Report sulle iniziative di microcredito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Report sulle iniziative di microcredito"

Transcript

1 1 P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Ob. Convergenza Ob. Operativo II.4 Gruppo di lavoro del Dipartimento per le Pari Opportunità Regione Campania Elena Bonavolontà, Carla Esposito, Enza Ferrara, Loredana Gazerro Report sulle iniziative di microcredito realizzate in ambito nazionale e oltre Italia

2 INDICE 1. Nota introduttiva Finalità della ricognizione Breve nota metodologica Il microcredito in Italia Iniziative di microcredito realizzate in ambito nazionale Iniziative di microcredito rivolte ai giovani e alle donne Iniziative di microcredito collegate ad eventi calamitosi Iniziative di microcredito in cui assume rilevanza l attività imprenditoriale da realizzare Il bando JEREMIE Campania a valere sulle risorse del POR FESR Obiettivo Operativo 6.3 Citta solidali e scuole aperte Il Fondo Microcredito FSE P.O. Campania 2007/ Il Microcredito nelle esperienze oltre Italia Esperienze di microcredito realizzate in ambito transnazionale Documenti e siti consultati P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 2

3 1. Nota introduttiva Il microcredito rappresenta uno strumento di sviluppo economico e benchè nato in una delle zone più povere del mondo, si è diffuso nelle economie più avanzate anche se con connotati e sfumature diverse. Esso permette l accesso ai servizi finanziari alle persone in condizione di povertà ed emarginazione. Attraverso somme di piccolo ammontare, finalizzate all avvio di una attività imprenditoriale o a far fronte a spese di emergenza, si favorisce l accesso al credito ai soggetti non bancabili cioè quei soggetti che non dispongono di capacità di garanzia propria e non sono comunque in grado di fare autonomamente ricorso al credito bancario ordinario. Il finanziamento concesso stimola le capacità dell individuo a migliorare le proprie condizioni di vita e contribuisce ad innescare percorsi virtuosi di sviluppo economico e sociale. Alla luce dell attuale congiuntura economica, un approfondimento del tema del microcredito e della sua valenza inclusiva può supportare le istituzioni che programmano e che programmeranno l uso di strumenti finanziari a valere sui Fondi Strutturali. La profonda crisi che ci ha coinvolto sta spiegando tutti suoi effetti. Le conseguenze finanziarie, economiche ed occupazionali del fenomeno recessivo che si è innescato, risultano essere abbastanza preoccupanti. La riduzione della capacità di reddito si riversa maggiormente sulle classi più deboli causandone l impoverimento. Con i redditi diminuiti e la capacità di spesa erosa, sia dal forte inasprimento fiscale che da fenomeni inflattivi, si mettono in discussione modi di vivere e di consumare consolidati, e anche le famiglie del ceto medio risultano essere più povere e con prospettive di futuro molto incerte. L intero paese dunque, risente della attuale congiuntura fortemente negativa che incide sulla competitività economica e sul benessere sociale. Al Sud, inoltre, tale situazione si somma ad una condizione di debolezza preesistente. Il rapporto Istat La Povertà in Italia 2011, pubblicato a luglio 2012, evidenzia che l 11,1% delle famiglie è relativamente povero e il 5.2% lo è in termini assoluti. Gli italiani che versano in condizioni di povertà relativa sarebbero, dunque, mila, e mila sarebbero in condizione di povertà assoluta. In generale si rileva che la sostanziale stabilità della povertà relativa, rispetto all'anno precedente, deriva dal peggioramento del fenomeno per le famiglie in cui non vi sono redditi da lavoro o vi sono operai, compensato dalla diminuzione della povertà tra le famiglie di dirigenti/impiegati. Tuttavia, di fronte alla stabilità della povertà relativa al P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 3

4 Nord e al Centro, nel Mezzogiorno si osserva un aumento dell intensità relativa che passa dal 21.5% al 22.33%. Nel 2011, al Sud,quasi una famiglia su quattro, pari al 23,3%, risulta povera. Tra queste l'8% è stata colpita da povertà assoluta, ossia è incapace di acquisire i beni e i servizi necessari a raggiungere uno standard di vita minimo accettabile nel contesto di riferimento. Si rileva inoltre che anche tra le famiglie non povere esistono gruppi a rischio di povertà. Infatti il 7,6% delle famiglie italiane è appena sopra la soglia della povertà e una spesa inaspettata potrebbe portarle a diventare povere. Le famiglie 'sicuramente' non povere, infine, sono l'81,4% del totale, con valori pari al 90,5% del Nord, all'87,5% del Centro e al 63,8% del Mezzogiorno. Il quadro così delineato evidenzia la necessità di mettere a punto misure che siano in grado di far fronte a tale situazione ed il sostegno al microcredito e alla microfinanza rappresentano una opportunità nell attuale periodo di crisi, combattendo da un lato l esclusione sociale e la povertà, e dall altro, rispondendo al bisogno di sostegno finanziario delle micro e piccole imprese. La politica di coesione è, infatti, finalizzata a ridurre le disparità in materia di sviluppo socioeconomico fra le varie Regioni europee, promuovendo la crescita di quelle meno favorite. La realizzazione di tale obiettivo viene perseguita attraverso l utilizzazione coordinata dei suoi vari fondi e strumenti finanziari. Il contributo che gli strumenti finanziari hanno avuto nel corso del tempo per l attuazione della politica di coesione si è evoluto, e la loro importanza è cresciuta nel tempo. Nel corso dell attuale periodo di programmazione , rispetto all approccio precedente basato sul sistema delle sovvenzioni, si è dato maggior rilievo a strumenti finanziari innovativi, e quelli il cui vantaggio principale è di creare un effetto moltiplicatore delle risorse pubbliche. La Commissione europea per il prossimo periodo di programmazione propone di estenderne e rafforzarne ulteriormente l utilizzo quale alternativa più efficiente e sostenibile volta a integrare i finanziamenti tradizionali. In particolare si riconosce, tra l altro, che gli strumenti finanziari sono importanti per promuovere la capacità del settore privato di crescere, la creazione di posti di lavoro, l inclusione e/o innovazione sociale, sostenendo le nuove iniziative, le PMI, le microimprese, le imprese sociali, gli investimenti nel capitale umano COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Un quadro per la prossima generazione di strumenti finanziari innovativi: le piattaforme UE di capitale e di debito /* COM/2011/0662 definitivo P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 4

5 Gli strumenti finanziari, dunque, rappresentano un modo efficiente di impiegare le risorse della politica di coesione al fine di perseguire gli obiettivi della strategia Europa 2020: una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. Il Titolo IV della Proposta di Regolamento generale dei fondi strutturali ha ad oggetto gli Strumenti finanziari e i 9 articoli (32-40) di cui è composto vanno dalla programmazione e ideazione di strumenti finanziari innovativi, alla loro attuazione nonché alla loro gestione e rendicontazione. In particolare, le proposte della Commissione offrono una maggiore flessibilità agli Stati membri e alle regioni dell UE in termini settori obiettivo e strutture di attuazione; forniscono un quadro di esecuzione stabile basato su una serie di regole chiare e dettagliate, sugli orientamenti esistenti e le esperienze acquisite sul campo; realizzano sinergie tra strumenti finanziari e altre forme di sostegno come le sovvenzioni; assicurano la compatibilità con altri strumenti finanziari istituiti e utilizzati a livello dell UE nell ambito delle norme in materia di gestione diretta. Si evidenzia una stretta relazione tra strumenti finanziari e politiche che devono dettarne regole e obiettivi. Da un lato ogni strumento finanziario dovrà essere supportato da una attenta programmazione che, nel rispetto degli obiettivi della strategia Europa 2020, investe a cascata i diversi livelli programmatori : Quadro Strategico Comune, Accordo di partenariato, Programma Operativo. Dall altro ogni programma operativo tenendo conto delle esigenze del proprio territorio di riferimento, dei bisogni di sviluppo, inclusione e innovatività progetterà strumenti finanziari sulla base di una valutazione ex ante che individui le lacune del mercato e i contesti in cui gli investimenti non sono effettuati in maniera ottimale, le relative esigenze di investimento, la possibile partecipazione del settore privato e il conseguente valore aggiunto apportato dallo strumento finanziario in questione. Ciò consentirà di evitare sovrapposizioni e incoerenze tra gli strumenti di finanziamento adottati da differenti attori a vari livelli. La maggiore rispondenza alle esigenze specifiche delle regioni e dei beneficiari finali da parte degli strumenti finanziari programmati potrà migliorare notevolmente l accesso ai finanziamenti da parte dei diversi attori socio-economici impegnati sul campo. In tale contesto il microcredito quale strumento finanziario volto a sostenere l autoimpiego e la microimprenditorialità nuova o già esistente e la sua valenza inclusiva potrà contribuire al raggiungimento delle priorità della Strategia Europa P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 5

6 2. Finalità della ricognizione La ricognizione effettuata ha lo scopo innanzitutto di dare continuità all attività già avviata dal GDL nel periodo ottobre-dicembre 2011 e confluita nella realizzazione del documento Microcredito: strumenti significativi in Regione Campania. Sulla scia delle esperienze già analizzate in ambito regionale, il presente elaborato, si pone l obiettivo di fornire un quadro più completo ed esaustivo di quelle attuate in ambito nazionale e transazionale dai diversi enti e soggetti. Il lavoro svolto, inoltre, mira a supportare l Autorità di gestione del PO FESR e l Amministrazione regionale, nell individuazione delle diverse esperienze messe in atto in altri contesti, che possono risultare utili e qualificanti per la futura fase di programmazione degli interventi. Pertanto, la restituzione dettagliata di informazioni inerenti la suddetta tematica, può rappresentare un input importante per l implementazione di azioni specifiche rivolte a soggetti a rischio di povertà, che rispondano alle priorità della Strategia Europa Difatti uno degli obiettivi della nuova Strategia Europea è rappresentato proprio dalla riduzione del tasso di povertà attraverso la promozione e il mantenimento di interventi di inclusione sociale. A tal fine, lo strumento finanziario oggetto della presente ricognizione, può essere uno degli strumenti significativi per l abbattimento di tale tasso. Il microcredito, infatti, sta diventando non solo uno strumento di supporto al welfare già esistente, ma anche uno strumento di lotta contro l esclusione sociale. I cosiddetti soggetti non bancabili, cioè le persone che non possono accedere al credito tradizionale in quanto privi di garanzie reali, sono rappresentati da lavoratori e lavoratrici precari, immigrati, famiglie disagiate e aspiranti imprenditori e imprenditrici. Tenendo conto di ciò, il documento, dunque, vuole essere una guida utile per l Amministrazione regionale per l elaborazione di modelli e contenuti che tengano in debito conto delle problematiche su menzionate, in particolare riferite al contesto delle pari opportunità di genere e non discriminazione. P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 6

7 3. Breve nota metodologica Il lavoro di ricognizione delle iniziative di microcredito all impresa attuate sul territorio nazionale e transazionale che qui si presenta, è stato condotto attraverso un analisi attenta e puntuale delle diverse esperienze di utilizzo dello strumento agevolativo. In particolare sono state svolte opportune ricerche sul Web per definire l insieme delle fonti disponibili e significative sui quali impostare il lavoro di raccolta dei dati/informazioni, elaborazione e sistematizzazione degli stessi. Le rilevazioni effettuate hanno risposto all esigenza conoscitiva di natura descrittiva volta a fotografare la situazione attuale del fenomeno oggetto di studio e restituirne una visione di scenario sul territorio sia nazionale che transazionale. Inoltre, al fine di rendere il documento maggiormente fruibile, si è cercato di individuare, nelle diverse esperienze analizzate sul territorio italiano, delle specifiche caratteristiche che hanno consentito di costruire dei contenitori in cui sono state allocate le iniziative di microcredito. Infatti, da un lato, è stato previsto un contenitore generale in cui sono confluite le diverse iniziative significative di microcredito realizzate in ambito nazionale, dall altro, laddove è stato possibile individuare specifiche caratteristiche preminenti, sono stati identificati i seguenti raggruppamenti: iniziative di microcredito rivolte ai giovani e alle donne, iniziative di microcredito rivolte agli immigrati, iniziative di microcredito collegate ad eventi calamitosi, iniziative di microcredito in cui assume rilevanza l attività imprenditoriale da realizzare. Per la parte del documento che si occupa delle iniziative oltre Italia sono state reperite informazioni direttamente sui siti dedicati, cercando di seguire il medesimo schema che è stato utilizzato per le esperienze nazionali, ma senza alcuna differenziazione per target, ma semplicemente raggruppando le iniziative più interessanti e significative. Inoltre si è anche cercato di selezionare le iniziative che siano più rappresentative del paese di provenienza. Un focus specifico, infine, è dedicato a quanto destinato al microcredito per l inclusione sociale di soggetti svantaggiati o a rischio di marginalità dalla Regione Campania con la programmazione FESR e FSE P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 7

8 4. Il microcredito in Italia In Italia, come in tutto il mondo, il microcredito ha iniziato ad essere argomento di ampio e diffuso interesse. L attenzione prestata a questo strumento di finanza etica è aumentata soprattutto, quando si è iniziato a pensare che questo, potesse essere lo strumento migliore per sradicare le persone dalla povertà. L esclusione all accesso al credito e agli altri servizi finanziari, è sempre più riconosciuta come uno dei principali ostacoli alla riduzione della povertà e allo sviluppo umano. In Italia, secondo le diverse finalità finanziarie, si riconoscono due tipi di microcredito: quello di emergenza, rivolto alle persone che si trovano in un temporaneo periodo di difficoltà, che non sono in grado di fronteggiare spese straordinarie, e quello per sostenere l avvio o lo sviluppo di un iniziativa imprenditoriale o di lavoro autonomo o di inserimento al lavoro (per la formazione al lavoro). L attività di analisi condotta si è concentrata, in particolare, sulla individuazione di iniziative volte a supportare le attività imprenditoriali o di lavoro autonomo con piccoli prestiti (il limite di 25mila euro è stabilito dall art.111 del Decreto Legislativo 13 agosto 2010, n.141) a tassi contenuti a breve-medio termine. Tali iniziative hanno come target di riferimento soggetti esclusi dal sistema finanziario tradizionale, siano essi persone fisiche oppure organizzazioni che, superando le difficoltà di accesso al credito tradizionale, possono aprirsi al mercato utilizzando risorse finanziarie garantite da appositi fondi. In tale contesto è importante la funzione svolta da tutti quegli operatori presenti sul territorio che, con una attività di accompagnamento, supportano le iniziative dall inizio fino alla chiusura del programma di microcredito. La panoramica delle iniziative di microcredito sul territorio italiano che di seguito si presenta, sebbene non esaustiva, ha carattere rappresentativo del fenomeno oggetto di studio. Infatti, per ogni regione italiana sono state prese a riferimento una o più iniziative, senza però esaurire l ampia casistica presente, ma ritenendo che quelle esaminate potessero avere valore significativo. Come si vedrà la maggior parte delle iniziative sono state realizzate dalle amministrazioni regionali attraverso l utilizzo di fondi messi a disposizione dai Programmi Operativi 2007/2013, in altri casi si tratta di Camere di Commercio che hanno attivato risorse proprie per rispondere alle esigenze di nuove iniziative imprenditoriali, in altri ancora il microcredito è stato promosso da più soggetti presenti nei diversi territori tra cui rilevante è il ruolo delle organizzazioni del Terzo Settore. L attenzione al microcredito, quindi, è sorta sia nei diversi organismi territoriali, per preservare le proprie comunità dall esclusione sociale dovuta alla mancanza di risorse P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 8

9 offerte, sia in alcuni istituti di credito nell interesse al sostegno e allo sviluppo economico. Spesso l organismo ricopre la funzione fondamentale di tutoraggio e di accompagnamento durante il periodo del prestito, elementi fondamentali per ridurre il rischio di insolvenza, le asimmetrie informative, e creare capitale sociale e sviluppare un rapporto di fiducia tra l istituzione e il beneficiario. In particolare, nei progetti per il sostegno alla microimpresa, l attività di tutoraggio ha anche lo scopo di responsabilizzare la persona a restituire il credito, liberandola così da forme di assistenzialismo e contribuendo contemporaneamente a svilupparne l autonomia e ad accrescerne il know-how tecnico. Infine, la Banca all interno del progetto di microcredito ricopre un ruolo fondamentale, poiché è il soggetto che eroga effettivamente i soldi. Nelle diverse iniziative che di seguito si riportano si noterà come la partecipazione della banca al progetto di microcredito avviene solitamente attraverso una convezione tra questa e l amministrazione regionale, o un associazione, cooperativa, fondazione, Caritas o altri enti. Un ruolo importante in Italia è svolto da Banca Etica, una delle principali banche aderenti all erogazione dei prestiti. Essa opera attraverso la. selezione del fruitore del microcredito, senza la richiesta di garanzie reali per l erogazione del prestito, ma si protegge dal rischio comunque in due modi: affidandosi alle garanzie fornite dall ente operante a livello locale, con il fondo di garanzia messo a disposizione dal partner ad incentivo a svolgere una buona selezione uscendo da criteri di assistenzialismo, in cui molte volte le associazioni rischiano di trovarsi; e l istituzione di uno specifico Fondo di Garanzia, che Etica SGR ha istituito e alimentato dai clienti della banca. Da questo modello si evince, che è fondamentale per gli istituti di micro finanza operare a livello locale. Banca Etica rappresenta un importante esempio delle varie realtà di microcredito esistenti in Italia, tuttavia la formula del partenariato, tra banca e un ente territoriale, che sia pubblica o privata è comunque abbastanza diffusa in Italia. A livello nazionale, poi, tra le istituzioni è presente l Ente Nazionale per il Microcredito che è un ente pubblico non economico (ai sensi della legge 12 luglio 2011, n. 106) e rappresenta l evoluzione giuridica del Comitato Nazionale Italiano Permanente per il Microcredito, a sua volta prosecuzione del Comitato Nazionale Italiano per il Anno Internazionale del Microcredito - nato in risposta alle risoluzioni delle Nazioni Unite (53/198, 58/488, e 58/22) con cui è stato chiesto ad ogni Stato Membro di costituire un comitato nazionale dedicato alla diffusione e alla promozione del microcredito. L'Ente Nazionale per il Microcredito persegue i seguenti obiettivi: promuovere la conoscenza del microcredito come strumento di aiuto per lo sradicamento della povertà; P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 9

10 individuare misure per stimolare lo sviluppo delle iniziative dei sistemi finanziati a favore dei soggetti in stato di povertà, al fine di incentivare la costituzione di microimprese in campo nazionale ed internazionale; promuovere la capacità e l efficienza dei fornitori di servizi di microcredito e di microfinanziamento nel rispondere alle necessità dei soggetti in stato di povertà, al fine di promuovere innovazione e partenariati nel settore; agevolare l esecuzione tecnica dei progetti di cooperazione a favore dei Paesi in via di sviluppo, nel rispetto delle competenze istituzionali del Ministero degli affari esteri. Infine, il contesto italiano nel 2008 ha visto la nascita della Rete Italiana di Microfinanza (RITMI) che, creata su iniziativa di istituzioni operanti nell ambito della microfinanza; in particolare, soggetti che svolgono la propria attività nel territorio nazionale; realtà che partono da diverse motivazioni e origini (associative, solidaristiche e caritative private e pubbliche; attività volte alla creazione di nuova imprenditorialità; programmi volti a creare pari opportunità; esperienze di finanza etica; società di consulenza in microcredito e microfinanza; centri studi e di ricerca sul settore; promotori; donor), è impegnata sia a livello operativo, fra le sole istituzioni esercitanti il microcredito e la microfinanza, al fine di rispondere alle esigenze prettamente operative delle stesse, sia a livello politico, per dare maggiore visibilità politica, economica e sociale al microcredito e alla microfinanza nel nostro paese. P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 10

11 4.1 Iniziative di microcredito realizzate in ambito nazionale Fondo Regionale di garanzia per il microcredito - REGIONE PIEMONTE Regione Piemonte, Compagnia di San Paolo, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, Fondazione Don Mario Operti onlus e Confcommercio Piemonte Possono accedere al Fondo di garanzia per il microcredito imprese di nuova costituzione in forma giuridica di società di persone, società cooperative di produzione lavoro, incluse le società cooperative sociali, e ditte individuali operanti nei settori ammessi dal Regolamento n.1998/2006 ( De minimis ). Le imprese devono essere iscritte al Registro Imprese e devono avere sede legale ed operativa nel territorio della Regione Piemonte. Le imprese devono essere formate da soggetti non bancabili. Inoltre possono accedere ai benefici del predetto fondo i Titolari di Partita Iva nella fase di avvio delle attività. Tali soggetti devono essere residenti in Piemonte, avere ivi la sede operativa fissa ed essere soggetti non bancabili. (Determinazione n. 421del all. B e C). La Regione Piemonte si è dotata, di uno specifico strumento agevolativo per favorire l accesso al microcredito a favore di soggetti che non sono in grado di realizzare le loro idee imprenditoriali o i loro progetti di autoimpiego perché non dispongono di capacità di garanzia propria e non sono comunque in grado di far ricorso autonomamente al credito bancario ordinario, soggetti non bancabili. Si tratta di uno strumento che può rappresentare un opportunità importante in primis per i giovani, le donne e gli stranieri e per tutti quei soggetti, esclusi dal circuito tradizionale del credito, che vogliono avviare un attività economica. Il 20 ottobre 2010 con la sottoscrizione del protocollo d intesa tra Regione Piemonte, Compagnia di San Paolo, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, Fondazione Don Mario Operti onlus e da Confcommercio Piemonte è nato il tutor per accogliere, accompagnare e monitorare nelle fasi di istruttoria, avvio e consolidamento del progetto imprenditoriale, i soggetti destinatari del Fondo regionale di garanzia per il microcredito. L attività di accompagnamento al microcredito a favore dei soggetti non bancabili è messa a disposizione da una rete di istituzioni no profit, coordinate e rappresentate dalla Fondazione don Mario Operti e da un associazione temporanea di scopo che coinvolge otto associazioni datoriali, coordinata e rappresentata dalla Confcommercio Piemonte. Il Fondo regionale di microcredito è istituito con l art. 8 della legge regionale 12/04 come sostituito dall art. 33 della l..r. 30/09. II Fondo di garanzia, già costituito presso Finpiemonte, sarà utilizzato per prestare garanzie fideiussorie agli Istituti di credito convenzionati sui finanziamenti erogati a favore di imprese di nuova costituzione in forma giuridica di società di persone, società cooperative di produzione lavoro, incluse le società cooperative sociali, e ditte individuali e di soggetti titolari di Partita IVA nella fase di avvio dell attività. In data e stato sottoscritto il protocollo d intesa tra Regione Piemonte, Finpiemonte S.p.A. e Commissione regionale ABI del Piemonte per l erogazione di finanziamenti garantiti secondo le modalità del microcredito. Il limite massimo di finanziamento è pari a ,00 ed il limite minimo è pari a 3.000,00. P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 11

12 Progetto Speciale Multiasse Sviluppo del Microcredito a sostegno della crescita e dell occupazione Regione Abruzzo Beneficiari per il Microcredito sono: a)microimprese, che assumono la forma giuridica di ditta individuale, di società di persone o società cooperative (queste ultime anche sociali o a responsabilità limitata); b) lavoratori autonomi (tra cui anche liberi professionisti). Gli Operatori del privato sociale e le organizzazioni no-profit possono presentare domanda di finanziamento, purché nelle forme giuridiche di cui ai punti a) e b). La Regione Abruzzo, Direzione Politiche attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche sociali, nell'ambito del PIANO OPERATIVO del F.S.E. ABRUZZO OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE ha incluso, tra i 23 progetti del P.O., una particolare misura destinata ai soggetti che si trovino in difficoltà ad accedere ai canali tradizionali del credito, il PROGETTO SPECIALE MULTIASSE SVILUPPO DEL MICROCREDITO A SOSTEGNO DELLA CRESCITA E DELL OCCUPAZIONE (DGR n.744 del ). A tale scopo, con D.G.R. n.846 del 15 novembre 2010, la Regione Abruzzo ha istituito il Fondo microcredito FSE, ed il 28 settembre 2012, e' stato pubblicato l'avviso PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI MICROCREDITO nell ambito della gestione di tale fondo. L Avviso è volto alla concessione di microcrediti di importo compreso tra e euro ed ha l obiettivo primario di sostenere la microimprenditorialità locale e il lavoro autonomo finanziando l avvio di nuove attività imprenditoriali ovvero la realizzazione di nuovi investimenti e/o il consolidamento di investimenti nell ambito di iniziative già esistenti, da parte di tutti quei soggetti, persone fisiche e persone giuridiche, che, per condizioni soggettive e oggettive, si trovino in difficoltà ad accedere ai canali tradizionali del credito. Le domande di ammissione potranno essere presentate a partire dal 29 ottobre 2012, fino ad esaurimento delle risorse disponibili. All interno della gestione del Fondo Microcredito FSE, in accordo con quanto stabilito dal Progetto speciale multiasse Sviluppo del microcredito a sostegno della crescita e dell occupazione gli Operatori Territoriali rivestono un compito estremamente importante in qualità di soggetti deputati ad azioni di accompagnamento e supporto ai beneficiari nel percorso di costituzione/consolidamento delle iniziative progettuali. Gli operatori territoriali ammessi all albo si occuperanno di svolgere le diverse attività previste dall avviso, nei confronti di tutti i soggetti richiedenti a TITOLO GRATUITO. Il Fondo Microcredito FSE è stato istituito dalla Regione Abruzzo, con risorse del PO FSE , con D.G.R. n. 846 del 15 novembre Tale delibera ha previsto la costituzione della dotazione iniziale del "Fondo Microcredito FSE" con la somma complessiva di ,00, autorizzando l'autorità di Gestione del PO FSE Abruzzo , previo parere favorevole dell'assessore preposto alle "Politiche attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali", ad incrementare, attraverso atto monocratico, ove ne ravvisasse l'opportunità, tale dotazione con ulteriori risorse del PO FSE Abruzzo Inoltre la gestione del Fondo è stata affidata ad Abruzzo Sviluppo spa. Secondo quanto previsto nell'avviso PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI MICROCREDITO i finanziamenti hanno la forma tecnica di mutui chirografari. Ogni beneficiario potrà essere finanziato una sola volta. Le entità del prestito sono: per le persone fisiche - importo minimo: euro - importo massimo: euro per le persone giuridiche - importo minimo: euro - importo massimo: euro L agevolazione concessa si configura come aiuto ai sensi Regolamento de minimis (CE) n.1998/2006 P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 12

13 MICROCREDITO MILANO Fondazione welfare ambrosiano (FWA).I soci fondatori sono: Comune di Milano; Provincia di Milano; Camera di Commercio Industria e Artigianato di Milano; Camera del Lavoro Metropolitana di Milano; C.I.S.L. Unione Sindacale Territoriale di Milano; U.I.L. Milano Lombardia. I destinatari dei servizi della Fondazione sono tutti i lavoratori, e le loro famiglie, che prestano attività lavorativa abitualmente a Milano o che intendono avviare un percorso di autoimprenditorialità, indipendentemente dal luogo di residenza o di dimora abituale. Sono inclusi sia lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato, che lavoratori con contratti a tempo determinato oppure lavoratori atipici (interinali, a progetto, apprendisti, ecc) e più in generale ogni categoria di lavoratori, anche indipendenti, in situazione di temporanea difficoltà economica a livello personale e familiare, riconducibile ai più svariati fattori (perdita del posto di lavoro, cassa integrazione, chiusura della propria impresa, malattia propria o di un proprio familiare, ecc.). La missione della Fondazione Welfare Ambrosiano è di offrire un sostegno alle persone, e ai rispettivi nuclei familiari, che svolgano attività lavorativa e/o professionale nel Comune di Milano, che si sono venuti a trovare in situazioni lavorative o personali che rientrano nelle cosiddette "aree grigie" del sistema di protezione sociale, entrando a far parte delle nuove forme di esclusione sociale. La Fondazione Welfare Ambrosiano intende avvalersi sul territorio di soggetti abilitati a svolgere una funzione di Sportello per intercettare i bisogni della cittadinanza, che possono essere indirizzati alle soluzioni offerte dall'intervento di microcredito della Fondazione stessa. L'attività di micro-credito di FWA si articola in più fasi in ciascuna delle quali opera in prevalenza un diverso soggetto: 1) Identificazione dei bisogni dei potenziali destinatari. In questa fase interviene la Rete di soggetti abilitati che intercetta e seleziona i bisogni e li indirizza verso le soluzioni disponibili. 2) Valutazione dell ammissibilità della richiesta Intervengono in questa fase Associazioni di volontariato che svolgono una preistruttoria per il rilascio del credito e consigliano i potenziali destinatari dei finanziamenti intorno alle soluzioni più idonee alla loro situazione di difficoltà. 3) Decisione finale sul singolo intervento In questa fase intervengono gli Organi diretti di FWA che vagliano la pre-istruttoria e assumono la decisione finale di fornire o no la garanzia che renda possibile il rilascio del credito. 4) Erogazione del credito In questa fase intervengono le Banche erogatrici che vagliano le valutazioni espresse nelle fasi precedenti del processo; deliberano, sulla base del Protocollo ABI concordato con FWA, di erogare il finanziamento. La Fondazione opera attraverso la messa a disposizione di una garanzia fideiussoria finalizzata ad agevolare l'accesso a forme di microcredito (per un massimo di ) che dovranno essere erogate dal sistema creditizio, sulla base di una preistruttoria che valuterà gli aspetti soggettivi ed oggettivi di ogni singola persona. Il microcredito sarà erogato sulla base di condizioni concordate e consentendo modalità di rientro compatibili con lo stato di bisogno della persona. P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 13

14 MICROCREDITO Regione Umbria Possono beneficiare del finanziamento le Imprese di nuova costituzione costituite nella forma giuridica di società di persone, società cooperative di produzione lavoro, incluse le società cooperative sociali e imprese individuali operanti nei settori ammessi dal Regolamento (CE) n. 1998/2006 ( De minimis ).e i Neo-titolari di partita IVA. Per le nuove imprese costituiscono requisiti SOGGETTIVI indispensabili ai fini dell ottenimento del finanziamento: a) che il titolare o almeno il 50% dei soci nel caso di società rientri in una di queste categorie: 1) giovani tra i 18 e i 35 anni compiuti; 2)donne; 3) soggetti che prima della costituzione della impresa /società siano stati in cassa integrazione o mobilità; 4)soggetti che prima della costituzione della impresa /società siano stati disoccupati; b) che il titolare o almeno il 50% dei soci nel caso di società abbiano la residenza in uno dei comuni dell Umbria; c) che il titolare o tutti i soci se stranieri siano in Italia con regolare permesso di soggiorno da almeno 3 anni. Per Neo Titolari Partita Iva costituiscono requisiti SOGGETTIVI indispensabili ai fini dell ottenimento del finanziamento: a) che il titolare rientri in una di queste categorie: 1) giovane tra i 18 e i 35 anni compiuti; 2) donna; 3) soggetto che prima dell apertura della partita IVA sia stato in cassa integrazione o mobilità; 4) soggetto che prima dell apertura della partita IVA sia stato disoccupato; b) che il titolare sia residente in Umbria; c) che il titolare se straniero sia in Italia con regolare permesso di soggiorno da almeno 3 anni. Obiettivo dell iniziativa è quello di sostenere la creazione di impresa promuovendo progetti di autoimpiego che, per le loro caratteristiche, restano esclusi dai benefici della legge regionale 12/95, così come modificata dalla legge regionale n. 4/2011, nonché dalle altre linee di finanziamento in quanto proposti da soggetti non bancabili intendendosi per tali coloro che non dispongono di capacità di garanzia propria e non sono comunque in grado di far ricorso autonomamente al credito bancario ordinario. Tali progetti necessitano pertanto di uno strumento di sostegno più adeguato. La Regione Umbria, con DGR n. 842 del 26/07/2011 ha individuato in Sviluppumbria Spa la società competente alla gestione del Fondo per il microcredito. Il progetto Microcredito non consente solamente di ottenere un prestito ma aiuta a realizzare il proprio progetto impresa offrendo al richiedente l opportunità di essere accompagnato e di ricevere assistenza prima e dopo il prestito attraverso la rete dei presidi territoriali di Sviluppumbria su tutto il territorio regionale. L attività di assistenza ex-ante ha lo scopo di fornire ai destinatari un servizio di informazione, orientamento e accompagnamento per definire e approfondire il proprio progetto d impresa o di lavoro autonomo. Inoltre, l assistenza potrà essere finalizzata a valutare, insieme al beneficiario, l effettiva capacità di restituzione del prestito sulla base dei flussi di cassa realizzabili dalla redditività aziendale nonché l effettività del prestito rispetto alle finalità e dimensioni del progetto. L attività di assistenza ex-post ha lo scopo di supportare il beneficiario dal punto di vista finanziario e tecnico nella costituzione e nella crescita della propria idea o progetto d impresa. In questo modo è possibile monitorare insieme al beneficiario le difficoltà aziendali e la conseguente problematica nel rimborso delle rate e cercare le possibili soluzioni. Tale attività si sviluppa per tutta la durata del prestito e potrà essere fornita su base regolare (prevedendo incontri periodici e/o contatti telefonici). P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 14

15 Con Legge Regionale 30 marzo 2011, n. 4 - art. 7 è stato istituito il Fondo per il microcredito finalizzato alla promozione e al sostegno di progetti di creazione d impresa realizzati da giovani, donne e soggetti svantaggiati. In base alla suddetta normativa in sede di prima applicazione il Fondo è costituito per un valore di Euro ,00 (un milione). Con Deliberazione del 29/12/2011 n è stata prevista l emanazione di un secondo bando microcredito in attuazione della fase iniziale del fondo medesimo, assegnando all unica ulteriore scadenza la cifra di Euro ,00 Ai fini dell ammissibilità al finanziamento l investimento complessivo del progetto non può essere inferiore ad Euro 4.000,00. L agevolazione consiste in un finanziamento agevolato pari al 75% dell investimento ammesso, compreso tra un minimo di euro 3.000,00 ed un massimo di euro ,00, a copertura del totale delle spese ammesse, erogato direttamente da Sviluppumbria S.p.A. La durata del finanziamento è di massimo di 36 mesi più 6 mesi di preammortamento con pagamento in rate costanti trimestrali anticipate in base al piano di rimborso che verrà elaborato dal Comitato di Valutazione. Sportello di microcredito MAG VERONA La Mag. Soc. Mutua per l Autogestione nasce a Verona nel 1978 sulla scia di tante esperienze di autogestione che si costituiscono in Italia nel lavoro industriale, in agricoltura e nei servizi. Fin dall inizio la Mag orienta i/le associati a ripensare l uso del denaro privato e ad indirizzarlo ad attività sociali e mutualistiche. Nasce così la finanza etica e solidale a cui si ispirano altre 6 Mag in Italia. Destinatari del microcredito sono persone: -Fisiche o giuridiche che vivono o operano nel comune di Verona nei comuni immediatamente limitrofi e nella provincia; - Di qualunque nazionalità purché in possesso di permesso di soggiorno in corso di validità e/o di cittadinanza italiana; - In una situazione di difficoltà socio-economica caratterizzata da basso reddito e che devono fronteggiare situazioni di emergenza; - Che intendono realizzare un progetto lavorativo (nuovo o esistente) che li renda autonomi, risollevandoli da una situazione di precarietà. Il servizio nasce nel 2005 con la collaborazione di associazione del territorio veronese (MAG, ACLI, ARCI, Ronda della Carità) e con il Comune di Verona (Assessorato ai Servizi Sociali). Le attività di finanza etica e di microcredito si articolano in: - Finanziamenti alle persone giuridiche socie - Attività di microcredito alle nuove povertà e all autoimpiego in collaborazione con Istituti di Credito convenzionati (Banca di Credito Cooperativo della Valpolicella e Banca di Credito Cooperativo di Cadidavid). Il percorso di Microcredito si articola nelle seguenti fasi: - Accoglienza richieste di microcredito; - Apertura e svolgimento istruttoria sociale ed economica - Condivisione percorso d accompagnamento con garanzie solidali; - Presentazione del mutuatario all Istituto di Credito; - Delibera dell Istituto di Credito; - Erogazione del prestito - Monitoraggio del percorso. Allo Sportello svolgono attività di consulenza e assistenza operatrici ed operatori Mag, volontari e volontarie collegate alla Mag (altri possono aggiungersi fruendo di P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 15

16 una specifica formazione). Lo Sportello si avvale inoltre della collaborazione dei Servizi Sociali del Comune di Verona e di alcune cooperative sociali della Provincia. Con il microcredito si finanziano i soggetti in base ai criteri stabiliti dal progetto ed entro le cifre massime di per le persone fisiche e per l avvio o per la riqualificazione di un attività lavorativa; La durata del prestito è definita con il richiedente in base all entità del prestito e alle possibilità di restituzione, con un massimo di 5 anni per l avvio di Impresa, un massimo di 3 anni per il prestito al consumo; Le rate di rientro possono essere mensili, bimestrali o trimestrali; In casi specificatamente valutati è possibile un periodo della durata massima di sei mesi in cui si versa la sola quota interessi e non la quota capitale. I prestiti non sono elargizioni a fondo perduto, richiedono pertanto forme di garanzia compartecipate con l aiuto della rete di relazioni. Un fondo di garanzia è stato costituito nel 2008 grazie ad un contributo della Fondazione CariVerona e dell Assessorato al Bilancio del Comune di Verona. Erogano la Banca di Credito Cooperativo della Valpolicella e la Banca di Credito Cooperativo di Cadidavid sulla base di convenzioni sottoscritte con la Mag. La Mag, inoltre, può svolgere i servizi di finanza etica e di microcredito se essa stessa riceve sostegno, fiducia e risorse dai propri soci attraverso: -Sottoscrizione di capitale sociale da parte di soci o nuovi soci -Deposito di risparmio dei soci (L. 59/92 sula cooperazione). -Partecipare alla raccolta di fondi e di liberalità per sostenere iniziative culturali ed attività imprenditive nell economia sociale diventando PARTNER MAG - Sostegno ad attività culturali (eventi, conferenze, ecc.) rivolte alla promozione della finanza etica e del microcredito anche con l aiuto del volontariato. PROGETTO LA PROMOZIONE DI NUOVA IMPRENDITORIALITA ED IL MICROCREDITO PER LE NUOVE IMPRESE DI MESSINA CAMERA DI COMMERCIO DI MESSINA (anche la Camera Commercio Caltanisetta ha emesso un bando riferito al medesimo accordo di programma e al medesimo progetto) I beneficiari residenti in provincia di MESSINA, sono: -Lavoratori occupati, di età superiore a 18 anni, che intendano costituirsi in cooperativa avviare un attività imprenditoriale o di lavoro autonomo; -Aspiranti imprenditori, di età superiore a 18 anni, in condizione di disoccupazione o inoccupazione, con particolare riguardo a quelli appartenenti alle categorie a rischio di esclusione dal mercato del lavoro; - PMI di recente costituzione (con meno di 36 mesi di vita alla data di pubblicazione del bando) che abbiano sede legale nella provincia di MESSINA L accordo di programma tra il Ministero dello Sviluppo Economico e l Unione Italiana delle Camere di Commercio, ha l obiettivo di sostenere i progetti delle Camere di Commercio tesi prioritariamente al monitoraggio delle condizioni di crisi in cui versano le PMI, con particolare attenzione agli interventi a sostegno dell occupazione, ivi inclusi gli interventi per l accesso al credito e al microcredito. Nel condividere le finalità del suddetto accordo di programma, la Camera di Commercio di MESSINA, per il tramite della propria Azienda Speciale Servizi alle Imprese, ha emesso un bando che intende promuovere la nuova imprenditoria e l auto-impiego, anche con l utilizzo di interventi finalizzati all accesso al credito e al microcredito. Sono previste nel bando le seguenti azioni : 1)Attività formativa, rivolta a n. 25 beneficiari, realizzata attraverso specifici corsi di P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 16

17 formazione e di aggiornamento, sia sugli aspetti tradizionali del fare impresa, che sugli strumenti tecnologicamente innovativi e avanzati, per migliorare e rafforzare il loro vantaggio competitivo; 2) Attività di sostegno all'avvio di nuove imprese e di supporto a quelle di recente costituzione (con meno di 36 mesi di vita alla data di pubblicazione del bando), mediante la concessione di un contributo in conto interessi alle imprese (preferibilmente imprese innovative, femminili, giovanili e sociali) che abbiano ottenuto o intendano usufruire di un finanziamento per un importo massimo di ,00 (venticinquemila/00) euro. I contributi concessi per il sostegno all'avvio di nuove imprese e il supporto a quelle di recente costituzione, saranno indirizzati a coprire tutti gli interessi a carico dell'impresa imputabili al primo anno di finanziamento, o ad un abbattimento del totale degli interessi per l intero periodo del finanziamento. Il contributo non potrà, in ogni caso, eccedere 1.000,00 (mille/00) euro. Gli importi relativi al contributo in conto interessi, saranno erogati fino al raggiungimento del budget previsto dal progetto. Fondo Lodigiano del Microcredito Lavorativo e Microimprenditoriale Comune di Lodi I microcrediti sono concessi a persone fisiche o a persone giuridiche che abbiano necessità di supportare o attivare iniziative di piccola imprenditoria o funzionali ad attività lavorative individuali. Il Fondo Lodigiano del Microcredito Lavorativo e Microimprenditoriale agevola l inclusione sociale dei soggetti non bancabili, superando gli ostacoli economici e finanziari nell intraprendere o sostenere attività lavorative o microimprenditoriali. Il Fondo opera con i residenti in Lodi e nel Lodigiano, inteso nella sua accezione storico culturale, ed agevola la partecipazione territoriale alle problematiche del microcredito e della microfinanza. Il Fondo si fregia di adottare modalità di gestione etica del denaro, secondo i principi della trasparenza e della sostenibilità. Principi che sono attuati con il coinvolgimento degli enti locali, associazioni di categoria, istituti finanziari e di credito nella partecipazione economica e gestionale del Fondo stesso. Il Fondo opera attraverso un Comitato di Gestione e di Indirizzo regolarmente riconosciuto, composto da rappresentanti del territorio Lodigiano che per profilo istituzionale, competenza tecnica e per sensibilità sociale e culturale possano contribuire al raggiungimento degli scopi dello stesso. Potranno essere nominati dal Presidente della Provincia di Lodi, dal Vescovo della Diocesi di Lodi, dal Presidente della Camera di Commercio di Lodi, dall Istituto di Credito concessionario del servizio di Tesoreria del Comune di Lodi, dal Sindaco di Lodi. Possono essere ammessi dal Comitato ulteriori Consiglieri indicati da soggetti giuridici, pubblici o privati, anche in forma consorziata, che abbiano versato al Fondo un contributo di almeno ,00 euro. Gli aspiranti al credito dovranno individuare o dovranno essere presentati da un Garante Morale, sia esso persona fisica o giuridica rappresentata dal suo Presidente. Il microcredito è concesso dal Comitato in accordo con il garante morale (persona fisica, associazione, altro). Ogni microcredito è seguito da un consigliere (Tutor) che in accordo con il garante morale, terrà i contatti con l affidato. Il Comune di Lodi ha promosso la costituzione del Fondo Lodigiano del Microcredito Lavorativo e Microimprenditoriale. A tale Fondo il Comune di Lodi si è impegnato a versare la somma di ,00 (finanziati dalla Banca Popolare di Lodi così come previsto all interno del rinnovo della convenzione per il servizio di tesoreria comunale fino al 2018). P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 17

18 Le fonti di finanziamento caratteristiche del Fondo sono costituite dai contributi a fondo perduto, lasciti e donazioni destinate al finanziamento dei microcrediti. Microcredito di Micro.Pa Onlus Provincia di Palermo I soggetti interessati possono anche essere lavoratori usciti da aziende in difficoltà, lavoratori precari e atipici, immigrati, giovani e donne con idee e progetti nel campo delle attività di impresa, delle professione e delle arti, dell agricoltura e dei progetti innovativi nei settori dell ambiente e dell energia e della valorizzazione dei contesti culturali e artistici della provincia di Palermo. La Micro.Pa darà fra l altro priorità per l accesso al credito ai soggetti vittima di usura o estorsione che hanno presentato denuncia all Autorità Giudiziaria. La Provincia di Palermo ha istituito l'associazione ''Micro.Pa onlus'', che vede l amministrazione provinciale come socio fondatore, affiancata dai soci effettivi che sono Casartigiani, Cidec, Cna, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti, Confindustria e Un.i.coop di Palermo,. per la concessione di prestiti per l'avvio o lo sviluppo di attività imprenditoriali a quei soggetti che hanno difficoltà di accesso ai tradizionali sistemi bancari.si tratta di sostegni di limitata entità per iniziative imprenditoriali a livello artigianale e familiare, ma che erogati al momento opportuno possono consentire a tanti soggetti di avviare nuove attività o superare difficoltà temporanee. La Provincia è socio fondatore della Micro Pa, ma possono aderire come soci effettivi altri enti pubblici, istituti di credito ed assicurativi e associazioni di categoria. Per l'avvio dell'associazione e' stata stanziata dalla Provincia la somma di 100 mila euro come fondo di garanzia. La Micro.pa può erogare prestiti fino a 25 mila euro. Fondo Microcredito FSE Regione Autonoma Sardegna I beneficiari dell iniziativa sono: giovani entro i 40 anni, soggetti svantaggiati così come individuati dalla L.R. 22 aprile 1997 n.16 tra cui, i soggetti diversamente abili, migranti, ex detenuti, ex tossicodipendenti; soggetti a rischio di esclusione sociale (over 50, disoccupati o inoccupati, cassa integrati); famiglie monoparentali, le microimprese costituende o già costituite - aventi forma giuridica di società di persone, società a responsabilità limitata - operanti nei settori ammissibili; le ditte individuali costituende o già costituite operanti nei settori ammissibili; le cooperative (di tipo A e B) costituende o già costituite operanti nei settori ammissibili; le piccole imprese da costituire operanti nei settori ammissibili; organismi no profit e operatori del privato sociale con posizioni nuove o non consolidate sul mercato, costituite da non più di 36 mesi all atto di presentazione della domanda. La Regione Sardegna ha previsto la realizzazione di interventi di microcredito nell'ambito del Programma Operativo Regionale FSE La scelta di P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 18

19 costituire un Fondo per l attuazione di tale Azione permette, una gestione semplificata dei prestiti e, grazie allo strumento dell ingegneria finanziaria così come previsto dai Regolamenti, permette di moltiplicare il numero di destinatari e rispondere al fabbisogno del territorio in termini di microcredito, attivando uno strumento innovativo e maggiormente flessibile. L attivazione dello strumento di ingegneria finanziaria, dunque, ha non soltanto l obiettivo di rafforzare il processo di crescita e di occupazione, ma anche di trasformare parte delle risorse finanziarie dei Fondi Strutturali, che generalmente offrono assistenza sotto forma di sovvenzioni a fondo perduto, in prodotti finanziari rimborsabili soggetti a riutilizzazione. L effetto moltiplicatore dei fondi stanziati consentirà in tal modo un incremento delle risorse impiegate e rese disponibili con benefici potenziali per un numero maggiore di attori economici rispetto a quelli interessati dal sistema tradizionale delle semplici sovvenzioni. I fondi destinati al microcredito sono fondi del POR FSE 2007/2013. L intervento è volto a sostenere l avvio e l investimento di attività imprenditoriali da parte di categorie di soggetti con difficoltà di accesso al credito o in condizione di svantaggio attraverso la concessione di un microcredito, mutuo fino a Euro a tasso zero. Attraverso la pubblicazione di un apposito Avviso Pubblico per la presentazione delle proposte progettuali sono state mese a disposizione risorse economiche per un ammontare pari a ,00. Fondo Microcredito Lazio Regione Lazio Microimprese, aventi forma giuridica di società cooperative, società di persone e ditte individuali, costituite e già operanti, ovvero in fase di avvio d impresa, volti a contrastare sia l economia sommersa sia a sostenere la nuova occupabilità, l autoimpiego e l inclusione di lavoratrici e lavoratori con contratti atipici; crediti di emergenza, finalizzati ad affrontare bisogni primari dell individuo, quali la casa, la salute e i beni durevoli essenziali; dare sostegno a persone sottoposte ad esecuzione penale, intra o extra muraria, ex detenuti, da non più di 24 mesi, nonché conviventi, familiari e non, di detenuti. La Regione Lazio, con il supporto operativo di Sviluppo Lazio S.p.a., ha promosso programmi di microcredito come strumento di lotta alla povertà e all esclusione sociale al fine di sviluppare la partecipazione e la solidarietà a favore di categorie svantaggiate Lo scopo che ci si prefigge è quello di far si che persone che si trovano temporaneamente in difficoltà economica riescano ad affrancarsi dallo status di assistito e vengano, invece, spronate a cercare di risolvere i problemi che le hanno portate ad indebitarsi avendo la possibilità di ottenere in prestito piccole somme di danaro da utilizzare per sanare la situazione economica negativa della loro impresa, per crearne una nuova, per affrontare spese impreviste e migliorare le proprie condizioni di vita o quelle della propria famiglia. In tal modo il microcredito vuole essere strumento di sviluppo economico e rappresentare una visione democratica del credito permettendo a persone che si trovano in difficoltà economica e in situazioni di emarginazione l accesso al credito ordinario previsto da quel circuito bancario dal quale, normalmente, sono escluse. Le risorse disponibili per l erogazione dei finanziamenti sono state pari ad ,00 per l anno 2009 derivanti dal Fondo per il Microcredito ai sensi dell articolo 1, commi 20-28, Legge Regionale 10/2006 e ss. Modifiche. L erogazione del finanziamento è stata effettuata con copertura diretta, tramite Istituto di Credito, delle situazioni debitorie indicate dai beneficiari, pagamento diretto di investimenti e spese di gestione. P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 19

20 Progetto di Ingegneria finanziaria - Fondo Microcredito d Impresa della Regione Puglia Regione Puglia Microimprese costituite da non più di 5 anni con sede operativa in Puglia e microimprese non costituite al momento della presentazione della domanda (Startup) partecipate da soggetti svantaggiati (giovani, donne, immigrati, ecc..) che intendono avviare un iniziativa imprenditoriale nella forma della microimpresa impiegando un finanziamento concesso dal Fondo anche nei settori del no profit e del privato sociale. In particolare sono ammissibili ai finanziamenti del Fondo le imprese appartenenti ai seguenti settori : servizi al turismo, servizi sociali alle persone, tutela dell ambiente, ICT, risparmio energetico ed energie rinnovabili, servizi culturali, manifatturiero. Inoltre, limitatamente allo start-up sono ammissibili al finanziamento del fondo, le imprese appartenente al settore del commercio. Le microimprese e le start-up devono essere organizzate in una delle seguenti forme giuridiche : ditta individuale, snc, sas, società cooperative, associazioni tra professionisti Il progetto mira ad attivare una efficace politica di sostegno per l accesso a crediti di piccola entità a soggetti ritenuti svantaggiati e quindi non bancabili in quanto privi delle garanzie necessarie per portare avanti un progetto imprenditoriale e per far fronte alle difficoltà creditizie che le imprese incontrano con il mondo bancario. Una efficace politica di sostegno per l accesso al credito di piccola entità, contribuisce a promuovere un nuovo modello di sviluppo socio-economico a livello regionale ad alta intensità di capitale umano e basso impatto ambientale, premiando l attivazione della popolazione giovanile, femminile e favorendo l inserimento di soggetti svantaggiati. Tale politica potrà supportare l autoimprenditorialità, e la conversione innovativa e sostenibile di attività tradizionali, puntando sul capitale umano quale principale fattore produttivo. Il credito è concesso al fine di favorire la nascita di laboratori d innovazione che intendano valorizzare le idee, i saperi, le energie e i talenti mediante la creazione di un attività imprenditoriale. Fondi del POR FSE Puglia 2007/2013 per l attivazione dello strumento di ingegneria finanziaria denominato Fondo Microcredito d Impresa della Regione Puglia destinati alla Puglia Sviluppo SPA per la gestione del fondo. I finanziamenti saranno erogati sotto forma di mutuo chirografari con le seguenti caratteristiche : importo minimo : Euro fino ad un massimo di Euro per una durata di 60 mesi più eventuale periodo di ammortamento. Alle imprese che si dimostrano virtuose nella restituzione del finanziamento possono essere riconosciute specifiche premialità di importo non superiore alla somma algebrica degli interessi dell intero piano di ammortamento. GARANZIA E CONTROGARANZIA PER GLI INVESTIMENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE TOSCANE POR CREO Linea di intervento 1.4.b.1 Regione Toscana Possono beneficiare della garanzia e della controgaranzia le PMI: a. che rispettino le norme vigenti in materia ambientale, di pari opportunità tra uomo e donna, di contrattazione collettiva nazionale del lavoro e di sicurezza sui P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Pagina 20

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE

IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE POR FSE 2007-2013 ASSE II OCCUPABILITÀ Ob. Spec. e) Attuare politiche del lavoro attive e preventive, con

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

per aumentare l occupazione

per aumentare l occupazione newsletter a cura di Giugno 2014 La garanzia giovani parte. Con le imprese editoriale del Ministro Aiutiamo in concreto i giovani e le imprese di Giuliano Poletti Il 1 maggio ha preso avvio, in tutta Italia,

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Art. 1) Finalità. Art. 2) Riparto del Fondo

Art. 1) Finalità. Art. 2) Riparto del Fondo Regolamento per l erogazione dei contributi socio-economici di cui al Fondo di Solidarietà costituito dal Comune di Fabriano con la partecipazione di alcuni privati. Approvato con D.C.C. n. 160 del 10/.09.2009

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo residenza Via Senatore di Giovanni 5 961 00 Siracusa Indirizzo studio VIALE SANTA PANAGIA, 141/C

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO 26.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 120/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 22 aprile 2013 sull'istituzione di una garanzia

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI UNIONE EUROPEA FONDO SOCIALE EUROPEO REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE DIREZIONE GENERALE DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli