PRESTAZIONI SOCIALI DEI LAVORATORI ATIPICI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESTAZIONI SOCIALI DEI LAVORATORI ATIPICI"

Transcript

1 Le GUIDE di NIdiL CGIL PRESTAZIONI SOCIALI DEI LAVORATORI ATIPICI Disoccupazione, maternità, malattia e infortunio

2 Guida aggiornata a novembre 2011 e realizzata a cura di: Giuseppe Benincasa e Simone Ceccarelli per NIdiL CGIL Cristian Perniciano per il Patronato INCA CGIL NIdiL CGIL Sede Nazionale: Via Palestro, Roma - mail: tel. 06/ / / fax 06/ Patronato INCA CGIL Sede centrale: Via G. Paisiello, ROMA - mail: tel. 06/ fax 06/ INDICE LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE Indennità ordinaria di disoccupazione Disoccupazione ordinaria con requisiti normali Disoccupazione ordinaria con requisiti ridotti Maternità Paternità Malattia Infortunio Assegno al nucleo familiare Ammortizzatori sociali in deroga LAVORATORI PARASUBORDINATI Indennità una tantum a fine contratto Maternità Paternità Congedo parentale Malattia Infortunio Assegno al nucleo familiare

3 PRESENTAZIONE La guida alle prestazioni sociali per i lavoratori in somministrazione e parasubordinati è il frutto di una rinnovata collaborazione tra NIdiL CGIL e Patronato INCA sul fronte della non facile normativa relativa ai lavoratori atipici nel nostro paese. La scelta è stata quella di proporre uno strumento semplice e snello, di veloce consultazione, dedicato in particolare alle strutture NIdiL e del Patronato, per rispondere alle richieste dei lavoratori sulle prestazioni sociali e su quelle di sostegno al reddito previste dal nostro ordinamento. Nella consapevolezza delle evoluzioni normative che queste materie subiscono frequentemente, si è deciso di non fare una stampa cartacea al fine di consentire rapidi - ed economici - aggiornamenti ogni qualvolta fosse necessario. La guida è divisa in due macrosezioni, una per i lavoratori somministrati, una per quelli parasubordinati. Per i primi, accanto alla descrizione delle misure pubbliche di sostegno, sono state evidenziate le prestazioni che il relativo CCNL ha previsto attraverso l intervento di Ebitemp, l ente bilaterale di settore. Ne emerge un quadro molto differenziato, tipico delle figure rappresentate da NIdiL e con elementi di spiccata problematicità. Viene fuori, infatti, sia l esigenza generale di strumenti di sostegno al reddito più incisivi e inclusivi delle odierne indennità di disoccupazione con requisiti normali e ridotti, sia la fragilità e insufficienza delle prestazioni sociali per i lavoratori iscritti alla Gestione separata. Una situazione questa che, nel solco delle proposte che la CGIL ha fatto, può trovare le necessarie modifiche legislative e incontrare politiche contrattuali più inclusive. Filomena Trizio Segretaria generale NIdiL CGIL Morena Piccinini Presidente Patronato INCA

4 GUIDA NIdiL LE PRESTAZIONI SOCIALI DEI LAVORATORI ATIPICI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE Indennità ordinaria di disoccupazione I lavoratori somministrati, in quanto lavoratori dipendenti, rientrano nella disciplina ordinaria per quanto riguarda l indennità di disoccupazione sia con requisiti normali che ridotti. Disoccupazione ordinaria con requisiti normali Requisiti 1) Anzianità assicurativa di almeno due anni Per anzianità assicurativa ci si riferisce al periodo intercorso a ritroso dalla data della domanda al primo versamento dell assicurazione contro la disoccupazione (per ottenere l indennità bisogna avere un contribbuto settimanale versato almeno due anni prima della data di presentazione della domanda). L assicurazione contro la disoccupazione è versata in costanza di rapporto di lavoro dipendente, compreso quello in somministrazione. Per calcolare l anzianità assicurativa non possono essere presi in considerazione i periodi lavorati come: lavoratori dello spettacolo con qualifica di artista; apprendisti; dipendenti di ruolo della pubblica amministrazione; soci lavoratori delle cooperative di cui al DPR 602/70; lavoratori autonomi; parasubordinati (vedi NOTA BENE); 2) Almeno 52 settimane di contribuzione accreditate nell ultimo biennio Per valutare la presenza o meno delle 52 settimane (ovvero un anno) nel biennio è necessario consultare il proprio estratto contributivo; a volte infatti per la copertura 4

5 GUIDA NIdiL LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE di una settimana, presso l Inps, può essere sufficiente anche solo una giornata di lavoro. Anche per quanto riguarda questo secondo requisito il lavoro in somministrazione è considerato un attività valida, a differenza di altre (come ad esempio l apprendistato) che non concorrono al suo perfezionamento. Se durante un contratto di lavoro a tempo indeterminato si è percepita una indennità di disponibilità, essa è soggetta a contribuzione obbligatoria ma esclusa dal computo di ogni istituto di legge o di contratto collettivo (Art.22 c.4 D.Lgs. 276/2003); quindi i periodi di percezione di tale indennità sono utili al fine della maturazione del requisito delle 52 settimane. NOTA BENE: la legge 191/2009 (finanziaria 2010) ha introdotto in via sperimentale, misura questa rinnovata anche per il 2012, la possibilità che il requisito contributivo per ottenere l indennità (52 settimane nel biennio precedente) è realizzato computando anche i periodi svolti nel biennio precedente in via esclusiva sotto forma di collaborazione coordinata e continuativa, anche a progetto, per un periodo massimo di 13 settimane. 3) Essere involontariamente disoccupati L indennità tutela la disoccupazione involontaria, quella cioè che interviene in caso di licenziamento o di fine contratto. Al licenziamento sono equiparate le dimissioni per giusta causa, ovvero quelle che intervengono a causa di comportamenti illegittimi del datore di lavoro, come ad esempio il mancato versamento delle retribuzioni, molestie, ecc. Per dimostrare che le dimissioni sono motivate da giusta causa, l Inps richiede prova dell avvio di un contenzioso con l ex datore di lavoro. Non impediscono la liquidazione dell indennità le dimissioni di donne in maternità o entro il primo anno di vita del bimbo. Modalità di presentazione della domanda La domanda di disoccupazione deve essere presentata all Inps, anche tramite patronato, entro 68 giorni dalla data del licenziamento o della fine contratto. I termini sono perentori, ma in caso di licenziamento in tronco o di malattia insorta prima del licenziamento o della fine del contratto i termini possono essere prorogati. 5

6 GUIDA NIdiL LE PRESTAZIONI SOCIALI DEI LAVORATORI ATIPICI Decorrenza La disoccupazione, se presentata entro una settimana dal licenziamento, decorre a partire dall ottavo giorno successivo al licenziamento stesso. Se presentata successivamente, pur entro i termini, l indennità decorre dal quinto giorno successivo alla presentazione. Misura e durata L indennità è corrisposta per un periodo di 8 mesi se l età del disoccupato, al momento del licenziamento o della fine contratto, era inferiore a 50 anni. Per gli ultracinquantenni viene erogata per 12 mesi. L importo è pari al 60% della retribuzione nei primi 6 mesi, per poi scendere al 50% nel settimo e nell ottavo mese. Ulteriori periodi sono indennizzati al 40%. L importo erogato non può comunque superare i massimali previsti per la cassa integrazione: gli importi hanno un limite massimo che per il 2011 è pari a 906,80 se la retribuzione del lavoratore era pari o inferiore ad 1.961,80 mensili, oppure a 1.089,89 se la retribuzione era superiore. esempio Lavoratore di 40 anni che il 30 settembre 2011 finisce una missione iniziata il 1 gennaio 2011 per cui era pagato euro lordi al mese. Per avere diritto all indennità di disoccupazione avrà bisogno di avere accreditate 13 settimane (oltre alle 39 del suo ultimo contratto) non anteriormente al 1 ottobre Oltre a ciò avrà bisogno di un contributo da lavoro dipendente (in somministrazione o meno) antecedente a questa data. Essendo di età inferiore a 50 anni avrà diritto a 8 mesi di indennità di disoccupazione, ovvero fino al 31 maggio 2012 (salvo rioccupazione prima di questo termine) che sarà di importo pari a: Fino al 31 marzo % della retribuzione degli ultimo 90 giorni = 2300 x 60% = 1380 quindi importo bloccato al massimale di 1.089,89 Dal 1 aprile al 31 maggio 50% della retribuzione degli ultimi 90 giorni = x 50% = quindi importo bloccato al massimale di 1.089,89 Cenni sulla cumulabilità con redditi da lavoro Lavoro dipendente In caso di rioccupazione per un periodo inferiore a 5 giorni l indennità di disoccupazione è sospesa e viene ripristinata a fine contratto. Se il periodo di lavoro dipendente è più lungo l indennità è revocata, ma può essere richiesta nuovamente, previa verifica dei requisiti, alla fine del contratto. 6

7 GUIDA NIdiL LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE Lavoro autonomo L indennità di disoccupazione viene revocata in caso di lavoro autonomo (definizione che include anche i contratti di collaborazione a progetto). Tale revoca scatta anche per lavori di brevissima durata. Aggiungiamo che a seguito di attività autonoma il lavoratore, pur in possesso dei requisiti necessari, non può tornare a richiedere l indennità di disoccupazione. Limitatamente al 2011 (salvo ulteriori proroghe), non insorgono problemi di incumulabilità in caso di lavoro accessorio pagato con i cosiddetti voucher, per un importo fino a Contribuzione figurativa I periodi in cui si percepisce l indennità di disoccupazione sono coperti da contribuzione figurativa valida per il diritto e la misura delle prestazioni pensionistiche (eccezion fatta per la pensione di anzianità). E possibile versare contributi volontari nei periodi intercorrenti tra la fine del lavoro e l inizio dell indennità. Disoccupazione ordinaria con requisiti ridotti Requisiti 1) Un anzianità assicurativa di almeno due anni Il lavoratore deve possedere un versamento assicurativo contro la disoccupazione antecedente ai due anni precedenti il 1 gennaio dell anno di richiesta della prestazione. Ad esempio, chi richiede la disoccupazione con requisiti ridotti nel marzo 2012 dovrà possedere un contributo antecedente al 1 gennaio L assicurazione contro la disoccupazione è versata in costanza di rapporto di lavoro dipendente, compreso quello in somministrazione. Per calcolare l anzianità assicurativa non possono essere presi in considerazione i periodi lavorati come: lavoratori dello spettacolo con qualifica di artista; apprendisti; dipendenti di ruolo della pubblica amministrazione; soci lavoratori delle cooperative di cui al DPR 602/70.; lavoratori autonomi; parasubordinati; 7

8 GUIDA NIdiL LE PRESTAZIONI SOCIALI DEI LAVORATORI ATIPICI 2) Almeno 78 giornate lavorate nell anno precedente. Le giornate sono intese come giorni di calendario intercorrenti tra la data di assunzione e la data di fine contratto o di licenziamento. In caso di molteplici contratti le giornate vanno valutate contando tutti i giorni di contratto a prescindere dall effettivo svolgimento della prestazione, includendo nel calcolo anche i giorni di riposo, le festività e i giorni di indennità di disponibilità (per i lavoratori somministrati con contratto di lavoro a tempo indeterminato). 3) Essere involontariamente disoccupati. Per la definizione valgono le regole descritte in relazione alla disoccupazione ordinaria con requisiti normali. In presenza di più rapporti di lavoro nel corso dell anno saranno indennizzabili le sole giornate successive ai contratti interrotti involontariamente (vedi capitolo Misura e durata ). Modalità di presentazione della domanda La domanda deve essere presentata entro il 31 marzo dell anno successivo a quello in cui è stato maturato il diritto. Le domande relative ai diritti maturati nel 2011 vanno ad esempio presentate entro il termine perentorio del 31 marzo Misura e durata La prestazione indennizza un periodo equivalente alle giornate lavorate nell anno precedente, fino ad un massimo di 180 giornate. Tali giornate sono indennizzate con il 35% della retribuzione fino alla 120, mentre eventuali successive giornate sono indennizzate al 40%. In ogni caso la somma tra giornate lavorate e giornate indennizzate non può essere superiore a 360. Dal numero di giornate complessive indennizzabili va escluso un numero di giornate pari a quelle intercorse da eventuali dimissioni (eccezion fatta per le dimissioni per giusta causa) presentate dal lavoratore e l inizio del successivo rapporto di lavoro dipendente. Vanno inoltre escluse dal computo le giornate in cui si è percepita l indennità di disponibilità (in caso di contratto di lavoro a tempo indeterminato), le giornate in cui si sono svolti lavori autonomi, parasubordinati o comunque attività per le quali non è previsto il versamento del contributo contro la disoccupazione. L indennità è liquidata in un unica soluzione. 8

9 GUIDA NIdiL LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE esempio Lavoratore che nel 2011 ha avuto un contratto di lavoro in somministrazione dal 2 maggio al 31 luglio, della durata di 92 giorni di effettivo lavoro. La domanda di indennità di disoccupazione con requisiti ridotti andrà presentata entro il 31 marzo Gli verrà erogato un importo pari al 35% della media delle retribuzioni percepite moltiplicato per i giorni lavorati. Cumulabilità Poiché la disoccupazione con requisiti ridotti indennizza le giornate di non occupazione dell anno precedente, la sua percezione è compatibile e cumulabile con ogni tipo di lavoro. Contribuzione figurativa I periodi in cui si percepisce l indennità di disoccupazione sono coperti da contribuzione figurativa valida per il diritto e la misura delle prestazioni pensionistiche, eccezion fatta per la pensione di anzianità. Prestazioni EBITEMP* Sostegno al reddito in caso di disoccupazione Per i lavoratori in somministrazione a tempo determinato, disoccupati da almeno 45 giorni, che abbiano lavorato almeno 6 mesi negli ultimi 12, è previsto un assegno una tantum di 700 euro. La domanda va presentata entro 45 giorni dalla maturazione dei requisiti. *Ebitemp è l ente bilaterale di emanazione contrattuale : la sua costituzione è stata infatti decisa nel 1998 con il primo contratto nazionale dei lavoratori temporanei. È interamente finanziato dalle Agenzie per il lavoro, con un contributo pari allo 0,20% delle retribuzioni corrisposte ai lavoratori in somministrazione dalle Agenzie stesse. Eroga ai lavoratori somministrati una serie di prestazioni sociali integrative. Per maggiori informazioni: 9

10 GUIDA NIdiL LE PRESTAZIONI SOCIALI DEI LAVORATORI ATIPICI Maternità Obbligo di astensione e divieto di licenziamento La lavoratrice gestante non può essere licenziata dall agenzia prima del termine della missione. La lavoratrice in gravidanza non può essere adibita a lavori insalubri, faticosi o pericolosi fino al settimo mese prima del parto. Se la missione prevede tali mansioni, la lavoratrice ha diritto a una nuova missione oppure all anticipazione dell astensione obbligatoria (maternità anticipata). Si ha diritto alla maternità anticipata, come per le altre lavoratrici, anche in caso di complicazioni insorte durante la gravidanza. Indennità L indennità di maternità spetta se l inizio del periodo di astensione cade all interno del periodo di missione, o se dalla fine della missione sono passati meno di 60 giorni o se, anche passato tale termine, la lavoratrice percepisce o avrebbe potuto percepire l indennità di disoccupazione (in questo caso è necessario che non siano trascorsi più di 180 giorni e risultino accreditati almeno 26 contributi settimanali). L indennità di maternità è pari all 80% della retribuzione. Nei casi di lavoratori somministrati con contratto di lavoro a tempo indeterminato, tuttavia, se il periodo di maternità ricade nel periodo di disponibilità, la base di calcolo della maternità sarà l indennità di disponibilità stessa. esempio (da circolare Inps, relativo agli eventi maternità, malattia e tbc, le cui norme di calcolo sono comuni) La fase di prevista attività lavorativa nel corso della quale insorge l evento è pari complessivamente a 30 giorni. L evento stesso, di durata di 40 giorni, si verifica al 16 giorno: in tal caso, la retribuzione giornaliera percepita quale corrispettivo dei 15 giorni effettivamente lavorati o retribuiti (retribuzione alla quale va applicata la percentuale ad esempio 80% per la maternità) va moltiplicata per i restanti 15 giorni di programmata attività lavorativa, fatte salve ovviamente le giornate non indennizzabili (ad esempio le festività per gli operai). Per i restanti 25 giorni di evento l indennità è rapportata all indennità di disponibilità eventualmente spettante. Durante i periodi di percezione dell indennità di disponibilità (per i lavoratori con contratto di lavoro a tempo indeterminato) è previsto l accredito di contribuzione figurativa valida per il diritto a tutte le prestazioni previdenziali. 10

11 GUIDA NIdiL LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE Paternità L indennità di maternità è erogata al padre (in qual caso si chiama indennità di paternità) esclusivamente nei casi di: morte o grave infermità della madre; abbandono del figlio da parte della madre; affidamento esclusivo del figlio al padre. Ai lavoratori padri il congedo e la relativa indennità vengono concessi esclusivamente nei tre mesi successivi alla nascita del figlio. Prestazioni EBITEMP Sostegno alla maternità e contributo per asilo nido Alle lavoratrici in gravidanza la cui missione cessi nei primi 180 giorni dal suo inizio e prive dei requisiti INPS per l accesso all indennità di maternità, è corrisposto un assegno una tantum di 1400 euro. Inoltre è previsto un contributo di 80 euro mensili (fino al compimento del terzo anno di età del bambino) per le spese di asilo nido, per le lavoratrici madri con una missione pari almeno a una settimana e con un anzianità di lavoro di almeno 3 mesi nell ultimo anno. La domanda va presentata a EBITEMP entro 30 giorni dalla fine del contratto. 11

12 GUIDA NIdiL LE PRESTAZIONI SOCIALI DEI LAVORATORI ATIPICI Malattia I lavoratori somministrati hanno diritto, in caso di malattia, alla stessa tutela prevista per tutti i lavoratori dipendenti. Nel caso di contratto di lavoro a tempo determinato sono a carico dell agenzia i primi 3 giorni di malattia (100% della retribuzione) non indennizzati dall Inps e le integrazioni, sempre a carico dell agenzia, di quanto corrisposto dall Inps per i giorni successivi fino al 75% ed al 100% della retribuzione giornaliera netta. Ciò vale fino alla cessazione del rapporto di lavoro e anche nel caso in cui il lavoratore percepisca l indennità direttamente dall Inps che avviene quando la malattia si protrae per un numero di giornate superiore a quelle prestate alle dipendenze dell agenzia. Sono indennizzabili dall Inps e quindi integrabili dall agenzia: un numero di giornate di malattia pari a quelle lavorate anche con altri datori di lavoro nei 12 mesi precedenti fino ad un massimo di 180 giorni; comunque 30 giorni qualora nei 12 mesi precedenti l inizio della malattia il lavoratore abbia meno di 30 giorni di lavoro. Nel caso di contratto di lavoro a tempo indeterminato, il lavoratore nel corso della missione ha diritto agli stessi trattamenti economici previsti per i lavoratori a tempo determinato. Tuttavia, nel caso in cui la malattia si collochi nei periodi di non utilizzo del lavoratore, l indennità Inps è calcolata sulla base dell indennità di disponibilità. Durante la malattia il lavoratore assunto a tempo indeterminato non in prova ha diritto a conservare il posto di lavoro per un massimo di 180 giorni nell anno solare, oltre il quale può essere licenziato. Questo periodo può essere ulteriormente aumentato fino a 120 giorni, su richiesta del lavoratore e qualora lo stesso esibisca regolare certificazione medica e in considerazione del fatto che l ulteriore periodo aggiuntivo sia considerato di aspettativa senza retribuzione. Le stesse regole valgono per i lavoratori assunti a tempo determinato, nei limiti della scadenza del contratto di lavoro. 12

13 GUIDA NIdiL LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE Prestazioni EBITEMP Tutela sanitaria EBITEMP, attraverso una convenzione con la Cassa mutualistica interaziendale, garantisce rimborsi e sussidi per far fronte alle spese sanitarie ai lavoratori con missioni in corso, o fino a 120 giorni da fine missione in caso di missioni superiori ai 30 giorni. Sono riconosciute le seguenti prestazioni: rimborso spese per grandi interventi chirurgici a pagamento; rimborso spese prima e dopo interventi chirurgici a pagamento; sussidio giornaliero per altri ricoveri superiori ai due giorni; rimborso dei ticket pari al 100% per visite specialistiche, esami di laboratorio e diagnostica; rimborso per spese odontoiatriche. Il rimborso e i sussidi sono riconosciuti anche per le spese sanitarie dei figli e del coniuge fiscalmente a carico. La domanda va effettuata presso EBITEMP entro 60 giorni dalla data della visita medica o della fine del ricovero. In caso di spese odontoiatriche, il diritto al rimborso si prescrive dopo 90 giorni dall emissione della fattura quietanzata emessa da un medico odontoiatra. 13

14 GUIDA NIdiL LE PRESTAZIONI SOCIALI DEI LAVORATORI ATIPICI Infortunio I lavoratori somministrati sono assicurati all Inail fermo restando il requisito oggettivo dell esposizione diretta o ambientale al rischio, oppure dell uso non occasionale di veicoli a motore personalmente condotti per ragioni lavorative. In caso di infortunio sul lavoro l Inail eroga un indennità di inabilità temporanea al lavoro pari al 60% della retribuzione giornaliera per i primi 90 giorni, e al 75% della stessa retribuzione dal 91 giorno in poi. L indennità Inail deve essere anticipata in busta paga dall agenzia (per il periodo fino a scadenza del contratto). Dopo la scadenza del contratto, l indennità Inail viene pagata direttamente dall ente fino alla guarigione clinica. L agenzia, inoltre, integrerà la quota Inail fino al raggiungimento del 100% della retribuzione prevista (fino a scadenza del contratto). Se la prognosi si protrae oltre la scadenza del contratto, Ebitemp (l ente bilaterale) versa (su domanda) un indennità integrativa che si aggiunge a quella Inail. In caso di postumi dell infortunio si ha diritto a un indennizzo in capitale (con grado di inabilità dal 6% al 15%) o a una rendita mensile (con grado di inabilità dal 16% al 100%). Prestazioni EBITEMP Integrazioni in caso di infortunio EBITEMP eroga indennità aggiuntive (oltre a quelle spettanti per legge) a favore dei lavoratori in somministrazione a tempo determinato in caso di: infortunio sul lavoro che si protrae oltre la scadenza del contratto, con invalidità temporanea, fino ad un massimo di ; invalidità permanente grave, pari o superiore al 60%, o di decesso con una somma di ; in caso di invalidità permanente inferiore al 60% in misura ridotta proporzionale. La domanda va inviata ad EBITEMP entro 30 giorni dalla scadenza del contratto. 14

15 GUIDA NIdiL LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE Assegno al nucleo familiare L assegno al nucleo familiare è una prestazione erogata ai lavoratori dipendenti e agli iscritti in via esclusiva alla gestione separata. Tale prestazione per i dipendenti, anche somministrati, è erogata in busta paga al raggiungimento di un orario settimanale di almeno 24 ore; in caso di orario inferiore l assegno è erogato solo per i giorni di effettiva prestazione lavorativa. L assegno al nucleo familiare è tanto più alto quanto maggiore è il numero dei componenti il nucleo familiare rilevante, e viceversa decresce all aumentare del reddito del nucleo. I familiari cosiddetti rilevanti ovvero che è possibile inserire nel nucleo per la richiesta dell assegno sono: chi richiede l assegno; il coniuge; i figli legittimi o legittimati e quelli ad essi equiparati (adottivi, affiliati, naturali, legalmente riconosciuti o giudizialmente dichiarati, nati da precedente matrimonio dell altro coniuge, affidati a norma di legge, i nipoti viventi a carico di ascendente diretto) aventi un età inferiore ai 18 anni; i figli (ed equiparati) maggiorenni inabili che si trovano, per difetto fisico o mentale, nella assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi a un lavoro proficuo; i fratelli, le sorelle e i nipoti del richiedente minori di età o maggiorenni inabili a condizione che siano orfani di entrambi i genitori e non abbiano diritto alla pensione ai superstiti. I lavoratori somministrati hanno diritto all assegno al nucleo familiare secondo le tabelle previste per i lavoratori dipendenti. Gli assegni spettano tuttavia esclusivamente per le giornate di lavoro (comprendendo in questa categoria anche le ferie, le giornate di malattia e infortunio, maternità, ecc.) con esclusione di eventuali giornate di contratto indennizzate dalla cosiddetta indennità di disponibilità. Per quanto concerne il pagamento al lavoratore, gli assegni al nucleo familiare sono corrisposti in busta paga dal datore di lavoro (che provvede poi al recupero nei confronti dell Inps), eccezion fatta per i lavoratori domestici e agricoli, la cui competenza alla liquidazione ricade direttamente sull Inps. Ricordiamo che per datore di lavoro si intende l agenzia di somministrazione e non l azienda utilizzatrice. 15

16 GUIDA NIdiL LE PRESTAZIONI SOCIALI DEI LAVORATORI ATIPICI esempio 1 Domanda di assegno al nucleo familiare (ANF) presentata all agenzia di somministrazione a giugno Una lavoratrice coniugata, con un figlio, ha questo reddito familiare 2009: Lavoratrice euro Coniuge euro Casa d abitazione al 50% ciascuno 1100 euro (rendita catastale) Reddito complessivo: euro Numero di componenti il nucleo: 3 ANF da tabella: 43,33 euro esempio 2 Domanda di ANF presentata all agenzia di somministrazione a giugno 2010 Una lavoratrice convivente, con un figlio, ha questo reddito familiare 2009: Lavoratrice euro Convivente ininfluente in quanto non rientrante nel nucleo Casa d abitazione al 50% ciascuno 1100 euro (rendita catastale) deve essere considerato solo il 50% del richiedente, quindi 550 euro Reddito complessivo: euro Numero di componenti il nucleo: 2 il convivente non deve essere considerato. ANF da tabella: 112,70 euro. 16

17 GUIDA NIdiL LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE Ammortizzatori sociali in deroga I lavoratori somministrati appartengono alla categoria dei lavoratori del terziario, per cui non hanno diritto, di norma, ad accedere alla cassa integrazione straordinaria né alla mobilità. Nell ambito degli ammortizzatori in deroga (rinnovati anche per il 2012), tuttavia, gli accordi tra Stato, Regioni e parti sociali possono avere previsto l estensione di tali prestazioni anche ai lavoratori in somministrazione. Vanno pertanto valutate le modalità pattuite nei singoli accordi regionali. Inoltre è valida anche per i lavoratori in somministrazione la misura introdotta con la legge 191/2009 (finanziaria 2010) e prorogata per il 2012 secondo la quale per realizzare il requisito di anzianità aziendale ai fini dell accesso all indennità di mobilità (12 mesi di cui 6 di lavoro effettivamente prestato) sono utili anche eventuali mensilità accreditate dalla medesima impresa presso la Gestione separata Inps. La misura può essere fatta valere soltanto da chi abbia conseguito complessivamente redditi superiori ai euro in regime di monocommittenza (ovvero con un unico datore di lavoro). Sono escluse dal computo eventuali mensilità accreditate presso la Gestione separata derivanti da redditi di lavoro autonomo. È necessario, in caso di crisi aziendale dell impresa utilizzatrice, informarsi con il sindacato Cgil di riferimento e il patronato Inca in merito alla possibilità di usufruire comunque degli ammortizzatori previsti. Altre prestazioni EBITEMP Prestiti personali EBITEMP ha istituito un fondo di garanzia per l erogazione di prestiti personali a condizioni favorevoli, grazie a una apposita convenzione firmata con la banca Monte dei Paschi di Siena, per l Accesso al credito per i lavoratori temporanei. In particolare l erogazione dei prestito avviene con le seguenti modalità: fino a euro ai lavoratori con almeno 30 giorni di missione residua; da a euro ai lavoratori con almeno 30 giorni di missione residua e che abbiano già estinto un precedente prestito concesso da EBITEMP di almeno euro; da a euro ai lavoratori con almeno 4 mesi di missione residua che abbiano già estinto un precedente prestito con EBITEMP. In questo caso è però necessaria una motivazione di carattere sociale, quale ad esempio la caparra per l affitto o lo spese connesse con l acquisto di una casa, spese sanitarie, ecc. 17

18 GUIDA NIdiL LE PRESTAZIONI SOCIALI DEI LAVORATORI ATIPICI È prevista la rateizzazione fino ad un massimo di 42 mesi e, in caso di difficoltà connesse con periodi di non lavoro, la sospensione del pagamento delle rate fino ad un massimo di 6 mesi. Contributo per mobilità territoriale Ai lavoratori che si trasferiscono per esigenze connesse all attività lavorativa viene corrisposto un contributo una tantum di 700 euro (1.000 euro in caso di assunzioni a tempo indeterminato) a fronte di un contributo almeno doppio riconosciuto dall Agenzia per il Lavoro. La domanda va inviata ad EBITEMP entro 45 giorni dall inizio del contratto di lavoro. 18

19 GUIDA NIdiL LAVORATORI PARASUBORDINATI LAVORATORI PARASUBORDINATI Indennità una tantum a fine contratto Dal 2009 è stata istituita l indennità una tantum, la cosiddetta disoccupazione dei collaboratori a progetto, che spetta appunto ai collaboratori a progetto che soddisfino i seguenti requisiti: a) operino in regime di monocommittenza; È quindi necessario che il collaboratore sia stato occupato, da ultimo, presso un solo committente b) abbiano conseguito l anno precedente un reddito lordo non superiore a euro e non inferiore a euro; Si intende il reddito percepito dal soggetto in quanto collaboratore iscritto alla gestione separata c) con riguardo all anno di riferimento sia stato accreditato, presso la predetta Gestione separata dell Inps, un numero di mensilità non inferiore a uno; Una mensilità in gestione separata si accredita non con un lavoro della durata di unmese, ma percependo un reddito pari o superiore a un dodicesimo del minimale previsto per ilavoratori autonomi Inps (quindi nel 2011/ : 12 = 1.212,67 ) d) risultino senza contratto di lavoro da almeno due mesi; Nessun tipo di contratto, compresi quelli non ascrivibili alla Gestione separata e) risultino accreditate nell anno precedente almeno tre mensilità presso la Gestione separata. In relazione all accredito in Gestione separata si veda la lettera c), per cui non è sufficiente aver lavorato per tre mesi di calendario, quanto aver prodotto un reddito sufficiente (quindi per le indennità da erogare nel 2011: /12x 3 = 5383,50 )- La domanda deve essere presentata entro 30 giorni dal verificarsi di tutti i requisiti, compreso quello dei due mesi senza contratto. Destinatari di tale indennità sono esclusivamente i collaboratori a progetto: infatti l una tantum non spetta ai collaboratori della pubblica amministrazione, ai collaboratori pensionati e ai professionisti senza cassa. L importo dell indennità è pari al 30% di quanto percepito nell anno antecedente la 19

20 GUIDA NIdiL LE PRESTAZIONI SOCIALI DEI LAVORATORI ATIPICI richiesta, entro il limite di L indennità una tantum è una misura sperimentale, che, ad oggi, non risulta prorogata oltre il 2011 e che non prevede contribuzione figurativa. La legge non lo prevede espressamente, ma in analogia con l indennità di disoccupazione destinata ai dipendenti, alcune sedi Inps non erogano l indennità una tantum ai collaboratori che si sono dimessi dall ultimo rapporto di collaborazione. esempio Calcolo dell indennità una tantum Collaboratrice che nel 2009 ha lavorato da gennaio a novembre, e ha guadagnato euro. Nel 2010 lavora da marzo a tutto settembre guadagnando euro. Se alla data di fine lavoro risulta non avere in corso altre collaborazioni, se quindi ha operato in regime di monocommittenza, (requisito 1) la collaboratrice avrà diritto all indennità una tantum se rispetterà tutte le condizioni poste dalla legge. Innanzitutto, avendo guadagnato euro (requisito 2) nel 2009 è necessario valutare quanti mesi sono accreditati nella sua posizione assicurativa. È possibile calcolare questo dato sviluppando la seguente proporzione: * : 12 = : mesi accreditati quindi x 12 = 7,58 = 7 mesi (requisito 5) Nel 2010 avrà accreditati i mesi che calcoleremo sviluppando la seguente proporzione: ** : 12 = : mesi accreditati quindi x 12 = 5,44 = 5 mesi (requisito 3) Una volta attesi i due mesi (requisito 4), ovvero da dicembre 2010 la lavoratrice potrà chiedere l una tantum. L indennità che le spetterà sarà pari al 30% di quanto guadagnato nell anno precedente, ovvero di euro. Saranno quindi erogati euro, in un unica soluzione. *minimale 2009 **minimale

LAVORATORI PARASUBORDINATI

LAVORATORI PARASUBORDINATI LAVORATORI PARASUBORDINATI 1.1 INDENNITÀ UNA TANTUM A FINE CONTRATTO Anche per il 2013 è stata prevista una indennità una tantum. Per quanti termineranno il contratto nel 2013, i requisiti per l accesso

Dettagli

GUIDA NIdiL - INCA LE PRESTAZIONI SOCIALI DEI LAVORATORI ATIPICI

GUIDA NIdiL - INCA LE PRESTAZIONI SOCIALI DEI LAVORATORI ATIPICI GUIDA NIdiL - INCA LE PRESTAZIONI SOCIALI DEI LAVORATORI ATIPICI 1 Guida aggiornata a aprile 2013 e realizzata a cura di: Giuseppe Benincasa Andrea Borghesi Simone Ceccarelli per NIdiL CGIL Cristian Perniciano

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 INDENNITA DIS-COLL Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 1 DESTINATARI Dal 1 gennaio 2015 è stata istituita, in via sperimentale, in relazione agli eventi di cessazione dal lavoro verificatisi

Dettagli

IL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

IL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA IL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA (ANCHE NELLA MODALITA A PROGETTO) Concetto di parasubordinazione: perché sia configurabile un rapporto di parasubordinazione ai sensi dell articolo

Dettagli

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna)

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) MATERNITÀ E CONGEDI A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) Astensione Obbligatoria o Congedo di Maternità La tutela accordata dalla legge alle lavoratrici madri

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 SEMINARIO I LAVORATORI ATIPICI NELLE PROFESSIONI Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 Dr. Gianbattista Guzzetti (Unione Confcommercio Imprese per l Italia-Milano-Lodi-Monza

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per Congedo di maternità Estensione del divieto, interruzione della gravidanza, flessibilità del congedo di maternità, documentazione, trattamento economico e normativo, mobilità, prolungamento del diritto

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica MATERNITA E PATERNITA Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica LEGGI e CIRCOLARI D.lgs. 151/2001 http://www.slp-cisl.it/elementi/testo%20unico%20maternità%20e%20paternità.pdf

Dettagli

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino Il comma 14 dell art. 19 Ccnl 2003 finalmente sancisce quello che sosteniamo da tempo: al personale con contratto a tempo determinato si applica

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali 1 1. LA GRAVIDANZA 1.1. QUANDO COMUNICARE IL PROPRIO STATO La legge non stabilisce alcun obbligo di comunicare il proprio stato prima degli ultimi due

Dettagli

In caso di parto prematuro, è possibile recuperare dopo la nascita il periodo non fruito.

In caso di parto prematuro, è possibile recuperare dopo la nascita il periodo non fruito. CONGEDO DI MATERNITÀ/CONGEDO DI PATERNITÀ Contratto intercompartimentale 2001-2004 Alto Adige Congedo di maternità: astensione obbligatoria dal lavoro della madre lavoratrice. Congedo di paternità: astensione

Dettagli

PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

PRESTAZIONI ASSISTENZIALI GESTIONE SEPARATA ENPAPI RISPOSTE AI DUBBI PIÙ FREQUENTI PRESTAZIONI ASSISTENZIALI SOMMARIO PRESTAZIONI ASSISTENZIALI - ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE... 2 PRESTAZIONI ASSISTENZIALI - INDENNITÀ DI MATERNITÀ

Dettagli

2. Principi per il calcolo della contribuzione figurativa. 3. Modalità di calcolo.

2. Principi per il calcolo della contribuzione figurativa. 3. Modalità di calcolo. Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma,

Dettagli

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Prevenzione e promozione della sicurezza Tutela della maternità e della paternità 1 LA TUTELA DELLA MATERNITA

Dettagli

La NASpI è riconosciuta ai lavoratori che hanno perduto involontariamente l occupazione e che presentano congiuntamente i seguenti requisiti:

La NASpI è riconosciuta ai lavoratori che hanno perduto involontariamente l occupazione e che presentano congiuntamente i seguenti requisiti: Schema di decreto legislativo recante Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati

Dettagli

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego 11. ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO di Barbara Buzzi Dal 1 gennaio 2013 è istituita una nuova prestazione di sostegno al reddito (Assicurazione Sociale per l Impiego ASpI) che sostituisce le attuali

Dettagli

Sebben che siamo. (Dis)Occupazione e maternità

Sebben che siamo. (Dis)Occupazione e maternità Sebben che siamo mamme (Dis)Occupazione e maternità ISCRITTI INPGI PER FASCE DI ETA' E PER SESSO - AL 31/12/2012 Classe Età Sesso Iscritti Gestione Sostitutiva dell'ago Iscritti Gestione Separata Iscritti

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

Per i lavoratori in somministrazione assunti a tempo indeterminato il CCNL prevede una serie di prestazioni presenti nel sistema bilaterale Il

Per i lavoratori in somministrazione assunti a tempo indeterminato il CCNL prevede una serie di prestazioni presenti nel sistema bilaterale Il Per i lavoratori in somministrazione assunti a tempo indeterminato il CCNL prevede una serie di prestazioni presenti nel sistema bilaterale Il lavoratore ha la possibilità di accedere gratuitamente a prestazioni

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

ANF per il lavoro dipendente

ANF per il lavoro dipendente ANF per il lavoro dipendente ISTRUZIONI PER L USO BERGAMO ENZO MOLOGNI LAVORO DIPENDENTE D.P.R. 30 MAGGIO 1955, N 797 (Assegni familiari) LEGGE 13 MAGGIO 1988, N 153 (Assegni al nucleo familiare) RIFERIMENTI

Dettagli

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA Aprile 2012 1 L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA viene riconosciuta agli operai che lavorano in agricoltura iscritti negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli

Dettagli

NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015

NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015 NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015 NASpI ASDI DIS-COLL Decreto Legislativo n. 22 del 4/03/2015 (G.U. n. 54 de 6/03/2015) Disposizioni per il riordino della normativa in materia

Dettagli

Congedi parentali Sostegno della maternità e della paternità

Congedi parentali Sostegno della maternità e della paternità Congedi parentali Sostegno della maternità e della paternità FILLEA ARTICOLI DI LEGGE CONTROLLI PRENATALI Art. 14 L.151/2001 Sono previsti permessi retribuiti per l effettuazione di esami prenatali, accertamenti

Dettagli

I DIRITTI A TUTELA DELLA GENITORIALITÀ

I DIRITTI A TUTELA DELLA GENITORIALITÀ I DIRITTI A TUTELA DELLA GENITORIALITÀ A cosa hanno diritto i lavoratori e le lavoratrici che diventano genitori 1 A chi è rivolta la brochure? Destinatari La presente brochure sui diritti a tutela della

Dettagli

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario TuttoInps Le prestazioni a sostegno del reddito L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA... 2 L'ASSEGNO AL CONIUGE... 2 I REQUISITI... 3 PER QUALI PERSONE SPETTA... 3 LA DOMANDA... 4 CHI

Dettagli

MERCATODELLAVORO: COSACAMBIA? INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT. quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012

MERCATODELLAVORO: COSACAMBIA? INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT. quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012 TUTELA ottavo 10-2012:Layout 1 18-10-2012 14:44 Pagina 3 quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012 Tutela IISN 0010-6348 Sped. in abb. postale 45% Roma - art. 2 comma 20 b legge 662/96

Dettagli

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA?

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A C U R A D I F R A N C E S C O G E R I A C O N S U L E N T E D E L L A V O RO W W W. L A B O R T R E. W O R D P RE S S. C O M In queste pagine potete trovare una breve sintesi

Dettagli

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni F M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE Le Prestazioni R e g o l a m e n t o operante dal 01 gennaio 2014 INDICE: AVENTI DIRITTO Pag. 4 INTEGRAZIONE DELLE PRESTAZIONI E MISURA DELLE INDENNITA

Dettagli

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO 1 PRINCIPALI FONTI NORMATIVE E REGOLAMENTARI Legge 335/1995, art. 2, comma 25; Dlgs 103/96; Legge 247/07, art 1, comma 80 (norme di attuazione del Protocollo welfare

Dettagli

L INDENNITA DI MOBILITA. Patronato INCA 1 05/02/09

L INDENNITA DI MOBILITA. Patronato INCA 1 05/02/09 L INDENNITA DI MOBILITA Patronato INCA 1 AMBITO DI APPLICAZIONE I lavoratori licenziati da imprese, con più di 15 dipendenti nel semestre precedente l avvio della procedura di mobilità, che rientrano nel

Dettagli

Maternità e paternità. Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015

Maternità e paternità. Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015 Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015 aggiornato al 22 luglio 2015 (G.U. n. 144 del 24/06/2015) Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell art. 1 comma

Dettagli

L'Assicurazione Sociale per l'impiego

L'Assicurazione Sociale per l'impiego L'Assicurazione Sociale per l'impiego (ASpI) è la nuova forma di assicurazione istituita presso la Gestione prestazioni temporanee dei lavoratori dipendenti, finalizzata a garantire l'indennità mensile

Dettagli

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA INTEGRAZIONE MALATTIA, INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE CONTROLLI CASSA EDILE, ALIQUOTE PER CALCOLO INTEGRAZIONE E GESTIONE EVENTI NEL MUT IN VIGORE DALLE DENUNCE MUT DEL MESE DI GIUGNO 2012 (INTEGRATIVO

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

La pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione ai superstiti Aggiornato al Febbraio 2006 E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del

Dettagli

FAQ - Congedo maternità

FAQ - Congedo maternità FAQ - Congedo maternità 1 - Congedo di Maternità: Sono concessi permessi per visite mediche durante la gravidanza? Per gli accertamenti clinici, le visite mediche specialistiche o gli esami prenatali effettuati

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc..

I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc.. I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc.. A cura di Simonetta Zini Servizio Previdenza Che cos è? L assicurazione obbligatoria è la forma con

Dettagli

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012 La riforma degli ammortizzatori sociali Legge n. 92 del 28 giugno 2012 1 Il nuovo sistema degli ammortizzatori sociali si fonda su 3 pilastri: O Istituzione dell ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego)

Dettagli

80122 Napoli Viale A. Gramsci, 15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it

80122 Napoli Viale A. Gramsci, 15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Centro Studi Cafasso 80122 Napoli Viale A. Gramsci, 15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 1/2006 Napoli, 7 aprile 2006 A tutte le Aziende assistite Loro

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

Modifica delle norme di tutela della maternità. Flessibilità del l congedo di maternità

Modifica delle norme di tutela della maternità. Flessibilità del l congedo di maternità Modifica delle norme di tutela della maternità È stato pubblicato sulla G.U. n. 144 del 26 giugno 2015 Supplemento ordinario n. 34, il Decreto Legislativo 15 giugno 2015, n. 80 "Misure per la conciliazione

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015:

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015: GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015: NASPI ASDI DIS-COLL 2015 Con il Jobs Act ideato dal Governo Renzi, l Aspi diventa Naspi, la Nuova prestazione di Assicurazione sociale dell impiego, l indennità

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

Perequazione dei trattamenti pensionistici, ex D.L. n. 65/2015 Aggiornamenti in materia di NASpI

Perequazione dei trattamenti pensionistici, ex D.L. n. 65/2015 Aggiornamenti in materia di NASpI Videoconferenza EPASA 8 settembre 2015 Perequazione dei trattamenti pensionistici, ex D.L. n. 65/2015 Aggiornamenti in materia di NASpI Relatori: Antonio Licchetta Carla Innocenzi Chiara Pierannunzi Consulenza

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Integrazione malattia Durante l assenza del lavoratore l impresa, entro i limiti della conservazione del posto di cui all art. 27 del C.C.N.L in

Dettagli

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Le parti, visto la Legge n 53 dell 8 Marzo 2000, concernente i Congedi Parentali, hanno convenuto sull opportunità di aggiornare la disciplina contrattuale di tale Istituto

Dettagli

Indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi

Indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi @bollettinoadapt, 11 maggio 2015 Indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi di Silvia Spattini Tag: #ammortizzatori #disoccupazione #DISCOLL #cococo #cocopro Con la circolare

Dettagli

Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015)

Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015) Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015) Effettuare l accesso all Angolo del Dipendente con le credenziali in possesso (Istruzioni

Dettagli

ANF : nuovi livelli di reddito

ANF : nuovi livelli di reddito FIOM INFORMA ANF : nuovi livelli di reddito luglio 2013-giugno 2014 NPS, con circolare 84/2013 pubblica le nuove tabelle utili per le richieste di ANF (assegno al nucleo familiare) per il periodo Luglio

Dettagli

Assicurazione sociale per l impiego

Assicurazione sociale per l impiego Aspi Assicurazione sociale per l impiego La riforma del lavoro voluta dal Governo Monti Fornero ha introdotto una nuova prestazione Inps a sostegno dei disoccupati. Si tratta dell Assicurazione sociale

Dettagli

www.inas.it febbraio 2015

www.inas.it febbraio 2015 www.inas.it febbraio 2015 Ammortizzatori sociali Il Jobs act prevede l istituzione di nuove prestazione a sostegno del reddito: si tratta di Naspi, Dis-coll e Asdi. La legge ha stabilito che, in caso di

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze in data 29 marzo 2013 REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA

Dettagli

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE * QUALI SONO I NUOVI DIRITTI E LE NUOVE OPPORTUNITA PER I NEO-GENITORI? ASPETTATIVA OBBLIGATORIA: - Resta l aspettativa obbligatoria

Dettagli

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PENSIONI 2013 PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE IL DECRETO PER LA PEREQUAZIONE AUTOMATICA DELLE PENSIONI 2012 E 2013 La perequazione automatica - o rivalutazione

Dettagli

REGOLAMENTO E.N.P.A.M. A TUTELA DELLA GENITORIALITA. Capo I Disposizioni generali. Art. 1 Ambito di applicazione. Capo II Eventi tutelati

REGOLAMENTO E.N.P.A.M. A TUTELA DELLA GENITORIALITA. Capo I Disposizioni generali. Art. 1 Ambito di applicazione. Capo II Eventi tutelati AREA DELLA PREVIDENZA REGOLAMENTO E.N.P.A.M. A TUTELA DELLA GENITORIALITA Capo I Disposizioni generali Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento reca disposizioni a tutela della maternità

Dettagli

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale 4 Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese Indice Premessa pag. 3 Parte Prima: i diritti dei genitori 1. Permessi per controlli

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI)

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ART. 1 - NASPI A decorrere dal 1 Maggio 2015 è istituita una

Dettagli

ESSERE MAMMA E PAPÀ: QUALI DIRITTI, SERVIZI E AIUTI DAL TERRITORIO

ESSERE MAMMA E PAPÀ: QUALI DIRITTI, SERVIZI E AIUTI DAL TERRITORIO ESSERE MAMMA E PAPÀ: QUALI DIRITTI, SERVIZI E AIUTI DAL TERRITORIO BARBARA BUSI Consigliera di Parità della provincia di Bologna 13 Aprile 2010 Pieve di Cento Sala Dafni Carletti LAVORO E VITA FAMILIARE

Dettagli

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Settore Risorse umane, salute e sicurezza TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Riferimenti normativi: Legge 53/2000; D.Lgs. 151/2001 Ccnl 14.9.2000 Dpr 1026/76 - D.Lgs. 119/11 D.Lgs. 5/2012

Dettagli

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov.

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov. JOBS ACT I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI 9 febbraio 2015, Ancona Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro www.an.camcom.gov.it 1 IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI Nonostante

Dettagli

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI ASpI 1) COS E? 2) A CHI SI APPLICA? 3) QUANDO SI PUO RICHIEDERE? 4) QUAL È LA RETRIBUZIONE DI RIFERIMENTO PER IL CALCOLO DELL

Dettagli

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg:

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg: Messaggio 07 febbraio 2011, n. 2981 Indennità di mobilità in deroga 2011 - Accordo quadro del 14.1.2011 Facendo seguito al messaggio n. 2926 del 7.02.2011 col quale è stato trasmesso l'accordo quadro del

Dettagli

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO Una crisi aziendale può comportare diverse variazioni delle forme di lavoro, talvolta orientate alla

Dettagli

SACHSALBER GIRARDI HUBER Arbeitsrechtsberater Consulenti del lavoro

SACHSALBER GIRARDI HUBER Arbeitsrechtsberater Consulenti del lavoro ASPI (assicurazione sociale per l impiego) la nuova di disoccupazione In sintesi: La legge n.92/2012 (c.d. Riforma Fornero ) ha previsto l istituzione, a decorrere dal 1 gennaio 2013, della nuova assicurazione

Dettagli

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA 400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Le norme in materia sono contenute nel d. lgs. 151/2001 e, per ciò che riguarda le disposizioni relative ai minori in adozione o affidamento, sono state introdotte

Dettagli

Quadro di sintesi normativa

Quadro di sintesi normativa Allegato n.1 Quadro di sintesi normativa Articolo 19 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 Articolo 7 ter del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito

Dettagli

Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria. Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione

Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria. Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione NOTA PER I DELEGATI Lo scorso mese di dicembre è stata approvata la c.d. Legge

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO Una crisi aziendale può comportare diverse variazioni delle forme di lavoro, talvolta orientate

Dettagli

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA... Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...3 LA DOMANDA...4 CHI PAGA L'ASSEGNO...4 IL RICORSO...5 ASSEGNO

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ART. 1 - LE PRESTAZIONI In base a quanto previsto dall art. 30 e dagli allegati 3 e 4 del CPL operai agricoli e florovivaisti della provincia

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

Le prestazioni a favore dei lavoratori in somministrazione

Le prestazioni a favore dei lavoratori in somministrazione Le prestazioni a favore dei lavoratori in somministrazione EBITEMP sostegno CONTRIBUTO PER ASILO NIDO A chi si rivolge: Lavoratrici madri con una missione pari o superiore a 7 giorni e con un anzianità

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF]

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] Da chi è composto il nucleo familiare? Il nucleo familiare è composto ai sensi dell art.2, comma 2, del D.L. 13.3.1988, n.69, convertito nella L. 13.5.1988, n.153 (norma

Dettagli

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 La Gestione Separata Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 1 2 L iscrizione E a carico del lavoratore o del professionista Deve essere presentata entro 30 giorni dall inizio dell attività.

Dettagli

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 RICONGIUNZIONE Lavoratori iscritti a due o più forme di assicurazione: AGO INPS - IVS dipendenti e autonomi TOTALIZZAZIONE

Dettagli

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015 L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo Padova, 22 maggio 2015 Il secondo Welfare dei Dottori Commercialisti dott.ssa Anna Faccio In caso di gravidanza

Dettagli

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI Sono quei lavoratori che prestano la loro attività esclusivamente per le necessità familiari del datore di lavoro e del suo nucleo familiare. Rientrano in questa categoria:

Dettagli

CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO. regolamento prestazioni

CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO. regolamento prestazioni CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO regolamento prestazioni 9 10 DIRITTO ALLE PRESTAZIONI Hanno diritto alle prestazioni della Cassa Edile di Nuoro gli operai dipendenti di imprese

Dettagli

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.ssa Elisabetta. Consulenti del Lavoro DESTINATARI

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.ssa Elisabetta. Consulenti del Lavoro DESTINATARI Studio Nicco Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.ssa Elisabetta Consulenti del Lavoro Carcare, 26.05.2015 A tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: NASpI Circolare Inps 94/2015 Il 1 maggio

Dettagli

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi ASPI e MINI ASPI LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2 Cessazioni dal 1/1/2013 Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi sostituiscono disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti normali disoccupazione

Dettagli

Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale. giustificarsi al rientro in servizio con idonea documentazione:

Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale. giustificarsi al rientro in servizio con idonea documentazione: TUTTO SUI PERMESSI NEL GRUPPO INTESASANPAOLO- AGGIORNATO 2013 Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale 1) Al Personale possono essere concessi permessi retribuiti, da giustificarsi

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli