COMUNE DI CIANCIANA (PROVINCIA DI AGRIGENTO) REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI INCENTIVANTI ALLE IMPRESE CHE PRODUCONO BENI E SERVIZI.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CIANCIANA (PROVINCIA DI AGRIGENTO) REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI INCENTIVANTI ALLE IMPRESE CHE PRODUCONO BENI E SERVIZI."

Transcript

1 COMUNE DI CIANCIANA (PROVINCIA DI AGRIGENTO) REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI INCENTIVANTI ALLE IMPRESE CHE PRODUCONO BENI E SERVIZI. APPROVATO CON DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N 52 DEL MODIFICATO CON DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N 17 DEL MODIFICATO CON DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N 34 DEL

2 Introduzione Nell'ambito di una politica generale mirante allo sviluppo possibile il Comune di Cianciana, attraverso la coordinatone (dell attività di tutti i propri organi, promuove una serie di attività incentivanti dirette a struttura produttiva esistente nel proprio territorio. In particolare tali attività sono orientate a promuovere il formarsi di nuove imprese, a sostenere la formazione di nuovi imprenditori, a sostenere l'attività di marketing delle imprese esistenti, a favorire la nascita di associazioni agricole per il sostegno a progetti di marketing, pubblicità e promozione della produzione aziendale e miglioramenti di opere di viabilità interaziendale. (*) 1

3 Art. 1 Oggetto degli incentivi Gli incentivi di cui al presente regolamento consistono in contributi a fondo perduto, in conto spese di gestione, immobilizzazioni ed interessi, le cui finalità sono quelle indicate all'art. 2 ed il cui ammontare è determinato, compatibilmente con le disponibilità di bilancio, con le modalità di cui all art. 3. (*) art. 2 Finalità I contributi vengono concessi alle imprese e alle associazioni di imprese di qualsiasi tipo aventi sede nel territorio del comune di Cianciana e che posseggano le caratteristiche appresso indicate : a. attività iniziata da almeno un anno o impresa o associazione costituita che abbia acquistato beni e servizi il cui valore sia pari al 200% del contributo, ad esclusione della sola misura di cui alla lettera d) (ultimo inciso aggiunto con delibera C.C. n 34/2005) b. l assunzione di nuovi dipendenti ai sensi dei D.L. 32/94 (con contratto di formazione lavoro) da parte di imprese di natura privatistica; c. sostegno a progetti per attività di marketing, pubblicità e promozione della produzione aziendale. Rientrano tra queste attività la partecipazione a fiere, mostre, la realizzazione di campagne di propaganda attraverso i mezzi televisivi e la carta stampata, la cartellonistica, le affissioni di manifesti, la stampa di depliants e cataloghi, ecc..., che abbiano la finalità di agevolare la veicolazione dei prodotti e servizi delle imprese locali fuori dal territorio comunale. d. contributo in conto interessi alle imprese produttive beni e servizi di tutti i settori. Misure e modalità verranno stabilite da specifiche convenzioni da stipularsi con le aziende di credito e che, approvate, assumeranno valore di norma regolamentare. e. la costituzione di associazioni agricole, imprenditori agricoli associati, consorzi privati di imprenditori agricoli per il sostegno a progetti per le attività di marketing, pubblicità, promozione della produzione aziendale e miglioramento della viabilità interaziendale sita anche in territorio di comuni limitrofi, purché le aziende o associazioni abbiano sede nel comune di cianciana e il comune titolare del territorio abbia dato il proprio assenso. (*) art. 3 Misura degli incentivi L'ammontare massimo dei contributi viene stabilito come in appresso: finalità ammontare massimo art. 2 lett. a) 2.582,28 (*) art. 2 lett. b) 2.582,28 per ogni dipendente (*) art. 2 lett. c.) Max 80% del costo del progetto IVA esclusa art. 2 lett. d.) il tib t 1.000,00 (**) tà (*) Art. 2 lett. e) 80% del costo del progetto IVA esclusa fino ad un massimo di ,00 (*) ** Così modificato con delibera consiglio comunale n 34 del

4 Art. 4 Soggetti beneficiari Possono beneficiare delle erogazioni di cui al presente regolamento le imprese, costituite anche in forma societaria, che in relazione alle misure di cui a l'art. 3, abbiano come oggetto!e seguenti attività: Misura a) Possono accedere a. : benefici di cui alla misura a) le imprese esercenti il commercio e tutte!e imprese artigiane di produzione e di servizio. Si precisa che le imprese edili che possono fruire dei benefici della misura a) sono solo quelle artigiane. Misura b) Possono accedere ai benefici di cui alla misura b) tutte le imprese a carattere artigiano. Si sottolinea l esclusione delle imprese edili non artigianali. Misura c) Possono accedere ai benefici di cui alla misura c) tutte le imprese artigiane e tutte le imprese agricole che intendono promuovere i prodotti ed i servizi rinvenienti dall'azienda. Misura d) Possono accedere ai benefici di cui alla misura d) tutte le imprese. Misura e) Possono accedere ai benefici di cui alla misura e) le associazioni agricole, imprenditori agricoli associati, consorzi privati di imprenditori agricoli. Le imprese richiedenti devono avere la sede, per le società la sede legale, nel territorio dei comune. I titolari delle imprese individuali devono avere la residenza nel comune. (*) Art. 5 Esclusione e limiti Dai benefici di cui al presente regolamento vengono escluse: 1) In relazione ai contributi di cui alla misura a), tutte le imprese costituitesi per trasferimento mortis causa, con atto tra vivi a titolo gratuita (donazioni), con atto tra vivi a titolo oneroso quando le parti siano legate da rapporto di parentela o di affinità entro il II grado; 2) in relazione ai soli contributi di cui alla misura b): - le imprese che negli ultimi due anni abbiano licenziato dipendenti per cause a questi non imputabili; - le imprese che operino in relazione all'assunzione di parenti ad affini entro il II grado; - le imprese che negli ultimi cinque anni si siano rese responsabili di reati penali in materia previdenziale, assicurativa e di tutela dei lavoratori in genere; - le imprese che negli ultimi due anni si siano rese responsabili di reati penali di carattere fiscale; 3

5 3) non possono inoltre accedere ad alcun contributo tutte le imprese il cui titolare, o socio (almeno uno), o parente, maggiorenne e convivente, si siano resi responsabili dei reati di associazione a delinquere i stampo mafioso, od associazione a delinquere semplice, o concorso esterno in associazione a delinquere di stampo mafioso. 4) non possono altresì accedere ai benefici le imprese che versano in uno stato di insolvenza quando tale stato é così grave da impedire il raggiungimento degli obiettivi che il presente regolamento si prefigge. Lo stato di crisi finanziaria potrà accertarsi attraverso informazioni attinte da banche dati, banche, certificazione sulle procedure concorsuali ecc... Art. 6 Istanza L'istanza, da indirizzare al sindaco del comune, dovrà contenere i dati identificativi dell'impresa, la finalità per la quale essa viene avanzata e dovrà essere corredata dalla seguente documentazione: certificazione anagrafica dell'impresa e dei titolare - certificato di iscrizione alla C.C.I.A.A.; - certificato iscrizione all'albo degli artigiani (imprese artigiane); - certificato di iscrizione alla cancelleria dei tribunale ( società); - certificato fallimentare; - certificato penale e del casellario giudiziario dei titolare o dei soci amministratori o degli amministratori; - certificati di residenza, nascita, situazione di famiglia, dei titolare o dei rappresentante. Certificazione inerente le finalità Art.2 lett. a) - dichiarazione inizio attività diretta agii uffici IVA, imposte dirette, INAIL; - atto costitutivo e statuto per le società; - atto di successione (compravendita, ecc..); Art. 2 lett. b) - attestazione dell'avvenuta assunzione dei dipendente con contratto di formazione lavoro rilasciata dall U.P.L.M.0. competente. - attestazione dalla quale risultino i licenziamenti, le sospensioni dal lavoro operate dall'impresa negli ultimi due anni, con l'indicazione delle motivazioni rilasciata dall'u.p.l.m.o; - certificazione anagrafica del dipendente assunto; Art. 2 lett. c) - progetto o dettagliato preventivo di spesa dell'attività in programma. 4

6 Art. 2 lett. d) Art. 2 lett. e) - Progetto di prestito erogato dalla banca. - Per le associazioni agricole, imprenditori agricoli associati, consorzi privati di imprenditori agricoli per il sostegno a progetti per attività di marketing pubblicità e promozione della produzione aziendale e miglioramento della viabilità interaziendale sita anche in territorio di comuni limitrofi purché le aziende o associazioni abbiano sede nel comune di Cianciana e che il comune titolare del territorio abbia dato il proprio assenso. Altra documentazione - certificazione antimafia redatta seconda la normativa vigente; - autodichiarazione attestante il grado di parentela che intercorre tra il dipendente assunto ed il titolare, il cedente ed il cessionario dell'azienda; - autorizzazione in forma scritta rilasciata al comune ed alle aziende di credito operanti nel territorio che consenta l'accesso alle informazioni sulla situazione finanziaria dell'impresa richiedente; - ogni altra documentazione ritenuta necessaria dall'ufficio comunale preposto all'istruzione della pratica. (*) Art. 7 Rendicondazione I contributi destinati alla finalità di cui all'art. 2 lett. c) sono soggetti a rendicontazione. Tale rendicontazione dovrà avvenire secondo i principi della corretta contabilità. Il conto dovrà rendersi al Comune entro 30 giorni dalla realizzazione completa del progetto e comunque non oltre il 31 marzo dell'anno successivo a quello di erogazione del contributo. Nel caso in cui in corrispondenza di tale data la realizzazione del progetto non sia sta ancora completata, l'impresa beneficiaria dovrà comunque rendere il conto parziale e provvisorio. Il rendiconto é sottoposto all'approvazione della Giunta Municipale. La mancata approvazione, da adottare con provvedimento motivato, esclude l'impresa da ogni futura erogazione. 5

7 Art, 8 Controlli, sospensione dai benefici, garanzie Il Comune, attraverso i propri funzionari, potrà disporre in ogni momento controlli e potrà richiedere la produzione di documentazione integrativa e supplementare, al fine di verificare la corretta destinazione dei contributi e la sussistenza dei requisiti di concessione. Il Comune, sempre ai fine di assicurare il raggiungimento degli obiettivi, potrà richiedere alle imprese richiedenti garanzie da rilasciarsi nelle forme di legge ed i cui supporti formali dovranno essere affidati al tesoriere. Il Comune può erogare i contributi assegnati anche gradualmente in forma rateale, rapportati allo stato di realizzazione dei progetti. Rientra nelle facoltà del Comune sospendere ogni erogazione, con provvedimento motivato, qualora venga meno la possibilità di realizzazione della finalità che l'impresa si era proposta. Le istanze dovranno pervenire al comune entro il mese di Giugno di ogni anno e riguarderanno costituzione di imprese, assunzione di dipendenti con contratto di formazione lavoro, progetti di marketing, operati od iniziate nel periodo che va dal 1 luglio dell'anno precedente al 30 giugno dell'anno in cui la domanda è stata presentata. Per l'anno in cui verrà varato questo regolamento, il termine di presentazione della domanda viene spostato al 30 settembre. Solo per tale anno le domande potranno riguardare i fatti (costituzione, assunzioni e progetti) verificatisi a partire dalla entrata in vigore del regolamento e fino ai 30 settembre. Tutta la documentazione, all'atto della presentazione dell'istanza, potrà essere prodotta sotto forma di autocertificazione. Tale documentazione dovrà essere prodotta in originale al momento dell'accoglimento della domanda od a richiesta dei funzionari del comune, al momento dell'istruttoria. L'Ente é tenuto a prendere in considerazione ai fini della concessione dei benefici di cui al presente regolamento tutte le domande esitate positivamente dall istruttoria con il solo vincolo del rispetto delle specifiche disponibilità previste in bilancio. 6

REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI

REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI Comune di MONSERRATO Comunu de PAULI Regolamento allegato alla deliberazione C.C. n. 3 del 13.3.2014 REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI In favore delle

Dettagli

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del fondo speciale destinato alla creazione di nuova occupazione e di nuove imprese.

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del fondo speciale destinato alla creazione di nuova occupazione e di nuove imprese. COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa Via Antonio Gramsci, 27 - C.A.P. 56043 - P. IVA: 00388480501 - Tel. 050 662622 - Fax 050 662881 www.comune.lorenzana.pi.it Regolamento Comunale per l istituzione e

Dettagli

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione.

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. CITTA DI OMEGNA PROVINCIA DEL VERBANO-CUSIO-OSSOLA Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. (approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. 13) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 08 DI DATA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI CAPO I RICHIAMI NORMATIVI Art. 1 1. Il presente documento disciplina i criteri per l accesso ai servizi erogati dal Comune di Vedano Olona, le modalità del

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione del C.C. N. 17 in data 03.04.2007 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO CAPO

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA.

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. COMUNE DI SANT URBANO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. Allegato alla Delibera di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE ART. 1 Oggetto La Camera di Commercio di Mantova, nel quadro delle proprie iniziative istituzionali,

Dettagli

COMUNE DI MINEO PROVINCIA DI CATANIA

COMUNE DI MINEO PROVINCIA DI CATANIA COMUNE DI MINEO PROVINCIA DI CATANIA N.~ del Reg. Data della deliberazione J O IO ZO..{,f ORIGINALE DEGLI ATTI DELLA GIUNTA MUNICIPALE OGGETTO: APPROVAZIONE DISCIPLINARE CONCESSIONE CONTRIBUTI A RIMBORSO

Dettagli

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 34 del 3/8/2005 modificato con delibera del Consiglio

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO CONTRIBUTI

Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO CONTRIBUTI Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO CONTRIBUTI Sommario CAPO I - OGGETTO DELLA CONCESSIONE... 3 ART. 1... 3 CAPO II - SOSTEGNO DI ATTIVITÀ DI RILEVANZA SOCIALE, CULTURALE, RICREATIVA,

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI CUNEO

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI CUNEO PAG. 1 1404 Allegato alla determinazione dirigenziale n. 131/PM del 18/02/2014 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI CUNEO BANDO PER LA CORRESPONSIONE DI CONTRIBUTI PER L'INNOVAZIONE

Dettagli

MISURA INCENTIVI ALLE IMPRESE PER IL RICORSO A GIOVANI PROFESSIONISTI

MISURA INCENTIVI ALLE IMPRESE PER IL RICORSO A GIOVANI PROFESSIONISTI MISURA INCENTIVI ALLE IMPRESE PER IL RICORSO A GIOVANI PROFESSIONISTI L AVVISO PUBBLICO INTENDE FAVORIRE IL RICORSO A GIOVANI PROFESSIONISTI DA PARTE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE CAMPANE CHE NECESSITANO

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE

L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE PREMESSE La deliberazione della Giunta Regionale n. 30-7048 dell 8/10/2007 ha istituito, a partire dall 1/01/2008, un programma

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. OBIETTIVO DELLA MISURA Favorire la nuova imprenditorialità ed il ricambio generazionale

Dettagli

Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale), con investimenti complessivi previsti fino a 25.823

Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale), con investimenti complessivi previsti fino a 25.823 La legge che agevola l'autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI E SUSSIDI FINANZIARI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI E SUSSIDI FINANZIARI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI E SUSSIDI FINANZIARI ART. 1 PREMESSA 1) Il Consiglio Direttivo può concedere contributi a favore di Enti ed Associazioni pubbliche e private ove

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

Alla Banca DATA TIMBRO E FIRMA BANCA PRESENTATRICE TIMBRO E FIRMA DEL LEGALE RAPPR.TE DELL IMPRESA RICHIEDENTE

Alla Banca DATA TIMBRO E FIRMA BANCA PRESENTATRICE TIMBRO E FIRMA DEL LEGALE RAPPR.TE DELL IMPRESA RICHIEDENTE FONDO REGIONALE COMMERCIO Mod. n. 60.02 DOMANDA DI FINANZIAMENTO ai sensi della L.R. 23/12/2000 n. 32 art. 60 comma 1 punto 2 e succ. m. e i. AIUTI ALL INVESTIMENTO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI (DA PRODURRE

Dettagli

Le risorse disponibili a bando vogliono contribuire a sostenere le spese d investimento delle PMI del commercio ed artigianato di servizio.

Le risorse disponibili a bando vogliono contribuire a sostenere le spese d investimento delle PMI del commercio ed artigianato di servizio. COMUNE DI BRESCIA ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE IN DATA 29.11.2010 N. 3302/81070 P.G. DISTRETTO COMMERCIALE STAZIONE FERROVIARIA DI BRESCIA CRITERI E MODALITA PER IL RICONOSCIMENTO DI CONTRIBUTI

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

(Approvato con deliberazione C.C. n. 71 del 30/11/2010) TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

(Approvato con deliberazione C.C. n. 71 del 30/11/2010) TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRI VANTAGGI ECONOMICI NELL AMBITO DELL ARTIGIANO, DELL INDUSTRIA, DEL COMMERCIO E DELL AGRICOLTURA. (Approvato con deliberazione C.C. n.

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

COMUNICAZIONE ANTIMAFIA (ex art. 87 D.Lgs. 06/09/2011, n. 159, modificato dal D.Lgs. 15/11/2012, n.218)

COMUNICAZIONE ANTIMAFIA (ex art. 87 D.Lgs. 06/09/2011, n. 159, modificato dal D.Lgs. 15/11/2012, n.218) COMUNICAZIONE ANTIMAFIA (ex art. 87 D.Lgs. 06/09/2011, n. 159, modificato dal D.Lgs. 15/11/2012, n.218) La comunicazione antimafia consiste nell'attestazione della sussistenza o meno di una delle cause

Dettagli

PROVINCIA DI TRIESTE AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture

PROVINCIA DI TRIESTE AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture PROVINCIA DI TRIESTE AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITÀ DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento Comunale per la promozione e la valorizzazione delle Libere Forme Associative Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n 24 del 27.06.2007 1/5

Dettagli

FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE

FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI UN FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA SUL TERRITORIO COMUNALE 1 ART. 1 - OGGETTO L

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) ATTIVITA DI ACCONCIATORE E/O ESTETISTA

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) ATTIVITA DI ACCONCIATORE E/O ESTETISTA CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*-GGMMAAAA-HH:MM Mod. Comunale (Modello 0050 Versione 005-2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) ATTIVITA DI ACCONCIATORE E/O ESTETISTA Allo Sportello Unico

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

Provincia Regionale di Caltanissetta

Provincia Regionale di Caltanissetta Provincia Regionale di Caltanissetta REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL FONDO PER IL SOSTEGNO ANNUALE ALLE ASSOCIAZIONI ANTIRACKET ED ANTIUSURA DI CUI ALL ART.13 DELLA LEGGE N.44/99 CON SEDE LEGALE ED OPERANTI

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

PROVINCIA di CATANZARO

PROVINCIA di CATANZARO PROVINCIA di CATANZARO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI, SOVVENZIONI, SUSSIDI E SERVIZIO CIVICO. Il presente regolamento disciplina i criteri per l erogazione di sussidi economici

Dettagli

PROVINCIA DI BARI SERVIZIO ATTIVITA' PRODUTTIVE E POLITICHE COMUNITARIE

PROVINCIA DI BARI SERVIZIO ATTIVITA' PRODUTTIVE E POLITICHE COMUNITARIE p_ba AOO PROVINCIA DI BARI Attività produttive e Politiche Comunitarie Allegato n.1 al PG 0104119 del 11/06/2013 Flusso: Interno PROVINCIA DI BARI SERVIZIO ATTIVITA' PRODUTTIVE E POLITICHE COMUNITARIE

Dettagli

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO per la gestione del PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE Visto il regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006 relativo; all applicazione

Dettagli

COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto

COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI DESTINATI ALLE NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI E ALLE IMPRESE APPROVATO con deliberazione del C.C. n 69 del 30.11.2011

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del C.C. n dei 00.00.201 CAPO I VALORIZZAZIONE DELLE FORME ASSOCIATIVE Art. 1 Principi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA IMPRENDITORIALI COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA IMPRENDITORIALI Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina la concessione di agevolazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI INDICE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI INDICE C O M U N E D I B A Z Z A N O REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI Allegato alla delibera di Consiglio Comunale n.104 del28/11/2011 INDICE Art. 1 - Finalità Art. 2- Registro comunale delle associazioni

Dettagli

Città di Roncade Provincia di Treviso

Città di Roncade Provincia di Treviso Città di Roncade Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE Allegato A alla delibera C.C. N. 17 Del 01.03.2011. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE Art.1 Definizione e finalità Il patrocinio rappresenta una forma simbolica di adesione ed una

Dettagli

Si informa che il 31 gennaio 2001 scadono i termini per la presentazione delle domande.

Si informa che il 31 gennaio 2001 scadono i termini per la presentazione delle domande. Finanziamento ad artisti (Decreto del Presidente della Giunta provinciale 11 novembre 1988, n. 30 "Approvazione del testo coordinato delle leggi provinciali sulle consulte culturali e fondo provinciale

Dettagli

CITTA DI CERIGNOLA PROVINCIA DI FOGGIA Piazza della Repubblica, 1 tel. 0085410266/214 fax 0885410290 SERVIZIO SPORTELLO UNICO AA.PP.

CITTA DI CERIGNOLA PROVINCIA DI FOGGIA Piazza della Repubblica, 1 tel. 0085410266/214 fax 0885410290 SERVIZIO SPORTELLO UNICO AA.PP. CITTA DI CERIGNOLA PROVINCIA DI FOGGIA Piazza della Repubblica, 1 tel. 0085410266/214 fax 0885410290 SERVIZIO SPORTELLO UNICO AA.PP. BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 20 AUTORIZZAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI COMUNALI FINALIZZATI ALL ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI COMUNALI FINALIZZATI ALL ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE COMUNE DI MERCATO SARACENO Provincia di Forlì Cesena Settore Segreteria Affari Generali REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI COMUNALI FINALIZZATI ALL ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015

CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015 CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015 IMPORTO DEL PLAFOND ASSEGNATO AD ITALIA-COMFIDI IMPORTO

Dettagli

e, p.c. AGLI UFFICI TERRITORIALI DI GOVERNO - PREFETTURE DELL'ISOLA

e, p.c. AGLI UFFICI TERRITORIALI DI GOVERNO - PREFETTURE DELL'ISOLA PRESIDENZA CIRCOLARE 20 marzo 2006, n. 1. Contributi per l'anno 2006 del dipartimento regionale della protezione civile alle organizzazioni di volontariato di protezione civile regolarmente iscritte al

Dettagli

Comune di Roccamonfina

Comune di Roccamonfina Comune di Roccamonfina Provincia di Caserta Prot. 403 / 64 - UT AREA TECNICA AVVISO PUBBLICO AGGIORNAMENTO ELENCO DITTE E IMPRESE DI FIDUCIA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI SERVIZI FORNITURE IL RESPONSABILE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME Approvato con

Dettagli

COMUNE DI ADELFIA. provincia di bari SETTORE TECNICO

COMUNE DI ADELFIA. provincia di bari SETTORE TECNICO COMUNE DI ADELFIA provincia di bari SETTORE TECNICO BANDO DI CONCORSO PER L EROGAZIONE DEL FONDO PER IL SOSTEGNO ALL ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCA- ZIONE RELATIVO DELL ANNO 2012 - DELIB. G.R. N. 2199

Dettagli

Legge Regionale 18/2005, art. 31

Legge Regionale 18/2005, art. 31 Legge Regionale 18/2005, art. 31 AVVIO NUOVE IMPRESE D.P.REG. 114/PRES del 28.05.2010 entrato in vigore il 10.06.2010 (www.provincia.pordenone.it - modulistica settori amm.vi pol. del lavoro) REGIMI DI

Dettagli

Le medesime attività non possono svolgersi in forma ambulante.

Le medesime attività non possono svolgersi in forma ambulante. L. 14 febbraio 1963, n. 161 (1). Disciplina dell'attività di barbiere, parrucchiere ed affini (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 9 marzo 1963, n. 66. (2) Per la professione di estetista, vedi ora

Dettagli

COMUNE DI VILLA D OGNA (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI VILLA D OGNA (Provincia di Bergamo) COMUNE DI VILLA D OGNA (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE AGEVOLAZIONI PER LE IMPRESE OPERANTI E DI NUOVA COSTITUZIONE PRESENTI NEL TERRITORIO COMUNALE E PER LE AGEVOLAZIONI PER INTERVENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI approvato con deliberazione del C.S. n. 111 del 28/4/2004 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI CAPO I FINALITA' E PRINCIPI Art.1 Con il presente Regolamento il Comune, nell'esercizio

Dettagli

COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO. Provincia di Lecce

COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO. Provincia di Lecce COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI SOVVENZIONI,SUSSIDI E CONTRIBUTI A PERSONE FISICHE E GIURIDICHE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE Decreto Dirigenziale n. 181 del 14 aprile 2008 Area Generale di Coordinamento: Sviluppo Economico n. 12 - L.R. n. 12 del 28.11.2007 - Art. 6 - Incentivi per il Consolidamento delle Passivita' a Breve -

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

All'IRFIS FinSicilia S.p.A.

All'IRFIS FinSicilia S.p.A. Mod. 03.F_UNICO Numero pratica Codice cliente DOMANDA DI FINANZIAMENTO (da presentarsi in duplice copia) All'IRFIS FinSicilia S.p.A. (Riservato all'irfis) Via G. Bonanno, 47 90143 - PALERMO LA DITTA PARTITA

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA

PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PRESTITI AGEVOLATI DA ACCORDARE DA PARTE DEGLI ISTITUTI DI CREDITO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELL INDUSTRIA, DEL COMMERCIO, DEI SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO Approvato con delibera di C.C. nr. 3 del 07.02.2015 Art.1 PRINCIPI DI CARATTERE GENERALE Il Comune di San Lorenzo Nuovo riconosce e promuove

Dettagli

COMUNE DI CREMA AREA RISORSE UMANE E STRUMENTALI POLIZIA LOCALE - TRIBUTI E COMMERCIO SERVIZIO TRIBUTI, COMMERCIO, CATASTO

COMUNE DI CREMA AREA RISORSE UMANE E STRUMENTALI POLIZIA LOCALE - TRIBUTI E COMMERCIO SERVIZIO TRIBUTI, COMMERCIO, CATASTO Allegato A) delibera di CC n. 2013/00044 del 20/06/2013 COMUNE DI CREMA AREA RISORSE UMANE E STRUMENTALI POLIZIA LOCALE - TRIBUTI E COMMERCIO SERVIZIO TRIBUTI, COMMERCIO, CATASTO REGOLAMENTO PER L AGEVOLAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PARMA CRITERI PER L ACCESSO ALLE FORME DI CONTRIBUZIONE ECONOMICA ED ALLE MISURE DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE

COMUNE DI PARMA CRITERI PER L ACCESSO ALLE FORME DI CONTRIBUZIONE ECONOMICA ED ALLE MISURE DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE COMUNE DI PARMA CRITERI PER L ACCESSO ALLE FORME DI CONTRIBUZIONE ECONOMICA ED ALLE MISURE DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE Approvati con deliberazione di C.C. n. 88 del 08/07/2008, modificati con successiva deliberazione

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI (PROVINCIA DI SIENA) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE

COMUNE DI POGGIBONSI (PROVINCIA DI SIENA) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE COMUNE DI POGGIBONSI (PROVINCIA DI SIENA) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 65 del 24/06/2012 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT-PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT-PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT- FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT-PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT- DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MASSAROSA (PROVINCIA DI LUCCA) SCRITTURA PRIVATA ACCORDO OPERATIVO PER LA COSTITUZIONE E GESTIONE DI UN

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MASSAROSA (PROVINCIA DI LUCCA) SCRITTURA PRIVATA ACCORDO OPERATIVO PER LA COSTITUZIONE E GESTIONE DI UN REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MASSAROSA (PROVINCIA DI LUCCA) SCRITTURA PRIVATA ACCORDO OPERATIVO PER LA COSTITUZIONE E GESTIONE DI UN FONDO PER INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE DEI RESIDENTI DEL TERRITORIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E GESTIONE FONDO PER BENEFICI ECONOMICI A FAVORE DI NUOVE ATTIVITA ECONOMICHE

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E GESTIONE FONDO PER BENEFICI ECONOMICI A FAVORE DI NUOVE ATTIVITA ECONOMICHE COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E GESTIONE FONDO PER BENEFICI ECONOMICI A FAVORE DI NUOVE ATTIVITA ECONOMICHE Art. 1 Istituzione fondo E istituito annualmente, ed

Dettagli

31.10.2015 ORE 12:00

31.10.2015 ORE 12:00 AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI CORRELATI ALLE IMPOSTE LOCALI PAGATE con riferimento al periodo 01/01/2015-31/10/2015 importo stanziato: 10.000 euro PREMESSO che: - con la deliberazione

Dettagli

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2 4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 Legge regionale 2 agosto 2013, n. 45 famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Interventi di sostegno finanziario

Dettagli

COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE E LA CONCESSIONE DI ASSEGNI DI STUDIO NEL SETTORE DELL'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ED ARTISTICA, SCUOLA MEDIA INFERIORE,

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

Comune di Mazzano REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI FINANZIARI E VANTAGGI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI

Comune di Mazzano REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI FINANZIARI E VANTAGGI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI Comune di Mazzano REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI FINANZIARI E VANTAGGI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI Art. 1 Finalità, principi e criteri. Il Comune può intervenire con la concessione di contributi,

Dettagli

COMUNE DI VALLEDORIA Provincia di Sassari

COMUNE DI VALLEDORIA Provincia di Sassari COMUNE DI VALLEDORIA Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE OPERANTI NEL COMUNE DI VALLEDORIA (POIC) Fondo PISL POIC FSE. (approvato con deliberazione

Dettagli

Strumenti per l autoimpiego

Strumenti per l autoimpiego Strumenti per l autoimpiego A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone fisiche che intendono avviare un'attività di lavoro autonomo in forma di ditta individuale. Per presentare la domanda

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

LEGGE A SOSTEGNO DI NUOVA IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE. Noi Capitani Reggenti. la Serenissima Repubblica di San Marino

LEGGE A SOSTEGNO DI NUOVA IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE. Noi Capitani Reggenti. la Serenissima Repubblica di San Marino Legge 24 novembre 1997 n.134 LEGGE A SOSTEGNO DI NUOVA IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Promulghiamo e mandiamo a pubblicare la seguente

Dettagli

SETTORE PUBBLICA ISTRUZIONE SPORT CULTURA TEMPO LIBERO UNIVERSITA REGOLAMENTO ART.1

SETTORE PUBBLICA ISTRUZIONE SPORT CULTURA TEMPO LIBERO UNIVERSITA REGOLAMENTO ART.1 COMUNE DI BRINDISI SETTORE PUBBLICA ISTRUZIONE SPORT CULTURA TEMPO LIBERO UNIVERSITA REGOLAMENTO Oggetto: Concessione contributi a Società sportive ART.1 1) Con il presente regolamento il Comune determina

Dettagli

Comune di Jelsi. Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E

Comune di Jelsi. Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E Comune di Jelsi Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E Articolo 1 Oggetto Il Comune, nell esercizio dei suoi poteri di autonomia, determina

Dettagli

Il regime d aiuto è applicabile sul territorio nazionale nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di Stato nel settore agricolo.

Il regime d aiuto è applicabile sul territorio nazionale nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di Stato nel settore agricolo. Introduzione Nell ambito delle politiche di sviluppo rurale ed in armonia con la normativa comunitaria, nazionale e regionale, l Ismea, organismo fondiario nazionale, intende incentivare l insediamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016

Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016 Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016 Attività agricole: il subentro ed il rilancio delle attività gode di un finanziamento agevolato Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il decreto

Dettagli

Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo comunale delle Associazioni

Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo comunale delle Associazioni Allegato alla Delibera C.C. n. 32 del 29/11/2013 ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE DELLE VALLI DELLE DOLOMITI FRIULANE Comuni di Arba, Cavasso Nuovo, Cimolais, Claut, Erto e Casso, Frisanco, Maniago, Tramonti

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 64 del 20 nov. 2014 Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE All. A C.C. n. 30 del 08.08.2013 COMUNE DI DOLIANOVA PROVINCIA DI CAGLIARI SETTORE SERVIZI ALLA COMUNITA REGOLAMENTO COMUNALE INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI - A BENEFICIO DELLE ATTIVITA

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI, AUSILI FINANZIARI, PER L'ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI A PERSONE, AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI

Dettagli

A CHI SI RIVOLGE. Per presentare la domanda i proponenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

A CHI SI RIVOLGE. Per presentare la domanda i proponenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti: La legge che agevola l'autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati

Dettagli

Circolare n. 33 del 25 ottobre 2010

Circolare n. 33 del 25 ottobre 2010 5 Novembre 2010, ore 11:18 Circolare n. 33 e 34 di Assonime Fallimento e ristrutturazione delle imprese in difficoltà, le indicazioni di Assonime Assonime fornisce nelle Circolare n. 33 e 34 dello scorso

Dettagli

Bando Attività di Vicinato

Bando Attività di Vicinato COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo ALLEGATO B alla Delibera di Giunta Comunale P.G. 87807/06 BANDO ATTUATIVO DI CONCESSIONE CONTRIBUTI ANNO

Dettagli

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Interventi di sostegno finanziario in favore delle famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Pubblicata

Dettagli

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONI CULTURALI ART. 1

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONI CULTURALI ART. 1 COMUNE DI BRINDISI SETTORE PUBBLICA ISTRUZIONE SPORT CULTURA TEMPO LIBERO UNIVERSITA REGOLAMENTO ASSOCIAZIONI CULTURALI Approvato con deliberazione C.C. n. 160 del 20/12/1996 ART. 1 Con il presente regolamento

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Settore Istruzione, Sport, Cultura, Associazionismo OGGETTO : APPROVAZIONE DEL NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI BENEFICI E CONTRIBUTI AGLI

Dettagli

GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative. Intraprendo Incentivi per la creazione di nuove imprese

GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative. Intraprendo Incentivi per la creazione di nuove imprese GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative Intraprendo Incentivi per la creazione di nuove imprese GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative A chi è rivolto iniziative strutturate sotto forma

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, PATROCINI E USO DI STRUTTURE PUBBLICHE

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, PATROCINI E USO DI STRUTTURE PUBBLICHE REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, PATROCINI E USO DI STRUTTURE PUBBLICHE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del 28.02.2011 Modificata con deliberazione del

Dettagli