ULSS 18 ROVIGO. Brochure di servizio Rev.0 del Anatomia Patologica. Informazioni per gli utenti esterni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ULSS 18 ROVIGO. Brochure di servizio Rev.0 del 09.03.2015. Anatomia Patologica. Informazioni per gli utenti esterni"

Transcript

1 ULSS 18 ROVIGO Anatomia Patologica Informazioni per gli utenti esterni Brochure di servizio Rev.0 del Via Tre Martiri 140 Rovigo -

2 Sommario Presentazione del Servizio...2 La nostra attività...3 Informazioni Utili...4 Orari di apertura...4 Numeri telefonici e FAX...4 Prenotazione citologia urinaria...4 Conservazione dei campioni istologici e citologici...4 Consegna campioni esterni isto-citologici con impegnativa o in attività libero-professionale...5 Ritiro referti...5 Dove siamo...5 Planimetria dell Ospedale di Rovigo...6 Il nostro staff...7 Personale Incaricato del Trattamento dei dati...9 Personale che può fornire informazioni di carattere sanitario...9 Modalità di richiesta in visione preparati isto-citologici...9 Prestazioni e tariffe per utenti ambulatoriali...10 Prestazioni inviate in altra sede...16 Controlli di qualità...17 Citologia urinaria: istruzioni per la raccolta delle urine

3 Presentazione del Servizio La Unità Operativa Complessa (UOC) di Anatomia Patologica svolge funzioni di diagnostica isto-citologica, intraoperatoria, molecolare, nonchè l effettuazione di riscontri diagnostici (autopsie cliniche). Essa afferisce al Dipartimento dei Servizi di Diagnosi e Cura dell ULSS18 ed effettua le proprie prestazioni in ambito provinciale per l Ospedale S. Maria della Misericordia (Ospedale Civile) di Rovigo, l Ospedale San Luca di Trecenta, i Punti Sanità dell ULSS18 (distretti consultori), l Ospedale S. Maria degli Angeli di Adria, e per gli Utenti esterni. La finalità è quella di raggiungere la piena soddisfazione sia dell'utente, cui è destinato il referto diagnostico, sia del Medico curante, che richiede che la prestazione contenga non solo il referto diagnostico, ma anche gli indicatori di carattere prognostico e di ausilio alla scelta terapeutica, mediante: produzione di referti diagnostici e parametri prognostici e farmaco-predittivi, completi, tempestivi e clinicamente rilevanti, basati sulla osservazione ed interpretazione prima macroscopica e poi microscopica di preparati tissutali e cellulari garanzia in ogni circostanza della validità delle prestazioni fornite con partecipazione a controlli di qualità interni ed esterni incremento dello spettro delle prestazioni qualora si verifichino particolari situazioni epidemiologiche o si realizzino nuove conoscenze scientifiche mantenimento, secondo le direttive aziendali, del tempo di refertazione per tutti gli esami istocitopatologici, con puntualità nella consegna miglioramento della qualità, anche mediante la promozione della formazione permanente di tutti gli Operatori La UOC di Anatomia Patologica è attivamente impegnata nei progetti aziendali di prevenzione delle malattie neoplastiche: screening del carcinoma della cervice uterina, screening del carcinoma della mammella e screening del carcinoma del colon/retto. Il servizio è dotato di un moderno strumento di Telepatologia (Aperio, Nikon Instruments) che consente di trasmettere, in tempo reale, le immagini microscopiche da un ospedale all altro, per consultazione e controllo di qualità delle diagnosi. Il servizio dispone inoltre di tecnologie avanzate quali: strumento automatizzato per citologia in strato sottile Thin Prep 5000 Processor, processatori, coloratori e montavetrini automatici, microtomi rotativi automatizzati, due criostati di cui uno con sistema di disinfezione UV, due apparecchi per immunoistochimica (Leica Bond III), attrezzatura per indagini molecolari (Cervista MTA e TP5000-STS, Termo Blok, Termociclatore, Top Brite, Thermo Shaker), Cappa BIOHAZARD a flusso laminare verticale e cappe chimiche per la protezione degli operatori e dell ambiente lavorativo

4 La nostra attività diagnostica istologica diagnostica estemporanea intraoperatoria linfonodo sentinella nel carcinoma mammario in intraoperatoria con metodica immunoistochimica rapida (Cytonel plus) diagnostica citologica generale in strato sottile diagnostica citologica agoaspirativa in strato sottile e su striscio tradizionale diagnostica citologica cervico-vaginale in strato sottile e su striscio tradizionale diagnostica screening mammario su core biopsy diagnostica screening colon-retto diagnostica immunoistochimica per immunofenotipizzazione di neoplasie e patologie emolinfoproliferative parametri prognostici e predittivi di risposta terapeutica nel carcinoma mammario: ER, PR, Ki-67, HER2 pannello immunoistochimico nelle lesioni displasiche della cervice uterina: p16ink4a/ki67 analisi immunoistochimica della proteina BRAF mutata V600E con anticorpo monoclonale VE1, nel melanoma, carcinoma papillare della tiroide, carcinoma colorettale analisi immunoistochimica delle proteine MisMatch Repair (MMR) MLH1, PMS2, MSH2, MSH6 diagnostica in immunofluorescenza diretta per patologia infiammatoria renale: IgA, IgG, IgM, Fibrinogeno, C3, C1q, Catene Kappa e Lambda, albumina Immunofluorescenza diretta per patologie cutanee: IgA, IgG, IgM, Fibrinogeno, C3 diagnostica in immunofluorescenza indiretta su siero per patologie cutanee bollose (pemfigo, pemfigoide) diagnostica molecolare con metodica FISH/CISH: HER2, MDM2, ALK diagnostica molecolare virale su sezioni istologiche (EBV, CMV) con metodica di ibridazione in situ genotipizzazione HPV su sezioni istologiche e su preparati citologici (metodica PCR- Reverse Line Blot) determinazione HPV di alto rischio (HPV-HR) su preparati citologici in Thin Prep -PreservCyt determinazione mutazioni dei fattori della coagulazione su sangue periferico (Fattore II, Fattore V Leiden, Fattore V aplotipo HR2, MTHFR 677, MTHFR 1298, PAI-1 ) con metodica PCR-Reverse Line Blot riscontri diagnostici su pazienti deceduti negli Ospedali di Rovigo, Trecenta e Adria. Per le prestazioni isto-citologiche viene effettuata anche attività libero professionale di equipe con tariffe predefinite dall' Azienda. Le prestazioni erogate per gli utenti esterni sono sottoposte al pagamento del ticket secondo tariffario regionale e al pagamento di una quota aggiuntiva di 5 o 10 euro (Deliberazione Giunta Regionale n del 5 agosto 2011) per gli utenti non esenti

5 Informazioni Utili Orari di apertura Dal lunedì a venerdì e Sabato e giorni festivi chiuso. Numeri telefonici e FAX (SEGRETERIA orario telefonico e negli altri orari è attivo il servizio di segreteria telefonica) (SEGRETERIA LABORATORIO) FAX: Prenotazione citologia urinaria Per la citologia urinaria è necessaria la prenotazione, che si effettua telefonando al CUP (Centro Unico di Prenotazione) numero verde da telefono fisso o solo da cellulari. La consegna deve avvenire nel laboratorio di Anatomia Patologica (porta azzurra) ore dal lunedì al venerdì. I tempi massimi di attesa per la prenotazione sono contenuti entro i 10 giorni. I contenitori per la raccolta delle urine sono forniti dal laboratorio di citologia negli orari di apertura (tel: ) e contengono un liquido fissativo, a base alcolica. Si raccomanda di procurarsi i contenitori per la raccolta almeno tre giorni prima della data di consegna (preferibilmente 7-15 giorni prima). Se l esame è eseguito per la prima volta il personale addetto all accettazione fornirà informazioni sulla corretta raccolta e conservazione del materiale. Le istruzioni per la raccolta sono riportate anche nella sezione Modulistica di questo manuale (pag. 18) e scaricabili dal sito web aziendale. E possibile effettuare l esame anche in attività libero-professionale; in questo caso non è obbligatoria la prenotazione. Conservazione dei campioni istologici e citologici I campioni istologici ( biopsie) sono immersi in un liquido fissativo (formalina) che conserva il materiale da esaminare impedendone la degradazione. Consegnare il istologico in Anatomia Patologica entro ore per evitare l iper-fissazione del materiale che potrebbe inficiare eventuali esami immunoistochimici. NOTA: La formalina (aldeide formica soluzione 4%) è una sostanza tossica, di cui sono noti i profili di rischio. Il contenitore va conservato ben chiuso, per evitare fuoriuscite di formalina e di materiale biologico, e a temperatura ambiente. Consigli di sicurezza: dopo contatto con la pelle: lavare immediatamente con molta acqua, togliere gli indumenti contaminati e chiamare un medico. Dopo contatto con gli occhi: risciacquare abbondantemente con acqua e consultare un oculista. Dopo ingestione: bere immediatamente almeno 2 bicchieri di acqua. Consultare un medico. Il materiale citologico su vetrino strisciato e il materiale citologico in liquido fissativo devono essere conservati a temperatura ambiente. Per i consigli di sicurezza si rimanda a pag

6 Consegna campioni esterni isto-citologici con impegnativa o in attività libero-professionale Consegna campioni esterni isto-citologici con impegnativa. Il paziente deve presentarsi negli orari di apertura con il, il tesserino sanitario e l impegnativa rossa SSR compilata dal medico con i seguenti dati: tipo di materiale inviato, la sede del prelievo, la diagnosi o quesito clinico. E consentita la delega ad altra persona, purchè munita del tesserino sanitario dell Interessato. Consegna campioni esterni isto-citologici in attività libero-professionale. L Equipe effettua attività liberoprofessionale su campioni istologici e citologici con tariffe deliberate dall Azienda ULSS18. Le tariffe sono elencate nel MOD 52 Consenso esecuzione esami istologici e citologici in attività libero professionale, scaricabile dal sito web aziendale e disponibile presso la Segreteria. che deve essere firmato dall Interessato e allegato alla Richiesta. Il paziente deve presentarsi negli orari di apertura con il, il tesserino sanitario e la Richiesta del medico curante su ricettario bianco con i seguenti dati: tipo di materiale inviato, la sede del prelievo, la diagnosi o quesito clinico e ogni altra notizia utile ai fini diagnostici. In questo caso non è necessaria l impegnativa rossa SSR. E consentita la delega ad altra persona, purchè munita del tesserino sanitario dell Interessato. Ritiro referti I referti ambulatoriali devono essere ritirati presso il Centro Unico di Consegna Referti (Area CUP) negli orari di apertura (dal lunerdì al venerdì orario continuato ore ). Il ritiro dei referti potrà essere effettuato anche da un delegato munito di delega scritta e di fotocopia del documento di identità del delegato e di un proprio documento di identità. Non è attualmente possibile il download dei referti di anatomia patologica dal sito WEB aziendale. I referti dei Pap test in attività libero professionale possono essere ritirati presso la Segreteria di Anatomia Patologica dal Medico Ginecologo che ha effettuato il prelievo, munito di delega dell Interessato, previo accordo sulle modalità di ritiro. La data del ritiro è indicata nel modulo con codice a barre (30 giorni) o nel modulo rilasciato nell'ambulatorio al momento dell'accettazione. Per il ritiro è necessario esibire la ricevuta dell avvenuto pagamento del ticket, se dovuto. In caso di mancato ritiro dei referti entro 30 giorni dalla effettuazione della prestazione è previsto l addebito dell intero importo della prestazione usufruita, anche in caso di esenzione del ticket (art. 4,comma 18, DLg. 412 del 1991) La UOC Anatomia Patologica effettua il monitoraggio dei tempi di refertazione in conformità a quanto previsto dagli obiettivi aziendali e nel Piano degli indicatori di qualità della UOC Anatomia Patologica. Dove siamo L Anatomia Patologica si si trova al piano Terra del Corpo A dell Ospedale Santa Maria della Misericordia Viale Tre Martiri, Rovigo. Accesso da NUOVA ENTRATA SUD (zona poliambulatori). Locale di Accettazione campioni esterni: piano terra, corridoio esterno della Struttura Ospedaliera (porta azzurra)

7 Planimetria dell Ospedale di Rovigo - 6 -

8 PERSONALE DIRIGENTE Il nostro staff Dott.ssa Lisato Laura Camilla Direttore F. F. Laurea in Medicina e Chirurgia Specializzazione in Anatomia Patologica Dottorato di Ricerca in Ingegneria dei Tessuti e dei Trapianti Incarico di alta professionalità Dermatologia e Referente Qualità tel Dott.ssa Borghi Laura Sostituto del Direttore Laurea in Medicina e Chirurgia Specializzazione in Anatomia Patologica Master di II livello in Patologia Cardiovascolare Incarico di alta professionalità Diagnostica isto-citologica di screening e neuropatologia tel Dott.ssa Ballotta Maria Laurea in Medicina e Chirurgia Specializzazione in Anatomia Patologica Incarico professionale Uropatologia e patologia emolinfopoietica tel Dott.ssa Rasi Annalisa Laurea in Medicina e Chirurgia Specializzazione in Anatomia Patologica Incarico professionale: Patologia testa-collo e referente informatica tel Dott. Reale Domenico Laurea in Medicina e Chirurgia Specializzazione in Anatomia Patologica Incarico di alta professionalità Patologia mammaria e polmonare tel Dott.ssa Rossi Paola Laurea in Scienze Biologiche Diploma di Competenza Europeo in Citologia cervico-vaginale EFCS (European Federation of Cytology Societies) - QUATE (Committee on Quality Assurance, Training and Education) Incarico professionale Citologia tel

9 PERSONALE TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO Coordinatore Tecnico Dott.ssa Natali Cristina Laurea specialistica in Scienze Biomolecolari e Cellulari-classe 6S Master in Management e funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie tel Responsabile Sezione Immunoistochimica e Biotecnologie Dott.ssa Marika Zanella Laurea specialistica in Biologia-classe 6S Specializzazione in Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica Perfezionamento in Nuove tecnologie in Medicina molecolare tel Personale Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico settore Citologia Ferrati Sandra Garbin Maria Antonia Sarti Mara Personale Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico settore Istologia Bissi Cosetta Sostituto del Coordinatore Tecnico Applauso Giuseppe Astolfi Alessia Casazza Agnese Cavalletti Barbara Cespuglio Diego OPERATORI SANITARI Aggio Giancarla operatore tecnico socio sanitario Cremesini Luca operatore tecnico PERSONALE AMMINISTRATIVO E DI SEGRETERIA Baccan Anna Maria assistente amministrativo Barrica Alessia operatore tecnico addetto alla segreteria A tempo parziale: Scaranello Luca coadiutore amministrativo Sichirollo Federica operatore sociosanitario - 8 -

10 Personale Incaricato del Trattamento dei dati Personale amministrativo e di Segreteria (procedure di accettazione informatizzata nel software aziendale CUPWEB e nel software di anatomia patologica ATHENA, stampa, consegna e archiviazione dei referti) Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico settore istologia (processazione dei campioni istologici con registrazione dei dati su software ATHENA) Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico settore citologia (accettazione informatizzata nel software aziendale CUPWEB e nel software di anatomia patologica ATHENA, processazione dei campioni citologici e lettura Pap test con registrazione dei dati su software ATHENA, consultazione dell'archivio delle diagnosi) Dirigenti medici e Dirigenti biologi (diagnosi e refertazione con registrazione dei dati su software ATHENA, consultazione dell'archivio delle diagnosi) Personale che può fornire informazioni di carattere sanitario Dirigenti medici Dirigenti biologi (per gli aspetti di competenza) Il Personale Tecnico e di Segreteria possono rilasciare informazioni solo sullo stato di avanzamento dell'esame e sulla procedura di richiesta vetrini in visione e non sono autorizzati a fornire informazioni di carattere sanitario. Il Richiedente (medico curante o Utente) deve contattare il Personale Dirigente dell'anatomia Patologica per ogni tipo di quesito clinico. Modalità di richiesta in visione preparati isto-citologici 1. La richiesta in visione di preparati isto-citologici per consulenze a scopo di diagnosi e cura è di norma effettuata dall'interessato (se minore dal tutore) o da Persona da lui delegata a termini di legge (con delega scritta firmata dall'interessato ed accompagnata dalla fotocopia di un documento di identità del delegante). 2. La eventuale richiesta da parte del medico curante (medico di fiducia o appartenente alla istituzione che ha in quel momento in cura il paziente stesso) presuppone in ogni caso il consenso del paziente anche in ordine al trattamento dei dati sensibili. 3. Qualora i preparati isto-citologici siano ritirati da un corriere espresso è possibile fare una delega generica al corriere. 4. La richiesta deve pervenire alla SEGRETERIA dell'unità Operativa Complessa di Anatomia Patologica (orario telefonico e negli altri orari è attivo il servizio di segreteria telefonica) oppure al (SEGRETERIA LABORATORIO) o per FAX al , sul modulo predisposto (MOD AP 72) scaricabile dal sito web, in cui devono essere forniti: a) le generalità, l indirizzo e il recapito telefonico dell'interessato (o del delegato richiedente); b) la descrizione del materiale richiesto in visione con numero identificativo dell'esame, segnalando l'eventuale richiesta di sezioni in bianco o dell inclusione in paraffina; c) il nome del Patologo o della Struttura a cui è inviata la consulenza; d) l impegno a restituire il materiale con copia del referto del consulente. 5. I preparati isto-citologici devono essere visionati dal Patologo che ha refertato l'esame, o in sua assenza, da un altro medico, prima della consegna. 6. La Unità Operativa Complessa di Anatomia Patologica provvede alla consegna del materiale, corredato - 9 -

11 del referto originale e del modulo di consegna (MOD AP 73) in cui è riportata la descrizione analitica di quanto consegnato, nonchè l'impegno del Richiedente alla restituzione dei preparati e a fornire copia del referto di consulenza. L'Interessato o il delegato firmano il modulo di consegna per l affidamento in custodia. Una fotocopia del documento firmato resta alla Segreteria. 7. Dopo la consulenza i preparati devono essere riconsegnati alla Segreteria dell' Unità Operativa Complessa di Anatomia Patologica che registra sul MOD AP 73 l'avvenuta restituzione. Qualora i preparati non possano essere riconsegnati è comunque doveroso garantirne la rintracciabilità segnalando alla Segreteria che i suddetti preparati sono stati trattenuti nella Struttura che ha effettuato la consulenza. Prestazioni e tariffe per utenti ambulatoriali PRESTAZIONI DA TARIFFARIO REGIONE VENETO EROGATE DALLA UOC ANATOMIA PATOLOGICA estratto da tariffario regionale in vigore dal 1 luglio Aggiornamento note regionali con DGR 2058 del 03/11/2014 Note di Codice Denominazione Tariffa in Note erogabilità euro regionali A VIRUS PAPILLOMAVIRUS 39,30 g (HPV) IN MATERIALI BIOLOGICI IBRIDAZIONE DIRETTA B VIRUS PAPILLOMAVIRUS 88,70 g (HPV) tipizzazione genomica ESTRAZIONE DNA O RNA ANALISI DI MUTAZIONE DNA 139,90 N con Reverse Dot Blot (da 2 a 10 mutazioni) R ESTRAZIONE DI DNA O RNA 40,10 N (da sangue periferico, tessuti, colture cellulari, villi coriali) R IBRIDAZIONE CON SONDA 72,05 N MOLECOLARE. R IBRIDAZIONE IN SITU (FISH) 164,55 N SU METAFASI, NUCLEI INTERFASICI, TESSUTI. mediante sonde molecolari a singola copia in cosmide ES. CITOLOGICO CERVICO 9,8 N VAGINALE [PAP test]. Include eventuale ricerca oncologica, flogistica ed ormonale ES. CITOLOGICO DA 29,9 N AGOASPIRAZIONE NAS. Per ciascun ES. CITOLOGICO DI 23,95 N ESPETTORATO (Fino a 5 vetrini e/o colorazioni) ES. CITOLOGICO DI 23,95 N VERSAMENTO o DI LAVAGGIO.(Fino a 5 vetrini e/o colorazioni)

12 PRESTAZIONI DA TARIFFARIO REGIONE VENETO EROGATE DALLA UOC ANATOMIA PATOLOGICA estratto da tariffario regionale in vigore dal 1 luglio Aggiornamento note regionali con DGR 2058 del 03/11/2014 Note di Codice Denominazione Tariffa in Note erogabilità euro regionali ES. CITOLOGICO URINE PER 12,5 N RICERCA CELLULE NEOPLASTICHE. (Fino a 5 vetrini e/o colorazioni) ES. ISTOCITOPATOLOGICO 23,95 N ARTICOLAZIONI: Tessuto fibrotendineo. In malattia di Dupuytren e malattia di De Quervain I ESAME CITOLOGICO DI SEDE 12,5 G NAS (Fino a 5 vetrini e/ocolorazioni) ES. ISTOCITOPATOLOGICO 23,95 N ARTICOLAZIONI: Biopsia sinoviale, biopsia tendinea ES. ISTOCITOPATOLOGICO 12,5 N BULBO OCULARE: Biopsia semplice. Per ciascun ES. ISTOCITOPATOLOGICO 12,5 N CAVO ORALE: Biopsia semplice. Per ciascun ES. ISTOPATOLOGICO CUTE. 12,5 N Shave o Punch. Per ciascun ES. ISTOPATOLOGICO CUTE 23,95 N E/O TESSUTI MOLLI: da Biopsia escissionale. Per ciascun I ES. ISTOPATOLOGICO CUTE 23,95 G E/O TESSUTI MOLLI: da Escissione di neoformazione. Per ciascuna neoformazione escissa ES. ISTOCITOPATOLOGICO 34,75 N APP. DIGERENTE: Agobiopsia epatica -. Per ciascun ES. ISTOCITOPATOLOGICO 12,5 N APP. DIGERENTE: Biopsia ghiandola salivare. I ES. ISTOPATOLOGICO APP. 12,5 G DIGERENTE: da Biopsia endoscopica. La prestazione sostituisce cod e cod Per ciascun

13 PRESTAZIONI DA TARIFFARIO REGIONE VENETO EROGATE DALLA UOC ANATOMIA PATOLOGICA estratto da tariffario regionale in vigore dal 1 luglio Aggiornamento note regionali con DGR 2058 del 03/11/2014 Note di Codice Denominazione Tariffa in Note erogabilità I I I ES. ISTOPATOLOGICO APP. DIGERENTE: da Polipectomia endoscopica. La prestazione sostituisce cod e cod Per ciascun ES. ISTOCITOPATOLOGICO APP. MUSCOLO SCHELETRICO: Biopsia incisionale o punch ES. ISTOCITOPATOLOGICO APP. RESPIRATORIO: Agobiopsia pleurica ES. ISTOPATOLOGICO APP. RESPIRATORIO: da Polipectomia endoscopica. La prestazione sostituisce cod Per ciascun ES. ISTOPATOLOGICO APP. RESPIRATORIO: da Biopsia bronchiale o transbronchiale o polmonare. La prestazione sostituisce cod e cod Per ciascun ES. ISTOPATOLOGICO APP. RESPIRATORIO: da Biopsia laringea. Per ciascun ES. ISTOCITOPATOLOGICO APP. RESPIRATORIO: Biopsia vie aeree (Sedi multiple) ES. ISTOCITOPATOLOGICO APP. UROGENITALE: Agobiopsia ovarica. Per ciascun ES. ISTOPATOLOGICO APP. GENITALE MASCHILE: da Agobiopsia prostatica. Per ciascun ES. ISTOCITOPATOLOGICO APP. UROGENITALE: Biopsia annessi testicolari. Per ciascun ES. ISTOCITOPATOLOGICO APP. UROGENITALE: Biopsia cervicale e endometriale. (Con raschiamento del canale) ES. ISTOCITOPATOLOGICO APP. UROGENITALE: Biopsia cervice uterina. Per ciascun euro regionali 12,5 G 38,5 N 38,5 N 12,5 G 12,5 G 12,5 N 41,05 N 41,05 N 41,05 N 12,5 N 41,05 N 12,5 N

14 PRESTAZIONI DA TARIFFARIO REGIONE VENETO EROGATE DALLA UOC ANATOMIA PATOLOGICA estratto da tariffario regionale in vigore dal 1 luglio Aggiornamento note regionali con DGR 2058 del 03/11/2014 Note di erogabilità I I I I Codice Denominazione ES. ISTOCITOPATOLOGICO APP. UROGENITALE: Biopsia endometriale (VABRA) ES. ISTOCITOPATOLOGICO APP. UROGENITALE: Biopsia pene. Per ciascun ES. ISTOPATOLOGICO APP. GENITALE MASCHILE: da Biopsia testicolare. Per ciascun ES. ISTOPATOLOGICO APP. GENITALE FEMMINILE: da Biopsia vaginale. Per ciascun ES. ISTOPATOLOGICO APP. GENITALE FEMMINILE: da Biopsia vulvare.la prestazione sostituisce cod e Per ciascun ES. ISTOPATOLOGICO APP. URINARIO: da Agobiopsia renale. Per ciascun ES. ISTOPATOLOGICO APP. URINARIO: da Biopsia endoscopica vescicale o uretrale. La prestazione sostituisce cod e Per ciascun ES. ISTOPATOLOGICO APP. URINARIO: da Resezione endoscopica di neoformazione vescicale. La prestazione sostituisce cod e Per ciascun ES. ISTOCITOPATOLOGICO APP. UROGENITALE: Biopsie cervicali (Sedi multiple). Per ciascun ES. ISTOPATOLOGICO APP. GENITALE FEMMINILE: da Polipectomia endocervicale o endometriale. Per ciascun ES. ISTOCITOPATOLOGICO MAMMELLA: Biopsia stereotassica. Per ciascun Tariffa in Note euro regionali 12,5 N 12,5 N 12,5 N 12,5 N 12,5 G 12,5 G 12,5 G 12,5 G 41,05 N 12,5 N 41,05 N

15 PRESTAZIONI DA TARIFFARIO REGIONE VENETO EROGATE DALLA UOC ANATOMIA PATOLOGICA estratto da tariffario regionale in vigore dal 1 luglio Aggiornamento note regionali con DGR 2058 del 03/11/2014 Note di Codice Denominazione Tariffa in Note erogabilità euro regionali ES. ISTOPATOLOGICO 23,95 N MAMMELLA: da Nodulectomia. Per ciascun ES. ISTOCITOPATOLOGICO 41,05 N SISTEMA EMOPOIETICO: Agobiopsia linfonodale. Per ciascun ES. ISTOCITOPATOLOGICO 70,3 N SISTEMA EMOPOIETICO: Agobiopsia linfonodale (Sedi multiple). Per ciascun ES. ISTOCITOPATOLOGICO 70,3 N SISTEMA EMOPOIETICO: Asportazione di linfonodo superficiale ES. ISTOCITOPATOLOGICO 70,3 N SISTEMA EMOPOIETICO: Biopsia osteo midollare. Per ciascun IR* PANNELLO DI 13,7 G IMMUNOFENOTIPIZZAZIONE per diagnosi differenziale e tipizzazione nei casi indicati nella nota - Sostituisce Erogabile unicamente per diagnosi differenziale di sospetta neoplasia melanocitaria, neoplasia metastatica ad origine ignota e di neoplasie indifferenziate ad incerta istogenesi, evidenziate con esame istologico e nella diagnosi di lesioni maligne che mimano lesioni benigne. Per ciascuna determinazione. IR* A PANNELLO DI 14,4 G IMMUNOFENOTIPIZZAZIONE per diagnosi differenziale di patologia tumorale nei casi indicati nella nota - Sostituisce Erogabile unicamente in caso di sospetto tumore primitivo emolinfoproliferativo evidenziato con esame istopatologico; erogabile in caso di sospetta Celiachia. Per ciascuna determinazione

16 PRESTAZIONI DA TARIFFARIO REGIONE VENETO EROGATE DALLA UOC ANATOMIA PATOLOGICA estratto da tariffario regionale in vigore dal 1 luglio Aggiornamento note regionali con DGR 2058 del 03/11/2014 Note di Codice Denominazione Tariffa in Note erogabilità euro regionali ES. ISTOCITOPATOLOGICO 41,05 N SISTEMA ENDOCRINO: Agobiopsia tiroidea. Per ciascun ES. ISTOCITOPATOLOGICO 23,95 N S.N.P.: Biopsia di nervo periferico. Per ciascun PRELIEVO CITOLOGICO. 2,3 N I ES. ISTOPATOLOGICO NAS. Da 12,5 g agobiopsia di organo/tessuto superficiale o profondo. Per ciascun. I ES. ISTOPATOLOGICO NAS. Da 12,5 g biopsia semplice di organo/tessuto superficiale o profondo. Per ciascun

17 Prestazioni inviate in altra sede Gli esami che necessitano di analisi molecolare che non possano essere eseguiti in loco: PATOLOGIE EMOLINFOPOIETICHE ANALISI DI CLONALITA GENOTIPICA PER LINFOCITI B e T ANALISI DEL RIARRANGIAMENTO DEI GENI BCL-1, BCL-2 ANALISI DEL RIARRANGIAMENTO DEI GENI MYC NEOPLASIE CEREBRALI ANALISI DELLO STATO DI METILAZIONE DEL GENE MGMT ANALISI FISH per delezione 1p36 e 19q13 ANALISI MUTAZIONI GENI IDH1 E IDH2 ANALISI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI TUMORI ANALISI DELL INSTABILITA DEI MICROSATELLITI RICERCA MUTAZIONI DEL GENE K-RAS RICERCA MUTAZIONI DEL GENE p53 RICERCA MUTAZIONI DEL GENE EGFR RICERCA MUTAZIONI DEI GENI KIT E PDGFRA RICERCA MUTAZIONI DEL GENE NRAS RICERCA MUTAZIONI DEL GEN BRAF ANALISI FISH PER IL GENE ALK ANALISI FISH PER IL GENE EGFR (copy number) sono inviati alla UOC di Immunologia e Diagnostica Molecolare Oncologica, Istituto Oncologico Veneto, Ospedale Busonera, via Gattamelata 64, Padova. Per gli Utenti Esterni è necessaria l impegnativa del medico curante, che deve essere consegnata al personale di Segreteria negli orari di apertura o anticipata via fax. Il personale Tecnico di Anatomia Patologica provvederà alla preparazione del materiale cito/istologico necessario all indagine molecolare. La spedizione allo IOV sarà effettuata con corriere inviato da Azienda ULSS18. I referti relativi agli esami inviati in altra sede pervengono alla UOC di Anatomia Patologica e sono archiviati in originale nei locale di accettazione/segreteria. Copia del referto di biologia molecolare viene inviato al Reparto od Ambulatorio di provenienza che provvederà alla comunicazione dei risultati all Utente. Qualora l analisi molecolare sia richiesta direttamente dal personale medico di Anatomia Patologica, a complemento della diagnosi, nel referto dell'esame istologico dell'anatomia Patologica di Rovigo viene riportata l'indicazione dell' invio del materiale in altra sede per l'esecuzione degli esami integrativi di biologia molecolare

18 Controlli di qualità La UOC di Anatomia Patologica verifica la qualità dei referti partecipando con continuità ai Programmi di Verifica della Qualità nelle sottoelencate sezioni diagnostiche. Citologia cervico-vaginale: Controllo di Qualità (C.d.Q) intralaboratorio routinario secondo protocollo interno IO/DPC.AP/10 (cadenza quotidiana). Per gli esami cito - istologici afferenti dai programmi di screening attivi (Patologia Cervico-vaginale, Patologia Mammaria, Patologia del Colon-retto): Controllo di Qualità interlaboratorio (EQA-External Quality Assurance) con cadenza annuale, mediante Corsi on-line e residenziali, realizzati anche in telepatologia, in collaborazione con Registro Tumori del Veneto e Istituto Oncologico Veneto. Patologia mammaria: Immunoistochimica/fattori prognostici-predittivi: Controllo di Qualità interlaboratorio (EQA-External Quality Assurance) con cadenza annuale, mediante Corsi on-line e residenziali, realizzati anche in telepatologia, in collaborazione con Registro Tumori del Veneto e Istituto Oncologico Veneto Confronto di qualità in Istologia. Promosso da Azienda Sanitaria dell'alto Adige, ospedale di Bolzano. Verifica esterna di qualità (VEQ) NordiQC. Immunoistochimica dello stato di HER2 nel carcinoma mammario, promosso dalla società scientifica SIAPEC-IAP (referente Prof. Oscar. Nappi, Direttore Anatomia Patologica Ospedale Cardarelli Napoli). Biologia molecolare/indagini FISH/CISH Controllo di qualità nazionale per ISH-HER2 promosso dalla società scientifica SIAPEC-IAP (referente prof.ssa Anna Sapino, Università degli Studi di Torino e Ospedale Molinette Torino)

19 Citologia urinaria: istruzioni per la raccolta delle urine Grazie alle nuove metodiche di allestimento è ora possibile raccogliere a casa i 3 campioni di urina necessari per l esame. Desideriamo pertanto darvi il massimo della qualità e Vi preghiamo di voler cortesemente seguire i suggerimenti qui indicati: Vanno raccolte le seconde urine del mattino per tre giorni di seguito: quelle emesse al risveglio non sono infatti idonee per l esame. E consigliato bere dell acqua prima dell esame (per esempio appena alzati). Non è necessario il digiuno: si può quindi fare una normale colazione prima dell esame. INDICAZIONI PER LA RACCOLTA 1. Raccogliere l urina in un recipiente pulito (es. bicchiere di plastica) ml circa. 2. Trasferire l urina raccolta nel primo contenitore fornito, contenente il liquido fissativo, fino al riempimento. 3. Chiudere bene il contenitore e mettere etichetta con cognome e nome 4. Conservare a temperatura ambiente, NON in frigo, lontano da fonti di calore. Ripetere le procedure da 1 > 4 per il 2 giorno, utilizzando il secondo contenitore e per il 3 giorno, utilizzando il terzo contenitore. Portare i tre campioni, quando ultimati, al centro di consegna, avendo cura di prenotare prima al CUP il giorno e il Punto Sanità dove avverrà la consegna. Per prenotazioni e disdette: numero verde gratuito da telefono fisso o solo da cellulari ATTENZIONE! TOSSICO TENERE FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI Il liquido contenuto nei flaconcini è a base di metanolo ed è tossico per inalazione, ingestione e contatto con la pelle, provoca danni agli organi ed è infiammabile. Tenere il recipiente ben chiuso. Evitare il contatto con la pelle, gli occhi, e le vie aeree; non ingerire! In caso di contatto con la pelle: lavare abbondantemente con acqua e sapone. In caso di ingestione contattare un medico o rivolgersi al Pronto Soccorso esibendo l etichetta del contenitore

PRESTAZIONI COD.TARIFFARIO TICKET. ANALISI DEL DNA ED IBRIDAZIONE CON SONDA MOLECOLARE (southern blot) 91.29.01 126,53

PRESTAZIONI COD.TARIFFARIO TICKET. ANALISI DEL DNA ED IBRIDAZIONE CON SONDA MOLECOLARE (southern blot) 91.29.01 126,53 PRESTAZIONI COD.TARIFFARIO TICKET ANALISI DEL DNA ED IBRIDAZIONE CON SONDA MOLECOLARE (southern blot) 91.29.01 126,53 ANALISI DEL DNA PER POLIMORFISMO con reazione polimerasica a catena e elettroforesi

Dettagli

ANATOMIA PATOLOGICA scheda aggiornata al 11,11,2015

ANATOMIA PATOLOGICA scheda aggiornata al 11,11,2015 ANATOMIA scheda aggiornata al 11,11,2015 MEDICO ORARIO AMBULATORIO Consulenza cito/istologica 220,00 Diagnosi anatomopatologica estemporanea (ogni campione) 165,00 Esame citologico cerv.vaginale (PAP test)

Dettagli

ALLEGATO 2C 91.39.4 91.39.A 91.39.B 91.39.C 91.39.D 91.39.E 91.39.F 91.39.G 91.39.H 91.39.J 91.39.K 91.39.L 91.39.M 91.39.N CODICE NOMENCLATORE

ALLEGATO 2C 91.39.4 91.39.A 91.39.B 91.39.C 91.39.D 91.39.E 91.39.F 91.39.G 91.39.H 91.39.J 91.39.K 91.39.L 91.39.M 91.39.N CODICE NOMENCLATORE ALLEGATO 2C CODICE NOMENCLATORE NOMENCLATORE TARIFFARIO REGIONALE DESCRIZIONE VOCI CATALOGO 91.39.4 ES. CITOLOGICO URINE PER RICERCA CELLULE NEOPLASTICHE Citologico brushing vie urinarie Citologico urinario

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007. Unità Operativa di Anatomia Patologica Ospedale di Bussolengo

Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007. Unità Operativa di Anatomia Patologica Ospedale di Bussolengo Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007 Unità Operativa di Ospedale di Bussolengo Azienda ULSS n. 22 Bussolengo (VR) Dipartimento di Diagnosi e Cura Unità Operativa di Ospedale di Bussolengo Monoblocco -

Dettagli

Unità Operativa Aziendale di Anatomia Patologica

Unità Operativa Aziendale di Anatomia Patologica Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale Unità Operativa Aziendale di Anatomia Patologica Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Patologia

Dettagli

CATALOGO PRESTAZIONI PER I CLIENTI UTENTI ESTERNI

CATALOGO PRESTAZIONI PER I CLIENTI UTENTI ESTERNI U. O. ANATOMIA PATOLOGICA - LEGNANO Direttore Dott.ssa Agnese Assi Telefono segreteria: 0331/449358-449266 Fax:0331/449266 e-mail: anatomopatologialegnano@ao-legnano.it Indirizzo: Via Candiani,2-20025

Dettagli

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA sanitaria Descrizione L obiettivo fondamentale è fornire diagnosi corrette, complete, tempestive e clinicamente rilevanti. Gli esami istologici e citologici

Dettagli

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA sanitaria Descrizione L obiettivo fondamentale è fornire diagnosi corrette, complete, tempestive e clinicamente rilevanti. Gli esami istologici e citologici

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI U.O.C. di Anatomia e Istologia Patologica Presidio Ospedaliero S. Eugenio - Azienda USL Roma C Università degli Studi di Roma Tor Vergata Direttore: Prof. Giuseppe Santeusanio Ospedale S. Eugenio Regione

Dettagli

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO... Pagina 1 di 6 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 3.1 Definizioni...2 3.2 Abbreviazioni...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...2

Dettagli

Anatomia Patologica per il Paziente

Anatomia Patologica per il Paziente Anatomia Patologica per il Paziente LA DIVISIONE DI ANATOMIA PATOLOGICA, CITOLOGIA DIAGNOSTICA E GENETICA MEDICA DELL AZIENDA OSPEDALIERA SAN GERARDO. ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO Tipologia esami Utenti

Dettagli

MANUALE UTENTI/CARTA DEI SERVIZI

MANUALE UTENTI/CARTA DEI SERVIZI Pg 1/ 10 MANUALE UTENTI/CARTA DEI SERVIZI INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER RACCOLTA, PRELIEVO, CONSERVAZIONE, TRASPORTO DEI MATERIALI BIOLOGICI Redazione Verifica Approvazione Data Funzione Visto Data Funzione

Dettagli

Area Funzionale Omogenea Anatomia ed Istologia Patologica. 1.0 Carta dei servizi per il cittadino utente

Area Funzionale Omogenea Anatomia ed Istologia Patologica. 1.0 Carta dei servizi per il cittadino utente Area Funzionale Omogenea 1.0 Carta dei servizi per il cittadino utente Pag. 2 di 9 INDICE 1.1 Generalità 3 1.2 Missione 3 1.3 Il team 3 1.3.1. Come trovarci 4 1.3.2. Orario del servizio 4 1.4 Prodotti

Dettagli

MANUALE MODALITÀ PRELIEVO Unità Operativa di Anatomia e Istologia Patologica - Prof. Grigioni W.F. Pad 18 e Pad 26

MANUALE MODALITÀ PRELIEVO Unità Operativa di Anatomia e Istologia Patologica - Prof. Grigioni W.F. Pad 18 e Pad 26 Pag 1 / 12 SOMMARIO Esame istologico biopsia chirurgica...2 Esame istologico biopsia endoscopica o con ago sottile...2 Esame istologico biopsia estemporanea...3 Esame citologico su liquido...3 Esame citologico

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

Dipartimento di Diagnosi e Cura Unità Operativa Complessa di Anatomia, Istologia, Citologia Patologica Direttore: Dott.

Dipartimento di Diagnosi e Cura Unità Operativa Complessa di Anatomia, Istologia, Citologia Patologica Direttore: Dott. Dipartimento di Diagnosi e Cura Unità Operativa Complessa di Anatomia, Istologia, Citologia Patologica Direttore: Dott. Maurizio Lestani CARTA DEI SERVIZI 1 INDICE 1. MODALITÀ DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI

Dettagli

Guida al Servizio. Anatomia Patologica

Guida al Servizio. Anatomia Patologica Guida al Servizio Anatomia Patologica Ospedale Gorizia Responsabile dott. Antonio Colonna Edificio Principale - Sesto Piano Area O Viale Fatebenefratelli, 34 Centralino Ospedale tel. 0481/5921 Ospedale

Dettagli

Report Analitico "RICAVI" per Prestazioni Intermedie 1 SEM 2013

Report Analitico RICAVI per Prestazioni Intermedie 1 SEM 2013 ANATOMIA PATOLOGICA ANESTESIA POLO 91.39.3 ES CITOL.DI VERSAM. FINO A 5 COLORAZIONI 1,0 91.41.3 ES.ISTIOCITOP.APP.DIGER.B.END.SEDE UNICA 1,0 A5.01.0 MAT OP DI GROSSO INTESTINO 2,0 326,40 Riepilogo per

Dettagli

Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare

Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare Mission Il Policlinico Tor Vergata ha iniziato, dal 10 gennaio 2001, a costruire insieme con tutti i suoi professionisti l ospedale umano aperto

Dettagli

U.O. di ANATOMIA ed ISTOLOGIA PATOLOGICA

U.O. di ANATOMIA ed ISTOLOGIA PATOLOGICA CARTA DEI SERVIZI U.O. di ANATOMIA ed ISTOLOGIA PATOLOGICA Direttore: Dr. Enzo VENZA Segreteria dal lunedì al venerdì 8.30-15.30 In tale orario si effettua l accettazione dei campioni citologici, istologici

Dettagli

Il Primario Prof. Fabio Facchetti

Il Primario Prof. Fabio Facchetti Gentile Signora/Signore, in occasione del Suo arrivo presso il 1 Servizio di Anatomia Patologica, per sottoporsi agli accertamenti clinici richiesti dal Suo Medico curante, riteniamo utile fornirle queste

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. De Falco Maria Luisa Data di nascita 24/04/1955. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5)

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. De Falco Maria Luisa Data di nascita 24/04/1955. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) INFORMAZIONI PERSONALI Nome De Falco Maria Luisa Data di nascita 24/04/1955 Qualifica Dirigente Biologo Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente

Dettagli

Guida all utilizzo dei Servizi di Anatomia - Istologia Patologica Ospedale di Bolzano

Guida all utilizzo dei Servizi di Anatomia - Istologia Patologica Ospedale di Bolzano Guida all utilizzo dei Servizi di Anatomia - Istologia Patologica Ospedale di Bolzano Primario Dott. Guido Mazzoleni Redatto dal Personale Anatomia Patologica Approvato dal Prim. Dott. Guido Mazzoleni

Dettagli

Consultare : http://www.ginecologia.unipd.it/ http://www.sanita.padova.it/reparti/ostetricia-e-ginecologia-clinica,1001,29

Consultare : http://www.ginecologia.unipd.it/ http://www.sanita.padova.it/reparti/ostetricia-e-ginecologia-clinica,1001,29 Pagina 1 di 14 Indice Presentazione pag. 2 Attività ambulatoriale pag. 3 Ambulatorio ed orari pag. 6 Modalità di accesso pag. 8 Modulo soddisfazione pag. 14 Gentile Signora, il Personale Sanitario desidera

Dettagli

Biopsia chirurgica piccola diagnostica sede unica Biopsia chirurgica piccola diagnostica sedi multiple Asportazione completa di neoformazione

Biopsia chirurgica piccola diagnostica sede unica Biopsia chirurgica piccola diagnostica sedi multiple Asportazione completa di neoformazione Catalogo delle prestazioni anatomo-patologiche di più frequente esecuzione presso la Unità Operativa di Emolinfopatologia (tratto dal nomenclatore/tariffario delle prestazioni di anatomia patologica dell

Dettagli

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella SIAPEC PIEMONTE Concordanza e uniformità di refertazione diagnostica nelle anatomie patologiche della Regione Piemonte Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella Statement

Dettagli

Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA.

Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA. Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA. La Scuola di specializzazione in Anatomia Patologica afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi clinici diagnostici e terapeutici, Classe della

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA UOC Anatomia Patologica do Borgo Trento Pagina 1 di 14 INTRODUZIONE La UOC di Anatomia Patologica do Borgo Trento fa parte del DAI di Patologia e Diagnostica dell Azienda Integrata Ospedaliera Universitaria

Dettagli

Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi

Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi IV Congresso Regionale I Congresso del Middle Management di Area Tecnica Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi Dott.ssa

Dettagli

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Test Metodo utilizzato Osservazioni, indicazioni Amplificazione genica Her2/neu nei carcinoma mammari e gastrici L amplificazione genica di Her2/neu

Dettagli

PAP TEST. Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici

PAP TEST. Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici PAP TEST Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici UOS di Citopatologia UO di Anatomia ed Istologia Patologica UO di Microbiologia e Virologia Ospedale San Bortolo, Vicenza Revisione

Dettagli

Presidio Ospedaliero Magenta-Abbiategrasso Unità Operativa di Anatomia Patologica

Presidio Ospedaliero Magenta-Abbiategrasso Unità Operativa di Anatomia Patologica Pag. 1 di 11 Azienda Ospedaliera di Presidio Ospedaliero Magenta-Abbiategrasso Unità Operativa di Direttore: dott. M. Cazzaniga Sede: 3 piano del Corpo F dello Stabilimento Ospedaliero G. Fornaroli. Indirizzo:

Dettagli

Rev. N Data Descrizione modifiche

Rev. N Data Descrizione modifiche A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale codice: PR-ANP-002-ICB MANUALE DELLE PROCEDURE pag. 1 di pag. 6 S.C. ANATOMIA PATOLOGICA DIRETTORE Dr. STEFANO TARAGLIO PROCEDURA 2 INVIO CAMPIONI BIOLOGICI Nome Firma

Dettagli

Direttore del Corso Prof. Ambrogio Fassina

Direttore del Corso Prof. Ambrogio Fassina CORSO DI APPLICAZIONE DELLE TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE NELLA DIAGNOSI CITOPATOLOGICA Napoli, 30 Novembre 2012 Aula 302, Ed 20 Policlinico, via S. Pansini Direttore del Corso Prof. Ambrogio Fassina

Dettagli

Ospedale Guglielmo da Saliceto

Ospedale Guglielmo da Saliceto Ospedale Guglielmo da Saliceto Laboratorio Analisi BIOCHIMICA MICROBIOLOGIA (EDIZIONE Aprile 2014) INDICE 1. PRESENTAZIONE DEL LABORATORIO ANALISI 2. CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO 2.1. MODALITÀ DI ACCESSO

Dettagli

Documento organizzativo Unità Operativa Complessa di Anatomia Patologica

Documento organizzativo Unità Operativa Complessa di Anatomia Patologica 1 CONTESTO TERRITORIALE La effettua attività diagnostica istologica e citologica per tutti i PP.OO. ed i poliambulatori dell Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo. COMPITI DEL SERVIZIO La è una U.O.C.

Dettagli

Titolo: SCREENING DEL CERVICOCARCINOMA CON IL TEST PER L HPV. Data: 25/02/2015

Titolo: SCREENING DEL CERVICOCARCINOMA CON IL TEST PER L HPV. Data: 25/02/2015 SEZIONE FORMAZIONE E BIBLIOTECA UNITA OPERATIVA DIP.TO DI PREVENZIONE SERV. SCREENING ONCOLOGICI Allegato 1 P2-FORM MODULO PROGRAMMA FORMAZIONE RESIDENZIALE Titolo: SCREENING DEL CERVICOCARCINOMA CON IL

Dettagli

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia 11 Incontro di Oncologia ed Ematologia Sestri Levante, 18 maggio 2013 Maria Sironi C è ancora un ruolo per la citologia da agoaspirato con ago sottile nella diagnostica dei noduli mammari? 1 mm Quali tecniche

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

BUONE PRATICHE. Patologia Clinica

BUONE PRATICHE. Patologia Clinica ASLSanluri BUONE PRATICHE Patologia Clinica Il Servizio: Il Servizio di Patologia Clinica garantisce l erogazione di un servizio di analisi diagnostiche e di prestazioni cliniche nell ambito della patologia

Dettagli

Il Pap test come test primario nello screening

Il Pap test come test primario nello screening Il Pap test come test primario nello screening Antonella Pellegrini UOC Anatomia Patologica Az. Osp. S.Giovanni-Addolorata Roma Lo screening non è fare un Test Cosa è lo screening? un esame sistematico,

Dettagli

In ambito clinico l'anatomia patologica svolge un ruolo fondamentale per la pianificazione di eventuali terapie mediche o chirurgiche fornendo

In ambito clinico l'anatomia patologica svolge un ruolo fondamentale per la pianificazione di eventuali terapie mediche o chirurgiche fornendo ANATOMIA PATOLOGICA Branca specialistica della medicina che studia le malattie umane mediante esame macroscopico degli organi o microscopico dei tessuti e delle cellule In ambito clinico l'anatomia patologica

Dettagli

CLINICA DERMATOLOGICA

CLINICA DERMATOLOGICA REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA CLINICA DERMATOLOGICA Direttore: Prof. Andrea Peserico CARTA DI ACCOGLIENZA PER LA PERSONA AFFETTA DA MALATTIE DERMATOLOGICHE Via Cesare Battisti, 206 Padova

Dettagli

Ai colleghi Medici MMG, Pediatri e Specialisti ULSS13

Ai colleghi Medici MMG, Pediatri e Specialisti ULSS13 SSN Regione Veneto-ULSS 13 Servizio di Medicina di Laboratorio Direttore: Dott.ssa Flora Alborino Ai colleghi Medici MMG, Pediatri e Specialisti ULSS13 Oggetto: alcune precisazioni sulla prescrizione di

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA Allegato A PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA Background Epidemiologico Esclusi i carcinomi della cute, In Italia i cinque tumori più frequentemente diagnosticati

Dettagli

ALLEGATO D. Corrispondenza di ufficio ingr./uscita Archivio dati sanitari

ALLEGATO D. Corrispondenza di ufficio ingr./uscita Archivio dati sanitari ELENCO TRATTAMENTI DIPARTIMENTO AMMINISTRATIVO TRATTAMENTI U.O. Gestione acquisizione beni e servizi area amm.vo generale. U.O.C. Gestione Beni e Servizi Gestione albo fornitori U.O.C. Gestione Beni e

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA. Informazioni Generali

REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA. Informazioni Generali REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA - I N D I C E - - Informazioni generali - Attività svolta - Accesso al servizio - Il reparto - Standards di Qualità Informazioni Generali U.O.C. DI UROLOGIA Direttore:

Dettagli

HPV metodiche molecolari e considerazioni su una casistica omogenea

HPV metodiche molecolari e considerazioni su una casistica omogenea XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012 HPV metodiche molecolari e considerazioni su una casistica omogenea Dott. Filippo Micheli HPV I Papillomavirus sono

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO Documento redatto da: Dott.ssa T.Venesio, Dr.ssa A. Balsamo - Laboratorio di Patologia

Dettagli

Regione Toscana e ASL 1 di Massa e Carrara Servizio Sanitario della Toscana Liceo Artistico Statale Artemisia Gentileschi Progetto per migliorare l informazione ed il rapporto con i cittadini, attuato

Dettagli

Il Nodulo Tiroideo. "Diagnostica Citologica"

Il Nodulo Tiroideo. Diagnostica Citologica Il Nodulo Tiroideo "Diagnostica Citologica" FNAC Con il termine di FNAC (Fine Needle Aspiration Cytology) si intende un prelievo citologico eseguito mediante un ago definito sottile (a partire da 22G ),

Dettagli

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie.

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie. GENETICA MEDICA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L ambulatorio di Genetica Medica fa parte del Dipartimento Materno Infantile. Essa collabora ed interagisce strettamente con le Strutture del Dipartimento

Dettagli

LA FISSAZIONE E LA PROCESSAZIONE DEI CAMPIONI ISTOLOGICI CON SOSTANZE A BASE ALCOLICA: POSSIBILI VANTAGGI E PROSPETTIVE FUTURE.

LA FISSAZIONE E LA PROCESSAZIONE DEI CAMPIONI ISTOLOGICI CON SOSTANZE A BASE ALCOLICA: POSSIBILI VANTAGGI E PROSPETTIVE FUTURE. LA FISSAZIONE E LA PROCESSAZIONE DEI CAMPIONI ISTOLOGICI CON SOSTANZE A BASE ALCOLICA: POSSIBILI VANTAGGI E PROSPETTIVE FUTURE. Dott.ssa Marchi Barbara Biologa sanitaria COMBINAZIONE TRA LA BIOLOGIA MOLECOLARE

Dettagli

ESPERIENZA REGIONE PIEMONTE ( formazione)

ESPERIENZA REGIONE PIEMONTE ( formazione) Convegno Nazionale GISMa 2009 Workshop multidisciplinare dell equipe diagnosticoterapeutica Monitoraggio degli indicatori di qualità ESPERIENZA REGIONE PIEMONTE ( formazione) Rita Bordon CPO Piemonte Francesca

Dettagli

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici LABORATORIO ANALISI CLINICHE K.R.A.S.I. srl Via Annone,1 00199 Roma Tel. 06 86 06 414 fax. 06 86 38 43 71 Direttore: Dott. Giovanni Finazzi Agrò Laboratorio Analisi Cliniche K.R.A.S.I srl diretto dal Dott.re

Dettagli

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007)

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007) Allegato A In risposta alle osservazioni sul progetto di screening colorettale della Regione Emilia- Romagna: Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 2 del 5 luglio 2011. Unità Operativa di Laboratorio Analisi

Carta dei Servizi rev. 2 del 5 luglio 2011. Unità Operativa di Laboratorio Analisi Carta dei Servizi rev. 2 del 5 luglio 2011 Unità Operativa di Azienda ULSS n. 22 Bussolengo (VR) Dipartimento di Diagnosi e Cura Unità Operativa di Direttore: dott. Marco Caputo Coordinatore: Graziella

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA - I N D I C E - - Informazioni generali. - Attività svolta. - Accesso al servizio.

REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA - I N D I C E - - Informazioni generali. - Attività svolta. - Accesso al servizio. REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA - I N D I C E - - Informazioni generali - Attività svolta - Accesso al servizio - Il reparto - Standards di Qualità Informazioni Generali U.O.C. DI UROLOGIA Direttore:

Dettagli

MATERIALI CITOLOGICI: PRELIEVO, CONSERVAZIONE E INVIO

MATERIALI CITOLOGICI: PRELIEVO, CONSERVAZIONE E INVIO MATERIALI CITOLOGICI: PRELIEVO, CONSERVAZIONE E INVIO Maria Alma Audi Grivetta Anatomia Patologica Ospedale di Circolo di Varese 8-11-2014 paziente medico laboratorio accettazione + registrazione referto

Dettagli

MultiMedica. Tumore al seno: il nostro percorso diagnostico terapeutico. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura

MultiMedica. Tumore al seno: il nostro percorso diagnostico terapeutico. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE m IRCCS MultiMedica m Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300 - Sesto S. Giovanni (Mi) MultiMedica Castellanza Viale Piemonte, 70 - Castellanza

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE - Le informazioni richieste vanno inserite nelle caselle bianche (che si adattano automaticamente al contenuto). - Le parti relative alle Informazioni Generali ed all Attività

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 760 del 14 maggio 2015 pag. 1/10

ALLEGATOA alla Dgr n. 760 del 14 maggio 2015 pag. 1/10 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 760 del 14 maggio 2015 pag. 1/10 PRIME INDICAZIONI DI RIORDINO DEI PROGRAMMI DI SCREENING ONCOLOGICI REGIONALI INDICE 1. TIPOLOGIE CORRENTI DI EROGAZIONE

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo Relatori: Neoplasia della mammella: come si affronta Dott. Duilio Della Libera Dott. Mauro Dal Soler Dott. Pierluigi Bullian Data 16 aprile 2014 Sede Aula

Dettagli

corso di citologia tiroidea

corso di citologia tiroidea PreSentAzIone IntroduzIone: L introduzione della citologia per aspirazione con ago sottile ha rappresentato un notevole progresso nella diagnostica delle lesioni tiroidee. Infatti, benché le innovazioni

Dettagli

Deliberazione N.: 1134 del: 26/11/2015

Deliberazione N.: 1134 del: 26/11/2015 Deliberazione N.: 1134 del: 26/11/2015 Oggetto : INTEGRAZIONE CONTRATTO CON RAPHAEL COOPERATIVA SOCIALE ONLUS CON SEDE A CLUSANE D ISEO (BS), PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE DI ANATOMIA PATOLOGICA

Dettagli

Le zone grigie della citologia tiroidea.

Le zone grigie della citologia tiroidea. Carcinoma differenziato della tiroide: dalla diagnosi al follow-up Bologna 21 marzo 2009 Le zone grigie della citologia tiroidea. Cosa deve dire il patologo Gian Piero Casadei Anatomia Patologica Ospedale

Dettagli

PER INFORMAZIONI PER PRENOTAZIONI

PER INFORMAZIONI PER PRENOTAZIONI 1 Presentazione Gentile Signora/e, L Unità Operativa Complessa di Dermatologia si pone oggi al servizio di tutte quelle persone che presentano patologie a carico della pelle, unghie, capelli e genitali

Dettagli

esame citomorfologico cervico vaginale in un contesto clinico e di triage (II livello)

esame citomorfologico cervico vaginale in un contesto clinico e di triage (II livello) PreSentAzIone esame citomorfologico cervico vaginale IntroduzIone: Il recente Health technology Assessment on HPVdnA Based Screening for Cervical Cancer Precursors, pubblicato da epidemiol Prev 2012,36

Dettagli

IMPERIAL HOTEL TRAMONTANO Sorrento, 27-28-29 maggio 2011. Presidenti Pietro Micheli Oscar Nappi Antonio Giordano. A.O.R.N. Monaldi Cotugno CTO

IMPERIAL HOTEL TRAMONTANO Sorrento, 27-28-29 maggio 2011. Presidenti Pietro Micheli Oscar Nappi Antonio Giordano. A.O.R.N. Monaldi Cotugno CTO UPDATE IN TEMA DI ANATOMIA PATOLOGICA E RICADUTA CLINICA Benigno Vs maligno, dalla morfologia alla biologia molecolare. Il ruolo delle moderne biotecnologie ai fini diagnostici, prognostici ed il monitoraggio

Dettagli

AMBULATORI INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE

AMBULATORI INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA DIPARTIMENTO STRUTTURALE NEUROSCIENZE E ORGANI DI SENSO Prof. Alessandro Martini Unità Operativa Complessa ODONTOIATRIA e STOMATOLOGIA Responsabile: Prof. Edoardo Stellini

Dettagli

06.08.2015. Le analisi di Patologia Molecolare in ICP: nuovo flusso di lavoro. A che punto siamo: riassunto. A che punto siamo: riassunto

06.08.2015. Le analisi di Patologia Molecolare in ICP: nuovo flusso di lavoro. A che punto siamo: riassunto. A che punto siamo: riassunto A che punto siamo: riassunto Analisi totali 1200 1000 Le analisi di Patologia Molecolare in ICP: nuovo flusso di lavoro N u m e ro te s ts 800 600 400 200 0 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014* Pat.

Dettagli

Le proponiamo un appuntamento per il giorno alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via , Roma

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma La Regione Lazio e la ASL Roma XY La invitano a partecipare ad un programma di prevenzione del tumore del collo dell utero rivolto alle donne di età compresa fra i 25 e 64 anni. Il programma ha lo scopo

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. IACUELE SERGIO Data di nascita 01/03/1951. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0771505618

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. IACUELE SERGIO Data di nascita 01/03/1951. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0771505618 INFORMAZIONI PERSONALI Nome IACUELE SERGIO Data di nascita 01/03/1951 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI LATINA Dirigente ASL I fascia - AUSL 0771505614

Dettagli

Linfonodo sentinella. metodo OSNA: esperienze e confronto con il metodo tradizionale

Linfonodo sentinella. metodo OSNA: esperienze e confronto con il metodo tradizionale Linfonodo sentinella secondo metodo OSNA: esperienze e confronto con il metodo tradizionale Dott.ssa C.M.. Antonacci U.O. Anatomia Patologica A.O. Ospedale Luigi Sacco di Milano Linfonodo sentinella Il

Dettagli

Carta di Accoglienza per l utente

Carta di Accoglienza per l utente AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA D i r e t t o r e P r o f. M a u r i z i o C l e m e n t i Carta di Accoglienza per l utente U. O. C. d i G e n e t i c a e d E p i d e m

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007. Unità Operativa di Radiologia

Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007. Unità Operativa di Radiologia Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007 Unità Operativa Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento di Diagnosi e Cura Unità Operativa Direttore: dott. Antonio Michelon Coordinatore: Maurizio Chieppe Telefono:

Dettagli

Deliberazione N.: 50 del: 28/01/2015

Deliberazione N.: 50 del: 28/01/2015 Deliberazione N.: 50 del: 28/01/2015 Oggetto : CONTRATTO CON L OSPEDALE SAN PELLEGRINO DI CASTIGLIONE D/S S.R.L. PER EROGAZIONE DI PRESTAZIONI DI ANATOMIA PATOLOGICA DA PARTE DELLE EQUIPES DEI SERVIZI

Dettagli

Lucia Baggiani Anatomia Patologica AOUC, Firenze

Lucia Baggiani Anatomia Patologica AOUC, Firenze Management del materiale diagnostico: indicazioni fondamentali per la corretta inclusione taglio e colorazione di lesioni cutanee Lucia Baggiani Anatomia Patologica AOUC, Firenze Il prelievo del campione

Dettagli

Data: 15/12/2010. CARTA DEI SERVIZI Rev: 00

Data: 15/12/2010. CARTA DEI SERVIZI Rev: 00 Unità Operativa di Anatomia Patologica Presidio Ospedaliero S.S. Trinità via Is Mirrionis N 92-09121 Cagliari IN VIGORE DAL INDICE Pag. 1. ABBREVIAZIONI 1 2. OGGETTO 1 3. SCOPO 1 4. PRESENTAZIONE DELL'UNITÀ

Dettagli

Un Biomarcatore per lo Screening e la Diagnosi del Carcinoma Cervicale

Un Biomarcatore per lo Screening e la Diagnosi del Carcinoma Cervicale p16ink4a Un Biomarcatore per lo Screening e la Diagnosi del Carcinoma Cervicale 16 Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione 21-05-2009 Pietro Fiorentino Overview dell azienda mtm laboratories

Dettagli

Elementi di Anatomia Patologica

Elementi di Anatomia Patologica TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA' Elementi di Anatomia Patologica Conegliano, 17-1-2014 Dr.ssa L. Bittesini, Dr.ssa F. Becherini La paziente affetta da una

Dettagli

Si ringrazia della collaborazione

Si ringrazia della collaborazione in tecniche in tecniche in tecnich di laboratorio biomedico dilabor CORSO CORSO CORSO C NAZIONALE NAZIONALE NAZ COMMISSIONE SCIENTIFICA SIAPEC-IAP ELENCO COORDINATORI e RELATORI PRO Lucia Baggiani Firenze

Dettagli

FORM ATO EU ROPEO PER

FORM ATO EU ROPEO PER FORM ATO EU ROPEO PER I L CU RRI CU LU M V I TAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Mantovani Luigia Luogo e Data di nascita San Benedetto Po MN 14/06/1955 Nazionalità Italiana Date (da a) Dal 01/01/2013

Dettagli

Il melanoma: diagnosi e trattamento. Informazioni per pazienti. Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Dermatologia

Il melanoma: diagnosi e trattamento. Informazioni per pazienti. Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Dermatologia Il melanoma: Informazioni per pazienti diagnosi e trattamento Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Dermatologia Dott. Giuseppe Albertini - Direttore Gentile Signora/e, in questo opuscolo

Dettagli

sviluppare l attività del Centro di Documentazione sui rischi cancerogeni ambientali e diffondere informazioni sui rischi di cancerogenità;

sviluppare l attività del Centro di Documentazione sui rischi cancerogeni ambientali e diffondere informazioni sui rischi di cancerogenità; REGIONE PIEMONTE BU20 16/05/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 23 aprile 2013, n. 21-5705 Approvazione della modifica del programma regionale di screening oncologico, "Prevenzione Serena" per i

Dettagli

S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO

S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Chirurgia fa parte del Dipartimento di Chirurgia Generale e d Urgenza. Comprende la Struttura Semplice

Dettagli

MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE)

MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE) MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE) L esercizio delle attività mediche, al pari di tutte le attività umane, è correlato alla possibilità di generare errori.

Dettagli

IL RUOLO DELLE SOCIETA SCIENTIFICHE SIAPeC IAP

IL RUOLO DELLE SOCIETA SCIENTIFICHE SIAPeC IAP Roma 25-26 ottobre 2011 Camera dei Deputati Palazzo Marini Sala della Mercede IL RUOLO DELLE SOCIETA SCIENTIFICHE SIAPeC IAP (Società di Anatomia Patologica e Citopatologia diagnostica Divisione Italiana

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI. rcollazzo@cro.it ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI. rcollazzo@cro.it ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome COLLAZZO RAFFAELE Indirizzo Telefono 0434 659848 Fax 0434 659265 E-mail rcollazzo@cro.it Nazionalità italiana Data di nascita 22 NOVEMBRE 1951

Dettagli

Il TEST HPV come test primario nello Screening Cervicale

Il TEST HPV come test primario nello Screening Cervicale Il TEST HPV come test primario nello Screening Cervicale L esperienza del Centro Unificato Screening di Torino Anna Gillio Tos Centro Unificato per lo Screening Cervico Vaginale Ospedale S. Giovanni Antica

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 del 15 aprile 2009. Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Bussolengo

Carta dei Servizi rev. 1 del 15 aprile 2009. Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Bussolengo Carta dei Servizi rev. 1 del 15 aprile 2009 Unità Operativa di Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento Materno Infantile Unità Operativa di Ostetricia Ginecologia Monoblocco - Terzo piano Direttore:

Dettagli

Ai Direttori Generali - Aziende Sanitarie Locali - Aziende Ospedaliere. Ai Commissari Straordinari - IRCCS di Diritto Pubblico

Ai Direttori Generali - Aziende Sanitarie Locali - Aziende Ospedaliere. Ai Commissari Straordinari - IRCCS di Diritto Pubblico Ai Direttori Generali - Aziende Sanitarie Locali - Aziende Ospedaliere Ai Commissari Straordinari - IRCCS di Diritto Pubblico Ai Legali Rappresentanti - IRCCS di diritto privato - Ospedali Classificati

Dettagli

Il Nodulo Tiroideo dalla diagnosi alla Terapia

Il Nodulo Tiroideo dalla diagnosi alla Terapia Il Nodulo Tiroideo dalla diagnosi alla Terapia Genova Voltri 15 Dicembre 2012 Luca Anselmi Anatomia Patologica Sestri Ponente Percorso Diagnostico Terapeutico Multidisciplinare ENDOCRINOLOGO RADIOLOGO

Dettagli

EQA in patologia cervicovaginale:

EQA in patologia cervicovaginale: EQA in patologia cervicovaginale: 5 anni di esperienza VENETA con telepatologia R. Colombari Controllo di qualità per i laboratori che partecipano agli screening è un obbligo di legge dal 2 maggio 2001

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SALETTA CHIRURGICA. Ottobre 2014 Rev. 0

CARTA DEI SERVIZI SALETTA CHIRURGICA. Ottobre 2014 Rev. 0 CARTA DEI SERVIZI SALETTA CHIRURGICA Ottobre 2014 Rev. 0 INDICE Principi ispiratori Descrizione della struttura Modalità ed orari funzionamento dell Ambulatorio Chirurgico Tipologia e Descrizione della

Dettagli

GESTIONE INTEGRATA SCREENING CERVICOVAGINALE: ASL E OSPEDALE IN RETE

GESTIONE INTEGRATA SCREENING CERVICOVAGINALE: ASL E OSPEDALE IN RETE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO SERVIZIO DI MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA Via dei Toscani 1-46100 Mantova - Tel. 0376 334210 - Fax 0376 334222 GESTIONE INTEGRATA SCREENING CERVICOVAGINALE: ASL

Dettagli