COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI"

Transcript

1 COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI Linee di credito agevolato a sostegno delle PMI della Serbia, dell Albania, della Tunisia e della Siria (Sintesi) 1

2 COOPERAZIONE FINANZIARIA CON LA REPUBBLICA DI SERBIA Linea di credito agevolato a sostegno delle PMI serbe attraverso il sistema bancario nazionale Per informazioni scrivere a: 2

3 Ammontare del finanziamento e soggetti eleggibili BUDGET: 30 milioni di euro : per la concessione di prestiti a medio termine, a condizioni agevolate, attraverso il sistema bancario serbo per l acquisto di beni strumentali, tecnologia, licenze industriali, e dei relativi servizi (manutenzione, assistenza tecnica, ecc.) di origine italiana con la possibilità di sottoscrivere contratti con società di costruzione serbe e di acquisire forniture (attrezzature, materie prime, parti di ricambio e servizi) anche sul mercato locale per un importo pari al 30% del budget previsto. Soggetti eleggibili: PMI dei settori meccanico, elettromeccanico, chimico, sanitario, delle costruzioni, tessile, dell agro trasformazione, delle telecomunicazioni, dell energia, dei trasporti, del turismo 3

4 Condizioni di erogazione del credito INTERESSE ANNUO: 4,75 MAX RESTITUZIONE ANNI: 8 PERIODO DI GRAZIA ANNI 2 RATA: MENSILE IMPORTO IN EURO: TRA E 2 MILIONI 4

5 Assistenza tecnica L assistenza tecnica alle PMI serbe è fornita da uno staff specializzato che fa capo all Ufficio di Cooperazione di Belgrado per: predisporre le richieste di finanziamento da presentare alle banche formulare business plan facilitare i processi di internazionalizzazione realizzare seminari su tematiche settoriali e incontri con imprenditori italiani 5

6 Procedure La PMI serba invia il profilo informativo della propria Azienda e un ipotesi di progetto di finanziamento all Ufficio di Cooperazione (UTL) di Belgrado L UTL esamina la documentazione e la invia alla Banca prescelta dalla PMI serba La Banca identifica i progetti ammissibili sulla base dei criteri definiti dallo Steering Committee della Linea di Credito e chiede alla PMI le necessarie garanzie La PMI, ottenuta l approvazione preliminare del progetto da parte della Banca, redige il progetto di finanziamento e prepara tutti i documenti a corredo del progetto, avvalendosi dell assistenza tecnica dell UTL (analisi finanziaria, documenti di progetto, preparazione del business plan) La PMI individua i propri fornitori italiani di beni e servizi 6

7 COOPERAZIONE FINANZIARIA CON LA REPUBBLICA DI ALBANIA Programma per lo sviluppo delle PMI albanesi Per informazioni: Programme Management Unit (PMU) METE Building, Bulevard Zhan D Ark, N. 2, Tirana Albania Tel: , Tel/Fax:

8 Ammontare del finanziamento Il Programma di sviluppo delle PMI albanesi ha tre componenti: 25 milioni di euro per una LINEA DI CREDITO a favore delle PMI albanesi 2,5 milioni di euro per costituire un FONDO DI GARANZIA per facilitare l accesso al credito delle PMI albanesi 1,7 milioni di euro per l ASSISTENZA TECNICA al Programma 8

9 Condizioni di erogazione del credito Tasso d interesse applicato: Massimo 5,5% annuo per prestiti in Euro Massimo 8,5% per prestiti in LEK Periodo di rimborso: 3-8 anni Periodo di grazia: 1-2 anni Importo finanziabile, da 50 mila a 500 mila euro 9

10 PMI ammissibili Possono accedere al credito le PMI che rispondono ai seguenti criteri: Registrate in Albania Proprietà di cittadini albanesi per almeno il 51% Fatturato annuo non superiore ai 5 milioni di euro Numero di impiegati non superiori alle 80 unità 10

11 Progetti ammissibili al finanziamento Forniture di materie prime, attrezzature, tecnologie e relativa assistenza tecnica, ricambi e licenze industriali; Fornitura composta per almeno il 70% dell ammontare totale del progetto da beni e/o servizi di origine italiana; Il 30% massimo del finanziamento richiesto per ogni singolo progetto può essere utilizzato per la copertura dei costi locali attraverso forniture e contratti con operatori albanesi 11

12 Criteri di priorità e condizioni di maggior favore PMI PRIORITARIE: PMI manifatturiere PMI esportatrici (fatturato da export: almeno il 50%) Start-up di PMI di proprietà di cittadini albanesi residenti in Italia PMI localizzate in distretti o zone industriali dell Albania SETTORI PRIORITARI: Agroindustria Energie rinnovabili Progetti a basso impatto ambientale e di riduzione dell inquinamento Progetti che creano nuove opportunità occupazionali Progetti localizzati in aree più svantaggiate dell Albania (fuori dall area Tirana-Durazzo) CONDIZIONI DI MAGGIOR FAVORE: Progetti per budget tra 50 mila e 150 mila euro: periodo di rimborso 5 anni, inclusi 2 anni di grazia; Progetti per budget tra 150 Mila e 500 mila euro: periodo di rimborso 8 anni, inclusi 2 anni di grazia 12

13 Start-Up di imprese Un massimo del 10% dell ammontare totale della Linea di credito è destinato a progetti di start-up il cui ammontare varia tra 15 mila e 50 mila euro. Tali progetti usufruiscono di un periodo di rimborso di 4 anni, inclusi 2 anni di grazia 13

14 Procedure di accesso al credito Le PMI albanesi interessate ad accedere alla Linea di credito si rivolgono alle Banche commerciali private dell Albania partecipanti al Programma, che indicheranno la documentazione necessaria alla richiesta di finanziamento, valuteranno le richieste e, in caso di approvazione, firmeranno i contratti di prestito con le PMI. Nella valutazione delle richieste di prestito, le Banche commerciali private terranno in considerazione il rispetto delle condizioni previste dal Programma e sono le sole responsabili in merito alla approvazione o al respingimento delle domande di prestito La Programme Management Unit (PMU), costituita presso il Ministero albanese dell Economia da esperti italiani e albanesi, effettua il monitoraggio di tutte le attività per verificare il rispetto delle procedure e delle condizioni stabilite dal Programma 14

15 COOPERAZIONE FINANZIARIA CON LA REPUBBLICA DI TUNISIA Linea di credito agevolato a sostegno delle PMI tunisine attraverso il sistema bancario nazionale per ulteriori informazioni scrivere a: 15

16 La Linea di credito per le PMI La Linea di credito è uno strumento finanziario del Ministero degli Affari Esteri italiano che mette a disposizione delle PMI tunisine finanziamenti agevolati per acquistare beni strumentali nuovi, tecnologia, licenze industriali e i servizi connessi di origine italiana (manutenzione, assistenza tecnica, ecc.) da aziende fornitrici italiane La linea di credito prevede anche la possibilità, per le PMI tunisine, di utilizzare fino al 35% del totale di ciascun finanziamento per sottoscrivere contratti con società di costruzione tunisine e per acquisire forniture (attrezzature, materie prime, parti di ricambio e servizi di origine tunisina) anche sul mercato locale per un importo fino al 35% del budget previsto per ciascun finanziamento. 16

17 Ammontare del finanziamento Nel giugno 2008, la Cooperazione Italiana ha aperto alla Tunisia una nuova Linea di Credito per lo sviluppo delle PMI tunisine pari a 36.5 milioni di euro. All esaurimento della Linea di credito attualmente operativa, l Italia accorderà alla Tunisia una nuova linea di credito dell ammontare di 73 milioni di euro 17

18 Soggetti eleggibili Possono richiedere il finanziamento agevolato le imprese con le seguenti caratteristiche: private, di diritto tunisino residenti, ai sensi della legislazione tunisina PMI, secondo la definizione dell Unione Europea Appartenenti ai settori dell industria, dell agricoltura, della pesca e dei servizi (ad eccezione dei servizi commerciali, finanziari e turistici) 18

19 Condizioni di erogazione del credito Tasso d interesse del 3,25% massimo per anno, inclusa la commissione bancaria, per crediti in Euro Tasso d interesse del 6,25% massimo per anno, inclusa la commissione bancaria e la copertura del rischio di cambio, per un creeito in Dinari Periodo di rimborso: massimo 10 anni Periodo di grazia: massimo 3 anni Finanziamento massimo: 2,1 milioni di euro Finanziamento minimo: euro 19

20 Procedure 1 La componente a credito viene erogata dal Governo italiano alla Banca Centrale della Tunisia su un Conto Speciale 2 Le Banche tunisine residenti, autorizzate dalla Banca Centrale di Tunisia ad operare sulla Linea di credito italiana, verificano la bancabilità e la redditività delle richieste di finanziamento presentate dalle PMI di diritto tunisino a valere sulla Linea di credito italiana. Le Banche tunisine sono le sole responsabili della gestione del finanziamento accordato. 3 Le Banche, una volta approvata la richiesta, inviano il dossier, corredato dalla valutazione del progetto, dai dati relativi all affidabilità del richiedente e del parere motivato relativo alla concessione del credito, all Ufficio di cooperazione dell Ambasciata d Italia a Tunisi, per l imputazione del finanziamento sulla Linea di credito 4 Il Direttore dell Ufficio di cooperazione di Tunisi rilascia rapidamente il consenso al finanziamento e informa la Banca, l impresa tunisina, la Banca Centrale di Tunisia, il Ministero degli Esteri tunisino e Artigiancassa (la Banca agente del Governo italiano) 5 L impresa tunisina istruisce la sua Banca per il pagamento a favore del fornitore italiano 6 la Banca tunisina, a sua volta, chiede alla banca Centrale di Tunisia di istruire Artigiancassa per il pagamento al fornitore in Italia 20

21 La linea di credito: situazione al 15 febbraio 2011 Ammontare della Linea di credito: ,00 Euro (100%) Importo totale imputato: ,56 Euro (93%) Residuo disponibile: ,44 Euro (7%) Operazioni approvate: 56 21

22 Ripartizione settoriale delle operazioni Settore N operazio ni Agroalimentare 20 % Importo % 35, ,00 32,68 Tessile/Abbigliamento 2 3, ,00 1,00 Carta/Legno 5 8, ,00 5,01 Costruzione / Vetro 20 35, ,91 43,77 Elettrico 1 1, ,00 6,19 Servizi (Trasporto, ecc) 3 5, ,00 4,25 Chimica/Farmaci/Plastica 3 5, ,65 4,26 Cuoio e calzature 1 1, ,00 0,40 Pesca 1 1, ,00 2,44 Meccanica / Metallurgia 0 TOTALE ,

23 COOPERAZIONE FINANZIARIA CON LA REPUBBLICA ARABA DI SIRIA Linea di credito per le PMI 23

24 Descrizione e finalità Il Ministero degli Esteri ha finanziato una linea di credito agevolato a disposizione delle PMI siriane per un totale di 20 milioni di euro La linea di credito ha l obiettivo di accrescere produttività e competitività delle imprese siriane, attraverso il trasferimento di beni (forniture, impianti, tecnologie) e servizi (formazione sul piano gestionale, incremento degli standard di qualità dei processi e prodotti, promozione della ricerca e sviluppo) di origine italiana 24

25 Criteri di ammissibilità delle PMI La proprietà dell impresa dovrà essere al 100% privata; L impresa dovrà essere pienamente operativa o di nuova registrazione (quindi anche non ancora operativa alla data della richiesta); Attività prevalente dell impresa dovrà essere di natura produttiva industriale; L attività produttiva dell impresa non dovrà danneggiare l ambiente; L impresa non dovrà fare uso diretto/indiretto di lavoro minorile; L attività dell impresa non dovrà avere collegamenti diretti/indiretti con attività militari o produzioni di armi (incluso armi sportive, sistemi di difesa, installazioni militari, equipaggiamenti o materiali); L impresa non dovrà avere collegamenti diretti/indiretti con la produzione e trasformazione del tabacco e del legno. 25

26 Criteri preferenziali LE PMI BENEFICIARIE VERRANNO SELEZIONATE SULLA BASE DEI SEGUENTI CRITERI PRIORITARI: Progetti di investimento nel settore tessile ed abbigliamento Progetti presentati da donne imprenditrici. Produzioni labour-intensive. Partecipazione italiana alla proprietà dell impresa. Partecipazione alla proprietà dell impresa di una persona fisica o giuridica di uno degli Stati Membri dell UE. Attività orientate al miglioramento delle condizioni ambientali. 26

27 Condizioni di ammissibilità del credito La linea di credito deve essere utilizzata per finanziare le forniture di beni strumentali ed i relativi di servizi forniti da imprese italiane alle PMI siriane Una singola PMI siriana può richiedere il finanziamento di uno o più contratti, a condizione che si riferiscano allo stesso investimento. 27

28 Ulteriori condizioni di ammissibilità Il totale valore aggregato dei contratti richiesti dalle singole PMI non dovrà essere inferiore a ed equivalente e non superiore a Ogni contratto potrà includere beni capitali, pezzi di ricambio e servizi collegati (come design, formazione, assistenza post vendita) e potrà anche includere lavori di costruzione; Il totale valore aggregato del contratto-i per il quale il finanziamento è richiesto dovrà essere riferito a beni e servizi di origine italiana per un quota non inferiore al 70%; Il rimanente 30% del valore aggregato totale del contratto-i potrà essere allocato per lavori, beni e servizi di origine siriana e/o dei paesi vicini, incluso non più del 5% del prezzo totale del contratto-i per il working capital (capitale d esercizio). 28

29 Procedure La linea di credito sarà canalizzata alle PMI siriane attraverso le banche locali. Le PMI presenteranno le richieste di credito alle banche locali accreditate dalla Real Estate Bank, che gestisce per conto del Governo siriano il conto speciale relativo alla Linea di credito italiana Le Banche locali trasmettono le richieste delle PMI alla Real Estate Bank. La Real Estate Bank prende in considerazione tali richieste in ordine di arrivo Le Banche locali si assumono il rischio commerciale e quindi richiedono alla PMI le necessarie garanzie Le richieste di finanziamento presentate dalle PMI alle Banche locali devono contenere le seguenti informazioni: Rispetto delle condizioni di ammissibilità Copia dei contratti definiti con i fornitori Le Banche locali hanno piena responsabilità nella valutazione delle richieste di credito presentate dalle PMI 29

30 Condizioni di erogazione del credito alle PMI Le condizioni di erogazione del prestito da parte delle Banche locali alle PMI siriane non dovranno essere meno favorevoli delle seguenti: Tasso di interesse al 4.00% per anno. Il periodo di ripagamento del principale sarà non inferiore a 5 anni e non superiore ad 8 anni; Il periodo di ripagamento del principale dovrà includere un periodo di grazia, la cui durata non sarà superiore ai due anni e sarà determinata in accordo con il tempo necessario per la PMI beneficiaria di ricevere i beni ed i servizi coperti dalla linea di credito. I contratti tra le PMI ed i fornitori saranno in euro. I finanziamenti concessi dalle banche locali alle PMI siriane saranno determinati e ripagati in Lire siriane 30

STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA ALLO SVILUPPO. (L. 49/87, Artt. 6 e 7)

STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA ALLO SVILUPPO. (L. 49/87, Artt. 6 e 7) STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA ALLO SVILUPPO (L. 49/87, Artt. 6 e 7) 2 STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA La Legge-quadro sulla cooperazione allo sviluppo n. 49/87 prevede

Dettagli

DELLA COOPERAZIONE DECENTRATA. Opportunità per gli investitori e Linea di credito per le PMI

DELLA COOPERAZIONE DECENTRATA. Opportunità per gli investitori e Linea di credito per le PMI TAVOL TUNISIA DELLA COOPERAZIONE DECENTRATA Opportunità per gli investitori e Linea di credito per le PMI OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO IN TUNISIA L Unione Europea è il primo partner economico e commerciale

Dettagli

Imprese Miste Societarie

Imprese Miste Societarie Imprese Miste Societarie Le opportunità offerte dalla nuova legge sulla Cooperazione Internazionale allo Sviluppo 2 Aprile 2015-Unioncamere Calabria Relatore: Dr.ssa Maria Grazia Rando Funzionario MAECI

Dettagli

PRONTI PER IL FUTURO. Genova 21 settembre 2015

PRONTI PER IL FUTURO. Genova 21 settembre 2015 PRONTI PER IL FUTURO IMPRESE, ISTITUZIONI E ONG A SISTEMA PER LE NUOVE OPPORTUNITA DI SVILUPPO NELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Genova 21 settembre 2015 Relatore: Dr.ssa Maria Grazia Rando Funzionario

Dettagli

PROGRAMMA : Piattaforma d appoggio al settore privato e alla valorizzazione della diaspora senegalese in Italia PLASEPRI

PROGRAMMA : Piattaforma d appoggio al settore privato e alla valorizzazione della diaspora senegalese in Italia PLASEPRI PROGRAMMA : Piattaforma d appoggio al settore privato e alla valorizzazione della diaspora senegalese in Italia PLASEPRI PAESE TITOLO DEL PROGRAMMA CANALE SETTORE Senegal Piattaforma d appoggio al settore

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

Produzione di beni e servizi.

Produzione di beni e servizi. Produzione di beni e servizi. Dalla tua idea alla tua impresa. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo I e Capo II Le norme nazionali e comunitarie hanno

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

CORSO VITTORIO EMANUELE II, 323-00186 ROMA TEL: +6 686351 FAX: +6 68635404 www.simest.it. SIMEST in BRASILE

CORSO VITTORIO EMANUELE II, 323-00186 ROMA TEL: +6 686351 FAX: +6 68635404 www.simest.it. SIMEST in BRASILE CORSO VITTORIO EMANUELE II, 323-00186 ROMA TEL: +6 686351 FAX: +6 68635404 www.simest.it SIMEST in BRASILE SIMEST è la merchant bank a capitale pubblico (Ministero delle Attività Produttive 76%) e privato

Dettagli

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI Mantenere il lavoro, la propria abitazione e assicurarsi con continuità l'accesso al cibo in questi anni è diventato

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO Prot. n. 2471 del 22/02/2010 BANDO ANNO 2010 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI, TURISTICHE, ARTIGIANALI E DEI SERVIZI. IL DIRETTORE

Dettagli

Finanziamento agevolato per la realizzazione di programmi di investimento tramite apertura di strutture all estero in paesi extra UE

Finanziamento agevolato per la realizzazione di programmi di investimento tramite apertura di strutture all estero in paesi extra UE Dott. Sandro Guarnieri Dott. Marco Guarnieri Dott. Corrado Baldini A tutti i sigg.ri Clienti Loro sedi Dott. Cristian Ficarelli Dott.ssa Elisabetta Macchioni Dott.ssa Sara Saccani Dott.ssa Monica Pazzini

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

PROFESSIONISTI e IMPRESE VERSO NUOVI MERCATI Focus Emirati Arabi Uniti. Carlo de Simone Responsabile Funzione Relazioni Istituzionali e Studi

PROFESSIONISTI e IMPRESE VERSO NUOVI MERCATI Focus Emirati Arabi Uniti. Carlo de Simone Responsabile Funzione Relazioni Istituzionali e Studi PROFESSIONISTI e IMPRESE VERSO NUOVI MERCATI Focus Emirati Arabi Uniti Carlo de Simone Responsabile Funzione Relazioni Istituzionali e Studi Roma, 14 ottobre 2015 SIMEST Partner d impresa per la competizione

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

Il tuo partner innovativo per l estero

Il tuo partner innovativo per l estero Il tuo partner innovativo per l estero Chi siamo Export Trade Solutions Srl è una società di consulenza che opera in ambito nazionale ed internazionale assistendo le aziende nella loro fase di inserimento

Dettagli

Fondo di Rotazione per il Polesine PMI Turistiche

Fondo di Rotazione per il Polesine PMI Turistiche Fondo di Rotazione per il Polesine PMI Turistiche (Ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 LR n. 33/2002 e DGR n. 3083/2003 Aree d'intervento Sono ammissibili gli interventi

Dettagli

Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità

Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità MISURE 1. Sviluppo aziendale basato su processi di ammodernamento e ampliamento produttivo 2. Innovazione di prodotto e di processo 3. Applicazione

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

Progetto cofinanziato dall Unione Europea REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA UNIONE EUROPEA SFIRS. 03 Febbraio 2014

Progetto cofinanziato dall Unione Europea REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA UNIONE EUROPEA SFIRS. 03 Febbraio 2014 Progetto cofinanziato dall Unione Europea REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA UNIONE EUROPEA SFIRS 03 Febbraio 2014 1 Fondo Microcredito FSE Fondo Microcredito FSE Obiettivo L integrazione sociale nel mercato

Dettagli

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Le norme nazionali e comunitarie hanno la prevalenza sui contenuti

Dettagli

Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO

Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO Accesso al credito, opportunità di finanziamento e inserimento lavorativo Lo sportello informativo e di consulenza Impresa e Lavoro offre un sostegno

Dettagli

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI I FINANZIAMENTI AGEVOLATI FINANZIAMENTI AGEVOLATI Sia in avvio di attività che durante la sua vita è sempre bene prendere in considerazione la possibilità di accedere a finanziamenti agevolati. Non devono

Dettagli

ALLEGATO D - SCHEDA INFORMATIVA FONDO POR I.3

ALLEGATO D - SCHEDA INFORMATIVA FONDO POR I.3 ALLEGATO D - SCHEDA INFORMATIVA FONDO POR I.3 La presente scheda informativa sintetizza le modalità di funzionamento del FONDO POR I.3 gestito da Lazio Innova. La scheda informativa non sostituisce lo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

SIMEST. finanziaria di sviluppo pubblico-privata. privata che ha lo scopo di promuovere l internazionalizzazione delle imprese italiane.

SIMEST. finanziaria di sviluppo pubblico-privata. privata che ha lo scopo di promuovere l internazionalizzazione delle imprese italiane. FEDERCHIMICA 2a Conferenza Nazionale N.I.C. Nanotecnologie nell Industria Chimica Gian Carlo Bertoni Responsabile Dipartimento Promozione e Marketing Le attività di Venture Capital di SIMEST Milano 2 dicembre

Dettagli

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 )

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. (Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) Contenuto del decreto Art. 1 Con il presente decreto

Dettagli

Sezione MANIFATTURIERO GIOVANILE

Sezione MANIFATTURIERO GIOVANILE Allegato A) Scheda di dettaglio Finalità generale Obiettivo operativo Territori interessati Soggetti beneficiari CREAZIONE D'IMPRESA Sezione MANIFATTURIERO GIOVANILE Consolidare lo sviluppo economico accrescendo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE Finalità Gli obiettivi specifici

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt.

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. 12 e 13 CIRCOLARE n. 7/2013 approvata con delibera del 2 dicembre

Dettagli

SOGGETTI BENEFICIARI E LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO

SOGGETTI BENEFICIARI E LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO FAQ: Bando approvato con decreto n. 9441 del 18/10/2013 - Programma integrato di interventi a sostegno della creazione d impresa linea 8 Frim Start up e Re-start. SOGGETTI BENEFICIARI E LOCALIZZAZIONE

Dettagli

ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU

ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO,

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE A cura di Leopoldo Noventa 1 Che cosa sono? I finanziamenti agevolati per le piccole e medie imprese operanti nella Regione Veneto sono finanziamenti erogati

Dettagli

Provincia di Bologna Area Tecnica

Provincia di Bologna Area Tecnica Provincia di Bologna Area Tecnica Prot. 5147 OGGETTO: BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITÀ COMMERCIALI TURISTICHE ARTIGIANALI E DEI SERVIZI CON

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA ART. 1 PREMESSA E FINALITA DELL INIZIATIVA Il Comune di Santa Marinella,

Dettagli

Comune di Castenaso (Provincia di Bologna)

Comune di Castenaso (Provincia di Bologna) Comune di Castenaso (Provincia di Bologna) CONVENZIONE PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI L anno duemiladieci (2010) addì... del mese di..., con la presente scrittura privata da valere

Dettagli

I modelli di crescita all estero delle PMI: il caso del distretto empolese. Andrea Manuelli - manuelli@local-global.it

I modelli di crescita all estero delle PMI: il caso del distretto empolese. Andrea Manuelli - manuelli@local-global.it I modelli di crescita all estero delle PMI: il caso del distretto empolese Andrea Manuelli - manuelli@local-global.it 1 RIFLESSIONI GENERALI 2 Internazionalizzazione e dimensione di impresa Tradizionalmente,

Dettagli

di Gilberto Crialesi Destinazione >> Estero

di Gilberto Crialesi Destinazione >> Estero I FONDI DI VENTURE CAPITAL di Gilberto Crialesi Destinazione >> Estero Per le imprese che intendono internazionalizzarsi, oltre ai due tradizionali interventi previsti dalla legge 100/90, operanti attraverso

Dettagli

Export Manager per le PMI: Voucher per l internazionalizzazione

Export Manager per le PMI: Voucher per l internazionalizzazione Export Manager per le PMI: Voucher per l internazionalizzazione 1 Voucher per l internazionalizzazione: come nasce Contesto: l intervento dei Voucher per l internazionalizzazione delle PMI nasce nell ambito

Dettagli

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne.

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. È entrata nella sua fase operativa il provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico che prevede la

Dettagli

Ecosistema delle startup innovative. Le novità, le speranze e le linee guida per il futuro

Ecosistema delle startup innovative. Le novità, le speranze e le linee guida per il futuro S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Ecosistema delle startup innovative Le novità, le speranze e le linee guida per il futuro Alessandro Galli 17 Dicembre 2014 - Sala Convegni Corso Europa,

Dettagli

INCENTIVI PER LE IMPRESE. N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore

INCENTIVI PER LE IMPRESE. N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore INCENTIVI PER LE IMPRESE N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore 1 PIA A sportello Piccole-medie imprese Da 200.000,00 a 1.000.000,00 2 Titolo II A sportello Microimprese

Dettagli

SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale. Seminario di preparazione alla Missione Imprenditoriale in Iran

SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale. Seminario di preparazione alla Missione Imprenditoriale in Iran SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale Seminario di preparazione alla Missione Imprenditoriale in Iran Marco Rosati Responsabile Funzione Desk Italia CONFINDUSTRIA - Roma, 8 ottobre 2015

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio,

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio, PIEMONTE, EMILIA-ROMAGNA E LAZIO Cosa riservano i Psr alle agroenergie Nel tentativo di semplificare e chiarire la grande mole di materiale contenuto nei Psr, vengono qui prese in esame le Misure specifiche

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 62 del 23-4-2009

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 62 del 23-4-2009 7371 REGIONE PUGLIA Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione n. 1 del 19 gennaio 2009 (in attuazione del Regolamento (CE) 800/2008 del 06.08.2008) Titolo II Aiuti agli investimenti iniziali

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 2 MILIARDI PER IL RILANCIO 2 miliardi di euro di investimenti per le imprese agroalimentari italiane. Queste le risorse del Piano 2015-2017 messo

Dettagli

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO NUOVE IMPRESE E INVESTIMENTI PRODUTTIVI Finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto Inail 2014/2015 Contributi per il miglioramento della sicurezza sul lavoro Nuove

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO A FAVORE TITOLARI DI PARTITA IVA NELLA FASE DI AVVIO DELL ATTIVITA

FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO A FAVORE TITOLARI DI PARTITA IVA NELLA FASE DI AVVIO DELL ATTIVITA F.A.Q. ART. 8 DELLA L.R. 12/2004 COME SOSTITUITO DALL ART. 33 DELLA L.R. 30/2009 FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO A FAVORE TITOLARI DI PARTITA IVA NELLA FASE DI AVVIO DELL ATTIVITA ATTIVITA

Dettagli

INTESA PROGRAMMATICA D AREA (IPA) TERRE ALTE DELLA MARCA TREVIGIANA Riconosciuta dalla Regione Veneto con DGR 3323 del 04.11.2008

INTESA PROGRAMMATICA D AREA (IPA) TERRE ALTE DELLA MARCA TREVIGIANA Riconosciuta dalla Regione Veneto con DGR 3323 del 04.11.2008 Agli Enti Locali, alle Parti Economiche e Sociali aderenti all IPA Ai Comuni del GAL. Comunicazione a mezzo e-mail Solighetto, 16 marzo 2011 Oggetto: IPA- INFORMA N. 2 del 16 marzo 2011 Si trasmette il

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

INNOVA NET Bando per partecipanti alla selezione di 10 Idee d impresa

INNOVA NET Bando per partecipanti alla selezione di 10 Idee d impresa INNOVA NET Bando per partecipanti alla selezione di 10 Idee d impresa TRAINING AND INNOVATION UNIVERSITY CONSORTIUM POLYTECHNIC OF BARI UNIVERSITY OF PATRAS ARTICOLO 1 Finalità e oggetto Nell'ambito del

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO 2 CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore - MCC per la presentazione delle

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Microcredito d Impresa della Regione Puglia - Microimprese operative - Scheda informativa sul nuovo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO MODALITA E PROCEDURE PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE

FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO MODALITA E PROCEDURE PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE ALLEGATO A FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO MODALITA E PROCEDURE PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE 1. FINALITA` E OBIETTIVI L iniziativa prevede l utilizzo del

Dettagli

La Regione Toscana a sostegno della creazione di impresa giovanile Prato, 16 novembre 2015 NASCERE E CRESCERE, IMPRESA DA RAGAZZI

La Regione Toscana a sostegno della creazione di impresa giovanile Prato, 16 novembre 2015 NASCERE E CRESCERE, IMPRESA DA RAGAZZI La Regione Toscana a sostegno della creazione di impresa giovanile Prato, 16 novembre 2015 NASCERE E CRESCERE, IMPRESA DA RAGAZZI OBIETTIVO SPECIFICO CREAZIONE DI IMPRESA GIOVANILE SETTORE MANIFATTURIERO,

Dettagli

Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012

Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012 Punto 5 dell Ordine del Giorno: Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012 Cosa sono i Contratti di Sviluppo Strumento attuativo

Dettagli

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Accesso al credito, opportunità di finanziamento e inserimento lavorativo Lo sportello informativo Impresa e Lavoro della Pro Loco di Itri offre

Dettagli

Fondo per la crescita sostenibile

Fondo per la crescita sostenibile Fondo per la crescita sostenibile Intervento a favore dei Progetti di R&S negli ambiti tecnologici di Horizon 2020 (Decreti del Ministro dello sviluppo economico 20 giugno 2013 e 15 ottobre 2014) Roma,

Dettagli

di Fabio Noferi Estero >> Commercio internazionale

di Fabio Noferi Estero >> Commercio internazionale FINANZIAMENTI NELL EST EUROPA: UNGHERIA, ROMANIA E REPUBBLICA SLOVACCA di Fabio Noferi Estero >> Commercio internazionale I Governi locali dei Paesi dell Est Europa, anche tramite i fondi messi a disposizione

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese 1. Oggetto dell intervento Sono finanziabili progetti che prevedono le seguenti attività: Ricerca industriale e Sviluppo sperimentale.

Dettagli

BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA DELLA CCIAA DI CHIETI PER LA NUOVA MICRO IMPRENDITORIALITA

BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA DELLA CCIAA DI CHIETI PER LA NUOVA MICRO IMPRENDITORIALITA BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA DELLA CCIAA DI CHIETI PER LA NUOVA MICRO IMPRENDITORIALITA Chieti, 14 Novembre 2014 La Camera di Commercio di Chieti, attraverso la creazione di un Fondo di Garanzia,

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE F.A.Q. art. 8 della L.R. 12/2004, come sostituito dall art. 33 della l.r. 30/2009 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE 1. Modalità di presentazione

Dettagli

Decreto del Ministero dello sviluppo economico, di concerto con il Ministero dell economia e delle finanze, 27 novembre 2013 (G.U.

Decreto del Ministero dello sviluppo economico, di concerto con il Ministero dell economia e delle finanze, 27 novembre 2013 (G.U. Decreto del Ministero dello sviluppo economico, di concerto con il Ministero dell economia e delle finanze, 27 novembre 2013 (G.U. 24 gennaio 2014) Agevolazioni per l acquisto di nuovi macchinari, impianti

Dettagli

RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE

RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE AGEVOLAZIONI ATTIVE INVITALIA Prestito d Onore Regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Molise, Puglia, Campania, Sardegna, Sicilia Microimpresa Regioni: Abruzzo, Basilicata,

Dettagli

OGGETTO: 45/AE = Finanziamenti ISMEA per le aziende agricole.

OGGETTO: 45/AE = Finanziamenti ISMEA per le aziende agricole. OGGETTO: 45/AE = Finanziamenti ISMEA per le aziende agricole. Vi informiamo che sulla Gazzetta Ufficiale del 12 Febbraio u.s. e stato pubblicato (in allegato) un Decreto Ministeriale che fissa le modalita

Dettagli

ICE Export Lab Campania

ICE Export Lab Campania ICE Export Lab Campania Seconda Edizione Bando pubblico di partecipazione Scadenza adesioni: 3 aprile 2015 Art.1 Il corso Il Piano Export per le Regioni della Convergenza (Campania, Calabria, Puglia e

Dettagli

Come funziona il Fondo di garanzia?

Come funziona il Fondo di garanzia? Con il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, l Unione europea e lo Stato Italiano affiancano le imprese che hanno difficoltà ad accedere al credito bancario perché non dispongono di sufficienti

Dettagli

FONDO PRESTITI PARTECIPATIVI

FONDO PRESTITI PARTECIPATIVI 2 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO

Dettagli

IL DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI

IL DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI Traduzione non ufficiale N.B. Il testo facente fede è unicamente quello in lingua serba In base all art. 7 della Legge sul budget della Repubblica di Serbia per l anno 2012 ( Gazzetta Ufficiale della Repubblica

Dettagli

Bando Progetto Sostes per Operatori Promozione dell innovazione ed aggregazione nel settore del tessile abbigliamento

Bando Progetto Sostes per Operatori Promozione dell innovazione ed aggregazione nel settore del tessile abbigliamento ALLEGATO C Bando Progetto Sostes per Operatori Promozione dell innovazione ed aggregazione nel settore del tessile abbigliamento INDICE 1. Finalità 2. Tipologie di intervento 3. Soggetti beneficiari 4.

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 BENEFICIARI

ART. 1 FINALITA ART. 2 BENEFICIARI BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI ROTAZIONE PER LA CAPITALIZZAZIONE O LA RICAPITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER GLI INVESTIMENTI E IL CONSOLIDAMENTO DELLE

Dettagli

BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014

BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014 BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, riconoscendo la Rete di Impresa quale strumento innovativo

Dettagli

Dr.ssa Anna Maria Scuderi

Dr.ssa Anna Maria Scuderi D.M. MAP 593/2000 E SS.MM.II.: MODALITÀ PROCEDURALI PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL DECRETO LEGISLATIVO DEL 27 LUGLIO 1999, N. 297 (ARTT. DA 5 A 16) Tale decreto riunisce in un unico

Dettagli

Strumenti finanziari e servizi per l internazionalizzazione delle imprese italiane. Maputo, 28-29 ottobre 2012

Strumenti finanziari e servizi per l internazionalizzazione delle imprese italiane. Maputo, 28-29 ottobre 2012 Strumenti finanziari e servizi per l internazionalizzazione delle imprese italiane Maputo, 28-29 ottobre 2012 Missione SIMEST promuove l internazionalizzazione delle imprese italiane mediante: partecipazione

Dettagli

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia MicroPrestito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene alcune informazioni sul

Dettagli

Costituzione di società a partecipazione straniera

Costituzione di società a partecipazione straniera INVESTIMENTI IN TUNISIA Normativa riguardante gli investimenti esteri Il Codice degli Investimenti del 21 dicembre 1993 (legge n 93-120), rappresenta uno degli strumenti base su cui la Tunisia punta per

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Artigianato Pmi e Internazionalizzazione

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Artigianato Pmi e Internazionalizzazione 8689 REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Artigianato Pmi e Internazionalizzazione PO 2007-2013 Asse VI - Linea 6.1 Avviso per l erogazione di Aiuti ai programmi

Dettagli

Regione. Abruzzo Incubatore di imprese di Mosciano S.A.

Regione. Abruzzo Incubatore di imprese di Mosciano S.A. Regione Abruzzo Incubatore di imprese di Mosciano S.A. REGOLAMENTO L incubatore d imprese consente di favorire il processo di sviluppo imprenditoriale, fornendo un sostegno che prevede: la disponibilità

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Soli, ma ben accompagnati Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

OGGETTO: SIMEST PARTNER D IMPRESA PER PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PROTOCOLLO D INTESA CON CONFIMI INDUSTRIA

OGGETTO: SIMEST PARTNER D IMPRESA PER PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PROTOCOLLO D INTESA CON CONFIMI INDUSTRIA OGGETTO: SIMEST PARTNER D IMPRESA PER PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PROTOCOLLO D INTESA CON CONFIMI INDUSTRIA COS E Finanziaria che sostiene lo sviluppo delle imprese italiane impegnate a realizzare

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile PROVINCIA DI LIVORNO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile Premessa La Provincia promuove e finanzia interventi volti allo sviluppo di imprese giovanili

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO FINANZIAMENTI PER L'INTERNAZIONALIZZAZIONE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO FINANZIAMENTI PER L'INTERNAZIONALIZZAZIONE Pagina 1 FINANZIAMENTI AGEVOLATI DELLE SPESE PER L'APERTURA DI STRUTTURE ALL'ESTERO PER IL LANCIO E LA DIFFUSIONE DI NUOVI PRODOTTI E SERVIZI O L'ACQUISIZIONE DI NUOVI MERCATI - DECRETO LEGGE 112-2008

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento PRESTITO D ONORE (Delibere C.P. 27/04, 4/05 ) ------------------------------- La Provincia Regionale di Enna, IV Settore Programmazione e Sviluppo Economico concede

Dettagli

Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese

Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese ATTIVITÀ AMMISSIBILI - Attività manifatturiere (sezione C Classificazione ATECO 2007) - Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti

Dettagli

di Cristina Aprile e Roberto Aprile Risorse umane >> Igiene e sicurezza

di Cristina Aprile e Roberto Aprile Risorse umane >> Igiene e sicurezza INCENTIVI INAIL: DAL BANDO AI FINANZIAMENTI CONSIDERAZIONI SU TEMPI E MODALITA' DI EROGAZIONE DEL FINANZIAMENTO di Cristina Aprile e Roberto Aprile Risorse umane >> Igiene e sicurezza PREMESSA Nel corso

Dettagli