& ' ( () ( ' ) ) * ' ' ' () + +, -..( /0 + ) ) ) ' + +, ) ( ' '. + )+ " ' '. --' + ' +, ' +

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "& ' ( () ( ' ) ) * ' ' ' () + +, -..( /0 + ) ) ) ' + +, ) ( ' -- + +'. + )+ " ' '. --' + ' +, 1 + 2 ' +"

Transcript

1 ! " # $%

2 & ' ( () ( ' ) ) * ' ' ' () + +, -..( /0 + ) ) ) ' + + /0+ /0, ) ( ' '. + )+ " ' '. --' + ' +, ' +,'' 1 +3 ',- ( + $4 44 ' ). #( +' % - --) + " ) + ' -- 5 ' 1 -- ( ( 1 - &-- 6, + -' ) 7$ #4% 9- '+: 1. #8 %.- (.+2 ;#8% #8% < 4$7 $$77 + 4=64+1 $8 2

3 + -' /0 + )> ) --,: - ' ( : =, )' '' > - #- % - :- + )) -> " " ) 2 -> #+ % 3

4 :5 $ :2- $ :? $ :2 7 :$9 7 " :7:* 7 :4" " = :=: * :: 2:*! # $ ) - %" "! & '()*+, :C, +' :C9- :C"-9D#"9D% :C"2, #"2,% %" - ". :$C!,"#!,"% $ :7C! 7 :4C!5#!E5% 7 :=C! +,#!E,% 7 - :C" 4 :C, 4 :C:+ = :C" = :C":: = 4

5 !!- +) 2 ' ) : & ' /! : - - ' ) / 0# % - : : > : &, 01 " : 26 - " " +: -,?*: " - +: * " " -? " " & , : - ' ) "'- ' - + ) #/ -(6 - ( +-- ( -> - ) "+: ( 7 +-? 5

6 & ) "( :? D"- ;? D " ) +: &5, ' )(( -), ) ( ' 2- " & ' ++ -( ' :6 % ' > %- ' + 4= - ' %( - +: - > %- + ' - ::#:4 :??<?$%> %? +# + %?',# % ' : + :* 9 D# %!E5"9D"2, ;:* # %: 9* ' - ' > -% > % ) 6

7 ,:* &)- - > '% - /0 9D"2,# $%> % + ) > l) ) - :+ ' -' ' : ()' 2# 4% : ( ) - 2> % - ' - "?( > %- - -* D"-> % " 5-- D #"5D% ) ' + > % # : % *) " * ( > (% ' #7%> % ) # %> %-+: ' F 9 +5 " ' ( - 6 C C C C ) -#,?9% > % "? + 1 "- -G H I I -+ &7 3&3&?" :*",7$"-J=$4$ 7

8 +> % - () --' '> & 8 " $ 6 % '' - - ( " K K ( - - )> % ' > % 2 D --#5 D% ' ' ' > %-: - -)- *,&*> %- - -* D"- > -% : + ) : 4> %?- + (- -( $8 + -?) - $ - > '% -? ; ( $ +-- #. %, + - " +? ) ( - +2> % "? -+) 8

9 -- > % +) -- --' ': "' H' () + > % ) - -- > % +2!, " #!,"% +&-- * "#$%'! #!E5%, & 9 4 +: *6 % ' &) 5 <',- #9"; - % - 9 D "- 9 D#"9D% " 2, #"2,% 'L -' :*> % - "- 9 D -' ' "2, > % -! +,#!E,% $ > % :2 '+J > % ' > -% - -(> % -! #!E5%> '% )- -# % *)#4%> % " - +' -- > % - ''( F 9 +5 " # ) -=%> 9

10 % +: > % - () --' '> % +:!, " #!,"% +&-- * "#$% & ? - ' ((- + -( * 2? :2:*6 % + > % '' - - ( "K K (- )> % ( 6 # % - > - -( - +: ";#;7<$% : 6 + # 7 % + - " - > % ), - --, ' $. > %?? 2 come da modelli allegati P.A.S. e P.T.S. 10

11 -- '(') + +,? ' ' '? (> -% " (- :9 6 > > + > %- " ' '( F 9 +5 " ":* # ) -4%> '%?*: ' "9D*)!,#!E,% > % + )?#-% )J' # "2, % ' + > % '-) - : + ) -' ' : ( ) ' 2 4 ) 2 '?- % -! +, $ > %- J' - > % : " - ' > % ") > (% - () 11

12 --' '> % - ( > % " --) ' > % +2!, " #!,"% +&-- * "#$%'! #!E5%! : $ & '( - ; : )6 '? " : :* :*>!," #!,"% &-- * " $ ' ', ',!,"'-) ' 9 - >? B " " - 9 +:,? B : ) 2 ) M? 1 " "# % +: * 2:* " " +: * %" - "! & '()*+, ( ' $ 12

13 &''- 4 # 1 3 <33,* : :* -,E #9"; 9 4 $% 2 # : + % - - ) ' ) M ' - # ' %() :*' -!" ## $!%&'!((##& ' - ( :* & ', =$4? + 9"; - 9D ,?9 #' - % 9 D - ( ) ) --) ( : 9D +L( :* # 9"; - % '- +) :*9D(, :* + + ' ( 9 D - & '2 0 1 $4 >&&$&?,"9D 9 D 1 9"; $=$ $74=:+ + + ' :* 13

14 # ', 9 D% +(,"9D 1 9 D 1 -!E5# :7% ' + + "9D ') "2, # :$% + #'+ :+ % - +, "- -(1 -- "9D "2,3 2*)*-',"-9 D ) ( ) ( # 9"; - %*!E5' "9D' ,"9D '' # - G% - ) # - -++% & ') 44 >?,"2, 9 D "- 9 D 1 +$ 9"; $=$ $,"2,!E5 - " ' - - " 2, '- -' ) --) ) - # %," # * *% :* - - 2"?' -, - 6 -' +> --> # ( ' 14

15 -%> > : +? +# + %?' #%> #.%> - ' > )> > > - - "> - - J,"2, 1-?? -:* -. %" - ". &' >&&&&?,!, " &-- *" $- $ ! +&--*; + 4= 2#?"% :* : ' 9!,!," K ) *# 9*;% +,* -. K#$% : --!,"' 2 : ) : - -,! 9!*#+:(%" ""! ; ( : :!," - J'?,! 15

16 & ' "?*:1! +=4$7 44 & ' = C 4% 1??# % :* - + ' - - +: - 2 *)*-' -+2"?' +: +: +1( "9D"2, # $ 7. : + 9"; $% ' ' + +:+ :!E5 +, 9 * -! - - 2,!?, #! % - "- 9 D # % " 2, #%,! 5 " 2, ) ' : &'9-33 # >.? " 9!E,'' + 7== C : 'L,!E,6 > / " 2 0#$%> - > 16

17 + # ' ' %>,- +> -- : > --+#4 %>? --) > +> ) +, & '+ * - B - : ) " 2,, &,( - = = $444+ =4' +7 +) ( 1 + ' 2 - +!E5 "2,, '' - ' ' #-:* + %+ ) - ) #$$ 74B%, 9* + ' +&--?*: + #* **% + +! # 7 % (- 17

18 ) +', - - &)" + - +$# 74%" + 1 (' #$% &,' 3# # %, :+? +# + %? ' +, # % ' 9 * 2 ) - -' ;: *' ) + :+!E5 - <'- :*+ 9D, 9 )? #? + +? ' % ' ;:* ) ' ') -' "9D "2,, ( ' ) J? + ) + + &,, - /4, 1 - &,2, #J ::% - : ( ' ' #: 4??<? $% 18

19 . #, E % $#9D% $#"-9D% %#;M % $ $7 7 4= 4 #"2, % = #":*% #**% $ #;':*% 7 19

20 !"#$% &'(')*+&'(, Mod. IH CERTIFICAZIONE AI SENSI DELL ART. 3 DELLA LEGGE 104/92 Nome Cognome nato/a il a residente a via DIAGNOSI CLINICA CODIFICAZIONE DELLA DIAGNOSI (ICD 10) PER INFORMAZIONI IL REFERENTE DELL ÉQUIPE DEL SERVIZIO E L ASSISTENTE SOCIALE tel. 085/ Data Firma 20

21 !"#$% &'(')*+&'(, Mod. DF DIAGNOSI FUNZIONALE Alunno/a nato/a il a residente a via scuola Classe DIAGNOSI CLINICA FATTORI CHE INFLUENZANO LO STATO DI SALUTE: PER GARANTIRE L INTEGRAZIONE SCOLASTICA SI RAVVISA LA NECESSITA DI: Assistenza durante l orario Assistenza di base scolastico tramite: Assistenza per l autonomia e la comunicazione Per la deambulazione Ausili: Per la comunicazione AI FINI DELLA COSTITUZIONE DEL GRUPPO DI LAVORO DI CUI ALLA l. 104/92 IL DOTT. E L ATTUALE REFERENTE DELLA UNITA OPERATIVA DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE. 21

22 Mod. DF FUNZIONALITA DELLE AREE DI SVILUPPO DISABILITA GRADO DI COMPROMISSIONE AREE Assente Transitoria Permanente Lieve Moderato Pervasivo Profondo Motoria Cognitiva Neuropsicologica Affettivo Relazionale Linguistico Comunicazionale Autonomia Sensoriale POTENZIALITA GLOBALI E NELLE SINGOLE AREE (SPECIFICARE) CATEGORIA ICD 10 (per fini statistici) Pescara, PER L AZIENDA ASL 22

23 Mod. PDF PROFILO DINAMICO FUNZIONALE Nome e cognome Scuola Diagnosi firme degli estensori Nome e cognome Qualifica Firma Data 23

24 Mod. PDF ASSE COGNITIVO (Livello di sviluppo; strategie; uso integrato di competenze diverse.) Livello attuale Obiettivi Strumenti 24

25 ASSE AFFETTIVO RELAZIONALE (Area del se ; rapporti con gli altri; motivazioni.) Mod. PDF Livello attuale Obiettivi Strumenti 25

26 ASSE COMUNICAZIONALE (Mezzi privilegiati; contenuti prevalenti; modalità di interazione.) Mod. PDF Livello attuale Obiettivi Strumenti 26

27 Mod. PDF ASSE LINGUISTICO (Comprensione; produzione; uso comunicativo; uso di linguaggi alternativi e/o integrativi.) Livello attuale Obiettivi Strumenti 27

28 Mod. PDF ASSE SENSORIALE (Funzionalità visiva, funzionalità uditiva.) Livello attuale Obiettivi Strumenti 28

29 ASSE MOTORIO PRASSICO (Motricità globale; motricità fine; prassie semplici e complesse.) Mod. PDF Livello attuale Obiettivi Strumenti 29

30 ASSE NEUROPSICOLOGICO (Capacità estiche; capacità attentive; organizzazione spazio-temporale.) Mod. PDF Livello attuale Obiettivi Strumenti 30

31 ASSE DELL AUTONOMIA (Autonomia personale; autonomia sociale.) Mod. PDF Livello attuale Obiettivi Strumenti 31

32 Mod. PDF ASSE DELL APPRENDIMENTO (Gioco e grafismo in età prescolare; lettura, scrittura, calcolo; uso spontaneo delle competenze; apprendimenti curriculari.) Livello attuale Obiettivi Strumenti 32

33 Osservazioni e note 33

34 Mod. RQ INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP ASSISTENZA DI BASE ASSISTENZA PER L AUTONOMIA E LA COMUNICAZIONE RELAZIONE QUADRIMESTRALE SCUOLA COMUNE. QUADRIMESTRE.ANNO SCOLASTICO. OPERATORE ORE SETTIMANALI.. ALUNNO CLASSE.. OBIETTIVI STABILITI. OBIETTIVI RAGGIUNTI SUGGERIMENTI E/O PROPOSTE VALUTAZIONE COMPLESSIVA DATA DI COMPILAZIONE.. FIRMA DELL OPERATORE.. 34

35 INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP Mod. RM RIEPILOGO MENSILE DELLE PRESTAZIONI DI COMPETENZA DELL OPERATORE DELL ENTE LOCALE (ART. 139 L. 112/98) SCUOLA... COMUNE... MESE ANNO. OPERATORE ORE SETTIMANALI... ALUNNO CLASSE GIORNO SETTIMANA ORE POMERIGGIO DA A ORE MATTINA DA A TOT. ORE FIRMA OPERATORE NOTE

36 TOTALE ORE DATA FIRMA DIRIGENTE COLASTICO. 36

37 INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP Mod. RM ATA RIEPILOGO MENSILE DELLE PRESTAZIONI DI COMPETENZA DEL COLLABORATORE SCOLASTICO (NOTA MIUR 3390/ ) SCUOLA... COMUNE... MESE ANNO.. COLLABORATORE SCOLASTICO ALUNNO.CLASSE GIORNO SETTIMANA CRONOLOGIA INTERVENTI GIORNALIERI NOTE 37

38 DATA DI COMPILAZIONE FIRMA DEL COLLABORATORE.. 38

39 PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO MODELLO P.E.I. ISTITUZIONE SCOLASTICA SEDE FREQUENTATA ANNO SCOLASTICO CLASSE FREQUENTATA COGNOME NOME LUOGO DI NASCITA DATA NASCITA RESIDENZA 1. Caratteristiche della classe Sezione Numero di ore settimanali di lezione Organizzazione dell orario giornaliero con indicazione delle pause Numero di alunni frequentanti di cui in situazione di handicap Caratteristiche della classe in relazione all accoglienza dell allievo in situazione di handicap: Risorse umane a sostegno del processo di integrazione, in aggiunta ai docenti disciplinari assegnati alla classe Docente specializzato per il sostegno n. ore settimanali Personale educativo assistenziale n. ore settimanali Altre figure mediatrici (volontario, tutor, ) n. ore settimanali 2. L alunno/a utilizza particolari strumenti e/o ausili sia per gli apprendimenti che per le autonomie,etc.) La mensa saltuariamente SI NO La mensa tutti i giorni SI NO 39

40 MODELLO P.E.I. Il trasporto speciale SI NO Il trasporto speciale con accompagnatore SI NO L ascensore SI NO Il bagno attrezzato SI NO La carrozzella SI NO Il banco speciale SI NO Il calcolatore SI NO Il calcolatore con ausili particolari SI NO L ambiente di riposo SI NO Strumenti e ausili particolari SI NO Altro SI NO 3. Frequenza settimanale dell alunno Orario scolastico completo Orario scolastico ridotto Se ridotto spiegare le motivazioni e/o le attività svolte fuori dalla scuola in orario scolastico 4. Modalità organizzative delle attività programmate all interno della scuola ed orario settimanale della classe con indicazione delle discipline (aree disciplinari o settori di attività) : Indicare nella tabella che segue le modalità di integrazione e le aree disciplinari o settori di attività CL = classe intera; G = lavoro di gruppo interno alla classe; L-CL= attività di laboratorio con la classe; L-G= attività di laboratorio anche con alunni di altre classi; AI = attività individualizzata in rapporto uno a uno con l insegnante di sostegno, fuori della classe; A-PG= attività per piccoli gruppi condotte dal docente di sostegno fuori dalla classe; R= riposo; RIAB= riabilitazione o cura. Indicare inoltre se le attività programmate prevedono la presenza di DD= Docenti disciplinari, DS= Docente specializzato per il sostegno; ASS= personale educativo assistenziale; MED= altro personale mediatore (volontario, tutor, ) ORARIO LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI SABATO MODELLO P.E.I. 40

41 5. Particolari attività programmate per la classe che coinvolgono l alunno in situazione di handicap Attività di recupero, consolidamento e potenziamento Attività di laboratorio, di classi aperte, per gruppi Visite didattiche e gite scolastiche Altro 6. Il progetto: _ Allegare la programmazione didattica individualizzata ed eventuali altri strumenti correlati alla realizzazione del progetto (es. scheda di valutazione, portfolio, progetti ) _ Attività integrate nella programmazione educativa individualizzata, anche con la partecipazione di enti esterni alla scuola, 1. attività di carattere sportivo 2. attività di carattere culturale, formativo o socializzante 3. attività di orientamento o di eventuale permanenza 4. attività di alternanza scuola/lavoro (per la Scuola Secondaria di 2 grado) 41 MODELLO P.E.I.

42 Il percorso di orientamento o il progetto di continuità o di eventuale permanenza previsto per l alunno (in allegato al presente PEI si trova la programmazione di dettaglio delle singole attività, degli obiettivi, dei tempi, delle modalità, compreso la descrizione dell eventuale collaborazione con scuole o istituzioni esterne) Descrizione sintetica (obiettivi, tempi, periodo di svolgimento, risorse e collaborazioni necessarie) Gli interventi di riabilitazione e terapia previsti sono in orario scolastico n incontri settimanali durata nell anno scolastico tipologia di intervento in orario extra scolastico n incontri settimanali durata nell anno scolastico tipologia di intervento Verifiche del presente Piano Educativo Individualizzato Il seguente Piano Educativo verrà sottoposto a verifica e conseguente ridefinizione periodica in un qualunque momento il consiglio di classe, su proposta di uno qualunque dei suoi componenti, ne ravvisi la necessità. La verifica dei risultati raggiunti e della congruenza delle scelte effettuate avviene in via ordinaria in coincidenza con le verifiche periodiche quadrimestrali. Di ciascuna delle sedute di verifica si redige un verbale sintetico che viene riportato in allegato alla seguente copia. DATE DELLE VERIFICHE: 42 MODELLO P.E.I. 7. Rapporti con i genitori funzionali all integrazione

43 8. Altre annotazioni Data di approvazione del PEI Firma del Dirigente Scolastico Firme dei componenti del Consiglio di Classe Firme degli operatori A.S.L. Firma dei genitori ELENCO DEGLI ALLEGATI AL PEI DATA DI REDAZIONE N.B. Qualora le istituzioni scolastiche approntassero modelli sperimentali del Piano Educativo Individualizzato, anche in riferimento ai modelli di profilo utilizzati in altre realtà regionali, sono tenute ad inviarli al GLIP, al fine di raccogliere i modelli esistenti sul territorio, di confrontare le pratiche esistenti, nonché favorire la messa a punto di modelli condivisi. 43

44 PROVINCIA DI PESCARA Modello PAS $$ 4 3< 333; 4 ; 13 / 4 A/! #" "! :,*&)#% # % " BBBBBBBBBB BBBBBB " 4 C " # "C " %0 30 >1? & = >? 0 & D >? E >/? 4 >/? BBBBBBB $1 = 3/BBBBBBB

45 PROVINCIA DI PESCARA Modello STS $$ 4 3< 333; 4 ; 13 / 4 A/! :9:,*&)#% # % " BBBBBBBBBB BBBBBB #" " "C & F " >? A F >/? 30 /4 &&? >? & D H E /IJ >? BBBBBBB $1 = 3/BBBBBBB 45

46 MODELLO R. A..S. AL COMUNE DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP ASSISTENZA PER L AUTONOMIA E LA COMUNICAZIONE Richiesta di personale di Assistenza per l autonomia e la comunicazione agli alunni disabili, certificati in base all art. 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104 ANNO SCOLASTICO / SCUOLA/ISTITUTO COMUNE OVE HA SEDE LA SCUOLA Visto l Accordo di programma per l integrazione scolastica degli alunni disabili, a norma della legge n. 104/92, si richiede l assegnazione di personale addetto all assistenza per: ALUNNO (INSERIRE IL CODICE IDENTIFICATIVO) NATO A IL RESIDENTE A PROVENIENTE DA 3 ISCRITTO ALLA CLASSE SEZIONE DESCRIZIONE SINTETICA DELLA DISABILITA DELL ALUNNO, IN BASE ALLA DIAGNOSI FUNZIONALE: 3 Riferendosi all anno scolastico precedente, specificare se proveniente da altra scuola (nome e città) o dalla stessa, oppure (nel caso di prima iscrizione alla scuola materna) dal Nido. 46

47 MODELLO R. A..S. DIAGNOSI CLINICA N. FATTORI FACILITANTI LA PARTECIPAZIONE 1 SITUAZIONE FAMILIARE AFFETTIVA LIEVE MEDIO GRAVE PRESENTI SCARSE ASSENTI 2 SITUAZIONE SOCIO-ECONOMICA 3 ABILITA DI AUTONOMIA PERSONALE 4 ABILITA SOCIALI 5 6 TOT. CONDIZIONI DI ACCESSIBILITA (alle strutture e alle attività) ORGANIZZAZIONE DELLA CLASSE (% disabili in classe, compresenza operatori) 9 ' ' +# %NNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNN6 LIEVE MEDIA GRAVE 47

48 MODELLO R. A..S. ".!! #" "!& Iscritto per la prima volta? si/no Certificato per la prima volta? si/no In classe con altri alunni disabili? N. tot. alunni presenti in classe Ore di frequenza settimanali della classe Ore di frequenza settimanali dell alunno Ore di sostegno settimanali assegnate all alunno Ore di Assistenza settimanali assegnate nell a.s. precedente? Ore di Assistenza settimanali richieste si/no quanti si/no quante GRIGLIA DELLA COMPRESENZA SETTIMANALE DEGLI INSEGNANTI/OPERATORI DELL ALUNNO DISABILE (Docente curriculare, docente di sostegno, assistente per l autonomia e la comunicazione) TOT. ORE di I ORA II ORA III ORA IV ORA V ORA VI ORA compresenza LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI SABATO TOT. 48

49 MODELLO R. A..S. Sulla base di un attenta valutazione dei reali bisogni dell alunno, risultante dalla Diagnosi Funzionale e dalla comparazione dei dati riassunti nelle griglie, si ritiene necessario richiedere un numero di ore di Assistenza pari a: ORE SETTIMANALI. Qualifica e firma dei componenti il gruppo H (solo per i casi già conosciuti): Data di compilazione / / IL DIRIGENTE SCOLASTICO 49

DIAGNOSI FUNZIONALE. ai sensi art. 3 Legge 104/92. Cognome Nome. Sesso M/F Nato/a a il. Residente in Via N. Comune Provincia CODICE FISCALE

DIAGNOSI FUNZIONALE. ai sensi art. 3 Legge 104/92. Cognome Nome. Sesso M/F Nato/a a il. Residente in Via N. Comune Provincia CODICE FISCALE ALLEGATO 3 LOGO REGIONALE Azienda DIAGNOSI FUNZIONALE ai sensi art. 3 Legge 104/92 Cognome Nome Sesso M/F Nato/a a il Residente in Via N Comune Provincia CODICE FISCALE DIAGNOSI CLINICA CODIFICAZIONE DIAGNOSI

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.)

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.) Integrazione Scolastica degli Alunni con Disabilità Istituzione Scolastica: PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.) di ANNO SCOLASTICO: Data compilazione: L insegnante coordinatore di classe: L insegnante/i

Dettagli

REGISTRO DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO

REGISTRO DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO Scuola (denominazione) Indirizzo REGISTRO DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO ALUNNO CLASSE-SEZIONE MODULO/CLASSI ANNO SCOLASTICO / INDICE Intestazione Indice Agenda della scuola ai fini dell integrazione Operatori

Dettagli

Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003)

Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003) Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003) PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Scuola Dirigente Scolastico

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

ALLEGATI ALL ACCORDO DI PROGRAMMA PROVINCIALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DI ALLIEVI CON DISABILITÁ NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

ALLEGATI ALL ACCORDO DI PROGRAMMA PROVINCIALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DI ALLIEVI CON DISABILITÁ NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO ALLEGATI ALL ACCORDO DI PROGRAMMA PROVINCIALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DI ALLIEVI CON DISABILITÁ NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO ALLEGATO 1: Indirizzi per la certificabilità per l integrazione

Dettagli

FASCICOLO PERSONALE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CHIUDUNO SCUOLA PRIMARIA DI SCUOLA SECONDARIA DI. Alunno.

FASCICOLO PERSONALE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CHIUDUNO SCUOLA PRIMARIA DI SCUOLA SECONDARIA DI. Alunno. UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CHIUDUNO SCUOLA PRIMARIA DI SCUOLA SECONDARIA DI FASCICOLO PERSONALE Alunno Classe Insegnanti e discipline insegnate Ass/educatore ANNO

Dettagli

PROTOCOLLO DI INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELL ARQUATO PROTOCOLLO DI INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI A.S. 2014-2015 PREMESSA Il Protocollo di integrazione scolastica è un documento che nasce dall esigenza di un

Dettagli

INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI

INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI (quadro riepilogativo delle norme di riferimento) Riferimenti normativi. C.M. 22.09.1983 N. 258, C.M. 3.9.1985 N. 250, C.M. 4.1.1988 N. 1, C.M. 22.9.1988 N. 262, L. 5.2.1992

Dettagli

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida Via Brogeda, 21 22100 Como Tel. 031.541180/Fax 031.532927 comprensivocomonord@tiscali.it MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida A cura del Gruppo di Lavoro per l integrazione degli alunni diversamente

Dettagli

VADEMECUM insegnante di sostegno - IPSSAR Tognazzi

VADEMECUM insegnante di sostegno - IPSSAR Tognazzi ACCOGLIENZA DELL INSEGNANTE DI SOSTEGNO TITOLARITA ORARIO SERVIZIO STESURA DEL P.D.F. (PROFILO DINAMICO FUNZIONALE) L insegnante di sostegno sarà accolto dal Dirigente Scolastico e dalla Funzione Strumentale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

Protocollo per l Accoglienza e l Integrazione dell alunno Diversamente Abile

Protocollo per l Accoglienza e l Integrazione dell alunno Diversamente Abile Protocollo per l Accoglienza e l Integrazione dell alunno Diversamente Abile Istituto Comprensivo ILARIA ALPI Via Salerno n. 1 Milano 1 Indice 1. L integrazione dell alunno diversamente abile.. pag. 3

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

ALLEGATO N 2. Piani Didattici Personalizzati

ALLEGATO N 2. Piani Didattici Personalizzati ALLEGATO N 2 Piani Didattici Personalizzati anno scolastico 2013-2014 Indice Piano Didattico Personalizzato B.E.S. Pag 3 Piano Didattico Personalizzato per Alunni D.S.A. Pag 9 Piano Educativo Individualizzato

Dettagli

TRA. I SINDACI DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARIANO COMENSE: Arosio Cabiate Carugo Inverigo Lurago d Erba Mariano Comense

TRA. I SINDACI DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARIANO COMENSE: Arosio Cabiate Carugo Inverigo Lurago d Erba Mariano Comense PROTOCOLLO DI INTESA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DI ALUNNE E ALUNNI DISABILI TRA I SINDACI DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARIANO COMENSE: Arosio Cabiate Carugo Inverigo Lurago d Erba Mariano Comense

Dettagli

Piano per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Piano per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "DON LORENZO MILANI" Via Volpi 22-30174 Venezia loc. Gazzera tel/fax 915909 email veic845009@istruzione.it posta certificata: veic845009@pec.istruzione.it Piano per l inclusione

Dettagli

A. MORO CERRO AL LAMBRO

A. MORO CERRO AL LAMBRO ISTITUTO COMPRENSIVO P. FRISI MELEGNANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. MORO CERRO AL LAMBRO Iscrizioni a.s. 2015/2016 1 La proposta didattica e formativa della Scuola Secondaria di Primo Grado per le

Dettagli

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO DIREZIONE DIDATTICA DI BUDRIO SCUOLA PRIMARIA A.S.

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO DIREZIONE DIDATTICA DI BUDRIO SCUOLA PRIMARIA A.S. P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con altri Bisogni Educativi Speciali (BES-Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/03/2013) DIREZIONE DIDATTICA DI BUDRIO SCUOLA PRIMARIA A.S. Alunno/a: Classe:

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA NOVARIA VILLANTERIO Via Novaria, 3 27019 Villanterio Tel. 0382/974008 Fax 0382/967033 SCUOLA DI A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA NOVARIA VILLANTERIO Via Novaria, 3 27019 Villanterio Tel. 0382/974008 Fax 0382/967033 SCUOLA DI A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO VIA NOVARIA VILLANTERIO Via Novaria, 3 27019 Villanterio Tel. 0382/974008 Fax 0382/967033 SCUOLA DI A.S. CLASSE SEZ. ALUNNO/A 1. DATI ANAGRAFICI 2. TIPOLOGIA DI DISTURBO 3. DIDATTICA

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO ISTITUTO COMPRENSIVO ILARIA ALPI - via Salerno, 1 SCUOLA PRIMARIA: Anno scolastico Classe PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Alunno: nato a: il: abitante a: INSEGNANTI GENITORI: RACCOLTA DATI DIAGNOSI CLINICA:

Dettagli

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.)

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENNI STORICI Il CSE (Centro Socio Educativo) di Piario, ora CDD (Centro Diurno per persone con Disabilità) è stato aperto nel 1982 su iniziativa degli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia - Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Prot. n. NOTE ORGANIZZATIVE PER UNA CORRETTA GESTIONE

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Nel piano annuale per l inclusività sono riassunti i principali dati inerenti

Dettagli

VADEMECUM PER L INSEGNANTE DI SOSTEGNO

VADEMECUM PER L INSEGNANTE DI SOSTEGNO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE SEVERI-GUERRISI GIOIA TAURO/PALMI Via Galluppi,1 89013 GIOIA TAURO (RC) TEL. SEGR. 0966/51810 fax 0966/504179 Cod. Fisc. 82000920809 VADEMECUM PER L INSEGNANTE DI SOSTEGNO

Dettagli

Scuola : LICEO CLASSICO STATALE "C. BECCARIA" - MILANO - a.s.2015-16 Piano Annuale per l Inclusione

Scuola : LICEO CLASSICO STATALE C. BECCARIA - MILANO - a.s.2015-16 Piano Annuale per l Inclusione Scuola : LICEO CLASSICO STATALE "C. BECCARIA" - MILANO - a.s.2015-16 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate

Dettagli

Il Profilo Dinamico Funzionale (PDF)*

Il Profilo Dinamico Funzionale (PDF)* Il Profilo Dinamico Funzionale (PDF)* E' atto successivo alla Diagnosi Funzionale (a cura della NPI) e indica in via prioritaria, dopo un primo periodo di inserimento scolastico, il prevedibile livello

Dettagli

ITC PIERO CALAMANDREI - PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni diversamente abili

ITC PIERO CALAMANDREI - PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni diversamente abili ITC PIERO CALAMANDREI - PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni diversamente abili Questo documento, approvato dal Consiglio d Istituto e deliberato dal Collegio dei Docenti, contiene informazioni, principi, criteri

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con altri Bisogni Educativi Speciali (BES Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/3/2013)

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con altri Bisogni Educativi Speciali (BES Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/3/2013) ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S.CATERINA DA SIENA-AMENDOLA Via LAZZARELLI - 84132 SALERNO - Tel. e Fax 089333084 - Cod. Meccanografico: SAIS06900N C.F. 95 1397 60656 - E-Mail: sais06900n@istruzione.it

Dettagli

I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M.

I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M. I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M. CAEE033002 e-mail: caee033002@istruzione.it pec: caee033002@pec.istruzione.it

Dettagli

Regolamento d Istituto ALLEGATO H. Regolamento del G.L.I. (Gruppo di lavoro per l inclusione) d Istituto

Regolamento d Istituto ALLEGATO H. Regolamento del G.L.I. (Gruppo di lavoro per l inclusione) d Istituto Regolamento d Istituto ALLEGATO H Regolamento del G.L.I. (Gruppo di lavoro per l inclusione) d Istituto 2013-2014 I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U ZI O N E S E C O N D A R I A S U P E R I O

Dettagli

IPPOCRATE SRL Versione 1.2 del 21.07.2011

IPPOCRATE SRL Versione 1.2 del 21.07.2011 IPPOCRATE SRL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA PER L AUTONOMIA E LA COMUNICAZIONE DI ALUNNI PORTATORI DI HANDICAP GRAVE FREQUENTANTI LE SCUOLE DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA (LEGGE

Dettagli

PIANO ANNUALE INCLUSIVITA A.S. 2014/15 dell XI CIRCOLO DI MODENA

PIANO ANNUALE INCLUSIVITA A.S. 2014/15 dell XI CIRCOLO DI MODENA DIREZIONE DIDATTICA 11 CIRCOLO MODENA Via Albareto, 93-059/252022-059/252129 - e-mail:moee011005@istruzione.it PIANO ANNUALE INCLUSIVITA A.S. 2014/15 dell XI CIRCOLO DI MODENA Premesso che il Circolo XI

Dettagli

Valutazione alunni diversamente abili, alunni disabili, alunni portatori di handicap. Rilievo Voto* Modalità di raggiungimento dell obiettivo

Valutazione alunni diversamente abili, alunni disabili, alunni portatori di handicap. Rilievo Voto* Modalità di raggiungimento dell obiettivo REGISTRO PERSONALE DI SOSTEG DELL INSEGNANTE Vers. 1.0 Questo registro è stato creato dal prof. Sebastiano Basile secondo le esigenze personali per adattarlo all insegnamento nel sostegno. Negli ultimi

Dettagli

INTESA SULL ASSISTENZA IN ORARIO SCOLASTICO AGLI ALUNNI ED ALUNNE DISABILI FREQUENTANTI LE SCUOLE STATALI CITTADINE

INTESA SULL ASSISTENZA IN ORARIO SCOLASTICO AGLI ALUNNI ED ALUNNE DISABILI FREQUENTANTI LE SCUOLE STATALI CITTADINE Piacenza, lì INTESA SULL ASSISTENZA IN ORARIO SCOLASTICO AGLI ALUNNI ED ALUNNE DISABILI FREQUENTANTI LE SCUOLE STATALI CITTADINE PREMESSO CHE - con riferimento al quadro normativo di riferimento (L. 104/92;

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DI MADRELINGUA NON ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DI MADRELINGUA NON ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DI MADRELINGUA NON ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ALLIEVO: CLASSE: SEZIONE A 1. VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE IN INGRESSO COMPRENSIONE ORALE Non adeguata Parzialmente

Dettagli

PROGETTO PER L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROGETTO PER L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE David Maria Turoldo Liceo Scientifico Statale Istituto Tecnico Statale Commerciale e per Geometri Istituto Professionale Statale per l Industria e l Artigianato Capitolo

Dettagli

ORARIO SCOLASTICO. 1 GIORNO 16.09.2015 ingresso ore 9.00 / uscita ore 12.00 senza mensa.

ORARIO SCOLASTICO. 1 GIORNO 16.09.2015 ingresso ore 9.00 / uscita ore 12.00 senza mensa. ISCRITTI ALLE CLASSI 1^ DELLE SCUOLE PRIMARIE DELL ISTITUTO Per opportuna conoscenza, al fine di favorire l accoglienza degli alunni si comunica il calendario relativo all inizio dell anno scolastico 2015/2016.

Dettagli

SCHEDA DI RILEVAZIONE DEI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES),

SCHEDA DI RILEVAZIONE DEI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES), SCHEDA DI RILEVAZIONE DEI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES), dei punti di forza relativi all alunno, al gruppo classe e ai docenti e delle condizioni che facilitano il suo processo di apprendimento e la

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE A.S.2013/14

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE A.S.2013/14 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE A.S.2013/14 FINALITÀ 1. CRESCITA EDUCATIVA E CULTURALE DI TUTTI GLI STUDENTI, VALORIZZANDONE LE DIVERSITÀ E PROMUOVENDONE LE POTENZIALITÀ ATTRAVERSO TUTTE LE INIZIATIVE DI

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTENASO

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTENASO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASTENASO PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTENASO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Nel piano annuale per l inclusività sono riassunti i principali dati

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI PARTE SECONDA 5. LA SCUOLA PRIMARIA DELL'ISTITUTO 5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI La scuola Primaria promuove il benessere dei bambini e si impegna ad educarli tenendo conto delle diverse dimensioni

Dettagli

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Piano d intervento Il piano di lavoro elaborato per l anno scolastico 2011/2012 dallo specialista dell

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O D I C A P I A G O I N T I M I ANO

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O D I C A P I A G O I N T I M I ANO I S T I T U T O C O M P R E N S I V O D I C A P I A G O I N T I M I ANO P iaz za IV Novemb r e 22070 C APIAGO INT IM IANO CO t e l. 0 3 1 4 6 1 4 4 7 f a x 0 3 1 5 6 1 4 0 8 C F 8 0 0 1 3 5 0 0 1 3 9 coic811002@istruzione.it

Dettagli

ATTIVITA' D'ISTITUTO PER L'INCLUSIONE A.S. 2014/15

ATTIVITA' D'ISTITUTO PER L'INCLUSIONE A.S. 2014/15 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE GUIDO MONACO DI POMPOSA ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI GUIDO MONACO DI POMPOSA LICEO SCIENTIFICO STATALE TULLIO LEVI CIVITA Viale della Resistenza,

Dettagli

ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO

ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO Allegato 2) ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO Premessa L Ambito di Garbagnate M.se intende avviare un processo di sperimentazione

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità (nell anno scolastico 2013/2014) A. Rilevazione dei BES presenti:

Dettagli

4. ORGA IZZAZIO E DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE

4. ORGA IZZAZIO E DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE 4. ORGA IZZAZIO E DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE Tempo scuola Il Tempo scuola prevede un articolazione oraria di 39 ore settimanali di cui: 29 curriculari 4 ore facoltative-opzionali - 6 ore mensa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA PROTOCOLLO D INTESA PER L ASSISTENZA SCOLASTICA AGLI ALUNNI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI ALBANO LAZIALE (RM) 1 PROTOCOLLO D'INTESA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA

Dettagli

4. ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE

4. ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE 4. ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ACCOGLIENZA FORMATIVA Il progetto accoglienza attivo nel Liceo è il risultato della riflessione di un gruppo di lavoro multidisciplinare incaricato di delineare un quadro

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Laura Lanza - Baronessa di Carini Via Prano n. 72 90044 Carini (PA) C.M. PAIC861009 - C.F. 80056780820 Telefono 091/8661056- Fax 091/8689684- e-mail: paic861009@istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Ilaria Alpi. Via Salerno, 1 20142 Milano BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI LINEE GUIDA A SCUOLA

Istituto Comprensivo Ilaria Alpi. Via Salerno, 1 20142 Milano BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI LINEE GUIDA A SCUOLA Istituto Comprensivo Ilaria Alpi Via Salerno, 1 20142 Milano BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI LINEE GUIDA A SCUOLA 1 BES Bisogni Educativi Speciali Linee guida a scuola Il concetto di BES si fonda su una visione

Dettagli

INDICE PREMESSA 3 FINALITÀ 3 LEGENDA NORMATIVA 4 PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI CON DISABILITÁ 6 INDICAZIONI GENERALI 7 DOCUMENTAZIONE 12

INDICE PREMESSA 3 FINALITÀ 3 LEGENDA NORMATIVA 4 PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI CON DISABILITÁ 6 INDICAZIONI GENERALI 7 DOCUMENTAZIONE 12 GRUPPO DI LAVORO IN RETE Istituto Comprensivo di Casarsa della Delizia Istituto Comprensivo di Cordovado Istituto Comprensivo di S. Vito al Tagliamento Istituto Comprensivo di Valvasone ASS n 6 Neuropsichiatria

Dettagli

Storia scolastica dell alunno (eventuali bocciature, a.s. consegna prima diagnosi di DSA, debiti formativi ): Frequenza degli incontri:

Storia scolastica dell alunno (eventuali bocciature, a.s. consegna prima diagnosi di DSA, debiti formativi ): Frequenza degli incontri: Piano Didattico Personalizzato anno scolastico: / per alunni con Caratteristiche Specifiche di Apprendimento (DSA)* Documento di Enrico Angelo Emili da riadattare in base al grado scolastico *Il PDP viene

Dettagli

Profilo delle diverse tipologie di BES

Profilo delle diverse tipologie di BES Profilo delle diverse tipologie di BES Con la Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 e la CM n. 8 del 6 marzo 2013 che ha per oggetto l attuazione della direttiva Strumenti d intervento per alunni

Dettagli

CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI M I N I S T E R O D E L L A P U B B L I C A I S T R U Z I O N E I S T I T U T O C O M P R E N S I V O D I S C U O L A I N F A N Z I A, P R I M A R I A E S E C. I G R A D O Via Michelangelo, 1-66038 SAN

Dettagli

Compilazione della scheda iscrizione e biografia linguistica (modello di seguito allegato).

Compilazione della scheda iscrizione e biografia linguistica (modello di seguito allegato). PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INSERIMENTO DEGLI ALUNNI STRANIERI Premessa Il Protocollo di Accoglienza (PdA) presenta le procedure (approvate e condivise dal Collegio Docenti) che il nostro Istituto attua

Dettagli

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Istituto Comprensivo di Civate A.S. 2013-14

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Istituto Comprensivo di Civate A.S. 2013-14 P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per studenti con altri Bisogni Educativi Speciali (BES-Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/03/2013) Istituto Comprensivo di Civate A.S. 2013-14 Alunno/a (sigla):

Dettagli

Disturbi Specifici dell Apprendimento

Disturbi Specifici dell Apprendimento ISTITUTO COMPRENSIVO SANDRO PERTINI 1 (Scuola Primaria-Secondaria di I grado) Via P.G. Terrachini 20 DISTRETTO N. 11 42122 REGGIO EMILIA - Tel./fax 0522/551001-553869 COD. MECC. REIC850003 - COD. FISC.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA Codice fiscale : 98156990172 SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2013/2014 SINTESI PROGETTO / ATTIVITA Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare codice

Dettagli

Disabili e Scuola Prima dei Bes Prof. Domenico Perla

Disabili e Scuola Prima dei Bes Prof. Domenico Perla Disabili e Scuola Prima dei Bes Prof. Domenico Perla La legge 517/77 è stata l inizio di un effettivo processo di integrazione dei disabili a scuola. Prima di allora avevano diritto all istruzione impartita

Dettagli

Abstract sulla normativa dei Bisogni Educativi Speciali

Abstract sulla normativa dei Bisogni Educativi Speciali ISTITUTO COMPRENSIVO GUALDO TADINO Via G. Lucantoni 06023 - Gualdo Tadino C.F. 92017090546 COD. MECC. PGIC847004 Scuola Infanzia e Primaria tel. e fax 075/912249 Scuola Secondaria I grado: tel. 075/912253

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.): 2. Progetto Educativo Didattico Individualizzato

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.): 2. Progetto Educativo Didattico Individualizzato Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Ufficio Scolastico Provinciale di Pesaro Urbino Ambiti Territoriali Sociali 1-2 -3-4 -5-6 - 7 Provincia di Pesaro Urbino Azienda Sanitaria Unica Regionale ZT.

Dettagli

GLI OPERATORI DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA

GLI OPERATORI DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA GLI OPERATORI DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA L'integrazione non è affare dell'insegnante di sostegno... è necessaria una assunzione collettiva di responsabilità da parte di tutti gli operatori, scolastici

Dettagli

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Istituto

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Istituto P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA-Legge 170/2010) Per allievi con altri Bisogni Educativi Speciali (BES-Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del

Dettagli

Pianificazione ed erogazione delle attività educative e didattiche

Pianificazione ed erogazione delle attività educative e didattiche Pag. 1 di 17 SOMMARIO Pag. 1. Scopo e campo di applicazione 2 2. Applicabilità 2 3. Riferimenti 2 4. Termini e definizioni 2 5. Modalità operative 3 5.1 Generalità 3 6 - Documentazione 16 7 - Indicatori

Dettagli

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA-Legge 170/2010) Istituto A.S. 201_/201_ Alunno/a: Classe: Ordine di Scuola: Coordinatore di classe/team: Referente/i:

Dettagli

CIRCOLARE N. 53 Roma, 14/10/2015

CIRCOLARE N. 53 Roma, 14/10/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C. Via D Avarna RMIC8FY006 - Distretto - Via D Avarna 9/ 00 Roma Tel. / Fax 06 67707 - rmic8fy006@istruzione.it

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola: Istituto Comprensivo Carpi 2 a. s. 2013-14 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

MODULO PER RILEVAZIONE PRESENZE

MODULO PER RILEVAZIONE PRESENZE lunedì 15 settembre 2014 martedì 16 settembre 2014 mercoledì 17 settembre 2014 giovedì 18 settembre 2014 venerdì 19 settembre 2014 lunedì 22 settembre 2014 martedì 23 settembre 2014 mercoledì 24 settembre

Dettagli

ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014. Indice

ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014. Indice ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014 Indice Informazioni essenziali DSA... 2 Normativa di riferimento... 2 Elaborazione del PDP... 2 MISURE COMPENSATIVE E DISPENSATIVE... 3 PERCORSO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE FOGGIA

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE FOGGIA Circolare n. 8 Prot. 1739 Foggia, 28 marzo 2013 Ai Dirigenti Scolastici Scuole Ogni Ordine e Grado della Provincia LORO SEDI Ai docenti referenti per la disabilità Ai docenti referenti per i DSA delle

Dettagli

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015.

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015. Prot. N 4024/C23 Ariano Irpino 26/08/2015 A tutti i docenti dell IISS Ruggero II Loro sedi Per quanto di competenza alla DSGA Al personale ATA Al sito internet dell Istituto OGGETTO : Comunicato impegni

Dettagli

Traccia Programmatica Funzione D

Traccia Programmatica Funzione D Istituto di Istruzione Secondaria Superiore U. Mursia Carini Traccia Programmatica Funzione D INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI PAI BES ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROF. RANDAZZO SALVATORE PREFAZIONE Ogni azione

Dettagli

QUESTIONARIO DI INDAGINE SULLA QUALITA DELL INTEGRAZIONE DATI INTERVISTATO

QUESTIONARIO DI INDAGINE SULLA QUALITA DELL INTEGRAZIONE DATI INTERVISTATO QUESTIONARIO DI INDAGINE SULLA QUALITA DELL INTEGRAZIONE DATI INTERVISTATO Ordine scolastico di appartenenza Ruolo professionale ricoperto ٱ scuola dell infanzia INSEGNANTE CURRICULARE ٱ ٱ scuola elementare

Dettagli

LA FONDAZIONE MANODORI HA FINANZIATO IL PRESENTE PROGETTO

LA FONDAZIONE MANODORI HA FINANZIATO IL PRESENTE PROGETTO Progetto stranieri Istiitutii Superiiorii delllla Proviinciia dii Reggiio Emiilliia LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALLIEVI STRANIERI IL PRESENTE DOCUMENTO È STATO ELABORATO DAL GRUPPO DI PROGETTO

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PROVINCIALE

ACCORDO DI PROGRAMMA PROVINCIALE ACCORDO DI PROGRAMMA PROVINCIALE per il coordinamento e l'integrazione dei servizi di cui alla Legge n. 104/92 Testo elaborato dal Gruppo di lavoro Interistituzionale Provinciale (GLIP) ai sensi della

Dettagli

Vademecum. Integrazione Scolastica alunni diversamente abili

Vademecum. Integrazione Scolastica alunni diversamente abili Vademecum Integrazione Scolastica alunni diversamente abili 2 Introduzione...pag. 4 Iscrizione a scuola..pag. 5 Documentazione..pag. 7 Certificazione/Attestazione..pag. 7 Diagnosi Funzionale (D.F.)..pag.

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DELLE PERSONE CON DISABILITA' PER LA PROVINCIA DI BELLUNO

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DELLE PERSONE CON DISABILITA' PER LA PROVINCIA DI BELLUNO ACCORDO DI PROGRAMMA PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DELLE PERSONE CON DISABILITA' PER LA PROVINCIA DI BELLUNO Indicatori per la valutazione dell'applicazione dell'accordo di Programma Riferimento

Dettagli

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI - Il diritto all integrazione: un nuovo modo di essere scuola. - Principi fondamentali: uguaglianza accoglienza integrazione L integrazione degli

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

ESAME DI STATO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E DSA

ESAME DI STATO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E DSA ISTITUTO MAGISTRALE Tommaso Gullì" Corso Vittorio Emanuele, 69-89125 Reggio Calabria N.O. Liceo Delle Scienze Umane - Liceo S.U. Opzione Economico Sociale-Liceo Linguistico V.O. Liceo Socio - Psico-Pedagogico

Dettagli

Approfondimenti su I C F C Y: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute

Approfondimenti su I C F C Y: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute Approfondimenti su I C F C Y: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute La funzione generale della classificazione ICF è quella di fornire un linguaggio standard

Dettagli

STRATEGIE E METODOLOGIE PER UN PIANO DELL INCLUSIVITA di alunni DSA/BES/DIVA

STRATEGIE E METODOLOGIE PER UN PIANO DELL INCLUSIVITA di alunni DSA/BES/DIVA STRATEGIE E METODOLOGIE PER UN PIANO DELL INCLUSIVITA di alunni DSA/BES/DIVA 1. NORMATIVA PRINCIPALE DI RIFERIMENTO - Legge n. 104/1992 - DPR n. 122 del 22 Giugno 2009: regolamento per la valutazione degli

Dettagli

Tenendo conto di alcune esperienze in atto, se ne propone una esemplificazione:

Tenendo conto di alcune esperienze in atto, se ne propone una esemplificazione: Costruzione del PEI Tenendo conto di alcune esperienze in atto, se ne propone una esemplificazione: 1 Parte: Identificazione della situazione al momento di ingresso dell alunno disabile nella scuola (materna,

Dettagli

Tenendo conto di alcune esperienze in atto, se ne propone una esemplificazione:

Tenendo conto di alcune esperienze in atto, se ne propone una esemplificazione: Costruzione del PEI Tenendo conto di alcune esperienze in atto, se ne propone una esemplificazione: 1 Parte: Identificazione della situazione al momento di ingresso dell alunno disabile nella scuola (materna,

Dettagli

Collezione Scuola 2013-2014. L unica a COLORI ECONOMICA di FACILE COMPILAZIONE che RISPETTA L AMBIENTE

Collezione Scuola 2013-2014. L unica a COLORI ECONOMICA di FACILE COMPILAZIONE che RISPETTA L AMBIENTE Collezione Scuola 2013-2014 L unica a COLORI ECONOMICA di FACILE COMPILAZIONE che RISPETTA L AMBIENTE scuola dell infanzia / giornale dei docenti Modello 301/R10 Formato cm 24x33, pp. 32 + copertina stampato

Dettagli

STRUMENTO INTERATTIVO APERTO, AD USO DELL INSEGNANTE DI SOSTEGNO E DELL ADDETTO ALL ASSISTENZA A.S.S.L.

STRUMENTO INTERATTIVO APERTO, AD USO DELL INSEGNANTE DI SOSTEGNO E DELL ADDETTO ALL ASSISTENZA A.S.S.L. AZIENDA U.L.S.S. 13 REGIONE VENETO DIREZIONE DEI SERVIZI SOCIALI - MIRANO S.I.S.S. (Servizio Integrazione Scolastica e Sociale) Sedi di Dolo e Mirano INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA

Dettagli

I Disturbi Specifici di Apprendimento

I Disturbi Specifici di Apprendimento Master breve I Disturbi Specifici di Apprendimento Teoria, diagnosi, valutazione, progettazione, intervento: un approccio multidisciplinare ai DSA 18 giornate 144 ore riservato con percorsi differenziati-

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013

dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013 dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013 DSA - disturbi specifici dell apprendimento L apprendimento Ciascun allievo impara in maniera diversa, ognuno con un proprio stile di apprendimento. L insegnamento deve tener

Dettagli