CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani"

Transcript

1 ~ CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani DELffiERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE n. 2b1 del _----'-.D.b-'.G 1-l- I.uU... 2~U'+' OGGETTO: PROGETTO DENOMINATO. Restauro e recupero funzionale di un fabbricato confiscato alla mafia alfine di renderlo idoneo per l'utilizzo come centro antiviolellza e casa di accog/ienza- CASE SAPORITO - C.DA CANALOTTO" ' APPROVAZIONE PROGETTO ESECUTIVO A SEGUITO AMMISSIONE A FINANZIAMENTO DI CUI AL D.D./SI 741 DEL DELL'ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA POLITICHE SOCIALI E DEL LAVORO. NOMINA RESPONSABILE ESTERNO OPERAZIONI MONITORAGGIO. CUP: C36D L'anno duemilaquattordici il giorno~ll ~_ del mese di " 'J A\ ej in Castelvetrano e nella Sala delle adunanze si è riunita la Giunta Comunale convocata nelle ~ nne J or Erram.o Presiede l'adunanza il Sig. l'.." felice uni i legge. di SINDACO ra e sono rispettivamente presenti e assenti i seguenti sigg.: nella sua qualità ERRANTE Felice Junior Sindaco CALCARA Paolo Assessore LOMBARDO Francesco Assessore FAZZINO Vito Assessore CASTELLANO Maria Rosa Assessore CAMPAGNA Marco Assessore CENTONZE Antonino Assessore Preso à X Y x i J X Ass. - Con la partecipazione del Segretario Generale del Comune Dott. Livio Elia Maggio Il Presidente constatalo che gli intervenuti sono in nmnero legale dichiara aperta la riunione e invita a deliberare sull 'oggetto sopraiodicato. LA GIUNTA COMUNALE Premesso che sulla proposta di deliberazione relativa all 'oggçtto: -... il Responsabile del serviziq ~mteressato Per q~to ~OIwerne la regolarità tecnica ed in ordine alla... ' ~ u _. regolarità e alla correttezz.a dell'azione amministrativa esprime--parere FAVOREVOLE; L 'oneria per quanto oonceme la regolarità contabile e la copertura fmanziaria; ai sensi degli arte 53 e 55 del a e 'Ia con L.R. 0.48/91. modificata con L.R. I). 7nl"lnnn 1.. ~..0 ' n~ ' ~

2 LA munta MUNICIPALE VISTO il D.D./SI 741 DEL (All.A) dell'assessorato Regionale della Famiglia Politiche Sociali e del Lavoro recante l'ammissione a fmanzìamento del progetto defrnitivo di " Restauro e recupero funziollale di un fabbricalo coltflscalo alla maful alfine di renderlo idoneo per l'utilizzo come celltro olltivioleljlo e casa di accogliellza- CASE SAPORlTO - C.DA CANALOTTO " VISTA la nota prot. no del (AlJ.B) dell'assessorato Regionale della Famiglia Politiche Soc.i.)! : e del Lavoro di aççompagnamento del suddetto decreto con la quale è stato chiesto l'invio del progetto esecutivo nonché la nomina del R.U.P. e del R.E.O. come interfaccia all'interno della struttura comunale e per l'implementazione del sistema Caronte; VISTO il provvedimento no 920 del con il quale è stato nominato RU.P. l'aich. Vincenzo Barresi; VISTO il progetto esecutivo redatto in data integtatò in data (ali. C) dal gruppo di lavoro già costituito con provvedimento dirigenziale n0886 del 15.1l.2013 modificato con successivi prowed~enti dirigenziali no 29 del e n Q 479 del ; VISTA l'approvazione in linea tecnica amministrativa - validazione effettuata dal R.U.P. Arch. Vincenzo Barresi in data (ali. D); con voti unanimi espressi nei modi di legge DELIBERA APPROVARE il progetto esecutivo denomioato /I Restauro e recupero funzionale di un fabbricato confiscato alta mafia al fine di renderlo idoneo per rutilizzo come ce"tro autiviolenza e casa di accoglienza " redatto in data e integrato in data (ali. C) dal' gruppo di lavoro costituito con i provvedimenti prima citati; NOMINARE il R.U.P. Arch. Vincenzo Barresi Responsabile Esterno Operazioni (RE.O.) come interfaccia all' interno della struttura comuna1e e per l' imple!lleotazione del sistema Caronte; U dirigente del ilio sellore Uffici Tecnici è incaricato delle procedure consequenzjali al presente atto deliberativo. r' ;":;.... '-J n ra;.'c>...-"n.. C'~...~. t. de'.- ' ~' -le - 1-"';;':' :':..c. ve; 3ZIcne unanime la pres en't~. ". _. di L ".4<1/91:... sansi (1'0"" _ ~v.. comma della. -..

3 REPUBBLICA ITAliANA REGIONE SlClLIANA Ass('J.SOraio dd/ilfwl'iil/j~:-dtfl~pl1iilicm ni61l1i ~ tiri -Lllwi~(J Dipor1imt!fI~o. #lofomfg{fd t t/elk pfliiilc;ftu Q.Cloll Setvf:Jo l''.. GarlQufol1df lj...e.r F.A-$. FoltdJ.'prpg11il/lml di Spe.Jll atl!'i'1!ijiq(ui/j" V'lO Trlnai:ria # Pitt.ERMO u~~. Fonoo ~ n UIOI"oO I).. QGGE1TOiASSE VI.POFESR PO FB$k )3 - " AvVito pubblii;o per lo presentazione fii progetti per fa riqualificlizi-one.. e r;c()li.verslone dei beni éonfiscali alla crimjnafita o1]jaj1i7zata ne; centri urbani e aree.mari;nolì. n - PROGt:iT1 AM~reSSI NEL4i 5:" ScA1J.ENzA - ProgettQ.: ~CENiRO"ANTl'\(I(jL.ENZA'J Al. Comune di CASTEI:VB.TRANO CamOmo ttapane:se legalltà e sviluppa Si.cotnUil CCa che al sensi del D.D.JSl n'.7~1 gel 0.3 aprile 2DJ4 p'qb.bliçato:per 'estratto sulla OURS. n.16 liel 18 aprile 2014 e' per intero sui &"In 'wyfvie}lroinfosicilia.ìt. e e.sicì1i.~.it(f-.~;tiiiglià.ilprogettoìn.~ggettoiddicatoèstatoà.miness(}.afinanziamento. AI.t;ne di procede~ al!'em.is&ioo'({ del relativo decreto di fihaozi~ento_ si irtv.ita code.'jto Comune a' trasmettere 'entro ~ 'non oltre 'LO'giçmti 9a1 ncevimentq. della prese.ut.e copia del pro.getto esecutivo munito dì rutti Lpareti previsti- d.!!.1 P:-Lgs. 12 aprile ;20nQ; D. 1.63~ çoerd)natò Cbn le nonne ~ :dana tegge regjo-oale.l 2luglio 2C)! l n. 12 e.con le vigenti ' l~gì _ e decreti legisla~vi nazionali" di.~ca:. -_sostib~jode ~ lotegraziqn.e.m ma"ter11l Si-sp~ip c-a che ~Gçrrs:6 infruttuosamente-q lerrnìné'suddett-o da in(enders-l.in maniera pe~ re.o.toria_lo scri'vente' Ufficio_attiverà il proc'edij):lentq di revo.ca..del fi.pànziallteoto 1n questlone. Si mvi~ molcrè a pn~durre determina-'dj nòininadèl R.U.P_ e determina o.atto sindaçale di noldìda del R.E:O. (cesporisabìle esçemo delle (ip~tazibni) éome iotenaccia au~tenro deha struttura dì codesto -Comune con re Strul:ture tecivcl1e ed anuniniso:atlv8 -deplltate alla- gestione dew-iotervento che avrà i 1compito- di implementare ed 'aliqlentare H sistema di tnt:lfi1.toc:agglo- GAJ.{ONTE per t.da:ti di propria Cd1npetenza seaondo le scadeoz~ stab-lli~_.dal!'!uil{n:inis~qil:0 '. Si rapilr~ta infine.i'ob&ligod_u:oss:etv.l\dza di quanto previslo. dall'arta. dell'avviso in dettagli0: qualora i progetti presentatlrisq.liioo-eo:mprendere:l'afii::dao:jento-a terzi per rerqgazione di servizi prima di acqj.iisite il finanzi<;lltiento ''1/ CwnUJte dovra individuare i/s'oggetto gestol!f!.s.econdo le modalijà prèviste dalla J~gge e secondo prlmllpi'sopra ('ichiamjjjii.l'ino$$ervanzt1 di taie pre. visiçme determinerà l'inamtn;ssibilijà dell'istanza -o In ' decadenza de/lfeventuale beneficio cances.s..o '1: tede Serv.izio

4 D.D./Sl n. 1 k A del - 3 APR. zm RepubbUca Italiana REGIONE SIOLIANA ASSESSORATO DELLA FAMIGLIA DELLE POLITICHE SOCIALI E DEL LAVORO Dipartimento RegioDaie della Famiglia e deue Politiebe &<lali IL DIRIGENTE GENERALE VISTO VISTA lo Statuto della Regione Siciliana; la legge regionale n. 28 del 29 dicembre 1962 e successive modifiche ed integrazioni; VISTA la legge regionale n. 2 del IO aprile 1978; VISTA la legge regionale n. lo del 15 maggio 2000; VISTO il Trattato istirutivo della Comunità Europea; VISIA la legge regionale n. 19 del 16 dicembre 2008 recante "Norroe per la riorganjzzaziooe dei Dipanimeoti regionali. Ordinamcoto del Governo e dell'amministrazione della Regione" e successive modifiohe ed integraziooi; VISTO il Decreto presidenziale del 1810 IflOI3 n. (j recante "Regolamento di attuazione del Titolo n deua L. R.. J6/12108 n. 19. Rimodula:z.ione degli assetti organizzativi dei Dipartimenti regionali di cui al Decreto del Presidente deua Regione 05/12109 n. 12 e successive wod.iffcho ed integrazioni"; VISTO V1STO V1STO VISTO il D.D.G. n del 10/06/2010 iotegrnto con D.D.G. n del 17/ con il quale è stato predisposto l'organigramma del Dipartimento FamigJia e Poli1iche Sociali cbe prevede all'allegato D.! il Servizio l ; ''Gestione Fondi V.E. e FAs.. Fondi e Programmi di spesa extraregionali" con DirigtDte responsabile il Dott. Pietro Fina; il Regolamento (CE) n.1080 del 05l07nOO6 del parlamento europeo e del Consiglio dell'unione europea relativo al Fondo europeo di svi luppo regionale e recante abrogazione del Regolamento (CE) n. 1783/1999; il Regolamento (CE) n.1083 dell'11/07/2006 del Consiglio dell'unione Europea e suecesslve modifiche ed integrazioni recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale sul Fondo sociale europeo c sul Fondo di coesione e che abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999; il Regolameoto (CE) n.i828 dell'8/12i2006 della Commissione della Comunità Europea e successive modifiche ed integrazioni che stabilisce modalità di applicazione del Regolamento (CE) n.l e del Regolamento (CE) n ; -'

5 VISTO il Quadro Strategico Nazionale per le regioni italiane dell'obiettivo Convergenza approvato dalla Commissione europea con decisione del D luglio 2007; VISTO il Programma Operativo FESR Sicilia adottato con decisione della Commissiooe europea C(2007) 4249 del 7 settembre 2007 che prevede l'asse VI "Sviluppo Urbano Sostenibile"; VISTE le linee guida per "attuazione del P.O. FESR Sicilia adottate con deliberazione della Giunta Regionale D. 266 del 29 ottobre 2008; VISTO il Programma Operativo fesr Sicilia adottato con decisione della Commissione europea C(2012) del l5 novembre 2012 che istituisce nell'asse VI "Sviluppo Urbano Sostenibile" l'obiettivo specifico 6.3 "'Migliorare la qualità dejlil vita nelle aree urbane e marginali attraverso lo riqualificazione delle strulture scolastiche per lo conciliazione vua-tavoro e l'erogazione dei servizi soc/q--cu(tura}i" e l'obiettivo "Migliorare 14 qualità della vi/a e favorire la riduzidne della marginolitij sociale attraverso lo riquaiificazione e riconvers/one deì beni confocati alla criminalilà argan fzzaja nei cenlj'i w-bani e nelle aree marginali"; VISTO il D.Lgs. n.159 del 06/09120 Il "Codice delle leggi antimafia CI delle misure ili prevenriode nonché nuove disposizioni in materia di documentllione antimafia" e succo modifiche ed integrazjoni; VISTO il DP. Reg. D. 790 del 25/02113 con cui ron.le Presidente della Regione Siciliana ha conferno l'incarico di Dirigente Generele del Dipartimento della Famigiia e delle PolitIche Sociali; VISTO il DD D. 569 del 19/ del Dipartimento regionale Bilancio e Tesoro - Ragioneria generale della Regione - con il quale a seguito della variazione dello stato di previsione della spesa del bilancio della Regione Siciliana per l'esercizio anno viene istituito il capitolo "Interventi per la realizzazione dell'obiettivo operativo del Programma Operativo Rogjonale FESR " nella Rubrica. 2 - Dipartimento regionale della Famiglie. e delle Politiche Sociali CC1a UDa dotazione di ; VISTA la deliberazione della Giunta Regionale n.258 del 17/07/13 relativa ai "P.O. FESR Sicilia Adozione definitiva"; VISTA la deliberatione della Giunta Regionale n.273 del avente per oggetto "P.O. FESR Sicilia Modifica del documento "Requisiti di ammissibilità e criteri di selezione" In attljazione del PAC l''; VISTA la deliberazione della Giunta Regionale n280 del 06/08/13 avenle per oggetto O.P.O. FESR Sicilia Piani di azione e Coesione (PAC) - Salvaguardia- Misure accelerazione della spesa l Fase" con la quale si ripartiscono lo risorse : VISTO il decreto D.DJS I n. 884 del lo giugno 2013 che approva l'awiso pubblico per la presentazione di progelli per la rìqualificazjtjne e riconve1'$ù)1ji! dei beni conflscati atla crimmafi(q organizzata nei centri urbani e aree margfnol~ pubblicato sulla Gazzetta 'Ufficiale della Regione Siciliana il 2 l giugno 2013; VISTO il decreto D.D 2282 del 30/ de! DiparrimentQ regionale Bilancio e Tesoro - Ragioneria generale della Regione - con il quale a seguito della variazione dello stato di previsione della spesa del bilancio della Regione Siciliana per l'esercizio anno 2013 viene istituito il capitolo relativo ad "Interventi previsti per il PAC - Pit:DIo di Azione e Coesione - piano dì salvaguardia obiettivo del Programma Operativo Regionale FESR ' nella Rubtica 2 Dipartimento regionale della Famiglia e delle Politiche Sociali con una dota2.ione di ; ATTESO che a seguito dei citati decreti variazione la dotazione di E viene ripartita per sul capitolo per sol capitolo ; 2

6 VISTA la legge D. 6 del 28/ che approva il bi lancio della Regione Siciliantl per l'anno 2014; CONSIDERATO che coo DD G n 2085 dci regi""!o dalla Corto dei Conti in data 17/ Reg. l foglio 12-! stata approvata la pista di controllo specifica per II macroprocesso"opere Pubbliche" relative alla linea di intervento 6.32; I CONSIDERATO che con 0.0. G. n del 05112/2013 registrato dalla Corte dei Conti in data 22/ Reg. l foglio 7- è Sfata approvata lapulo di COnl.ro/lo specifica per il macroprocesso c "Acquisizione dì Beni e Servizi" relative alla. linea di intervento 6.3.2; VISTO il decreto D.DJSl n. 74 del 23 gennaio 2014 con il quale è stata approvata la graduatoria provvisoria di merito dei progetti afferenti la quinta scaduu.o a valere sulla linea d'intervento del Programma Operativo Regionale FESR 2007/2013 di cui all'allegato "An che fa parte integrante e sostanziale del decreto pubblicato sui siti istituzionali e huo:l/lineediattivitadiparrimemo-famiglia-sjcj!ja.itl in data 28 gemaio 20 14; VlSfA la nota prot. n.642 de) 22101nOl4 del CQmune di Buseto Palizzolo con la quale viene riscontrata l'errata denominazione del progetto comparsa nell'allegato "An del decreto D.DJSI n. 74 del 23 gennaio 2014 con il titolo di "Pro.o.to soccorso sooiale" anziché l'esatta denomina.z.ione "Progetto di cambio di destinazione d'uso da oleglcio cl centro mulltfimzionole per le attività del "Dopo di No!' '... "; VISTA la nota del comune di San Cipirello prat. n del 05102/2014 con la quale viene riscontrata l'en-ata denominazione del progeno <:omparsa nell'allegala "An del decreto D.DJSl n. 74 del 23 geomio 2014 con il titolo di "Centro asooho e orientamento" anziché l'esatta denominazione "Primo soccorso sociale per gestanji in difficoilii ragazze madri e dome vittime di viokrrzo "; PRESO AnO di dovere apportare le opportune correzioni alle denominazioni dei progetti come specificato nei precedenti VISTA; VISTE le osservazioni al decreto D.DJSl n. 74 del 23 gennaio 2014 con il qua1e è stata approvata. la graduatoria provvisoria di merito dei progetti affereoti la qwnta scadenza. inoltrate daj comune di Vallelunga Pratameno con nota prat. n del 03/ dal comune di Sciacca con nota prot. n del 05/ e dal comune di Gioiosa Marea con nota prol 1681 del 05/ ; A'ITESO che con nota. prot. n del 11/ il Servizio I EraSmene le su citate osservazioni alla Commissione di ValUtaZione; VISTA la nota della Commissiooe di valutazìone datata 28/03nOl4 con la quaje vieno trasmessa al Ser.'iz.i.o [ la valutazione alle osservazioni trasmesse dai citati Comuni il verbale e la graduatoria finale alla luce delle modifiche precisate nello stesso verbale; CONSIDERATO cbe la graduatoria della quinta scadenza presenta progetti ritenuti ammissibili e progetti ritenuti non ammissibili poiché. questi ultimi non h8julo ottenuto ij minimo di punti 60 come previsto dall'art. 8 dell'avviso: RlTEt.'UfO pertanto di dovere approvare in maniera deflllitiva la graduatoria dei progetti presentati entro la quinta scoderua cosi c:ome risultante dall' "Allegato A"'. per j progetti ammessi. e dall' "Allegato "B" per ì progetti non ammessi che fanno parte integrante del presente decreto; DECRETA Art.I Per le finalità citate in premessa che qui si intendono integralmente riportate è approvata la graduatoria di merito definitiva dei progetti ammessi a finanziamento come previsto dajl'art.5 dell'avviso relativi alla quinta scadenta a valere sulla Linea di intervento 632 del Programma Opera1ivo Regionale F'ESR di cui all'"a.1iegato A" che fa pa:rte.integrante e sostanziale del presente decreto. 3

7 Art.l Per le fmalità citate in premessa che qui sì intendono integralmente riportate è approvata la graduatoria di merito defutitiva dei progetti non tji1u1tns; a finanziamento. relativi alla quinljj setuknur a valere sulla Linea di intetvento del Programma. Operativo Regionale fesr di cui ah' "'Allegato B" che forma parte integrante e sostanziale del presento decreto. Art.) Come specificato netle premesse si prende atto della correzione dei titoti dei progetti presentati dal comune di SIUl Cipirello e dal comune di Buseto Palizzolo erroneamente denominati nell'allegato "A" del decreto D.DJSI n. 74 del 23 gennaio di approvazione della graduatoria provvisoria dei progetti afferenii la quinta scadenza. Art.4 Il finanziamento dei progetti ammessi graverà sui capitoli e del bilancio della Regione Siciliana Art.S Del presente provvedimento sarà data comunicazione per estratto sulla Ga.u.etta Ufficiale della Regione Siciliana e pubbltcato integralmente sui siri e h :I/Iin 'atti "ti!: di ' t famjgjla-sicj I ia jt IL DIR! ENTE D L SERVIZIO l' 011. Pietro; Fina - L OIRJGENTE GEN ~.s{~(u'l/j.d..ry.onje!lf & fa--(... "1} r....

8 "ALLEGATO A" al Decreto D.D./Sl n.._l..!...:loy)"'-- del - 3 APR PO FESR OBIETIlVO OPERATIVO Avviso pubbliw per la presentwone di progetti per la riquailfu:azume e r/conversione del beni confiscati QUa aimutalità organizzata nei centri urbani e aree marginaii I GRADUATORlADEFnftTTVAPROGETTIA~IAFINAN~NTO VSCADENZA... Ord..Numero ; Protocollo Provo Grad. askgnafo COMUNE T1TOW PROGETTO r IMPORTO IpUNTEGGIO I IMPORTO.... PROGE'TTO.ASSEGNATO : ASSEGNATO o CASTELVETRANO (CONSORZIO I TP. TRAPANESE PER LA LEGALITA' CENTROANTnnOLENZA OO E LO SV ILUPPO) ' I.. CASA A.C CT ACI CASTELLO AMARE CON IMPEGNO e I o. "... o'.. IMMOBILE CONFISCATO IN VIA CASCINO PER REALIZZARE PA PALERMO CENTRO ACCOGLIENZA DONNE VITTIME DI VIOLENZA. PRlMO SOCCORSO SOCIALE PER GESTANTI IN DIFFICOLTA'.. I I RAGAZZE MADRI E DONNE e PA I SAN CIPIRELLO V1TTIME DI V10LENZA(') l r- o....~ PA PALERMO DOPO DINO! I PRONTO SOCCORSO SOCIALIO TP TRAFANI ' _.. CASA DI ACCOGl.IENZA PER PA PALERMO GESTANTI E RAGAZZE MADRI e i O """e. '.7 (2 o

9 -. PAG.2 "ALTEGATO A n al Decreto D.DJSI n. ]1.. 1 del - 3 A~B lui! Ord. Numero Protocollo Pro\'. Grad. 8QtgDato COMUNE TITOLO PROGETro IMPORTO PUNTEGGIO IMPORTO PROGEITO ASSEGNATO ASSEGNATO ' RIFUNZIONA LlZZAlTONE DI UNA PA CAMi'OFEUCE DI ROCCEUA UNITA' ABITATIVA CENTRO E oooo : DIURNO PER DISABILI rufunltonaluzanonee RlCONVERS10NE IMMOBILE DI : CT I MASCALI VIALE lmmi>colata prazione oo OO FONDACHELLO-PRONTO SOCCORSO SOCIALE!. IO ME FURNARI PRONTO SOCCORSO SOCIALE OO 63! I '-- "....._- 0" _.. ' : BIDLlOTECA COMUNALE Il ra TERRASlNl ' MULTIMEDIALE 12 j : PA ~ BORGETIO DOPO DI NOI OO oooo FA ' CrNlSI AG SCIACCA.o _. _.. o AG SCIACCA _ ADEGUAMENTO CASA BADALAMAENTI CASA DEL VOLONTARIATO E DELL'ASSOCIAZIONISMO CASA DEL VOLONTARlATO E DELL'ASSOCIAZIONISMO ooOO 63 e. 3oo.oooOO OI OI " "-' " ' -'- "' -- - E PA MISILMERl CENTRO DIURNO PROPULSORE : : DI ATTlVITA' PER MTNORI _. PRONTO SOCCORSO SOC1ALE SR MELILLI E &836 : CITTA' G1ARJ)!N : AG S.STEFANO DI QurSQUINA L 7 I /.. t ~ /. CENTRO SOCIALE V1A LIDERO ATTARDI " % I o

10 . ( PAG.3 "AllEGATO A" al Decreto D.D./S1 n. 1).1 del j " ~ R "r".1 "';. l " '-~.." " '. _.. ~..... I Ord. Numero. Il i IMPORTO PUNTEGGIO IMPORTO PROGETTO Gnld. assegnalo iprotocollo P"". I PROGEITO ASS&GNA1'O ASSEGNATO COMUNE ~ _.... I PROGETTO DI CAMBIO DI i DESTINAZIONE D'USO DA OLEIFICIO A CENTRO TP BUSETO PALIZZOLO MULTlFUNZlONALE PER LE ATTIVITA' DEL "DOPO DI NOI". CENTRO DIAGGREGA2JONE 58 SERRADIFALCO AIUTO E PREVENZIONE TOSSICODlPENDENZA I I CL : PA TRAPPETO" DOPO DI NOI _. I : 22! PA TORRElTA LA NUOVA BATTAGLIA : i '.-._--.. I '-' ~- _._.. I IMPORTO COMPLESSIVO I ' o r") -. I (II<) ERRONEAMENTE INDICATO NELLA GRADUATORIA PRQWJSOR1A DI CUI Al DECRETO 0.0./51 N. 74 DEL 24/01/2014 CON IL TITOLO "antro ASCOLTO E ORIENTAMENTO" (***) ERRONEAMENTE INDICATO NELLA GRADUATORIA PROVVISORIA DI CU I AL DECRETO 0.0./51 N. 74 DEL 24/01/2014 CON IL molo " PRONTO $OCCORSO SOCIALE" (00) TRATTASI DI INIZIATIVE PRESENTATE GIA' IN TERZA SCADENZA RITIRATE DAI COMUNI E RIPROPOSTE IN QUINTA SCADENZA ~ t ' : \( ).

11 r "ALLEGATO B" al Decreto D.D.JSl n. "3 Ji A del - 3 APR PO FESR OBffilTIVO OPERATIVO Avviso pubblico per la presenlazione di progetti per la rujualificazione e riconlltrs/one del beni confiscati ajlq criminalità organizzata Ilei centri urbani e fu'ee marginajj GRADUATORIA DEFINITIVA PROGETTI NON AMMESSI A FINANZIAMENTO VSCADENZA Orci. INUlne.-o - [ProtOCOllO Iproy. GI'1Id.!anegnato I COMUNE I TITOLO PROGETTO IMPORTO PRQGETI'O 2J f---+i. _ -j -f TP CASTELVETRANO CENTRO AN1lVIOLENZA o 'lc>s58 ME GIOIOSA MAREA PRONTO SOCCORSO SOCIALE TP MAZARA DEL VALLO CASA DJ ACCOGLIENZA PER ; OESTANTI E.RAGAZZE MADRI. r:.. CENTRO ACCOGLIBNZA PER DONNE '6525 I EN PIA.ZZAARMERJNA VITI1ME DI MALTRATTAMENTO 3S0.000OO LABORATORI ARTIGIANALI CL VALLELUNGA PRATAMENO CENTRO ANTIVIOLENZADI GENERE E CASA DI ACCOGLIENZA E OO punteggio ASSEGNATO S.. 48 NOTE <l '6561 I SR " AUGUSTA BAIA LIBERA.350.oooOO : ME ROMETTA PRONTO SOCCORSO FAMIGLIA I l-l PA CACC AMO IMMOBILE CONTRADA ARANCIO : < ~ ;--t-----'----f =-...: f.- CENTRO DIURNO PER DISABILI ' '19 TP V1TA CENTRO ANTIVIOLENZA E CASA DI ACCOGUENZA PA AG MONREALE RlBERA CENTRO RENESSERnANlMALE RADIO LIRF.RA RIBERA o o. "l i (/....;;;i!..7 ~..-.~

12 " I RELAZIONE TECNICA (osservazioni UfJù:io./e Sanitario) L'intervento di recupero dell'edificio denominato "Case Sapori to"è finalizzato a rendere idoneo l'immobile per l'utilizzo come "Centro Antiviolenza e Casa di Acca glienza". A tale scopo sono stati ricavati anche in considerazione deua tipologia dell 'edificio esistente quegl i ambienti necessari ed indispensabili a rendere fruibile la struttura. lo progetto oltre ai locali di uso comune (locale di aggregazione e svago cucine ufficio-infermeria pranzo-soggiorno e servizj igienici) sono siate ricavate camere per il pernottamento. Le camere destinate a posti letto sia al piano terra che al piano primo hanno dimensioni tali da poter ospitare da un minimo di 1 ad un massimo di 4 posti per una capienza complessiva di 16 unità ivi compreso il personale addetto. Al piano terra sono previste due camere comunicanti tra loro con annesso servizio igienico per l'utilizzo da parte di persone dello stesso sesso o di un nucleo familiare. Ciascun gruppo di camere (max 5 posti letto) avrà a di sposizione un servizio igienico inoltre in ogni piano risulta presente un servizio igienico accessibile a persone con impedite capacità motorie o su sedia a ruote. L'edificio classificato come struttura sociale ai sensi del D.M. 14 giugno 1989 n Regolamento di attuazione dell'art. l della legge 9 gennaio 1989 n. 13 soddisfa i requisi ti di accessibilità di cui al punto 4.4. del succi tato D.M.. Inoltre affinché la- struttura risulti totalmente accessibile sono rispettate le specifiche funzionali e dimensionali di cui al Capo IV art. 8 del succitato D.M.. L'accesso ai locali di piano terra oltre che dal1 'iogresso principale posto a sud avverro. da quello posto a nord. Tale ingresso raccordato con l'esterno per mezzo di una piccola rampa consente un facile accesso agli spazi comuni daj quali agevolmente si possono raggiungere tutti gl i ambienti di piano terra. Gli spazi interni fino al raggiungimento della scaj a per l'accesso al piano primo hanno adeguate dimensioni con andamenti regolari con lievi disli velli raccordati per mezzo di rampe con larghezze dei vani porta tali da consentire agevolmente i movimenti (p unti ). Il piano primo sarà reso accessibile a persona con impedita capacità motoria per mezzo di un montascale per disabili a cingoli. Le parti terrn.in ali degli impianti avranno pos1zloru (p lanimetrica ed altimetrica) confonni a quanto disposto dal punto

13 Ogni servizio igienico destinato ai disabili sarà dotato di apparecchi sanitari (lavabo w.c. e doccia a pavimento) rubinetterie segnalatore acustico e di altre attrezzature (corrimano e maniglione ribaltabile) idonee a garantirne l'uso a persona con impedita capacità matoria (punto ). J set>'izi per disabili sono inoltre di dimensioni planimetriche idonee a garantire la necessarie manovre di una persona su sedie a ruote. Gli spazi esterni con andamenti semplici lineari e privi di ostacoli avranno percorsi pedonali di larghezza non inferiore a 90 cm e tali da consentire agevolmente inversioni di marcia. Essi avranno pendenza longitudinale inferiore al 5% e pendenza trasversale inferiore all' 1%. Eventuali dislivelli con le aree adiacenti che non siano complanari saranno raccordati con rampe di adeguate dimensioni e carat1eristiche (larghezza minima di l50 metri e pendenza non superiore all'8%). Da quanto sopra citato l' immobile in esame può ritenersi conformi ai criteri dj aecessibi1ità secondo quanto previsto dal D.M. 14 giugno J989 D Regolamento di attuazione dell'art. 1 della legge 9 gennaio 1989 n. 13 e successive modifiche ed integrazlool. Poiché la struttura potrà ospitare un numero massimo di 16 unità (comprendendo anche il personale addetto) non si prevede un elevato numero di coperti per ogni paslo principale. Pertanto considerando che la scorta delle derrate alimentare deperibili avverrà giornalmenle e sarà collocato in appositi frigoriferi posti in cucina per la parte di derrate alimentari non deperibili è stato previsto una dispensa ricavata nello spazio delimitato dalla rampa scala e di dimensioni pari a metri 125x405 per un'altezza media di oltre 220 metri. Castelvetrano lì -'

14 RELAZIONE TECNICA L'edificio denominato "Case Saporito" sorge all'intern o di un'azienda agricola ubicata in Contrada Canal otto territorio di Castelvetrano. Sì accede al fabbricato percorrendo la strada vicinale "Canalotto" a sua volta raggiungibile dalla strada Provinciale Bresciana di Sopra. L' immobile distinto in catasto al foglio di mappa n. 121 particella n. I l è di vecchia fattura ha una porzione diruta una parte in pessime condizioni stati che ed una parte recuperabile ma che necessita di interventi di restauro e completamento per renderla utilizzabile al fine di consentire il suo utilizzo come "Centro Antiviolenza e Casa di Accoglienza". In prossimità dell'ingresso dalla strada vicinale ed in aderenza al confine ovest posto all'interno dell'area di pertinenza del suddetto fabbricato (particella n. 3) esiste un piccolo magazzino in totale stato di abbandono fati scente e privo di copertura. Di tale manufatto si prevede la totale demolizione sia per motivi di sicurezza sia per l'alto costo per il suo recupero funzionale non giustificabile ai fine del suo utilizzo. Oggetto del progetto di restauro sarà il corpo centrale del manufatto con la delimitazione della zona posta ad esi (in totale stato di abbandono) che sarà isolata con barriere costituite da pannelli grigliati dalla restante parte della costruzione. Si provvederà alla demolizione delle superfetazioni (in panico lare di un manufatto posto al piano primo e g...avante sui solai dell'ala ovest). Tale ala è stata sicuramente realizzata in epoca successiva all'edificazione delle restanti parti dell'edificio. Al1'edificio principale oggetto di restauro si accede da più ingressi posti sui lati nord e sud in particolare gli ingressi principali sono posti sul lato sud mentre sul lato nord esiste una porta basculante che immette in un magazzino ed un portoncino che consente l'ingresso all'ala nord-ovest utilizzata come abitazione per i coloni. Gli ingressi posti sul lato sud sono delimitati da orlatura in pietra tufacea e sormontati da finestre i varchi sono realizzati con cielo ad arco ribassato. Quelli esistenti posti sul lato nord sono stati realizzati in epoche successive e si nota la presenza di una porta metallica (basculante) e di un portoncino con cielo ad arco a tutto sesto. Nella parte confinante con una porzione di edificio già demolita si notano due vani porta con volta ad arco ribassato che originariamente collegavano l'interno del manufatto -'

15 con i vani oggi demoliti. Tali accessi sono stati chiusi con tramezzi. L'intervento di restauro da effettuarsi sulla struttura di copertura risulta essere condi zione improcrastinabile e necessaria ai fini dell'eliminazione delle cause estrinseche di degrado. Per la conservazione dell'intero edificio è auspicabile quindi porre rimedio a l decadimento delle strutture di copertura che hanno ingenerato infiltrazione di acqua piovana nelle volte e nelle strutture murarie in elevazione causando parziali crolli e deterioramento delle strutture portanti dei diversi ori zzontamenti. L'attuale proget1o di restauro conservativo si propone non solo di arrestare il processo di deterioramento del manufatto architet1onico ma anche di restituire ad un uso funzionale un edificio confi scato alla mafia in modo da renderlo utili zzabile ai fini sociali. Sono stati previsti interventi di consolidamento con tecniche tradizionali in particolare: la sarcitura di lesioni con mattoni pieni con la tecnica del cuci e scuci eseguita con l'uso di malta di calce idraulica; il consolidamento delle volte in murarura di segati di tufo o in mattoni con l'originale tecnica costruttiva; l'utilizzo di adeguati materiali atti a ripristinare la coesione dei paramenti murari attraverso l'iniezione di malte idrauliche; il consolidamento ave possibile di vecchi intonaci; il rifacimento di intonaci con malte a base di calce idrauli ca; il recupero delle pavimentazioni originali (ave possibile) e la loro ricollocazione; il ripristino di lesene sagoljle modanalure sagome comici archi ecc: con pietra tufacea da intaglio. Si è previsto di migliorare da! punto di vista sismico i manufatti attraverso l'eliminazione delle superfetazioni che hanno modificato nel tempo la resistenza strutturale c0l!iplessiva degli immobili in particolare è prevista la demolizione dell'ala del piano primo a partire dal muro di delimitazione ad ovest del corpo centrale il ripristino delle ammorsature e delle testate d'angolo la creazione di un cordolo alla sommità delle coperture eseguito in modo tale da non intaccare il paramento murario esterno la sostituzione dell'orditura principale e secondaria dei solai ormai non più recuperabili la demo lizione dei solai in laterocemento dell'ala ovest e di un solaio di primo orizzontamento del corpo centrale la reali zzazione di nuovi solai in laterocemento e travetti prefabbricati. Per migliorare le condizioni igienico-sanitarie dell'immobile è stata prevista una razionalizzazione del sistema di smaltimento delle acque piovane la coibentazione e -'

16 l' impermeabilizzazione delle coperture con l'uso di guaina ed ondulina sottocoppo con sovrastante manto di coppi siciliani attraverso il riutilizzo anche di quelli recuperati ['eliminazione della copertura con lastre di etemit esistente nell'ala est con la bonifica del materiale esistente e la realizzazione di nuove coperture del tipo sopradescritto. La pavimentazione interna sarà realizzata con mattoni in ceramica integrata possibilmente con i mattoni recuperati. E' stato previsto: il restauro degli infissi ancora recuperabili e la collocazione di nuovi della stessa tipologia di quelli esistenti; ed il ripristino delle aperture chiuse. Gli spazi esterni adiacenti l'edificio saranno bonificati con l'eliminazione delle piante infestanti e la loro sistemazione a verde o in (erra battuta. Sara realizzato un percorso in terra battuta rispettando la conformazione del terreno e prevedendo spazi' per la sosta ed il raggiungi mento delle varie parti dell'edificio. La parte di viale di accesso posta in prossimità degli ingressi sula lato sud sarà delimitata da una staccionata in legno con segmenti verticali e corrimano realizzati con essenze di castagno. La reciozione sarà completata con diagonali anch'esse in legno di castagno che daranno solidità a tutta l'opera. L'accesso allo spazio di servizio dell'edificio sarà garantito da un accesso carrabile ricavato nel si to già previsto per ['accesso con la ricostruzione di alcuni tratti di recinzione in muratura e la collocazione di apposito cancello. Per migliorare la resa energetica dell'edificio ohre alle opere di coibentazione già previste saranno collocati due sistemi a collenore solare per la produzione dì acqua calda con boiler di accumulo che consentono la fomitura di acqua sanitaria a rutti i seviz i e le cucine dell'edineio. DESTINAZIONI D'USO Dopo l'intervento di ristrutturazione e restau ro si prevede il riutilizzo de! fabbricato come "Centro Antiviolenza e Casa di Accoglienza" a favore di persone bisognose. Al piano terra esteso circa 430 mq sono previste in totale cinque camere tre servizi igienici una cucina un ampio locale di aggregazione e svago un ufficio-in fermeria e l' ingresso dove è ubicata la scala per l'accesso al piano primo. All'interno del piano terra si può utilizzare uno spazio fonnato da due camere ed un servizio che può ospitare agevo lmente una famiglia garantendo loro la necessaria privacy. -'

17 Il piano primo della superficie di mq 169 circa sarà composto da due ampie camere che consentono la presenza di numerosi ospiti una cucina un pranzo-soggiorno due servizi igienici ed un terrazzo praticabile. I locali saranno rifiniti con pavimenti in ceramica pareti e soffi tti rivestiti con intonaco civile per interni le pareti dei servizi igienici saranno ri vestite fino all 'altezza di circa 220 metri con piastrelle di ceramica. Gli impianti idrico ed elettrico saranno del tipo sottotraccia e realizzati in confonnità alla nonnativa vigente. L'approvvigionamento idrico avverrà per mezzo di un serbatoio collocato fuori terra ispezionabile ed impermeabili zzato di adeguate dimensioni idoneo 3' mantenere acqua potabile e rifornito da autobohe. l reflui di tipo civile per mezzo di un impianto di smalti mento Saranno convogliati in una vasca biologica interrata tipo imhoff costituita da sedimentatore e digestore. I liquami ch iarificati a loro volta saranno convogliati in una rete interrata e dispersi nel terreno circostante per sub-irrigazione. La vasca dimensionata per almeno venti abitanti sarà ubicata alla distanza di oltre 7 metri dal fabbricato ed almeno lo metri da pozzi condotte O serbatoi di acqua potabile interrati. L'impianto di smaltimento reflui sarà costituito da tubazioni In p.v.c. interrate di adeguate dimensioni coll egate a pazzetti si fonati ispezionabili.

18 fine di renderlo idoneo per ['utilizzo come centro antivioleljza e casa di accoglienzà Regione Siciliana Provincia Regionale di Trapani Città di Castelvetrano Selinunte IlIO Settore Uffici Tecnici 1 0 Servizio Oggetto: PROGETTO DENOMINATO " Restauro e recupero funzionale di un fabbricato conflscato alla mafia al fine di renderlo idoneo per l'utilizzo come centro antiviolenza e casa di accoglienza- CASE SAPORITO - C.DA CANALOTTO". CUP C36D ***** APPROVAZIONE IN LINEA TECNICA - V ALIDAZIONE DEL PROGETTO (ai sensi dell'art. 55 del D.P.R. 5 ottobre 2010 n. 207 e s.m. i. recepito in Sicilia con la L.R. 12 luglio 2011 n. 12 e s.m. i.) PREMESSO che: l'amministrazione Comunale si è prefissato l'obiettivo di dotare il territorio di una struttura da destinare a centro antiviolenza e casa di accoglienza; per tale obiettivo ha manifestato interesse a partecipare all'avviso pubblico per la presentazione di progetti per la riqualificazione e riconversione dei beni confiscati alla criminalità organizzata nei centri urbani e aree marginali emanato dall' Assessorato Regionale della Famiglia Politiche sociali e del lavoro con D.D.G. del ; nelto specifico l'intervento è coerente con la finalità di cui al punto 4 del predetto avviso ed in particolare con la tipologi.a: "centri antiviolenza e case di accoglienza (legge regio!"!~.ie n03/20 12)"; con decreto no 1574 del dell' Agenzia nazionale per 1'Amministrazione e la destinazione dei Beni sequestrati e Confiscati alla Criminalità organizzata il compendio di baglio e terreni agricoli già destinati all'attività agricola distinti in catasto alle particelle e 118 del foglio di mappa 121 è stato tràsferito al comune di Castelvetrano per essere concesso ad associazioni o cooperative che operano nel sociale; VISTO il provvedimento n 920 del con il quale è stato nominato R.u.P. l'arch. Vincenzo Barresi; VISTA la delibera n 0 64 del di inserimento del progetto definitivo relativo all'oggetto nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche nonché nell'elenco annuale; VISTO il D.D.lSl 741 DEL (A1I11\1J dell'assessorato Regionale della Famiglia Politiche Sociali e del Lavoro recante l'am.missione a finanziamento del progetto defuritivo di " Restauro e recupero fullziollille di un fabbricato confiscato alla mafia al CASE SAPORITO - CDA CrÌNALOTTO "

19 VISTO il progetto esecutivo redatto in data integrato in data dal gruppo di lavoro già costituito con provvedimento dirigenziale n0886 del modificato con successivi provvedimenti dirigenziali no 29 del e del costituito dalle tavole di cui all'allegato elenco (ali. A); VISTO il parere favorevole reso dalla conferenza dei servizi convocata ai sensi dell'art. 5 della L. R secondo quanto previsto dau'art. 4 della L. R. 5/2011. con i verbali 0 1 del (all.b) e n 2 del (AIl.C); VISTO il Piano Regolatore Generale (p.r.g.) del comune di Castelvetrano e i relativi Regolamento Edilizio e Nonne Tecniche di Attuazione ed in particolare la Z.T.O. "El" del P.R.G.; VISTO l'art. 61 delle N.T.A. del PRG. recante No rme per il riuso d i fabbricati rurali esistenti prima dell' entrata in viqore della legge 1150/1942 che prevede: "Tali fabbricati con particolare riferimento a bagli e masserie tutti ricadenti nelle zone territoriali omogenee "El" "E2" ed "E3" mantenendo la destinazione d'uso connessa all' attiv i tà agricola possono essere parzialmente o totalmente utilizzati per attività turistico ricettiva museale ricreativa e di ristoro Il Liuso di tali edifici deve essere previsto nel rispetto della consistenza plani-volumetrica e delle caratteristiche tecnico formali esistenti." RILEVATO che il progetto riguarda la realizzazione di un centro di antiviolenza/casa di accoglienza e quindi avente i requisiti di cui al predetto art. 61 in quanto prevede di mantenere la destinazione d'uso connessa all'attività agricola e ricevere soggetti aventi specifiche caratteristiche; RILEVATO che l'opera risulta inserita nel piano triennale delle OO.PP e.nel relativo elenco annuale; L'anno duemilaquattordici il giorno quattro del mese di giugno il sottoscritto Arch. Vincenzo Barresi Responsabile Unico del Procedimento delle opere pubbliche di cui all'oggetto ha proceduto in contraddittono alle verifiche previste dalle nonne di cui al DPR 05/ n. 207; a) la progettazione eseculiva è stata redatta in data 29/ e integrata in data 26.05'.2014 dal gruppo di lavoro costituito; b) l'opera pubblica sarà realizzata con fondi comlulitari P.O.R. FESR linea d'intervento 6.3.2; c) gli elaborati progettuali che costituiscono il progetto esecutivo contengono tutti gli elementi tecnico economici utili per la realizzazione dell'opera. Effettuate pertanto le suddette verifiche il sottoscritto Arch. Vinceozo Barresi Responsabile unico del procedimento dà VALIDAZIONE alla progettazione esecutiva relativa alla realizzazione dei lavori di che trattasi. APPROVAZIONE TECNICA: Visto il progetto esecutivo redatto dal suddetto gruppo di lavoro in data 29/04/2014 e integrata in data come di seguito distinto e costituito dagli elaborati tecnico amministrativi di cui all'allegato elenco; Rilevato che dall'esame del progetto risulta che alcuni prezzi adottati sono rispondenti al prezziario Regionale vigente m..entre alcuni sono stati desunti da analisi prezzi ricavate N/ì

20 mediante il procedimento di cui al comma 2 dell'art. 32 del D.P.R /2010 n. 207 ESPRIME P ARERE FAVOREVOLE ai sensi dell'art. 93 del D.lgs e s.m.i. e dell'art. 55 del D.P.R /2010 n. 207 recepiti in Sicilia con L.R. ll. 12 del 12/ ATTESTA - che il livello di progettazione è esecutivo; - che le opere sono confonni a quanto previsto nelle nonne tecniche di attuazione del P.R.G. dato che trattasi di un utilizzo in linea con quanto previsto dall'art. 61 cioè mantenimento di destinazione connessa con l'attività agricola attraverso il riuso di antichi fabbricati rurali; PROPONE - in confonnità alle superiori nonne e regolamenti che l'intervento possa essere affidato con procedura aperta ex art. 3 comma 37 del D.Lgs salvo diversa indicazione della Stazione Appaltante. -In confonnità all'art. 147 D.P.R. 05/10/2010 n. 207 che il direttore dei lavori e l'eventuale ufficio da quest'ultimo dipendente sia istituito prima della gara di procedura aperta predetta. Castelvetrano lì 04/06/2014 llr.u.p. Arch. v~ Barresi

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE n.ili: del 2 8 MRR. 2014 OGGETTO: Concessione di no 2 borse di studio intilolate alla memoria del dotto Mauri zio Vi

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1.

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1. *** *,. * *** La tua Campania cresce in Europa Via De Turris n.16 "Palazzo S. Anna" Te/. 081 3900565 fax 081 3900592 e-mail: urbanistica@comune.castellanunare-di-stabia.napoli.it pec: urbanistica.stabia@asmepec.it

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 Page 1 of 10 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PARTE PRIMA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI' DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE:

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

tm \, ~. "'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,... " COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. d6::l DEL,Il - 02.

tm \, ~. 'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,...  COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. d6::l DEL,Il - 02. tm \, ~. "'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,... " COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - r:..,... i f,p.:

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE COAWYE PERC,1 (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. i Registro Delibere OGGETTO: Prosecuzione fino al 31/12/2014 n. 12 contratti di lavoro di diritto privato a tempo determinato

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DPR N 380 DEL 06/06/2001 (TUE) Il Testo Unico per l Edilizia

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli