APPROFONDIMENTO SUI TEMI DEL «JOBS ACT»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPROFONDIMENTO SUI TEMI DEL «JOBS ACT»"

Transcript

1 APPROFONDIMENTO SUI TEMI DEL «JOBS ACT» Riservata a Clienti e Collaboratori Lissone, 23 marzo 2015 Riunione clienti

2 INDICE Premessa 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI 2. SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLE MANSIONI 3. SGRAVI CONTRIBUTIVI PER ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO 4. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO IN BUSTA PAGA 5. I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI NASpI, ASDI e DIS COLL pag. 3 pag. 5 pag. 30 pag. 35 pag. 38 pag. 45 Riunione clienti

3 Premessa: LE FONTI A) La legge-delega 10 dicembre 2014, n. 183 B) Gli schemi di decreto legislativo Il 20 febbraio 2015 il Consiglio dei Ministri ha approvato quattro schemi di decreto legislativo: a) «Schema di decreto legislativo in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183 recante disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti»; b) «Schema di decreto legislativo recante il testo organico delle tipologie contrattuali e la revisione della disciplina delle mansioni, in attuazioni della legge 10 dicembre 2014, n. 183»; c) «Schema di decreto legislativo recante disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183»; d) «Schema di decreto legislativo recante attuazione dell articolo 1, commi 8 e 9 della legge 10 dicembre 2014, n. 183, recante deleghe al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, nonché in materia di riordino della disciplina dei rapporti di lavoro e dell attività ispettiva e di tutela e conciliazione delle esigenze di cura, vita e di lavoro» Segue Riunione clienti

4 Premessa: LE FONTI C) I decreti legislativi pubblicati in Gazzetta Ufficiale Ad oggi, sono stati emessi due decreti legislativi, pubblicati in Gazzetta Ufficiale il 6 marzo 2015 e in vigore dal 7 marzo 2015: a) Decreto Legislativo n. 22 del 4 marzo 2015, «Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183»; b) Decreto Legislativo n. 23 del 4 marzo 2015, «Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183» Riunione clienti

5 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI I PRINCIPI ISPIRATORI Ambito di applicazione: nuove assunzioni a partire dal 7 marzo 2015 Oggetto: «contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti» in relazione all anzianità di servizio Caratteristiche: i. esclusione, per i licenziamenti economici, possibilità della reintegrazione del lavoratore nel posto di lavoro; ii. iii. iv. indennizzo economico certo e crescente in relazione all anzianità del servizio; limitazione del diritto alla reintegrazione ai licenziamenti nulli e discriminatori ed a specifiche fattispecie di licenziamento disciplinare ingiustificato; previsione di termini certi per l impugnazione del licenziamento. Riunione clienti

6 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI CAMPO DI APPLICAZIONE Il regime di tutela nel caso di licenziamento illegittimo previsto dal decreto legislativo n. 23/2015 si applica a: A i. operai; ii. impiegati; iii. quadri; assunti con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a decorrere dal 7/3/2015 NO DIRIGENTI B C in caso di conversione, successiva al 7/3/2015, di contratto a tempo determinato o di apprendistato in contratto a tempo indeterminato nel caso in cui il datore di lavoro, in conseguenza di assunzioni a tempo indeterminato avvenute successivamente al 7/3/2015, superi i 15 dipendenti, il licenziamento dei lavoratori, anche di quelli assunti precedentemente a tale data, è disciplinato dalle nuove disposizioni incentivo verso nuove assunzioni Riunione clienti

7 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI CAMPO DI APPLICAZIONE Coesistenza di due discipline Disciplina già in vigore (art. 18 l. 300/1970 e art. 8 l. 604/1966): a tutti i rapporti già in atto Nuova disciplina: ai rapporti instaurati successivamente al 7/3/2015 Discrimine temporale per stabilire l applicazione dell una o dell altra disciplina i. non è determinato dalla data di intimazione del licenziamento ii. ma esclusivamente dalla data di instaurazione del rapporto di lavoro da cui si intende recedere (ovvero se anteriore o posteriore al 7/3/2015) Riunione clienti

8 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI CAMPO DI APPLICAZIONE TABELLA RIASSUNTIVA Dimensione aziendale Lavoratori assunti PRIMA del 7/3/2015 Lavoratori assunti DOPO il 7/3/2015 Fino a 15 dipendenti Vecchia disciplina Nuova disciplina Con più di 15 dipendenti Vecchia disciplina Nuova disciplina Datore di lavoro che supera i 15 dipendenti a seguito di nuove assunzioni effettuate dopo il 7/3/2015 Nuova disciplina Nuova disciplina Riunione clienti

9 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI TIPOLOGIE DI LICENZIAMENTI E LORO DISCIPLINA quadro riassuntivo A B C D DISCRIMINATORIO, NULLO, INTIMATO IN FORMA ORALE, DISABILITA SOPRAVVENUTA GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO GIUSTIFICATO MOTIVO SOGGETTIVO O GIUSTA CAUSA insussistenza del fatto materiale contestato GIUSTIFICATO MOTIVO SOGGETTIVO O GIUSTA CAUSA altre ipotesi di illegittimità REINTEGRAZIONE + INDENNITA SOLO INDENNITA REINTEGRAZIONE + INDENNITA SOLO INDENNITA Riunione clienti

10 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI A. LICENZIAMENTO DISCRIMINATORIO, NULLO, INTIMATO IN FORMA ORALE (art. 2 d.lgs. 23/2015) Il Giudice, con la pronuncia con la quale dichiara la nullità del licenziamento perché Discriminatorio ex art. 15 l. 300/1970 (credo politico; fede religiosa; appartenenza ad un sindacato o attività sindacale; razza, nazionalità, lingua, provenienza geografica; età; genere; orientamento sessuale; convinzioni personali) Riconducibile agli altri casi di nullità espressamente previsti dalla legge (maternità dal concepimento fino all anno di vita del bambino; matrimonio lavoratrice se intercorrente dal giorno delle pubblicazioni a un anno dopo la celebrazione; congedo parentale o malattia del bambino) Intimato in forma orale ordina al datore di lavoro la reintegrazione del lavoratore nel posto di lavoro, indipendentemente dal motivo formalmente addotto. A seguito dell ordine di reintegrazione, il rapporto si intende risolto quando il lavoratore non abbia ripreso servizio entro 30 giorni dall invito del datore, salvo che abbia richiesto l indennità sostitutiva della reintegrazione. Riunione clienti

11 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI A. LICENZIAMENTO DISCRIMINATORIO, NULLO, INTIMATO IN FORMA ORALE IL RISARCIMENTO DEL DANNO (art. 2 d.lgs. 23/2015) Il Giudice, con la pronuncia con la quale dichiara la nullità del licenziamento ed ordina la reintegrazione, condanna il datore di lavoro: a) al risarcimento del danno subito dal lavoratore, stabilendo un indennità commisurata all ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del TFR i. dal giorno del licenziamento sino a quello dell effettiva reintegrazione ii. dedotto quanto percepito, nel periodo di estromissione, per lo svolgimento di altre attività lavorative; b) la misura del risarcimento non potrà in ogni caso essere inferiore a 5 mensilità dell ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del TFR; c) per il medesimo periodo, il datore di lavoro è condannato al versamento dei contributi previdenziali e assistenziali. Riunione clienti

12 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI A. LICENZIAMENTO DISCRIMINATORIO, NULLO, INTIMATO IN FORMA ORALE L INDENNITA SOSTITUTIVA DELLA REINTEGRAZIONE (c.d. OPTING OUT) (art. 2 d.lgs. 23/2015) Fermo il risarcimento del danno, il lavoratore può chiedere al datore di lavoro, in sostituzione della reintegrazione nel posto, un indennità pari a 15 mensilità dell ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del TFR. La richiesta: i. determina la risoluzione del rapporto ii. non è assoggettata a contribuzione previdenziale. La richiesta dell indennità va effettuata entro 30 giorni: a) dalla comunicazione del deposito della pronuncia, ovvero b) dall invito del datore di lavoro a riprendere servizio, se anteriore alla predetta comunicazione Riunione clienti

13 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI A. LICENZIAMENTO PER INIDONEITA FISICA O PSICHICA DEL LAVORATORE (art. 2, comma 4 d.lgs. 23/2015) La reintegrazione nel posto di lavoro viene disposta da parte del Giudice anche nelle ipotesi in cui viene accertato il difetto di giustificazione per motivo consistente nella disabilità fisica o psichica del lavoratore, anche ai sensi degli articoli 4, comma 4 e 10, comma 3 l. 68/1999 per i lavoratori che divengono inabili allo svolgimento delle proprie mansioni a seguito di infortunio o malattia, l infortunio o la malattia non costituiscono giustificato motivo di licenziamento nel caso in cui essi possano essere adibiti a mansioni equivalenti o, in mancanza, inferiori in caso di aggravamento delle condizioni di salute o di significative variazioni dell organizzazione del lavoro, il disabile può chiedere che sia accertata la compatibilità delle mansioni affidate con il proprio stato di salute; nelle stesse ipotesi, il datore può chiedere che siano accertate le condizioni di salute del disabile per verificare se, a causa delle minorazioni, può essere ancora utilizzato; ove si riscontri una condizione di aggravamento incompatibile con la prosecuzione dell attività, o l incompatibilità sia accertata con riferimento alla variazione dell organizzazione del lavoro, il disabile ha diritto alla sospensione non retribuita del rapporto fino a che l incompatibilità persista; il rapporto può essere risolto nel caso in cui, anche attuando i possibili adattamenti dell organizzazione del lavoro, la commissione accerti la definitiva impossibilità di reinserire il disabile in azienda Riunione clienti

14 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI B. LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO (art. 3 d.lgs. 23/2015) Quando accerta che non ricorrono gli estremi del licenziamento per Giustificato Motivo Oggettivo, il Giudice: a) dichiara estinto il rapporto di lavoro alla data del licenziamento; b) condanna il datore di lavoro al pagamento di una indennità non assoggettata a contribuzione previdenziale (NO reintegrazione) c) di importo pari a 2 mensilità dell ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del TFR per ogni anno di servizio, in misura comunque non inferiore a 4 e non superiore a 24 mensilità N.B.: non trova applicazione l art. 7 l. 604/1966. Nei confronti di operai, impiegati o quadri assunti dopo il 7/3/2015, se licenziati per Giustificato Motivo Oggettivo, non va attivata la procedura per esperire il tentativo di conciliazione avanti alla DTL del luogo in cui il lavoratore presta la sua opera Riunione clienti

15 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI C. LICENZIAMENTO DISCIPLINARE (GIUSTA CAUSA E GIUSTIFICATO MOTIVO SOGGETTIVO) insussistenza del fatto materiale contestato (art. 3 d.lgs. 23/2015) Restringimento della casistica nell ambito della quale il Giudice può ordinare la reintegrazione nel posto di lavoro, nel caso in cui il licenziamento disciplinare sia dichiarato illegittimo, e sempre a condizione che il datore di lavoro possieda i requisiti numericooccupazionali di cui all art. 18 l. 300/1970 (più di 15 dipendenti): reintegrazione disposta esclusivamente nelle ipotesi di licenziamento disciplinare (giustificato motivo soggettivo o giusta causa) in cui sia direttamente dimostrata in giudizio l insussistenza del fatto materiale contestato al lavoratore rispetto alla quale resta estranea ogni valutazione circa la sproporzione del licenziamento. In tal caso il Giudice: i. annulla il licenziamento; ii. condanna il datore di lavoro alla reintegrazione nel posto di lavoro al pagamento di un indennità risarcitoria Riunione clienti

16 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI C. LICENZIAMENTO DISCIPLINARE (GIUSTA CAUSA E GIUSTIFICATO MOTIVO SOGGETTIVO) insussistenza del fatto materiale contestato (art. 3 d.lgs. 23/2015) L indennità risarcitoria, che si affianca alla reintegra, è: i. commisurata all ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del TFR, dal giorno del licenziamento fino a quello dell effettiva reintegrazione ii. dedotto quanto il lavoratore abbia percepito per lo svolgimento di altre attività lavorative. In ogni caso, la misura dell indennità risarcitoria non può essere superiore a 12 mensilità dell ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del TFR. Il datore di lavoro è condannato, altresì, al versamento dei contributi previdenziali e assistenziali dal giorno del licenziamento a quello dell effettiva reintegrazione. Al lavoratore è attribuita la facoltà del c.d. opting out: scelta di un indennità sostituiva della reintegra, pari a 15 mensilità dell ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del TFR, non soggetta a contribuzione. Da tale richiesta deriva la risoluzione del rapporto. Riunione clienti

17 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI C. LICENZIAMENTO DISCIPLINARE (GIUSTA CAUSA E GIUSTIFICATO MOTIVO SOGGETTIVO) insussistenza del fatto materiale contestato (art. 3 d.lgs. 23/2015) N.B.: da non sottovalutare la portata dell espressione «rispetto alla quale resta estranea ogni valutazione circa la sproporzione del licenziamento». Ciò significa che, in ipotesi, il lavoratore potrà essere licenziato anche per un fatto di «modico» valore (es.: assenza non giustificata di un giorno dal lavoro), poiché viene esclusa ogni valutazione soggettiva del fatto attribuito e del suo rapporto con la sanzione comminata. Ciò che conta è solo la sussistenza del fatto materiale contestato (es.: l assenza non giustificata dal lavoro), non entra in gioco la valutazione di altri elementi che potrebbero dimostrare la sproporzione tra il fatto contestato (assenza di un solo giorno) e sanzione (licenziamento). Onere della prova circa l insussistenza del fatto materiale contestato in capo al lavoratore. Rischi di «abuso» della norma? Perplessità nei primi commenti; Interpretazione costituzionalmente orientata che ne verrà data dalla giurisprudenza di merito. Riunione clienti

18 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI D. LICENZIAMENTO DISCIPLINARE (GIUSTA CAUSA E GIUSTIFICATO MOTIVO SOGGETTIVO) altre ipotesi di illegittimità (art. 3 d.lgs. 23/2015) Se non viene dimostrata l insussistenza del fatto materiale contestato al lavoratore, ma il licenziamento è comunque giudicato illegittimo perché non ne ricorrono i motivi (ad esempio perché privo di giusta causa e/o giustificato motivo) i. il Giudice dichiara estinto il rapporto alla data del licenziamento (NO reintegrazione); ii. iii. condanna il datore di lavoro al pagamento di un indennità (non soggetta a contribuzione); di importo pari a 2 mensilità dell ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del TFR per ogni anno di servizio, in misura comunque non inferiore a 4 e non superiore a 24 mensilità Riunione clienti

19 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI VIZI FORMALI E PROCEDURALI (art. 4 d.lgs. 23/2015) Nell ipotesi in cui il licenziamento sia intimato con violazione : a. del requisito di motivazione: la comunicazione del licenziamento, sempre in forma scritta, deve contenere la specificazione dei motivi che lo hanno determinato (art. 2, comma 2 l. 604/1966); b. della procedura che regolamenta la contestazione degli addebiti disciplinari e il diritto di difesa del lavoratore (art. 7 della l. 300/1970) il Giudice: i. dichiara estinto il rapporto alla data del licenziamento ; ii. condanna il datore a pagare un indennità (non soggetta a contribuzione) pari a 1 mensilità della retribuzione di riferimento per il calcolo del TFR per ogni anno di servizio; iii. in misura comunque non inferiore a 2 e non superiore a 12 mensilità. Riunione clienti

20 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI REVOCA DEL LICENZIAMENTO (art. 5 d.lgs. 23/2015) Nell ipotesi di revoca del licenziamento, purché effettuata entro 15 giorni dalla comunicazione al datore di lavoro dell impugnazione del medesimo, il rapporto di lavoro si intende ripristinato senza soluzione di continuità, con diritto del lavoratore alla retribuzione maturata nel periodo precedente alla revoca, e non trovano applicazione i regimi sanzionatori previsti dal decreto Riunione clienti

21 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI OFFERTA DI CONCILIAZIONE (art. 6 d.lgs. 23/2015) In caso di licenziamento dei lavoratori assunti con contratto a tutele crescenti, al fine di evitare il giudizio, il datore di lavoro può offrire al lavoratore, entro il termine di impugnazione stragiudiziale del licenziamento (60 giorni) in qualsiasi sede «protetta» (sindacato, DTL ecc.): a. un importo che non costituisce reddito imponibile ai fini IRPEF e che non è assoggettato a contribuzione previdenziale, di ammontare pari a 1 mensilità della retribuzione di riferimento per il calcolo del TFR per ogni anno di servizio, in misura comunque non inferiore a 2 e non superiore a 18 mensilità; b. mediante consegna di assegno circolare; c. l accettazione dell assegno da parte del lavoratore comporta i) l estinzione del rapporto dalla data del licenziamento e ii) la rinuncia all impugnazione del licenziamento anche qualora il lavoratore l abbia già proposta; d. le eventuali ulteriori somme pattuite nella stessa sede conciliativa a chiusura di ogni altra pendenza derivante dal rapporto di lavoro sono soggette al regime fiscale ordinario. Segue Riunione clienti

22 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI OFFERTA DI CONCILIAZIONE (art. 6 d.lgs. 23/2015) a. la comunicazione obbligatoria telematica di cessazione del rapporto è integrata da una ulteriore comunicazione, da effettuarsi entro 65 giorni dalla cessazione del rapporto, nella quale va indicata la avvenuta / non avvenuta conciliazione; b. l omissione della comunicazione è colpita con la medesima sanzione prevista per l omissione della comunicazione di cessazione (da 100,00 ad 500,00); c. il modello di trasmissione della comunicazione obbligatoria sarà modificato Riunione clienti

23 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI COMPUTO DELL ANZIANITA NEGLI APPALTI (art. 7 d.lgs. 23/2015) Ai fini del calcolo delle indennità e degli importi previsti da Art. 3, comma 1 2 (min 4 max 24) Art. 4 1 (min 2 max 12) Art. 6 1 (min 2 max 18) l anzianità di servizio del lavoratore che passa alle dipendenze dell impresa che subentra nell appalto si computa tenendo conto di tutto il periodo durante il quale il lavoratore è stato impiegato nell attività appaltata Riunione clienti

24 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI MISURA DELLE INDENNNITA PER FRAZIONI DI ANNO (art. 8 d.lgs. 23/2015) Per le frazioni di anno d anzianità di servizio, le indennità di cui agli sono riproporzionate e le frazioni di mese uguali o superiori a 15 giorni si contano come mese intero Riunione clienti

25 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI LE PICCOLE IMPRESE (art. 9 d.lgs. 23/2015) Per operai, quadri, impiegati assunti con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a decorrere dal 7/3/2015, alle dipendenze di un datore di lavoro che non abbia più di 15 dipendenti nell unità produttiva in cui si è verificato il licenziamento: a. in caso di licenziamento discriminatorio nullo Reintegrazione + risarcimento del danno (min. 5 mensilità) e versamento contributi b. a seguito di un licenziamento disciplinare rispetto al quale sia stata dimostrata l insussistenza del fatto materiale contestato / licenziamento economico è sempre esclusa la reintegrazione; a. l ammontare delle indennità è dimezzato e non può in ogni caso superare le 6 mensilità Norma Regime 100% Regime 50% Art. 3, comma 1 2 (min 4 max 24) 1 (min 2 max 6) Art. 4 1 (min 2 max 12) 0,5 (min 1 max 6) Art. 6 1 (min 2 max 18) 0,5 (min 1 max 6) Riunione clienti

26 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI DATORI DI LAVORO NON IMPRENDITORI (art. 9 d.lgs. 23/2015) La disciplina del decreto legislativo si applica anche ai datori di lavoro non imprenditori, che svolgono senza fine di lucro attività di natura politica (partiti), sindacale (sindacati), culturale, di istruzione ovvero di religione o di culto. Riunione clienti

27 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI LICENZIAMENTO COLLETTIVO (art. 10 d.lgs. 23/2015) A. In caso di licenziamento collettivo intimato senza la forma scritta, si applica il regime sanzionatorio ex art. 2 d.lgs. 23/2015: al lavoratore spetta sempre la reintegrazione nel posto di lavoro, più un indennità minima pari a 5 mensilità dell ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del TFR. B. In caso di violazione: i. delle procedure richiamate all art. 4, co. 12, ii. o dei criteri di scelta ex art. 5, comma 1 l. 223/1991 il datore è condannato a pagare un indennità (non soggetta a contribuzione) pari a 2 mensilità dell ultima retribuzione utile per il calcolo del TFR per ogni anno di servizio, in misura comunque non inferiore a 4 e non superiore a 24 mensilità Riunione clienti

28 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI RITO APPLICABILE (art. 11 d.lgs. 23/2015) Ai licenziamenti di cui al decreto non si applicano le disposizioni dei commi da 48 a 68 dell art. 1 l. 92/2012 (c.d. Rito Fornero): non serve la comunicazione preventiva in DTL. Si applica il ricorso disciplinato dall art. 414 e ss. c.p.c. Riunione clienti

29 1. IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI TABELLA RIASSUNTIVA TIPO DI LICENZIAMENTO DESCRIZIONE SOGGETTO DISCRIMINATORIO, NULLO, ORALE PER SOPRAVVENUTA DISABILITA' GIUSTA CAUSA O GIUSTIFICATO MOTIVO SOGGETTIVO (DISCIPLINARE) GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO LICENZIAMENTI COLLETTIVI RAGIONI DI SESSO, RAZZA, RELIGIONE, SINDACATO. DURANTE MATERNITA' E PUERPERIO, MATIMONIO. LICENZIAMENTO ORALE RISARCIMENTO MEDIO TEMPORE TUTTE LE AZIENDE Integrale - minimo 5 INCLUSE LE ORGANIZZAZIONI mensilità DI TENDENZA retribuzione utile TFR Integrale - minimo 5 INIDONEITA' FISICO-PSICHICA TUTTE LE AZIENDE mensilità retribuzione utile TFR MANIFESTA INSUSSISTENZA DEL FATTO ALTRE IPOTESI DI ILLEGITTIMITA MANIFESTA INSUSSISTENZA DEL FATTO VIOLAZIONE DEI CRITERI EX ART. 5 L.223/91 VIZI PROCEDURA ART. 4 L. 223/91 PIU' DI 15 DIP U.P. O PIU' DI 60 DIP IN COMUNI DIVERSI NON Più DI 15 DIP PIU' DI 15 DIP U.P. O PIU' DI 60 DIP IN COMUNI DIVERSI NON Più DI 15 DIP PIU' DI 15 DIP U.P. O PIU' DI 60 DIP IN COMUNI DIVERSI NON Più DI 15 DIP PIU' DI 15 DIP U.P. O PIU' DI 60 DIP IN COMUNI DIVERSI Massimo 12 mensilità retribuzione utile TFR SANZIONE reintegrazione o 15 mensilità reintegrazione o 15 mensilità reintegrazione o 15 mensilità da 1 a 6 mensilità minimo 2 mensilità da 2 a 24 mensilità minimo 4 mensilità da 1 a 6 mensilità minimo 2 mensilità da 2 a 24 mensilità minimo 4 mensilità da 1 a 6 mensilità minimo 2 mensilità da 2 a 24 mensilità minimo 4 mensilità Riunione clienti

30 2. SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Il contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato costituisce la forma comune del rapporto di lavoro. Altre tipologie contrattuali Lavoro a tempo parziale Lavoro intermittente Lavoro a tempo determinato Somministrazione di lavoro Apprendistato Riunione clienti

31 2. SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Riconduzione al lavoro subordinato Applicazione della disciplina del lavoro subordinato alle collaborazioni organizzate dal committente Dal 1 gennaio 2016: disciplina del rapporto di lavoro subordinato anche ai rapporti di collaborazione che si concretino in prestazioni di lavoro esclusivamente personali, continuative, di contenuto ripetitivo e le cui modalità di esecuzione siano organizzate dal committente anche con riferimento ai tempi e al luogo di lavoro Esclusioni: collaborazioni per le quali gli accordi collettivi stipulati dalle confederazioni più rappresentative prevedono discipline specifiche; collaborazioni nell esercizio di professioni intellettuali per le quali è necessaria l iscrizione in albi professionali; attività prestate da componenti organi amministrazione e controllo e dai partecipanti ai collegi sindacali; prestazioni di lavoro rese in favore di associazioni e società sportive dilettantistiche affiliate alle federazioni sportive nazionali, alle discipline sportive associate ed agli enti di promozione sportiva riconosciuti dal C.O.N.I. Riunione clienti

32 2. SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Stabilizzazione dei collaboratori coordinati e continuativi anche a progetto e di persone titolari di partita IVA Agevolazione per i datori di lavoro privati che nel periodo compreso fra il 7/3/2015 e il 31 dicembre 2015 procedano all assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato di soggetti già parti di contratti di co.co.co. anche a progetto e di persone titolari di partita IVA Riconduzione al lavoro subordinato A condizione che: i. i lavoratori interessati alle assunzioni sottoscrivano, con riferimento a tutte le possibili pretese riguardanti la qualificazione del pregresso rapporto di lavoro, atti di conciliazione in una sede «protetta» (DTL, sindacato ); ii. nei 12 mesi successivi alle assunzioni, i datori non recedano dal rapporto di lavoro, salvo che per giusta causa ovvero per giustificato motivo soggettivo L assunzione a tempo indeterminato, ove rispetti le condizioni appena indicate, comporta l estinzione delle violazioni previste dalle disposizioni in materia di obblighi contributivi, assicurativi e fiscali connessi alla eventuale erronea qualificazione del rapporto di lavoro pregresso, salve le violazioni già accertate prima dell assunzione Riunione clienti

33 2. SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Superamento del contratto a progetto: Le disposizioni degli articoli da 61 a 69bis d.lgs. 276/2003 (lavoro a progetto e lavoro occasionale) rimangono in vigore esclusivamente per la regolazione dei contratti già in atto alla data di entrata in vigore del decreto Superamento dell associazione in partecipazione con apporto di lavoro Riunione clienti

34 2. SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Disciplina delle mansioni: modifica dell art c.c. con l inserimento della possibilità di assegnare il lavoratore a mansioni appartenenti al livello di inquadramento inferiore, in caso di modifica degli assetti organizzativi aziendali che incidono sulla posizione del lavoratore. Obbligo di accompagnare il mutamento delle mansioni con l assolvimento dell obbligo formativo (ma mancato adempimento non determina la nullità dell atto di assegnazione delle nuove mansioni). Ulteriori ipotesi di assegnazione di mansioni appartenenti al livello di inquadramento inferiore possono essere previste da contratti collettivi, anche aziendali, stipulati da associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. Diritto del lavoratore alla conservazione del livello di inquadramento e del trattamento retributivo in godimento Possibilità di stipulare accordi individuali di modifica delle mansioni in sede «protetta» (DTL, sindacato ) Riunione clienti

35 3. SGRAVI CONTRIBUTIVI PER ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO La Legge di Stabilità 2015 ha previsto uno sgravio contributivo in favore dei datori di lavoro privati che assumono con contratto a tempo indeterminato. L intervento è riferito alle assunzioni decorrenti dal 1 gennaio 2015 sino a tutto il 31 dicembre Lo sgravio consiste nell esonero dal versamento dei contributi previdenziali complessivi a carico dei datori di lavoro (INPS) per un limite massimo di euro annui, ferma restando l aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche, ed è riconosciuto per un massimo di 36 mesi. Permane l obbligo del versamento dei premi e dei contributi INAIL. L esonero spetta una sola volta per ciascun lavoratore. Casi di esclusione dal beneficio: Contratti di apprendistato; Contratti di lavoro domestico; Lavoratori che nei 6 mesi precedenti abbiano avuto un contratto a tempo indeterminato con qualsiasi datore di lavoro; Lavoratori per cui il beneficio sia già stato usufruito in relazione ad una precedente assunzione a tempo indeterminato; Datori di lavoro che assumono lavoratori che hanno intrattenuto con la stessa azienda, e/o società collegate, un contratto a tempo indeterminato nei 3 mesi antecedenti al 1 gennaio 2015 (tra ottobre e dicembre 2014). Riunione clienti

36 3. SGRAVI CONTRIBUTIVI PER ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO Lo sgravio contributivo è ammesso, inoltre, nelle seguenti ipotesi: trasformazione del contratto a tempo determinato in un contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti; trasformazione di un contratto di collaborazione coordinata e continuativa, anche a progetto in un contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti; nuova assunzione di lavoratori con cui ne sei mesi precedenti si avevano rapporti a tempo determinato, collaborazioni coordinate e continuative e a progetto o rapporto con partita iva. Lo sgravio contributivo è previsto anche per il settore agricolo nella medesima misura e durata ( ) a condizione che i lavoratori non siano stati occupati a tempo indeterminato nel 2014 ovvero per i lavoratori a tempo determinato iscritti negli elenchi nominativi per meno di 250 giornate nel corso del L agevolazione non è cumulabile con altre misure di riduzione contributiva previste dalla normativa vigente, mentre è cumulabile con gli altri incentivi di natura economica tra cui: Incentivo per l assunzione di lavoratori disabili; Assunzione di lavoratori beneficiari di ASpI; Assunzione di giovani genitori; Incentivo per i lavoratori iscritti nelle liste di mobilità; Incentivo inerente il programma «Garanzia giovani» Inventivo per l assunzione di giovani lavoratori agricoli; Bonus giovani per la quota non coperta. NB: per poterne beneficiare dell agevolazione l azienda deve essere in regola con i versamenti contributivi. Riunione clienti

37 3. SGRAVI CONTRIBUTIVI PER ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO Alcuni esempi. Esempio 1: Impresa industriale assume un lavoratore con retribuzione annua lorda risparmio annuo Esempio 2: Impresa del terziario assume un lavoratore con retribuzione annua lorda risparmio annuo Esempio 3: Impresa artigiana assume un lavoratore con retribuzione annua lorda risparmio annuo Riunione clienti

38 4. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO IN BUSTA PAGA Le Legge di Stabilità ha previsto, in via sperimentale, per il periodo compreso tra il 1 marzo 2015 e il 30 giugno 2018 che i lavoratori dipendenti da datori di lavoro privato da almeno 6 mesi possano richiedere di percepire in busta paga, come parte integrante della retribuzione, le quote maturande del trattamento di fine rapporto - TFR. A stabilire le regole attuative è il Dpcm del 19 marzo 2015 n. 29, il cui testo contiene anche il modello per la richiesta di pagamento mensile che i lavoratori interessati dovranno sottoscrivere e far avere al datore di lavoro. Restiamo in attesa l Accordo Quadro tra i Ministeri dell Economia e del Lavoro e l ABI (Associazione Banche Italiane),per la regolamentazione del finanziamento agevolato da parte delle banche che aderiscono al protocollo. Riunione clienti

39 4. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO IN BUSTA PAGA La quota liquidata mensilmente prende il nome di QU.I.R. Quota Integrativa della Retribuzione. La volontà del lavoratore espressa per iscritto, su apposito modello, sarà irrevocabile fino al 30 giugno Potranno farne richiesta anche i lavoratori che abitualmente versano il TFR a fondi di previdenza complementare, esclusivamente per la quota maturanda. L opzione NON potrà essere esercitata dai lavoratori dipendenti dalle seguenti tipologie di datori di lavoro: - Datori di lavoro domestico; - Datori di lavoro del settore agricolo; - Aziende sottoposte a procedure concorsuali; - Aziende dichiarate in crisi. Riunione clienti

40 4. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO IN BUSTA PAGA Caratteristiche QU.I.R.: QU.I.R. parte integrante della retribuzione assoggettata a tassazione ordinaria, non a tassazione separata, al netto del contributo IVS dello 0,50%; non è imponibile ai fini contributivi; non concorre al reddito imponibile calcolato al fine dell erogazione del Bonus degli «80 euro». N.B. La QU.I.R non potrà essere erogata ai lavoratori il cui TFR è posto a garanzia di contratti di finanziamento, salvo notifica di estinzione del credito oggetto del contratto. Modalità e decorrenza della liquidazione: Aziende con meno di 50 dipendenti Con risorse proprie dal primo mese dopo la richiesta Accesso al credito agevolato dal terzo mese successivo alla richiesta Aziende con più di 50 dipendenti Con risorse proprie dal primo mese dopo la richiesta Riunione clienti

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22. (GU n.54 del 6-3-2015) Titolo I

DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22. (GU n.54 del 6-3-2015) Titolo I DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22 Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati,

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

APPENDICE DI AGGIORNAMENTO DIRITTO DEL LAVORO EDIZIONE 2011 AGGIORNATA A FEBBRAIO 2013. Con la collaborazione di Paola Bozzao e Lucia Valente

APPENDICE DI AGGIORNAMENTO DIRITTO DEL LAVORO EDIZIONE 2011 AGGIORNATA A FEBBRAIO 2013. Con la collaborazione di Paola Bozzao e Lucia Valente APPENDICE DI AGGIORNAMENTO Edoardo Ghera DIRITTO DEL LAVORO EDIZIONE 2011 AGGIORNATA A FEBBRAIO 2013 Con la collaborazione di Paola Bozzao e Lucia Valente CACUCCI EDITORE 2013 proprietà letteraria riservata

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornata al 28 febbraio 2015 PROGRAMMA POT Pianificazione Territoriale Operativa 2 Sommario

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

(1). IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. Visto l'articolo 2120 del Codice civile, recante la disciplina del trattamento di fine rapporto;

(1). IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. Visto l'articolo 2120 del Codice civile, recante la disciplina del trattamento di fine rapporto; D.P.C.M. 20 febbraio 2015, n. 29 (1). Regolamento recante norme attuative delle disposizioni in materia di liquidazione del TFR come parte integrante della retribuzione per il periodo di paga decorrente

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità di Francesco Verbaro Il dibattito scaturito con la riforma dell art. 18 ha colpito in maniera inaspettata il mondo

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero

Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero Premessa La presente Guida pratica ai contratti di lavoro si pone l obiettivo di fornire, in modo agile e sintetico, una panoramica delle diverse

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Associazione in partecipazione

Associazione in partecipazione Guida_2_2013_Guida_2_2013.qxd 25/03/2014 11:17 Pagina I Associazione in partecipazione a cura di Patrizia Clementi Elisabetta Mapelli 2/2013 Guida_2_2013_Guida_2_2013.qxd 25/03/2014 11:17 Pagina II Guida_2_2013_Guida_2_2013.qxd

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli