ASSE IV APPROCCIO LEADER PSR REGIONE CAMPANIA 2007/2013 GAL I SENTIERI DEL BUON VIVERE S.C.R.L.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSE IV APPROCCIO LEADER PSR REGIONE CAMPANIA 2007/2013 GAL I SENTIERI DEL BUON VIVERE S.C.R.L."

Transcript

1 Numero progressivo 1 Beneficiario PSL I SENTIERI DEL BUON VIVERE MISURA 41 SOTTOMISURA 413 BANDO DI ATTUAZIONE DELA MISURA 312 Sostegno alla creazione e allo sviluppo delle microimprese Bando scadenza 23/09/2013 GRADUATORIA DEFINITIVA DELLE ISTANZE AMMISSE A FINANZIAMENTO Numero di Numero Data Punteggio Spesa ammissibile domanda protocollo protocollo totale Contributo GAL Pepe Palmina E/335 23/09/ , ,24 2 Zecca Giuseppe E/323 23/09/ , ,92 Croce Giuseppe E/336 23/09/ , , Ciociola Tiziana E/321 23/09/ , ,59 5 Soldovieri Luigina E/316 23/09/ , ,65 6 Paesano Giuseppina TOTALE Laviano, 27/06/2014 Il Coordinatore Elisabetta Citro E/315 23/09/ , , , ,76 Il Presidente Rocco Falivena

2 PSL I SENTIERI DEL BUON VIVERE MISURA 41 SOTTOMISURA 413 BANDO DI ATTUAZIONE DELA MISURA 312 Sostegno alla creazione e allo sviluppo delle microimprese Bando scadenza 23/09/2013 ELENCO DEFINITIVO DELLE ISTANZE NON AMMISSIBILI AL FINANZIAMENTO Non ci sono istanze non ammissibili a finanziamento Laviano, 27/06/2014 Il Coordinatore Elisabetta Citro Il Presidente Rocco Falivena

3 PSL I SENTIERI DEL BUON VIVERE MISURA 41 SOTTOMISURA 413 BANDO DI ATTUAZIONE DELA MISURA 312 Sostegno alla creazione e allo sviluppo delle microimprese Bando scadenza 23/09/2013 Num. prog. Beneficiario ELENCO DEFINITIVO DELLE ISTANZE NON AMMISSIBILI A VALUTAZIONE Numero protocollo Data protocollo Numero di domanda Motivazioni 1 Sonia Cedrola E/334 23/09/ A seguito della revisione effettua dalla Regione si ritiene l istanza non ammissibile a - Il computo metrico non contempla le opere di demolizione; non è stato computato il costo del rivestimento delle pareti verticali del wc e della cucina sala pranzo. Si evidenzia a tal proposito che, fermo restante l importo massimo dell investimento previsto dal bando ( ,00) è comunque necessario quantificare i costi afferenti l intero progetto, anche quelli che la richiedente intende accollarsi integralmente; - Il tecnico progettista non ha reso una dichiarazione giustificativa in ordine agli N. P. (nuovi prezzi) inseriti nel computo metrico. Si evidenzia a tal proposito che ogni qual volta vengono adottati degli N. P., il ricorso agli stessi deve essere supportato da argomentata motivazione giustificativa in ordine alla impossibilità di reperire tale tipo di opera in seno al prezzario vigente, anche eventualmente ponendo a confronto le stesse con altre più o meno simili previste dal tariffario.vedasi la voce infisso in legno alluminio, persiana, ecc.. Nel caso del tritarifiuti, trattandosi di attrezzatura da immobilizzare, il costo andava semmai stimato in base a tre preventivi confrontabili e non con analisi prezzo. - La documentazione relativa agli acquisti da sostenere non è congruente e, nello specifico: 1)- Preventivo per fornitura e montaggio stufa a pellets: due preventivi non sono datati;

4 2)- preventivo fornitura e istallazione impianto servoscala : un preventivo non è firmato (preventivo prescelto); un preventivo è in fotocopia ; l acquisto di bici non rientra tra quelli per la tipologia b, bensì sono contemplati nella tipologia c; 3)- predisposizione CD Rom come ausilio per ospiti con disabilità sensoriali (non vedenti): un preventivo è in fotocopia; 4)- realizzazione rete Lan e Wifi: un preventivo è in fotocopia; preventivo per arredi interni: un preventivo è in fotocopia ; i tre preventivi riportano i prezzi unitari, ma la descrizione della fornitura non è adeguatamente dettagliata per la camera da letto (descrizione dimensioni e dei materiali) e per la cucina (caratteristiche e dimensione sia arredi che elettrodomestici); 5)- preventivi per fornitura di hardware e software: sono dettagliati e confrontabili, ma manca fotocopia del documento di riconoscimento dei titolari e/o rappresentanti legali e/o amministratori ditte fornitrici; - Manca l attestazione che i fabbricati oggetto di finanziamento sono in regola con le vigenti norme in materia edilizia (accatastati, condonati, costruiti con permesso,.) )Titolo abilitativo dell immobile oggetto di finanziamento o perizia asseverata da professionista abilitato). Altre criticità rilevate: Manca documento di variazione/aggiornamento codice attività presso Agenzia delle Entrate, da cui poter rilevare il codice ATECO; la titolare è architetto presumibilmente iscritta all albo, pertanto, nel caso disponga di partita IVA per l esercizio della professione si rende necessaria la variazione presso l Agenzia delle Entrate, con l aggiunta del codice di attività extralberghiera, che deve essere inserito come attività primaria/prevalente; La relazione sulla manodopera non quantifica l incremento occupazionale in termini di ULA (monte ore di lavoro) derivante dall implementazione dell attività di case ed appartamenti per vacanze ; La documentazione fotografica presente nel CD rappresenta solo la parte esterna dell immobile oggetto di intervento. In allegato SCIA sono presenti, in fotocopia, foto degli ambienti interni che però non sono chiare; Il serbatoio a pressione atmosferica per l acqua sanitaria non è stato ubicato sui grafici; La dichiarazione attestante che l immobile è stato realizzato in data antecedente al 1

5 settembre 1967 è stata resa dal tecnico progettista e non dall intestatario dell istanza di di finanziamento; inoltre, riportato un numero di particella errato (454) in luogo di quello corretto (484); La Dichiarazione resa dal richiedente circa l assenza posti in merito al titolo urbanistico, non riporta la data e il numero di protocollo della SCIA a cui fa riferimento. 2 De Vita Renata E/329 23/09/ A seguito della revisione effettua dalla Regione si ritiene l istanza non ammissibile a - Dagli elaborati grafici e dalla documentazione fotografica, si rileva chiaramente che la struttura è incompleta, in quanto priva di tramezzature, di pavimentazione, di intonaco ed altre opere di finitura e non ha i requisiti della civile abitazione, contrariamente a quanto si evince dalla visura catastale allegata ( categoria A/2); il WC per disabili ha dimensioni di 1,80 m x 1,70 m, appena sufficienti per l allestimento del lavabo e del vaso, ma non per il piatto doccia il cui costo è stato computato; la soluzione progettuale che prevede per le due camere dal letto indicate come letto 1 e letto 2, lo stesso servizio igienico, non è conforme alle prescrizioni del bando, poiché essendo totalmente separate non sono assimilabili ad una camera doppia con quattro posti letto; - La documentazione relativa agli acquisti da sostenere, non è congruente e, nello specifico: 1) Manca relazione tecnico-economica redatta e sottoscritta da un tecnico qualificato, circa i criteri in base ai quali è stata individuata l offerta ritenuta più congrua; 2) Predisposizione cd rom con voce registrata come ausilio per non vedenti: un preventivo è in fotocopia; 3) - Progettazione e realizzazione rete Lan e Wifi in tutti gli ambienti della struttura: un preventivo è in fotocopia; 4) Progettazione, realizzazione e pubblicazione sito Web: un preventivo è in fotocopia; 5) Arredi per camere da letto; fornitura ed allestimento cucina componibile: i preventivi non sono adeguatamente dettagliati (carente descrizione dei materiali, dimensioni); un preventivo riporta nell oggetto la realizzazione sito web, inoltre, nell attività della stessa non rientra la fornitura ed allestimento di arredi; un preventivo è in fotocopia; - Computo metrico non congruente: a) per alcune categorie d opera sono stati utilizzati prezzi che non trovano riscontro nel prezzario OO.PP. della Regione Campania vigente al momento della presentazione dell istanza di finanziamento (Edizione 2013); b) manca

6 l analisi prezzo relativa al nuovo prezzo N.P. 01; c) il ricorso a nuovi prezzi non è stato giustificato dal tecnico progettista con specifica dichiarazione; si evidenzia a tal proposito che ogni qual volta vengono adottati degli N. P., il ricorso agli stessi deve essere supportato da argomentata motivazione giustificativa in ordine all impossibilità di reperire le categorie d opera a cui essi si riferiscono in seno al prezzario vigente, anche eventualmente ponendo a confronto le stesse con altre più o meno simili previste dal tariffario; d) non computato l aspiratore che, invece, è necessario per i wc e per la cucina che sono privi di finestre, sebbene esso sia stato previsto nei grafici, anche se solo per la cucina ed il wc a servizio del letto 1 e letto 2; - Titolo di possesso non adeguato: il contratto di locazione, peraltro presente in copia conforme non all originale, stipulato in data , registrato il al n. 4294, presso l ufficio di Eboli dell Agenzia delle Entrate, non garantisce la durata minima prevista dal bando (5 + 2 = 7 anni), poiché le parti (proprietario e locatario) non hanno rinunciato espressamente al diritto, previsto dalla legge 392/78 all art. 27, di rescissione anticipata del contratto. Altre criticità rilevate: La relazione sulla manodopera non quantifica l incremento occupazionale in termini di ULA (monte ore di lavoro) derivante dall implementazione dell attività di affittacamere ; In luogo della concessione edilizia con cui è stata autorizzata la realizzazione dell immobile oggetto di intervento, è stata allegata perizia asseverata dal tecnico progettista che tuttavia non riporta gli estremi identificativi (numero e data) del titolo urbanistico. La verifica della valutazione ha evidenziato il mancato raggiungimento della soglia minima pari a 27,5 punti per la sezione validità del progetto. 3 Chiumiento Maddalena E/330 23/09/ A seguito della revisione effettua dalla Regione si ritiene l istanza non ammissibile a - La relazione tecnico-economica non descrive sufficientemente l attività che la richiedente intende implementare. - Manca la relazione dettagliata sull incremento occupazionale che viene riportato

7 brevemente nella relazione tecnico-economica, peraltro non in termini di ULA (monte ore lavoro). - La particella catastale indicata nel progetto non trova riscontro sulla visura di mappa allegata; la particella evidenziata sulla stessa ha come identificativo catastale di particella il n. 59, anziché il n. 1000; non è stata allegata visura storica di immobile. - I preventivi non riportano i prezzi unitari per ciascun arredo/attrezzatura da acquistare; manca la relazione tecnico-economica a firma di un tecnico qualificato, sottoscritta dalla richiedente, in ordine ai criteri in base ai quali è stata scelta l offerta. - Il computo metrico estimativo non contempla: 1)il costo del sistema di areazione forzata necessario per il WC che è privo di aperture verso l esterno; 2) il costo dell arredo WC per disabili. - Il contratto di locazione stipulato in data 16/09/2013, registrato presso l Agenzia delle Entrate Ufficio Territoriale di Eboli in data 20/09/2013 al n 4460; durata 6+6 (dal 16/09/2013 al 15/09/2025) non garantisce, con certezza assoluta, la durata minima richiesta dal bando di 7 anni (5+2), poiché entrambe le parti (locatore, locatario) non hanno rinunciato espressamente al diritto, previsto dalla legge 392/78 all art. 27, di rescissione anticipata del contratto. - Manca concessione edilizia relativa all immobile preesistente, ovvero dichiarazione attestante che è l immobile è stato costruito in data antecedente al 1 settembre Manca la dichiarazione resa dal richiedente circa l assenza di rilievi posti in merito alla SCIA/DIA. 4 Vinciguerra Federica E/317 23/09/ Il punteggio attribuito per la validità progetto non raggiunge la soglia minima A seguito della revisione effettua dalla Regione si ritiene l istanza non ammissibile a - L'intervento non garantisce pienamente il rispetto delle norme sull'abbattimento delle barriere architettoniche. in quanto il computo metrico non contempla il costo per l'arredo del bagno x disabili; nell'elaborato grafico di progetto, inoltre, non è stata indicata espressamente la camera con relativo bagno da destinare alle persone diversamente abili.

8 - La documentazione relativa agli acquisti da sostenere. non è congruente e nello specifico: l) Arredi x camere da letto: il preventivo di una ditta non è più in corso di validità. in quanto è datato 16/10/2012; 2) Cucina componibile,. inclusi elettrodomestici: il preventivo di una ditta non è più in corso di validità. in quanto è datato 16/10/ ) La workstatione per computer+ sedia operativa: il preventivo della ditta non è più in corso di validità. 4) Notebook. multifunzione e modem router wi-fi: i preventivi di due ditte non sono corredati dei documenti di riconoscimento del rappresentante legale e/o amministratore unico; 5) Realizzazione sito web aziendale: i preventivi di due ditte non sono corredati dei documenti di riconoscimento del rappresentante legale e/o amministratore unico; 6) Arredo x area esterna, fornitura e posa in opera percorsi tattili x disabili della vista e ipovedenti: i preventivi di due ditte non sono corredati del documento di riconoscimento del rappresentante legale e/o amministratore unico; 7)Montascale mobile a cingoli (costo d'acquisto a totale carico della ditta richiedente): il preventivo di una ditta non è più in corso di validità, in quanto è datato 16/10/ Computo metrico non congruente : a) per un numero non trascurabile di categorie d'opera, sono stati utilizzati prezzi che non trovano riscontro nel prezzario OO.PP. della Regione Campania vigente al momento della presentazione dell'istanza di finanziamento (Edizione 2013); b) mancano le analisi prezzo relative ai seguenti nuovi prezzi.: NP02. NP04. NP06 (duplicato), NP01: il ricorso a nuovi prezzi non è stato giustificato dal tecnico progettista né con specifica dichiarazione e nè in relazione. Si evidenzia a tal proposito che ogni qual volta vengono adottati degli N.P.. il ricorso agli stessi deve essere supportato da argomentata motivazione giustificativa in ordine all'impossibilità di reperire le categorie d opera a cui essi si riferiscono in seno al prezzario vigente, anche eventualmente ponendo a confronto le stesse con altre più o meno simili previste dal tariffario. - Titolo di Possesso non adeguato: il contratto di locazione stipulato in data 10/09/2013, registrato il 10/09/2013 al n. 7248, presso l'ufficio di Salerno dell'agenzia delle Entrate, non garantisce la durata minima richiesta dal bando (5 + 2 =7 anni), poiché le parti (proprietario e locatario) non hanno rinunciato espressamente al diritto, previsto dalla legge 392/78 all'art. 27, di rescissione anticipata del contratto; il punto 18 del contratto subordina l'efficacia (validità) dello stesso all'approvazione dell'istanza di finanziamento di cui alla presente verifica.

9 - Non è possibile verificare la qualità catastale dell'immobile, poiché non è stata allegata la visura catastale; peraltro, la visura di mappa del 04/09/2013 (Prot.llo n. T106568/2013), individua il mappale 500 e non il 608 che è quello oggetto di intervento, il quale non è dalla stessa rilevabile; la ditta non ha prodotto visura storica dell'immobile da cui si evinca, eventualmente, che il mappale 608 sia derivato dal 500. Altre criticità rilevate: - La relazione sulla manodopera non quantifica l'incremento occupazionale in termini di ULA (monte ore di lavoro) derivante dall'attività di affittacamere; - Manca il certificato di attribuzione partita IVA, di norma allegato alla ricevuta di accettazione di comunicazione unica, da cui rilevare il codice ateco; - il cd contenente la documentazione fotografica non è leggibile; in allegato alla relazione tecnica sono presenti le stampe di alcune foto dell'immobile oggetto d'intervento che documentano solo la parte esterna. 5 Casa Madaio E/320 23/09/ A seguito della revisione effettua dalla Regione si ritiene l istanza non ammissibile a - Dalla lettura dell atto costitutivo del 14/01/1998 ( Notaio Arturo Errico di Salerno), la società risulta avere unica sede (legale, amministrativa ed operativa) in Eboli alla via Serracapilli; dallo statuto redatto di data 07/01/2012 ( Notaio Giuseppina Pessolano di Eboli) risulta che la sede legale è in Castelcivita alla Piazza Umberto I n.1 e la sede operativa è in Eboli alla via Serracapilli snc; Di fatto alla data di presentazione dell istanza di finanziamento, non vi è evidenza, in quanto non prodotti atti probanti, che la ditta abbia già una sede operativa in Castelcivita; ; - Manca documentazione attestante iscrizione all albo delle Imprese Artigiane; - La relazione tecnica economica è estremamente carente in ordine alla rappresentazione delle azioni di Marketing che la ditta intende implementare. Si evidenzia a tal proposito che la stessa si riferisce dell acquisto di n 4 corner frigo da allestire nei locali di proprietà, il cui costo trova agevole riscontro nelle offerte preventivo allegate, tant è che gli unici preventivi nei quali si fa menzione di essi, sono quelli di due ditte che hanno competenza in materia di marketing; peraltro, dalla lettura dei preventivi, non si comprende se si tratta di corner e/o vetrine telematiche o carner/vetrine refrigeranti/ e reali ) dotate di consistenza fisica) ;

10 - Manca copia conforme originale della visura di mappa catastale: è stato allegato un elaborato planimetrico catastale; - Alcuni preventivi sono in fotocopia, nello specifico: a) preventivo per la fornitura della macchina sottovuoto; b) preventivi non confrontabili :si ribadisce quanto già annotato per la verifica della relazione tecnica co-economica, vale a dire che non si comprende se trattasi di vetrine telematiche o di carner ( vetrine) refrigerate dotate di consistenza fisica, come invece rappresentato in relazione tecnico economica ; - Il titolo di possesso dell immobile in cui allestire l attrezzatura/arredo da acquistare, fa riferimento all identificativo catastale Comune di Castelcivita- Foglio 27 mappale 288 sub 23 e 24, allorché particella 286 ; Dalla valutazione, inoltre, l istanza risulta non ammissibile a finanziamento: punteggio totale di 42 punti ( soglia minima 51punti ); punteggio validità del progetto pari 17,8 ( soglia minima 27,5); 6 Serena Tenza E/322 23/09/ A seguito della revisione effettua dalla Regione si ritiene l istanza non ammissibile a - Il computo metrico non contempla le opere di demolizione a fronte della realizzazione di massetti, pavimenti, rivestimenti che invece sono stati computati; le opere computate non sono state dettagliate in R.T.E.; le stesse sono state descritte sommariamente in R.T.E. e non è stata allegata relazione tecnica di accompagnamento alla SCIA, mancano i riferimenti ai fini della valutazione della congruità dei lavori a farsi, considerando inoltre che non è stata prodotta documentazione fotografica dello stato di fatto degli interni. - La documentazione relativa agli acquisti da sostenere non è congruente e, nello specifico: per la realizzazione rete lan e wifi uno dei preventivi è in fotocopia; per gli arredi interni e televisori i preventivi di due ditte sono in fotocopia; inoltre la descrizione degli arredi interni non è adeguatamente dettagliata circa le dimensioni, i materiali e per quanto riguarda i TV (da 50 e da 24 ) anche le caratteristiche tecniche e la marca. - Manca documento specifico di autorizzazione della concedente per la rifunzionalizzazione degli immobili, l articolo 8 del contratto di locazione riporta l autorizzazione generica ad eseguire ristrutturazioni agli immobili e richiedere e riscuotere mutui e eventuali contributi, inoltre fa impropriamente riferimento agli art. 16 e

11 17 della legge 203/82 sui contratti agrari. - Manca attestazione che i fabbricati oggetto di finanziamento sono in regola con le vigenti norme in materia edilizia : la dichiarazione resa dal tecnico progettista non fa esplicito riferimento a quanto richiesto dal bando. - Con riferimento ai parametri tecnici si rilevano le presenti incongruenze: la superficie a posto letto prevista per la camera dedicata ai diversamente abili ubicata al piano terra è superiore al limite max previsto dal bando (circa 17 mq/posto letto a fronte di un max di 15 mq/posto letto) la camera da letto ubicata al piano secondo non è servita da servizio igienico e, a tal fine non può essere preso in considerazione il wc ubicato al piano primo per il quale è stato già raggiunto il limite max di quattro posti letto serviti. - La relazione sulla manodopera non quantifica l incremento occupazionale in termini di ULA (monte ore di lavoro) derivante dall implementazione dell attività di affittacamere. - La documentazione fotografica presente nel cd rappresenta solo la parte esterna dell immobile e non i locali interni che sono oggetto di intervento. - E stata allegata solo la prima pagina della SCIA che riporta un timbro di cui è leggibile solo la data ed il numero di protocollo, gli elaborati grafici dello stato di fatto e di progetto non sono vidimati dal Comune di Campagna. 7 Aquara Maria E/325 23/09/ A seguito della revisione effettua dalla Regione si ritiene l istanza non ammissibile a - Dalla documentazione fotografica si evince che nel piano seminterrato vi sono lavori di ristrutturazione non completati, infatti il locale in questione risulta privo di infissi esterni, di pavimentazione e altre opere di finitura. - Il wc per diversamente abili è stato previsto al piano seminterrato presumibilmente anche a servizio di camere da letto poste al primo piano, pertanto non facilmente raggiungibile. Inoltre la camera da letto per diversamente abili non risulta indicata nei grafici. - Manca giustifica dei nuovi prezzi presenti nel computo metrico a firma del tecnico progettista. Il costo del tritarifiuti, inoltre, andava opportunamente documentato con preventivi. - I preventivi degli arredi e delle attrezzature non sono dettagliati: manca un opportuna descrizione di materiali e dimensioni.

12 - Incongruenze sul rispetto dei parametri tecnici: 1. Camera da letto piano primo la superficie comprensiva di quella del wc è maggiore di 15 mq; 2. A causa della carenza dei grafici di progetto non si può determinare il rapporto aeroilluminante per la camera doppia ubicata al piano secondo. Altre criticità rilevate: La relazione sulla manodopera non contempla l incremento occupazionale in termini di ULA derivante dall implementazione dell attività di affittacamere. Manca comunicazione unica e/o denuncia di variazione dati da presentare all Agenzia delle Entrate da cui rilevare il codice attività Ateco e da cui si evinca che l attività extralberghiera è prevalente in quanto l intestataria della ditta svolge anche attività di lavoro autonomo in qualità di ragioniera. 8 Aceto Giovanni E/319 23/09/ Istanza Ritirata 19/12/2013 prot. E/591 9 Madaio Clementina E/318 23/09/ A seguito della revisione del Riesame effettuata dalla Regione si ritiene l istanza non ammissibile a Il bando della Misura 312 prevede che la durata residuale del contratto dovrà essere pari alla durata del vincolo di destinazione e d uso degli investimenti da finanziare maggiorata del tempo occorrente per la loro realizzazione e collaudo (2 anni). Il contratto deve avere quindi una durata di almeno 7 anni (5 + 2). Il contratto di affitto in base al quale il beneficiario detiene il bene ha una durata di Non è fornita evidenza che al termine dei primi 6 anni intervenga la proroga. Nel merito della durata del contratto di locazione commerciale ci si rifà al punto 3 della nota-parere della Giunta Regionale della Campania UOD Tutela e valorizzazione del territorio rurale, irrigazione e infrastrutture rurali-consorzi di bonifica in agricoltura Protocollo n del 20/03/2014. Da essa si rileva che non è sufficiente una semplice dichiarazione di rinuncia della rescissione anticipata del contratto, ma è necessario che nello stesso sia inclusa una clausola che obbliga il concedente (locatore) alla rinnovazione tacita della scadenza dei primi sei (6) anni e, contestualmente, escluda a priori la possibilità per lo stesso di esercitare la facoltà di diniego della rinnovazione contrattuale prevista dall art. 29 della legge 392/78. Nel caso di specie il contratto di locazione commerciale stipulato tra M.B., proprietario dell immobile, e la beneficiaria Madaio Clementina, non include tale clausola, per cui non viene garantita a priori la copertura temporale del vincolo di destinazione e d uso prevista

13 dal bando di misura (5 anni) con la maggiorazione (2 anni) per il completamento dell intervento e l accertamento finale. A tal proposito, il bando recita testualmente:..omissis In caso di interventi su immobili è necessario che questi siano posseduti dal richiedente in base ad un legittimo titolo di proprietà o di affitto. In caso di affitto, la durata residuale del contratto dovrà essere pari alla durata del vincolo di destinazione e d uso degli investimenti da finanziare maggiorata del tempo occorrente per la loro realizzazione e collaudo (2 anni). Il vincolo di destinazione e d uso prevista dal bando, vale tanto per gli interventi fissi che per quelli mobili. Per tutela dell amministrazione concedente e nell ottica di scongiurare il rischio di danno erariale, non si può prescindere dalla condizione che il possesso (proprietà e/o affitto) dell immobile sia garantito per tutta la durata del vincolo di destinazione e d uso gravante sugli investimenti mobili. 10 Sorgente Giusy E/326 23/09/ A seguito della revisione effettua dalla Regione si ritiene l istanza non ammissibile a - Nella relazione tecnica economica e negli altri elaborati progetto non è specificato che si tratta di attività già esistente per cui la ditta è stata anche beneficiaria di contributo ex mis. 312 del PSR Campania come accertato in sede di istruttoria regionale. - I preventivi non sono pedissequamente conformi a quanto specificato nel bando mancando la relazione di raffronto tra i preventivi e giustificativa delle scelte operate. - Alcun spese poi, seppur inerenti somme oltre il limite di spesa ammissibile rispetto alle opere e forniture contabilizzate/preventivate (impianto FV, attrezzature informatiche, alcuni arredi) non risultano contabilizzate e/ preventivate ovvero corredate da specifica analisi nuovo prezzo (pavimentazione esterna). Queste circostanze (importi di alcune opere fuori quadro economico) hanno inficiato anche i dati rinvenibili nel prospetto fonti ed esborsi da rendere difficile o non possibile la verifica di congruità della spesa complessiva. Essendo l azienda esistente ed in essa già occupata la titolare, l incremento degli ULA prevista nella relazione sull incremento occupazione per n. 2 ULA non è verosimile alla luce degli accertamenti della regione più sopra citati. 11 Santomauro Lucia E/324 23/09/ A seguito della revisione effettua dalla Regione si ritiene l istanza non ammissibile a

14 Preventivi non conformi alle specifiche del bando. Le Disposizioni Generali relative all attuazione della Misura 312 (Rev. 10 del 17/01/2011) approvate con DRD n. 32 del e ss.ii.mm al paragrafo 1.3 Regole generali per l ammissibilità delle spese prescrivono che Per l acquisto di macchine e/o attrezzature è necessaria la presentazione di dettagliati e confrontabili preventivi proposti da almeno tre diverse ditte venditrici, corredati da listino prezzi dell azienda produttrice, emessi da non più di sei mesi antecedenti la data di presentazione dell istanza, con espressa indicazione dei tempi di consegna dei beni offerti. I preventivi dovranno riportare, pena la loro inaccettabilità, la dettagliata e completa descrizione dei beni proposti (ditta produttrice, potenza, modello e caratteristiche principali), dovranno essere redatti in modo da consentire il rapido ed univoco riscontro delle macchine e/o attrezzature offerte con quelle indicate nei listini di vendita allegati e dovranno riportare assieme ai prezzi praticati l eventuale sconto offerto. I preventivi allegati al progetto non sono corredati dai listini di vendita e pertanto non è possibile congruire le spese. Inoltre la descrizione dei beni è generica, limitandosi solo all elencazione degli acquisti a farsi senza indicare alcuna tipologia che possa essere di aiuto a congruire la spesa. Un preventivo è in copia e privo di data di redazione, i preventivi relativi alle forniture di hardware sono privi di sottoscrizione. Il prezzo delle forniture del mobile bagno, del tritarifiuti e del camino è congruito in modo del tutto generico nelle analisi dei prezzi allegate al computo metrico. Superamento barriere architettoniche. Nella relazione tecnico-economica di accompagnamento al progetto non è specificato nulla in merito alla fruibilità dell intervento da parte dei diversamente abili. Nei grafici di progetto si evidenzia che sarà attrezzato un bagno conforme all uso da parte dei diversamente abili, non rispondente, però, a quanto rappresentato nella tavola degli impianti. Nel computo metrico non è inserita la specifica voce di spesa per l allestimento del bagno per i diversamente abili. Titolo edilizio. L intervento è stato assentito con permesso di costruire n. 02/2012 notificato il 10/07/2012. Le prescrizioni allegate al permesso prevedono che i lavori dovessero iniziare entro un anno dalla notifica e dunque entro il All atto della presentazione della domanda di aiuto ( ), quindi oltre il termine indicato nel permesso di costruire, i lavori sarebbero dovuti essere già in fase di realizzazione o in alternativa vi sarebbe dovuta essere una proroga non allegata in atti. Decorso il termine come indicato nelle prescrizioni al permesso il permesso decade di diritto per la parte non eseguita.

15 Indicazioni contrastanti negli elaborati tecnici. La relazione tecnica riporta a pagina 20 che la struttura prevede n. 4 posti letto, mentre alle pagine 24 e 141 sono riportati n. 3 posti letto. A pagina 25 della relazione tecnica si indica che l incremento occupazionale nell esercizio a regime è pari a zero unità. Tale dato è in contrasto con quanto indicato nella Relazione incremento occupazionale a pag. 64 dove si evidenzia che l investimento comporterà un incremento occupazionale di due unità. Tale dato non è dimostrato in alcun modo atteso anche nella tabella Conto economico di sintesi a regime di pag. 28 la spesa per il personale è riferita in euro, dato incompatibile con la previsione di due unità lavorative. La relazione indica a pagina 20 che il fabbricato sarà dotato di pannello solare e boiler per il risparmio energetico, ma dell acquisto di tali elementi non viene data evidenza nel corpo del progetto, mentre nel computo metrico si riporta quale spesa la voce C riferita ad un tradizionale Produttore di acqua calda sanitaria costituito da bollitore verticale in acciaio inox AISI 316, produzione di acqua calda sanitaria in servizio continuo da 15 a 45 C che nulla attiene al risparmio energetico. 12 Falcone Settimia E/328 23/09/ A seguito della revisione effettua dalla Regione si ritiene l istanza non ammissibile a Dalla documentazione agli atti si rileva che l attività extralberghiera non è classificata come codice primario. In merito al punteggio si è accertato che non sono valorizzabili i seguenti parametri: B6- la persona della richiedente, atteso che risulta già impegnata per altra attività, non può essere considerata con incremento di unità lavorativa, per le altre 2 (due) unità, visto che sono part-time, in totale assommano ad 1 ULA; C2- il rapporto costo investimenti/n. occupati è inferiore ad 1 (Vm/Vi<1), non vi sono evidenze oggettive per la valorizzazione del punteggio; C3- mancano coerenze con i due obiettivi, pertanto il punteggio assegnato è pari a 4.8 (mancano elementi che evidenziano la diffusione TIC); C6- non vi sono evidenze oggettive per la valorizzazione del punteggio (non è prevista alcuna spesa per questo punteggio); C10- non vi sono evidenze oggettive per la valorizzazione del punteggio (non è prevista nessuna spesa per questo punteggio e manca elaborato grafico su cui sia individuata l'area o la zona da impegnare.

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Mod. 2 - imprese COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER IMPRESE Attività produttive, industriali, agricole, zootecniche, commerciali, artigianali, turistiche,

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa (intervento 2.B - art. 4, comma 2, lettera b) D.M. 28 dicembre 2012 Agosto 2013 AIEL Annalisa Paniz

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI RETE RURALE NAZIONALE Commissione Europea 2 0 0 7-2 0 1 3 LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO Direzione

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI

Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA Servizio IV Interventi di Sviluppo rurale

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE Dati del titolare Cognome Nome Codice fiscale Data

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Dati Schede 2 C - Mod. C enti non commerciali COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO ENTI NON COMMERCIALI E ATTIVITÀ SOCIALI Organizzazioni, fondazioni, associazioni

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ Novembre 2014 INDICE Sezione 1: Documentazione e Classificazione dei Cambi di Titolarità... 4 1. TIPOLOGIE DI CAMBI DI TITOLARITÀ... 8 1.1.

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

POR FESR ABRUZZO 2007 2013. BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale nell area del cratere Nuove strutture turistiche

POR FESR ABRUZZO 2007 2013. BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale nell area del cratere Nuove strutture turistiche REGIONE ABRUZZO DIREZIONE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI Servizio Investimenti Pubblici Politiche Turistiche POR FESR ABRUZZO 2007 2013 BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 MOD. 2 - Busta A AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Ordinanza n. 16 del 30 Aprile 2015

Ordinanza n. 16 del 30 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO ai sensi dell art. 1 comma 2 del D.L.N. 74/2012 convertito con modificazioni dalla legge n. 122/2012 Ordinanza n. 16 del 30 Aprile 2015 Modifiche all Ordinanza

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Comunicazioni all'anagrafe Tributaria

Comunicazioni all'anagrafe Tributaria ISTRUZIONI E NOTE PERMESSO DI COSTRUIRE, CERTIFICATO DI AGIBILITA' O ALTRO ATTO DI ASSENSO DENCIA DI INIZIO ATTIVITA' (DIA) La comunicazione relativa alle DIA ed ai Permessi di costruire rilasciati dai

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE IN AREE DI VINCOLO PAESAGGISTICO AMBIENTALE

REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE IN AREE DI VINCOLO PAESAGGISTICO AMBIENTALE ALLEGATO alla Delibera Consiglio Comunale n 47 del 21.12.2006 Comune di Vezzano Ligure Provincia della Spezia Area Pianificazione Territoriale Urbanistica Edilizia Privata REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

Ordinanza n. 6 del 10 luglio 2014

Ordinanza n. 6 del 10 luglio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 2, DEL D.L. N. 74/2012 ED AI SENSI DELL ART. 1 DEL D.L. N. 74/2014 Ordinanza n. 6 del 10 luglio 2014 Criteri e modalità per

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

GAL VALLI GESSO VERMENAGNA PESIO S.C. a R.L. sede legale: Piazza Regina Margherita, 27 ROBILANTE (CN) sede operativa: Via Piave, 25 PEVERAGNO (CN)

GAL VALLI GESSO VERMENAGNA PESIO S.C. a R.L. sede legale: Piazza Regina Margherita, 27 ROBILANTE (CN) sede operativa: Via Piave, 25 PEVERAGNO (CN) GAL VALLI GESSO VERMENAGNA PESIO S.C. a R.L. sede legale: Piazza Regina Margherita, 27 ROBILANTE (CN) sede operativa: Via Piave, 25 PEVERAGNO (CN) PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER Programma di Sviluppo Locale

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni Decreto ministeriale 20 ottobre 1995, n. 527 - Regolamento recante le modalità e le procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore delle attività produttive nelle aree depresse

Dettagli