INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA"

Transcript

1 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di Terni INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Situazione al 30/06/2014 n. 7/2014

2 INDICE Sintesi 3 Il confronto con il dato regionale e nazionale 4 1. La realtà produttiva Consistenza e struttura delle imprese Risultati delle imprese sui mercati esteri 7 2. Lo stato dell occupazione I flussi degli avviamenti al lavoro Gli ammortizzatori Inps Il lavoro sommerso L andamento del credito La dinamica dei prestiti bancari La qualità del credito Le cessioni del quinto I protesti Il turismo 20 Guida alla lettura 22

3 A cura di: Osservatorio Provinciale sull economia Dr. Luca CALZOLA - ISTAT - Sede per l Umbria Dr. Algero PENCONI - Provincia di Terni Dr. Adriano BARTOLUCCI - Direzione Territoriale del Lavoro di Terni Dr. Marco GUERRINI - Camera di Commercio di Terni Dr. Paolo D ATRI - INPS di Terni Dr.ssa Anna ROSIELLO - Prefettura di Terni Coordinamento: - metodologico-scientifico - Dr. Luca CALZOLA - tecnico-organizzativo - Dr.ssa Anna ROSIELLO Nota redazionale: Il presente rapporto è stato predisposto dall Osservatorio provinciale sull economia, costituito presso la Prefettura di Terni-Utg, con lo scopo di fornire alle amministrazioni locali un agile strumento informativo sull andamento dell economia provinciale. I dati e gli indicatori che verranno presentati sono stati elaborati attraverso un utilizzo integrato delle informazioni messe a disposizione da Amministrazioni e Enti operanti sul territorio. Impaginazione e stampa effettuati nel mese di dicembre 2014 dalla Camera di Commercio di Terni

4 INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Situazione al primo semestre 2014 Sintesi Nel primo semestre 2014, i segnali che provengono da diversi ambiti di osservazione (imprese, commercio estero, lavoro, credito) mostrano un andamento dell economia ternana che continua ad essere caratterizzato da dinamiche sfavorevoli che segnalano persistenti difficoltà a intraprendere percorsi di uscita dalla crisi. Come nei semestri precedenti, la realtà produttiva provinciale è caratterizzata dalla riduzione del numero di imprese attive; agricoltura e costruzioni si segnalano come i settori di attività maggiormente interessati dalla flessione. Per quanto riguarda il commercio con l estero, il primo semestre del 2014 segna una diminuzione sia delle esportazioni che delle importazioni. I rapporti di lavoro attivati nel primo semestre del 2014 sono diminuiti rispetto allo stesso semestre del 2013; il calo è più marcato con riferimento ai lavoratori stranieri. Le conseguenti difficoltà di inserimento lavorativo determinano una crescita del numero degli iscritti disoccupati. Nel periodo di riferimento, si registra una riduzione delle ore autorizzate di cassa integrazione guadagni. Si contraggono maggiormente gli interventi autorizzativi di cassa in deroga a causa della diminuzione delle risorse disponibili; diminuiscono meno rapidamente quelli attinenti alla cassa ordinaria e straordinaria. Per quanto riguarda il credito, il relativo mercato ha evidenziato segnali di arretramento caratterizzati da una contrazione dei prestiti bancari e da un peggioramento della qualità del credito. Il numero dei protesti è invece diminuito sia come consistenza che come valore. Indicazioni positive provengono dal settore turistico, caratterizzato da una ripresa degli arrivi e delle presenze negli esercizi ricettivi, soprattutto per quanto riguarda la componente dei clienti stranieri. 3

5 Il confronto con il dato regionale e nazionale Al 30 giugno 2014, le imprese attive nella provincia di Terni registrano una riduzione tendenziale minore rispetto al complesso della regione e del Paese; nel periodo gennaio-giugno 2014 il saldo iscrizioni-cancellazioni nei registri camerali è leggermente positivo a fronte di valori negativi in Umbria e in Italia; il numero dei fallimenti per imprese attive è inferiore a quello sia regionale che nazionale. Sempre nel primo semestre 2014, a Terni le esportazioni segnano una lieve flessione, mentre nella regione e nel Paese registrano una variazione positiva rispetto allo stesso periodo del La riduzione delle ore autorizzate di cassa integrazione guadagni è più sensibile di quella che ha interessato i livelli regionale e nazionale. La flessione dei prestiti bancari risulta in linea con il dato nazionale e superiore alla media regionale mentre è più elevato l indice di sofferenza del credito bancario. Indicatori economici al 30 giugno 2014: Terni, Umbria e Italia a confronto 4

6 1. La realtà produttiva Consistenza e struttura delle imprese In base ai dati del registro imprese della Camera di commercio di Terni, tenuto conto dei valori più bassi che si registrano nel 1 trimestre di ciascun anno a causa delle periodiche cancellazioni di ufficio, nel 1 e 2 trimestre del 2014 continua il trend di riduzione del numero delle imprese iscritte nei registri camerali (figura 1.1). Nei due trimestri, il numero di imprese attive è pari, rispettivamente, a e unità; rispetto allo stesso periodo del 2013, nel 1 trimestre 2014 il numero delle imprese è inferiore di 83 unità (-0,4%) mentre nel 2 trimestre la diminuzione è di 103 unità (-0,5%). Figura Movimento delle imprese attive iscritte alla Camera di commercio di Terni - 2 trimestre trimestre 2014 Fonte: Camera di commercio di Terni - Registro imprese Nei due trimestri presi in esame (tavola 1.1) continua la flessione tendenziale delle imprese manifatturiere (-1,4% e -1,0%) e di quelle attive nel settore delle costruzioni (-1,2% e -1,3%). Il settore agricolo evidenzia diminuzioni più consistenti (-3,4% e -2,9%), così come quello delle attività professionali, scientifiche e tecniche (-3,9% e -5,9%). Lievi incrementi si riscontrano nel settore del commercio (+0,8% e +0,6%) e in quello dell alloggio e della ristorazione (+1,7% e +0,8%). Comparti in più forte crescita sono invece quelli del noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese (+5,2% e +5,6%), della sanità e assistenza sociale (+5,2% e +3,7%) e delle attività finanziarie e assicurative (+5,1% e +2,1%). Dal punto di vista strutturale, con riferimento alla forma giuridica delle imprese, nel 1 e 2 trimestre si segnala in linea con la tendenza già riscontrata nei trimestri precedenti un aumento delle società di capitale (+2,7% e +3,3%) e una contrazione delle imprese individuali e delle società di persone (rispettivamente, -2,1% e -1,1% in entrambi i trimestri). Relativamente alle aree territoriali sub provinciali (vedi guida alla lettura), nei primi due trimestri dell anno 2014 si registrano variazioni tendenziali negative per quasi tutti i contesti analizzati (tavola 1.2) con una accentuazione del trend nel comprensorio orvietano, dove - vista la vocazione economica del territorio - assume un peso maggiore la variazione negativa del settore agricolo. Nel comprensorio amerino-narnese si segnala un incremento relativamente maggiore delle imprese del comparto commercio, alloggio e ristorazione, mentre nel territorio ternano risulta più contenuta la diminuzione delle attività manifatturiere. 5

7 Tavola Imprese attive iscritte nel registro imprese della Camera di commercio di Terni per settore di attività e forma giuridica - 1 e 2 trimestre 2014 Fonte: Camera di commercio di Terni - Registro imprese Tavola Imprese attive iscritte nel registro imprese della Camera di commercio di Terni per area territoriale e settore di attività - 1 e 2 trimestre 2014 Fonte: Camera di commercio di Terni - Registro imprese 6

8 Nel corso del 1 e 2 trimestre 2014 il numero delle nuove iscrizioni (826) è stato superiore a quello delle cessazioni (783), con un saldo positivo di 43 unità; nello stesso periodo del 2013 il saldo era invece risultato negativo (-44 imprese). Figura Movimento delle imprese iscritte alla Camera di commercio di Terni - 2 trimestre trimestre 2014 Fonte: Camera di commercio di Terni - Registro imprese Nel corso del primo semestre 2014 in provincia di Terni si sono registrati 20 fallimenti di imprese con un decremento del 23,1% rispetto allo stesso periodo del 2013 (figura 1.3). Il numero di fallimenti nel semestre diminuisce per il secondo anno consecutivo. Figura Fallimenti delle imprese - Provincia di Terni - 1 semestre semestre 2014 Fonte: Camera di commercio di Terni - Registro imprese Risultati delle imprese sui mercati esteri In base ai dati Istat, tra il 1 semestre 2014 e il 1 semestre 2013 il valore delle importazioni delle imprese ternane è diminuito del 3,0%. Nello stesso periodo, le esportazioni hanno registrato una contrazione del 15,5%. (Tavola 1.3). Il decremento complessivo degli scambi commerciali con l estero è determinato soprattutto dalla contrazione della voce Metalli di base e prodotti in metallo (-2,9% e -16,7%, rispettivamente, per importazioni e esportazioni) che pesa per circa i 2/3 del totale. 7

9 Tra le altre categorie che incidono maggiormente in termini di valore, risultano in crescita le importazioni e le esportazioni di macchinari e apparecchi meccanici (rispettivamente +14,9% e +9,1%) mentre diminuiscono quelle degli articoli in gomma e delle materie plastiche (-23,0% -30,2%). Con riferimento alle merci in ingresso si registra una crescita degli scambi nel settore dei prodotti alimentari, bevande e tabacco (+42,4%); dal lato delle esportazioni, aumentano gli scambi di prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori (+ 15,8%). Nel 1 semestre del 2014 il saldo degli scambi con l estero è negativo per una cifra pari a quasi 9 milioni di euro. Il passivo della bilancia commerciale si concentra nel primo trimestre del 2014, ed è il primo valore negativo che si registra a partire dal 2 trimestre 2011 (figura 1.4). A giugno 2014, il valore complessivo delle esportazioni risulta in diminuzione per il terzo trimestre consecutivo e assume il valore più basso di un andamento in diminuzione che dura ormai da un biennio. Tavola Importazioni e esportazioni per settore di attività - Provincia di Terni - 1 semestre 2014 (a) (a) Dati provvisori Fonte: Istat, Statistiche sul commercio estero 8

10 Figura Importazioni, esportazioni e saldo della bilancia commerciale - Provincia di Terni - 2 trimestre trimestre 2014 (Valori in euro) Fonte: Istat, Statistiche del commercio estero 9

11 2. Lo stato dell occupazione I flussi degli avviamenti al lavoro Nel primo semestre 2014 le persone assunte dalle aziende operanti nel territorio della provincia di Terni sono complessivamente , valore inferiore dell 1,9% rispetto a quanto rilevato nello stesso periodo del 2013, ad indicare un marcato grado di difficoltà del mercato del lavoro locale (figura 1). La flessione riguarda in modo più significativo le donne (- 3,1%) e i lavoratori stranieri (-5,6%). Figura Persone avviate al lavoro dai centri per l impiego per sesso e cittadinanza - Provincia di Terni - 1 semestre 2014 (Variazione percentuale rispetto al 1 semestre 2013) Fonte: Provincia di Terni, Centri per l impiego Nello stesso periodo, i rapporti di lavoro attivati 1 ammontano invece a e registrano una riduzione dell 1,3% rispetto al primo semestre 2013 (tavola 2.1). Tale risultato deriva da una flessione dei rapporti di lavoro avviati con contratti di lavoro dipendente (-1,8%). In relazione a questo tipo di contratti, oltre alla riduzione del numero degli avviamenti a tempo indeterminato (-9,3%), si registra una diminuzione ancora più marcata per i rapporti di lavoro attivati con alcune forme di contratto atipico quali il contratto interinale (-18,7%) e il lavoro intermittente (-30,8%). Gli avviamenti con forme lavoro autonomo/parasubordinato sono aumentati del 2,5%, la crescita raggiunge il 9,5% nel caso di quelli con un contratto a progetto. È l area dell orvietano ad evidenziare una diminuzione marcata del numero delle assunzioni (-9,8%) mentre nel territorio ternano il fenomeno segna una variazione positiva (+1,8%). Per quanto riguarda i lavoratori stranieri, la riduzione dei rapporti di lavoro avviati nel primo semestre 2014 (- 4,0% a livello provinciale) è più accentuata rispetto a quella dei lavoratori italiani. 1 Il valore complessivo delle assunzioni nel periodo si riferisce all insieme degli atti amministrativi comunicati dalle aziende; nel caso di rapporti di lavoro di breve periodo lo stesso soggetto può essere assunto anche più volte, sia dalla stessa azienda che da aziende diverse. Il dato complessivo dei rapporti di lavoro attivati (assunzioni) è quindi diverso dal numero dei soggetti assunti (con una o più assunzioni). 10

12 Tavola 2.1 Persone avviate al lavoro per tipo di contratto, cittadinanza e Centro per l impiego Provincia di Terni 1 semestre 2014 (Valori assoluti e variazione percentuale) (a) (a) Rispetto ai dati precedentemente pubblicati, i valori sono stati aggiornati con comunicazioni amministrative successive alla pubblicazione degli stessi. Fonte: Provincia di Terni, Centri per l impiego A livello settoriale (tavola 2.2), nel primo semestre 2014 la riduzione del numero delle assunzioni riguarda quasi tutte le attività con l eccezione del settore manifatturiero, per il quale si osserva un incremento del 10,2%, e quello delle costruzioni, dove l aumento è molto più contenuto (1,3%). La contrazione risulta più marcata nei settori dell agricoltura (-6,9%), del commercio (-7,0%) e dei servizi alle famiglie (-10,4%). Tavola 2.2 Avviamenti al lavoro per settore di attività economica Provincia di Terni 1 semestre 2014 (Valori assoluti e variazione percentuale) (a) (a) Rispetto ai dati precedentemente pubblicati, i valori sono stati aggiornati con comunicazioni amministrative successive alla pubblicazione degli stessi. Fonte: Provincia di Terni, Centri per l impiego L andamento negativo rilevato per gli avviamenti si riscontra anche per la trasformazione del rapporto di lavoro. Nel primo semestre 2014 i rapporti di lavoro a tempo determinato trasformati a tempo indeterminato sono complessivamente 469, con una flessione del 32,6% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente (tavola 2.3). I contratti di apprendistato trasformati in rapporti a tempo indeterminato sono invece 151, con una variazione negativa 24,5%. 11

13 Tavola Trasformazioni del rapporto di lavoro per tipo di contratto - Provincia di Terni - 1 semestre 2014 (Valori assoluti e variazione percentuale) (a) Rispetto ai dati precedentemente pubblicati, i valori sono stati aggiornati con comunicazioni amministrative successive alla pubblicazione degli stessi. Fonte: Provincia di Terni, Centri per l impiego Nel primo trimestre del 2014, il tasso di variazione tendenziale degli avviamenti al lavoro ha registrato un valore positivo del 5,4%, proseguendo un andamento in crescita iniziato alla fine del 2013 (figura 2.2). Tale trend si è interrotto nel trimestre successivo, quando la variazione ha ripreso ad assumere gli stessi valori negativi (-9,0%) dell anno prima. Gli avviamenti che riguardano i lavoratori stranieri evidenziano diminuzioni in tutti i trimestri considerati di entità maggiore rispetto a quelle relative agli italiani. Figura Avviamenti al lavoro per cittadinanza - Provincia di Terni - 2 trimestre trimestre 2014 (variazioni percentuali rispetto allo stesso trimestre dell anno precedente) Fonte: Provincia di Terni, Centri per l impiego Al 30 giugno 2014, le persone in cerca di lavoro iscritte ai Centri per l Impiego della provincia di Terni sono complessivamente , in crescita del 12,9% rispetto allo stesso periodo del 2013 (tavola 2.4). L incremento del numero degli iscritti riguarda sia i lavoratori italiani che, in misura maggiore, i lavoratori stranieri (+17,3%). Esso è inoltre legato alla difficoltà dei lavoratori adulti, per i quali l età può rappresentare un ostacolo aggiuntivo nel reinserimento lavorativo. Gli iscritti con 40 anni e oltre sono metà degli iscritti complessivi, con un incremento rispetto allo scorso anno pari al 13,6%. Nel primo semestre 2014 si registra una lieve accelerazione della dinamica crescente, iniziata a fine 2013, dei disoccupati iscritti ai Centri per l impiego rispetto allo stesso periodo dell anno precedente (figura 2.3). Il tasso di crescita dei disoccupati di cittadinanza straniera iscritti ai Centri per l impiego è sempre superiore a quello dei disoccupati italiani, la differenza tra i due valori si è assestata negli ultimi tre trimestri interrompendo una precedente lunga tendenza alla convergenza. 12

14 Tavola Disoccupati iscritti distinti per Centro per l impiego e nazionalità. Provincia di Terni - 30 giugno 2014 e 2013 (Valori assoluti e variazione percentuale) Fonte: Provincia di Terni, Centri per l impiego Figura Disoccupati iscritti ai Centri per l impiego per nazionalità Provincia di Terni 2 trimestre trimestre 2014 (variazioni percentuali rispetto allo stesso trimestre dell anno precedente) Fonte: Provincia di Terni, Centri per l impiego 13

15 2.2 - Gli ammortizzatori Inps Nel primo e secondo trimestre 2014 le domande di indennità di mobilità risultano in diminuzione per il secondo trimestre consecutivo riportandosi in prossimità del valore del terzo trimestre del 2013 (figura 2.4). Figura Domande di mobilità presentate all Inps - 2 trimestre trimestre 2014 Fonte: Inps Nel primo semestre 2014 il numero di ore autorizzate di cassa integrazione guadagni è pari a quasi un milione ed è diminuito del 29,7% rispetto allo stesso periodo del 2013 (tavola 2.5). Si contraggono maggiormente gli interventi autorizzativi di cassa in deroga (-63%) a causa della diminuzione delle risorse disponibili; diminuiscono meno rapidamente quelli attinenti alla cassa ordinaria e straordinaria. Le ore pagate ammontano a 770 mila e mostrano una diminuzione tendenziale del 15,1%. Anche in questo caso la riduzione si concentra nella cassa in deroga (-57,1%), mentre per quella straordinaria si registra un incremento del 16,1%. Tavola Ore richieste, autorizzate e pagate di cassa integrazione guadagni per tipo di intervento - 1 semestre 2014 (valori assoluti e variazioni percentuali sull anno precedente) Fonte: Inps Nel primo semestre 2014, le ore pagate rappresentano il 78,4% di quelle autorizzate. La proporzione è più elevata per la cassa straordinaria (98,4%) e assume valori più contenuti per la cassa ordinaria (61,7%) e quella in deroga (78,5%). A partire dal 2013 la quota di ore pagate per la cassa ordinaria risulta inferiore rispetto a quella degli altri tipi di intervento, a conferma della intensità delle misure straordinarie di utilizzo degli ammortizzatori sociali per contenere gli effetti della crisi. (figura 2.5). 14

16 Figura Ore pagate di cassa integrazione guadagni per tipo di intervento - 2 trimestre trimestre 2014 (per 100 ore autorizzate) Fonte: Provincia di Terni, Centri per l impiego 15

17 2.3 - Il lavoro sommerso Nel primo semestre 2014, la Direzione territoriale del lavoro di Terni ha rilevato 43 casi di lavoro sommerso su 105 posizioni irregolari verificate, pari a una percentuale del 41,0% 2. La quota più elevata si riscontra nei settori primario e terziario; il fenomeno risulta più contenuto nell industria (tavola 2.6). Tavola Lavoratori sottoposti a verifica e lavoratori sommersi per settore di attività - Provincia di Terni - 1 semestre 2014 Fonte: Direzione Territoriale del lavoro di Terni 2 A partire da gennaio 2014 gli uffici territoriali del Ministero del Lavoro non elaborano più i dati dell attività ispettiva e non dispongono del dato relativo alle posizioni lavorative verificate. 16

18 3. L andamento del credito La dinamica dei prestiti bancari Nel primo semestre del 2014 il mercato creditizio nella provincia di Terni ha mostrato segnali di attenuazione del calo iniziato nella seconda parte del 2012 (tavola 3.1). Il tasso di variazione su base annua dei prestiti alla clientela residente, al lordo delle sofferenze e corretti per tenere conto dell effetto contabile delle cartolarizzazioni, è passato da -3,7% a dicembre a -2,0 a giugno La flessione è stata meno pronunciata di quella registrata a livello regionale (-2,7%). Nei dodici mesi terminanti a giugno 2014 i prestiti bancari al settore produttivo ternano sono diminuiti del 2,1% (-4,5 a dicembre 2013; tavola 3.1). Le imprese medio-grandi (con almeno 20 addetti) hanno continuato a far registrare il calo di maggiore entità, sebbene in rallentamento rispetto alla fine dello scorso anno (dal -5,1 al -2,4%). Tavola Prestiti bancari per settore istituzionale - Provincia di Terni - giugno giugno 2014 (a) (a) I dati includono i pronti contro termine e le sofferenze. (b) Il settore privato include anche le istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie e le unità non classificabili o non classificate. (c) Società in accomandita semplice e in nome collettivo, società semplici, società di fatto e imprese individuali con meno di 20 addetti. (d) Società semplici, società di fatto e imprese individuali fino a 5 addetti. Fonte: Banca d Italia, Segnalazioni di vigilanza. A giugno 2014 i prestiti bancari alle famiglie consumatrici residenti sono diminuiti dello 0,6% su base annua (-1,6 a fine 2013). Considerando anche i finanziamenti concessi dalle società finanziarie, la contrazione dei prestiti risulta più elevata a causa della rilevante diminuzione del credito al consumo (-4,0%). Se si considerano, insieme con quelli bancari, anche i prestiti erogati dalle società finanziarie la dinamica complessiva non muta sostanzialmente (-2,9%; figura 3.1); la flessione ha continuato a riguardare tutti i settori produttivi, in misura più marcata quello delle costruzioni (-3,9%). Figura Prestiti di banche e società finanziarie per settore di attività economica - Provincia di Terni Giugno 2014 Fonte: Banca d Italia, Segnalazioni di vigilanza. 17

19 Per quanto concerne il risparmio, a giugno 2014 la crescita dei depositi è stata del 3,0%, in lieve accelerazione dal 2,8 di dicembre 2013 (tavola 3.2), per i soli depositi a risparmio la crescita è stata del 3,5%. Il valore complessivo ai prezzi di mercato dei titoli a custodia nel portafoglio delle famiglie si è ulteriormente ridotto (-3,8%), a causa soprattutto del sensibile calo della componente obbligazionaria. Tavola Raccolta bancaria per tipo - Provincia di Terni - giugno giugno 2014 (a) (a) Le variazioni sono corrette per tenere conto delle riclassificazioni. (b) Depositi con durata prestabilita o rimborsabili con preavviso. (c) Titoli a custodia semplice e amministrata valutati al fair value. Fonte: Banca d Italia, Segnalazioni di vigilanza La qualità del credito La qualità del credito è ulteriormente peggiorata (tavola 3.3): il flusso di nuove posizioni a sofferenza in rapporto ai prestiti vivi in essere all inizio del periodo (tasso di decadimento) è passato dal 4,3% a dicembre 2013 al 4,7% a giugno La qualità del credito alle famiglie è rimasta stazionaria: 1,5%; era dell 1,4% a dicembre Il tasso di ingresso a sofferenza dei prestiti al settore produttivo è passato dal 5,9% di dicembre 2013 al 6,5% ed è risultato più elevato per le imprese con meno di 20 addetti (+8,1%) e per quelle delle costruzioni (+9,8%). Tavola 3.3 Sofferenze bancarie per settore istituzionale Provincia di Terni giugno 2013 giugno 2014 (a) (a) Esposizioni passate a sofferenza rettificata in rapporto ai prestiti in bonis in essere all inizio del periodo. I valori sono calcolati come medie dei quattro trimestri terminanti in quello di riferimento. Dati riferiti alle segnalazioni di banche, società finanziarie e società veicolo di operazioni di cartolarizzazione. (b) Il totale include anche le Amministrazioni pubbliche, le istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie e le unità non classificabili o non classificate. (c) Società in accomandita semplice e in nome collettivo, società semplici, società di fatto e imprese individuali con meno di 20 addetti. Fonte: Banca d Italia, Centrale dei rischi Le cessioni del quinto Le difficoltà delle famiglie nel contrarre prestiti che, a causa delle rate per la restituzione, possono trasformarsi in redditi ridotti nel futuro è testimoniata anche dall andamento del numero di cessioni del quinto sui trattamenti pensionistici erogate dall Inps che nel primo semestre 2014 è pari a 271 unità, valore che risulta il più basso degli ultimi quattro anni (figura 3.2). Il valore osservato nell ultimo periodo conferma il trend discendente della serie negli ultimi quattro anni. 18

20 Figura 3.2 Numero di cessioni del quinto erogate dall Inps Provincia di Terni 1 semestre semestre 2014 Fonte: Inps I protesti Nei corso del primo semestre 2014 il numero dei protesti iscritti al registro della Camera di Commercio ammonta a ed è diminuito del 31,2% rispetto allo stesso periodo del Nello stesso arco temporale si è registrata una flessione di poco superiore, in termini relativi (-38,5%), anche con riferimento all importo totale dei protesti, determinando di conseguenza una riduzione contenuta degli importi medi che passano da euro (tavola 3.4). Nel comune capoluogo si osserva una riduzione più contenuta rispetto al resto della provincia. Tavola Numero e importo dei protesti - Provincia di Terni - 1 semestre 2014 Fonte: Camera di commercio di Terni 19

21 4 - Il turismo Nel corso del primo semestre 2014, secondo i dati che la Regione Umbria raccoglie nell ambito della rilevazione Istat (vedi note), gli arrivi e le presenze nelle strutture ricettive della provincia sono cresciuti, rispettivamente, del 16,3% e del 6,5% rispetto allo stesso periodo del La crescita della domanda turistica è dovuta in misura maggiore ai clienti stranieri per i quali gli arrivi sono aumentati del 28,4% e le presenze dell 8,7%. L andamento del flusso turistico risulta maggiormente attivo nel territorio orvietano, dove si registra un incremento di arrivi, soprattutto stranieri, molto più elevato della media provinciale (tavola 4.1). Tavola Arrivi e presenze nelle strutture ricettive per nazionalità dei clienti - Provincia di Terni - 2 semestre 2013 e Anno 2013 Fonte: Regione Umbria 3 I dati diffusi dalla regione Umbria sono provvisori rispetto alla validazione finale effettuata dall Istat. 20

22 21

23 Guida alla lettura L impresa attiva è l unità giuridico-economica che esercita l attività produttiva ed è iscritta al Registro delle Imprese della Camera di commercio. Un impresa per essere considerata attiva non deve risultare inattiva o cessata oppure sospesa o liquidata o, ancora, fallita o con procedure concorsuali aperte. Le rilevazioni statistiche sugli scambi commerciali con l estero hanno carattere totale e sono eseguite dall Istat su dati desunti dagli elenchi riepilogativi dei movimenti presentati direttamente dagli operatori economici agli uffici doganali territorialmente competenti. Tali elenchi sono differenti per le operazioni intracomunitarie (modelli Intrastat) e per quelle extra-ue (bollette doganali o Dau - Documento amministrativo unico) e hanno valenza sia fiscale che statistica. Ulteriori informazioni e dati relativi alle statistiche sul commercio estero possono essere consultati nel sito web dell Istat alla pagina: e nella banca dati Le informazioni di fonte Istat su occupati e persone in cerca di occupazione vengono raccolte intervistando in tutte le settimane dell anno un campione nazionale di quasi 77 mila famiglie, pari a 175 mila individui residenti in Italia, anche se temporaneamente all estero. Sono escluse le famiglie che vivono abitualmente all estero e i membri permanenti delle convivenze (istituti religiosi, caserme ecc.). I risultati vengono diffusi con cadenza trimestrale, fatta eccezione per il dettaglio provinciale che ha cadenza annuale. Altre informazioni sull organizzazione della rilevazione e la definizione degli aggregati statistici possono essere consultate nel sito web dell Istat alla pagina: istat.it/lavoro/lavret/forzedilavoro/ e nella banca dati Le informazioni relative al credito bancario sono raccolte dalla Banca d Italia e si riferiscono alle operazioni effettuate dagli intermediari creditizi e finanziari con soggetti residenti, a esclusione dei rapporti interbancari. Le informazioni sono desunte dalle segnalazioni che gli intermediari creditizi e finanziari inviano alla Banca d Italia in base alla normativa vigente. Prestiti: somma dei finanziamenti erogati, delle operazioni pronti contro termine e delle sofferenze. Depositi: raccolta effettuata dalle banche sotto forma di: depositi a risparmio, buoni fruttiferi, certificati di deposito, conti correnti, pronti contro termine passivi e assegni circolari. Sofferenze: ammontare dell intera esposizione, escluse le sofferenze su titoli e assimilati, nei confronti di soggetti non bancari in stato d insolvenza o in situazioni sostanzialmente equiparabili. Tasso di decadimento: rapporto percentuale tra soggetti che sono entrati in sofferenza rettificata nel corso del trimestre di rilevazione e numero dei soggetti censiti in Centrale dei rischi e non considerati in sofferenza rettificata alla fine del trimestre precedente. Incagli: ammontare dei rapporti per cassa nei confronti di soggetti in temporanea situazione di obiettiva difficoltà che sia prevedibile possa essere rimossa in un congruo periodo di tempo. Le informazioni sono reperibili nella base informativa pubblica on-line di Banca d Italia al sito: La raccolta dei dati su arrivi e presenze negli esercizi ricettivi avviene tramite mo- 22

24 dello cartaceo o per via telematica. Entro i primi cinque giorni del mese successivo a quello di riferimento, le strutture ricettive devono comunicare al Servizio Turistico della Regione territorialmente competente la situazione relativa ai flussi registrati nella propria struttura. I dati così raccolti sono elaborati, inizialmente, dai Servizi Turistici territoriali Associati e, quindi, trasmessi al Servizio Turismo regionale che provvede alla validazione e all espletamento delle ulteriori formalità previste dalle norme di legge. I dati vengono infine trasmessi all Istat che è l ente titolare della rilevazione. Informazioni e dati sono disponibili nel sito web della Regione Umbria: turismo.regione.umbria.it e nella banca dati dell Istat: Il protesto è un atto pubblico con cui un pubblico ufficiale attesta l avvenuta presentazione di una cambiale o di un assegno al debitore e il rifiuto da parte dello stesso di pagare o accettare il titolo. I dati relativi al lavoro sommerso si riferiscono all attività di vigilanza della Direzione territoriale del Lavoro di Terni e vengono elaborati trimestralmente per il Ministero del lavoro e delle politiche sociali. La cassa integrazione è una prestazione economica erogata dall Inps con la funzione di integrare o sostituire la retribuzione di quei lavoratori che vengono a trovarsi nella condizione di vedersi ridurre o sospendere la domanda di prestazione di attività lavorativa da parte del datore di lavoro per motivazioni ben specifiche tutelate dalla legge. A seconda delle diverse motivazioni si hanno interventi di cassa integrazione ordinaria o straordinaria. La cassa integrazione in deroga è un intervento di integrazione salariale a sostegno di imprese o lavoratori non destinatari della normativa sulla cassa integrazione ordinaria e straordinaria. Le informazioni sulla cassa integrazione sono estratte dagli osservatori statistici dell INPS, consultabili on line. Le informazioni relative agli avviamenti al lavoro sono desunte dalle comunicazioni amministrative obbligatorie che le aziende sono tenute a trasmettere telematicamente ai Centri per l impiego. Il numero degli avviamenti si riferisce al numero dei rapporti di lavoro attivati nel periodo di riferimento e non al numero delle persone avviate. Da osservare che il flusso degli avviamenti al lavoro non è direttamente rapportabile al dato occupazionale in quanto una quota consistente di essi è legata a periodi di lavoro molto brevi (lavori stagionali, attività legate al collocamento dello spettacolo ecc.). Gli iscritti disoccupati ai Centri per l impiego ai sensi del D. lgs 181/00 sono persone che dichiarano la propria immediata disponibilità al lavoro. Le persone mantengono l iscrizione anche se svolgono un attività lavorativa e non superano un reddito annuo di euro nel caso di lavoro dipendente o euro per lavoro autonomo. Gli ambiti territoriali sono quelli determinati dalla Regione Umbria per la definizione degli ambiti sociali di zona. La suddivisione è la seguente: 23

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Piano di Ambito ALLEGATO 3. Revisione. Triennio 2009-2011

Piano di Ambito ALLEGATO 3. Revisione. Triennio 2009-2011 Piano di Ambito Revisione Triennio 2009-2011 ALLEGATO 3 CANONI DI CONCESSIONE per: - concessioni ex ANAS - concessioni ANAS-Ferrovie - concessioni derivazioni idriche - concessioni ai fini idraulici REPORT

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Disciplinare di produzione dell'olio extravergine di oliva "Umbria" a Denominazione di Origine Controllata

Disciplinare di produzione dell'olio extravergine di oliva Umbria a Denominazione di Origine Controllata Disciplinare di produzione dell'olio extravergine di oliva "Umbria" a Denominazione di Origine Controllata DM 6 agosto 1998 GURI n. 193 del 20 agosto 1998 (Iscrizione nel "Registro delle denominazioni

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali 4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali di Maurizio Gambuzza e Maurizio Rasera * La conclusione del 2011 ha portato con sé molte delusioni. La sua prima metà aveva fatto sperare

Dettagli

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO NUMERO 9-2º anno di crisi DAI CENTRI PER L IMPIEGO Supplemento a Cronache da Palazzo Cisterna. Autorizzazione del Tribunale di Torino n. 1788 del 29.3.1966 - Poste Italiane. Spedizione in a.p. Cronache

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Luglio 2014 L Osservatorio congiunturale sull industria delle costruzioni è curato dalla

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE Altre forme giuridiche (A.F.) Tipologia che raccoglie tutte le imprese aventi forma giuridica diversa da quelle che rientrano nei seguenti raggruppamenti:

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI 13 L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI RAPPORTO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI FOGGIA INDICE PREMESSA 3 IL SISTEMA DELLE IMPRESE 5 IL MERCATO DEL LAVORO 18 IL COMMERCIO INTERNAZIONALE 24 IL

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli