& ' ( () ( ' ) ) * ' ' ' () + +, -..( /0 + ) ) ) ' + +, ) ( ' '. + )+ " ' '. --' + ' +, ' +

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "& ' ( () ( ' ) ) * ' ' ' () + +, -..( /0 + ) ) ) ' + +, ) ( ' -- + +'. + )+ " ' '. --' + ' +, 1 + 2 ' +"

Transcript

1 ! " # $%

2 & ' ( () ( ' ) ) * ' ' ' () + +, -..( /0 + ) ) ) ' + + /0+ /0, ) ( ' '. + )+ " ' '. --' + ' +, ' +,'' 1 +3 ',- ( + $4 44 ' ). #( +' % - --) + " ) + ' -- 5 ' 1 -- ( ( 1 - &-- 6, + -' ) 7$ #4% 9- '+: 1. #8 %.- (.+2 ;#8% #8% < 4$7 $$77 + 4=64+1 $8 2

3 + -' /0 + )> ) --,: - ' ( : =, )' '' > - #- % - :- + )) -> " " ) 2 -> #+ % 3

4 :5 $ :2- $ :? $ :2 7 :$9 7 " :7:* 7 :4" " = :=: * :: 2:*! # $ ) - %" "! & '()*+, :C, +' :C9- :C"-9D#"9D% :C"2, #"2,% %" - ". :$C!,"#!,"% $ :7C! 7 :4C!5#!E5% 7 :=C! +,#!E,% 7 - :C" 4 :C, 4 :C:+ = :C" = :C":: = 4

5 !!- +) 2 ' ) : & ' /! : - - ' ) / 0# % - : : > : &, 01 " : 26 - " " +: -,?*: " - +: * " " -? " " & , : - ' ) "'- ' - + ) #/ -(6 - ( +-- ( -> - ) "+: ( 7 +-? 5

6 & ) "( :? D"- ;? D " ) +: &5, ' )(( -), ) ( ' 2- " & ' ++ -( ' :6 % ' > %- ' + 4= - ' %( - +: - > %- + ' - ::#:4 :??<?$%> %? +# + %?',# % ' : + :* 9 D# %!E5"9D"2, ;:* # %: 9* ' - ' > -% > % ) 6

7 ,:* &)- - > '% - /0 9D"2,# $%> % + ) > l) ) - :+ ' -' ' : ()' 2# 4% : ( ) - 2> % - ' - "?( > %- - -* D"-> % " 5-- D #"5D% ) ' + > % # : % *) " * ( > (% ' #7%> % ) # %> %-+: ' F 9 +5 " ' ( - 6 C C C C ) -#,?9% > % "? + 1 "- -G H I I -+ &7 3&3&?" :*",7$"-J=$4$ 7

8 +> % - () --' '> & 8 " $ 6 % '' - - ( " K K ( - - )> % ' > % 2 D --#5 D% ' ' ' > %-: - -)- *,&*> %- - -* D"- > -% : + ) : 4> %?- + (- -( $8 + -?) - $ - > '% -? ; ( $ +-- #. %, + - " +? ) ( - +2> % "? -+) 8

9 -- > % +) -- --' ': "' H' () + > % ) - -- > % +2!, " #!,"% +&-- * "#$%'! #!E5%, & 9 4 +: *6 % ' &) 5 <',- #9"; - % - 9 D "- 9 D#"9D% " 2, #"2,% 'L -' :*> % - "- 9 D -' ' "2, > % -! +,#!E,% $ > % :2 '+J > % ' > -% - -(> % -! #!E5%> '% )- -# % *)#4%> % " - +' -- > % - ''( F 9 +5 " # ) -=%> 9

10 % +: > % - () --' '> % +:!, " #!,"% +&-- * "#$% & ? - ' ((- + -( * 2? :2:*6 % + > % '' - - ( "K K (- )> % ( 6 # % - > - -( - +: ";#;7<$% : 6 + # 7 % + - " - > % ), - --, ' $. > %?? 2 come da modelli allegati P.A.S. e P.T.S. 10

11 -- '(') + +,? ' ' '? (> -% " (- :9 6 > > + > %- " ' '( F 9 +5 " ":* # ) -4%> '%?*: ' "9D*)!,#!E,% > % + )?#-% )J' # "2, % ' + > % '-) - : + ) -' ' : ( ) ' 2 4 ) 2 '?- % -! +, $ > %- J' - > % : " - ' > % ") > (% - () 11

12 --' '> % - ( > % " --) ' > % +2!, " #!,"% +&-- * "#$%'! #!E5%! : $ & '( - ; : )6 '? " : :* :*>!," #!,"% &-- * " $ ' ', ',!,"'-) ' 9 - >? B " " - 9 +:,? B : ) 2 ) M? 1 " "# % +: * 2:* " " +: * %" - "! & '()*+, ( ' $ 12

13 &''- 4 # 1 3 <33,* : :* -,E #9"; 9 4 $% 2 # : + % - - ) ' ) M ' - # ' %() :*' -!" ## $!%&'!((##& ' - ( :* & ', =$4? + 9"; - 9D ,?9 #' - % 9 D - ( ) ) --) ( : 9D +L( :* # 9"; - % '- +) :*9D(, :* + + ' ( 9 D - & '2 0 1 $4 >&&$&?,"9D 9 D 1 9"; $=$ $74=:+ + + ' :* 13

14 # ', 9 D% +(,"9D 1 9 D 1 -!E5# :7% ' + + "9D ') "2, # :$% + #'+ :+ % - +, "- -(1 -- "9D "2,3 2*)*-',"-9 D ) ( ) ( # 9"; - %*!E5' "9D' ,"9D '' # - G% - ) # - -++% & ') 44 >?,"2, 9 D "- 9 D 1 +$ 9"; $=$ $,"2,!E5 - " ' - - " 2, '- -' ) --) ) - # %," # * *% :* - - 2"?' -, - 6 -' +> --> # ( ' 14

15 -%> > : +? +# + %?' #%> #.%> - ' > )> > > - - "> - - J,"2, 1-?? -:* -. %" - ". &' >&&&&?,!, " &-- *" $- $ ! +&--*; + 4= 2#?"% :* : ' 9!,!," K ) *# 9*;% +,* -. K#$% : --!,"' 2 : ) : - -,! 9!*#+:(%" ""! ; ( : :!," - J'?,! 15

16 & ' "?*:1! +=4$7 44 & ' = C 4% 1??# % :* - + ' - - +: - 2 *)*-' -+2"?' +: +: +1( "9D"2, # $ 7. : + 9"; $% ' ' + +:+ :!E5 +, 9 * -! - - 2,!?, #! % - "- 9 D # % " 2, #%,! 5 " 2, ) ' : &'9-33 # >.? " 9!E,'' + 7== C : 'L,!E,6 > / " 2 0#$%> - > 16

17 + # ' ' %>,- +> -- : > --+#4 %>? --) > +> ) +, & '+ * - B - : ) " 2,, &,( - = = $444+ =4' +7 +) ( 1 + ' 2 - +!E5 "2,, '' - ' ' #-:* + %+ ) - ) #$$ 74B%, 9* + ' +&--?*: + #* **% + +! # 7 % (- 17

18 ) +', - - &)" + - +$# 74%" + 1 (' #$% &,' 3# # %, :+? +# + %? ' +, # % ' 9 * 2 ) - -' ;: *' ) + :+!E5 - <'- :*+ 9D, 9 )? #? + +? ' % ' ;:* ) ' ') -' "9D "2,, ( ' ) J? + ) + + &,, - /4, 1 - &,2, #J ::% - : ( ' ' #: 4??<? $% 18

19 . #, E % $#9D% $#"-9D% %#;M % $ $7 7 4= 4 #"2, % = #":*% #**% $ #;':*% 7 19

20 !"#$% &'(')*+&'(, Mod. IH CERTIFICAZIONE AI SENSI DELL ART. 3 DELLA LEGGE 104/92 Nome Cognome nato/a il a residente a via DIAGNOSI CLINICA CODIFICAZIONE DELLA DIAGNOSI (ICD 10) PER INFORMAZIONI IL REFERENTE DELL ÉQUIPE DEL SERVIZIO E L ASSISTENTE SOCIALE tel. 085/ Data Firma 20

21 !"#$% &'(')*+&'(, Mod. DF DIAGNOSI FUNZIONALE Alunno/a nato/a il a residente a via scuola Classe DIAGNOSI CLINICA FATTORI CHE INFLUENZANO LO STATO DI SALUTE: PER GARANTIRE L INTEGRAZIONE SCOLASTICA SI RAVVISA LA NECESSITA DI: Assistenza durante l orario Assistenza di base scolastico tramite: Assistenza per l autonomia e la comunicazione Per la deambulazione Ausili: Per la comunicazione AI FINI DELLA COSTITUZIONE DEL GRUPPO DI LAVORO DI CUI ALLA l. 104/92 IL DOTT. E L ATTUALE REFERENTE DELLA UNITA OPERATIVA DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE. 21

22 Mod. DF FUNZIONALITA DELLE AREE DI SVILUPPO DISABILITA GRADO DI COMPROMISSIONE AREE Assente Transitoria Permanente Lieve Moderato Pervasivo Profondo Motoria Cognitiva Neuropsicologica Affettivo Relazionale Linguistico Comunicazionale Autonomia Sensoriale POTENZIALITA GLOBALI E NELLE SINGOLE AREE (SPECIFICARE) CATEGORIA ICD 10 (per fini statistici) Pescara, PER L AZIENDA ASL 22

23 Mod. PDF PROFILO DINAMICO FUNZIONALE Nome e cognome Scuola Diagnosi firme degli estensori Nome e cognome Qualifica Firma Data 23

24 Mod. PDF ASSE COGNITIVO (Livello di sviluppo; strategie; uso integrato di competenze diverse.) Livello attuale Obiettivi Strumenti 24

25 ASSE AFFETTIVO RELAZIONALE (Area del se ; rapporti con gli altri; motivazioni.) Mod. PDF Livello attuale Obiettivi Strumenti 25

26 ASSE COMUNICAZIONALE (Mezzi privilegiati; contenuti prevalenti; modalità di interazione.) Mod. PDF Livello attuale Obiettivi Strumenti 26

27 Mod. PDF ASSE LINGUISTICO (Comprensione; produzione; uso comunicativo; uso di linguaggi alternativi e/o integrativi.) Livello attuale Obiettivi Strumenti 27

28 Mod. PDF ASSE SENSORIALE (Funzionalità visiva, funzionalità uditiva.) Livello attuale Obiettivi Strumenti 28

29 ASSE MOTORIO PRASSICO (Motricità globale; motricità fine; prassie semplici e complesse.) Mod. PDF Livello attuale Obiettivi Strumenti 29

30 ASSE NEUROPSICOLOGICO (Capacità estiche; capacità attentive; organizzazione spazio-temporale.) Mod. PDF Livello attuale Obiettivi Strumenti 30

31 ASSE DELL AUTONOMIA (Autonomia personale; autonomia sociale.) Mod. PDF Livello attuale Obiettivi Strumenti 31

32 Mod. PDF ASSE DELL APPRENDIMENTO (Gioco e grafismo in età prescolare; lettura, scrittura, calcolo; uso spontaneo delle competenze; apprendimenti curriculari.) Livello attuale Obiettivi Strumenti 32

33 Osservazioni e note 33

34 Mod. RQ INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP ASSISTENZA DI BASE ASSISTENZA PER L AUTONOMIA E LA COMUNICAZIONE RELAZIONE QUADRIMESTRALE SCUOLA COMUNE. QUADRIMESTRE.ANNO SCOLASTICO. OPERATORE ORE SETTIMANALI.. ALUNNO CLASSE.. OBIETTIVI STABILITI. OBIETTIVI RAGGIUNTI SUGGERIMENTI E/O PROPOSTE VALUTAZIONE COMPLESSIVA DATA DI COMPILAZIONE.. FIRMA DELL OPERATORE.. 34

35 INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP Mod. RM RIEPILOGO MENSILE DELLE PRESTAZIONI DI COMPETENZA DELL OPERATORE DELL ENTE LOCALE (ART. 139 L. 112/98) SCUOLA... COMUNE... MESE ANNO. OPERATORE ORE SETTIMANALI... ALUNNO CLASSE GIORNO SETTIMANA ORE POMERIGGIO DA A ORE MATTINA DA A TOT. ORE FIRMA OPERATORE NOTE

36 TOTALE ORE DATA FIRMA DIRIGENTE COLASTICO. 36

37 INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP Mod. RM ATA RIEPILOGO MENSILE DELLE PRESTAZIONI DI COMPETENZA DEL COLLABORATORE SCOLASTICO (NOTA MIUR 3390/ ) SCUOLA... COMUNE... MESE ANNO.. COLLABORATORE SCOLASTICO ALUNNO.CLASSE GIORNO SETTIMANA CRONOLOGIA INTERVENTI GIORNALIERI NOTE 37

38 DATA DI COMPILAZIONE FIRMA DEL COLLABORATORE.. 38

39 PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO MODELLO P.E.I. ISTITUZIONE SCOLASTICA SEDE FREQUENTATA ANNO SCOLASTICO CLASSE FREQUENTATA COGNOME NOME LUOGO DI NASCITA DATA NASCITA RESIDENZA 1. Caratteristiche della classe Sezione Numero di ore settimanali di lezione Organizzazione dell orario giornaliero con indicazione delle pause Numero di alunni frequentanti di cui in situazione di handicap Caratteristiche della classe in relazione all accoglienza dell allievo in situazione di handicap: Risorse umane a sostegno del processo di integrazione, in aggiunta ai docenti disciplinari assegnati alla classe Docente specializzato per il sostegno n. ore settimanali Personale educativo assistenziale n. ore settimanali Altre figure mediatrici (volontario, tutor, ) n. ore settimanali 2. L alunno/a utilizza particolari strumenti e/o ausili sia per gli apprendimenti che per le autonomie,etc.) La mensa saltuariamente SI NO La mensa tutti i giorni SI NO 39

40 MODELLO P.E.I. Il trasporto speciale SI NO Il trasporto speciale con accompagnatore SI NO L ascensore SI NO Il bagno attrezzato SI NO La carrozzella SI NO Il banco speciale SI NO Il calcolatore SI NO Il calcolatore con ausili particolari SI NO L ambiente di riposo SI NO Strumenti e ausili particolari SI NO Altro SI NO 3. Frequenza settimanale dell alunno Orario scolastico completo Orario scolastico ridotto Se ridotto spiegare le motivazioni e/o le attività svolte fuori dalla scuola in orario scolastico 4. Modalità organizzative delle attività programmate all interno della scuola ed orario settimanale della classe con indicazione delle discipline (aree disciplinari o settori di attività) : Indicare nella tabella che segue le modalità di integrazione e le aree disciplinari o settori di attività CL = classe intera; G = lavoro di gruppo interno alla classe; L-CL= attività di laboratorio con la classe; L-G= attività di laboratorio anche con alunni di altre classi; AI = attività individualizzata in rapporto uno a uno con l insegnante di sostegno, fuori della classe; A-PG= attività per piccoli gruppi condotte dal docente di sostegno fuori dalla classe; R= riposo; RIAB= riabilitazione o cura. Indicare inoltre se le attività programmate prevedono la presenza di DD= Docenti disciplinari, DS= Docente specializzato per il sostegno; ASS= personale educativo assistenziale; MED= altro personale mediatore (volontario, tutor, ) ORARIO LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI SABATO MODELLO P.E.I. 40

41 5. Particolari attività programmate per la classe che coinvolgono l alunno in situazione di handicap Attività di recupero, consolidamento e potenziamento Attività di laboratorio, di classi aperte, per gruppi Visite didattiche e gite scolastiche Altro 6. Il progetto: _ Allegare la programmazione didattica individualizzata ed eventuali altri strumenti correlati alla realizzazione del progetto (es. scheda di valutazione, portfolio, progetti ) _ Attività integrate nella programmazione educativa individualizzata, anche con la partecipazione di enti esterni alla scuola, 1. attività di carattere sportivo 2. attività di carattere culturale, formativo o socializzante 3. attività di orientamento o di eventuale permanenza 4. attività di alternanza scuola/lavoro (per la Scuola Secondaria di 2 grado) 41 MODELLO P.E.I.

42 Il percorso di orientamento o il progetto di continuità o di eventuale permanenza previsto per l alunno (in allegato al presente PEI si trova la programmazione di dettaglio delle singole attività, degli obiettivi, dei tempi, delle modalità, compreso la descrizione dell eventuale collaborazione con scuole o istituzioni esterne) Descrizione sintetica (obiettivi, tempi, periodo di svolgimento, risorse e collaborazioni necessarie) Gli interventi di riabilitazione e terapia previsti sono in orario scolastico n incontri settimanali durata nell anno scolastico tipologia di intervento in orario extra scolastico n incontri settimanali durata nell anno scolastico tipologia di intervento Verifiche del presente Piano Educativo Individualizzato Il seguente Piano Educativo verrà sottoposto a verifica e conseguente ridefinizione periodica in un qualunque momento il consiglio di classe, su proposta di uno qualunque dei suoi componenti, ne ravvisi la necessità. La verifica dei risultati raggiunti e della congruenza delle scelte effettuate avviene in via ordinaria in coincidenza con le verifiche periodiche quadrimestrali. Di ciascuna delle sedute di verifica si redige un verbale sintetico che viene riportato in allegato alla seguente copia. DATE DELLE VERIFICHE: 42 MODELLO P.E.I. 7. Rapporti con i genitori funzionali all integrazione

43 8. Altre annotazioni Data di approvazione del PEI Firma del Dirigente Scolastico Firme dei componenti del Consiglio di Classe Firme degli operatori A.S.L. Firma dei genitori ELENCO DEGLI ALLEGATI AL PEI DATA DI REDAZIONE N.B. Qualora le istituzioni scolastiche approntassero modelli sperimentali del Piano Educativo Individualizzato, anche in riferimento ai modelli di profilo utilizzati in altre realtà regionali, sono tenute ad inviarli al GLIP, al fine di raccogliere i modelli esistenti sul territorio, di confrontare le pratiche esistenti, nonché favorire la messa a punto di modelli condivisi. 43

44 PROVINCIA DI PESCARA Modello PAS $$ 4 3< 333; 4 ; 13 / 4 A/! #" "! :,*&)#% # % " BBBBBBBBBB BBBBBB " 4 C " # "C " %0 30 >1? & = >? 0 & D >? E >/? 4 >/? BBBBBBB $1 = 3/BBBBBBB

45 PROVINCIA DI PESCARA Modello STS $$ 4 3< 333; 4 ; 13 / 4 A/! :9:,*&)#% # % " BBBBBBBBBB BBBBBB #" " "C & F " >? A F >/? 30 /4 &&? >? & D H E /IJ >? BBBBBBB $1 = 3/BBBBBBB 45

46 MODELLO R. A..S. AL COMUNE DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP ASSISTENZA PER L AUTONOMIA E LA COMUNICAZIONE Richiesta di personale di Assistenza per l autonomia e la comunicazione agli alunni disabili, certificati in base all art. 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104 ANNO SCOLASTICO / SCUOLA/ISTITUTO COMUNE OVE HA SEDE LA SCUOLA Visto l Accordo di programma per l integrazione scolastica degli alunni disabili, a norma della legge n. 104/92, si richiede l assegnazione di personale addetto all assistenza per: ALUNNO (INSERIRE IL CODICE IDENTIFICATIVO) NATO A IL RESIDENTE A PROVENIENTE DA 3 ISCRITTO ALLA CLASSE SEZIONE DESCRIZIONE SINTETICA DELLA DISABILITA DELL ALUNNO, IN BASE ALLA DIAGNOSI FUNZIONALE: 3 Riferendosi all anno scolastico precedente, specificare se proveniente da altra scuola (nome e città) o dalla stessa, oppure (nel caso di prima iscrizione alla scuola materna) dal Nido. 46

47 MODELLO R. A..S. DIAGNOSI CLINICA N. FATTORI FACILITANTI LA PARTECIPAZIONE 1 SITUAZIONE FAMILIARE AFFETTIVA LIEVE MEDIO GRAVE PRESENTI SCARSE ASSENTI 2 SITUAZIONE SOCIO-ECONOMICA 3 ABILITA DI AUTONOMIA PERSONALE 4 ABILITA SOCIALI 5 6 TOT. CONDIZIONI DI ACCESSIBILITA (alle strutture e alle attività) ORGANIZZAZIONE DELLA CLASSE (% disabili in classe, compresenza operatori) 9 ' ' +# %NNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNN6 LIEVE MEDIA GRAVE 47

48 MODELLO R. A..S. ".!! #" "!& Iscritto per la prima volta? si/no Certificato per la prima volta? si/no In classe con altri alunni disabili? N. tot. alunni presenti in classe Ore di frequenza settimanali della classe Ore di frequenza settimanali dell alunno Ore di sostegno settimanali assegnate all alunno Ore di Assistenza settimanali assegnate nell a.s. precedente? Ore di Assistenza settimanali richieste si/no quanti si/no quante GRIGLIA DELLA COMPRESENZA SETTIMANALE DEGLI INSEGNANTI/OPERATORI DELL ALUNNO DISABILE (Docente curriculare, docente di sostegno, assistente per l autonomia e la comunicazione) TOT. ORE di I ORA II ORA III ORA IV ORA V ORA VI ORA compresenza LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI SABATO TOT. 48

49 MODELLO R. A..S. Sulla base di un attenta valutazione dei reali bisogni dell alunno, risultante dalla Diagnosi Funzionale e dalla comparazione dei dati riassunti nelle griglie, si ritiene necessario richiedere un numero di ore di Assistenza pari a: ORE SETTIMANALI. Qualifica e firma dei componenti il gruppo H (solo per i casi già conosciuti): Data di compilazione / / IL DIRIGENTE SCOLASTICO 49

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO ISTITUZIONE SCOLASTICA SEDE FREQUENTATA ANNO SCOLASTICO CLASSE FREQUENTATA COGNOME NOME LUOGO DI NASCITA PROVINCIA DATA DI NASCITA RESIDENZA DOMICILIO (solo se diverso

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE. ai sensi art. 3 Legge 104/92. Cognome Nome. Sesso M/F Nato/a a il. Residente in Via N. Comune Provincia CODICE FISCALE

DIAGNOSI FUNZIONALE. ai sensi art. 3 Legge 104/92. Cognome Nome. Sesso M/F Nato/a a il. Residente in Via N. Comune Provincia CODICE FISCALE ALLEGATO 3 LOGO REGIONALE Azienda DIAGNOSI FUNZIONALE ai sensi art. 3 Legge 104/92 Cognome Nome Sesso M/F Nato/a a il Residente in Via N Comune Provincia CODICE FISCALE DIAGNOSI CLINICA CODIFICAZIONE DIAGNOSI

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO ISTITUZIONE SCOLASTICA SEDE FREQUENTATA ANNO SCOLASTICO CLASSE FREQUENTATA COGNOME NOME LUOGO DI NASCITA PROVINCIA DATA NASCITA RESIDENZA 1. Caratteristiche della classe

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado ad indirizzo musicale VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceic848004@istruzione.it C.M.

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO ISTITUTO COMPRENSIVO Giuseppe Fumasoni Via C. Valorsa n 70 23010 BERBENNO DI VALTELLINA (SO) Tel. 0342/492198 E-mail: soic801006@istruzione.it PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO COGNOME NOME LUOGO DI NASCITA

Dettagli

P.E.I. Piano Educativo Individualizzato. Anno Scolastico 201 /

P.E.I. Piano Educativo Individualizzato. Anno Scolastico 201 / P.E.I Piano Educativo Individualizzato Anno Scolastico 201 / COMPONENTI DEL GRUPPO DI LAVORO Scuola Dirigente Scolastico Docente/i di sostegno Docenti curriculari Azienda Sanitaria Enti Locali Famiglia

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO 1

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO 1 Anno scolastico:. Classe sez.. n. alunni:. Alunno:... Consiglio di Classe: NOME MATERIA DATI

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.)

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.) Integrazione Scolastica degli Alunni con Disabilità Istituzione Scolastica: PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.) di ANNO SCOLASTICO: Data compilazione: L insegnante coordinatore di classe: L insegnante/i

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.)

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.) INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALBANELLA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Via Roma Tel. e Fax 0828/781120 e-mail saic887003@istruzione.it

Dettagli

REGISTRO DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO

REGISTRO DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO Scuola (denominazione) Indirizzo REGISTRO DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO ALUNNO CLASSE-SEZIONE MODULO/CLASSI ANNO SCOLASTICO / INDICE Intestazione Indice Agenda della scuola ai fini dell integrazione Operatori

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003)

Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003) Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003) PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Scuola Dirigente Scolastico

Dettagli

PRIMO STRUMENTO DIAGNOSI FUNZIONALE.

PRIMO STRUMENTO DIAGNOSI FUNZIONALE. LEZIONE: GLI STRUMENTI GIURIDICO-METODOLOGICI DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA PROF. CARMINE PISCOPO Indice 1 PRIMO STRUMENTO DIAGNOSI FUNZIONALE. ----------------------------------------------------------------

Dettagli

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico Capitolo 14 - Sostegno Scolastico 14.1 Il diritto all istruzione Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa nazionale vigente, attraverso l integrazione scolastica,

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

Vademecum dell insegnante di sostegno a.s. 2015-16

Vademecum dell insegnante di sostegno a.s. 2015-16 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI GROSOTTO 23034 GROSOTTO (SO) - Via Roma, 4 Tel.0342/887192 c.f.: 92016170141 SOIC807005@istruzione.it sito: www.icgrosotto.gov.it Prot.n.5700/C27

Dettagli

FIGURE OPERANTI ALL INTERNO DELLA SCUOLA E LORO RUOLI

FIGURE OPERANTI ALL INTERNO DELLA SCUOLA E LORO RUOLI All. 11. Protocollo di accoglienza alunni con disabilità PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ Il presente documento, denominato Protocollo di Accoglienza, nasce dall

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Finalità Questo documento contiene informazioni, principi, criteri ed indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per l inclusione

Dettagli

MODULISTICA: CERTIFICAZIONE, D.F.,P.D.F.,P.E.I.; MODELLO AGGIORNATO D.F.

MODULISTICA: CERTIFICAZIONE, D.F.,P.D.F.,P.E.I.; MODELLO AGGIORNATO D.F. ALLEGATO 3 MODULISTICA: CERTIFICAZIONE, D.F.,P.D.F.,P.E.I.; MODELLO AGGIORNATO D.F. A) Certificazione ed atti conseguenti 1 - Dalla lettura combinata delle norme successive alla legge quadro - e precisamente

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Fondamenti legislativi L art. 3 della legge quadro (L. 104/92) stabilisce che disabile è: "colui che presenta una minorazione

Dettagli

Integrazione Scolastica degli alunni Diversamente Abili

Integrazione Scolastica degli alunni Diversamente Abili Integrazione Scolastica degli alunni Diversamente Abili Linee generali per l elaborazione dei progetti e modalità organizzativa L inserimento degli alunni disabili nel nostro Istituto è finalizzato alla

Dettagli

ALLEGATI ALL ACCORDO DI PROGRAMMA PROVINCIALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DI ALLIEVI IN SITUAZIONE DI HANDICAP NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

ALLEGATI ALL ACCORDO DI PROGRAMMA PROVINCIALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DI ALLIEVI IN SITUAZIONE DI HANDICAP NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO ALLEGATI ALL ACCORDO DI PROGRAMMA PROVINCIALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DI ALLIEVI IN SITUAZIONE DI HANDICAP NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Allegato ALLEGATO 1: Coordinamento Provinciale dell

Dettagli

FASCICOLO PERSONALE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CHIUDUNO SCUOLA PRIMARIA DI SCUOLA SECONDARIA DI. Alunno.

FASCICOLO PERSONALE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CHIUDUNO SCUOLA PRIMARIA DI SCUOLA SECONDARIA DI. Alunno. UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CHIUDUNO SCUOLA PRIMARIA DI SCUOLA SECONDARIA DI FASCICOLO PERSONALE Alunno Classe Insegnanti e discipline insegnate Ass/educatore ANNO

Dettagli

QUADRO RIASSUNTIVO-SINTETICO DEL SISTEMA COORDINATO DI DOCUMENTI/INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI H

QUADRO RIASSUNTIVO-SINTETICO DEL SISTEMA COORDINATO DI DOCUMENTI/INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI H QUADRO RIASSUNTIVO-SINTETICO DEL SISTEMA COORDINATO DI DOCUMENTI/INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI H Fonti legislative principali: L. 104/92, artt. 12, 13, 15; D.P.R. 24/2/94,

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA G. BARUFFI - F. GARELLI Via di Curazza, 15 12084 MONDOVÄ tel. 0174/42601 fax 0174/551401 ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Dettagli

Il 5 Febbraio 1992 viene approvata la Legge-quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate

Il 5 Febbraio 1992 viene approvata la Legge-quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate L. 104/92 legge quadro sull handicap Il 5 Febbraio 1992 viene approvata la Legge-quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate Già dal titolo si capisce che il

Dettagli

LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO. INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti

LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO. INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti PAROLE PER ORIENTARSI DEFICIT HANDICAP - DIVERSABILITA - DISABILITA Deficit : per indicare

Dettagli

Premessa Protocollo di Accoglienza Protocollo di Accoglienza Protocollo di Accoglienza

Premessa Protocollo di Accoglienza Protocollo di Accoglienza Protocollo di Accoglienza Premessa Il Protocollo di accoglienza è un documento che nasce da un'esigenza d informazione relativamente all integrazione degli alunni disabili all interno del nostro Istituto Comprensivo. Esso viene

Dettagli

ALLEGATI ALL ACCORDO DI PROGRAMMA PROVINCIALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DI ALLIEVI CON DISABILITÁ NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

ALLEGATI ALL ACCORDO DI PROGRAMMA PROVINCIALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DI ALLIEVI CON DISABILITÁ NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO ALLEGATI ALL ACCORDO DI PROGRAMMA PROVINCIALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DI ALLIEVI CON DISABILITÁ NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO ALLEGATO 1: Indirizzi per la certificabilità per l integrazione

Dettagli

Atto di indirizzo Docenti di sostegno 5 Circolo Didattico E. De Amicis, Livorno

Atto di indirizzo Docenti di sostegno 5 Circolo Didattico E. De Amicis, Livorno ACCOGLIENZA DELL INSEGNANTE DI SOSTEGNO TITOLARITA ASSEGNAZIONE all alunno e alla classe ORARIO SERVIZIO L insegnante di sostegno sarà accolto dal Dirigente Scolastico e dalla Funzione Strumentale per

Dettagli

I DOCUMENTI DELL'INTEGRAZIONE SCOLASTICA

I DOCUMENTI DELL'INTEGRAZIONE SCOLASTICA I DOCUMENTI DELL'INTEGRAZIONE SCOLASTICA 1. Diagnosi Clinico Funzionale 2. Verbale d accertamento 3. Profilo Dinamico Funzionale 4. Piano Educativo Individualizzato La famiglia provvede all iscrizione

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo NORD 2 - Brescia Via Costalunga, 15-25123 BRESCIA Cod. Min. BSIC88400D - Cod.Fisc. 80049710173 Tel.030307858-0308379448-9

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE: SEZIONE ALUNNI CON CERTIFICAZIONE L. 104/92

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE: SEZIONE ALUNNI CON CERTIFICAZIONE L. 104/92 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE: SEZIONE ALUNNI CON CERTIFICAZIONE L. 104/92 1. Finalità degli interventi educativi e didattici 2. Persone coinvolte nel progetto di integrazione 3. Percorso di

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Piola Via M. d Azeglio 41 20833 Giussano Tel: 0362/850674 Fax: 0362/850614 e-mail uffici: miic83500a@istruzione.it

Dettagli

PROGETTO PER L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROGETTO PER L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. Alberti INDIRIZZI : AREA ECONOMICA:Amministrazione Finanza e Marketing / IGEA Turismo/ ITER LICEO SCIENTIFICO: Scienze Applicate/Liceo ScientificoTecnologico

Dettagli

Testo di riferimento

Testo di riferimento Testo di riferimento Realizzazione di strumenti di documentazione e comunicazione tra scuola e servizi socio-sanitari con l utilizzo dell ICF come linguaggio comune per la descrizione del funzionamento

Dettagli

IPSSAR UGO TOGNAZZI VADEMECUM INSEGNANTE DI SOSTEGNO

IPSSAR UGO TOGNAZZI VADEMECUM INSEGNANTE DI SOSTEGNO ACCOGLIENZA DELL INSEGNANTE DI SOSTEGNO L insegnante di sostegno sarà accolto dal Dirigente Scolastico e dalla Funzione Strumentale per l inclusività. All atto di presentazione, la F.S. consegnerà copia

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO ANNO SCOLASTICO

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO ANNO SCOLASTICO I s t i t u t o d i I s t r u z i o n e S u p e r i o r e A l e s s a n d r o V o l t a via Alessandro Volta 15 PESCARA www.iisvoltapescara.gov.it PEC peis00600b@pec.istruzione.it tel 085 4313848 fax 085

Dettagli

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO DIREZIONE DIDATTICA DI BUDRIO SCUOLA PRIMARIA A.S.

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO DIREZIONE DIDATTICA DI BUDRIO SCUOLA PRIMARIA A.S. P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con altri Bisogni Educativi Speciali (BES-Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/03/2013) DIREZIONE DIDATTICA DI BUDRIO SCUOLA PRIMARIA A.S. Alunno/a: Classe:

Dettagli

GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI SOSTEGNO DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP

GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI SOSTEGNO DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP ISTITUTO COMPRENSIVO E. CURTI GEMONIO Pagina 1 di 6 GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI SOSTEGNO DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP Entro i termini e i criteri previsti dalla legge, sulla base del numero di

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO STATALE DARIO PAGANO ROMA PEI. a.s. 2010-20011

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO STATALE DARIO PAGANO ROMA PEI. a.s. 2010-20011 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO STATALE DARIO PAGANO ROMA PEI a.s. 2010-20011 Documento da allegare alla programmazione curricolare della classe... e al fascicolo personale dell alunn......... La programmazione,

Dettagli

Piano dell Offerta Formativa a.s. 2013-2014

Piano dell Offerta Formativa a.s. 2013-2014 Piano dell Offerta Formativa a.s. 2013-2014 ALLEGATO N. 2 Disabilità D.S.A. B.E.S. ALUNNI CERTIFICATI Premessa INDICAZIONI DI BASE PER GLI INSEGNANTI 1. Nella scuola in cui si fa integrazione la diversità

Dettagli

IL DOCENTE DI SOSTEGNO: UN RUOLO NELLA SCUOLA DELL INCLUSIONE

IL DOCENTE DI SOSTEGNO: UN RUOLO NELLA SCUOLA DELL INCLUSIONE IL DOCENTE DI SOSTEGNO: UN RUOLO NELLA SCUOLA DELL INCLUSIONE METODOLOGIE E STRUMENTI PER UN INTEGRAZIONE DI QUALITA CORSO DI FORMAZIONE INFORMAZIONE PER DOCENTI NON SPECIALIZZATI OPERANTI SU POSTO DI

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE INSEGNANTI DI SOSTEGNO

ISTRUZIONI PER LE INSEGNANTI DI SOSTEGNO Pag 1/5 INCONTRI DI INIZIO ANNO SCOLASTICO Al più presto il docente di sostegno, non appena assegnato a nuovi casi, dovrà curare alcuni incontri: Con il gruppo docente dell anno precedente Con i genitori

Dettagli

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida Via Brogeda, 21 22100 Como Tel. 031.541180/Fax 031.532927 comprensivocomonord@tiscali.it MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida A cura del Gruppo di Lavoro per l integrazione degli alunni diversamente

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO ISTITUZIONE SCOLASTICA (denominazione scuola) ALUNNO PLESSO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Anno Scolastico Classe Sez Anno Scolastico Classe Sez cognome nome data di nascita luogo di nascita residenza

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO ISTITUTO COMPRENSIVO C.D. 57 SAN GIOVANNI BOSCO VIA A.C. De Meis, 19-80147 NAPOLI (NA) Telef./Fax 081/ 5962226 C.M. NAIC8A500P C.F. 80016600639 e-mail naic8a500p@istruzione.it PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DI MADRELINGUA NON ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DI MADRELINGUA NON ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DI MADRELINGUA NON ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ALLIEVO: CLASSE: SEZIONE A 1. VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE IN INGRESSO COMPRENSIONE ORALE Non adeguata Parzialmente

Dettagli

VADEMECUM insegnante di sostegno - IPSSAR Tognazzi

VADEMECUM insegnante di sostegno - IPSSAR Tognazzi ACCOGLIENZA DELL INSEGNANTE DI SOSTEGNO TITOLARITA ORARIO SERVIZIO STESURA DEL P.D.F. (PROFILO DINAMICO FUNZIONALE) L insegnante di sostegno sarà accolto dal Dirigente Scolastico e dalla Funzione Strumentale

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e l inserimento DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e l inserimento DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico.

Dettagli

PIANO DI INTEGRAZIONE E D INCLUSIONE D ISTITUTO

PIANO DI INTEGRAZIONE E D INCLUSIONE D ISTITUTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI OME Scuola Primaria e Secondaria 1 gr. Statale di OME e MONTICELLI BRUSATI Via Valle, 7-25050 OME (BS) BSIC81100Q@istruzione.it

Dettagli

PROGETTI D ISTITUTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA. Obiettivi educativi

PROGETTI D ISTITUTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA. Obiettivi educativi PROGETTI D ISTITUTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA L integrazione scolastica ha come obiettivo lo sviluppo delle potenzialità della persona disabile nell apprendimento, nella comunicazione, nelle relazioni e

Dettagli

PIANO ANNUALE INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16

PIANO ANNUALE INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 PIANO ANNUALE INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 Premessa L istruzione è un elemento indispensabile per qualunque società e la scuola ha il compito di assicurare a tutti il diritto allo studio e al successo

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per alunni con DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI (ai sensi del DM 27 /12/2012) Anno Scolastico

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per alunni con DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI (ai sensi del DM 27 /12/2012) Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per alunni con DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI (ai sensi del DM 27 /12/2012) Anno Scolastico Classe.. Sezione Indirizzo di studio.. Referente o coordinatore di classe 1. DATI

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE Scuola LICEO SCIENTIFICO STATALE E. FERMI di MASSA a.s. 2014/2015 PIA ANNUALE PER L INCLUONE Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate

Dettagli

Piano annuale per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Piano annuale per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Piano annuale per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali anno scolastico 2014-2015 L Istituto Alberghiero Le Streghe si propone di potenziare la cultura dell inclusione per realizzare

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICO EDUCATIVA INDIVIDUALIZZATA

PROGETTO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICO EDUCATIVA INDIVIDUALIZZATA Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Ufficio Scolastico Provinciale di Pesaro Urbino Ambiti Territoriali Sociali 1-2 -3-4 -5-6 - 7 Provincia di Pesaro Urbino Azienda Sanitaria Unica Regionale ZT.

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.):

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.): Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Ufficio Scolastico Provinciale di Pesaro Urbino Ambiti Territoriali Sociali 1-2 -3-4 -5-6 - 7 Provincia di Pesaro Urbino Azienda Sanitaria Unica Regionale ZT.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELL ARQUATO PROTOCOLLO DI INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI A.S. 2014-2015 PREMESSA Il Protocollo di integrazione scolastica è un documento che nasce dall esigenza di un

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN MARTINO BUON ALBERGO Via Gottardi, 2B 37036 San Martino Buon Albergo (VR) 045990148 Fax 045990155 e-mail VRIC84000T@ISTRUZIONE.IT Anno scolastico 2014-2015 BISOGNI EDUCATIVI

Dettagli

PIANO EDUCATIVO PERSONALIZZATO A.S. 2014/2015

PIANO EDUCATIVO PERSONALIZZATO A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, UNIVERSITÀ E RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA LOMBARDIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI BERNAREGGIO PLESSO DI.. SCUOLA. VIA TEL/FAX. PIANO EDUCATIVO PERSONALIZZATO 2014/2015

Dettagli

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE Sportello di informazioni sulla disabilità 4 È un servizio promosso dalle associazioni Abc-Liguria e Dopodomani Onlus per dare informazioni ed indicazioni

Dettagli

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (PEI)

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (PEI) PROFILO DINAMICO FUNZIONALE Materiale tratto da: http://spazioinwind.libero.it/handiscuola/index.html Per un Profilo Dinamico Funzionale esatto, occorre una corretta formulazione del Piano Educativo Individualizzato,

Dettagli

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta Piano di Integrazione di Istituto Valido per il triennio scolastico 2015 / 2018 PREMESSA Con il Progetto d Istituto per l Integrazione Scolastica degli

Dettagli

Percorsi scuola e lavoro per gli allievi diversamente abili con programmazione evalutazione differenziata. Fasi fondamentali della progettazione

Percorsi scuola e lavoro per gli allievi diversamente abili con programmazione evalutazione differenziata. Fasi fondamentali della progettazione Percorsi scuola e lavoro per gli allievi diversamente abili con programmazione evalutazione differenziata Premessa Fasi fondamentali della progettazione Sulla base di quanto stabilito nel D.Lgs 77 del

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO GRUPPI DI LAVORO PER L HANDICAP

DIAGNOSI FUNZIONALE PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO GRUPPI DI LAVORO PER L HANDICAP GLI STRUMENTI DELL'INTEGRAZIONE SCOLASTICA DIAGNOSI FUNZIONALE PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO GRUPPI DI LAVORO PER L HANDICAP Legge 5 febbraio 1992, n. 104 "Legge-quadro per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L. CAPUANA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L. CAPUANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L. CAPUANA Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria - Scuola Secondaria di primo grado Viale Santuccio (Ex V.le Lido)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia - Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Prot. n. NOTE ORGANIZZATIVE PER UNA CORRETTA GESTIONE

Dettagli

INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI

INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI (quadro riepilogativo delle norme di riferimento) Riferimenti normativi. C.M. 22.09.1983 N. 258, C.M. 3.9.1985 N. 250, C.M. 4.1.1988 N. 1, C.M. 22.9.1988 N. 262, L. 5.2.1992

Dettagli

Convegno Nazionale 25 26 settembre 2009 COMUNE DI VIGEVANO LA FAMIGLIA CON PERSONA DISABILE INTERVENTO OLISTICO

Convegno Nazionale 25 26 settembre 2009 COMUNE DI VIGEVANO LA FAMIGLIA CON PERSONA DISABILE INTERVENTO OLISTICO Convegno Nazionale 25 26 settembre 2009 COMUNE DI VIGEVANO LA FAMIGLIA CON PERSONA DISABILE INTERVENTO OLISTICO L AIUTO SCOLASTICO LA FAMIGLIA Dott. Eugenia Rossana Fabiano Dirigente Scolastico Fase di

Dettagli

P.E.I. PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

P.E.I. PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Scuola Secondaria Statale di Primo Grado Via Pascoli Via G. Pascoli, 256-47521 CESENA (FC) Tel. 0547/611134 - Fax. 0547/29163 E-mail: fomm03100p@istruzione.it - www.viapascolicesena.gov.it P.E.I. PIANO

Dettagli

PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ: dalla SCUOLA D INFANZIA alla SCUOLA PRIMARIA alla SCUOLA SECONDARIA- Questo documento denominato Protocollo di Continuità per gli alunni

Dettagli

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

TRIANGOLAZIONE: Azioni associative sulla disabilità, dono nella scuola e nella società progetto legge 383/2000 anno fin. 2010 lett. f) TRIANGOLAZIONE:

TRIANGOLAZIONE: Azioni associative sulla disabilità, dono nella scuola e nella società progetto legge 383/2000 anno fin. 2010 lett. f) TRIANGOLAZIONE: TRIANGOLAZIONE: Azioni associative sulla disabilità, dono nella scuola e nella società progetto legge 383/2000 anno fin. 2010 lett. f) Rilevazione dei dati principali TRIANGOLAZIONE: dell anno scolastico

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

INDICAZIONI DI BASE PER GLI INSEGNANTI CHE LAVORANO CON ALUNNI CERTIFICATI

INDICAZIONI DI BASE PER GLI INSEGNANTI CHE LAVORANO CON ALUNNI CERTIFICATI ISTITUTO COMPRENSIVO DI LONGARONE scuole dell infanzia, primaria e secondaria di I grado Piazza Mazzolà, 1 32013 Longarone Tel. 0437 770209 Fax 0437 576168 e_mail: blic82100c@istruzione.it sito web: www.comprensivolongarone.info

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con altri Bisogni Educativi Speciali (BES Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/3/2013)

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con altri Bisogni Educativi Speciali (BES Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/3/2013) ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S.CATERINA DA SIENA-AMENDOLA Via LAZZARELLI - 84132 SALERNO - Tel. e Fax 089333084 - Cod. Meccanografico: SAIS06900N C.F. 95 1397 60656 - E-Mail: sais06900n@istruzione.it

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO ISTITUZIONE SCOLASTICA ALUNNO (denominazione scuola) PLESSO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Anno Scolastico Classe Sez. Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Residenza Telefono NUMERO DI ALUNNI

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO da VINCI 30173 Mestre - Venezia PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Premessa Nel

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA per gli alunni diversamente abili norme, procedure, buone prassi

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA per gli alunni diversamente abili norme, procedure, buone prassi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo Tel 035243373 Fax: 035270323- c.f. 95118530161 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

Linee operative per il processo di individuazione e accompagnamento dell alunno con handicap ai fini dell integrazione scolastica

Linee operative per il processo di individuazione e accompagnamento dell alunno con handicap ai fini dell integrazione scolastica Linee operative per il processo di individuazione e accompagnamento dell alunno con handicap ai fini dell integrazione scolastica Le fasi del processo L accertamento collegiale L accertamento della situazione

Dettagli

Percorso suggerito per l inserimento scolare dell alunno affetto da Sindrome Autistica

Percorso suggerito per l inserimento scolare dell alunno affetto da Sindrome Autistica Percorso suggerito per l inserimento scolare dell alunno affetto da Sindrome Autistica Anno 2011 Premessa e contesto programmatorio e progettuale di riferimento La patologia autistica è una condizione

Dettagli

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari.

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. H A N D I C A P E S C U O L A Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. L INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP L art. 3 della

Dettagli

Circ.N. 45 Ferrara,06/10/2015

Circ.N. 45 Ferrara,06/10/2015 Istituto Comprensivo Statale N. 6 Cosmè Tura Via Montefiorino, 32 - Ferrara - 0532.464544 0532461274; fax 0532463294 Codice Fiscale: 93053580382 www.comune.fe.it /http://scuole.comune.fe.it/ - E_mail:

Dettagli

P R O T O C O L L O d i AC C O G L I E N Z A per l integrazione scolastica degli studenti diversamente abili

P R O T O C O L L O d i AC C O G L I E N Z A per l integrazione scolastica degli studenti diversamente abili Istituto Comprensivo Statale L Pilla di Venafro (Isernia) Via Colonia Giulia - 86079 VENAFRO (Isernia) Tel. 0865 904216 Fax 0865 904216 mail: isic82500p@istruzione.it Distretto n 2 di Venafro Cod. Fisc.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO Piano Annuale per l Inclusione a.s.2015-2016 Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

A. MORO CERRO AL LAMBRO

A. MORO CERRO AL LAMBRO ISTITUTO COMPRENSIVO P. FRISI MELEGNANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. MORO CERRO AL LAMBRO Iscrizioni a.s. 2015/2016 1 La proposta didattica e formativa della Scuola Secondaria di Primo Grado per le

Dettagli

PREMESSA RISORSE PER L INTEGRAZIONE

PREMESSA RISORSE PER L INTEGRAZIONE PREMESSA Il presente protocollo vuole essere una traccia di lavoro nell ottica dell integrazione degli alunni diversamente abili, facendo riferimento alla documentazione e alla legislazione in vigore ma

Dettagli

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili INCLUSIVITÀ a Integrazione del disagio Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili Il POF d istituto riconosce pienamente il modello d istruzione italiano in termini

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni disabili

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni disabili PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni disabili Finalità Questo documento contiene informazioni, principi, criteri ed indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per l inclusione degli alunni disabili, definisce

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PROVINCIALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEI BAMBINI E ALUNNI DISABILI 2008-2013 (in breve Accordo di programma)

ACCORDO DI PROGRAMMA PROVINCIALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEI BAMBINI E ALUNNI DISABILI 2008-2013 (in breve Accordo di programma) ACCORDO DI PROGRAMMA PROVINCIALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEI BAMBINI E ALUNNI DISABILI 2008-2013 (in breve Accordo di programma) VERIFICA INTERMEDIA PREVISTA DALL ARTICOLO 6.2 QUESTIONARIO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO H

REGOLAMENTO DEL GRUPPO H ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAULONIA SCUOLA: dell infanzia - primaria secondaria di 1 grado via Corrado Alvaro, 2-89040 CAULONIA (RC) - Tel. 0964/82039 C.M. RCIC826001 C.F. 90011460806 Email: rcic826001@istruzione.it

Dettagli

Scuola a.s. 2016/17_. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola a.s. 2016/17_. Piano Annuale per l Inclusione Scuola a.s. 2016/17_ Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) 22

Dettagli

Protocollo per l Accoglienza e l Integrazione dell alunno Diversamente Abile

Protocollo per l Accoglienza e l Integrazione dell alunno Diversamente Abile Protocollo per l Accoglienza e l Integrazione dell alunno Diversamente Abile Istituto Comprensivo ILARIA ALPI Via Salerno n. 1 Milano 1 Indice 1. L integrazione dell alunno diversamente abile.. pag. 3

Dettagli