La cardiopatia ischemica (CAD) è caratterizzata,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La cardiopatia ischemica (CAD) è caratterizzata,"

Transcript

1 Valutazione della cinetica miocardica mediante Tissue Doppler, Strain e Strain Rate Imaging Assessment of myocardial kinetics using tissue doppler,, strain and strain rate imaging Myocardial fibers contractility was non-invasively evaluated until now by Nuclear medicine. Tissue Doppler Imaging (TDI) is an emerging and more actractive tool to quantifying the degree of regional and global LV walls contractility, that accurately measures the different phases of the cardiac cycle. Some reports suggest that TDI may provide important informations about CAD and may be useful in selecting and monitoring patients who may benefit by the use of biventricular pacing. Therefore, this Doppler technique does not differentiate between active contraction and passive movement of a myocardial segment. On the contrary, Strain (S) and Strain Rate (SR) are less affected by passive myocardial motion and provide quantification of regional wall motion both at rest and during stress. The capability to well define myocardial function with some new Doppler techniques, as Tissue Tracking or Tissue Synchronization Imaging, are also illustrated. Assessment of myocardial kinetics using tissue doppler, strain and strain rate imaging. Therapeutica 2008; 2():2-4. La cardiopatia ischemica (CAD) è caratterizzata, oltre che da una riduzione del flusso coronarico, anche dagli effetti dell ipossia sull attività cinetica del miocardio. Mentre la prima condizione è valutabile piuttosto agevolmente mediante l esame contrastografico (che viene adoperato tanto per l identificazione e la definizione della morfologia della placca che ai fini della rivascolarizzazione non-chirurgica dei rami coronarici stenosati), le sequele parenchimali di un ridotto o mancato apporto di ossigeno al muscolo cardiaco vengono definite in modo non-invasivo tramite le metodiche di Medicina Nucleare e quelle ecocardiografiche convenzionali quali l esame bi-dimensionale e Doppler. E noto che queste ultime si positivizzano già a riposo dopo un evento necrotico, mentre sono indicative di un deficit perfusivo solo in seguito ad un aumento delle richieste allorché è presente una condizione di ischemia cronica. Tuttavia, in considerazione dell importanza della fase parenchimale della malattia coronarica, è necessario poterla caratterizzare in maniera più precisa e già in condizioni basali. Questa esigenza è oggi particolarmente sentita, specialmente se teniamo conto della più lunga sopravvivenza del paziente ischemico e quindi della necessità di definire precocemente ed in modo inequivocabile le modificazioni della contrattilità conseguenti alla malattia coronarica. L importanza della precisa conoscenza delle condizioni parenchimali del muscolo cardiaco ischemico è oggi particolarmente sentita anche in rapporto ai provvedimenti terapeutici da prendere e alla prognosi dell affezione. Queste informazioni più precise e precoci si possono ottenere non-invasivamente con diverse metodiche, tra cui va annoverata l indagine Doppler-ecocardiografica condotta però in corrispondenza delle pareti del muscolo cardiaco piuttosto Tis issu sue e Dopple ler r Imagin ging systole diastole LV V contr tractilit tility Str train Str train rat ate Fede ederico co Cacc cciapuoti ti Laboratorio di Ecocardiografia Dipartimento di Medicina Interna Seconda Università degli Studi di Napoli Piazza L. Miraglia, Napoli che del sangue circolante all interno del cuore. L esame Doppler convenzionale (D) fu introdotto in Medicina in seguito all intuizione di Christian Dopper che, nel 842, lo aveva adoperato in Fisica per valutare il movimento dei fluidi posti in un contenitore. Il Doppler Flow (DF) consiste nello studio dei movimenti della massa liquida (sangue) contenuta nelle cavità cardiache, che subisce spostamenti diversi per effetto della sistole e della diastole del ventricolo 2. Il Tissue Doppler Imaging (TDI) è invece una metodica 2

2 La dislipidemia nel paziente HIV positivo in terapia HAART: utilizzo degli acidi grassi omega-3 Dyslipidemia in HIV-positive patient undergoing HAART therapy: role of omega- 3 fatty acids The administration of many antiviral drugs in HIV infected patients, particularly protease inhibitors, may be associated with lipid profile alterations similar to those seen in patients affected by metabolic syndrome. Management of this condition requires an awareness of the effects of antiretroviral agents on lipid profiles and the use of lipid lowering agents. The National Cholesterol Education Program Recommendations focus on LDL-C as the primary target, but in subjects with both very high triglyceride and LDL levels, administration of omega-3 fatty acids plus a statin can be an effective and safe way to ameliorate dyslipidaemia. Concia E, Lattuada M. Dyslipidemia in HIV-positive patient undergoing HAART therapy: role of omega- 3 fatty acids. Therapeutica 2008; 2():-. La relazione tra l infezione da HIV e la comparsa di disordini metabolici è stata evidenziata fin dai primi anni dell epidemia; nonostante ciò, a causa della ridotta sopravvivenza dei pazienti sieropositivi in quegli anni, il problema non è stato preso in considerazione dai clinici se non alla fine degli anni 90,2. L avvento nel 996 dei primi protocolli HAART (Highly Active Antiretroviral Therapy), soprattutto quelli contenenti farmaci della classe degli inibitori delle proteasi, ha drasticamente modificato la storia naturale della malattia, la qualità di vita dei pazienti, nonché la prognosi a lungo termine 3. L infezione da HIV è diventata oggi una condizione cronica e, accanto alla gestione delle complicanze tradizionalmente associate alla progressione della malattia (infezioni opportunistiche, neoplasie), sono via via emerse le problematiche connesse al rischio cardiovascolare associato sia ai trattamenti sia a preesistenti condizioni cliniche. Già con l impiego della zidovudina in monoterapia erano state segnalate modificazioni del metabolismo lipidico; solo, però, con l introduzione degli inibitori delle proteasi 4,5 e dei protocolli HAART, l incidenza di dislipidemie è divenuta considerevole e si è cominciato a parlare di casi sempre più frequenti di sindrome metabolica HAART-correlata. La sindrome metabolica si identifica in questi parametri con un corredo di sintomi e segni clinici che comprendono dislipidemia (ipercolesterolemia e ipertrigliceridemia), alterazioni della distribuzione del grasso corporeo (lipoatrofia e lipodistrofia) 6,7, aumento della resistenza all insulina e, quindi, del rischio di sviluppare diabete 8. Tutto ciò porta ad un maggior rischio di malattie cardiovascolari rispetto alla popolazione di controllo HIVnegativa 9,0. Il rischio di sviluppare iperlipidemia sembra essere direttamente proporzionale alla durata del trattamento con l inibitore delle proteasi e con alcuni degli analoghi nucleosidici di prima generazione, in primo luogo la stavudina,2. HAART T therapy dyslip slipide demi mia HIV V infec ecti tion protea ease e inhibit itors Ercole Con oncia,, Manuela Lat attu tuada Unità Operativa Clinica Malattie Infettive Università degli Studi di Verona Ercole Con oncia Unità Operativa Clinica Malattie Infettive Università degli Studi di Verona Policlinico G.B. Rossi Piazzale L. Scuro, Verona Fax Manifestazioni cliniche della sindrome metabolica nel paziente HIV-positivo Dati recenti suggeriscono che a tali alterazioni lipidiche si associno elementi aggiuntivi caratterizzanti una

3 Bronchiolite obliterante e polmonite organizzativa Bronchiolitis obliterans and organizing pneumonia Bronchiolitis obliterans and organizing pneumonia (BOOP) are complex clinical syndromes with a similar morphological pattern and are observed in a variety of pulmonary diseases. In this paper, the Authors report on the clinical and diagnostic profile, radiological features, laboratory and histopathological findings, and management issues of these broad-spectrum lung disorders. Idiopathic forms, infectious disease-associated features, complications in solid organ transplant recipients and bone marrow recipients, collagen vascular- and bowel inflammatory-related forms, the roles of drugs and irritating and toxic inhalants, and more infrequent aetiologies which may provide support to an organizing pneumonia or related condition are all discussed on the basis of our own experience in this field, and an up-to-date review of the literature. Dentale N, Poletti V, Manfredi R. Bronchiolitis obliterans and organizing pneumonia. Therapeutica 2008; 2(): Le malattie dei bronchioli sono emerse come entità cliniche separate dalle bronchiti croniche e dall enfisema già all inizio del XX secolo, quando Wilhelm Lange per primo usò il termine di bronchiolite obliterante. Subito dopo Fraenkel, nel 902, ne descrisse gli aspetti istopatologici 2. Tuttavia, l interesse per queste forme esplose circa settanta anni più tardi, quando la patologia bronchiolare venne associata a malattie connettivo-vascolari, a forme infettive ed ai trapianti. Venne così effettuata una dettagliata descrizione e classificazione della bronchiolite obliterante polmonite organizzativa (BOOP). Di recente, la Tomografia assiale ad alta risoluzione (HRCT), considerata la migliore tecnica in campo radiologico nei casi sospetti di bronchiolite, ha enormemente contribuito ad affinare le possibilità diagnostiche di queste forme patologiche; tuttavia, il livello di evidenza della patologia, così come diversi riscontri relativi alla epidemiologia, fisiopatologia, e terapia restano ancora incerti. Esamineremo le forme inerenti alla disciplina di malattie infettive, certe o presunte (es. BOOP idiopatica), quelle correlate alla disciplina dei trapianti d organo (polmone e midollo osseo), strettamente correlata come noto, a problematiche infettivologiche ed immunologiche, ed infine, alcune forme che spesso capita di osservare nella pratica clinica di tutti i giorni, che potrebbero pertanto porre problemi importanti di diagnosi differenziale. Bronchiolite obliterante - polmonite organizzativa Definizione La bronchiolite obliterante polmonite organizzativa (BOOP) è un quadro clinico-istopatologico caratterizzato da un decorso subacuto, deficit ventilatorio restrittivo, con aspetti radiologici di infiltrati polmonari irregolarmente distribuiti, e morfologici caratterizzati dalla presenza di materiale fibroso lasso dislocato internamente ai bronchioli distali, alveoli e dotti alveolari circostanti 3-6. Il liquido di broncolavaggio (BAL), presenta un cellularità molto caratteristica, in particolare si osserva una linfoci- organi anizin zing g pneum umoni onia bron onchi hiolitis oblit literans clini linical and d diagn gnosti tic c featur eatures classif sificati cation on man anagement treatm eatment outcom come Nicol cola a Dentale, Venerin ino Pole oletti ti 2, Robe oberto o Manfredi Dipartimento di Medicina Clinica Specialistica e Sperimentale, Sezione di Malattie Infettive, Università degli Studi di Bologna Alma Mater Studiorum, Azienda Ospedaliera di Bologna, Policlinico S. Orsola-Malpighi, Bologna 2 Dipartimento di Pneumologia, Ospedale G.B. Morgagni, Forlì Robe oberto o Manfredi Dipartimento di Malattie Infettive Policlinico S. Orsola Via Massarenti 4038 Bologna Fax:

4 Trattamento della disfunzione erettile nei pazienti diabetici con e senza coronaropatia: il ruolo degli inibitori della fosfodiesterasi-5 Treatment of erectile dysfunction in diabetic patients with and without coronary artery disease: the role of phosphodiesterase-5 inhibitors This review reports recent data available in literature on the prevalence of erectile dysfunction (ED) and the association of ED with coronary artery disease (CAD) in patients with diabetes mellitus. Endothelial dysfunction seems to be the major pathophysiology link between CAD and ED. The review shows for the first time that ED may be a powerful predictor of cardiovascular morbidity and mortality in diabetic patients with CAD, and underlines that, although all diabetic patients are at high cardiovascular risk, those with ED may be at particularly high risk. This may imply that specific aggressive programmes to prevent cardiovascular events should be performed in diabetic patients with ED. ED management in patients with diabetes mellitus with and without CAD was extensively analysed. Lastly another original finding reported in this review is that treatment with phosphodiesterase-5 inhibitors may reduce the occurrence of major adverse cardiovascular events among CAD diabetic patients with ED. Gazzaruso C, Rovelli CM, Coppola A, et al. Treatment of erectile dysfunction in diabetic patients with and without coronary artery disease: the role of phosphodiesterase-5 inhibitors. Therapeutica 2008; 2(): La disfunzione erettile La disfunzione erettile (DE) è definita come l incapacità, ricorrente o persistente, di raggiungere e mantenere un erezione adeguata al compimento di un rapporto sessuale soddisfacente per entrambi i partner. Circa 52 milioni di uomini nel mondo ne soffrono. Secondo il Massachusetts Male Aging Study, circa il 35% degli uomini con un età compresa tra i 45 ed i 70 anni lamenta una DE di grado variabile da moderato a severo 2. La prevalenza cresce in rapporto all età e raggiunge il valore massimo dopo i 70 anni, quando una DE pressoché completa è presente nel 5% degli uomini, mentre il 70% di essi lamenta un deficit erettile di entità variabile. Tra i pazienti diabetici la prevalenza della DE risulta di gran lunga più elevata: infatti in tale popolazione, secondo diversi studi, circa il 25-85% degli uomini lamenta un deficit erettile. In particolare in una popolazione italiana di pazienti diabetici, la prevalenza della DE era rispettivamente del 26% nei pazienti affetti da diabete di tipo e del 37% nei diabetici di tipo 2; peraltro la DE sembra presentarsi circa 5-0 anni prima nella popolazione diabetica rispetto alla popolazione generale 3. Disfunzione erettile e coronaropatia Il deficit erettile può essere associato a numerose condizioni patologiche di natura diversa; disfunzioni ormonali, neurologiche, vascolari, malattie neoplastiche, cronico-degenerative e lesioni iatrogene possono con meccanismi differenti causare una DE. Anche difficoltà di ordine psicologico, quali la depressione ed il disturbo erec ectile dysf sfun uncti tion diabe betes Car armin mine e Gazz zzar aruso,, Car arlo lo Maria a Rovelli, Adr drian ana a Cop oppol pola, Cinzi inzia a Vale alenti, ti, Fabrizi zio o Sal alvucc cci, i, Adr drian ana a Garzaniti aniti* Unità Cardio-Metabolica e Centro di Ricerca Clinica Applicata (Ce.R.C.A.) Istituto Clinico Beato Matteo, Gruppo Ospedaliero San Donato, Vigevano (PV) *Centro Antidiabetico, Azienda Ospedaliera della provincia di Pavia Car armin mine e Gazz zzar aruso Via Aselli Pavia Fax

5 Angiografia coronarica tridimensionale A Fonte di Rx B Figura. L orientamento perpendicolare del fascio dei raggi ad un segmento coronarico determina una minima distorsione dell immagine proiettata (A). Se il fascio dei raggi non è perpendicolare al vaso, si verifica un accorciamento dell immagine proiettata, che non rappresenta la vera lunghezza del segmento vasale (B). (Da Green NE et al. 8 ). Fonte di Rx 0% accorciamento 20 mm 20% accorciamento 20 mm Detector Detector 20 mm 6 mm 3D coronary angiography. Therapeutica 2008; 2(): Pharma Project Group srl coron onar ary y s stenosis sis atherom oma plaque angi giogr ography Fabrizi zio o Imol ola, Fran ance cesco co Prati ati Emodinamica e Cardiologia Interventistica, Ospedale San Giovanni Roma Fran ance cesco co Prati ati Emodinamica e Cardiologia Interventistica Ospedale San Giovanni Via dell Amba Aradam, Roma La coronarografia rimane a tutt oggi il gold standard nello studio dell anatomia coronarica. Esistono due modalità per definire l entità di un restringimento coronarico: la prima consiste nella valutazione visiva, una tecnica ovviamente molto diffusa nella pratica clinica per la sua semplicità ed immediatezza, ma resa molto soggettiva dalla scarsa riproducibilità delle misurazioni. La seconda è rappresentata dall angiografia quantitativa (QCA) e consiste nell applicazione di algoritmi per definire in modo automatico le lesioni coronariche ed il risultato delle procedure interventistiche. La QCA si è sviluppata negli anni 80 mediante l applicazione di sistemi digitali ed è stata diffusamente impiegata come strumento per studi di progressione- regressione della malattia coronarica e per valutare i risultati di procedure interventistiche, favorendo la scelta del device e la valutazione dei risultati procedurali. La QCA viene eseguita valutando immagini bi-dimensionali (2-D) che, ovviamente, hanno come limite la sovrapposizione e l accorciamento vasale (figura ). Questo secondo elemento ostacola l interpretazione delle immagini angiografiche poiché non vi è modo di correggere l errore della valutazione quantitativa indotta dall accorciamento. La tecnica di ricostruzione angiografica tri-dimensionale (angio 3-D) permette di descrivere e quantificare in miglior modo l anatomia coronarica, riducendo le limitazioni inerenti la tecnica bidimensionale. Inoltre, l angio 3-D mette in risalto l aspetto curvilineo delle coronarie, offrendone una rappresentazione tridimensionale, che è specifica per ogni paziente -3. L angiografia 3-D si serve di due proiezioni angiografiche ortogonali in formato DICOM dell albero coronario, che vengono trasferite a una work-station per 3

6 Farmaci a bersaglio molecolare nel melanoma Molecular target drugs in melanoma treatment Metastatic melanoma continues to be a difficult disease to treat and it still represents a challenge for oncologists. In fact, response rates with single agent dacarbazine range from 0% to 25% with median survival of 8 months. In the last years much work has been focused on finding novel drugs and exploring different treatment options that could increase the overall survival of these patients. In this paper the results of some clinical trials evaluating target-oriented drugs in melanoma patients are reviewed. Silvestris N, Pezzella G, Numico G, et al. Molecular target drugs in melanoma treatment. Therapeutica 2008; 2():6-65. La dacarbazina rappresenta il farmaco di riferimento nel trattamento dei pazienti affetti da melanoma metastatico consentendo di ottenere percentuali di risposte obiettive (RO) comprese tra il 0% ed il 25% ed una sopravvivenza mediana (OS) di 8 mesi. Nessun vantaggio significativo in termini di OS è stato conseguito con l impiego di nuovi farmaci antiblastici (fotemustina e temozolamide) così come di regimi polichemioterapici. Analogamente, le associazioni di polichemioterapia con citochine (IL-2 ed IFN- ) hanno consentito di ottenere un incremento delle RO e della sopravvivenza libera da progressione (TTP) in assenza di un incremento significativo della OS 2-4. Fortunatamente, negli ultimi anni i progressi compiuti nella comprensione dei meccanismi biomolecolari coinvolti nelle varie fasi della cancerogenesi della cellula melanomatosa hanno permesso lo sviluppo di nuovi farmaci a bersaglio molecolare 5. Inibitori delle proteino chinasi La trasduzione del segnale è il meccanismo attraverso cui avvengono le comunicazioni a livello cellulare. In genere, tale meccanismo ha inizio quando un ligando si lega al suo recettore con conseguente attivazione delle proteine ad esso correlate. I recettori possono avere un attività enzimatica intrinseca od essere associati con proteino chinasi o fattori trascrizionali. L inibizione dell attività chinasica di molti enzimi cellulari determina la riduzione della proliferazione neoplastica in vitro ed in vivo. Le proteino chinasi sono divise in tre classi a seconda del sito di fosforilazione: le tirosino chinasi, le serino/treonino chinasi e le chinasi multifunzionali 6. Due farmaci somministrabili per os (sorafenib ed imatinib) ed un farmaco somministrato per via endovenosa (temsirolimus) sono stati valutati in pazienti affetti da melanoma. Sorafenib (BAY ) Il pathway NRas-Raf-MEK- ERK riveste un ruolo importante nel controllo dei segnali di sviluppo e sopravvivenza cellulare. E stato dimostrato che il melanoma presenta una elevata frequenza di mutazioni di attivazione sia di NRas che di Raf (in particolare di BRaf). Quest ultima è una serina/treonino chinasi responsabile dell attivazione della cascata di MAPK molec olecul ular ar tar arget(s) t(s) anti tican cance cer melan anom oma a treatm eatment Nicol cola a Silvestr tris is, Giu iuseppe pe Pezz ezzell lla 2, Gianm anmaur uro o Numi umico co 3, Fran ance cesca ca Russo 2, Tizi zian ana Lati atian ano 2, Evar aris isto o Maiello llo 4, Giu iuseppe pe Colu olucc cci U. O. di Oncologia Medica e Sperimentale - Istituto Tumori, Bari 2 U. O. di Oncologia Medica - Ospedale Moscati, Taranto 3 U. O. di Oncologia Medica - Ospedale Regionale della Valle d Aosta, Aosta 4 U. O. di Oncologia Medica - Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza, San Giovanni Rotondo Nicol cola a Silvestr tris is Unità Operativa di Oncologia Medica e Sperimentale Istituto Tumori Giovanni Paolo II Via Hahnemann, Bari Fax: E.mail: 6

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx CORSO DI ECOCARDIOGRAFIA di I Livello 23-24-25 Gennaio 2014 Palermo Grand Hotel Piazza Borsa PRIMO GIORNO 23 GENNAIO 2014 8,30 Registrazione dei partecipanti e consegna del materiale didattico ECM Presentazione

Dettagli

valutazione rischio malattie cardiovascolari

valutazione rischio malattie cardiovascolari Giovanni Liguori n DE arteriogenica veno-occlusiva induratio penis plastica n priapismo n alto flusso basso flusso trauma del pene n valutazione rischio malattie cardiovascolari n necessità approfondimento

Dettagli

Pressione Positiva Continua CPAP

Pressione Positiva Continua CPAP FADOI ANIMO Bologna, 17 maggio 2010 La ventilazione non invasiva Pressione Positiva Continua CPAP Dott. G. Bonardi Pneumologia e Fisiopatologia Respiratoria Medicina Generale Az.Ospedaliera Ospedale Civile

Dettagli

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV ADULTS AND CHILDREN ESTIMATED TO BE LIVING WITH HIV/AIDS,

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti

Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti CAD VALVULOPATIA MIOCARDIOPATIA ecocardiografia + +++ ++ SPECT +++ - - MRI ++ + +++

Dettagli

Alterazioni vascolari: nuove metodologie di studio e nuovi farmaci

Alterazioni vascolari: nuove metodologie di studio e nuovi farmaci Alterazioni vascolari: nuove metodologie di studio e nuovi farmaci Lorenzo Ghiadoni, Agostino Virdis, Stefano Taddei Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università di Pisa The Cardiovascular

Dettagli

LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE

LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE Michela Petrizzo, Giuseppe Bellastella, Maurizio Gicchino, Rosanna Orlando, Carmela Mosca,

Dettagli

Avvio progetto sindrome metabolica. Adesione

Avvio progetto sindrome metabolica. Adesione Avvio progetto sindrome metabolica Adesione 1. i medici associati in super rete, super gruppo e CPT sono obbligati ad aderire e NON devono comunicare l'adesione al distretto di competenza; 2. I medici

Dettagli

Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche

Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche L INFORMAZIONE INDIPENDENTE SUL FARMACO: OBIETTIVO STATINE Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche Sassari 26 Gennaio 2008 Dott.ssa Chiara Musio NOTA 13 AIFA La prescrizione a carico

Dettagli

Società Italiana di Diabetologia. SIE - Società Italiana di Endocrinologia. SIMI - Società Italiana di Medicina Interna CON L EGIDA DI AMD

Società Italiana di Diabetologia. SIE - Società Italiana di Endocrinologia. SIMI - Società Italiana di Medicina Interna CON L EGIDA DI AMD COL PATROCINIO DI Comune di Vigevano con il patrocinio dell Amministrazione Comunale Comune di Gambolò Comune di Mortara Comune di Garlasco Ordine dei Medici della Provincia di Pavia Società Italiana di

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE

CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE www.clinicaveterinariagransasso.it www.veterinaryechocardiography.eu TRATTAMENTO DEL DOTTO ARTERIOSO PERVIO (PDA) Patent Ductus Arteriosus

Dettagli

IL DIABETE A MANTOVA. Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova

IL DIABETE A MANTOVA. Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova IL DIABETE A MANTOVA Prof. PierPaolo Vescovi S.C. di Medicina Generale Dott. Stefano Fazion Dott.ssa

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati.

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati. DIABETE E RISCHIO CANCRO: RUOLO DELL INSULINA Secondo recenti studi sono più di 350 milioni, nel mondo, gli individui affetti da diabete, numeri che gli regalano il triste primato di patologia tra le più

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico IL LABORATORIO NELLE URGENZE ED EMERGENZE Roma, 2-3 Ottobre 2009 Riccardo Morgagni Cardiologia Università Tor Vergata Roma Contesto clinico Sindromi Coronariche

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

Materiale del sito http://www.lezionidimedicina.altervista.org/ L ECOCARDIOGRAMMA

Materiale del sito http://www.lezionidimedicina.altervista.org/ L ECOCARDIOGRAMMA L ECOCARDIOGRAMMA E uno strumento che serve a comprendere l anatomia cardiaca ( fisiologica e patologica ) e a dare informazioni sullo stato delle valvole e sulla contrazione ventricolare. PRINCIPI L orecchio

Dettagli

Effetti dell attivita fisica. Dott. Pietro Palermo

Effetti dell attivita fisica. Dott. Pietro Palermo Effetti dell attivita fisica Dott. Pietro Palermo Perché fare attività fisica? Ad ognuno il proprio spazio Fare attività fisica non vuol dire solo evitare di ingrassare! Determinanti della Capacità di

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida Appropriatezza Prescrittiva Statine revisione delle linee guida perchè altre linee guida sulle statine per coniugare nella nostra realtà appropriatezza clinica sostenibilità economica perchè le statine

Dettagli

Le tecnologie: schede tecniche

Le tecnologie: schede tecniche Le tecnologie: schede tecniche Il nuovo reparto di Radioterapia del Polo Oncologico Businco e Microcitemico di Cagliari si configura come un sistema altamente integrato per l implementazione di tecniche

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly?

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Rodolfo Ferrari, Fabrizio Giostra, Giorgio Monti, Mario Cavazza Unità Operativa di Medicina d'urgenza

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

STATINE E RISCHIO DI DIABETE

STATINE E RISCHIO DI DIABETE STATINE E RISCHIO DI DIABETE Gli inibitori della 3-idrossi-3-metilglutaril coenzima A (HMG-CoA) reduttasi, noti come statine, hanno rivoluzionato il trattamento della ipercolesterolemia e la prevenzione

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Cuneo 8-9 ottobre 2004 La Sindrome Metabolica: una sfida per l area endocrino-metabolica Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Luca Monge SOC MM e Diabetologia AO CTO-CRF-ICORMA Torino 1. Contratto

Dettagli

IO SCELGO DI AGIRE Dott. Giuseppe Del Prete Dott.ssa Romina Giordano Dott.ssa Elisa Langone

IO SCELGO DI AGIRE Dott. Giuseppe Del Prete Dott.ssa Romina Giordano Dott.ssa Elisa Langone IO SCELGO DI AGIRE Capire come funziona il cuore e come posso proteggermi dalla malattia. INDICE 1. IL CUORE p. 3 2. LA PRESSIONE ARTERIOSA p. 4 3. LE MALATTE CARDIOVASCOLARI p. 5 4. I FATTORI DI RISCHIO

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO 100 uomo donna ANNI ANNI DI DI VITA VITA MEDIA MEDIA PREVISTI PREVISTI ALLA ALLA NASCITA NASCITA 80 60 40 DIFFUSIONE USO PENICILLINA VACCINAZIONE ANTIPOLIO

Dettagli

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

Terapia target Nel melanoma maligno avanzato

Terapia target Nel melanoma maligno avanzato Terapia target Nel melanoma maligno avanzato La gestione del melanoma alla luce delle nuove evidenze Torino 07/11/2014 FABRIZIO CARNEVALE SCHIANCA DIVISIONE DI ONCOLOGIA MEDICA FPO IRCCS CANDIOLO. Outline

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

L ecocardiografia nel Policlinico di Bari: oggi è possibile guardare nel cuore anche in tre dimensioni

L ecocardiografia nel Policlinico di Bari: oggi è possibile guardare nel cuore anche in tre dimensioni ASSISTENZA L ecocardiografia nel Policlinico di Bari: oggi è possibile guardare nel cuore anche in tre dimensioni Paolo Colonna, Ennio Michelotto, Margherita Sorino, Vittoria Ostuni, Maria Ida Pansini,

Dettagli

Una scossa al cuore!

Una scossa al cuore! Una scossa al cuore! Aritmie ad alto rischio: il punto di vista del cardiologo intensivista. Cosa è cambiato in Utic. Dott. Antonio Anastasia Aiuto cardiologo Utic Casa di cura Villa Verde Utic Unità

Dettagli

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M.

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. Nizzoli RUOLO DEL COMPENSO GLICEMICO The Diabetes control and complications

Dettagli

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare?

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? L Orizzonte di Lorenzo Nostro figlio ha un problema al cuore. Che fare? Bergamo 3/10/2010 Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? A. Borghi

Dettagli

OSPEDALIZZAZIONE PER COMPLICANZE A BREVE E LUNGO TERMINE IN PAZIENTI DIABETICI

OSPEDALIZZAZIONE PER COMPLICANZE A BREVE E LUNGO TERMINE IN PAZIENTI DIABETICI OSPEDALIZZAZIONE PER COMPLICANZE A BREVE E LUNGO TERMINE IN PAZIENTI DIABETICI Razionale Il diabete mellito è uno dei maggiori problemi sanitari dei paesi economicamente evoluti e la cui prevalenza è in

Dettagli

BATTERI ORALI E MALATTIE SISTEMICHE

BATTERI ORALI E MALATTIE SISTEMICHE SANIT 2008 V Forum internazionale della salute INTERVENTI DI PREVENZIONE ORALE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE Roma, 23 giugno 2008 Daniela Carmagnola & Clinica Odontoiatrica Dip.. di Medicina, Chirurgia

Dettagli

Studio nazionale multicentrico di fase III, randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli

Studio nazionale multicentrico di fase III, randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli SINOSSI DELLO STUDIO DYDA 2 TRIAL Effects of the dipeptidyl peptidase-4 (DPP-4) inhibitor linagliptin on left ventricular myocardial DYsfunction in patients with type 2 DiAbetes mellitus and concentric

Dettagli

Progetto di buona pratica clinica (clinical governance)

Progetto di buona pratica clinica (clinical governance) Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Messina SIMG Società Italiana di Medicina Generale Progetto di buona pratica clinica (clinical governance) La formazione di qualità per migliorare

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo VENDEMIALE GIANLUIGI VIA ELIA DEL RE, 4/D 70125 BARI Telefono 0805019031 Fax 0882410255 E-mail

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO Documento redatto da: Dott.ssa T.Venesio, Dr.ssa A. Balsamo - Laboratorio di Patologia

Dettagli

10. Prevenzione terziaria e terapia dell iperlipidemia nel diabete

10. Prevenzione terziaria e terapia dell iperlipidemia nel diabete 149 10. Prevenzione terziaria e terapia dell iperlipidemia nel diabete La WHO ha definito la qualità della cura e della vita dei diabetici a rischio. La Dichiarazione di St. Vincent del 1989 e quella KOS

Dettagli

crosio.pizzorni@asl3.liguria.it

crosio.pizzorni@asl3.liguria.it C U R R I C U L U M V I T A E DOTT. CROSIO MANLIO PIZZORNI INFORMAZIONI PERSONALI Nome PIZZORNI CROSIO MANLIO Indirizzo Telefono 010 315191 Cell. 328 0473249 E-mail VIA TRENTO 5 /15, 16145 Genova crosio.pizzorni@asl3.liguria.it

Dettagli

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Lega Friulana per il Cuore COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Lega Friulana per il Cuore IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

ONCOLOGIA 2013/2014 I ANNO

ONCOLOGIA 2013/2014 I ANNO ONCOLOGIA 201/2014 I ANNO Corsi Integrati Moduli Tipologia Ambito SSD Docenti CFU CFU C.I. C.I. Genetica Medica Meccanismi genetici nello svilupppo delle neoplasie Diagnostico MED/0 D'alessandro E. C.I.

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA LE TECNOLOGIE PIU AVANZATE: TDI PULSATO E COLORE 2D SPECKLE TRACKING 3D

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA LE TECNOLOGIE PIU AVANZATE: TDI PULSATO E COLORE 2D SPECKLE TRACKING 3D AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA U.O. Ambulatori Cardiologici Specialistici di Screening e Pre-ospedalizzazione LE TECNOLOGIE PIU AVANZATE: TDI PULSATO E COLORE 2D SPECKLE TRACKING 3D Federica Sambugaro DOPPLER

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Dipartimento di Medicina Interna e Specialistica (DI.BI.MI.S.) Università degli Studi di Palermo Popolazione Italiana 1950-2020: Giovani ed Anziani

Dettagli

FIGURE MEDICHE Oncologi e Pneumologi

FIGURE MEDICHE Oncologi e Pneumologi FIGURE MEDICHE I Pazienti si trovano a doversi confrontare con diverse figure mediche e a dover contattare diverse strutture. Poiché tale patologia deve essere affrontata con un approccio multidisciplinare,

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Giovanni Capelli. Dipartimento di Scienze Umane, Sociali e della Salute Università di Cassino e del Lazio Meridionale

Giovanni Capelli. Dipartimento di Scienze Umane, Sociali e della Salute Università di Cassino e del Lazio Meridionale Giovanni Capelli Dipartimento di Scienze Umane, Sociali e della Salute Università di Cassino e del Lazio Meridionale Due fenomeni convergenti Evoluzione socio-demografica Aumento proporzione di popolazione

Dettagli

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450 Morte naturale, preceduta da improvvisa perdita della conoscenza, che si verifica entro un ora dall inizio dei sintomi, in soggetti con o senza cardiopatia nota preesistente, ma in cui l epoca e la modalità

Dettagli

Adriana Olivares Allegato 2: Elenco di Partecipazioni a Corsi e Congressi

Adriana Olivares Allegato 2: Elenco di Partecipazioni a Corsi e Congressi Pagina 1 di 5 Anni 1989-2000 1. AITELAB - Convegno di Studio per Tecnici di Laboratorio Biomedico: "Il ruolo del Laboratorio nella Prevenzione e nel Monitoraggio". Brescia, 17-19 Maggio 1989. 2. Corso

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - Struttura Complessa di Cardiologia

Dirigente ASL I fascia - Struttura Complessa di Cardiologia INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 31/01/1977 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Lassandro Pepe Leonardo I Fascia ASL DI TARANTO - TA Dirigente ASL I fascia

Dettagli

18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1

18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1 Tiratura 08/2015: 443.177 Diffusione 08/2015: 285.582 Lettori Ed. II 2015: 2.095.000 Settimanale - Ed. nazionale Dir. Resp.: Umberto Brindani 18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1 Tiratura: n.d. Diffusione 12/2012:

Dettagli

Appropriatezza nella prescrizione di esami di diagnostica per immagini. 19 settembre 2013 IL PUNTO DI VISTA DELLO SPECIALISTA OSPEDALIERO

Appropriatezza nella prescrizione di esami di diagnostica per immagini. 19 settembre 2013 IL PUNTO DI VISTA DELLO SPECIALISTA OSPEDALIERO Appropriatezza nella prescrizione di esami di diagnostica per immagini 19 settembre 2013 IL PUNTO DI VISTA DELLO SPECIALISTA OSPEDALIERO S.C Oncologia Medica DIPO XVI - Lecco Appropriatezza Appropriato:

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Master per data manager. Epidemiologia dei tumori. Screening in oncologia

Università del Piemonte Orientale. Master per data manager. Epidemiologia dei tumori. Screening in oncologia Università del Piemonte Orientale Master per data manager Epidemiologia dei tumori Screening in oncologia Epidemiologia Che cos è l epidemiologia Metodi e strumenti La descrizione epidemiologica di una

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE Sala Farnese Palazzo d Accursio Bologna, 16 Giugno 2012 Gianfranco Tortorici U.O. Cardiologia Ospedale Maggiore, Bologna MORTALITA IN ITALIA (ISTAT) 2% 3% 5% 5% 9%

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

Sindrome metabolica e terapie antitumorali

Sindrome metabolica e terapie antitumorali Sindrome metabolica e terapie antitumorali SCDU Endocrinologia Oncologica AO Città della Salute e della Scienza di Torino Molinette - COES Sopravvivenza complessiva a 5 anni tutti i tumori, pazienti adulti:

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano Timing e outcome della gravidanza dopo carcinoma Inquadramento ed Entità

Dettagli

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON LE AUTORITÀ REGOLATORIE EUROPEE E L'AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) Marzo 2011 Restrizione dell indicazione terapeutica della specialità medicinale ZERIT

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario

Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Dipartimento di Medicina di Laboratorio AOU Citta della

Dettagli

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Agenzia Sanitaria Regionale Area Rischio infettivo Unità Gestione Rischio e Sicurezza Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Pietro Ragni Reggio Emilia,

Dettagli

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk Cardiomiopatia Ipertrofica Malattia miocardica primitiva Geneticamente determinata Ampio spettro di presentazione morfologica, fisiopatologica, i i molecolare l Prevalenza 1/500 della popolazione generale

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

DIABETE diabete tipo 1 (DM1)

DIABETE diabete tipo 1 (DM1) DIABETE In questo ambito le attività di ricerca attualmente in corso nel Dipartimento sono finalizzate allo studio dei meccanismi eziopatogenetici alla base della malattia diabetica che rappresenta sempre

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: che cosa e? Il tuo medico ti ha detto che sei ammalato di scompenso cardiaco.... Ma che

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG?

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? II Giornata Cardiologica del Tigullio Santa Margherita Ligure 12 febbraio 2011 SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? Dott. Sandro Orlandi _ S.S.D.

Dettagli

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni Insufficienza renale e diabete Molte informazioni Maurizio Gallieni U.O. Nefrologia e Dialisi A.O. Ospedale San Carlo Borromeo, Milano Medscape 21/9/2012 ASN September 2012 examine the relationship of

Dettagli

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 dott. ssa Aurora Ferrari la ricerca 9 ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 La Società Americana per l Oncologia Clinica (ASCO) ha reso noto il rapporto annuale, giunto ormai alla sua ottava edizione,

Dettagli

Ritaglio stampa ad uso esclusivo del destinatario, non riproducibile.

Ritaglio stampa ad uso esclusivo del destinatario, non riproducibile. Quotidiano 6 1 Quotidiano 18 1 Quotidiano 26 1 / 2 Quotidiano 26 1 Settimanale 63 1 Quotidiano 3 1 / 2 Quotidiano 3 2 / 2 Stati Generali della Salute. Pani (Aifa): Il modello di approvazione dei farmaci

Dettagli

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO: Definizione quadro caratterizzato da persistente ostruzione al flusso aereo la riduzione del flusso è di solito

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli