Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia"

Transcript

1 Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche ed Aziendali Prof. Massimo Paoli Prof. Luca Ferrucci Gruppo di Ricerca Dott.ssa Ilaria Brocanello Dott. Simone Poledrini Dott. Antonio Picciotti Dott.ssa Marina Gigliotti Dott. Andrea Runfola Dott.ssa Francesca Ceccacci Prof.ssa M.G. Devetag PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

2 INDICE 1. Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Pag Presentazione 1.2 Obiettivi operativi e ruoli strategici 1.3 Metodologia Pag. 3 Pag. 3 Pag Gli operatori e le esportazioni in Italia Pag La situazione nazionale: operatori e export 2.2 L Umbria e l universo delle imprese esportatrici 3. Le principali dinamiche dell export nel 2010 e nel primo semestre 2011 Pag Crisi finanziaria e mercati internazionali 3.2 Il ruolo dei mercati emergenti 3.3 Contrazione degli scambi internazionali: le cause 3.4 Contrazione degli scambi internazionali: dati 3.5 L export dell Umbria nel L export dell Umbria nel L export dell Umbria nel primo semestre 2011 PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

3 1. Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria 1.1 Presentazione All interno della collaborazione tra Regione Umbria, Centro Estero dell Umbria, Unioncamere e Università di Perugia, è stato istituito l Osservatorio regionale sull Internazionalizzazione, volto ad approfondire la conoscenza delle dinamiche del commercio con l estero, degli investimenti esteri e delle politiche di supporto ai processi di internazionalizzazione del sistema produttivo regionale. La rilevanza strategica del processo di internazionalizzazione delle imprese e del territorio regionale risulta essere un fenomeno determinante nelle prospettive di sviluppo economico e sociale. L efficace governo delle politiche locali in tema di internazionalizzazione è alla base della costituzione di un Osservatorio permanente che analizzi, attraverso lo sforzo congiunto dei soggetti sopra menzionati, un fenomeno complesso e sempre più rilevante. L attività di analisi avviata a settembre 2011 nell ambito dell Osservatorio sull Internazionalizzazione, verrà raccolta nel rapporto annuale, utilizzando gli aggiornamenti delle statistiche ufficiali e degli indicatori sul commercio con l estero, con indicazioni congiunturali e approfondimenti strutturali, per consentire verifiche dell attività di internazionalizzazione delle imprese umbre e delle strategie pubbliche di promozione. L Osservatorio regionale dell internazionalizzazione è parte dell articolato quadro di collaborazioni esistenti nel territorio umbro ed è volto ad approfondire la conoscenza riguardante le dinamiche del commercio con l estero; l andamento dei mercati internazionali; il posizionamento competitivo, rispetto ai principali mercati di riferimento, delle filiere produttive e delle specializzazioni merceologiche che costituiscono l articolazione dell economia regionale. 1.2 Obiettivi operativi e ruoli strategici L'Osservatorio persegue la realizzazione di quattro obiettivi concreti: 1. produrre un quadro sistematico e aggiornato di conoscenze sui temi inerenti la competitività internazionale dell'industria dell Umbria, utile per la definizione di proposte di politica industriale; 2. fornire alle imprese e alle istituzioni direttamente coinvolte nel processo di internazionalizzazione PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

4 un'informazione di livello scientifico funzionale alla verifica e l'affinamento delle rispettive scelte strategiche; 3. fornire contenuti utili per la comunicazione istituzionale relativamente alla competitività internazionale del sistema economico dell Umbria; 4. disporre delle conoscenze necessarie per la progettazione ed implementazione di azioni operative a sostegno dell'internazionalizzazione attiva e passiva dell'economia umbra. Nel realizzare i suddetti obiettivi, l'osservatorio intende svolgere diversi ruoli, funzionali al rafforzamento della competitività internazionale dell'economia dell Umbria: integratore e sviluppatore di informazioni e conoscenze esistenti sul tema dell'internazionalizzazione; fornitore di nuove conoscenze utili per la definizione delle politiche a sostegno dell'internazionalizzazione; animatore del dibattito a livello regionale e nazionale sulla competitività dell Umbria e sulle sue dinamiche di internazionalizzazione attiva e passiva; valorizzatore delle esperienze eccellenti e facilitatore della diffusione delle conoscenze. 1.3 Metodologia Per sviluppare la ricerca si procede preliminarmente attraverso un indagine di sfondo, ad ampio raggio, al fine di rilevare gli elementi informativi indispensabili a fornire un primo quadro generale della realtà indagata. Questa prima parte è volta a fornire un quadro sull internazionalizzazione del tessuto economico del territorio umbro. I dati raccolti verranno rielaborati e ove necessario costruiti ex novo attraverso l attività del gruppo di Ricerca Universitario della Facoltà di Economia di Perugia, coordinato dal Prof. Massimo Paoli e dal Prof. Luca Ferrucci. Dati analizzati e commentati nella pubblicazione del primo numero dell Osservatorio sull Internazionalizzazione dell Umbria (estate 2012). PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

5 Tabella 1.1 Osservatorio sull Internazionalizzazione dell Umbria Parte I L andamento del commercio estero nel 2011 e nel primo trimestre 2012: principali dinamiche 1.1 Il contesto di riferimento: lo scenario economico internazionale e nazionale 1.2 Il commercio estero in Umbria nel 2011 e nel primo trimestre Analisi settoriale 1.4 Analisi dei mercati di sbocco 1.5 L interscambio commerciale in Umbria dal 2008 al Gli operatori del commercio estero: il numero di imprese esportatrici umbre dal 2001 al 2010 Parte II L internazionalizzazione tramite investimenti diretti esteri: il quadro conoscitivo in Umbria 2.1 Il contesto internazionale: il ruolo degli Ide come fattore di sviluppo 2.2 Le caratteristiche degli Ide in Umbria 2.3 Gli investimenti delle imprese umbre nel mondo 2.4 Conclusioni Parte III Le politiche di internazionalizzazione del sistema produttivo regionale 3.1 Le politiche regionali per l internazionalizzazione: un quadro d insieme 3.2 L attività promozionale in Umbria nel periodo L indagine sulle imprese umbre Parte IV Focus: Ricerche e studi sull internazionalizzazione delle imprese nella regione Umbria Fonte: Nostra elaborazione, 2011 PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

6 Analisi e contenuti La pubblicazione si articola principalmente in tre parti (tabella 1.1). Oggetto di analisi della prima parte è l andamento dell interscambio commerciale nazionale e umbro. In particolare le dinamiche della regione Umbria sono analizzate in termini di: settori, aree geografiche di destinazione. Viene presentata in questa parte un ulteriore disamina dell andamento dell export locale, dalla crisi dell autunno 2008 al Il lavoro si conclude con l indagine sugli operatori del commercio estero nella regione Umbria, (effettuando un confronto quantitativo anche con le altre regioni italiane), dal 2001 al L analisi relativa alle imprese esportatrici umbre è supportata dalla collaborazione avviata dal Gruppo di Ricerca con due Enti: Istat; Ufficio delle Dogane regione Umbria. In particolare l indagine prevede un approfondimento attraverso richiesta ed elaborazione dati, specifica e puntuale, agli Enti sopra citati, per ottenere un analisi dell universo delle imprese esportatrici umbre: per settore merceologico di riferimento; per dimensione d impresa. Nella seconda parte l indagine ha ad oggetto il ruolo degli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita sia a livello nazionale che locale. La ricerca nella prima e seconda parte del lavoro è effettuata attraverso la raccolta dati quantitativa. Il forte radicamento delle PMI nel territorio d origine e la necessità di internazionalizzazione come sentiero di crescita obbligato per le scelte strategiche delle stesse, è il motore da cui nasce l indagine empirica effettuata e presentata nella terza parte dell Osservatorio. La ricerca si focalizza sull attività generata dalle Convenzioni annuali, realizzate nell ambito degli Accordi di Programma tra Ministero dello Sviluppo Economico e regione Umbria, relative agli anni che vanno dal 2004 al Tale attività rappresenta la parte maggiormente strutturata dell intervento pubblico in materia di internazionalizzazione. La terza parte della ricerca è realizzata con un approccio al contempo qualitativo e quantitativo. La quarta parte dell Osservatorio è costituita da ricerche empiriche in materia di internazionalizzazione realizzate nel territorio umbro. La raccolta dati quantitativa L analisi quantitativa dell Osservatorio sull Internazionalizzazione è trasversale a tutte le parti della pubblicazione. In particolare la raccolta dei dati, nell ambito dell indagine quantitativa, si articola in varie fasi: Fase 1. Esame del materiale bibliografico disponibile. Raccolta ed analisi di materiale di vario tipo riconducibile ad indagini effettuate da Enti ed Istituti di Ricerca che operano sul territorio. In particolare il riferimento è ai seguenti studi e rapporti: PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

7 rapporti MET, Monitoraggio Economia e Territorio; rapporti ICE, Istituto Nazionale per il Commercio Estero; rapporti AUR, Associazione Umbria Ricerche; analisi ed indagini elaborate dal Centro Studi Umbria della Banca d Italia; ricerche effettuate dalle Associazioni di Categoria dell Umbria; ulteriori rapporti e ricerche. Fase 2. Raccolta dei dati statistici. Dati forniti e disponibili da vari Enti nazionali e locali: Istat; Coeweb Istat Umbria; ICE; Centro Estero Umbria; Unioncamere Umbria; Camere di Commercio dell Umbria; Banca d Italia; Ufficio delle Dogane della Regione Umbria. Gli output realizzati attraverso l indagine quantitativa sono i seguenti: 1. Andamento dell interscambio commerciale nazionale e locale; 2. Analisi degli investimenti diretti esteri (Ide) nazionali e locali; 3. Realizzazione database delle imprese esportatrici umbre; La raccolta dati qualitativa Interviste L approccio qualitativo è riferito alle indagine empiriche (parte terza e case study) aventi ad oggetto: Enti Pubblici a supporto dei processi di internazionalizzazione delle imprese; imprese umbre. La raccolta delle informazioni viene effettuata attraverso interviste e somministrazione di questionari. In particolare per quanto riguarda la terza parte, si procede ad effettuare una serie di interviste, agli Agenti Pubblici locali preposti al supporto del processo di internazionalizzazione delle imprese umbre. In seguito si effettua la raccolta di documenti necessari e disponibili per l analisi delle attività realizzate nell ambito delle Convenzioni pianificate ed attuate nella regione Umbria nel periodo PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

8 Questionari In secondo luogo vengono inviati questionari ad aziende umbre, appartenenti ai seguenti settori: tessile abbigliamento; agroalimentare; mobile e complementi d arredo; meccanica. Il questionario diffuso per via postale e telematica, alle aziende individuate si compone di tre sezioni: 1. profilo attuale dell impresa; 2. percorso di internazionalizzazione; 3. problemi e conoscenza/relazione con le Attività Promozionali pianificate e realizzate nella Regione Umbria. La prima sezione contiene domande relative al settore di attività dell impresa, ai prodotti principali, alla dimensione aziendale, alla localizzazione geografica dei maggiori concorrenti dai quali l impresa si ritiene minacciata. La seconda parte ha come obiettivo conoscitivo l analisi della strategia di internazionalizzazione (nel caso in cui vi sia un percorso avviato): la modalità di ingresso nei mercati esteri; il ricorso a ricerche di mercato interne ed esterne; i/il paesi/e esteri/o di destinazione. La sezione conclusiva intende evidenziare le maggiori problematiche percepite dalle imprese che hanno avviato un percorso di ingresso nei mercati esteri, ma anche rispetto a quelle che operano esclusivamente a livello locale, ed il rapporto (o meno) con i servizi realizzati a supporto del percorso di internazionalizzazione nell ambito delle Convenzioni annuali. Il questionario è composto da domande: i) aperte, per quanto riguarda i settori in cui l azienda opera e i mercati esteri serviti; ii) chiuse, in quanto è previsto il posizionamento dell azienda in fasce di valori prestabiliti; iii) graduali, nei casi in cui si tratta di pesare da 1 a 5 l importanza relativa di un fenomeno, (1 problema irrilevante, 5 problema insormontabile), oppure di esprimere il grado di accordo da 1 a 5 con una affermazione (1 non lo sono affatto, 5 pienamente d accordo). Gli output realizzati attraverso l indagine qualitativa sono: 1. Monitoraggio dell intervento pubblico in materia di internazionalizzazione; 2. Case Study. PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

9 2. Gli operatori e le esportazioni in Italia 2.1 La situazione nazionale: operatori e export 2.2 L Umbria e l universo delle imprese esportatrici L analisi dell internazionalizzazione declinata in termini di numero di imprese operanti all estero secondo la regione di provenienza della merce nel 2010, evidenzia la superiorità delle regioni maggiormente industrializzate del nord Italia (tabella 2.1). In particolare la regione Lombardia detiene il primato con imprese che esportano oltre i confini nazionali; seguono il Veneto con imprese esportatrici, l Emilia Romagna, la Toscana ed il Piemonte con rispettivamente , e operatori. Complessivamente queste cinque regioni realizzano nel 2010 il 72,21% di esportazioni rispetto al totale export nazionale ( milioni di euro nel 2010, tabella 2.2). Leggendo i dati nell arco temporale , (tabelle 2.1 e 2.2), la classifica, sia in termini di numero di imprese esportatrici e livello di export realizzato nell anno di riferimento, resta invariata. Da rilevare una ripresa generale degli scambi commerciali con l estero delle regioni italiane, tornati a livelli prossimi a quelli del 2008 (+15,8% nel 2010 con un divario di -8,5 punti percentuali rispetto al 2008). Le regioni con performance inferiori alla media nazionale sono Valle d Aosta (316 imprese esportatrici), Molise (459 imprese esportatrici), Basilicata (546 imprese esportatrici), Sardegna e Calabria con rispettivamente e operatori. In termini di esportazioni realizzano il 2.41% di esportazioni rispetto al totale nazionale. Nel 2010 la regione Umbria presenta al suo attivo imprese esportatrici, collocandosi all interno della classifica nazionale, in termini di operatori esteri, tra gli ultimi posti. Nell ultimo decennio si registra una diminuzione del numero delle imprese esportatrici umbre passato da operatori nel 2001, a nel 2010 (tabella 2.1). L analisi delle esportazioni umbre, (come specificato nel paragrafo 3 del presente lavoro), evidenzia un trend crescente dal 2001 (tabella 2.2), con una flessione nel biennio , passando da milioni di euro nel 2007 a milioni di euro nel In linea con le altre regioni italiane anche per l Umbria il 2010 segna una ripresa dei livelli di export rispetto all andamento post crisi, con milioni di euro realizzati nel 2010 rispetto ai milioni di euro nel PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

10 Tabella 2.1 Operatori seconda la regione di provenienza della merce _ Anni REGIONI Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino-Alto Adige Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Fonte: Istat PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

11 Tabella 2.2 Esportazioni secondo la regione _ Anni (valori delle esportazioni in milioni di euro) REGIONI Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino-Alto Adige Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna TOTALE Fonte: Istat PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

12 3. Le principali dinamiche dell export dal 2009 al primo semestre 2011 in Umbria 3.1 Crisi finanziaria e mercati internazionali 3.2 Il ruolo dei mercati emergenti Non è possibile effettuare un analisi del lavoro senza riflettere sugli effetti a catena che la crisi finanziaria ha innescato dalla metà del 2008 e che hanno comportato conseguenze anche sul sistema reale. La correlazione tra i mercati internazionali ha infatti agevolato la diffusione globale degli effetti negativi della crisi finanziaria, con conseguente diminuzione degli scambi internazionali scesi del 12,2% nel 2009 rispetto a quanto registrato il precedente anno 1. Conseguenze immediate sono state le iniziative di politica economica e fiscale messe in atto dai vari Paesi, con ripercussioni dirette in particolare sugli scambi internazionali. La crisi ha infatti agevolato il passaggio di Paesi chiamati fino al biennio passato "economie in via di sviluppo", al ruolo di agenti principali dell economia internazionale. Un ritmo di sviluppo assolutamente eccezionale, che ha risentito delle difficoltà a livello internazionale, ma che risulta essere favorito dalla rapidità nell avvio di efficaci misure anti-crisi con due conseguenze immediate 2 : migliorare la stabilità interna; favorire l afflusso di capitali stranieri. Ulteriore conseguenza sono le stime previste per il prossimo futuro che attribuiscono al continente asiatico il ruolo di motore nella crescita mondiale, grazie non solo all ampia liquidità degli afflussi di capitali stranieri, ma anche alla rinnovata crescita dei mercati di destinazione delle esportazioni. La solidità del bilancio statale di tali Paesi infatti, ha consentito l adozione di politiche economiche espansive senza conseguenze sulla stabilità; al contrario, i Paesi cosiddetti avanzati, con conti pubblici in deficit al momento dello shock finanziario, hanno subito conseguenti difficoltà nell adottare interventi efficaci anti crisi. Il rafforzamento dei sistemi economici di India e Cina, sia in termini di crescita complessiva della ricchezza prodotta, che di peso relativo nel commercio internazionale, ha comportato per gli operatori economici e gli agenti pubblici a livello internazionale l introduzione di due traiettorie di sviluppo nuove, in termini strategici. Una prima traiettoria di tipo competitive, legata al protagonismo del sistema cinese, divenuto non a caso il primo esportatore mondiale nel 2010, che ha determinato una significativa 1 Dati ICE, Area Studi Ricerche e Statistiche Per ulteriori approfondimenti si veda L Italia nell economia internazionale, Rapporto ICE PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

13 3.3 Contrazione degli scambi internazionali: le cause 3.4 Contrazione degli scambi internazionali: dati risposta, peraltro preannunciata, dei Paesi competitor a livello internazionale. Una seconda di tipo opportunity, derivante dalla riconfigurazione, a partire dalla stessa localizzazione, di mercati rilevanti per il commercio internazionale, con conseguente opportunità in termini di aumento della domanda mondiale. Per quanto riguarda i flussi commerciali, la contrazione subita dagli scambi internazionali nel 2009 viene valutata come la peggiore rispetto agli altri periodi di turbolenza che si sono succeduti dalla seconda guerra mondiale in poi 3. Le motivazioni possono essere raggruppate in due grandi categorie: 1. cause dirette; 2. cause indirette. Nel primo caso il riferimento è al calo nella produzione che ha generato due effetti: - effetto composizione; la contrazione della domanda dei beni intermedi in seguito al ribasso della domanda di beni ad alto valore aggiunto. - effetto sincronizzazione; l elevata frammentazione della catena di produzione a livello internazionale comporta la rapida diffusione a livello mondiale della contrazione stessa. Fra le cause indirette, la minore disponibilità del credito all esportazione, conseguenza immediata delle difficoltà nel mercato finanziario, hanno comportato effetti negativi sugli scambi internazionali delle imprese che operano sul mercato globale. Da alcuni studi infatti, emerge chiaramente che circa l 80% degli scambi mondiali sono supportati da strumenti di natura creditizia 4. Dalla tabella 3.1 è possibile verificare la caduta delle esportazioni in tutte le aree mondiali. Gran parte del risultato negativo viene attribuito all Unione Europea, dove emerge in particolare il -1,6% registrato dalla Germania rispetto agli altri paesi dell UE, Francia, Italia, Regno Unito e Spagna che in media realizzano un -0,3%. Effetto maggiormente contenuto, invece, risulta essere quello generato dall America Settentrionale e dall Asia. Contrazione che ha riguardato dunque, anche i Paesi asiatici orientati ai mercati internazionali con un contributo assoluto della variazione delle esportazioni su quella totale del -3,7% rispetto al -5,7% registrato nel 2009 dall Europa e il -2,0% dell America settentrionale. 3 R. Baldwin The Great Trade Collapse: Causes, Consequences and Prospects, International Management Jurnal of Economics, Rapporto ICE, PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

14 Tabella 3.1 Composizione percentuale dell'export in volume e contributi alla variazione Paesi e aree geografiche Composizione UNIONE EUROPEA 40,3 36,8 35,7 Contributi alla variazione * ,7-0,1-5,5 Francia 4,8 3,7 3,7 0,1-0,1-0,5 Germania 9,3 9,1 3,7 0,6 0,0-1,6 Italia 3,9 3,2 3,0 0,1-0,1-0,6 Regno Unito 4,0 2,9 2,8 0,0-0,1-0,4 Spagna 2,0 1,7 1,7 0,1 0,0-0,2 AFRICA 3,1 2,7 2,9 0,2 0,0-0,1 AMERICA SETTENTRIONALE 14,4 13,8 13,4 0,7 0,3-2,0 Canada 3,6 2,8 2,7 0,1-0,2-0,5 Stati Uniti 8,7 9,0 8,9 0,5 0,5-1,3 AMERICA CENTRO-MERIDIONALE 3,3 3,1 3,4 MEDIO ORIENTE 5,3 4,8 5,2 ASIA E OCEANIA 27,0 33,1 33,5 0,3 0,0-0,2 0,4 0,1-0,2 3,7 1,7-3,7 Cina 9,8 10,0 0,8-1,0 Corea del Sud 2,5 3,3 3,8 0,4 0,3 0,0 Giappone 5,6 6,0 5,1 0,5 0,1-1,5 Hong Kong 2,6 2,8 2,8 0,3 0,1-0,3 Singapore 2,0 2,3 2,3 0,3 0,1-0,2 Taiwan 1,8 1,9 2,0 0,2 0,0-0,2 MONDO 100,0 100,0 100,0 7,1 2,2-12,0 * Contributo assoluto della variazione delle esportazioni di ogni area e paese su quella totale Fonte: Nostra elaborazione su dati ICE, 2010 PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

15 3.5 L export dell Umbria nel 2009 Aree geografiche di destinazione Nel 2009 in Umbria si registra un calo significativo di tutti i principali indicatori a partire dal Pil (-5,9%). I rapporti dell ICE e della Banca d Italia nel 2009, confermano questa performance negativa che ha prodotto due importanti conseguenze sull economia umbra: i. debolezza della domanda interna; ii. diminuzione delle esportazioni. Nel primo caso conseguenza immediata per le imprese umbre è stata la riduzione del livello di produzione realizzato, con effetto diretto sulla mano d opera e lo sfruttamento degli impianti. Il tasso di disoccupazione, in base ai dati pubblicati dalla Banca d Italia, è salito di due punti percentuali circa rispetto al 2008 collocandosi al 6,7%. Per quanto riguarda le esportazioni in particolare, (tabella 3.2), è necessario sottolineare che il freno agli scambi con l estero, oltre ad essere accompagnato dal netto calo della produzione, è diretta conseguenza della diminuzione del credito all esportazione, strumento utilizzato in particolare dalle PMI per generare liquidità immediata. La diminuzione delle esportazioni in Umbria nel 2009, -22,4%, ha interessato tutti principali settori andando ad estendersi anche in quei comparti che nel 2008 hanno registrato variazioni positive. In particolare il settore tessile abbigliamento registra un -19,0% rispetto al dato positivo del 2008 (5,3%). Il sistema abitare invece, deve essere letto attraverso le varie ripartizioni derivanti dal Codice Ateco 2007: il comparto legno, prodotti in legno, carta e stampa segna una variazione in negativo nel 2009 del -20,9%; metalli di base e prodotti in metallo -33,6%; prodotti delle altre attività manifatturiere (categoria all interno della quale rientra la produzione di mobili) -19,8%. Considerando le aree geografiche di destinazione (tabella 3.3) il 2009 fa registrare performance nettamente negative rispetto alla diminuzione delle esportazioni nel In particolare i mercati di destinazione verso i quali si registra un calo maggiore delle vendite realizzate dalle imprese umbre sono la Spagna, la Germania e il Regno Unito con rispettivamente -29,6%, -19,1% e -26,0%. Per quanto riguarda i paesi extra UE, emerge in particolare il -33,7% verso l America Settentrionale ed il -44,6% relativo alla contrazione delle vendite realizzate in America centro-meridionale. PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

16 Tabella 3.2 Umbria: commercio estero per settore nel 2009 (milioni di euro e variazioni percentuali sul periodo corrispondente) Settori ESPORTAZIONI IMPORTAZIONI Variazioni Variazioni Prodotti dell agricoltura, silvicoltura e pesca 69-26,2-7, ,6 6,0 Prod. dell estr. di minerali da cave e miniere 1-2,6-42,4 9-46,8-41,6 Prodotti alimentari, bevande e tabacco ,5-7, ,9-4,8 Prodotti tessili e dell abbigliamento 307 5,3-19, ,9-20,9 Pelli, accessori e calzature 64-5,4-8, ,2-17,3 Legno e prodotti in legno; carta e stampa 59 2,5-20,9 83-7,4-22,5 Coke e prodotti petroliferi raffinati 1 34,1-81, ,9-44,1 Sostanze e prodotti chimici 154 5,0-11, ,0-11,4 Articoli farm., chimico-medicinali e botanici 39-35,0 38,3 7-4,9 35,6 Gomma, materie plast., minerali non metal ,7-20, ,1-14,6 Metalli di base e prodotti in metallo ,1-33, ,1-44,4 Computer, apparecchi elettronici e ottici 32-17,8-28, ,0-7,2 Apparecchi elettrici ,2-25,4 31 1,4-25,6 Macchinari ed apparecchi n.c.a ,8-19, ,0-34,2 Mezzi di trasporto 89 1,5-37, ,6-43,4 Prodotti delle altre attività manifatturiere 58 1,3-19,8 26-7,6-28,9 Energia, trattamento dei rifiuti e risanamento 15-31,1 75,8 27-0,1-62,1 Prodotti delle altre attività 7-12,5 32,4 3-23,3 18,7 TOTALE ,3-22, ,5-29,5 Fonte: Banca d Italia, 2009 PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

17 Tabella 3.3 Umbria: commercio estero per Paese di destinazione nel 2009 (milioni di euro e variazioni percentuali sul periodo corrispondente) ESPORTAZIONI IMPORTAZIONI Paesi e aree geografiche Variazioni Variazioni Paesi UE ,9-21, ,1-22,7 Area dell euro ,0-21, ,1-24,1 di cui: Francia 303 6,3-19, ,4-16,5 Germania 380-2,2-21, ,1-42,5 Spagna ,5-29, ,7-7,0 Altri paesi UE 339-8,8-23, ,6-15,0 di cui: Regno Unito ,4-26, ,4-18,5 Paesi extra UE ,4-23, ,5-36,6 Paesi dell Europa centro orientale ,9-11, ,4-42,6 America settentrionale ,5-33, ,0-19,8 America centro-meridionale ,8-44, ,0-21,7 Asia ,5 0, ,8-46,0 Di cui: Cina ,2-14, ,7-51,5 Giappone 27 21,5-2,5 9-51,0 97,7 EDA 69-2,1 5, ,2-36,7 Altri paesi extra UE ,0-31, ,6-38,8 Fonte: Banca d Italia, 2009 TOTALE ,3-22, ,5-29,5 PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

18 Grafico 3.1 Umbria: commercio estero per settore, 2009 (milioni di euro) Fonte: Nostra elaborazione su dati Banca d Italia, 2009 PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

19 Grafico 3.2 Composizione percentuale del commercio estero umbro per settori, ,62% Prodotti dell agricoltura, silvicoltura e pesca 0,04% Prod. dell estr. di minerali da cave e miniere 10,31% Prodotti alimentari, bevande e tabacco 11,64% Prodotti tessili e dell abbigliamento 2,43% Pelli, accessori e calzature 2,24% Legno e prodotti in legno; carta e stampa 0,04% Coke e prodotti petroliferi raffinati 5,84% Sostanze e prodotti chimici 1,48% Articoli farm., chimico-medicinali e botanici 5,98% Gomma, materie plast., minerali non metal. 25,70% Metalli di base e prodotti in metallo 1,20% Computer, apparecchi elettronici e ottici 5,03% Apparecchi elettrici 19,06% Macchinari ed apparecchi n.c.a. 3,36% Mezzi di trasporto 2,20% Prodotti delle altre attività manifatturiere 0,56% Energia, trattamento dei rifiuti e risanamento 0,27% Prodotti delle altre attività Fonte: Nostra elaborazione dati da Banca d Italia, 2009 PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

20 3.6 L export dell Umbria nel 2010 Aree geografiche di destinazione Dopo la contrazione subita dagli scambi con l estero nel 2009, -22,3%, il 2010 fa registrare una ripresa delle attività internazionali per le imprese umbre segnando un positivo 18,5% (tabella 3.4). La ripresa positiva si riflette in tutti i settori delle produzioni locali ad eccezione del comparto pelli, accessori e calzature che registra un calo rispetto all anno precedente del -1,9% (in particolare le esportazioni nel 2010 sono 63 milioni di euro rispetto ai 64 milioni di euro del 2009). La variazione positiva più elevata si realizza nel comparto mezzi di trasporto, 53,3% con un export di 138 milioni di euro nel 2010 rispetto agli 89 milioni di euro del 2009; segue il comparto metalli di base e prodotti in metallo, 42,7%, con 968 milioni di euro che rappresenta il 30,9% del totale degli scambi con l estero della regione Umbria. Le produzioni tipiche della nostra regione come il settore tessile abbigliamento registra un incremento inferiore alla media regionale, pari all 11,2%. Settore che con 343 milioni di euro rappresenta il 10,9% del totale degli scambi locali oltre confine. Per quanto riguarda i paesi di destinazione delle produzioni locali, l area Europea rappresenta ancora il mercato di sbocco di riferimento per la regione Umbria, milioni di euro destinati al mercato europeo, rappresentando il 60% circa del totale esportato nel 2010 (tabella 3.5). Tra i Paesi extra europei l America continua ad essere un mercato rilevante con una variazione positiva del 9,4% per l America settentrionale e 36,4% per l America meridionale. L Asia costituisce ancora un mercato di sbocco poco rilevante per le produzioni locali umbre dove viene destinato l 11% del totale esportato. La Cina in particolare insieme al Giappone, dove rispettivamente vengono esportati beni per 106 milioni di euro e 34 milioni di euro, costituiscono le aree geografiche meno rilevanti. La Cina con il 3,3% del totale export dell Umbria ed il Giappone con l 1%. Per quanto riguarda l andamento delle importazioni è evidente la ripresa positiva del 44,1% nel 2010, rispetto alla riduzione delle importazioni nel 2009 del -29,3% (tabella 3.4). L andamento complessivo risulta essere influenzato positivamente in particolare dal comparto energia, trattamento dei rifiuti e risanamento con un positivo 207,5% rispetto al 2009; computer, apparecchi elettronici ed ottici che fanno registrare un aumento del 210,8%; coke e prodotti petroliferi raffinati con PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

21 un aumento del 106,2% nel 2010 rispetto alla contrazione negativa del -44,1% del Per quanto riguarda l area geografica di provenienza delle importazioni umbre, i Pesi Europei costituiscono un mercato di primaria importanza con il 55,23% complessivo dei beni e servizi importati. Tra i paesi europei la Germania con 416 milioni di euro rappresenta il maggior paese importatore in Umbria (78,1% nel 2010). PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

22 Tabella 3.4 Umbria: commercio estero per settore, 2010 (milioni di euro e variazioni percentuali sul periodo corrispondente) Settori ESPORTAZIONI Variazioni IMPORTAZIONI Variazioni Prodotti dell agricoltura, silvicoltura e pesca 82-7,0 19,3 81 6,6 12,4 Prod. dell estr. di minerali da cave e miniere 10-42, , ,5 66,1 Prodotti alimentari, bevande e tabacco 291-7,8 7, ,8 6,5 Prodotti tessili e dell abbigliamento ,9 11, ,7 10,0 Pelli, accessori e calzature 63-8,5-1, ,2 9,7 Legno e prodotti in legno; carta e stampa 70-20,7 18, ,3 23,9 Coke e prodotti petroliferi raffinati 1-81,1 42, ,1 106,2 Sostanze e prodotti chimici ,0 4, ,0 12,6 Articoli farm., chimico-medicinali e botanici 48 38,3 22, ,7 53,5 Gomma, materie plast., minerali non metal ,6 10, ,5 16,9 Metalli di base e prodotti in metallo ,6 42, ,4 70,6 Computer, apparecchi elettronici e ottici 34-27,7 6, ,8 210,8 Apparecchi elettrici ,1 0, ,8 84,7 Macchinari ed apparecchi n.c.a ,9 3, ,1 12,3 Mezzi di trasporto ,6 53, ,4 68,6 Prodotti delle altre attività manifatturiere 64-19,7 11, ,0 17,5 Energia, trattamento dei rifiuti e risanamento 20 75,8 28, ,0 207,5 Prodotti delle altre attività 10 32,4 52,3 3-7,9 6,0 Fonte: Banca d Italia, 2010 TOTALE ,3 18, ,3 44,1 PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

23 Tabella 3.5 Umbria: commercio estero per area geografica, 2010 (milioni di euro e variazioni percentuali sul periodo corrispondente) ESPORTAZIONI IMPORTAZIONI Paesi e aree geografiche Variazioni Variazioni Paesi UE ,6 22, ,4 41,0 Area dell euro ,0 19, ,8 44,6 di cui: Francia ,9 13, ,4 19,0 Germania ,3 32, ,1 78,1 Spagna ,6 9, ,0 12,4 Altri paesi UE ,5 31, ,5 22,7 di cui: Regno Unito ,8 0, ,2 38,4 Paesi extra UE ,2 13, ,6 48,1 Paesi dell Europa centro orientale ,2-0, ,6 38,4 America settentrionale ,7 9, ,8 31,4 America centro-meridionale ,6 36, ,7 48,1 Asia 365 0,2 6, ,0 81,6 Di cui: Cina ,5 6, ,5 135,8 Giappone 34-2,5 25, ,7 14,0 EDA 63 5,5-8, ,7 1,9 Altri paesi extra UE ,6 12, ,8 47,7 TOTALE ,3 18, ,3 44,1 Fonte: Banca d Italia PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

24 Grafico Umbria: commercio estero per settore, 2010 (milioni di euro) Fonte: Nostra elaborazione su dati Banca d Italia, 2010 PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

25 Grafico Composizione percentuale del commercio estero umbro per settori, ,62% Prodotti dell agricoltura, silvicoltura e pesca 0,32% Prod. dell estr. di minerali da cave e miniere 9,29% Prodotti alimentari, bevande e tabacco 10,95% Prodotti tessili e dell abbigliamento 2,01% Pelli, accessori e calzature 2,23% Legno e prodotti in legno; carta e stampa 0,03% Coke e prodotti petroliferi raffinati 5,17% Sostanze e prodotti chimici 1,53% Articoli farm., chimico-medicinali e botanici 5,56% Gomma, materie plast., minerali non metal. 30,91% Metalli di base e prodotti in metallo 1,09% Computer, apparecchi elettronici e ottici 4,31% Apparecchi elettrici 16,57% Macchinari ed apparecchi n.c.a. 4,41% Mezzi di trasporto 2,04% Prodotti delle altre attività manifatturiere 0,64% Energia, trattamento dei rifiuti e risanamento 0,32% Prodotti delle altre attività Fonte: Nostra elaborazione dati da Banca d Italia, 2010 PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

26 3.7 L export dell Umbria nel primo semestre 2011 Alla luce dei dati relativi all andamento dell economia dell Umbria nel primo semestre 2011, emerge il rallentamento rispetto alla ripresa annunciata nell ultimo trimestre L analisi del commercio nella prima metà del 2011 riflette questo rallentamento, rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, attestandosi comunque nella media nazionale: 15,3% nel primo semestre 2011, 23,3% nel La diminuzione in particolare si registra nei seguenti settori: energia, trattamento dei rifiuti e risanamento con una flessione negativa del -22,2% nel primo semestre 2011; computer, apparecchi elettronici ed ottici in diminuzione del -13,4%; sostanze e prodotti chimici che fa registrare la contrazione peggiore rispetto a tutti gli altri settori, -31,0%. Cali nelle esportazioni, seppure ad una cifra, vengono registrati anche nel comparto mezzi di trasporto (-3,3%); gomma, materie plastiche, minerali non metal. (-1,7%); coke e prodotti petroliferi raffinati (-0,7%); prodotti dell agricoltura, silvicoltura e pesca (-2,9%). In controtendenza sono i settori delle produzioni tipiche umbre le cui esportazioni mediamente aumentano del 23%. In particolare il settore alimentare le cui esportazioni sono aumentate nel primo semestre 2011 del 32,4%. Anche i comparti metalli di base e prodotti in metallo e macchinari ed apparecchi n.c.a., che rappresentano complessivamente il 50,5% del totale export realizzato dalla regione Umbria (910 milioni di euro complessivi per i due settori nel primo semestre 2011, grafico 3.6), fanno registrare un aumento rispettivamente del 22,1% e 17,6%. Variazione positiva anche nel comparto prodotti tessili e dell abbigliamento, +18,6%, terzo settore per volume di esportazioni (204 milioni di euro nel primo semestre 2011, grafico 3.6). Aree geografiche di destinazione La tabella 3.7 evidenzia nel primo semestre 2011 l andamento del commercio estero dell Umbria per area geografica. L area di destinazione principale delle produzioni locali è costituita dai paesi appartenenti all Unione Europea, con milioni di euro esportati rispetto ad un totale export dell Umbria di milioni di euro nel primo semestre Il trend è in aumento rispetto al 2008 passando dal 57% di esportazioni rispetto al totale umbro del 2009, al 59,2% realizzato nel 2010, fino a giungere al 61,5%, dato limitato al primo semestre Nell area PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

27 dei paesi extra Europa, dove è destinato il 38,5% delle esportazioni regionali (tabella 3.7), emerge lo scarso peso dei mercati del continente asiatico. In particolare si registra una contrazione del -43,3% della Cina, dove è destinato solo il 2,10% dell export umbro. Nel 2010 complessivamente le esportazioni fanno registrare un aumento rispetto al 2009 del 6,5% (tabella 3.5). Le importazioni dell Umbria nel primo semestre 2011 L export dell Umbria nelle produzioni tipiche locali: vini da uve L export dell Umbria nelle produzioni tipiche locali:oli e grassi Per quanto riguarda le importazioni, non si registrano flessioni rilevanti nel primo semestre 2011 se non nell acquisto di mezzi di trasporto ( -25,4%), e prodotti dell estrazione di minerali da cave e miniere (-30,3%). Rispetto alla contrazione subita dalle importazioni nel 2009, -29,5% (tabella 3.3), nel primo semestre 2011 si assiste un aumento del 19,4%. Andamento influenzato in particolare dalle importazioni di energia (240,3%), articoli farmaceutici, chimico medicinali e botanici (148,4%), computer, apparecchi elettronici e ottici (210,8%). Fra i paesi di provenienza delle importazioni la Germania occupa negli ultimi tre anni il primo posto, con 286 milioni di euro, 19,34% del totale importato nel primo semestre 2011 (tabella 3.7). Nelle tabelle 3.8, 3.9, 3.10 si evidenzia l andamento delle esportazioni di alcune produzioni tipiche regionali. Ad esclusione del settore metalli di base e prodotti in metallo e macchinari ed apparecchi n.c.a., i prodotti del tessile abbigliamento e del settore agroalimentare costituiscono una risorsa importante per la Regione Umbria. Il comparto vini da uve con 14 milioni di euro esportati nel primo semestre 2011, rispetto agli 11 milioni di euro nello stesso periodo del 2010, registra una variazione percentuale positiva del 26,4% che si colloca al di sopra della media nazionale di 12 punti percentuali (tabella 3.8). Nel 2010 il volume totale dei vini da uve esportate in Umbria costituisce solo lo 0,6% del totale nazionale, collocandosi fra le ultime regioni italiane alle spalle di Liguria (0,2%), Molise (0,1%), Calabria (0,1%) e Sardegna (0,5%). Ordinando le regioni italiane per tasso di crescita è possibile notare che l export umbro relativo al comparto oli e grassi (tabella 3.9), con 119 milioni di euro esportati nel 201 0, si colloca al terzo posto con una quota dell 8,0%, dopo Toscana (27,0%) e Piemonte (18,5%). PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

28 L export dell Umbria nelle produzioni tipiche locali: indumenti da esterno Il primo semestre 2011 fa registrare un incremento nell export del 26,0% rispetto allo stesso periodo del Dato che conferma la tenuta delle esportazioni del settore agroalimentare in Umbria, rispetto al rallentamento generale nel primo semestre Per quanto riguarda il comparto indumenti da esterno, (tabella 3.10), l Umbria è la nona regione esportatrice in Italia (con un peso dell 1,7% sulle esportazioni italiane). Il primo semestre 2011 evidenzia una variazione positiva delle esportazioni umbre del 15,4%, rispetto allo stesso periodo del 2010, che si colloca di mezzo punto percentuale al di sopra della media nazionale (14,9%). PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

29 Tabella 3.6 Umbria: commercio estero per settore primo semestre 2011 (milioni di euro e variazioni percentuali sul periodo corrispondente) Settori ESPORTAZIONI Variazioni IMPORTAZIONI Variazioni I sem I sem I sem I sem Prodotti dell agricoltura, silvicoltura e 40 19,3-2, ,4 3,4 pesca Prod. dell estr. di minerali da cave e ,1-30,3 miniere Prodotti alimentari, bevande e tabacco 181 7,2 32, ,5 22,5 Prodotti tessili e dell abbigliamento ,5 18, ,0 16,6 Pelli, accessori e calzature 36-1,9 18,4 35 9,7 21,7 Legno e prodotti in legno; carta e stampa 38 18,1 12, ,9 12,7 Coke e prodotti petroliferi raffinati 1 42,7-0, ,2 72,8 Sostanze e prodotti chimici 62 4,3-31, ,6 46,3 Articoli farm., chimico-medicinali e 36 22,9 82, ,5 148,4 botanici Gomma, materie plast., minerali non 85 10,3-1, ,9 5,5 metal. Metalli di base e prodotti in metallo ,7 22, ,6-0,5 Computer, apparecchi elettronici e ottici 13 6,1-13, ,8 123,6 Apparecchi elettrici 69 0,9 5, ,7 0,7 Macchinari ed apparecchi n.c.a ,2 17, ,3 13,7 Mezzi di trasporto 62 53,3-3, ,6-25,4 Prodotti delle altre attività manifatturiere 38 11,3 13, ,5-21,9 Energia, trattamento dei rifiuti e risanamento 10 28,5-22, ,5 240,3 Prodotti delle altre attività 4 52,3-6,8 2 6,0 79,4 Fonte: Banca d Italia TOTALE ,5 15, ,1 19,4 PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

30 Tabella 3.7 Umbria: commercio estero per area geografica (milioni di euro e variazioni percentuali sul periodo corrispondente) Paesi e aree geografiche I sem ESPORTAZIONI Variazioni 2010 I sem I sem IMPORTAZIONI Variazioni 2010 I sem Paesi UE ,4 23, ,0 18,8 Area dell euro ,8 15, ,6 17,8 di cui: Francia ,9 10, ,0-0,1 Germania ,3 18, ,1 66,6 Spagna 77 9,9 16, ,4 21,3 Altri paesi UE ,6 51, ,7 24,4 di cui: Regno Unito 73 0,7 4, ,4 10,2 Paesi extra UE ,4 4, ,1 20,2 Paesi dell Europa centro orientale 50-0,9-7, ,4 47,4 America settentrionale 147 9,4 38, ,4 66,1 America centro-meridionale ,4 8, ,1-9,9 Asia 166 6,6-17, ,6 56,6 Di cui: Cina 38 6,5-43, ,8 82,8 Giappone 21 25,9 4,1 4 14,0 19,5 EDA(1) 34-8,6 19,4 9 1,9 9,1 Altri paesi extra UE 64 12,5 3, ,7-10,6 TOTALE ,5 15, ,1 19,4 (1) Economie dinamiche dell Asia: Corea del Sud, Hong Kong, Malaysia, Singapore, Taiwan, Thailandia. Fonte: Banca d Italia 2011 PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

31 Grafico 3.5 Umbria: commercio estero per settore, primo semestre 2011 (milioni di euro) Fonte: Nostra elaborazione su dati Banca d Italia PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

32 Grafico 3.6 Composizione percentuale del commercio estero umbro per settori, primo semestre ,22% Prodotti dell agricoltura, silvicoltura e pesca 0,10% Prod. dell estr. di minerali da cave e miniere 10,05% Prodotti alimentari, bevande e tabacco 11,33% Prodotti tessili e dell abbigliamento 1,20% Pelli, accessori e calzature 2,11% Legno e prodotti in legno; carta e stampa 0,10% Coke e prodotti petroliferi raffinati 3,44% Sostanze e prodotti chimici 1,20% Articoli farm., chimico-medicinali e botanici 4,80% Gomma, materie plast., minerali non metal. 33,43% Metalli di base e prodotti in metallo 0,80% Computer, apparecchi elettronici e ottici 3,83% Apparecchi elettrici 17,10% Macchinari ed apparecchi n.c.a. 3,44% Mezzi di trasporto 2,11% Prodotti delle altre attività manifatturiere 0,60% Energia, trattamento dei rifiuti e risanamento 0,22% Prodotti delle altre attività Fonte: Nostra elaborazione dati da Banca d Italia PRESENTAZIONE _ DICEMBRE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 settembre 2014 II Trimestre 2014 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel secondo trimestre del 2014, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri risultano in aumento per

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

LA DELOCALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LAZIALI Il fenomeno del traffico di perfezionamento passivo

LA DELOCALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LAZIALI Il fenomeno del traffico di perfezionamento passivo LA DELOCALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LAZIALI Il fenomeno del traffico di perfezionamento passivo Una delle caratteristiche più importanti del processo di integrazione economica degli ultimi anni è il peso

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 settembre 201 II Trimestre 201 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel secondo trimestre del 201, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri sono in forte aumento per

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 17 marzo 2004 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2003 Nel 2003 il valore delle esportazioni italiane ha registrato una flessione del 4 per cento rispetto al 2002. Dal punto di vista territoriale,

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE 15 COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Nel 2014, in un contesto mondiale in cui gli scambi di beni sono in crescita contenuta rispetto al 2013 (+0,6 per cento), l Italia registra un

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 giugno 2015 I trimestre 2015 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel primo trimestre del 2015, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri sono in aumento sia per le regioni

Dettagli

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA Divisione atmosfera e impianti 1 Inquadramento del tema Per azienda agricola si intende l'unità tecnico-economica costituita da terreni, anche in appezzamenti non

Dettagli

Il valore dell export del comparto elettro-meccanico nelle regioni del Nord Italia Working paper

Il valore dell export del comparto elettro-meccanico nelle regioni del Nord Italia Working paper Il valore dell export del comparto elettro-meccanico nelle regioni del Nord Italia Working paper 2013 1 Dati rilevanti 1 Questo settore vale il 34% dell intero export italiano; Il Nord genera l 8 del valore

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione del Lazio

Osservatorio sull internazionalizzazione del Lazio UNIONCAMERE LAZIO LUISS GUIDO CARLI Osservatorio sull internazionalizzazione del Lazio RAPPORTO 2007-2008 Competenze d impresa e sviluppo locale: un approccio sistemico per l analisi delle imprese multinazionali

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

ESPORTAZIONI ED IMPORTAZIONI DELLE MARCHE 2013-2014 ANNO 2015 VOLUME DICIANNOVESIMO

ESPORTAZIONI ED IMPORTAZIONI DELLE MARCHE 2013-2014 ANNO 2015 VOLUME DICIANNOVESIMO ESPORTAZIONI ED IMPORTAZIONI DELLE MARCHE 2013-2014 ANNO 2015 VOLUME DICIANNOVESIMO Redazione, elaborazioni grafiche e statistiche RICCARDO GIULIETTI Nota Bene: le informazioni statistiche sull Import

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Il presente Osservatorio nasce da una collaborazione CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA Alla sua elaborazione

Dettagli

RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI

RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI A seguito della crisi politico-militare con l Ucraina, le sanzioni economiche introdotte nel 2014 dall Unione europea nei confronti della Russia e le reazioni

Dettagli

Ranking dei Paesi: dall 11mo al 40mo posto quelli che vanno monitorati con più attenzione

Ranking dei Paesi: dall 11mo al 40mo posto quelli che vanno monitorati con più attenzione Presentata la seconda edizione al Circolo del Commercio della Confcommercio milanese. Progetto svilluppato in collaborazione con l Università Cattolica di Milano I Paesi dove le imprese italiane possono

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere Claudio GAGLIARDI Segretario Generale Unioncamere Rapporto PIQ 2011 Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi Roma, 10 dicembre 2012 Perché puntare l obiettivo sulla qualità?

Dettagli

Esportazioni per sistema locale del lavoro Anni 2007-2009

Esportazioni per sistema locale del lavoro Anni 2007-2009 Esportazioni per sistema locale del lavoro Anni 2007-2009 14 maggio 2010 L Istat rende disponibili i risultati dell applicazione di una metodologia per la territorializzazione delle esportazioni nazionali

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Il mercato degli Stati Uniti

Il mercato degli Stati Uniti Il mercato degli Stati Uniti Introduzione Gli Stati Uniti rappresentano il principale partner commerciale dell Italia al di fuori dei paesi dell Ue e il terzo paese di destinazione delle esportazioni italiane,

Dettagli

Settore cultura, turismo, moda, eccellenze

Settore cultura, turismo, moda, eccellenze Settore cultura, turismo, moda, eccellenze Flussi Turistici di Milano e Provincia 2013 in attesa di validazione da parte di ISTAT, i dati sono da ritenersi provvisori e soggetti a modifica Indice 1. Capacità

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008 La situazione dell'import/export della provincia di Ancona del 1 semestre 2008 fotografata dalla Camera di Commercio di Ancona IN FLESSIONE LE ESPORTAZIONI PROVINCIALI (-13,9%) IN DIFFICOLTA LA MECCANICA,

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari I dati dell export piemontese di prodotti alimentari Novara, 29 Ottobre 2015 Corso L export prodotti alimentari di origine animale e vegetale 1 L industria alimentare piemontese in cifre (industria alimentare

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società Introduzione L export della piccola impresa Daniele Nicolai 1 2 L export realizzato dalle piccole imprese (< 20 addetti) rappresenta il 13,6% del totale delle esportazioni italiane e ammonta ad oltre 38

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 06/12/2010

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 06/12/2010 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato 06/12/2010 L origine del prodotto è essenziale per gli acquisti di 129 milioni di cittadini europei Il 'made in' influisce sugli acquisti del 31,7% dei

Dettagli

Il quadro socio- economico del Veneto e lo sviluppo sostenibile

Il quadro socio- economico del Veneto e lo sviluppo sostenibile Il quadro socio- economico del Veneto e lo sviluppo sostenibile Serafino Pitingaro Centro Studi Unioncamere Veneto CSR in rete: un modello per lo sviluppo sostenibile delle PMI vicentine Vicenza, 22 gennaio

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005

Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005 Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005 Novembre 2006 Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005 Presentazione del lavoro...

Dettagli

Rapporto Export SACE 2014-2017 / Executive Summary

Rapporto Export SACE 2014-2017 / Executive Summary executive summary Il Rapporto Export di quest anno si compone di due sezioni. Nella prima si analizzano le evoluzioni nella struttura dell export italiano tra il 2007 e il 2012, per valutare l impatto

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE

LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE 6 novembre 2015 LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare Nomisma Responsabile Wine Monitor Outline Evoluzione dei

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

Scienza e Tecnologia in cifre

Scienza e Tecnologia in cifre Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA SULL IMPRESA E LO SVILUPPO 2013 AGGIORNAMENTI Scienza e Tecnologia in cifre STATISTICHE SULLA RICERCA E INNOVAZIONE ehjkhh Ottobre 2013 Aggiornamento

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Italia - Iran ایران - ایتالیا

Italia - Iran ایران - ایتالیا Italia - Iran ایران - ایتالیا Elaborato dall Ufficio di supporto per la pianificazione strategica, studi e rete estera pianificazione.strategica@ice.it 14 luglio 215 Sanzioni in vigore A partire dal 26

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Quaderno congiunturale territoriale

Quaderno congiunturale territoriale Quaderno congiunturale territoriale Trimestrale Anno X - Numero 32 - Aprile 2007 A cura del Servizio progetti, studi e statistiche QUADERNO CONGIUNTURALE TERRITORIALE TRIMESTRALE Anno X Numero 32 Aprile

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Guida all export Novembre 2006 a cura di Angelo Negri Indice

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

La grande crisi. È opportuno distinguere la crisi in due distinte fasi: 1 fase (2008-2009): caduta della domanda mondiale

La grande crisi. È opportuno distinguere la crisi in due distinte fasi: 1 fase (2008-2009): caduta della domanda mondiale La grande crisi È opportuno distinguere la crisi in due distinte fasi: 1 fase (2008-2009): caduta della domanda mondiale 2 fase (2010-2011): ristagno e flessione del mercato interno (europeo e nazionale)

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

Workshop Trade Finance 27 maggio 2014

Workshop Trade Finance 27 maggio 2014 Workshop Trade Finance 27 maggio 2014 1 1 Euler Hermes: Overview del Gruppo 2 Lo scenario economico: le insolvenze aziendali 3 La Partnership Euler Hermes Crédit Agricole 4 Le nostre offerte di prodotti

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 I consumi culturali: La spesa delle famiglie italiane per la cultura e lo spettacolo rappresenta il 7% della loro

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale. Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata

Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale. Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata Andamento delle attività economiche Sedi di imprese e localizzazioni

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO PICCOLE

Dettagli

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali Il capitale territoriale: una leva per lo sviluppo? Bologna, 17 aprile 2012 Il ruolo delle infrastrutture nei processi di

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Presentazione indagine di mercato su export PMI alimentari italiane Atti del Convegno

Presentazione indagine di mercato su export PMI alimentari italiane Atti del Convegno Presentazione indagine di mercato su export PMI alimentari italiane Atti del Convegno CNA Rovigo - 16-17 Maggio 2004 Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa Assemblea

Dettagli

Flussi Turistici di Milano e Provincia 1 Semestre 2013 gennaio giugno

Flussi Turistici di Milano e Provincia 1 Semestre 2013 gennaio giugno Flussi Turistici di Milano e Provincia 1 Semestre 2013 gennaio giugno in attesa di validazione da parte di ISTAT, i dati sono da ritenersi provvisori e soggetti a modifica Indice 1. Capacità ricettiva

Dettagli

APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 2008

APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 2008 APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 28 PROMOSSO DALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BERGAMO E DALLA PROVINCIA DI BERGAMO EDIZIONE A CURA DELLA CAMERA DI COMMERCIO

Dettagli

Il commercio estero della Toscana. III trimestre 2013

Il commercio estero della Toscana. III trimestre 2013 Il commercio estero della Toscana III trimestre 2013 Firenze, Dicembre 2013 Indice CAPITOLO 1: QUADRO GENERALE CAPITOLO 2: MERCATI E AREE DI SBOCCO CAPITOLO 3:ANDAMENTI SETTORIALI CAPITOLO 4: DINAMICHE

Dettagli

Un analisi storica e comparativa dell apertura internazionale delle imprese venete

Un analisi storica e comparativa dell apertura internazionale delle imprese venete Il modello di internazionalizzazione del Veneto Gli argomenti trattati Il commercio estero le esportazioni e le importazioni Gli investimenti diretti esteri le partecipazioni delle imprese venete all estero

Dettagli

Economie regionali. L'economia dell'umbria. Aggiornamento congiunturale

Economie regionali. L'economia dell'umbria. Aggiornamento congiunturale Economie regionali L'economia dell'umbria Aggiornamento congiunturale Perugia novembre 2014 2 0 1 4 32 Economie regionali L economia dell Umbria Aggiornamento congiunturale Numero 32 - novembre 2014 La

Dettagli

L'importanza del Fattore Umano:

L'importanza del Fattore Umano: L'importanza del Fattore Umano: Tendenze e testimonianze dalle Eccellenti 2015 7 a Edizione Palazzo Mezzanotte 15 giugno 2015 Agenda 1 Osservatorio PMI Global Strategy PMI Italiane: competitività e eccellenza

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%)

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Pubblicato dall Istituto di Statistica il bollettino di maggio. Crescono su base annua i numeri delle aziende

Dettagli

PROVINCIA DI FOGGIA LA DOMANDA DI TRASPORTO E L ANALISI DEI FLUSSI

PROVINCIA DI FOGGIA LA DOMANDA DI TRASPORTO E L ANALISI DEI FLUSSI PROVINCIA DI FOGGIA LA DOMANDA DI TRASPORTO E L ANALISI DEI FLUSSI (Analisi dei flussi complessivi di viaggiatori da e per la Provincia di Foggia con particolare riguardo alla domanda di trasporto aereo)

Dettagli

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego D.ssa Tiziana Rosolin Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 24 L

Dettagli

FEM, Gruppo di lavoro Macchine

FEM, Gruppo di lavoro Macchine FEM, Gruppo di lavoro Macchine Il settore delle macchine industriali, o dei Beni strumentali, si compone di 10 comparti organizzati nella Federazione nazionale delle Associazioni dei produttori di Beni

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli