La cardiopatia ischemica (CAD) è caratterizzata,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La cardiopatia ischemica (CAD) è caratterizzata,"

Transcript

1 Valutazione della cinetica miocardica mediante Tissue Doppler, Strain e Strain Rate Imaging Assessment of myocardial kinetics using tissue doppler,, strain and strain rate imaging Myocardial fibers contractility was non-invasively evaluated until now by Nuclear medicine. Tissue Doppler Imaging (TDI) is an emerging and more actractive tool to quantifying the degree of regional and global LV walls contractility, that accurately measures the different phases of the cardiac cycle. Some reports suggest that TDI may provide important informations about CAD and may be useful in selecting and monitoring patients who may benefit by the use of biventricular pacing. Therefore, this Doppler technique does not differentiate between active contraction and passive movement of a myocardial segment. On the contrary, Strain (S) and Strain Rate (SR) are less affected by passive myocardial motion and provide quantification of regional wall motion both at rest and during stress. The capability to well define myocardial function with some new Doppler techniques, as Tissue Tracking or Tissue Synchronization Imaging, are also illustrated. Assessment of myocardial kinetics using tissue doppler, strain and strain rate imaging. Therapeutica 2008; 2():2-4. La cardiopatia ischemica (CAD) è caratterizzata, oltre che da una riduzione del flusso coronarico, anche dagli effetti dell ipossia sull attività cinetica del miocardio. Mentre la prima condizione è valutabile piuttosto agevolmente mediante l esame contrastografico (che viene adoperato tanto per l identificazione e la definizione della morfologia della placca che ai fini della rivascolarizzazione non-chirurgica dei rami coronarici stenosati), le sequele parenchimali di un ridotto o mancato apporto di ossigeno al muscolo cardiaco vengono definite in modo non-invasivo tramite le metodiche di Medicina Nucleare e quelle ecocardiografiche convenzionali quali l esame bi-dimensionale e Doppler. E noto che queste ultime si positivizzano già a riposo dopo un evento necrotico, mentre sono indicative di un deficit perfusivo solo in seguito ad un aumento delle richieste allorché è presente una condizione di ischemia cronica. Tuttavia, in considerazione dell importanza della fase parenchimale della malattia coronarica, è necessario poterla caratterizzare in maniera più precisa e già in condizioni basali. Questa esigenza è oggi particolarmente sentita, specialmente se teniamo conto della più lunga sopravvivenza del paziente ischemico e quindi della necessità di definire precocemente ed in modo inequivocabile le modificazioni della contrattilità conseguenti alla malattia coronarica. L importanza della precisa conoscenza delle condizioni parenchimali del muscolo cardiaco ischemico è oggi particolarmente sentita anche in rapporto ai provvedimenti terapeutici da prendere e alla prognosi dell affezione. Queste informazioni più precise e precoci si possono ottenere non-invasivamente con diverse metodiche, tra cui va annoverata l indagine Doppler-ecocardiografica condotta però in corrispondenza delle pareti del muscolo cardiaco piuttosto Tis issu sue e Dopple ler r Imagin ging systole diastole LV V contr tractilit tility Str train Str train rat ate Fede ederico co Cacc cciapuoti ti Laboratorio di Ecocardiografia Dipartimento di Medicina Interna Seconda Università degli Studi di Napoli Piazza L. Miraglia, Napoli che del sangue circolante all interno del cuore. L esame Doppler convenzionale (D) fu introdotto in Medicina in seguito all intuizione di Christian Dopper che, nel 842, lo aveva adoperato in Fisica per valutare il movimento dei fluidi posti in un contenitore. Il Doppler Flow (DF) consiste nello studio dei movimenti della massa liquida (sangue) contenuta nelle cavità cardiache, che subisce spostamenti diversi per effetto della sistole e della diastole del ventricolo 2. Il Tissue Doppler Imaging (TDI) è invece una metodica 2

2 La dislipidemia nel paziente HIV positivo in terapia HAART: utilizzo degli acidi grassi omega-3 Dyslipidemia in HIV-positive patient undergoing HAART therapy: role of omega- 3 fatty acids The administration of many antiviral drugs in HIV infected patients, particularly protease inhibitors, may be associated with lipid profile alterations similar to those seen in patients affected by metabolic syndrome. Management of this condition requires an awareness of the effects of antiretroviral agents on lipid profiles and the use of lipid lowering agents. The National Cholesterol Education Program Recommendations focus on LDL-C as the primary target, but in subjects with both very high triglyceride and LDL levels, administration of omega-3 fatty acids plus a statin can be an effective and safe way to ameliorate dyslipidaemia. Concia E, Lattuada M. Dyslipidemia in HIV-positive patient undergoing HAART therapy: role of omega- 3 fatty acids. Therapeutica 2008; 2():-. La relazione tra l infezione da HIV e la comparsa di disordini metabolici è stata evidenziata fin dai primi anni dell epidemia; nonostante ciò, a causa della ridotta sopravvivenza dei pazienti sieropositivi in quegli anni, il problema non è stato preso in considerazione dai clinici se non alla fine degli anni 90,2. L avvento nel 996 dei primi protocolli HAART (Highly Active Antiretroviral Therapy), soprattutto quelli contenenti farmaci della classe degli inibitori delle proteasi, ha drasticamente modificato la storia naturale della malattia, la qualità di vita dei pazienti, nonché la prognosi a lungo termine 3. L infezione da HIV è diventata oggi una condizione cronica e, accanto alla gestione delle complicanze tradizionalmente associate alla progressione della malattia (infezioni opportunistiche, neoplasie), sono via via emerse le problematiche connesse al rischio cardiovascolare associato sia ai trattamenti sia a preesistenti condizioni cliniche. Già con l impiego della zidovudina in monoterapia erano state segnalate modificazioni del metabolismo lipidico; solo, però, con l introduzione degli inibitori delle proteasi 4,5 e dei protocolli HAART, l incidenza di dislipidemie è divenuta considerevole e si è cominciato a parlare di casi sempre più frequenti di sindrome metabolica HAART-correlata. La sindrome metabolica si identifica in questi parametri con un corredo di sintomi e segni clinici che comprendono dislipidemia (ipercolesterolemia e ipertrigliceridemia), alterazioni della distribuzione del grasso corporeo (lipoatrofia e lipodistrofia) 6,7, aumento della resistenza all insulina e, quindi, del rischio di sviluppare diabete 8. Tutto ciò porta ad un maggior rischio di malattie cardiovascolari rispetto alla popolazione di controllo HIVnegativa 9,0. Il rischio di sviluppare iperlipidemia sembra essere direttamente proporzionale alla durata del trattamento con l inibitore delle proteasi e con alcuni degli analoghi nucleosidici di prima generazione, in primo luogo la stavudina,2. HAART T therapy dyslip slipide demi mia HIV V infec ecti tion protea ease e inhibit itors Ercole Con oncia,, Manuela Lat attu tuada Unità Operativa Clinica Malattie Infettive Università degli Studi di Verona Ercole Con oncia Unità Operativa Clinica Malattie Infettive Università degli Studi di Verona Policlinico G.B. Rossi Piazzale L. Scuro, Verona Fax Manifestazioni cliniche della sindrome metabolica nel paziente HIV-positivo Dati recenti suggeriscono che a tali alterazioni lipidiche si associno elementi aggiuntivi caratterizzanti una

3 Bronchiolite obliterante e polmonite organizzativa Bronchiolitis obliterans and organizing pneumonia Bronchiolitis obliterans and organizing pneumonia (BOOP) are complex clinical syndromes with a similar morphological pattern and are observed in a variety of pulmonary diseases. In this paper, the Authors report on the clinical and diagnostic profile, radiological features, laboratory and histopathological findings, and management issues of these broad-spectrum lung disorders. Idiopathic forms, infectious disease-associated features, complications in solid organ transplant recipients and bone marrow recipients, collagen vascular- and bowel inflammatory-related forms, the roles of drugs and irritating and toxic inhalants, and more infrequent aetiologies which may provide support to an organizing pneumonia or related condition are all discussed on the basis of our own experience in this field, and an up-to-date review of the literature. Dentale N, Poletti V, Manfredi R. Bronchiolitis obliterans and organizing pneumonia. Therapeutica 2008; 2(): Le malattie dei bronchioli sono emerse come entità cliniche separate dalle bronchiti croniche e dall enfisema già all inizio del XX secolo, quando Wilhelm Lange per primo usò il termine di bronchiolite obliterante. Subito dopo Fraenkel, nel 902, ne descrisse gli aspetti istopatologici 2. Tuttavia, l interesse per queste forme esplose circa settanta anni più tardi, quando la patologia bronchiolare venne associata a malattie connettivo-vascolari, a forme infettive ed ai trapianti. Venne così effettuata una dettagliata descrizione e classificazione della bronchiolite obliterante polmonite organizzativa (BOOP). Di recente, la Tomografia assiale ad alta risoluzione (HRCT), considerata la migliore tecnica in campo radiologico nei casi sospetti di bronchiolite, ha enormemente contribuito ad affinare le possibilità diagnostiche di queste forme patologiche; tuttavia, il livello di evidenza della patologia, così come diversi riscontri relativi alla epidemiologia, fisiopatologia, e terapia restano ancora incerti. Esamineremo le forme inerenti alla disciplina di malattie infettive, certe o presunte (es. BOOP idiopatica), quelle correlate alla disciplina dei trapianti d organo (polmone e midollo osseo), strettamente correlata come noto, a problematiche infettivologiche ed immunologiche, ed infine, alcune forme che spesso capita di osservare nella pratica clinica di tutti i giorni, che potrebbero pertanto porre problemi importanti di diagnosi differenziale. Bronchiolite obliterante - polmonite organizzativa Definizione La bronchiolite obliterante polmonite organizzativa (BOOP) è un quadro clinico-istopatologico caratterizzato da un decorso subacuto, deficit ventilatorio restrittivo, con aspetti radiologici di infiltrati polmonari irregolarmente distribuiti, e morfologici caratterizzati dalla presenza di materiale fibroso lasso dislocato internamente ai bronchioli distali, alveoli e dotti alveolari circostanti 3-6. Il liquido di broncolavaggio (BAL), presenta un cellularità molto caratteristica, in particolare si osserva una linfoci- organi anizin zing g pneum umoni onia bron onchi hiolitis oblit literans clini linical and d diagn gnosti tic c featur eatures classif sificati cation on man anagement treatm eatment outcom come Nicol cola a Dentale, Venerin ino Pole oletti ti 2, Robe oberto o Manfredi Dipartimento di Medicina Clinica Specialistica e Sperimentale, Sezione di Malattie Infettive, Università degli Studi di Bologna Alma Mater Studiorum, Azienda Ospedaliera di Bologna, Policlinico S. Orsola-Malpighi, Bologna 2 Dipartimento di Pneumologia, Ospedale G.B. Morgagni, Forlì Robe oberto o Manfredi Dipartimento di Malattie Infettive Policlinico S. Orsola Via Massarenti 4038 Bologna Fax:

4 Trattamento della disfunzione erettile nei pazienti diabetici con e senza coronaropatia: il ruolo degli inibitori della fosfodiesterasi-5 Treatment of erectile dysfunction in diabetic patients with and without coronary artery disease: the role of phosphodiesterase-5 inhibitors This review reports recent data available in literature on the prevalence of erectile dysfunction (ED) and the association of ED with coronary artery disease (CAD) in patients with diabetes mellitus. Endothelial dysfunction seems to be the major pathophysiology link between CAD and ED. The review shows for the first time that ED may be a powerful predictor of cardiovascular morbidity and mortality in diabetic patients with CAD, and underlines that, although all diabetic patients are at high cardiovascular risk, those with ED may be at particularly high risk. This may imply that specific aggressive programmes to prevent cardiovascular events should be performed in diabetic patients with ED. ED management in patients with diabetes mellitus with and without CAD was extensively analysed. Lastly another original finding reported in this review is that treatment with phosphodiesterase-5 inhibitors may reduce the occurrence of major adverse cardiovascular events among CAD diabetic patients with ED. Gazzaruso C, Rovelli CM, Coppola A, et al. Treatment of erectile dysfunction in diabetic patients with and without coronary artery disease: the role of phosphodiesterase-5 inhibitors. Therapeutica 2008; 2(): La disfunzione erettile La disfunzione erettile (DE) è definita come l incapacità, ricorrente o persistente, di raggiungere e mantenere un erezione adeguata al compimento di un rapporto sessuale soddisfacente per entrambi i partner. Circa 52 milioni di uomini nel mondo ne soffrono. Secondo il Massachusetts Male Aging Study, circa il 35% degli uomini con un età compresa tra i 45 ed i 70 anni lamenta una DE di grado variabile da moderato a severo 2. La prevalenza cresce in rapporto all età e raggiunge il valore massimo dopo i 70 anni, quando una DE pressoché completa è presente nel 5% degli uomini, mentre il 70% di essi lamenta un deficit erettile di entità variabile. Tra i pazienti diabetici la prevalenza della DE risulta di gran lunga più elevata: infatti in tale popolazione, secondo diversi studi, circa il 25-85% degli uomini lamenta un deficit erettile. In particolare in una popolazione italiana di pazienti diabetici, la prevalenza della DE era rispettivamente del 26% nei pazienti affetti da diabete di tipo e del 37% nei diabetici di tipo 2; peraltro la DE sembra presentarsi circa 5-0 anni prima nella popolazione diabetica rispetto alla popolazione generale 3. Disfunzione erettile e coronaropatia Il deficit erettile può essere associato a numerose condizioni patologiche di natura diversa; disfunzioni ormonali, neurologiche, vascolari, malattie neoplastiche, cronico-degenerative e lesioni iatrogene possono con meccanismi differenti causare una DE. Anche difficoltà di ordine psicologico, quali la depressione ed il disturbo erec ectile dysf sfun uncti tion diabe betes Car armin mine e Gazz zzar aruso,, Car arlo lo Maria a Rovelli, Adr drian ana a Cop oppol pola, Cinzi inzia a Vale alenti, ti, Fabrizi zio o Sal alvucc cci, i, Adr drian ana a Garzaniti aniti* Unità Cardio-Metabolica e Centro di Ricerca Clinica Applicata (Ce.R.C.A.) Istituto Clinico Beato Matteo, Gruppo Ospedaliero San Donato, Vigevano (PV) *Centro Antidiabetico, Azienda Ospedaliera della provincia di Pavia Car armin mine e Gazz zzar aruso Via Aselli Pavia Fax

5 Angiografia coronarica tridimensionale A Fonte di Rx B Figura. L orientamento perpendicolare del fascio dei raggi ad un segmento coronarico determina una minima distorsione dell immagine proiettata (A). Se il fascio dei raggi non è perpendicolare al vaso, si verifica un accorciamento dell immagine proiettata, che non rappresenta la vera lunghezza del segmento vasale (B). (Da Green NE et al. 8 ). Fonte di Rx 0% accorciamento 20 mm 20% accorciamento 20 mm Detector Detector 20 mm 6 mm 3D coronary angiography. Therapeutica 2008; 2(): Pharma Project Group srl coron onar ary y s stenosis sis atherom oma plaque angi giogr ography Fabrizi zio o Imol ola, Fran ance cesco co Prati ati Emodinamica e Cardiologia Interventistica, Ospedale San Giovanni Roma Fran ance cesco co Prati ati Emodinamica e Cardiologia Interventistica Ospedale San Giovanni Via dell Amba Aradam, Roma La coronarografia rimane a tutt oggi il gold standard nello studio dell anatomia coronarica. Esistono due modalità per definire l entità di un restringimento coronarico: la prima consiste nella valutazione visiva, una tecnica ovviamente molto diffusa nella pratica clinica per la sua semplicità ed immediatezza, ma resa molto soggettiva dalla scarsa riproducibilità delle misurazioni. La seconda è rappresentata dall angiografia quantitativa (QCA) e consiste nell applicazione di algoritmi per definire in modo automatico le lesioni coronariche ed il risultato delle procedure interventistiche. La QCA si è sviluppata negli anni 80 mediante l applicazione di sistemi digitali ed è stata diffusamente impiegata come strumento per studi di progressione- regressione della malattia coronarica e per valutare i risultati di procedure interventistiche, favorendo la scelta del device e la valutazione dei risultati procedurali. La QCA viene eseguita valutando immagini bi-dimensionali (2-D) che, ovviamente, hanno come limite la sovrapposizione e l accorciamento vasale (figura ). Questo secondo elemento ostacola l interpretazione delle immagini angiografiche poiché non vi è modo di correggere l errore della valutazione quantitativa indotta dall accorciamento. La tecnica di ricostruzione angiografica tri-dimensionale (angio 3-D) permette di descrivere e quantificare in miglior modo l anatomia coronarica, riducendo le limitazioni inerenti la tecnica bidimensionale. Inoltre, l angio 3-D mette in risalto l aspetto curvilineo delle coronarie, offrendone una rappresentazione tridimensionale, che è specifica per ogni paziente -3. L angiografia 3-D si serve di due proiezioni angiografiche ortogonali in formato DICOM dell albero coronario, che vengono trasferite a una work-station per 3

6 Farmaci a bersaglio molecolare nel melanoma Molecular target drugs in melanoma treatment Metastatic melanoma continues to be a difficult disease to treat and it still represents a challenge for oncologists. In fact, response rates with single agent dacarbazine range from 0% to 25% with median survival of 8 months. In the last years much work has been focused on finding novel drugs and exploring different treatment options that could increase the overall survival of these patients. In this paper the results of some clinical trials evaluating target-oriented drugs in melanoma patients are reviewed. Silvestris N, Pezzella G, Numico G, et al. Molecular target drugs in melanoma treatment. Therapeutica 2008; 2():6-65. La dacarbazina rappresenta il farmaco di riferimento nel trattamento dei pazienti affetti da melanoma metastatico consentendo di ottenere percentuali di risposte obiettive (RO) comprese tra il 0% ed il 25% ed una sopravvivenza mediana (OS) di 8 mesi. Nessun vantaggio significativo in termini di OS è stato conseguito con l impiego di nuovi farmaci antiblastici (fotemustina e temozolamide) così come di regimi polichemioterapici. Analogamente, le associazioni di polichemioterapia con citochine (IL-2 ed IFN- ) hanno consentito di ottenere un incremento delle RO e della sopravvivenza libera da progressione (TTP) in assenza di un incremento significativo della OS 2-4. Fortunatamente, negli ultimi anni i progressi compiuti nella comprensione dei meccanismi biomolecolari coinvolti nelle varie fasi della cancerogenesi della cellula melanomatosa hanno permesso lo sviluppo di nuovi farmaci a bersaglio molecolare 5. Inibitori delle proteino chinasi La trasduzione del segnale è il meccanismo attraverso cui avvengono le comunicazioni a livello cellulare. In genere, tale meccanismo ha inizio quando un ligando si lega al suo recettore con conseguente attivazione delle proteine ad esso correlate. I recettori possono avere un attività enzimatica intrinseca od essere associati con proteino chinasi o fattori trascrizionali. L inibizione dell attività chinasica di molti enzimi cellulari determina la riduzione della proliferazione neoplastica in vitro ed in vivo. Le proteino chinasi sono divise in tre classi a seconda del sito di fosforilazione: le tirosino chinasi, le serino/treonino chinasi e le chinasi multifunzionali 6. Due farmaci somministrabili per os (sorafenib ed imatinib) ed un farmaco somministrato per via endovenosa (temsirolimus) sono stati valutati in pazienti affetti da melanoma. Sorafenib (BAY ) Il pathway NRas-Raf-MEK- ERK riveste un ruolo importante nel controllo dei segnali di sviluppo e sopravvivenza cellulare. E stato dimostrato che il melanoma presenta una elevata frequenza di mutazioni di attivazione sia di NRas che di Raf (in particolare di BRaf). Quest ultima è una serina/treonino chinasi responsabile dell attivazione della cascata di MAPK molec olecul ular ar tar arget(s) t(s) anti tican cance cer melan anom oma a treatm eatment Nicol cola a Silvestr tris is, Giu iuseppe pe Pezz ezzell lla 2, Gianm anmaur uro o Numi umico co 3, Fran ance cesca ca Russo 2, Tizi zian ana Lati atian ano 2, Evar aris isto o Maiello llo 4, Giu iuseppe pe Colu olucc cci U. O. di Oncologia Medica e Sperimentale - Istituto Tumori, Bari 2 U. O. di Oncologia Medica - Ospedale Moscati, Taranto 3 U. O. di Oncologia Medica - Ospedale Regionale della Valle d Aosta, Aosta 4 U. O. di Oncologia Medica - Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza, San Giovanni Rotondo Nicol cola a Silvestr tris is Unità Operativa di Oncologia Medica e Sperimentale Istituto Tumori Giovanni Paolo II Via Hahnemann, Bari Fax: E.mail: 6

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

ETIOPATOGENESI DELLA CARDIOMIOPATIA DIABETICA PROF. GIANCARLO DE MATTIA Dipartimento di Medicina Interna

ETIOPATOGENESI DELLA CARDIOMIOPATIA DIABETICA PROF. GIANCARLO DE MATTIA Dipartimento di Medicina Interna ETIOPATOGENESI DELLA CARDIOMIOPATIA DIABETICA PROF. GIANCARLO DE MATTIA Dipartimento di Medicina Interna La cardiopatia ischemica è una delle principali cause di morbilità e mortalità nei pazienti diabetici

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Polmone e Sclerodermia

Polmone e Sclerodermia Polmone e Sclerodermia Sclerosi Sistemica/ Sclerodermia Una malattia complessa e difficile AILS Roma 13 Aprile 2013 Sergio Harari U.O. Pneumologia e UTIR Servizio di Emodinamica e Fisiopatologia Respiratoria

Dettagli

Medicina basata sull Evidenza

Medicina basata sull Evidenza Medicina basata sull Evidenza Numerosi trattamenti tatta t possono o ridurre il rischio dei maggiori eventi cardiovascolari in grandi gruppi di pazienti Prescrizione di tutti i farmaci benefici a tutti

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx CORSO DI ECOCARDIOGRAFIA di I Livello 23-24-25 Gennaio 2014 Palermo Grand Hotel Piazza Borsa PRIMO GIORNO 23 GENNAIO 2014 8,30 Registrazione dei partecipanti e consegna del materiale didattico ECM Presentazione

Dettagli

AGENZIA FIDEST. A Firenze il meeting della Società Europea di Cardiologia «Fidest Agenzia giornalistica/press agency

AGENZIA FIDEST. A Firenze il meeting della Società Europea di Cardiologia «Fidest Agenzia giornalistica/press agency 7 GOLD TV CT NEWS AGENZIA FIDEST A Firenze il meeting della Società Europea di Cardiologia «Fidest Agenzia giornalistica/press agency 26/10/15 10:20 Fidest Agenzia giornalistica/press agency Quotidiano

Dettagli

07/06/2009. Factors Markedly Increase Individual Cardiovascular Risk. Esami non invasivi per la patologia coronarica

07/06/2009. Factors Markedly Increase Individual Cardiovascular Risk. Esami non invasivi per la patologia coronarica LO STUDIO FUNZIONALE INCRUENTO DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA: LA SCINTIGRAFIA La ricerca dell ischemia inducibile: cosa può darci di più per giustificare l incremento del rischio biologico? Factors Markedly

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica Milano, 20 novembre 2015 Dott. Massimo Castoldi Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Medicina di precisione La transizione verso l'era della

Dettagli

valutazione rischio malattie cardiovascolari

valutazione rischio malattie cardiovascolari Giovanni Liguori n DE arteriogenica veno-occlusiva induratio penis plastica n priapismo n alto flusso basso flusso trauma del pene n valutazione rischio malattie cardiovascolari n necessità approfondimento

Dettagli

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV ADULTS AND CHILDREN ESTIMATED TO BE LIVING WITH HIV/AIDS,

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative 1 HTA Short Report Appropriatezza della Scintigrafia Miocardica Perfusionale ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba Indice Introduzione Tecnologia e procedure alternative Obiettivi del

Dettagli

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza 21 marzo IV Sessione: Rischio Cardiovascolare e infezione da HIV Michele Bombelli Clinica Medica Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza Le nuove linee guida ACC/AHA sul trattamento

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

Pressione Positiva Continua CPAP

Pressione Positiva Continua CPAP FADOI ANIMO Bologna, 17 maggio 2010 La ventilazione non invasiva Pressione Positiva Continua CPAP Dott. G. Bonardi Pneumologia e Fisiopatologia Respiratoria Medicina Generale Az.Ospedaliera Ospedale Civile

Dettagli

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale L audit come strumento di implementazione delle linee guida sulla gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Storia naturale

Dettagli

Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi. Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa

Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi. Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa Definizione Una sindrome coronarica acuta èun quadro clinico

Dettagli

Sofferenza miocardica : quanto di patologico, quanto di iatrogeno

Sofferenza miocardica : quanto di patologico, quanto di iatrogeno Il cuore diabetico Sofferenza miocardica : quanto di patologico, quanto di iatrogeno Fabrizio Celeste Centro Cardiologico Monzino IRCCS Milano Il cuore diabetico Esiste il cuore diabetico? La cardiopatia

Dettagli

Red Alert for Women s Heart. Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE

Red Alert for Women s Heart. Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE Red Alert for Women s Heart Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE Molti sono gli allarmi rossi legati al genere e alle malattie cardiovascolari. Di seguito sono descritti i risultati più importanti

Dettagli

Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti

Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti CAD VALVULOPATIA MIOCARDIOPATIA ecocardiografia + +++ ++ SPECT +++ - - MRI ++ + +++

Dettagli

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag.

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag. CAPITOLO 1 indice le neoplasie nell anziano pag. 5 Valutazione del paziente anziano pag. 7 Aspetti generali del trattamento pag. 10 Tumori del colon-retto pag. 11 Tumori della mammella pag. 13 Tumori del

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI GROSSI GIOVANNI TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

INFORMAZIONI PERSONALI GROSSI GIOVANNI TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM PROFESSIONALE GIOVANI GROSSI GRSGNN53AO1G317B INFORMAZIONI PERSONALI Nome GROSSI GIOVANNI Data di nascita 1 GENNAIO 1953 Qualifica Dirigente Medico 1 Livello Amministrazione ASP COSENZA Incarico

Dettagli

Alterazioni vascolari: nuove metodologie di studio e nuovi farmaci

Alterazioni vascolari: nuove metodologie di studio e nuovi farmaci Alterazioni vascolari: nuove metodologie di studio e nuovi farmaci Lorenzo Ghiadoni, Agostino Virdis, Stefano Taddei Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università di Pisa The Cardiovascular

Dettagli

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND e-news Progetto MOND Update in BPCO N. 3/2014 La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND La BPCO La broncopneumopatia cronica

Dettagli

LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE

LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE Michela Petrizzo, Giuseppe Bellastella, Maurizio Gicchino, Rosanna Orlando, Carmela Mosca,

Dettagli

Materiale di approfondimento

Materiale di approfondimento Materiale di approfondimento Cos è lo scompenso cardiaco Lo scompenso cardiaco è una malattia sempre più frequente che compare quando il cuore, danneggiato, non è più in grado di svolgere la sua normale

Dettagli

Maschio di 79 anni Ricovero 21.10.1999 per patologia polmonare sospetta TC Cerebrale senza e con MDC RMN 4.11.1999 2.11.1999 Scintigrafia ossea

Maschio di 79 anni Ricovero 21.10.1999 per patologia polmonare sospetta TC Cerebrale senza e con MDC RMN 4.11.1999 2.11.1999 Scintigrafia ossea Maschio di 79 anni Ricovero 21.10.1999 per patologia polmonare sospetta ed esegue: TC Cerebrale senza e con MDC In sede parasagittale sinistra superiormente al tetto del ventricolo laterale di sinistra,

Dettagli

1. La cardiopatia ischemica cronica sintomatica

1. La cardiopatia ischemica cronica sintomatica Cardiopatia ischemica cronica sintomatica: il nuovo che avanza dopo oltre 100 anni di nitroderivati 5 1. La cardiopatia ischemica cronica sintomatica Introduzione La malattia coronarica, di cui l angina

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Avvio progetto sindrome metabolica. Adesione

Avvio progetto sindrome metabolica. Adesione Avvio progetto sindrome metabolica Adesione 1. i medici associati in super rete, super gruppo e CPT sono obbligati ad aderire e NON devono comunicare l'adesione al distretto di competenza; 2. I medici

Dettagli

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto Riassunto 1 Introduzione 1.1 Premessa 1.2 Spesa sanitaria e cardiopatia ischemica 1.3 Fattori di rischio coronarico come causa di cardiopatia ischemica 1.3.1 Prospettive future 1.3.2 Nutrizione e malattie

Dettagli

La rete cardiologica per la SCA:

La rete cardiologica per la SCA: La rete cardiologica per la SCA: quali vantaggi per le persone con diabete dall organizzazione e dalle innovazioni tecnologiche? Antonio Manari U.O. Cardiologia i Interventistica ti ti Azienda Ospedaliera

Dettagli

La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia

La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia Dr. Raffaele Addeo U.O.C. Oncologia Frattamaggiore (NA) Benevento, 5 ottobre 2012 Introduzione La chemioterapia sistemica, divenuta

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori Prevenzione delle malattie cardiovascolari Percorso per le classi quinte superiori Per cominciare qualche cenno di anatomia Il cuore Il cuore è un organo di tessuto muscolare striato, detto miocardio,

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

Società Italiana di Diabetologia. SIE - Società Italiana di Endocrinologia. SIMI - Società Italiana di Medicina Interna CON L EGIDA DI AMD

Società Italiana di Diabetologia. SIE - Società Italiana di Endocrinologia. SIMI - Società Italiana di Medicina Interna CON L EGIDA DI AMD COL PATROCINIO DI Comune di Vigevano con il patrocinio dell Amministrazione Comunale Comune di Gambolò Comune di Mortara Comune di Garlasco Ordine dei Medici della Provincia di Pavia Società Italiana di

Dettagli

Complicanze macroangiopatiche nel diabete

Complicanze macroangiopatiche nel diabete Complicanze macroangiopatiche nel diabete Diabete mellito e mortalità cardiovascolare Framingham Study: 20 anni di follow-up 18 Mortalità cardiaca ogni 1000 persone 16 14 12 10 8 6 4 2 17 8 17 4 DM No-DM

Dettagli

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati.

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati. DIABETE E RISCHIO CANCRO: RUOLO DELL INSULINA Secondo recenti studi sono più di 350 milioni, nel mondo, gli individui affetti da diabete, numeri che gli regalano il triste primato di patologia tra le più

Dettagli

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Stenosi polmonare www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Arteria polmonare L arteria polmonare è il vaso sanguigno che porta il sangue dal ventricolo destro ai polmoni dove

Dettagli

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma DOTT.SSA CINZIA CIANFROCCA Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma PREVENIRE E MEGLIO CHE CURARE: LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE

Dettagli

Medico Chirurgo. Specialista in Cardiologia

Medico Chirurgo. Specialista in Cardiologia BEATA OSTROWSKA Medico Chirurgo Specialista in Cardiologia ISTRUZIONE 1987 Liceo Scientifico H.Sawicka Kielce (Polonia) Maturità Scientifica CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA 1998 2000 Internato

Dettagli

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

NOVITÀ IN FARMACOTERAPIA

NOVITÀ IN FARMACOTERAPIA NOVITÀ IN FARMACOTERAPIA 18 CREDITI ECM OBIETTIVO FORMATIVO TECNICO-PROFESSIONALE N. 10 EPIDEMIOLOGIA - PREVENZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE CON ACQUISIZIONE DI NOZIONI TECNICO-PROFESSIONALI DESTINATARI:

Dettagli

PRELIMINARY PROGRAMME

PRELIMINARY PROGRAMME 7 th LIPIDCLUB & Therapeutic Apheresis 2012 Interdisciplinary Educational Forum Updating in Apheresis and Atherosclerosis Research 80 th European Atherosclerosis Society Congress Satellite Symposium San

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive

Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive Dott. Vitaliano De Salazar, Direttore Generale Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani

Dettagli

Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014. Laboratorio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, U.O. Cardiologia, A.O.U. di Parma

Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014. Laboratorio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, U.O. Cardiologia, A.O.U. di Parma Diagnosi e Terapia delle Aritmie Cardiache: Ablazione transcatetere endoepicardica di Tachicardia Ventricolare in paziente con Malattia di Anderson-Fabry Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014 Laboratorio

Dettagli

La Sindrome Obesità-Ipoventilazione e le Ipoventilazioni Centrali

La Sindrome Obesità-Ipoventilazione e le Ipoventilazioni Centrali La Sindrome Obesità-Ipoventilazione e le Ipoventilazioni Centrali Dott. Francesco Carbone II Corso multidisciplinare di aggiornamento La Sindrome delle Apnee Notturne: una sfida diagnostico terapeutica

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Indice 1. Introduzione 2. Cosa sono le targeted therapies? 3. Come funzionano le targeted therapies? 4. Perché utilizzare le targeted therapies nel

Dettagli

LA PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE. dott. Zoran Olivari

LA PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE. dott. Zoran Olivari 18 NOVEMBRE 2014 LA PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE dott. Zoran Olivari 89 anni 89 anni 80 anni 87 anni 86 anni 88 anni 84 anni 103 anni 91 anni ULTRACENTENARI Si vive di più!! (nel ns mondo occidentale)

Dettagli

APPROPRIATEZZA CLINICA, TECNOLOGICA E STRUTTURALE NELL ASSISTENZA ALLE MALATTIE DEL SISTEMA CARDIOVASCOLARE

APPROPRIATEZZA CLINICA, TECNOLOGICA E STRUTTURALE NELL ASSISTENZA ALLE MALATTIE DEL SISTEMA CARDIOVASCOLARE APPROPRIATEZZA CLINICA, TECNOLOGICA E STRUTTURALE NELL ASSISTENZA ALLE MALATTIE DEL SISTEMA CARDIOVASCOLARE I CENTRI CARDIOVASCOLARI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI INTEGRATA G.P. Cornalba Accessibilità Efficienza

Dettagli

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ A cura del Dott. Sergio Fasullo DTA CON ALTERAZIONI ECG

Dettagli

CRITERI RADIOLOGICI DI VALUTAZIONE DELLA RISPOSTA ALLA TERAPIA ONCOLOGICA Radiologia Ferrara CRITERI RECIST Response Evaluation Criteria In Solid Tumor CRITERI RECIST Sono un gruppo di regole atte ad identificare

Dettagli

IL DIABETE A MANTOVA. Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova

IL DIABETE A MANTOVA. Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova IL DIABETE A MANTOVA Prof. PierPaolo Vescovi S.C. di Medicina Generale Dott. Stefano Fazion Dott.ssa

Dettagli

Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche

Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche L INFORMAZIONE INDIPENDENTE SUL FARMACO: OBIETTIVO STATINE Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche Sassari 26 Gennaio 2008 Dott.ssa Chiara Musio NOTA 13 AIFA La prescrizione a carico

Dettagli

Problematiche attuali nella diagnostica per immagini e nella classificazione delle patologie polmonari amianto correlate.

Problematiche attuali nella diagnostica per immagini e nella classificazione delle patologie polmonari amianto correlate. Asbesto, asbestosi e cancro: dal riconoscimento e controllo del rischio alla qualitàdella sorveglianza sanitaria degli esposti ed ex esposti. Problematiche attuali nella diagnostica per immagini e nella

Dettagli

Piano Nazionale Amianto Macro-area Salute. Risorse messe in campo

Piano Nazionale Amianto Macro-area Salute. Risorse messe in campo Piano Nazionale Amianto Macro-area Salute Risorse messe in campo Dott. Mariano Alessi Dirigente Medico Medico del Lavoro Ministero della salute DG Prevenzione Nel 2012 sono state finanziate attività specifiche

Dettagli

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 1 SURVEY: ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 ISPIT è partito nel mese di OTTOBRE 2009 concluso nel mese di FEBBRAIO 2010. Sono stati reclutati 1585 PAZIENTI in 67 CENTRI ISPAF è

Dettagli

ANGIOPLASTICA CORONARICA CONSENSO INFORMATO CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA PER EMODINAMICA E

ANGIOPLASTICA CORONARICA CONSENSO INFORMATO CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA PER EMODINAMICA E Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e Area Critica Cardiologia Interventistica Dott. Antonio Manari - Direttore CONSENSO INFORMATO PER EMODINAMICA E CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA ANGIOPLASTICA CORONARICA

Dettagli

Screening per il tumore della prostata

Screening per il tumore della prostata Screening per il tumore della prostata Screening Un programma di screening oncologico ha per obiettivo diminuire la mortalità e/o l incidenza di una neoplasia attraverso l identificazione di tumori non

Dettagli

Anatomia WWW.SLIDETUBE.IT

Anatomia WWW.SLIDETUBE.IT Anatomia Arterie coronarie Le arterie coronarie principali sono due: la coronaria sinistra e la coronaria destra Coronaria sinistra: il primo tratto della coronaria sinistra, viene denominato tronco comune;

Dettagli

Sicurezza nella sospensione delle statine: meccanismi biomolecolari e clinici.

Sicurezza nella sospensione delle statine: meccanismi biomolecolari e clinici. Sicurezza nella sospensione delle statine: meccanismi biomolecolari e clinici. Abstract L utilizzo vantaggioso delle statine nella prevenzione primaria e secondaria dei disturbi cardiovascolari e nei soggetti

Dettagli

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico IL LABORATORIO NELLE URGENZE ED EMERGENZE Roma, 2-3 Ottobre 2009 Riccardo Morgagni Cardiologia Università Tor Vergata Roma Contesto clinico Sindromi Coronariche

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

Materiale del sito http://www.lezionidimedicina.altervista.org/ L ECOCARDIOGRAMMA

Materiale del sito http://www.lezionidimedicina.altervista.org/ L ECOCARDIOGRAMMA L ECOCARDIOGRAMMA E uno strumento che serve a comprendere l anatomia cardiaca ( fisiologica e patologica ) e a dare informazioni sullo stato delle valvole e sulla contrazione ventricolare. PRINCIPI L orecchio

Dettagli

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Università di Pisa Dipartimento di Farmacia Corso di laurea in CTF Corso: Basi biochimiche dell azione dei farmaci Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Pisa, 27/03/2014 Samuela Fabiani

Dettagli

CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE

CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE www.clinicaveterinariagransasso.it www.veterinaryechocardiography.eu TRATTAMENTO DEL DOTTO ARTERIOSO PERVIO (PDA) Patent Ductus Arteriosus

Dettagli

QUANTIZZAZIONE DELLA LA STENOSI AORTICA

QUANTIZZAZIONE DELLA LA STENOSI AORTICA 1 QUANTIZZAZIONE DELLA LA STENOSI AORTICA L ecocardiografia bidimensionale permette un adeguata valutazione dell anatomia valvolare aortica, ma la quantizzazione del vizio è affidata essenzialmente alla

Dettagli

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc PATRIZIA NOUSSAN Servizio di Cardiologia e UTIC GIACOMO PAOLO VAUDANO Servizio di Neuroradiologia-Radiologia d Urgenza OSP. SAN GIOVANNI BOSCO ASL TORINO

Dettagli

Simposio I NETs: A CHE PUNTO SIAMO? Ruolo del debulking massimo.falconi@univr.it Chirurgia B, Verona MILANO, 20 Giugno 2008

Simposio I NETs: A CHE PUNTO SIAMO? Ruolo del debulking massimo.falconi@univr.it Chirurgia B, Verona MILANO, 20 Giugno 2008 Simposio I NETs: A CHE PUNTO SIAMO? Ruolo del debulking massimo.falconi@univr.it Chirurgia B, Verona MILANO, 20 Giugno 2008 Definizione di debulking Oncologica Resecare almeno il 90% del burden tumorale

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

MERCOLEDÌ, 29 MAGGIO 2013

MERCOLEDÌ, 29 MAGGIO 2013 15.15-15.30 SALUTO DI BENVENUTO DEL PRESIDENTE 15.30-16.45 DISCUSSIONE POSTER 15.00-16.45 SIMPOSI AZIENDALI MERCOLEDÌ, 29 MAGGIO 2013 17.00-19.00 SESSIONE DI APERTURA IN PARTNERSHIP CON DIABETE ITALIA:

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI

RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI DALMASSO Anna Maria Cuneo Azienda Ospedaliera S.Croce e Carle Cuneo Audit clinico: marzo- giugno 2013 Le ulcere cutanee infette inquadramento diagnostico

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M.

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. Nizzoli RUOLO DEL COMPENSO GLICEMICO The Diabetes control and complications

Dettagli

La chirurgia: come, quando e quale

La chirurgia: come, quando e quale La chirurgia: come, quando e quale V. Ziparo Facoltà di Medicina e Psicologia Dipartimento Medico-Chirurgico e Medicina Translazionale Azienda Ospedaliera Sant Andrea Epidemiologia dell Adenocarcinoma

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

Organizzazione psichiatrica cantonale (OSC) - strutture medicalizzate. Le principali urgenze psichiatriche. Comorbidità somatica e mortalità precoce

Organizzazione psichiatrica cantonale (OSC) - strutture medicalizzate. Le principali urgenze psichiatriche. Comorbidità somatica e mortalità precoce Organizzazione psichiatrica cantonale (OSC) - strutture medicalizzate Le principali urgenze psichiatriche Comorbidità somatica e mortalità precoce 26.11.2014 Dr. Med. Rafael Traber Direttore dei Settori

Dettagli

Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone

Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone Antonello Casaletto U. O. D. Chirurgia Toracica Responsabile: Dr. G. Urciuoli Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo POTENZA Ruolo

Dettagli

The follow up in geriatric patient

The follow up in geriatric patient The follow up in geriatric patient Lucia Fratino Oncologia Medica Centro di Riferimento Oncologico di Aviano Mrs Ginette H. b 1933, 1998 ( 65y) : breast cancer CH + CT+ HT 2014 ( 81y) : relapsed Doctor

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome COLOMBO Nome GIOVANNI Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale Giovanni.colombo2@crs.lombardia.it telefono 029682495 TITOLI DI

Dettagli

Patrocini richiesti 2 VIGEVANO DIABETE IIIª EDIZIONE GESTIRE IL DIABETE E IL DIABETICO IN OSPEDALE: DAL PRONTO SOCCORSO ALLA RIABILITAZIONE

Patrocini richiesti 2 VIGEVANO DIABETE IIIª EDIZIONE GESTIRE IL DIABETE E IL DIABETICO IN OSPEDALE: DAL PRONTO SOCCORSO ALLA RIABILITAZIONE Patrocini richiesti 2 VIGEVANO DIABETE IIIª EDIZIONE GESTIRE IL DIABETE E IL DIABETICO IN OSPEDALE: DAL PRONTO SOCCORSO ALLA RIABILITAZIONE Relatori e Moderatori BOSI EMANUELE Milano CARAVAGGI CARLO Milano

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO Documento redatto da: Dott.ssa T.Venesio, Dr.ssa A. Balsamo - Laboratorio di Patologia

Dettagli

Effetti dell attivita fisica. Dott. Pietro Palermo

Effetti dell attivita fisica. Dott. Pietro Palermo Effetti dell attivita fisica Dott. Pietro Palermo Perché fare attività fisica? Ad ognuno il proprio spazio Fare attività fisica non vuol dire solo evitare di ingrassare! Determinanti della Capacità di

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli