N. 104 gennaio Cooperazione sociale e assistenti familiari. Esperienze a confronto : il 28 gennaio un workshop a Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N. 104 gennaio 2011. Cooperazione sociale e assistenti familiari. Esperienze a confronto : il 28 gennaio un workshop a Bologna"

Transcript

1 N. 104 gennaio 2011 Cooperazione sociale e assistenti familiari. Esperienze a confronto : il 28 gennaio un workshop a Bologna Legacoopsociali Nazionale e dell Emilia-Romagna organizzano a Bologna il 28 gennaio 2011 il workshop Cooperazione sociale e assistenti familiari. Esperienze a confronto. L iniziativa si terrà dalle 10:00 alle 16:30 nella Sala B di Legacoop, in viale Aldo Moro 16. L obiettivo della giornata è promuovere un confronto e una riflessione per conoscere le esperienze che sono state realizzate nella ambito della cooperazione sociale in relazione al fenomeno badanti in Emilia Romagna e non solo. Si parlerà di sportelli, formazione, accoglienza, servizi e di cose concreteche si è cercato e si cerca di fare. Coordinerà i lavori Alberto Alberani, responsabile di Legacoopsociali dell Emilia-Romagna. La relazione introduttiva sarà svolta da Massimo Campedelli, della Scuola S.Anna di Pisa. Seguirà il racconto delle esperienze in Emilia Romagna: Casa Base (Bologna), Coop Arcobaleno 2 (Modena) Coop Anziani e non solo (Modena), Coop Libra (Ravenna). Alle 12:30 interverrà Teresa Marzocchi, assessore alle Politiche Sociali Regione Emilia-Romagna. Alle 14:30 si proseguirà con una analisi di esperienze fuori dall Emilia-Romagna: Coopselios (Lombardia), Coop Animazione Valdocco (Piemonte), Consorzio Welcoop (Friuli Venezia Giulia). Alle16:00 è previsto l intervento conclusivo di Paola Menetti, presidente Legacoopsociali. L housing sociale per le politiche di welfare: il ruolo delle cooperative sociali e di abitanti. L 8 febbraio un convegno a Bologna Legacoop Emilia-Romagna, Legacoopsociali e Legacoop Abitanti organizzano l 8 febbraio 2011 a Bologna il seminario L housing sociale nella riconfigurazione delle politiche di welfare. Il ruolo delle cooperative sociali e di abitanti. L iniziativa si terrà nella Sala B di Legacoop, in viale Aldo Moro 16, dalle 9:30 alle 13:00. Il seminario intende essere un occasione per evidenziare buone pratiche di incontro fra cooperative di abitanti e cooperative sociali. Dal racconto delle esperienze già realizzate è possibile evidenziare come la cooperazione attraverso l incontro con le Pubbliche Amministrazioni possa contribuire al sistema di welfare di questa regione. Parlare oggi di housing sociale significa perseguire migliori standard di vita garantendo la coesione da sempre presente in Emilia Romagna nella consapevolezza che la crisi economica e i cambiamenti demografici impongono nuove e diverse risposte. E quindi importante parlare di servizi legati all abitare, di non autosufficienza, di prima infanzia, di immigrazione e di inclusione sociale nella consapevolezza che all interno della parola welfare abitare e sociale si fondono costantemente insieme. Nuovi orizzonti e nuove prospettive si aprono quindi per le cooperative sociali e le cooperative di abitanti che insieme possono promuovere risposte innovative in collaborazione con le Pubbliche Amministrazioni. I lavori saranno aperti da Alberto Alberani, responsabile regionale di Legacoopsociali e la relazione introduttiva verrà svolta da Rino Scaglioni, responsabile regionale di Legacoop Abitanti. Sono poi previste le presentazioni di quattro esperienze particolarmente interessanti: il progetto Hygeia delle cooperative Dozza ed Epta; i progetti Il Giardino dei semplici e Il Mattoncino (Ravenna) di Casa coop tre e della cooperativa Zerocento; i progetti Il posto dei piccoli e Portierato sociale (Ferrara), delle cooperative Borgo Punta, Castello e Camelot; il progetto Centri per l infanzia cooperativi (Reggio Emilia) delle cooperative Andria e Argento Vivo. Sono previsti gli interventi di Marco Venturelli, direttore Confcooperative Emilia-Romagna, Enrico Campedelli, sindaco di Carpi, Tiziano Tagliani, sindaco di Ferrara, Laura Rossi, sindaco di Bagnacavallo, Daniele Manca, sindaco di Imola e presidente Anci Emilia Romagna, Teresa Mazzocchi, assessore Servizi sociali Regione Emilia-Romagna, e Giancarlo Muzzarelli, assessore Attività produttive Regione Emilia- Romagna. Le conclusioni saranno affidate a Paolo Cattabiani, presidente di Legacoop Emilia Romagna. IN&FOR 1

2 Il Congresso di Legacoop Reggio Emilia si terrà il 23 febbraio 2011 E stata convocata per il 23 febbraio 2011 l Assemblea congressuale di Legacoop Reggio Emilia, che precede il Congresso regionale e il Congresso Nazionale, previsto a Roma dal 6 all 8 aprile. L importante appuntamento della cooperazione reggiana, che vedrà coinvolti 360 delegati in rappresentanza delle 215 cooperative e imprese associate a Legacoop, si terrà nella Sala convegni del Classic Hotel a Reggio Emilia, a partire dalle 9:00. Premio Quadrofedele: un riconoscimento al Bilancio sociale di Coopselios Anche quest anno Airces (l Associazione italiana revisori contabili dell'economia sociale) ha assegnato il premio Quadrofedele, indetto in collaborazione con Coopfond e il patrocinio di Legacoop e rivolto alle cooperative aderenti a Legacoop che hanno presentato il miglior bilancio d esercizio e i miglior bilancio sociale L obiettivo dei due premi, giunti rispettivamente alla dodicesima e all undicesima edizione, è quello di promuovere la crescita di consapevolezza dell importanza del ruolo svolto dal bilancio, dalla comunicazione economico finanziaria e dal bilancio di responsabilità sociale. A queste due categorie si aggiunge The Best, terza edizione del premio riservato alla cooperativa che ha presentato il miglior bilancio sia d esercizio che sociale, caratterizzati da un efficace comunicazione e trasparenza. Ad aggiudicarsi il premio relativo al bilancio d esercizio è stata la cooperativa Cpl di Concordia sul Secchia (Mo), mentre menzioni speciali sono andate a Cesi di Imola, Auprema di Cinisello Balsamo (MI), 3 Elle di Imola, Coop Edificatrice Ansaloni di Bologna, Unipeg di Reggio Emilia. Per la categoria bilancio sociale il vincitore è Coop Adriatica di Villanova di Castenaso (BO). Menzioni speciali sono andate a Cadiai, Camst e Ccc di Bologna, Coopselios di Reggio Emilia. Rossano Rimelli eletto presidente della Cecop, l organizzazione europea delle cooperativa di produzione lavoro e sociali Rossano Rimelli, direttore di Ancpl-Legacoop, è il nuovo presidente di Cecop, la Confederazione europea delle Cooperative di Produzione e Lavoro e Sociali, e delle Imprese Sociali e Partecipative. Rimelli è stato eletto a Bruxelles dall Assemblea dell organizzazione. Cecop è l organizzazione settoriale europea dell Alleanza Cooperativa Internazionale (ACI). Alla Cecop aderiscono le organizzazioni nazionali di settore di 16 paesi europei che associano circa imprese, con 1,4 milioni di lavoratori e una cifra d affari consolidata di 50 miliardi di euro. Il nuovo sito web del Bettolino Dal nuovo anno la cooperativa Sociale Il Bettolino di Reggiolo ha rinnovato interamente il suo sito. All'indirizzo si possono trovare tutte le informazioni che riguardano la cooperativa ed inoltre, la sezione News ed eventi riporta tutte le iniziative che la cooperativa periodicamente organizza. La cooperativa sociale Zora tra i protagonisti della manifestazione Reggio Emilia città delle persone tutte Presso l Aula Magna Pietro Manodori dell Università di Modena e Reggio Emilia, si è svolta il 3 dicembre, in occasione della Giornata internazionale per i diritti delle persone con disabilità, la seconda edizione della manifestazione Reggio Emilia città delle persone tutte, promossa dal Centro Servizi per l Integrazione, l Asp SS. Pietro e Matteo, il Comitato Italiano Paralimpico, Let s Dance, le cooperative sociali Il Piccolo Principe, Zora e l Eco, l associazione Dar Voce, il Coordinamento associazioni disabili e famiglie, la Federazione Associazioni Nazionali Disabili. L evento si è svolto attraverso un programma ricco e articolato. Dopo il saluto delle autorità, è stato presentato il concorso che ha coinvolto alcune classi degli Istituti superiori della città e della provincia. Il tema sul quale gli studenti si sono confrontati richiedeva una loro riflessione critica sule tematiche della disabilità e dell inclusione a scuola. Il concorso è stato anche un momento per ricordare l insegnante di sostegno Maria Paola Ferrari, dell Istituto Iodi, prematuramente scomparsa. Il concorso ha decretato ben sei vincitori (invece dei tre previsti) a testimonianza di quanto i lavori sono stati interessanti e originali. (Segue in 3.a) IN&FOR 2

3 (Segue dalla 2.a) Al primo posto: pari merito lo Iodi con il treno dei desideri e il Russel con la tv delle persone tutte. Al secondo posto: a pari merito il Gobetti con La città delle persone tutte, tecnica mista su carta e il Chierici con Tutti all opera. Al terzo posto a pari merito il Simonini con L integrazione fa la forza e l Enaip con Integrabili. Dopo le premiazioni hanno avuto spazio il racconto di alcune esperienze sul tema della disabilità: e tra questi racconti c era la cooperativa Zora, con i ragazzi del Collettivo CavaZora. Simone Ferrarini ha raccontato l esperienza del laboratorio Diversicittà: la città dove tutto è possibile, l atelier di pittura, scultura, disegno e fotografia, che ha visto questi ormai artisti a tutti gli effetti che da gennaio a giugno hanno girato per la città, l hanno osservata, l hanno studiata, l hanno disegnata, con i colori, con la creta, con il cartone, con uno scatto e l hanno raccontata. Ecco come i ragazzi hanno raccontato la loro disabilità. Il disabile è una persona in carrozzina che si affida agli operatori. Io sono disabile perché ho bisogno delle persone che mi aiutano e mi stanno vicino e mi capiscono. Io ho delle difficoltà sia fisiche che a capire alcuni concetti (Patrik). Il disabile è una persona in carrozzina ma che ha la testa che funziona e fa con quello che può. Noi disabili siamo uguali agli altri e tutti ci devono accettare, come noi accettiamo loro. Bisogna essere contenti di essere grandi nel nostro piccolo. Io ho bisogno di aiuto perché non ho la mamma e il papà che mi possono aiutare (Paola). Quando ero piccola, andavo alla Bora e mangiavo e dormivo là. C erano anche altri bambini come me. Non ero a casa con la mamma (Deanna). Dalle suore a Sassuolo aiutavo Fabio che era in carrozzina e non ci vedeva. Mi faceva schifo/impressione. Io sono qua perché non posso vivere da sola, perché faccio fatica a fare le lavatrici e a cucinare. La parte di me che fa fatica è la testa (Maria). Uno è disabile quando non sta bene e ha le crisi, piange, scappa. E una cosa brutta. Uno è disabile in quel momento lì (Gina). Se uno picchia è disabile. (Guido). Le persone disabili vanno aiutate come la Giuliana. Anche Cristian è disabile perché ha dei problemi di testa e va aiutato. Un disabile è uno che ha problemi di testa e anche fisici. Uno è disabile quando è in carrozzina oppure non parla. Può anche essere un problema mentale (Marco). La Paola è disabile perché non cammina, ma anche la Deanna perché la testa a volte le funziona e a volte no (Riki). Sabba è disabile perché è cieco. La disabilità è una cosa fisica, ma anche di testa se uno non capisce cosa gli dici (Manu). Lunezia / 1: il concerto riciclato Nell ambito della cooperativa sociale Lunezia, che da tempo opera nel campo dell educazione ambientale e non solo lungo le rive del Po, è nata una singolare esperienza. Si è infatti costituito un gruppo musicale che ha le radici all interno stesso delle attività e delle esperienze maturate in tanti anni di laboratori, animazioni e iniziative per bambini e ragazzi di tutte le età. E la fusione di queste professionalità con la grande passione di molti operatori della cooperativa (e di alcuni amici) per la musica che ha dato vita a questo gruppo. Un gruppo di ragazzi e una cooperativa, che a forza di fare educazione ambientale ai bambini, di costruire progetti per le scuole e le pubbliche amministrazioni, di scrivere formazioni sulla musica e sull ambiente ha pensato che era ora di fondere gli interessi e creare qualcosa di nuovo, di visibile e tangibile. Qualcosa che colpisce l immaginario e la coscienza senza passare dalla parola scritta. I Miatralvia (tradotto: non buttarlo) sono tutto questo e qualcosa in più: i loro strumenti non sono mai uguali, non fanno mai lo stesso suono e soprattutto non si sa mai chi suonerà cosa. Dipende da cosa si troverà quel giorno in discarica o nelle cantine dei genitori. E infatti gli strumenti (batteria, contrabbasso, tubofono, percussioni, e chitarra) sono ricavati da oggetti come pentole, secchi, lamine di ferro, scope, chiavi inglesi, battiscopa. L originalità degli strumenti si fonde con notevoli risultati con la bravura dei musicisti. I Miatralvia si sono già esibiti con successo in diverse occasioni. Si possono sentire anche nel sito di Lunezia (www.lunezia.org). Per informazioni sui concerti: cell Lunezia /2: a scuola di ambiente sul Po La cooperativa sociale Lunezia ha pronto un intenso programma di servizi e animazione sul fiume Po e nei territori circostanti. Con queste attività la cooperativa vuole sia rivolgersi con operatori preparati al mondo della scuola e delle associazioni del tempo libero e sportive, ma anche valorizzare un territorio splendido, ricco di storia, cultura e natura, tra la riva reggiana e quella mantovana. L attività della cooperativa si sviluppa tra Gualtieri, Boretto, Lido di Guastalla, Luzzara, Pomponesco, Mantova e Suzzara. Tra le numerose proposte per le scuole si segnalano Il Po di Ligabue, a Lido Po di Gualtieri, i Cavalieri del fiume, alla Garzaia di Pomponesco, i Boschi del drago, nei boschi di San Colombano, dedicata alla Luzzara di Zavattini, i Paladini della natura, a Lido Po di Guastalla. (segue in 4.a) IN&FOR 3

4 (Segue dalla 3.a) Altre proposte riguardano espressamente la storia, con Viaggio nel tempo alla Rocca di Reggiolo e Novellara, e Tra fiaba e leggenda sempre alla Rocca di Reggiolo. Una proposta singolare e curiosa è quella che si svolge negli orti dei nonni a Luzzara, orti ricchi di verdure, di stravaganze e di storie strane, nel paese di Zavattini e dei naives. Informazioni sulla attività di Lunezia si possono trovare sul sito oppure scrivendo a o a ( ). ''Giochi-Amo'': Coop Consumatori Nordest, Università e Comune uniti per la multiculturalità Ha preso il via il 18 dicembre il primo passo del progetto dedicato al gioco e promosso dai soci Coop di Reggio e Quattro Castella, dall'università di Modena e Reggio Emilia, dalla Facoltà di Scienze della Formazione Primaria e dal Comune di Reggio. Dalle 9.00 alle oltre cento studenti della Facoltà di Scienze della Formazione hanno realizzato un laboratorio per discutere del gioco come strumento di dialogo e multiculturalità tra etnie e generazioni differenti. Il laboratorio ha rappresentato la prima fase di una serie di appuntamenti che porteranno, in primavera, a un grande evento che radunerà nella piazza di Caffèreggio nonni, adulti e bambini per una giornata dedicata alla scoperta dei giochi (e delle persone) provenienti da tanti paesi. Questo progetto sorge come continuazione di " contatto", iniziativa del Comune di Reggio Emilia che ha lo scopo di coinvolgere attivamente i cittadini che vivono nei quartieri chiave della trasformazione urbana per favorirne il dialogo interculturale. S inserisce, inoltre, all'interno dell'attività soci al punto vendita promossa da Coop Consumatori Nordest che ha in via Sani uno storico supermercato, Reggio Est, recentemente rinnovato, intorno al quale gravita la comunità residente nei pressi della stazione ferroviaria. Grazie al contributo dell Università è stato perciò possibile aspirare all obiettivo della riqualificazione territoriale utilizzando il gioco come strumento di multiculturalità. Durante i laboratori, iniziati il 18 dicembre, numerosi studenti di Scienze della Formazione cominceranno a discutere ed elaborare i vari aspetti della manifestazione dedicata al gioco che si svolgerà in primavera: protagonisti saranno gli abitanti della città, famiglie e bambini, italiani e non, che in quell occasione scenderanno in piazza (area Caffèreggio) per giocare. Giochi nuovi o antichi, costruiti artigianalmente durante l'anno grazie alla collaborazione della ludoteca Gorillante Saltellante, del Get e di Spazio Raga, (strutture dove opera anche la cooperativa sociale Solidarietà 90) ma anche giochi della tradizione. Giochi reggiani una speciale attenzione sarà data ai giochi cooperativi ma in definitiva da tutto il mondo. L'obiettivo è di riunire, in una giornata, attorno ad un tavolo generazioni, etnie e talenti diversi per uno scopo unico e piacevole: giocare insieme. CONSORZIO QUARANTACINQUE / NOTIZIE DALL ITALIA Trenta anni per la Valdocco di Torino Lo scorso 17 dicembre a Torino ha avuto luogo l incontro dal titolo La Valdocco che verrà. L evento aveva lo scopo di far incontrare i trentenni della Cooperativa Animazione Valdocco, socia del Consorzio Quarantacinque, che nel 2010 ha compiuto 30 anni - con il presidente di Legacoop Nazionale Giuliano Poletti, dando luogo al dibattito La cooperativa: un idea di impresa come comunità. Ulteriore scopo dell incontro era favorire lo scambio di opinioni tra Poletti e i soci più giovani della cooperativa, consentendo a questi ultimi di trovare le risposte ai loro interrogativi e di poter avanzare proposte sul mondo della cooperazione. Dal dibattito, articolato in tre gruppi di domande-riflessioni poste dai partecipanti, sono emersi spunti per guardare al futuro oltre la crisi. In particolare la cooperativa è stata indicata da Poletti come l impresa capace di guardare al medio e lungo periodo e quindi come risorsa nel quale poter investire. Poletti ha inoltre segnalato come l intenzione di Legacoop, Confcooperative e Agci sia quella di dar vita ad una rappresentanza nazionale univoca che possa assumere un peso maggiore nel corso delle trattative con le associazioni sindacali ed i tavoli governativi, e tutelare meglio i valori della cooperazione. A tal proposito un ulteriore strumento per contrastare la diffusione di cooperative spurie potrebbe essere l impegno, da parte delle tre centrali cooperative, nel garantire una ricollocazione dei lavoratori che denunciano la loro condizione di lavoro, facendo emergere le realtà che operano in maniera scorretta in ambito cooperativo. Sempre secondo Poletti, un modo per superare i pregiudizi nei confronti delle cooperative che non pagano le tasse, dovrebbe essere quello di evidenziare come il trattamento fiscale agevolato sia correlato alla specificità della forma societaria cooperativa: le cooperative, ha sottolineato infatti Poletti, possiedono meno opportunità delle altre imprese nel rapporto con il mercato dei capitali (l impresa di tipo cooperativo non può essere quotata in borsa e non può essere venduta, e ciò comporta notevoli limitazioni sul mercato). Pertanto da qui derivano i trattamenti fiscali specifici che hanno il compito di riequilibrare il dislivello tra le diverse forme di organizzazione. (Segue in 5.a) IN&FOR 4

5 (Segue dalla 4.a) Uno strumento per superare la crisi e i mutamenti della società, infine, secondo Poletti, potrebbe essere la capacità delle cooperative, anche quelle sociali, di rivolgersi parzialmente al mercato (nel caso dei servizi destinati ai bisogni solvibili) offrendo i propri servizi qualificati non solo alle pubbliche amministrazioni ma anche direttamente ai cittadini che li richiedono. DOCUMENTI Alle Giornate dell Economia Cooperativa di Legacoop a Milano si è parlato di Big society, la terza via tra Stato e individuo Sussidiarietà, mutualismo, valori cardine dell agire cooperativo, al centro del confronto che si è tenuto il 14 gennaio nel corso di Geco, le Giornate dell economia cooperativa organizzate a Milano da Legacoop. Protagonisti dell incontro, moderato da Marco Sodano de La Stampa, il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, dal Regno Unito il direttore della fondazione ResPublica Phillip Blond, consulente del premier Cameron, il direttore dell istituto di ricerca AAster Aldo Bonomi e Luca Bernareggi di Legacoop, intervenuti sul tema Beni comuni e politiche pubbliche: il ruolo della cooperazione, disegnando da diversi punti di vista un nuovo approccio, sempre di più visto come soluzione possibile per realizzare una società e un economia giusta, ridistribuire la ricchezza e soprattutto farlo dal basso. Per molti anni ha sottolineato Phillipp Blond si sono contrapposti due modelli, quello dello Stato e quello del mercato libero. Il risultato è stata la monopolizzazione dei capitali nelle mani di pochi, Stato o oligarchie di quelli già ricchi. La crisi ha spazzato via entrambi gli approcci. Ma come si costruisce allora un modello più giusto? Secondo Blond la strada è ridistribuire: L attività cooperativa, la sussidiarietà, il mutualismo, a lungo considerati marginali nel futuro dell economia e della società, rappresentano una terza via. Io sostengo l avvento di un era di redistribuzione. Attraverso la mutualizzazione. Se tutti i servizi pubblici diventano cooperative, si crea un ondata di efficienza di tipo cooperativo, un modello più redditizio che contiene incentivi per migliorare. In generale il mettersi insieme e fare convergere l associativismo per Blond è un modo per trasformare questi soggetti in destinatari di benefici economici, aprendo nuovi scenari di economia politica: Mi interessano molto in questo senso alcuni buoni esempi che sono stati realizzati in Lombardia. Quando le persone si coalizzano riescono ad ottenere diritti, beni collettivi. Il liberismo ha creato classi di povertà permanente. Solo cooperando si può avere una società caratterizzata da prosperità e sussidiarietà. L approccio è anche un cambiamento culturale, quello che il primo ministro inglese David Cameron ha definito Big society, come ha ricordato il presidente Formigoni: La sussidiarietà è saper cogliere la trama fittissima dei corpi sociali intermedi, i tanti soggetti presenti nella società: imprenditori, artigiani, imprese cooperative, giovani, famiglie, soggetti no profit, associazioni, movimenti, aggregazioni d interesse, che si rischia di trascurare. E valorizzare le nuove forme d iniziativa che questi soggetti riescono a far nascere. Obbligo fondamentale del governo resta sussidiare dove l iniziativa privata non riesce ad arrivare. Così si favorisce uno spostamento del potere dal pubblico verso le persone e le famiglie, valorizzando ciò che nella società esiste e funziona. Formigoni prende poi come esempio le esperienze positive realizzate in Lombardia: L impostazione e il successo della riforma sanitaria, punto di riferimento indiscusso nazionale e internazionale, nasce proprio dalla fiducia data ai soggetti privati profit e no profit, capaci di agire in favore del pubblico e contribuire ai livelli d eccellenza raggiunti. Nel contempo, il sistema pubblico non rinuncia al suo ruolo di controllo delle regole e della qualità. Tre i punti su cui ha insistito Aldo Bonomi: In primo luogo anche in Italia, come in altri Paesi su altri versanti, abbiamo dei campioni del capitalismo. Un capitalismo di territorio, su cui abbiamo tessuto le cooperative. Un pezzo del nostro capitalismo che parte dal basso. Il secondo è un aspetto negativo: Non tutta la società e la comunità è sempre buona: c è un comunitarismo rancoroso contro tutto ciò che è altro da sé. Infine, una possibile soluzione: C è una forte comunità di cura che ancora tiene, e di cui anche voi del mondo cooperativo fate parte. È una comunità fatta del meglio esistente nel welfare. Le cooperative hanno dunque un ruolo fondamentale nella big society, nel fare un alleanza operosa tra chi fa economia e chi produce coesione sociale. Voi cooperative dovete operare questa mediazione sul territorio, ha concluso Bonomi. Luca Bernareggi di Legacoop ha sottolineato infine il peso della coooperazione: È cresciuta molto facendosi impresa sul mercato. Ha sviluppato un profilo autonomo dalla politica. E poi parte della società italiana si è accorta che può essere utile per sviluppo paese. Il welfare ad esempio è un settore dove in assenza della cooperazione sociale interi settori sarebbero totalmente abbandonati a regole brutali del mercato: asili, assistenza, anziani. Bernareggi ha poi affrontato il tema della gestione dell acqua: Ai cittadini che hanno firmato per il referendum dico: organizzatevi in cooperative. È la forma migliore di gestione dei beni pubblici. Altrimenti arriveranno oligarchie transnazionali ad occuparsene, lasciando problemi irrisolti da nord a sud. IN&FOR 5

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Bando Tipologia A (20 tirocini)

Bando Tipologia A (20 tirocini) Bando Tipologia A (20 tirocini) Destinazioni e periodo di realizzazione dei tirocini: Irlanda - 5 tirocini Regno Unito - 2 tirocini Spagna - 8 tirocini Germania - 3 tirocini Francia - 2 tirocini L'esperienza

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 Controllo dei progetti

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE Nuove regole per i comitati aziendali europei Presentazione della direttiva 2009/38/CE A cosa servono i Comitati aziendali europei? I Comitati aziendali europei (CAE) sono enti che rappresentano i lavoratori

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 1 giugno 2012 Sospensione, ai sensi dell'articolo 9, comma 2, della legge 27 luglio 2000, n. 212, dei termini per l'adempimento degli obblighi tributari

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Cultura Musei e City Branding DIRETTORE QUAGLIA dott.ssa MAURIZIA Numero di registro Data dell'atto 849 10/06/2015 Oggetto : "Acquedotte" - Festival Musicale

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli