositivi protesici e sufficiente la prescrizione del medico specialista e quindi non e necessaria la certificazione di invalidita civile ( legge 118/71 e legge 18/80 ) o certificazione Handicap ( legge 104/92).

8 Dal punto di vista medico-legale, al fine di una corretta applicazione della norma di legge si deve intendere per: LESIONE : ogni forma morbosa a decorso evolutivo contrassegnata da anormalita, dinamicita ed alterata funzionalita con ripercussione sulla vita vegetativa e di relazione ed eventuale necessita di intervento terapeutico. Ad esempio : la frattura di femore,frattura vertebrale,ematoma intraparechimale ecc. INVALIDITA O MENOMAZIONE : si intende la condizione psico- fisica menomata da postumi anatomo-funzionali ormai stabilizzati e definitivi od evolventi in senso peggiorativo od anche in cronicizzazione, casualmente legati alle lesioni. Ad esempio : la funzione deambulatoria compromessa come postumi stabilizzati della frattura di femore,zoppia conseguente a frattura malleolare, perdita di un arto, deficit visivo o ipoacusia da trauma ecc.

9 PERMANENTE : con il concetto di permanente non si intende che durera sicuramente tutta la vita bensi si intende che la menomazione o invalidita si protrarra con ogni verosimiglianza non brevemente e di cui non e pertanto possibile precisare, se pur solo presuntivamente, la data di cessazione. Ad esempio :scoliosi dorsale in un minore che con i dovuti interventi terapeutici e riabilitativi restituiscono al paziente una normale funzione della colonna vertebrale,frattura di corpi vertebrali con o senza lesione mielica ecc.

10 MODALITA DI PRESCRIZIONE ED APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA La prescrizione dei dispositivi protesici è redatta da un medico specialista del SSN, dipendente o convenzionato, competente per tipologia di menomazione o disabilità. La prescrizione costituisce parte integrante di un programma di prevenzione, cura e riabilitazione delle lesioni o loro esiti che, singolarmente, per concorso o coesistenza, determinano la menomazione o disabilità. A tal fine, la prima prescrizione di un dispositivo protesico deve comprendere: a) una diagnosi circostanziata, che scaturisca da una completa valutazione clinica e strumentale dell assistito;

11 b) l'indicazione del dispositivo protesico, ortesico o dell ausilio prescritto, completa del codice identificativo riportato nel nomenclatore, e l indicazione degli eventuali adattamenti necessari per la sua personalizzazione; c) un programma terapeutico di utilizzo del dispositivo comprendente: -il significato terapeutico e riabilitativo; - le modalità, i limiti e la prevedibile durata di impiego del dispositivo; - le possibili controindicazioni; - le modalità di verifica del dispositivo in relazione all andamento del programma terapeutico. La prescrizione è integrata da una esauriente informazione al paziente ed eventualmente a chi lo assiste, sulle caratteristiche funzionali e terapeutiche e sulle modalità di utilizzo del dispositivo stesso.

12 DEFINIZIONE DI APPROPRIATEZZA : si intende per appropriatezza in ambito socio- sanitario la capacita di erogare attivita e prestazioni efficaci ed adeguate rispetto ai bisogni dell utenza, e non di erogare attivita e prestazioni inefficaci. ESEMPIO DI APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA PROTOCOLLO AZIENDALE PER LA PRESCRIZIONE DI PLANTARI E SCARPE ORTOPEDICHE del La fornitura di calzature è indicata solo in patologie neurologiche centrali e periferiche, in patologie malformative (escluso il piede piatto) e malattie genetiche. La scarpa predisposta abbinata alla correzione con plantare può essere fornita in bambini al di sopra dei 4 anni in caso di grave valgismo delle ginocchia.

13 AUTORIZZAZIONE L autorizzazione alla fornitura del dispositivo protesico, dell ortesi o dell ausilio prescritto è rilasciata dall azienda Asl di residenza tramite gli uffici di assistenza protesica. L autorizzazione avviene dopo la valutazione del medico di distretto il quale dovra verificare : 1) lo stato di avente diritto del richiedente; 2) che la prescrizione contenga la diagnosi; 3) che la prescrizione sia redatta da un medico in possesso di specialita attinente alla disabilita o menomazione diagnosticata ;

14 4) che la prescrizione contenga il codice identificativo del dispositivo, protesico, ortesico o dell ausilio prescritto con indicazione o meno degli eventuali adattamenti necessari alla sua personalizzazione; 5) che la prescrizione contenga un programma terapeutico di utilizzo comprendente : - il significato terapeutico e riabilitativo; - le modalità, i limiti e la prevedibile durata di impiego del dispositivo; - le possibili controindicazioni; - le modalità di verifica del dispositivo in relazione all andamento del programma terapeutico.

15 COLLAUDO Il collaudo deve essere effettuato dal medico specialista che ha prescritto il dispositivo protesico, ortesico o l ausilio indicato nel nomenclatore tariffario ovvero di un altro medico appartenente alla stessa unita operativa.lo specialista e tenuto ad accertare la congruenza clinica e la rispondenza del dispositivo ai termini dell autorizzazione. Qualora all atto del collaudo il dispositivo non risulti rispondente alla prescrizione, il medico deve indicare le eventuali incongruenze al fine di far predisporre le opportune variazioni e/o modifiche del dispositivo. IL collaudo deve essere effettuato tassativamente, entro venti giorni dalla data di consegna del dispositivo protesico.

16 RINNOVO DELLA PRESCRIZIONE Per i dispositivi forniti agli assistiti di età inferiore ai 18 anni non si applicano i tempi minimi di rinnovo in quanto sono possibili sostituzioni o modificazioni dei dispositivi protesici erogati secondo il programma terapeutico redatto dal medico specialista prescrittore. Non e possibile autorizzare la fornitura di nuovi dispositivi in favore di assistiti di eta superiore ai 18 anni prima che sia trascorso il tempo minimo di rinnovo, specifico per tipo di dispositivo, e pero possibile abbreviare i tempi minimi di rinnovo, sulla base di una dettagliata relazione del medico prescrittore, per particolari necessità terapeutiche o riabilitative o in caso di modifica dello stato psicofisico dell assistito.

17 RICONDUCIBILITA Che cosa significa riconducibilita? Riconducibilita e la possibilita di prescrivere dispositivi non contemplati negli elenchi del nomenclatore tariffario ma riconducibili agli stessi per omogeneita funzionale. Qual e la procedura per poter utilizzare lo strumento della riconducibilita? Qualora l assistito scelga un tipo o un modello di dispositivo non incluso nel nomenclatore tariffario ma riconducibile, a giudizio dello specialista prescrittore, per omogeneità funzionale ad un dispositivo incluso nel nomenclatore tariffario, l ASL di residenza ne autorizza la fornitura, coprendo il costo del prodotto scelto solo fino alla tariffa prevista o al prezzo determinato per quel dispositivo presente nel nomenclatore tariffario e corrispondente ( o meglio simile ) a quello erogato. Esempio di prescrizione dispositivo con lo strumento della riconducibilta : Carrozzina XXY riconducibile ( non contemplata nel N.T. ) per omogeneita funzionale alla carrozzina codice ( contemplata nel N.T.)

18 RICICLO AUSILI Con la D.G.R. n del la Giunta regionale del Piemonte ha stabilito che le ASL possono riutilizzare i prodotti da cedere in comodato d uso di cui : Elenco 1) del N.T. quali ad esempio : carrozzine elettriche, seggioloni polifunzionali ecc. Elenco 2 del N.T. quali ad esempio : carrozzine a telaio rigido,biciclette a tre ruote, ausili ottici elettronici ecc. Elenco 3 del N.T. P quali ad esempio cingoli montascale, aspiratori ecc.

19 L ASLCN1 al fine di contenere i costi dell assistenza protesica ha provveduto ad attivare tramite una ditta convenzionata, che provvede alla sanificazione e messa a norma degli ausili, il riciclo degli ausili che sono attualmente quelli indicati in un apposito modulo ( da aggiornare in riferimento alle nuove indicazioni della D.G.R. n del ) e forniti agli assistiti tramite magazzino aziendale. Inoltre sempre tramite magazzino vengono forniti gli ausili per gli assistiti nelle diverse tipologie di cure domiciliari quali esempio l ADI (Assistenza domiciliare integrata ), l ADP (Assistenza domiciliare programmata ) ecc..

20 AUSILI A TECNOLOGIA AVANZATA Con la Deliberazione della Giunta Regionale n del 28 marzo 2011 e stata prorogata al 31/12/2011 la D.G.R. n del e s.m.i. valutati positivamente gli esiti della sperimentazione a distanza di tre anni dall avvio del progetto. La DGR n del 28 marzo 2011 prevede la concessione di contributi a persone con grave disabilita' per l'acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati, rivolti all'autonomia e all'inclusione sociale per l'anno Beneficiari: Sono ammessi al contributo per la spesa relativa agli ausili tecnologicamente avanzati i soggetti residenti sul territorio della Regione Piemonte affetti da patologie che determinino disabilità riducibili con l ausilio richiesto e riconosciuti, a causa di tali patologie, persona handicappata in stato di gravità (comma 3, art. 3 Legge 104/92).

21 Dispositivi ammessi al contributo: Sono ammessi al contributo esclusivamente ausili tecnologicamente avanzati destinati a favorire la comunicazione, l apprendimento e la mobilità come di seguito dettagliati: - Personal Computer e periferiche standard (stampanti, scanner, mouse tradizionali, ecc.) - Periferiche specifiche necessarie a rendere utilizzabile un PC in presenza di grave disabilità(tastiere e mouse modificati, touch screen, ecc.) - Ausili con funzioni di PC, e con funzioni integrate assimilabili a periferiche adattate (per es.touch screen) Dispositivi ad alta tecnologia per gli spostamenti (contributo ad integrazione della cifra autorizzata ai sensi del DM 332/99 comma 5 dell art. 1)

22 MODULISTICA : ALLEGATO A ( DGR del )ai sensi D.M. n. 332 DEL ; MODULO PRESCRIZIONE AUSILI ( la cui fornitura avviene tramite magazzino aziendale ASLCN1) ;

23 DGR n del 28 marzo 2011 ( sistemi tecnologicamente avanzati ) ALLEGATO 2 ( modulo di richiesta di contributo per l acquisto di sistemi tecnologicamente avanzati ) ALLEGATO 3 ( Modulo di prescrizione specialista )

24

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità S.It.I. Milano 8 febbraio 2012 Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità 16-02-2012 1 Nomenclatore Tariffario delle Protesi DECRETO MINISTERIALE n. 332. 27 agosto

Dettagli

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE NOMENCLATORE TARIFFARIO DM 332/1999 Il Nomenclatore Tariffario è l'elenco delle Protesi e degli Ausili Tecnici (Dispositivi) diretti al recupero funzionale e sociale dei soggetti affetti da minorazioni

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA

ASSISTENZA PROTESICA Trieste, 11 giugno 2005 Aspetti medico-legali nella gestione dei pazienti con Sclerosi Multipla ASSISTENZA PROTESICA Dott.ssa Viviana VARONE ASS n. 5 Bassa Friulana Dipartimento di Prevenzione SOGGETTI

Dettagli

Convegno internazionale: "Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità" - Bologna 16 Dicembre 2010

Convegno internazionale: Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità - Bologna 16 Dicembre 2010 15/12/2010 Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: quali sfide e quali opportunità? Fra LEA e «Piano di Indirizzo per la Riabilitazione»: come si modifica la prescrizione

Dettagli

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Allegato 4 Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Premessa Il documento fornisce le indicazioni operative all utilizzo

Dettagli

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali di erogazione delle prestazioni di assistenza

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili «Ripartiamo dal territorio 2015 Lavori in corso» Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili Dott. Giuseppe Coluzzi Azienda ASL LATINA DISTRETTO 2 ASSISTENZA RIABILITATIVA SONO UTILIZZATI, A SECONDA

Dettagli

PROCEDURA PER L EROGAZIONE DEI PRESIDI ELENCO 1 e 2 DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI (DM 332/99)

PROCEDURA PER L EROGAZIONE DEI PRESIDI ELENCO 1 e 2 DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI (DM 332/99) DELLE PROTESI (DM 332/99) PROCEDURA PER L EROGAZIONE DEI PRESIDI ELENCO 1 e 2 DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI (DM 332/99) Lista di Distribuzione Operatori Amministrativi Unità Operative Ass.

Dettagli

allegato 1 PRESCRIZIONE DI STRUMENTI TECNOLOCICAMENTE AVANZATI RIVOLTI ALL'AUTONOMIA E ALL'INCLUSIONE SOCIALE

allegato 1 PRESCRIZIONE DI STRUMENTI TECNOLOCICAMENTE AVANZATI RIVOLTI ALL'AUTONOMIA E ALL'INCLUSIONE SOCIALE REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 17 giugno 2013, n. 18-5958 Modifiche ed integrazioni della D.G.R. n. 4-6467 del 23.07.2007 e s.m.i., recante contributi a persone con

Dettagli

L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti

L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti REGIONE PIEMONTE ASL NO SEDE LEGALE: VIA DEI MILLE 2-28100 NOVARA P.IVA 01522670031 L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti dott. Lorenzo Brusa Novara 17

Dettagli

PROCEDURA APPLICATIVA. Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA

PROCEDURA APPLICATIVA. Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA pag. 1 di 18 DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE: Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA 1 Eliminate linee guida plantari e sostituite con Indirizzi per la prescrizione di ausili per la mobilita personale, scarpe e plantari

Dettagli

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI REGIONE ABRUZZO Azienda Sanitaria Locale di Teramo DIPARTIMENTO ASSISTENZA SANITARIA TERRITORIALE Direttore: Dott. Valerio F. Profeta SERVIZIO TERRITORIALE DI RIABILITAZIONE Dirigente Responsabile: Dott.sa

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico? Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS Polo tecnologico Milano La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA

ASSISTENZA PROTESICA Aventi diritto alle prestazioni ANFFAS Brescia Onlus ASSISTENZA PROTESICA 1) invalidi civili (con valutazione superiore al 33%), di guerra, per servizio, ciechi e sordomuti 2) minori di anni 18 che necessitano

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 Allegato alla Deliberazione Azienda USL 2 Lucca n. 505 del 08/08/2007 REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 PREMESSA Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI Il presente regolamento, condiviso con l UOC Anziani ed A.D.I. è parte integrante delle Linee Guida per l Assistenza Protesica, e la modulistica

Dettagli

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona PROGRAMMA Ausili ortesi protesi (definizione e concetti generali) Nomenclatore tariffario (concetti generali) Ausili: per la deambulazione, antidecubito Carrozzina e sistemi di postura (componenti e criteri

Dettagli

I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99

I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99 I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99 30 giugno 2014 Breve quadro normativo e contenuto del D.M. 332/99 D.G.R 642/2014 Regione Liguria revisione a livello nazionale D.P.C.M. LEA La spesa dell assistenza

Dettagli

Allegato B Alla c.a. Ufficio Assistenza Protesica ASL

Allegato B Alla c.a. Ufficio Assistenza Protesica ASL Allegato B Alla c.a. Ufficio Assistenza Protesica ASL RICHIESTA DI CONTRIBUTO PER L ACQUISTO DI SISTEMI TECNOLOGICAMENTE AVANZATI RIVOLTI ALL AUTONOMIA E ALL INTEGRAZIONE ANNO 2007 Il/la sottoscritto/a

Dettagli

Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità. A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris

Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità. A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris DISPOSITIVO MEDICO qualunque strumento, apparecchio,

Dettagli

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA Certificazioni di invalidità civile e handicap La certificazione di invalidità civile e la certificazione di handicap non sono la stessa cosa e danno diritto a benefici

Dettagli

PROTESICA E PRESIDI IN DIMISSIONE Dott. Maurizio Maria Fiorentino ASL RM C Responsabile UOSD Medicina Legale D9 Coordinatore Attività Protesica Aziendale Roma, 13 Giugno 2015 DECRETO MINISTERIALE 332/99

Dettagli

> Ai Direttori Generali delle Aziende UU.SS.LL. della Regione Sardegna LORO SEDI

> Ai Direttori Generali delle Aziende UU.SS.LL. della Regione Sardegna LORO SEDI Prot. n. 16531/3 Cagliari, 4 Maggio 2006 > Ai Direttori Generali delle Aziende UU.SS.LL. della Regione Sardegna LORO SEDI Oggetto: Linee di indirizzo regionali sull applicazione del DM 332/99 in materia

Dettagli

NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1. Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche

NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1. Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche ALLEGATO 1 NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1 Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche LA DESCRIZIONE DEGLI AUSILI TECNICI PER PERSONE DISABILI E LE NORME TECNICHE

Dettagli

ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE

ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE Aventi diritto alle prestazioni di assistenza protesica

Dettagli

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227)

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 27 agosto 1999, n. 332 "Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell'ambito del Servizio sanitario nazionale: modalità

Dettagli

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227)

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 27 agosto 1999, n. 332 "Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell'ambito del Servizio sanitario nazionale: modalità

Dettagli

Prestazioni di assistenza protesica ed integrativa. Modalità di erogazione

Prestazioni di assistenza protesica ed integrativa. Modalità di erogazione 1 di 18 Prestazioni di assistenza protesica ed integrativa. Modalità di Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, 24 90141 PAGINA 1 2 di 18 REDAZIONE E PROPOSTA Struttura di appartenenza

Dettagli

Come acquistare ALLERT:

Come acquistare ALLERT: Come acquistare ALLERT: da privato (vai alla slide 2) tramite richiesta di contributo ASL come comunicatore simbolico (vai alla slide 3) Da privato: Dopo aver scelto ALLERT, per cui consigliamo vivamente

Dettagli

CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO:

CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO: CARTA DEI SERVIZI Azienda convenzionata con il Servizio Sanitario Nazionale 7 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO: - invalidi civili, di guerra e per servizio

Dettagli

Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie

Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie LEGGI IN GIOCO DIRITTI E OPPORTUNITA a cura della dott.ssa Laura Gatti (assistente sociale reparto NPIA Esine) DISABILITA E HANDICAP

Dettagli

DOMANDA. Tel./Cell/Fax: Indirizzo mail:

DOMANDA. Tel./Cell/Fax: Indirizzo mail: DOMANDA BANDO Legge regionale 23/99 art. 4, commi 4 e 5 EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA O AL SINGOLO SOGGETTO DISABILE PER L ACQUISTO DI STRUMENTI TECNOLOGICAMENTE AVANZATI

Dettagli

Dati identificativi del familiare richiedente (se diverso)

Dati identificativi del familiare richiedente (se diverso) Domanda per il contributo alle famiglie di persone con disabilità o al singolo soggetto disabile per l acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati L.R. 23/99 - ANNO 2011 (Decreto n. 9815 del 25.10.2011)

Dettagli

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono obbligatori: -cognome, nome dell assistito o iniziali, dove prescritto

Dettagli

Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI

Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI Riferimenti di legge L Assistenza Sanitaria protesica è sancita dalla L. 118/71, art. 3, comma 1, ulteriormente precisata dal D.M.S. 332/99 a cui è allegato

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA PROCEDURA DI ASSISTENZA PROTESICA Decreto Ministeriale 332/99 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTALI... 3

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 830 del 13-11-2014 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 830 del 13-11-2014 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 830 del 13-11-2014 O G G E T T O Ripristino igienico e manutentivo dei montascale (CIG 59882815CE) Proponente: Coordinamento

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva nell Assistenza Integrativa e Protesica INVALIDITA CIVILE: perché e quali vantaggi Dott. Lorenzo Brusa Dott.ssa Laura Signorotti CHI E L INVALIDO CIVILE Si considerano mutilati

Dettagli

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica è una delle tecnologie che hanno come fine il miglioramento

Dettagli

4. BENEFICI CONTINUATIVI IN AMBITO SANITARIO PER INVALIDITÀ

4. BENEFICI CONTINUATIVI IN AMBITO SANITARIO PER INVALIDITÀ 4. BENEFICI CONTINUATIVI IN AMBITO SANITARIO PER INVALIDITÀ I benefici che seguono sono continuativi. Potrebbero però modificarsi di anno in anno parte dei requisiti di accesso, periodo di raccolta delle

Dettagli

Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa

Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa Allegato 1 alla D.G.R. n. 11/7 del 21.3.2006 Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa Le prestazioni afferenti alla branca specialistica di medicina

Dettagli

PROTES Assistenza Integrativa e Protesica. Definizione dei Cataloghi Regionali

PROTES Assistenza Integrativa e Protesica. Definizione dei Cataloghi Regionali ASSISTENZA INTEGRATIVA E ICA Pag. 1 di 11 Assistenza Integrativa e Protesica Definizione dei Cataloghi Regionali Versione 1.0 VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Fornitura dell apparecchio acustico a carico del Servizio Sanitario Nazionale

Fornitura dell apparecchio acustico a carico del Servizio Sanitario Nazionale Fornitura dell apparecchio acustico a carico del Servizio Sanitario Nazionale Lo sapevi che la sanità italiana eroga un contributo a favore dei cittadini italiani con particolari problemi di udito? In

Dettagli

Dipartimento Cure Primarie

Dipartimento Cure Primarie Dipartimento Cure Primarie Direttore: Dr.ssa Ivanna Lascioli E-mail: dcp@aslvallecamonicasebino.it Il Dipartimento Cure Primarie, si articola in tre servizi con elencate le rispettive competenze: 1. SERVIZIO

Dettagli

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 1 Le minorazioni civili L invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa

Dettagli

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI La conoscenza di quelli che sono i diritti di chi è affetto da una disabilità, permette ai familiari di compiere i giusti passi per agevolare il reinserimento

Dettagli

ALLEGATO 2 1. Tempi minimi di rinnovo 2. Termini massimi di consegna/fornitura 3. Termini di garanzia

ALLEGATO 2 1. Tempi minimi di rinnovo 2. Termini massimi di consegna/fornitura 3. Termini di garanzia ALLEGATO 2 1. Tempi minimi di rinnovo 2. Termini massimi di consegna/fornitura 3. Termini di garanzia 1. TEMPI MINIMI DI RINNOVO A) Dispositivi ortopedici: Plantari: - in fibra ad alta resistenza 36 mesi

Dettagli

COME RICHIEDERE L ACCERTAMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE

COME RICHIEDERE L ACCERTAMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE COME RICHIEDERE L ACCERTAMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE Dal 1 gennaio 2010 la domanda di accertamento di invalidità civile, handicap e disabilità si presenta all INPS e non più alle Aziende Sanitarie. L

Dettagli

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO.

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO. Protocollo di intesa L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) tra e REGIONE LAZIO per l erogazione di prestazioni di assistenza sanitaria da parte dell istituto

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario MEDICINA LEGALE

Lo sportello Unico Socio Sanitario MEDICINA LEGALE Lo sportello Unico Socio Sanitario MEDICINA LEGALE INVALIDITA - CIVILE - DI SERVIZIO - DI LAVORO - DI GUERRA INVALIDI CIVILI Sono considerati invalidi civili secondo la Legge 118/1971: Cittadini di età

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 20 del 16 / 05 / 2002

Bollettino Ufficiale n. 20 del 16 / 05 / 2002 Bollettino Ufficiale n. 20 del 16 / 05 / 2002 Deliberazione della Giunta Regionale 7 maggio 2002 n. 80-5989 Modalità di accesso e rimborsi per le prestazioni accessorie a favore degli uremici cronici,

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER L ASSISTENZA PROTESICA

LINEE GUIDA REGIONALI PER L ASSISTENZA PROTESICA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA E POLITICHE SOCIALI LINEE GUIDA REGIONALI PER L ASSISTENZA PROTESICA INDICE 1. PERCORSO DI ASSISTENZA PROTESICA

Dettagli

MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO

MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO Decreto Legislativo di recepimento della Direttiva 2011/24/UE Dipartimento della Programmazione e del Servizio Sanitario Nazionale Direzione Generale della Programmazione

Dettagli

Contributi a disabili gravi per favorire la permanenza nella loro abitazione (art. 10 LR 29/97)

Contributi a disabili gravi per favorire la permanenza nella loro abitazione (art. 10 LR 29/97) Contributi a disabili gravi per favorire la permanenza nella loro abitazione (art. 10 LR 29/97) 1. Finalità La Legge regionale n.29/97, al fine di limitare le situazioni di dipendenza assistenziale e per

Dettagli

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 1 Le minorazioni civili L invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE BT (Andria Barletta Bisceglie Canosa Margherita di S. - Minervino S. Ferdinando di P. - Spinazzola Trani - Trinitapoli) 76123 A N D

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU39 26/09/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 9 settembre 2013, n. 10-6336 D.M. 332/99 - Linee Guida: "Appropriatezza prescrittiva Apparecchi Acustici". Definizione requisiti organizzativi

Dettagli

Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA)

Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) Milano, 12-02-2015 Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) Analisi dei documenti di presentazione e della bozza di DPCM; osservazioni e posizione del C.S.R. I testi pubblicati in questi

Dettagli

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del OGGETTO: Attivazione dell applicativo regionale informatizzato per la prescrizione, la dispensazione e il monitoraggio dell ormone della crescita (GH). NOTA PER LA TRASPARENZA: il presente provvedimento

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA FORNITURA PRESIDI PROTESICI

SCHEDA INFORMATIVA FORNITURA PRESIDI PROTESICI 1 corsetti, busti, reggispalle, collari, minerve docce e tutori per arto superiore docce,stecche, staffe e tutori per arto inferiore o invalidi civili, di guerra e di servizio o minori di anni 18 per i

Dettagli

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico Capitolo 14 - Sostegno Scolastico 14.1 Il diritto all istruzione Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa nazionale vigente, attraverso l integrazione scolastica,

Dettagli

Diritti e opportunità I BENEFICI CONNESSI AL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE

Diritti e opportunità I BENEFICI CONNESSI AL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE fase di remissione di malattia. Una gravidanza che insorge in fase di attività di malattia è infatti molto più a rischio di problemi materni e fetali. Secondo molti autori, una gravidanza può essere intrapresa

Dettagli

Sla, come accedere ai contributi regionali

Sla, come accedere ai contributi regionali Sla, come accedere ai contributi regionali Le recenti, dolorose vicende di malati di Sla inducono l Ulss 12 a ricordare a tutti i pazienti e ai loro famigliari il percorso per ottenere il contributo regionale,

Dettagli

Assistenza Riabilitativa

Assistenza Riabilitativa Assistenza Riabilitativa Che cos è l assistenza riabilitativa Chi può chiederla Il piano di intervento riabilitativo La fornitura di ausili e protesi Prescrizione di dispositivi protesici La fornitura

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DELL INTEGRAZIONE RETTE DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI A CARATTERE SOCIO-SANITARIO (RSA E CASA PROTETTA) INDICE

Dettagli

BANDO A SPORTELLO (DAL 16.03.2015 AL 30.10.2015 O FINO AD ESAURIMENTO FONDI)

BANDO A SPORTELLO (DAL 16.03.2015 AL 30.10.2015 O FINO AD ESAURIMENTO FONDI) INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 2883 DEL 12/12/2014 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI DISABILITA E NON AUTOSUFFICIENZA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2014. ULTERIORI

Dettagli

Allegato n. 1 Delibera n. 301 del 27/05/2014

Allegato n. 1 Delibera n. 301 del 27/05/2014 Linee Guida delle Aziende Ulss della provincia di Venezia per la prescrizione di protesi e ausili (D.M. 332/1999) L assistenza agli anziani ed alle persone disabili non è erogabile a livello di singoli

Dettagli

Nuove modalitàdi di presentazione delle domande di InvaliditàCivile e per il riconoscimento dei benefici delle leggi n. 104/1992 e n.

Nuove modalitàdi di presentazione delle domande di InvaliditàCivile e per il riconoscimento dei benefici delle leggi n. 104/1992 e n. Nuove modalitàdi di presentazione delle domande di InvaliditàCivile e per il riconoscimento dei benefici delle leggi n. 104/1992 e n. 68/1999 A decorrere dall 1.1.2010 le domande per il riconoscimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria. degliausili. Come orientarsi nel mondo

Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria. degliausili. Come orientarsi nel mondo Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria degliausili Come orientarsi nel mondo Sommario GLI AUSILI 6 CHE COS È UN AUSILIO? 6 A CHI PUÒ ESSERE NECESSARIO UN AUSILIO? 7 COME OTTENERE UN AUSILIO? 7 DOVE

Dettagli

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE INDICE assegno di cura per anziani non autosufficienti... 3 assegno di cura per disabili non autosufficienti... 4 voucher sociale... 5 servizio assistenza

Dettagli

TRASPORTO SANITARIO ORDINARIO

TRASPORTO SANITARIO ORDINARIO TRASPORTO SANITARIO ORDINARIO Cosa è Il Trasporto Sanitario ORDINARIO è definibile come un servizio che la Regione Toscana assicura, con oneri a carico del Servizio Sanitario Regionale, ai propri assistiti,

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 93 del 01/07/2015 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO AVVISO DI RIDEFINIZIONE NORME ASSEGNAZIONE VOUCHER SOCIALI PER SOSTENERE LA VITA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE UNIONE COMUNI DEL BASSO VICENTINO _Alonte, Asigliano Veneto, Orgiano, Pojana Maggiore_ REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO COMUNALE DI ISTITUZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI IN FAVORE DEI SOGGETTI PORTATORI DI HANDICAPS Approvato con delibera del

Dettagli

SERVIZIO DI FISIOTERAPIA

SERVIZIO DI FISIOTERAPIA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 7 INDICE 1. OBIETTIVO... 2 2. ATTIVITA FISIOTERAPICA GENERALE... 2 2.1 PERSONALE COINVOLTO E RESPONSABILITÀ... 2 2.2 MODULISTICA... 3 2.3 STRUMENTI... 3 2.4 FREQUENZA... 3 MODALITÀ

Dettagli

Le agevolazioni per le persone disabili:

Le agevolazioni per le persone disabili: Le agevolazioni per le persone disabili: percorso attraverso le principali normative ed i servizi per le persone con disabilità. Come accedere: per accedere ai servizi ed alle agevolazioni legate alla

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU43 24/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 30 settembre 2013, n. 21-6423 Applicazione D.P.R. 16.4.2013 n. 68 concernente "Regolamento recante modifiche all'art. 330 del D.P.R.

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 3101 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore DIANA Lorenzo COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 25 FEBBRAIO 1998 Disciplina

Dettagli

17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI 17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ART. 1 OGGETTO e FINALITA Il presente documento disciplina

Dettagli

Deliberazione della Giunta Regionale 29 aprile 2011, n. 43-1979 Attuazione Piano di Rientro. Assistenza Integrativa - Protesica. Linee di indirizzo.

Deliberazione della Giunta Regionale 29 aprile 2011, n. 43-1979 Attuazione Piano di Rientro. Assistenza Integrativa - Protesica. Linee di indirizzo. REGIONE PIEMONTE BU21 26/05/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 29 aprile 2011, n. 43-1979 Attuazione Piano di Rientro. Assistenza Integrativa - Protesica. Linee di indirizzo. A relazione dell'assessore

Dettagli

2. L invalidità Importi e Tabelle

2. L invalidità Importi e Tabelle 2. L invalidità Importi e Tabelle Il sistema della sicurezza sociale Nel nostro Paese, per accedere alla rete di servizi, provvidenze, agevolazioni previste a favore dei cittadini che presentano minorazioni

Dettagli

3 punti Rende fruibile l'ambiente in assenza di altre persone 1 punto Rende fruibile l'ambiente ma necessita della presenza di altre persone

3 punti Rende fruibile l'ambiente in assenza di altre persone 1 punto Rende fruibile l'ambiente ma necessita della presenza di altre persone Allegato C alla deliberazione n. 16 del 15 gennaio 2015 composto da n. 5 fogli CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE GRADUATORIE - Bando 2014 Le graduatorie previste dal DDG n. 12006 del 10.12.2014 sono tre:

Dettagli

Art. 1 (Finalità) 2. Gli interventi e le patologie che legittimano l impegno finanziario della Regione sono i seguenti:

Art. 1 (Finalità) 2. Gli interventi e le patologie che legittimano l impegno finanziario della Regione sono i seguenti: Legge regionale 29 marzo 1999, n. 8 Provvidenze in favore di soggetti affetti da particolari patologie. (BUR n. 34 del 3 aprile 1999) Art. 1 (Finalità) 1. La Regione Calabria assume a proprio carico oneri

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA SEZIONE RICERCA MEDICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Partnership e rete... 3 Modalità di presentazione delle domande... 4 Contributo e cofinanziamento...

Dettagli

ALUNNO CON DISABILITA

ALUNNO CON DISABILITA D.G. Famiglia e Solidarietà Sociale ALUNNO CON DISABILITA NUOVE MODALITA PER L INDIVIDUAZIONE AL FINE DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA NORMATIVA LEGGE 104/92 DPR 24 FEBBRAIO 1994 LEGGE 289/2002 ART.35 COMMA

Dettagli

Protocollo di intesa. tra

Protocollo di intesa. tra Protocollo di intesa tra L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) con Sede in Roma, Via IV Novembre, 144 (CF 01165400589), rappresentato dal Presidente Massimo De

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DI CAGLIARI Allegato A REGOLAMENTO RECANTE MODALITA D INSERIMENTO IN STRUTTURA DI ADULTI, ANZIANI E DISABILI INDICE Art. 1 Oggetto Art 2 Destinatari Art. 3 Requisiti Art. 4 Valutazione del bisogno

Dettagli

MA UALE DELLE PROCEDURE ALIMENTI

MA UALE DELLE PROCEDURE ALIMENTI PROCEDURA EROGAZIONE SENZA GLUTINE A PAZIENTI AFFETTI DA MORBO CELIACO REDATTO Dipartimento del Farmaco Dott.ssa Alessandra Mingarelli Farmacisti Dott. D. Carletti Dott.ssa L.Arenare CONDIVISO Dipartimento

Dettagli

A seguito dei criteri definiti dall Assemblea dei Sindaci in data viene aperto il BANDO A SPORTELLO (dal 25/05/2015 al 31/12/2015)

A seguito dei criteri definiti dall Assemblea dei Sindaci in data viene aperto il BANDO A SPORTELLO (dal 25/05/2015 al 31/12/2015) INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 2883 DEL 12/12/2014 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVE DISABILITA E NON AUTOSUFFICIENZA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2014. ULTERIORI

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI

CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI 1. PRINCIPI GENERALI I seguenti criteri disciplinano, all interno di un sistema integrato

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012

DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012 Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012 INDICE: 1. FINALITA. 2. SOGGETTI AVENTI DIRITTO. 3. PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA.

Dettagli

La tutela della salute negli ambienti di lavoro. La Sorveglianza Sanitaria ai sensi del D.Lgs. 81/2008

La tutela della salute negli ambienti di lavoro. La Sorveglianza Sanitaria ai sensi del D.Lgs. 81/2008 La tutela della salute negli ambienti di lavoro La Sorveglianza Sanitaria ai sensi del D.Lgs. 81/2008 D.Lgs. 81/2008 Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Art. 18. Obblighi del datore di lavoro

Dettagli

comma 2 : in alternativa possono chiedere al datore di lavoro di usufruire di 2 ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del 3 anno

comma 2 : in alternativa possono chiedere al datore di lavoro di usufruire di 2 ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del 3 anno GUIDA PER IL RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI HANDICAP (LEGGE 104/92) La legge sull handicap prevede interventi volti concretamente a prevenire e rimuovere le condizioni invalidanti che impediscono lo sviluppo

Dettagli