Città di Caselle Torinese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Città di Caselle Torinese"

Transcript

1 Città di Caselle Torinese Regolamento per l'erogazione di contributi a titolo di prestito d'onore a sostegno del reddito di sopraggiunto licenziamento o CIGS o mobilità. in caso Approvato con deliberazione C.C. n. 8/2010

2 Città di Caselle Torinese... 1 ART OGGETTO... 3 ART SOGGETTI BENEFICIARI E REQUISITI DI AMMISSIBILITA'... 3 ART DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE... 4 ART ENTITA DEL CONTRIBUTO... 5 ART MODALITA' DI PAGAMENTO DEL CONTRIBUTO... 5 ART RESTITUZIONE DEL CONTRIBUTO... 5 ART CONTROLLI ED ACCERTAMENTI... 6 ART FINANZIAMENTO DEL CONTRIBUTO... 6

3 ART. 1 OGGETTO Il Comune di Caselle Torinese stanzia, sulla base delle disponibilità del bilancio di ciascun anno, un apposito fondo per l anticipazione di somme destinate a politiche di sostegno al reddito di famiglie con difficoltà economiche per fronteggiare le conseguenze sociali della crisi economica che investe il territorio ed il sistema produttivo casellese. Il presente regolamento disciplina la concessione e la gestione dei contributi erogati, a titolo di prestito d onore dalla Città di Caselle Torinese, a favore delle lavoratrici e dei lavoratori che, disoccupati o sospesi privi di trattamenti previdenziali, a causa dell involontaria interruzione, definitiva o temporanea, del contratto di lavoro con imprese localizzate in Piemonte, si trovano in una situazione economica pari o inferiore alla soglia minima di cui all art.3 del presente regolamento. ART. 2 SOGGETTI BENEFICIARI E REQUISITI DI AMMISSIBILITA' Sono da considerarsi possibili beneficiari del contributo economico erogato a titolo di prestito d onore le lavoratrici e i lavoratori residenti nella Città di Caselle Torinese in temporanea difficoltà economica e in possesso di tutti i seguenti requisiti: 1. Avere la residenza anagrafica nella città di Caselle Torinese. 2. Possedere un Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) in corso di validità, relativo ai redditi dell anno precedente, ricalcolato sulla base della situazione reale, con un importo minore o uguale ad ,00. Il ricalcolo potrà essere effettuato, in fase di istruttoria delle domande, su richiesta della Città di Caselle Torinese. 3. Non essere occupati al momento della presentazione della domanda, ad eccezione delle persone poste in Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (CIGS). 4. Aver reso al Centro per l Impiego, ai sensi dell art. 3 del D.Lgs. 181/2000 e successive modifiche, la dichiarazione di immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa o di servizi di politica attiva del lavoro.

4 Inoltre i soggetti beneficiari devono obbligatoriamente rientrare in una delle seguenti condizioni: A. Lavoratori a tempo indeterminato licenziati a partire dal 1 gennaio dell anno precedente, avendo maturato un anzianità lavorativa presso la stessa azienda di almeno 90 giorni. Da tale condizione si esclude il licenziamento per giusta causa, per giustificato motivo soggettivo, per mancato superamento del periodo di prova, per superamento del periodo di comporto e le dimissioni volontarie non connesse a causa di crisi aziendale. B. Titolari di contratto di collaborazione a progetto (D.Lgs. 276/2003) o di collaborazione coordinata continuativa, giunto a scadenza naturale o interrotto dal committente in seguito a crisi aziendale nel periodo decorrente a partire dal 1 gennaio dell anno precedente avendo maturato un anzianità lavorativa di almeno 90 giorni, anche con più committenti (tutti ubicati in Piemonte). Da tale condizione si escludono le dimissioni volontarie non connesse a causa di crisi aziendale. C. Lavoratori con contratto a tempo determinato subordinato (compresi i contratti di somministrazione), giunto a scadenza naturale o interrotto prima della scadenza naturale dal datore di lavoro in seguito a crisi aziendale nel periodo decorrente a partire dal 1 gennaio dell anno precedente, avendo maturato un anzianità lavorativa di almeno 90 giorni e non superiore ai 12 mesi, anche con più datori di lavoro. Da tale condizione si esclude il licenziamento per giusta causa, per giustificato motivo soggettivo, per mancato superamento del periodo di prova, per superamento del periodo di comporto e le dimissioni volontarie non connesse a causa di crisi aziendale. D. Nuclei familiari monoreddito in CIGS o mobilità indennizzata, con figli a carico minori e/o disabili. ART. 3 DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE Il richiedente il contributo erogato a titolo di prestito d onore dovrà presentare la seguente documentazione: 1. Copia della lettera di licenziamento o documentazione relativa alla CIGS o mobilità indennizzata. 2. Copia del contratto di lavoro.

5 3. Dichiarazione ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente) in corso di validità, relativo ai redditi dell anno precedente e ricalcolato sulla base della situazione reale. Per il calcolo ISEE si fa riferimento a quanto stabilito dal decreto lgs 109/98, e s.m.i. ART. 4 ENTITA DEL CONTRIBUTO Previa verifica della sussistenza dei requisiti da parte dell Ufficio competente, il contributo erogato a titolo di prestito d onore verrà accordato per un importo pari a un tetto massimo di 2.000,00 per nucleo familiare. Per l istruttoria della pratica verrà acquisita anche eventuale relazione dei Servizi Sociali operanti sul territorio. Il contributo verrà erogato, a conclusione dell istruttoria e previo direttiva favorevole della Giunta Comunale, a seguito di determinazione del Responsabile del Settore Servizi alla Persona, in conformità a quanto previsto al comma 3, punto d), dell' art. 107 del DLgs. 267/2000, nei limiti dello stanziamento nell'apposita risorsa di bilancio. ART. 5 MODALITA' DI PAGAMENTO DEL CONTRIBUTO 1. All'interessato verrà data comunicazione scritta, anche in caso di parere negativo, entro 30 giorni dalla presentazione della domanda. 2. Il beneficiario del contributo s'impegna alla restituzione della somma ricevuta senza interessi, sottoscrivendo il piano di rimborso rateale nel quale è indicata la frequenza con la quale provvederà a versare le rate di rimborso. Sarà cura del beneficiario stesso trasmettere all ufficio comunale competente copia delle ricevute dei singoli versamenti non appena effettuati. 3. L' erogazione del contributo avverrà attraverso mandato di pagamento presso la Tesoreria Comunale, direttamente al richiedente, o nel caso di impossibilità fisica del richiedente, ad un suo delegato. ART. 6 RESTITUZIONE DEL CONTRIBUTO 1. Il contributo erogato dovrà essere restituito con versamenti mensili nel periodo limite di 36 mesi, secondo le modalità che saranno concordate caso per caso, prima dell erogazione del contributo stesso, in base alle esigenze e alle possibilità del beneficiario sulla base del piano personalizzato.

6 2. Il periodo per la restituzione avrà come decorrenza il giorno 10 del terzo mese successivo alla data di erogazione. 3. Il contributo non prevede nessun tipo di interesse, è a tasso zero, senza alcuna spesa od onere a carico del beneficiario. 4. Le rate di rimborso devono essere versate entro il giorno 10 del mese tramite bollettino postale sul c/c del Comune o presso la Tesoreria senza necessità di preavviso. I ritardi nei versamenti devono essere comunicati in forma scritta al Settore Servizi alla Persona. E' considerato ritardo il mancato versamento alla data fissata. 5. In caso di mancato versamento delle rate di rimborso per un periodo superiore a 60 giorni, si darà avvio alla procedura per la riscossione coattiva, con i relativi interessi legali, decorrenti dalla data di scadenza delle singole rate. ART. 7 CONTROLLI ED ACCERTAMENTI La Città di Caselle Torinese si riserva la facoltà di effettuare in qualsiasi momento controlli e verifiche per accertare la veridicità delle dichiarazioni e della documentazione presentata dai soggetti richiedenti il contributo economico. ART. 8 FINANZIAMENTO DEL CONTRIBUTO Il contributo viene concesso dalla Città di Caselle Torinese nell ambito delle disponibilità finanziarie messe annualmente a bilancio. Le somme restituite dai beneficiari del contributo vengono destinate ad incrementare la disponibilità del fondo e rese quindi immediatamente disponibili per lo stesso scopo.

7 Se non ci sono interventi, su questo prego, Zappia. CONSIGLIERE ZAPPIA ANTONIO (Indipendente) Perché prestito d onore? È un onore avere persone che hanno condizioni è un prestito economico Sì, ma è un patto d onore perché verrà restituito; quindi onore nel senso che la persona che riceverà questo contributo CONSIGLIERE ZAPPIA ANTONIO (Indipendente) Ma non c è onore in una società in cui la gente muore di fame è un prestito economico Che cosa vuol dire che non avete mai sentito parlare di questo? Sto parlando della terminologia: prestito d onore che onore è? È un prestito economico Grazie. Allora se non ci sono altre domande Prego, Cretier. CONSIGLIERE CRETIER SERGIO (Coalizione Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani, Solidarietà e Ambiente) Assolutamente d accordo sull iniziativa, ne abbiamo discusso in conferenza capigruppo quindi se c è un osservazione da fare è che la somma messa a bilancio non è stratosferica, da questo punto di vista. Poi il Sindaco prima ci ha fatto la premessa che in questo momento non stiamo viaggiando in acque favolose, per cui ne prendiamo atto. Dicevamo che se la somma (intanto noto che manca l assessore di riferimento, Pippo Elia dov è?) se la somma di riferimento sono euro, a euro a prestito sostanzialmente ne abbiamo per dieci famiglie, se sono ne abbiamo per 15. L unica osservazione che mi sentirei di fare leggendo attentamente questo regolamento è che si va a caricare la responsabile degli uffici alla persona di una grossa responsabilità, da questo punto di vista; sarebbe importante che l amministrazione prevedesse nel prossimo futuro una commissione che vada a stabilire questi prestiti, perché se lo fa la Giunta è comunque un qualcosa che non funziona perché potreste essere tacciati di dare prestiti agli amici degli amici, e quindi bisogna istituire una commissione che preveda una graduatoria per assegnare questi prestiti, cosa che non è

8 prevista all interno di questo regolamento. Secondo me l amministrazione si deve dotare di questo, grazie. Grazie. Prego assessore Elia. ASSESSORE ELIA FILIPPO (Partito Democratico) Mi scuso per l assenza di prima (era una pausa sigaretta). Rispetto alla domanda che faceva il consigliere Cretier, è vero, si poteva anche fare una commissione per istruire le domande che arriveranno, ma ci è sembrato troppo macchinoso; abbiamo cercato di rendere questo strumento utile e immediato, nel senso che l istruttoria la fa il funzionario del Comune; nel momento in cui il regolamento prevede la consegna di una serie di documenti che attestano il bisogno di questo contributo, va da sé che non c è bisogno di mettere in piedi una commissione che valuti, istruisca: diventerebbe troppo macchinoso e lungo e alla fine non faremmo il bene dei cittadini. Ci è sembrato più utile rendere la procedura più snella possibile per rispondere nel modo più rapido possibile alle esigenze e ai bisogni dei cittadini che versano in condizioni difficili. Prego consigliere Cretier CONSIGLIERE CRETIER SERGIO (Coalizione Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani, Solidarietà e Ambiente) Io ribadisco perché ultimamente a forza di snellire le cose Protezione Civile ci insegna che snelliamo, facciamo in fretta ma poi facciamo disastri, da questo punto di vista. Per chi ha grossi reati per i piccoli reati ti cuccano ma devi essere un pesce grosso a parte le polemiche io ribadisco il concetto di prima, secondo me varrebbe la pena di pensarci su, magari investendo una commissione che già avete, senza andare a crearne di nuove non so, la commissione casa, per esempio, che c è già, è stata nominata dal Consiglio oppure istituire una nuova commissione purchè sia gratuita, purchè non si sia il compenso per la riunione della commissione. L importante è che ci siano le regole trasparenti, ma solo evitare problemi che possono sempre insorgere su questa tematica. Grazie, consigliere Cretier Mettiamo in votazione, per alzata di mano, chi è favorevole 13 Contrari 3

9

Regolamento per l'erogazione Errore. Il segnalibro non è definito. di contributi a titolo di prestito d'onore Errore. Il segnalibro non è definito.

Regolamento per l'erogazione Errore. Il segnalibro non è definito. di contributi a titolo di prestito d'onore Errore. Il segnalibro non è definito. Regolamento per l'erogazione Errore. Il segnalibro non è definito. di contributi a titolo di prestito d'onore Errore. Il segnalibro non è definito. APPROVATO CON DELIBERAZIONE COMUNALE N 46 DEL 11-05-2009

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A TITOLO DI PRESTITO D ONORE

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A TITOLO DI PRESTITO D ONORE COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A TITOLO DI PRESTITO D ONORE Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 40 del /29.11.2013 INDICE GENERALE

Dettagli

Prestito Giovani. www.sanfrancescomassafra.it sanfrancesco.massafra@gmail.it. PARROCCHIA SAN FRANCESCO DA PAOLA Diocesi di CASTELLANETA

Prestito Giovani. www.sanfrancescomassafra.it sanfrancesco.massafra@gmail.it. PARROCCHIA SAN FRANCESCO DA PAOLA Diocesi di CASTELLANETA Prestito Giovani REGOLAMENTO PARROCCHIALE Pre.gio. Prestito Giovani Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 2 DESTINATARI E REQUISITI Articolo 3 - ENTITA' DEL CONTRIBUTO Articolo 4 - PRESENTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO D'ONORE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO D'ONORE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO D'ONORE Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 6 del 29/01/2015 Sevizi Sociali INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO..... PAG. 2 ART. 2 - FINALITÀ....

Dettagli

PRESTITO SULL ONORE. Per presentare la richiesta di prestito sull onore i soggetti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

PRESTITO SULL ONORE. Per presentare la richiesta di prestito sull onore i soggetti devono essere in possesso dei seguenti requisiti: PRESTITO SULL ONORE OGGETTO L iniziativa è finalizzata alla concessione di un prestito agevolato senza applicazione di interessi, che permetta alla famiglia od al singolo in temporanea difficoltà, di superare

Dettagli

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE 42 CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 220/I0093427 P.G. NELLA SEDUTA DEL 20/12/2004 A RIFERIMENTI NORMATIVI L. 285/1997, art. 4 La L. 285/1997

Dettagli

C O M U N E D I G A L G A G N A N O (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO PRESTITO SULL ONORE

C O M U N E D I G A L G A G N A N O (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO PRESTITO SULL ONORE C O M U N E D I G A L G A G N A N O (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO PRESTITO SULL ONORE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 35 del 29.07.2015 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il servizio

Dettagli

ART. 1 Finalità. ART. 2 Oggetto

ART. 1 Finalità. ART. 2 Oggetto COMUNE DI VERBANIA Regolamento per l'erogazione di contributi straordinari (con la formula del Prestito d'onore) a sostegno di soggetti in condizione di difficoltà economica Approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE Largo S.Giorgio 12

PROVINCIA DI PORDENONE Largo S.Giorgio 12 PROVINCIA DI PORDENONE Largo S.Giorgio 12 2 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI UNA TANTUM A SOSTEGNO DEGLI ONERI DERIVANTI DAI CONTRATTI DI MUTUO, ACCESI IN DATA ANTERIORE AL 26 FEBBRAIO 2009 E NON

Dettagli

Alle riunioni è invitato a partecipare un rappresentante dell Università degli studi di Trento.

Alle riunioni è invitato a partecipare un rappresentante dell Università degli studi di Trento. 2. PROCEDIMENTO 2.1 Aspetti generali. Il coordinamento generale delle strutture competenti, nonché la verifica ed il monitoraggio degli interventi, sono espletati tramite riunioni periodiche cui partecipano:

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

REGOLAMENTO comunale SUL PRESTITO D'ONORE

REGOLAMENTO comunale SUL PRESTITO D'ONORE C O M U N E D I M E D E A PROVINCIA DI GORIZIA SERVIZIO AFFARI GENERALI REGOLAMENTO comunale SUL PRESTITO D'ONORE Approvato con delib. C.C. n. 178 dd. 30.9.2008 Entrato in vigore il 30/9/2008 2 INDICE

Dettagli

PER LA CONCESSIONE DEI PRESTITI SULL ONORE

PER LA CONCESSIONE DEI PRESTITI SULL ONORE C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PRESTITI SULL ONORE Approvato dall Assemblea Consortile con deliberazione n.

Dettagli

Legge Regionale 10 novembre 2015 n. 18. Misure di inclusione attiva e di sostegno al reddito. (Valle D'Aosta, BUR 24 novembre 2015, n.

Legge Regionale 10 novembre 2015 n. 18. Misure di inclusione attiva e di sostegno al reddito. (Valle D'Aosta, BUR 24 novembre 2015, n. Legge Regionale 10 novembre 2015 n. 18 Misure di inclusione attiva e di sostegno al reddito. (Valle D'Aosta, BUR 24 novembre 2015, n. 47) IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato; IL PRESIDENTE DELLA REGIONE

Dettagli

OGGETTO: PROGRAMMA DI BENEFICI A FAVORE DI CITTADINI IN SITUAZIONE DI DISAGIO LAVORATIVO MEDIANTE L ISTITUZIONE DEL PRESTITO D ONORE

OGGETTO: PROGRAMMA DI BENEFICI A FAVORE DI CITTADINI IN SITUAZIONE DI DISAGIO LAVORATIVO MEDIANTE L ISTITUZIONE DEL PRESTITO D ONORE OGGETTO: PROGRAMMA DI BENEFICI A FAVORE DI CITTADINI IN SITUAZIONE DI DISAGIO LAVORATIVO MEDIANTE L ISTITUZIONE DEL PRESTITO D ONORE Introduce brevemente il Sindaco che passa la parla all Assessore di

Dettagli

INTERVENTI MONETARI DI SOSTEGNO AL REDDITO 2009/bis

INTERVENTI MONETARI DI SOSTEGNO AL REDDITO 2009/bis SSSSSSSSSSSSSSSSSSS SSSS INTERVENTI MONETARI Destinatari: lavoratori in C.I.G. ordinaria o straordinaria o in deroga, che nel periodo dall 01/01/2009 al 31/12/2009 abbiano maturato almeno 1.032 ore o 129

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.63 del 21.12.2010 ART. 1 OGGETTO Il presente

Dettagli

COMUNE DI VERTEMATE CON MINOPRIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO D ONORE

COMUNE DI VERTEMATE CON MINOPRIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO D ONORE COMUNE DI VERTEMATE CON MINOPRIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO D ONORE Approvato dal Consiglio Comunale con la deliberazione n. 9 del 31/03/2015 REGOLAMENTO SUL PRESTITO D ONORE Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.2007 CAPO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

La sezione I deve essere compilata dal soggetto richiedente che presenta domanda per il contributo quale sostegno al reddito.

La sezione I deve essere compilata dal soggetto richiedente che presenta domanda per il contributo quale sostegno al reddito. Il presente modulo di domanda, compilato in ogni sua parte e completo della documentazione richiesta, deve essere inviato (tramite raccomandata A/R) ad ARTEA Via San Donato 42/1, 50127 Firenze. La prima

Dettagli

Il Dirigente Carlo Chiostri

Il Dirigente Carlo Chiostri 30.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 44 di certificazione del presente decreto che prevedano scadenze successive al 30/4/2014 che pertanto risultano confermate e per le quali si

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L EMERGENZA CASA

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L EMERGENZA CASA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L EMERGENZA CASA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 42 del 27/02/1997. SOMMARIO: TITOLO I: Fondo Sociale Art. 1 - Istituzione fondo sociale...pag.3

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI DI ACCESSO ALL INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI DI ACCESSO ALL INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI DI ACCESSO ALL INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI LARI BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A GIOVANI COPPIE E NUCLEI FAMILIARI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA

COMUNE DI LARI BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A GIOVANI COPPIE E NUCLEI FAMILIARI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA COMUNE DI LARI BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A GIOVANI COPPIE E NUCLEI FAMILIARI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Oggetto) In attuazione della deliberazione

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE VISTA la deliberazione n. 2009/G/00513 (proposta n. 2009/00685) del 23.10.2009 con la quale la Giunta Comunale ha approvato

Dettagli

COMUNE DI. VELLEZZO BELLINI (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER IL PRESTITO SULL ONORE

COMUNE DI. VELLEZZO BELLINI (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER IL PRESTITO SULL ONORE COMUNE DI VELLEZZO BELLINI (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER IL PRESTITO SULL ONORE Approvato con Deliberazione del C.C. n. 25 del 12.06.2008 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il servizio verte su un prestito

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

COMUNE DI SALUGGIA ************************ VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 85 *********************************

COMUNE DI SALUGGIA ************************ VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 85 ********************************* COMUNE DI SALUGGIA ************************ VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 85 ********************************* OGGETTO: Saluggia Social Card Determinazioni per la concessione dei prestiti

Dettagli

MERCATODELLAVORO: COSACAMBIA? INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT. quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012

MERCATODELLAVORO: COSACAMBIA? INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT. quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012 TUTELA ottavo 10-2012:Layout 1 18-10-2012 14:44 Pagina 3 quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012 Tutela IISN 0010-6348 Sped. in abb. postale 45% Roma - art. 2 comma 20 b legge 662/96

Dettagli

Comune di Cavezzo Provincia di Modena

Comune di Cavezzo Provincia di Modena OGGETTO CONTRIBUTI ECONOMICI, AGEVOLAZIONI IN FAVORE DI PERSONE FISICHE ED INTERVENTI PER FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA :ATTO DI INDIRIZZO ANNO 2009-VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE E AL PIANO ESECUTIVO

Dettagli

FINALITA DELL INTERVENTO

FINALITA DELL INTERVENTO TESTO ALLEGATO AL D.P.R.S. N. 150 del 25.5.04 FINALITA DELL INTERVENTO Il contributo di cui all art. 3 della L.R. 10/2003 è volto all abbattimento parziale o totale degli interessi su prestiti quinquennali

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti

PROVINCIA DI LECCE. AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti PROVINCIA DI LECCE AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti In esecuzione della deliberazione della G.P. n. 131 del 9.6.2011, dichiarata immediatamente eseguibile,

Dettagli

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI PREMESSA:...2 1 LAVORATORI IN MOBILITA, DISOCCUPATI BENEFICIARI DEL SOSTEGNO AL REDDITO, LAVORATORI SOSPESI DICHIARATI IN ESUBERO...3 2. LAVORATORI

Dettagli

OGGETTO: Domanda di ammissione al contributo per l'integrazione dei canoni di locazione per l'anno 2015

OGGETTO: Domanda di ammissione al contributo per l'integrazione dei canoni di locazione per l'anno 2015 Al Comune di Larciano Piazza Vittorio Veneto, 15 51036 Larciano Allegato B OGGETTO: Domanda di ammissione al contributo per l'integrazione dei canoni di locazione per l'anno 2015 Il/La sottoscritt, nat_

Dettagli

31.10.2015 ORE 12:00

31.10.2015 ORE 12:00 AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI CORRELATI ALLE IMPOSTE LOCALI PAGATE con riferimento al periodo 01/01/2015-31/10/2015 importo stanziato: 10.000 euro PREMESSO che: - con la deliberazione

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 05/11/2014 Circolare n. 137 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

1.1. Il presente bando è finalizzato all erogazione, da parte della Comunità della Pianura Bresciana Fondazione di Partecipazione, di

1.1. Il presente bando è finalizzato all erogazione, da parte della Comunità della Pianura Bresciana Fondazione di Partecipazione, di Ambito n. 8 Comuni di: Barbariga, Borgo San Giacomo, Brandico, Corzano, Dello, Longhena, Lograto, Maclodio, Mairano, Orzinuovi, Orzivecchi, Pompiano, Quinzano d Oglio, San Paolo e Villachiara Bando per

Dettagli

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione.

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. CITTA DI OMEGNA PROVINCIA DEL VERBANO-CUSIO-OSSOLA Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. (approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI

REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI ARTICOLO 1 OGGETTO E FINALITA Il presente Regolamento definisce i criteri e disciplina le modalità di erogazione del Fondo di Solidarietà contro la

Dettagli

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI DI TIPO SOCIO-ASSISTENZIALE AI CITTADINI E ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO ART. 1- OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI PRESTITI FIDUCIARI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO A.A. 2007/2008 IL RETTORE

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI PRESTITI FIDUCIARI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO A.A. 2007/2008 IL RETTORE BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI PRESTITI FIDUCIARI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO A.A. 2007/2008 IL RETTORE VISTA la delibera della Giunta Regionale della Lombardia n. 3004 del 27.7.2006

Dettagli

BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE PER L ACCESSO AL MICROCREDITO RISERVATO AI CITTADINI RESIDENTI NEI COMUNI DEL CONSORZIO SERVIZI SOCIALI IN.RE.

BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE PER L ACCESSO AL MICROCREDITO RISERVATO AI CITTADINI RESIDENTI NEI COMUNI DEL CONSORZIO SERVIZI SOCIALI IN.RE. Sede legale: via Jervis, 24-10015 Ivrea (TO) Tel. 0125-646111 Fax 0125-646190 consorzio@inrete.to.it C.F./P.IVA 07949370014 BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE PER L ACCESSO AL MICROCREDITO RISERVATO AI CITTADINI

Dettagli

Regolamento per la concessione di prestiti a breve termine.

Regolamento per la concessione di prestiti a breve termine. Regolamento per la concessione di prestiti a breve termine. (approvato dall Assemblea Consortile il 12.7.96 delibera n. 12 e successivamente modificato con deliberazioni di Assemblea Consortile n. 8 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI PRESTITI SULL'ONORE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI PRESTITI SULL'ONORE Comune di Sospirolo Provincia di Belluno loc. Capoluogo, n. 105 32037 Sospirolo P.I. 00164110256 REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI PRESTITI SULL'ONORE Approvato con delibera C.C. n. 21 del 14.07.2009 Entrato

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione di C.C. n. 12 del 19/04/2001 ART. 1 FINALITA 1. Il Comune di Carugate riconosce

Dettagli

REGOLAMENTO PER ASSEGNAZIONE BORSE DI STUDIO AL MERITO SCOLASTICO

REGOLAMENTO PER ASSEGNAZIONE BORSE DI STUDIO AL MERITO SCOLASTICO COMUNE DI CAZZAGO SAN MARTINO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER ASSEGNAZIONE BORSE DI AL MERITO SCOLASTICO Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 16 del 29/04/2014 1^ Pubblicazione 21.05.2014

Dettagli

Progetto VOUCHER FRIENDLY

Progetto VOUCHER FRIENDLY Progetto VOUCHER FRIENDLY AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE E L EROGAZIONE DI VOUCHER DI SERVIZIO PER LA CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E DI LAVORO. 1. OBIETTIVI E FINALITÀ L obiettivo prioritario dell

Dettagli

REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA

REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 34 del 22/04/2013 REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA Art. 1 AMBITO

Dettagli

COMUNE DI MASSA. Regolamento Imposta di Soggiorno

COMUNE DI MASSA. Regolamento Imposta di Soggiorno COMUNE DI MASSA Regolamento Imposta di Soggiorno Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.16 del 29/03/2012 Regolamento Imposta di Soggiorno Articolo 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente

Dettagli

OGGETTO: Riparte il Fondo di solidarietà per il mutuo prima casa

OGGETTO: Riparte il Fondo di solidarietà per il mutuo prima casa Informativa per la clientela di studio N. 62 del 24.04.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Riparte il Fondo di solidarietà per il mutuo prima casa E stato riattivato il Fondo di Solidarietà per

Dettagli

COMUNE DI VIGNOLA in collaborazione con l Unione Terre di Castelli

COMUNE DI VIGNOLA in collaborazione con l Unione Terre di Castelli COMUNE DI VIGNOLA in collaborazione con l Unione Terre di Castelli BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A GIOVANI COPPIE E NUCLEI FAMILIARI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 27.07.2006 - Modificato

Dettagli

(ALLEGATO 2) PROGRAMMA REGIONALE DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE. Bando

(ALLEGATO 2) PROGRAMMA REGIONALE DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE. Bando (ALLEGATO 2) PROGRAMMA REGIONALE DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE Bando per il sostegno delle famiglie in difficoltà con il pagamento delle rate di mutuo contratto per l acquisto, la costruzione o il recupero

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO E indetto il bando di cui alla D.G.C. n. 91 del 07/11/2014

Dettagli

Documento n. 278/001. Fondo di solidarietà per i mutui per l acquisto della prima casa - sospensione delle rate dei mutui.

Documento n. 278/001. Fondo di solidarietà per i mutui per l acquisto della prima casa - sospensione delle rate dei mutui. Documento n. 278/001. Fondo di solidarietà per i mutui per l acquisto della prima casa - sospensione delle rate dei mutui. Fondo di solidarietà per i mutui per l acquisto della prima casa ai sensi dell

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO Prot. n. 2471 del 22/02/2010 BANDO ANNO 2010 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI, TURISTICHE, ARTIGIANALI E DEI SERVIZI. IL DIRETTORE

Dettagli

Città di Roncade Provincia di Treviso

Città di Roncade Provincia di Treviso Città di Roncade Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI

Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI FEDERAZIONE ITALIANA TRASPORTI DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI Come noto il Consiglio dei Ministri ha approvato i primi due decreti attuativi

Dettagli

«Prestito sociale d onore. Istituzione di un fondo per agevolarne l accesso.» BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N. 34 DEL 1 AGOSTO 2007

«Prestito sociale d onore. Istituzione di un fondo per agevolarne l accesso.» BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N. 34 DEL 1 AGOSTO 2007 LEGGE REGIONALE 24 LUGLIO 2007, N. 25 «Prestito sociale d onore. Istituzione di un fondo per agevolarne l accesso.» BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N. 34 DEL 1 AGOSTO 2007 IL CONSIGLIO REGIONALE ha

Dettagli

REGIONE MOLISE. Direzione Generale Area III. Servizio Politiche Sociali. POR FSE Molise. Obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013

REGIONE MOLISE. Direzione Generale Area III. Servizio Politiche Sociali. POR FSE Molise. Obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013 REGIONE MOLISE Direzione Generale Area III Servizio Politiche Sociali POR FSE Molise Obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

I benefici del presente intervento sono concessi nel limite delle risorse assegnate annualmente con deliberazione della Giunta provinciale.

I benefici del presente intervento sono concessi nel limite delle risorse assegnate annualmente con deliberazione della Giunta provinciale. 3.b) Alta formazione all estero Soggetto competente: Opera Universitaria 1. FINALITA DELL INTERVENTO L intervento ha l obiettivo di sostenere la formazione universitaria di eccellenza all estero, mettendo

Dettagli

Quadro di sintesi normativa

Quadro di sintesi normativa Allegato n.1 Quadro di sintesi normativa Articolo 19 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 Articolo 7 ter del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito

Dettagli

COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE E LA CONCESSIONE DI ASSEGNI DI STUDIO NEL SETTORE DELL'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ED ARTISTICA, SCUOLA MEDIA INFERIORE,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONIMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONIMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI E SOGGETTI PRIVATI REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONIMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI E SOGGETTI PRIVATI

Dettagli

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007)

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) CONTO CORRENTE PERSONALE BANCA Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) Tasso creditore BCE 0,50 Norme generali: - è intestato al dipendente o al pensionato; - può essere cointestato

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

Regione Marche. Giunta Regionale. Assessorato alla Conoscenza, Istruzione, Formazione e Lavoro

Regione Marche. Giunta Regionale. Assessorato alla Conoscenza, Istruzione, Formazione e Lavoro REGIONE MARCHE Regione Marche Giunta Regionale Assessorato alla Conoscenza, Istruzione, Formazione e Lavoro Obiettivo 3 FSE 2000-2006 Attuazione delle Misure B1, D3, E1, Annualità 2005 AVVISO PUBBLICO

Dettagli

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni:

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni: CONVENZIONE TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI PONZANO VENETO E GLI ISTITUTI DI CREDITO RIGUARDANTE LE MODALITA RELATIVE ALLA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI PER L ACQUISTO, LA COSTRUZIONE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. per la concessione di contributi a favore delle imprese che attivano rapporti di lavoro occasionale di tipo accessorio.

AVVISO PUBBLICO. per la concessione di contributi a favore delle imprese che attivano rapporti di lavoro occasionale di tipo accessorio. COMUNE DI CESENA SETTORE PROGETTI INTEGRATI - PARTECIPAZIONE LAVORO SVILUPPO GIOVANI - UNIVERSITÀ PGN: 100669/368 Piazza del Popolo 10-47521 Cesena Tel: 0547.356592-323 Fax 0547.356519 E-mail: ravaioli_v@comune.cesena.fc.it

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

Devono essere privilegiate quelle persone che per situazioni contingenti non possono accedere ai prestiti bancari

Devono essere privilegiate quelle persone che per situazioni contingenti non possono accedere ai prestiti bancari PREMESSA Il Consorzio con deliberazione del Consiglio d Amministrazione n 24 del 18/7/2014 ha stipulato un convenzione con l Associazione S. Vincenzo di San Bernardo Via Beltramo 2 Rivoli per il progetto

Dettagli

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI)

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ART. 1 - NASPI A decorrere dal 1 Maggio 2015 è istituita una

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VI. Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia.

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VI. Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia. REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte VI Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia. Testo finale approvato dal C.I.G. Delibera n. 103 del 29.05.2014 e approvato dai MMVV con nota n. 36/0016601/MA004.A007

Dettagli

ISTITUTIVO DEI PRESTITI D ONORE

ISTITUTIVO DEI PRESTITI D ONORE REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEI PRESTITI D ONORE Approvato con D.C.C. n. 169 del 09.11.1995 e D.C.C. n. 6 del 13.02.1996 esecutive FINALITÀ Art. 1 1. La legge 142/90 e lo Statuto Comunale pongono a carico delle

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: I.C.I.

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: I.C.I. COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: I.C.I. E TARSU Approvato con Del CC n. 5 del 29.4.2011 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE

FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI UN FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA SUL TERRITORIO COMUNALE 1 ART. 1 - OGGETTO L

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Allegato A COMUNE DI FRONTONE Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Regolamento approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n... del

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari) L.R. 01 Settembre 1999, n. 19 Istituzione del prestito d'onore (1) Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina la concessione di finanziamenti a favore di soggetti inoccupati e disoccupati per la

Dettagli

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale MODULISTICA DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI E DELL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI COSENZA- EDIZIONE 2015 ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI COSENZA Il/la sottoscritto/a

Dettagli

Comune di Terno d Isola

Comune di Terno d Isola Comune di Terno d Isola (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI DI ASSISTENZA ECONOMICA - Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 114 del 20/12/2004. - Modificato

Dettagli

10 GIUGNO 2015 PRESSO ENFAP PIEMONTE

10 GIUGNO 2015 PRESSO ENFAP PIEMONTE Seminario Jobs Act PRESSO ENFAP PIEMONTE Jobs Act FLESSIBILITA IN ENTRATA E IN USCITA POLITICHE SOSTEGNO AL REDDITO POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Jobs Act LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183 (legge delega)

Dettagli

COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino SETT. 8 - SERVIZI SOCIALI ADULTI E ANZIANI

COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino SETT. 8 - SERVIZI SOCIALI ADULTI E ANZIANI COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino SETT. 8 - SERVIZI SOCIALI ADULTI E ANZIANI OGGETTO: ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 462 Del 17/11/2009 Approvazione Linee Guida per l'erogazione

Dettagli

Comune di Celico. Provincia di Cosenza. Deliberazione in Copia della Giunta

Comune di Celico. Provincia di Cosenza. Deliberazione in Copia della Giunta Comune di Celico Provincia di Cosenza Deliberazione in Copia della Giunta Delibera n 83 del 24/10/2013 OGGETTO: APPROVAZIONE LINEE GUIDA PER UTILIZZO VOUCHER PER LAVORI DI TIPO OCCASIONALE/ACCESSORIO PER

Dettagli

La Responsabile dell Area

La Responsabile dell Area BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI STRAORDINARI A SOSTEGNO DELL AFFITTO IN FAVORE DI NUCLEI FAMILIARI CON LAVORATORI COLPITI DALLA CRISI ECONOMICA La Responsabile dell Area In applicazione

Dettagli

AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA'

AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA' 6551 Allegato n. 1 R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA' SERVIZIO POLITICHE DI BENESSERE SOCIALE E PARI OPPORTUNITA UFFICIO POLITICHE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

2. Modalità, procedure e termine di presentazione della domanda

2. Modalità, procedure e termine di presentazione della domanda Bando Modalità e procedure per la presentazione delle domande di assegnazione dell ASSEGNO DI STUDIO PER ISCRIZIONE E FREQUENZA Anno scolastico 2013/2014. (L. r. n. 28 del 28/12/2007 art. 12 comma 1 a),

Dettagli

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991)

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) CHI HA DIRITTO AD ESSERE INSERITO NELLE LISTE DI MOBILITA : 1) CON INDENNITA DI MOBILITA : a) Gli operai, impiegati e quadri dipendenti da imprese

Dettagli

COMUNE DI OSTRA VETERE AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA

COMUNE DI OSTRA VETERE AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA COMUNE DI OSTRA VETERE AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA PREMESSO CHE Deliberazione della Giunta Regionale n.

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO PRESTITO D ONORE

REGOLAMENTO SERVIZIO PRESTITO D ONORE REGOLAMENTO SERVIZIO PRESTITO D ONORE Premesso che : La delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 19/02/2014 prevede l istituzione di un fondo per il PRESTITO D ONORE a favore di cittadini o famiglie residenti

Dettagli

Art. 1 (Principi e finalità)

Art. 1 (Principi e finalità) Regione Lazio L.R. 20 Marzo 2009, n. 4 Istituzione del reddito minimo garantito. Sostegno al reddito in favore dei disoccupati, inoccupati o precariamente occupati (1) Art. 1 (Principi e finalità) 1. La

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali

Articolo 1 Finalità generali Allegato A Deliberazione della G.R. n. 104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie, private e degli

Dettagli

COMUNE DI MARENE PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI MARENE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MARENE PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DELL'ESENZIONE DAL PAGAMENTO DELLE SPESE SANITARIE (TICKETS SANITARI) ALLEGATO ALLA D.C.C. N. 29 DEL 22/06/2007 IL SEGRETARIO

Dettagli

CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE

CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale in data 19/12/2001

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna)

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) 1 COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI DI ACCESSO AGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI DI NATURA ECONOMICA A FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI INDIGENZA Approvato

Dettagli

COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali

COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI AL SOSTEGNO DELLE SPESE ABITATIVE (AFFITTO/MUTUO) 1. FINALITA DELL INTERVENTO A fronte dell attuale congiuntura

Dettagli

Alla data di scadenza del presente bando (30/05/2014), la persona anziana assistita deve: a) aver compiuto i 65 anni di età;

Alla data di scadenza del presente bando (30/05/2014), la persona anziana assistita deve: a) aver compiuto i 65 anni di età; AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA DEI DESTINATARI DELL ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI. ANNUALITA 2014/2015 - Deliberazione della Giunta Regionale

Dettagli

PROVINCIA di CATANZARO

PROVINCIA di CATANZARO PROVINCIA di CATANZARO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI, SOVVENZIONI, SUSSIDI E SERVIZIO CIVICO. Il presente regolamento disciplina i criteri per l erogazione di sussidi economici

Dettagli