Report sulle iniziative di microcredito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Report sulle iniziative di microcredito"

Transcript

1 1 P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Ob. Convergenza Ob. Operativo II.4 Gruppo di lavoro del Dipartimento per le Pari Opportunità Regione Campania Elena Bonavolontà, Carla Esposito, Enza Ferrara, Loredana Gazerro Report sulle iniziative di microcredito realizzate in ambito nazionale e oltre Italia

2 INDICE 1. Nota introduttiva Finalità della ricognizione Breve nota metodologica Il microcredito in Italia Iniziative di microcredito realizzate in ambito nazionale Iniziative di microcredito rivolte ai giovani e alle donne Iniziative di microcredito collegate ad eventi calamitosi Iniziative di microcredito in cui assume rilevanza l attività imprenditoriale da realizzare Il bando JEREMIE Campania a valere sulle risorse del POR FESR Obiettivo Operativo 6.3 Citta solidali e scuole aperte Il Fondo Microcredito FSE P.O. Campania 2007/ Il Microcredito nelle esperienze oltre Italia Esperienze di microcredito realizzate in ambito transnazionale Documenti e siti consultati P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 2

3 1. Nota introduttiva Il microcredito rappresenta uno strumento di sviluppo economico e benchè nato in una delle zone più povere del mondo, si è diffuso nelle economie più avanzate anche se con connotati e sfumature diverse. Esso permette l accesso ai servizi finanziari alle persone in condizione di povertà ed emarginazione. Attraverso somme di piccolo ammontare, finalizzate all avvio di una attività imprenditoriale o a far fronte a spese di emergenza, si favorisce l accesso al credito ai soggetti non bancabili cioè quei soggetti che non dispongono di capacità di garanzia propria e non sono comunque in grado di fare autonomamente ricorso al credito bancario ordinario. Il finanziamento concesso stimola le capacità dell individuo a migliorare le proprie condizioni di vita e contribuisce ad innescare percorsi virtuosi di sviluppo economico e sociale. Alla luce dell attuale congiuntura economica, un approfondimento del tema del microcredito e della sua valenza inclusiva può supportare le istituzioni che programmano e che programmeranno l uso di strumenti finanziari a valere sui Fondi Strutturali. La profonda crisi che ci ha coinvolto sta spiegando tutti suoi effetti. Le conseguenze finanziarie, economiche ed occupazionali del fenomeno recessivo che si è innescato, risultano essere abbastanza preoccupanti. La riduzione della capacità di reddito si riversa maggiormente sulle classi più deboli causandone l impoverimento. Con i redditi diminuiti e la capacità di spesa erosa, sia dal forte inasprimento fiscale che da fenomeni inflattivi, si mettono in discussione modi di vivere e di consumare consolidati, e anche le famiglie del ceto medio risultano essere più povere e con prospettive di futuro molto incerte. L intero paese dunque, risente della attuale congiuntura fortemente negativa che incide sulla competitività economica e sul benessere sociale. Al Sud, inoltre, tale situazione si somma ad una condizione di debolezza preesistente. Il rapporto Istat La Povertà in Italia 2011, pubblicato a luglio 2012, evidenzia che l 11,1% delle famiglie è relativamente povero e il 5.2% lo è in termini assoluti. Gli italiani che versano in condizioni di povertà relativa sarebbero, dunque, mila, e mila sarebbero in condizione di povertà assoluta. In generale si rileva che la sostanziale stabilità della povertà relativa, rispetto all'anno precedente, deriva dal peggioramento del fenomeno per le famiglie in cui non vi sono redditi da lavoro o vi sono operai, compensato dalla diminuzione della povertà tra le famiglie di dirigenti/impiegati. Tuttavia, di fronte alla stabilità della povertà relativa al P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 3

4 Nord e al Centro, nel Mezzogiorno si osserva un aumento dell intensità relativa che passa dal 21.5% al 22.33%. Nel 2011, al Sud,quasi una famiglia su quattro, pari al 23,3%, risulta povera. Tra queste l'8% è stata colpita da povertà assoluta, ossia è incapace di acquisire i beni e i servizi necessari a raggiungere uno standard di vita minimo accettabile nel contesto di riferimento. Si rileva inoltre che anche tra le famiglie non povere esistono gruppi a rischio di povertà. Infatti il 7,6% delle famiglie italiane è appena sopra la soglia della povertà e una spesa inaspettata potrebbe portarle a diventare povere. Le famiglie 'sicuramente' non povere, infine, sono l'81,4% del totale, con valori pari al 90,5% del Nord, all'87,5% del Centro e al 63,8% del Mezzogiorno. Il quadro così delineato evidenzia la necessità di mettere a punto misure che siano in grado di far fronte a tale situazione ed il sostegno al microcredito e alla microfinanza rappresentano una opportunità nell attuale periodo di crisi, combattendo da un lato l esclusione sociale e la povertà, e dall altro, rispondendo al bisogno di sostegno finanziario delle micro e piccole imprese. La politica di coesione è, infatti, finalizzata a ridurre le disparità in materia di sviluppo socioeconomico fra le varie Regioni europee, promuovendo la crescita di quelle meno favorite. La realizzazione di tale obiettivo viene perseguita attraverso l utilizzazione coordinata dei suoi vari fondi e strumenti finanziari. Il contributo che gli strumenti finanziari hanno avuto nel corso del tempo per l attuazione della politica di coesione si è evoluto, e la loro importanza è cresciuta nel tempo. Nel corso dell attuale periodo di programmazione , rispetto all approccio precedente basato sul sistema delle sovvenzioni, si è dato maggior rilievo a strumenti finanziari innovativi, e quelli il cui vantaggio principale è di creare un effetto moltiplicatore delle risorse pubbliche. La Commissione europea per il prossimo periodo di programmazione propone di estenderne e rafforzarne ulteriormente l utilizzo quale alternativa più efficiente e sostenibile volta a integrare i finanziamenti tradizionali. In particolare si riconosce, tra l altro, che gli strumenti finanziari sono importanti per promuovere la capacità del settore privato di crescere, la creazione di posti di lavoro, l inclusione e/o innovazione sociale, sostenendo le nuove iniziative, le PMI, le microimprese, le imprese sociali, gli investimenti nel capitale umano COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Un quadro per la prossima generazione di strumenti finanziari innovativi: le piattaforme UE di capitale e di debito /* COM/2011/0662 definitivo P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 4

5 Gli strumenti finanziari, dunque, rappresentano un modo efficiente di impiegare le risorse della politica di coesione al fine di perseguire gli obiettivi della strategia Europa 2020: una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. Il Titolo IV della Proposta di Regolamento generale dei fondi strutturali ha ad oggetto gli Strumenti finanziari e i 9 articoli (32-40) di cui è composto vanno dalla programmazione e ideazione di strumenti finanziari innovativi, alla loro attuazione nonché alla loro gestione e rendicontazione. In particolare, le proposte della Commissione offrono una maggiore flessibilità agli Stati membri e alle regioni dell UE in termini settori obiettivo e strutture di attuazione; forniscono un quadro di esecuzione stabile basato su una serie di regole chiare e dettagliate, sugli orientamenti esistenti e le esperienze acquisite sul campo; realizzano sinergie tra strumenti finanziari e altre forme di sostegno come le sovvenzioni; assicurano la compatibilità con altri strumenti finanziari istituiti e utilizzati a livello dell UE nell ambito delle norme in materia di gestione diretta. Si evidenzia una stretta relazione tra strumenti finanziari e politiche che devono dettarne regole e obiettivi. Da un lato ogni strumento finanziario dovrà essere supportato da una attenta programmazione che, nel rispetto degli obiettivi della strategia Europa 2020, investe a cascata i diversi livelli programmatori : Quadro Strategico Comune, Accordo di partenariato, Programma Operativo. Dall altro ogni programma operativo tenendo conto delle esigenze del proprio territorio di riferimento, dei bisogni di sviluppo, inclusione e innovatività progetterà strumenti finanziari sulla base di una valutazione ex ante che individui le lacune del mercato e i contesti in cui gli investimenti non sono effettuati in maniera ottimale, le relative esigenze di investimento, la possibile partecipazione del settore privato e il conseguente valore aggiunto apportato dallo strumento finanziario in questione. Ciò consentirà di evitare sovrapposizioni e incoerenze tra gli strumenti di finanziamento adottati da differenti attori a vari livelli. La maggiore rispondenza alle esigenze specifiche delle regioni e dei beneficiari finali da parte degli strumenti finanziari programmati potrà migliorare notevolmente l accesso ai finanziamenti da parte dei diversi attori socio-economici impegnati sul campo. In tale contesto il microcredito quale strumento finanziario volto a sostenere l autoimpiego e la microimprenditorialità nuova o già esistente e la sua valenza inclusiva potrà contribuire al raggiungimento delle priorità della Strategia Europa P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 5

6 2. Finalità della ricognizione La ricognizione effettuata ha lo scopo innanzitutto di dare continuità all attività già avviata dal GDL nel periodo ottobre-dicembre 2011 e confluita nella realizzazione del documento Microcredito: strumenti significativi in Regione Campania. Sulla scia delle esperienze già analizzate in ambito regionale, il presente elaborato, si pone l obiettivo di fornire un quadro più completo ed esaustivo di quelle attuate in ambito nazionale e transazionale dai diversi enti e soggetti. Il lavoro svolto, inoltre, mira a supportare l Autorità di gestione del PO FESR e l Amministrazione regionale, nell individuazione delle diverse esperienze messe in atto in altri contesti, che possono risultare utili e qualificanti per la futura fase di programmazione degli interventi. Pertanto, la restituzione dettagliata di informazioni inerenti la suddetta tematica, può rappresentare un input importante per l implementazione di azioni specifiche rivolte a soggetti a rischio di povertà, che rispondano alle priorità della Strategia Europa Difatti uno degli obiettivi della nuova Strategia Europea è rappresentato proprio dalla riduzione del tasso di povertà attraverso la promozione e il mantenimento di interventi di inclusione sociale. A tal fine, lo strumento finanziario oggetto della presente ricognizione, può essere uno degli strumenti significativi per l abbattimento di tale tasso. Il microcredito, infatti, sta diventando non solo uno strumento di supporto al welfare già esistente, ma anche uno strumento di lotta contro l esclusione sociale. I cosiddetti soggetti non bancabili, cioè le persone che non possono accedere al credito tradizionale in quanto privi di garanzie reali, sono rappresentati da lavoratori e lavoratrici precari, immigrati, famiglie disagiate e aspiranti imprenditori e imprenditrici. Tenendo conto di ciò, il documento, dunque, vuole essere una guida utile per l Amministrazione regionale per l elaborazione di modelli e contenuti che tengano in debito conto delle problematiche su menzionate, in particolare riferite al contesto delle pari opportunità di genere e non discriminazione. P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 6

7 3. Breve nota metodologica Il lavoro di ricognizione delle iniziative di microcredito all impresa attuate sul territorio nazionale e transazionale che qui si presenta, è stato condotto attraverso un analisi attenta e puntuale delle diverse esperienze di utilizzo dello strumento agevolativo. In particolare sono state svolte opportune ricerche sul Web per definire l insieme delle fonti disponibili e significative sui quali impostare il lavoro di raccolta dei dati/informazioni, elaborazione e sistematizzazione degli stessi. Le rilevazioni effettuate hanno risposto all esigenza conoscitiva di natura descrittiva volta a fotografare la situazione attuale del fenomeno oggetto di studio e restituirne una visione di scenario sul territorio sia nazionale che transazionale. Inoltre, al fine di rendere il documento maggiormente fruibile, si è cercato di individuare, nelle diverse esperienze analizzate sul territorio italiano, delle specifiche caratteristiche che hanno consentito di costruire dei contenitori in cui sono state allocate le iniziative di microcredito. Infatti, da un lato, è stato previsto un contenitore generale in cui sono confluite le diverse iniziative significative di microcredito realizzate in ambito nazionale, dall altro, laddove è stato possibile individuare specifiche caratteristiche preminenti, sono stati identificati i seguenti raggruppamenti: iniziative di microcredito rivolte ai giovani e alle donne, iniziative di microcredito rivolte agli immigrati, iniziative di microcredito collegate ad eventi calamitosi, iniziative di microcredito in cui assume rilevanza l attività imprenditoriale da realizzare. Per la parte del documento che si occupa delle iniziative oltre Italia sono state reperite informazioni direttamente sui siti dedicati, cercando di seguire il medesimo schema che è stato utilizzato per le esperienze nazionali, ma senza alcuna differenziazione per target, ma semplicemente raggruppando le iniziative più interessanti e significative. Inoltre si è anche cercato di selezionare le iniziative che siano più rappresentative del paese di provenienza. Un focus specifico, infine, è dedicato a quanto destinato al microcredito per l inclusione sociale di soggetti svantaggiati o a rischio di marginalità dalla Regione Campania con la programmazione FESR e FSE P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 7

8 4. Il microcredito in Italia In Italia, come in tutto il mondo, il microcredito ha iniziato ad essere argomento di ampio e diffuso interesse. L attenzione prestata a questo strumento di finanza etica è aumentata soprattutto, quando si è iniziato a pensare che questo, potesse essere lo strumento migliore per sradicare le persone dalla povertà. L esclusione all accesso al credito e agli altri servizi finanziari, è sempre più riconosciuta come uno dei principali ostacoli alla riduzione della povertà e allo sviluppo umano. In Italia, secondo le diverse finalità finanziarie, si riconoscono due tipi di microcredito: quello di emergenza, rivolto alle persone che si trovano in un temporaneo periodo di difficoltà, che non sono in grado di fronteggiare spese straordinarie, e quello per sostenere l avvio o lo sviluppo di un iniziativa imprenditoriale o di lavoro autonomo o di inserimento al lavoro (per la formazione al lavoro). L attività di analisi condotta si è concentrata, in particolare, sulla individuazione di iniziative volte a supportare le attività imprenditoriali o di lavoro autonomo con piccoli prestiti (il limite di 25mila euro è stabilito dall art.111 del Decreto Legislativo 13 agosto 2010, n.141) a tassi contenuti a breve-medio termine. Tali iniziative hanno come target di riferimento soggetti esclusi dal sistema finanziario tradizionale, siano essi persone fisiche oppure organizzazioni che, superando le difficoltà di accesso al credito tradizionale, possono aprirsi al mercato utilizzando risorse finanziarie garantite da appositi fondi. In tale contesto è importante la funzione svolta da tutti quegli operatori presenti sul territorio che, con una attività di accompagnamento, supportano le iniziative dall inizio fino alla chiusura del programma di microcredito. La panoramica delle iniziative di microcredito sul territorio italiano che di seguito si presenta, sebbene non esaustiva, ha carattere rappresentativo del fenomeno oggetto di studio. Infatti, per ogni regione italiana sono state prese a riferimento una o più iniziative, senza però esaurire l ampia casistica presente, ma ritenendo che quelle esaminate potessero avere valore significativo. Come si vedrà la maggior parte delle iniziative sono state realizzate dalle amministrazioni regionali attraverso l utilizzo di fondi messi a disposizione dai Programmi Operativi 2007/2013, in altri casi si tratta di Camere di Commercio che hanno attivato risorse proprie per rispondere alle esigenze di nuove iniziative imprenditoriali, in altri ancora il microcredito è stato promosso da più soggetti presenti nei diversi territori tra cui rilevante è il ruolo delle organizzazioni del Terzo Settore. L attenzione al microcredito, quindi, è sorta sia nei diversi organismi territoriali, per preservare le proprie comunità dall esclusione sociale dovuta alla mancanza di risorse P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 8

9 offerte, sia in alcuni istituti di credito nell interesse al sostegno e allo sviluppo economico. Spesso l organismo ricopre la funzione fondamentale di tutoraggio e di accompagnamento durante il periodo del prestito, elementi fondamentali per ridurre il rischio di insolvenza, le asimmetrie informative, e creare capitale sociale e sviluppare un rapporto di fiducia tra l istituzione e il beneficiario. In particolare, nei progetti per il sostegno alla microimpresa, l attività di tutoraggio ha anche lo scopo di responsabilizzare la persona a restituire il credito, liberandola così da forme di assistenzialismo e contribuendo contemporaneamente a svilupparne l autonomia e ad accrescerne il know-how tecnico. Infine, la Banca all interno del progetto di microcredito ricopre un ruolo fondamentale, poiché è il soggetto che eroga effettivamente i soldi. Nelle diverse iniziative che di seguito si riportano si noterà come la partecipazione della banca al progetto di microcredito avviene solitamente attraverso una convezione tra questa e l amministrazione regionale, o un associazione, cooperativa, fondazione, Caritas o altri enti. Un ruolo importante in Italia è svolto da Banca Etica, una delle principali banche aderenti all erogazione dei prestiti. Essa opera attraverso la. selezione del fruitore del microcredito, senza la richiesta di garanzie reali per l erogazione del prestito, ma si protegge dal rischio comunque in due modi: affidandosi alle garanzie fornite dall ente operante a livello locale, con il fondo di garanzia messo a disposizione dal partner ad incentivo a svolgere una buona selezione uscendo da criteri di assistenzialismo, in cui molte volte le associazioni rischiano di trovarsi; e l istituzione di uno specifico Fondo di Garanzia, che Etica SGR ha istituito e alimentato dai clienti della banca. Da questo modello si evince, che è fondamentale per gli istituti di micro finanza operare a livello locale. Banca Etica rappresenta un importante esempio delle varie realtà di microcredito esistenti in Italia, tuttavia la formula del partenariato, tra banca e un ente territoriale, che sia pubblica o privata è comunque abbastanza diffusa in Italia. A livello nazionale, poi, tra le istituzioni è presente l Ente Nazionale per il Microcredito che è un ente pubblico non economico (ai sensi della legge 12 luglio 2011, n. 106) e rappresenta l evoluzione giuridica del Comitato Nazionale Italiano Permanente per il Microcredito, a sua volta prosecuzione del Comitato Nazionale Italiano per il Anno Internazionale del Microcredito - nato in risposta alle risoluzioni delle Nazioni Unite (53/198, 58/488, e 58/22) con cui è stato chiesto ad ogni Stato Membro di costituire un comitato nazionale dedicato alla diffusione e alla promozione del microcredito. L'Ente Nazionale per il Microcredito persegue i seguenti obiettivi: promuovere la conoscenza del microcredito come strumento di aiuto per lo sradicamento della povertà; P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 9

10 individuare misure per stimolare lo sviluppo delle iniziative dei sistemi finanziati a favore dei soggetti in stato di povertà, al fine di incentivare la costituzione di microimprese in campo nazionale ed internazionale; promuovere la capacità e l efficienza dei fornitori di servizi di microcredito e di microfinanziamento nel rispondere alle necessità dei soggetti in stato di povertà, al fine di promuovere innovazione e partenariati nel settore; agevolare l esecuzione tecnica dei progetti di cooperazione a favore dei Paesi in via di sviluppo, nel rispetto delle competenze istituzionali del Ministero degli affari esteri. Infine, il contesto italiano nel 2008 ha visto la nascita della Rete Italiana di Microfinanza (RITMI) che, creata su iniziativa di istituzioni operanti nell ambito della microfinanza; in particolare, soggetti che svolgono la propria attività nel territorio nazionale; realtà che partono da diverse motivazioni e origini (associative, solidaristiche e caritative private e pubbliche; attività volte alla creazione di nuova imprenditorialità; programmi volti a creare pari opportunità; esperienze di finanza etica; società di consulenza in microcredito e microfinanza; centri studi e di ricerca sul settore; promotori; donor), è impegnata sia a livello operativo, fra le sole istituzioni esercitanti il microcredito e la microfinanza, al fine di rispondere alle esigenze prettamente operative delle stesse, sia a livello politico, per dare maggiore visibilità politica, economica e sociale al microcredito e alla microfinanza nel nostro paese. P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 10

11 4.1 Iniziative di microcredito realizzate in ambito nazionale Fondo Regionale di garanzia per il microcredito - REGIONE PIEMONTE Regione Piemonte, Compagnia di San Paolo, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, Fondazione Don Mario Operti onlus e Confcommercio Piemonte Possono accedere al Fondo di garanzia per il microcredito imprese di nuova costituzione in forma giuridica di società di persone, società cooperative di produzione lavoro, incluse le società cooperative sociali, e ditte individuali operanti nei settori ammessi dal Regolamento n.1998/2006 ( De minimis ). Le imprese devono essere iscritte al Registro Imprese e devono avere sede legale ed operativa nel territorio della Regione Piemonte. Le imprese devono essere formate da soggetti non bancabili. Inoltre possono accedere ai benefici del predetto fondo i Titolari di Partita Iva nella fase di avvio delle attività. Tali soggetti devono essere residenti in Piemonte, avere ivi la sede operativa fissa ed essere soggetti non bancabili. (Determinazione n. 421del all. B e C). La Regione Piemonte si è dotata, di uno specifico strumento agevolativo per favorire l accesso al microcredito a favore di soggetti che non sono in grado di realizzare le loro idee imprenditoriali o i loro progetti di autoimpiego perché non dispongono di capacità di garanzia propria e non sono comunque in grado di far ricorso autonomamente al credito bancario ordinario, soggetti non bancabili. Si tratta di uno strumento che può rappresentare un opportunità importante in primis per i giovani, le donne e gli stranieri e per tutti quei soggetti, esclusi dal circuito tradizionale del credito, che vogliono avviare un attività economica. Il 20 ottobre 2010 con la sottoscrizione del protocollo d intesa tra Regione Piemonte, Compagnia di San Paolo, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, Fondazione Don Mario Operti onlus e da Confcommercio Piemonte è nato il tutor per accogliere, accompagnare e monitorare nelle fasi di istruttoria, avvio e consolidamento del progetto imprenditoriale, i soggetti destinatari del Fondo regionale di garanzia per il microcredito. L attività di accompagnamento al microcredito a favore dei soggetti non bancabili è messa a disposizione da una rete di istituzioni no profit, coordinate e rappresentate dalla Fondazione don Mario Operti e da un associazione temporanea di scopo che coinvolge otto associazioni datoriali, coordinata e rappresentata dalla Confcommercio Piemonte. Il Fondo regionale di microcredito è istituito con l art. 8 della legge regionale 12/04 come sostituito dall art. 33 della l..r. 30/09. II Fondo di garanzia, già costituito presso Finpiemonte, sarà utilizzato per prestare garanzie fideiussorie agli Istituti di credito convenzionati sui finanziamenti erogati a favore di imprese di nuova costituzione in forma giuridica di società di persone, società cooperative di produzione lavoro, incluse le società cooperative sociali, e ditte individuali e di soggetti titolari di Partita IVA nella fase di avvio dell attività. In data e stato sottoscritto il protocollo d intesa tra Regione Piemonte, Finpiemonte S.p.A. e Commissione regionale ABI del Piemonte per l erogazione di finanziamenti garantiti secondo le modalità del microcredito. Il limite massimo di finanziamento è pari a ,00 ed il limite minimo è pari a 3.000,00. P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 11

12 Progetto Speciale Multiasse Sviluppo del Microcredito a sostegno della crescita e dell occupazione Regione Abruzzo Beneficiari per il Microcredito sono: a)microimprese, che assumono la forma giuridica di ditta individuale, di società di persone o società cooperative (queste ultime anche sociali o a responsabilità limitata); b) lavoratori autonomi (tra cui anche liberi professionisti). Gli Operatori del privato sociale e le organizzazioni no-profit possono presentare domanda di finanziamento, purché nelle forme giuridiche di cui ai punti a) e b). La Regione Abruzzo, Direzione Politiche attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche sociali, nell'ambito del PIANO OPERATIVO del F.S.E. ABRUZZO OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE ha incluso, tra i 23 progetti del P.O., una particolare misura destinata ai soggetti che si trovino in difficoltà ad accedere ai canali tradizionali del credito, il PROGETTO SPECIALE MULTIASSE SVILUPPO DEL MICROCREDITO A SOSTEGNO DELLA CRESCITA E DELL OCCUPAZIONE (DGR n.744 del ). A tale scopo, con D.G.R. n.846 del 15 novembre 2010, la Regione Abruzzo ha istituito il Fondo microcredito FSE, ed il 28 settembre 2012, e' stato pubblicato l'avviso PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI MICROCREDITO nell ambito della gestione di tale fondo. L Avviso è volto alla concessione di microcrediti di importo compreso tra e euro ed ha l obiettivo primario di sostenere la microimprenditorialità locale e il lavoro autonomo finanziando l avvio di nuove attività imprenditoriali ovvero la realizzazione di nuovi investimenti e/o il consolidamento di investimenti nell ambito di iniziative già esistenti, da parte di tutti quei soggetti, persone fisiche e persone giuridiche, che, per condizioni soggettive e oggettive, si trovino in difficoltà ad accedere ai canali tradizionali del credito. Le domande di ammissione potranno essere presentate a partire dal 29 ottobre 2012, fino ad esaurimento delle risorse disponibili. All interno della gestione del Fondo Microcredito FSE, in accordo con quanto stabilito dal Progetto speciale multiasse Sviluppo del microcredito a sostegno della crescita e dell occupazione gli Operatori Territoriali rivestono un compito estremamente importante in qualità di soggetti deputati ad azioni di accompagnamento e supporto ai beneficiari nel percorso di costituzione/consolidamento delle iniziative progettuali. Gli operatori territoriali ammessi all albo si occuperanno di svolgere le diverse attività previste dall avviso, nei confronti di tutti i soggetti richiedenti a TITOLO GRATUITO. Il Fondo Microcredito FSE è stato istituito dalla Regione Abruzzo, con risorse del PO FSE , con D.G.R. n. 846 del 15 novembre Tale delibera ha previsto la costituzione della dotazione iniziale del "Fondo Microcredito FSE" con la somma complessiva di ,00, autorizzando l'autorità di Gestione del PO FSE Abruzzo , previo parere favorevole dell'assessore preposto alle "Politiche attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali", ad incrementare, attraverso atto monocratico, ove ne ravvisasse l'opportunità, tale dotazione con ulteriori risorse del PO FSE Abruzzo Inoltre la gestione del Fondo è stata affidata ad Abruzzo Sviluppo spa. Secondo quanto previsto nell'avviso PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI MICROCREDITO i finanziamenti hanno la forma tecnica di mutui chirografari. Ogni beneficiario potrà essere finanziato una sola volta. Le entità del prestito sono: per le persone fisiche - importo minimo: euro - importo massimo: euro per le persone giuridiche - importo minimo: euro - importo massimo: euro L agevolazione concessa si configura come aiuto ai sensi Regolamento de minimis (CE) n.1998/2006 P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 12

13 MICROCREDITO MILANO Fondazione welfare ambrosiano (FWA).I soci fondatori sono: Comune di Milano; Provincia di Milano; Camera di Commercio Industria e Artigianato di Milano; Camera del Lavoro Metropolitana di Milano; C.I.S.L. Unione Sindacale Territoriale di Milano; U.I.L. Milano Lombardia. I destinatari dei servizi della Fondazione sono tutti i lavoratori, e le loro famiglie, che prestano attività lavorativa abitualmente a Milano o che intendono avviare un percorso di autoimprenditorialità, indipendentemente dal luogo di residenza o di dimora abituale. Sono inclusi sia lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato, che lavoratori con contratti a tempo determinato oppure lavoratori atipici (interinali, a progetto, apprendisti, ecc) e più in generale ogni categoria di lavoratori, anche indipendenti, in situazione di temporanea difficoltà economica a livello personale e familiare, riconducibile ai più svariati fattori (perdita del posto di lavoro, cassa integrazione, chiusura della propria impresa, malattia propria o di un proprio familiare, ecc.). La missione della Fondazione Welfare Ambrosiano è di offrire un sostegno alle persone, e ai rispettivi nuclei familiari, che svolgano attività lavorativa e/o professionale nel Comune di Milano, che si sono venuti a trovare in situazioni lavorative o personali che rientrano nelle cosiddette "aree grigie" del sistema di protezione sociale, entrando a far parte delle nuove forme di esclusione sociale. La Fondazione Welfare Ambrosiano intende avvalersi sul territorio di soggetti abilitati a svolgere una funzione di Sportello per intercettare i bisogni della cittadinanza, che possono essere indirizzati alle soluzioni offerte dall'intervento di microcredito della Fondazione stessa. L'attività di micro-credito di FWA si articola in più fasi in ciascuna delle quali opera in prevalenza un diverso soggetto: 1) Identificazione dei bisogni dei potenziali destinatari. In questa fase interviene la Rete di soggetti abilitati che intercetta e seleziona i bisogni e li indirizza verso le soluzioni disponibili. 2) Valutazione dell ammissibilità della richiesta Intervengono in questa fase Associazioni di volontariato che svolgono una preistruttoria per il rilascio del credito e consigliano i potenziali destinatari dei finanziamenti intorno alle soluzioni più idonee alla loro situazione di difficoltà. 3) Decisione finale sul singolo intervento In questa fase intervengono gli Organi diretti di FWA che vagliano la pre-istruttoria e assumono la decisione finale di fornire o no la garanzia che renda possibile il rilascio del credito. 4) Erogazione del credito In questa fase intervengono le Banche erogatrici che vagliano le valutazioni espresse nelle fasi precedenti del processo; deliberano, sulla base del Protocollo ABI concordato con FWA, di erogare il finanziamento. La Fondazione opera attraverso la messa a disposizione di una garanzia fideiussoria finalizzata ad agevolare l'accesso a forme di microcredito (per un massimo di ) che dovranno essere erogate dal sistema creditizio, sulla base di una preistruttoria che valuterà gli aspetti soggettivi ed oggettivi di ogni singola persona. Il microcredito sarà erogato sulla base di condizioni concordate e consentendo modalità di rientro compatibili con lo stato di bisogno della persona. P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 13

14 MICROCREDITO Regione Umbria Possono beneficiare del finanziamento le Imprese di nuova costituzione costituite nella forma giuridica di società di persone, società cooperative di produzione lavoro, incluse le società cooperative sociali e imprese individuali operanti nei settori ammessi dal Regolamento (CE) n. 1998/2006 ( De minimis ).e i Neo-titolari di partita IVA. Per le nuove imprese costituiscono requisiti SOGGETTIVI indispensabili ai fini dell ottenimento del finanziamento: a) che il titolare o almeno il 50% dei soci nel caso di società rientri in una di queste categorie: 1) giovani tra i 18 e i 35 anni compiuti; 2)donne; 3) soggetti che prima della costituzione della impresa /società siano stati in cassa integrazione o mobilità; 4)soggetti che prima della costituzione della impresa /società siano stati disoccupati; b) che il titolare o almeno il 50% dei soci nel caso di società abbiano la residenza in uno dei comuni dell Umbria; c) che il titolare o tutti i soci se stranieri siano in Italia con regolare permesso di soggiorno da almeno 3 anni. Per Neo Titolari Partita Iva costituiscono requisiti SOGGETTIVI indispensabili ai fini dell ottenimento del finanziamento: a) che il titolare rientri in una di queste categorie: 1) giovane tra i 18 e i 35 anni compiuti; 2) donna; 3) soggetto che prima dell apertura della partita IVA sia stato in cassa integrazione o mobilità; 4) soggetto che prima dell apertura della partita IVA sia stato disoccupato; b) che il titolare sia residente in Umbria; c) che il titolare se straniero sia in Italia con regolare permesso di soggiorno da almeno 3 anni. Obiettivo dell iniziativa è quello di sostenere la creazione di impresa promuovendo progetti di autoimpiego che, per le loro caratteristiche, restano esclusi dai benefici della legge regionale 12/95, così come modificata dalla legge regionale n. 4/2011, nonché dalle altre linee di finanziamento in quanto proposti da soggetti non bancabili intendendosi per tali coloro che non dispongono di capacità di garanzia propria e non sono comunque in grado di far ricorso autonomamente al credito bancario ordinario. Tali progetti necessitano pertanto di uno strumento di sostegno più adeguato. La Regione Umbria, con DGR n. 842 del 26/07/2011 ha individuato in Sviluppumbria Spa la società competente alla gestione del Fondo per il microcredito. Il progetto Microcredito non consente solamente di ottenere un prestito ma aiuta a realizzare il proprio progetto impresa offrendo al richiedente l opportunità di essere accompagnato e di ricevere assistenza prima e dopo il prestito attraverso la rete dei presidi territoriali di Sviluppumbria su tutto il territorio regionale. L attività di assistenza ex-ante ha lo scopo di fornire ai destinatari un servizio di informazione, orientamento e accompagnamento per definire e approfondire il proprio progetto d impresa o di lavoro autonomo. Inoltre, l assistenza potrà essere finalizzata a valutare, insieme al beneficiario, l effettiva capacità di restituzione del prestito sulla base dei flussi di cassa realizzabili dalla redditività aziendale nonché l effettività del prestito rispetto alle finalità e dimensioni del progetto. L attività di assistenza ex-post ha lo scopo di supportare il beneficiario dal punto di vista finanziario e tecnico nella costituzione e nella crescita della propria idea o progetto d impresa. In questo modo è possibile monitorare insieme al beneficiario le difficoltà aziendali e la conseguente problematica nel rimborso delle rate e cercare le possibili soluzioni. Tale attività si sviluppa per tutta la durata del prestito e potrà essere fornita su base regolare (prevedendo incontri periodici e/o contatti telefonici). P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 14

15 Con Legge Regionale 30 marzo 2011, n. 4 - art. 7 è stato istituito il Fondo per il microcredito finalizzato alla promozione e al sostegno di progetti di creazione d impresa realizzati da giovani, donne e soggetti svantaggiati. In base alla suddetta normativa in sede di prima applicazione il Fondo è costituito per un valore di Euro ,00 (un milione). Con Deliberazione del 29/12/2011 n è stata prevista l emanazione di un secondo bando microcredito in attuazione della fase iniziale del fondo medesimo, assegnando all unica ulteriore scadenza la cifra di Euro ,00 Ai fini dell ammissibilità al finanziamento l investimento complessivo del progetto non può essere inferiore ad Euro 4.000,00. L agevolazione consiste in un finanziamento agevolato pari al 75% dell investimento ammesso, compreso tra un minimo di euro 3.000,00 ed un massimo di euro ,00, a copertura del totale delle spese ammesse, erogato direttamente da Sviluppumbria S.p.A. La durata del finanziamento è di massimo di 36 mesi più 6 mesi di preammortamento con pagamento in rate costanti trimestrali anticipate in base al piano di rimborso che verrà elaborato dal Comitato di Valutazione. Sportello di microcredito MAG VERONA La Mag. Soc. Mutua per l Autogestione nasce a Verona nel 1978 sulla scia di tante esperienze di autogestione che si costituiscono in Italia nel lavoro industriale, in agricoltura e nei servizi. Fin dall inizio la Mag orienta i/le associati a ripensare l uso del denaro privato e ad indirizzarlo ad attività sociali e mutualistiche. Nasce così la finanza etica e solidale a cui si ispirano altre 6 Mag in Italia. Destinatari del microcredito sono persone: -Fisiche o giuridiche che vivono o operano nel comune di Verona nei comuni immediatamente limitrofi e nella provincia; - Di qualunque nazionalità purché in possesso di permesso di soggiorno in corso di validità e/o di cittadinanza italiana; - In una situazione di difficoltà socio-economica caratterizzata da basso reddito e che devono fronteggiare situazioni di emergenza; - Che intendono realizzare un progetto lavorativo (nuovo o esistente) che li renda autonomi, risollevandoli da una situazione di precarietà. Il servizio nasce nel 2005 con la collaborazione di associazione del territorio veronese (MAG, ACLI, ARCI, Ronda della Carità) e con il Comune di Verona (Assessorato ai Servizi Sociali). Le attività di finanza etica e di microcredito si articolano in: - Finanziamenti alle persone giuridiche socie - Attività di microcredito alle nuove povertà e all autoimpiego in collaborazione con Istituti di Credito convenzionati (Banca di Credito Cooperativo della Valpolicella e Banca di Credito Cooperativo di Cadidavid). Il percorso di Microcredito si articola nelle seguenti fasi: - Accoglienza richieste di microcredito; - Apertura e svolgimento istruttoria sociale ed economica - Condivisione percorso d accompagnamento con garanzie solidali; - Presentazione del mutuatario all Istituto di Credito; - Delibera dell Istituto di Credito; - Erogazione del prestito - Monitoraggio del percorso. Allo Sportello svolgono attività di consulenza e assistenza operatrici ed operatori Mag, volontari e volontarie collegate alla Mag (altri possono aggiungersi fruendo di P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 15

16 una specifica formazione). Lo Sportello si avvale inoltre della collaborazione dei Servizi Sociali del Comune di Verona e di alcune cooperative sociali della Provincia. Con il microcredito si finanziano i soggetti in base ai criteri stabiliti dal progetto ed entro le cifre massime di per le persone fisiche e per l avvio o per la riqualificazione di un attività lavorativa; La durata del prestito è definita con il richiedente in base all entità del prestito e alle possibilità di restituzione, con un massimo di 5 anni per l avvio di Impresa, un massimo di 3 anni per il prestito al consumo; Le rate di rientro possono essere mensili, bimestrali o trimestrali; In casi specificatamente valutati è possibile un periodo della durata massima di sei mesi in cui si versa la sola quota interessi e non la quota capitale. I prestiti non sono elargizioni a fondo perduto, richiedono pertanto forme di garanzia compartecipate con l aiuto della rete di relazioni. Un fondo di garanzia è stato costituito nel 2008 grazie ad un contributo della Fondazione CariVerona e dell Assessorato al Bilancio del Comune di Verona. Erogano la Banca di Credito Cooperativo della Valpolicella e la Banca di Credito Cooperativo di Cadidavid sulla base di convenzioni sottoscritte con la Mag. La Mag, inoltre, può svolgere i servizi di finanza etica e di microcredito se essa stessa riceve sostegno, fiducia e risorse dai propri soci attraverso: -Sottoscrizione di capitale sociale da parte di soci o nuovi soci -Deposito di risparmio dei soci (L. 59/92 sula cooperazione). -Partecipare alla raccolta di fondi e di liberalità per sostenere iniziative culturali ed attività imprenditive nell economia sociale diventando PARTNER MAG - Sostegno ad attività culturali (eventi, conferenze, ecc.) rivolte alla promozione della finanza etica e del microcredito anche con l aiuto del volontariato. PROGETTO LA PROMOZIONE DI NUOVA IMPRENDITORIALITA ED IL MICROCREDITO PER LE NUOVE IMPRESE DI MESSINA CAMERA DI COMMERCIO DI MESSINA (anche la Camera Commercio Caltanisetta ha emesso un bando riferito al medesimo accordo di programma e al medesimo progetto) I beneficiari residenti in provincia di MESSINA, sono: -Lavoratori occupati, di età superiore a 18 anni, che intendano costituirsi in cooperativa avviare un attività imprenditoriale o di lavoro autonomo; -Aspiranti imprenditori, di età superiore a 18 anni, in condizione di disoccupazione o inoccupazione, con particolare riguardo a quelli appartenenti alle categorie a rischio di esclusione dal mercato del lavoro; - PMI di recente costituzione (con meno di 36 mesi di vita alla data di pubblicazione del bando) che abbiano sede legale nella provincia di MESSINA L accordo di programma tra il Ministero dello Sviluppo Economico e l Unione Italiana delle Camere di Commercio, ha l obiettivo di sostenere i progetti delle Camere di Commercio tesi prioritariamente al monitoraggio delle condizioni di crisi in cui versano le PMI, con particolare attenzione agli interventi a sostegno dell occupazione, ivi inclusi gli interventi per l accesso al credito e al microcredito. Nel condividere le finalità del suddetto accordo di programma, la Camera di Commercio di MESSINA, per il tramite della propria Azienda Speciale Servizi alle Imprese, ha emesso un bando che intende promuovere la nuova imprenditoria e l auto-impiego, anche con l utilizzo di interventi finalizzati all accesso al credito e al microcredito. Sono previste nel bando le seguenti azioni : 1)Attività formativa, rivolta a n. 25 beneficiari, realizzata attraverso specifici corsi di P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 16

17 formazione e di aggiornamento, sia sugli aspetti tradizionali del fare impresa, che sugli strumenti tecnologicamente innovativi e avanzati, per migliorare e rafforzare il loro vantaggio competitivo; 2) Attività di sostegno all'avvio di nuove imprese e di supporto a quelle di recente costituzione (con meno di 36 mesi di vita alla data di pubblicazione del bando), mediante la concessione di un contributo in conto interessi alle imprese (preferibilmente imprese innovative, femminili, giovanili e sociali) che abbiano ottenuto o intendano usufruire di un finanziamento per un importo massimo di ,00 (venticinquemila/00) euro. I contributi concessi per il sostegno all'avvio di nuove imprese e il supporto a quelle di recente costituzione, saranno indirizzati a coprire tutti gli interessi a carico dell'impresa imputabili al primo anno di finanziamento, o ad un abbattimento del totale degli interessi per l intero periodo del finanziamento. Il contributo non potrà, in ogni caso, eccedere 1.000,00 (mille/00) euro. Gli importi relativi al contributo in conto interessi, saranno erogati fino al raggiungimento del budget previsto dal progetto. Fondo Lodigiano del Microcredito Lavorativo e Microimprenditoriale Comune di Lodi I microcrediti sono concessi a persone fisiche o a persone giuridiche che abbiano necessità di supportare o attivare iniziative di piccola imprenditoria o funzionali ad attività lavorative individuali. Il Fondo Lodigiano del Microcredito Lavorativo e Microimprenditoriale agevola l inclusione sociale dei soggetti non bancabili, superando gli ostacoli economici e finanziari nell intraprendere o sostenere attività lavorative o microimprenditoriali. Il Fondo opera con i residenti in Lodi e nel Lodigiano, inteso nella sua accezione storico culturale, ed agevola la partecipazione territoriale alle problematiche del microcredito e della microfinanza. Il Fondo si fregia di adottare modalità di gestione etica del denaro, secondo i principi della trasparenza e della sostenibilità. Principi che sono attuati con il coinvolgimento degli enti locali, associazioni di categoria, istituti finanziari e di credito nella partecipazione economica e gestionale del Fondo stesso. Il Fondo opera attraverso un Comitato di Gestione e di Indirizzo regolarmente riconosciuto, composto da rappresentanti del territorio Lodigiano che per profilo istituzionale, competenza tecnica e per sensibilità sociale e culturale possano contribuire al raggiungimento degli scopi dello stesso. Potranno essere nominati dal Presidente della Provincia di Lodi, dal Vescovo della Diocesi di Lodi, dal Presidente della Camera di Commercio di Lodi, dall Istituto di Credito concessionario del servizio di Tesoreria del Comune di Lodi, dal Sindaco di Lodi. Possono essere ammessi dal Comitato ulteriori Consiglieri indicati da soggetti giuridici, pubblici o privati, anche in forma consorziata, che abbiano versato al Fondo un contributo di almeno ,00 euro. Gli aspiranti al credito dovranno individuare o dovranno essere presentati da un Garante Morale, sia esso persona fisica o giuridica rappresentata dal suo Presidente. Il microcredito è concesso dal Comitato in accordo con il garante morale (persona fisica, associazione, altro). Ogni microcredito è seguito da un consigliere (Tutor) che in accordo con il garante morale, terrà i contatti con l affidato. Il Comune di Lodi ha promosso la costituzione del Fondo Lodigiano del Microcredito Lavorativo e Microimprenditoriale. A tale Fondo il Comune di Lodi si è impegnato a versare la somma di ,00 (finanziati dalla Banca Popolare di Lodi così come previsto all interno del rinnovo della convenzione per il servizio di tesoreria comunale fino al 2018). P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 17

18 Le fonti di finanziamento caratteristiche del Fondo sono costituite dai contributi a fondo perduto, lasciti e donazioni destinate al finanziamento dei microcrediti. Microcredito di Micro.Pa Onlus Provincia di Palermo I soggetti interessati possono anche essere lavoratori usciti da aziende in difficoltà, lavoratori precari e atipici, immigrati, giovani e donne con idee e progetti nel campo delle attività di impresa, delle professione e delle arti, dell agricoltura e dei progetti innovativi nei settori dell ambiente e dell energia e della valorizzazione dei contesti culturali e artistici della provincia di Palermo. La Micro.Pa darà fra l altro priorità per l accesso al credito ai soggetti vittima di usura o estorsione che hanno presentato denuncia all Autorità Giudiziaria. La Provincia di Palermo ha istituito l'associazione ''Micro.Pa onlus'', che vede l amministrazione provinciale come socio fondatore, affiancata dai soci effettivi che sono Casartigiani, Cidec, Cna, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti, Confindustria e Un.i.coop di Palermo,. per la concessione di prestiti per l'avvio o lo sviluppo di attività imprenditoriali a quei soggetti che hanno difficoltà di accesso ai tradizionali sistemi bancari.si tratta di sostegni di limitata entità per iniziative imprenditoriali a livello artigianale e familiare, ma che erogati al momento opportuno possono consentire a tanti soggetti di avviare nuove attività o superare difficoltà temporanee. La Provincia è socio fondatore della Micro Pa, ma possono aderire come soci effettivi altri enti pubblici, istituti di credito ed assicurativi e associazioni di categoria. Per l'avvio dell'associazione e' stata stanziata dalla Provincia la somma di 100 mila euro come fondo di garanzia. La Micro.pa può erogare prestiti fino a 25 mila euro. Fondo Microcredito FSE Regione Autonoma Sardegna I beneficiari dell iniziativa sono: giovani entro i 40 anni, soggetti svantaggiati così come individuati dalla L.R. 22 aprile 1997 n.16 tra cui, i soggetti diversamente abili, migranti, ex detenuti, ex tossicodipendenti; soggetti a rischio di esclusione sociale (over 50, disoccupati o inoccupati, cassa integrati); famiglie monoparentali, le microimprese costituende o già costituite - aventi forma giuridica di società di persone, società a responsabilità limitata - operanti nei settori ammissibili; le ditte individuali costituende o già costituite operanti nei settori ammissibili; le cooperative (di tipo A e B) costituende o già costituite operanti nei settori ammissibili; le piccole imprese da costituire operanti nei settori ammissibili; organismi no profit e operatori del privato sociale con posizioni nuove o non consolidate sul mercato, costituite da non più di 36 mesi all atto di presentazione della domanda. La Regione Sardegna ha previsto la realizzazione di interventi di microcredito nell'ambito del Programma Operativo Regionale FSE La scelta di P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 18

19 costituire un Fondo per l attuazione di tale Azione permette, una gestione semplificata dei prestiti e, grazie allo strumento dell ingegneria finanziaria così come previsto dai Regolamenti, permette di moltiplicare il numero di destinatari e rispondere al fabbisogno del territorio in termini di microcredito, attivando uno strumento innovativo e maggiormente flessibile. L attivazione dello strumento di ingegneria finanziaria, dunque, ha non soltanto l obiettivo di rafforzare il processo di crescita e di occupazione, ma anche di trasformare parte delle risorse finanziarie dei Fondi Strutturali, che generalmente offrono assistenza sotto forma di sovvenzioni a fondo perduto, in prodotti finanziari rimborsabili soggetti a riutilizzazione. L effetto moltiplicatore dei fondi stanziati consentirà in tal modo un incremento delle risorse impiegate e rese disponibili con benefici potenziali per un numero maggiore di attori economici rispetto a quelli interessati dal sistema tradizionale delle semplici sovvenzioni. I fondi destinati al microcredito sono fondi del POR FSE 2007/2013. L intervento è volto a sostenere l avvio e l investimento di attività imprenditoriali da parte di categorie di soggetti con difficoltà di accesso al credito o in condizione di svantaggio attraverso la concessione di un microcredito, mutuo fino a Euro a tasso zero. Attraverso la pubblicazione di un apposito Avviso Pubblico per la presentazione delle proposte progettuali sono state mese a disposizione risorse economiche per un ammontare pari a ,00. Fondo Microcredito Lazio Regione Lazio Microimprese, aventi forma giuridica di società cooperative, società di persone e ditte individuali, costituite e già operanti, ovvero in fase di avvio d impresa, volti a contrastare sia l economia sommersa sia a sostenere la nuova occupabilità, l autoimpiego e l inclusione di lavoratrici e lavoratori con contratti atipici; crediti di emergenza, finalizzati ad affrontare bisogni primari dell individuo, quali la casa, la salute e i beni durevoli essenziali; dare sostegno a persone sottoposte ad esecuzione penale, intra o extra muraria, ex detenuti, da non più di 24 mesi, nonché conviventi, familiari e non, di detenuti. La Regione Lazio, con il supporto operativo di Sviluppo Lazio S.p.a., ha promosso programmi di microcredito come strumento di lotta alla povertà e all esclusione sociale al fine di sviluppare la partecipazione e la solidarietà a favore di categorie svantaggiate Lo scopo che ci si prefigge è quello di far si che persone che si trovano temporaneamente in difficoltà economica riescano ad affrancarsi dallo status di assistito e vengano, invece, spronate a cercare di risolvere i problemi che le hanno portate ad indebitarsi avendo la possibilità di ottenere in prestito piccole somme di danaro da utilizzare per sanare la situazione economica negativa della loro impresa, per crearne una nuova, per affrontare spese impreviste e migliorare le proprie condizioni di vita o quelle della propria famiglia. In tal modo il microcredito vuole essere strumento di sviluppo economico e rappresentare una visione democratica del credito permettendo a persone che si trovano in difficoltà economica e in situazioni di emarginazione l accesso al credito ordinario previsto da quel circuito bancario dal quale, normalmente, sono escluse. Le risorse disponibili per l erogazione dei finanziamenti sono state pari ad ,00 per l anno 2009 derivanti dal Fondo per il Microcredito ai sensi dell articolo 1, commi 20-28, Legge Regionale 10/2006 e ss. Modifiche. L erogazione del finanziamento è stata effettuata con copertura diretta, tramite Istituto di Credito, delle situazioni debitorie indicate dai beneficiari, pagamento diretto di investimenti e spese di gestione. P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 19

20 Progetto di Ingegneria finanziaria - Fondo Microcredito d Impresa della Regione Puglia Regione Puglia Microimprese costituite da non più di 5 anni con sede operativa in Puglia e microimprese non costituite al momento della presentazione della domanda (Startup) partecipate da soggetti svantaggiati (giovani, donne, immigrati, ecc..) che intendono avviare un iniziativa imprenditoriale nella forma della microimpresa impiegando un finanziamento concesso dal Fondo anche nei settori del no profit e del privato sociale. In particolare sono ammissibili ai finanziamenti del Fondo le imprese appartenenti ai seguenti settori : servizi al turismo, servizi sociali alle persone, tutela dell ambiente, ICT, risparmio energetico ed energie rinnovabili, servizi culturali, manifatturiero. Inoltre, limitatamente allo start-up sono ammissibili al finanziamento del fondo, le imprese appartenente al settore del commercio. Le microimprese e le start-up devono essere organizzate in una delle seguenti forme giuridiche : ditta individuale, snc, sas, società cooperative, associazioni tra professionisti Il progetto mira ad attivare una efficace politica di sostegno per l accesso a crediti di piccola entità a soggetti ritenuti svantaggiati e quindi non bancabili in quanto privi delle garanzie necessarie per portare avanti un progetto imprenditoriale e per far fronte alle difficoltà creditizie che le imprese incontrano con il mondo bancario. Una efficace politica di sostegno per l accesso al credito di piccola entità, contribuisce a promuovere un nuovo modello di sviluppo socio-economico a livello regionale ad alta intensità di capitale umano e basso impatto ambientale, premiando l attivazione della popolazione giovanile, femminile e favorendo l inserimento di soggetti svantaggiati. Tale politica potrà supportare l autoimprenditorialità, e la conversione innovativa e sostenibile di attività tradizionali, puntando sul capitale umano quale principale fattore produttivo. Il credito è concesso al fine di favorire la nascita di laboratori d innovazione che intendano valorizzare le idee, i saperi, le energie e i talenti mediante la creazione di un attività imprenditoriale. Fondi del POR FSE Puglia 2007/2013 per l attivazione dello strumento di ingegneria finanziaria denominato Fondo Microcredito d Impresa della Regione Puglia destinati alla Puglia Sviluppo SPA per la gestione del fondo. I finanziamenti saranno erogati sotto forma di mutuo chirografari con le seguenti caratteristiche : importo minimo : Euro fino ad un massimo di Euro per una durata di 60 mesi più eventuale periodo di ammortamento. Alle imprese che si dimostrano virtuose nella restituzione del finanziamento possono essere riconosciute specifiche premialità di importo non superiore alla somma algebrica degli interessi dell intero piano di ammortamento. GARANZIA E CONTROGARANZIA PER GLI INVESTIMENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE TOSCANE POR CREO Linea di intervento 1.4.b.1 Regione Toscana Possono beneficiare della garanzia e della controgaranzia le PMI: a. che rispettino le norme vigenti in materia ambientale, di pari opportunità tra uomo e donna, di contrattazione collettiva nazionale del lavoro e di sicurezza sui P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 20

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

FINANZIAMENTO FONDO MICROCREDITO FSE Per tutta la Sardegna scadenza: 30.10.2014

FINANZIAMENTO FONDO MICROCREDITO FSE Per tutta la Sardegna scadenza: 30.10.2014 FINANZIAMENTO FONDO MICROCREDITO FSE Per tutta la Sardegna scadenza: 30.10.2014 Caratteristiche generali: La Regione Sardegna, con Deliberazione di Giunta Regionale n. 53/61 del 4.12.2009, ha previsto

Dettagli

Fondo MICROCREDITO FSE. P.O. Campania FSE 2007-2013

Fondo MICROCREDITO FSE. P.O. Campania FSE 2007-2013 Fondo MICROCREDITO FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Finalità del Fondo Microcredito FSE La Regione Campania ha istituito il Fondo Microcredito FSE con una dotazione finanziaria di 65 milioni di euro incrementabile

Dettagli

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale Allegato alla convenzione del 4/11/2011, modificato in data 25 settembre 2014 e in data 19 marzo 2015 FONDO DI GARANZIA FINALIZZATO A SOSTENERE LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE E DI NUOVE ATTIVITÀ DI LAVORO

Dettagli

Fondo MICROCREDITO FSE

Fondo MICROCREDITO FSE Napoli 29 maggio 2012 Fondo MICROCREDITO FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Asse I Adattabilità Ob. Spec. c) Ob. Op. c.2 Asse II Occupabilità Ob. Spec. e) Ob. Op. e.3, e.4 Asse III Inclusione sociale Ob.

Dettagli

MODULO Iniziative di microcredito in Sicilia

MODULO Iniziative di microcredito in Sicilia PON Governance e Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 Obiettivo 1 - Convergenza [IT051PO006] Progetto SILLA - Servizi di Intermediazione Locale per il Lavoro Asse B, Obiettivo specifico 2.2 Potenziare i sistemi

Dettagli

DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY. PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale)

DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY. PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale) 5 DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale) 1. FINALITA Torino Social Innovation (di seguito TSI) è un programma che

Dettagli

Dieci Talenti. Opportunità di Microcredito. Accoglienza Ascolto Accompagnamento. Susanna Piccioni Palermo 22 novembre 2013

Dieci Talenti. Opportunità di Microcredito. Accoglienza Ascolto Accompagnamento. Susanna Piccioni Palermo 22 novembre 2013 Dieci Talenti Opportunità di Microcredito Accoglienza Ascolto Accompagnamento Susanna Piccioni Palermo 22 novembre 2013 Il progetto Dieci Talenti fa capo alla Fondazione Don Mario Operti, istituzione voluta

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito PREMESSA La Banca Popolare delle Province Calabre Società Cooperativa per Azioni, esaltando, quale ragion d essere della

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU48 03/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 9 novembre 2015, n. 21-2388 Approvazione Protocollo di Intesa fra la Caritas Diocesana di Vercelli, il Comune di Vercelli, la Provincia

Dettagli

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati Camera di commercio di Cuneo La riforma delle Camere di commercio Il D. Lgs. 23/2010 modifica la L. 580/1993 Le camere

Dettagli

LAZIO. AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI "Investimenti nel settore dell'autotrasporto"

LAZIO. AGEA OCM Vino Investimenti 2015/2016 SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI Investimenti nel settore dell'autotrasporto AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" Sono previsti finanziamenti a fondo perduto a favore delle imprese attive nel settore vitivinicolo (ad esclusione di quelle di commercializzazione) che effettuano

Dettagli

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Circolare n 10 Oggetto Legge di Finanziamento: Comunitaria Nazionale Regionale Comunale Settore: Artigianato, Commercio, Servizi, Industria ed Agricoltura La circolare fornisce

Dettagli

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI I FINANZIAMENTI AGEVOLATI FINANZIAMENTI AGEVOLATI Sia in avvio di attività che durante la sua vita è sempre bene prendere in considerazione la possibilità di accedere a finanziamenti agevolati. Non devono

Dettagli

a) le finalità, gli obiettivi, gli ambiti di applicazione, i beneficiari dell intervento e i requisiti richiesti per l accesso al microcredito;

a) le finalità, gli obiettivi, gli ambiti di applicazione, i beneficiari dell intervento e i requisiti richiesti per l accesso al microcredito; Allegato alla Delib.G.R. n. 56/7 del 29.12.2009 Criteri e modalità di gestione del fondo di garanzia etica. Art. 3, comma 2, lett. e), della L.R. n. 1/2009. PREMESSA. Questa direttiva definisce i criteri

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2014 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1 Oggetto: Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1, art. 3, comma 2, lett. e). Fondo di garanzia etica. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale riferisce in ordine

Dettagli

SINTESI BANDI PACCHETTO LAVORO SUBITO. 1. GOAL - giovani opportunità per attività lavorative

SINTESI BANDI PACCHETTO LAVORO SUBITO. 1. GOAL - giovani opportunità per attività lavorative SINTESI BANDI PACCHETTO LAVORO SUBITO Pacchetto di interventi, finanziato con risorse del FSE e del Ministero del Lavoro, per superare le difficoltà di accesso al credito - Avviso Pubblico "Microcredito

Dettagli

LAZIO. REGIONE LAZIO "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" SCADENZA: fino ad esaurimento risorse

LAZIO. REGIONE LAZIO Finanziamenti agevolati per efficienza energetica SCADENZA: fino ad esaurimento risorse "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" Pubblicato il bando per la concessione di finanziamenti agevolati alle PMI che investono in efficienza energetica e produzione di energia rinnovabile.

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1. L.R. 34/08 Art. 42, commi 1, 4, 5 e 6 MISURE A FAVORE DELL AUTOIMPIEGO E DELLA CREAZIONE D IMPRESA

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1. L.R. 34/08 Art. 42, commi 1, 4, 5 e 6 MISURE A FAVORE DELL AUTOIMPIEGO E DELLA CREAZIONE D IMPRESA SCHEDA TECNICA DI MISURA 1 NELL AMBITO DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI CON I FONDI DI ROTAZIONE e DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DEI FONDI DI GARANZIA E LA

Dettagli

Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia

Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Fondazione Lions per il Lavoro. Presentazione e obiettivi

Fondazione Lions per il Lavoro. Presentazione e obiettivi Fondazione Lions per il Lavoro Presentazione e obiettivi Iniziativa a sostegno del service nazionale Help 2014 / 2015 LA FONDAZIONE : La Fondazione Lions per il lavoro Italia Onlus, con sede legale in

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo permettono di investire, in modo sostenibile ed efficiente, per rafforzare

Dettagli

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da oltre 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello sviluppo dell imprenditoria

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2474 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PREZIOSI, VILLECCO CALIPARI, ALBANELLA, ARLOTTI, BASSO, BRAGA, CAPOZZOLO, CARRESCIA, CASATI,

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

Microcredito nel territorio: BCC Castenaso

Microcredito nel territorio: BCC Castenaso Convegno Microcredito in Emilia-Romagna: le esperienze a confronto 21 maggio 2010, Bologna Microcredito nel territorio: BCC Castenaso Nadia Bosi Responsabile Ufficio Sviluppo BCC Castenaso I poveri sono

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello

Dettagli

Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte

Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Torino, 20 novembre 2014 L.R. 1/09 - Artigianato 1 FINALITA E RISORSE Sostegno agli investimenti finalizzati allo sviluppo e alla qualificazione

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Accesso al credito, opportunità di finanziamento e inserimento lavorativo Lo sportello informativo Impresa e Lavoro della Pro Loco di Itri offre

Dettagli

Microcredito per il territorio. Rassegna stampa

Microcredito per il territorio. Rassegna stampa Microcredito per il territorio Rassegna stampa PerMicro - Microcredito in Italia PerMicro è il primo (e ad oggi unico) operatore professionale di microcredito sociale in Italia, iscritto all'albo degli

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO Allegato alla deliberazione n. 43/1 del 25.10.2007 PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO LEGGE REGIONALE 29 MAGGIO 2007, N. 2 - (LEGGE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE Finalità Gli obiettivi specifici

Dettagli

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I finanziamenti per avviare l impresa il sistema bancario L avvio di un attività imprenditoriale richiede

Dettagli

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014 Strumenti per il rilancio dell impresa Ditte individuali I progetti di investimento non devono superare 25.823. La o il titolare della ditta individuale deve aver compiuto 18 anni e deve essere inoccupato.

Dettagli

Banca Marche a supporto delle nuove imprese

Banca Marche a supporto delle nuove imprese Banca Marche a supporto delle nuove imprese Università di Urbino 23/01/2014 Giordano Fulvi Responsabile Servizio Marketing PMI 1 PREMESSA Il perdurare della crisi sta determinando un trend negativo nel

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

COMPORTAMENTI VIRTUOSI ANTI-CRISI

COMPORTAMENTI VIRTUOSI ANTI-CRISI LAMEZIA TERME 2012-11-17 FQTS sud COMPORTAMENTI VIRTUOSI ANTI-CRISI Tommaso Marino Coordinatore dei Soci della Calabria di Banca Popolare Etica ALCUNE PRECISAZIONI legislative DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione

REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione Avviso pubblico per la concessione di prestiti a valere sul Fondo per il Microcredito ai sensi dell articolo 1,

Dettagli

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione 28 febbraio 2013 Salone d Onore del Comune di Cuneo 1.CHE COS È IL

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto Andria, 26 e 27 Aprile, 3 Maggio 2012 Clara Marrone clara.marrone@gmail.com

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE - FASE I PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INTEGRATI DEI PICCOLI COMUNI (PICO) fonte: http://burc.regione.campania.

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE - FASE I PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INTEGRATI DEI PICCOLI COMUNI (PICO) fonte: http://burc.regione.campania. Fondo MICROCREDITO PICCOLI COMUNI CAMPANI-FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Asse I Adattabilità Obiettivo specifico c) Obiettivo Operativo c.2 Asse II Occupabilità Obiettivo specifico e) Obiettivo Operativo

Dettagli

Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185

Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185 1 di 8 26/02/2008 17.12 Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185 "Incentivi all'autoimprenditorialita' e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144"

Dettagli

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 Nei mesi successivi al terremoto il Dipartimento di Protezione Civile, per gestire al meglio le offerte ricevute vis sms per il terremoto

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE

BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello sviluppo dell

Dettagli

Carta delle Attività

Carta delle Attività Carta delle Attività L associazione VO.B.I.S. VO.B.I.S. è un associazione senza scopo di lucro nata il 1 luglio del 2009 per volontà di ex dipendenti del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo che hanno voluto

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. Art. 35 Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. 1. La Regione, nelle more della piena attuazione delle politiche di sviluppo promosse al

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 CCI N 2007 IT 051 PO 002 Decisione della Commissione Europea C (2007) 6711 del 17 dicembre 2007 MANUALE

Dettagli

I SERVIZI PER L IMPIEGOL

I SERVIZI PER L IMPIEGOL I SERVIZI PER L IMPIEGOL Assessore ai Servizi per l Impiegol Francesco Brendolise CONSIGLIO PROVINCIALE 6 LUGLIO 2012 SOSTEGNO AL REDDITO 1. MICROCREDITO 2. FONDO DI SOLIDARIETA 1. PROGETTO MICROCREDITO

Dettagli

Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO

Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO Accesso al credito, opportunità di finanziamento e inserimento lavorativo Lo sportello informativo e di consulenza Impresa e Lavoro offre un sostegno

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

Come diventare imprenditore

Come diventare imprenditore REGNI M ODOETIA ITALIÆ SEDES EST M AGNI Come diventare imprenditore 4 Come diventare imprenditore 5 Le imprese sul territorio di Monza e Brianza 6 Le imprese sul territorio di Monza e Brianza 7 Il business

Dettagli

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo di seminari Ricostruzione della Teoria del Programma per la redazione dei Piani di Valutazione Analisi dell OT3 RA 3.6: Miglioramento dell accesso al credito

Dettagli

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE 42 CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 220/I0093427 P.G. NELLA SEDUTA DEL 20/12/2004 A RIFERIMENTI NORMATIVI L. 285/1997, art. 4 La L. 285/1997

Dettagli

Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia

Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene alcune informazioni sul

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. In conformità alle disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

FOGLIO INFORMATIVO. In conformità alle disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari Legge Regionale n. 34/08 Autoimpiego e creazione di impresa Finalità L obiettivo

Dettagli

COMUNE DI BORGARELLO

COMUNE DI BORGARELLO COMUNE DI BORGARELLO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PRESTITI SULL ONORE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PRESTITI SULL ONORE Art. 1 Oggetto In ossequio a quanto previsto dall art.12

Dettagli

66 UNA NUOVA CHANCE PER I PROFESSIONISTI

66 UNA NUOVA CHANCE PER I PROFESSIONISTI 66 UNA NUOVA CHANCE PER I PROFESSIONISTI di FRANCESCO VERBARO Èdifficile trovare dei legami immediati tra microcredito e libere professioni. Eppure non è impossibile. Come ben sintetizzato dal Presidente

Dettagli

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Art. 1 FINALITÀ E OGGETTO La Provincia di Milano intende

Dettagli

Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo

Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo Lunedì 26 gennaio Incubatore d impresa Herion Venezia Santo Romano Direttore Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Programmazione

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo sostenibile

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Regione Marche. Giunta Regionale. Assessorato alla Conoscenza, Istruzione, Formazione e Lavoro

Regione Marche. Giunta Regionale. Assessorato alla Conoscenza, Istruzione, Formazione e Lavoro REGIONE MARCHE Regione Marche Giunta Regionale Assessorato alla Conoscenza, Istruzione, Formazione e Lavoro Obiettivo 3 FSE 2000-2006 Attuazione delle Misure B1, D3, E1, Annualità 2005 AVVISO PUBBLICO

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese E 1. IL RUOLO DELLE PMI E DELLE MICROIMPRESE MARIO BACCINI PRESIDENTE DELL ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO E NOTO COME IL SISTEMA PRODUTTIVO

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Sintesi I PILASTRI Più occupazione. Più competitività. Più credito. Meno burocrazia. Sono questi i quattro pilastri sui quali si regge il piano straordinario della

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile PROVINCIA DI LIVORNO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile Premessa La Provincia promuove e finanzia interventi volti allo sviluppo di imprese giovanili

Dettagli

Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale

Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale Allegato parte integrante Allegato A Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale La Provincia autonoma di Trento ai sensi della Legge Provinciale n. 10/1988

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 7 dicembre 2001, n. 32 concernente Interventi a sostegno della famiglia ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 7 dicembre 2001, n. 32 concernente Interventi a sostegno della famiglia ; DELIBERAZIONE N.1177 DEL 23/12/2005 Oggetto: L.r. 7 dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia. Individuazione degli interventi prioritari, nonché delle modalità e dei criteri di riparto

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2013 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

Avviso per l avvio di una mappatura di operatori in servizi ausiliari e di monitoraggio per il microcredito

Avviso per l avvio di una mappatura di operatori in servizi ausiliari e di monitoraggio per il microcredito ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO Avviso per l avvio di una mappatura di operatori in servizi ausiliari e di monitoraggio per il microcredito 1. FINALITA DELL AVVISO L Ente Nazionale per il Microcredito,

Dettagli

Microcredito Etico - Sociale ravennate e imolese. Scheda di presentazione dell Accordo di collaborazione

Microcredito Etico - Sociale ravennate e imolese. Scheda di presentazione dell Accordo di collaborazione Microcredito Etico - Sociale ravennate e imolese Scheda di presentazione dell Accordo di collaborazione La Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche, il Credito Cooperativo ravennate e imolese e le Associazioni

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

Fondazione Microcredito e Sviluppo

Fondazione Microcredito e Sviluppo Fondazione Microcredito e Sviluppo Caltagirone La missione della Fondazione Favorire la valorizzazione, la promozione, lo sviluppo e la gestione del dispositivo del microcredito quale strumento di coesione

Dettagli

nuove sfide per il volontariato

nuove sfide per il volontariato Povertà plurali, povertà invisibili: nuove sfide per il volontariato Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra cittadini e associazioni di volontariato 1. Premessa L Associazione Non Profit Network,

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE NEWS IN EVIDENZA AGEVOLAZIONI PER LA RICOLLOCAZIONE DI EX DIRIGENTI E QUADRI, DISOCCUPATI AI SENSI DELLA NORMATIVA VIGENTE Livello Nazionale AGEVOLAZIONI

Dettagli

FONDO MICROCREDITO FSE

FONDO MICROCREDITO FSE FONDO MICROCREDITO FSE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE Art. 1- OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI Il presente documento costituisce il riferimento e la base per l attuazione del Fondo Microcredito FSE, che ha l obiettivo

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili Fondo Centrale di Garanzia Sezione speciale per le imprese femminili Aprile 2013 Crisi e imprenditoria femminile: quale risposta Nel momento di difficoltà che il nostro Paese sta attraversando, l imprenditoria

Dettagli

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali Bando Volontariato 2015 Reti Nazionali SEZIONE 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELL INIZIATIVA 1.1 Obiettivi Nell ambito delle numerose iniziative di sostegno al volontariato della Fondazione, il presente

Dettagli

Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza

Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza SOSTENERE IL DOPO DI NOI DURANTE NOI IL PROBLEMA La famiglia non riesce a

Dettagli

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Verona, 14 aprile 2014 Michele Pelloso Direttore Sezione Industria e Artigianato Assessorato all Economia e Sviluppo, Ricerca e Innovazione

Dettagli