BREGAGLIO srl SOMMARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BREGAGLIO srl SOMMARIO"

Transcript

1 BREGAGLIO S.r.l BILANCIO SA8000 Biassono, febbraio 2015

2 SOMMARIO INTRODUZIONE Perché un bilancio SA PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA 3 2. IDENTIFICAZIONE DEI PORTATORI DI INTERESSE (STAKEHOLDER) I LAVORATORI I CLIENTI I FORNITORI IL TERRITORIO 3 3. IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA 4 4. I REQUISITI DELLA NORMA SA LAVORO INFANTILE LAVORO OBBLIGATO SALUTE E SICUREZZA LIBERTÀ DI ASSOCIAZIONE E DIRITTO ALLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA DISCRIMINAZIONE PROCEDURE DISCIPLINARI ORARIO DI LAVORO RETRIBUZIONE SISTEMA DI GESTIONE 10 1

3 INTRODUZIONE Perché un bilancio SA8000 Le industrie farmaceutica e cosmetica cui Bregaglio si rivolge trovano la loro rispettiva identità nella ricerca del benessere fisico e psicologico dell uomo. In questo contesto si è sviluppata la convinzione che la logica che regola il lavoro della Società dovesse guardare oltre i temi attinenti alla pur già apprezzata qualità aziendale per affrontare anche quelli che, in qualche modo, siano correlabili a principi più ampi di benessere sociale. Il 17 giugno 2005 la Bregaglio ha ottenuto la certificazione SA8000 che è stata rinnovata due volte mentre è in corso il terzo rinnovo: in questi anni di certificazione l esperienza vissuta è stata valutata positivamente. Anche se si ritiene difficile poter quantificare economicamente i benefici tratti dal cammino fatto in questi tre anni, si percepisce, però, la bontà di questa certificazione. In particolare: all interno dell azienda, perché aiuta a focalizzarsi sui temi e sui valori in cui la Bregaglio crede: il personale, come risorsa fondamentale; all esterno dell azienda, perché richiede una comunicazione e un contatto continuo con i propri stakeholders e la propria catena di fornitura. Già presente in Bregaglio un sistema di gestione per la qualità conforme alla norma ISO, i due sistemi sono stati integrati in modo da creare un unico sistema di gestione che costituisce il riferimento dell attività aziendale. Nel corso dell anno 2009 la società ha adeguato il suo sistema alle novità introdotte dalle nuove norme ISO 9001:2008 per la qualità e SA8000:2008 per la responsabilità sociale. Il presente documento consente di diffondere la politica e i risultati conseguiti in relazione ai requisiti della norma SA8000 nel corso dell anno 2014 e gli obiettivi definiti nel Piano Annuale. Copia del presente documento è disponibile sul sito internet e per consultazione presso gli uffici; una copia è stata inoltre consegnata al rappresentante dei lavoratori SA

4 1. PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA Bregaglio è una Società a responsabilità limitata con sede legale a Milano in Via M. Macchi 42 e sede operativa a Biassono (Mi), in Via Locatelli 94. Nel corso dell anno che viene qui preso in considerazione (anno 2014) i dipendenti sono stati 14, tra cui 1 dirigente, 11 impiegati di cui 2 impiegate operano nella sede di Milano, dove viene gestita la sola parte amministrativa - e 2 operai. Nel mese di maggio 2014 è stato assunto un collaboratore a progetto a sostegno dell attività di laboratorio e nel mese di ottobre è stata assunta una collaboratrice a progetto per l attività d marketing. Il numero di collaboratori che vengono, pertanto, considerati nel presente bilancio è di 16. Con l ingresso nella partecipazione societaria della Zschimmer & Schwarz Chemie nel mese di maggio 2008 è, inoltre, modificato il CdA aziendale e due collaboratori del precedente Consiglio di Amministrazione sono stati assunti con un contratto a progetto e con un contratto di collaborazione coordinata e continuativa (amministratori). Il 7 luglio 2011 il 100% del Capitale Sociale della Bregaglio è stato rilevato Zschimmer&Schwarz Chemie. L attività di Bregaglio consiste nella commercializzazione di materie prime per l industria cosmetica e/o farmaceutica distribuite in nome e per conto di società mandanti. 2. IDENTIFICAZIONE DEI PORTATORI DI INTERESSE (STAKEHOLDERS) Nella fase di pianificazione del sistema particolare attenzione è stata dedicata al coinvolgimento dei principali portatori di interesse (stakeholder), affinché potessero partecipare attivamente alla realizzazione del sistema di responsabilità sociale, insieme alla proprietà e alla direzione aziendale I LAVORATORI I lavoratori sono stati fin dall inizio coinvolti nel processo di implementazione del sistema mediante la distribuzione di materiale informativo e la creazione di diversi incontri organizzati durante l orario di lavoro e dedicati alla descrizione della norma SA8000, dei suoi requisiti e dell importanza dell adozione di un sistema di responsabilità sociale per la vita aziendale I CLIENTI L attività di Bregaglio è strettamente commerciale; l attenzione che l azienda riserva ai suoi clienti si è concretizzata nell impegno al rispetto della risorsa umana nel ciclo produttivo e in una particolare attenzione alla comunicazione nei loro confronti I FORNITORI E stato strutturato un sistema di verifica e di sensibilizzazione sull operato dei fornitori chiedendo agli stessi il rispetto delle norme e dei principi contenuti nella norma SA8000. Per l attività propria di Bregaglio, particolare importanza rivestono le Società rappresentate (case mandanti), considerate come partners per il raggiungimento degli obiettivi aziendali IL TERRITORIO Bregaglio ha assunto uno speciale impegno nei confronti del Comune di Biassono per creare una forma di comunicazione e di collaborazione con il territorio in cui opera da 30 anni. Rientra in questa categoria anche la Banca Etica, presso cui Bregaglio ha, da ormai alcuni anni, fatto dei depositi. 3

5 Sono considerate, inoltre, la istituzioni e le associazioni con cui Bregaglio ha dei rapporti in funzione delle iniziative che vengono pensate. 3. IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA Nella fase di implementazione di un sistema integrato (qualità e responsabilità sociale) la Bregaglio ha realizzato un unico manuale e una serie di procedure che descrivono i diversi processi aziendali, le responsabilità ad essi connesse e i criteri utilizzati per assicurare la rispondenza alle norme di riferimento. Tutto il personale ha la possibilità di accedere alla documentazione relativa al sistema aziendale. I lavoratori hanno eletto un rappresentante SA8000 che possa esporre le loro esigenze alla direzione. La direzione ha, a sua volta, nominato il proprio rappresentante SA8000, con il compito di assicurare il rispetto dei requisiti della norma. La Bregaglio definisce ogni anno gli obiettivi da conseguire, che vengono formalizzati nel Piano Annuale; la loro attuazione e i risultati sono tenuti sotto controllo attraverso il riesame della direzione che ha fornito gli elementi su cui è basato questo bilancio SA I REQUISITI DELLA NORMA SA8000 Di seguito sono riportate le informazioni e i risultati conseguiti dalla società che evidenziano il rispetto dei singoli requisiti della norma SA

6 4.1. LAVORO INFANTILE La Bregaglio non intende utilizzare o dare sostegno al lavoro infantile; dalle cartelle del personale si evince che l età degli attuali dipendenti è sempre superiore a 20 anni e non si sono mai verificate ipotesi di inserimento di personale inferiore ai 18 anni. Al 31 dicembre 2014 la situazione della distribuzione per età risulta essere la seguente: Distribuzione per età > 50anni 38% anni 12% anni 25% anni 25% La procedura P18.01 prevede, comunque, un azione di recupero per garantire il supporto a bambini che si dovessero trovare in situazioni che ricadono nella definizione di lavoro infantile. La stessa procedura specifica, inoltre, che nessun lavoratore minore (bambino o giovane lavoratore) sarà sottoposto a lavori rischiosi, pericolosi o nocivi per la salute, tanto più che come si evince dal Documento di valutazione dei rischi presso la Bregaglio la valutazione dei rischi è molto bassa. Come previsto dal riesame della direzione effettuato a marzo 2010, la suddetta procedura è stata aggiornata per adeguare l azione di rimedio alla emissione della nuova norma SA8000. Azioni messe in atto da Bregaglio riferibili al requisito in questione: AZIONI RESPONSAB. RISORSE Mantenimento adozione dei 4 bambini etiopi adottati a distanza. Coinvolgere il personale, in tutte le fasi del rapporto con gli adottati. Donazione natalizia: Fondo di Solidarietà per il Servizio Sociale del Comune di Biassono. Acquisto di panettoni natalizi a scopo benefico Direz. Generale Rappr. Direzione SA8000 Contributo aziendale: euro 740 Contributo aziendale: euro 1200 Contributo aziendale: euro 180 INDICATORE DI PERFORMANCE Contatti da e verso il Centro Romagna. Esposizione in bacheca e invio tramite posta elettronica delle comunicazioni. Attuazione progetto Attuazione progetto OK OK OK STATO AL OBIETTIVI 2015 Mantenimento adozione. Donazione natalizia da valutare nel mese di ottobre 2015 Acquisto natalizio da valutare nel mese di ottobre

7 4.2. LAVORO OBBLIGATO Tutte le persone che l azienda impiega sono liberamente assunte e hanno consapevolmente firmato un contratto di lavoro; l azienda non trattiene documenti originali di identità o altri valori personali materiali o immateriali che possono far sentire il dipendente in situazione di obbligo a continuare il suo rapporto di lavoro. E prevista l applicazione del CCNL per le modalità relative alle dimissioni e alle assunzioni. I documenti personali che vengono richiesti per gli adempimenti fiscali sono trattenuti esclusivamente in copia e conservati nella cartella individuale del dipendente. AZIONI RESPONSAB. RISORSE Destinare una percentuale del fatturato a investimenti presso la Banca Etica per sostenere la realizzazione di attività di microcredito sul territorio italiano. Direzione Generale Direzione Amministrat. Rappr. Direzione SA8000 Investimento aziendale. INDICATORE DI PERFORMANCE Risultati pubblici della gestione. STATO AL OBIETTIVI 2015 Mantenuto investimento precedente in fondi Valori Responsabili di Etica Sgr. Mantenimento investimento Attraverso l investimento in fondi Valori Responsabili di Etica Sgr, viene creato un fondo di garanzia per progetti di microcredito in Italia. Grazie a questo fondo Banca Etica può concedere piccoli prestiti a persone che si trovano in situazioni di bisogno: il credito li aiuta a far fronte a spese non previste oppure ad uscire dall emarginazione e dall illegalità, con l avvio di piccole attività imprenditoriali SALUTE E SICUREZZA La sicurezza è posta con forza al centro dell attività aziendale, al fine di garantire un luogo di lavoro sicuro e salubre ai lavoratori o a chiunque altro possa essere coinvolto nelle attività aziendali; risorse adeguate sono allocate affinché sia favorita la prevenzione di incidenti o altre cause di pericolo. La Società ha, nell anno 2008, rinnovato il Documento per la valutazione dei rischi secondo il D. Lgs 81/08 per entrambe le sedi e ha predisposto un piano di evacuazione e antincendio; nei luoghi di lavoro sono esposte le mappe di evacuazione indicanti le uscite di sicurezza dalle diverse postazioni lavorative in caso di emergenza. Il Documento reca con chiarezza la specifica che viene elaborato per volontà della Direzione nell ambito del mantenimento dei massimi standard di qualità benché l attuale assetto dell azienda a stretti termini di legge, consenta l adozione di una semplice procedura di autocertificazione delle condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro. Il Documento prevede una valutazione dei rischi ed una protezione specifica per le donne in gravidanza e le puerpere. E in atto una nuova revisione del DVR. Nel corso dell'anno 2014 le principali azioni di miglioramento in termini di sicurezza hanno riguardato la formazione dell RSPP e l adeguamento, in termini di formazione, di tutti i collaboratori secondo le richieste dell Accordo Stato Regioni. In corso d'anno si sono svolte le esercitazioni per la prova delle procedure di gestione delle emergenze: sia emergenza incendio-evacuazione che primo soccorso. Le prove hanno avuto esito positivo. 6

8 In corso d'anno sono state effettuate le visite di sorveglianza sanitaria previste per il lavoratori con scadenza della visita periodica. E stato unanimemente nominato un responsabile per la sicurezza (RLS) che ha effettuato la formazione nel mese di novembre 2008 e l'ultimo aggiornamento annuale nel corrente mese di febbraio Una volta all anno viene effettuata la Riunione periodica del Servizio Prevenzione e Protezione dai Rischi a cui partecipano Datore di lavoro, RSPP, RLS e Medico competente. Il verbale della riunione rapporta sull andamento dell anno precedente in tema di sicurezza. AZIONI RESPONSAB. RISORSE Effettuare formazione regolare e di qualità in azienda per garantire che il personale riceva una regolare e documentata formazione in materia di salute e sicurezza. RSPP Rappr. Direzione SA8000 Consulente esterno Consulente esterno Corsi esterni: euro 350,00 INDICATORE DI PERFORMANCE Ore di formazione totali/anno: 143 STATO AL OBIETTIVI 2015 Effettuata la formazione prevista. Effettuare la formazione richiesta in materia di sicurezza e formazione nuovo personale. Anche nell anno 2014 è stata fatta istanza di riduzione della tariffa in relazione a certe pratiche di responsabilità sociale e sicurezza messe in atto dall azienda; l istanza è stata accolta dall Inail. Quando previsto dal fondo di assistenza sanitaria Faschim, viene effettuata formazione relativa e vengono distribuiti prospetti illustrativi. La proposta di adesione al fondo è stata accolta positivamente da sette dipendenti. Il contributo economico dell azienda è pari a 85%. Durante il riesame della direzione è stato proposto dal rappresentate dei lavoratori di creare una "zona ospitalità" per offrire una zona di pausa-caffè più "consona" rispetto al magazzino e di rendere la "zona campioni" più gradevole, anche in temini di temperatura. Entrambe e azioni sono state realizzate così come l installazione di impianti di aria condizionata in alcuni uffici LIBERTÀ DI ASSOCIAZIONE E DIRITTO ALLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA La Società rispetta la libertà di ciascun lavoratore di formare o aderire a sindacati di sua scelta e il diritto alla contrattazione collettiva, nel pieno rispetto delle norme e degli accordi nazionali. Il CCNL è a disposizione di tutti per la consultazione. Le modifiche del contratto vengono esposte in bacheca. In completa libertà, nessun dipendente della Bregaglio ha scelto di iscriversi ai sindacati; l azienda accetta in ogni caso che vengano organizzate riunioni durante l orario di lavoro su richiesta del Sindacato l ultimo incontro è avvenuto il 1 giugno DISCRIMINAZIONE In Bregaglio sono garantite pari opportunità alle persone che lavorano in azienda e non è ammessa alcuna forma di discriminazione intesa come qualsiasi distinzione, esclusione o preferenza, che ha l effetto di annullare o pregiudicare l eguaglianza di opportunità o di trattamento (Rif. Guidance Document). 7

9 Tutti i collaboratori sono di nazionalità italiana e non sono presenti lavoratori di altre religioni. Il settore e il tipo di attività prevalentemente di ufficio comporta una maggiornanza di donne. Al 31 dicembre 2014 la situazione della distribuzione per sesso e per differenti mansioni risulta essere la seguente: Distribuzione per sesso uomini 37% donne 63% Distribuzione per mansione 8 10 numero persone dirigenti impiegati 2 0 operai uomini donne mansione L accesso alla formazione è garantito tenendo conto delle necessità aziendali. I momenti di formazione sono pianificati ed effettuati in base alle necessità aziendali e non vengono applicati criteri discriminatori. Per tutti i lavoratori, indipendentemente dalle mansioni loro attribuite, sono organizzati corsi di formazione sui temi salute e sicurezza. La formazione effettuata nell anno 2014 può essere così riassunta: FORMAZIONE ANNO 2014 TIPOLOGIA ORE COSTI SA Euro 145,00 Sicurezza 143 Euro 350,00 + Consulente esterno Formazione professionale 295 Euro 6.150,00 (di cui parte finanziati da Fondimpresa) Nel costo di formazione professionale non si tiene conto del costo di formazione quando questa è avvenuta durante un evento o una fiera. 8

10 Viene data a tutti la possibilità di avere informazione su tematiche SA8000 che possano interessare, tramite l invio di comunicazioni via , l esposizione in bacheca o l archiviazione sulla cartella Leggi nel server aziendale accessibile a tutto il personale. A tutela, per chiunque sia oggetto di discriminazione, del diritto di difendersi e denunciare la discriminazione subita, è stato introdotto un meccanismo di segnalazione reclami. Fino ad ora non è stato avanzato alcun reclamo in relazione al requisito discriminazione. Si ricorda che qualora ne ricorra l esigenza il rappresentante della direzione incontra il rappresentante dei lavoratori con lo scopo di verificare la necessità di azioni preventive/correttive o prendere in considerazione istanze/richieste da parte dei collaboratori in tema SA PROCEDURE DISCIPLINARI E politica aziendale non ricorrere ad alcuna pratica disciplinare che possa nuocere all integrità fisica e morale dei dipendenti, né a trattenute sullo stipendio. Gli unici provvedimenti disciplinari praticabili sono quelli previsti dal Contratto Collettivo Nazionale e sono portati a conoscenza di tutti i lavoratori tramite affissione in bacheca. Non sono in atto cause civili o vertenze sindacali di sorta su temi riguardanti il lavoro. Nell anno 2014 sono state fatte n.5 lettere di contestazione. La società ha preso atto delle giustificazioni fornite in risposta dai collaboratori coinvolti e, in due casi, provveduto ed emettere un richiamo scritto. A tutela, per chiunque sia oggetto di discriminazione, del diritto di difendersi e denunciare la discriminazione subita, è stato introdotto un meccanismo di segnalazione reclami. Fino ad ora non è stato avanzato alcun reclamo in relazione al requisito procedure disciplinari ORARIO DI LAVORO L orario di lavoro aziendale è di 39 ore settimanali come previsto dal Contratto Collettivo Nazionale dei Chimici; vengono rispettati i riposi e le festività pubbliche che sono pagate quando cadenti di domenica. Nella lettera di assunzione di ogni lavoratore è evidenziato il normale orario di lavoro. Non è politica aziendale ricorrere all utilizzo di lavoro straordinario, ma qualora si verifichi l occasione, è prevista per contratto una maggiorazione delle retribuzione. Nell anno 2014 le ore complessive di straordinario sono state 32; le ore sono state regolarmente pagate secondo la maggiorazione contrattuale o compensate, come richiesto dal dipendente. A dimostrazione degli intendimenti aziendali e del rapporto creatosi tra azienda e dipendenti su questo punto, non si ritiene necessario effettuare la rilevazione rigorosa e puntuale delle presenze dei collaboratori; nel corso dell anno 2007 è stato eliminato il timbro di presenza anche per l operatore di magazzino, in quel momento unico operaio. I contratti part-time sono tutti su base volontaria e sono in linea con quanto previsto dagli attuali dettami legislativi, con la precisa indicazione, nel contratto individuale, delle fasce orarie lavorative. Nell'anno 2014 si è accolta la richiesta di una collaboratrcice di ridurre l'orario di lavoro (già part-time) per fare fronte ad esigenze familiari. La tabella qui sotto indica la ripartizione dell organico in base all orario effettuato: 9

11 RIPARTIZIONE ORGANICO PART TIME FULL TIME TOTALE UOMINI DONNE TOTALE I contratti sono tutti a tempo indeterminato e due a progetto RETRIBUZIONE Ciascun lavoratore riceve una retribuzione proporzionata alla quantità e alla qualità del proprio lavoro; l azienda riconosce un salario superiore a quello previsto dal Contratto Collettivo Nazionale ed una quattordicesima mensilità viene erogata nonostante non sia contrattualmente prevista. La busta paga è stata studiata da una Società specializzata in paghe e contributi, ed è stata illustrata in ogni punto durante un apposito intervento formativo. AZIONI RESPONSAB. RISORSE INDICATORE DI PERFORMANCE STATO AL OBIETTIVI 2015 Erogazione premio di produzione a tutti i collaboratori calcolato sull attività svolta dalla società nell anno precedente. Direzione Generale Interne Percentuale legata all EBITDA dell anno 2013 Il premio è stato erogato in relazione ai risultati d esercizio. Miglioramento redditivo. Nel corso dell anno 2007, con atto liberale della Società, è stata introdotta l erogazione di un premio di produzione per tutti i collaboratori corrispondente all 1,5% dell EBITDA dell anno precedente. Il premio viene parametrato in base ai livelli e all orario di lavoro. L azienda sostiene il progetto Fonchim, un fondo pensione per i lavoratori dell industria chimica e farmaceutica e dei settori affini. La proposta di adesione al fondo è stata accolta positivamente da sette dipendenti. Il contributo economico dell azienda è pari al 50% SISTEMA DI GESTIONE AZIONI RESPONSAB. RISORSE INDICATORE DI PERFORMANCE STATO AL OBIETTIVI 2015 Rinnovo certificazione Riesame della direzione Formazione personale Direzione Generale Euro IVA (rinnovo) Euro IVA (mantenimento) Audit semestrale Ottenimento rinnovo nel mese di marzo 2015 Rappr. Direzione SA8000 Direzione Generale Interne Indicatori previsti Riesame effettuato in data Esterne ed interne Rispetto piano di formazione Le pianificazioni non effettuate sono state risportate nel piano dell anno 2015 Mantenimento certificazione Riesame da effettuare entro il mese di aprile 2015 Rispetto piano di formazione

12 L azienda si è dotata di un sistema di gestione della responsabilità sociale conforme alla norma SA8000:2001 ottenendo lo stato di Applicant nel mese di marzo 2004 e la certificazione il 17 giugno 2005; il primo rinnovo della certificazione è stato ottenuto il 28 novembre 2008 e il secondo il 22 dicembre Nell anno corrente è previsto l ottenimento del rinnovo per la terza volta. Nell anno 2010 si è effettuato il passaggio alla norma SA8000:2008. E stato predisposto e realizzato un piano di formazione e informazione sulla norma SA8000 con lo scopo di sensibilizzare l intero personale sugli argomenti inerenti la responsabilità sociale, diffondendo la consapevolezza delle garanzie che la norma offre, con particolare attenzione al diritto di esporre reclami, segnalazioni e suggerimenti. Tutti i fornitori e clienti sono stati informati dell interesse di Bregaglio in tema SA8000 mediante invio di lettera o in occasioni di incontri. Politica Nel mese di ottobre 2012 la politica aziendale è stata aggiornata. L approccio ai sistemi vede l impegno della direzione a considerare la conformità ai modelli di riferimento relativi alla sicurezza. Si conferma la volontà di integrare, anche formalmente, le regole di Bregaglio su qualità e responsabilità sociale con quelle sulla sicurezza e di gestire il sistema integrato. E condivisa con le parti interessate tramite pubblicazione sul sito aziendale e presso gli uffici insieme allo standard. Riesame della Direzione I momenti di riesame della direzione sono numerosi nella vita aziendale; in particolare una volta all anno viene discusso lo stato di avanzamento del sistema aziendale, sia per quanto riguarda il sistema di responsabilità sociale che quello per la qualità. Per facilitare il riesame della direzione è stata definita una serie di indicatori che consentano di evidenziare il raggiungimento degli obiettivi fissati e la definizione di ulteriori obiettivi. Rappresentanti dell Azienda Il rappresentante della direzione per SA8000 è la dott.ssa Manuela Bertuzzi. Il rappresentante dei lavoratori per SA8000 è la dott.ssa Annamaria Ratti, eletta nel 2005, in occasione dell ottenimento della certificazione e riconfermata in seguito al rinnovo. Pianificazione ed implementazione I ruoli e le responsabilità legate alla gestione del sistema di responsabilità sociale sono stati definiti attraverso l integrazione dell organigramma aziendale. L organigramma aziendale è distribuito e esposto in bacheca. Il piano di formazione viene previsto ogni anno, con riferimento ad eventuali attività di formazione in tema di salute e sicurezza, sistemi di gestione, aggiornamenti professionali. Per i nuovi inserimenti viene erogata una formazione generale sull organizzazione, sui sistemi di gestione, su salute e sicurezza, e una formazione specifica in base al ruolo che la persona andrà a ricoprire. Un aggiornamento di formazione viene effettuato anche in caso di ingresso post-maternità. Come attività di monitoraggio, oltre a quella ordinaria e quotidiana che può essere messa in atto date le dimensioni ridotte dell azienda, sono utilizzati gli strumenti del riesame di direzione e del bilancio SA

13 Controllo dei fornitori Nel processo di adeguamento allo standard SA8000, è stata posta particolare attenzione alla capacità dei fornitori di rispondere ai requisiti della norma. La prima azione intrapresa verso tutti i fornitori è stato l invio di una comunicazione per esprimere l impegno intrapreso, seguita da un questionario e una richiesta di impegno. In base ad alcuni criteri fissati, i fornitori sono stati suddivisi in categorie; sono state individuate le aree di attività ove il rischio di criticità nei confronti dei requisiti SA8000 è più elevato e sono state pianificate diverse azioni sui fornitori al fine di verificare la rispondenza ai requisiti della norma. Il piano di controllo dei fornitori è aggiornato periodicamente e rivisto in sede di riesame. In occasione della visita per il rinnovo della certificazione e ad alcune considerazioni fatte in quella sede, il piano di controllo dei fornitori è stato recentemente rivisto. Problematiche e azioni correttive E stata predisposta una procedura per l inoltro dei reclami e delle segnalazioni anche in forma anonima. La direzione, anche per le piccole dimensioni aziendali, è aperta al dialogo con tutti i collaboratori e si impegna a prendere in considerazioni tutte le richieste o problematiche portate alla sua conoscenza. Qualora il collaboratore e/o la parte interessata non dovesse riscontrare, da parte della società, una risposta alle questioni poste, può ricorrere direttamente all organismo di certificazione (C.I.S.E. Corso della Repubblica Forlì oppure SAAS se straniero). Comunicazione esterna e coinvolgimento delle parti interessate Viene redatto annualmente un piano di comunicazione esterna che prende in considerazione attività sociali così come attività di marketing dedicate al miglioramento dell immagine aziendale. La Bregaglio ha scelto come principale strumento di comunicazione il proprio sito internet su cui pubblica anche il bilancio SA8000. Lo stesso bilancio viene inviato a tutti gli iscritti alla newsletter aziendale sia in lingua italiana che in lingua inglese. Ulteriori momenti di comunicazione sono gli interventi e gli incontri ai quali la Bregaglio è invitata a portare la propria testimonianza in riferimento alla Responsabilità Sociale di impresa. La Bregaglio ritiene molto importanti questi momenti di comunicazione, in quanto sono intesi come momenti in cui fare cultura. Un piccolo momento di aggregazione interna si è creato nel mese di luglio 2014 quando, per festeggiare i 30 anni aziendali, abbiamo partecipato ad un'attività di teambuilding tra tele e pennelli! In occasione delle festività natalizie nell anno 2012 avevamo sentito forte il richiamo a contribuire ad alleviare, nelle nostre possibilità, la difficile situazione di talune famiglie che, colpite dalla crisi economica, incontravano gravi difficoltà ad affrontare spese socio-sanitarie aventi carattere d'urgenza e non differibili al Servizio Sanitario Nazionale. Lo stesso Comune di Biassono ci ha recentemente convocati per darci conto delle azioni svolte con il nostro contributo. In relazione alla correttezza ed alla trasparenza dimostrata dai responsabili del Comune di Biassono nel gestire l importo da noi loro affidato ed a seguito delle positive evidenze riscontrate in questa iniziativa abbiamo deciso di promuovere anche nel 2013 e di nuovo nel 12

14 2014 lo stesso progetto devolvendo al Servizio Sociale del Comune di Biassono l'importo tradizionalmente speso per regali natalizi. Accesso alla verifica Nel caso di audit realizzati con o senza preavviso, l azienda garantisce l accesso alla verifica nei confronti delle parti interessate e, pertanto, anche nei confronti dell Organismo di Certificazione. Registrazioni Le registrazioni relative alla distribuzione e comunicazione del sistema SA8000 alle parti interessate, al coinvolgimento del rappresentante dei lavoratori, del RLS e dei fornitori nell ambito delle tematiche inerenti alla norma, sono conservati in azienda (se cartacei) o presso la rete e il sito aziendali. In conclusione fa piacere sottolineare - dati la richiesta di un miglioramento continuo e il riferimento a requisiti piuttosto delicati - l impegno che Bregaglio porrà per continuare nella direzione presa: identificare nuove azioni e motivazioni al coinvolgimento sarà compito gravoso ma molto stimolante. 13

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE Domanda per la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (d.m. 12/12/2000 e s.m.i.) dopo il primo biennio

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO 2ª Edizione - Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Calzedonia Holding S.p.A - il 17 marzo 2014 ENG INTRODU- ZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE DEL CODICE ETICO Un Azienda

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LE AZIENDE CHE SVOLGONO ATTIVITÀ NEL SETTORE DEL TURISMO

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LE AZIENDE CHE SVOLGONO ATTIVITÀ NEL SETTORE DEL TURISMO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LE AZIENDE CHE SVOLGONO ATTIVITÀ NEL SETTORE DEL TURISMO Premessa Le Parti, nel predisporre questo nuovo contratto collettivo per le aziende del turismo, hanno

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 Le novità del rinnovo CCNL industria Ieri Ieri L art. 78 del CCNL industria siglato il 18/06/2008 già prevedeva i limiti

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 A TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Lavoro part-time. In seguito alle comunicazioni CNCE n. 433 del 27 luglio 2010, n. 436 del 29 settembre 2010, n.

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli