Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti"

Transcript

1 Accesso al credito: il ruolo di Giovanni Gorno Tempini, Amministratore delegato di CDP Spa Fermo, 14 giugno 2012

2 Indice CDP in sintesi 3 Raccolta 12 Finanziamenti 15 Equity CDP nelle Marche 22 33

3 CDP in sintesi Raccolta Finanziamenti Equity CDP nelle Marche

4 Missione CDP in sintesi Leader nel finanziamento degli ENTI LOCALI e PA CDP è una Spa a controllo pubblico (70% MEF, 30% Fondazioni) la cui missione istituzionale è finanziare la crescita del Paese Operatore chiave a sostegno delle IMPRESE Catalizzatore dello sviluppo delle INFRASTRUTTURE 4

5 Business plan CDP in sintesi Finanziamento ENTI LOCALI e PA 18 MLD Risorse complessive > 40 mld Sostegno ALLE IMPRESE 14 MLD Sviluppo delle INFRASTRUTTURE 11 MLD 5

6 2011: flusso di risorse CDP in sintesi Finanziamenti ENTI LOCALI e PA 6,2 mld CDP ha mobilitato nuove risorse per 16,5 mld (*) Sostegno alle IMPRESE 4,5 mld Sviluppo delle INFRASTRUTTURE 2,2 mld (*) compresi 3,5 mld di operazioni straordinarie 6

7 Principali aree di intervento: stock 2010/2011 CDP in sintesi SETTORI DEBITO * ( Mld) EQUITY * ( mld) Reti di trasporto e servizi pubbl. locali 70 0,4 Edilizia pubblica e social housing 24 1,0 Energia e telecomunicazioni 3 1,3 PMI e export-finance 5 0,4 Ricerca e innovazione 2 0 Ambiente e rinnovabili Totale 0, ,1 Totale debito + equity 107,1 mld fine mld fine

8 Bilancio e Conto economico CDP in sintesi DATI PATRIMONIALI ( mln) Totale attività Disponibilità liquide e depositi attivi interbancari Crediti verso clientela e verso banche Partecipazioni e titoli azionari Raccolta postale Altra raccolta diretta Patrimonio netto DATI ECONOMICI ( mln) 2010 Margine di interesse Margine di intermediazione Risultato di gestione Utile d'esercizio 1.612(*) (*) (*) l utile d esercizio 2011 risulta in crescita del 18% al netto di fattori di discontinuità. 8

9 Principali aree di intervento: flussi 2011 CDP in sintesi SETTORI D INTERVENTO Reti di trasporto e servizi pubblici locali Edilizia pubblica e social housing Energia e telecomunicazioni PMI e export-finance Ricerca e innovazione Ambiente e rinnovabili ,487 1, , (28) ,401 2, , Società di rilevante interesse nazionale (FSI) ( mld) TOTALE RISORSE MOBILITATE 16,489 (*) 11,657 (*) compresi circa 3,5 miliardi di operazioni straordinarie 9

10 Gamma di strumenti CDP in sintesi Fondo Efficienza energetica Fondo social housing Mutui online Enti pubblici Valorizzazione patrimonio Finanziamento diretto PPP per grandi infrastrutture Finanziamento indiretto piccole infrastrutture Finanziamenti a M/L settore servizi pubblici Export finance Grandi imprese Grandi imprese e PMI PMI Finanziamenti indiretti a M/L per investimenti e circolante Fondi Equity Credito agevolato per ricerca e innovazione 10

11 Strumenti: debito ed equity CDP in sintesi MUTUI F2I - FONDO ITALIANO PER LE INFRASTRUTTURE MARGUERITE, INFRAMED EUROPEAN ENERGY EFFICIENCY FUND DEBITO FINANZIAMENTI DIRETTI (PPP, Servizi pubblici locali, Progetti di interesse pubblico) FII - FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO FSI FONDO STRATEGICO ITALIANO EQUITY FONDO PLAFOND PMI FRI - FONDO ROTATIVO INVESTIMENTI IN RICERCA FIA FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE EXPORT BANCA FONDO KYOTO PARTECIPAZIONI 11

12 CDP in sintesi Raccolta Finanziamenti Equity CDP nelle Marche 12

13 Principale forma di raccolta: il Risparmio postale Raccolta GARANZIA DELLO STATO Buoni Fruttiferi Postali & Libretti di Risparmio Postale 24 MILIONI DI RISPARMIATORI POSSEGGONO UN LIBRETTO O UN BUONO POSTALE 10% DEL RISPARMIO NAZIONALE 14 MILA SPORTELLI DI POSTE ITALIANE STOCK 2011: 218 MLD (+5%) 13

14 Altre forme di raccolta e patrimonio Raccolta EMTN Emissione titoli, non garantiti dallo Stato, attraverso il Programma Euro Medium Term Note, partito nel Riservati ad investitori istituzionali, finanziano progetti infrastrutturali destinati alla fornitura di servizi pubblici. Le emissioni effettuate nel 2011, sono state pari a mln FINANZIAMENTI BEI Linee di credito concesse da BEI destinate a finanziare progetti di interesse nazionale ed europeo LIQUIDITÀ BCE Dal settembre 2010 CDP accede direttamente alla liquidità della BCE PATRIMONIO Nel 2011 il patrimonio netto è salito a mln ( mln a fine 2010) CDP non è soggetta alle regole di Basilea II/III. Tuttavia, secondo una valutazione interna, il suo rapporto Core Tier I sarebbe attorno al 30% 14

15 CDP in sintesi Raccolta Finanziamenti Equity CDP nelle Marche 15

16 L attività di finanziamento Finanziamenti L attività di finanziamento di CDP è diretta al supporto del territorio e dell economia attraverso tre canali principali: ENTI LOCALI CDP finanzia gli investimenti della PA, in particolare degli Enti locali per infrastrutture di piccola e media dimensione. Questa attività, in cui CDP ha impiegato nel ,2 mld ( 5,8 mld nel 2010) rappresenta un servizio di "interesse economico generale, che si svolge all'interno di un quadro che garantisce a tutti gli Enti massima trasparenza, accessibilità e uniformità di trattamento IMPRESE CDP, attraverso il sistema bancario: fornisce liquidità, anche a lungo termine, alle PMI aiuta le PMI a fronteggiare il problema dei ritardati pagamenti della PA sostiene l internazionalizzazione e l export delle imprese supporta gli investimenti nella ricerca INFRASTRUTTURE CDP finanzia direttamente, attraverso il ricorso al PPP e ai prestiti a medio-lungo termine, opere infrastrutturali di media e grande dimensione e investimenti relativi ai servizi pubblici 16

17 Il primo Plafond PMI: 8 mld Finanziamenti Operativo dalla seconda metà mld per il sostegno dell accesso al credito e incremento del circolante Accesso alle risorse attraverso le banche a tassi di mercato «calmierati» Ampio ventaglio di scadenze: 3, 5, 7 e 10 anni RISULTATI RAGGIUNTI: ne hanno beneficiato oltre 52 mila imprese (finanziamento medio: 150mila euro). Oltre il 40% delle risorse CDP è andato a finanziare progetti di medio lungo termine, con scadenze superiori ai 5 anni. suddivisione geografica: Nord-Ovest 38%; Nord-Est 30%; Centro 16%; Meridione 11%; Isole 5% principali settori finanziati: manifatturiero 40%; commercio-trasporti- alberghi 29%; costruzioni 10% circa il 40% della provvista CDP risulta impiegata in finanziamenti alle imprese su durata > 5 anni BANCHE ADERENTI ALLA CONVENZIONE: 76% del totale in termini di sportelli 92% in termini di quote di mercato 17

18 Il Nuovo Plafond: 10 mld Finanziamenti Esaurimento risorse del Plafond PMI 2009 Incertezza e turbolenze mercati finanziari Perdurante difficoltà di accesso al credito, in particolare nel comparto delle PMI Ritardo nei pagamenti della Pubblica Amministrazione 8 mld a sostegno del credito e circolante 2 mld dedicati al problema dei ritardi nei pagamenti della PA 18

19 Finanziamenti alle imprese: export banca Finanziamenti DIRETTI INDIRETTI BANCHE IMPRESE Garanzia SACE IMPRESE IN PIPELINE: 40 OPERAZIONI PER OLTRE 9,0 MLD 19

20 Finanziamento delle infrastrutture Finanziamenti Finanziamenti ad aziende operanti nei servizi pubblici, con particolare focus sulle utility e sui "corporate" pubblici: Finanziamenti Corporate utility; imprese del settore dei trasporti e della logistica; imprese di costruzioni e General Contractor; società operanti nella riqualificazione urbana o territoriale. Finanziamento di infrastrutture o di società di progetto (es. BreBeMi): Project Finance società affidatarie di concessioni di costruzione e gestione o di contratti relativi a servizi pubblici; imprese di costruzioni e gestione in qualità di promotori di concessioni di costruzione opere di interesse pubblico; imprese di costruzioni e General Contractor; società operanti nella riqualificazione urbana o territoriale. 20

21 Fondo Kyoto Istituito presso CDP, ai sensi della Legge Finanziaria 2007, per il finanziamento delle misure di riduzione delle emissioni dei gas a effetto serra, finalizzate all'attuazione del Protocollo di Kyoto (Legge Kyoto). L ammontare complessivo delle risorse è pari a 600 mln di euro. Si rivolge a Persone fisiche, Imprese, Energy Service Company (ESCo), Soggetti pubblici, Condomini, ecc.. La durata dei finanziamenti è compresa fra 3 e 6 anni (3-15 anni per i soggetti pubblici) Ai finanziamenti agevolati è applicato un tasso di interesse dello 0,50%. Per favorire la fruizione capillare delle risorse è stata offerta a tutto il sistema bancario la possibilità di operare con CDP. Le Banche Aderenti rilasciano la comunicazione dei parametri di affidabilità economico finanziaria e la fideiussione bancaria, possono concedere un finanziamento per la quota parte del costo totale del progetto non coperta dal finanziamento agevolato, stipulano il contratto di finanziamento agevolato e raccolgono la documentazione necessaria all'erogazione. 21

22 CDP in sintesi Raccolta Finanziamenti Equity CDP nelle Marche 22

23 Principali partecipazioni e Fondi equity Equity Private Equity (COMMITMENT CDP) Società quotate (QUOTA CDP; BOOK VALUE) FSI Fondo Strategico Italiano ( 4 mld) FII - Fondo Italiano d Investimento ( 250 mln) ENI Spa (26,4%; 17,2 mld) F2i Fondo Italiano per le Infrastrutture ( 151 mln) Terna Spa (29,9%; 1,3 mld) Marguerite Fund ( 100 mln) InfraMed Fund ( 150 mln) Società non quotate (QUOTA CDP) TAG - via CDP GAS (89%) Fondo Investimenti per l Abitare ( 1 mld) European Energy Efficiency Fund ( 60 mln) Entro la metà del mese di ottobre, CDP acquisirà da Eni una quota del 30% - 1 azione di Snam spa. 23

24 CDP e l equity Equity CDP agisce con strumenti di equity a supporto dell economia CDP è socio del Fondo Italiano di Investimento, costituito per dare impulso alla crescita patrimoniale e manageriale delle PMI IMPRESE CDP è promotore e socio principale del Fondo Strategico Italiano, per l acquisizione di partecipazioni in aziende di rilevanza nazionale, con l obiettivo di sostenerne crescita, aumento dell efficienza, aggregazione e competitività internazionale INFRASTRUTTURE CDP partecipa al Fondo F2i, che investe in infrastrutture brownfield CDP condivide con partner esteri la partecipazione a due fondi equity infrastrutturali internazionali, Marguerite e InfraMed CDP investe direttamente in società di gestione reti ed infrastrutture quali Terna e TAG 24

25 FII: Il Fondo Equity per le PMI Equity Investitori: CDP, IntesaSanpaolo, Unicredit, MPS, B. Popolari Sponsor: MEF, ABI e Confindustria First closing: ottobre 2010 Risorse: 1,2 mld (di cui 250 milioni sottoscritti da CDP) Settori: PMI italiane. Platea potenziale: imprese ( manifatturiere) Fund raising in corso. Iniziata fase di investimento Investimenti diretti: Oltre 880 sollecitazioni 165 società in analisi, 13 due diligence 18 investimenti deliberati Investimenti indiretti: 80 opportunità di investimento in fondi 11 fondi «committed» 417 milioni di Euro committed 25

26 Fondo Strategico Italiano (FSI) Obiettivo: acquisizione di partecipazioni (di norma minoritarie) in aziende strategiche per il Paese, per il sostegno alla crescita, all aumento dell efficienza operativa, all aggregazione e alla competitività internazionale Equity SETTORI rilevante interesse nazionale in alternativa DIMENSIONI Difesa Sicurezza Infrastrutture e pubblici servizi Trasporti Comunicazioni Energia Assicurazione e intermed. finanziaria Ricerca e alta tecnologia Fatturato annuo netto > 300 mln Dipendenti medi > 250 unità (Fatturato> 240 milioni e dipendenti > 200 unità nel caso di attività rilevanti in termini di indotto e di benefici per il sistema economico-produttivo) REQUISITI CHIAVE DELLE AZIENDE TARGET STABILE EQUILIBRIO FINANZIARIO,PATRIMONIALE ED ECONOMICO ADEGUATE PROSPETTIVE DI REDDITIVITÀ SIGNIFICATIVE PROSPETTIVE DI SVILUPPO 26

27 Fondi infrastrutturali- Domestici: F2i Equity Investitori: CDP, BIIS, Merrill Lynch, Unicredit, Fondazioni bancarie, Casse di previdenza First closing: dicembre 2007 Risorse: 1,85 mld (di cui 150 mln sottoscritti da CDP) Settori: investimenti principalmente brownfield in: distribuzione gas; aeroporti; energie rinnovabili; autostrade e trasporti; distribuzione acqua; reti di telecomunicazione In fase di investimento (fino a febbraio 2013) 27

28 Fondi infrastrutturali internazionali Marguerite Fund Investitori: BEI, CDP, CDC (Francia), KfW (Germania), ICO (Spagna) e PKO (Polonia) First closing: marzo 2010 Risorse: 710 mln (di cui 100 mln sottoscritti da CDP). Settori: in EU 27 Trasporti (Trans European Transport Networks); energia (Trans European Energy Networks) incluse rinnovabili Equity Fund raising in corso. Iniziata la fase di investimento oltre 125 opportunità di investimento analizzate 26 in fase di analisi approfondita 14 proposte preliminari di investimento 2 investimenti effettuati: impianto eolico offshore in Belgio (326 MW); impianto fotovoltaico in Francia (Toul-Rosières) 28

29 Fondi infrastrutturali- Internazionali InfraMed Infrastructure Fund Equity Investitori: BEI, CDP, CDC (Fr), CDG (Marocco) e EFG Hermes (Egitto) First closing: maggio 2010 Risorse: 385 mln (di cui 150 mln da CDP) Settori: principalmente greenfield, energia, trasporti e logistica, infrastrutture urbane nel Sud-Est del Mediterraneo Primo investimento (marzo 2012): porto di Iskenderun, Turchia PIPELINE: Marocco: fonti di energia rinnovabile Egitto: autostrade, energia, acque reflue Turchia: ospedali, trasporti, energia (eolico, gas, idroelettrico) Giordania: fonti di energia rinnovabile 29

30 Social Housing: Fondo Investimenti per l Abitare Equity Investitori: CDP, MIT, banche, assicurazioni, casse di previdenza First closing: luglio 2010 Risorse: 2,03 mld (di cui 1 mld CDP) Settori: iniziative di social housing tramite la partecipazione a fondi locali immobiliari Fund raising chiuso. Iniziata la fase di investimento 480 mln di investimenti FIA ( 50 ml già finalizzati) 1,6 mld complessivi in progetti di edilizia sociale per circa 10mila alloggi In pipeline: oltre 40 fondi di investimento (60% Nord Italia, 40% Centro-Sud) 10 opportunità avanzate: 500 mln addizionali e appartamenti 30

31 European Energy Efficiency Fund (EEEF) Equity Tipologia: Fondo di investimento (SICAV-SIF) che opera prevalentemente attraverso strumenti di debito. Gestore: Deutsche Bank Sponsors: la capitalizzazione iniziale è fornita da: Commissione Europea ( 125 mln, quale first loss ) BEI ( 75 mln) CDP ( 60 mln) Deutsche Bank ( 5 mln), gestore del fondo Primo closing: Giugno 2011 Risorse: 265 milioni (di cui 60 mln sottoscritti da CDP) Obiettivo: Finanziamento per progetti di Efficientamento Energetico (EE) ed Energie Rinnovabili (ER) all interno della UE27 Beneficiari: Amministrazioni locali e regionali, ESCO, utility, ecc.. 31

32 CDP in sintesi Raccolta Finanziamenti Equity CDP nelle Marche 32

33 Le attività di CDP nelle Marche Marche CDP supporta la crescita territoriale marchigiana principalmente attraverso: Plafond PMI: liquidità al sistema bancario regionale, che a sua volta impiega tale provvista verso le PMI locali Mutui agli Enti pubblici, per gli investimenti sul territorio Finanziamenti project/corporate per le imprese operanti nei settori idrico, energetico e autostradale Social housing: impulso al settore delle costruzioni coinvolto nei piani di edilizia pubblica sociale 33

34 Plafond PMI: erogazioni per regione (situazione al ) Area Geografica Nord-Ovest Regione Erogazioni Banche vs PMI % n.pmi Importo Medio LOMBARDIA ,09 25,5% ,61 PIEMONTE ,04 10,2% ,22 LIGURIA ,62 1,7% ,06 VALLE D'AOSTA ,63 0,1% ,18 VENETO ,90 14,7% ,69 Nord-Est EMILIA ROMAGNA ,53 11,5% ,04 TRENTINO-ALTO ADIGE ,12 2,2% ,08 FRIULI-VENEZIA GIULIA ,98 1,9% ,29 TOSCANA ,35 6,0% ,25 Centro Sud Isole LAZIO ,44 4,4% ,73 MARCHE ,03 4,3% ,52 UMBRIA ,38 1,3% ,85 CAMPANIA ,08 4,5% ,80 PUGLIA ,55 3,5% ,42 ABRUZZO ,63 1,3% ,20 CALABRIA ,62 1,0% ,70 BASILICATA ,70 0,6% ,91 MOLISE ,00 0,3% ,04 SICILIA ,77 3,7% ,47 SARDEGNA ,96 1,4% ,36 Totale ,42 100,0% ,29 IMPORTO FINANZIAMENTI A PMI (valori in milioni di euro) fino a 100 da 100 a 200 da 200 a 300 da 300 a 500 oltre i

35 Plafond PMI: diffusione nelle Marche ITALIA ( sportelli al ) MARCHE (1.157 sportelli al ) 22,8% 20,8% 7,8% 69,4% 15,5% 63,7% BANCHE ADERENTI BCC ADERENTI BANCHE E BCC NON ADERENTI BANCHE ADERENTI BCC ADERENTI BANCHE E BCC NON ADERENTI 35

36 Plafond PMI: province marchigiane (situazione al ) 100 Provincia controparte Erogazioni Banche vs PMI % n.pmi Importo Medio Milioni ANCONA ,87 37,0% ,85 MACERATA ,39 20,8% ,63 PESARO E URBINO ,22 19,9% , ASCOLI PICENO ,51 12,7% ,91 FERMO ,04 9,5% , Totale ,03 100,0% ,52 36

37 Finanziamenti nelle Marche MUTUI MARCHE Tra il 2009 e il 2011 CDP ha finanziato il 76% degli Enti, cui corrisponde il 77% della popolazione della Regione. Nel 2011 CDP ha concesso mutui agli enti locali marchigiani per 41 milioni di euro. La provincia di Fermo ha ricevuto finanziamenti per 7 milioni di euro. L attività si è indirizzata soprattutto al finanziamento di medi e piccoli comuni FINANZIAMENTI CORPORATE/PROJECT L attività di CDP ha prodotto nella Regione i seguenti principali risultati: finanziamento ad Hera di 130 milioni, stipulato nel 2012, a supporto del piano degli investimenti di gruppo che prevede - tra l'altro - interventi sulle reti di distribuzione del gas nella Regione Marche. finanziamento ad Autostrade per l'italia di 1 miliardo, stipulato nel 2009, per l'ammodernamento dell'autostrada A14 Rimini Nord - Porto Sant'Elpidio. 37

38 Social Housing nelle Marche Nella Regione Marche il FIA ha effettuato i seguenti investimenti: Fondo Real Quercia Housing Sociale, gestito da EstCapital Sgr, ha un ammontare obiettivo di 75 mln. CDPI Sgr ha assunto una delibera di investimento per 14 mln e una delibera non vincolante per ulteriori 16 mln. Il fondo opera nel Veneto e nell Italia Centrale. Fondo HS Italia Centrale, gestito da Investire Immobiliare Sgr, ha un ammontare obiettivo di 100 mln. CDPI Sgr ha assunto una delibera di investimento per 14,4 mln e una delibera non vincolante per ulteriori 25,6 mln. Il Fondo opera nell Italia centrale. Sono promotori dell iniziativa la Fondazione Carisap, la Fondazione Pescarabruzzo, la Fondazione Tercas, la Fondazione Varrone. Fondo Focus EST, gestito da Focus Sgr, ha un ammontare obiettivo di 120 mln. CDPI Sgr ha assunto una delibera di investimento per 11,2 mln e una delibera non vincolante per ulteriori 12,8 mln. Il Fondo opera nelle Marche e in Umbria. Sul territorio sono in corso ulteriori attività di promozione e di scouting 38

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012)

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012) Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico e d intesa con la Cassa Depositi e Prestiti EMANA la seguente Circolare del 16

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Quadro di sintesi sugli impianti a fonti rinnovabili in Italia... 5 Numerosità

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 0015 Roma Le gare bandite da Consip per le Convenzioni di Facility Management (FM2 e FM3) sono suddivise in 12 lotti geografici e le singole

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Primo Rapporto ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover Imprese, Progettisti e Rivenditori I servizi Isover 70 persone sul territorio per rispondere ad ogni esigenza specifica dei Clienti I servizi Isover per Imprese, Progettisti e Rivenditori Questa brochure

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover Imprese, Progettisti e Rivenditori I servizi Isover 70 persone sul territorio per rispondere ad ogni esigenza specifica dei Clienti I servizi Isover per Imprese, Progettisti e Rivenditori Questa brochure

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

per aumentare l occupazione

per aumentare l occupazione newsletter a cura di Giugno 2014 La garanzia giovani parte. Con le imprese editoriale del Ministro Aiutiamo in concreto i giovani e le imprese di Giuliano Poletti Il 1 maggio ha preso avvio, in tutta Italia,

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

UNIONE EUROPEA. Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013

UNIONE EUROPEA. Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 UNIONE EUROPEA Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 30 novembre 2007 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli