Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):"

Transcript

1 Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel progetto che egli finanzia attraverso il prestito. In caso di fallimento egli perde tutto il capitale impegnato. D altronde, quando il procedimento fallimentare è efficiente, come viene in genere supposto in questi lavori, il mutuatario perde comunque il (o parte del) capitale impiegato nella attività finanziata col prestito in caso di inadempienza. Pertanto nella maggior parte dei modelli si assume implicitamente l impiego di tali cespiti come garanzie. b) Il caso interessante sorge quando il mutuatario impegna come garanzia ( esterna ), un cespite patrimoniale che non viene utilizzato nel progetto finanziato.

2 Costi dell uso di garanzie L utilizzo di garanzie può comportare una varietà di perdite: 1) costi di tipo legale o di controllo del cespite (Chan e Kanatas, 1985). 2) Nel procedimento fallimentare la banca inoltre incontra tipicamente: a. costi connessi al trasferimento e alla vendita sul mercato del cespite (Barro, 1976), che introducono una differenza tra il valore del cespite stesso per l imprenditore e quello effettivamente realizzato dalla banca. b. La vendita di cespiti fortemente specifici a certi processi produttivi può essere difficoltosa e, in connessione con un problema tipico di selezione avversa, a volte può implicare una perdita rispetto al valore autentico del cespite. 3) Il valore d uso del cespite per l imprenditore può essere superiore alla sua valutazione di mercato. Questi tre tipi di costi sono in genere modellati attraverso l assunzione che la banca è in grado di recuperare solo una frazione del valore del cespite offerto in garanzia dell imprenditore. Un altro tipo di costi impliciti delle garanzie esiste quando l imprenditore è avverso al rischio (e la banca neutrale al rischio). In questo caso l uso delle garanzie provoca una allocazione del rischio non ottimale in quanto incrementa la rischiosità del rendimento dell imprenditore. 2

3 Cosa sappiamo sull utilizzo di garanzie La letteratura empirica sull uso di garanzie è scarsa, principalmente a causa della mancanza di dati microeconomici affidabili. Da ogni tipo di evidenza comunque emerge un largo utilizzo delle garanzie. 1) Black, de Meza e Jeffreys (1996) riportano che per l 85% dei prestiti a piccole imprese nel Regno Unito, il rapporto tra garanzie e dimensione del prestito eccede l unità. 2) Leeth e Scott (1989) circa il 60% delle imprese con prestiti commerciali forniscono garanzie. 3) Secondo Berger e Udell (1990) invece circa il 70% di tutti i prestiti di natura commerciale negli Stati Uniti sono in qualche maniera garantiti. La differenza tra questi dati non lascia comunque dubbi sulla rilevanza del fenomeno. Tutte le teorie che esamineremo forniscono genericamente una giustificazione per un largo uso delle garanzie con motivazioni differenti. La controversia principale pertanto riguarda la natura dei soggetti cui vengono richieste (un maggiore ammontare di) garanzie. Dai lavori disponibili emerge che La rischiosità dei progetti e l ammontare di garanzie richiesto sono positivamente correlati. Evidenza in favore di tale correlazione è fornita da Leeth e Scott (1989) e Berger e Udell (1990). Nel primo lavoro, l età dell impresa viene assunta come proxy per la sua rischiosità 1. Si mostra poi che tale proxy è correlata con le garanzie. Berger e Udell (1989) invece mostrano che sia una misura ex-ante che una ex-post della rischiosità sono correlate con le garanzie. Le proxies (misure) utilizzate in questo caso sono rispettivamente il premio per il rischio sul prestito e alcune caratteristiche che indichino una parziale o totale inadempienza sul prestito. 1 Si mostra che se l impresa sopravvive al primo periodo, le sue probabilità di sopravvivenza nei periodi successivi aumentano in maniera consistente. 3

4 Valutazione asimmetrica dei progetti. Le garanzie possono essere utilizzate per risolvere parzialmente i problemi causati da tale asimmetria. Chan e Kanatas (1985) sostengono che, se il valore del cespite offerto in garanzia è più stabile e oggettivamente identificabile della distribuzione di ricavi del progetto, l imprenditore può trovare vantaggioso impegnarlo al fine di ottenere tassi di interesse migliori. Un modello semplificato può rendere l idea fondamentale. Si supponga che un imprenditore possieda un progetto di dimensione fissa con due possibili risultati: 0 e X. L asimmetria nella valutazione del progetto concerne esclusivamente la probabilità di successo. Si supponga a tale proposito che p e sia la valutazione dell imprenditore, e p b, quella della banca, e che la prima ecceda la seconda. Per semplicità inoltre si ipotizza che l imprenditore finanzia l intero progetto attraverso il prestito. Se la dimensione del progetto è pari ad M, la condizione di zeroprofitti della banca sarà: M(1+i)= Rpb+(1-pb)C [2.1] in cui C l ammontare di garanzie richiesto e R il rimborso complessivo richiesto ed i è il tasso di interesse sui depositi (a cui per ipotesi supponiamo che l offerta di fondi è perfettamente elastica). Il profitto atteso dell imprenditore invece sarà: Πe=pe(X-R)-(1-pe)C [2.2] In un ambiente cosi semplificato il risultato del processo di mercato deve essere il risultato di: max Π (C, r) e [ 2.1 ], sub e r > i, C > 0 La soluzione a questo semplice problema implica sempre l impiego del massimo ammontare possibile (e utile) di garanzie. Infatti dalla [2.1] discende che la banca è disposta, ferma restando la condizione di zeroprofitti, a diminuire le garanzie aumentando il rimborso secondo un rapporto costante p b /1-p b (ovvero anche l inclinazione della corrispondente retta nello spazio dei contratti R, C) mentre l imprenditore sarà disposto a scambiare ad un rapporto p e /1-p e (che in questo caso è quindi l inclinazione delle curve di indifferenza nello spazio dei contratti). Dato che p e >p b, l imprenditore preferirà sempre utilizzare il massimo ammontare disponibile di garanzie. 4

5 Sulla base di un argomento analogo, de Meza e Southey (1996) trovano un risultato simile. La loro ipotesi fondamentale è che, in una popolazione di potenziali imprenditori con differenti abilità ed atteggiamenti psicologici, ci sarà una distorsione nel campione di individui che decidono effettivamente di realizzare i progetti di cui sono dotati. Una caratteristica interessante di questo modelli è che sono coerenti con alcune regolarità empiriche osservate, che non sono facilmente spiegate in altri contesti: 1) Esiste un (più) elevato tasso di fallimenti tra le imprese relativamente giovani. Ciò dipende dal fatto che imprenditori eccessivamente ottimisti escono dal mercato in periodi successivi. 2) Prestiti in cui un forte livello di garanzie viene richiesto hanno in media un tasso di fallimenti più elevato. Dato che, quanto più ottimista è l imprenditore, tanto maggiore sarà la asimmetria nella valutazione e, conseguentemente, maggiore sarà l ammontare di garanzie che l imprenditore stesso è disponibile ad impegnare, elevati livelli di garanzie saranno associati in maniera consistente con progetti di bassa qualità. 5

6 Le garanzie come strumento per la separazione dei tipi in modelli di selezione avversa. Come si dimostra nel lavoro precursore di Spence (1973) e Rothschild e Stiglitz (1976), problemi di selezione avversa possono essere risolti attraverso l uso di contratti incentivo-compatibili scritti in termini di segnali informativi della qualità di agenti diversi, che permettono la separazione di questi agenti in equilibrio. La caratteristica cruciale di questi modelli risiede nella esistenza di preferenze sistematicamente diverse tra i tipi di agente che rendono possibile la scrittura di insiemi di contratti che inducono gli agenti stessi ad auto-selezionarsi, scegliendo il contratto per essi più vantaggioso. Attraverso questo meccanismo gli agenti implicitamente rivelano le proprie caratteristiche. Nel seguito espongo una versione semplificata del modello in Bester (1987). Esistono due tipi di imprenditori avversi al rischio distinti solo dalla rischiosità del progetto di investimento di cui sono dotati. I progetti (i=1, 2), di dimensione fissa, hanno lo stesso rendimento atteso e due possibili risultati. Si ipotizza che in caso di insuccesso entrambi i progetti diano un payoff nullo e che i rispettivi payoffs in caso di successo siano X 1 e X 2, con X 1 >X 2. Ciò implica che le probabilità di successo di ognuno dei progetti, p i, siano inversamente correlate al payoff positivo (infatti p i X i =M, se M è il ricavo atteso di entrambi gli investimenti). U(.) sia la funzione di utilità concava degli imprenditori, quindi gli imprenditori siano avversi al rischio. Questa ipotesi implica che gli imprenditori sono via via che impegnano maggiori quantità di ricchezza come garanzia sempre più riluttanti ad impegnarne di più quando esistano delle possibilità di fallimento. Le banche sono neutrali al rischio e competono nel mercato del credito attraverso la scelta dei termini del contratto (à la Bertrand). Se si adotta un concetto di Nash, un equilibrio è un insieme di contratti, L j, che specifichi tasso di interesse e garanzie richieste, tali che: 1) Ogni contratto guadagni profitti nulli; 2) Nessun contratto profittevole possa essere aggiunto all insieme di contratti di equilibrio. Il punto principale del modello è l osservazione che, per ogni coppia (R, C), in cui R=(1+r)D sia il rimborso totale dovuto alla banca e C l ammontare di garanzie, il tasso marginale di sostituzione (ovvero la disponibilità marginale a scambiare diminuzioni del tasso di interesse in cambio di maggiori garanzie) dell imprenditore meno rischioso (2) è maggiore di quello dell imprenditore più rischioso (1) a causa della minore probabilità di fallimento del progetto (2). Si può dimostrare questa 6

7 proposizione attraverso una analisi del tasso marginale di sostituzione,, dei due tipi: (1- p1)u'(w - C) (1- p2 )U'(W - C) σ 1 = > = σ 2 [ 2.5] p U'(W + X - R) p U'(W + X - R) in cui W sia la ricchezza iniziale dell imprenditore. La diseguaglianza [2.5] è necessariamente valida perché per ipotesi p 1 <p 2 e X 1 >X 2 e a causa della concavità di U(.). 2 Le conseguenze della diseguaglianza [2.5] possono essere illustrate dal Grafico 2.2. Le curve di indifferenza nello spazio dei contratti -garanzie/tasso d interesse- dell imprenditore dotato del progetto più rischioso sono necessariamente più ripide. Queste condizioni sono sufficienti ad assicurare che una coppia di contratti di equilibrio esista e che si possa escludere un fenomeno di razionamento di equilibrio. Si supponga che, date le caratteristiche dei progetti, le linee O 1 e O 2, illustrino le condizioni di profitti nulli per contratti offerti rispettivamente a imprenditori dotati di progetti (1) e (2). Si osservi che, ovviamente, escludendo il caso di un prestito privo di rischio, la linea di zero-profitti 7

8 che si riferisce a progetti di tipo (1) è più ripida e giace interamente al di sopra della linee di zero-profitti per i progetti meno rischiosi di tipo (2). Data la avversione al rischio degli imprenditori, in un contesto di perfetta informazione, il migliore contratto che possa essere offerto ad ognuno di essi non deve prevedere l impegno di alcuna garanzia. Gli imprenditori pagano invece un premio per il rischio che compensa le perdite attese della banca negli stati peggiori del mondo. Date le condizioni di profitti nulli i contratti ottimali sarebbero L e L 1 nel Grafico 2.2. In un contesto di asimmetria informativa invece, la necessità di assicurare la compatibilità degli incentivi (ovvero di assicurare che ogni imprenditore scelga di finanziarsi con un contratto disegnato proprio per quel tipo di imprenditore) permette alla banca di offrire il contratto ottimale solo agli imprenditori dotati del progetto rischioso (1). Il contratto offerto agli imprenditori dotati del progetto (2) invece, contempla un ammontare positivo di garanzie sufficiente a indurre il tipo (1) a preferire il contratto L 1. Tale contratto (L 2 nel Grafico 2.2) è quindi il migliore che possa essere offerto sulla linea di zero profitti O 2, che offra al tipo (1) un livello di utilità minore di quello di cui gode al contratto L 1. Graficamente esso si trova nella intersezione tra la O 2 e la curva di indifferenza dell imprenditore più rischioso passante per il contratto L 1, ovvero la curva U 1. La coppia di contratti L 1 -L 2, assicura che non esiste razionamento in equilibrio. Tuttavia la separazione dei tipi viene ottenuta a costo di una allocazione inefficiente del rischio. Un tipo di imprenditore, quello dotato di un progetto meno rischioso, sopporta il costo della separazione in termini di un maggiore rischio. 8

9 Garanzie e diversione dei fondi verso usi privati (azzardo morale) L ultima classe di modelli che consideriamo, curiosamente, comprende modelli recenti e non (Barro, 1976, Hart, 1995 e Black e de Meza, 1992). Questi modelli sono basati sulla idea che, a seconda della fase di realizzazione del progetto, l imprenditore possa utilizzare i fondi per propri usi privati o estrarre dal progetto stesso l intero (o una parte del) surplus realizzato. Con il solito modello alla Stiglitz e Weiss ipotizzate che le banche non siano in grado di osservare l andamento del progetto ex-post e che gli imprenditori possano distogliere dall impresa una quota, α, del valore finale del progetto la restante quota svanisce nel processo di saccheggio). Il profitto atteso di un imprenditore con probabilità di successo p e payoff in caso di successo X,sarà come al solito: =p(x-r)-(1-p)c In questo caso però l imprenditore valuta ex-post se dichiarare fallimento comunque (anche in caso di successo) o meno sulla base delle convenienza relativa. In caso di successo in particolare il suo profitto sarà: nf = (X-R), f = αx C se non dichiara fallimento se dichiara fallimento Ciò implica che l imprenditore fallirà (dichiarerà fallimento) comunque se f > nf ovvero se C<R-X(1-α) Quindi un livello minimo di garanzie è necessario per indurre gli imprenditori a non fallire quando il progetto è riuscito. Tale livello dipende dal rimborso (maggiore è il rimborso maggiore la garanzia necessaria), e dalla proporzione di fondi che l imprenditore può divertere (maggiore è α, maggiore la garanzia). Esercizio: Come sarà correlata la garanzia minima con la rischiosità dei progetti? 9

10 Conclusioni In questo dispensa si è analizzata parte della letteratura sull uso di garanzie nel mercato del credito. Una enfasi particolare è stata dedicata alla letteratura che ne motiva l utilizzo con la presenza di asimmetrie informative di vario genere. In seguito alla pubblicazione del fondamentale lavoro di Stiglitz e Weiss (1981), un vasto filone della letteratura ha infatti esplorato l ipotesi che la disponibilità di garanzie reali escluda la possibilità di un equilibrio con razionamento in mercati caratterizzati da informazione asimmetrica ex-ante. Nella classe di modelli assimilabili a Bester (1987), l uso di garanzie viene spiegato col tentativo della banca di separare i tipi meno rischiosi da quelli più rischiosi. Gli imprenditori rischiosi, avendo maggiore probabilità di perdere le garanzie sono più riluttanti ad offrirle e quindi in equilibrio la relazione tra l ammontare di garanzie offerte e la rischiosità dei progetti è negativa. Questa predizione è fortemente contraddetta dalla saggezza convenzionale e dalla evidenza empirica sull argomento (Berger e Udell, 1991, e Leeth e Scott, 1989). In particolare Berger e Udell (1991) trovano nei dati a loro disposizione che, non solo la rischiosità dei progetti, ma anche il premio per il rischio richiesto sul prestito è positivamente correlato con l ammontare di garanzie offerto. Essi interpretano questo risultato come un implicito rifiuto dell ipotesi che le garanzie siano utilizzate come mezzo per discriminare qualitativamente i clienti al fine di indurli ad una implicita rivelazione della propria informazione privata. La correlazione riportata non è compatibile con nessuno dei modelli basati sulla informazione privata e può essere spiegata solo nell ambito di approcci differenti all uso di garanzie. Tale correlazione può emergere in modelli con asimmetria nella valutazione dei progetti, quando gli imprenditori effettuano valutazioni sistematicamente ottimistiche del proprio progetto, mentre le banche non soffrono di alcuna distorsione (de Meza e Southey, 1996). Un altra spiegazione dipende dall esistenza di solo azzardo morale, sotto una serie di ipotesi specifiche. In particolare essa può essere spiegata nell ambito del modello di diversione dei fondi. 10

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

«LABOUR MANAGED FIRM» ED EFFETTO DI «MORAL HAZARD»

«LABOUR MANAGED FIRM» ED EFFETTO DI «MORAL HAZARD» «LABOUR MANAGED FIRM» ED EFFETTO DI «MORAL HAZARD» MARINA ALBANESE * 1. Introduzione Il modello Ward-Vanek-Meade è un noto paradigma relativo ad un particolare tipo di impresa in cui i lavoratori prendono

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 6: Equilibrio economico generale (part 2) David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

TEORIE DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA. UNA RASSEGNA CRITICA

TEORIE DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA. UNA RASSEGNA CRITICA TEORIE DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA. UNA RASSEGNA CRITICA GIOVANNI CESARONI * Introduzione In questo lavoro intendiamo presentare una rassegna, che sia al contempo una discussione problematica, del

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

L Economia del Benessere

L Economia del Benessere L Economia del Benessere L'Economia del Benessere è la branca normativa della Scienza Economica. In quest'area della ricerca vengono studiate e definite delle regole (o dei metodi) per poter classificare,

Dettagli

1. Limite finito di una funzione in un punto

1. Limite finito di una funzione in un punto . Limite finito di una funzione in un punto Consideriamo la funzione: f ( ) = il cui dominio risulta essere R {}, e quindi il valore di f ( ) non è calcolabile in =. Quest affermazione tuttavia non esaurisce

Dettagli

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente.

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente. ESERCIZI SVOLTI SU COMPORTAMENTO DELL IMPRESA di G.Garofalo 1. Nota la funzione di costo totale CT = 1 + 3 + 70 Determinare le funzioni di costo: - fisso e medio fisso - variabile e medio variabile - medio

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf)

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf) Capitolo 6 La produzione A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1 Questo file (con nome cap_06.pdf) può essere scaricato da siti e file elearning.moodle2.unito.it/esomas/course/ view.php?id=215 abbreviato

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)).

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)). Calcolo differenziale Il teorema di Rolle TEOREMA DI ROLLE Ipotesi f continua su [a, b] f derivabile per lo meno su (a,b) f(a) = f(b) Tesi Esiste almeno un punto c in (a, b) tale che Giustificazione con

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

I costi nel breve periodo

I costi nel breve periodo I costi di produzione e la funzione di offerta Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 15 17.01.2014 La valutazione degli intangibili Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie Diversi sono i motivi per i quali un azienda può avere

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli