SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA"

Transcript

1 SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI CAGLIARI 2) Codice di accreditamento: NZ ) Albo e classe di iscrizione: Albo Regionale-Regione Sardegna II CARATTERISTICHE PROGETTO 4) Titolo del progetto: VolontariaMEMte Volontari alla Mediateca del Mediterraneo 5) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): E 01 6) Descrizione dell area di intervento e del contesto territoriale entro il quale si realizza il progetto con riferimento a situazioni definite, rappresentate mediante indicatori misurabili; identificazione dei destinatari e dei beneficiari del progetto: La MEM Mediateca del Mediterraneo Il Comune di Cagliari, con un notevole investimento in termini economici e di progettazione ha potuto inaugurare 30 aprile del 2011 la MEM - Mediateca del Mediterraneo, sede della nuova biblioteca centrale della città, biblioteca di secondo livello, che compete con i modelli europei di biblioteca pubblica. Una sfida progettuale e concettuale che ha coinvolto il personale bibliotecario e tecnico, quello delle cooperative affidatarie dei servizi al pubblico e che si è avvalsa della qualificata collaborazione di uno dei maggiori esperti del settore, il prof. Giovanni Solimine

2 dell'università La Sapienza di Roma, responsabile del progetto biblioteconomico; Cagliari quindi si è dotata di una struttura che può essere descritta come un'estensione del concetto di biblioteca pubblica moderna che: non limita i propri servizi alla trasmissione della cultura scritta, registrata nei libri e nei periodici, ma che cercherà di proporre al suo pubblico un'offerta di documenti scritti, sonori e visivi, interpretando il tema della multimedialità come l'integrazione di diverse forme espressive in un'offerta organica è una palestra e un laboratorio in cui sia possibile sperimentare e apprendere le varie possibilità di assemblaggio e presentazione dei documenti per acquisire la padronanza di tecnologie e strumenti di produzione multimediale è pienamente calata nella società dell'apprendimento che punta sulla multimedialità come strumento formativo e quindi sulle tecnologie audiovisive a supporto dei processi formativi, dell'istruzione, dell'aggiornamento continuo vuole essere uno strumento di inclusione sociale [.] favorendo la convivenza di etnie e di minoranze con la popolazione sarda (cit. da G. Solimine Un Idea Store in salsa mediterranea, Biblioteche oggi, luglio-agosto 2011, pp ) MEM - Mediateca del Mediterraneo pertanto è la struttura contenitore che ospita al suo interno molteplici servizi e funzioni per rispondere in modo puntuale e diversificato ai bisogni formativi, informativi, di intrattenimento e di crescita culturale dei cittadini: un centro complesso, completo, ricco e multifunzionale dove è possibile per tutti acquisire ogni genere di conoscenza e di informazione su ogni tipologia di supporto, che presenta una sinergica offerta di servizi ed un polo culturale totalmente nuovo e inedito. Particolare cura e attenzione sono dedicate alle fasce deboli (anziani, diversamente abili, immigrati ecc.) per perseguire gli obiettivi di inclusione sociale e di consolidamento delle capacità individuali al fine di favorire una maggiore consapevolezza civica. Altro segmento di pubblico per i quali si progettano e si realizzano attività specifiche è quello dei bambini e degli adolescenti, che trovano nella struttura un punto di riferimento utile ai propri percorsi formativi e di sviluppo della sensibilità culturale.

3 La ristrutturazione dell'edificio, che era il mercato civico della città, è stata finanziata dall'amministrazione comunale e da un finanziamento europeo su un progetto al quale partecipavano soggetti pubblici e privati; ad oggi tutto il secondo piano dell'edificio, l'auditorium e l'aula formazione del piano terra sono in attesa di completamento, ma le procedure amministrative già concluse daranno il via ai lavori a partire da gennaio La struttura offre i suoi servizi con un orario continuato che va dalle 09:00 alle 20:00 dal martedì al sabato, mentre sperimentazioni attive come la sala studio del Servizio Politiche Giovanile estendono l'orario fino alle 23:00. Di seguito un elenco dei servizi attivi al piano terra della MEM: 1. i servizi di accoglienza, di orientamento e di prima informazione, la sala periodici e la sala ragazzi di pertinenza dell'ufficio Archivio Storico Biblioteche del Comune di Cagliari; 2. i servizi di Infopoint culturale (spazio gestito dal Consorzio di Centri d'arte Camù; 3. il servizio progetto della Regione Sardegna che offre l'accesso pubblico al web per i cittadini su tutto il territorio regionale, con lo scopo di colmare i divari in materia di disponibilità, di accessibilità e di competenze digitali per conseguire l obiettivo dell inclusione dei soggetti esclusi e che ha permesso la creazione di postazioni assistite per i diversamente abili (spazio gestito dal Consorzio di Centri d'arte Camù); 4. l'archivio multimediale, nato da un progetto di raccolta e archiviazione della memoria contemporanea della città di Cagliari attraverso materiali multimediali (foto, filmati ecc.), messi a disposizione dalla cittadinanza (spazio gestito dal Consorzio di Centri d'arte Camù) 5. Lo spazio multimedia gestito dalla Società Umanitaria-Cineteca Sarda, in cui si tengono seminari, incontri formativi sulle tecniche cinematografiche e multimediali, sul fumetto e su altri ambiti disciplinari attinenti; è attivo inoltre il servizio di consulenza e prestito di materiale audiovisivo, con particolare riguardo alla sezione dedicata alla Sardegna. Sono disponibili anche due postazioni attrezzate per la visione del materiale escluso dal prestito; 6. La collezione di audiovisivi di lingua e cultura araba dell'associazione Fairuz - Centro Servizi Inteculturali della Comunità Libanese in Sardegna, che organizza eventi e iniziative volte al dialogo interculturale; 7. il Servizio Politiche Giovanili del Comune di Cagliari che offre una sala stu-

4 dio di 40 posti, di un internet point di 23 postazioni e che rivolge i suoi servizi principalmente a un pubblico giovanile; 8. il ristorante/bar I sette vizi che offre gratuitamente i posti a sedere del dehors della corte ai lettori e ai visitatori della MEM per tutto l'arco dell'orario di apertura dei servizi bibliotecari. Da questa sintetica descrizione si evince che tutti gli spazi/funzione del piano terra si compenetrano uno nell'altro senza soluzione di continuità e offrono i loro servizi in sinergia. Al primo piano sono collocati: i servizi della biblioteca generale, quelli della mediateca e un'area navigazione internet di 9 postazioni; essi sono i servizi caratterizzanti la biblioteca di pubblica lettura i servizi della biblioteca di Studi Sardi i servizi dell'archivio Storico gli uffici del personale I servizi attivi presso la MEM, sono di base orientati verso la soddisfazione di quel tipo di esigenze che riguardano l'accesso ai contenuti all'informazione, all'autoformazione e a spazi dedicati allo studio. Tra questi si evidenziano quelli coinvolti specificamente nel progetto suddivisi in: Servizi Bibliotecari e di Archivio Storico: I servizi bibliotecari sono diffusi nel territorio attraverso la rete urbana delle biblioteche del Comune di Cagliari così articolata: I luoghi e i numeri MEM Mediateca del Mediterraneo, via Mameli 164/B Biblioteca di Studi sardi, via Mameli 164/B Archivio Storico, via Mameli 164/B Biblioteca della Municipalità di Pirri, via S. Maria Goretti Altre due sedi territoriali presso gli edifici scolastici di altri due quartieri di Genneruxi e Monte Mixi. Entro l'anno sarà inaugurata una biblioteca per bambini e ragazzi al Centro d'arte e

5 cultura Il Lazzaretto nel quartiere periferico di Sant'Elia Di seguito i dati dei servizi delle biblioteche comunali estrapolati dalle statistiche del 2011 (i dati della MEM coprono il periodo maggio-settembre) prestiti presenze 7376 nuovi iscritti 124 attività di promozione (visite, mostre ecc.) 8013 documenti acquisiti 17 postazioni di navigazione internet 9688 consultazioni internet Archivio storico (comprensivo dello spazio SEARCH Sede espositiva Archivio storico con sede nel sottopiano del Palazzo Comunale) e Biblioteca di Studi sardi: La città di Cagliari è una delle poche realtà italiane in cui convivono i servizi bibliotecari e quelli archivistici, creando un polo di servizio molto interessante anche sotto il profilo della ricerca storica. Il ricco e prezioso patrimonio documentario dell Archivio storico comunale, costituito da numerosi documenti a partire dal periodo catalano aragonese (XIV sec.), viene incrementato da donazioni di privati e/o di enti e istituzioni al Comune di Cagliari, da acquisizioni sul mercato antiquario e dalla documentazione prodotta dall'amministrazione stessa, quando giunge a maturità storica. I servizi offerti sono quelli dell'assistenza alla consultazione delle carte, alla loro riproduzione quando consentito dallo stato del documento e dalle attività di censimento e inventariazione dei fondi. I fruitori dei servizi archivistici sono di diversa tipologia e vanno dal cultore di storia locale, ai ricercatori e docenti universitari e fornisce servizi di documentazione agli uffici dell'amministrazione per l'espletamento delle funzioni istituzionali. Parallelamente si attivano iniziative di promozione e conoscenza dell'archivio attraverso mostre documentarie, visite guidate (per le scuole di ogni ordine e grado e per l'università). Dalla primavera del 2012 il Comune di Cagliari ha internalizzato la sede espositiva SEARCH dell'archivio storico, in cui vengono allestite mostre documentarie legate

6 ai luoghi e alla storia della città, è inoltre molto attiva e frequentata per iniziative, seminari e convegni di rilevante spessore culturale. La Biblioteca di Studi Sardi, che si distingue in tutta la regione per ricchezza e antichità del posseduto. Il patrimonio è caratterizzato da testi sulla Sardegna o di autori sardi comprensivo di periodici e di una sezione rari ci circa 200 testi. Per la particolare specificità del materiale presente e le questioni di vicinanza del fondo con le politiche di tutela e valorizzazione della cultura sarda, è oggetto di numerose visite guidate e laboratori. Servizio Politiche Giovanili I luoghi e i numeri Un internet point con 23 postazioni che permette di accedere alla rete anche a chi non ne ha la possibilità. Questa realtà è nel tempo sempre più frequentata, come dimostrato dalle presenze giornaliere e dai questionari di gradimento dell utenza: il numero degli iscritti, alla data del 30 giugno 2012, è di persone. Destinatari del servizio sono cittadini italiani e stranieri, di qualsiasi età ed estrazione sociale a conferma della funzione di inclusione sociale e di interventi per alleviare i disagi del digital divide che il servizio svolge. L' Internet point serve la più variegata tipologia di pubblico (studenti, disoccupati, pensionati, ecc.) la cui maggioranza si approccia al servizio quotidianamente. Inoltre è attivo il servizio di sala studio ad orario continuato, tutti i giorni fino alle 23:00, che supporta i giovani studenti e va incontro alle loro esigenze di flessibilità degli orari: una sala interamente dedicata allo studio dotata di rete wireless, di testi in consultazione e prestito, di uno spazio relax ed altri confort necessari a fornire un adeguato supporto agli studenti universitari, che ha rappresentato un volano per accrescere considerevolmente gli spazi dedicati ai giovani in città. A corredo dei 40 posti lettura della sala studio, sono a disposizione anche periodici culturali e di informazione, una scelta di dizionari delle lingue più diffuse e studiate. Gli orari di apertura, inoltre, colmano il precedente gap, rispetto ad altre città universitarie europee, garantendo l'accesso allo studio in orari notturni. Le presenze giornaliere ed il flusso di giovani che usufruiscono del servizio fanno pensare alla necessità di ampliare ulteriormente gli spazi loro dedicati e di implementare l'offerta. Infatti la sperimentazione già avviata conferma quanto emerso dai

7 monitoraggi effettuati, da cui si sono rilevati 1834 iscritti (con una media di 30 presenze giornaliere) non ulteriormente incrementabili a causa dei locali sottodimensionati. La rete, la nuova visione organizzativa, il territorio La Mediateca del Mediterraneo, ubicata nel quartiere centrale e storico di Stampace rappresenta ad oggi un punto di riferimento per il pubblico delle biblioteche, per la popolazione giovanile e più in generale per l'utenza dei servizi informativo-culturali, di lettura e di accesso allo studio: è a tutti gli effetti un luogo di servizi condivisi per la cittadinanza. Muovendo da un'analisi dei bisogni, da una ricognizione delle specificità e delle esigenze comuni, i Servizi Bibliotecari e il Servizio Politiche Giovanili, in un'ottica di dialogo, di complementarietà e di azioni condivise, intendono integrare ed arricchire il panorama delle possibilità, dei servizi e delle iniziative culturali della Mediateca in un piano organico condiviso con gli altri attori e stakeholders della struttura. L'obiettivo è quello di contribuire alla vitalità della biblioteca e dei servizi presenti per dare un contributo importante allo sviluppo di nuove sensibilità culturali e offrire la possibilità all'utenza di fruire di una maggiore proposta progettuale dalle specifiche caratteristiche innovative. Parallelamente la scommessa di intercettare i nuovi bisogni di un pubblico che ha tutte le caratteristiche dell'eterogeneità, ospite di un contenitore complesso che prevede nell'immediato futuro l'implementazione di ulteriori spazi, attività e l'apertura di altri servizi quali l'auditorium e gli spazi laboratoriali, è una delle chiavi della vitalità sia della proposta culturale che dei connessi sviluppi della socialità, dell'inclusione e dell'aggregazione sociale. Proiettare in un contesto contemporaneo i servizi, ottimizzando le occasioni di scambio attraverso la collaborazione e la rete tra gli attori principali, sarà una delle tappe per ridefinire e potenziare la proposta e un'occasione per facilitare l accesso alle opportunità offerte dalla nascita di progetti comuni e di più ampio respiro: l'avvio di questa collaborazione vuole essere una piattaforma sulla quale progettare anche modelli di gestione e nuovi obiettivi. I servizi saranno quindi condivisi e posti in rete. Questa metodologia operativa, ormai ampiamente consolidata in ogni ambito progettuale, consentirà lo scambio delle buone prassi e l individuazione delle potenzialità, ma anche delle carenze e criticità.

8 Parallelamente questo farà crescere la realtà dello scambio, consolidando da un lato i servizi preesistenti e al contempo sviluppando strategie che permettano di raggiungere target sempre più ampi, grazie ad un azione condivisa e ben organizzata. Infatti, rispetto ai continui processi e ai cambiamenti dell'utenza, la volontà di fare rete tra istituzioni e la condivisione di obiettivi comuni si pone come uno degli elementi di valore aggiunto e come strumento più incisivo per risultati a medio e lungo termine nel territorio. In questo contesto la possibilità di rafforzare e potenziare i servizi, nell'ottica di un miglioramento della qualità dell'offerta e delle azioni di promozione ed accesso alla cultura, prevede una complessiva implementazione del personale coinvolto attraverso l'inserimento di volontari del Servizio Civile Nazionale come parte attiva e propositiva, portatrice di competenze ed esperienze che provengono dal mondo giovanile, visto come una una delle chiavi principali per innovare i servizi. Per ciò che concerne la popolazione giovanile, in un contesto locale in cui la disoccupazione arriva a percentuali importanti e il volontariato rappresenta uno dei motori della formazione dei giovani e più in generale dello sviluppo del territorio, abbracciando la visione del giovane nell'accezione non solo di problematicità ma di risorsa, l'avvio di progetti di volontariato è quindi di rilevanza strategica per tutte le esternalità positive in termini di politiche partecipative che questi portano con sé e per le possibilità di acquisizione di abilità spendibili nel futuro lavorativo dei giovani coinvolti. Si ritiene infatti prioritario da una parte il bisogno di sviluppare una linea mirata attraverso nuove azioni di volontariato e dall'altra coinvolgere i giovani nell'acquisizione di abilità e percorsi formativi che, oltre agli aspetti relativi alla crescita personale, siano per loro strumenti utili anche per la loro futura realtà occupazionale. In particolare la finalità del presente progetto è quella di inserire volontari all'interno della gestione dei servizi e di renderli attori in prima persona della progettazione e realizzazione delle iniziative, in un'ottica che valorizzi la loro progettualità. E emersa quindi la necessità di continuare ad aprire i servizi ad un confronto con i giovani visti non solo in qualità di utenza, così da far sì che la loro partecipazione dia un apporto vicino alle esigenze reali ed alle problematiche attuali della contemporaneità. Per ciò che concerne i Servizi in qualità di enti proponenti del presente progetto di Servizio Civile, si illustrano di seguito le principali funzioni e ambiti di attività al

9 fine di meglio descrivere la struttura della MEM e le attività previste per i volontari da affiancare al personale organico. Il Servizio Civile Nazionale La positiva esperienza che negli anni ha coinvolto numerosi volontari del Servizio Civile Nazionale operanti presso le strutture bibliotecarie e del Centro Giovani, che in precedenza ospitava il Servizio Poltiche Giovanili, ha consentito lo sviluppo delle attività e dei servizi fornendo un valido supporto alla proposta culturale cittadina: sono stati impiegati e formati operatori attivi negli uffici, nei servizi e nel supporto alle attività progettuali. La loro preziosa collaborazione ed il loro apporto hanno trovato spazio in diversi ambiti molto differenziati tra loro, all'interno di servizi destinati ad attività culturali, rivolti a tutte le fasce d'utenza divenuti oramai punto di riferimento della popolazione dell'intera area metropolitana di Cagliari. Il coinvolgimento di un gruppo di supporto per un migliore funzionamento delle attività ed il coinvolgimento dei volontari sono ad oggi una presenza imprescindibile, che caratterizza e consolida la linea partecipativa perseguita dal Comune. Infatti le politiche specifiche di coinvolgimento dei volontari hanno consentito la realizzazione di interventi indirizzati verso la partecipazione e la cittadinanza attiva come fattore giovanile per eccellenza, con particolare attenzione al ruolo del giovane come risorsa per la società. In particolare l'attivazione dei servizi e la realizzazione di numerosi progetti hanno portato ad importanti risultati e alla realizzazione di una buona parte degli interventi culturali, in particolare quelli legati alla formazione, all informazione, all accesso al lavoro, alla cittadinanza attiva, all inclusione sociale ed in generale alla qualità della vita del giovane intesa in senso comprensivo e multi direzionale. Destinatari del progetto Il progetto di Servizio Civile Nazionale è rivolto a tutti i giovani cagliaritani e non, a coloro che frequentano le Scuole Superiori e l Università, giovani che stanno completando il proprio percorso scolastico e formativo in generale. A ragazzi, studenti, disoccupati o in cerca di occupazione: ovvero alle diverse tipologie di giovani presenti nel territorio che siano interessati a partecipare. Sarà pubblicato un bando per le manifestazioni di interesse come da normativa del Servizio Civile

10 Nazionale e verranno effettuate le selezioni in base alle esigenze espresse, alle attività ed ai servizi come specificato nelle apposite sezioni. Le caratteristiche del potenziale volontario sono quelle che più si avvicinano ai profili delle mansioni ritenute adeguate allo svolgimento delle attività previste, ma queste non sono precondizioni vincolanti bensì premialità e valore aggiunto per la valutazione dei curricula. I requisiti richiesti saranno in generale una minima esperienza almeno in uno dei settori di riferimento, in particolare: comunicazione e lavoro di sportello (back office e front office), conoscenze base sul funzionamento e gestione di una sala internet, utilizzazione dei software di gestione, conduzione e servizio della sala studio e lettura, partecipazione e gestione di attività culturali, di promozione della lettura e ricreative o attività che risultino equipollenti rispetto a quelle già citate. Le collaborazioni richieste consisteranno più in generale in un affiancamento al personale amministrativo e alle figure professionali presenti nell organico delle strutture. In un'ottica e in un senso ampio di beneficiari, i soggetti con cui il progetto dovrà interfacciarsi non sono solo i giovani coinvolti direttamente, ma anche tutto l apparato e le reti delle diverse realtà cittadine: le Università e le scuole, il mondo delle imprese, partners non solo in qualità di fondamentali appoggi logistici, ma attori coinvolti nelle proposte mirate della programmazione degli enti, ad assicurare la qualità delle attività ognuna nel settore di riferimento. In linea con quanto sopraesposto, sono da intendersi beneficiari anche i servizi promotori del progetto poiché questo è animato dalla consapevolezza che la formazione e l'esperienza dei giovani coinvolti in questo tipo di esperienze va di pari passo con un miglioramento del Servizio inteso in senso ampio, comprensivo della relazione con i volontari.

11 7) Obiettivi del progetto: Il progetto mira a realizzare un pieno coinvolgimento dei giovani nei servizi di pubblica lettura della rete bibliotecaria urbana e in quelli offerti dal servizio Politiche Giovanili. Le finalità del presente progetto sono quelle di innovare in maniera significativa la proposta culturale dei servizi attraverso la sperimentazione di nuove attività, migliorandone il livello e fidelizzando maggiormente l'utenza, soprattutto quella giovanile. Si punterà ad un incremento di quest'ultima ed a fornire ai volontari utili esperienze di pratica nella conduzione delle attività attraverso l'assistenza al pubblico e la partecipazione a tutte quelle iniziative tese alla promozione culturale. Inoltre nell ambito specifico delle Politiche Giovanili l'obiettivo è quello di inserire i volontari nell'intera programmazione dei servizi, in modo che acquisiscano competenze metodologiche in merito alla gestione e al funzionamento dei servizi e che, come si dirà ai successivi punti della scheda, siano coinvolti anche nelle attività progettuali, con la possibilità di sviluppare conoscenze operative e gestionali sul campo dell'organizzazione e della progettazione mirata. Obiettivi generali Sviluppare una proposta mirata ed in linea con la missione della struttura stessa, rivolta sia al bacino d utenza già consolidato sia ad un nuovo potenziale pubblico giovane Promuovere e migliorare l immagine della MEM attraverso l organizzazione di eventi e campagne informative che diano visibilità e rilievo alla struttura. Aumentare il numero delle presenze dei fruitori dei servizi promotori del progetto Incrementare la qualità e la quantità della fruizione, dei servizi reference e di quelli di front-office Rispondere alle esigenze e alle aspettative dell'utenza Promuovere la diffusione della lettura attraverso iniziative capaci di suscitare attenzione ed interesse nei confronti dei molteplici sevizi della MEM

12 Favorire lo sviluppo, nell'area urbana, del ricorso al Servizio Civile Volontario per avere una più ampia partecipazione di giovani e diffondere fra gli stessi gli ideali e i principi informatori del SCN Monitorare e gestire le attività progettuali attraverso la modalità del gruppo di lavoro. Obiettivi Specifici Realizzare progetti originali ed innovativi di promozione ed animazione alla lettura insieme ai volontari, che arricchisca la proposta culturale dei servizi proponenti e che contribuisca alla vitalità dell offerta culturale cittadina Supportare le attività degli uffici per la realizzazione delle nuove attività progettuali e degli eventi connessi Supportare l'utenza, soprattutto quella debole, attraverso il tutoraggio per un corretto ed efficace utilizzo dei servizi Offrire supporto nelle attività di accoglienza e di primo orientamento degli utenti Supportare gli operatori addetti ai servizi di consulenza, soprattutto per quel che attiene alle risorse digitali, alle ricerche in internet, ai cataloghi on-line, alle banche dati, alle piattaforme di e-learning ed al prestito Sostenere gli utenti nell'uso autonomo dei servizi bibliotecari e dei servizi delle Politiche Giovanili Facilitare l'integrazione di soggetti disabili e dei cittadini stranieri Affiancare il personale amministrativo con particolare riferimento all acquisizione di conoscenze amministrativo-contabili di base Obiettivi formativi e di crescita individuale dei volontari Acquisire competenze metodologiche, operative e gestionali relative all organizzazione di eventi di promozione alla lettura Sviluppare competenze nelle funzioni di progettazione di attività culturali Acquisire una conoscenza ed una preparazione specifica relativa ai processi di comunicazione culturale e di promozione di eventi Sviluppare sensibilità e socialità/relazione nel lavoro di gruppo Fare un'esperienza diretta nello svolgimento pratico dei processi culturali del progetto Acquisire abilità nella gestione dei rapporti col pubblico

13 Acquisire competenze metodologiche, operative e gestionali di problem solving Conoscere il funzionamento, l organizzazione e fare un esperienza pratica di attività di progetto all interno di una struttura polifunzionale complessa Per una più completa descrizione delle esternalità positive del progetto in termini di obiettivi generali, specifici e di ricadute trasversali all'interno del quale sono inserite le attività progettuali proposte, si rimanda al seguente quadro logico per un inquadramento dei macro-obiettivi: Obiettivi Generali Obiettivi Specifici Risultati Attesi Logica di intervento Indicatori di risultato - Promozione e valorizzazione dei servizi culturali presenti nell'accezione interdisciplinare e multiculturale - Diritto di accesso alla cultura da parte della cittadinanza e inclusione sociale - Contribuire alla progettazione, alla erogazione dei servizi e alla loro diffusione - Fornire all'utenza il maggior numero possibile di strumenti per agevolare l'avvicinamento e l'approfondimento ai contenuti culturali -Implementazione del network tra gli attori interni/stakeholders - Aumentata offerta in termini qualitativi e quantitativi - Incremento di occasioni di incontro/ formazione/socialità - Potenziamento dell'immagine della MEM e relativi servizi tasso di variazione dei fruitori servizi/eventi/ iscritti tasso di variazione degli utenti attivi tasso di variazione del numero dei prestiti tasso di variazione delle presenze tasso di partecipazione di cittadini stranieri e delle persone diversamente abili Fonti di verifica - Sono attive rilevazioni interne e statistiche automatiche fornite da software di gestione: si rileveranno attraversorelativi report con percentuali e i dati quantitativi e qualitativi sull'utenza. Sono in corso le procedure per l'imminente attivazione delle rilevazioni di customer satisfaction che saranno alla base di ulteriori valutazioni utili alle fonti di verifica.

14 - Aumentata relazione con gli stakeholders (si rimanda a sezione reti attive) 8) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo puntuale le attività previste dal progetto con particolare riferimento a quelle dei volontari in servizio civile nazionale, nonché le risorse umane dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: 8.1 Complesso delle attività previste per il raggiungimento degli obiettivi Per ciò che concerne la progettazione partecipata, si prevede di impegnare i volontari nell'organizzazione di eventi di promozione alla lettura, in un'ottica di dialogo ed interfaccia tra tutti servizi presenti nella MEM. Si vuole pertanto integrare in maniera innovativa, e grazie all'apporto dei giovani volontari, una parte importante dei servizi attraverso proposte culturali e pratiche comunicative giovanili. Si tratterà quindi di muovere da un'analisi dei bisogni e da una ricognizione delle specificità per poi inserire le varie iniziative di promozione in un piano organico condiviso con gli altri attori allo scopo di dare la possibilità ai volontari di essere protagonisti delle proposte progettuali. Si tratterà quindi di creare un gruppo di lavoro per l'ideazione e la realizzazione di un ciclo di eventi culturali di promozione ed animazione alla lettura da inserire nella futura programmazione del servizio bibliotecario. Piano di lavoro per gli eventi Definizione delle proposte Studio di fattibilità dei progetti Organizzazione del lavoro e dei tempi previsti Realizzazione Riflessione sui risultati ottenuti e sviluppi Di seguito ed in dettaglio i servizi e le mansioni principali su cui si basa il presente progetto seguiti dalla descrizione in format progettuale delle attività innovative trasversali ai servizi già presenti presso la MEM. Infatti, oltre al coinvolgimento dei volontari nelle ordinarie mansioni dei servizi, il progetto prevede la sperimentazione di nuove attività di promozione quali:

15 a) Eventi di valorizzazione di fondi documentari e biblioteche private: Temporary Libraries I privati cittadini sono portatori di saperi e custodi di beni culturali che raramente trovano le condizioni per essere condivisi e fruibili da un pubblico vasto. Prescindendo dalle remore che ostacolano chi non intende affatto rendere accessibili le collezioni private, quel patrimonio ingente e significativo che vuole emergere e rendersi disponibile, può trovare in azioni sinergiche pubblico-privato un'opportunità per ovviare alle problematiche legate alla mancanza di luoghi e capacità organizzative in grado di creare le condizioni per la sua fruizione. Mappare, coinvolgere e allestire temporaneamente le collezioni librario- documentarie private ed ospitare presso la Mediateca del Mediterraneo mostre ed eventi collaterali per (ri)scoprire tale patrimonio, da un lato responsabilizzerebbe e renderebbe attori e protagonisti i collezionisti e dall'altro valorizzerebbe la collezione permanente delle biblioteche comunali. b) Studio di fattibilità di un servizio di Bibliobus Le politiche culturali contenute nel nuovo piano dell'assessorato alla Cultura e le relative linee programmatiche che la città di Cagliari si è data sulla pianificazione delle realtà culturali cittadine, riguardano in particolare la messa in rete e la valorizzazione delle aree periferiche. Calando nella progettazione futura questi obiettivi, ispirati alle più contemporanee strategie di compartecipazione, innovazione, interculturalismo e inclusione, il volontariato è indubbiamente una delle risorse che rientra a pieno titolo nel perseguimento degli scopi delle sfide di indirizzo. Raggiungere un'utenza il più possibile variegata significa, nell'ottica del servizio pubblico, andare incontro a quelle fasce di popolazione che abitualmente non frequentano i luoghi dedicati. Per poter ridurre il divario che spesso si interpone tra pubblico avvezzo ed orientato ai servizi e quello difficilmente fidelizzabile, i servizi promotori del presente progetto intendono avvalersi del coinvolgimento dei giovani volontari e avviare uno studio di fattibilità per allestire un servizio di bibliobus diffuso, inclusivo e innovativo che trasversalmente intervenga sulle problematiche sociali, di accesso alla cultura - in particolare per i bambini e i ragazzi - e di valorizzazione delle aree difficilmente raggiungibili.

16 c) Estensione dell'orario di apertura dei servizi bibliotecari in fascia notturna Le politiche più attuali in materia di accesso ai contenuti culturali e al diritto allo studio sempre più si interfacciano con gli usi e le abitudini a questo tipo di consumi, oggetto di numerosi studi e pubblicazioni di settore. Da alcuni focus si prende atto di un cambiamento delle esigenze di un''utenza, in particolare quella giovanile, che predilige vivere maggiormente gli orari notturni. Pertanto adeguare gli orari dei servizi alle istanze dei suoi fruitori appare strategico ed in linea con le più attuali tendenze internazionali in materia di customer satisfaction. d) Allestimento e presenza di corner dedicati e bibliografie tematiche in festival di settore La partecipazione dei servizi bibliotecari e delle Politiche Giovanili ai festival di settore è un una delle strategie perseguite per pubblicizzare, promuovere e coinvolgere un vasto pubblico nelle attività che tali servizi svolgono. Il clima generato dai momenti di visibilità e socialità che l'edutainment consente, rende immediatamente fruibile i contenuti culturali attraverso modalità e canali non formali, che maggiormente fidelizzano l'utenza. Pertanto, nell'ottica delle più attuali metodologie di comunicazione, la presenza di stand e corner dedicati alla promozione si ritiene uno dei mezzi indispensabili per consentire un'adeguata visibilità alle iniziative dei servizi coinvolti. 8.2 Risorse umane complessive necessarie per l espletamento delle attività previste, con la specifica delle professionalità impegnate e la loro attinenza con le predette attività All'interno dei Servizi bibliotecari e del Servizio Politiche giovanili operano dipendenti dell'amministrazione comunale e dipendenti di gestori privati concessionari. Le figure professionali coinvolte sono assai differenziate e spaziano tra le differenti funzioni previste per i servizi bibliotecari, archivistici, multimediali e quelli squisitamente dedicati alle politiche giovanili. Queste figure professionali coprono l'area amministrativo/contabile/gestionale e le competenze tecniche specifiche dei settori di riferimento

17 Con CCNL Enti Locali: n. 2 Responsabili attività di direzione, di programmazione e di controllo n. 1 addetto all'attività di ricerca storica n. 11 addetti alle attività amministrative/contabili n. 4 addetti ai servizi di assistenza e di accoglienza. Con Contratto Federculture e contratti a progetto: n. 2 responsabili delle attività di pianificazione e di coordinamento n. 4 addetti alla catalogazione bibliografica centralizzata n. 2 addetti ai servizi bibliotecari e acquisizioni n. 3 archivisti n. 15 assistenti di sala n. 5 operatori multimediali e ufficio stampa Servizio Civile Nazionale n. 10 volontari 8.3 Ruolo ed attività previste per i volontari nell ambito del progetto Si descrive di seguito il ruolo previsto per i volontari del servizio Civile Nazionale in riferimento alle attività previste come da punto 8.1. a) Eventi di valorizzazione di fondi documentari e biblioteche private: Temporary Libraries I volontari saranno impegnati in un'indagine conoscitiva per la programmazione di mostre e presentazioni di collezioni di rilevanza culturale, contribuendo ad un'iniziativa sperimentale e inusuale di grande richiamo e dall'indiscusso impatto nel contesto locale. Anche in questo caso protagonisti dei cambiamenti e delle innovazioni pertinenti alla promozione culturale cittadina. Di seguito le macrofasi delle attività in cui saranno coinvolti nelle seguenti attività di supporto, affiancamento e assistenza: : mappatura delle risorse segreteria organizzativa pianificazione e organizzazione mostre allestimenti e logistica

18 b) Studio di fattibilità di un servizio di Bibliobus Sarà fondamentale che i volontari partecipino attivamente all'ideazione di un servizio che potenzialmente innoverà in maniera significativa la promozione della lettura, che permetterà loro di sondare le questioni aperte circa la stratificazione sociale e vivere la città con le problematiche connesse attraverso un fattivo e utile apporto. I volontari collaboreranno in tutte le attività preliminari ed operative per lo studio di fattibilità: rilievi statistici indagini di mercato studi di settore ricerche mirate c) Estensione dell'orario di apertura dei servizi bibliotecari in fascia notturna I volontari si inseriranno appieno in questo contesto principalmente dedicato alla loro fascia d'età nonché alle esigenze di socialità ed essa connesse: contribuiranno alla futura progettazione di momenti di vitalità degli spazi attraverso iniziative di animazione della lettura. Le attività e le modalità operative seguiranno l'approccio del project management e del ciclo di progetto (dall'ideazione alla valutazione dei risultati ottenuti). Si veda le sezioni dedicate al piano di lavoro per la descrizione delle fasi operative. d) Allestimento e presenza di corner dedicati e bibliografie tematiche in festival di settore La partecipazione dei volontari alla pianificazione e ideazione di stand espositivi di promozione della struttura MEM e delle attività collegate, è di rilevanza strategica; le giovani generazioni infatti, anche grazie alla maggiore capacità e dimestichezza nell'utilizzo dei più diffusi new e social media, sono gli attori ideali da impiegare in queste nuove pratiche comunicative. Attività e fasi operative: Attivazione di account dei social network più utilizzati per la promozione delle iniziative Collaborazione alla redazione di un piano di comunicazione condiviso e delle linee guida di pubblicizzazione

19 Implementazione del sito web Supporto nell'elaborazione di pubblicazioni pubblicitarie di varia natura Oltre alle già esposte attività progettuali i volontari affiancheranno il personale nelle mansioni di attività di ufficio stampa e campagne promo-pubblicitarie nonché nella gestione ordinaria e nella diretta attuazione delle iniziative al pubblico così suddivisi: Servizi Bibliotecari: Servizio di accoglienza Comunicazione interna ed esterna Ricerca dei documenti Uso degli inventari Utilizzo del software per la gestione della ricerca nelle banche dati e circolazione dei documenti Tecniche di riproduzione con le attuali tecnologie Attività di assistenza al pubblico Attività di fruizione guidata degli spazi Attività di analisi dei dati statistici e delle rilevazioni di customer Servizio Politiche Giovanili: Gestione dell Internet Point con 23 postazioni multimediali;. Gestione sala studio e lettura; Servizio di accoglienza e gestione della Carta Giovani; Supporto alle attività progettuali ed alle iniziative di carattere culturale; Affiancamento all'attività amministrativa dell'ufficio; Gestione sito internet delle Politiche Giovanili ed attività di Ufficio Stampa; I volontari parteciperanno alle riunioni organizzative che si svolgeranno all'interno della struttura centrale periodicamente con i responsabili e con tutto il personale tecnico. 9) Numero dei volontari da impiegare nel progetto: 10 10) Numero posti con vitto e alloggio:

20 11) Numero posti senza vitto e alloggio: 12) Numero posti con solo vitto: 10 13) Numero ore di servizio settimanali dei volontari, ovvero monte ore annuo: 36 14) Giorni di servizio a settimana dei volontari (minimo 5, massimo 6) : 6 15) Eventuali particolari obblighi dei volontari durante il periodo di servizio: Flessibilità oraria. I volontari dovranno essere disponibili ad effettuare turni in rapporto all'orario d'apertura dei servizi Rispettare i regolamenti interni della Pubblica Amministrazione, i regolamenti interni delle strutture ospitanti e le norme in materia di igiene e sicurezza Disponibilità a svolgere attività coerenti con la realizzazione del progetto Indossare dei segni distintivi della qualità di volontari del servizio civile Disponibilità a svolgere eventuali attività esterne alla sede di realizzazione del progetto ma comunque nell'ambito del territorio urbano di Cagliari Disponibilità a svolgere ricerche

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare in Italia e all

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento: NZ00042 3) Albo e classe di iscrizione: Nazionale

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: O.N.M.I.C. - Opera Nazionale Mutilati Invalidi Civili- Codice di accreditamento: NZ01189 Albo e

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Biblio 1.1 storie & memorie biblioteche trevigiane tra memoria e modernità

Biblio 1.1 storie & memorie biblioteche trevigiane tra memoria e modernità SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: ASSOCIAZIONE COMUNI DELLA MARCA TREVIGIANA - Via Terraglio, 58 31022 Preganziol (TV) Enti co-progettanti:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Corso Programmare e progettare la biblioteca pubblica Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Angelo Marchesi con la collaborazione di Alessandro Agustoni e Giulia Villa Il contesto Vimercate

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli