Allegato B. Capitolato Speciale d Appalto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato B. Capitolato Speciale d Appalto"

Transcript

1 Allegato B Capitolato Speciale d Appalto Affidamento del servizio di gestione manutentiva degli ausili terapeutici per disabili dati in uso agli assistiti dell Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria Pag. 1 di 24

2 Art 1. Premessa Il presente Capitolato Speciale d Appalto definisce le modalità di affidamento del servizio di gestione manutentiva degli ausili terapeutici per disabili dati in uso agli assistiti dell Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria (di seguito ASP). Art 2. Oggetto dell Appalto Oggetto dell appalto è la gestione manutentiva e la logistica distributiva degli ausili terapeutici per disabili (elenco 2-3 del D.M. 332/99), di proprietà dell ASP. Il servizio deve comprendere gli aspetti logistici, tecnico attuativi, organizzativi, e di gestione informatica come descritti nel presente capitolato ed include, altresì, il ritiro degli ausili terapeutici presso il luogo di utilizzo nonché la consegna degli stessi al domicilio dei pazienti. In merito, si richiama l art. 4, comma 12, del Nomenclatore Tariffario, di seguito N.T. di cui al D.M. n.332/1999, che sancisce l obbligo dell Azienda Sanitaria cedente di garantire agli assistiti la perfetta funzionalità e sicurezza dei dispositivi protesici ceduti agli stessi secondo la normativa vigente, a titolo di comodato, in caso di riutilizzo dei medesimi. All Annesso(allegato) 1 si riportano gli ausili e relativi aggiuntivi oggetto del presente contratto, previsti dal D.M n. 332, elenco 2-3. All Annesso(allegato)2 si riporta la suddivisione dei costi a base d asta relativi alle attività per gli ausili presenti. L ambito territoriale dell ASP comprende i seguenti comuni/distretti: Distretto Reggio Calabria 1 Reggio Calabria 2 Tirrenica Locride Reggio Calabria Reggio Calabria Palmi Siderno Comuni Al fine della formulazione di un offerta equa e remunerativa, le Ditte partecipanti dovranno considerare a tutti gli effetti l ampiezza geografica, le caratteristiche territoriali e l ubicazione dei luoghi ove dovrà avvenire la consegna ed il ritiro degli ausili, al fine di tenere conto nella previsione dello svolgimento del servizio e per procedere alla perfetta esecuzione dello stesso. Art 3. Durata ed ammontare dell appalto La durata contrattuale è fissata in mesi 60 (sessanta). E facoltà dell ASP prorogare il contratto per ulteriori 180 gg, alle stesse condizioni contrattuali, previo avviso al fornitore il quale sarà tenuto a continuare ad erogare il servizio senza interruzioni di sorta. L'importo complessivo posto a base d asta per l intero quinquennio è pari a ,00 IVA esclusa. I costi relativi agli oneri per la sicurezza da interferenze sono pari a 5.000,00 L offerta totale non dovrà superare l importo posto a base d asta. L offerta dovrà riportare il costo unitario offerto per la singola attività relativa agli ausili di cui all Annesso Pag. 2 di 24

3 (allegato) 2. Tali importi unitari non potranno superare gli importi singoli a base d asta. In assenza di un elenco puntuale e definitivo degli ausili per disabili in uso agli utenti dell ASP, al termine del 1 anno di servizio, qualora i dati inventariali si discostino del 20% rispetto a quanto posto a gara, si procederà alla rivalutazione degli importi delle singole attività. Ai sensi dell art. 57 comma 5 lettera a.2, la rinegoziazione degli importi non può comunque superare il 50% dell importo del contratto iniziale. Sulla base di questi elementi, degli effettivi volumi e tipologie di ausili, verrà fissato l importo per il 2 anno di attività. Art 4. Riferimenti quantitativi Il presente appalto comprende l erogazione del servizio di gestione manutentiva e di logistica degli ausili terapeutici concessi in uso ai pazienti, stimato in circa 2500 unità ed un numero di movimentazioni (ritiro e consegna) stimato di circa 1800, come individuato nell Allegato 2. L ASP si riserva la facoltà di non esaurire detto fabbisogno ovvero superarlo, in relazione alle effettive esigenze assistenziali e terapeutiche. La Ditta aggiudicataria sarà tenuta ad assicurare il servizio oggetto del presente capitolato anche per gli ulteriori pazienti che saranno individuati secondo le specifiche esigenze terapeutiche, obbligandosi, pertanto, a garantire il servizio, alle condizioni economiche offerte in sede di gara, nelle effettive quantità (anche diverse dal previsto) che dovessero occorrere. Art 5. Caratteristiche generali del servizio Il servizio deve comprendere gli aspetti logistici, tecnico attuativi, organizzativi e di gestione informatica con riferimento agli ausili terapeutici (elenco 2-3 del D.M. 332/99),come di seguito specificato. AUSILI USATI con relativi aggiuntivi ritiro presso il domicilio del paziente; immatricolazione; revisione prima del riutilizzo, che comprende: o pulizia o igienizzazione o manutenzione o riparazione stoccaggio nel deposito; inserimento a software dei dati del dispositivo; consegna, a seguito di nuova assegnazione, montaggio, adeguamento e istruzione all uso. La revisione dell ausilio dovrà esser effettuata in modo tale che il bene risulti in possesso di tutti i necessari requisiti di efficienza funzionale e di aspetto, con caratteristiche paragonabili al nuovo, a seguito dell accettazione da parte del personale incaricato dall ASP di un preventivo riportante importi e descrizione dei lavori necessari. La ditta aggiudicataria dovrà inoltre provvedere allo svolgimento delle attività attinenti l oggetto della presente gara di appalto, anche se non esplicitamente descritte nel presente capitolato e relativi allegati, se necessarie a garantire la regolare esecuzione del servizio. Pag. 3 di 24

4 Art 6. Avvio del servizio L avvio del servizio deve essere comprensivo di tutte le operazioni di recupero, immatricolazione, valorizzazione ed immagazzinamento c/o il deposito di tutti gli ausili oggetto del presente capitolato, attivazione del sistema informatizzato e avvio della relativa attività di consegna e ritiro in base agli ordinativi ricevuti. Pertanto la ditta aggiudicataria del servizio dovrà provvedere: al recupero degli ausili presso locali di deposito dell ASP o presso il domicilio dei pazienti; al ripristino igienico e manutentivo degli stessi; all immissione e conservazione degli ausili presso il deposito individuato, curato e gestito dall appaltatore, rendendoli disponibili agli uffici ASP per le conseguenti verifiche e riassegnazioni; alla gestione di tutti gli aspetti organizzativi e tecnici necessari ad erogare i servizi richiesti, compresi spazi di immagazzinamento, strutture per la sanificazione, ripristino e manutenzione tecnica, sistemi di conservazione, trasporto, ecc; alla gestione informatizzata degli ausili, in rete con le strutture preposte dell ASP, nel rispetto dei sistemi di classificazione e immatricolazione dati dall ASP, rendendo disponibili con la tempestività e la continuità necessarie le relative informazioni ai competenti uffici ASP; agli eventuali servizi correlati alla consegna degli ausili al domicilio del paziente (adeguamento, montaggio, istruzione/addestramento del personale di assistenza o del paziente stesso); a effettuare sostituzioni, integrazioni e/o montaggi di parti e/o aggiuntivi adattabili anche attraverso il recupero da ausili resisi disponibili nell attività di riciclo, alle medesime condizioni economiche contrattualmente previste. Art. 6.1 Rilevazione iniziale e creazione deposito La rilevazione iniziale e la presa in carico degli ausili saranno svolte dalla ditta aggiudicataria in accordo con gli incaricati delegati dell ASP. L attività di presa in carico iniziale degli ausili dovrà prevedere il recupero degli ausili ed il trasferimento degli stessi presso il deposito che la ditta aggiudicataria metterà a disposizione per la conduzione del servizio in oggetto. La ditta aggiudicataria dovrà censire tutti gli ausili presi in carico inserendoli nel proprio data base del software applicativo che dovrà essere condiviso con l ASP per le attività di competenza. Il software applicativo fornito dalla ditta dovrà permettere agli operatori distrettuali e agli operatori dei servizi centrali della ASP di verificare, in tempo reale, la disponibilità dell ausilio accedendo al deposito degli ausili ricondizionati. La ditta aggiudicataria sarà responsabile di tutti i beni presi in carico, direttamente rispondendone, sia per le operazioni di trasferimento dell ausilio sia per lo stoccaggio e la buona conservazione. Sarà cura della ditta aggiudicataria proteggere gli ausili a deposito anche dalla polvere e dagli altri agenti atmosferici che possono alterare lo stato di utilizzo del bene impiegando idonee coperture. La ditta aggiudicataria dovrà immagazzinare gli ausili recuperati in spazi adeguati, e dovrà istituire un magazzino ubicato all interno dell ambito territoriale della provincia di Reggio Calabria, al fine di consentire e rendere agevoli i controlli di cui al successivo art. 10 del presente Capitolato. Pag. 4 di 24

5 Per il recupero degli ausili verrà riconosciuto un importo forfettario, omnicomprensivo (recupero, più eventuale sanificazione, più trasporto e aggiornamento banche dati informatiche) pari ad 25,00 oltre IVA al pezzo. Art 7. Svolgimento del servizio La Ditta aggiudicataria dovrà garantire le attività di svolgimento del servizio oggetto del presente capitolato, nei modi e nei tempi di seguito descritti. Art. 7.1 Orario del servizio L orario previsto per l esecuzione del servizio è il seguente: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8.30 alle ore Non sono ammesse variazioni dell orario di servizio, se non preventivamente concordate. Art. 7.2 Immatricolazione Tutti gli ausili stoccati a magazzino devono possedere un proprio numero identificativo al fine di consentire una gestione informatizzata del prodotto e seguirne la tracciabilità. La Ditta aggiudicataria deve provvedere all applicazione del numero di matricola su ogni dispositivo transitante nel magazzino, secondo indicazioni dell ASP appaltatrice, in modo tale che risulti inamovibile anche a seguito dei processi di sanificazione. Art. 7.3 Attività di ritiro e consegna Gli interventi di consegna e di ritiro degli ausili al domicilio del paziente saranno disposti dai responsabili dei competenti uffici ASP impiegando l applicativo informatizzato reso disponibile dalla ditta aggiudicataria. La Ditta aggiudicataria dovrà provvedere alle attività di consegna e ritiro degli ausili al domicilio del paziente con idonei mezzi di trasporto, alcuni dei quali dotati di pedana elevatrice per la consegna o ritiro degli ausili ingombranti e pesanti (carrozzine elettriche, montascale, letti elettrici ecc.). Nel trasporto deve essere garantita la separazione tra ausili sporchi ed ausili igienizzati. Art. 7.3.a Ritiro In regime ordinario, il ritiro degli ausili avverrà presso il domicilio del paziente secondo le indicazioni dei Responsabili dei rispettivi servizi distrettuali. La ditta aggiudicataria dovrà provvedere al ritiro degli ausili dal domicilio del paziente su richiesta dell ufficio ASP che compilerà la specifica richiesta ritiro evidenziando i dati anagrafici dell assistito, tipologia e caratteristiche tecniche degli ausili da ritirare. La Ditta aggiudicataria, al momento del ritiro del presidio, è tenuta a compilare una scheda di ritiro, contenente i succitati dati forniti dall ASP, riportando: la data di ritiro, il numero di matricola, la descrizione del presidio con i relativi codici ISO e del N.T., la specifica di eventuali manomissioni/danneggiamenti o mancanza di aggiuntivi, nonché nominativo e firma della persona/familiare che assiste al ritiro. La scheda suddetta deve essere memorizzata su SW dedicato nei termini previsti per il ritiro ed essere disponibile per la ASP in formato elettronico. L avvenuto ritiro deve essere registrato nel SW dedicato. Pag. 5 di 24

6 La Ditta dovrà concordare con l utente il giorno e la fascia oraria utile al ritiro dello stesso. Qualora la Ditta, nell effettuare il ritiro dell ausilio presso il domicilio del paziente, rilevasse che l attrezzatura data in dotazione sia stata utilizzata in modo scorretto, non sia disponibile o manchi di componenti assegnati, la stessa dovrà darne immediata comunicazione, tramite ai competenti Uffici ASP. Tale segnalazione dovrà essere registrata dalla Ditta aggiudicataria sul software dedicato. Il mancato ritiro per indisponibilità dei dispositivi al domicilio dell assistito deve essere registrato anche su tutte le copie del DDT che va controfirmato (con firma leggibile) dal paziente/referente. In tal caso la ditta provvederà a fatturare il costo come da offerta, del solo ritiro. Art. 7.3.b Consegna, montaggio, adeguamento ed istruzioni all uso Gli ausili saranno consegnati sotto la cura e responsabilità della ditta aggiudicataria da personale opportunamente formato e qualificato sul quale l ASP può, se ritenuto necessario, effettuare verifiche sulle competenze. La consegna all assistito dell ausilio richiesto, ricondizionato nei modi previsti, funzionalmente efficiente, in perfette condizioni igieniche e di aspetto, adeguato all esigenze del paziente, dovrà avvenire tempestivamente. Laddove vi è la necessità di consegnare presso lo stesso domicilio più ausili, e non tutti gli ausili prescritti sono disponibili a magazzino, l ufficio ASP avrà la facoltà di mettere in stand-by, per sette giorni, la richiesta informatizzata in attesa di completare l ordinativo. All atto della consegna la ditta aggiudicataria deve: istruire il paziente o suo familiare sull uso degli ausili consegnati, sulle procedure di pulizia e di ordinarie manutenzioni da eseguirsi a cura dell utilizzatore e consegnare il libretto di istruzioni in lingua italiana; compilare la documentazione di trasporto (DDT), in tutte le sue parti, nella quale devono essere riportati: la data, la firma leggibile e il numero di documento identificativo del ricevente/consegnatario del bene e segnalazione di rapporto/grado di parentela con l intestatario; far compilare all assistito un modulo di consegna sottoscritto da entrambe le parti. Una copia dello stesso deve rimanere in possesso dell assistito; La ditta aggiudicataria dovrà inoltre accertare che i locali siano idonei per l utilizzo degli ausili prescritti, segnalando gli eventuali problemi, i quali devono essere comunicati entro 1 giorno lavorativo dalla rilevazione ai competenti uffici ASP, attraverso verbale scritto, inserito nel software dedicato e mantenuto agli atti dalla ditta stessa; La ditta aggiudicataria deve consegnare i dispositivi usati, manutenuti e igienizzati, corredati dalla relativa scheda tecnica al domicilio dell assistito. L ausilio deve venire consegnato, montato e regolato da personale qualificato in base alle caratteristiche antropometriche e alle necessità del paziente; Qualora il paziente rifiuti la consegna dell ausilio per motivazioni soggettive che non prevedono la responsabilità della ditta, la stessa provvederà a fatturare il costo come da offerta, della sola consegna, fornendo le motivazioni tramite verbale scritto, firmato dall assistito o suo delegato ed inserito nel software dedicato. Pag. 6 di 24

7 Art. 7.4 Pulizia e igienizzazione La pulizia dei presidi deve essere effettuata a fondo, con detergenti e disinfettanti adeguati alla tipologia e qualità del materiale, i quali non devono avere effetti corrosivi e/o irritanti. Nel corso del trattamento devono essere rimosse tutte le parti mobili (braccioli, pedane, imbottiture, comprese le parti accessorie tipo cinghie, bretellaggi e imbracature varie). Tutti i prodotti chimici impiegati devono essere rispondenti alle normative vigenti in Italia. In caso di danni al presidio, causati dall utilizzo improprio di prodotti di igiene e di pulizia, l ASP si riserva la facoltà di richiedere alla ditta aggiudicataria la sostituzione della parte danneggiata, con onere a carico della stessa. In caso di rifiuto o di mancato adempimento entro il termine di 10 giorni lavorativi dalla richiesta, sarà detratta dalla fattura emessa dalla Ditta la spesa sostenuta dall ASP per la riparazione del danno presso terzi. Il presidio igienizzato deve essere adeguatamente imballato in telo protettivo. Art. 7.5 Manutenzione ordinaria Rientrano nella manutenzione ordinaria, a carico della ditta aggiudicataria, tutte le prestazioni descritte nel presente Capitolato, non espressamente qualificate come manutenzione straordinaria. Tutte le operazioni di manutenzione ordinaria effettuata sugli ausili ricondizionati, devono essere registrate nel software dedicato e devono contenere la specifica se trattasi di sostituzione con parti di ricambio nuove o con parti di riciclo di materiale dismesso, nonché il nominativo dell operatore che ha effettuato la manutenzione. Ogni attività di manutenzione ordinaria svolta sull ausilio deve essere registrata a sw, visibile dalla ASP in tempo reale e rendicontabile in qualsiasi momento. A titolo esemplificativo, costituiscono manutenzione ordinaria, le seguenti voci: revisione, pulizia, igienizzazione e lubrificazione di tutte le parti mobili, tramite smontaggio e rimontaggio (freni e pedane compresi, manovelle dei letti, leve oleodinamiche dei sollevatori, ecc.), compresa l effettuazione di saldature di elementi non strutturali; reintegrazione di eventuali componenti mancanti al momento del ritiro (ad es.: imbracatura sollevamalati, fodere cuscini, etc); verifica dello stato delle gomme, gonfiaggio e/o eventuale sostituzione delle camere d aria, copertoni, sedile, schienale, etc; sostituzione delle parti elementari come gommini, viti, copri perni etc. e controllo dei cuscinetti; verifica ed eventuale sostituzione dei comandi elettrici degli ausili (carrozzine elettroniche, montascale mobile, sollevamalati, etc) e relativi spinotti di collegamento, batteria e caricabatteria; ogni ulteriore intervento necessario per assicurare la perfetta funzionalità e sicurezza (art. 4, comma 12 e 13, DM 332/99). Tutti gli ausili con movimentazione a batteria devono essere periodicamente controllati e ricaricati onde evitare il danneggiamento degli accumulatori di corrente. Al fine di consentire l attività di vigilanza periodica, tutte le attività previste dal presente articolo dovranno esser svolte presso il magazzino adibito per il servizio. Nel caso in cui il costo necessario per il ripristino del bene, sia che si tratti del bene principale che di Pag. 7 di 24

8 aggiuntivo, superi il 70% del valore di acquisto, il completamento dell intervento dovrà essere valutato in contradditorio con il personale incaricato della ASP al fine di valutare la convenienza del ripristino. Art. 7.6 Irreparabilità del bene L eventuale irreparabilità del bene sarà rilevata dalla ditta aggiudicataria e subordinata al parere del funzionario delegato ASP. In caso di irreparabilità la Ditta aggiudicataria deve provvedere a stilare apposito elenco, contenente il numero di matricola del dispositivo, codice ISO, descrizione dell ausilio, presenza marchio CE, in file excel da inoltrare agli uffici competenti della ASP. La stessa provvederà ai relativi adempimenti di natura inventariale. Alla ditta aggiudicataria l onere e la cura di provvedere allo smaltimento del materiale di risulta con le modalità di legge. In caso di mancato accordo sulla sussistenza delle condizioni di irreparabilità dell ausilio, sarà facoltà dell ASP fare valutare ed eseguire, a proprie spese e presso terzi, le riparazioni necessarie al ripristino dell ausilio. I costi sostenuti per la riparazione saranno successivamente addebitati alla ditta aggiudicataria. In questo caso, l ausilio così ripristinato, sarà immesso nel magazzino della ditta aggiudicataria e iscritto nel sistema di gestione informatizzata, a disposizione per le usuali attività di riciclo. Art. 7.7 Manutenzione straordinaria Gli interventi di manutenzione straordinaria consistono in quegli interventi non riconducibili alle attività descritte ai precedenti Art. ma eseguiti al fine di apportare una miglioria funzionale o di sicurezza degli ausili e/o delle apparecchiature tramite integrazioni e/o aggiunte alle configurazioni originarie delle stesse. Nell ambito dei suddetti interventi sono compresi: gli adeguamenti dell ausilio secondo le caratteristiche antropometriche del paziente e, se necessario, secondo le indicazioni dello specialista, segnalate attraverso l ordine di consegna le migliorie funzionali suggerite dalle Ditte produttrici. Rientrano nella manutenzione straordinaria anche gli interventi di manutenzione in cui il costo necessario per il ripristino del bene, sia che si tratti del bene principale che di aggiuntivo, superi il 70% del valore di acquisto e per i quali il personale incaricato della ASP ne abbia valutato la convenienza. Tali attività di manutenzione straordinaria possono essere effettuate solo se espressamente richieste dalla ASP e previa autorizzazione del referente ASP sulla base di specifico e dettagliato preventivo e in ragione di opportunità e convenienza economica al ricondizionamento. Rientrano nella manutenzione straordinaria dei letti anche le riparazioni a mezzo saldatura di parti non strutturali, da definire con i referenti ASP in fase di contradditorio preliminare alla dismissione dell ausilio. Ogni attività di manutenzione straordinaria, svolta sull ausilio, deve essere registrata a sw, visibile dalla ASP in tempo reale e rendicontabile in qualsiasi momento. Art 8. Informatizzazione La Ditta aggiudicataria deve fornire un applicativo in grado di tracciare l ausilio, elencare la disponibilità dei beni, con visualizzazione tramite foto dello specifico ausilio, indicazione delle dimensioni e caratteristiche Pag. 8 di 24

9 tecniche, la quantità, la qualità, la tipologia degli ausili presenti, i relativi costi e la dotazione di ogni singolo paziente, nonché le informazioni circa i dispositivi consegnati, ritirati ed in manutenzione, compresi tutti i riferimenti relativi alle assegnazioni di ciascun ausilio. Pertanto, per ciascun ausilio deve essere riportata ogni attività svolta dall operatore della Ditta aggiudicataria comprese le comunicazioni intercorse tra Ditta, assistito ed ASP. Ciascun ausilio dovrà mantenere visibile tutto lo storico riguardante le diverse assegnazioni ai pazienti, le manutenzioni ordinarie e straordinarie; il numero di matricola dovrà rimanere invariato per tutta la vita del dispositivo. L applicativo fornito dalla ditta dovrà permettere agli operatori distrettuali e agli operatori dei servizi centrali della ASP di verificare, in tempo reale, la disponibilità dell ausilio accedendo al deposito degli ausili ricondizionati. Dovrà essere, altresì, prevista all interno del software una sezione dedicata agli eventuali reclami/encomi, dove la Ditta aggiudicataria inserirà tali segnalazioni e relative controdeduzioni riportando la soluzione adottata, nei termini previsti dalle procedure della ASP. Il software dovrà, altresì, consentire in tempo reale le rendicontazioni necessarie che verranno concordate con l ASP. Tali rendicontazioni dovranno essere esportabili in formato excel. Nel software devono essere visibili i documenti di trasporto (DDT) relativo ai ritiri e alle consegne degli ausili, stampati dal medesimo sistema informatizzato, redatti in modo chiaro ed inequivocabile, firmati dal consegnante e dal ricevente. Nel software devono essere altresì visibili i moduli Informativa relativa alla fornitura di ausili datati e firmati sia dall assistito/suo delegato che dall operatore addetto alla consegna, attestanti: la buona condizione igienica dell ausilio; il buon funzionamento dell ausilio; di aver ricevuto il manuale d uso; di aver ricevuto istruzioni in merito all utilizzo dell ausilio da parte dell operatore addetto alla consegna; di avere l ausilio in comodato d uso gratuito da parte della ASP di Reggio Calabria e pertanto in caso di mancato utilizzo lo stesso dovrà essere restituito contattando il Distretto di appartenenza; il consenso al trattamento dei dati. Il DDT e l informativa relativa alla fornitura di ausili devono essere inseriti a software. Si precisa infine che il Software fornito dalla Ditta dovrà possedere le caratteristiche necessarie per interfacciarsi con eventuali ulteriori sistemi di gestione impiegati dall ASP nella gestione degli ausili. Art 9. Personale Dovrà essere utilizzato personale che osservi diligentemente le norme e le disposizioni dell Amministrazione. Per quanto concerne il personale dedicato al contatto con l utenza, sia telefonico che di accesso al domicilio, dovrà essere in possesso di adeguate attitudini, formazione e addestramento per il compito assegnato. Più in generale, per le diverse attività previste, il personale deve essere idoneo al lavoro ed in possesso di un adeguato livello di professionalità, certificato, ove richiesto, dai titoli di studio e qualifiche professionali conformi alle normative vigenti. Pag. 9 di 24

10 La ASP si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di chiedere la sostituzione di un o più operatori qualora ritenuti non adeguati al ruolo e all attività svolta. Il personale dell Impresa aggiudicataria dovrà essere munito di tesserino di riconoscimento con foto. Al personale addetto alle comunicazioni telefoniche con l utenza è fatto obbligo declinare alla stessa le proprie generalità ivi compreso il nominativo. Tutti gli interventi riferiti ai servizi oggetto del presente appalto dovranno essere eseguiti da personale qualificato ed opportunamente addestrato anche in merito alle problematiche inerenti la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. Il suddetto personale dovrà risultare in numero sufficiente ed adeguato al compito di volta in volta assegnato, garantire l operatività del servizio per 52 settimane l anno nel rispetto di tutte le prescrizioni tecniche previste all interno del presente Capitolato e dell offerta presentata dalla Ditta aggiudicataria. La ditta aggiudicataria dovrà mettere a disposizione personale aggiuntivo per far fronte ad eventuali situazioni di emergenza, con esperienza pari al personale normalmente dedicato al servizio. Art 10. Controllo Sono riconosciute alla ASP ampie facoltà di controllo da attuarsi nelle forme ritenute più opportune. Il controllo delle prestazioni, delle competenze del personale e la qualità del servizio saranno accertati dai responsabili degli uffici preposti o da altro personale designato dall ASP. E facoltà della ASP richiedere in qualsiasi momento rendicontazioni riassuntive delle prestazioni effettuate. E facoltà altresì dell ASP, attraverso i suoi funzionari a tal fine delegati, effettuare ispezioni nei magazzini della ditta aggiudicataria per controllare gli ausili di proprietà dell ASP ivi depositati, nell attesa di riparazione, riparati e pronti per il riutilizzo, e verificare l irreparabilità dei beni proposti dalla ditta aggiudicataria per lo smaltimento. Pertanto la ditta aggiudicataria si obbliga, per quanto di propria competenza, in qualsiasi momento e anche senza preavviso, a consentire all ASP tutte le necessarie verifiche circa la piena e corretta esecuzione delle prestazioni oggetto dell appalto, prestando, a richiesta, tutta la collaborazione del caso. I controlli effettuati dalla ASP saranno verbalizzati e controfirmati dagli operatori presenti al sopralluogo. Art 11. Inadempimenti e penalità Nel caso il fornitore, nel corso del rapporto contrattuale, sospendesse per qualsiasi motivo il servizio, o non fosse in grado di eseguire le prestazioni contrattuali secondo le modalità e nei termini di consegna richiesti, l ASP invierà alla ditta aggiudicataria, tramite raccomandata A.R. o tramite posta PEC, la contestazione dell inadempimento riscontrato, con indicazione di un termine non inferiore a 10 giorni per le eventuali controdeduzioni. Scaduto tale termine, l ASP potrà applicare le penalità con le modalità ed entità di seguito specificate: Ritardo per ritiro/consegna: 30,00 per ogni giorno di ritardo rispetto alla data concordata; Non utilizzo del telo protettivo: 20,00 ad ausilio non protetto; Mancanza del numero di matricola (dove richiesto dall ASP): 15,00 ad ausilio; Mancata registrazione a SW delle attività e della documentazione riferita all ausilio: 15,00 ad ausilio; Pag. 10 di 24

11 In caso di rifiuto a eseguire il servizio nelle modalità previste dal contratto, sarà facoltà dell ASP provvedere immediatamente all esecuzione del servizio nei modi giudicati più opportuni anche rivolgendosi ad altri fornitori di propria fiducia, a libero mercato, addebitando all appaltatore inadempiente le maggiori spese da ciò derivanti, nonché l eventuale maggior costo dei predetti servizi rispetto a quello che avrebbe sostenuto se i servizi fossero stati eseguiti regolarmente a termine di contratto. Quanto sopra fatta salva ogni altra azione che sarà ritenuta opportuna in idonea sede intesa all accertamento ed al risarcimento di eventuali danni derivanti dai suddetti inadempimenti. Art 12. Obblighi del fornitore La ditta aggiudicataria si impegna all osservanza degli obblighi contrattuali di cui agli articoli del presente Capitolato Speciale d Appalto. Sono a carico della ditta aggiudicataria, intendendosi remunerati con il corrispettivo contrattuale, tutti gli oneri e rischi relativi alla prestazione dei servizi oggetto dell appalto, nonché ogni attività e fornitura che si rendessero necessarie per l attivazione degli stessi o, comunque, opportune per un corretto e completo adempimento delle obbligazioni previste. La ditta aggiudicataria si obbliga ad eseguire tutte le prestazioni a perfetta regola d arte, nel rispetto delle norme vigenti e secondo le condizioni, le modalità, i termini e le prescrizioni contenute nel presente capitolato e nei suoi allegati. I servizi prestati dovranno necessariamente essere conformi, salva espressa deroga, alle caratteristiche tecniche ed alle specifiche indicate nel capitolato. La ditta aggiudicataria si obbliga ad osservare, nell esecuzione delle prestazioni contrattuali, tutte le norme e tutte le prescrizioni tecniche e di sicurezza in vigore, nonché quelle che dovessero essere emanate. Gli eventuali maggiori oneri derivanti dalla necessità di osservare le norme e le prescrizioni di cui sopra, anche se entrate in vigore successivamente alla stipula del contratto, resteranno ad esclusivo carico della ditta aggiudicataria, intendendosi in ogni caso remunerati con il corrispettivo contrattuale di cui oltre e la ditta aggiudicataria non potrà, pertanto, avanzare pretesa di compensi, a tal titolo, nei confronti della ASP assumendosene ogni relativa alea. La ditta aggiudicataria si impegna espressamente a manlevare e tenere indenne l ASP da tutte le conseguenze derivanti dalla eventuale inosservanza delle norme e prescrizioni tecniche, di sicurezza, sanitarie e di igiene vigenti. La ditta aggiudicataria si obbliga a rispettare tutte le indicazioni relative alla buona e corretta esecuzione contrattuale che dovessero essere impartite dall ASP, per quanto di propria competenza. La ditta aggiudicataria si obbliga, infine, a comunicare all ASP, per quanto di rispettiva ragione, ogni circostanza che abbia influenza sull esecuzione delle attività di cui all appalto. Al termine del contratto la ditta aggiudicataria: deve assicurare gratuitamente alla ditta aggiudicataria subentrante ogni assistenza nelle attività di messa a disposizione del materiale di proprietà dell ASP a bocca di magazzino; deve consegnare all ASP, a titolo gratuito, su supporto informatico da convenire sulla base dei vigenti standard di mercato, l archivio integrale dei dati riferiti agli ausili di proprietà dell ASP e al loro utilizzo, in formato ASCI con campi a lunghezza fissa, suddiviso in tabelle, completo delle Pag. 11 di 24

12 relative descrizioni, se diverse da quelle inizialmente offerte. La ditta aggiudicataria si impegna, oltre a quanto previsto in altre parti del presente Capitolato, anche a: garantire la presenza di una sede operativa indipendentemente dall ubicazione della sede legale; fornire i servizi impiegando, a sua cura e spese, tutte le strutture ed il personale necessario per la realizzazione degli stessi secondo quanto specificato nello stesso Capitolato, nei relativi allegati e nelle documentazioni di offerta; rispettare, per quanto applicabili, le norme per la gestione e l assicurazione di applicabili sistemi per la qualità; predisporre tutti gli strumenti e le metodologie, comprensivi della relativa documentazione, atti a consentire all ASP, per quanto di propria competenza, di monitorare la conformità dei servizi alle norme e ai parametri di qualità previste nel presente capitolato e allegati predisporre tutti gli strumenti e le metodologie, comprensivi della relativa documentazione, atti a garantire elevati livelli di servizi, ivi compresi quelli relativi alla sicurezza e riservatezza; osservare tutte le indicazioni operative, di indirizzo e di controllo che a tale scopo saranno predisposte e comunicate dall ASP; comunicare tempestivamente all ASP le variazioni eventualmente intervenute in relazione alla propria struttura organizzativa coinvolta nell esecuzione del contratto o che abbiano potenziale influenza sulla stessa; comunicare all ASP, all inizio del contratto, i nominativi e i recapiti telefonici dei responsabili e degli operatori dedicati all esecuzione del servizio, informando circa ogni variazione intercorsa; gli operatori ASP dovranno poter interagire via /telefonicamente con il personale dedicato al magazzino; dotare gli incaricati che si recheranno al domicilio degli assistiti di appositi cartellini identificativi, qualificativi della ditta e del servizio erogato; assicurare ai propri operatori adeguati momenti di formazione sia di natura tecnico specifica sia, per il personale che svolge attività direttamente a contatto con l utenza, di approfondimento delle responsabilità e delle peculiarità del ruolo; la Ditta aggiudicataria è tenuta, nello svolgimento di tutte le attività oggetto della presente procedura, ad osservare, oltre a quanto disposto dagli atti di gara, anche le istruzioni operative disposte dalla ASP e relative alle attività del magazzino e dei reclami. La ditta aggiudicataria si impegna a prestare i servizi oggetto dell appalto su tutto il territorio dell'asp, nelle sedi della stessa e presso il domicilio degli utenti, nei luoghi che saranno indicati negli ordinativi emessi dai settori ASP preposti, nel rispetto di quanto previsto nell appalto. Detti servizi, comunque, dovranno essere prestati con continuità anche in caso di eventuali variazioni della consistenza e della dislocazione delle sedi e degli uffici dell ASP. Art 13. Prezzi I prezzi relativi alla fornitura del servizio oggetto d appalto, si intendono comprensivi di ogni onere e spesa necessari per effettuare la fornitura in conformità a quanto prescritto dal presente Capitolato e relativi allegati. I corrispettivi indicati in offerta devono intendersi immodificabili nei primi 12 mesi di validità del contratto. Trascorsi dodici mesi, a far data dal secondo anno di attuazione del contratto, i prezzi offerti saranno aggiornati sulla base dell indice inflazione programmata dal governo. Pag. 12 di 24

13 Nel caso intervengano elementi di evidenza e rilevanza tale da far ritenere, da una delle due parti, inadeguata o eccessiva la misura dell aggiornamento dei prezzi come sopra riportata, è facoltà di ciascuna delle parti recedere dal contratto ovvero, previa istruttoria e verifica, convenire diverse nuove condizioni, anche tenendo in considerazione eventuali riferimenti prezzi derivabili da applicabili osservatori prezzi regionali o nazionali. In ogni caso, non è ammesso l adeguamento automatico prezzi se non nei limiti di cui all art. 115 del D.Lgs. 163/2006. Ogni eventuale revisione compresa quella indicata nel comma precedente, secondo l ISTAT e decorsi 12 mesi è consentita, previa istruttoria dell ASP, idonea ad accertare la congruenza del prezzo dell aggiudicatario. Art 14. Modalità di fatturazione Il servizio, reso nei modi disciplinati dal capitolato di appalto e relativi allegati, sarà oggetto di fatturazione mensile da parte della ditta aggiudicataria. Le fatture dovranno riportare esplicitamente il riferimento al corrispondente ordinativo ricevuto e dovranno essere corredate dai relativi documenti di ritiro e consegna. La fattura, per quanto fornito ed accertato, dovrà essere emessa corredata delle informazioni e dei documenti necessari al controllo e liquidazione, nel rispetto delle disposizioni di cui al D.Lgs. 196/2003. Art 15. Pagamenti Il pagamento del corrispettivo della fornitura avverrà a 60 giorni dalla data di ricevimento della fattura da parte dell ASP, data risultante dal Protocollo Centrale o quello del Servizio Economico Finanziario secondo i regolamenti interni di ciascuna ASP appaltante, mediante ordinativi di pagamento esigibili presso il tesoriere dell ASP. I termini di pagamento saranno sospesi a seguito di formale comunicazione, anche a mezzo fax/ . Nella suddetta comunicazione saranno precisate le motivazioni della sospensione alle quali l Appaltatore è invitato a far fronte tempestivamente. I termini di pagamento rimarranno sospesi fino al momento della avvenuta risoluzione delle cause di sospensione. In caso di eventuale ritardato pagamento, il saggio degli interessi moratori è determinato ai sensi della D. Lgs. 231/2002, testo vigente. Il pagamento si intenderà avvenuto alla data dell emissione dell ordinativo di pagamento e gli interessi di moratori decorreranno da tale data. Art 16. Assicurazioni La ditta aggiudicataria assume in proprio ogni responsabilità per infortunio o danni eventualmente subiti da parte di persone o di beni, tanto della ditta aggiudicataria quanto dell ASP o di terzi, in dipendenza di omissioni, negligenze o altre inadempienze relative all esecuzione delle prestazioni contrattuali ad esso riferibili, anche se eseguite da parte di terzi. A fronte dell obbligo di cui al precedente paragrafo del presente articolo, la ditta aggiudicataria dovrà stipulare idonea polizza assicurativa, a copertura del rischio da responsabilità civile della medesima ditta aggiudicataria in ordine allo svolgimento di tutte le attività di cui al presente appalto. Il massimale della polizza assicurativa di cui sopra è pari a ,000 (duemilionicinquecentomila/00 Pag. 13 di 24

14 euro) per ogni evento dannoso o sinistro e prevede la rinunzia dell assicuratore, nei confronti dell ASP, a qualsiasi eccezione, con particolare riferimento alla copertura del rischio anche in caso di mancato o parziale pagamento dei premi assicurativi, in deroga a quanto previsto dall articolo 1902 Codice civile, di eventuali dichiarazioni inesatte e/o reticenti, in deroga a quanto previsto dagli articoli 1892 e 1893 Codice civile. In relazione a quanto sopra la ditta aggiudicataria si obbliga all adempimento di tutte le obbligazioni relative alla richiamata polizza assicurativa della responsabilità civile, acconsentendo fin d ora a che la Compagnia Assicuratrice comunichi all ASP ogni eventuale inadempimento della ditta aggiudicataria che possa in qualche modo far venir meno la richiamata copertura assicurativa. Ciò, affinché l ASP possa, a proprio insindacabile giudizio, ed al solo fine di rendere operativa la copertura assicurativa in parola, adempiere le obbligazioni che spettano alla ditta aggiudicataria con diritto di rivalsa mediante compensazione sulle somme relative ai corrispettivi maturati dallo stesso, nonché mediante escussione della fidejussione rilasciata dalla medesima ditta aggiudicataria, fermo restando il risarcimento dei danni eventualmente subiti conseguentemente a quegli inadempimenti. Art 17. Oneri fiscali e spese contrattuali Sono a carico della ditta aggiudicataria tutti gli oneri tributari e le spese contrattuali ad eccezione di quelli che fanno carico alla ASP per legge. La ditta aggiudicataria dichiara che le prestazioni di cui trattasi sono effettuate nell esercizio di impresa e che trattasi di operazioni soggette all Imposta sul Valore Aggiunto, che la ditta aggiudicataria è tenuta a versare all Erario, con diritto di rivalsa, ai sensi del D.P.R. n. 633/72; conseguentemente, al contratto sarà applicata l imposta di registro in misura fissa, ai sensi dell articolo 40 del D.P.R. n. 131/86, con ogni relativo onere a carico della ditta aggiudicataria. Art 18. Trattamento dei dati personali Ai sensi e per gli effetti del Decreto Legislativo 196/2003, Codice in materia di protezione dei dati personali, ed in relazione alle attività previste dal presente capitolato, la Ditta Aggiudicataria viene nominata Responsabile esterno del trattamento, come previsto dall articolo 29 del citato Decreto. Tale nomina avrà validità per il tempo necessario per eseguire le operazioni affidate dal titolare e si considererà revocata a completamento delle attività. L aggiudicatario, in quanto responsabile esterno, è tenuto: a mantenere riservati i dati e le informazioni, ivi compresi quelli che transitano per le apparecchiature di elaborazione dati, di cui venga in possesso e/o a conoscenza; a non divulgarli in alcun modo e in qualsiasi forma; a non farne oggetto di utilizzazione a qualsiasi titolo per scopi diversi da quelli strettamente necessari all esecuzione del servizio; ad adottare idonee e preventive misure di sicurezza atte ad eliminare o, comunque, a ridurre al minimo qualsiasi rischio di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati personali trattati, di accesso non autorizzato o non conforme, nel rispetto delle disposizioni contenute nell articolo 31 del suddetto Codice; ad informare l interessato ai sensi dell articolo 13 del Decreto Legislativo 196/2003, attraverso la predisposizione di apposite indicazioni e strumenti per gli incaricati (modulistica), coordinandosi con il Titolare; Pag. 14 di 24

15 ad individuare per iscritto gli incaricati, curandone l aggiornamento periodico e la formazione; a fornire indicazioni scritte agli incaricati sulle modalità di trattamento, sia con strumenti elettronici che senza, obbligandoli alla riservatezza anche in caso di conoscenza fortuita di dati personali e/o sensibili, adottando una condotta equipollente al segreto d ufficio; in caso di trattamento di dati sensibili, ai sensi degli articoli 20, 21, 22 del citato Decreto, a gestire e controllare in modo adeguato le modalità di trattamento, al fine di evitare accessi non autorizzati e trattamenti non consentiti; in caso di trattamento di dati con strumenti diversi da quelli elettronici, a controllare l accesso ai dati e conservare gli stessi in archivi debitamente custoditi. La Ditta è responsabile per l esatta osservanza degli obblighi di segretezza anzidetti da parte dei propri dipendenti, consulenti e collaboratori di questi ultimi. L aggiudicatario, quale responsabile esterno, si impegna ad attenersi scrupolosamente alla normativa vigente sul trattamento dei dati e si impegna a comunicare all Azienda i nominativi dei propri collaboratori incaricati del trattamento dei dati. L ASP informa l aggiudicatario che Titolare del trattamento dei dati è l ASP stessa. In caso di inosservanza degli obblighi di riservatezza, l ASP ha la facoltà di dichiarare risolto di diritto il contratto, fermo restando che la Ditta sarà tenuta a risarcire tutti i danni che dovessero derivare alle Aziende e ai terzi. Art 19. Depositi cauzionali definitivi La Società aggiudicataria dovrà depositare la cauzione definitiva ai sensi dell art. 113 del D. Lgs.163/2006 e s.m.i.. Tale cauzione dovrà esser posta a garanzia della buona esecuzione del contratto, del risarcimento di danni derivanti dall inadempimento delle obbligazioni medesime nonché del rimborso delle somme che l ASP avesse eventualmente pagato in più durante l esecuzione del servizio, fatto salvo l esperimento di ogni altra azione nel caso in cui la cauzione risultasse insufficiente. La Ditta aggiudicataria del servizio dovrà pertanto provvedere al versamento del deposito cauzionale definitivo nella misura del dieci per cento del servizio previsto; inoltre la fideiussione bancaria o polizza fideiussoria dovrà avere validità di almeno tre mesi oltre la durata del contratto; per la garanzia in questione si applica il disposto dell art. 113, commi 1 e 2 del D.Lgs. n. 163/2006 e si precisa che se la ditta è in possesso della certificazione UNI CEI ISO 9000, la cauzione definitiva potrà essere ridotta del 50%. La cauzione definitiva: per essere ritenuta valida dovrà contenere espressamente: la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale e la relativa operatività, entro quindici giorni, a semplice richiesta scritta della stazione appaltante; sarà restituita successivamente alla ditta aggiudicataria, su richiesta, in assenza di controversie pendenti non prima di 60 (sessanta) giorni dalla scadenza contrattuale. Art 20. Subappalto Il subappalto è consentito, nella misura e con le modalità previste dalla vigente normativa, di norma per i servizi logistici e tecnici nei limiti dell art. 118 del D.Lgs 163/2006. Il subappalto è subordinato alla preventiva autorizzazione della ASP, nel rispetto dei requisiti e delle Pag. 15 di 24

16 prescrizioni di legge, verificata la professionalità dei soggetti incaricati. I relativi contratti dovranno essere resi all ASP almeno 20 giorni prima dell avvio dell esecuzione dell appalto per la necessaria autorizzazione da parte dell ente appaltante. La ditta aggiudicataria è responsabile dei danni che dovessero derivare all ASP, o a terzi per fatti comunque imputabili ai soggetti cui sono state affidate le suddette attività. In caso di inadempimento da parte della ditta aggiudicataria degli obblighi di cui al presente articolo, l ASP, fermo restando il diritto al risarcimento del danno, ha facoltà di dichiarare risolto di diritto il contratto. Art 21. Divieto di cessione del contratto E fatto assoluto divieto alla ditta aggiudicataria di cedere, a qualsiasi titolo, il contratto, a pena di nullità della cessione medesima. In caso di inadempimento da parte della ditta aggiudicataria degli obblighi di cui al presente articolo, l ASP, fermo restando il diritto al risarcimento del danno, ha facoltà di dichiarare risolto di diritto il contratto. Art 22. Risoluzione e Recesso unilaterale Art Risoluzione Oltre a quanto previsto all art 1453 del Codice Civile (Risoluzione del contratto per inadempimento), la risoluzione opera di diritto, ai sensi dell art Codice Civile (Clausola risolutiva espressa), nei seguenti casi: nei casi già descritti ai precedenti Artt.; in caso di frode dell Appaltatore o collusione con personale appartenente all organizzazione della Committente o terzi; nel caso dei seguenti inadempimenti contrattuali, considerati gravi: inosservanza delle norme igienico-sanitarie e/o mancato rispetto dei requisiti di sicurezza riconducibili alla attività dell Appaltatore; inosservanza delle norme di legge relative al personale dipendente e mancata applicazione del contratto collettivo di lavoro; gravi danni arrecati ai beni immobili e mobili di proprietà del Committente e riconducibili alle attività dell Appaltatore; in caso di cessione della società, di cessazione di attività, di concordato preventivo, di fallimento, sequestro, pignoramento a carico del concessionario; qualora successivamente alla stipula del contratto fosse accertata la sussistenza di una causa d esclusione di cui all art. 38 D. Lgs.vo 163/2006; in caso di richiesta e/o accettazione di compenso economico dagli assistiti. Ai sensi dell art. 298 co. 2 del DPR 207/2010, l ASP risolverà per grave inadempimento il contratto, qualora, nel corso dell esecuzione dello stesso, il ritardo nell adempimento determini un importo massimo delle penali di cui all art. 11 del presente Capitolato superiore al 10% dell importo contrattuale. Il verificarsi di uno dei casi di risoluzione previsti nel presente art. sarà contestato in contraddittorio con la ditta aggiudicataria secondo le modalità e i termini previsti dall art. 11 del presente Capitolato per l applicazione delle penalità. Pag. 16 di 24

17 Nei casi suddetti l Appaltatore incorre nell immediata perdita del deposito cauzionale, oltre al completo risarcimento di tutti i danni diretti o indiretti che l ASP dovrà nel caso sopportare, anche in relazione all affidamento del contratto ad altro soggetto, per il rimanente periodo contrattuale. Al verificarsi delle sopraelencate ipotesi la risoluzione si verifica di diritto quando l ASP determini di valersi della clausola risolutiva e comunichi tale volontà in forma scritta all Appaltatore. Art Recesso unilaterale Ai sensi dell art C.C., l ASP potrà recedere dal contratto in qualsiasi momento, anche nel caso in cui fosse già stato dato inizio all esecuzione dello stesso. In particolare l Azienda potrà avvalersi di tale facoltà: per motivi d interesse pubblico o cambiamento di assetto istituzionale, i quali dovranno essere specificati nell atto deliberativo di recesso; la medesima facoltà è riconosciuta all Amministrazione subentrante all ASP per effetto di eventuali riforme del SSR o SSN che potrà recedere dal contratto riconoscendo alla ditta le prestazioni già effettuate per dare continuità al rapporto. In caso di recesso durante l esecuzione del contratto, l Amministrazione sarà tenuta a pagare alla Ditta aggiudicataria il corrispettivo per il servizio fino a quel momento eseguito. Art 23. Forza maggiore Poiché il servizio di cui trattasi è di pubblica utilità, in caso di scioperi o cause di forza maggiore (non sono tali ferie, malattie ecc.) la Ditta aggiudicataria dovrà comunque garantire un servizio di emergenza, concordandone le modalità con il Referente dell ASP. Ove si verifichi un caso di forza maggiore che impedisca all Aggiudicataria l'esatta e puntuale osservanza degli obblighi contrattuali, la stessa è tenuta a darne tempestiva comunicazione all'altro contraente, indicando anche il tempo prevedibile di durata dell emergenza. L inosservanza di tale articolo dà diritto all ASP di risolvere il contratto. Art 24. Foro competente Per qualsiasi controversia che dovesse sorgere tra la ditta aggiudicataria e la ASP sarà competente in via esclusiva il Foro di Reggio Calabria. Art 25. Norme Finali L appalto di cui trattasi è disciplinato dalle norme richiamate nel Capitolato Speciale di Appalto e dalle normative di legge ivi elencate. Per quanto non previsto dal presente Capitolato, si fa riferimento al D.Lgs.vo. 163/2006. L Aggiudicatario si intende, inoltre, obbligato all osservanza di tutte le norme regolamentari e delle disposizioni emanate ai sensi di Legge dalle competenti Autorità Governative, Provinciali e Comunali del luogo in cui dovranno essere erogati i servizi. La ditta infine, deve osservare tutte le disposizioni ed ottemperare a tutti gli obblighi stabiliti dalle leggi assicurative, fiscali, infortunistiche. Pag. 17 di 24

18 CRITERI DI AGGIUDICAZIONE L aggiudicazione sarà a favore della ditta che avrà presentato l offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell'art. 83 del D. Lgs. n. 163/2006 e successive modificazioni e integrazioni e dell art. 283 del DPR 207/2010, secondo i seguenti criteri: CRITERIO Punteggio max Elementi quantitativi (PREZZO) 40 Elementi Qualitativi 60 TOTALE 100 Per quanto non previsto dal presente Disciplinare, si farà riferimento al Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione alle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE approvato con D. Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 e successive modificazioni ed integrazioni. punteggio qualitativo Alla qualità del servizio offerto saranno attribuiti fino ad un massimo di 60 punti ripartiti secondo i requisiti di seguito specificati: Parametro oggetto di Criteri di valutazione p.ti valutazione Organizzazione generale prevista per l esecuzione del servizio 20 Organizzazione generale prevista Criteri generali di organizzazione e strumenti gestionali ed 5 per l esecuzione del servizio operativi volti alla ottimale gestione del servizi Ambiente, Sicurezza, Qualità, ecc. Soluzioni adottate per garantire la qualità del servizio, la 5 sicurezza dei lavoratori e il rispetto dell ambiente;(verrà valutato quanto disposto dall offerente al fine di ottenere quanto richiesto, metodologie di lavoro adottate soluzioni tecniche nello svolgimento e nell organizzazione del lavoro formazione del personale ai temi specifici politica dell Azienda) Definizione, ubicazione ed Congruità delle modalità di individuazione del magazzino e 4 organizzazione del magazzino sua organizzazione ed allestimento rispetto alle esigenze del Gestione trasporti, logistica e spostamenti Organizzazione del personale destinato all esecuzione del servizio servizio ed all organizzazione proposta. Congruità degli aspetti legati a trasporti, logistica e spostamenti dedicati all espletamento del servizio rispetto alle esigenze del servizio ed all organizzazione proposta. Organizzazione del personale dedicato al servizio, criteri di dimensionamento del personale dedicato all espletamento del servizio, competenze previste per l esecuzione del servizio e congruità con il servizio offerto Modalità di svolgimento del servizio 27 Immatricolazione Modalità di immatricolazione dei beni e gestione dei dati 6 associati ai beni Attività di consegna e ritiro Modalità di organizzazione ed esecuzione dell attività di 7 consegna e ritiro degli ausili, completezza delle informazioni e congruità con l organizzazione proposta Pulizia ed igienizzazione Modalità di organizzazione ed esecuzione dell attività di pulizia ed igienizzazione, completezza delle informazioni e Pag. 18 di 24

19 congruità con l organizzazione proposta Manutenzione ordinaria Modalità di esecuzione dell attività di manutenzione ordinaria, completezza delle informazioni e congruità con l organizzazione proposta Irreparabilità del bene e fuori uso Modalità di gestione di situazioni di irreparabilità dei beni e messa in fuori uso, completezza delle informazioni e congruità con l organizzazione proposta Manutenzione straordinaria Modalità di gestione delle manutenzioni straordinarie 1 Informatizzazione 8 Sistema informativo offerto per la gestione del servizio 5 Utilità del sistema informativo offerto Completezza ed appropriatezza del sistema informativo con particolare riferimento a: funzionalità architettura Fruibilità del sistema da parte dell ASP, completezza dei dati e reportistica con particolare riferimento a: interfaccia utente report possibili personalizzazioni modalità di accesso e connessione Servizi Aggiuntivi e Migliorativi 5 Servizi Aggiuntivi e Migliorie al 5 servizio Servizi e migliorie a completamento del servizio richiesto che integrino e completino le attività richieste consentendo un migliore svolgimento Per l attribuzione dei punteggi ad ogni singola offerta si utilizzerà la seguente formula: C(a) = Σn [ Wi * V(a) i ] Dove: C(a) = indice di valutazione dell offerta (a); punteggio assegnato al concorrente (a) n = numero totale degli elementi di valutazione; Wi = peso attribuito all elemento di valutazione i-esimo; V(a) i = coefficiente della prestazione dell offerta (a) rispetto all elemento di valutazione i-esimo, variabile tra 0 e 1; Σ = sommatoria; Per ciascuno dei criteri di valutazione elencati la Commissione procederà alla formazione del proprio giudizio di merito tecnico con il metodo del confronto a coppie (confronto a coppie con tabella triangolare) seguendo le linee guida di cui all Annesso(allegato) A del DPR 554/99 per ognuno dei subcriteri sottoposti a valutazione. Nel caso venisse ammesso alla procedura un numero di offerte pari o inferiore a tre, il coefficiente variabile tra zero e uno cui moltiplicare il peso sarà determinato nel seguente modo: ogni commissario, in modo autonomo, provvederà ad esprimere la valutazione con coefficienti da 0 a 1 per ogni parametro previsto, quindi si procederà a ricavare la media delle valutazioni espresse dai vari commissari e a moltiplicare il risultato per il punteggio previsto per il parametro. La somma dei risultati dei singoli parametri darà il punteggio di qualità complessivo dell offerta del concorrente. I commissari utilizzeranno la seguente tabella per la determinazione dei coefficienti: Pag. 19 di 24

20 - giudizio eccellente: coefficiente di attribuzione 1 - giudizio ottimo: coefficiente di attribuzione 0,95 - giudizio buono: coefficiente di attribuzione 0,8 - giudizio discreto: coefficiente di attribuzione 0,6 - giudizio sufficiente: coefficiente di attribuzione 0,55 - giudizio insufficiente: coefficiente di attribuzione 0,2 Al fine di utilizzare tutti i punti di qualità previsti, qualora il risultato più alto non corrispondesse al massimo punteggio previsto, si procederà a ricondurlo allo stesso e a riparametrare in modo proporzionale le restanti valutazioni, applicando la seguente formula: PunteggioDittaConsiderata = 60x punteggio _ assegnato _ alla _ ditta miglior _ punteggio _ assegnato L offerente che non avrà ottenuto un punteggio totale minimo di 36 non verrà ammesso alla fase successiva di apertura delle offerte economiche. Punteggio economico All offerta economica saranno attribuiti fino ad un massimo di 40 punti secondo il seguente criterio: dove Ci = Pm / Pi x 40 Ci = coefficiente attribuito al concorrente iesimo Pi = prezzo offerto dal concorrente iesimo Pm = prezzo minimo offerto dai concorrenti Si specifica che: - non sono accettate offerte economiche al rialzo; - In applicazione di quanto previsto all art. 86 e segg. del D. Lgs. 163/06, qualora vi siano delle offerte che presentino carattere anormalmente basso rispetto alla prestazione, la Commissione, prima di escluderle, chiederà per scritto le precisazioni in merito agli elementi costitutivi dell offerta ritenuti pertinenti e li verificherà tenendo conto di tutte le spiegazioni ricevute. Pag. 20 di 24

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

è stata acquisita la documentazione antimafia di cui all art.84 del D.Lgs. n.159/2011 ed il DURC attestante la regolarità e correntezza contributiva

è stata acquisita la documentazione antimafia di cui all art.84 del D.Lgs. n.159/2011 ed il DURC attestante la regolarità e correntezza contributiva CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO, TRASPORTO E SUPPORTO OPERATIVO PER GLI UFFICI, CENTRALI E DISTACCATI, DELL ACI IN ROMA E PER L UFFICIO PROVINCIALE ACI DI ROMA CIG n.5393972e7e tra L AUTOMOBILE

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli