INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA"

Transcript

1 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di Terni INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Situazione al 30/06/2014 n. 7/2014

2 INDICE Sintesi 3 Il confronto con il dato regionale e nazionale 4 1. La realtà produttiva Consistenza e struttura delle imprese Risultati delle imprese sui mercati esteri 7 2. Lo stato dell occupazione I flussi degli avviamenti al lavoro Gli ammortizzatori Inps Il lavoro sommerso L andamento del credito La dinamica dei prestiti bancari La qualità del credito Le cessioni del quinto I protesti Il turismo 20 Guida alla lettura 22

3 A cura di: Osservatorio Provinciale sull economia Dr. Luca CALZOLA - ISTAT - Sede per l Umbria Dr. Algero PENCONI - Provincia di Terni Dr. Adriano BARTOLUCCI - Direzione Territoriale del Lavoro di Terni Dr. Marco GUERRINI - Camera di Commercio di Terni Dr. Paolo D ATRI - INPS di Terni Dr.ssa Anna ROSIELLO - Prefettura di Terni Coordinamento: - metodologico-scientifico - Dr. Luca CALZOLA - tecnico-organizzativo - Dr.ssa Anna ROSIELLO Nota redazionale: Il presente rapporto è stato predisposto dall Osservatorio provinciale sull economia, costituito presso la Prefettura di Terni-Utg, con lo scopo di fornire alle amministrazioni locali un agile strumento informativo sull andamento dell economia provinciale. I dati e gli indicatori che verranno presentati sono stati elaborati attraverso un utilizzo integrato delle informazioni messe a disposizione da Amministrazioni e Enti operanti sul territorio. Impaginazione e stampa effettuati nel mese di dicembre 2014 dalla Camera di Commercio di Terni

4 INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Situazione al primo semestre 2014 Sintesi Nel primo semestre 2014, i segnali che provengono da diversi ambiti di osservazione (imprese, commercio estero, lavoro, credito) mostrano un andamento dell economia ternana che continua ad essere caratterizzato da dinamiche sfavorevoli che segnalano persistenti difficoltà a intraprendere percorsi di uscita dalla crisi. Come nei semestri precedenti, la realtà produttiva provinciale è caratterizzata dalla riduzione del numero di imprese attive; agricoltura e costruzioni si segnalano come i settori di attività maggiormente interessati dalla flessione. Per quanto riguarda il commercio con l estero, il primo semestre del 2014 segna una diminuzione sia delle esportazioni che delle importazioni. I rapporti di lavoro attivati nel primo semestre del 2014 sono diminuiti rispetto allo stesso semestre del 2013; il calo è più marcato con riferimento ai lavoratori stranieri. Le conseguenti difficoltà di inserimento lavorativo determinano una crescita del numero degli iscritti disoccupati. Nel periodo di riferimento, si registra una riduzione delle ore autorizzate di cassa integrazione guadagni. Si contraggono maggiormente gli interventi autorizzativi di cassa in deroga a causa della diminuzione delle risorse disponibili; diminuiscono meno rapidamente quelli attinenti alla cassa ordinaria e straordinaria. Per quanto riguarda il credito, il relativo mercato ha evidenziato segnali di arretramento caratterizzati da una contrazione dei prestiti bancari e da un peggioramento della qualità del credito. Il numero dei protesti è invece diminuito sia come consistenza che come valore. Indicazioni positive provengono dal settore turistico, caratterizzato da una ripresa degli arrivi e delle presenze negli esercizi ricettivi, soprattutto per quanto riguarda la componente dei clienti stranieri. 3

5 Il confronto con il dato regionale e nazionale Al 30 giugno 2014, le imprese attive nella provincia di Terni registrano una riduzione tendenziale minore rispetto al complesso della regione e del Paese; nel periodo gennaio-giugno 2014 il saldo iscrizioni-cancellazioni nei registri camerali è leggermente positivo a fronte di valori negativi in Umbria e in Italia; il numero dei fallimenti per imprese attive è inferiore a quello sia regionale che nazionale. Sempre nel primo semestre 2014, a Terni le esportazioni segnano una lieve flessione, mentre nella regione e nel Paese registrano una variazione positiva rispetto allo stesso periodo del La riduzione delle ore autorizzate di cassa integrazione guadagni è più sensibile di quella che ha interessato i livelli regionale e nazionale. La flessione dei prestiti bancari risulta in linea con il dato nazionale e superiore alla media regionale mentre è più elevato l indice di sofferenza del credito bancario. Indicatori economici al 30 giugno 2014: Terni, Umbria e Italia a confronto 4

6 1. La realtà produttiva Consistenza e struttura delle imprese In base ai dati del registro imprese della Camera di commercio di Terni, tenuto conto dei valori più bassi che si registrano nel 1 trimestre di ciascun anno a causa delle periodiche cancellazioni di ufficio, nel 1 e 2 trimestre del 2014 continua il trend di riduzione del numero delle imprese iscritte nei registri camerali (figura 1.1). Nei due trimestri, il numero di imprese attive è pari, rispettivamente, a e unità; rispetto allo stesso periodo del 2013, nel 1 trimestre 2014 il numero delle imprese è inferiore di 83 unità (-0,4%) mentre nel 2 trimestre la diminuzione è di 103 unità (-0,5%). Figura Movimento delle imprese attive iscritte alla Camera di commercio di Terni - 2 trimestre trimestre 2014 Fonte: Camera di commercio di Terni - Registro imprese Nei due trimestri presi in esame (tavola 1.1) continua la flessione tendenziale delle imprese manifatturiere (-1,4% e -1,0%) e di quelle attive nel settore delle costruzioni (-1,2% e -1,3%). Il settore agricolo evidenzia diminuzioni più consistenti (-3,4% e -2,9%), così come quello delle attività professionali, scientifiche e tecniche (-3,9% e -5,9%). Lievi incrementi si riscontrano nel settore del commercio (+0,8% e +0,6%) e in quello dell alloggio e della ristorazione (+1,7% e +0,8%). Comparti in più forte crescita sono invece quelli del noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese (+5,2% e +5,6%), della sanità e assistenza sociale (+5,2% e +3,7%) e delle attività finanziarie e assicurative (+5,1% e +2,1%). Dal punto di vista strutturale, con riferimento alla forma giuridica delle imprese, nel 1 e 2 trimestre si segnala in linea con la tendenza già riscontrata nei trimestri precedenti un aumento delle società di capitale (+2,7% e +3,3%) e una contrazione delle imprese individuali e delle società di persone (rispettivamente, -2,1% e -1,1% in entrambi i trimestri). Relativamente alle aree territoriali sub provinciali (vedi guida alla lettura), nei primi due trimestri dell anno 2014 si registrano variazioni tendenziali negative per quasi tutti i contesti analizzati (tavola 1.2) con una accentuazione del trend nel comprensorio orvietano, dove - vista la vocazione economica del territorio - assume un peso maggiore la variazione negativa del settore agricolo. Nel comprensorio amerino-narnese si segnala un incremento relativamente maggiore delle imprese del comparto commercio, alloggio e ristorazione, mentre nel territorio ternano risulta più contenuta la diminuzione delle attività manifatturiere. 5

7 Tavola Imprese attive iscritte nel registro imprese della Camera di commercio di Terni per settore di attività e forma giuridica - 1 e 2 trimestre 2014 Fonte: Camera di commercio di Terni - Registro imprese Tavola Imprese attive iscritte nel registro imprese della Camera di commercio di Terni per area territoriale e settore di attività - 1 e 2 trimestre 2014 Fonte: Camera di commercio di Terni - Registro imprese 6

8 Nel corso del 1 e 2 trimestre 2014 il numero delle nuove iscrizioni (826) è stato superiore a quello delle cessazioni (783), con un saldo positivo di 43 unità; nello stesso periodo del 2013 il saldo era invece risultato negativo (-44 imprese). Figura Movimento delle imprese iscritte alla Camera di commercio di Terni - 2 trimestre trimestre 2014 Fonte: Camera di commercio di Terni - Registro imprese Nel corso del primo semestre 2014 in provincia di Terni si sono registrati 20 fallimenti di imprese con un decremento del 23,1% rispetto allo stesso periodo del 2013 (figura 1.3). Il numero di fallimenti nel semestre diminuisce per il secondo anno consecutivo. Figura Fallimenti delle imprese - Provincia di Terni - 1 semestre semestre 2014 Fonte: Camera di commercio di Terni - Registro imprese Risultati delle imprese sui mercati esteri In base ai dati Istat, tra il 1 semestre 2014 e il 1 semestre 2013 il valore delle importazioni delle imprese ternane è diminuito del 3,0%. Nello stesso periodo, le esportazioni hanno registrato una contrazione del 15,5%. (Tavola 1.3). Il decremento complessivo degli scambi commerciali con l estero è determinato soprattutto dalla contrazione della voce Metalli di base e prodotti in metallo (-2,9% e -16,7%, rispettivamente, per importazioni e esportazioni) che pesa per circa i 2/3 del totale. 7

9 Tra le altre categorie che incidono maggiormente in termini di valore, risultano in crescita le importazioni e le esportazioni di macchinari e apparecchi meccanici (rispettivamente +14,9% e +9,1%) mentre diminuiscono quelle degli articoli in gomma e delle materie plastiche (-23,0% -30,2%). Con riferimento alle merci in ingresso si registra una crescita degli scambi nel settore dei prodotti alimentari, bevande e tabacco (+42,4%); dal lato delle esportazioni, aumentano gli scambi di prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori (+ 15,8%). Nel 1 semestre del 2014 il saldo degli scambi con l estero è negativo per una cifra pari a quasi 9 milioni di euro. Il passivo della bilancia commerciale si concentra nel primo trimestre del 2014, ed è il primo valore negativo che si registra a partire dal 2 trimestre 2011 (figura 1.4). A giugno 2014, il valore complessivo delle esportazioni risulta in diminuzione per il terzo trimestre consecutivo e assume il valore più basso di un andamento in diminuzione che dura ormai da un biennio. Tavola Importazioni e esportazioni per settore di attività - Provincia di Terni - 1 semestre 2014 (a) (a) Dati provvisori Fonte: Istat, Statistiche sul commercio estero 8

10 Figura Importazioni, esportazioni e saldo della bilancia commerciale - Provincia di Terni - 2 trimestre trimestre 2014 (Valori in euro) Fonte: Istat, Statistiche del commercio estero 9

11 2. Lo stato dell occupazione I flussi degli avviamenti al lavoro Nel primo semestre 2014 le persone assunte dalle aziende operanti nel territorio della provincia di Terni sono complessivamente , valore inferiore dell 1,9% rispetto a quanto rilevato nello stesso periodo del 2013, ad indicare un marcato grado di difficoltà del mercato del lavoro locale (figura 1). La flessione riguarda in modo più significativo le donne (- 3,1%) e i lavoratori stranieri (-5,6%). Figura Persone avviate al lavoro dai centri per l impiego per sesso e cittadinanza - Provincia di Terni - 1 semestre 2014 (Variazione percentuale rispetto al 1 semestre 2013) Fonte: Provincia di Terni, Centri per l impiego Nello stesso periodo, i rapporti di lavoro attivati 1 ammontano invece a e registrano una riduzione dell 1,3% rispetto al primo semestre 2013 (tavola 2.1). Tale risultato deriva da una flessione dei rapporti di lavoro avviati con contratti di lavoro dipendente (-1,8%). In relazione a questo tipo di contratti, oltre alla riduzione del numero degli avviamenti a tempo indeterminato (-9,3%), si registra una diminuzione ancora più marcata per i rapporti di lavoro attivati con alcune forme di contratto atipico quali il contratto interinale (-18,7%) e il lavoro intermittente (-30,8%). Gli avviamenti con forme lavoro autonomo/parasubordinato sono aumentati del 2,5%, la crescita raggiunge il 9,5% nel caso di quelli con un contratto a progetto. È l area dell orvietano ad evidenziare una diminuzione marcata del numero delle assunzioni (-9,8%) mentre nel territorio ternano il fenomeno segna una variazione positiva (+1,8%). Per quanto riguarda i lavoratori stranieri, la riduzione dei rapporti di lavoro avviati nel primo semestre 2014 (- 4,0% a livello provinciale) è più accentuata rispetto a quella dei lavoratori italiani. 1 Il valore complessivo delle assunzioni nel periodo si riferisce all insieme degli atti amministrativi comunicati dalle aziende; nel caso di rapporti di lavoro di breve periodo lo stesso soggetto può essere assunto anche più volte, sia dalla stessa azienda che da aziende diverse. Il dato complessivo dei rapporti di lavoro attivati (assunzioni) è quindi diverso dal numero dei soggetti assunti (con una o più assunzioni). 10

12 Tavola 2.1 Persone avviate al lavoro per tipo di contratto, cittadinanza e Centro per l impiego Provincia di Terni 1 semestre 2014 (Valori assoluti e variazione percentuale) (a) (a) Rispetto ai dati precedentemente pubblicati, i valori sono stati aggiornati con comunicazioni amministrative successive alla pubblicazione degli stessi. Fonte: Provincia di Terni, Centri per l impiego A livello settoriale (tavola 2.2), nel primo semestre 2014 la riduzione del numero delle assunzioni riguarda quasi tutte le attività con l eccezione del settore manifatturiero, per il quale si osserva un incremento del 10,2%, e quello delle costruzioni, dove l aumento è molto più contenuto (1,3%). La contrazione risulta più marcata nei settori dell agricoltura (-6,9%), del commercio (-7,0%) e dei servizi alle famiglie (-10,4%). Tavola 2.2 Avviamenti al lavoro per settore di attività economica Provincia di Terni 1 semestre 2014 (Valori assoluti e variazione percentuale) (a) (a) Rispetto ai dati precedentemente pubblicati, i valori sono stati aggiornati con comunicazioni amministrative successive alla pubblicazione degli stessi. Fonte: Provincia di Terni, Centri per l impiego L andamento negativo rilevato per gli avviamenti si riscontra anche per la trasformazione del rapporto di lavoro. Nel primo semestre 2014 i rapporti di lavoro a tempo determinato trasformati a tempo indeterminato sono complessivamente 469, con una flessione del 32,6% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente (tavola 2.3). I contratti di apprendistato trasformati in rapporti a tempo indeterminato sono invece 151, con una variazione negativa 24,5%. 11

13 Tavola Trasformazioni del rapporto di lavoro per tipo di contratto - Provincia di Terni - 1 semestre 2014 (Valori assoluti e variazione percentuale) (a) Rispetto ai dati precedentemente pubblicati, i valori sono stati aggiornati con comunicazioni amministrative successive alla pubblicazione degli stessi. Fonte: Provincia di Terni, Centri per l impiego Nel primo trimestre del 2014, il tasso di variazione tendenziale degli avviamenti al lavoro ha registrato un valore positivo del 5,4%, proseguendo un andamento in crescita iniziato alla fine del 2013 (figura 2.2). Tale trend si è interrotto nel trimestre successivo, quando la variazione ha ripreso ad assumere gli stessi valori negativi (-9,0%) dell anno prima. Gli avviamenti che riguardano i lavoratori stranieri evidenziano diminuzioni in tutti i trimestri considerati di entità maggiore rispetto a quelle relative agli italiani. Figura Avviamenti al lavoro per cittadinanza - Provincia di Terni - 2 trimestre trimestre 2014 (variazioni percentuali rispetto allo stesso trimestre dell anno precedente) Fonte: Provincia di Terni, Centri per l impiego Al 30 giugno 2014, le persone in cerca di lavoro iscritte ai Centri per l Impiego della provincia di Terni sono complessivamente , in crescita del 12,9% rispetto allo stesso periodo del 2013 (tavola 2.4). L incremento del numero degli iscritti riguarda sia i lavoratori italiani che, in misura maggiore, i lavoratori stranieri (+17,3%). Esso è inoltre legato alla difficoltà dei lavoratori adulti, per i quali l età può rappresentare un ostacolo aggiuntivo nel reinserimento lavorativo. Gli iscritti con 40 anni e oltre sono metà degli iscritti complessivi, con un incremento rispetto allo scorso anno pari al 13,6%. Nel primo semestre 2014 si registra una lieve accelerazione della dinamica crescente, iniziata a fine 2013, dei disoccupati iscritti ai Centri per l impiego rispetto allo stesso periodo dell anno precedente (figura 2.3). Il tasso di crescita dei disoccupati di cittadinanza straniera iscritti ai Centri per l impiego è sempre superiore a quello dei disoccupati italiani, la differenza tra i due valori si è assestata negli ultimi tre trimestri interrompendo una precedente lunga tendenza alla convergenza. 12

14 Tavola Disoccupati iscritti distinti per Centro per l impiego e nazionalità. Provincia di Terni - 30 giugno 2014 e 2013 (Valori assoluti e variazione percentuale) Fonte: Provincia di Terni, Centri per l impiego Figura Disoccupati iscritti ai Centri per l impiego per nazionalità Provincia di Terni 2 trimestre trimestre 2014 (variazioni percentuali rispetto allo stesso trimestre dell anno precedente) Fonte: Provincia di Terni, Centri per l impiego 13

15 2.2 - Gli ammortizzatori Inps Nel primo e secondo trimestre 2014 le domande di indennità di mobilità risultano in diminuzione per il secondo trimestre consecutivo riportandosi in prossimità del valore del terzo trimestre del 2013 (figura 2.4). Figura Domande di mobilità presentate all Inps - 2 trimestre trimestre 2014 Fonte: Inps Nel primo semestre 2014 il numero di ore autorizzate di cassa integrazione guadagni è pari a quasi un milione ed è diminuito del 29,7% rispetto allo stesso periodo del 2013 (tavola 2.5). Si contraggono maggiormente gli interventi autorizzativi di cassa in deroga (-63%) a causa della diminuzione delle risorse disponibili; diminuiscono meno rapidamente quelli attinenti alla cassa ordinaria e straordinaria. Le ore pagate ammontano a 770 mila e mostrano una diminuzione tendenziale del 15,1%. Anche in questo caso la riduzione si concentra nella cassa in deroga (-57,1%), mentre per quella straordinaria si registra un incremento del 16,1%. Tavola Ore richieste, autorizzate e pagate di cassa integrazione guadagni per tipo di intervento - 1 semestre 2014 (valori assoluti e variazioni percentuali sull anno precedente) Fonte: Inps Nel primo semestre 2014, le ore pagate rappresentano il 78,4% di quelle autorizzate. La proporzione è più elevata per la cassa straordinaria (98,4%) e assume valori più contenuti per la cassa ordinaria (61,7%) e quella in deroga (78,5%). A partire dal 2013 la quota di ore pagate per la cassa ordinaria risulta inferiore rispetto a quella degli altri tipi di intervento, a conferma della intensità delle misure straordinarie di utilizzo degli ammortizzatori sociali per contenere gli effetti della crisi. (figura 2.5). 14

16 Figura Ore pagate di cassa integrazione guadagni per tipo di intervento - 2 trimestre trimestre 2014 (per 100 ore autorizzate) Fonte: Provincia di Terni, Centri per l impiego 15

17 2.3 - Il lavoro sommerso Nel primo semestre 2014, la Direzione territoriale del lavoro di Terni ha rilevato 43 casi di lavoro sommerso su 105 posizioni irregolari verificate, pari a una percentuale del 41,0% 2. La quota più elevata si riscontra nei settori primario e terziario; il fenomeno risulta più contenuto nell industria (tavola 2.6). Tavola Lavoratori sottoposti a verifica e lavoratori sommersi per settore di attività - Provincia di Terni - 1 semestre 2014 Fonte: Direzione Territoriale del lavoro di Terni 2 A partire da gennaio 2014 gli uffici territoriali del Ministero del Lavoro non elaborano più i dati dell attività ispettiva e non dispongono del dato relativo alle posizioni lavorative verificate. 16

18 3. L andamento del credito La dinamica dei prestiti bancari Nel primo semestre del 2014 il mercato creditizio nella provincia di Terni ha mostrato segnali di attenuazione del calo iniziato nella seconda parte del 2012 (tavola 3.1). Il tasso di variazione su base annua dei prestiti alla clientela residente, al lordo delle sofferenze e corretti per tenere conto dell effetto contabile delle cartolarizzazioni, è passato da -3,7% a dicembre a -2,0 a giugno La flessione è stata meno pronunciata di quella registrata a livello regionale (-2,7%). Nei dodici mesi terminanti a giugno 2014 i prestiti bancari al settore produttivo ternano sono diminuiti del 2,1% (-4,5 a dicembre 2013; tavola 3.1). Le imprese medio-grandi (con almeno 20 addetti) hanno continuato a far registrare il calo di maggiore entità, sebbene in rallentamento rispetto alla fine dello scorso anno (dal -5,1 al -2,4%). Tavola Prestiti bancari per settore istituzionale - Provincia di Terni - giugno giugno 2014 (a) (a) I dati includono i pronti contro termine e le sofferenze. (b) Il settore privato include anche le istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie e le unità non classificabili o non classificate. (c) Società in accomandita semplice e in nome collettivo, società semplici, società di fatto e imprese individuali con meno di 20 addetti. (d) Società semplici, società di fatto e imprese individuali fino a 5 addetti. Fonte: Banca d Italia, Segnalazioni di vigilanza. A giugno 2014 i prestiti bancari alle famiglie consumatrici residenti sono diminuiti dello 0,6% su base annua (-1,6 a fine 2013). Considerando anche i finanziamenti concessi dalle società finanziarie, la contrazione dei prestiti risulta più elevata a causa della rilevante diminuzione del credito al consumo (-4,0%). Se si considerano, insieme con quelli bancari, anche i prestiti erogati dalle società finanziarie la dinamica complessiva non muta sostanzialmente (-2,9%; figura 3.1); la flessione ha continuato a riguardare tutti i settori produttivi, in misura più marcata quello delle costruzioni (-3,9%). Figura Prestiti di banche e società finanziarie per settore di attività economica - Provincia di Terni Giugno 2014 Fonte: Banca d Italia, Segnalazioni di vigilanza. 17

19 Per quanto concerne il risparmio, a giugno 2014 la crescita dei depositi è stata del 3,0%, in lieve accelerazione dal 2,8 di dicembre 2013 (tavola 3.2), per i soli depositi a risparmio la crescita è stata del 3,5%. Il valore complessivo ai prezzi di mercato dei titoli a custodia nel portafoglio delle famiglie si è ulteriormente ridotto (-3,8%), a causa soprattutto del sensibile calo della componente obbligazionaria. Tavola Raccolta bancaria per tipo - Provincia di Terni - giugno giugno 2014 (a) (a) Le variazioni sono corrette per tenere conto delle riclassificazioni. (b) Depositi con durata prestabilita o rimborsabili con preavviso. (c) Titoli a custodia semplice e amministrata valutati al fair value. Fonte: Banca d Italia, Segnalazioni di vigilanza La qualità del credito La qualità del credito è ulteriormente peggiorata (tavola 3.3): il flusso di nuove posizioni a sofferenza in rapporto ai prestiti vivi in essere all inizio del periodo (tasso di decadimento) è passato dal 4,3% a dicembre 2013 al 4,7% a giugno La qualità del credito alle famiglie è rimasta stazionaria: 1,5%; era dell 1,4% a dicembre Il tasso di ingresso a sofferenza dei prestiti al settore produttivo è passato dal 5,9% di dicembre 2013 al 6,5% ed è risultato più elevato per le imprese con meno di 20 addetti (+8,1%) e per quelle delle costruzioni (+9,8%). Tavola 3.3 Sofferenze bancarie per settore istituzionale Provincia di Terni giugno 2013 giugno 2014 (a) (a) Esposizioni passate a sofferenza rettificata in rapporto ai prestiti in bonis in essere all inizio del periodo. I valori sono calcolati come medie dei quattro trimestri terminanti in quello di riferimento. Dati riferiti alle segnalazioni di banche, società finanziarie e società veicolo di operazioni di cartolarizzazione. (b) Il totale include anche le Amministrazioni pubbliche, le istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie e le unità non classificabili o non classificate. (c) Società in accomandita semplice e in nome collettivo, società semplici, società di fatto e imprese individuali con meno di 20 addetti. Fonte: Banca d Italia, Centrale dei rischi Le cessioni del quinto Le difficoltà delle famiglie nel contrarre prestiti che, a causa delle rate per la restituzione, possono trasformarsi in redditi ridotti nel futuro è testimoniata anche dall andamento del numero di cessioni del quinto sui trattamenti pensionistici erogate dall Inps che nel primo semestre 2014 è pari a 271 unità, valore che risulta il più basso degli ultimi quattro anni (figura 3.2). Il valore osservato nell ultimo periodo conferma il trend discendente della serie negli ultimi quattro anni. 18

20 Figura 3.2 Numero di cessioni del quinto erogate dall Inps Provincia di Terni 1 semestre semestre 2014 Fonte: Inps I protesti Nei corso del primo semestre 2014 il numero dei protesti iscritti al registro della Camera di Commercio ammonta a ed è diminuito del 31,2% rispetto allo stesso periodo del Nello stesso arco temporale si è registrata una flessione di poco superiore, in termini relativi (-38,5%), anche con riferimento all importo totale dei protesti, determinando di conseguenza una riduzione contenuta degli importi medi che passano da euro (tavola 3.4). Nel comune capoluogo si osserva una riduzione più contenuta rispetto al resto della provincia. Tavola Numero e importo dei protesti - Provincia di Terni - 1 semestre 2014 Fonte: Camera di commercio di Terni 19

21 4 - Il turismo Nel corso del primo semestre 2014, secondo i dati che la Regione Umbria raccoglie nell ambito della rilevazione Istat (vedi note), gli arrivi e le presenze nelle strutture ricettive della provincia sono cresciuti, rispettivamente, del 16,3% e del 6,5% rispetto allo stesso periodo del La crescita della domanda turistica è dovuta in misura maggiore ai clienti stranieri per i quali gli arrivi sono aumentati del 28,4% e le presenze dell 8,7%. L andamento del flusso turistico risulta maggiormente attivo nel territorio orvietano, dove si registra un incremento di arrivi, soprattutto stranieri, molto più elevato della media provinciale (tavola 4.1). Tavola Arrivi e presenze nelle strutture ricettive per nazionalità dei clienti - Provincia di Terni - 2 semestre 2013 e Anno 2013 Fonte: Regione Umbria 3 I dati diffusi dalla regione Umbria sono provvisori rispetto alla validazione finale effettuata dall Istat. 20

22 21

23 Guida alla lettura L impresa attiva è l unità giuridico-economica che esercita l attività produttiva ed è iscritta al Registro delle Imprese della Camera di commercio. Un impresa per essere considerata attiva non deve risultare inattiva o cessata oppure sospesa o liquidata o, ancora, fallita o con procedure concorsuali aperte. Le rilevazioni statistiche sugli scambi commerciali con l estero hanno carattere totale e sono eseguite dall Istat su dati desunti dagli elenchi riepilogativi dei movimenti presentati direttamente dagli operatori economici agli uffici doganali territorialmente competenti. Tali elenchi sono differenti per le operazioni intracomunitarie (modelli Intrastat) e per quelle extra-ue (bollette doganali o Dau - Documento amministrativo unico) e hanno valenza sia fiscale che statistica. Ulteriori informazioni e dati relativi alle statistiche sul commercio estero possono essere consultati nel sito web dell Istat alla pagina: e nella banca dati Le informazioni di fonte Istat su occupati e persone in cerca di occupazione vengono raccolte intervistando in tutte le settimane dell anno un campione nazionale di quasi 77 mila famiglie, pari a 175 mila individui residenti in Italia, anche se temporaneamente all estero. Sono escluse le famiglie che vivono abitualmente all estero e i membri permanenti delle convivenze (istituti religiosi, caserme ecc.). I risultati vengono diffusi con cadenza trimestrale, fatta eccezione per il dettaglio provinciale che ha cadenza annuale. Altre informazioni sull organizzazione della rilevazione e la definizione degli aggregati statistici possono essere consultate nel sito web dell Istat alla pagina: istat.it/lavoro/lavret/forzedilavoro/ e nella banca dati Le informazioni relative al credito bancario sono raccolte dalla Banca d Italia e si riferiscono alle operazioni effettuate dagli intermediari creditizi e finanziari con soggetti residenti, a esclusione dei rapporti interbancari. Le informazioni sono desunte dalle segnalazioni che gli intermediari creditizi e finanziari inviano alla Banca d Italia in base alla normativa vigente. Prestiti: somma dei finanziamenti erogati, delle operazioni pronti contro termine e delle sofferenze. Depositi: raccolta effettuata dalle banche sotto forma di: depositi a risparmio, buoni fruttiferi, certificati di deposito, conti correnti, pronti contro termine passivi e assegni circolari. Sofferenze: ammontare dell intera esposizione, escluse le sofferenze su titoli e assimilati, nei confronti di soggetti non bancari in stato d insolvenza o in situazioni sostanzialmente equiparabili. Tasso di decadimento: rapporto percentuale tra soggetti che sono entrati in sofferenza rettificata nel corso del trimestre di rilevazione e numero dei soggetti censiti in Centrale dei rischi e non considerati in sofferenza rettificata alla fine del trimestre precedente. Incagli: ammontare dei rapporti per cassa nei confronti di soggetti in temporanea situazione di obiettiva difficoltà che sia prevedibile possa essere rimossa in un congruo periodo di tempo. Le informazioni sono reperibili nella base informativa pubblica on-line di Banca d Italia al sito: La raccolta dei dati su arrivi e presenze negli esercizi ricettivi avviene tramite mo- 22

24 dello cartaceo o per via telematica. Entro i primi cinque giorni del mese successivo a quello di riferimento, le strutture ricettive devono comunicare al Servizio Turistico della Regione territorialmente competente la situazione relativa ai flussi registrati nella propria struttura. I dati così raccolti sono elaborati, inizialmente, dai Servizi Turistici territoriali Associati e, quindi, trasmessi al Servizio Turismo regionale che provvede alla validazione e all espletamento delle ulteriori formalità previste dalle norme di legge. I dati vengono infine trasmessi all Istat che è l ente titolare della rilevazione. Informazioni e dati sono disponibili nel sito web della Regione Umbria: turismo.regione.umbria.it e nella banca dati dell Istat: Il protesto è un atto pubblico con cui un pubblico ufficiale attesta l avvenuta presentazione di una cambiale o di un assegno al debitore e il rifiuto da parte dello stesso di pagare o accettare il titolo. I dati relativi al lavoro sommerso si riferiscono all attività di vigilanza della Direzione territoriale del Lavoro di Terni e vengono elaborati trimestralmente per il Ministero del lavoro e delle politiche sociali. La cassa integrazione è una prestazione economica erogata dall Inps con la funzione di integrare o sostituire la retribuzione di quei lavoratori che vengono a trovarsi nella condizione di vedersi ridurre o sospendere la domanda di prestazione di attività lavorativa da parte del datore di lavoro per motivazioni ben specifiche tutelate dalla legge. A seconda delle diverse motivazioni si hanno interventi di cassa integrazione ordinaria o straordinaria. La cassa integrazione in deroga è un intervento di integrazione salariale a sostegno di imprese o lavoratori non destinatari della normativa sulla cassa integrazione ordinaria e straordinaria. Le informazioni sulla cassa integrazione sono estratte dagli osservatori statistici dell INPS, consultabili on line. Le informazioni relative agli avviamenti al lavoro sono desunte dalle comunicazioni amministrative obbligatorie che le aziende sono tenute a trasmettere telematicamente ai Centri per l impiego. Il numero degli avviamenti si riferisce al numero dei rapporti di lavoro attivati nel periodo di riferimento e non al numero delle persone avviate. Da osservare che il flusso degli avviamenti al lavoro non è direttamente rapportabile al dato occupazionale in quanto una quota consistente di essi è legata a periodi di lavoro molto brevi (lavori stagionali, attività legate al collocamento dello spettacolo ecc.). Gli iscritti disoccupati ai Centri per l impiego ai sensi del D. lgs 181/00 sono persone che dichiarano la propria immediata disponibilità al lavoro. Le persone mantengono l iscrizione anche se svolgono un attività lavorativa e non superano un reddito annuo di euro nel caso di lavoro dipendente o euro per lavoro autonomo. Gli ambiti territoriali sono quelli determinati dalla Regione Umbria per la definizione degli ambiti sociali di zona. La suddivisione è la seguente: 23

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di Terni INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Situazione al 31/12/2013 n. 6/2014 INDICE Sintesi 3 Il confronto con il dato regionale

Dettagli

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di Terni INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Situazione al 30/06/2012 n. 4/2013 INDICE Sintesi 3 1. La realtà produttiva 5

Dettagli

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di Terni INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Situazione al 31/12/2014 n. 8/2014 INDICE Sintesi 3 Il confronto con il dato regionale

Dettagli

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di Terni INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Situazione al 30/06/2013 n. 5/2014 INDICE Sintesi 3 1. La realtà produttiva 5

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari Nel 21 il calo dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie consumatrici residenti in regione ha mostrato un attenuazione, cui hanno contribuito la

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010 Economie regionali L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 21 Perugia luglio 21 2 1 73 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

Economie regionali. L'economia dell'umbria. Aggiornamento congiunturale

Economie regionali. L'economia dell'umbria. Aggiornamento congiunturale Economie regionali L'economia dell'umbria Aggiornamento congiunturale Perugia novembre 2014 2 0 1 4 32 Economie regionali L economia dell Umbria Aggiornamento congiunturale Numero 32 - novembre 2014 La

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

economico congiunturale

economico congiunturale indicatori Economica Numero 6 novembre-dicembre 55 Osservatorio economico congiunturale indicatori ll punto sull economia della provincia di 56 Economica Numero 6 novembre-dicembre I RISULTATI DI BILANCIO

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2014 Pisa, 15 maggio 2015. Tra il 2013 ed il 2014 il numero di sportelli bancari attivi in provincia di Pisa segna un ulteriore contrazione passando

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

Economie regionali. L'andamento del credito in Sardegna nel quarto trimestre del 2008. 2009 Cagliari

Economie regionali. L'andamento del credito in Sardegna nel quarto trimestre del 2008. 2009 Cagliari Economie regionali L'andamento del credito in Sardegna nel quarto trimestre del 2008 2009 Cagliari 2 0 0 9 20 La nuova serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli

Dettagli

Economie regionali. L'economia dell'umbria. Aggiornamento congiunturale

Economie regionali. L'economia dell'umbria. Aggiornamento congiunturale Economie regionali L'economia dell'umbria Aggiornamento congiunturale Perugia novembre 2015 2 0 1 5 32 Economie regionali L economia dell Umbria Aggiornamento congiunturale Numero 32 - novembre 2015 La

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

Economie regionali. L'economia della Calabria. Aggiornamento congiunturale

Economie regionali. L'economia della Calabria. Aggiornamento congiunturale Economie regionali L'economia della Calabria Aggiornamento congiunturale Catanzaro novembre 2014 2 0 1 4 40 Economie regionali L economia della Calabria Aggiornamento congiunturale Numero 40 - novembre

Dettagli

Economie regionali. L'economia della Campania. Aggiornamento congiunturale

Economie regionali. L'economia della Campania. Aggiornamento congiunturale Economie regionali L'economia della Campania Aggiornamento congiunturale Napoli novembre 214 2 1 4 37 Economie regionali L economia della Campania Aggiornamento congiunturale Numero 37 - novembre 214

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA NUMERO 14 DATI 2009 E PRIMO TRIMESTRE 2010 Modena, 22 Giugno 2010 1 LA DOMANDA DI LAVORO: GLI ADDETTI ALLE UNITA LOCALI DELL INDUSTRIA E SERVIZI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DA ADOTTARE NELLE EMERGENZE IDRAULICHE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DA ADOTTARE NELLE EMERGENZE IDRAULICHE TRA PROVINCIA DI TERNI ASSESSORATO ALLA PROTEZIONE CIVILE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE PROTOCOLLO D'INTESA PER LA DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DA ADOTTARE NELLE EMERGENZE IDRAULICHE Con la collaborazione Prefettura

Dettagli

Economie regionali. L'economia della Sicilia. Aggiornamento congiunturale

Economie regionali. L'economia della Sicilia. Aggiornamento congiunturale Economie regionali L'economia della Sicilia Aggiornamento congiunturale Palermo novembre 2015 2 0 1 5 41 Economie regionali L economia della Sicilia Aggiornamento congiunturale Numero 41 - novembre 2015

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro Provincia di LECCO POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro IL LAVORO RIPARTE? Marzo 2014 Il rapporto di ricerca

Dettagli

L'occupazione in FVG Dati al IV trimestre 2012

L'occupazione in FVG Dati al IV trimestre 2012 L'occupazione in FVG Dati al IV trimestre 2012 a regionale REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Assessore regionale alle finanze, patrimonio e programmazione, ambiente, energia e politiche per la montagna

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

Report mercato del lavoro in provincia di Pavia Anno 2013

Report mercato del lavoro in provincia di Pavia Anno 2013 Settore Sviluppo Economico Servizi alle Imprese Semplificazione Amministrativa Politiche del Lavoro Formazione Professionale e Istruzione Osservatorio del Mercato del Lavoro della Provincia di Pavia Servizi

Dettagli

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Le lancette dell economia bolognese Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Aggiornamento: 7 aprile 2014 Indice Le principali tendenze dell'economia italiana pag. 3 L'andamento economico locale

Dettagli

Economie regionali. L'economia dell'emilia-romagna. Bologna novembre 2014. Aggiornamento congiunturale

Economie regionali. L'economia dell'emilia-romagna. Bologna novembre 2014. Aggiornamento congiunturale Economie regionali L'economia dell'emilia-romagna Bologna novembre 2014 Aggiornamento congiunturale 2 0 1 4 30 Economie regionali L economia dell Emilia-Romagna Aggiornamento congiunturale Numero 30 -

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

IL CREDITO A REGGIO EMILIA

IL CREDITO A REGGIO EMILIA Osservatorio economico, coesione sociali, legalità IL CREDITO A REGGIO EMILIA a cura di Matteo Ruozzi Responsabile Ufficio Studi, Statistica, Osservatori 16 giugno 2015 Provincia di Reggio Emilia Alcuni

Dettagli

L attività degli intermediari finanziari

L attività degli intermediari finanziari L economia del Friuli Venezia Giulia L attività degli intermediari finanziari Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Del Linguaggio, dell Interpretazione e della Traduzione Università di Trieste

Dettagli

L economia della Liguria

L economia della Liguria L economia della Liguria Genova, 15 novembre 2011 Il contesto: la situazione 2010 VARIAZIONI ANNUALI DEL PIL (valori percentuali) VARIAZIONI ANNUALI DEGLI OCCUPATI (valori percentuali) 4 1 2 1,7 1,3 0,5

Dettagli

Economie regionali. Bologna aprile 2010

Economie regionali. Bologna aprile 2010 Economie regionali Bologna aprile 21 L'andamento del credito in Emilia-Romagna nel quarto trimestre del 29 2 1 3 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Le imprese GIOVANILI in UMBRIA: consistenza, caratteri e dinamiche (dati al III trimestre 2015)

Le imprese GIOVANILI in UMBRIA: consistenza, caratteri e dinamiche (dati al III trimestre 2015) Le imprese GIOVANILI in UMBRIA: consistenza, caratteri e dinamiche (dati al III trimestre 2015) 1 LE IMPRESE GIOVANILI IN UMBRIA Il quadro regionale al 30 settembre 2015 In Umbria, alla data del 30 settembre

Dettagli

Flash Industria 4.2011

Flash Industria 4.2011 15 febbraio 2011 Flash Industria 4.2011 Nel quarto trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una flessione del -1,4 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

Il credito in Toscana. II trimestre 2015

Il credito in Toscana. II trimestre 2015 Il credito in Toscana II trimestre 2015 Firenze, Ottobre 2015 08.1 I prestiti a imprese e famiglie Arrivano segnali di distensione dal mercato del credito in Toscana, che risente del miglioramento del

Dettagli

MOVIMPRESE I trimestre 2015

MOVIMPRESE I trimestre 2015 MOVIMPRESE estre L ANDAMENTO DEMOGRAFICO DOPO UN ANNO DIFFICILE. PRIMI SEGNALI DI UNA INVERSIONE DI TENDENZA? Il primo trimestre dell anno è di consueto caratterizzato da valori demografici negativi, a

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2015

Il credito in Toscana. III trimestre 2015 Il credito in Toscana III trimestre 215 Firenze, Febbraio 21 8.3 9.3 1.3 11.3 L andamento dei prestiti 1 I prestiti a imprese e famiglie Continuano anche nel periodo in esame i segnali di miglioramento

Dettagli

Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte

Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte Via Andrea Doria, 15-10123 Torino - Tel. 011/8127500 011/8127416 Fax 011/8125775 www.confartigianato.piemonte.it e-mail: info@confartigianato.piemonte.it

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2013 a cura del NETWORK SECO marzo 2014 Il Network SeCO è costituito da:

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO GLOSSARIO AFFIDATI (NUMERO) Soggetti (persone fisiche, persone giuridiche, cointestazioni) al nome dei quali siano pervenute, alla data di riferimento, una o più segnalazioni alla Centrale dei rischi a

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 21 In breve Il quadro del mercato del lavoro lombardo rimane nel complesso debole, sebbene con qualche segnale di miglioramento.

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 Trieste, 19 febbraio 2016 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

Economie regionali. L'economia della Lombardia. Aggiornamento congiunturale

Economie regionali. L'economia della Lombardia. Aggiornamento congiunturale Economie regionali L'economia della Lombardia Aggiornamento congiunturale Milano novembre 214 2 1 4 25 Economie regionali L economia della Lombardia Aggiornamento congiunturale Numero 25 - novembre 214

Dettagli

Economie regionali. L'economia della Campania. Aggiornamento congiunturale

Economie regionali. L'economia della Campania. Aggiornamento congiunturale Economie regionali L'economia della Campania Aggiornamento congiunturale Napoli novembre 215 2 1 5 37 Economie regionali L economia della Campania Aggiornamento congiunturale Numero 37 - novembre 215 La

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

Economie regionali. L'economia della Calabria. Aggiornamento congiunturale

Economie regionali. L'economia della Calabria. Aggiornamento congiunturale Economie regionali L'economia della Calabria Aggiornamento congiunturale Catanzaro novembre 2015 2 0 1 5 40 Economie regionali L economia della Calabria Aggiornamento congiunturale Numero 40 - novembre

Dettagli

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO 26 marzo. 2013 MONITORAGGIO DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO (legge n. 92/2012) Prime evidenze empiriche sulle forme contrattuali 1. INTRODUZIONE Il Ministero del Lavoro ha affidato all Isfol il compito

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI CONFERIMENTO

SCHEMA DI CONTRATTO DI CONFERIMENTO SCHEMA DI CONTRATTO DI CONFERIMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DISCENDENTI DAL CONFERIMENTO DI RIFIUTI URBANI E FLUSSI DA ESSI DERIVATI PROVENIENTI DAL TERRITORIO DELL A.T.I. N. 4 ALL IMPIANTO DI DISCARICA

Dettagli

Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana

Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni riunite V Commissione "Programmazione

Dettagli

Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia

Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia Note per la Stampa - Perugia 29 giugno 2015 - Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia II trimestre 2015 Presentati dal Presidente della Camera di Commercio di Perugia Giorgio Mencaroni i risultati

Dettagli

PERIODO DAL 1 MARZO AL 30 APRILE

PERIODO DAL 1 MARZO AL 30 APRILE DISTRIBUTORI DI CARBURANTE APERTI IN CASO DI SCIOPERO COMPRENSORIO TERNANO COMUNE INDIRIZZO BANDIERA CARBURANTI EROGATI PERIODO DAL 1 GENNAIO AL 28 FEBBRAIO NARNI S.S. 675 km 67+737 ESSO BSP - GASOLIO

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

Flash Industria 3.2011

Flash Industria 3.2011 08 novembre 2011 Flash Industria 3.2011 Nel terzo trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una crescita del +2,0 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo 15 giugno 2 Italia Marzo 2 ha convalidato il leggero miglioramento

Dettagli

Campobasso. Presentazione del Rapporto. L economia del Molise

Campobasso. Presentazione del Rapporto. L economia del Molise Campobasso - 15 giugno 2010 - Presentazione del Rapporto L economia del Molise Il quadro di riferimento: il Molise Aggravamento della fase recessiva L economia reale Contrazione valore aggiunto in tutti

Dettagli

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA Dal 31/12/2007 al 30/6/20 QUADERNI DI APPROFONDIMENTO N. 8/20 Ottobre 20 Fonte dati Banca d'italia Elaborazioni Ufficio Studi ed Informazione Statistica

Dettagli

Il mercato del lavoro in provincia di Padova

Il mercato del lavoro in provincia di Padova Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova Il mercato del lavoro in provincia di Padova Anno 2011 e I semestre 2012 1 ottobre 2012 A cura di Anna Basalisco 1 Fonti proprie - Cubi OLAP

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 1 trimestre 2014 a cura del NETWORK SECO Maggio 2014 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Movimprese III trimestre 2015 Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Firenze, Novembre 2015 Indice CAPITOLO 1: IL QUADRO GENERALE CAPITOLO 2: TIPOLOGIE

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Newsletter ARIFL - IO LAVORO

Newsletter ARIFL - IO LAVORO Variazioni tendenziali e congiunturali del lavoro in somministrazione in Italia nel mese di dicembre 2009 secondo l Osservatorio nazionale Ebitemp - Formatemp Cassa Integrazione nelle province lombarde

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Il presente Osservatorio nasce da una collaborazione CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA Alla sua elaborazione

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Nota statistica su alcuni aspetti strutturali del sistema economico e produttivo del Comune di Follonica - 2010 Grosseto, Aprile 2011 INDICE INDICE...

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

Economie regionali. L'economia del Lazio. Aggiornamento congiunturale

Economie regionali. L'economia del Lazio. Aggiornamento congiunturale Economie regionali L'economia del Lazio Aggiornamento congiunturale Roma novembre 214 2 34 1 4 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Gianmarco Paglietti Consorzio Camerale per il credito e la finanza Cremona, 17 giugno 2013 L economia nel 2012 PIL

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

RAPPORTO ECONOMICO SULLA PROVINCIA DI MODENA NELL ANNO 2013

RAPPORTO ECONOMICO SULLA PROVINCIA DI MODENA NELL ANNO 2013 RAPPORTO ECONOMICO SULLA PROVINCIA DI MODENA NELL ANNO 2013 Modena, aprile 2014 La struttura del sistema produttivo modenese Lo stock di imprese L aggregato delle imprese nella provincia di Modena nel

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI 1 trimestre 201 Allegato Statistico Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica Maggio 201 1. Gli indicatori congiunturali Nel primo trimestre 201 le imprese

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Settembre 213 In breve Il recente rafforzamento del ciclo internazionale ha portato qualche primo debole segnale di inversione di tendenza

Dettagli

Economie regionali. L'economia della Puglia. Aggiornamento congiunturale

Economie regionali. L'economia della Puglia. Aggiornamento congiunturale Economie regionali L'economia della Puglia Aggiornamento congiunturale Bari novembre 2014 2 0 1 4 38 Economie regionali L economia della Puglia Aggiornamento congiunturale Numero 38 - novembre 2014 La

Dettagli

Rapporto IRPINIA 2014

Rapporto IRPINIA 2014 Rapporto IRPINIA 2014 Osservatorio economico della Provincia di Avellino venerdì 13 giugno 2014 Sala dell Oratorio ex Chiesa dell Annunziata INDICE DEI TEMI GIORNATA DELL ECONOMIA 2014: L INDICE DEI TEMI

Dettagli

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Venezia, 10 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale di Unioncamere del Veneto sulle imprese manifatturiere III trimestre 2008 L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Trimestre negativo

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE Campania 2 2015 Tra aprile e giugno 2015, le imprese italiane prevedono di stipulare 282.000 nuovi contratti di lavoro,

Dettagli

LAVORO E RETRIBUZIONI

LAVORO E RETRIBUZIONI 10 LAVORO E RETRIBUZIONI Nel 2013, gli occupati diminuiscono di 478 mila unità, portando il tasso di occupazione per la popolazione di 15-64 anni al 55,6 per cento, molto al di sotto del dato Ue (64,1

Dettagli

Totale 766 6.209.177 4.172 9.925.966 70 99.746 293 760.874 5.301 16.995.764 -44,17-55,93 19,85 25,97 14,75 114,49-34,16-54,08-1,08-28,20

Totale 766 6.209.177 4.172 9.925.966 70 99.746 293 760.874 5.301 16.995.764 -44,17-55,93 19,85 25,97 14,75 114,49-34,16-54,08-1,08-28,20 PROTESTI CAMBIARI anno ASSEGNI CAMBIALI TRATTE ACCETTATE TRATTE NON ACC. 29 numero importo numero importo numero importo numero importo numero importo gennaio 362 3.72.583,43 58 1.8.123,1 1 4.949,79 51

Dettagli

IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA

IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA QUESTA PAGINA È STATA INTENZIONALMENTE LASCIATA BIANCA IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA La pubblicazione

Dettagli

RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI

RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI ANNO 2012 Giugno 2013 1 INDICE 1 Il mercato del lavoro provinciale secondo l Istat p. 3 1.1 Premessa 3 1.2 La partecipazione al mercato del lavoro

Dettagli

BOLLETTINO DEL LAVORO N.3/2013 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini

BOLLETTINO DEL LAVORO N.3/2013 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini BOLLETTINO DEL LAVORO N.3/2013 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini Il Centro studi Politiche del lavoro e società locale della

Dettagli

OSSERVATORIO SULLE IMPRESE. Anno 2013. Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica

OSSERVATORIO SULLE IMPRESE. Anno 2013. Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica OSSERVATORIO SULLE IMPRESE Anno 2013 Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica Note e avvertenze Le imprese registrate comprendono oltre alle imprese attive anche le posizioni

Dettagli

Comunità Montana Orvietano - Narnese - Amerino -Tuderte

Comunità Montana Orvietano - Narnese - Amerino -Tuderte Comunità Montana Orvietano - Narnese - Amerino -Tuderte Comuni aderenti : Acquasparta, Amelia, Alviano, Allerona, Attigliano, Avigliano Umbro, Baschi, Calvi dell Umbria, Castel Giorgio, Castel Viscardo,

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 Udine, 20 novembre 2015 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli